Sei sulla pagina 1di 13

CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA NORMATIVA SISMICA

DI CUI ALLORDINANZA 3274 DEL 20 03 2003


Torino, 2 aprile 2004

REGOLARIT

Normativa sismica, Ordinanza 3274 del 20 03 2003 - ASPETTI GENERALI


Prof. D. SABIA / Ing. D. RIVELLA
Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica
1
REGOLARIT
Obiettivo:
assorbire le azioni orizzontali senza eccessive
deformazioni e con comportamento duttile

4.3.1 Principi da seguire:


Semplicit strutturale
Regolarit e simmetria
Iperstaticit
Resistenza e rigidezza flessionali in due direzioni
ortogonali
Rigidezza e resistenza torsionali
Rigidezza e resistenza dei solai nel proprio piano

Normativa sismica, Ordinanza 3274 del 20 03 2003 - ASPETTI GENERALI


Prof. D. SABIA / Ing. D. RIVELLA
Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica
2
REGOLARIT
Semplicit strutturale
Migliora laffidabilit nella valutazione del comportamento
del sisma sulla struttura rendendo facilmente verificabili i
meccanismi di trasmissione delle forze agenti

Regolarit e simmetria
Per effetto della distribuzione uniforme delle masse e delle
rigidezze, tende a produrre una risposta strutturale di tipo
globale uniforme, riducendo linsorgere di eccentricit e di
zone con concentrazioni degli sforzi

Iperstaticit
Migliora la ridistribuzione dellazione sismica sugli elementi
(ridondanti) ed aumenta la dissipazione di energia

Normativa sismica, Ordinanza 3274 del 20 03 2003 - ASPETTI GENERALI


Prof. D. SABIA / Ing. D. RIVELLA
Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica
3
REGOLARIT
Resistenza e rigidezza flessionali in due direzioni
ortogonali
Assicura la possibilit di assorbire in modo efficace il sisma,
indipendentemente dalla direzione in cui esso agisce
(assolutamente aleatoria)

Rigidezza e resistenza torsionale


Riducono le sollecitazioni non uniformi indotte da spostamenti
differenziali derivanti da effetti torsionali rilevanti

Rigidezza e resistenza dei solai nel proprio piano


Assicurano un comportamento dinsieme della struttura
ridistribuendo le azioni indotte dal sisma

Fondazioni adeguate
Garantiscono una eccitazione sismica uniforme della struttura

Normativa sismica, Ordinanza 3274 del 20 03 2003 - ASPETTI GENERALI


Prof. D. SABIA / Ing. D. RIVELLA
Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica
4
SISTEMI ACCOPPIATI

Sistemi accoppiati con


muri discontinui
Fib, bulletin 24

Normativa sismica, Ordinanza 3274 del 20 03 2003 - ASPETTI GENERALI


Prof. D. SABIA / Ing. D. RIVELLA
Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica
5
REGOLARIT

In funzione della regolarit di un edificio


potranno variare il metodo di analisi ed
alcuni parametri di progetto

4.3.1 Un EDIFICIO si definisce REGOLARE se


rispetta contemporaneamente i criteri di:
regolarit in pianta
regolarit in elevazione

Normativa sismica, Ordinanza 3274 del 20 03 2003 - ASPETTI GENERALI


Prof. D. SABIA / Ing. D. RIVELLA
Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica
6
REGOLARIT IN PIANTA
4.3.1 Configurazione in pianta compatta e simmetrica in due direzioni
ortogonali (in relazione alla distribuzione delle masse e delle
rigidezze)
Pianta delledificio inscrivibile in un rettangolo con rapporto tra i
lati inferiore a 4
Rientranze e sporgenze non superiori al 25% della dimensione
totale delledificio nella direzione del rientro o della sporgenza
Solai considerabili infinitamente rigidi nel piano rispetto agli
elementi verticali
Lx

Lx
0.25 Ly 4
Ly
Ly
0.25 Lx

Normativa sismica, Ordinanza 3274 del 20 03 2003 - ASPETTI GENERALI


Prof. D. SABIA / Ing. D. RIVELLA
Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica
7
REGOLARIT IN ELEVAZIONE
4.3.1
Sistemi resistenti verticali (telai e pareti) estesi a tutta laltezza
delledificio
Massa e rigidezza costanti o ridotte gradualmente dalla base alla
cima delledificio (variazioni tra due piani adiacenti inferiori al 20%)
Rapporto tra resistenza effettiva e resistenza richiesta dal calcolo
simile per piani diversi (differenze tra i rapporti di piani diversi
inferiori al 20%)
Restringimenti graduali della sezione verticale delledificio secondo i
seguenti limiti:
rientro inferiore al 30% L1 L2
della dimensione 0.1
L1 L2
corrispondente al primo
piano L1
rientro inferiore al 10% L L1
0.3
della dimensione L
corrispondente al piano
immediatamente
sottostante L

Normativa sismica, Ordinanza 3274 del 20 03 2003 - ASPETTI GENERALI


Prof. D. SABIA / Ing. D. RIVELLA
Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica
8
IRREGOLARIT IN ELEVAZIONE

POSSIBILI CAUSE

Rapporti
Rapporti Scelta
Sceltadidiun
unmetodo
metododidi
RReff/R diversi analisi
analisinon
nonidoneo
idoneo
eff/Rric
ric diversi
da
dapiano
pianoaa
piano
pianoper perpi
pi
del Sopravvalutazione
Sopravvalutazionedel del
del20%
20% fattore
fattoredi
distruttura
strutturaqq

RIMEDI Ripristino
Ripristinodella
dellaregolarit
regolarit
intervenendo
intervenendosulle
sullearmature
armature
dei
deipilastri
pilastri(ove
(ovepossibile)
possibile)

Normativa sismica, Ordinanza 3274 del 20 03 2003 - ASPETTI GENERALI


Prof. D. SABIA / Ing. D. RIVELLA
Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica
9
Normativa sismica, Ordinanza 3274 del 20 03 2003 - ASPETTI GENERALI
Prof. D. SABIA / Ing. D. RIVELLA
Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica
10
REGOLARIT IN ELEVAZIONE

Configurazioni sfavorevoli e favorevoli in altezza (Penelis e Kappos, 1997)


Normativa sismica, Ordinanza 3274 del 20 03 2003 - ASPETTI GENERALI
Prof. D. SABIA / Ing. D. RIVELLA
Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica
11
IRREGOLARIT IN ELEVAZIONE

(Penelis e Kappos, 1997)


Normativa sismica, Ordinanza 3274 del 20 03 2003 - ASPETTI GENERALI
Prof. D. SABIA / Ing. D. RIVELLA
Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica
12
DISCONTINUIT STRUTTURALI
Discontinuit e disallineamenti di travi e colonne
possono interferire con una corretta risposta al sisma
della struttura

(Penelis e Kappos, 1997)

Normativa sismica, Ordinanza 3274 del 20 03 2003 - ASPETTI GENERALI


Prof. D. SABIA / Ing. D. RIVELLA
Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica
13