Sei sulla pagina 1di 2

SCHEDA TECNICA

Venerd, 23 dicembre 2016

Piazza XXIV Luglio, come fatta e la sua storia


EMPOLI Inaugurata dal sindaco di Empoli Brenda Barnini la nuova Piazza XXIV Luglio. Ecco qualche
approfondimento sul progetto dello spazio urbano appena riqualificato e la sua storia.
PROGETTO Lidea base del progetto stata quella di creare unarea pedonale omogenea e connessa
con gli spazi aperti circostanti, come Largo della Resistenza. La nuova piazza facilita laggregazione, non ha
aree nascoste, ben illuminata e quindi pi sicura.
MURA Le Mura tornano a essere le vere protagoniste della piazza. Sono state fatte riemergere con
labbattimento e lo sfoltimento mirato della vegetazione esistente. La nuova piazza vede leliminazione di
tutti gli elementi murari di delimitazione esistenti prima. Sono stati abbattuti tutti i gradoni, cos da rendere
tutta larea percorribile e accessibile.
INTERVENTO SUI GRAFFITI Saranno gli studenti del Liceo Virgilio, frequentanti lindirizzo Artistico, a
occuparsi delle scritte e dei graffiti che nei decenni hanno imbrattato la porzione di Mura che insiste sulla
piazza. Lincivilt dei vandali sar cancellata da un intervento degli alunni, autorizzato dalla Soprintendenza,
nellambito di un progetto di alternanza Scuola Lavoro che li vedr impegnati nelle prime settimane
primaverili.
MONUMENTO - La zona del monumento ai caduti sar risaltata anche grazie a una particolare
pavimentazione con la scritta riportanti la data XXIV LUGLIO 1944 in memoria ai ventinove cittadini
empolesi fucilati dalle truppe nazifasciste.
SENZA BARRIERE La nuova piazza priva di barriere architettoniche e dotata di ampie zone di seduta
per agevolare la socializzazione. stato creato una sorta di percorsi di collegamento tra le scuole, ledificio
restaurato degli ex bagni pubblici, il largo e la biblioteca.
Inoltre qualche mese fa la Citt Metropolitana di Firenze ha eliminato le barriere architettoniche per accedere
allingresso est del Liceo Classico realizzando una rampa accessibile che si va a connettere con la piazza.
LA PIAZZA - Il fulcro di Piazza XXIV Luglio sar costituito da una grande aiuola circolare a scarpata
contenuta da una seduta continua realizzata in elementi modulari concavi e convessi provvisti di schienale,
costruiti in calcestruzzo di cemento.
La pavimentazione della piazza in calcestruzzo architettonico. caratterizzata dalla presenza di due
rotonde realizzate in pietra, per la precisione quarzo arenite. La grande seduta di piazza XXIV Luglio
realizzata con due strati di suberite, due strati di protettivo trasparente e uno strato di trasparente antigraffito.
La piazza e Largo della Resistenza sono collegati da un passaggio pedonale rialzato: i due spazi sono ora
sullo stesso livello.
La piazza caratterizzata da unilluminazione a led, presente una colonna con moduli ruotabili. Il
monumento ai caduti valorizzato da un impianto di illuminazione architetturale: dalla colonna prodotta
unilluminazione a 360 gradi su tutta la piazza. Sempre la colonna ospita moduli per le telecamere di
videosorveglianza, per la trasmissione del collegamento a internet attraverso wifi (attiva da met gennaio) e
un diffusore acustico. Sono presenti adesso tre piante, si tratta di liquidambar. Undici le panchine installate,
7 da tre posti e 4 da un posto.
La riqualificazione non ha riguardato solo laspetto estetico dello spazio: stato rifatto e adeguato limpianto
di regimentazione delle acque meteoriche, con nuovi pozzetti e nuovi tratti di tubazione che sono andati ad
allacciarsi al collettore fognario esistente.
LINTERVENTO - La spesa complessiva per la realizzazione dellopera stata di circa 270.000 euro, di cui
90.000 euro a carico della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.
La progettazione della piazza stata curata dai tecnici dellufficio Progettazione Infrastrutture del Comune di

Empoli: progettista geometra Andrea Sequi, responsabile unico del procedimento ingegner Roberta
Scardigli. Tutto lintervento stato realizzato dalla ditta AssoCostruzioni Srl di Pisa.
LA STORIA - Il 24 luglio 1944 furono fucilati per rappresaglia dalle truppe naziste, ventinove cittadini
empolesi. Nel tardo pomeriggio del 23 Luglio 1944 alcuni componenti della Brigata Garibaldi "Guido
Boscaglia" organizzarono nella cittadina di Empoli forme di lotta contro i nazifascisti che occupavano la citt.
Alcuni di loro furono sorpresi da otto militari della 29 Panzer-grenadier-regiment del Pionier Bataillon che
intimarono loro di arrendersi. La reazione di un partigiano armato di Sten fu fulminea: restarono uccisi sette
militari. Uno di loro, come riportano alcune testimonianze dirette e dalla documentazione ufficiale, riusc a
mettere in moto il motocarro e fuggire ferito, raggiungendo immediatamente il suo comando in localit
Terrafino e dando cos l'allarme.
Subito il reparto tedesco imbast un'azione di rastrellamento e nella notte cattur un gruppo di uomini, molti
dei quali sfollati dalla citt, presenti in zona. Una trentina di essi venne inviata sotto scorta, verso Empoli.
Un primo tentativo di fucilazione nei pressi del posto dove cera stato lattacco, venne sventata
dallintervento della ricognizione aerea alleata che, vista questa lunga colonna di persone, chiese
lintervento dellartiglieria.
Durante il tragitto del viaggio, che era ripreso, alcuni uomini riuscirono a scappare. Giunti nel centro di
Empoli, in piazza Francesco Ferrucci, davanti alla ex caserma dei Carabinieri (edificio ex Ser.t), i 30
superstiti furono fatti mettere tra alcuni alberi.
Mentre i tedeschi aprivano il fuoco con armi automatiche, uno degli ostaggi riusciva fortunosamente a
fuggire bench ferito, si tratta di Arturo Passerotti, uno superstite alla strage. La citt, in quel momento, era
deserta perch gli abitanti erano, in gran parte, sfollati. Sulla piazza rimasero 29 corpi che furono
pietosamente raccolti dal proposto don Ascanio Palloni.