Sei sulla pagina 1di 24

Le raccolte normative di

www.acca.it/biblus-net

www.acca.it/biblus-net

LEGGE
9 gennaio 1991, n. 10
Norme per lattuazione del Piano energetico
nazionale in materia di uso razionale
dellenergia, di risparmio energetico e di
sviluppo delle fonti rinnovabili di energia.

Testo vigente a luglio 2015


LEGGE9gennaio1991,n.10

Normeperl'attuazionedelPianoenergeticonazionaleinmateriadiusorazionaledell'energia,di
risparmioenergeticoedisviluppodellefontirinnovabilidienergia.

LaCameradeideputatiedilSenatodellaRepubblicahannoapprovato;

ILPRESIDENTEDELLAREPUBBLICA

PROMULGA

laseguentelegge:

TITOLOI

NORMEINMATERIADIUSORAZIONALEDELL'ENERGIA,DIRISPARMIOENERGETICOEDISVILUPPODELLE
FONTIRINNOVABILIDIENERGIA

Art.1

(Finalitedambitodiapplicazione)

1.Alfinedimigliorareiprocessiditrasformazionedell'energia,diridurreiconsumidienergiaedi
migliorarelecondizionidicompatibilitambientaledell'utilizzodell'energiaaparitdiservizioresoedi
qualitdellavita,lenormedelpresentetitolofavorisconoedincentivano,inaccordoconlapolitica
energeticadellaComuniteconomicaeuropea,l'usorazionaledell'energia,ilcontenimentodeiconsumidi
energianellaproduzioneenell'utilizzodimanufatti,l'utilizzazionedellefontirinnovabilidienergia,la
riduzionedeiconsumispecificidienergianeiprocessiproduttivi,unapirapidasostituzionedegliimpianti
inparticolareneisettoriapielevataintensitenergetica,ancheattraversoilcoordinamentotralefasidi
ricercaapplicata,disviluppodimostrativoediproduzioneindustriale.

2.Lapoliticadiusorazionaledell'energiaediusorazionaledellematerieprimeenergetichedefinisceun
complessodiazioniorganichediretteallapromozionedelrisparmioenergetico,all'usoappropriatodelle
fontidienergia,ancheconvenzionali,almiglioramentodeiprocessitecnologicicheutilizzanootrasformano
energia,allosviluppodellefontirinnovabilidienergia,allasostituzionedellematerieprimeenergetichedi
importazione.

3.Aifinidellapresenteleggesonoconsideratefontirinnovabilidienergia((...)):ilsole,ilvento,l'energia
idraulica,lerisorsegeotermiche,lemaree,ilmotoondosoelatrasformazionedeirifiutiorganici((...))odi
prodottivegetali.((PERIODOSOPPRESSODALLAL.27DICEMBRE2006,N.296)).Peririfiutiorganicied
inorganicirestafermalavigentedisciplinaedinparticolarelanormativadicuialdecretodelPresidente
dellaRepubblica10settembre1982,n.915,esuccessivemodificazioniedintegrazioni,aldecretolegge31
agosto1987,n.361,convertito,conmodificazioni,dallalegge29ottobre1987,n.441,ealdecretolegge9
settembre1988,n.397,convertito,conmodificazioni,dallalegge9novembre1988,n.475.

4.L'utilizzazionedellefontidienergiadicuialcomma3consideratadipubblicointeresseedipubblica
utiliteleopererelativesonoequiparatealleoperedichiarateindifferibilieurgentiaifinidell'applicazione
delleleggisulleoperepubbliche.

Art.2.

(Coordinamentodegliinterventi)

1.Perlacoordinataattuazionedelpianoenergeticonazionaleealfinediraggiungeregliobiettividicui
all'articolo1,ilComitatointerministerialeperlaprogrammazioneeconomica(CIPE)supropostadel
Ministrodell'industria,delcommercioedell'artigianato,sentitiilMinistrodell'agricolturaedelleforeste,il
Ministrodell'universitedellaricercascientificaeteconologica,ilMinistrodeilavoripubblici,ilMinistrodei
trasporti,ilMinistrodell'ambiente,ilMinistrodeitrasporti,ilMinistrodell'ambiente,ilMinistrodelle
partecipazionistatali,leregionieleprovinceautonomediTrentoediBolzano,emana,entrocentottanta
giornidalladatadientratainvigoredellapresentelegge,esuccessivamenteconcadenzaalmenotriennale,
direttiveperilcoordinatoimpiegodeglistrumentipubblicidiinterventoediincentivazionedella
promozione,dellaricerca,dellosviluppotecnologico,neisettoridellaproduzione,delrecuperoe
dell'utilizzodellefontirinnovabilidienergiaedelcontenimentodeiconsumienergetici.

Art.3.

(Accordodiprogramma)

1.Perlosviluppodiattivitaventilefinalitdicuiall'articolo1,ilMinistrodell'industria,delcommercioe
dell'artigianatoprovvedeastipulareconl'ENEAunaccordodiprogramma,convalidittriennale,ovesono
stabilitigliobiettivi,itempidiattuazioneeleprevisionidispesadeiprogettirelativialprogramma
medesimoperunammontarecomplessivononsuperioreal10percentodeglistanziamentiprevistidalla
presentelegge.

Art.4.

(Normeattuativeesulletipologietecnicocostruttive)

1.COMMAABROGATODALD.LGS.19AGOSTO2005,N.192.

2.COMMAABROGATODALD.LGS.19AGOSTO2005,N.192.

3.Entrocentottantagiornidalladatadientratainvigoredellapresentelegge,condecretodelPresidente
dellaRepubblica,adottatopreviadeliberazionedelConsigliodeiministri,sentitoilpareredelConsigliodi
Stato,supropostadelMinistrodell'agricolturaedelleforeste,diconcertoconilMinistrodell'industria,del
commercioedell'artigianato,sentitiilCNR,l'ENEA,leregionieleprovinceautonomediTrentoedi
Bolzano,sonoemanatenormeperdefinireicriterigeneraliperlacostruzioneolaristrutturazionedegli
impiantidiinteresseagricolo,zootecnicoeforestalechefacilitinoilraggiungimentodegliobiettividicui
all'articolo1.
4.((COMMAABROGATODALD.LGS.19AGOSTO2005,N.192,COMEMODIFICATODALD.LGS.29
DICEMBRE2006,N.311)).

5.Perlefinalitdicuiall'articolo1,entrocentottantagiornidalladatadientratainvigoredellapresente
legge,condecretodelPresidentedellaRepubblica,adottatopreviadeliberazionedelConsigliodeiministri,
sentitoilpareredelConsigliodiStato,supropostadelMinistrodell'industria,delcommercioe
dell'artigianato,d'intesaconilMinistrodeitrasporti,sonoemanatenormeperilcontenimentodeiconsumi
energeticiinmateriadiretiediinfrastrutturerelativeaitrasportinonchaimezziditrasportoterrestreed
aereopubblicoeprivato.

6.IlMinistrodell'industria,delcommercioedell'artigianato,sentitiiMinistriinteressati,puemanare
normespecifiche,efficacianchesoloperperiodilimitati,diretteadassicurareilcontenimentodeiconsumi
energetici.

7.CondecretodelPresidentedelConsigliodeiministri,daemanarsientrocentottantagiornidalladatadi
entratainvigoredellapresentelegge,sonoemanatenormeidoneearendereapprezzabileil
conseguimentodell'obiettivodell'usorazionaledell'energiaedell'utilizzodifontirinnovabilidienergianei
criteridiaggiudicazionedellegarediappaltoeconomicamenterilevantiperlafornituradibenioserviziper
contodellapubblicaamministrazione,deglientiterritorialiedellerelativeaziende,degliistitutidi
previdenzaediassicurazione.Talenormativainseritadidirittonellanormativachedisciplinalegare
d'appaltoeneicapitolatirelativi.

Art.5.

(Pianiregionali)

1.LeregionieleprovinceautonomediTrentoediBolzano,entrocentottantagiornidalladatadientratain
vigoredellapresentelegge,d'intesaconl'ENEA,individuanoibacinicheinrelazioneallecaratteristiche,
alledimensioni,alleesigenzediutenza,alladisponibilitdifontirinnovabilidienergia,alrisparmio
energeticorealizzabileeallapreesistenzadialtrivettorienergetici,costituisconoleareepiidoneeaifini
dellafattibilitdegliinterventidiusorazionaledell'energiaediutilizzodellefontirinnovabilidienergia.((1))

2.D'intesaconglientilocalieleloroaziendeinseritineibacinidicuialcomma1edincoordinamentocon
l'ENEA,leregionieleprovinceautonomediTrentoediBolzano,entrocentottantagiornidalladatadi
entratainvigoredellapresentelegge,predispongonorispettivamenteunpianoregionaleoprovinciale
relativoall'usodellefontirinnovabilidienergia.((1))

3.Ipianidicuialcomma2contengonoinparticolare:

a)ilbilancioenergeticoregionaleoprovinciale;

b)l'individuazionedeibacinienergeticiterritoriali;

c)lalocalizzazioneelarealizzazionedegliimpiantiditeleriscaldamento;

d)l'individuazionedellerisorsefinanziariedadestinareallarealizzazionedinuoviimpiantidiproduzionedi
energia;

e)ladestinazionedellerisorsefinanziarie,secondounordinediprioritrelativoallaquantitpercentualee
assolutadienergiarisparmiata,pergliinterventidirisparmioenergetico;

f)laformulazionediobiettivisecondoprioritdiintervento;

g)leprocedureperl'individuazioneelalocalizzazionediimpiantiperlaproduzionedienergiafinoadieci
megawattelettriciperimpiantiinstallatialserviziodeisettoriindustriale,agricolo,terziario,civilee
residenziale,nonchpergliimpiantiidroelettrici.

4.IncasodiinadempimentodelleregioniodelleprovinceautonomediTrentoediBolzanoaquanto
previstoneicommi1,2e3neiterminiindividuati,adessesisostituisceilMinistrodell'industria,del
commercioedell'artigianato,cheprovvedeconpropriodecretosupropostadell'ENEA,sentitiglientilocali
interessati.((1))

5.Ipianiregolatorigeneralidicuiallalegge17agosto1942,n.1150,esuccessivemodificazionie
integrazioni,deicomuniconpopolazionesuperioreacinquantamilaabitanti,devonoprevedereuno
specificopianoalivellocomunalerelativoall'usodellefontirinnovabilidienergia.

AGGIORNAMENTO(1)

LaCorteCostituzionaleconsentenza1827dicembre1991,n.483(inG.U.1as.s.04/01/1992,n.1),ha
dichiaratol'illegittimitcostituzionaledelpresenteart.5:

alprimocomma"nellaparteincuiprevedecheleprovinceautonomediTrentoediBolzanoindividuanoi
bacini,iviconsiderati,"d'intesacon"anzich"sentito"l'ENEA";

alsecondocomma,"nellaparteincuiprevedecheleprovinceautonomediTrentoediBolzano
predispongonoiloropiani"d'intesacon"anzich"sentiti"glientilocalieleloroaziende";

alquartocomma,"nellaparteincuinonprevedeuncongruopreavviso,neisensiespressiinmotivazione,
alleprovinceautonomediTrentoediBolzano,inordineall'eserciziodeipoterisostitutiviividisciplinati".

Art.6.

(Teleriscaldamento)

1.LeregionieleprovinceautonomediTrentoediBolzano,entrocentottantagiornidalladatadientratain
vigoredellapresentelegge,individuanoleareecherisultanoidoneeallarealizzazionediimpiantiediretidi
teleriscaldamentononchilimitiedicriterinelcuiambitoleamministrazionidelloStato,leaziende
autonome,glientipubblicinazionaliolocali,gliistitutidiprevidenzaediassicurazione,devonoprivilegiare
ilricorsoall'allaccioaretiditeleriscaldamentoqualorapropriimmobilirientrinointaliaree.

Art.7.

(Normeperleimpreseelettricheminori)
1.Illimitestabilitodall'articolo4,n.8),dellalegge6dicembre1962,n.1643,modificatodall'articolo18
dellalegge29maggio1982,n.308,nonsiapplicaalleimpreseproduttriciedistributriciacondizioneche
l'energiaelettricaprodottavengadistribuitaentroiconfiniterritorialideicomunigiservitidallemedesime
impreseproduttriciedistributricialladatadientratainvigoredellapresentelegge.

2.Laproduzionedienergiaelettricadellemedesimeimpreseproduttriciedistributricimediantelefonti
rinnovabilidienergiadicuiall'articolo1,comma3,restadisciplinatadalledisposizionilegislativevigentiper
irelativiimpianti.

3.IlComitatointerministerialedeiprezzi(CIP),supropostadellaCassaconguaglioperilsettoreelettrico,
stabilisceentroognianno,sullabasedelbilanciodell'annoprecedentedelleimpreseprodutticie
distributricidicuialcomma1,l'accontoperl'annoincorsoedilconguaglioperl'annoprecedenteda
corrispondereatitolodiintegrazionetariffariaallemedesimeimpreseproduttriciedistributrici.

4.IlCIPpumodificarel'accontoperl'annoincorsorispettoalbilanciodell'annoprecedentedelleimprese
produttriciedistributricidicuialcomma1qualoraintervenganovariazionineicostideicombustibilie/odel
personalechemodifichinoinmodosignificativoicostidiesercizioperl'annoincorsodellemedesime
impreseproduttriciedistributrici.

Art.8.

(Contributiincontocapitaleasostegnodell'utilizzodellefontirinnovabilidienergianell'edilizia)

1.Alfinediincentivarelarealizzazionediiniziativevoltearidurreilconsumospecificodienergia,il
miglioramentodell'efficienzaenergetica,l'utilizzodellefontidienergiadicuiall'articolo1,nella
climatizzazioneenellailluminazionedegliambienti,ancheadibitiadusoindustriale,artigianale,
commerciale,turistico,sportivoedagricolo,nell'illuminazionestradale,nonchnellaproduzionedienergia
elettricaediacquacaldasanitarianelleabitazioniadibiteadusocivileeadusoindustriale,artigianale,
commerciale,turistico,sportivoedagricolo,possonoessereconcessicontributiincontocapitalenella
misuraminimadel20percentoenellamisuramassimadel40percentodellaspesadiinvestimento
ammissibiledocumentataperciascunodeiseguentiinterventi:

a)coibentazionenegliedificiesistenticheconsentaunrisparmiodienergianoninferioreal20percentoed
effettuatasecondoleregoletecnichedicuiall'allegatatabellaA;

b)installazionedinuovigeneratoridicaloreadaltorendimento,cheincondizionidiregimepresentinoun
rendimento,misuratoconmetododiretto,noninferioreal90percento,sianegliedificidinuova
costruzionesiainquelliesistenti;

c)installazionedipompedicaloreperriscaldamentoambienteoacquasanitariaodiimpiantiperl'utilizzo
difontirinnovabilidienergiacheconsentanolacoperturaalmenodel30percentodelfabbisognotermico
dell'impiantoincuiattuatol'interventonell'ambitodelledisposizionideltitoloII;

d)installazionediapparecchiatureperlaproduzionecombinatadienergiaelettricaedicalore;

e)installazionediimpiantifotovoltaiciperlaproduzionedienergiaelettrica;pertaliinterventiilcontributo
puessereelevatofinoall'80percento;
f)installazionedisistemidicontrollointegratiedicontabilizzazionedifferenziatadeiconsumidicalore
nonchdicaloreeacquasanitariadiognisingolaunitimmobiliare,disistemitelematiciperilcontrolloela
conduzionedegliimpiantidiclimatizzazionenonchtrasformazionediimpianticentralizzatioautonomiper
conseguiregliobiettividicuiall'articolo1;

g)trasformazionediimpianticentralizzatidiriscaldamentoinimpiantiunifamiliariagasperil
riscaldamentoelaproduzionediacquacaldasanitariadotatidisistemaautomaticodiregolazionedella
temperatura,inseritiinedificicompostidapiunitimmobiliari,condeterminazionedeiconsumiperle
singoleunitimmobiliari,esclusequellesituatenelleareeindividuatedalleregioniedalleprovince
autonomediTrentoediBolzanoaisensidell'articolo6ovesianopresentiretiditeleriscaldamento;

h)installazionedisistemidiilluminazioneadaltorendimentoanchenelleareeesterne.

2.Nelcasodieffettuazionedapartedellocatorediimmobiliurbanidiinterventicompresitraquellidicuial
comma1siapplical'articolo23dellalegge27luglio1978,n.392.

Art.9.

(CompetenzadelleregioniedelleprovinceautonomediTrentoediBolzano)

1.Laconcessioneelaerogazionedeicontributiprevistidagliarticoli8,10e13delegataalleregioniealle
provinceautonomediTrentoediBolzano.

2.IlMinistrodell'industria,delcommercioedell'artigianato,sentitoilMinistrodeltesoro,emana,con
propriodecreto,entrotrentagiornidalladatadientratainvigoredellapresentelegge,ledirettiveper
uniformareicriteridivalutazionedelledomande,leprocedureelemodalitdiconcessioneedierogazione
deicontributidapartedelleregioniedelleprovinceautonomediTrentoediBolzano.Leregioniele
provinceautonomediTrentoediBolzanotengonocontonell'istruttoriadipropriacompetenzadeitempidi
realizzazionedellesingoleiniziative,diconsumidienergiapreesistenti,deibeneficienergeticiattesi,della
quantitdienergiaprimariarisparmiataperunitdicapitaleinvestito,nonch:pergliinterventidicui
all'articolo8,dellatipologiadegliedificiedeisoggettibeneficiarideicontributiconprioritpergli
interventiintegrati;pergliinterventidicuiall'articolo10,dell'obsolescenzadegliimpiantiedell'utilizzo
energeticodeirifiuti;pergliinterventidicuiall'articolo13,dellatipologiadelleunitproduttiveedelle
potenzialirisorseenergetichedelterritorio.

3.Entroil31marzodiciascunannoleregionieleprovinceautonomediTrentoediBolzanoinoltranoal
Ministerodell'industria,delcommercioedell'artigianatoappositarichiestadifondidocumentatasullabase
delledomandeeffettivamentepervenuteefavorevolmenteistruite.

4.TenutocontodellerichiestedelleregioniedelleprovinceautonomediTrentoediBolzanopervenute
entroilterminedicuialcomma3,ilMinisterodell'industria,delcommercioedell'artigianatopropone
entrotrentagiornialCIPE,cheprovvedeentroisuccessivitrentagiorni,laripartizionetralereigoniele
provinceautonomediTrentoediBolzanodeifondiinrelazioneaciascunodegliinterventidicuiagliarticoli
8,10e13.

5.IfondiassegnatiallesingoleregioniealleprovinceautonomediTrentoediBolzanosono
improrogabilmenteimpegnatimedianteappositiattidiconcessionedeicontributientrocentoventigiorni
dallaripartizionedeifondi.Ifondiresidui,periqualileregionieleprovinceautonomediTrentoedi
Bolzanononhannofornitoladocumentazionerelativaagliattidiimpegnoentroitrentagiornisuccessivi,
vengonodestinatidalMinistrodell'industria,delcommercioedell'artigianatoconproprioprovvedimento
adiniziativeinevasedalleregioniedalleprovinceautonomediTrentoediBolzanosullabasedelle
percentualidiripartizionegiadottatedalCIPEaisensidelcomma4.

6.Perilprimoannodiapplicazionedellapresenteleggeilterminedicuialcomma3fissatoal
novantesimogiornodalladatadientratainvigoredellastessaelanuovaripartizionedeifondiresiduidicui
alcomma5riguardaancheeventualifondiresiduitrasferitialleregioniealleprovinceautonomediTrento
ediBolzanoperlemedesimefinalitsullabasedellanormativaprevigentelapresenteleggeenon
impegnatientroilterminedicentoventigiornidicuialmedesimocomma5.

7.LeregionieleprovinceautonomediTrentoediBolzano,avvalendosianchedell'ENEAaisensi
dell'articolo16,comma3,provvedonoadaccertarel'effettivoconseguimentodelrisparmioenergetico,
attraversoidoneistrumentidiverificaconmetodoacampionee/osecondocriteridipriorit.Incasodi
esitonegativodelleverificheleregionieleprovinceautonomediTrentoediBolzanonedanno
informazioneimmediataalMinisterodell'industria,delcommerciodell'artigianatoeprovvedono
all'immediatarevocatotaleoparzialedeicontributiconcessiedalrecuperodegliimportigierogati,
maggioratidiuninteresseparialtassoufficialediscontovigentealladatadell'ordinativodipagamento,
conlemodalitdicuiall'articolo2deltestounicodelledisposizionidileggerelativeallaproceduracoattiva
perlariscossionedelleentratepatrimonialidelloStatoedeglialtrientipubblici,deiproventidiDemanio
pubblicoedipubbliciserviziedelletassesugliaffari,approvatoconregiodecreto14aprile1910,n.639.Le
sommerecuperatesonoannualmenteripartitetraleregionieleprovinceautonomediTrentoediBolzano
conlemodalitdicuialcomma4.

8.PeripareridelleregioniedelleprovinceautonomediTrentoediBolzanoprevistidallapresentelegge,
decorsoiltermineperl'emanazionedell'attocuiilparerepreordinato,l'autoritcompetentepu
provvedereancheinassenzadellostesso.((1))

AGGIORNAMENTO(1)

LaCorteCostituzionaleconsentenza1827dicembre1991,n.483(inG.U.1as.s.04/01/1992,n.1),ha
dichiaratolaillegittimitcostituzionaledelpresenteart.9,"nellaparteincui,includendoleprovince
autonomediTrentoediBolzanonelladelegarelativaallaconcessionedicontributidispettanza
provinciale,nonprevedeperquestelemodalitdifinanziamentosecondolenormestatutarie".

Art.10.

(Contributiperilcontenimentodeiconusumienergeticineisettoriindustriale,artigianaleeterziario)

1.Alfinediconseguiregliobiettividicuiall'articolo1neisettoriindustriale,artigianaleeterziarioenella
movimentazionedeiprodottipossonoessereconcessicontributiincontocapitalefinoal30percentodella
spesaammissibilepreventivata,perrealizzareomodificareimpiantifissi,sistemiocomponenti,nonch
mezziperiltrasportofluvialedimerci.

2.Possonoessereammessiacontributointerventiriguardantiimpianticonpotenzafinoadiecimegawatt
termiciofinoatremegawattelettricirelativiaiservizigeneralie/oalcicloproduttivocheconseguano
risparmiodienergiaattraversol'utilizzodifontirinnovabilidienergiae/ounmigliorerendimentodi
macchineeapparecchiaturee/olasostituzionediidrocarburiconaltricombustibili.

Art.11

(Normeperilrisparmiodienergiael'utilizzazionedifontirinnovabilidienergia((...)))

1.Alleregioni,alleprovinceautonomediTrentoediBolzano,alleprovinceedaicomunieloroconsorzie
associazioni,siadirettamentesiatramiteloroaziendeesociet,nonchalleimpresedicuiall'articolo4,n.
8),dellalegge6dicembre1962,n.1643,modificatodall'articolo18dellalegge29maggio1982,n.308,ad
impreseeaconsorzitraimpresecostituitiaisensidegliarticoli2602eseguentidelcodicecivile,aconsorzi
costituititraimpreseedEntenazionaleperl'energiaelettrica(ENEL)e/oaltrientipubblici,possonoessere
concessicontributiincontocapitaleperstudidifattibilittecnicoeconomicaperprogettiesecutividi
impianticivili,industrialiomistidiproduzione,direcupero,ditrasportoedidistribuzionedell'energia
derivantedallacogenerazione,nonchperiniziativeaventilefinalitdicuiall'articolo1elecaratteristiche
dicuiaicommi2e3delpresentearticolo,escluseleiniziativedicuiagliarticoli12e14.

2.Ilcontributodicuialcomma1concessocondecretodelMinistrodell'industria,delcommercioe
dell'artigianato,sentitiiMinistridell'ambiente,perleareeurbaneedeitrasporti,nellimitemassimodel50
percentodellaspesaammissibileprevistasinoadunmassimodilirecinquantamilioniperglistudidi
fattibilittecnicoeconomicaediliretrecentomilioniperiprogettiesecutivipurchlostudiosiaeffettuato
secondoleprescrizionidelMinistrodell'industria,delcommercioedell'artigianatoel'impiantoabbiale
seguenticaratteristicheminime:

a)potenzasuperioreadiecimegawatttermicioatremegawattelettrici;

b)potenzaelettricainstallataperlacogenerazionepariadalmenoil10percentodellapotenzatermica
erogataall'utenza.

3.Aisoggettidicuialcomma1possonoaltresi'essereconcessicontributiincontocapitaleperla
realizzazioneolamodificaadiecimegawatttermicioatremegawattelettricirelativiaservizigeneralie/o
alcicloproduttivocheconseguanorisparmiodienergiae/ounmigliorerendimentodimacchinee
apparecchiaturee/olasostituzionediidrocarburiconaltricombustibili.Illimitesuddettononsiapplicanel
casodirealizzazionedinuoviimpianti,quandociderivadaprogettidiinterventounitariecoordinatia
livellodipoloindustriale,diconsorzieformeassociativediimpresa.

4.Ilcontributodicuialcomma3concessoeliquidatocondecretodelMinistrodell'industria,del
commercioedell'artigianatonellimitemassimodel30percentodellaspesatotaleammessaalcontributo
preventivataedocumentata,elevabileal40percentonelcasodiimpiantidicogenerazioneepergli
impiantidicuiall'articolo6.

5.Ladomandadicontributodicuialcomma3deveesserecorredatadelprogettoesecutivo.

6.L'ENEL,salvodocumentateragionidicaratteretecnicoedeconomicocheostino,deveincluderenei
progettiperlacostruzionedinuovecentralielettricheenellecentraliesistentisistemiperlacessione,il
trasportoelavenditadelcaloreprodottoanchealdifuoridell'areadell'impiantofinoalpuntodi
collegamentoconlaretedidistribuzionedelcalore.
7.Larealizzazionedegliimpiantiditeleriscaldamento,ammissibiliaisensidell'articolo6,dapartedi
aziendemunicipalizzate,dientipubblici,diconsorzitraentipubblici,traentipubbliciedimpreseprivate
ovverotraimpreseprivatecheutilizzanoilcaloredeiciclidiproduzionedienergiadellecentrali
termoelettrichenonchilcalorerecuperabiledaprocessiindustrialipossonousufruiredicontributiin
contocapitalefinoal50percentodelrelativocosto.L'ENELtenutoafornirelanecessariaassistenzaper
larealizzazionedegliimpiantiammessiaicontributicondirittodirimborsodeglionerisostenuti.

8.Icontributidicuialcomma7sonoerogatidalMinisterodell'industria,delcommercioedell'artigianato.

Art.12.

(Progettidimostrativi)

1.Alleaziendepubblicheeprivateeloroconsorzi,edaconsorzidiimpreseedentipubblicipossonoessere
concessicontributiincontocapitaleperlaprogettazioneelarealizzazionediimpianticoncaratteristiche
innovativeperaspettitecnicie/ogestionalie/oorganizzativi,cheutilizzinofontirinnovabilidienergiae/o
combustibilinontradizionaliovverosviluppinoprototipiabassoconsumospecificoovveronuove
tecnologichedicombustione,digassificazione,diliquefazionedelcarboneedismaltimentodelleceneri,
nonchiniziativeutilizzanticombustibilinonfossililacuitecnologianonabbiaraggiuntolamaturit
commercialeediesercizio.Sonoammessialtresi'aicontributisistemiutilizzantilefontirinnovabilidi
energiadioriginesolarefinalizzatiamigliorarelaqualitdell'ambientee,inparticolare,lapotabilizzazione
dell'acqua.

2.Ilcontributodicuialcomma1concesso,nellimitedel50percentodellaspesaammissibile
preventivata,condecretodelMinistrodell'industria,delcommercioedell'artigianato,sudeliberadelCIPE.

Art.13.

(Incentiviallaproduzionedienergiadafontirinnovabilidienergianelsettoreagricolo)

1.Alfinediraggiungeregliobiettividicuiall'articolo1nelsettoreagricolo,possonoessereconcessialle
impreseagricolesingoleoassociate,ovveroasocietcheoffronoegesticonoilserviziocalore,che
prevedanolapartecipazionedell'ENELe/odiaziendemunicipalizzatee/odialtrientipubblici,contributiin
contocapitaleperlarealizzazionediimpianticonpotenzafinoadiecimegawattelettriciperlaproduzione
oilrecuperodienergiatermica,elettricaemeccanicadafontirinnovabilidienergia,nellamisuramassima
del55percentodellaspesaammessa,elevabileal65percentoperlecooperative.

2.LeregionieleprovinceautonomediTrentoediBolzanopromuovonoconleassociazionidicategoria
degliimprenditoriagricoliedeicoltivatoriaccorditesiall'individuazionedisoggettiestrumentiperla
realizzazionediinterventidiusorazionaledell'energianelsettoreagricolo.((1))

AGGIORNAMENTO(1)
LaCorteCostituzionaleconsentenza1827dicembre1991,n.483(inG.U.1as.s.04/01/1992,n.1),ha
dichiaratolaillegittimitcostituzionaledelpresenteart.13,secondocomma"nellaparteincuiprevede
cheanchelaprovinciaautonomadiBolzanopromuovaaccordiconlecategorieprofessionaliiviindicate".

Art.14.

(DerivazionidiacquaContributiperlariattivazioneeperlacostruzionedinuoviimpianti)

1.Aisoggetticheproduconoenergiaelettricaperdestinarlaadusipropriopercederlaintuttooinparte
all'ENELe/oalleimpreseproduttriciedistributricidicuiall'articolo4,n.8),dellalegge6dicembre1962,n.
1643,modificatodall'articolo18dellalegge29maggio1982,n.308,allecondizioniprevistedallavigente
normativa,nonchallepredetteimpreseproduttriciedistributrici,possonoessereconcessicontributiin
contocapitaleperiniziative:a)diriattivazionediimpiantiidroelettricicheutilizzinoconcessionirinuciateo
ilcuieserciziosiastatodismessoprimadelladatadientratainvigoredellapresentelegge;

b)dicostruzionedinuoviimpiantinonchdipotenziamentodiimpiantiesistenti,cheutilizzinoconcessioni
diderivazionidiacqua.

2.L'articolo5dellalegge27giugno1964,n.452,nonsiapplicaquandol'energiaelettricaacquistata
provienedallefontirinnovabilidienergiadicuiall'articolo1,comma3.

3.Ladomandadiammissionealcontributodicuialcomma1,corredatadaglielementitecnicoeconomici,
dalpianofinanziario,dalpianodimanutenzioneediesercizio,nonchdaognielementorelativoagli
eventualiattidicompetenzaregionaleodelleprovinceautonomediTrentoediBolzano,ivicompresele
valutazioniambientali,presentataalMinisterodell'industria,delcommercioedell'artigianato,alla
regioneoallaprovinciaautonomadiTrentoediBolzano,asecondadellacompetenzadell'impianto.

4.Icontributidicuialcomma1,pergliimpiantidipropriacompetenza,previaistruttoriatecnico
economicaespletatadall'ENEL,sonoconcessiederogaticondecretodelMinistrodell'industria,del
commercioedell'artigianato,nellamisuramassimadel30percentodellaspesaammissibiledocumentata.

Art.15.

(Locazionefinanziaria)

1.Icontributidicuiagliarticoli8,10,11,12,13e14sonoconcessiancheperiniziativeoggettodilocazione
finanziaria,effettuatedasocietiscrittenell'alboistituitopressoilMinisterodell'industria,delcommercioe
dell'artigianato,aisensidell'articolo1deldecretodelMinistropergliinterventistraordinarinel
Mezzogiornodel12novembre1986,inattuazionedell'articolo9,comma13,dellalegge1marzo1986,n.
64.

2.Leprocedureelemodalitdiconcessioneederogazionedeicontributidicuialcomma1,nonchle
modalitdicontrollodelregolareeserciziodegliimpiantiincentivati,sarannodeterminateinapposita
convenzionedastipularsitrailMinisterodell'industria,delcommercioedell'artigianatoelesocietdicuial
comma1.

Art.16.

(AttuazionedellaleggeCompetenzadelleregioniedelleprovinceautonomediTrentoediBolzano)

1.Leregioniemanano,aisensidell'articolo117,terzocomma,dellaCostituzione,normeperl'attuazione
dellapresentelegge.

2.RestafermalapotestdelleprovinceautonomediTrentoediBolzanodiemanarenormelegislativesul
contenimentodeiconsumienergeticiesullosviluppodellefontirinnovabilidienergianell'ambitodelle
materiedilorocompetenza,escluseleprescrizionitecnicherispondentiadesigenzedicaratterenazionale
contenutenellapresenteleggeenelledirettivedelCIPE.

3.SurichiestadelleregioniodelleprovinceautonomediTrentoediBolzanol'ENEL,l'Entenazionale
idrocarburi(ENI),l'ENEA,ilCNReleuniversitdeglistudi,inbaseadappositeconvenzionienell'ambitodei
rispettivicompitiistituzionali,assistonoleregionieleprovinceautonomediTrentoediBolzano
nell'attuazionedellapresentelegge.LeregionieleprovinceautonomediTrentoediBolzanoeicomuni,
singolioassociati,possonodotarsidiappositiserviziperl'attuazionedegliadempimentidilorocompetenza
previstidallapresentelegge.

Art.17.

(Cumulodicontributiecasidirevoca)

1.Icontributidicuiagliarticoli8,10,11,12,13e14,sonocumulabiliconaltreincentivazioni
eventualmenteprevistedaaltreleggiacaricodelbilanciodelloStato,finoal75percentodell'investimento
complessivo.

2.IlMinistrodell'industria,delcommercioedell'artigianato,diintesaconilMinistrodeltesoropu
promuovere,senzaoneriacaricodelbilanciodelloStato,appositeconvenzioniconistitutidicredito,istituti
esocietfinanziarialfinedifacilitarel'accessoalcreditoperlarealizzazionedelleiniziativeagevolateai
sensidellapresentelegge.

3.Nell'ambitodellepropriecompetenzeesurichiestadelMinisterodell'industria,delcommercioe
dell'artigianato,l'ENEAeffettuaverificheacampionee/osecondocriteridipriorit,circal'effettivae
completarealizzazionedelleiniziativedirisparmioenergeticoagevolateaisensidegliarticoli11,12,e14.In
casodiesitonegativodelleverifichel'ENEAdimmediatamentecomunicazionealMinistrodell'industria,
delcommercioedell'artigianatocheprovvedeallarevocaparzialeototaledeicontributiedalrecupero
degliimportigierogati,maggioratidiuninteresseparialtassoufficialediscontovigentealladata
dell'ordinativodipagamento,conlemodalitdicuiall'articolo2deltestounicodelledisposizionidilegge
relativeallaproceduracoattivaperlaricossionedelleentratepatrimonialidelloStatoedeglialtrienti
pubblici,deiproventidiDemaniopubblicoedipubbliciserviziedelletassesugliaffari,approvatodalregio
decreto14aprile1910,n.639.

Art.18.

(Modalitdiconcessioneederogazionedeicontributi)
1.Pericontributidicuiagliarticoli11,12e14lemodalitdiconcessioneederogazione,leprescrizioni
tecnicherichiesteperlastesuradeglistudidifattibilitedeiprogettiesecutivi,leprescrizionicircale
garanziediregolareesercizioedicorrettamanutenzionedegliimpiantiincentivati,nonchicriteridi
valutazionedelledomandedifinaziamentosonofissaticonappositodecretodelMinistrodell'industria,del
commercioedell'artigianato,daemanarsientrosessantagiornidalladatadientratainvigoredella
presentelegge.

2.Aifinidell'acquisizionedeicontributidicuialcomma1,lespesesostenutepossonoesseredocumentate
nelleformeprevistedall'articolo18,quintocomma,dellalegge26aprile1983,n.130.Agliadempimenti
necessariperconsentirel'utilizzoditalifacolt,siprovvedeinconformitaquantodispostodall'articolo
18,sestocomma,dellalegge26aprile1983,n.130,acuradelMinisterodell'industria,delcommercioe
dell'artigianato.

3.Sututtiicontributiprevistidallapresenteleggepossonoessereconcesseanticipazioniincorsod'opera
garantitedapolizzefidejussorie,bancarieedassicurativeemessedaistitutiall'uopoautorizzati,conle
modalitedentroilimitifissaticondecretodelMinistrodell'industria,delcommercioedell'artigianatodi
concertoconilMinistrodeltesoro,daemanarsientrosessantagiornidalladatadientratainvigoredella
presentelegge.

Art.19.

(Responsabileperlaconservazioneel'usorazionaledell'energia)

1.Entroil30aprilediogniannoisoggettioperantineisettoriindustriale,civile,terziarioedeitrasportiche
nell'annoprecedentehannoavutounconsumodienergiarispettivamentesuperiorea10.000tonnellate
equivalentidipetrolioperilsettoreindustrialeovveroa1.000tonnellateequivalentidipetroliopertuttigli
altrisettori,debbonocomunicarealMinisterodell'industria,delcommercioedell'artigianatoilnominativo
deltecnicoresponsabileperlaconservazioneel'usorazionaledell'energia.

2.Lamancanzadellacomunicazionedicuialcomma1escludeisoggettidagliincentividicuiallapresente
legge.SurichiestadelMinisterodell'industria,delcommercioedell'artigianatoisoggettibeneficiaridei
contributidellapresenteleggesonotenutiacomunicareidatienergicirelativiallepropriestrutturee
imprese.

3.Iresponsabiliperlaconservazioneel'usorazionaledell'energiaindividuanoleazioni,gliinterventi,le
procedureequantoaltronecessarioperpromuoverel'usorazionaledell'energia,assicuranola
predisposizionedibilancienergeticiinfunzioneanchedeiparametrieconomiciedegliusienergeticifinali,
predispongonoidatienergeticidicuialcomma2.

4.Entronovantagiornidalladatadientratainvigoredellapresenteleggel'ENEAprovvedeadefinire
appositeschedeinformativedidiagnosienergeticaediusodellerisorse,diversamentearticolatein
relazioneaitipid'impresaedisoggettieaisettoridiappartenenza.

5.Nell'ambitodellepropriecompetenzel'ENEAprovvedesullabasediappositeconvenzioniconleregionie
conleprovinceautonomediTrentoediBolzanoarealizzareidoneecampagnepromozionalisullefinalit
dellapresentelegge,all'aggiornamentodeitecnicidicuialcomma1earealizzaredirettamenteed
indirettamenteprogrammididiagnosienergetica.

Art.20.

(RelazioneannualealParlamento)

1.IlMinistrodell'industria,delcommercioedell'artigianato,entroil30aprilediognianno,riferisceal
Parlamentosullostatodiattuazionedellapresentelegge,tenendocontodellerelazionicheleregioniele
provinceautonomediTrentoediBolzanodebbonoinviarealMinisterodell'Industria,delcommercioe
dell'artigianatoentroilmesedifebbraiodelmedesimoanno,sugliadempimentidirispettivacompetenza,
inmodoparticolareconriferimentoagliobiettivieaiprogrammicontenutineirispettivipianienergetici.

2.Unappositocapitolodellarelazionedicuialcomma1illustrairisultaticonseguitieiprogrammi
predispostidall'ENEAperl'attuazionedell'articolo3.

Art.21.

(Disposizionitransitorie)

1.Allapossibilitdifruiredelleagevolazioniprevistedallapresenteleggesonoammesseancheleistanze
presentateaisensidellalegge29maggio1982,n.308,esuccessivemodificazioni,edeldecretolegge31
agosto1987,n.364,convertito,conmodificazionidallalegge29ottobre1987,n.445,periniziative
rientrantifraquelleprevistedagliarticoli8,10,11,12,13e14chenonsianoancorastateoggettodi
appositoprovvedimentodiaccoglimentoodirigetto.

2.Perleistanzedifinanziamentodicuialcomma1laconcessionedelleagevolazionirestadicompetenza
dell'amministrazionecuisonostatepresentateaisensidellalegge29maggio1982,n.308,esuccessive
modificazioni,edeldecretolegge31agosto1987,n.364,convertitoconmodificazioni,dallalegge29
ottobre1987,n.445.

Art.22

RiorganizzazionedellaDirezionegeneraledellefontidienergiaedelleindustriedibase

1.CondecretodelPresidentedellaRepubblica,previadeliberazionedelConsigliodeiministri,sentitoil
pareredelConsigliodiStatochedeveesprimersientrotrentagiornidallarichiesta,supropostadelMinistro
dell'industria,delcommercioedell'artigianato,diconcertoconilMinistrodeltesoroeconilMinistroperla
funzionepubblica,siprovvedeallaristrutturazioneedalpotenziamentodellaDirezionegeneraledellefonti
dienergiaedelleindustriedibasedelMinisterodell'industria,delcommercioedell'artigianato.Si
applicano,salvoquantoespressamenteprevistodallapresentedisposizione,lenormedicuiall'articolo17,
comma1,dellalegge23agosto1988,n.400,ancheperlesuccessivemodifichedell'ordinamentodella
medesimaDirezionegenerale.Atalfinelerelativedotazioniorganichesonoaumentate,perquanto
riguardalequalifichedirigenzialidinonpiundiciunitconspecificaprofessionalittecnicanelsettore
energetico,eperilrestantepersonaledinonpinovantaunit,secondolaseguentearticolazione:

a)n.1postodidirigentesuperioredicuiallatabellaXIV,quadroC,allegataaldecretodelPresidentedella
Repubblica30giugno1972,n.748;
b)n.10postidiprimodirigentedicuiallatabellaXIV,quadroC,allegataaldecretodelPresidentedella
Repubblica30giugno1972,n.748;

c)n.10postidiVIIIlivello;

d)n.20postidiVIIlivello;

e)n.20postidiVIlivello;

f)n.10postidiVlivello;

g)n.10postidiIVlivello;

h)n.10postidiIIIlivello;

i)n.10postidiIIlivello.

2.Conildecretodicuialcomma1puesserealtresi'previstapressolaDirezionegeneraledellefontidi
energiaedelleindustriedibaselacostituzionediun'appositasegreteriatecnicooperativa,costituitada
nonpididieciesperticonincaricoquinquennalerinnovabile((...))sceltifradocentiuniversitari,
ricercatorietecnicidisocietdicapitaleconesclusionedelleimpreseprivatespecificamenteoperanti
nelsettoreenergetico,dientipubbliciedipubblicheamministrazioniconesclusionedelpersonaledel
Ministerodell'industria,delcommercioedell'artigianato.Iltrattamentoeconomicodegliespertidicuial
presentecommadeterminatocondecretodelMinistrodell'industria,delcommercioedell'artigianatodi
intesaconilMinistrodeltesoro,inmisuranoninferioreaquellospettantepressol'enteo
l'amministrazioneol'impresadiappartenenza.Idipendentipubblici,sonocollocatifuoriruoloperl'intera
duratadell'incaricoonell'analogaposizioneprevistadairispettiviordinamenti.

3.Limitatamentealpersonaledellequalifichenondirigenziali,alleassunzioniconseguentiall'aumentodelle
dotazioniorganichedicuialcomma1puprocedersiadecorreredal1gennaio1991,esolodopoaver
attuatoleproceduredimobilitdicuialdecretodelPresidentedelConsigliodeiministri5agosto1988,n.
325,esuccessivemodificazioni,edallalegge29dicembre1988,n.554,esuccessivemodificazionie
integrazioni,ocomunquedoponovantagiornidall'avviodidelleprocedure.Nelbiennio19911992pu
procedersiataliassunzioniesclusivamentenellimiteannuodel25percentoecomplessivodel33per
centodeirelativiposti,restandocomunqueipostiresiduiriservatiperl'interobiennioallacopertura
mediantelepredetteproceduredimobilit.

4.All'onerederivantedall'attuazionedelpresentearticolo,valutatoinlire200milioniperl'anno1990,in
lire1.000milioniperl'anno1991einlire1.800milioniperl'anno1992,siprovvedemediante
corrispondenteriduzionedellostanziamentoiscrittoaifinidelbilanciotriennale19901992alcapitolo6856
dellostatodiprevisionedelMinisterodeltesoroperl'anno1990,all'uopoparzialmenteutilizzandoquanto
alire400milioniperciascunodeglianni1991e1992leproiezionidell'accantonamento"Riordinamentodel
Ministeroedincentivazionialpersonale"e,quantoalire200milioniperl'anno1990,alire600milioniper
l'anno1991ealire1.400milioniperl'anno1992,l'accantonamento"AutomazionedelMinistero
dell'industria".

Art.23.
(Abrogazioneespressadinormeeutilizzazionedifondiresidui)

1.Gliarticoli1,2,3,5,6,7,8,9,10,11,12,13,14,15,16,18,19,22,24e26dellalegge29maggio1982,n.
308,sonoabrogati.

2.Lesommedestinateadincentivaregliinterventidicuiallalegge29maggio1982,n.308,esuccessive
modificazioni,ivicompresequelledicuialdecretolegge31agosto1987,n.364,convertitocon
modificazioni,dallalegge29ottobre1987,n.445,nonchquelledicuiall'articolo15,comma37,della
legge11marzo1988,n.67,esuccessivemodificazioni,chealladatadientratainvigoredellapresente
leggenonsonostateancoratrasferitealleregionioalleprovinceautonomediTrentoediBolzanoonon
sonostateancoraformalmenteimpegnatedalMinisterodell'industria,delcommercioedell'artigianatoper
gliinterventidipropriacompetenza,possonoessereutilizzaterispettivamenteperlefinalitdicuiagli
articoli8,10e13eperquelledicuiagliarticoli11,12e14.

3.Allaripartizionedellesommedicuialcomma2spettantialleregionioalleprovinceautonomediTrento
ediBolzanosiprovvedeconleprocedureelemodalitdicuiall'articolo9.Allaripartizionedellerestanti
sommefraivariinterventi,siprovvede,tenendocontodelleproporzionifissatealcomma2dell'articolo
38,conlemodalitdicuiaicommi6e7delmedesimoarticolo38.

Art.24.

(Disposizioniconcernentilametanizzazione)

1.IlcontributoprevistoacaricodelFondoeuropeodisvilupporegionale(FESR)perlarealizzazionedei
progettiindicatinelprogrammageneraledimetanizzazionedelMezzogiornoapprovatodalCIPEcon
deliberazionedell'11febbraio1988sostituitoointegratoperlapercentualesoppressaoridottaper
effettodeiregolamentidelConsigliodelleComuniteuropeen.2052del24giugno1988,n.4253del19
dicembre1988en.4254del19dicembre1988conuncontributodelloStatoacaricodeglistanziamentidi
cuialcomma3parialladifferenzatrail50percentodellaspesaammessaperognisingolainiziativaalle
agevolazionidicuiall'articolo11dellalegge28novembre1980,n.784,esuccessivemodificazionie
integrazioni,eilcontributoconcessoacaricodelFESR.

2.IlMinistropergliinterventistraordinarinelMezzogiorno,d'intesaconilMinistrodeltesorononchcon
laCassadepositieprestitiperlaconcessioneederogazionedeifinaziamenti,provvedeadisciplinarecon
decretolaproceduraperl'applicazionedelleagevolazioninazionaliecomunitarieagliintervenutidicuial
comma1.

3.All'avviodelprogrammageneraledimetanizzazionedelMezzogiornorelativoal1triennio,approvato
dalCIPEcondeliberazionedell'11febbraio1988,sifafronteconlostanziamentodilire50miliardi
autorizzatodall'articolo19dellalegge26aprile1983,n.130econlostanziamentodilire730miliardi
autorizzatodaldecretolegge31agosto1987,n.364,convertitoconmodificazioni,dallalegge29ottobre
1987,n.445,integratodilire300miliardiconl'articolo15,comma36,dellalegge11marzo1988,n.67,e
successivemodificazioni.

4.Ilprogrammadicuialcomma3siintenderidottonellamisuracorrispondentealmaggioronereacarico
delbilanciodelloStatoderivantedalcontributodicuialcomma1.
5.Aparzialemodificadell'articolo4deldecretolegge31agosto1987,n.364,convertito,conmodificazioni,
dallalegge29ottobre1987,n.445,ilCIPE,definendoilprogrammaperlametanizzazionedelterritorio
dellaSardegna,provvedeadindividuareancheilsistemadiapprovvigionamentodelgasmetano.

6.PreviadeliberazionedelprogrammaperlametanizzazionedelterritoriodellaSardegnadicuiall'articolo
4deldecretolegge31agosto1987,n.364,convertito,conmodificazioni,dallalegge29ottobre1987,n.
445,nonchdelsistemadiapprovvigionamentodelgasmetanodicuialcomma5,ilCIPEstabilisceuna
primafasestralcioinconformitalprogrammadeliberato,perlarealizzazionediretididistribuzioneche
potrannoessereprovvisoriamenteesercitatemediantegasdiversidalmetano,nellemoredellaesecuzione
delleoperenecessarieperl'approvvigionamentodelgasmetano.

TITOLOII

NORMEPERILCONTENIMENTODELCONSUMODIENERGIANEGLIEDIFICI

Art.25.

(Ambitodiapplicazione)

1.Sonoregolatidallenormedelpresentetitoloiconsumidienergianegliedificipubblicieprivati,
qualunquenesialadestinazioned'uso,nonchmedianteildispostodell'articolo31,l'esercizioela
manutenzionedegliimpiantiesistenti.

2.Neicasidirecuperodelpatrimonioedilizioesistente,l'applicazionedelpresentetitolograduatain
relazionealtipodiintervento,secondolatipologiaindividuatadall'articolo31dellalegge5agosto1978,n.
457.

Art.26

(Progettazione,messainoperaedeserciziodiedificiediimpianti)

1.Ainuoviimpianti,lavori,opere,modifiche,installazioni,relativiallefontirinnovabilidienergia,alla
conservazione,alrisparmioeall'usorazionaledell'energia,siapplicanoledisposizionidicuiall'articolo9
dellalegge28gennaio1977,n.10,nelrispettodellenormeurbanistiche,ditutelaartisticostoricae
ambientale.Gliinterventidiutilizzodellefontidienergiadicuiall'articolo1inedificiedimpiantiindustriali
nonsonosoggettiadautorizzazionespecificaesonoassimilatiatuttiglieffettiallamanutenzione
straordinariadicuiagliarticoli31e48dellalegge5agosto1978,n.457.L'installazionediimpiantisolarie
dipompedicaloredapartediinstallatoriqualificati,destinatiunicamenteallaproduzionediacquacaldae
diarianegliedificiesistentieneglispaziliberiprivatiannessi,considerataestensionedell'impiantoidrico
sanitariogiinopera.

2.Pergliinterventisugliedificiesugliimpiantivoltialcontenimentodelconsumoenergeticoed
all'utilizzazionedellefontidienergiadicuiall'articolo1,individuatiattraversoun((attestatodiprestazione
energetica))ounadiagnosienergeticarealizzatadauntecnicoabilitato,lepertinentidecisionicondominiali
sonovalideseadottateconlamaggioranzadegliintervenuti,conunnumerodivoticherappresentialmeno
unterzodelvaloredell'edificio.

3.Gliedificipubblicieprivati,qualunquenesialadestinazioned'uso,egliimpiantinondiprocessoadessi
associatidevonoessereprogettatiemessiinoperainmodotaledacontenerealmassimo,inrelazioneal
progressodellatecnica,iconsumidienergiatermicaedelettrica.

4.Aifinidicuialcomma3esecondoquantoprevistodalcomma1dell'articolo4,sonoregolate,con
riguardoaimomentidellaprogettazione,dellamessainoperaedell'esercizio,lecaratteristiche
energetichedegliedificiedegliimpiantinondiprocessoadessiassociati,nonchdeicomponentidegli
edificiedegliimpianti.

5.Perleinnovazionirelativeall'adozionedisistemiditermoregolazioneedicontabilizzazionedelcaloree
perilconseguenteripartodeglioneridiriscaldamentoinbasealconsumoeffettivamenteregistrato,
l'assembleadicondominiodeliberaconlemaggioranzeprevistedalsecondocommadell'articolo1120del
codicecivile.

6.Gliimpiantidiriscaldamentoalserviziodiedificidinuovacostruzione,lacuiconcessioneediliziasia
rilasciatadopoladatadientratainvigoredellapresentelegge,devonoessereprogettatierealizzatiin
modotaledaconsentirel'adozionedisistemiditermoregolazioneedicontabilizzazionedelcaloreperogni
singolaunitimmobiliare.

7.Negliedificidiproprietpubblicaoadibitiadusopubblicofattoobbligodisoddisfareilfabbisogno
energeticodeglistessifavorendoilricorsoafontirinnovabilidienergiasalvoimpedimentidinaturatecnica
odeconomica.

8.Laprogettazionedinuoviedificipubblicideveprevederelarealizzazionediogniimpianto,operaed
installazioneutiliallaconservazione,alrisparmioeall'usorazionaledell'energia.

Art.27.

(Limitiaiconsumidienergia)

1.Iconsumidienergiatermicaedelettricaammessipergliedificisonolimitatisecondoquantoprevistodai
decretidicuiall'articolo4,inparticolareinrelazionealladestinazioned'usodegliedificistessi,agliimpianti
dicuisonodotatieallazonaclimaticadiappartenenza.

Art.28.

(Relazionetecnicasulrispettodelleprescrizioni)

1.Ilproprietariodell'edificio,ochinehatitolo,devedepositareincomune,indoppiacopia,insiemealla
denunciadell'iniziodeilavorirelativialleoperedicuiagliarticoli25e26,ilprogettodelleoperestesse
corredatedaunarelazionetecnica,sottoscrittadalprogettistaodaiproggettisti,cheneattestila
rispondenzaalleprescrizionidellapresentelegge.
2.Nelcasoincuiladenunciaeladocumentazionedicuialcomma1nonsonostatepresentatealcomune
primadell'iniziodeilavori,ilsindaco,fattasalvalasanzioneamministrativadicuiall'articolo34,ordinala
sospensionedeilavorisinoalcompimentodelsuddettoadempimento.

3.((COMMAABROGATODALD.LGS.19AGOSTO2005,N.192)).

4.((COMMAABROGATODALD.LGS.19AGOSTO2005,N.192)).

5.Lasecondacopiadelladocumentazionedicuialcomma1,restituitadalcomuneconl'attestazione
dell'avvenutodeposito,deveessereconsegnataacuradelproprietariodell'edificio,odichinehatitolo,al
direttoredeilavoriovvero,nelcasol'esistenzadiquestinonsiaprevistadallalegislazionevigente,
all'esecutoredeilavori.Ildirettoreovverol'esecutoredeilavorisonoresponsabilidellaconservazionedi
taledocumentazioneincantiere.

Art.29.

((ARTICOLOABROGATODALD.LGS.19AGOSTO2005,N.192))

Art.30.

((ARTICOLOABROGATODALD.LGS.19AGOSTO2005,N.192))

Art.31.

(Esercizioemanutenzionedegliimpianti)

1.Durantel'eserciziodegliimpiantiilproprietario,operessounterzo,cheseneassumelaresponsabilit,
deveadottaremisurenecessariepercontenereiconsumidienergia,entroilimitidirendimentoprevisti
dallanormativavigenteinmateria.

2.((COMMAABROGATODALD.LGS.19AGOSTO2005,N.192,COMEMODIFICATODALD.LGS.29
DICEMBRE2006,N.311)).

3.Icomuniconpidiquarantamilaabitantieleprovinceperlarestantepartedelterritorioeffettuanoi
controllinecessarieverificanoconcadenzaalmenobiennalel'osservanzadellenormerelativeal
rendimentodicombustione,ancheavvalendosidiorganismiesterniaventispecificacompetenzatecnica,
cononereacaricodegliutenti.

4.Icontrattirelativiallafornituradienergieeallaconduzionedegliimpiantidicuiallapresentelegge
contenenticlausoleincontrastoconessa,sononulli.Aicontrattichecontengonoclausoledifformisi
applical'articolo1339delcodicecivile.

Art.32.

(Certificazionieinformazioniaiconsumatori)
1.Aifinidellacommercializzazione,lecaratteristicheeleprestazionienergetichedeicomponentidegli
edificiedegliimpiantidevonoesserecertificatesecondolemodalitstabiliteconpropriodecretodal
Ministrodell'industria,delcommercioedell'artigianatodiconcertoconilMinistrodeilavoripubblici,entro
centoventigiornidalladatadientratainvigoredellapresentelegge.

2.Leimpresecheproduconoocommercializzanoicomponentidicuialcomma1sonoobbligateariportare
sudiessigliestremidell'avvenutacertificazione.

Art.33.

(Controllieverifiche)

1.((COMMAABROGATODALD.LGS.19AGOSTO2005,N.192)).

2.((COMMAABROGATODALD.LGS.19AGOSTO2005,N.192)).

3.Incasodiaccertamentodidifformitincorsod'operailsindacoordinalasospensionedeilavori.

4.Incasodiaccertamentodidifformitsuopereterminateilsindacoordina,acaricodelproprietario,le
modifichenecessarieperadeguarel'edificioallecaratteristicheprevistedallapresentelegge.

5.Neicasiprevistidaicommi3e4ilsindacoinformailprefettoperlairrogazionedellesanzionidicui
all'articolo34.

Art.34.

(Sanzioni)

1.L'inosservanzadell'obbligodicuialcomma1dell'articolo28punitaconlasanzioneamministrativanon
inferiorealireunmilioneenonsuperiorealirecinquemilioni.

2.Ilproprietariodell'edificionelqualesonoeseguiteoperedifformidalladocumentazionedepositataai
sensidell'articolo28echenonosservaledisposizionidegliarticoli26e27punitoconlasanzione
amministrativainmisurainferioreal5percentoenonsuperioreal25percentodelvaloredelleopere.

3.((COMMAABROGATODALD.LGS.19AGOSTO2005,N.192)).

4.Ilcollaudatorechenonottemperaaquantostabilitodall'articolo29punitoconlasanzione
amministrativaparial50percentodellaparcellacalcolatasecondolavigentetariffaprofessionale

5.Ilproprietariool'amministratoredelcondominio,ol'eventualeterzocheseneassuntala
responsabilit,chenonottemperaaquantostabilitodall'articolo31,commi1e2,puntitoconlasanzione
amministrativanoninferiorealireunmilioneenonsuperiorealirecinquemiloni.Nelcasoincuivenga
sottoscrittouncontrattonulloaisensidelcomma4delmedesimoarticolo31,lepartisonopuniteognuna
conlasanzioneamministrativapariaunterzodell'importodelcontrattosottoscritto,fattasalvalanullit
dellostesso.
6.L'inosservanzadelleprescrizionidicuiall'articolo32punitaconlasanzioneamministrativanon
inferiorealirecinquemilionienonsuperiorealirecinquantamilioni,fattisalviicasidiresponsabilit
penale.

7.Qualorasoggettodellasanzioneamministrativasiaunprofessionista,l'autoritcheapplicalasanzione
devedarnecomunicazioneall'ordineprofessionalediappartenenzaperiprovvedimentidisciplinari
conseguenti.

8.L'inosservanzadelladisposizionecheimponelanomina,aisensidell'articolo19,deltecnicoresponsabile
perlaconservazioneel'usorazionaledell'energia,punitaconlasanzioneamministrativanoninferiorea
lirediecimilionienonsuperiorealirecentomilioni.

Art.35.

(Provvedimentidisospensionedeilavori)

1.Ilsindaco,conprovvedimentomedianteilqualeordinalasospensionedeilavori,ovverolemodifiche
necessarieperl'adeguamentodell'edificio,devefissareiltermineperlaregolarizzazione.L'inosservanzadel
terminecomportalacomunicazionealprefetto,l'ulterioreirrogazionedellasanzioneamministrativae
l'esecuzioneforzatadelleopereconspeseacaricodelproprietario.

Art.36.

(Irregolaritrilevatedall'acquirenteodalconduttore)

1.Qualoral'acquirenteoilconduttoredell'immobileriscontradifformitdallenormedellapresentelegge,
anchenonemersedaeventualiprecedentiverifiche,devefarnedenunciaalcomuneentrounannodalla
constatazione,apenadidecadenzadaldirittodirisarcimentodeldannodapartedelcommittenteodel
proprietario.

Art.37.

(EntratainvigoredellenormedeltitoloIIedeirelatividecretiministeriali)

1.Ledisposizionidelpresentetitoloentranoinvigorecentottantagiornidopoladatadipubblicazionedella
presenteleggenellaGazzettaUfficialedellaRepubblicaitalianaesiapplicanoalledenuncediiniziolavori
presentateaicomunidopotaleterminedientratainvigore.

2.Idecretiministerialidicuialpresentetitoloentranoinvigorecentottantagiornidopoladatadellaloro
pubblicazionenellaGazzettaUfficialedellaRepubblicaitalianaesiapplicanoalledenuncediiniziolavori
presentateaicomunidopotaleterminedientratainvigore.

3.Lalegge30aprile1976,n.373,elalegge18novembre1983,n.645,sonoabrogate.Ildecretodel
PresidentedellaRepubblica28giugno1977,n.1052,siapplica,inquantocompatibileconlapresente
legge,finoall'adozionedeidecretidicuiaicommi1,2e4dell'articolo4,alcomma1dell'articolo30eal
comma1dell'articolo32.

TITOLOIII

DISPOSIZIONIFINALI

Art.38.

(Ripartizionefondiecoperturafinanziaria)

1.Perlefinalitdellapresenteleggeautorizzatalaspesadilire427miliardiperil1991,992miliardiperil
1992e1.192miliardiperil1993.Ildiecipercentodellesuddettesommedestinatoallefinalitdicui
all'articolo3dellapresentelegge.2.Perlefinalitdicuiagliarticoli11,12e14autorizzatalaspesadilire
267,5miliardiperil1991,dilire621,6miliardiperil1992edilire746,4miliardiperil1993,secondola
seguenteripartizione:

a)perl'articolo11,lire220miliardiperil1991,lire510miliardiperil1992elire614miliardiperil1993;

b)perl'articolo12,lire33miliardiperil1991,lire75miliardiperil1992elire92miliardiperil1993;

c)perl'articolo14,lire14,5miliardiperil1991,lire36,6peril1992elire40,4milairdiperil1993.

3.All'onerederivantedall'attuazionedeicommi1,secondoperiodo,e2siprovvedemediante
corrispondenteriduzionedellostanziamentoiscritto,aifinidelbilanciotriennale19911993,alcapitolo
9001dellostatodiprevisionedelMinisterodeltesoroperl'anno1991,all'uopoparzialmenteutilizzandole
proiezionidell'accantonamento"Rifinanziamentodellaleggen.308del1982inmateriadifontirinnovabili
dienergiaedirisparmiodeiconsumienergetici,nonchdall'articolo17,comma16,dellaleggen.67del
1988".

4.Perlefinalitdicuiagliarticoli8,10e13autorizzatalaspesadilire116,8miliardiperil1991,dilire
271,2miliardiperil1992edilire326,4miliardiperil1993.

5.All'onerederivantedall'attuazionedelcomma4siprovvedemediantecorrispondenteriduzionedello
stanziamentoiscritto,aifinidelbilanciotriennale19911993,alcapitolo9001dellostatodiprevisionedel
Ministerodeltesoroperl'anno1991,all'uopoparzialmenteutilizzandoleproiezionidell'accantonamento
"Rifinanziamentodellaleggen.308del1982inmateriadifontirinnovabilidienergiaedirisparmiodei
consumienergetici,nonchdell'articolo17,comma16,dellaleggen.67del1988".

6.All'eventualemodificadellaripartizionetraivariinterventidellesommedicuialcomma2,siprovvede
condecretomotivatodelMinistrodell'industria,delcommercioedell'artigianato,diconcertoconil
Ministrodeltesoro,tenutocontodegliindirizzigovernativiinmateriadipoliticaenergetica.

7.Alleripartizionideglistanziamentidicuialcomma2delpresentearticololetteraa)tragliinterventi
previstidall'articolo11dellapresenteleggesiprovvedecondecretidelMinistrodell'industria,del
commercioedell'artigianato.
8.IlMinistrodeltesoroautorizzatoadapportare,conpropridecreti,leoccorrentivariazionidibilancio.
((1))

AGGIORNAMENTO(1)

LaCorteCostituzionaleconsentenza1827dicembre1991,n.483(inG.U.1as.s.04/01/1992,n.1),ha
dichiaratolaillegittimitcostituzionaledelpresenteart.38"nellaparteincui,includendoleprovince
autonomediTrentoediBolzanonelladelegarelativaallaconcessionedicontributidispettanza
provinciale,nonprevedeperquestelemodalitdifinanziamentosecondolenormestatutarie".

Art.39.

(Entratainvigore)

1.Lapresenteleggeentrainvigore,salvoquantoprevistodall'articolo37,ilgiornosuccessivoaquellodella
suapubblicazionenellaGazzettaUfficialedellaRepubblicaitaliana.

Lapresentelegge,munitadelsigillodelloStato,sarinseritanellaRaccoltaufficialedegliattinormativi
dellaRepubblicaitaliana.fattoobbligoachiunquespettidiosservarlaedifarlaosservarecomelegge
delloStato.

DataaRoma,addi'9gennaio1991.

COSSIGA

ANDREOTTI,PresidentedelConsigliodeiMinistri

BATTAGLIA,Ministrodell'industria,delcommercioedell'artigianato

Visto,ilGuardasigilli:VASSALLI

TABELLAA

(Articolo8)

REGOLETECNICHEPERGLIINTERVENTIDICUIALL'ARTICOLO8NELCASODIEDIFICIESISTENTI

StrutturedacoibentareL'interventodevecomportareunaumentodellaresistenzatermicadellasuperficie

trattataalmenopariaR=a(m2oCh/kcal),dove(immagine)tilsaltotermicodiprogettodefinito
dall'articolo21deldecretodelPresidentedellaRepubblican.1052del28giugno1977,e"a"il
coefficienteindicatodiseguitoperidiversiinterventi.

Sottotettia=0,1

Terrazzieporticatia=0,04

Paretid'ambitoisolatedall'esternoa=0,04

Paretid'ambitoisolatenell'intercapedineSenzalimitazione.

Paretid'ambitoisolatedall'internoa=0,04

DoppivetriAmmessiall'incentivosolonellezoneclimaticheD,EedF,delterritorionazionalecomedefinite
daldecretodelMinistrodell'industria,delcommercioedell'artigianato10marzo1977epurchsia
assicurataunatenutaall'ariadeiserramenticorrispondentealmenoadunapermeabilitall'ariainferiorea
6mc/oraperml(metrolineare)digiuntoapribileedi20mc/orapermqdisuperficieapribilein
corrispondenzadiunadifferenzadipressionedi100Pascal.

Tubazionediadduzionedell'acquacaldaAmmessaall'incentivosololaspesadifornituradelmateriale
isolante(nonleeventualioperemurarie).