Sei sulla pagina 1di 5

PER LA SETTIMANA TRINITA'

Traccia commento Gv 3,16-18


Rifugiamoci nel silenzio della
contemplazione e nella quiete
dell'estasi: stiamo contemplando il
mistero di quello che il santo padre ha
definito la famiglia di Dio.
Nel nome del Padre, del Figlio e dello
Spirito Santo. Nel nome e non nei
nomi, perch la Santissima Trinit
comunione profonda e unit piena,
comunit e unit di amore. E non
poteva essere altrimenti: in Dio non c
spazio alla solitudine e all'isolamento, non sarebbe pi Dio, o
meglio, non sarebbe pi il Dio che Cristo ci ha rivelato.
Dio Trinit, dono, poesia, gioia, comunicabilit, vita, amore che
genera, amore che unisce. Davide Maria Turoldo annota: neanche
Dio pu star solo. E la Trinit la
sconfitta della solitudine, mistero da
contemplare, s, ma nello stesso
tempo, mistero che sollecita ognuno
di noi a ricercare con tutti i mezzi
quella unit di comunione, che fa
delle nostre comunit e delle nostre
famiglie vera chiesa.
Noi eravamo l, nel cuore di Dio, quando ancora, come dice la
prima lettura, non aveva fatto la terra e i campi, quando fissava i
cieli e, prima ancora di ogni sua opera, eravamo e siamo nel
cuore di Dio e con Cristo figlio, e lo Spirito, formiamo una identit
di amore, entrando a far parte di quella famiglia di Dio che la
Trinit
Dio sussurra alla nostra anima

Un manager stava percorrendo con la sua nuova jaguar un po troppo


velocemente le vie della citt.
Mentre correva un mattone si schiant sulla portiera! Fren
bruscamente e torn indietro per vedere chi lavesse lanciato.
Inferocito scese gi dalla macchina prese il ragazzo e lo spinse contro
un'auto parcheggiata e disse:
"Cosa ti saltato in mente? Questa macchina nuova e quel mattone
che hai tirato ti coster caro! Perch l'hai fatto?".
Il ragazzo tent di scusarsi e disse: "Mi spiace ma non sapevo cosaltro
fare", implorava. Ho tirato il mattone perch non si fermava
nessuno...".
Le lacrime scendevano sul suo viso, mentre
indicava un punto appena dietro un'auto.
"E' mio fratello" disse, "ha sbattuto contro
un tombino ed caduto dalla sua sedia a
rotelle e non riesco ad alzarlo". Ora il
ragazzo chiese al manager: "Per favore pu
aiutarmi? E' ferito ed troppo pesante per
me!".
Tanto toccato da rimaner senza parole il
manager cerc di mandar gi il groppo in gola che si era formato,
sollev in fretta il ragazzo disabile e lo mise sulla sedia a rotelle, con un
fazzoletto tampon le ferite e se ne and.
"Grazie e che Dio la benedica!" disse il ragazzo.
Luomo scosso torn alla sua jaguar, immerso nei suoi pensieri. Il danno
alla portiera era grave ma non si preoccup mai di ripararlo. Si tenne la
portiera danneggiata come costante ricordo di questo messaggio:

"NON CORRERE ATTRAVERSO LA VITA COSI VELOCEMENTE CHE


QUALCUNO DEBBA LANCIARTI UN MATTONE PER ATTIRARE LA TUA
ATTENZIONE".

Dio sussurra alla nostra anima e parla al nostro cuore.


Qualche volta, quando non abbiamo il tempo di ascoltare, dovrebbe
tirarci un mattone!! Non aspettiamo che lo faccia, fermiamoci un
attimo e ascoltiamo ci che vuole
PREGHIAMO PREGHIAMO

O Signore , quanto mirabile Ascoltaci Signore


il tuo nome su tutta la terra

Per la santa Chiesa di Dio:


Quando vedo i tuoi cieli, la sua carita dimostri al
opera delle tue dita, la luna mondo l'amore del Padre
e le stelle che tu hai
fissato, che cosa mai Per le famiglie cristiane:
l'uomo perch di lui ti l'obbedienza, la fedelta e
ricordi, il figlio dell'uomo, l'amore siano in esse un
perch te ne curi? segno della vita di Dio
Davvero l'hai fatto poco
meno di un dio, di gloria e Perche la celebrazione
di onore lo hai coronato. Eucaristica ci faccia vivere
l'amore del Padre
Gli hai dato potere sulle
opere delle tue mani, tutto Per tutte le iniziatiche che
hai posto sotto i suoi piedi. promuovono la pace e la
concordia tra i popoli
Tutte le greggi e gli
armenti e anche le bestie Per quanti sono oppressi
della campagna, gli uccelli da angustie e difficolta
del cielo e i pesci del perche siano sollevati
mare, ogni essere che
dalla nostra solidarieta
percorre le vie dei mari.
AL MATTINO
AL MATTINO
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
creato, fatto cristiano e conservato in questa notte. Ti offro le
creato, fatto cristiano e conservato in questa notte. Ti offro le
azioni della giornata: fa che siano tutte secondo la tua santa
azioni della giornata: fa che siano tutte secondo la tua santa
volont e per la maggior tua gloria. Preservami dal peccato e da
volont e per la maggior tua gloria. Preservami dal peccato e da
ogni male. La tua grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari.
ogni male. La tua grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari.
AMEN
AMEN
ALLA SERA
ALLA SERA
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
creato, fatto cristiano e conservato in questo giorno. Perdonami il
creato, fatto cristiano e conservato in questo giorno. Perdonami il
male che oggi ho commesso e, se qualche bene ho compiuto,
male che oggi ho commesso e, se qualche bene ho compiuto,
accettalo. Custodiscimi nel riposo e liberami dai pericoli. La tua
accettalo. Custodiscimi nel riposo e liberami dai pericoli. La tua
grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari. AMEN
grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari. AMEN

LA PAROLA DEL PAPA

Gli apostoli nel Cenacolo a Gerusalemme colpiti nella mente e nel


cuore da segni precisi e concreti, un fragore improvviso dal cielo,
quasi un vento impetuoso e lingue infuocate che si posano su di loro,
vengono colmati di Spirito Santo, cominciano a parlare alla folla, in altre
lingue dalla loro, delle grandi opere di Dio. Tutti fanno unesperienza
nuova. Ma noi siamo pronti a questa novit?
La novit ci fa sempre un po di paura, perch
ci sentiamo pi sicuri se abbiamo tutto sotto
controllo, se siamo noi a costruire, a
programmare, a progettare la nostra vita
secondo i nostri schemi, le nostre sicurezze, i
nostri gusti.
E questo avviene anche con Dio. Lo seguiamo, lo accogliamo ma fino a
un certo punto; ci difficile abbandonarci a Lui con piena fiducia,
lasciando che sia lo Spirito Santo lanima, la guida della nostra vita, in
tutte le scelte: Abbiamo paura che Dio ci faccia percorrere strade
nuove, ci faccia uscire dal nostro orizzonte spesso limitato, chiuso,
egoista, per aprirci ai suoi orizzonti.
elaborazione del portale www.graficapastorale.it