Sei sulla pagina 1di 672

Comune di Roma

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA


2009-2011
(Decreto del Presidente della Repubblica 3 agosto 1998, n 326)
r
r

INDICE
1. Caratteristiche generali della popolazione, del territorio, dell’economia insediata e
dei servizi
1.1. La popolazione
1.2. Il territorio
1.3. I servizi
1.4. L’economia insediata
2. Analisi delle risorse
2.1. Fonti finanziamento
2.2. Analisi delle risorse
3. Programmi
3.1. Considerazioni generali
3.2. Obiettivi degli organismi gestionali dell’ente
3.3. Quadro generale degli impieghi per programma
3.4. Programmi
3.4.1. Descrizione del programma
3.4.2. Motivazioni delle scelte
3.4.3. Finalità da conseguire
3.4.4. Risorse umane da impiegare
3.4.5. Risorse strumentali da utilizzare
3.4.6. Coerenza con i piani regionali di settore
3.5. Risorse per la realizzazione del programma
3.6. Spesa prevista per la realizzazione del programma
3.7. Riepilogo programmi per fonti finanziamento
4. Stato di attuazione dei programmi
5. Rilevazioni consolidamento
r
r

SEZIONE I

CARATTERISTICHE GENERALI DELLA


POPOLAZIONE, DEL TERRITORIO, DELL'ECONOMIA
INSEDIATA E DEI SERVIZI DELL'ENTE.

Sezione 1 \ pag. 1
r

1.1 - POPOLAZIONE
1.1.1 - Popolazione legale al censimento 2001 n° 2.546.804
1.1.2 - Popolazione residente alla fine del penultimo anno precedente – 31 Dicembre 2007 -
(art. 110 D. L.vo 77/95) n° 2.718.768
di cui: maschi n° 1.281.482
femmine n° 1.437.286
nuclei familiari (*) n° 1.086.000
comunità/convivenze (**) n° 2.165
1.1.3 - Popolazione all’1.1. 2007
(penultimo anno precedente) n° 2.705.603
1.1.4 - Nati nell’anno 2007 n° 24.645
1.1.5 - Deceduti nell’anno 2007 n° 25.258
saldo naturale n° -613
1.1.6 - Immigrati nell’anno 2007 n° 55.355
1.1.7 - Emigrati nell’anno 2007 n° 41.577
saldo migratorio n° 13.778
1.1.8 - Popolazione al 31.12. 2007 n° 2.718768
1.1.8 Bis - Popolazione al 31.12. 2007 (**) (penultimo anno precedente)
di cui n° 2.838.047
1.1.9 - In età prescolare (0/6 anni) n° 175.227
1.1.10 - In età scuola obbligo (7/14 anni) n° 191.218
1.1.11 - In forza lavoro 1a occupazione (15/29 anni) n° 399.517
1.1.12 - In età adulta (30/65 anni) n° 1.677.220
1.1.13 - In età senile (oltre 65 anni) n° 565.018
1.1.14 - Tasso di natalità ultimo quinquennio: Anno Tasso ‰
2003 9,9
2004 10,2
2005 9,7
2006 9,5
2007 9,1

1.1.15 - Tasso di mortalità ultimo quinquennio: Anno Tasso ‰


2003 10,6
2004 10,1
2005 9,9
9,0
2006
9,3
2007
1.1.16 - Popolazione massima insediabile come da strumento urbanistico abitanti n° 326.905
vigente: entro il 2010 stanze/ab. _
1.1.17 -

(*) dato stimato, non disponibile al 31.12.2007, perché non è stato concluso il confronto Censimento/Anagrafe
(**) dato di fonte anagrafica non allineato al dato censuario

Sezione 1 \ pag. 2
r

1.1.17 - Livello di istruzione della popolazione residente:

Tavola: Popolazione residente di 6 anni e più per classe di età quinquennale e grado di istruzione - Comune di Roma -
Censimento 2001.

Grado di istruzione
Diploma di scuola secondaria superiore Licenza
Licenza
CLASSE DI ETÀ Diploma di scuola Alfabeti
Altri diplomi Diploma di
QUINQUENNALE universitario o media privi di Analfab
Laurea Maturità di maturità scolastico scuola Totale
DA 6 IN POI terziario di tipo Totale inferiore titolo di eti
liceali (corso 4-5 di element
non universitario o di studio
anni) qualifica are
avviame
6-10 0 0 0 0 0 0 0 9223 100388 306 109917
11-14 0 0 0 0 0 0 25042 59906 1445 71 86464
15-19 0 0 12627 8223 5335 26185 84169 2384 835 179 113752
20-24 2315 1531 53010 44922 5889 103821 27376 1696 524 257 137520
25-29 29100 5044 38137 62944 8498 109579 40743 2692 789 400 188347
30-34 43942 6290 24750 65661 11186 101597 53048 4086 1103 526 210592
35-39 42825 6299 24213 64036 13311 101560 60364 6120 1376 641 219185
40-44 35863 5109 22410 51324 11359 85093 50565 8894 1341 527 187392
45-49 34240 3466 15957 41765 11002 68724 46716 15378 1449 493 170466
50-54 32303 2836 10383 38192 10102 58677 48725 29430 1899 531 174401
55-59 24608 2261 8250 29792 7079 45121 46813 39292 3091 555 161741
60-64 21777 1971 8034 25615 6402 40051 45641 54978 5990 962 171370
65-69 16173 1396 6448 15929 4379 26756 33368 58407 10688 1691 148479
70-74 14149 1013 6403 12544 3660 22607 27579 51605 10261 1666 128880
75 e più 23381 1759 8130 19282 6572 33984 37643 83541 23233 4090 207631
Totale 320676 38975 238752 480229 104774 823755 627792 427632 164412 12895 2416137

1.1.18 - Condizione socio-economica delle famiglie:

Tavola: Popolazione residente appartenente alle forze di lavoro per condizione - Lazio (dettaglio
provinciale) - Censimento 2001.

Forze di lavoro
In cerca di occupazione
PROVINCE In cerca di Altre persone
Occupati Totale
prima Disoccupati in cerca di Totale
occupazione lavoro

Viterbo 99126 4048 6415 2990 13453 112579


Rieti 51468 2100 2858 1272 6230 57698
Roma 1414413 66334 90922 40735 197991 1612404
di cui: comune di Roma 1002523 41831 57374 25732 124937 1127460
Latina 165469 10361 15126 6579 32066 197535
Frosinone 154753 11410 11879 6212 29501 184254
Lazio 1885229 94253 127200 57788 279241 2164470

Sezione 1 \ pag. 3
r

1.2 - TERRITORIO
1.2.1 - Superficie in Kmq. 1.285,30
1.2.2 - RISORSE IDRICHE
* Laghi n° 2 * Fiumi e torrenti n° 2
1.2.3 - STRADE
* Statali Km. 24,5 * Provinciali Km. 382 * Comunali Km. 8.000
* Vicinali Km. * Autostrade Km. 128 * Regionali Km 44
1.2.4 - PIANI E STRUMENTI URBANISTICI VIGENTI
Se SI data ed estremi del provvedimento di approvazione
• Piano regolatore adottato si x no □ DELIBERAZIONE C.C. N. 33/2003_
• Piano regolatore approvato si x no □ DELIBERAZIONE C.C. 18/2008
• Programma di fabbricazione si □ no □
• Piano edilizia economica e II PEEP 1987-2007 – Manovra Attuativa chiusura deliberazione CC.
popolare si x no □ 65/2006 e s.m.i n. 32 Piani Approvati con deliberazione G.R. per 22.414
stanze
PIANO INSEDIAMENTI PRODUTTIVI
• Industriali si □ no □ Sono stati recepiti nelle previsioni di piano
• Artigianali si □ no □ (del. C.C. N. 18/2008)
• Commerciali si □ no □
• Altri strumenti (specificare)

Esistenza della coerenza delle previsioni annuali e pluriennali con gli strumenti urbanistici vigenti (art. 12, comma 7, D. L.vo
77/95) si □ no □
Se SI indicare l’area della superficie fondiaria (in mq.)
(*)
AREA INTERESSATA AREA DISPONIBILE
P.E.E.P.

P.I.P.

(*) Le previsioni del II PEEP sono state esaminate con la delibera C.C. n. 65/2006 e successive modifiche ed integrazioni (n.
32 Piani di Zona per 27.414 stanze) approvati dalla Regione Lazio nel novembre 2007

Sezione 1 \ pag. 4
r

1.3 - SERVIZI
1.3.1 - PERSONALE

1.3.1.1
CATEGORIA CATEGORIA
PREVISTI IN PREVISTI IN
E IN SERVIZIO E IN SERVIZIO
PIANTA PIANTA
POSIZIONE NUMERO POSIZIONE NUMERO
ORGANICA N° ORGANICA N°
ECONOMICA ECONOMICA
1 - - 1 19.251 1.216
2 - - 2 - 231
A 3 - 1 C 3 - 2.483
4 - - 4 - 1.965
5 - 4 5 - 9.507
1 6.383 75 1 6.454 43
2 - 48 2 - 30
3 - 1.031 3 - 2.571
D
B 4 - 213 4 - 86
5 - 1.189 5 - 861
6 - 801 6 - 668
7 - 1.402

1.3.1.2 - Totale personale al 31 – 12 dell’anno precedente l’esercizio in corso


di ruolo n° 24.702 (Inclusi 277 Dirigenti)
fuori ruolo n° 1.409

1.3.1.3 - AREA TECNICA 1.3.1.4 - AREA ECONOMICO - FINANZIARIA


CAT. E QUALIFICA N° PREV. N° IN CAT. E QUALIFICA N° PREV. N° IN
POS. ECON. PROF.LE P.O. SERVIZIO POS. ECON. PROF.LE P.O. SERVIZIO
1 Operaio qualif. 0 2 1
2 2
A A
3 3
4 4
1 Operatore 1.987 748 1
2 2
3 Operatore 0 646 3
B B
4 4
5 5
6 6
1 Istruttore 1.121 918 1 Istr. Economico 80 51
2 2
C C
3 3
4 4
1 Funzionario 861 546 1 Funz. Economico 189 100
2 2
D 3 Funzionario 0 73 D 3 Funz.Economico 0 31
4 4
5 5

oltre n° 76 dirigenti oltre n° 24 dirigenti

Sezione 1 \ pag. 5
r

1.3.1.5 - AREA DI VIGILANZA 1.3.1.6 - AREA DEMOGRAFICA - STATISTICA


CAT. E QUALIFICA N° PREV. N° IN CAT. E QUALIFICA N° PREV. N° IN
POS. ECON. PROF.LE P.O. SERVIZIO POS. ECON. PROF.LE P.O. SERVIZIO
1 1
2 2
A A
3 3
4 4
1 1
2 2
3 3
B B
4 4
5 5
6 6
1 Istruttore P.M. 5.005 4.417 1
2 2
C C
3 3
4 4
1 Funzionario P.M. 2.384 1.437 1 Statistico 30 9
2 2
D 3 Funzionario P.M. 0 23 D 3 Statistico 0 1
4 4
5 5

oltre n° 22 dirigenti oltre n° 0 dirigenti

NOTA: per le aree non inserite non devono essere fornite notizie sui dati del personale. In caso di attività promiscua deve
essere scelta l'area di attività prevalente.

Sezione 1 \ pag. 6
r

1.3.2 - STRUTTURE

ESERCIZIO
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
TIPOLOGIA IN CORSO
ANNO 2008 ANNO 2009 ANNO 2010 ANNO 2011
1.3.2.1 - Asili nido n° 195 posti n° 12.554 posti n° 13.442 posti n° 14.304 posti n° 15.005
1.3.2.2 - Scuole materne n° 527 posti n° 57.020 posti n° 35.572 posti n° 35.797 posti n° 36.022
scuole statali n° 222 posti n° 21.748 posti n° / posti n° / posti n° /
scuole comunali n° 305 posti n° 35.272 posti n° 35.572 posti n° 35.797 posti n° 36.022
1.3.2.3 - Scuole elementari n° 384 posti n° 103.456 posti n° / posti n° / posti n° /
1.3.2.4 - Scuole medie n° 149 posti n° 67.405 posti n° / posti n° / posti n° /
1.3.2.5 - Strutture residenziali
n° 5 posti n° 370 posti n° 372 posti n° 372 posti n° 372
per anziani
1.3.2.6 - Farmacie Comunali n° 41+1** n° n.d. n° n.d. n° n.d.
1.3.2.7 - Rete fognaria in Km.
- bianca 256 269 279 287
- nera 362 369 378 390
- mista 3870 3890 3910 3930
1.3.2.8 - Esistenza depuratore si x no □ si x no □ si x no □ si x no □
1.3.2.9 - Rete acquedotto in Km. 5.190 5.203 5.270 5.310
1.3.2.10 - Attuazione servizio idrico integrato si x no □ si x no □ si x no □ si x no □
n° 1.542 n° 1.552 n° 1.562 n° 1.572
1.3.2.11 - Aree verdi, parchi, giardini
hq. 3.810 hq. 3.850 hq. 3.890 hq. 3.939
1.3.2.12 - Punti luce illuminazione pubblica n° 165.000 n° 170.000 n° 174.000 n° 178.000
1.3.2.13 - Rete gas in Km. 4.755 4.785 4.815 4.850
1.3.2.14 - Raccolta rifiuti in quintali
- civile 1.851.549 1.833.033* 1.814.703* 1.796.556*
- industriale
- raccolta differenziata si si si si
1.3.2.15 - Esistenza discarica si si si si
1.3.2.16 - Mezzi operativi * n° 3.611 n° 3.749 n° 3.752 n° 3.752
1.3.2.17 - Veicoli * n° 5.003 n° 5.164 n° 5.159 n° 5.152
1.3.2.18 - Centro elaborazione dati si si si si
1.3.2.19 - Personal computer n° 14.000 n° 15.500 n° 17.000 n° 17.000
1.3.2.20 - Altre strutture:
Centri Diurni per Alzheimer n° 10 posti n° 230 posti n° 250 posti n° 250 posti n° 250
Centri Diurni malati di Parkinson n° 1 posti n° 20 posti n° 20 posti n° 20 posti n° 20
Strutture residenziali per minori n° 6 posti n° 134 posti n° 134 posti n° 134 posti n° 134
Strutture residenziali per nuclei
n° 3 posti n° 82 posti n° 82 posti n° 82 posti n° 82
madri con bambino

Sezione 1 \ pag. 7
r

Strutture residenziali protette per


n° 2 posti n° 13 posti n° 13 posti n° 13 posti n° 13
handicappati
*Mezzi operativi e veicoli Autoparco, Ama e Tpl
** 41 Farmacie e un dispensario Farmaceutico

Sezione 1 \ pag. 8
r

1.3.3 - ORGANISMI GESTIONALI

Sezione 1 \ pag. 9
Dipartimento XV Politiche di Controllo del “Gruppo
Comune di Roma” e Coordinamento delle iniziative
per lo sviluppo economico della città

I U.O. Società Quotate ed Operazioni Straordinarie

IL “GRUPPO COMUNE DI ROMA”


ALLEGATO ALLA 1.3.3 – ORGANISMI GESTIONALI

Sezione 1 \ pag. 10
Indice
Il “Gruppo Comune di Roma”

PREMESSA ............................................................................................... 5

1. L’ANDAMENTO DEL “GRUPPO COMUNE DI ROMA” NEL 2007 ...... 6


1.1 Forma giuridica e numero delle aziende del “Gruppo Comune di Roma” al
31.12.2007 .......................................................................................................................... 6

1.2 I risultati 2007 attraverso i principali indicatori ..................................................................


1.2.1 I dati patrimoniali e finanziari delle principali aziende del “Gruppo Comune di
Roma” ........................................................................................................................
1.2.2 I dati economici delle società del “Gruppo Comune di Roma” ...................................

1.3 La dinamica del personale ......................................................................................................

1.4 Le società di secondo livello....................................................................................................

2. PUNTI DI ATTENZIONE ..........................................................................

3. PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE E RIASSETTO DELLE


PARTECIPATE

Sezione 1 \ pag. 11
Premessa
In questo documento, composto di quattro parti ed organizzato in altrettanti
volumi, il “Gruppo Comune di Roma” viene rappresentato attraverso l’analisi e la
valutazione dell’andamento gestionale, economico, finanziario e patrimoniale
delle singole società direttamente controllate o partecipate, così come risulta dai
bilanci chiusi al 31 dicembre 2007.
L’insieme del documento costituisce allegato alla relazione previsionale
programmatica. Tuttavia la presente stampa è limitata alla sola prima parte. Le
parti restanti sono consultabili tramite l’allegato CD.
Nella prima parte - capitolo 1 dopo una rappresentazione del “Gruppo Comune di
Roma” in ragione del numero e della forma giuridica delle società partecipate
(par. 1.1), vengono brevemente evidenziati e illustrati i risultati di bilancio delle
principali società del “Gruppo” nel corso del 2007, dal punto di vista patrimoniale
e finanziario (par. 1.2.1) e dal punto di vista economico (par. 1.2.2); particolare
attenzione viene attribuita alla dinamica della forza lavoro (par. 1.3). A
completamento di una tale visione d’insieme, vengono riportate in un unico
schema le più rilevanti informazioni sulle società indirettamente partecipate dal
Comune di Roma (par. 1.4). Il capitolo 2 è dedicato alla elencazione delle
principali criticità emerse in occasione dell’analisi dei bilanci 2007 e più
diffusamente analizzate nei capitoli successivi, dedicati alle singole società.
Sempre nella prima parte, ma nella seconda sezione, - capitolo 3 vengono
analizzati in maggior dettaglio i risultati e l’andamento, nel corso del 2007, della
società quotata Acea S.p.A. e del Gruppo Acea (par. 3.1) e della Servizi
Azionista Roma S.r.l. (par. 3.2).

La seconda parte del documento contiene l’analisi e la valutazione dei bilanci


delle società appartenenti al settore del trasporto pubblico locale, la terza parte le
analisi delle società riconducibili al settore dell’igiene e delle società proprietarie
di infrastrutture urbane ed, infine, la quarta parte si concentra sui risultati delle
società di servizi e delle fondazioni.

Per ciascuna delle società esaminate è proposta una sintesi, a cura delle
rispettive UU.OO., dei principali dati economici e patrimoniali, con la consistenza
del personale impiegato, così come risultano dal bilancio approvato nelle
assemblee degli azionisti che si sono prevalentemente svolte tra i mesi di aprile e
giugno 2008 o in corso di analisi e approfondimenti oltre il 30 giugno, nell’ambito
della gestione commissariale del Comune di Roma. Vengono inoltre illustrate le
attività realizzate nel corso del 2007, nonché i più rilevanti fatti accaduti nel corso
del primo trimestre del 2008 ed approfonditi gli aspetti di carattere industriale,
gestionale e normativo. In alcuni casi risultano evidenziati alcuni punti critici che
si è ritenuto opportuno segnalare. Ogni documento, infine, viene completato con
le analisi di bilancio, elaborate dalla Servizi Azionista Roma S.r.l..

Sezione 1 \ pag. 12
1. L’andamento del “Gruppo Comune di Roma” nel 2007

1.1 Forma giuridica e numero delle aziende del “Gruppo Comune


di Roma” al 31.12.2007
Alla fine del 2007, le principali aziende controllate o partecipate direttamente dal
Comune di Roma risultano invariate rispetto al 2006 e sono 28, di cui due
partecipate anche in via indiretta.
Dal punto di vista della forma giuridica, si distinguono 20 società di capitali
(S.p.A. e s.r.l.), 2 aziende speciali, 2 istituzioni, 3 fondazioni e 1 mutua
assicuratrice.
Le 20 società di capitali comprendono 1 quotata controllata dal Comune di Roma
con il 51%, 9 società in house e 10 società a capitale misto, dove il Comune di
Roma partecipa con quote comprese tra il 31% e l’1,13% del capitale sociale.
L’elenco dettagliato delle società di primo livello i cui bilanci sono analizzati nel
presente documento (27 bilanci esclusa Acea ATO2), distinte per forma giuridica
è specificato di seguito:

Società per Azioni:


- Acea S.p.A. (gruppo societario) – società quotata
- Acea ATO2 S.p.A. (96% Acea S.p.A. e 3,5% Comune di Roma) –
consolidata da Acea S.p.A..
- Ama S.p.A. (gruppo societario) – in house
- APTRLazio S.p.A.
- ATAC S.p.A. (gruppo societario) – in house
- Trambus S.p.A. (gruppo societario) – in house
- Aeroporti di Roma ADR S.p.A. – capitale misto
- Centro Agroalimentare Roma S.c.p.A. – capitale misto
- Centrale del Latte di Roma S.p.A. – capitale misto
- Centro Ingrosso Fiori S.p.A. – capitale misto
- EUR S.p.A. – capitale misto
- Fiera di Roma S.p.A. (denominazione variata in Investimenti S.p.A. nel
corso del 2008) – capitale misto
- G.E.M.M.A. S.p.A. – capitale misto
- Met.Ro. S.p.A. – in house
- Risorse – R.p.R. S.p.A. – in house
- Roma Entrate S.p.A. – in house
- Roma Multiservizi S.p.A. – capitale misto

Sezione 1 \ pag. 13
Società a responsabilità limitata:
- Roma Metropolitane S.r.l. – in house
- Servizi Azionista Roma S.r.l. – in house
- Zètema Progetto Cultura S.r.l. – in house

Aziende Speciali:
- Farmacap
- Palaexpo

Fondazioni (principali):
- Bioparco
- Mondo Digitale
- Musica per Roma

Istituzioni e altre aziende:


- Agenzia per le tossicodipendenze
- Le Assicurazioni di Roma
- Sistema Biblioteche Centri Culturali

Le maggiori società per azioni – Acea S.p.A., Ama S.p.A., Atac S.p.A. e Trambus
S.p.A. – a loro volta controllano o partecipano al capitale di altre società e
redigono un bilancio consolidato di gruppo. Pertanto, considerando anche queste
società di secondo livello, che ricadono nelle rispettive aree di consolidamento,
risulta che al 31.12.2007 nel complesso, l’Amministrazione Comunale partecipa,
direttamente o indirettamente, a circa 107 società: 28 di primo livello, di cui 2
partecipate anche indirettamente (Roma multiservizi S.p.A. e Acea ATO2 S.p.A.)
e 79 di secondo livello. Infatti:
- Acea S.p.A. consolida 56 società oltre Acea ATO2 partecipata anche
direttamente dal Comune di Roma con il 3,5%;
- Ama S.p.A. consolida 11 società oltre Roma Multiservizi S.p.A., già
compresa nell’elenco sopra riportato perché partecipata anche
direttamente dal Comune di Roma con il 15%;
- nel settore del Trasporto Pubblico Locale, Trambus S.p.A. consolida 4
società, Atac S.p.A. 3 e Met.Ro. S.p.A. 1;
- altre società quali C.A.R. S.c.p.A., Fiera di Roma S.p.A., Assicurazioni di
Roma e l’Azienda Speciale Palaexpo consolidano ciascuna una società.

Sezione 1 \ pag. 14
Più in particolare, le diverse tipologie di società e la struttura del “Gruppo” al
31.12.2007, sono rappresentate rispettivamente nello schema e nei due grafici
che seguono. Nel primo grafico il raggruppamento delle società si basa
sull’attuale organizzazione del Dipartimento XV, in vigore dal 2006, mentre nel
secondo grafico le stesse società sono state raggruppate in funzione della
tipologia di servizi erogati: servizi strumentali e servizi pubblici.

% Comune di Capitale
Quotate in House Gruppo N.° società consolidate
Roma misto
Società per Azioni ed a responsabilità limitata
1 Acea S.p.A. 51,0 √ √ 56 (oltre Acea ATO2)
3,5 direttamente e
2 Acea ATO2 48,96% √
indirettamente
3 Ama S.p.A. 100,0 √ √ 11 (oltre Roma Multiservizi)
4 Atac S.p.A. 100,0 √ √ 3
5 Trambus S.p.A. 100,0 √ √ 4
6 Met.Ro. S.p.A. 95,5 √ √ 1
7 Risorse RpR S.p.A. 97,0 √
8 Roma Entrate S.p.A. 100,0 √
9 Roma Metropolitane s.r.l. 100,0 √
10 Servizi Azionista Roma s.r.l. 100,0 √
11 Zètema s.r.l. 100,0 √
12 Aeroporti di Roma S.p.A. 1,3 √ √
Agenzia Regionale per la Promozione Turistica di
13 19,0 √
Roma e del Lazio S.p.A.
14 Centro Agroalimentare Romano S.c.p.A. 31,0 √ √ 1
15 Centrale del Latte di Roma S.p.A. 6,7 √
16 Centro Ingrosso Fiori S.p.A. 20,0 √
17 Eur S.p.A. 10,0 √
18 Fiera di Roma S.p.A. 27,6 √ 1
19 G.E.M.M.A. S.p.A. 20,0 √
15 direttamente e
20 Roma Multiservizi S.p.A. 36 indirettamente

Aziende Speciali

21 Farmacap 100,0
22 Palaexpo 100,0 √ 1

Fondazioni (principali)

23 Bioparco
24 Mondo Digitale
25 Musica per Roma

Istituzioni ed altre

26 Agenzia per le tossicodipendenze 94,0


27 Le Assicurazioni di Roma √ 1
28 Sistema Biblioteche Centri Culturali 100,0

Totale I livello 28 Totale II livello 79

Totale I e II livello: 107

Sezione 1 \ pag. 15
Figura 1 – Struttura del Gruppo Comune di Roma al 31 dicembre 2007
Trasporto Pubblico Locale

Società Quotate ed Operazioni Straordinarie

Società di Servizi e Fondazioni


Igiene Urbana e Società delle Infrastrutture
Zètema
Zètema
100% 100% Gruppo
Gruppo 51% 31% 100% Gruppo
Gruppo 100% 100%
Trambus
Trambus ATAC
ATAC 1 CAR
CAR 2 Progetto
Progetto Farmacap
ACEA
ACEA1 AMA
AMA2 Cultura
Cultura
96% 36%

60 % Trambus
Trambus 100 % ATAC
ATAC 100 % Roma
ACEA
ACEA
3,5% Cargest
Cargest 15% Roma Risorse
Risorse 97% 100%
Open
Open Patrimonio
Patrimonio Multiservizi Palaexpo
ATO
ATO22 Multiservizi R.p.R.
R.p.R.

100 % Trambus
Trambus 100 % ATAC
ATAC Servizi Fiera Zone
Eng.
Eng. Parcheggi
Parcheggi
Servizi 100% Fieradidi 27,6% 10%
E.U.R. Roma
Roma
100 % Zone
Azionista
Azionista Roma E.U.R. 100%
Attive
Roma Entrate
Entrate Attive
Roma
Roma
52 % 100 %
TTAS Transel Nuova
Nuova Centrale
TTAS Transel 100 % Centrale Sistema
Fiera
Fiera 6,7% del
didiRoma del GEMMA 20% 100% Biblioteche
Roma Latte
Latte GEMMA Centri
100 % Trambus
Trambus Culturali
Electric
Electric 95,5% Aeroporti
Aeroporti
Met.Ro.
Met.Ro. 20% 1,13%
CIF
CIF didi 9% Le
Le Agenzia per
Assicurazioni 74,35% 100%
Roma
Roma 9% Assicurazioni le tossico-
Officine 4,5%
didiRoma
Roma dipendenze
Roma
Roma 100% 100 % Officine ATLazio
Metropolitane Grandi
Grandi ATLazio
Metropolitane Agenzia
Agenzia 19% 100 %
Revisioni
Revisioni Turismo AdiR
Turismo AdiR Musica per
Lazio
Lazio Vita
Vita Roma

Bioparco
Controllo Partecipazione

Handicap Mondo
S.p.A./S.r.l./S.c.p.A. Aziende Speciali Istituzioni/Enti vari Fondazioni Dopo di noi Digitale

1: L’area di consolidamento del gruppo Acea è composta da 56 società, oltre AceaATO2 e la capogruppo, già rappresentate nel grafico.
2: L’area di consolidamento del gruppo AMA è composta da 11 società, oltre Roma Multiservizi S.p.A. e la capogruppo, già rappresentate nel grafico.

Sezione 1 \ pag. 16
Figura 2 – Struttura del Gruppo Comune di Roma al 31 dicembre 2007
suddivisa per natura di servizi erogati

Servizi Strumentali Servizi Pubblici


A carattere di
Consulenza Tributi e Altri
meritorietà Essenziali
Assicurativo
Risorse
Risorse Roma
Roma Roma
Roma
R.p.R.
R.p.R. Entrate
Entrate Metropolitane
Metropolitane
Cultura e Sociale Energia ed Idrico Trasporti Igiene Urbana
Servizi
Servizi Le
Le
Roma
Roma
Azionista
Azionista Assicurazioni
Assicurazioni Multiservizi
Multiservizi Zètema
Zètema
Roma
Roma didiRoma Farmacap
Roma Progetto
Progetto Gruppo
Gruppo Gruppo
Gruppo
ATAC
ATAC Trambus
Trambus Met.Ro.
Met.Ro.
Cultura
Cultura ACEA 1
ACEA1 AMA 2
AMA2
96%
Officine
Officine
100 % ATAC
ATAC 60 % Trambus
Trambus 100 %
Palaexpo ACEA Grandi
Grandi
Partecipate ACEA Patrimonio
Patrimonio Open
Open
ATO Revisioni
ATO22 Revisioni
Sistema
Biblioteche 100 % ATAC
ATAC 100 % Trambus
Trambus
Centri Parcheggi
Parcheggi Eng.
Eng.
Infrastrutture e sviluppo Culturali
100 % 52 %
Fiera Agenzia per Transel TTAS
Altro Fieradidi CAR E.U.R. le tossico- Transel TTAS
Roma CAR E.U.R.
Centrale Roma dipendenze
Centrale
del
del Trambus
Nuova
Nuova 100 %
100 % Trambus
Latte
Latte 100 % Aeroporti
Aeroporti Electric
Fiera
Fiera Cargest
Cargest Bioparco Electric
didi
Condono didiRoma
Roma Roma
Roma
ATLazio
ATLazio Musica per
Agenzia
Agenzia CIF
GEMMA
GEMMA Turismo CIF Roma
Turismo
Lazio
Lazio
Mondo
Digitale

Sezione 1 \ pag. 17
1.2 I risultati 2007 attraverso i principali indicatori
I dati riportati nel presente paragrafo si riferiscono ai bilanci delle società di
capitali, approvati in sede di assemblea. In particolare, vengono
rappresentate le società di capitali controllate e partecipate dal Comune di
Roma (società in house, quotata e società partecipate), le Aziende Speciali
e le Istituzioni, i cui bilanci sono approvati rispettivamente dalla Giunta
Comunale e dal Consiglio Comunale.

1.2.1 I dati patrimoniali e finanziari delle principali aziende del “Gruppo


Comune di Roma”
Il patrimonio netto delle principali aziende comunali (società in house,
aziende speciali, Gruppo Acea, Roma Multiservizi e Assicurazioni di Roma)
al 31 dicembre 2007, risulta pressoché invariato rispetto al 2006 ed è pari a
circa 2,1 miliardi di Euro.
Come si nota dal grafico sottostante, il 69% del patrimonio delle principali
aziende considerate è tuttavia riferibile al gruppo ACEA (1 miliardo e 439
milioni di Euro) ed il 29% alle società in house, principalmente al gruppo
ATAC (con il 26%).

Patrim onio Netto 2007 principali società: 2.099.227.000€

A ziende Speciali
0% So cietà in ho use
29%

Ro ma M ultiservizi e
Gruppo A cea A ssicurazio ni di Ro ma
69% 2%

Le principali variazioni in termini assoluti del grado di patrimonializzazione


consistono nella riduzione di oltre 63 milioni di Euro per il Gruppo Atac, e di
quasi 40 milioni di Euro per il gruppo Ama. In quest’ultimo caso la
contrazione del patrimonio netto discende direttamente dall’aumento delle
perdite registrate in corso d’anno. Con riferimento alle società partecipate, si
osserva l’incremento del patrimonio netto di Eur S.p.A., pari ad oltre 16
milioni di Euro e la contrazione del patrimonio netto di Aeroporti di Roma di
oltre 31 milioni di Euro.
La tabella 1 rappresenta, in dettaglio, il capitale sociale e il patrimonio netto
rilevati negli ultimi due anni e comprende i totali parziali per tipologia di

Sezione 1 \ pag. 18
società. Nel caso delle società partecipate non si è tenuto conto delle quote
di partecipazione, comunque rappresentate nella prima colonna.
Tabella 1 - Capitale sociale e patrimonio netto delle principali aziende del “Gruppo Comune di Roma” -
Anni 2007 e 2006 (valori percentuali e migliaia di euro)

Azioni % (1)
Capitale sociale Patrimonio Netto
SOCIETA’ DI CAPITALI detenute

2007 2006 2007 2006


In house
AMA S.p.A. 100 70.000 70.000 25.277 61.095
Gruppo AMA (consolidato) 25.807 65.532
ATAC S.p.A. 100 550.518 550.518 570.373 632.983
Gruppo ATAC (consolidato) 541.689 605.230
Trambus S.p.A. 100 2.687 2.687 1.663 4.161
Gruppo Trambus (consolidato) 4.969 7.044
Metro S.p.A. 95,5 2.080 2.080 18.575 18.004
Metro S.p.A. (consolidato) 18.583 18.009
Risorse-R.p.R. S.p.A. 97 7.172 7.172 7.422 7.359
Roma Entrate S.p.A. 100 4.500 4.500 4.885 4.645
Roma Metropolitane S.r.l. 100 1.000 1.000 1.446 1.329
Servizi Azionista Roma S.r.l. 100 300 300 309 302
Zètema Progetto Cultura S.r.l. 100 2.822 2.822 2.571 2.914
Totale Società in house 641.079 641.079 607.681 712.364

Partecipate a capitale misto (%)


(2)
Roma Multiservizi S.p.A. 15 2.066 2.066 21.060 19.106
Gemma S.p.A. 20 3.060 3.060 2.057 1.035
Fiera di Roma S.p.A. 27,6 221.275 221.275 251.638 251.487
Eur s.p.A. 10 645.248 645.248 707.160 690.286
Centro Ingrosso Fiori S.p.A. 20 1.258 1.258 816 864
Centro Agroalimentare Romano S.c.p.A. 31 63.606 63.606 47.183 48.290
Agenzia Regionale per la Promozione Turistica di Roma e del
Lazio S.p.A. 19 1.000 1.000 940 1.000

Assicurazioni di Roma 74,4 16.000 16.000 21.750 21.036


Assicurazioni di Roma (consolidato) 22.617 21.240
Centrale del Latte 6,7 37.736 37.736 51.087 53.225
Aeroporti di Roma 1,3 62.310 62.309 766.392 797.930
Aeroporti di Roma (consolidato) 731.068 763.648
Totale Partecipate a capitale misto 1.053.559 1.053.558 1.835.626 1.850.181

Quotata
Acea S.p.A. 51 1.098.899 1.098.899 1.605.937 1.612.142
Gruppo Acea (consolidato) 1.439.716 1.376.877
Totale Società Quotata 1.098.899 1.098.899 1.439.716 1.376.877

Totale società di capitali 2.793.537 2.793.536 3.883.023 3.939.422

Azioni % (1)
Capitale sociale Patrimonio Netto
ALTRE detenute

2007 2006 2007 2006


Aziende Speciali

Farmacap 100 8.263 8.263 8.881 8.881


(3)
Palaexpo 100 0 0 139 123
Palaexpo (consolidato)
Totale Aziende Speciali 8.263 8.263 8.881 8.881

Fondazioni e Istituzioni
Fondazione Bioparco 17.745 17.745 18.225 18.220
Fondazione Mondo Digitale 1.680 1.455 1.842 1.458
Fondazione Musica per Roma 23.916 22.516 24.870 24.452
Agenzia Tossicodipendenze 94 512 492 515 512
Istituzioni Biblioteche 100 6.996 7.003 7.576 7.388
Totale Fondazioni e Istituzioni 50.849 49.211 53.028 52.030

Totale Altre 59.112 57.474 61.909 60.911

TOTALE 2.852.649 2.851.010 3.944.932 4.000.333

(1) nel caso dei Gruppi il dato comprende il Patrimonio Netto di Terzi
(2) controllata indirettamente attraverso Ama S.p.A.
(3) dato ricalcolato anche per il 2006 per il diverso trattamento, nel 2007, della posta riguardante i trasferimenti per la
ristrutturazione del Palazzo delle Esposizioni.

Sezione 1 \ pag. 19
Con riguardo alle posizioni debitorie e creditorie si osserva, rispetto al 2006,
un generalizzato incremento dei debiti verso fornitori, con l’eccezione delle
Istituzioni e Fondazioni (-25,6%).
In particolare, aumentano le passività verso fornitori per le società in house
(+32,9%) che superano complessivamente il miliardo di Euro, per il Gruppo
Acea (+25,6%) che si attesta a circa 775 milioni di Euro e per le altre società
a capitale misto (+4,3%) con 226 milioni di Euro di debiti, nonché per le
Aziende Speciali (+61%) con poco più di 27 milioni di Euro. Nel grafico
sottostante è rappresentato il debito verso fornitori delle sole società in
house.
Volendo aggregare il dato per tutte le tipologie di società, si perviene, pur
senza considerare le diverse quote di partecipazione nel capitale sociale ad
un debito complessivo verso fornitori di oltre 2 miliardi di Euro1,
corrispondente ad un incremento del 25,9% rispetto al 2006.

Debiti verso fornitori società in house: 1.033.117.000€ 2006 2007

A TA C S.p.A .
A M A S.p.A .

M etro S.p.A .

Ro ma M etro po litane S.r.l.

Trambus S.p.A .

Riso rse-R.p.R. S.p.A .


Zètema P ro getto Cultura S.r.l.

Ro ma Entrate S.p.A .

Servizi A zio nista Ro ma S.r.l.

0 50.000 100.000 150.000200.000250.000300.000350.000400.000450.000500.000

Con riferimento alle posizioni debitorie e creditorie (commerciali e


finanziarie) delle società del “Gruppo Comune di Roma” nei confronti del
Comune di Roma, si osserva innanzitutto che solo le società in house
presentano una posizione debitoria netta.
Si registra, nello specifico, un incremento dei debiti rispetto al 2006 (+43,7%)
maggiore dell’incremento dei crediti (+20,3%). A fine 2007 i debiti verso il
Comune di Roma ammontano a poco più di 725 milioni di Euro, rispetto a
crediti pari a circa 623 milioni di Euro. Ciò, infatti, determinerebbe una
posizione debitoria netta delle società in house nei confronti del Comune di
Roma per circa 100 milioni di Euro a fine 2007, contro una posizione di

1
Il valore riportato non può essere considerato un dato consolidato.

Sezione 1 \ pag. 20
sostanziale pareggio rilevabile alla fine dell’anno precedente (circa 13 milioni
di crediti netti complessivi).
Il Gruppo Acea presenta, invece, una posizione creditoria netta nei confronti
del Comune di Roma, di circa 84 milioni di Euro, con una riduzione
percentuale rispetto al 2006 sia dei debiti (- 16,7%) sia dei crediti (-25,6%).
Le società a capitale misto non espongono debiti nei confronti del Comune
di Roma ad eccezione di Gemma S.p.A. (815 milioni di Euro) ed Eur S.p.A.
2
(500 milioni), mentre presentano crediti per complessivi 37 milioni circa.
Le Aziende Speciali abbattono il proprio debito nei confronti del Comune di
Roma di circa il 50% rispetto all’anno precedente, a fronte di un incremento
complessivo dei crediti del 29% mostrando, anche in questo caso, una
posizione creditoria netta di circa 8 milioni di Euro.
Infine, l’aggregato “Fondazioni e Istituzioni” espone un credito netto
complessivo di poco più di un milione di Euro.
Volendo aggregare i dati per tutte le tipologie di società, si perviene, pur
senza considerare le diverse quote di partecipazione nel capitale sociale, né
eventuali partite infragruppo, ad un debito complessivo nei confronti del
Comune di Roma di circa 900 milioni di Euro, corrispondente ad un
incremento del 26,2% rispetto al 2006, a fronte di crediti complessivi delle
società rispetto al Comune di Roma, di circa 918 milioni di Euro,
corrispondenti ad un incremento del 2% rispetto al dato del 2006. Gli importi
sono tali da delineare un sostanziale bilanciamento complessivo (circa 18
milioni di posizione creditoria netta).
600.000 Debiti e Crediti vs Comune di Roma società in house 2007:
725.014.000€ debiti e 625.063.000€ crediti
Debiti vs CdR Crediti vs CdR

500.000

400.000

300.000

200.000

100.000

0
Trambus S.p.A . M etro S.p.A . A M A S.p.A . A TA C S.p.A . Ro ma Riso rse-R.p.R. Ro ma Entrate Zètema Servizi
M etro po litane S.p.A . S.p.A . P ro getto A zio nista
S.r.l. Cultura S.r.l. Ro ma S.r.l.

Per l’analisi dettagliata e per singole società si rinvia ai capitoli successivi;


nel frattempo, di seguito, si riporta la tabella riassuntiva di tutti i valori per le
società considerate di primo livello.

2
Oggi denominata Investimenti S.p.A.

Sezione 1 \ pag. 21
Tabella 2 - Debiti e Crediti delle principali aziende del “Gruppo Comune di Roma” -
Anni 2007 e 2006 (migliaia di euro)

Azioni %
Debiti vs fornitori (*) Variazione % Debiti vs Comune di Roma Variazione % Crediti vs Comune di Roma Variazione %
SOCIETA’ DI CAPITALI detenute

2007 2006 2007/2006 2007 2006 2007/2006 2007 2006 2007/2006


In house
AMA S.p.A. 100 241.744 167.422 44,4 45.298 143 31.576,9 155.664 174.242 -10,7
Gruppo AMA (consolidato) 278.522 196.657 41,6 155.664 174.242 -10,7
ATAC S.p.A. 100 493.149 342.427 44,0 29.855 9.177 225,3 225.304 181.408 24,2
Gruppo ATAC (consolidato) 496.146 344.102 44,2 225.489 181.530 24,2
Trambus S.p.A. 100 69.493 70.286 -1,1 520.042 391.144 33,0 157.594 100.558 56,7
Gruppo Trambus (consolidato) 78.364 73.549 6,5 154.977 100.558 54,1
Metro S.p.A. 95,5 80.929 106.972 -24,3 101.184 69.185 46,3 24.655 19.363 27,3
Metro S.p.A. (consolidato) 81.160 106.617 -23,9 24.655 19.363 27,3
Risorse-R.p.R. S.p.A. 97 8.252 6.982 18,2 704 327 115,3 13.136 13.550 -3,1
Roma Entrate S.p.A. 100 2.423 1.754 38,1 0 0 13.513 7.836 72,4
Roma Metropolitane S.r.l. 100 80.471 39.821 102,1 27.931 34.592 -19,3 24.779 10.052 146,5
Servizi Azionista Roma S.r.l. 100 186 177 5,1 0 0 122 204 -40,2
Zètema Progetto Cultura S.r.l. 100 7.593 7.460 1,8 0 0 10.296 10.377 -0,8
Totale Società in house 1.033.117 777.119 32,9 725.014 504.568 43,7 622.631 517.712 20,3

Partecipate a capitale misto (%)


(2)
Roma Multiservizi S.p.A. 15 5.145 4.671 10,1 - - 17.147 18.485 -7,2
Gemma S.p.A. 20 5.537 11.256 -50,8 815 815 0,0 12.048 19.873 -39,4
Fiera di Roma S.p.A. 27,6 8.451 26.254 -67,8 - - - -
Eur s.p.A. 10 25.256 16.131 56,6 500 - 6.470 3.800 70,3
Centro Ingrosso Fiori S.p.A. 20 7 17 -58,8 - - - -
Centro Agroalimentare Romano S.c.p.A. 31 617 903 -31,7 0 0 0 0
Agenzia Regionale per la Promozione Turistica di Roma e del
Lazio S.p.A. 19 0 0 0 0
156 184 -15,2
Assicurazioni di Roma 74,4 652 995 -34,5 - - 1.192 953 25,1
Assicurazioni di Roma (consolidato) - - - - - 953 -100,0
Centrale del Latte 6,7 31.784 29.443 8,0 - - - -
Aeroporti di Roma 1,3 151.809 125.657 20,8 - - - -
Aeroporti di Roma (consolidato) 148.422 126.763 17,1 0 0 0 0

Totale partecipate a capitale misto 226.027 216.617 4,3 1.315 815 61,3 36.857 43.111 -14,5

Quotata
Acea S.p.A. 51 32.573 70.176 -53,6 33.614 45.705 -26,5 84.630 129.568 -34,7
Gruppo Acea (consolidato) 774.560 616.662 25,6 160.230 192.318 -16,7 159.433 198.565 -19,7
Totale Società Quotata 774.560 616.662 25,6 160.230 192.318 -16,7 244.063 328.133 -25,6

Totale società di capitali 2.033.704 1.610.398 26,3 886.559 697.701 27,1 903.551 888.956 1,6

Azioni %
Debiti vs fornitori (*) Variazione % Debiti vs Comune di Roma Variazione % Crediti vs Comune di Roma Variazione %
ALTRE detenute

2007 2006 2007/2006 2007 2006 2007/2006 2007 2006 2007/2006


Aziende Speciali

Farmacap 100 13.950 11.670 19,5 4.038 7.731 -47,8 12.011 9.312 29,0
(3)
Palaexpo 100 13.261 5.235 153,3 1.348 4.048 -66,7 4.388 3.812 15,1
Palaexpo (consolidato)
Totale Aziende Speciali 27.211 16.905 61,0 4.038 7.731 -47,8 12.011 9.312 29,0

Fondazioni e Istituzioni
Fondazione Bioparco 2.470 2.607 -5,3 1190 (b) 1075 (b) 107,0 268 185 44,9
Fondazione Mondo Digitale 239 321 -25,5 0 0 0 0
Fondazione Musica per Roma 12.036 17.337 -30,6 53 53 0,0 1.119 1.620 -30,9
Agenzia Tossicodipendenze 94 6 61 -90,2 0 0 7 4 75,0
Istituzioni Biblioteche 100 1.731 1.814 -4,6 0 0 990 0
Totale Fondazioni e Istituzioni 16.482 22.140 -25,6 1.243 1.128 10,2 2.384 1.809 31,8

Totale Altre 43.693 39.045 11,9 5.281 8.859 -40,4 14.395 11.121 29,4

TOTALE 2.077.397 1.649.443 25,9 891.840 706.560 26,2 917.946 900.077 2,0

(*) Fornitori terzi escluso il Comune di Roma


(b) verso personale capitolino

Sezione 1 \ pag. 22
Dal punto di vista finanziario tutte le categorie di società considerate
presentano una Posizione Finanziaria Netta negativa (Indebitamento), ad
eccezione delle aziende speciali, delle istituzioni e delle fondazioni.
In particolare, le società in house presentano complessivamente un
indebitamento finanziario netto pari a circa 820 milioni di Euro. Il risultato, in
miglioramento rispetto all’anno precedente per 300 milioni, risulta fortemente
influenzato dall’incremento di liquidità di Roma Metropolitane s.r.l.,
conseguente all’erogazione di circa 500 milioni da parte del Comune di
Roma come anticipazione di finanziamenti per la realizzazione della linea C.
Al netto di tale importo, l’indebitamento finanziario netto complessivo delle
società in house risulterebbe quindi superiore a quello calcolato per il 2006.
Nel grafico sottostante è rappresentata la posizione finanziaria netta al
31.12.2007 delle società in house raffrontata a quella dell’anno precedente e
depurata, a differenza dei dati riportati in tabella, dell’importo
dell’anticipazione appena citata.
Posizione Finanziaria Netta
società in house: -818.563.000€
(-1.298.488.000€ depurata anticipazione Rom a Metropolitane) 2006 2007

AMA S.p.A.

ATAC S.p.A.

Trambus S.p.A.

Metro S.p.A.

Risorse-R.p.R. S.p.A.

Roma Entrate S.p.A.

Zètema Progetto Cultura S.r.l.

Servizi Azionista Roma S.r.l.

Roma Metropolitane S.r.l.

-800.000
- 700.000
- 600.000
- 500.000
- 400.000
-300.000
- 200.000
- 100.000 0 100.000

Il Gruppo Acea aumenta l’indebitamento netto del 10,4%, attestandosi a 1,3


miliardi di Euro. L’indebitamento complessivo di tutte le altre società a
capitale misto ammonta, invece, a 1,5 miliardi di Euro, in peggioramento del
3% rispetto all’anno precedente, soprattutto per le variazioni negative di Eur
S.p.A. e Fiera di Roma S.p.A.. Su tale valore pesa, comunque, il dato di
Aeroporti di Roma S.p.A., partecipata dal Comune di Roma solo con l’1,3%
e che espone un indebitamento netto di oltre 1,3 miliardi di Euro.
Volendo aggregare il dato per tutte le tipologie di società, si perviene, pur
senza considerare le diverse quote di partecipazione nel capitale sociale, ad
un livello di indebitamento finanziario netto di 3,7 miliardi di Euro (2,4 miliardi
al netto di Aeroporti di Roma), pressoché stabile rispetto al dato del 2006.
Per l’analisi dettagliata e per singole società anche in questo caso si rinvia ai

Sezione 1 \ pag. 23
capitoli successivi, mentre di seguito si riporta la tabella riassuntiva di tutti i
valori per le società considerate di primo
livello.
Tabella 3 - Analisi della Posizione finanziaria netta delle principali aziende del “Gruppo Comune di Roma” -
Anni 2007 e 2006 (migliaia di euro)

Azioni %
Posizione Finanziaria Netta * Variazione % Liquidità Variazione %
SOCIETA’ DI CAPITALI detenute

2007 2006 2007/2006 2007 2006 2007/2006


In house
AMA S.p.A. 100 -673.939 -712.500 5,4 14.015 12.276 14,2
Gruppo AMA (consolidato) -680.687 -713.121 4,5 14.595 13.242 10,2
ATAC S.p.A. 100 -305.677 -319.341 4,3 20.831 17.974 15,9
Gruppo ATAC (consolidato) -296.945 -318.260 6,7 29.562 19.055 55,1
Trambus S.p.A. 100 -219.900 -59.764 -267,9 363 1.041 -65,1
Gruppo Trambus (consolidato) -219.298 -59.405 -269,2 1.611 1.576 2,2
Metro S.p.A. 95,5 -89.266 4.041 -2.309,0 1.968 25.605 -92,3
Metro S.p.A. (consolidato) -88.927 4.082 -2.278,5 2.307 25.646 -91,0
Risorse-R.p.R. S.p.A. 97 -14.231 -24.303 41,4 1.569 408 284,6
Roma Entrate S.p.A. 100 -11.192 -2.303 -386,0 517 505 2,4
Roma Metropolitane S.r.l. 100 494.958 -3.580 13.925,6 522.890 31.013 1586,0
Servizi Azionista Roma S.r.l. 100 112 258 -56,6 112 258 -56,6
Zètema Progetto Cultura S.r.l. 100 -2.353 -1.954 -20,4 381 367 3,8
Totale Società in house -818.563 -1.118.586 26,8 573.544 92.070 522,9

Partecipate a capitale misto (%)


Roma Multiservizi S.p.A.(controllata) 15 551 1.740 -68,3 551 1.740 -68,3
Gemma S.p.A. 20 -23.932 -13.680 -74,9 4.061 44 9129,5
Fiera di Roma S.p.A. 27,6 -156.899 -115.286 -36,1 13.938 17.457 -20,2
Eur s.p.A. 10 -30.191 -6.652 -353,9 1.974 113 1646,9
Centro Ingrosso Fiori S.p.A. 20 0 758 -100,0 691 55 1156,4
Centro Agroalimentare Romano S.c.p.A. 31 -20.902 -32.941 36,5 4.734 4.249 11,4
Agenzia Regionale per la Promozione Turistica di Roma e del
Lazio S.p.A. 19 602 849 -29,1 602 850
-29,2
Assicurazioni di Roma (controllata) 74,4 - - 17.961 9.382 91,4
Assicurazioni di Roma (consolidato) - - 18.173 9.522 90,9
Centrale del Latte 6,7 6.341 11.324 -44,0 6.341 11.325 -44,0
Aeroporti di Roma 1,3 -1.324.261 - 1.355.281 2,3 188.258 157.238 19,7
Aeroporti di Roma (consolidato) -1.322.434 - 1.349.979 2,0 190.085 162.540 16,9
Totale partecipate a capitale misto -1.546.864 -1.503.867 -2,9 241.150 207.895 16,0

Quotata
Acea S.p.A. 51 -23.876 -58.526 59,2 90.585 88.044 2,9
Gruppo Acea (consolidato) -1.322.500 -1.197.600 -10,4 129.290 125.210 3,3
Totale Società Quotata -1.322.500 -1.197.600 -10,4 129.290 125.210 3,3

Totale società di capitali -3.687.927 -3.820.053 3,5 943.984 425.175 122,0

Azioni %
Posizione Finanziaria Netta * Variazione % Liquidità Variazione %
ALTRE detenute

2007 2006 2007/2006 2007 2006 2007/2006


Aziende Speciali

Farmacap 100 -5.501 -510 -978,6 1.624 1.343 20,9


Palaexpo 100 8.127 3.878 109,6 8.127 3.878 109,6
Palaexpo (consolidato)
Totale Aziende Speciali 2.626 -510 614,9 1.624 1.343 20,9

Fondazioni e Istituzioni
Fondazione Bioparco 778 385 102,1 779 385 102,3
Fondazione Mondo Digitale 820 1.611 -49,1 245 500 -51,0
Fondazione Musica per Roma -571 709 -180,5 738 952 -22,5
Agenzia Tossicodipendenze 94 2.918 3.556 -17,9 2.918 3.556 -17,9
Istituzioni Biblioteche 100 8.177 4.861 68,2 8.177 5.325 53,6
Totale Fondazioni e Istituzioni 12.122 11.122 9,0 12.857 10.718 20,0

Totale Altre 14.748 10.612 39,0 14.481 12.061 20,1

TOTALE -3.673.179 -3.809.441 3,6 958.465 437.236 119,2


(*) Se negativa indica Indebitamento netto

Sezione 1 \ pag. 24
1.2.2 I dati economici delle società del “Gruppo Comune di Roma”
Anche nell’analisi dei risultati della gestione delle aziende del “Gruppo
Comune di Roma”, si è ritenuto opportuno mantenere la distinzione tra
società in house, Istituzioni e Aziende Speciali – sulle quali il Comune di
Roma è tenuto ad effettuare un “controllo analogo” a quello che esercita sui
propri servizi – e i restanti soggetti giuridici che, pur partecipati dal Comune
di Roma, si configurano in maniera più autonoma rispetto ad esso.
I dati riportati nella tabella 4 mostrano un sostanziale mantenimento del
risultato netto per le società in house il cui deficit complessivo passa da
quasi 138 mila Euro a poco più di 135 mila Euro3. Dietro questo dato,
tuttavia, si evidenziano situazioni molto differenziate, come il notevole
peggioramento, per il terzo anno consecutivo, del risultato netto nel caso del
Gruppo AMA che aumenta le perdite da circa 7 a circa 38 milioni di Euro a
motivo, non solo del perdurante peso negativo della gestione
extracaratteristica (oneri finanziari per indebitamento a breve termine) ma
anche per l’incremento dei costi (+8,3%) superiore all’incremento del Valore
della Produzione (+2,2%). Sul fronte opposto si osserva una contrazione del
24% per le perdite del Gruppo Atac ed il dimezzamento del deficit del
Gruppo Trambus.
A tale proposito si evidenzia che l’aggregato TPL, considerato
semplicemente come la somma delle quattro società anche strumentali
operanti nel settore, raggiunge un risultato complessivo pari ad una perdita
di 96 milioni di Euro4, inferiore del 27% rispetto allo stesso dato dell’anno
precedente (-131 milioni di Euro). Ciò è principalmente dovuto ad una
variazione del valore della produzione superiore a quella dei costi.
Nel grafico sottostante sono messi a confronto l’andamento del Valore e dei
Costi della Produzione per le società in house.

Valore e Costi della Produzione delle società in house - 2007 Valore Produz. Costi

700.000

600.000

500.000

400.000

300.000

200.000

100.000

-
Gruppo AMA Gruppo Gruppo ATAC Metro S.p.A. Roma Zètema Risorse- Roma Entrate Servizi
(consolidato) Trambus (consolidato) (consolidato) Metropolitane Progetto R.p.R. S.p.A. S.p.A. Azionista
(consolidato) S.r.l. Cultura S.r.l. Roma S.r.l.

3
Il valore riportato non è in alcun modo riferibile ad un dato consolidato.
4
Anche in questo caso il dato non si riferisce al consolidato TPL.

Sezione 1 \ pag. 25
Tabella 4 - Valore e Costi della produzione e Risultato netto di esercizio delle principali aziende del “Gruppo Comune di Roma” -
Anni 2007 e 2006 (migliaia di euro)

Azioni %
Valore della produzione Variazione % Costi della Produzione Variazione % Risultato netto di esercizio Variazione %
SOCIETA’ DI CAPITALI detenute

2007 2006 2007/2006 2007 2006 2007/2006 2007 2006 2007/2006


In house
AMA S.p.A. 100 634.003 622.098 1,9 639.379 590.335 8,3 -35.819 -8.704 -311,5
Gruppo AMA (consolidato) 651.075 637.251 2,2 650.715 600.717 8,3 -38.778 -6.979 -455,6
ATAC S.p.A. 100 518.200 443.572 16,8 597.127 549.769 8,6 -93.971 -123.244 23,8
Gruppo ATAC (consolidato) 520.017 443.870 17,2 602.459 554.400 8,7 -94.902 -127.578 25,6
Trambus S.p.A. 100 532.101 534.775 -0,5 523.921 521.818 0,4 -2.498 -4.525 44,8
Gruppo Trambus (consolidato) 542.911 543.105 0,0 535.075 529.777 1,0 -2.113 -4.481 52,8
Metro S.p.A. 95,5 261.056 244.011 7,0 252.467 235.802 7,1 571 666 -14,3
Metro S.p.A. (consolidato) 258.064 242.849 6,3 249.224 234.540 6,3 574 671 -14,5
Risorse-R.p.R. S.p.A. 97 25.145 23.660 6,3 25.062 22.047 13,7 64 65 -1,5
Roma Entrate S.p.A. 100 19.577 17.294 13,2 17.335 15.312 13,2 240 150 60,0
Roma Metropolitane S.r.l. 100 144.154 61.614 134,0 144.295 61.544 134,5 117 160 -26,9
Servizi Azionista Roma S.r.l. 100 404 463 -12,7 397 447 -11,2 8 12 -33,3
Zètema Progetto Cultura S.r.l. 100 45.981 38.744 18,7 44.948 37.878 18,7 -343 456 -175,2
Totale Società in house 2.207.328 2.008.850 9,9 2.269.510 2.056.662 10,3 -135.133 -137.524 1,7

Partecipate a capitale misto (%)


Roma Multiservizi S.p.A. (controllata) 15 84.314 78.497 7,4 67.755 64.316 5,3 7.755 5.800 33,7
Gemma S.p.A. 20 25.858 27.310 -5,3 29.362 31.451 -6,6 1.022 - 3.275 131,2
Fiera di Roma S.p.A. 27,6 19.008 6.495 192,7 12.938 7.042 83,7 151 95 58,9
Eur s.p.A. 10 36.711 34.406 6,7 36.432 31.150 17,0 21.876 20.105 8,8
Centro Ingrosso Fiori S.p.A. 20 - - 71 101 -29,7 - 48 - 90 46,7
Centro Agroalimentare Romano S.c.p.A. 31 2.991 2.804 6,7 3.374 3.070 9,9 - 1.107 - 1.740 36,4
Agenzia Regionale per la Promozione Turistica di Roma e del
Lazio S.p.A. 19 950 676 40,5 1.019 653 56,0 - 60 25 -340,0
Assicurazioni di Roma (controllata) 74,4 61.455 59.919 2,6 57.922 60.225 -3,8 714 618 15,5
Assicurazioni di Roma (consolidato) - - - - - -
Centrale del Latte 6,7 141.396 151.962 -7,0 130.936 140.739 -7,0 5.804 6.778 -14,4
Aeroporti di Roma 1,3 555.258 515.731 7,7 414.406 377.617 9,7 18.932 35.975 -47,4
Aeroporti di Roma (consolidato) 568.013 575.977 -1,4 423.668 429.874 -1,4 18.918 59.986 -68,5
Totale partecipate a capitale misto 940.696 938.046 0,3 763.477 768.621 -0,7 55025,0 88302,0 -37,7

Quotata
Acea S.p.A. 51 183.570 234.232 -21,6 193.330 237.242 -18,5 112.582 77.262 45,7
Gruppo Acea (consolidato) 2.583.324 2.187.324 18,1 2.259.962 1.896.776 19,1 167.386 147.426 13,5
Totale società quotata 2.583.324 2.187.324 18,1 2.259.962 1.896.776 19,1 167.386 147.426 13,5

Totale società di capitali 5.731.348 5.134.220 11,6 5.292.949 4.722.059 12,1 87.278 98.204 -11,1

Azioni %
Valore della produzione Variazione % Costi della Produzione Variazione % Risultato netto di esercizio Variazione %
ALTRE detenute

2007 2006 2007/2006 2007 2006 2007/2006 2007 2006 2007/2006


Aziende Speciali

Farmacap 100 58.071 57.704 0,6 55.057 55.552 -0,9 0 7 -100,0


(3)
Palaexpo 100 19.112 17.346 10,2 19.603 17.206 13,9 16 29 -44,8
Palaexpo (consolidato)
Totale Aziende Speciali 77.183 75.050 2,8 55.057 55.552 -0,9 0 7 -100,0

Fondazioni e Istituzioni
Fondazione Bioparco 7.279 8.111 -10,3 7.187 7.855 -8,5 5 101 -95,0
Fondazione Mondo Digitale 1.392 894 55,7 1.238 891 38,9 159 3 5200,0
Fondazione Musica per Roma 27.158 39.271 -30,8 27.298 39.073 -30,1 19 16 18,8
Agenzia Tossicodipendenze 94 4.914 3.323 47,9 4.890 3.795 28,9 3 19 -84,2
Istituzioni Biblioteche 100 20.752 19.684 5,4 20.207 19.362 4,4 198 -360 155,0
Totale Fondazioni e Istituzioni 61.495 71.283 -13,7 60.820 70.976 -14,3 384 -221 273,8

Totale Altre 138.678 146.333 -5,2 115.877 126.528 -8,4 384 -214 279,4

TOTALE 5.870.026 5.280.553 11,2 5.408.826 4.848.587 11,6 87.662 97.990 10,5

Sezione 1 \ pag. 26
Per quanto riguarda, invece, le altre società controllate dal Comune di Roma
o comunque ad esso “riconducibili”, come ad esempio le Fondazioni e le
Istituzioni, è possibile riscontrare dei risultati di esercizio tutti positivi anche
se inferiori rispetto a quelli registrati nel 2006.
Il Gruppo Acea, analizzato nella seconda parte di questo volume al capitolo
3, prosegue nel trend positivo mostrando un 13,5% di incremento dell’utile
netto che si attesta ad oltre 167 milioni di euro, a fronte di una valore della
produzione pari a circa 2,6 miliardi di Euro.
Il dato complessivo sulle società partecipate mostra una contrazione
dell’utile di circa il 38%, per la presenza di Aeroporti di Roma che mostra
una riduzione del risultato del 68%.
Volendo aggregare i dati per tutte le tipologie di società, si perviene, pur
senza considerare le diverse quote di partecipazione nel capitale sociale, ad
un volume di affari di circa 6 miliardi di Euro, a fronte di costi per circa 5,4
miliardi di Euro e per un risultato complessivo in utile per circa 88 milioni di
euro5.

Infine, per una lettura complessiva dell’andamento del “Gruppo Comune di


Roma” nel 2007, la successiva tabella 5 sintetizza i principali indicatori
economici, patrimoniali e finanziari di tutte le società considerate.
Gli indicatori selezionati sono:
- il rapporto percentuale tra Margine Operativo Lordo (MOL o
approssimativamente, EBITDA) e Valore della Produzione;
- l’incidenza percentuale degli Ammortamenti sia sul totale dei Costi
della Produzione sia sul Valore della Produzione;
- il rapporto tra Posizione Finanziaria Netta (PFN che se negativa
indica Indebitamento finanziario netto) e Patrimonio Netto;
- il Leverage o rapporto di indebitamento espresso dal rapporto tra il
totale degli impieghi ed il capitale proprio;
- il Return On Equity (ROE) dato dal rapporto percentuale tra Risultato
netto e Patrimonio Netto;
- il Return On Investment (ROI), dato dal rapporto percentuale tra
Risultato Operativo e Capitale Investito e che esprime la capacità
dell’impresa di generare reddito attraverso la gestione caratteristica;
- il Margine di Struttura calcolato come differenza tra il Patrimonio
Netto e l’attivo immobilizzato, per individuare il grado di copertura
delle immobilizzazioni con capitale proprio.

5
Gli ammontari riportati non rappresentano dati consolidati.

Sezione 1 \ pag. 27
Dall’analisi del quadro complessivo degli ultimi due anni si osserva una
sostanziale stabilità dei margini operativi, con alcune eccezioni come nel
caso del Gruppo AMA, di Eur S.p.A. e dell’Agenzia per la Promozione
Turistica di Roma e del Lazio S.p.A., per le quali si rilevano riduzioni tra gli 8
ed i 12 punti percentuali, mentre mostrano un considerevole miglioramento
nel caso di Atac S.p.A. (a livello di capogruppo e di consolidato) con 12 e 19
punti percentuali, di Fiera di Roma S.p.A. con margini quasi triplicati, di CAR
S.c.p.A. che registra un miglioramento di 8 punti percentuali e, tra le
Istituzioni e Fondazioni, nel caso di Istituzione Biblioteche con 9 punti
percentuali di guadagno del margine e di Fondazione Mondo Digitale con
ben 16 punti.
La redditività espressa dal ROE, seppure con tutti i limiti di tale indicatore, si
conferma negativa per i due gruppi societari del TPL, in linea con quanto
risulta anche da benchmark di settore, sebbene nel caso romano si
registrino valori più alti in termini assoluti ad indicare un maggiore squilibrio
economico, tale da erodere i mezzi propri. In particolare, in tal senso, si
segnala il caso del Gruppo Trambus. Notevole risulta essere il
peggioramento che si rileva nel 2007 per Ama S.p.A. (capogruppo e
consolidato) che peggiora di ben 15 volte il dato già negativo del 2006. Altra
tendenza negativa si rileva per Zètema S.r.l. che da un ROE pari al 15,6%
consegue una redditività negativa del 13,3% e per l’Agenzia per la
Promozione Turistica di Roma e del Lazio che da +2,5% peggiora a -6,4%.
In tutti i casi citati, ad eccezione del Gruppo Trambus, dove l’indebitamento
finanziario subisce un evidente peggioramento, una delle cause principali
delle variazioni negative è da individuare proprio nella contrazione dei
margini operativi.
Tra le società che presentano, invece, redditività positiva, si distinguono
Roma Multiservizi e Gemma. Per quest’ultima, in particolare, il forte
incremento di redditività è dovuto essenzialmente ad alcune poste di natura
straordinaria, come meglio analizzato nel quarto volume.
Gruppo Acea, Centrale del Latte e l’Azienda Speciale Palaexpo presentano
tassi di redditività del capitale proprio dell’11,5% mentre, infine, Roma
Metropolitane e Roma Entrate si attestano, rispettivamente, sull’8% e il 5%.
In tutti gli altri casi si registrano tassi di redditività comunque poco distanti
dal tasso cosiddetto tasso risk free.
Dal punto di vista della solidità patrimoniale, ossia della capacità
dell’impresa di finanziarsi con capitale proprio, si osserva che le società in
house sono ben distanti da valori di equilibrio e pertanto i mezzi propri non
sarebbero sufficienti a fare fronte allo svolgimento dell’attività, salvo i casi,
ovviamente, delle società strumentali che risultano adeguatamente
patrimonializzate.
Analogamente, si osservano margini di struttura negativi anche per le
società a capitale misto, con l’eccezione del Centro Ingrosso Fiori e

Sezione 1 \ pag. 28
dell’Agenzia per la Promozione Turistica di Roma e del Lazio, ma per la
scarsa presenza di assets.
Valori del Leverage notevolmente superiori a 2 confermano il forte peso
dell’indebitamento con effetti rilevanti in termini di onerosità nel caso del
Gruppo AMA, del Gruppo Trambus e di Roma Metropolitane.
Le società a capitale misto, così come le fondazioni e le istituzioni,
presentano quasi tutte un rapporto equilibrato tra capitale proprio e di terzi.

Sezione 1 \ pag. 29
Tabella 5 - Indicatori economico-finanziari delle principali aziende del “Gruppo Comune di Roma” -
Anni 2007 e 2006 (migliaia di euro, percentuali ed indici)

MOL/Valore Ammortamenti/Va
Azioni %
della lore della PFN/PN Leverage Margine di struttura ROE ROI
SOCIETA’ DI CAPITALI detenute
Produzione Produzione
2007 2006 2007 2006 2007 2006 2007 2006 2007 2006 2007 2006 2007 2006
In house
AMA S.p.A. 100 16,7% 17,1% 5,7% 5,0% -26,66 -11,66 51,93 20,03 -336.790 -293.303 -141,7% -14,2% -0,4% -0,1%
Gruppo AMA (consolidato) 17,9% 29,7% 6,2% 5,2% -26,38 -10,88 51,83 18,82 -364.384 -302.334 -150,3% -10,6% 0,0% 3,0%
ATAC S.p.A. 100 14,0% 2,3% 18,9% 18,1% -0,54 -0,50 3,12 2,62 -687.767 -726.393 -16,5% -19,5% -4,4% -6,4%
Gruppo ATAC (consolidato) 13,5% -5,6% 20,5% 19,3% -0,55 -0,53 3,27 2,73 -627.313 -652.794 -17,5% -21,1% -4,6% -6,7%
Trambus S.p.A. 100 3,9% 3,5% 1,3% 1,0% -132,23 -14,36 626,43 185,99 -87.081 -85.104 -150,2% -108,7% 0,8% 1,7%
Gruppo Trambus (consolidato) 3,9% 3,6% 1,3% 1,2% -44,13 -8,43 213,32 110,91 -97.264 -86.705 -42,5% -63,6% 0,7% 1,7%
Metro S.p.A. 95,5 8,5% 7,3% 3,4% 3,6% -4,81 0,22 25,32 21,22 -72.728 -85.626 3,1% 3,7% 1,8% 2,1%
Metro S.p.A. (consolidato) 8,7% 7,4% 3,4% 3,6% -4,79 0,23 25,16 21,15 -72.619 -85.574 3,1% 3,7% 1,9% 2,2%
Risorse-R.p.R. S.p.A. 97 4,0% 9,9% 3,3% 3,1% -1,92 -3,30 5,83 6,54 5.980 -6.249 0,9% 0,9% 0,2% 3,4%
Roma Entrate S.p.A. 100 13,8% 17,3% 5,6% 6,4% -2,29 -0,50 5,18 5,50 4.788 4.641 4,9% 3,2% 8,9% 7,8%
Roma Metropolitane S.r.l. 100 0,4% 0,8% 0,5% 0,7% 342,29 -2,69 426,18 60,43 -365 72 8,1% 12,0% 0,0% 0,1%
Servizi Azionista Roma S.r.l. 100 7,2% 4,1% 5,7% 0,4% 0,36 0,85 1,69 1,59 243 294 2,6% 4,0% 1,3% 3,3%
Zètema Progetto Cultura S.r.l. 100 4,6% 4,6% 2,3% 2,3% -0,92 -0,67 8,05 6,88 -1.489 685 -13,3% 15,6% 5,0% 4,3%

Partecipate a capitale misto (%)


(2)
Roma Multiservizi S.p.A. 15 21,0% 21,1% 0,3% 0,3% 0,03 0,09 2,50 2,58 18.828 17.351 36,8% 30,4% 31,4% 28,8%
Gemma S.p.A. 20 10,7% 13,2% 22,8% 15,6% -11,63 -13,22 25,75 40,56 -15.882 -9.854 49,7% -316,4% -4,2% -9,9%
Fiera di Roma S.p.A. 27,6 89,4% 33,3% 51,8% 25,0% -0,62 -0,46 1,79 1,64 -147.632 -88.160 0,1% 0,0% 1,3% -0,1%
Eur s.p.A. 10 39,7% 47,8% 17,0% 19,5% -0,04 -0,01 1,10 1,19 -37.203 -27.567 3,1% 2,9% 0,4% 0,0%
Centro Ingrosso Fiori S.p.A. 20 Non calcolabile 0,00 0,88 1,05 1,03 689 738 -5,9% -10,4% -8,3% -11,3%
Centro Agroalimentare Romano S.c.p.A. 31 64,7% 56,9% 63,1% 66,4% -0,44 -0,68 1,61 1,81 -22.670 -22.293 -2,3% -3,6% -0,5% -0,3%
Agenzia Regionale per la Promozione Turistica di Roma e del
Lazio S.p.A. 19 -7,2% 4,9% 0,1% 0,9% 0,64 0,85 1,44 1,31 917 993 -6,4% 2,5% -5,1% 1,8%
Assicurazioni di Roma 74,4 6,2% 4,9% 0,0% 0,0% 13,08 13,20 -129.899 -124.658 3,3% 2,9% 0,9% 0,6%
Assicurazioni di Roma (consolidato) -170.229 -158.631 0,0% 0,0%
Centrale del Latte 6,7 10,6% 10,4% 3,2% 3,0% 0,12 0,21 1,97 1,83 17.951 18.738 11,4% 12,7% 10,4% 11,5%
Aeroporti di Roma 1,3 45,5% 48,0% 17,7% 19,0% -1,73 -1,70 2,73 2,70 -1.428.992 -1.410.703 2,5% 4,5% 12,1% 11,5%
Aeroporti di Roma (consolidato) 45,1% 44,6% 18,2% 17,9% -1,81 -1,77 2,81 2,77 -1.429.858 -1.413.475 2,6% 7,9% 7,0% 6,9%

Quotata
Acea S.p.A. 51 7,8% 6,1% 6,7% 5,5% -0,01 -0,04 1,80 1,67 -243.925 -320.869 7,0% 4,8% -0,3% -0,1%
Gruppo Acea (consolidato) 20,5% 21,7% 6,8% 7,0% -0,92 -0,87 3,49 3,32 -1.744.607 -1.658.749 11,6% 10,7% 6,4% 6,4%

MOL/Valore Ammortamenti/Va
Azioni %
della lore della PFN/PN Leverage Margine di struttura ROE ROI
ALTRE detenute
Produzione Produzione
2007 2006 2007 2006 2007 2006 2007 2006 2007 2006 2007 2006 2007 2006
Aziende Speciali

Farmacap 100 8,1% 6,6% 2,9% 2,9% -0,62 0,00 5,48 4,92 -4.119 -4.040 0,0% 0,1% 6,2% 4,9%
(3)
Palaexpo 100 -0,6% 3,6% 2,0% 2,8% 58,47 -0,20 143,13 98,77 -1.624 -414 11,5% 23,6% -2,5% 1,1%
Palaexpo (consolidato)

Fondazioni e Istituzioni
Fondazione Bioparco 8,2% 13,6% 3,0% 2,7% 0,04 0,02 1,20 1,22 -2.017 -2.067 0,0% 0,6% 0,4% 1,2%
Fondazione Mondo Digitale 19,5% 3,5% 1,7% 3,1% 0,45 1,10 1,27 1,40 87 -160 8,6% 0,2% 6,6% 0,1%
Fondazione Musica per Roma 2,9% 2,3% 1,3% 1,0% -0,02 0,03 1,74 1,85 -994 -310 0,1% 0,1% -0,4% -0,3%
Agenzia Tossicodipendenze 94 3,7% 5,2% 3,2% 4,2% 5,67 6,95 7,70 7,97 108 44 0,6% 3,7% 0,6% 0,8%
Istituzioni Biblioteche 100 9,0% 0,1% 6,4% 6,5% 1,08 0,66 1,79 1,69 4.233 5.892 2,6% -4,9% 4,0% 2,6%

Sezione 1 \ pag. 30
1.3 La dinamica del personale
Nel 2007 il personale impegato nelle principali aziende controllate dal
Comune di Roma (tabella 6), risulta pari a 32.687, con un aumento di 938
unità rispetto al 2006, pari a circa il 3%.
Tabella 6 - Consistenza del Personale nelle principali aziende (controllate) del
“Gruppo Comune di Roma” – 31 dicembre 2007

2007/2006
Aziende 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 %

Gruppo ACEA6 3.684 4.917 4.803 4.326 4.897 4.725 5.791 6.047 4,4%
Gruppo AMA 6.202 6.403 6.626 6.425 7.104 6.509 7.161 7.183 0,3%
Gruppo ATAC7 339 733 855 869 1.556 1.623 1.592 1.701 6,8%
Gruppo Trambus8 9.217 9.540 8.913 8.780 8.539 8.795 8.802 8.783 -0,2%
Met.Ro. SpA.9 2.960 2.653 2.669 2.570 2.479 2470 2.513 2.718 8,2%
Roma Multiservizi S.p.A. 1.227 1.487 2.276 1.578 2.832 3.429 3.497 3.792 8,4%
Risorse – R.p.R. S.p.A. 88 104 123 150 162 162 174 200 14,9%
STA S.p.A. 477 466 540 676 - - - -
Farmacap 197 238 258 281 289 337 410 414 1,0%
Fondazione Bioparco 61 67 66 66 64 64 62 62 0,0%

Fondazione Musica per


Roma 9 9 17 31 34 47 55 50 -9,1%
Palaexpo 19 33 37 48 52 53 56 58 3,6%
Roma Entrate S.p.A. 328 327 323 -1,2%
Istituzione Biblioteche 359 368 368 0,0%
Roma Metropolitane 123 138 179 29,7%
Fondazione Gioventù
Digitale 14 12 14 16,7%
Zètema 624 705 708 0,4%
Assicurazioni di Roma 81 81 81 0,0%
Servizi Azionista Roma 1 5 6 20,0%
TOTALE 24.480 26.650 27.183 25.800 28.008 29.744 31.749 32.687 3,0%

Tutte le società, ad eccezione del Gruppo Trambus, di Roma Entrate e della


Fondazione Musica per Roma (che complessivamente riducono il personale
di 28 unità), presentano un incremento del personale.
In termini assoluti, rispetto all’anno precedente, le maggiori variazioni si
registrano per Roma Multiservizi S.p.A. (+295), per il Gruppo Acea (+256) e
per Met.Ro. S.p.A. (+205).

6
Le variazioni che si rilevano nel corso degli anni sono principalmente dovute alle modifiche intervenute
nel perimetro di consolidamento.
7
Dal 2004, anno in cui ATAC S.p.A. ha redatto il bilancio consolidato, il valore del personale si riferisce al
gruppo, che include anche STA S.p.A..
8
Dal 2004 il dato è riferito a livello di Gruppo, mentre negli anni precedenti alla sola capogruppo.
9
Dal 2006 il dato include anche il personale della controllata O.G.R. s.r.l.

Sezione 1 \ pag. 31
Complessivamente le società del TPL incrementano il personale di 336
unità. Nel caso di Met.Ro. S.p.A. l’incremento è dovuto, per circa la metà dal
personale della controllata O.G.R. che passa da 3 a 97 unità, dove il
maggior incremento di personale si rileva nella fascia “Macchinisti” e
personale addetto al “Movimento”.
Nel caso del Gruppo Acea, dove l’aumento è del 4,4%, il fenomeno è
spiegato dalla variazione del perimetro e dei criteri di consolidamento, come
meglio si analizza nel capitolo 3 e riguarda, soprattutto, la fascia “Impiegati
ed Operai”.
L’incremento del personale di Roma Multiservizi è verosimilmente da porre
in relazione alle attività “a commessa” della società, che rendono il dato
molto variabile negli anni, anche a motivo del maggior ricorso a tipologie
contrattuali flessibili per la fascia “Operai” che è la fascia dove si concentra
tutta la variazione.

Andamento degli occupati nelle aziende controllate dal


Comune di Roma

35.000

30.000

25.000

20.000

15.000

10.000

5.000

0
2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007

Infine, nella tabella 7, oltre al costo del lavoro direttamente estrapolato dai
bilanci aziendali, si riportano alcuni indicatori di costo e produttività del
lavoro calcolati come costo del lavoro per addetto, valore della produzione e
valore aggiunto per addetto, incidenza del costo del lavoro sul totale dei
costi della produzione.
Al riguardo, è opportuno evidenziare che, data la diversa natura delle
aziende considerate (dal punto di vista delle dimensioni, del core business,
delle caratteristiche tecniche, dei processi industriali a maggiore o minore
grado di intensità di lavoro, ecc.), la tabella 7 non ha alcuna finalità di analisi

Sezione 1 \ pag. 32
comparativa tra le società, ma intende unicamente esporre alcune
“statistiche” valide per le singole aziende.

Tabella 7 - "Gruppo Comune di Roma": Indicatori costo del lavoro e Produttività - Anni 2006 e 2007
(euro, valori percentuali e assoluti)

Azioni % Valore della Costo del lavoro/Costi


Costo del lavoro Costo del lavoro/Addetti Valore Aggiunto/Addetto
SOCIETA’ DI CAPITALI detenute Produzione/Addetto della produzione (%)
2007 2006 2007 2006 2007 2006 2007 2006 2007 2006
In house
AMA S.p.A. 100 244.972 240.621 38.780 37.762 100.365 97.630 54.446 53.428 38,3 40,8
Gruppo AMA (consolidato) 276.549 270.629 38.500 37.792 90.641 88.989 53.655 52.290 42,5 45,1
ATAC S.p.A. 100 69.842 70.883 41.922 45.293 311.044 283.433 55.393 24.458 11,7 12,9
Gruppo ATAC (consolidato) 71.787 72.710 42.203 45.672 305.713 278.813 83.474 50.088 11,9 13,1
Trambus S.p.A. 100 350.016 353.745 40.408 40.698 61.429 61.525 42.743 42.830 66,8 67,8
Gruppo Trambus (consolidato) 353.642 356.689 40.264 40.524 61.814 61.702 42.606 42.772 66,1 67,3
Metro S.p.A. 95,5 124.839 127.367 49.717 50.967 103.965 97.643 58.548 58.057 49,4 54,0
Metro S.p.A. (consolidato) 126.101 127.416 49.981 50.703 102.285 96.637 58.892 57.808 50,6 54,3
Risorse-R.p.R. S.p.A. 97 9.508 8.764 47.540 50.368 125.725 135.977 52.590 63.862 37,9 39,8
Roma Entrate S.p.A. 100 12.632 10.237 39.108 31.306 60.610 52.887 47.454 40.459 72,9 66,9
Roma Metropolitane S.r.l. 100 10.951 9.125 69.310 69.656 912.367 470.336 73.095 73.550 7,6 14,8
Servizi Azionista Roma S.r.l. 100 323 356 53.833 71.200 67.333 92.600 58.667 74.800 81,4 79,6
Zètema Progetto Cultura S.r.l. 100 21.719 18.552 29.350 26.315 62.136 54.956 32.178 28.821 48,3 49,0

Partecipate a capitale misto (%)


(2)
Roma Multiservizi S.p.A. 15 54.981 51.100 15.678 15.424 24.042 23.694 20.726 12.217 81,1 79,5
Gemma S.p.A. 20 11.631 11.883 36.575 37.844 81.314 86.975 48.431 49.338 39,6 37,8
Fiera di Roma S.p.A. 27,6 540 452 135.000 113.000 4.752.000 1.623.750 1.517.500 - 136.750 4,2 6,4
Eur s.p.A. 10 5.792 5.432 68.952 65.446 437.036 414.530 252.024 270.000 15,9 17,4
Centro Ingrosso Fiori S.p.A. 20 27 19 27.000 19.000 0 0 - 42.000 - 81.000 38,0 18,8
Centro Agroalimentare Romano S.c.p.A. 31 443 451 110.750 112.750 747.750 701.000 574.250 511.500 13,1 14,7
Agenzia Regionale per la Promozione
59 10 29.500 10.000 475.000 676.000 - 2.000 34.000 5,8 1,5
Turistica di Roma e del Lazio S.p.A. 19
Assicurazioni di Roma 74,4 - -
Assicurazioni di Roma (consolidato)
Centrale del Latte 6,7 8.316 8.206 45.443 44.118 772.656 817.000 133.891 134.823 6,4 5,8
Aeroporti di Roma 1,3 113.085 103.596 50.620 49.214 248.549 245.003 163.272 164.192 27,3 27,4
Aeroporti di Roma (consolidato) 118.309 147.682 50.973 64.915 244.728 253.177 160.947 175.552 27,9 34,4

Quotata
Acea S.p.A. 51 35.807 32.523 72.337 62.665 370.848 451.314 101.178 90.073 27,0 27,0
Gruppo Acea (consolidato) 225.194 226.149 37.969 40.991 435.563 396.470 127.079 127.023 28,0 34,0

Azioni % Valore della Costo del lavoro/Costi


Costo del lavoro Costo del lavoro/Addetti Valore Aggiunto/Addetto
ALTRE detenute Produzione/Addetto della produzione (%)
2007 2006 2007 2006 2007 2006 2007 2006 2007 2006
Aziende Speciali
Farmacap 100 11.943 11.152 28.848 27.200 140.268 140.741 40.251 36.480 52,4 49,0
(3)
Palaexpo 100 3.017 2.608 52.017 46.571 329.517 309.750 50.103 57.804 15,4 15,2
Palaexpo (consolidato)

Fondazioni e Istituzioni
Fondazione Bioparco 2.498 2.374 40.290 38.290 117.403 130.823 49.935 56.145 34,8 30,2
Fondazione Mondo Digitale 268 228 19.143 19.000 99.429 74.500 38.571 21.583 21,6 25,6
Fondazione Musica per Roma 1.982 2.936 39.640 53.382 543.160 714.018 55.240 71.073 7,3 7,5
Agenzia Tossicodipendenze 94 323 331 46.143 47.286 702.000 474.714 72.429 71.857 6,61 8,72
Istituzioni Biblioteche 100 14.328 14.311 38.935 38.889 56.391 53.489 44.030 43.236 70,91 73,91

Sezione 1 \ pag. 33
Dai dati appena riportati nella tabella 7 si osserva che il costo del lavoro per
le società in house ammonta a 883 milioni di euro (+1% rispetto al 2006) e
che rappresenta il 66% del costo del lavoro complessivamente rilevabile per
tutte le società rappresentate (1,34 miliardi di euro).
All’interno delle società in house spiccano il Gruppo Trambus e il Gruppo
Ama che rappresentano rispettivamente il 40% e il 31% dell’aggregato,
mentre il sistema TPL nel suo complesso pesa per il 64%.
Dall’osservazione del costo medio del lavoro (costo del lavoro/consistenza
media del personale) e come rappresentato graficamente, si rileva una
riduzione per le società in house, da 47.000 a 45.600 Euro. Le società che si
posizionano al di sopra della media sono soprattutto quelle di natura
strumentale (Roma Metropolitane s.r.l., Servizi azionista Roma s.r.l. e
Risorse RpR S.p.A.) oltre a Met.Ro. S.p.A., mentre tutte quelle che operano
nell’erogazione di servizi pubblici si posizionano al di sotto della media
(Gruppo Atac, Gruppo Trambus, Roma Entrate S.p.A., Gruppo Ama), oltre a
Zètema s.r.l..

Costo medio del lavoro società in house - 2007 e 2006 2007


2006
80.000
70.000 media 2006: 47.000 €
60.000 media 2007: 45.600 €
50.000
40.000
30.000
20.000
10.000
-
Metropolitane

Gruppo AMA
Roma Entrate
Metro

R.p.R. S.p.A.

(consolidato)

(consolidato)

Cultura S.r.l.
Roma S.r.l.

Gruppo Atac

(consolidato)
Azionista

Trambus

Progetto
Servizi

Risorse-

Zètema
Gruppo
Roma

S.p.A.
S.r.l.

Volendo operare un confronto tra società controllate dal Comune di Roma


(indipendentemente dall’in house providing) e società partecipate, sono stati
elaborati i due seguenti grafici dai quali emerge come il costo medio del
lavoro nelle società partecipate risulti maggiore del 56% (63.000€) rispetto al
costo medio pro capite delle società controllate (40.500€).
Risulta, inoltre, che mentre per le società partecipate tra il 2006 e il 2007 si è
avuto un aumento in media del 7,9%, per le società controllate si è registrata
una riduzione del 3%.
Appare anche evidente che tra tutte le società controllate dal Comune di
Roma, quelle in house, nel loro insieme e in media, mostrano un costo
medio del lavoro più elevato (45.600€) rispetto a quello delle altre società
pur sempre controllate dal Comune di Roma (35.400€).

Sezione 1 \ pag. 34
Su tale genere di analisi pesa indubbiamente la composizione della forza
lavoro nella sua suddivisione tra dirigenti-quadri-impiegati ed operai.

Costo medio del lavoro società controllate - 2007 e 2006 2007


2006
80.000
70.000 media 2006: 41.700 €
60.000 media 2007: 40.500 €
50.000
40.000
30.000
20.000
10.000
-

.
ze

e
om r.l.

A.

)
o
o

zi
ea

p
pe .A.
o

r.l
r.l

o
o
am ione dato

tra om

ch

l
xp

vi
ta
at
Ro sica dat
et

p.
en

ar

S.
S.

S.

ac

ac
.p

er
gi
e

te

lid
M

S.
rr
op
.S

nd
la

m
i
li

a
ne

tis
di
lio

o
ol
so

so
pe

ur
pa

pp

r
te
bi

ns
.R

fa

ul
do
ita

AM bib

on

t
on

ul
ru

m
R

ne (co
.p

di
ol

on
C
(c
(c

G
En

e
pp sico
R

a
i A rop

ta

pp ion

m
to
e-

az

az bus

A
ac

u
is

a
m

Ro
et
et

rs

ne
on

os

z
pp ond
At

og
M

ag iso

io
zi

tit
t

o
a

Pr

az
a

is
io
R

Tr
zi
om

nd
en
iz

a
ru

ru
o

m
rv
R

nd

fo
G

te
Se

fo
ru


G

Costo medio del lavoro società partecipate - 2007 e 2006 2007


2006
160000

140000

120000
media 2007 63.000 €
100000 media 2006: 58.400 €
80000

60000

40000

20000

0
Fiera di Roma Centro Eur s.p.A. Aeroporti di Roma Centrale del Latte Gemma S.p.A. Agenzia Centro Ingrosso
S.p.A. Agroalimentare (consolidato) Regionale per la Fiori S.p.A.
Romano S.c.p.A. Promozione
Turistica di Roma
e del Lazio S.p.A.

Infine, da una “lettura” congiunta degli indicatori di costo medio pro-capite e


produttività del lavoro (Valore della produzione per addetto) è possibile
elaborare una proxy del costo del lavoro per unità di prodotto (CLUP), al fine
di verificarne sia l’andamento nel tempo, sia il grado di produttività.
Nell’ambito delle società in house si osserva una riduzione generalizzata del
clup tra il 2006 e il 2007, ad eccezione delle società Risorse RpR S.p.A.,

Sezione 1 \ pag. 35
Roma Entrate S.p.A. e Servizi Azionista Roma s.r.l. società labour intensive
e rivelatrici di un irrigidimento della struttura dei costi e/o di un
peggioramento in termini di produttività. Queste ultime due, insieme al
Gruppo Trambus, presentano anche valori dell’indicatore molto più elevati
rispetto alle altre società in house e superiori a 0,5, confermati dalla più alta
percentuale del rapporto tra costo del lavoro e costi della produzione.
2006
CLUP società in house
2007

Roma Met ropolit ane S.r.l.

Gruppo ATAC ( consolidat o)

Risorse- R.p.R. S.p.A.

Gruppo AMA ( consolidat o)

Zèt ema Proget t o Cult ura S.r.l.

Met r o S.p.A. ( consolidat o)

Roma Ent r at e S.p.A.

Gruppo Tr ambus ( consolidat o)

Servizi Azionist a Roma S.r.l.

0,00 0,10 0,20 0,30 0,40 0,50 0,60 0,70 0,80

La stessa analisi estesa a tutte le società controllate dal Comune di Roma


indipendentemente se in house providing, conferma la tendenza
generalizzata alla riduzione del costo del lavoro per unità di prodotto con le
eccezioni sopra riportate e delle due Aziende Speciali e della Fondazione
Bioparco. Tra le società con valori del clup più elevati si aggiungono, inoltre,
Roma Multiservizi S.p.A. ed Istituzioni Biblioteche.

CLUP società controllate dal Comune di Roma 2006

Agenzia Tossicodipendenze 2007

Fondazione Musica per Roma

Roma Met ropolit ane S.r.l.

Gruppo Acea

Gruppo ATAC (consolidat o)

Palaexpo

Fondazione Mondo Digit ale

Farmacap

Fondazione Bioparco

Risorse-R.p.R. S.p.A.

Gruppo AMA (consolidat o)

Zèt ema Proget t o Cult ura S.r.l.

Met ro S.p.A. (consolidat o)

Roma Ent rat e S.p.A.

Gruppo Trambus (consolidat o)

Roma Mult iservizi S.p.A.

Ist it uzioni Bibliot eche

Servizi Azionist a Roma S.r.l.

0,00 0,10 0,20 0,30 0,40 0,50 0,60 0,70 0,80

Sezione 1 \ pag. 36
Infine, nell’ultimo grafico, per completezza, si riporta l’andamento del costo
del lavoro per unità di prodotto per le sole società partecipate dal Comune di
Roma. Si osservano due fenomeni principalmente. Il primo riguarda
l’aumento del clup tra il 2006 e il 2007 per le società Gemma S.p.A., ed in
misura inferiore per Centrale del Latte S.p.A.. Il confronto tra i due anni nel
caso dell’Agenzia regionale per la Promozione Turistica di Roma e del Lazio
non è significativo in quanto i dati per il 2006 riguardano solo pochi mesi.
L’altro fenomeno che si evidenzia è che il valore massimo del clup non
raggiunge 0,50 ed è un caso circoscritto alla società Gemma S.p.A..

CLUP società partecipate dal Comune di Roma 2006

2007

Centro Ingrosso Fiori S.p.A .

Fiera di Roma S.p.A .

Centrale del Latte

A genzia Regionale per la P romozio ne


Turistica di Ro ma e del Lazio S.p.A .

Centro A groalimentare Romano S.c.p.A .

Eur s.p.A .

A eroporti di Roma (consolidato )

Gemma S.p.A .

0,00 0,05 0,10 0,15 0,20 0,25 0,30 0,35 0,40 0,45

Di seguito il grafico che rappresenta i valori per tutte le società fin qui
considerate.

Sezione 1 \ pag. 37
0,90

CLUP società controllate o partecipate dal Comune di Roma 2007 2006

0,80

0,70

0,60

0,50

0,40

0,30

0,20

0,10

0,00
Servizi Azionista Istituzioni Roma Multiservizi Gruppo Trambus Roma Entrate Metro S.p.A. Zètema Progetto Gemma S.p.A. Gruppo AMA Risorse-R.p.R. Fondazione Aeroporti di Roma Farmacap Fondazione Mondo Palaexpo Eur s.p.A. Centro Gruppo ATAC Gruppo Acea Roma Metropolitane Fondazione Musica Agenzia Agenzia Regionale Centrale del Latte Fiera di Roma
Roma S.r.l. Biblioteche S.p.A. (consolidato) S.p.A. (consolidato) Cultura S.r.l. (consolidato) S.p.A. Bioparco (consolidato) Digitale Agroalimentare (consolidato) S.r.l. per Roma Tossicodipendenze per la Promozione S.p.A.
Romano S.c.p.A. Turistica di Roma e
del Lazio S.p.A.

Sezione 1 \ pag. 38
1.4 Le società di secondo livello
Nella tabella che segue si fornisce un elenco delle partecipazioni detenute
dal Comune di Roma in via indiretta (società di secondo livello), attraverso le
società direttamente controllate o partecipate (società di primo livello). Non
vengono prese in considerazione le società di terzo o quarto livello.
Per ciascuna delle società controllate o partecipate, direttamente o
indirettamente, dal Comune di Roma, sono indicati, laddove disponibili, i
seguenti dati: la quota di possesso, la data di chiusura dell’ultimo esercizio
disponibile, la consistenza del patrimonio netto, i ricavi10 ed il risultato di
esercizio complessivi.
Solo per ACEA S.p.A. e per le relative società controllate, collegate o
partecipate, i dati sono espressi in migliaia di euro anziché in euro.
I dati riportati sono complessivi e non “pro quota”.

10
Per le società del Gruppo ACEA è stato indicato il “volume d’affari”, così come
desumibile dal bilancio consolidato; per le altre società il valore della produzione.

Sezione 1 \ pag. 39
Tabella 8: Controllate e partecipate (partecipazioni rilevanti) di secondo livello - valori in migliaia di euro
per Gruppo Acea; in euro per tutte le altre società e gruppi.
Ultimo Valore della
Denominazione e data di Patrimonio Risultato
Oggetto Sociale Quota esercizio Produzione
costituzione Netto d'esercizio
disponibile (Ricavi)
Controllate dal Comune di Roma
ACEA S.p.A.
Costituita nel 1909. Gestione e sviluppo di reti e servizi nei
Avvio procedure business dell’energia e dell’acqua;
51,00% 31/12/2007 1.605.937 183.570 112.583
quotazione in borsa produzione, distribuzione e trading di
luglio 1999. Quotazione energia elettrica
gennaio 2000
CONTROLLATE Acea Distribuzione S.p.A 100,00% 31/12/2007 807.758 421.177 76.710
(in neretto le società che Acea Ato 2 S.p.A 96,46% 31/12/2007 674.402 410.963 49.928
rientrano nel perimetro di Acea Luce S.p.A. 100,00% 31/12/2007 279 10.320 -159
consolidamento). Non Acea Electrabel S.p.A. 59,41% 31/12/2007 296.752 5.225 -855
sono elencate le società di Cartesia S.p.A. in liquidazione 50,00% 31/12/2005 111 379
terzo o quarto livello Ecomed S.r.l. in liquidazione 50,00% 31/12/2007 96 0 -11
anche se rientranti nel Acea & Co. Armenian Utility Scrl in
perimetro di 55,00% 31/12/2005 140 48
liquidazione
consolidamento. Voinoi S.p.A. in liquidazione 100,00% 31/12/2006 -8.183 n.d. -321
Consorcio Agua AzulSA 25,50% 31/12/2007 21.007 8.573 2.254
LaboratoRI S.p.A. 95,00% 31/12/2007 6.814 19.339 3.063
Acea Ato 5 S.p.A. 94,08% 31/12/2007 14.319 43.465 306
Aquaser S.r.l. 50,00% 31/12/2007 957 4.651. 501
Aguazul Bogotà SA 51,00% 31/12/2007 2..616 11.083 963
Acea Domenicana SA 100,00% 31/12/2007 1.183 2.184 605
Acque Blu Arno Basso S.p.A 69,00% 31/12/2007 20.798 0 1.728
Ombrone S.p.A. 79,57% 31/12/2007 19.391 0 -99
Acea Reti e Servizi Energetici S.p.A. 100,00% 31/12/2007 377.539 12.864 20.235
Dyna Green S.r.L. 33,33% 31/12/2005 100 n.d. 0

32
Sezione 1 \ pag. 40
Data
ultimo Valore della
Segue ACEA Quota Patrimonio Netto
Produzione/Ricavi
Risultato d'esercizio
esercizio
chiuso
Sigesa S.p.A. in liquidazione 100,00% 31/12/2007 -1.911 2.805 -901
Acearieti s.r.l. 100,00% 31/12/2007 -103 -658
Acque blu Fiorentine 68,50% 31/12/2007 61.118 918
Umbra Acque 40,00% 31/12/2007 15.808 95
TAD Energia e Ambiente 100,00% 31/12/2007 2.169 3.957 811
Luce Napoli Scarl 70,00% 31/12/2007 10 6.401 0
CREA S.p.A. 100,00% 31/12/2007 15.004 3.209 3.627
Gesesa 59,67% 31/12/2007 1.453 6.037 -198
E.A.L.L. 100,00% 31/12/2007 6.713 18.250 968
Terni EN.A 100,00% 31/12/2007 9.684 21.036 2.532
S.A.O. 100,00% 31/12/2007 4.987 9.262 202
Enercombustibili 100,00% 31/12/2007 -279 5.393 -1.813
Ergo Ena 70,00% 31/12/2007 -107 304 -157
Acque S.p.A, 45,00% 31/12/2007 36.623 96.792 4.706
Ameatad 55,00% 31/12/2007 -231 154 -241
Ecogena 51,00% 31/12/2007 935 -65
Ecomed 50,00% 31/12/2007 96 -11
Lunigiana 95,79% 31/12/2007 685 1.962 4
Sarnese Vesuviano S.r.l 95,79% 31/12/2007 5.976 0 211
Aguas de San Pedro SA de CV 31,00% 31/12/2006 7.837 n.d. 608
Tirana Acque Scarl in liquidazione 40,00% 31/12/2006 116 n.d. 38

COLLEGATE Marco PoloS.p.A. 33,00% 31/12/2006 894 n.d. 0


Sinergia 42,08% 31/12/2007 1.202 2.039 711
Cesap vendita gas 42,08% 31/12/2007 295 5.008 57
Eblacea S.p.A. 30,00% 31/12/2007 156.264 n.d. 39.585
Geal 28,80% 31/12/2007 2.512 11.073 316

Sezione 1 \ pag. 41
Data
ultimo Valore della
Segue ACEA Quota Patrimonio Netto
Produzione/Ricavi
Risultato d'esercizio
esercizio
chiuso
TeSiMa S.pA in liquidazione 19,20% 31/12/2005 -419 n.d. -522
Parco tecnologico Ambientale Romano
15,00% 31/12/2005 72 22
Srl in liquidazione
Società per il Polo Tecnologico
4,10% 31/12/2005 61.450 n.d. 294
Industriale Romano S.p.A
ALTRE IMPRESE Centro Agroalimentare Roma S.p.A 2,38% 31/12/2005 33.641 n.d. -500
WRc Plc 12,50% 31/12/2005 7.542 n.d. -13

Ambiente e Territorio S.p.A. 10,46% 31/12/2005 417 -167

Centro sviluppo Materiali S.p.A. 10,00% 31/12/2005 14.147 43


Umbria Distribuzione Gas N.A. N.A.
AMA S.p.A. Gestione del ciclo integrato dei rifiuti e
100% 31/12/2007 25.276.765 634.003.000 -35.819.000
Costituita nel 1985 dell'ambiente.
AMA fleet Maintenance 100,00% 31/12/2007 2.033.069 28.826.467 345.317
CONTROLLATE AMA Servizi Ambientali S.r.l. 88,50% 31/12/2007 1.017.382 23.817.399 30.313
(in neretto le società che Ama Disinfestazioni S.r.l 100,00% 31/12/2007 2.088.777 3.920.961 507.278
rientrano nel perimetro di Amagest S.r.l. 100,00% 31/12/2007 107.130 5.300.367 5.130
consolidamento). Non
Consorzio Bonifiche Amianto in
sono elencate le società di liquidaz. 52,00% 31/12/2007 119.393 0 -2.467
terzo o quarto livello
CTR Compagnie Tecnologiche Recu.
anche se rientranti nel 100,00% 31/12/2007 3.529.427 17.308.210 28.145
S.p.A.
perimetro di
consolidamento. Funama S.r.l. 51,00% 31/12/2007 4.827 0 -1.762

Ama International S.p.A.(gruppo) 29,85% 31/12/2007 382.286 14.541.315 -1.945.172


COLLEGATE
Cisterna Ambiente S.p.A. 29,00% 31/12/2007 249.573 4.160.579 10.734

Sezione 1 \ pag. 42
Data ultimo
Patrimonio Valore della Risultato
Segue AMA Quota esercizio
Netto Produzione/Ricavi d'esercizio
chiuso
Co.Ri.S.E. - Consorzio Riciclaggio
50,00% 31/12/2007 47.477 0 -4.523
Scarti Edili
Fondazione "Amici del teatro
38,00% 31/12/2007 14.919
Brancaccio"
Roma Multiservizi S.p.A. 36,00% 31/12/2007 21.060.566 84.314.109 7.755.044

Ecomed Srl in liquidazione 50,00% 31/12/2007 102.339 3.000 -5.771

Fiumicino Servizi S.p.A. 29,60% 31/12/2007 328.286 11.445.084 7.443

E.P. Sistemi S.p.A.. 40,00% 31/12/2007 4.746.980 20.000 -7.377.909

Vitalia S.c.a.r.l.in liquidazione 20,00% 31/12/2007 267.172 24 -17.233

Marco Polo S.p.A. 34,23% 31/12/2007 1.940.090 342.000 184.263

Centro Sviluppo Materiali S.p.A 5,00%


Società per il Polo Tecnologico
0,08%
Industriale Romano S.p.A.
ALTRE IMPRESE Acea S.p.A. 0,02%
Consorzio Italiano Compostatori 5 quote
Le Assicurazioni di Roma 9,00%
Assicurazioni di Roma
Esercizio delle assicurazioni e delle
Mutua - Costituita il 74,30% 31/12/2007 21.750.000 61.455.000 714.492
riassicurazioni
26/4/1971
CONTROLLATA Assicurazioni di Roma - Vita S.p.A. 100,00% 31/12/2007 n.d. n.d. n.d.

Sezione 1 \ pag. 43
Valore della
Denominazione e Patrimonio Risultato
Oggetto Sociale Quota Ultimo esercizio disponibile Produzione
data di costituzione Netto d'esercizio
(Ricavi)
Agenzia per la mobilità
pubblica e privata del
Comune di Roma; attività di
pianificazione, gestione e
regolazione dei servizi di
Atac S.p.A. TPL, vendita di titoli di 100% 31/12/2007 570.372.556 518.200.487 -93.971.010
viaggio, gestione dei
parcheggi e sosta tariffata;
Mantenimento in efficienza
e valorizzazione del
patrimonio strumentale.
CONTROLLATE Atac Patrimonio s.r.l. 100% 31/12/2006 460.634.790 8..306.426 4.315.210

(in neretto le società Atac Parcheggi s.r.l. 100% 31/12/2006 658.391 451.066 -23.602
consolidate) Transel Italia s.r.l. 100% 31/12/2006 108.439 15 -5.3030
Fondazione Amici del teatro
COLLEGATA Brancaccio(deliberato 20,00% 31/12/2007 n.d. n.d. n.d.
scioglimento dai soci)
Esercizio del servizio di TPL
locale relativo alle
metropolitane di sulle linee
Met.Ro. S.p.A. 95,46% 31/12/2007 18.575.000 261.056.000 571.000
ferroviarie in concessione
Roma-Lido Ostia, Roma-
Pantano e Roma-Viterbo
CONTROLLATA O.G.R. 100,00% 31/12/2007 n.d. n.d. n.d.

Sezione 1 \ pag. 44
Denominazione e Valore della
Patrimonio Risultato
data di Oggetto Sociale Quota Ultimo esercizio disponibile Produzione
Netto d'esercizio
costituzione (Ricavi)
Progettazione e trasformazione
urbana e territoriale;
Risorse – R.p.R.
Valutazione e alienazione
S.p.A Costituita il 98,40% 31/12/2007 7.422.000 25.145.000 64.000
patrimonio immobiliare;
9/5/1995
Ingegneria; Studi per lo sviluppo
socioeconomico del territorio
Alta Roma Società Consortile -60.00011
COLLEGATA 20,10% 31/12/2007 n.d. n.d.
per Azioni
Polo Tecnologico romano.p.A.
Banca di Credito Cooperativo di Quote
ALTRE IMPRESE Roma prossime
A.S. Roma a zero%
S.S. Lazio
Esercizio del servizio di
trasporto pubblico locale
autotramviario; gestione del
Trambus S.p.A. 100% 31/12/2006 4.307.583 543.104.865 -4.480.829
trasporto integrato scolastico e
servizi speciali di trasporto
urbano.
TAAS S.c.ar.l. 52,00% 31/12/2007 4.286.968 0 -81.386

Trambus Open S.p.A. 60,00% 31/12/2007 1.171.950 9.990.397 -436.375


CONTROLLATE
Trambus Engineering s.r.l. 100,00% 31/12/2007 12.135 1.115.913 857

Trambus Electric s.r.l. 100,00% 31/12/2007 126.437 1.558.090 116

COLLEGATE Bravobus s.r.l. 49,00% 31/12/2007 n.d. n.d. n.d.

11
Dato di preconsuntivo

Sezione 1 \ pag. 45
Data ultimo esercizio Patrimonio Valore della Risultato
Segue Trambus Quota
chiuso Netto Produzione/Ricavi d'esercizio
TP Net S.p.A.in liquidazione 20,00% 31/12/2007 n.d n.d. n.d.
SmS 8,00% 31/12/2007 n.d n.d. n.d.
Banca Etica S.c.a.r.l. 0,02% 31/12/2007 n.d n.d. n.d.
Banca di Credito Cooperativo di 100 31/12/2007
ALTRE n.d n.d. n.d.
Roma quote
Consel 1,00% 31/12/2007 n.d n.d. n.d.

PARTECIPATE DAL COMUNE DI ROMA


Data
Denominazione e data di ultimo Patrimonio Valore della Risultato
Oggetto Sociale Quota
costituzione esercizio Netto Produzione/Ricavi d'esercizio
chiuso
Aeroporti di Roma
Gestione Aeroporti di Fiumicino e
S.p.A. costituita il 1,37% 31/12/2007 766.392.000 555.258 18.932.000
Ciampino
25.01.2000
ADR Engineering S.p.A. costituita il 100,00% 31/12/2007 8.161.000 619.000
21.02.1997
Airport Invest B.V. costituita il 100,00% 31/12/2007 3.503.000 0 85.000
07.04.1999
CONTROLLATE ADR Sviluppo S.r.l. costituita il 100,00% 31/12/2007 0 5.589.000
27.07.2001
ADR Tel S.P.A. costituita il 31.07.2002 99,00% 31/12/2007 9.672.000 564.000

Aeroporti di Roma Advertising S.p.A. 51,00% 31/12/2007 25.172.000 1.325.000


costituita il 10.01.2003
La Piazza di Spagna S.r.l. costituita il
PARTECIPATE 49,00% 31/12/2007 90.950 0 -2.130.000
17.12.2003

Sezione 1 \ pag. 46
Alinsurance S.r.l. (in liquidazione) 6,00% 31/12/2006 1.109.000 0 -266.000
costituita il 23.07.1991
Aeroporto di Genova costituita il 15,00% 31/12/2007 5.136.000 20.547.000 245.000
12.07.1985
Società Aeroportuale Calabrese S.p.A. 16,57% 31/12/2007 11.023.000 15.266.000 801.000
costituita il 23.02.1990
Centro Agroalimentare
Servizi di gestione di pubblici mercati e
Roma C.A.R. S.c.p.A. 31,00% 31/12/2007 47.183.000 2.991.000 -1.107.000
pese pubbliche
Costituita il 6/4/1990

CONTROLLATA CARGEST SRL 05/06/2002 100,00% 31/12/2007 1.763.615 14.677.580 332.101

Gestione e valorizzazione del proprio


patrimonio immobiliare, costituito da
EUR S.p.A. costituita il
edifici di pregio storico - artistico, da 10,00% 31/12/2007 707.160.000 36.711.000 21.876.000
15/03/2000
parchi, da aree in locazione e da aree
edificabili.
Marco Polo S.p.A. costituita il
PARTECIPATA 32,89% 31/12/2007 1.940.090 342.000 184.263
04/07/2002
Fiera di Roma S.p.A. Società Immobiliare dopo aver
27,61% 31/12/2007 251.638.000 19.008.000 151.000
costituita il 23/04/1998 costituito Fiera Roma S.r.l.
Fiera Roma S.r.l. costituita il
CONTROLLATE 75,00% 31/12/2007 -11.342.680 8.544..000 -15.004.677
23/05/2003
Promex S.C.p.A. costituita il
ALTRE 65,00% 31.12.2007 1.098.677 334.000 -981.071
02/11//2004
Analisi e gestione pratiche
Gemma S.p.A. Costituita il
amministrative, raccolta, inserimento, 20,00% 31/12/2007 2.057.000 25.858.000 1.022.000
12/5/1999
trattamento ed elaborazione dati

Sezione 1 \ pag. 47
2. Punti di attenzione
In questo capitolo vengono brevemente elencate le principali criticità
rilevate, in particolare, in occasione dell’esame dei bilanci 2007 e che sono
meglio approfondite all’interno delle singole relazioni che seguono per
ciascuna società.
• La società strumentale Servizi Azionista Roma s.r.l. operante dal
2006, manifesta con riferimento al piano di sostenibilità economico-
finanziaria, alcune criticità legate a una struttura dei costi
eccessivamente rigida che richiede una revisione del contratto di
servizio vigente.
• Con riguardo alle società del Trasporto Pubblico Locale l’aumento
dei prezzi per l’approvvigionamento energetico o per alcune tipologie
di servizi (vigilanza, consulenze, ecc.), impone il conseguimento di
risparmi dei costi attuabili attraverso, ad esempio, la leva
organizzativa. Permane una forte dipendenza dell’indebitamento
netto dalla inadempienza nei pagamenti della Regione Lazio
(Met.Ro.). Denota ormai aspetti strutturali la perdita registrata da
Atac a motivo del persistente squilibrio tra costi e ricavi e l’elevata
incidenza degli ammortamenti (100 milioni). Prosegue il
peggioramento della situazione finanziaria di Trambus, causata
soprattutto dalla crescita dei crediti nei confronti del Comune di
Roma, di Atac, della Regione Lazio e dello Stato. La società ricade
nella fattispecie dell’art. 2446 del Codice Civile.
• Si continua a segnalare su AMA S.p.A. una forte criticità della
situazione finanziaria con un indebitamento in costante crescita da
cinque anni, di riflesso all’aumento dei crediti, unitamente al
fenomeno dell’evasione o del mancato recupero delle somme
dovute. Ciò determina una importante crisi di liquidità, con un
indebitamento a breve verso banche di 615 milioni di euro. Inoltre,
potrebbe manifestarsi il caso di un’ulteriore svalutazione crediti oltre
quella già operata di 35,5 milioni di euro per crediti verso diversi
soggetti del Comune di Roma effettuata a seguito della ricognizione
delle poste che l’azienda riteneva di vantare. A fine 2007 l’azienda
ricade nella fattispecie ex art. 2446 Codice Civile con rischio elevato
di portarsi nella fattispecie ex art. 2447 Codice Civile anche
nell'esercizio 2008.
• Il Centro Agroalimentare Romano presenta le maggiori criticità sul
piano dell’indebitamento (61%), dovuto alla scarsa capacità di
autofinanziamento, aspetto da non trascurare anche in relazione
all’ammontare delle perdite pregresse che potrebbero, in assenza di
un’inversione di tendenza, manifestare il rischio di incorrere nella
fattispecie dell’art. 2446 del Codice Civile. Anche l’altra società che si
occupa di strutture e commercio all’ingrosso Centro Ingrosso Fiori, a

Sezione 1 \ pag. 48
motivo della mancata localizzazione della struttura e quindi
dell’assenza di gestione caratteristica, rischia di incorrere nella
fattispecie dell’art. 2446 del Codice Civile.
• Attenzione merita l’esame del business plan per le nuove iniziative di
EUR S.p.A. (Centro Congressi e Nuovo Parco dell’acqua nella zona
ex Velodromo) che richiederanno un notevole impegno finanziario.
• Nel caso dell’Azienda Speciale Farmacap la principale criticità si
riscontrano nel mancato allineamento tra previsioni aziendali da un
lato e stanziamenti comunali dall’altro, nonché nella mancata
formalizzazione di un assetto contrattuale stabile (contratto di
servizio) e nel mancato riconoscimento da parte dei Dipartimenti
cliente di alcune partite creditorie, in assenza di adeguati fondi di
accantonamento.
• Con riferimento all’Azienda Speciale Palaexpo si segnala, invece, un
grado di patrimonializzazione pressoché nullo e la scadenza del
contratto di servizio al 31.12.2007 attualmente in prorogatio che
impedisce l’elaborazione di previsioni per il 2008. Risulta urgente e
necessario risolvere la criticità legata alla mancata sincronizzazione
tra stanziamento (annuale) dei fondi per il Contratto di Servizio da
parte del Comune di Roma e normale attività di programmazione a
medio-lungo termine.
• Nel caso della Fondazione Mondo Digitale sussiste il problema del
mancato versamento del contributo al fondo di gestione, aumentato
da 300.000 a 450.000 euro annuale con delibera del Commissario
Straordinario nel marzo di quest’anno.
• In riferimento a Gemma S.p.A. si segnala la ancora non conclusa
procedura per il giudizio arbitrale preliminare alla stima del ramo di
azienda Tributi, finalizzata al definitivo conferimento a Roma Entrate
S.p.A.. Rimane, inoltre, in sospeso, una posta di poco più di un
milione di Euro che la società vanterebbe nei confronti del Comune
di Roma ed a cui non corrisponde alcun accantonamento in bilancio,
in quanto Gemma S.p.A. asserisce che il relativo pagamento da
parte del Comune di Roma sia stato già concordato alla presenza
delle parti nell’ambito della stima arbitrale. Tale situazione condiziona
ancora lo sviluppo delle attività di Roma Entrate che soffre
comunque di una dinamica finanziaria non positiva a motivo degli
elevati oneri finanziari in crescita.
• Con riferimento alla società strumentale, Risorse RpR, si segnalano
importanti elementi di criticità ai fini del funzionamento dell’azienda e
della funzionalità e produttività, dovuti alla pesante esposizione
finanziaria (quasi totalmente a breve termine), legata anche al ritardo
nell’incasso dei crediti vantati nei confronti del Comune di Roma e,
soprattutto, alla mancanza di un Contratto di Servizio. A tali criticità si

Sezione 1 \ pag. 49
è aggiunta anche una crescita dell’occupazione che contrasta con i
limiti operativi imposti dalla recente normativa sulle società
strumentali a totale partecipazione degli enti locali.
• La società Zètema s.r.l., dal punto di vista patrimoniale risulta
scarsamente patrimonializzata, mentre dal punto di vista economico
si configura, a tendere, un rischio di irrigidimento della struttura dei
costi con l’incremento del peso del costo del lavoro. Risulta, infine,
opportuno, procedere ad un’analisi della struttura dell’offerta per
valutare gli effetti di una sua eventuale riorganizzazione.

Sezione 1 \ pag. 50
3. Piano di razionalizzazione e riassetto delle
partecipate
Sempre con riferimento alle società partecipate e controllate dal Comune di
Roma, l’attuale configurazione del Gruppo evidenzia elementi di criticità di
natura strategica ed organizzativa, oltre a quelli economico-finanziari e
gestionali illustrati nel capitolo precedente.
La razionalizzazione della spesa per beni e servizi posta alla base delle
politiche di bilancio enunciate nel Documento di Programmazione
Finanziaria 2009-2011 (DPF), impone, altresì, un rapido riassetto della vasta
galassia societaria facente capo al Comune di Roma, con esclusione delle
società quotate nei mercati regolamentati, delle Istituzioni e, al momento,
delle Fondazioni.
Un piano di razionalizzazione e riassetto del sistema delle partecipate del
Comune di Roma si rende necessario anche alla luce di alcuni recenti
orientamenti normativi, quali, in particolare, la legge 24 dicembre 2007 n.
244 (Finanziaria 2008), art. 3, commi 27-29, da leggere in maniera
combinata con l’art. 13 della Legge 248/2006 (Legge Bersani). Oltre ai
vincoli rappresentati dalle norme già approvate, deve inoltre tenersi conto
dell’art. 23-bis del DL 112/08 (Legge n. 133 del 6 agosto 2008) che
introduce principi di concorrenza nell’affidamento dei servizi e nuove
restrizioni all’ambito di operatività delle gestioni in house, la cui applicazione
è demandata a regolamenti ancora in via di emanazione.
Alla luce dei vincoli e degli orientamenti legislativi prima richiamati, nel citato
DPF è stato descritto un piano di razionalizzazione e di riorganizzazione
delle partecipate coerente con gli obiettivi di razionalizzazione della spesa
per beni e servizi.
Tale piano si muoverà avendo di mira a) l’aumento dell’efficacia
nell’erogazione dei servizi per i cittadini e b) l’innalzamento del grado di
autofinanziamento dei servizi e il potenziamento della capacità competitiva
delle imprese, attraverso:
• drastica riduzione della presenza del comune in alcuni settori
economici mediante dismissioni/cessioni di partecipazioni in società
che erogano servizi strumentali;

• accorpamento e razionalizzazione per segmenti omogenei, con


conseguente riduzione del numero di società di primo e di secondo
livello;

• riassetto delle società che erogano servizi pubblici essenziali


finalizzato all’aumento dell’efficacia nell’erogazione dei servizi per i

Sezione 1 \ pag. 51
cittadini e alla razionalizzazione dei costi, attraverso il
conseguimento di economie di scala (accertamento acquisti, sistemi
informatici, tesoreria, ecc;

• potenziamento del controllo a livello di gruppo, rafforzando gli


strumenti di indirizzo e controllo ex ante e revisione dei contratti di
servizio e di affidamento, nonché dei meccanismi incentivanti le
performance economico-finanziarie e qualitative.

Gli effetti derivanti dall’attuazione del piano di riassetto appena descritto


possono così di seguito sintetizzarsi:

• riduzione di oltre il 50% delle società e degli organi societari, con la


conseguente contrazione dei costi;

• rilevanti risparmi derivanti dal processo di riassetto e dagli interventi


di razionalizzazione dei costi;

• entrate conseguenti alla dismissione delle società non strettamente


inerenti i servizi pubblici locali.

Sezione 1 \ pag. 52
r

1.3.4 - ACCORDI DI PROGRAMMA E ALTRI STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA

Sezione 1 \ pag. 53
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DA 1.3.4.3 CONVENZIONI A CONVENZIONE PER -LIBERA UN. MARIA 3 ANNI 9/10/2003
TIROCINI DI ASSUNTA (LUMSA) RINNOVABILI
FORMAZIONE E - UN. DEGLI STUDI DI 2 ANNI DALLA 4/4/2003
ORIENTAMENTO AL ROMA TOR VERGATA SOTTOSCRIZIONE
LAVORO -- UN. DEGLI STUDI 1 ANNO 27/6/2003
DELLA TUSCIA RINNOVABILE
-POLITECNICO MILANO 1 ANNO RINNOV 23/9/2003
- UN.CA’ FOSCARI 3 ANNI RINNOV 21/3/2003
- UNIV. DI CASSINO 1 ANNO RINNOV 8/4/2003
-ALMA MATER STUD.BO 1 ANNO RINNOV 24/9/03
-UN.S.PIO V 1 ANNO RINNOV 10/10/03
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE UNIVERSITÀ DEGLI AL MOMENTO NON C’È 1 ANNO DALLA 16/01/2002
QUADRO DI TIROCINI STUDI DI ROMA TRE IMPEGNO DI MEZZI DATA DI
DI FORMAZIONE ED FINANZIARI SOTTOSCRIZIONE
ORIENTAMENTO (IN
RIFERIMENTO AL
DECRETO DEL
MINISTERO DEL
LAVORO E DELLA
PREVIDENZA SOCIALE
DEL 25/03/98 N.142)
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE DI FONDAZIONE AL MOMENTO NON C’È 1 ANNO DALLA 14/11/02
TIROCINIO DI FITZCARRALDO IMPEGNO DI MEZZI DATA DI
FORMAZIONE ED FINANZIARI SOTTOSCRIZIONE
ORIENTAMENTO (IN
RIFERIMENTO AL
DECRETO DEL
MINISTERO DEL
LAVORO E DELLA
PREVIDENZA SOCIALE
DEL 25/03/98 N.142)
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE PER UNIVERSITÀ JUAV - AL MOMENTO NON C’È 1 ANNO DALLA 05/04/2004
TIROCINI DI VENEZIA IMPEGNO DI MEZZI DATA DI
FORMAZIONE ED FINANZIARI SOTTOSCRIZIONE
ORIENTAMENTO AL RINNOVABILE
LAVORO TACITAMENTE
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE PER ASS. LAVORO E AL MOMENTO NON C’È 2 ANNI 11/08/04
TIROCINI DI SICUREZZA SOCIALE IMPEGNO DI MEZZI RINNOVABILI
FORMAZIONE ED A.L.E.S.S. DON MILANI FINANZIARI TACITAMENTE
ORIENTAMENTO AL
LAVORO
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE PER SCUOLA NORMALE AL MOMENTO NON C’È 1 ANNO 10/06/04
TIROCINI DI SUPERIORE DI PISA IMPEGNO DI MEZZI RINNOVABILE
FORMAZIONE ED FINANZIARI TACITAMENTE
ORIENTAMENTO AL
LAVORO
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE PER UNIVERSITÀ DI PARMA AL MOMENTO NON C’È 3 ANNI 15/03/04
TIROCINI DI IMPEGNO DI MEZZI
FORMAZIONE ED FINANZIARI
ORIENTAMENTO AL
LAVORO
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A PROTOCOLLO PROG “CAMPUS ONE” – AL MOMENTO NON C’È 2 ANNI 08/06/04
D’INTESA E UNIVERSITÀ ROMA TRE IMPEGNO DI MEZZI RINNOVABILI
COLLABORAZIONE PER FINANZIARI TACITAMENTE
LA FORMAZIONE E LA
RICERCA
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE PER FACOLTÀ DI SCIENZE AL MOMENTO NON C’È 1 ANNO 08/11/2004
TIROCINI DI POLITICHE IMPEGNO DI MEZZI RINNOVABILE
FORMAZIONE DELL’UNIVERSITÀ FINANZIARI TACITAMENTE
DEGLI STUDI DI FIRENZE
– CORSO DI LAUREA IN
SERVIZIO SOCIALE
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE PER LUISS – “LIBERA AL MOMENTO NON C’È 1 ANNO 04/10/2004
TIROCINI DI UNIVERSITÀ IMPEGNO DI MEZZI
FORMAZIONE ED INTERNAZIONALE DEGLI FINANZIARI
ORIENTAMENTO STUDI SOCIALI” –
GUIDO CARLO DI ROMA
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE PER UNIVERSITÀ DEGLI AL MOMENTO NON C’È 1 ANNO 05/10/2004
TIROCINI DI STUDI DI CAMERINO IMPEGNO DI MEZZI RINNOVABILE
FORMAZIONE ED FINANZIARI TACITAMENTE
ORIENTAMENTO
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE PER UNIVERSITÀ DEGLI AL MOMENTO NON C’È 3 ANNI 14/12/2004
TIROCINI DI STUDI DI NAPOLI IMPEGNO DI MEZZI
FORMAZIONE ED FEDERICO II FINANZIARI
ORIENTAMENTO

Sezione 1 \ pag. 54
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE PER UNIVERSITÀ AL MOMENTO NON C’È 2 ANNI 31/03/2005
TIROCINI DI COMMERCIALE LUIGI IMPEGNO DI MEZZI RINNOVABILE
FORMAZIONE ED BOCCONI FINANZIARI TACITAMENTE
ORIENTAMENTO
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE PER UNIVERSITÀ DEGLI AL MOMENTO NON C’È 1 ANNO 03/01/2005
TIROCINI DI STUDI DI FIRENZE IMPEGNO DI MEZZI RINNOVABILE
FORMAZIONE ED FINANZIARI TACITAMENTE
ORIENTAMENTO
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE PER IES ROMA (INSTITUTE AL MOMENTO NON C’È 1 ANNO 15/03/2005
TIROCINI DI FOR THE IMPEGNO DI MEZZI RINNOVABILE
FORMAZIONE ED INTERNATIONAL FINANZIARI TACITAMENTE PER
ORIENTAMENTO EDUCATION OF TRE ANNI
STUDENTS)
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE UNIVERSITÀ DI URBINO AL MOMENTO NON C’È 1 ANNO 14/12/2005
QUADRO PER TIROCINI “CARLO BO” IMPEGNO DI MEZZI RINNOVABILE
DI FORMAZIONE ED FINANZIARI TACITAMENTE
ORIENTAMENTO SALVO DISDETTA
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE UNIVERSITÀ CATTOLICA AL MOMENTO NON C’È 1 ANNO 21/02/2006
QUADRO PER TIROCINI DI MILANO “SACRO IMPEGNO DI MEZZI RINNOVABILE
DI FORMAZIONE ED CUORE” FINANZIARI TACITAMENTE
ORIENTAMENTO SALVO DISDETTA
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE UNIVERSITÀ DI AL MOMENTO NON C’È 3 ANNI 25/05/2006
QUADRO PER TIROCINI L’AQUILA IMPEGNO DI MEZZI RINNOVABILE
DI FORMAZIONE ED FINANZIARI TACITAMENTE
ORIENTAMENTO SALVO DISDETTA
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE DI UNIVERSITÀ DELLA AL MOMENTO NON C’È 3 ANNI 14/02/2006
TIROCINI DI CALABRIA: LAUREA IN IMPEGNO DI MEZZI RINNOVABILE
FORMAZIONE ED SC.DEL SERVIZIO FINANZIARI TACITAMENTE
ORIENTAMENTO SOCIALE SALVO DISDETTA
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE DI UNIVERSITÀ DEGLI AL MOMENTO NON C’È 3 ANNI DALLA 25/05/2006
TIROCINI DI STUDI DI ROMA “LA IMPEGNO DI MEZZI DATA DI
FORMAZIONE ED SAPIENZA” FINANZIARI SOTTOSCRIZIONE
ORIENTAMENTO
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE DI UNIVERSITÀ DEGLI AL MOMENTO NON C’È 3 ANNI DALLA 7.02.2007
TIROCINI DI STUDI DI SIENA IMPEGNO DI MEZZI DATA DI
FORMAZIONE ED FINANZIARI SOTTOSCRIZIONE
ORIENTAMENTO
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE SECONDA UNIVERSITÀ AL MOMENTO NON C’È 5 ANNI DALLA 20.04.2007
QUADRO FINALIZZATA DEGLI STUDI DI NAPOLI IMPEGNO DI MEZZI DATA DI
ALLO SVOLGIMENTO – FACOLTÀ DI LETTERE FINANZIARI SOTTOSCRIZIONE
DI TIROCINI E FILOSOFIA
OBBLIGATORI
PREVISTI
DALL’ORDINAMENTO
DIDATTICO DELLA 2°
UN. DI NAPOLI
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE SECONDA UNIVERSITÀ AL MOMENTO NON C’È 5 ANNI DALLA 7.05.2007
FINALIZZATA ALLO DEGLI STUDI DI NAPOLI IMPEGNO DI MEZZI DATA DI
SVOLGIMENTO DI – FACOLTÀ DI LETTERE FINANZIARI SOTTOSCRIZIONE
STAGE E FILOSOFIA
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE DI LIBERA UNIVERSITÀ DI AL MOMENTO NON C’È 1 ANNO 6.09.2007
TIROCINI DI LINGUE E IMPEGNO DI MEZZI RINNOVABILE
FORMAZIONE ED COMUNICAZIONE IULM FINANZIARI TACITAMENTE
ORIENTAMENTO SALVO DISDETTA
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE TRA LUMSA AL MOMENTO NON C’È 3 ANNI 17.06.2006
LUMSA E COMUNE DI IMPEGNO DI MEZZI RINNOVABILI
ROMA FINANZIARI TACITAMENTE
SALVO DISDETTA
DA 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONVENZIONE TRA UN. TELEMATICA NON AL MOMENTO NON C’È 3 ANNI 2.03.2007
UN. TELEMATICA STATALE TEL M.A. IMPEGNO DI MEZZI
TEL.M.A. E COMUNE DI FINANZIARI
ROMA

Sezione 1 \ pag. 55
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DC 1.3.4.1 ACCORDO DI A ART. 24 STATUTO DEL 5/09/2006
PROGRAMMA COMUNE DI ROMA –
INDIRIZZI AL SINDACO
PER LA
SOTTOSCRIZIONE
DELL’ACCORDO DI
PROGRAMMA EX ART.
34 T.U.E.L., PER
L’APPROVAZIONE DEL
PROGRAMMA DI
INTERVENTI RELATIVO
ALLA
VALORIZZAZIONE DEI
SEGUENTI IMMOBILI DI
PROPRIETÀ DELLO
STATO O IN CORSO DI
ACQUISIZIONE DA
PARTE DEL MEDESIMO:
1) EDIFICIO PIAZZA
VERDI10, SEDE DEL
POLIGRAFICO E DELLA
ZECCA DELLO STATO,
2) EDIFICIO DI VIA
SANTA SUSANNA 13,
GIÀ SEDE
DELL’ISTITUTO
GEOLOGICO
NAZIONALE; 3)
PALAZZO MEDICI
CLARELLI DI VIA
GIULIA.
DC 1.3.4.1 ACCORDO DI A ACCORDO DI SOC. CAM S.R.L 10/04/2006
PROGRAMMA PROGRAMMA, AI SENSI
DELL’ART. 34 DEL D.
LGS. 18 AGOSTO 2000,
N. 267, PER UN
PROGRAMMA DI
RIQUALIFICAZIONE
URBANA ED
ARCHITETTONICA
RELATIVO A QUATTRO
AREE DEGRADATE NEL
TERRITORIO DEL
MUNICIPIO V.
DC 1.3.4.1 ACCORDO DI B INDIRIZZI AL SINDACO, GRUPPO BONIFICI S.P.A.
PROGRAMMA EX ART. 24 DELLO
STATUTO COMUNALE,
PER LA DEFINIZIONE
DELL’ACCORDO DI
PROGRAMMA DA
SOTTOSCRIVERE, AI
SENSI E PER GLI
EFFETTI DELL’ART. 34
DEL TUEL DI CUI AL
D.LGS. N. 267/’00, PER
L’APPROVAZIONE DEL
PROGRAMMA DI
INTERVENTI PER LA
REALIZZAZIONE
DELLA NUOVA SEDE
DEL MUNICIPIO XX E
DI UN COMPLESSO DI
RESIDENZE IN VIA
FLAMINIA NUOVA KM.
8,500 ED IN ALTRA
AREA DA
INDIVIDUARE.

Sezione 1 \ pag. 56
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DC 1.3.4.1 ACCORDO DI A INDIRIZZI AL SINDACO CLESIS; DE CARLI A. 22/2/2008
PROGRAMMA AI SENSI DELL'ART. 24 GROTTI A.; EDIL G.N.
DELLO STATUTO IMM.RE TOR SAPIENZA;
COMUNALE AI FINI SHONBRUNN IMM.RE;
DELLA MASTER ENGINEERING;
SOTTOSCRIZIONE SOMBIT; MB SVILUPPO
DELL'ACCORDO DI INDUSTRIALE; DELLA
PROGRAMMA DI CUI CASALOMBA IMM.RE;
ALL'ART. 34 DEL I.I.T.; AMAS 90; GEIM;
DECRETO MARINE INVESTIMENTI
LEGISLATIVO N. SUD
267/2000 PER LA
REALIZZAZIONE, NEL
QUADRO DI
INTERVENTI DI
RIORDINO E
RIQUALIFICAZIONE
EDILIZIA ED
URBANISTICA, DI
EDILIZIA
RESIDENZIALE CON
CESSIONE DI ALLOGGI
AL COMUNE DI ROMA
PER FAR FRONTE
ALL'EMERGENZA
ABITATIVA.
DC 1.3.4.1 ACCORDO DI B INDIRIZZI AL SINDACO, CEIM IMMOBILIARE € 7.800.000,00
PROGRAMMA AI SENSI DELL’ART. 24 S.R.L.
DELLO STATUTO, PER
UN ACCORDO DI
PROGRAMMA, A
NORMA DELL’ART. 34
DEL D. LGS. 18
AGOSTO 2000, N. 267,
IN VARIANTE AL PRG,
CONCERNENTE LA
RISTRUTTURAZIONE
DEL RESIDENCE
“ROMA” DI VIA DI
BRAVETTA, N. 415 E
LA SUA DESTINAZIONE
AD USO ABITATIVO,
LA BONIFICA DELLE
AREE AD ESSO
CONTERMINI E LA
DOTAZIONE DI SERVIZI
E VERDE PUBBLICI.
DC 1.3.4.1 ACCORDO DI INDIRIZZI AL SINDACO, SOCIETÀ E.CO. € 11.443.000,00
PROGRAMMA A NORMA DELL’ART. IMMOBILIARE S.R.L.
24 DELLO STATUTO,
PER L’ACCORDO DI
PROGRAMMA, EX ART.
34 DEL D. LGS. 18
AGOSTO 2000, N. 267,
PER IL PIANO DI
RIQUALIFICAZIONE
URBANISTICA IN
LOCALITÀ COLLATINA
(MUNICIPIO VII) PER
LA REALIZZAZIONE DI
NUOVE RESIDENZE E
DI UN EDIFICIO PER
DEPOSITI E
ALLESTIMENTI
SCENICI DEL TEATRO
DELL’OPERA. -
VARIAZIONE AL PIANO
DEGLI INVESTIMENTI E
AL BILANCIO DI
PREVISIONE 2006-
2008. ANNUALITÀ
2006

Sezione 1 \ pag. 57
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DC 1.3.4.1 ACCORDO DI B ACCORDO DI SOCIETÀ AVVENIMENTI € 48.272.831,00
PROGRAMMA PROGRAMMA, AI SENSI E SVILUPPO
DELL’ART. 34 DEL D. ALBERGHIERO S.R.L.
LGS. 18 AGOSTO 2000,
N. 267, PER
L’AGGIORNAMENTO DI
PRECEDENTE
ACCORDO DI
PROGRAMMA EX ART.
27 L. N. 142/90
RELATIVO AL PIANO
DENOMINATO
“CITTADELLA DELLA
PICCOLA E MEDIA
IMPRESA” NEL
COMPRENSORIO GIÀ
“NUOVA FIORENTINI”,
CON L’ACQUISIZIONE
DI UN EDIFICIO PER LA
NUOVA SEDE DEL V
MUNICIPIO,
L’ACQUISIZIONE
DELL’AREA PER LA
REALIZZAZIONE DEI
NUOVI UFFICI DEL V
GRUPPO DELLA
POLIZIA MUNICIPALE E
PER LA CESSIONE
DELL’IMMOBILE
COMUNALE GIÀ SEDE
DEL GRUPPO, SU CUI
LOCALIZZARE
ABITAZIONI E
RESIDENZE
UNIVERSITARIE;
AUTORIZZAZIONE
ALLA VENDITA
DELL’IMMOBILE DI V.
TIBURTINA KM.
11,800, A SEGUITO
DELLA MODIFICA DI
DESTINAZIONE D’USO
CONSEGUENTE
ALL’ACCORDO DI
PROGRAMMA.
VARIAZIONE AL PIANO
INVESTIMENTI 2006-
2008.
DC 1.3.4.1 ACCORDO DI A ADP CON MIN. MINISTERO 24.405.493,71 180 GIORNI 22.03.2007
PROGRAMMA INFRASTRUTTURE – INFRASTRUTTURE
DIR.REGIONALE PER
L’EDILIZIA
RESIDENZIALE E LE
POLITICHE URBANE E
ABITATIVE E IL
COMUNE DI ROMA PER
LA REALIZZAZIONE DI
ALLOGGI
SPERIMENTALI E PER
PROGETTI SPECIALI
FINALIZZATI AD
AUMENTARE LA
DISPONIBILITÀ DI
ALLOGGI E DI EDILIZIA
SOCIALE DA
DESTINARE
PRIORITARIAMENTE AI
CONDUTTORI
ASSOGGETTATI A
PROCEDURE
ESECUTIVE DI
RILASCIO – L.3/3/06
N.86

Sezione 1 \ pag. 58
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DC 1.3.4.1 ACCORDO DI B INDIRIZZI AL SINDACO, SOCIETÀ IL MIRTO S.R.L. € 18.740.000,00
PROGRAMMA EX ART. 24 DELLO
STATUTO COMUNALE,
PER LA DEFINIZIONE
DELL’ACCORDO DI
PROGRAMMA DA
SOTTOSCRIVERE, AI
SENSI E PER GLI
EFFETTI DELL'ART. 34
TUEL - D.LGS. N.
267/00, PER
L'AMPLIAMENTO DI UN
EDIFICIO NON
RESIDENZIALE IN V.LE
CIVILTÀ DEL LAVORO
38, IN COERENZA CON
LE PREVISIONI
ORIGINARIE DEL
PIANO DELL'EUR '42, E
PER L'AVVIO DEL
PROGRAMMA DI
TRASFORMAZIONE IN
MUSEO DELL'EDIFICIO
COMUNALE DI VIA DEI
CERCHI, DI
RISTRUTTURAZIONE
DEL MUSEO DELLA
CIVILTÀ ROMANA
ALL'EUR E PER
L'ACQUISIZIONE E/O IL
RESTAURO DI VILLA
YORK
DD 1.3.4.2 PATTO A TEATRI NELLA RETE MIN. ATTIVITÀ E BENI € 600.000 SUL 2007- TRIENNIO 2007- DGR 750 DEL
TERRITORIALE CULTURALI 2008-2009 2009 5.10.2007
ATTRAVERSO REGIONE
LAZIO
DD 1.3.4.2 PATTO A PROGETTO 5 X 5 MIN. ATTIVITÀ E BENI € 100.000 SUL 2007 TRIENNIO 2007- 25.01.2007
TERRITORIALE CINQUE TEATRI PER CULTURALI REGIONE € 280.000 SUL 2008 2009
CINQUE OBIETTIVI. LAZIO €450.000 SUL 2009
TEATRI IN RETE PER
UN PROGETTO DI
INCLUSIONE SOCIALE
DE 1.3.4.1 ACCORDO DI A CENTRO DIURNO ASL RM/E €. 200.000 ANNUALI PROSEGUIMENTO LUGLIO 2004
PROGRAMMA INTEGRATO PER
ANZIANI MALATI DI
PARKINSON
(STRUTTURA
GIUSTINIANA)
DE 1.3.4.1 ACCORDO DI B CENTRO DIURNO AA.SS.LL. RM/D €. 299.100,00 DUE ANNI DICEMBRE 2005
PROGRAMMA MALATI ALZHEIMER
PRESSO CASA
VITTORIA
DE 1.3.4.1 ACCORDO DI A CENTRO DIURNO PER RM/E € 322.216,68 ANNUALE BIENNALE/PROSEG 24/06/2002
PROGRAMMA MALATI DI ALZHEIMER UIMENTO
“ARCOBALENO”
PRESSO STRUTTURA
ROMA 3
DE 1.3.4.1 ACCORDO DI A CENTRO DIURNO PER RM/B € 281.400,00 BIENNALE/PROSEG 19/06/2002
PROGRAMMA MALATI DI ALZHEIMER UIMENTO
“HANSEL E GRETEL”
PRESSO STRUTTURA
BUOZZI
DE 1.3.4.1 ACCORDO DI A CENTRO DIURNO PER RM/C 232.405,60 BIENNALE/PROSEG 24/06/2002
PROGRAMMA MALATI DI ALZHEIMER UIMENTO
“AMARCORD” VIA
ANCELLOTTO
DE 1.3.4.1 ACCORDO DI A CENTRO DIURNO PER RM/A € 234.564,00 BIENNALE/PROSEG 10/10/2002
PROGRAMMA MALATI DI ALZHEIMER UIMENTO
“LA PINETA
ARGENTATA” PRESSO
STRUTTURA ROMA 2

Sezione 1 \ pag. 59
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DE 1.3.4.1 ACCORDO DI A CENTRO DIURNO PER MUNICIPIO ROMA 3, €. 226.800,00 BIENNALE/PROSEG APRILE 2004
PROGRAMMA MALATI ALZHEIMER. AZIENDA POLICLINICO, UIMENTO
ASL ROMA A,
UNIVERSITÀ LA
SAPIENZA
DIPARTIMENTO
DELL’INVECCHIAMENT
O, IPAB S. EUFEMIA.
DE 1.3.4.1 ACCORDO DI A CENTRO DIURNO PER MUNICIPIO ROMA 11, €. 130.000,00 (È LA BIENNALE/PROSEG LUGLIO 2004
PROGRAMMA MALATI ALZHEIMER. ASL ROMA C, IL QUOTA DEL DIP V; IL UIMENTO
DELEGATO DEL RESTO A CARICO DEL
SINDACO DELLA ASL MUN.11)
ROMA C
DE 1.3.4.1 ACCORDO DI B APERTURA CENTRO ASL RME
PROGRAMMA PER MALATI
ALZHEIMER C/O CASA
DI RIPOSO ROMA 1 –
VIA ROCCO DI
SANTOLIQUIDI
DE 1.3.4.1 ACCORDO DI B APERTURA CENTRO ASL RMA, MUNICIPIO I,
PROGRAMMA PER MALATI ISMA
ALZHEIMER C/O
MUNICIPIO ROMA 1
DE 1.3.4.3 ACCORDO DI A PROGETTO PER LA ISTITUTO SUPERIORE DI PERSONALE COMUNALE. FINO AL 31 SETTEMBRE 2007
COLLABORAZIONE REALIZZAZIONE DI SANITÀ FINANZIAMENTO € MAGGIO 2009
UNA BANCA DATI 300.000 A CARICO I.S.S.
DELLE FRAGILITÀ
SOCIO-SANITARIE
DELLA POPOLAZIONE
ANZIANA
DE 1.3.4.3 ACCORDO DI A REALIZZAZIONE CORSI AZ.OSP S.CAMILLO- € 70.000 COMUNE + € 12 MESI MARZO 2007
COLLABORAZIONE DI FORMAZIONE PER FORLANINI 70.000 AZ.OSP
ASSISTENTI FAMILIARI S.CAMILLO-FORLANINI
+ 2 CORSI INTEGRATI
DI LINGUA ITALIANA
PER STRANIERI
DF 1.3.4.3 ALTRO B LEGGE REGIONE LAZIO REGIONE LAZIO, € 77.000.000,00 IN CORSO DI
N.1/2001 – NORME COMUNE DI ROMA E DEFINIZIONE
PER LA ALTRI 42 COMUNI DEL
VALORIZZAZIONE E LO LITORALE
SVILUPPO DEL
LITORALE DEL LAZIO
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A PROGRAMMI DI REGIONE LAZIO, FONDI DI PRIVATI. 6 ANNI 28.12.1998
PROGRAMMA RIQUALIFICAZIONE MINISTERO DEI LAVORI FONDI PUBBLICI DEL
URBANA ART. 2 L. PUBBLICI MINISTERO DEI LL.PP.
179/92 – AMBITO
OSTIA PONENTE
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A PROGRAMMI DI REGIONE LAZIO, FONDI DI PRIVATI. 10 ANNI 28.12.1998
PROGRAMMA RIQUALIFICAZIONE MINISTERO DEI LAVORI FONDI PUBBLICI DEL
URBANA ART. 2 L. PUBBLICI MINISTERO DEI LL.PP.
179/92 – AMBITO
BORGHESIANA
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A PROGRAMMI DI REGIONE LAZIO, FONDI DI PRIVATI. 5 ANNI 24.09.1998
PROGRAMMA RIQUALIFICAZIONE MINISTERO DEI LAVORI FONDI PUBBLICI DEL
URBANA ART. 2 L. PUBBLICI MINISTERO DEI LL.PP.
179/92 – AMBITO
PIGNETO
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A PROGRAMMI DI REGIONE LAZIO, FONDI DI PRIVATI. 5 ANNI 24.09.1998
PROGRAMMA RIQUALIFICAZIONE MINISTERO DEI LAVORI FONDI PUBBLICI DEL
URBANA ART. 2 L. PUBBLICI MINISTERO DEI LL.PP.
179/92 – AMBITO
ESQUILINO
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A PROGRAMMI DI REGIONE LAZIO, FONDI DI PRIVATI. 6 ANNI 24.09.1998
PROGRAMMA RIQUALIFICAZIONE MINISTERO DEI LAVORI FONDI PUBBLICI DEL
URBANA ART. 2 L. PUBBLICI MINISTERO DEI LL.PP.
179/92 – AMBITO
CASE ROSSE
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A RIQUALIFICAZIONE MINISTERO DEI RINVIATO AL 10 ANNI - 8.3.2000
PROGRAMMA URBANISTICA DELLE TRASPORTI, MINISTERO FINANZIAMENTO EX- VIGENZA DEL
AREE FERROVIARIE DELLE FINANZE, LEGE 396/90 ED AL PIANO ATTUATIVO
DELLE STAZIONI REGIONE LAZIO, PROGRAMMA
OSTIENSE, PROVINCIA DI ROMA, FS COMUNALE OO.PP.
TRASTEVERE – PORTO S.P.A. 2000-2002
FLUVIALE E
QUATTROVENTI

Sezione 1 \ pag. 60
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B PROGRAMMA PRIVATI PRIVATI DECENNALE
PROGRAMMA URBANISTICO E1
ANAGNINA -
COMPENSAZIONE
ZONA G3 SALONE
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B TRANSAZIONE PRIVATI PRIVATI DECENNALE
PROGRAMMA COMPENSATIVA SOC.
AGUGLIA
COMPENSAZIONE
EDIFICATORIA LOC.
MONTE CUCCO -
TRULLO
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B ATTUAZIONE DI UN REGIONE LAZIO
PROGRAMMA PROGRAMMA DI
EDILIZIA
RESIDENZIALE NEL
COMPRENSORIO M2
COLLATINA
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B PROGRAMMA DI EUR SPA 1.06.2007
PROGRAMMA INTERVENTI PER IL
RECUPERO E LA
TRASFORMAZIONE DEL
VELODROMO
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B 21 INDIRIZZI AL DIPARTIMENTI FONDI DI PRIVATI 18 MESI
PROGRAMMA SINDACO EX ART. 24 AMMINISTRAZIONE
DELLO STATUTO COMUNALE –
COMUNALE AI FINI SOVRINTENDENZA
DELLA COMUNALE
SOTTOSCRIZIONE
DEGLI ACCORDI DI
PROGRAMMA EX ART.
34 DEL D.LGS. N.
267/2000,
CONCERNENTI LA
COMPENSAZIONE
EDIFICATORIA DI
VARIE
AREE/ZONE/COMPREN
SORI
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B STRUTTURA UFFICIO DELLE 0 18 MESI
PROGRAMMA RICETTIVA – POLITICHE
“VILLAGGIO INTERNAZIONALI DEL
ECOLOGICO” TURISMO E DELLA
MODA – DIPARTIMENTO
X – REGIONE LAZIO -
SOVRAINTENDENZA
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B LOTTIZZAZIONE REGIONE LAZIO / 0 1 ANNO
PROGRAMMA CONVENZIONATA “ SOVRINTENDENZA
PAGLIAN CASALE”
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B LOTTIZZAZIONE REGIONE LAZIO / 0 1 ANNO
PROGRAMMA CONVENZIONATA “ SOVRINTENDENZA
CECCHIGNOLA OVEST”
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B PROGRAMMA DI
PROGRAMMA INTERVENTI PER LA
RIQUALIFICAZIONE
DELL’AMBITO “ P.LE
DELLE PROVINCIE –
LEGA LOMBARDA “
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B ATTO DI MODIFICA REGIONE LAZIO
PROGRAMMA DELL’ART. 4
DELL’ACCORDO DI
PROGRAMMA
DELL’8/3/2000 PER LA
RIQUALIFICAZIONE
DELL’AREA DELLA
STAZIONE TIBURTINA
(ACQUISIZIONE
COMUNALE DELLO
STABILIMENTO
ITTIOGENICO)

Sezione 1 \ pag. 61
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A A.D.P. DI MODIFICA REGIONE LAZIO – RETE 2/02/2006
PROGRAMMA DEI COMMI 5-6-7 ED 8 FERROVIARIA ITALIANA
DELL’ART. 10 S.P.A
DELL’A.D.P.
DELL’8/3/2000,
SIGLATO AI SENSI
DELL’ART. 3 DELLA
LEGGE 15/12/90, N.
396, CONCERNENTE
LA RIQUALIFICAZIONE
DELLE AREE
FERROVIARIE DELLE
STAZIONI OSTIENSE,
TRASTEVERE – PORTO
FLUVIALE E
QUATTROVENTI.
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A ACCORDO DI REGIONE LAZIO 24 MAGGIO 2007
PROGRAMMA PROGRAMMA PER
L’APPROVAZIONE E LA
REALIZZAZIONE
DELL’INTERVENTO
DENOMINATO:
“PROGRAMMA
INTEGRATO DI
INTERVENTO
URBANISTICO IN
LOCALITÀ PRIMA
PORTA PER LA
RILOCALIZZAZIONE
DELLE ATTIVITÀ
ARTIGIANALI POSTE
SUL RILEVATO
FERROVIARIO IN
LOCALITÀ TOR DI
QUINTO (VIA
CAMPOSAMPIERO) AI
FINI
DELL’ATTUAZIONE
DEL PROGETTO DI
CHIUSURA DEL
TRATTO NORD
DELL’ANELLO
FERROVIARIO E DELLA
GRONDA OVEST.
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A ACCORDO DI MINISTERO DEI 5 ANNI 08.03.2000
PROGRAMMA PROGRAMMA ART. 27 TRASPORTI E DELLA PROROGABILI
EX LEGE 142/90 SUL NAVIGAZIONE, REGIONE
NODO FERROVIARIO DI LAZIO
ROMA TRA MINISTERO
DEI TRASPORTI E
DELLA NAVIGAZIONE,
REGIONE LAZIO E
COMUNE DI ROMA
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A ACCORDO DI MINISTERO DEI 08.03.2000
PROGRAMMA PROGRAMMA EX ART. TRASPORTI E DELLA
3 LEGE 396/90 PER LA NAVIGAZIONE,
RIQUALIFICAZIONE MINISTERO DEI LL.PP.,
DELL’AREA DELLA MINISTERO DELLE
STAZIONE TIBURTINA FINANZE, REGIONE
LAZIO, PROVINCIA DI
ROMA, FF.SS. S.P.A.
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A ACCORDO DI COMUNE DI ROMA, 10.12.2001
PROGRAMMA PROGRAMMA REGIONE LAZIO,
CONCERNENTE COMUNE DI TIVOLI,
INDAGINI E COMUNE DI GUIDONIA
PROGETTAZIONE MONTECELIO
RELATIVE AL PARCO
METROPOLITANO
TERMALE DI TIVOLI,
GUIDONIA E ROMA

Sezione 1 \ pag. 62
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A PRUSST ASSE MIN. INFRASTR. E € 756.554.819,00 ULTIMA OPERA 20.05.2002
PROGRAMMA TIBURTINO “FATA TRASPORTI, REGIONE (PUBBLICI E PRIVATI) 2008
VIAM INVENIENT” LAZIO, PROVINCIA DI
ROMA, CASSA DD.PP.,
ANAS, COMUNE DI
TIVOLI, COMUNE
GUIDONIA, COMUNE
CASTELMADAMA – (PER
DELEGA: ENEL, ACEA
SOVRINTENDENZE,
ROMA NATURAS, SOC.
ACQUE ALBULE, UNIV.
AGRARIE
CASTELMADAMA + N. 1
PRIVATO)
DF 1.3.4.2 PATTO B PATTO TERRITORIALE REGIONE LAZIO, DEFINITI SOLO I CANALI IN CORSO DI
TERRITORIALE DI OSTIA COMUNE DI ROMA XIII DI FINANZIAMENTO DEFINIZIONE
MUNICIPIO,
SOVRAINTENDENZA
SCAVI DI OSTIA, MONTE
DEI PASCHI DI SIENA,
ASSOTEL OSTIA,
ASSORISTORANTI ROMA
E PROVINCIA,
FEDERLAZIO,
CONSORZIO DRAGONA,
SIBLAZIO, ASCOM
OSTIA, FIBA REGIONE
LAZIO, ATI SPA, CNA,
SIB LIDO DI ROMA,
ASSOBALNEARI LIDO
DF 1.3.4.2 PATTO B PATTO TERRITORIALE REGIONE LAZIO, DA DEFINIRE IN CORSO DI
TERRITORIALE PER LO SVILUPPO PROVINCIA DI ROMA, DEFINIZIONE
DELLE PERIFERIE COMUNE DI ROMA V E
METROPOLITANE – VIII MUNICIPIO,
MUNICIPII V E VIII DEL COMUNE DI GUIDONIA
COMUNE DI ROMA, MONTECELIO, COMUNE
COMUNE DI GUIDONIA DI TIVOLI, UNIVERSITÀ
MONTECELIO E TOR VERGATA, POLO
COMUNE DI TIVOLI TECNOLOGICO, C.A.R. E
CAMERA DI COMMERCIO
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A II ACCORDO DI REGIONE LAZIO 2.4.97
PROGRAMMA PROGRAMMA PER LA
LOCALIZZAZIONE DI
ALCUNI COMPLESSI
PARROCCHIALI NELLE
ZONE PERIFERICHE
DELLA CITTÀ DI ROMA
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A RIQUALIFICAZIONE MINISTERO AREE 1.8.97
PROGRAMMA DELL’AREA DELLA URBANE, MINISTERO
STAZIONE DI S.PIETRO DEI TRASPORTI,
REGIONE LAZIO,
PROVINCIA DI ROMA,
F.S. S.P.A
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A RIQUALIFICAZIONE MINISTERO DEI LL.PP. 11.11.97
PROGRAMMA DELL’AREA DELLA DELEGATO PER LE AREE
STAZIONE TIBURTINA URBANE, MINISTERO
DEI TRASPORTI,
REGIONE LAZIO,
PROVINCIA DI ROMA,
F.S. S.P.A
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A III ACCORDO DI REGIONE LAZIO 25.11.98
PROGRAMMA PROGRAMMA PER LA
LOCALIZZAZIONE DI
ALCUNI COMPLESSI
PARROCCHIALI NELLE
ZONE PERIFERICHE
DELLA CITTÀ DI ROMA

Sezione 1 \ pag. 63
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B 15 INDIRIZZI AL DIPARTIMENTI FONDI DI PRIVATI 18 MESI
PROGRAMMA SINDACO EX ART. 24 AMMINISTRAZIONE
DELLO STATUTO COMUNALE –
COMUNALE AI FINI SOVRINTENDENZA
DELLA COMUNALE
SOTTOSCRIZIONE
DEGLI ACCORDI DI
PROGRAMMA EX ART.
34 DEL D.LGS. N.
267/2000,
CONCERNENTI LA
COMPENSAZIONE
EDIFICATORIA DI :
CASTELFUSANO-
INFERNETTO;
MAGLIANELLA GRA;
VIA DELLE VIGNE;
ASAL MONASTERO;
MORENA; BOCCEA;
MONTESPACCATO;
CASAL LUMBROSO;
TOR TRE TESTE; VILLA
TRAILI; MONTI DELLA
BRECCIA; LA
MANDRIOLA SUD-EST;
CASALE GASPERINI;
LUNGHEZZA;
SPINACETO;
MARANELLA
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B TRANSAZIONE TRA DIPARTIMENTI FONDI DI PRIVATI 18 MESI
PROGRAMMA COMUNE E SEP (SOC. AMMINISTRAZIONE
EDILIZIA PINETO) DEL COMUNALE –
CONTENZIOSO SOVRINTENDENZA
RELATIVO ALLE AREE COMUNALE
OCCORSE PER LA
REALIZZAZIONE DEL
PARCO PUBBLICO DEL
PINETO. INDIRIZZI AL
SINDACO PER LA
SOTTOSCRIZIONE
DELL’ACCORDO DI
PROGRAMMA
CONCERNENTE LA
TRANSAZIONE
COMPENSATIVA DEL
COMPRENSORIO DEL
PINETO, ATTRAVERSO
RILOCALIZZAZIONE
DELLE VOLUMETRIE
NELLE AREE DI
PESCACCIO E VIA DI
BRAVA.
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B INDIRIZZI AL SINDACO DIPARTIMENTI FONDI DI PRIVATI 18 MESI
PROGRAMMA EX ART. 24 DELLO AMMINISTRAZIONE
STATUTO COMUNALE COMUNALE –
AI FINI DELLA SOVRINTENDENZA
SOTTOSCRIZIONE COMUNALE
DEGLI ACCORDI DI
PROGRAMMA EX ART.
34 DEL D.LGS. N.
267/2000,CONCERNEN
TE LA TRANSAZIONE
COMPENSATIVA
ETENCO/PARSITALIA
DELL’AREA DEPOSITO
MAGLIANA
ATTRAVERSO LA
RILOCALIZZAZIONE
DELLE VOLUMETRIE
NELLE AREE
COSTITUENTI IL
PROGRAMMA DI
TRASFORMAZIONE DI
SPINACETO

Sezione 1 \ pag. 64
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B INDIRIZZI AL SINDACO DIPARTIMENTI FONDI DI PRIVATI 18 MESI
PROGRAMMA EX ART.24 DELLO AMMINISTRAZIONE
STATUTO COMUNALE COMUNALE –
AI FINI DELLA SOVRINTENDENZA
SOTTOSCRIZIONE COMUNALE - MUNICIPI
DELL’ACCORDO DI
PROGRAMMA, EX
ART.34 T.U.E.E.L.L.,
CONCERNENTE LA
COMPENSAZIONE
EDIFICATORIA DEL
COMPRENSORIO
“MONTI DELLA
CACCIA” ATTRAVERSO
LA RILOCALIZZAZIONE
DELLE VOLUMETRIE
NELLE AREE
COSTITUENTI IL
PROGRAMMA DI
TRASFORMAZIONE DI
“CASTEL DI LEVA “.
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B PROGETTO URBANO REGIONE LAZIO E F.S.
PROGRAMMA “SAN LORENZO - S.P.A.
CIRCONVALLAZIONE
INTERNA - VALLO
FERROVIARIO”
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B INDIRIZZI AL SINDACO DIPARTIMENTI FONDI DI PRIVATI 18 MESI
PROGRAMMA EX ART. 24 DELLO AMMINISTRAZIONE
STATUTO COMUNALE COMUNALE –
AI FINI DELLA SOVRINTENDENZA
SOTTOSCRIZIONE COMUNALE - MUNICIPI
DELL’ ACCORDO DI
PROGRAMMA, EX
ART.34 T.U.E.E.L.L.,
CONCERNENTE LA
COMPENSAZIONE
EDIFICATORIA FRA I
COMPRENSORI M/2 -
“VICOLO CLEMENTI “
E M/1 - “CASAL
GROTTONI”
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B INDIRIZZI AL SINDACO DIPARTIMENTI FONDI DI PRIVATI 18 MESI
PROGRAMMA EX ART.24 DELLO AMMINISTRAZIONE
STATUTO COMUNALE COMUNALE –
AI FINI DELLA SOVRINTENDENZA
SOTTOSCRIZIONE COMUNALE - MUNICIPI
DELL’ACCORDO DI
PROGRAMMA, EX
ART.34 T.U.E.E.L.L.,
CONCERNENTE LA
COMPENSAZIONE
EDIFICATORIA DEL
COMPRENSORIO TOR
MARANCIA,
ATTRAVERSO LA
RILOCALIZZAZIONE
DELLE VOLUMETRIE
NELLE AREE
COSTITUENTI IL
PROGRAMMA DI
TRASFORMAZIONE
URBANISTICA DI
GIUSTINIANA
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A RECUPERO DIPARTIMENTI FONDI DI PRIVATI 18 MESI 20.09.2007
PROGRAMMA URBANISTICO ED AMMINISTRAZIONE
EDILIZIO DI UN COMUNALE –
COMPENDIO SOVRINTENDENZA
IMMOBILIARE COMUNALE - MUNICIPI
FACENTE PARTE,
SECONDO IL NUOVO
P.R.G., DELL’AMBITO
DI VALORIZZAZIONE
“B 18 – VIA ETTORE
ROLLI”, IN VARIANTE
AL VIGENTE P.R.G.

Sezione 1 \ pag. 65
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B INDIRIZZI AL SINDACO DIPARTIMENTI FONDI DI PRIVATI 18 MESI
PROGRAMMA EX ART.24 DELLO AMMINISTRAZIONE
STATUTO COMUNALE COMUNALE –
AI FINI DELLA SOVRINTENDENZA
SOTTOSCRIZIONE COMUNALE - MUNICIPI
DELL’ACCORDO DI
PROGRAMMA, EX ART.
34 T.U.E.E.L.L.,
CONCERNENTE LA
COMPENSAZIONE
EDIFICATORIA DEL
COMPRENSORIO
“MONTI DELLA
CACCIA”,
ATTRAVERSO LA
RILOCALIZZAZIONE
DELLE RELATIVE
VOLUMETRIE NELLE
AREE COSTITUENTI IL
PROGRAMMA DI
INTERVENTO
URBANISTICO
“COLLATINA”.
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B PROGRAMMA DI REGIONE LAZIO ATAC
PROGRAMMA INTERVENTO PER LA SPA
TRASFORMAZIONE E
VALORIZZAZIONE DEL
COMPENDIO
IMMOBILIARE DI
PROPRIETÀ
DELL’AZIENDA ATAC
“RIMESSA VITTORIA”.
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B PROGRAMMA DI REGIONE LAZIO
PROGRAMMA INTERVENTO PER LA
TRASFORMAZIONE E
VALORIZZAZIONE DEL
COMPENDIO
IMMOBILIARE DI
PROPRIETÀ ATAC
“DEPOSITO PORTA
MAGGIORE”.
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B A.D.P. DI INTERVENTO REGIONE LAZIO
PROGRAMMA PER IL RECUPERO E LA
TRASFORMAZIONE
URBANA DELLLA SEDE
CENTRALE DELLA
ANGELINI
IMMOBILIARE- VIA
NOCERA UMBRA.
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A A.D.P. DI INTERVENTO REGIONE LAZIO,PRIVATI 21.11.2005
PROGRAMMA RELATIVO AL
COMPARTO A DI
SOSTITUZIONE
EDILIZIA
NELL’AMBITO
URBANO DENOMINATO
GIUSTINIANO
IMPERATORE.
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B PROGRAMMA DI REGIONE LAZIO
PROGRAMMA INTERVENTO PER LA
TRASFORMAZIONE E
VALORIZZAZIONE
DELL’EX FIERA DI
ROMA- CRISTOFORO
COLOMBO.
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B PROGRAMMA DI REGIONE LAZIO
PROGRAMMA INTERVENTO PER LA
TRASFORMAZIONE E
LA RIQUALIFICAZIONE
DEL COMPLESSO
“CENTRO CARNI” DI
ROMA.

Sezione 1 \ pag. 66
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B PROGRAMMA DI REGIONE LAZIO
PROGRAMMA INTERVENTO PER LA
TRASFORMAZIONE E
VALORIZZAZIONE DEL
COMPENDIO
IMMOBILIARE “AMA
MONTAGNOLA”.
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B PROGRAMMA DI REGIONE LAZIO
PROGRAMMA INTERVENTO PER LA
TRASFORMAZIONE E
VALORIZZAZIONE DEL
COMPENDIO
IMMOBILIARE DI
PROPRIETA’ ATAC
“RIMESSA S. PAOLO”.
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B PRO.SIDER – VIA DEI REGIONE LAZIO 2 ANNI
PROGRAMMA ROMAGNOLI
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B AMPLIAMENTO REGIONE LAZIO 4 ANNI
PROGRAMMA FACOLTÀ PONTIFICIA
DI SCIENZE
DELL’EDUCAZIONE
“AUXILIUM”
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B CENTRO ENTE PRIVATO, 4 ANNI
PROGRAMMA POLIFUNZIONALE DI REGIONE LAZIO
ALTA
SPECIALIZZAZIONE
PER L’INTEGRAZIONE
SOCIALE DEI CIECHI
PLURIMINORATI
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B PROGRAMMA REGIONE LAZIO 3 ANNI
PROGRAMMA URBANISTICO DI
INTERVENTO PER LA
REALIZZAZIONE
CENTRO
POLIFUNZIONALE
“MORENA”
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A REALIZZAZIONE DI ENTE P.T. REGIONE 1.12.95
PROGRAMMA CINQUE CENTRI DI LAZIO, COMUNE DI
SETTORE P.T. ROMA
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI B CENTRALITÀ LOCALE REGIONE LAZIO 3 ANNI CON INIZIO
PROGRAMMA LOCALITÀ SESTO 2009
MIGLIO
DF 1.3.4.1 ACCORDO DI A APPROVAZIONE DEL AMM. COMUNALE E FONDI PRIVATI 10 ANNI 23 APRILE 2007
PROGRAMMA PIANO INTEGRATO EX PRIVATI
ART 16 L 179/92 E
LEGGE R.LAZIO 22/97
PER LA REDAZIONE DI
UN POLIAMBULATORIO
E UN INTERVENTO
RESIDENZIALE MISTO
IN LOCALITÀ TOR TRE
TESTE
DG 1.3.4.1 ACCORDO DI A PROGETTO MINISTERO DELLE CONTRIBUTO DEL 16/12/2002
PROGRAMMA “INTERVENTO PER IL INFRASTRUTTURE E DEI MINISTERO DELLE
MONITORAGGIO DELLE TRASPORTI INFRASTRUTTURE E DEI
DIRETTRICI DI TRASPORTI PARI A €
PENETRAZIONE 7.746.853,48 DIVISO IN
URBANA E DEI DIECI ANNUALITA
PRINCIPALI ITINERARI
DI SCORRIMENTO
DELLA RETE INTRA-
GRA DEL COMUNE DI
ROMA
DG 1.3.4.1 ACCORDO DI B POTENZIAMENTO E MINISTERO DELLE €5.681.025,90 10 ANNUALITÀ
PROGRAMMA AMMODERNAMENTO INFRASTRUTTURE E DEI (CONTRIBUTO DEL
DELLE TRASPORTI MINISTERO INFR. E
INFRASTRUTTURE E TRASP)
DEI SISTEMI DI
INFORMAZIONE AI
PARCHEGGI DI
SCAMBIO CON LA RETE
DI TRASPORTO
PUBBLICO SU FERRO
DEL COMUNE DI ROMA

Sezione 1 \ pag. 67
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DI 1.3.4.1 ACCORDO DI B P.Z. LUNGHEZZINA 2 REGIONE LAZIO E
PROGRAMMA OPERATORI
DI 1.3.4.3 PROTOCOLLO B GESTIONE DELLO DIPARTIMENTO VI –
D’INTESA SPORTELLO UNICO PER DIPARTIMENTO VII –
L’EDILIZIA AI SENSI SOVRINTENDENZA
DEL T.U. DPR 380/01 COMUNALE
DI 1.3.4.3 PROTOCOLLO B PROTOCOLLO ASSOCIAZIONE € 500.000,00 2006-2008
D’INTESA D’INTESA IN BALNEARI E REGIONE
ATTUAZIONE LEGGE LAZIO
53/98 COMMA 1 ART.
33. RIPASCIMENTO
SPIAGGE LITORALE
ROMANO
DI 1.3.4.3 PROTOCOLLO A OPERE DI RIASSETTO MIN.INFRASTRUTTURE, PROVENTI SCOMPUTO 24LUGLIO 2003
D’INTESA DELLA RETE VIARIA PROVVEDITORATO ONERI CONCESSORI
CONNESSA ALLA LAZIO, MIN.INTERNO,
LOCALIZZAZIONE REGIONE LAZIO
DELLE SEDI DEGLI
UFFICI DEL PIP.TO DI
P.S. IN VARIANTE AL
PRG DEL COMUNE DI
ROMA
DI 1.3.4.1 ACCORDO DI A COMPRENSORIO MASTER ENGINEERING PRIVATI FINO AL 10.12.2000
PROGRAMMA LUNGHEZZA – PONTE SRL 25.06.2012
DI NONA SCADENZA
CONVENZIONE
DI 1.3.4.1 ACCORDO DI B INIZIO LAVORI DA REGIONE LAZIO 1 ANNO
PROGRAMMA PARTE DEL
CONSORZIO
SOLIDARIETÀ SOCIALE
PER REALIZZAZIONE
CENTRO POLIVALENTE
NEL P.Z. PIAN
SACCOCCIA
DI 1.3.4.3 PROTOCOLLO A RIASSETTO DELLA ACEA SPA 1 ANNO 29/11/2007
D’INTESA RETE ELETTRICA DI PROROGABILE DI 1
TRASMISSIONE ANNO
NAZIONALE E
DISTRIBUZIONE AT
NEL COMUNE DI ROMA
DI 1.3.4.3 PROTOCOLLO A GESTIONE DI UNA APAT (ATTUALMENTE 2 ANNI 5/09/2007
D’INTESA RETE DI ISPRA) – ARPA LAZIO PROROGABILE DI
MONITORAGGIO IN ULTERIORI 2 IN
CONTINUO DEI CAMPI ASSENZA DI
ELETTROMAGNETICI DIVERSA
VOLONTÀ DELLE
PARTI
DN 1.3.4.3 CONVENZIONE A PER LA PRIMA RETE FERROVIARIA SPA 5 ANNI 23/12/2005
ATTUAZIONE DELLE
PREVISIONI DEL PIANO
DI ASSETTO PER LA
RIQUALIFICAZIONE
URBANISTICA E
FUNZIONALE
DELL’AREA DELLA
STAZIONE TIBURTINA
DP 1.3.4.2 PATTO A PROGETTAZIONE ED PRESIDENTE MUNICIPIO SENZA IMPEGNI DI MANDATO DEL 19/03/1999
TERRITORIALE ATTUAZIONE DI XIII, PROVVEDITORE SPESA PRESIDENTE DEL
INTERVENTI SUL AGLI STUDI, XIII MUNICIPIO.
TERRITORIO DEL COORDINATORE VIII
MUNICIPIO VOLTI CENTRO TERRITORIALE,
ALLA PREVENZIONE RESPONSABILE
DEL DISAGIO INFORMAGIOVANI,
GIOVANILE ED ALLO PRESIDENTE XI
SVILUPPO LOCALE. DISTRETTO,
OSSERVAZIONE
DIDATTICA, C.N.A.,
ASSOBALNEARI, S.I.B.,
ASCOM,
ASSOALBERGATORI,
OO.SS. C.G.I.L., OO.SS.
C.I.S.L., OO.SS. U.I.L..

Sezione 1 \ pag. 68
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DP 1.3.4.2 PATTO B SVILUPPO INTEGRATO XV MUNICIPIO, ISFOL, SENZA IMPEGNI DI MANDATO
TERRITORIALE DELLE POLITICHE 21° CENTRO SPESA DELSINDACO DEL
ATTIVE DELLA TERRITORIALE PER COMUNE DI ROMA
FORMAZIONE E DEL EDUCAZIONE E DEL PRESIDENTE
LAVORO NEL XV PERMANENTE GRAMSCI, DEL XV MUNICIPIO
MUNICIPIO DEL CNA ROMA,
COMUNE DI ROMA FEDERLAZIO, C.G.I.L.
ROMA OVEST,
CONFCOOPERATIVE
ROMA E LAZIO, C.I.S.L.,
U.I.L. LE PINETE,
ISTITUZIONE
BIBLIOTECHE - B.C.C.
CORVIALE, ATI
CORVIALE, ARL (SRL)
ANALISI RICERCA
TERRITORIALE,
COOPERATIVA NUOVO
TURISMO,
COORDINAMENTO
TERRITORIALE
STUDENTI,
ARCIRAGAZZI, COOP.
SOCIALE CORVIALE
2000.
DP 1.3.4.2 PATTO A SVILUPPO INTEGRATO IX MUNICIPIO, X SENZA IMPEGNI DI MANDATO DEI 15/07/2002.
TERRITORIALE DELLE POLITICHE MUNICIPIO, XVII SPESA PRESIDENTI DEL IX
ATTIVE DELLA DISTRETTO E DEL X MUNICIPIO
FORMAZIONE E DEL SCOLASTICO, XVIII
LAVORO NEL IX E NEL DISTRETTO
X MUNICIPIO DEL SCOLASTICO, CNA,
COMUNE DI ROMA CONFARTIGIANATO,
CONFINDUSTRIA,
CONFCOMMERCIO,
LEGA DELLE
COOPERATIVE, CONF.
COOPERATIVE,
CAPODARCO, ISTITUTO
SALESIANO E CFP CNOS-
FAP PIO XI, CTP,
PROVINCIA DI ROMA,
C.G.I.L. ROMA SUD,
C.I.S.L. ROMA SUD-EST,
U.I.L. ROMA SUD.
DR 1.3.4.3 CONVENZIONE A CONTRATO DI MINISTERO DELLE € 3.471.960,96 (DA I LAVORI 15/07/2002
QUARTIERE INFRASTRUTTURE E DEI MINISTERO A I.A.C.P.); € DOVRANNO
“PIETRALATA TRASPORTI, I.A.C.P. DI 2.904.057,75 (DA ESSERE
VECCHIA” ROMA MINISTERO A COMUNE TERMINATO
DI ROMA). ENTRO 1095
GIORNI DALLA
DATA DI INIZIO
DR 1.3.4.1 ACCORDO DI A LEGGE 285/97 SCHEDA ASL RM A, B, C, D, E – STATO L 285 PER € ANNUALE 31.08.2007
PROGRAMMA PROGETTO 88 – AZIENDE OSPEDALIERE , 166.600. NESSUN
“RAGGIUNGERE GLI SERVIZI SOCIALI ONERE PER IL COMUNE
IRRAGGIUNGIBILI” MUNICIPI
DR 1.3.4.1 ACCORDO DI A LEGGE 285/97 SCHEDA ASL RM A, B, C, D, E – STATO L 285 PER € BIENNALE 18.102007
PROGRAMMA PROGETTO “PIERINO E AZIENDE OSPEDALIERE, 333.200. NESSUN
IL LUPO” SERVIZI SOCIALI ONERE PER IL COMUNE
MUNICIPI, FORZE
DELL’ORDINE, ISTITUTI
SCOLASTICI
DR 1.3.4.1 ACCORDO DI A IL PROGETTO IST. SCIENZE E € 40.000 ANNUALE 13.12.2006
PROGRAMMA INTERNAZIONALE “LA TECNOLOGIE DELLA
CITTÀ DEI BAMBINI” COGNIZIONE DEL CNR
DW 1.3.4.3 CONTRATTO DI A CONTRATTO DI REGIONE LAZIO, CER 10.776.000.000 1998-2003 6.1.98 (DATA DI
QUARTIERE QUARTIERE LL.PP., MIN.INDISTRIA, ADESIONE AL
“CENTOCELLE MIN. AFFARI SOCIALI, BANDO)
VECCHIA” CEFME, IACP
DW 1.3.4.1 ACCORDO DI A PROGRAMMA MIN. INFRASTRUTTURE FINANZIAMENTO 3.10.2001
PROGRAMMA DEFINITIVO E TRASPORTI - REGIONE MINISTERO E REGIONE
INTERVENTI PER LAZIO PER INTERVENTI DI
SUPERAMENTO AUTORECUPERO
EMERGENZA
ABITATIVA NEL
COMUNE DI ROMA

Sezione 1 \ pag. 69
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
DW 1.3.4.3 CONTRATTO DI B CONTRATTO DI REGIONE LAZIO €. 4.488.010,45 6.07.1999
QUARTIERE QUARTIERE “TOR
BELLA MONACA”
EH 1.3.4.3 ATTO D'INTESA A RILOCALIZZAZIONE MINISTERO DELLE 161 MILIONI DI CUI 72 A NON DEFINITA 09/09/2003
DELLE SEDI DELLA INFRASTRUTTURE E DEI VALERE SUI FONDI
PUBBLICA TRASPORTI 396/90 E 89 DA
AMMINISTRAZIONE E REPERIRSI ATTRAVERSO
PER LA ALTRE FONTI DI
RIQUALIFICAZIONE FINANZIAMENTO
DELL'AREA DI
PIETRALATA
EH 1.3.4.3 PROTOCOLLO A VALORIZZAZIONE MINISTERO DELLA NON DEFINITI NON DEFINITA 03/01/2001 +
D'INTESA AREE MILITARI DIFESA ATTO
DISMESSE INTEGRATIVO DEL
3/08/06
EH 1.3.4.3 PROTOCOLLO A DECONGESTIONAMENT UNIVERSITÀ LA NON DEFINITI 1 ANNO 25/07/2002
D'INTESA O DELLA I FACOLTÀ DI SAPIENZA
ARCHITETTURA
(RIQUALIFICAZIONE
BORGHETTO
FLAMINIO)
EH 1.3.4.3 PROTOCOLLO A RIUSO FUNZIONALE REGIONE LAZIO, NON DEFINITI 180 GIORNI 18.04.2007
D'INTESA DELL’EX OSPEDALE PROVINCIA,
PSICHIATRICO UNIVERSITÀ LA
S.MARIA DELLA PIETÀ SAPIENZA, ASL RM E,
MUNICIPIO XIX
EH 1.3.4.1 ACCORDO DI A ACCORDO DI REGIONE LAZIO - 20/3/2003
PROGRAMMA PROGRAMMA PER LA MINISTERO
MODIFICA DEL PIANO BENICULTURALI
DI UTILIZZAZIONE DEL
PARCO URBANO DI
VILLA ADA
APPROVATO CON
ACCORDO DI
PROGRAMMA IN DATA
11 MARZO 1994
EH 1.3.4.1 ACCORDO DI A ART. 3 DELLA LEGGE REGIONE LAZIO 14/4/2003
PROGRAMMA 15 DICEMBRE 1990 N.
396 – ACCORDO DI
PROGRAMMA PER LA
LOCALIZZAZIONE
DELLA LINEA
METROPOLITANA B1:
PIAZZA BOLOGNA –
PIAZZA CONCA D’ORO
EH 1.3.4.1 ACCORDO DI A ART. 3 DELLA LEGGE REGIONE 16.01.2001
PROGRAMMA 15 DICEMBRE 1990N.
396 -ACCORDO DI
PROGRAMMA PER LA
LOCALIZZAZIONE
DELLE TRATTE
FUNZIONALI T4 E T5:
S.GIOVANNI –
MALATESTA –
ALESSANDRINO DELLA
LINEA “C” DELLA
METROPOLITANA
EH 1.3.4.1 ACCORDO DI B INTERVENTI PER ROMA COSTO ZERO PER L'A.C.
PROGRAMMA CAPITALE:
COSTRUZIONE NUOVA
CABINA ENEL PARCO
DEI MEDICI
EH 1.3.4.1 ACCORDO DI A INTERVENTI PER ROMA REGIONE LAZIO COSTO ZERO PER L'A.C. 12/2/2003
PROGRAMMA CAPITALE: VARIANTE
URB. PER CENTRO
IDRICO ACEA DI
FALCOGNANA LOC.
FONTANA VECCHIA

Sezione 1 \ pag. 70
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
EH 1.3.4.1 ACCORDO DI A DESTINAZIONE IN VIA TERZA UNIVERSITÀ 23.6.93
PROGRAMMA PROVVISORIA DI DEGLI STUDI DI ROMA,
IMMOBILI SITI IN PROVINCIA DI ROMA,
VALCO S. PAOLO- REGIONE LAZIO
OSTIENSE A
STRUTTURE DELLA
TERZA UNIVERSITÀ
DEGLI STUDI DI ROMA
EH 1.3.4.1 ACCORDO DI A LOCALIZZAZIONE DI REGIONE LAZIO, 70.706.324.592 6.8.93
PROGRAMMA NUOVE ARTERIE E PROVINCIA DI ROMA
MIGLIORAMENTO
DELLA VIABILITÀ
ESISTENTE E SERVIZI
CORRELATI, NONCHÉ
REALIZZAZIONE DI
INTERVENTI DI
RISANAMENTO
IGIENICO-SANITARIO
EH 1.3.4.1 ACCORDO DI A DEFINIZIONE DEL REGIONE LAZIO, 9.3.95
PROGRAMMA PIANO GENERALE DI MINISTERO BENI
ASSETTO, DEL PIANO CULTURALI E
ATTUATIVO DEL AMBIENTALI
REGOLAMENTO DI
ATTUAZIONE E DEI
PRIMI INTERVENTI PER
L’ATTUAZIONE DEL
PARCO REGIONALE
URBANO DI
AGUZZANO
EH 1.3.4.1 ACCORDO DI A DEFINIZIONE DEL MINISTERO DEI BENI L. 26.000.000.000 19.4.96
PROGRAMMA PIANO DI CULTURALI ED
UTILIZZAZIONE DEL AMBIENTALI, REGIONE
PARCO DELLA LAZIO, AZIENDA
CAFFARELLA (COD. CONSORZIALE PER IL
B2.1) E DELLA PARCO DELL’APPIA
RELATIVA VARIANTE ANTICA
URBANISTICA
EH 1.3.4.1 ACCORDO DI A AUTOSTRADA DEL ANAS, REGIONE LAZIO, 8.7.97
PROGRAMMA GRANDE RACCORDO MINISTERO DEI LL.PP.,
ANULARE. MINISTERO
ADEGUAMENTO A TRE DELL’AMBIENTE,
CORSIE PER OGNI MINISTERO DEI BENI
SENSO DI MARCIA CULTURALI ED
AMBIENTALI, F.S.
S.P.A., SOCIETÀ
AUTOSTRADE, AZIENDA
CONSORTILE PARCO
DELL’APPIA ANTICA
EH 1.3.4.1 ACCORDO DI A REALIZZAZIONE DEL REGIONE LAZIO, ANAS 2.2.98
PROGRAMMA PARCO TECNOLOGICO
INDUSTRIALE
EH 1.3.4.1 ACCORDO DI A APPROVAZIONE DEL REGIONE LAZIO, ANAS 12.8.98
PROGRAMMA PROGETTO D’AREA E
DEL PROGRAMMA
DEGLI INTERVENTI
CON CONSEGUENTI
VARIAZIONI AL P.R.G.,
DELL’AREA DELLA
“BUFALOTTA”
EH 1.3.4.1 ACCORDO DI A REALIZZAZIONE DI REGIONE LAZIO 14.2.2000
PROGRAMMA INTERVENTI CONNESSI
ALLA GESTIONE DEI
SERVIZI DELLA SOC.
TELECOM ITALIA
EH 1.3.4.1 ACCORDO DI B LOCALIZZAZIONE DI REGIONE LAZIO
PROGRAMMA OPERE
COMPLEMENTARI
ALLA LINEA
FERROVIARIA
S.PIETRO-LA STORTA-
CESANO

Sezione 1 \ pag. 71
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
EH 1.3.4.1 ACCORDO DI A - IL TRASFERIMENTO A PRESIDENZA DEL 4.350.000.000 4 ANNI A 15.2.97
PROGRAMMA TITOLO GRATUITO AL CONSIGLIO DEI DECORRERE
COMUNE DI ROMA PER MINISTRI, MINISTERO DALLA DATA DI
ESSERE DESTINATI DELLE FINANZE, SOTTOSCRIZIONE
ALLA REALIZZAZIONE MINISTERO DELLA
DEL NUOVO CENTRO DIFESA, REGIONE LAZIO
DELL’ESQUILINO
DEGLI EDIFICI E DELLE
RELATIVE AREE DI
PERTINENZA DELLA
CASERMA “SANI” DEL
MAGAZZINO
VESTIARIO
DELL’ESERCITO DI VIA
PRINCIPE AMEDEO E
DEL MAGAZZINO
VIVERI
DELL’ESERCITO DI VIA
TURATI;
- LA
RILOCALIZZAZIONE
DELLE SUDDETTE
INFRASTRUTTURE
DELL’ESERCITO –
ATTUALMENTE
PRESENTI NEGLI
EDIFICI DA
TRASFERIRE E NELLE
RELATIVE AREE DI
PERTINENZA IN ALTRA
AREA IDONEA, GIÀ
INDIVIDUATA IN
ROMA, LOCALITÀ
CECCHIGNOLA, DA
TRASFERIRE A TITOLO
GRATUITO, DAL
COMUNE DI ROMA
ALLO STATO;
- L’APPROVAZIONE
DEL PROGRAMMA
DEGLI INTERVENTI PER
LA REALIZZAZIONE
DEL NUOVO CENTRO
DELL’ESQUILINO.
EH 1.3.4.3 PROTOCOLLO A COSTITUZIONE DI UNIVERSITÀ DI ROMA NON DEFINITI 13/02/2005
D'INTESA SOCIET5À CONSORTILE TOR VERGATAQ
A RESPONSABILITÀ
LIMITATA PER IL
COORDINAMENTO
FUNZIONALE E
GESTIONALE, DIRETTO
O INDIRETTO, DELLE
ATTIVITÀ DEL POLO
SPORTIVO
POLIFUNZIONALE
ATTUALMENTE IN
CORSO DI
REALIZZAZIONE
SLL’INTERNO DEL
COMPRENSORIO
UNIVERSITARIO DI TOR
VERGATA
MB 1.3.4.1 ACCORDO DI A ATTIVAZIONE DI UN ASL RM/A 12 MESI DALLA 18.6.2002
PROGRAMMA SERVIZIO UNICO PER IL SOTTOSCRIZIONE
COORDINAMENTO E CHE VERRÀ
L’INTEGRAZIONE SOTTOPOSTA A
DELLE FUNZIONI VERIFICA SU
SOCIALI E SANITARIE, ISTANZA DI UNA
AI SENSI DELLA DEL. DELLE PARTI
G.R. LAZIO N.860/2001
MB 1.3.4.3 PROTOCOLLO A SERVIZIO DIMISSIONI ASL ROMA A – AZ OSP FONDI PIANO DI ZONA 3 ANNI 10/10/02
D'INTESA PROTETTE UMBERTO I

Sezione 1 \ pag. 72
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
MB 1.3.4.3 PROTOCOLLO A SERVIZIO PER ASL RM/A 12 MESI DALLA 26.10.2000
D'INTESA L’AUTONOMIA E PER SOTTOSCRIZIONE
L’INTEGRAZIONE CHE VERRÀ
SOCIALE DELLA SOTTOPOSTA A
PERSONA VERIFICA SU
HANDICAPPATA ISTANZA DI UNA
(SAISH) DELLE PARTI
MB 1.3.4.1 ACCORDO DI A ATTIVAZIONE ASL RMA 18.6.2002
PROGRAMMA SERVIZIO UNICO PER IL
COORDINAMENTO E LA
INTEGRAZIONE DELLE
FUNZIONI SOCIALI E
SANITARIE AL SENSI
DELLA D.G.R. LAZIO
860/2001
MC 1.3.4.3 CONVENZIONE A GESTIONE CENTRO COOPERATIVA SOCIALE € 131.000,00 1.12.2008 – 1/12/08
DIURNO ANZIANI F.A.I. 30.11.2009 (PROROGA)
FRAGILI NOMENTANO
MC 1.3.4.3 CONVENZIONE A GESTIONE CENTRO COOPERATIVA SOCIALE € 207.900,00 1.12.2007 – 19/12/200
DIURNO ANZIANI F.A.I. 30.11.2008
FRAGILI S.LORENZO
MD 1.3.4.1 ACCORDO DI A PIANO REGOLATORE ASL RMA F.M.P.S. 02/03/04 GIUGNO 2002
PROGRAMMA SOCIALE
MD 1.3.4.3 PROTOCOLLO A ATTUAZIONE ASL RMA IV DISTRETTO F.M.P.S. 7/11/02
DELL’INTEGRAZIONE
ATTRAVERSO
SERVIZIO UNICO DI
COORDINAMENTO
MD 1.3.4.3 PROTOCOLLO A ATTUAZIONE DI ASL RMA IV DISTRETTO F.M.P.S. 26 GIUGNO 200++
INTEGRAZIONE SOCIO
SANITARIA 1
MD 1.3.4.3 PROTOCOLLO A DIMISSIONI PROTETTE, ASL RMA FONDO COMUNALE, 10/10/021
CENTRO DIURNO FONDO MUNICIPALE,
ANZIANI FRAGILI, F.M.P.S.
ASSS.DOMICILIARE
INTEGRATA,
STRUTTURE
RESIDENZIALI
MD 1.3.4.3 PROTOCOLLO A SERVIZIO DI ASL RMA IV DISTRETTO 3/06/04
OPERATIVO ACCOMPAGNAMENTO – DIP.XIV
AL LAVORO FASCE
DEBOLI
MD 1.3.4.3 PROTOCOLLO A GIL ADOZIONI ASL RMA, MUNICIPI I-II- 25.06.2004
D’INTESA III
MD 1.3.4.3 PROTOCOLLO DI B PORTE SOCIALI DIP.TO V,MUNICIPI I-V-
SPERIMENTAZIONE VII-XIII-XVIII,CARITAS
DIOCESANA DI ROMA,
CITTÀ VISIBILE ONLUS-
RETE PENELOPE,
PATRONATI: ACLI, INCA
CGIL, ITAL-UIL, ISMA-
IST. S. MARIA IN
AQUIRO, UNIVERSITÀ
CATTOLICA DEL SACRO
CUORE-FACOLTÀ DI
MEDICINA E CHIRURGIA
ME 1.3.4.3 ACCORDI A APPLICAZIONE L. ASL RM/B € 747.816,18 TRE ANNI LUGLIO 2002
PROTOCOLLARI 328/00
MF 1.3.4.3 PROTOCOLLO A GRUPPI INTEGRATI DI AZIENDA UNITÀ LA SPESA È SUDDIVISA ILLIMITATA 26/2/1999
D'INTESA LAVORO SANITARIA LOCALE ALL'INTERNO DEI
ROMA C. CENTRI DI COSTO
MUNICIPALI
MF 1.3.4.3 PROTOCOLLO A COLLABORAZIONE PER DSM ASL RM C LA SPESA È SUDDIVISA ILLIMITATA 23.2.2000
D'INTESA UTENTI CON DISAGIO ALL'INTERNO DEI
PSICHIATRICO CENTRI DI COSTO
MINICIPALI
MF 1.3.4.3 PROTOCOLLO A COMITATO OPERATIVO ASL RM C - FINANZIATI CON LA ANNUALE 2004
D'INTESA D'AZIONE - P.T.C. PROVVEDITORATO LEGGE 285/97
LEGGE 285/97 ROMA E ENTI
AFFIDATARI DEI
PROGETTI
MF 1.3.4.1 ACCORDO DI A COORDINAMENTO E ASL RM C - INSERITI NEI CENTRI DI TRE ANNI 24/06/2002
PROGRAMMA INTEGRAZIONE DELLE COSTO MUNICIPALI
FUNZIONI SOCIALI E
SANITARIE

Sezione 1 \ pag. 73
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
MF 1.3.4.2 PATTO A PATTO FORMATIVO SCUOLE DEL MUNICIPIO NO ILLIMITATA 14/10/2002
TERRITORIALE TERRITORIALE 6, ORGANISMI
SINDACALI, COL, CPT,
ASSOCIAZIONI/COOPER
ATIVE
MF 1.3.4.3 GRUPPO A NOMADI ASL-NAE SCUOLE – GIÀ INSERITI NEI CDC ILLIMITATA 2003
INTEGRATO ENTI E ASSOCIAZIONI - MUNICIPALI
PARROCCHIA
MF 1.3.4.3 CODA A COORDINAMENTO ASL-NAE - COL – ENTI E GIÀ INSERITI NEI CDC ILLIMITATA 2003
ATTIVITÀ RIVOLTE ASSOCIAZIONI MUNICIPALI
AGLI ADULTI
MF 1.3.4.2 PATTO A EDUCAZIONE DEGLI CPT, MUN V, ASS.COOP, FONDI REGIONALI ILLIMITATA 222/6/2005
TERRITORIALE ADULTI ASL, UFF.PROV.
LAVORO, SCUOLE DI
OGNI ORDINE E GRADO
MF 1.3.4.3 PROTOCOLLO TAVOLO ASL, SCUOLA, PRIVATO NO ILLIMITATA 20087
D'INTESA INTERCULTURA SOCIALE
MG 1.3.4.2 PATTO A ISTITUZIONE PROVVEDITORATO - INDETERMINATA 29.05.2001
TERRITORIALE COMITATO SPORTIVO SCUOLE DEL MUNICIPIO
SCOLASTICO DEL - ASS. SPORTIVE
MUNICIPIO VII
MG 1.3.4.1 ACCORDO DI A G.I.L. GRUPPO LAVORO ASL RM/B, II DISTRETTO, INDETERMINATA 06/12/2000
PROGRAMMA INTEGRATO SU MINORI TRIBUNALE PER I
SOTTOPOSTI A MINORENNI DI ROMA
PROVVEDIMENTI
DELLE AUTORITA’
GIUDIZIARIE MINORILI
MG 1.3.4.1 ACCORDO DI A II PIANO ASL , FONDO PRE INFANZIA E FINO A 2001
PROGRAMMA TERRITORIALE L. PROVVEDITORATO, ADOLESCENZA STATO CONCLUSIONE DEL
285/97 CENTRO GIUSTIZIA ANNO FINANZIARIO II PIANO
MINORILE 2000 - 2002 TERRITORIALE

MG 1.3.4.3 PROTOCOLLO A GRUPPO INTEGRATO DI ASL RMB COINVOLTO IL NON HA DICEMBRE 2000
D’INTESA LAVORO RELATIVO A DIPARTIMENTO PERSONALE SCADENZA
MINORI SOTTOPOSTI A MATERNO INFANTILE DELL’AREA, DELLA ASL
PROVVEDIMENTI E DEL DIPARTIMENTO
DELLA
MAGISTRATURA
MG 1.3.4.3 PROTOCOLLO A INTEGRAZIONE SOCIO ASL RMB - CAD COINVOLTO IL NON HA MAGGIO 2001
D’INTESA SANITARIA ANZIANI PERSONALE DELL’AREA SCADENZA
DEL “CENTRO DIURNO E DELLA ASL
ANZIANI FRAGILI IL
GIRASOLE”
MG 1.3.4.3 PROTOCOLLO A CENTRO DIURNO ASL RMB FINANZIATO CON IL UN ANNO 1/07/2005
D’INTESA ALZHEIMER FONDO NAZIONALE RINNOVABILE
POLITICHE SOCIALI
MG 1.3.4.3 PROTOCOLLO A SPORTELLO UNICO ASL RMB FINANZIATO CON IL UN ANNO LUGLIO 2002
D’INTESA SERVIZI SOCIO FONDO NAZIONALE RINNOVABILE
SANITARI CON POLITICHE SOCIALI
ANNESSO SPORTELLO
H
MG 1.3.4.3 PROTOCOLLO A ASSISTENZA ASL RMB FINANZIATO CON IL UN ANNO 6.10.2003
D’INTESA DOMICILIARE PER N. FONDO NAZIONALE RINNOVABILE
12 ANZIANI NON POLITICHE SOCIALI
AUTOSUFFICIENTI
MG 1.3.4.3 PROTOCOLLO A ORGANIZZAZIONE E ASL RMB FINANZIATO CON IL NON HA 30.10.2000
D’INTESA GESTIONE CENTRO DI FONDO NAZIONALE PER SCADENZA
CONSULENZA E L’INFANZIA E
MEDIAZIONE L’ADOLESCENZA
FAMILIARE
MG 1.3.4.3 PROTOCOLLO A ORGANIZZAZIONE E UFFICIO SCOLASTICO FINANZIATO CON IL NON HA 07.03.2003
D’INTESA GESTIONE CENTRO DI REGIONALE PER IL FONDO NAZIONALE PER SCADENZA
EDUCAZIONE LAZIO; L’INFANZIA E
AMBIENTALE ISTITUZIONE L’ADOLESCENZA
BIBLIOTECHE;
SCUOLA MEDIA PARRI;
DIPARTIMENTO X
MG 1.3.4.3 PROTOCOLLO B UTILIZZAZIONE SMS S. BENEDETTO FINANZIATO CON IL ILLIMITATA 18.05.2004
D’INTESA LABORATORIO ASSOCIAZIONI FONDO NAZIONALE PER
MUSICALE TEATRALI L’INFANZIA E
REALIZZATO PRESSO ORGANISMO GESTORE L’ADOLESCENZA
SMS S. BENEDETTO DEL CENTRO

Sezione 1 \ pag. 74
A = GIÀ OPERATIVO B = IN CORSO DI DEFINIZIONE
PROPO COD TIPO OGGETTO ALTRI PARTECIPANTI IMPEGNI FINANZIARI DURATA DATA
NENTE SOTTOSCRIZIONE
MH 1.3.4.2 PATTO A PATTO TERRITORIALE MUNICIPIO V - € 2.065.827,60 ATTUALMENTE 21/10/02
TERRITORIALE PER LO SVILUPPO GUIDONIA MONTECELIO SOSPESO
DELLE PERIFERIE E TIVOLI
MI 1.3.4.3 PROTOCOLLO A INTEGRAZIONE AI FINI ASL RMC IMPEGNI DI PERSONALE ANCORA IN ESSERE GENERALE
D’INTESA DELLA PREVENZIONE E MATERIALE 12.12.96,
DEL DISAGIO STRUMENTALE OPERATIVO
MINORILE E DEL 26.4.98
TRATTAMENTO DEI
SOGGETTI IN ETÀ
EVOLUTIVA
MI 1.3.4.3 PROTOCOLLO A ATTIVAZIONE CENTRO ASL RMC, IPAB "ISMA IMPEGNI DI PERSONALE ANCORA IN ESSERE 15/1/2003
D’INTESA SOCIO EDUCATIVO E SANITARIO
RIABILITATIVO PER
MINORI DISABILI
GRAVI E MEDIO GRAVI
MI 1.3.4.3 PROTOCOLLO A COSTITUZIONE ASL RM/C RISORSE PER LA 1 ANNO 7 MAGGIO 1999
D’INTESA CENTRO DIURNO GESTIONE DEL CENTRO RINNIVABILE PER
ANZIANI PARZ. AFFIDATA A COOP TACITO ASSENSO
AUTOSUFFICIENTI A SOCIALE DELLE DUE PARTI.
RISCHIO DI PERDITA ANCORA IN ESSERE
AUTONOMIA
MO 1.3.4.2 PATTO B PATTO TERRITORIALE REGIONE LAZIO, 1999: L. 3.000.000.000
TERRITORIALE OSTIA - FIUMICINO PROVINCIA DI ROMA,
MU 1.3.4.3 PROTOCOLLO A GESTIONE ASL RME ANNO 2001 BIENNALE
D’INTESA COORDINATA DI 314.521,93€
PROGETTI LEGGE 285 ANNO 2002
PER INTERVENTI IN 314.521,93€
FAVORE (FONDI VINCOLATI -
DELL’INFANZIA: TRASFERIMENTI
CENTRO STATALI E REGIONALI)
ACCOGLIENZA E
PRONTO INTERVENTO
HANDICAP;
MU 1.3.4.3 PROTOCOLLO A GESTIONE ASL RME ANNO 2001 GIUGNO
D’INTESA COORDINATA DI 740.718,00 €
PROGETTI SOCIO-
SANITARI PER
CATEGORIE
PARZIALMENTE
AUTOSUFFICIENTI:
ASSISTENZA
DOMICILIARE
INTEGRATA PER
ANZIANI NON
AUTOSUFFICIENTI;
CENTRO DIURNI PER
DISABILI LIEVI;
INSERIMENTO SOCIO-
SANITARIO ROM;
MU 1.3.4.1 ACCORDO DI A PROGETTI AD ASL RME E 560.571,64 FONDO SCADENZA NON GIUGNO 2002
PROGRAMMA INTEGRAZIONE SOCIO- COOPERATIVE NAZIONALE POLITICHE PREVISTA.
SANITARIA AFFIDATARIE SOCIALI ANNUALITÀ
2004
MU 1.3.4.3 PROTOCOLLO A INTEGRAZIONE ASL RME, TRIBUNALE SOLO SPESE DI NON PREVISTA MAGGIO 1996
D’INTESA SERVIZI PER LA MINORILE GESTIONE E PER IL
PREVENZIONE DEL PERSONALE
DISAGIO DEI MINORI
SOGGETTI A
PROVVEDIMENTO
DELL’AUTORITÀ
GIUDIZIARIA
MU 1.3.4.3 PROTOCOLLO A PROTOCOLLO ASL RME, MUNICIPI 17, 1,2 MILIONI ANNUI + FEBBRAIO 2004
D’INTESA D’INTESA OPERATIVO 18 E 19 SPESE DI GESTIONE E
PER L’EROGAZIONE PER IL PERSONALE
INTEGRATA DEL SAISH
– AREA DISABILITÀ

Sezione 1 \ pag. 75
r

1.4 - ECONOMIA INSEDIATA

Sezione 1 \ pag. 76
ANALISI DELLA POPOLAZIONE, DEL TERRITORIO,
DELL’ ECONOMIA E DEI SERVIZI

ALLEGATO ALLA SEZIONE 1

Sezione 1 \ pag. 77
INDICE

ANALISI DELLA POPOLAZIONE, DEL TERRITORIO, DELL’ ECONOMIA E DEI


SERVIZI

1. Analisi demografica
1.1. Roma e le altre grandi città
1.2. Tendenze insediative
1.3. Articolazione municipale
1.4. Stranieri residenti

2. Analisi dell’economia insediata


2.1. Territorio e ambiente
2.2. Edifici e abitazioni
2.3. Istruzione, scolarità, innovazione
2.4. Offerta e domanda di servizi sociali
2.5. Tessuto produttivo e andamenti dell’economia
2.6. Servizi pubblici locali

2
Sezione 1 \ pag. 78
1. Analisi demografica della popolazione romana: tendenze e prospettive

Nelle analisi demografica riguardanti il Comune di Roma ci si è avvalsi prevalentemente delle


informazioni contenute nell’ archivio della popolazione iscritta all’anagrafe al 31.12.2007.
Questo archivio infatti, sia pure nei limiti dei campi informativi considerati, quegli stessi stret-
tamente necessari alle registrazioni di status anagrafico), si rivela anche come una importante
fonte statistica succedanea, a cui si fa normalmente ricorso negli intervalli temporali dei censi-
menti (sia pure nei consistenti e persistenti “disallineamenti” delle fonti). Risulta così possibile
delineare quasi in "tempo reale" (senza le discontinuità delle fonti censuarie), un sommario pro-
filo delle più importanti caratteristiche e tendenze demografiche: distribuzione territoriale, strut-
tura per età, sesso e stato civile, natalità e mortalità, immigrazioni e emigrazioni) rilevabili tra la
popolazione residente amministrata.
II dettaglio territoriale dell'informazione demografica, elaborata in significativi indicatori di
domanda di servizi locali, consente pertanto di qualificare sempre più quella necessaria rifles-
sione pianificatoria sulla articolazione zonale e distrettuale dei servizi, anche se a questo fine si
dovrà tener conto di quella quota aggiuntiva di domanda di servizi che scaturisce dalla popola-
zione gravitante e/o presente, fenomeno di grande rilevanza in tutte le grandi aree urbane ad e-
levata capacità attrattiva (pendolarismo quotidiano per lavoro e studio, accesso a servizi e fun-
zioni di direzionalità, studenti universitari fuori sede, turismo ..) ed ancora più intenso a Roma
in ragione delle funzioni di direzionalità connesse al ruolo di Capitale.
Quando la riflessione sulla popolazione si è soffermata sui confronti “territoriali” tra Roma e le
altre città o tra Roma ed i comuni dell’hinterland metropolitano, si è invece fatto ricorso sia alle
risultanze censuarie sia ad altre fonti temporalmente intermedie dell’Istat. La fonte censuaria,
come è noto, presenta ancora significative discordanze relativamente a quella derivata dall'ar-
chivio anagrafico. La recente conclusione della prima fase di revisione ha infatti condotto, al 30
settembre del 2006, alla rideterminazione in incremento (+144.437 residenti) della popolazione
residente. Tuttavia al 31 dicembre del 2007, nel bilancio demografico annuale condotto
dall’Istat, si evidenzia ancora un discreto scostamento dalla base dati anagrafica comunale
(2.718.768 residenti contro i 2.838.047 risultanti in anagrafe, pari a ben 119.279 cittadini in
più).1
Anche l'analisi delle tendenze nelle sub-partizioni comunali ha comportato qualche difficoltà a
causa dell' acquisizione, nel corso del 1992, della piena autonomia comunale da parte della XIV
Circoscrizione che ha assunto il nome di "Fiumicino": di conseguenza, in quel periodo, il Co-
mune di Roma, per una vicenda di riordinamento istituzionale e amministrativo, ha perso
21.344 ettari di superficie territoriale (il 14,2 %) e circa 42.000 residenti (l'1,5%).

1
A seguito delle risultanze dell’ultimo Censimento della popolazione svoltosi il 21 ottobre del 2001, l’Ufficio di Sta-
tistica del Comune di Roma ha avviato la revisione dell’Anagrafe comunale. La prima fase delle operazioni di revi-
sione anagrafica si è conclusa nel mese di settembre del 2006. Le procedure di revisione adottate dall’Ufficio di Sta-
tistica sono state successivamente validate dall’Istat e dal Ministero dell’Interno ed hanno condotto alla data del
31.12.2006 al ricalcolo in incremento della popolazione residente (2.705.603 abitanti, + 157.926 relativamente
all’anno precedente)

Sezione 1 \ pag. 79
POPOLAZIONE DEL COMUNE DI ROMA SECONDO FONTI - TAVOLA DI RAFFRONTO

Variazioni 1981-2007
Fonti 1981 1991 2001 2007
V.A. %

Archivio anagrafico comunale 2.983.440 2.900.002 2.814.944 2.838.047 -145.393 -4,9

Censimenti e bilancio demografico


2.840.259 2.775.250 2.546.804 2.718.768 -121.491 -4,3
annuale ( 2007) - Istat

Scostamento Archivio Anagrafico 143.181 124.752 268.140 119.279

Sezione 1 \ pag. 80
1.1 - Roma e le altre città metropolitane
Ponendo a confronto le variazioni relative della popolazione residente in alcuni grandi comuni a
caratterizzazione metropolitana nell'arco temporale 1971-2006, così come risultano nelle ten-
denze degli ultimi quattro censimenti nazionali e sino al bilancio demografico Istat del 2006, si
evidenzia con chiarezza come gran parte dei comuni considerati siano entrati nell'area del decli-
no demografico (rivelatore dei primi segnali di crisi urbana dopo più di cento anni di sviluppo
ininterrotto) sin dal decennio 1971/1981. In questo periodo tra i grandi comuni già interessati
dal calo demografico si trovavano, Milano (-7,3%), Torino (-4,4%), Genova (-6.6%), Bologna
(-6.4%), Napoli (-1,2%), mentre Roma e Bari registravano ancora incrementi (rispettivamente,
+2,1% e +9.2%). Nel decennio successivo (1981-1991), le risultanze censuarie indicavano co-
me anche Roma e Palermo, sia pure con tenui flessioni di popolazione (rispettivamente -2,3% e
-0.5%), fossero entrate nel ciclo del declino urbano, mentre in tutte le altre città a confronto le
tendenze decrementali si raddoppiavano o addirittura, come nel caso di Napoli, si decuplica-
vano (-12%). Nell’ultimo periodo, tra il 1991 e sino alla fine del decennio, il declino demografi-
co dei grandi comuni metropolitani si è consolidato manifestando da un lato una costante ten-
denza decrementale nelle stesse città che sin dal 1971 erano entrate per prime nell’area di crisi
demografica e dall’altro una accentuazione del tasso di declino nei comuni che erano entrati
per ultimi nel ciclo regressivo. Nei primi anni 2000 tuttavia la tendenza di declino si trasforma
in tutte le grandi città in una situazione di sostanziale stagnazione demografica grazie al contri-
buto quasi esclusivo del movimento migratorio sostenuto anche dagli effetti della recente rego-
larizzazione che ha comportato l’emersione amministrativa nelle anagrafi di un buon numero di
cittadini stranieri. E’ proprio in questi ultimi anni (tra il 2001 ed il 2007) che si osserva in diver-
se tra le grandi città non soltanto un arresto del declino ma anche una lieve contro-tendenza in-
crementale dello stock di popolazione residente: è questo il caso di Torino la cui popolazione
nel periodo si accresce del 5%, di Milano (+3,5%), di Firenze (+2,4%), di Bari (+1,9%), di
Roma (+1,1% in base alle dinamiche demografiche effettive ed al netto dell’esito della recente
revisione anagrafica) e di Genova (+0,1%). Infatti nei comuni metropolitani meridionali di Na-
poli e Palermo, localizzati in aree meno attrattive per i flussi di immigrazione regolare di citta-
dini stranieri e comunque critiche dal punto di vista delle opportunità sociali ed economiche, si
rileva la persistenza della tendenza di declino demografico anche in quest’ultimo settennio (ri-
spettivamente - 3,1 e - 3,7%).
Ma occorre comunque considerare come negli ultimi 26 anni, tra il 1981 ed il 2007, l’insieme
dei comuni metropolitani di Roma, Milano, Torino, Genova, Bologna, Firenze, Napoli, Bari e
Palermo - dove tuttora si concentra il 13,9% della popolazione nazionale ed il 15,2% delle fa-
miglie - abbia complessivamente perduto ben il 13,5% degli abitanti residenti (-1.284.350), una
grandezza quasi equivalente all’ insieme della popolazione attuale di due tra i grandi comuni
considerati, Torino (908.263) e Bologna (372.256). Il declino demografico più rilevante di po-
polazione residente si osserva nei comuni di Genova (-19,9%), di Napoli (-19,7%), di Mila-
no (- 19%), di Bologna (-18,9%), di Torino (-18,7%) e di Firenze (-18,7%) mentre nel Comune
di Roma il decremento di popolazione si attesta, in modo molto più contenuto, intorno al -
4,3%2. L’evidente situazione di deurbanizzazione del paese rivelata sia pure da forme di analisi
ancora ancorate alla tradizionale geografia amministrativa dei comuni, largamente obsoleta ri-
spetto all’assenza di un adeguato livello istituzionale di governo delle grandi regioni urbane, si
può meglio comprendere ricorrendo ad un modello interpretativo in cui interagiscono diversi
fattori:
• la minore capacità attrattiva dei sistemi residenziali nei grandi centri urbani afflitti tanto da
elevati valori di accesso al mercato abitativo quanto da fenomeni di saturazione territoriale in un

2
Includendo peraltro nel computo anche la diminuzione “amministrativa” di residenti conseguente alla istituzione -
nel ’92 - del Comune di Fiumicino costituitosi integralmente nel territorio della ex XIV Circoscrizione. Si rinvia al-
la nota n.1 per quanto riguarda gli effetti sulla valutazione di dinamica e di consistenza della popolazione romana de-
rivanti della posta incrementale eccezionale di circa 144.500 residenti intervenuta nel corso del 2006 come risultato
della revisione anagrafica post-censuaria.

Sezione 1 \ pag. 81
contesto, non ancora del tutto risolto, di deficit di infrastrutturazione e di insufficiente qualità
urbana. Assumendo, infatti, come parametri possibili di misurazione della saturazione territoria-
le due indicatori, il numero di abitazioni per ha ed il numero di residenti per ha si osserva, nel-
le tendenze emerse tra il 1981 ed il 2001, una situazione di correlazione quasi simmetrica tra
questi due fattori ed il declino demografico che si è registrato con varia intensità, per evidente
perdita di capacità attrattiva, in tutte le città metropolitane. Tra i due indicatori utilizzati quello
relativo alla densità territoriale delle abitazioni rivela comunque un maggior grado di significa-
tività nel segnalare le situazioni urbane caratterizzate da saturazione e congestione. Così Milano,
Torino e Napoli città dove nel 2001 (nelle risultanze censuarie) si contavano mediamente più di
3.000 abitazioni per Kmq (contro le 896 di Roma) risultano infatti incluse tra i grandi comuni
che hanno subito il maggior decremento di popolazione (nelle variazioni anagrafiche 1981-
2007, rispettivamente -19%, -18,7% e -19,7% per l’effetto prevalente di un rilevante saldo
migratorio negativo;
• l'attenuazione e la quasi scomparsa dei grandi flussi di migrazione interna, degli anni ‘50 e
‘60 soltanto in parte sostituiti dai flussi migratori internazionali. Nell’insieme delle città “me-
tropolitane”, nel decennio 1981-1991, il numero degli emigrati ha superato il numero degli
immigrati: il saldo migratorio si presenta costantemente negativo (complessivamente, nelle città
di Milano, Torino, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari e Palermo, il saldo migratorio
di periodo risultava pari a -768.390 abitanti). Particolarmente vistoso in proposito è il caso di
Milano in cui il declino demografico registrato nel medesimo periodo (-14,7%) è dovuto per ben
due terzi all’emigrazione di residenti;
• la diffusione tra le imprese, non solo industriali ma anche terziarie, di una tendenza al de-
centramento produttivo a causa del venir meno del vantaggio localizzativo in aree congestionate
e sature;
• il mutato atteggiamento culturale delle famiglie nei confronti della natalità (a sua volta in-
fluenzato anche dalle gravi carenze dei servizi sociali di sostegno alle famiglie) che influenza
negativamente, in modo vistoso, l'incremento naturale tra le popolazioni urbane. Tra il 1981 ed
il 1991 in tutte le città metropolitane del nord del Paese si sono registrati saldi naturali negativi,
con eccedenze dei morti sui nati. Bologna, Genova e Firenze si evidenziavano sin da allora per
una situazione di particolare malessere demografico: il bilancio naturale del periodo rivelava
come in queste città per ogni cento morti si fossero verificate mediamente poco più di cinquan-
ta nascite. Nello stesso periodo, a Roma si registrava ancora una tenue capacità di incremento
naturale (104 nati per 100 morti), mentre Palermo (190 nati per 100 morti), Napoli (162 nati per
100 morti) e Bari (162 nati per 100 morti) manifestavano ancora una discreta capacità di incre-
mento naturale in grado di compensare i saldi migratori negativi.
Ma nel 2007 le misure dell’indice di vitalità demografica (nati per 100 morti), efficace indica-
tore sintetico della capacità di riproduzione e di accrescimento endogeno della popolazione - in-
dicatore che è la risultante di diversi fattori tra i quali si trovano l’età media della popolazione
ed i comportamenti di natalità - rivelano un consolidamento quasi generalizzato delle difficoltà
di incremento naturale in tutte le città metropolitane difficoltà solo in parte compensata da un
tasso di natalità più elevato che si evidenzia tra i sempre più numerosi residenti di origine stra-
niera. A Roma, nell’arco degli ultimi sei anni, si è assistito alla stabilizzazione della tendenza
strutturale a posizionarsi nell’area dei comuni metropolitani in condizione di incipiente malesse-
re demografico relativamente al bilancio naturale. Nel 2007 tra i grandi comuni in cui si è evi-
denziato un bilancio naturale ancora critico, nonostante l’apporto positivo recato dagli stranieri
residenti al tasso di natalità, si situano tutti quelli centro-settentrionali: Genova (57 nati per 100
morti), Bologna (63 nati per 100 morti), Firenze (62 nati per 100 morti), Torino (88 nati per 100
morti), Milano (100 nati per 100 morti) mentre Roma, con 98 nati per 100 morti si colloca so-
stanzialmente in una posizione di “stallo” dello sviluppo naturale. Nei comuni metropolitani
meridionali di Napoli, Bari e Palermo, pur in presenza di tassi di natalità mediamente inferiori a
quelli delle città del centro nord considerate(il 9,3 ‰ contro l’11,3 ‰) si evidenziano invece
ancora saldi naturali positivi, anche se tendenzialmente declinanti, (rispettivamente 108, 102 e
113 nati per 100 morti);
• il riequilibrio residenziale tra città capoluogo e l’insieme dei comuni di hinterland in nove
province metropolitane con popolazione pari o superiore ai 900.000 residenti - selezionate tra

Sezione 1 \ pag. 82
quelle individuate dalla legge di riforma delle autonomie locali (il T.U. n. 267 del 2000) oppure
dagli ordinamenti delle regioni a statuto speciale (Milano, Torino, Genova, Bologna, Firenze,
Roma, Napoli, Bari e Palermo). Le nove aree metropolitane considerate rappresentano un sotto-
insieme territoriale del Paese che è amministrato da un sistema istituzionale locale composto da
nove comuni capoluogo, altrettante province e da un complesso di circa 1.000 altri comuni
medi e piccoli (il 12,5% dei comuni italiani). In questo sotto-insieme geografico e amministrati-
vo costituito su di una superficie pari ad appena l’ 11,5% di quella dell’intero territorio naziona-
le nel 2007 era complessivamente insediata una popolazione di ben 18,9 milioni di residenti
corrispondente al 31,8% di quella dell’ intero Paese. Infatti le nove aree metropolita-
ne/provinciali considerate sono connotate sia da una consistente densità insediativa (541 abi-
tanti per kmq., contro la densità di 150 abitanti per kmq. rilevabile nell’insieme delle altre pro-
vince) connessa ad un alto livello di urbanizzazione e di infrastrutturazione sia da una elevata
concentrazione di attività economiche avanzate e direzionali di rilevanza strategica. In queste
aree si concentrano circa il 28,2% delle imprese attive nazionali, il 35,1% delle imprese di in-
termediazione monetaria e finanziaria, il 35% delle imprese di trasporto e telecomunicazione, il
39% delle imprese di servizi informatici, il 46,2 % delle imprese di ricerca e sviluppo, il 46,8%
degli impieghi bancari nazionali ed il 44,5% dei depositi bancari ed è stato esportato bel il 63%
del valore nazionale dei prodotti delle attività informatiche, professionali e imprenditoriali ac-
quistate da paesi terzi. In queste aree sono inoltre concentrate il 55% delle risorse scientifiche e
culturali (i professori universitari ordinari, associati ed i ricercatori che vi operano) delle uni-
versità territoriali esistenti nel Paese. Infine in questo medesimo insieme di aree provincia-
li/metropolitane, negli anni recenti, si è prodotto mediamente il 35% della ricchezza complessi-
va del Paese, il 47% del valore aggiunto derivante dalle attività creditizie ed assicurative, il 45%
del valore aggiunto connesso alle attività di trasporto e comunicazione, il 43% del valore ag-
giunto proveniente dalle attività di servizio alle imprese e da altri servizi vendibili, il 37% del
valore aggiunto derivante dalle attività commerciali, alberghiere e dei pubblici esercizi, il
37% del valore aggiunto afferente i servizi non vendibili mentre, più limitato (il 32%) risulta
l’apporto del valore aggiunto scaturente dalle attività dell’industria manifatturiera.
Nell’ arco temporale compreso tra il 1981 ed 2007 (quello trascorso tra il relativo censimento ed
il bilancio demografico dell’anno di riferimento), si osserva in questo raggruppamento di aree
provinciali/metropolitane una costante e omogenea tendenza al riequilibrio insediativo che ha
innescato all’interno dei rispettivi territori quel processo ridistribuivo “interno” di funzioni ter-
ritoriali che gli urbanisti ed i geografi definiscono come “motore” delle aree metropolitane di
seconda generazione. Infatti, ovunque nelle province metropolitane, sia pure con intensità di-
verse, regredisce la popolazione delle città capoluogo (nell’insieme delle nove aree la diminu-
zione è pari al -13,5%, da 9.517.683 a 8.233.333 residenti, circa 1.284.000 abitanti in meno,
una dimensione vicina all’ insieme della popolazione attualmente residente nei comuni di Tori-
no e di Bologna) mentre si incrementa tendenzialmente, seppure in modo non simmetrico, quel-
la residente nei rispettivi comuni di hinterland che passa, nel suo complesso da 9.353.949 resi-
denti a 10.697.181 (+1.343.232 abitanti equivalente ad un tasso incrementale del 14,4%). Si va-
luti, per di più, come il fenomeno risulti meno visibile a causa della costituzione, negli anni
’90, di nuove entità provinciali che hanno incorporato comuni precedentemente attribuiti ad al-
tre province. Questo è stato il caso, ad esempio, delle aree di Firenze e di Milano entrambe inte-
ressate da un ridimensionamento territoriale degli ambiti di hinterland conseguente alla costitu-
zione delle province di Prato e di Lodi.
Il riequilibrio territoriale dalle grandi città verso i rispettivi hinterland (all’interno di un proces-
so più generale di deurbanizzazione e/o di urbanizzazione diffusa) è una tendenza generalizzata
nelle grandi aree urbane del paese che segnala la formazione, prevalentemente spontanea, di co-
nurbazioni e di interdipendenze funzionali di area vasta di tipo produttivo sociale e culturale che
travalicano i confini amministrativi dei comuni inclusi nei perimetri metropolitani (qui conven-
zionalmente assunti come quelli ricadenti nei confini delle province indicate). La tendenza de-
scritta risulta comunque di intensità e misura differenziata nelle varie regioni. Tra il 1981 ed il
2007, ad esempio, nell’area romana il comune capoluogo perdeva circa il 4,3% della popolazio-
ne residente mentre i comuni dell’ hinterland la accrescevano del 56,8% (il tasso incrementale
più elevato tra le nove aree considerate). Nello stesso periodo nell’area milanese la popolazione

Sezione 1 \ pag. 83
del capoluogo diminuiva del 19% contro un incremento dell’8%% della popolazione complessi-
va dei comuni di hinterland (area comunque interessata, come si è già evidenziato, da uno scor-
poro di comuni attribuiti alla neo-provincia di Lodi), mentre nell’area torinese la popolazione
del capoluogo diminuiva del 18,7% contro un incremento insediativo dell’ hinterland pari al
6,1%. Non sempre il fenomeno si è rivelato incrementale o compensativo nel senso che nella
quasi generalità dei casi si è comunque verificato un decremento complessivo della rispettiva
popolazione metropolitana: se si considera l’insieme della popolazione stanziata nelle nove aree
il saldo di periodo risulta infatti pari ad appena + 58.882 (+0,3%). Il decremento di popolazione
complessiva è infatti una tendenza che si è verificata in quasi tutte le province metropolitane
centro-settentrionali come ad esempio è accaduto in quella di Firenze (-18,7% anche se in que-
sto caso occorre statisticamente tener conto degli effetti conseguenti alla istituzione della pro-
vincia di Prato), in quella di Genova (-15,4%), in quella di Torino (-5,7%) ed in quella di Mila-
no (-2,8 %).
Nel 1981 nell’insieme dei capoluoghi delle nove aree viveva il 50,4% della popolazione metro-
politana mentre nel 2007 l’incidenza della popolazione dei capoluoghi era complessivamente
diminuita di ben 6,9 punti percentuali flettendo al 43,5%. Tra il 1981 ed il 2007 il riequilibrio
residenziale tra aree centrali e di hinterland, stante comunque la diversità morfologica iniziale
della distribuzione dei pesi insediativi tra capoluoghi e comuni di hinterland nelle varie province
metropolitane3, ha prodotto un generale decremento del “peso” residenziale dei vari capoluoghi.
Il ridimensionamento più rilevante degli equilibri insediativi metropolitani di periodo si è veri-
ficato nell’area bolognese dove il comune capoluogo è passato dal 49,3 al 38,6% di carico de-
mografico (-10,7 punti percentuali), seguita dall’area romana dove il carico insediativo demo-
grafico del comune di Roma è regredito dal 76,8 al 66,9% (-9,9 punti percentuali, anche se nel
caso romano la città capoluogo mantiene quasi del tutto integra la speciale e tradizionale domi-
nanza funzionale e strutturale) e dall’area napoletana dove il peso insediativo del comune di
Napoli è declinato dal 40,8 al 31,6% (-9,2 punti percentuali). Nell’area milanese si evidenzia
invece una minore flessione del peso insediativo provinciale (-6,6 punti percentuali) del comu-
ne di Milano che dal 39,9 rilevato nel 1981 si attesta al 33,3% nel 2007.
Il riequilibrio demografico verso i comuni di hinterland determina anche una differenziazione
sempre più netta del profilo di età prevalente nei comuni capoluogo ed in quelli di hinterland.
Infatti, l’età media della popolazione dei capoluoghi tende ad elevarsi mentre quella dei comuni
di hinterland tende a diminuire: ne consegue un diverso potenziale di incremento naturale nei
due ambiti. Tra il 1981 ed il 2007, nei valori medi annui delle varie aree metropolitane si può
infatti osservare la generale presenza di differenziali nei saldi naturali tra i comuni capoluogo e
quelli di hinterland. Nei primi, infatti, tende a verificarsi una netta eccedenza del numero dei
morti su quello dei nati mentre nei secondi questa tendenza si capovolge, generando bilanci na-
turali prevalentemente positivi4. Anche il bilancio migratorio (risultante dal saldo tra gli iscritti
ed i cancellati alle anagrafi) si presenta generalmente migliore nei comuni di hinterland, che in-
crementano o mantengono la loro capacità di attrazione demografica diversamente da quanto è
invece osservabile nei comuni capoluogo dove il saldo migratorio, specialmente negli anni ‘90,
evidenziava quasi ovunque valori negativi 5. Quest’ ultima tendenza nel quinquennio più re-
cente si è attenuata in quanto i grandi capoluogo hanno particolarmente beneficiato delle iscri-
zioni anagrafiche conseguenti alla emersione amministrativa di cittadini stranieri regolarizzati6.
L’evidente situazione di metamorfosi delle forme urbane del Paese rivelata sia pure da modelli
di analisi ancorati alla tradizionale geografia amministrativa dei comuni, largamente inadeguati

3
sin dal 1981 la struttura insediativa residenziale nelle aree di Roma e di Genova, diversamente dalle altre province
metropolitane, si connotava per un elevato accentramento di residenti (più del 70%) nei rispettivi capoluoghi
4
nel bilancio demografico dell’anno 2007, relativo all’intero insieme delle aree metropolitane considerate, l’indice di
vitalità demografica segnalava, 123 nascite ogni 100 morti nei comuni di hinterland contro 91 nascite ogni 100
morti nei capoluoghi
5
nel bilancio demografico dell’anno 2007, relativo all’intero insieme delle aree metropolitane considerate, l’indice di
attrazione demografica registrava 128 iscritti ogni 100 cancellati negli hinterland a fronte di 105 iscritti ogni 100
cancellati nei capoluoghi
6
nel bilancio demografico dell’anno 2007, relativo all’intero insieme delle aree metropolitane considerate, infatti
l’incidenza degli iscritti alle anagrafi provenienti dall’estero - che per la quasi totalità sono da ritenersi cittadini stra-
nieri - risulta del 37,2 % nei capoluoghi e del 21% negli hinterland.

Sezione 1 \ pag. 84
rispetto alle esigenze di riflessione sulle interdipendenze funzionali che si vanno configurando
nei sistemi locali delle grandi regioni urbane, trova una chiave interpretativa in una serie di fat-
tori. Da un lato infatti si osserva la minore capacità attrattiva dei sistemi residenziali dei grandi
centri urbani afflitti tanto da elevati valori finanziari di accesso al mercato abitativo quanto da
fenomeni di saturazione territoriale in un contesto di persistente deficit di infrastrutturazione e
di insufficiente qualità urbana. Dall’altro si rileva tra le imprese, non solo industriali ma anche
terziarie, una medesima tendenza al decentramento produttivo anche a causa del venir meno del
vantaggio localizzativo in aree congestionate e sature (si pensi, ad esempio, alle gravi criticità
che attanagliano i sistemi della mobilità nelle grandi regioni urbane).
Infine, si espongono alcune considerazioni che rilevano l’eccezionalità dimensionale e nel con-
tempo anche l’atipicità morfologica del comune di Roma nel contesto dei grandi comuni metro-
politani nazionali. La città infatti emerge dal confronto con alcuni primati che la connotano co-
me un unicum nel panorama delle grandi città italiane. Infatti, la popolazione che vi è stanziata
rappresenta circa un terzo (33%) di quella complessivamente rilevabile nell’insieme delle nove
città metropolitane ed al tempo stesso è quella che presenta la minore densità abitativa (2.115
residenti per kmq.), mentre per dimensione territoriale il comune di Roma costituisce ben il
51,9% della superficie complessiva dei comuni metropolitani nazionali (nell’insieme dei nove
grandi comuni considerati).

Tab. 1 - Popolazione legale residente nelle nove città metropolitane. Dinamiche nelle variazioni dell'indice
(1981=100)

Popolazione legale ai censimenti e nel bilancio demografico annuale

1981 1991 2001 2007


Città

V.A. Indice V.A. Indice V.A. Indice V.A. Indice

Milano 1.604.773 100 1.369.231 85,3 1.256.211 78,3 1.299.633 81,0


Torino 1.117.154 100 962.507 86,2 865.263 77,5 908.263 81,3
Genova 762.895 100 678.771 89,0 610.307 80,0 610.887 80,1
Bologna 459.080 100 404.378 88,1 371.217 80,9 372.256 81,1
Firenze 448.331 100 403.294 90,0 356.118 79,4 364.710 81,3
ROMA 2.840.259 100 2.775.250 97,7 2.546.804 89,7 2.718.768 95,7
Napoli 1.212.387 100 1.067.365 88,0 1.004.500 82,9 973.132 80,3
Bari 371.022 100 342.309 92,3 316.532 85,3 322.511 86,9
Palermo 701.782 100 698.556 99,5 686.722 97,9 663.173 94,5

Sezione 1 \ pag. 85
Graf.1- Le tendenze di dinamica demografica tra i più importanti comuni metropolitani nazionali nelle variazioni
dell'indice. Al declino generalizzato delle grandi città sino a tutto il 2001 segue una fase di sostanziale
stagnazione . '81-'07 (1981=100)

100

100

100

100

100

100

100

100

100

100
99,5
100

97,9
indice di variazione popolazione residente (1981=100)

97,7

95,7

94,5
95

92,3

91,4

90,0
89,7

90

89,0
88,1

88,0
86,9

86,5

86,2
85,3

85,3
85

84,2

82,9
81,3

81,3

81,1

81,0
80,9

80,3

80,1
80,0
79,4
80

78,3
77,5
75
ROMA Palermo Bari Totale Firenze Torino Bologna Milano Napoli Genova

1981 1991 2001 2007

Graf.2 - Le dinamiche demografiche nell'insieme dei nove comuni metropolitani. Nell'ultimo


quinquennio il declino sembra arrestarsi. Un effetto della "emersione legale" di cittadini
stranieri" e della revisione censuaria nel comune di Roma. '81-2007.

10.000.000

9.500.000 9.517.683

9.000.000
8.701.661
residenti città metropolitane

8.500.000
8.233.333
8.000.000 8.013.674

7.500.000

7.000.000

6.500.000

6.000.000

5.500.000

5.000.000
1981 1991 2001 2007

Sezione 1 \ pag. 86
Graf.3 -Le dinamiche dei singoli comuni metropolitani negli ultimi censimenti e sino all'ultimo
bilancio demografico. Insieme i nove comuni hanno perso negli ultimi 26 anni 1.284.350
abitanti pari al 13,5% della popolazione complessiva .1981-2007

Palermo -38.609

Bari -48.511

Firenze -83.621
comuni metropolitan

Bologna -86.824

ROMA -121.491

Genova -152.008

Torino -208.891

Napoli -239.255

Milano -305.140

-350.000 -300.000 -250.000 -200.000 -150.000 -100.000 -50.000 -


residenti

Graf.4-Le dinamiche di declino demografico di alcuni importanti comuni metropolitani. Roma e


Palermo, pur in flessione, si attestano su di un tasso di declino notevolmente inferiore alla
media (-13,5%) dell'insieme delle città. 1981-2007

-19,9%
Genova

Napoli-19,7%

Milano -19%

Bologna -18,9%

Torino -18,7%

Firenze -18,7%

Totale -13,5%

Bari -13,1%

Palermo -5,5%
-4,3% (con revisione
ROMA censuaria)

-20,0 -18,0 -16,0 -14,0 -12,0 -10,0 -8,0 -6,0 -4,0 -2,0 -

tasso cumulato di variazione popolazione residente, %

Sezione 1 \ pag. 87
Graf.5-Le dinamiche dei 4 comuniche nel 1981 superavano il milione di abitanti. Negli anni 2000 i più importanti
comuni passano dal declino alla stagnazione demografica, ma Napoli e Torino si situano comunque sotto il
milione di abitanti. 1981-2007

3.000.000
2.840.259 2.718.768 (con revisione
2.775.250
censuaria 2006)

2.500.000 2.546.804
popolazione residente

2.000.000

1.604.773
1.500.000
1.369.231
1.256.211 1.299.633
1.212.387
1.117.154 1.067.365
1.000.000 1.004.500 973.132
962.507 865.263 908.263

500.000
1981 1991 2001 2007
ROMA Milano Napoli Torino

Graf.6 - Le dinamiche recenti dei 4 comuni che nel 1981 superavano il milione di abitanti.Tra il 2001 ed il 2007 il
declino -ad eccezione di Napoli - si trasforma in ripresa/stagnazione grazie ad un maggior flusso di nuovi
residenti stranieri . 2001-2007

-3,1%
Napoli

+3,5%
Milano

+5%
Torino

+6,8% (con effetto revisione


ROMA censuaria)

-4 -3 -2 -1 - 1 2 3 4 5 6 7

tasso cumulato di variazione popolazione 2001-2007, %

Sezione 1 \ pag. 88
Graf.7-ll bilancio demografico naturale nei comuni metropolitani. I nati per 100 morti. In tutte le città del
centro-nord i morti superano i nati e si rileva un miglioramento della natalità attribuibile ai residenti
stranieri . 2003-2007.

120
113,0
114
120

113
107,9
indice di vitalità demografica, nati

102,5
99,7

97,6
96
100

87,8

84
76
per 100 morti

80

63,2

61,5
60
56,9

56
60

40 52

20

0
Torino Genova Milano Bologna Firenze ROMA Napoli Bari Palermo

2003 2007

Graf.8 - Il bilancio migratorio nelle città metropolitane. L'indice di attrazione demografica. Roma accresce
la capacità attrattiva. Torino, Bologna e Firenze la diminuiscono ma il saldo è positivo. Milano invece
perde vistosamente attrazione . 2003-2007
148,7

148,7

160
140,7

137,5

137,5
133,1

132,5
indice di attrazione demografica,

140
immigrati per 100 emigrati

109,3

120
107,3

104,9

104,5

100
90,7

87,3

86,9

80,1
72,0
80

60,2
58,3

60

40

20

0
ROMA Torino Bologna Firenze Milano Genova Napoli Palermo Bari

2003 2007

Sezione 1 \ pag. 89
Graf.9-Il bilancio migratorio nei comuni metropolitani: gli iscritti dall'estero. Nelle città del centro-nord
si evidenzia tra i nuovi iscritti una presenza di "stranieri" superiore al 30%, ma si attenua l'effetto
della "regolarizzazione". 2004-2007

56,3%
60

52,8%
49,1%
incidenza iscrizioni anagrafiche

45,4%
50

43,7%

41,7%
34,9%
40
dall'estero, %

33,3%

30,2%
29,3%

29,1%

28,7%

25,6%
30

20,4%
19,5%

19,1%

16,4%
20

10

3,9%
-
Torino ROMA Firenze Genova Bologna Milano Bari Palermo Napoli

2004 2007

Tab. 2 - Il riequilibrio demografico tra i comuni capoluogo ed i rispettivi comuni di hinterland provinciale nel-
le grandi aree urbane nazionali. 1981- 2007 . (*) (**)
Comuni capoluogo Comuni hinterland
Province
metropolita- Popolazione residente Popolazione residente
ne Variazione Variazione
1981 2007 1981 2007
v.a. % v.a. %
Milano 1.604.773 1.299.633 - 305.140 - 19,0 2.413.335 2.607.093 193.758 8,0
Torino 1.117.154 908.263 - 208.891 - 18,7 1.228.617 1.303.219 74.602 6,1
Genova 762.895 610.887 - 152.008 - 19,9 282.214 272.891 - 9.323 - 3,3
Bologna 459.080 372.256 - 86.824 - 18,9 471.204 591.818 120.614 25,6
Firenze 448.331 364.710 - 83.621 - 18,7 753.682 612.378 - 141.304 - 18,7
ROMA 2.840.259 2.718.768 - 121.491 - 4,3 856.323 1.342.775 486.452 56,8
Napoli 1.212.387 973.132 - 239.255 - 19,7 1.758.176 2.109.928 351.752 20,0
Bari 371.022 322.511 - 48.511 - 13,1 1.093.605 1.276.867 183.262 16,8
Palermo 701.782 663.173 - 38.609 - 5,5 496.793 580.212 83.419 16,8

Insieme aree 9.517.683 8.233.333 - 1.284.350 - 13,5 9.353.949 10.697.181 1.343.232 14,4

(*) : nel periodo in alcune province metropolitane (Firenze, Milano) sono intervenute delle variazioni territoriali in favore di
nuove province.( **): nel periodo il Comune di Roma ha ceduto una porzione di territorio ed una quota di popolazione al
neo-costituito Comune di Fiumicino e nel 2006 per effetto della conclusione di una revisione dell'ultimo censimento la
popolazione è stata ricalcolata in aumento passando (al 31 dicembre) da 2.555.903 a 2.705.603 residenti (+149.700)

Sezione 1 \ pag. 90
Graf.10 -Il riequilibrio demografico nelle nove grandi aree urbane
metropolitane. Lo sviluppo del peso complessivo degli hinterland: i comuni
capoluogo perdono il 13,5% della loro popolazione, i comuni di hinterland la
incrementano del 14,4%.'81-2007

10.697.181
11.000.000

9.517.683
10.000.000 9.353.949

9.000.000 8.233.333

8.000.000

7.000.000

6.000.000

5.000.000
insieme comuni capoluogo insieme comuni hinterland

1981 2006

Graf.11- Il riequilibrio demografico nell'insieme delle nove grandi aree


urbane metropolitane. Il "carico" insediativo degli hinterland metropolitani
diventa prevalente (+6,9 punti percentuali). '81-2007
incidenza pesi insediativi di

nell'insieme delle nove aree

100
ambito metropolitano

90
metropolitane, %

80 49,6% 56,5%
70
60
50
40
30 50,4% 43,5%
20
10
0
1981 2006

insieme comuni capoluogo insieme comuni hinterland

Sezione 1 \ pag. 91
Graf.12-Il riequilibrio demografico nelle grandi aree urbane metropolitane. Il
declino generalizzato della popolazione nei poli urbani centrali e l'
incremento insediativo tendenziale nei comuni di hinterland metropolitano .
'81-2007 (%)

+56,8%
ROMA -4,3%

+16,8%
Palermo -5,5%

+16,8%
-13,1% Bari
-18,7%
Firenze-18,7%

+6,1%
Torino-18,7%

+25,6%
Bologna-18,9%

+8%
Milano-19%

+20%
Napoli
-19,7%

-3,3%
Genova
-19,9%

-20 -10 - 10 20 30 40 50 60
dinamiche di variazione, %

Comune capoluogo Insieme comuni hinterland

Graf.13-Incidenza del peso insediativo dell'hinterland nelle grandi aree


metropolitane.Alla diminuzione del peso dei comuni capoluogo corrisponde un
incremento insediativo delle aree di bordo metropolitano. Lo sviluppo di
dinamiche policentriche .'81-2007

30,9
Genova 27,0

33,1%
ROMA 23,2%
insieme comuni hinterland metropolitani

46,7%
Palermo 41,4%

58,9%
Torino 52,4%

61,4%
Bologna 50,7%
62,7%
Firenze 62,7%

66,7%
Milano 60,1%

68,4%
Napoli 59,2%
79,8%
Bari 74,7%

- 10 20 30 40 50 60 70 80

indice di policentrismo metropolitano (incidenza popolazione di hinterland provinciale, % )

1981 2.007

Sezione 1 \ pag. 92
Graf. 14 - Comuni metropolitani a confronto nella dimensione territoriale. L'eccezionalità delle dimensioni del territorio del
comune di Roma che risulta più vasto dell'insieme delle aree amministrate dagli altri 8 comuni metropolitani considerati. 2007

2.476,6
2.500
superficie territoriale comuni metropolitani

2.000

1.500
1.285,3
(KMQ)

1.000

500
243,6
182,1 158,9 140,7 130,2 117,3 116,2 102,4
-
ROMA

Genova

Milano

Palermo

Bologna

Torino

Napoli

Bari

Firenze

metropolitani
Comuni
Graf.15 - Comuni metropolitani a confronto nella dimensione territoriale. Il comune di Roma amministra un territorio che
corrisponde a circa il 52% della superficie complessiva (2.476,6 kmq) dell'insieme dei 9 comuni metropolitani considerati .
2007

Bari
Firenze
Napoli 4,7%
4,1%
4,7%
Torino
5,3%

Bologna
5,7%

ROMA
51,9%
Palermo
6,4%
Milano
7,4%
Genova
9,8%

Graf.16 - Comuni metropolitani a confronto nella dimensione territoriale: la densità demografica per Kmq. Il Comune di
Roma tra i grandi comuni metropolitani è di gran lunga il meno densamente abitato . 2007

9.000
8.298
8.000
7.138 6.978
7.000
residenti per Kmq

6.000

5.000
4.174
4.000 3.561

2.775 2.645
3.000 2.508
2.115
2.000

1.000

-
Napoli Milano Torino Palermo Firenze Bari Bologna Genova ROMA

Sezione 1 \ pag. 93
Graf.17 - Comuni metropolitani a confronto nella dimensione territoriale: la densità delle abitazioni per Kmq. di superficie.
Il comune di Roma presenta la minore densità di abitazioni ed un minor livello di saturazione territoriale . 2001
(censimento)

3.477
3.500 3.278
abitazioni in complesso (occupate e non) per ha d

3.089
3.000

2.500
superficie

2.000
1.673 1.697

1.500 1.385
1.251
1.132

1.000
896

500

-
ROMA Bari Genova Bologna Firenze Palermo Napoli Torino Milano

Sezione 1 \ pag. 94
1.2 Tendenze insediative

Gli andamenti di dinamica demografica dell’area romana, nei risultati dei censimenti e nei bi-
lanci demografici annuali, rivelano come, tra il 1981 ed il 2007 nell’arco degli ultimi ventisei
anni, la popolazione complessiva dei 120 comuni dell’ hinterland metropolitano7 si sia accre-
sciuta di ben il 57% superando ampiamente il milione di abitanti e raggiungendo la quota di
1.342.775 residenti (+487.073 abitanti, erano 855.702 nel 1981). Nel contempo la popolazione
residente nel Comune di Roma è entrata dapprima nel ciclo che i demografi definiscono del
declino demografico (perdendo 121.491 residenti una popolazione prossima a quella residente
attualmente in città come Bergamo) fase che dal 2001 si è trasformata in una sostanziale stagna-
zione demografica soprattutto per l’effetto di modesti saldi migratori positivi a cui hanno con-
tribuito in modo notevole le iscrizioni anagrafiche di cittadini stranieri. La perdita di popolazio-
ne del capoluogo corrisponde ad un tasso decrementale di periodo (dal 1981) del -4,3%, anche
se occorre considerare che la misura del declino demografico reale si ridurrebbe a 79.491 abi-
tanti, pari al -2,8%, se si escludesse dal computo la popolazione della ex XIV Circoscrizione
(42.000 residenti circa) che, per successione istituzionale dal comune di Roma, è stata attribuita
al neo-comune di Fiumicino sin dal 1992.
La popolazione complessivamente residente nella provincia di Roma (che nel 2007 ha raggiunto
la consistenza di 4.061.543 abitanti, mantenendo e rafforzando il primato di prima provincia i-
taliana per dimensione demografica8 ) si colloca in una situazione di moderato sviluppo (+9,9%
dal 1981) a causa delle dinamiche demografiche negative e di stagnazione che hanno interessato
il comune capoluogo, dinamiche più che compensate dalle costanti tendenze di sviluppo de-
mografico che si sono invece rilevate nell’ insieme dei comuni di hinterland. Infatti lo sviluppo
insediativo dell’hinterland romano negli anni 2000 non solo si è consolidato ma si è intensifica-
to facendo registrare negli ultimi sei anni un ulteriore incremento di ben 189.155 abitanti
(+16,4%) corrispondente ad un tasso medio annuale del +2,7 % mentre in precedenza, negli an-
ni ’90, il tasso medio annuale di sviluppo demografico rilevato nell’hinterland si era attestato in-
torno al +1,7%. La provincia di Roma insomma presenta a differenza di quasi tutte le altre pro-
vince metropolitane centro-settentrionali in netto declino (con l’unica eccezione dell’area di Bo-
logna) un profilo di relativo benessere demografico caratterizzato soprattutto dalla capacità di
attrarre nuovi residenti.
La provincia di Roma inoltre mantiene e rafforza il suo straordinario primato dimensionale (non
soltanto demografico) e funzionale all’interno della Regione del Lazio: nella “provincia capita-
le” sono infatti insediati quasi i tre quarti (73 %) della popolazione complessiva regionale
(5.561.017); nelle altre quattro province del Lazio (Viterbo, Rieti, Latina e Frosinone) sono
complessivamente stanziati appena 1.499.474 abitanti una dimensione insediativa quasi equiva-
lente a quella sussistente nel solo hinterland provinciale di Roma (1.342.775 abitanti). Tra i
primi 12 comuni del Lazio per dimensione demografica (escludendo il comune di Roma, ma in-
cludendo gli altri quattro comuni capoluogo) si situano ben 7 comuni dell’hinterland romano
(nell’ordine dimensionale: Guidonia, Fiumicino, Pomezia, Tivoli, Civitavecchia, Velletri e An-
zio) tutti in ogni caso con una popolazione residente prossima o superiore ai 50.000 residenti e
comunque numericamente superiore persino a quella di due tra i capoluoghi di provincia regio-
nali (Frosinone e Rieti).
Il progressivo processo di riequilibrio demografico tra polo centrale e hinterland metropolitano
romano ha così già generato, tra il 1981 ed il 2007, un consistente incremento del peso insedia-
tivo dei comuni di hinterland (dal 23,2 al 33,1%) in parte anche alimentato da trasferimenti resi-
denziali provenienti dal capoluogo. Nel 1981 si contavano appena 30,1 residenti di hinterland
per 100 residenti nel comune di Roma, mentre nel 2007 se ne rilevano 49,4 ben 19 in più. Se la
tendenza dovesse verosimilmente proseguire, anche con qualche accentuazione considerato

7
non più 118 in quanto, sono stati istituiti nel 1992 il comune di Fiumicino per scorporo dal comune di Roma e più
recentemente nel 2001 il neo-comune di Fontenuova per prevalente scorporo dal Comune di Mentana ed in parte
minima dal Comune di Guidonia
8
Si rinvia alla nota n.1 per quanto riguarda gli effetti sulla valutazione di consistenza della popolazione della pro-
vincia di Roma derivanti della posta incrementale eccezionale di circa 144.500 residenti intervenuta nel corso del
2006 come risultato della revisione anagrafica post-censuaria condotta nel Comune di Roma

Sezione 1 \ pag. 95
l’ingresso del comune di Roma nella fase del declino-stagnazione demografica naturale e mi-
gratoria, tra un decennio, nel 2017, il carico demografico dell’ hinterland potrebbe con ogni
probabilità superare il valore di stock di circa 1.800.000 residenti.
Scomponendo per semplicità di analisi l’ insieme dei 120 comuni di hinterland in due macro-
aggregati convenzionali, che da qui in poi saranno denominati come comuni di “I cintura” e
comuni di “II cintura”, in relazione alla loro contiguità territoriale con il comune di Roma e
supponendo la sussistenza di una intensità relazionale-funzionale polare simmetrica alla loro
distanza di “accesso” dal capoluogo, si possono individuare due grandi sub-ambiti di hinterland
in cui è possibile osservare profili residenziali differenziati, sia pure all’interno di una generale
e diffusa tendenza all’ incremento insediativo (con l’unica eccezione di 15 piccoli e piccolis-
simi comuni montani e/o di collina-interna, quasi tutti dislocati nell’area della Valle
dell’Aniene)
Nei 25 comuni di “I cintura” (Fiumicino, Anguillara Sabazia, Campagnano, Formello, Sacrofa-
no, Riano, Monterotondo, Mentana, Fontenuova, Guidonia, Tivoli, San Gregorio da Sassola,
Gallicano, Zagarolo, Colonna, Montecompatri, Monte Porzio Catone, Frascati, Grottaferrata,
Ciampino, Marino, Castel Gandolfo, Albano Laziale, Ardea, Pomezia) nel 2007 era stanziato
ben il 47,6% dell’intera popolazione di hinterland corrispondente a 639.262 abitanti, eviden-
ziando una densità demografica di 5,9 residenti per ettaro di superficie (contro una densità me-
dia di 2,3 abitanti per ha. negli insediamenti della II cintura). Tra il 1981 ed il 2007 la popola-
zione di questa area si è accresciuta di 257.562 abitanti se si include virtualmente nel computo,
sino da allora, anche la popolazione di Fiumicino (ex XIV circoscrizione) facendo così registra-
re un consistente tasso di sviluppo pari al 67,5 % (superiore di ben 19,1 punti percentuali a quel-
lo che si è verificato nell’insieme dei comuni di II cintura.). In questo sub-ambito territoriale
metropolitano lo sviluppo demografico più recente ha assunto una discreta dinamizzazione: in-
fatti nel decennio ‘81-‘91 lo sviluppo medio annuo è stato pari all’ 1,4 %, tasso che si è elevato
all’1,9% nel periodo compreso tra il 1992 ed il 2001 per poi rapidamente risalire sino al tasso
eccezionale del 3,9% medio annuo tra il 2001 ed il 2007 ( negli ultimi sei anni la po polazione
di questo ambito territoriale si è incrementata di ben 120.335 abitanti pari ad un tasso cumulato
di dinamica del 23,2%) . Conseguentemente all’ incremento demografico è ovviamente variato
anche il rapporto di densità demografica - segnalando un significativo sviluppo urbano - che si
è innalzato nel periodo da 3,9 a 5,9 abitanti per ettaro (a Roma nel 2007 si contavano 21,1 resi-
denti per ettaro).
Il profilo del sub-ambito metropolitano dei comuni di “I cintura” è caratterizzato dalla elevata
concentrazione di popolazione in soli nove comuni (nell’ordine di grandezza, Guidonia, Fiu-
micino, Pomezia, Tivoli, Ardea, Albano, Ciampino, Marino e Monterotondo ). In questi nove
comuni, di classe dimensionale compresa tra gli “80.000 ed i 35.000 abitanti”, nel 2007 risiede-
vano 442.697 cittadini pari al 69,3% della intera popolazione insediata in questo sub-ambito. Il
comune di Guidonia, che nel 2007 contava 78.491 abitanti, risulta di buona misura il comune di
maggiore dimensione demografica tra i 120 dell’ intero hinterland provinciale (ed il 3° nel La-
zio dopo Roma e Latina). Tra le perfomance di sviluppo demografico (1981-2007) dei comuni
di “I cintura” spiccano quelle eccezionali (pari o maggiore al 100%) di Ardea (+285%), di An-
guillara (+164%), di Formello (+126%), di Campagnano (+114%) e di Sacrofano (+111%).
Nell’ambito territoriale dei comuni di “ I cintura” il profilo demografico della popolazione resi-
dente appare caratterizzato dalla presenza di qualità positive ai fini delle prospettive di ulteriore
sviluppo naturale. In questo sub-ambito, infatti si osserva il profilo relativamente più “giovane”
dell’intera area romana: bambini e ragazzi sino ai 14 anni di età, nel 2006, costituivano il 15,1
% della popolazione (contro il 12,9 % di Roma ed il 14,5 % dei comuni di hinterland di “II cin-
tura”), mentre gli anziani con 65 anni ed oltre rappresentavano il 14,6 % della popolazione (con-
tro il 20,8% di Roma ed il 16,9% dei comuni di “II cintura”). Coerentemente con questo quadro
strutturale l’indice di vitalità demografica (nati per 100 morti ) confermava nel 2007 (con 159
nati ogni 100 morti contro i 98 nati ogni 100 morti nel comune di Roma ed i 125 nati per 100
morti nei comuni dell’ambito metropolitano esterno) la presenza di un profilo strutturale della
popolazione in grado di assicurare, nel prossimo decennio, un discreto bilancio naturale positi-
vo.

Sezione 1 \ pag. 96
L’ambito dei comuni di “I cintura ” rivela anche un elevato dinamismo migratorio. Infatti nel
2007 l’indice di attrazione demografica (immigrati per 100 emigrati), che misura la capacità di
un comune e/o di un’area di attrarre residenti aggiuntivi, indica un discreto valore di attrazione
(166 immigrati ogni 100 emigrati contro i 133 ogni 100 emigrati nel comune di Roma ed i 183
immigrati contro 100 emigrati nei comuni della II cintura) capace di generare un rilevante bilan-
cio migratorio positivo.
Nel sub-ambito di hinterland dei comuni di “II cintura”, costituito prevalentemente da un fram-
mentato universo di 95 comuni, nel 2007 erano stanziati 703.513 residenti, pari al 52,4% della
popolazione dell’intero hinterland. I 95 comuni esterni presentano una morfologia strutturale
assai diversa da quella dei comuni di “prima cintura”. Innanzitutto si osserva un minor livello di
concentrazione territoriale della popolazione: infatti soltanto 5 comuni, tra i quali ben 4 sono
costieri, risultano compresi nella classe dimensionale“55.000-35.000 abitanti”(Civitavecchia,
Velletri, Anzio - comuni inclusi tra i primi 12 comuni del Lazio - e Nettuno e Ladispoli) tota-
lizzando insieme una popolazione di 234.384 abitanti, pari al 33,3% del sub-ambito dei comuni
di II cintura, mentre all’opposto ben 60 comuni si collocano nella fascia dei piccoli e micro-
comuni (uguali o inferiori a 5.000 abitanti) dove sono stanziati appena 91.750 residenti pari al
13% della popolazione del sub-ambito ed appena al 6,8% della popolazione dell’insieme di hin-
terland. Tra il 1981 ed il 2007 la popolazione dell’insieme dei comuni metropolitani di II cintura
si è accresciuta di 229.511 abitanti secondo un tasso incrementale cumulato che risulta pari al
48,4% (inferiore di ben 19,1 punti percentuali a quello che si è verificato nell’insieme dei co-
muni di I cintura). Nel decennio ’91-2001 il tasso incrementale medio annuo della popolazione
si è lievemente attenuato passando dall’ 1,6% registrato nel decennio precedente (‘81-1991) all’
1,5% (1991-2001), mentre negli ultimi sei anni (2001-2007) il tasso medio annuo ha evidenzia-
to una modesta tendenza incrementale raggiungendo il valore del +1,8%. Il recentissimo incre-
mento tendenziale del tasso di sviluppo della popolazione dei comuni di II cintura, pur ancora
notevolmente distante da quello che si è registrato nel contempo nei comuni di I cintura, potreb-
be segnalare una attenuazione della capacità attrattiva di questi ultimi a causa dei crescenti ef-
fetti di congestione e saturazione urbana che vanno diffondendosi anche nell’area degli inse-
diamenti più immediatamente contigui, ed in qualche caso anche conurbati, al comune di Roma.
La densità demografica del sub-ambito rimane in ogni caso attestata su valori modesti e risulta
discretamente lontana da quella dei comuni di prima cintura: nel 1981 era pari a 1,6 abitanti per
ettaro mentre nel 2007 il valore di densità relativa raggiungeva i 2,3 abitanti per ettaro. In ben
sei dei comuni di “II cintura”, quasi tutti situati a nord ed a nord-ovest di Roma - alcuni dei
quali contigui tra loro e costieri - si rileva, tra il 1981 ed il 2007, una dinamica incrementale di
tipo eccezionale uguale o superiore al 100%: Ladispoli (+208%), Cerveteri (+183%), Labico
(+170%), Fiano Romano (+168%), Capena (+133%) e Trevignano (+110%). Occorre tuttavia
rammentare che è proprio in questo sub-ambito territoriale metropolitano esterno che si colloca
l’intero sotto-insieme dei 15 comuni dell’hinterland provinciale9 nei quali persiste una situazio-
ne di declino demografico.
Lo sviluppo demografico dell’hinterland, oltreche’ a fattori di incremento naturale ed a saldi
migratori, non soltanto di area, generalmente positivi, in parte è dovuto ad una nuova forma di
osmosi (di tipo prevalentemente residenziale, come si vedrà) che si va definendo ormai stabil-
mente tra il capoluogo ed i comuni di area.10 Analizzando l’interscambio migratorio sussistente

9
Con l’esclusione del comune di Mentana che relativamente al 1981 risulta in declino demografico per cause esclu-
sivamente amministrative in quanto ha dovuto cedere territorio e popolazione al neo-costituito comune di Fontenuo-
va
10
Sino al 1981 era il comune di Roma che registrava un bilancio migratorio positivo con i comuni di hinterland: a
fronte di 170.000 nuovi residenti provenienti dai comuni di area si contavano appena 5.532 trasferimenti residenziali
di romani verso l’hinterland (circa 3 emigrati romani contro 100 immigrati dall’hinterland). A partire da quel periodo
e sino al 1993 la tendenza si capovolge: ben 128.263 romani hanno lasciato la città per stabilirsi nei comuni di hinter-
land anche se l’esodo è stato parzialmente bilanciato dal trasferimento a Roma di 92.037 abitanti dei comuni di hin-
terland (circa 139 emigrati da Roma contro 100 immigrati verso Roma provenienti dall’insieme dei comuni di hinter-
land). Ne è conseguito un bilancio migratorio di area negativo per Roma, che nel periodo ha così perso 36.226 resi-
denti in favore dello sviluppo dell’hinterland. Tra i comuni di hinterland che sino ad allora avevano ricevuto il mag-
gior contributo netto (saldo positivo tra immigrati ed emigrati) da Roma per sostenere il proprio sviluppo demografi-
co si trovavano: Cerveteri (+3.594 residenti), Guidonia (+3.459 residenti), Ardea (+3.373 residenti), Mentana

Sezione 1 \ pag. 97
attualmente tra il comune di Roma (nelle cancellazioni anagrafiche) e l’insieme dei comuni di
hinterland (nelle iscrizioni anagrafiche) si osserva come negli anni recenti il fenomeno di trasfe-
rimento residenziale dal capoluogo verso l’hinterland si sia ulteriormente intensificato. Infatti
negli anni 2003, 2004 e 2005 mediamente ben il 46,8% dei cancellati dall’anagrafe del comune
di Roma hanno trasferito la residenza nei comuni di hinterland provinciale (mentre un altro 13%
si è iscritto nelle anagrafi dei comuni delle altre quattro province del Lazio, con una netta prefe-
renza per quella di Viterbo). Il bilancio dell’interscambio migratorio di residenti tra il comune
di Roma ed i comuni di hinterland risulta fortemente negativo per il capoluogo. Nel 2004 e nel
2005 ad esempio il bilancio migratorio cumulato tra Roma ed un solo sottoinsieme di nove im-
portanti comuni di hinterland (Guidonia, Pomezia, Fiumicino, Ladispoli, Ardea, Cerveteri, An-
zio, Albano e Fontenuova) faceva registrare un saldo netto a favore di questi ultimi di ben
13.559 nuovi residenti provenienti da Roma (22.602 nuovi iscritti provenienti da Roma contro
9.043 cancellati diretti verso Roma).
Il riequilibrio residenziale dell’area metropolitana in atto verso l’hinterland, tuttavia non signifi-
ca che muti sostanzialmente il grado di attrazione gravitazionale di Roma, che rimane quasi del
tutto immutato. Il bilancio degli spostamenti pendolari (per lavoro e studio) all’interno dell’area
metropolitana (nelle ultime analisi censuarie disponibili per matrice origine-destinazione degli
spostamenti principali, risalenti al 2001), si presentava con un notevole saldo positivo a favore
del capoluogo. Infatti, mentre i pendolari romani che si dirigevano verso i comuni
dell’hinterland erano appena 38.128 (corrispondenti ad appena il 3% degli spostamenti quoti-
diani complessivi dei romani ed all’82,3% dei 46.309 spostamenti in uscita dalla città), i pendo-
lari di hinterland diretti giornalmente verso Roma ammontavano a ben 162.722 (erano 139.201
nel 1991), corrispondenti al 75,7% dell’intero flusso di pendolari in ingresso nella città
(214.352 provenienti anche da altre province e regioni). Dal solo bilancio dell’ interscambio
pendolare di area tra il capoluogo ed i comuni di hinterland provinciale si evidenzia un saldo
netto di presenza aggiuntiva giornaliera nella città di Roma pari a 124.594 pendolari.
Ai fini della valutazione dell’impatto dei flussi di mobilità che gravano sulle infrastrutture via-
rie e sui servizi di trasporto del capoluogo si rileva come l’insieme delle due componenti di
pendolarismo in ingresso quotidiano nella città (162.722 dall’hinterland e 51.630 da altre pro-
vince e regioni), si vada ad aggiungere (nella parte finale e/o iniziale nel percorso di ritorno) sia
all’insieme degli spostamenti pendolari interni alla città generati dai residenti di Roma
(1.228.538), sia alla parte iniziale/finale dei 46.309 spostamenti pendolari di residenti romani
complessivamente in uscita dalla città, anche se questi ultimi avvengono temporalmente su di-
rettrici opposte a quelle dei flussi pendolari in entrata. Si valuti, inoltre, come i soli pendolari
metropolitani, pari dimensionalmente alla popolazione di una media città italiana od a quella di
alcuni tra i municipi romani, rappresentino, nell’arco della quotidianità feriale, una delle com-
ponenti di presenza assimilabile a quella residenziale per gli aspetti di uso della città e di con-
sumo dei servizi. Ma se si dovessero considerare anche le motivazioni di spostamento intermit-
tente diverse dal lavoro e dallo studio, quali ad esempio l’uso del tempo libero, lo “shopping” e
l’accesso a servizi di “livello superiore” (tutte motivazioni non rilevate dal censimento), la di-
mensione stimata dei flussi complessivi di “commuting” originati nel solo hinterland e diretti
verso il capoluogo raggiungerebbe quasi sicuramente il valore medio di circa 200.000 sposta-
menti giornalieri.
Il pendolarismo giornaliero che si origina dall’hinterland verso il capoluogo è prevalentemente
di tipo occupazionale. Infatti nel 2001 erano ben 126.923 (ma ammontavano a 104.801 nel ’91
ed a 74.000 nel 1981), pari al 78,2% dell’insieme degli spostamenti interprovinciali diretti a
Roma, i lavoratori pendolari che si dirigevano quotidianamente verso il capoluogo provenendo
dai comuni dell’hinterland. Le ragioni della elevata capacità gravitazionale lavorativa di Roma
esercitata prevalentemente nei confronti dell’ hinterland risultano evidenti se solo si osservano

(+2.367 residenti), Ladispoli (+2.268 residenti), Anzio (+2.204 residenti), Anguillara (+2.077 residenti) e Pomezia
(+1.897 residenti). In alcuni casi il contributo di Roma allo sviluppo demografico da movimento migratorio nei co-
muni di hinterland risulta quasi totalizzante come ad esempio è avvenuto nei comuni di Guidonia e di Anguillara,
dove rispettivamente il 79,3% ed il 70,2% del saldo migratorio positivo di questi due enti locali nel periodo consi-
derato era dovuto ai trasferimenti residenziali provenienti da Roma.

Sezione 1 \ pag. 98
con attenzione i dati censuari relativi ai vari parametri di incidenza del capoluogo: infatti, nel
2001 mentre a Roma era stanziato il 67,1 % della popolazione provinciale, il mercato del lavoro
locale offriva una capacità occupazionale pari all’ 80,5% degli addetti dell’intera provincia. E’
nella misura del differenziale di incidenza tra questi due fattori - che riflette lo squilibrio sussi-
stente tra la domanda di lavoro e l’offerta di lavoro, aggravata anche da una accentuata tendenza
all’invecchiamento della popolazione romana - che si trova una delle interpretazioni del feno-
meno. Roma ridistribuisce la propria popolazione nell’hinterland per ragioni spesso legate alle
migliori condizioni dell’accesso economico alle abitazioni (nel primo semestre del 2006 il dif-
ferenziale di prezzo di acquisto di una abitazione oscillava mediamente tra il massimo di 7.200
euro/mq nei rioni del centro storico di Roma ed un minimo di 1.200 euro/mq nei comuni di hin-
terland)11 ma mantiene relativamente accentrata la struttura produttiva o, se si vuole, perde at-
trazione residenziale ma conserva una buona attrazione e/o vantaggio localizzativo per le im-
prese e le istituzioni.
Tuttavia anche questo modello di generazione metropolitana è entrato in un ciclo di transizione:
si è infatti innescato nell’hinterland un autonomo sviluppo produttivo che a volte si irradia ver-
so altre province del Lazio ed in alcuni casi anche verso altre province delle regioni centrali, con
relativi mercati del lavoro locali (ci si riferisce ai “sistemi locali del lavoro” individuati dall’Istat
nel 2001: oltre a quello più importante di Roma a quelli minori di Civitavecchia, di Velletri, di
Subiaco, di Fara Sabina, di Colleferro, di Subiaco, di Avezzano e di Latina) che si sono dappri-
ma auto-alimentati anche dalla domanda di lavoro generata dalla espansione dei servizi connessi
allo sviluppo residenziale.
Per di più i programmi di potenziamento infrastrutturale (soprattutto le reti del trasporto pubbli-
co metropolitano che migliorano le condizioni dell’accesso e della mobilità di area e tra queste
assumono particolare rilievo strategico le speciali linee ferroviarie di trasporto pubblico locale
denominate FR) nonchè la diffusione di una qualità della vita di tipo urbano, nei servizi, nella
rete distributiva e nelle opportunità del “tempo libero” costituiscono fattori che nel loro insieme
hanno ridotto notevolmente per le famiglie stanziate nell’area lo svantaggio del “costo sociale”
della condizione abitativa/residenziale nell’hinterland.
Sin dai primi anni ‘90 si è osservato un costante incremento delle concessioni edilizie (metri cu-
bi concessi), residenziali e non, nell’insieme dei comuni di hinterland. Così è accaduto che a
partire dal 1995 l’offerta di nuova edilizia residenziale complessiva dell’ hinterland (pari a
1.384.216 di metri cubi concessi) ha superato per la prima volta il volume di offerta che si è e-
spresso nel territorio del comune di Roma (1.049.915 di metri cubi concessi). Ancora più visto-
so risultava il sorpasso dell’ hinterland romano nei livelli dell’ offerta edilizia non abitativa: sin
dal 1994, nell’insieme dei comuni di hinterland, nell’anno di riferimento sono stati concessi più
del doppio dei metri cubi concessi nel comune di Roma (819.323 contro 377.597).
Più recentemente, nel 2005 e nel 2006, l’Osservatorio del mercato immobiliare12 segnalava nel-
la Provincia di Roma una intensa attività edilizia e di sviluppo insediativo nell’insieme dei 120
comuni di hinterland, attività superiore nei volumi di unità immobiliari realizzate (residenziali e
produttive) a quella rilevabile nel territorio del Comune di Roma . Nel 2006 tra gli accatasta-
menti provinciali di nuove costruzioni distinte per tipologia funzionale risultavano localizzate
nell’hinterland ben il 50,2% delle residenze, il 51,4% degli uffici, il 49,1% dei negozi, il
40,8% dei centri commerciali, il 64,6% dei capannoni ed il 78,7% degli edifici industriali. Il
confronto tra questi ultimi indicatori di sviluppo insediativo risulta ancora più efficace se si
pongono in relazione le nuove costruzioni accatastate nei due macro ambiti dell’area romana
con le popolazioni che vi risiedono. Ad esempio nell’hinterland nel 2006 sono state accatastate
ben 75 nuove abitazioni ogni 10.000 residenti contro le 36 nuove abitazioni ogni 10.000 resi-
denti rilevate nello stesso periodo nel Comune di Roma.
Si può pertanto affermare che si va delineando, in forme ancora non perfettamente strutturate ed
in modo prevalentemente spontaneo, un’organizzazione territoriale articolata su più “centri”

11
Fonte: Ministero dell’Economia e delle Finanze della Agenzia del territorio – Osservatorio mercato immobiliare
12
L’ Osservatorio del mercato immobiliare della Agenzia del Territorio a partire dai primi anni del 2000, utilizzando
le informazioni statistiche contenute nei propri archivi amministrativi, produce periodicamente analisi di flusso sul
patrimonio edilizio. L’ampio spettro d’uso di questi dati ne consente anche l’applicazione alla analisi delle trasfor-
mazioni territoriali.

Sezione 1 \ pag. 99
funzionalmente autonomi, con connotati e dimensioni economiche e sociali di tipo locale nella
quali, dalle tradizionali gerarchie urbane dominanti nell’area romana si sta evolvendo un siste-
ma di tipo reticolare.

Tab. 3 - L'evoluzione della popolazione dell'area di Roma nei vari ambiti territoriali. 1951-2007 (popolazione
legale ai relativi censimenti e nell'ultimo bilancio demografico)

Comune di Roma Comuni dell'hinterland Provincia


Anni
Residenti Residenti Residenti
V.A. Indice V.A. Indice V.A. Indice
1951 1.651.754 100 498.916 100 2.150.670 100
1961 2.188.160 132 587.220 118 2.775.380 129
1971 2.781.993 168 708.384 142 3.490.377 162
1981 2.840.259 172 855.702 172 3.695.961 172
1991 2.775.250 168 985.817 198 3.761.067 175
2001 2.546.804 154 1.153.620 231 3.700.424 172
2007 2.718.768 165 1.342.775 269 4.061.543 189

Graf.18-Dinamiche della popolazione metropolitana di Roma a confronto nei vari ambiti territoriali.
Declino e stallo demografico: le tendenze del capoluogo negli ultimi 26 anni. Il costante incremento
del peso insediativo dell'hinterland. 1951-2007

4.500.000

4.000.000

3.500.000 1.342.775
855.702 985.817
708.384 1.153.620
3.000.000
residenti

2.500.000
587.220

2.000.000 498.916
2.840.259
2.781.993

2.775.250

2.718.768
2.546.804
2.188.160

1.500.000
1.651.754

1.000.000

500.000

-
1951 1961 1971 1981 1991 2001 2007

Comune di Roma Comuni di hinterland (120)

Sezione 1 \ pag. 100


Graf.19 -Dinamiche della popolazione metropolitana di Roma a confronto nei vari ambiti territoriali. La
particolare dinamizzazione incrementale della popolazione di hinterland. Variazione del numero
indice (1951=100). 1951-2007
280
269
260

indice di variazione (1951 = 100 240


231
220

200 198

180
168 172 168 165
160
154
140 142
132
120 118

100 100
1951 1961 1971 1981 1991 2001 2007

Comune di Roma Comuni di hinterland (120)

Graf.20-Le dinamiche della popolazione negli ambiti dell'area romana. La popolazione del comune di
Roma tende al declino/stabilizzazione ma la popolazione dei comuni di hinterland è in continua
espansione (in media +2,7% anno tra il 2001 ed il 2007) .
3.000.500
2.781.993 2.840.259 2.775.250 2.718.768
2.500.500 2.546.804

2.188.160
2.000.500
residenti

1.651.754
1.500.500
1.342.775
1.153.620
1.000.500 985.817
855.702
708.384
587.220
500.500 498.916

500
1951 1961 1971 1981 1991 2001 2007

Comune di Roma Comuni di hinterland (120)

Graf.21-Le dinamiche recenti del peso insediativo metropolitano del Comune di Roma e dei comuni di
hinterland. Il riequilibrio tendenziale: Roma perde 121.491 residenti (-4,3%) ed i comuni di hinterland
ne acquisiscono ben 487.073 (+57%) .1981-2007

2.840.259
2.718.768
3.000.000

2.500.000

2.000.000
1.342.775
residenti

1.500.000
855.702
1.000.000

500.000

-
Comune di Roma Comuni di hinterland (120)

1981 2007

Sezione 1 \ pag. 101


Graf.22-Le dinamiche demografiche (nel tasso medio annuale) nei comuni dell'hinterland romano. Il
continuo incremento del tasso di sviluppo nell'hinterland.Nell'ultimo periodo il tasso medio annuale
si dinamizza ulteriormente di 1 punto %. '81-'07

+2,7%

tasso medio annuale di variazione, %


2,5

+1,7%
1,5 +1,5%

0,5

0
1981-1991 1991-2001 2001-2007

Graf.23-Le dinamiche demografiche nei macro ambiti dell'area romana.La stagnazione della
popolazione di Roma e la dinamica accentuata di quella stanziata nell'hinterland attenuano di quasi
10 punti % il peso demografico del capoluogo nell'area . '81-'07

100 23,2%
33,1%
incidenza popolazione ambit

90
80
metropolitano

70
60
50 76,8%
40
66,9%
30
20
10
-
1981 2007

Comune di Roma Comuni hinterland

Graf.24 - Comuni di hinterland e Comune di Roma a confronto negli indici di vitalità e di attrazione
demografica. I comuni di hinterland evidenziano migliori prospettive di sviluppo per il livello di
vitalità e attrattività demografiaca . 2007

174,1
180
139,7
160 133,1
indici di vitalità e di attrazione

140

120 97,6
demografica

100

80

60

40

20

0
Nati per 100 morti (indice di vitalità demografica) Iscritti per 100 cancellati (indice di attrazione
demografica)

Comune di Roma Insieme comuni hinterland

Sezione 1 \ pag. 102


Graf.25-Il bilancio demografico del 2007 nei macro ambiti metropolitani: saldi naturali e migratori. Lo
sviluppo annuale della popolazione provinciale è attribuibile prevalentemente ( per il 76%) al positivo
bilancio demografico dell'hinterland. 2007

+13.778

Comune di Roma
-613

+31.167

Comuni di hinterland (120)


+4.154

-5.000 - 5.000 10.000 15.000 20.000 25.000 30.000 35.000


residenti

Saldo naturale Saldo migratorio

Graf.26 - La distribuzione provinciale della popolazione regionale nel Lazio. Nell'area romana
sono stanziati ben il 73% dei residenti regionali . 2007

Provincia Rieti Provincia Viterbo


2,8% 5,6% Provincia Frosinone
8,9%

Provincia Latina
9,7%

Provincia ROMA
73,0%

Graf.27- La distribuzione provinciale della popolazione regionale nel Lazio. La speciale


dominanza strutturale e funzionale della provincia di Roma; nella provincia "capitale" sono
insediati quasi i tre quarti della popolazione regionale . 2007

4.500.000
4.061.543
4.000.000

3.500.000

3.000.000
residenti

2.500.000

2.000.000

1.500.000

1.000.000
494.815 537.213
500.000
310.650
156.796
-
A
o

a
e
i
et

rb

tin
on

M
Ri

te

in

RO
La
Vi

os
cia

cia
Fr

cia
cia
in

in
ov

in
cia
in

ov

ov
Pr

ov

in

Pr

Pr
Pr

ov
Pr

Sezione 1 \ pag. 103


Graf.28-Comuni del Lazio con popolazione pari o maggiore ai 45.000 residenti. Tra i primi 13
comuni del Lazio - inclusi i capoluoghi - che contano una popolazione pari o superiore ai 45.000
abitanti si situano ben sette comuni dell'hinterland romano . 2007

RIETI 47.617

FROSINONE 48.285

Anzio (RM) 49.579

Velletri (RM) 51.507

Civitavecchia (RM) 51.925

Tivoli (RM) 52.853

Pomezia (RM) 56.105

VITERBO 61.067

Fiumicino (RM) 63.623

Aprilia (LT) 66.624

Guidonia (RM) 78.491

LATINA 115.490

- 20.000 40.000 60.000 80.000 100.000 120.000

residenti

Graf.29 - Le dinamiche della popolazione residente nei due macro-ambiti territoriali di


hinterland. Nell'insieme dei 25 comuni contigui al comune di Roma è stanziato il 47,6%
dell'intera popolazione di hinterland . 1981-2007

800.000
703.513
700.000 639.262 634.693

600.000 550.034
518.927
474.002
500.000 435783
residenti

381700
400.000

300.000

200.000

100.000

-
Comuni I cintura (25) Comuni II cintura (95)

1981 1991 2001 2007

Sezione 1 \ pag. 104


Graf.30-Le dinamiche della popolazione residente nei due macro-ambiti territoriali di
hinterland. Il tasso di variazione. I comuni contigui al comune di Roma hanno registrato
nell'arco degli ultimi 26 anni una più intensa dinamica incrementale .1981-2007

+67,5%

70

dinamiche popolazione nel periodo


60 +48,4%

50
1981-2007, %

40

30

20

10

-
Comuni I cintura (25) Comuni II cintura (95)

Graf.31- Le dinamiche di variazione della popolazione di I e II cintura nell' hinterland romano:


il tasso annuo medio di variazionente. Entrambi gli ambiti presentano tendenze incrementali
ma i comuni della I cintura sono più dinamici. 1981-2007.
4,5
tasso di variazione media annuale periodo, %

4,0
+3,9%

3,5

3,0

2,5

2,0
+1,9%
+1,8%
+1,6%
1,5 +1,5%
+1,4%

1,0
'81-'91 '91-'01 '01-'07

Comuni I cintura (25) Comuni II cintura (95)

Graf.32-La densità demografica negli ambiti territoriali delle aree metropolitane.I residenti per
ha. Il carico demografico dei comuni contigui è più che doppio di quello dei comuni di II cintura.
Una congestione territoriale incipiente . 2007

25
21,1 residenti per ha

20
residenti per ha

15

10
5,9 residenti per ha

5 2,3 residenti per ha

0
Comune di Roma Comuni I cintura (25) Comuni II cintura (95)

Sezione 1 \ pag. 105


Graf.33- I comuni di I cintura con popolazione superiore ai 35.000 abitanti. Ben 9 comuni di ambito (su 25) superano i
35.000 residenti. Guidonia e Fiumicino risultano rispettivamente al 3° ed al 5° posto nel Lazio per dimensione
demografica . 2007

80.000
78.491

70.000
63.623
60.000 56.105
52.853
50.000
residenti

39.170 38.986 38.225 37.885


40.000 37.359

30.000

20.000

10.000

ea

o
i

o
no
o

e
ia
li o

al

in

nd
in

vo

rd
ez

pi
zi
ce

ar
ic

Ti

to
m

m
La
um
te

ro
Po

ia
on

te
o
Fi

C
an
M

on
lb

M
a
ni

A
do
ui
G

Graf.34- Le dinamiche più intense della popolazione nei comuni di I cintura. Nell'arco di 26 anni
ben 4 comuni hanno superato il raddoppio della popolazione mentre uno (Ardea) che conta più
di 35.000 abitanti, si approssima a quadruplicarla . 1981-2007

Sacrofano
+110,5%

Campagnano di Roma
+113,8%

Formello
+125,6%

Anguillara
+163,7%

Ardea
+285%

0 50 100 150 200 250 300


tasso di variazione residenti,% (1981-2007)

Graf.35-Comuni di II cintura con popolazione superiore ai 35.000 abitanti. Soltanto 5 tra i


comuni di ambito superano i 35.000 residenti.Civitavecchia e Velletri risultano rispettivamente
al 9° ed al 10° posto nel Lazio per dimensione demografica. 2007

60.000
51.925 51.507
49.579
50.000
43.409

37.964
40.000
residenti

30.000

20.000

10.000

-
Civitavecchia Velletri Anzio Nettuno Ladispoli

Sezione 1 \ pag. 106


Graf.36-Dinamiche della popolazione nei comuni di II cintura. Nell'arco di 26 anni solo 4 comuni
(su 95) hanno superato il raddoppio della popolazione: tra questi soltanto Ladispoli appartiene
al gruppo di comuni con più di 35.000 residenti . 1981-2007

Trevignano Romano +109,8%

Capena +132,5%

Fiano Romano +168,4%

Labico +170,4%

Cerveteri +182,5%

Ladispoli +208,2%

0 50 100 150 200 250


tasso di variazione residenti,% (1981-2007)

Graf.37-I residenti cancellati dal Comune di Roma per aree dei comuni di destinazione.
Quasi la metà dei residenti che si trasferiscono da Roma si stabiliscono nei comuni
dell'hinterland e circa il 60% si stabiliscono comunque nei comuni del Lazio .'03-'05

100% 7% 5% 7,4%

90%
incidenza cancellati dall'anagrafe del Comune di

33,8% 32,3%
35,1%
Roma per comuni di destinazione, %

80%

70%

60% 13,4% 13%


12,5%
50%

40%

30% 47,8% 47,3%


45,4%
20%

10%

0%
2003 2004 2005

Comuni della provincia di Roma Comuni delle altre province del Lazio Altri comuni italiani Comuni esteri

Sezione 1 \ pag. 107


Graf.38-Gli scambi migratori biennali tra i comuni di hinterland e Roma: i nove comuni
con il più rilevante interscambio. Il saldo migratorio è generalmente positivo per i
comuni di hinterland che attraggono nuovi residenti provenienti da Roma .2004-2005

+13.559 residenti
Insieme nove comuni
+22.602 iscritti
hinterland
-9.043 cancellati

+577residenti

Fonte Nuova +1.249 iscritti


-672 cancellati

+740 residenti

Albano +1.092 iscritti


-352 cancellati

+1.174 residenti

Anzio +1.967 iscritti


-793 cancellati

+1.090 residenti

Cerveteri +1.986 iscritti


-896 cancellati

+1.838 residenti

Ardea +3.138 iscritti


-1.300 cancellati

+950 residenti

Ladispoli +1.946 iscritti


-996 cancellati

+3.109 residenti

Fiumicino +4.262 iscritti


-1.153 cancellati

+1.376 residenti

Pomezia +2.700 iscritti


-1.324 cancellati

+2.705 residenti

Guidonia +4.262 iscritti


-1.557 cancellati

- 5.000 10.000 15.000 20.000 25.000


residenti iscritti e cancellati dalle anagrafi provenienti e/o diretti a Roma (2004+2005)

Cancellati diretti verso Roma Iscritti provenienti da Roma Saldo migratorio

Sezione 1 \ pag. 108


Graf.39- I flussi di mobilità per lavoro e studio tra Roma e i comuni di hinterland provinciale.
L'elevata incidenza degli spostamenti pendolari in ingresso ed in uscita dalla città che si
originano e si concludono all'interno della provincia. 2001

38.128 (pari all'82,3%


S postamenti di residenti in uscita
delle "uscite" verso altri
da Roma verso l'hinterland comuni)

162.722 (pari al 59,7%


S postamenti in ingresso verso Roma
degli "ingressi" verso
di residenti nell'hinterland altri comuni)

- 20.000 40.000 60.000 80.000 100.000 120.000 140.000 160.000 180.000

spostamenti pendolari per lavoro e studio

Graf.40- I flussi di mobilità per lavoro e studio tra i comuni di hinterland provinciale e Roma. Gli
spostamenti in ingresso a Roma provenienti dai comuni di maggiore dimensione demografica. 2001

119.419
120.000
spostamenti pendolari per lavoro e studio in

100.000

80.000
entrata a Roma

60.000

40.000

20.000 13.709
8.989 7.890 6.505 6.210

-
Guidonia Ciampino Fiumicino Tivoli Monterotondo Altri 115 comuni
hinterland

Graf.41-I flussi di mobilità per lavoro e studio diretti dai comuni di hinterland verso Roma. Nel
2001 si attenua il pendolarismo per motivi di studio ma si incrementa notevolmente (+22%)il
pendolarismo lavorativo ormai di gran lunga prevalente . 2001

S tudio; 21,8%

Lavoro; 78,2%

Sezione 1 \ pag. 109


Graf.42- I flussi di mobilità per lavoro e studio tra Roma e i comuni di hinterland provinciale. Gli
spostamenti in uscita da Roma diretti verso i comuni di maggiore dimensione demografica. 2001

14.000
12.561
spostamenti pendolari per lavoro e studio
12.000
10.618

10.000
entrata a Roma

8.000 7.322

6.000

4.000 3.417
2.554
1.656
2.000

-
Fiumicino Pomezia Frascati Ciampino Guidonia Altri 115 comuni
hinterland

Tab.4 - Le nuove costruzioni accatastate nei macro ambiti


territoriali dell'area romana. 2006
Tipologie di destinazione Comune di Roma Comuni di hinterland
funzionale (2.705.603 ab.) ( 1.307.454 ab.)
Residenze 9.779 9.852
Uffici 338 357
Negozi 458 441
Centri commerciali 42 29
Capannoni 63 115
Industriali 20 74

Graf. 43- La distribuzione territoriale delle nuove costruzioni accatastate negli ambiti territoriali
dell'area romana. L'evidente riequilibrio insediativo, non solo residenziale, verso l'hinterland
nelle tendenze degli indicatori di urbanizzazione .2006

50,2%
Residenze 49,8%

51,4%
Uffici 48,6%

49,1%
Negozi 50,9%

40,8%
Centri commerciali 59,2%

64,6%
Capannoni 35,4%

78,7%
Industriali 21,3%

0 10 20 30 40 50 60 70 80

incidenza territoriale nuove costruzioni accatastate, %

Comune di Roma Comuni di hinterland

Sezione 1 \ pag. 110


Graf. 44- Nuove costruzioni nei macro ambiti territoriali dell'area romana: le
abitazioni accatastate. Nell'insieme dei comuni di hinterland sono state accatastate
un numero di nuove abitazioni lievemente superiore a quello di Roma . 2006

9.852 (75 nuove


9.779 (36 nuove abitazioni ogni
10.000
abitazioni ogni 10.000 residenti)
9.500 10.000 residenti)
nuove abitazioni accatastate

9.000

8.500

8.000

7.500

7.000

6.500

6.000

5.500

5.000
Comune di Roma Comuni di hinterland (120)

Graf.45 - Le nuove costruzioni produttive accatastate negli ambiti dell'area romana in rapporto
agli abitanti. Relativizzando al numero dei residenti le varie tipologie edilizie produttive si
evidenziano ancora di più le tendenze di riequilibrio . 2006
3,4 x 10.000 residenti
2,7 x 10.000 residenti

3,5
nuove costruzioni produttive accatastate per 10.000

3,0
1,7 x 10.000 residenti

2,5
1,2 x 10.000 residenti

2,0
residenti

0,9 x 10.000 residenti

0,6 x 10.000 residenti


0,2 x 10.000 residenti
0,2 x 10.000 residenti

0,1 x 10.000 residenti


0,2 x 10.000 residenti

1,5

1,0

0,5

-
Uffici Negozi Centri commerciali Capannoni Industriali

Comune di Roma Comuni di hinterland (120)

Sezione 1 \ pag. 111


1.3 Articolazione municipale

Considerando le dinamiche demografiche 1981/200713 nei 19 municipi di decentramento ammi-


nistrativo esistenti nel Comune di Roma (nei dati dell’archivio anagrafico che ancora risulta
non “allineato” con i dati del bilancio demografico annuale condotto dall’Istat14) si può osser-
vare come la tendenza cittadina al declino ed allo stallo demografico non sia del tutto genera-
lizzata. Infatti, nell’arco negli ultimi 25 anni, un gruppo di cinque municipi ha mantenuto un
trend incrementale di popolazione, si tratta del XII = +72.214 residenti (+74,5%), dell’ VIII =
+69.422 (+47,9%), del XIII = +52.377 (+33%), del V = +19.529 (+12,2%) e del XX =
+13.728 (+10,4%). Occorre tuttavia notare come la pattuglia dei municipi in incremento demo-
grafico tenda continuamente ad assottigliarsi (sino al 1995 erano sette) e che tra di essi alcuni,
nelle recenti tendenze annuali, presentino rispettivamente o dei saldi demografici declinanti (è il
caso del V municipio) o tendenti alla stagnazione (è il caso del XX municipio). Infatti, se si ana-
lizzano comparativamente i tassi tendenziali di variazione nella media annuale, distintamente
nei periodi 1981-1991, 1992-2001 e 2002-2007 si osserva negli anni recenti tanto una decelera-
zione del tasso di variazione incrementale in quasi tutti i municipi che attualmente si trovano
ancora nella fase dello sviluppo quanto una accelerazione della dinamica decrementale in tutte
quelle partizioni che sono entrate nel ciclo del declino più recentemente. All’opposto si rileva
un rallentamento del trend decrementale in tutti quei municipi che si trovano nella situazione di
declino da lungo tempo -quest’ultima tendenza è molto evidente nelle aree territorialmente
“centrali” ed “intermedie”- andamento che nel solo caso del I municipio evidenzia anche una
modesta inversione di direzione del tasso di dinamica che ritorna positivo (+0,3% in media an-
nua nel periodo 2002-2007).
Una situazione di stallo, preludio ad un probabile ciclo di declino, si osserva infatti nel X muni-
cipio che dal 1997 è entrato in una fase decrementale perdendo 1.055 residenti sino a tutto il
2007 (-0,6%). Nei restanti 13 municipi si è invece registrato un deciso decremento che ha toc-
cato il valore minimo del -4,3%, del -4,82% e del -4,8% rispettivamente nel XVIII municipio,
nel IV municipio e nel XIX municipio ed il valore massimo del -31,1%, del -30,7%, del -30%,
del -29,2%, del -22,7%, del -22,3% e del -19,4% in gruppo di ben 7 municipi di cui 4 localizza-
ti nella “città storica” e tre nella “città consolidata” (nell' ordine, il XVII, il III, il IX, il VI, il I,
il II ed il XVI).
Il declino residenziale che si è verificato nel periodo ha anche generato un consistente allegge-
rimento del carico demografico e conseguentemente una riduzione del livello di congestione re-
sidenziale in un gran numero di partizioni ad elevata urbanizzazione. Esemplare il caso di due
tra i municipi, il VI ed il IX, (partizioni contigue nella popolosa area intermedia del sud-ovest
urbano) che nel 1981 vantavano il record di massima densità demografica relativa contando ri-
spettivamente ben 222 e 225 abitanti per ettaro di superficie, densità che nel 2007 si è ridotta a
157 residenti per ettaro nel VI municipio (-65 abitanti) ed a 158 residenti per ettaro nell’ IX
municipio (-67 abitanti). Nel 2007 soltanto tre municipi, il IX, il VI ed il XVII (128) superano
la soglia dei 100 residenti per ettaro, mentre nel 1981 si trovavano in questa situazione ben sei
municipi, il I (113), il II (116), il III (132), il VI (222), il IX (225) ed il XVII (184). Le uniche
partizioni amministrative in cui si osserva, come conseguenza dello sviluppo urbanistico inter-
venuto dopo il 1981, un modesto incremento della densità residenziale sono il V municipio (37
residenti per ettaro nel 2007, 33 residenti nel 1981), l’VIII (19 residenti per ettaro nel 2007, 13
residenti nel 1981), il XII (9 residenti per ettaro nel 2007, 5 residenti nel 1981), il XIII (14 re-
sidenti per ettaro nel 2007, 10 residenti nel 1981) ed il XX (8 residenti per ettaro nel 2007, 7 re-
sidenti nel 1981), tutte partizioni “esterne” con ampie risorse territoriali non urbanizzate.

13
Il 1981 è stato scelto come anno di riferimento per la valutazione delle dinamiche di lungo periodo in quanto anno
censuario “border line” tra la fase di massimo sviluppo e quella di declino demografico della città.
14
Il disallineamento di stock tra la popolazione iscritta in anagrafe (2.838.047) e la popolazione residente
(2.718.768), quest’ultima risultante anche in base al ricalcolo effettuato dall’Istat nel 2006 , dopo la conclusione del-
la I^ fase di revisione dell’anagrafe comunale, è pari a 119.279 residenti. Nella analisi demografica relativa alle di-
namiche e alla struttura della popolazione dei 19 municipi di decentramento amministrativo, in assenza di fonti alter-
native, è stata utilizzata la fonte anagrafica.

Sezione 1 \ pag. 112


Analogamente, anche il carico insediativo delle famiglie 15si è ridotto in ben 12 municipi, con-
trazione non esattamente speculare a quella della popolazione in quanto la dimensione delle
famiglie, come si vedrà e per ragioni diverse, è significativamente differenziata nelle varie parti-
zioni territoriali. In soli dieci anni, dal 1993 al 2004 si è infatti ridotto il numero delle famiglie
residenti nei municipi I (-4,4%), IX (-4,1%), III (-3,1%), II (-3%), IV (-2,9), VI (-2,9), VII
(-1,9%), XVI (-1,9%), XVII (-1,7%), X (-0,7%), XVIII (-0,5%) e XIX (-0,3%). All’opposto il
numero delle famiglie risulta in incremento in sette municipi: l’ XI (+0,7%), il XV (+0,7%),
l’VIII (+1,1%), il XIII (+2,4%), il XX (+2,7%), il V (+3%) ed il XII (+5,4%).
Il numero dei componenti per nucleo familiare, si presenta abbastanza differenziato nei diversi
municipi variando dal valore minimo di 1,9 membri nelle partizioni centrali, al valore mediano
di 2,2 componenti nei municipi della città consolidata sino ai 2,3 componenti nei municipi della
città della trasformazione. La composizione media delle famiglie riverbera nella diversità di-
mensionale tanto una condizione strutturale (famiglie minime = famiglie residuali in ciclo decli-
nante/ famiglie grandi = famiglie in formazione e/o mature) quanto una condizione culturale
(famiglie minime = comportamenti di denatalità e/o modelli familiari urbani a due sole genera-
zioni, atomizzazione compresa / famiglie grandi = comportamenti di natalità e/o modelli fami-
liari patriarcali plurigenerazionali). La popolazione stanziata in tutti i municipi della città storica
(I,II, III e XVII) risulta decisamente connotata dalla presenza maggioritaria di famiglie a struttu-
ra monopersonale. Nei municipi centrali l’incidenza delle famiglie formata da un solo compo-
nente risulta costantemente superiore al 50%, toccando, nel caso del I municipio, il valore mas-
simo del 61,7% .
L’analisi della struttura d’età della popolazione romana condotta nel dettaglio degli ambiti am-
ministrativi municipali mostra l’estrema diversificazione territoriale delle tendenze di declino
naturale già osservate a livello più generale nella città. L’incremento del peso relativo degli an-
ziani ultrasessantacinquenni (dal 12,1% del 1981 al 21,1%) e, tra di loro, degli ultra-ottuagenari
(il 27% nel 2007), la diminuzione dell’incidenza di bambini e ragazzi sino a 14 anni( dal 19,5%
del 1981 al 12,9%), la tendenza all’invecchiamento della stessa popolazione in età lavorativa
(119 persone appartenenti alla classe di età 40-64 anni ogni 100 persone appartenenti alla classe
di età 15-39 anni), la diminuzione del peso relativo delle donne in età fertile (pari al 45,2% tra la
popolazione femminile nel 2007), sono infatti fenomeni che si manifestano con varia intensità
nei diversi municipi.
Gli anziani (65 anni e oltre) nel 2007 arrivano a costituire più del 20% della popolazione in ben
quattordici municipi (erano appena tre nel 1981), distribuendosi tra un tasso minimo del 14,8%
ed un massimo del 26,6%. Tra i municipi connotati da una presenza relativa di anziani elevata
(pari o superiore al 20%) quattro si situano nell’area centrale (XVII, II,IV e I), altri sei in quella
intermedia della città (IX, XVI, VI, XVIII, XV e VII) , e ben quattro nell’area periferica (XI,
IV, XIX e X). Nell’ordine emergono il XVII municipio (26,6%), il IX (25,6%), il II (25,1%), il
III (24,9%), il VI (24,6%), il XVI (24,6%), l’ XI (24,1%), il I (22,5%), il IV (22,5%), il XVIII
(22,1%), il XV (21,6%), il XIX (20,9%), il X (20,9%) ed il VII (20,5%). In ogni caso nei restan-
ti cinque municipi il tasso della popolazione anziana nel 2006 supera abbondantemente il valo-
re minimo del 14% avvicinandosi sempre più al 15% (ancora nel 1981 in ben otto partizioni
territoriali si registrava una presenza relativa di anziani inferiore a questo valore).
Il tasso di presenza relativa di bambini e ragazzi sino ai 14 anni tra la popolazione residente pre-
senta una minore variabilità di quella della popolazione anziana e si distribuisce tra un minimo
del 9,4% ed un massimo del 15,5% in modo assai articolato nelle diverse partizioni amministra-
tive e si consideri, a questo riguardo, come ancora nel 1981 in ben 10 municipi si rilevasse una
presenza relativa di bambini e ragazzi superiore al 20%. L’VIII municipio detiene tuttora il pri-
mato del territorio a più elevata presenza relativa di ragazzi (15,5%) seguito dal XIII (15,1%) e
dal XII (14,9%). I municipi I e XVII , con una presenza relativa di bambini e ragazzi pari ri-
spettivamente al 9,4% ed al 10,3% si collocano invece all’estremo opposto della scala.
Nel 2007 l’indice di vecchiaia, efficace indicatore sintetico della struttura d’età, segnala più di
200 anziani ogni 100 bambini e ragazzi sino a 14 anni in ben 8 municipi: il XVII (260 anziani

15
I dati municipali relativi alle famiglie si riferiscono all’anno 2004 in quanto l’Ufficio di statistica da allora non
pubblica più le tradizionali tabelle ritenendo la fonte anagrafica “viziata” da comportamenti non trasparenti dei cit-
tadini in tema di “status” familiare.

Sezione 1 \ pag. 113


per 100 ragazzi), il I (238 anziani per 100 ragazzi), il III (235 anziani per 100 ragazzi), il IX
(232 anziani per 100 ragazzi), il VI (213 anziani per 100 ragazzi), il II (207 anziani per 100 ra-
gazzi), l’ XI (204 anziani per 100 ragazzi) ed il XVI ( 201 anziani per 100 ragazzi), mentre altri
tre municipi si stanno avvicinando rapidamente a questa medesima soglia, il IV (189 anziani
per 100 ragazzi), il XVIII (172 anziani per 100 ragazzi) ed il XV (169 anziani per 100 ragazzi)..
Nell’arco di poco più di un ventennio si rileva comunque come in tutti i municipi, con l’unica
eccezione dell’VIII, gli anziani abbiano comunque superato il numero dei ragazzi, andamento
che a sua volta innesca tra la popolazione una conseguente tendenza al declino naturale e demo-
grafico. Non a caso quelle stesse partizioni dove le misure dell’indice di vecchiaia registrano i
valori minimi cittadini, il municipio VIII (95 anziani per 100 ragazzi), il municipio XIII (114
anziani per 100 ragazzi), il municipio XII (119 anziani per 100 ragazzi) sono tutte posizionate
nel piccolo drappello dei municipi che risultano ancora in sviluppo demografico.
La dinamica dell’invecchiamento della popolazione, decifrata dalle misure dell’indice di vec-
chiaia, si rivela molto intensa tra il 1981 ed il 2007 nella gran parte dei municipi localizzati nel-
le aree urbane intermedie (il XV municipio, ad esempio, dove la variazione dell’indice raggiun-
ge il +382%) nonché di quelli localizzati nelle aree esterne, mentre tende ad attenuarsi nei mu-
nicipi centrali (il I municipio, ad esempio, dove la variazione dell’indice è pari al +55%, sette
volte inferiore a quella massima). Il risultato è l’instaurarsi di una tendenza al riallineamento, su
valori elevati, del peso relativo della popolazione anziana nella generalità delle varie partizioni
amministrative.
Negli ultimi 26 anni non soltanto si sono verificati quei fenomeni di declino demografico, ali-
mentato come si è visto da fattori di decremento naturale e migratorio progressivo, ma si è an-
che prodotto un significativo riequilibrio dei pesi insediativi residenziali dalla città storica e dal-
la città consolidata verso le aree periferiche. Se si aggregano i municipi comunali in tre grandi
ambiti territoriali (centrale, intermedio, esterno) in relazione alla loro collocazione spaziale che,
a Roma in particolare, corrisponde approssimativamente anche alla stratificazione storica dei
processi di urbanizzazione (la città storica, la città consolidata, la città della trasformazione), l’
interpretazione delle tendenze demografiche risulta maggiormente decifrabile. In buona sostan-
za registrano incrementi quegli ambiti urbani che disponevano di risorse territoriali da destinare
ad ulteriori processi di urbanizzazione ("pianificata" o "spontanea" che fosse) a cui si sono as-
sociati, di pari passo, fenomeni di popolamento (per prevalente "migrazione" interna di famiglie
di nuova formazione) causati sia dagli squilibri del mercato abitativo quanto dalle trasforma-
zioni di destinazione d'uso in corso nello stock residenziale delle circoscrizioni delle aree
centrali e di quelle intermedie consolidate, trasformazioni che tendono ad espellere residenti
redditualmente “deboli”. In altri termini si assiste anche sul territorio comunale ad un evidente
manifestazione di un modello insediativo residenziale che dà luogo ad un processo di
ridistribuzione interna della popolazione - corrispondente per alcuni versi a quella osservabile
sulla scala metropolitana verso i comuni di hinterland - per ragioni in gran parte riconducibili
alla valorizzazione fondiaria degli immobili situati nelle aree centrali e semi-centrali ed alla lo-
ro conseguente inaccessibilità reddituale e patrimoniale, tanto in locazione quanto in compra-
vendita, per una parte discreta delle famiglie romane. Tra il 1981 ed il 2007 si osserva, infatti,
il massimo decremento relativo di popolazione (-25,6%, -128.285 residenti, nella media di
periodo poco meno di 5.000 ogni anno) nell’insieme delle aree urbane centrali, ambito urbano
della città storica ( municipi: I, II, III, e XVII), mentre in quelle dell’ area intermedia ( muni-
cipi: VI, VII, IX, XV, XVI e XVIII), ambito urbano della città consolidata, il decremento
relativo, pur consistente, risulta meno marcato (-19,3%, -191.503 residenti, circa 7.400 in
media annua). All’opposto le aree esterne (municipi: IV, V, VIII, X, XI, XII, XIII, XIX e XX),
l’ambito urbano della città della trasformazione, laddove con ogni evidenza si sono addensati i
processi di urbanizzazione dell’ultimo decennio, risultano in incremento insediativo (+13%,
+186.406 residenti, poco più di 7.100 in media annua), sia pure con un campo di variabilità, as-
soluto e relativo, limitato che non compensa certamente il declino di popolazione che si è mani-
festato complessivamente nelle aree centrali ed in quelle intermedie (-319.788 residenti). Oltre-
tutto occorre precisare che anche in questo ambito urbano negli ultimi sei anni si è osservato un
evidente segnale di rallentamento del tasso di sviluppo. Il risultato di questa consistente
ridistribuzione della popolazione, combinata con i fattori di declino naturale e migratorio della
città, ha ovviamente mutato il carico demografico residenziale nei tre grandi ambiti territoriali:
Sezione 1 \ pag. 114
demografico residenziale nei tre grandi ambiti territoriali: alla fine del periodo nelle aree centra-
li risultavano stanziati il 13,4% dei residenti romani (contro il 17,2% del 1981, -3,8 punti per-
centuali nel peso insediativo cittadino), in quelle intermedie il 28,7% (contro il 35,2% del 1981,
-6,5 punti percentuali nel peso insediativo cittadino) ed infine in quelle esterne il 57,9% (contro
il 48,9%, +9 punti percentuali nel peso insediativo cittadino)16. Tuttavia, la lettura fine della va-
riazione media annua degli anni più recenti (2001-2007) segnala un rallentamento di queste ten-
denze sia nelle aree centrali, dove la variazione decrementale media annua dei residenti si affie-
volisce di 1,6 punti percentuali relativamente al decennio 1981-1991 (da -1,8 a -0,2%) , sia
nelle aree esterne dove, all’opposto, la tendenza incrementale media annua si attenua discreta-
mente ( da +0,8 nel decennio ’81-’91 a +0,2% tra il 2001 ed il 2007).
Conseguentemente al diverso carico insediativo dei vari ambiti urbani mutano anche i valori di
densità territoriale relativa. La variazione decrementale maggiormente consistente si osserva
nell’area centrale dove, nel 1981 si contavano 127 residenti per ettaro mentre nel 2007 il carico
per ettaro scende sotto i 100 abitanti (96). Nelle aree intermedie il carico demografico per ettaro
declina da 40 a 32 abitanti, mentre nelle aree esterne si contano, nonostante il notevole incre-
mento demografico appena 16 residenti per ettaro (contro i 14 del 1981).
Il profilo tendenziale della età della popolazione muta considerevolmente nel periodo considera-
to imboccando decisamente il percorso dell’ invecchiamento generalizzato, fattore che alimenta
sempre più, come si è visto, il declino naturale. Interessante il rapporto che si è stabilito tra le
due classi estreme, quella degli anziani (65 anni e oltre) e quella dei bambini e ragazzi (0-14 an-
ni) che nell’arco degli ultimi 26 anni si sono quasi scambiati i relativi pesi percentuali nel rap-
porto di composizione della popolazione. Nel 1981 gli anziani costituivano il 12,1% tra i roma-
ni, nel 2007 il loro peso è salito di ben 9 punti percentuali (21,1%) mentre i ragazzi che nel
1981 rappresentavano il 19,5% della popolazione, nel 2007 declinano la loro presenza relativa
sino al 12,9% (- 8,2 punti percentuali). In termini assoluti e considerato anche il generale de-
cremento della popolazione romana si tratta di consistenti ordini di grandezza: in città si contano
ben 210.205 bambini e ragazzi in meno (erano 576.650 nel 1981, sono 366.445 nel 2007) e
242.187 anziani in più, di quanti non ce ne fossero nel 1981 (erano 355.428 nel 1981, sono
597.615 nel 2007). Il fenomeno è ragguardevole e impone profonde e flessibili rimodulazioni
delle politiche, dei programmi, delle risorse finanziarie da impiegare e delle tipologie dei servizi
che sostanziano il welfare locale. L’indice di vecchiaia che nel 1981 segnalava un rapporto di
appena 62 anziani per 100 bambini e ragazzi, nel 2007 si eleva mediamente nella città sino a
163 anziani per 100 bambini e ragazzi.
Ma l’invecchiamento della popolazione non si presenta in modo uniforme nei vari ambiti urbani
manifestando, in simmetria con l’andamento spaziale dei processi di urbanizzazione, una paral-
lela tendenza di tipo “radiale”, che procede, sempre più intensamente nel tempo, come una onda
di marea montante che parte dalle aree centrali, attraversa le aree intermedie della città consoli-
data e raggiunge ormai, sia pure con minore incidenza, le aree esterne. I bambini e i ragazzi (0-
14 anni) che nel 1981 costituivano, il 13,7%, il 19,6% ed il 21,5% della popolazione rispettiva-
mente, nelle aree centrali, in quelle intermedie ed in quelle esterne, nel 2007, nelle stesse aree,
declinano il loro peso relativo sino al 10,6% (nelle aree centrali), al 12,3% (nelle aree interme-
die) ed al 13,7% (nelle aree esterne). Le variazioni di peso relativo più vistose di periodo si veri-
ficano paradossalmente proprio nelle aree intermedie ed in quelle esterne (rispettivamente -7,3 e
-7,8 punti percentuali). Lo stesso andamento tendenziale si verifica anche all’estremo opposto
dei segmenti di età della popolazione. Gli anziani che nel 1981 rappresentavano il 20,6% degli
abitanti delle aree centrali, l’11,7% degli abitanti delle aree intermedie ed il 9,4% degli abitanti
delle aree esterne, negli anni recenti, pur nel generalizzato incremento del loro peso strutturale,
tendono anch’essi ad allinearsi nel peso relativo sulla popolazione anche se con una dinamica
più attenuata di quanto non si sia verificato per il raggruppamento dei minori (0-14 anni). Infat-
ti, nel 2007 gli anziani rappresentano il 24,5% dei residenti nelle aree centrali (+3,9 punti per-
centuali ), il 23,1% dei residenti nelle aree intermedie (+11,4 punti percentuali) ed il 19,4% dei
residenti nelle aree esterne (+10 punti percentuali). Nelle aree intermedie ed in quelle esterne si
16
L’incidenza dei pesi distributivi cittadini della popolazione residente nei tre macro ambiti urbani presi in conside-
razione, non essendo possibile operare altrimenti, è stata calcolata su una base della popolazione di riferimento al
netto dei residenti non localizzati in anagrafe (2.838.047-48.565 = 2.789.482)

Sezione 1 \ pag. 115


manifesta quindi una dinamica di invecchiamento della popolazione più che doppia relativa-
mente a quella osservabile nelle aree centrali. Le tendenze di allineamento nel processo di in-
vecchiamento generalizzato della popolazione cittadina, visibili anche nelle aree esterne, segna-
lano indirettamente l’inizio di una fase di rallentamento dell’insediamento territoriale di fami-
glie giovani e/o di nuova formazione nelle aree di nuova urbanizzazione.
Anche l’indice di vecchiaia relativo ad ognuno dei tre ambiti conferma, nelle misure tipiche di
questo sensibile indicatore, le valutazioni già esposte. Nelle aree centrali l’indice rilevava nel
1981, 150 anziani ogni 100 ragazzi, nelle aree intermedie 60 anziani ogni 100 ragazzi ed in
quelle esterne appena 43 anziani ogni 100 ragazzi. Ebbene, nel 2007, in tutti i grandi ambiti ur-
bani si computano ormai più di 100 anziani ogni 100 ragazzi (230 nelle aree centrali, 188 nelle
aree intermedie e 141 nelle aree esterne) segnale inequivocabile dell’ingresso generalizzato di
tutti le parti della città nel ciclo dell’invecchiamento e del conseguente declino naturale.
Una analisi più fine della struttura d’età della popolazione romana con una particolare attenzio-
ne alla valutazione della potenzialità endogena di ricambio generazionale della popolazione in
età attiva rivela ulteriori segnali allarmanti per i futuri fabbisogni del mercato del lavoro locale
in cui, al momento, la consistente presenza di cittadini romani appartenenti alla generazione del
baby-boom degli anni 70 assicura ancora linfa vitale. Rapportando infatti i bambini, i ragazzi ed
i giovani sino ai 19 anni di età agli appartenenti alla classe successiva di medesimo intervallo
temporale (giovani ed adulti in età compresa tra i 20 ed i 39 anni) si intravede nella città ed in
tutti i suoi ambiti uno scenario di progressiva e crescente incapacità di ricambio generazionale.
Nella città si contano infatti in media 67 bambini, ragazzi e giovani sino a 19 anni per 100 gio-
vani e adulti in età compresa tra 20 e 39 anni. La situazione nei grandi ambiti urbani si presenta
comunque differenziata: nella città storica la presenza di bambini, ragazzi e giovani risulta pari
a 59 per 100 adulti (20-39 anni) mentre nella città delle periferie e dei suburbi il ricambio gene-
razionale, pur critico, presenta qualche chance in più (69 bambini, ragazzi e giovani per 100 a-
dulti in età compresa tra 20 e 39 anni). Un medesimo andamento si osserva all’interno della
classe di età statisticamente considerata come popolazione attiva (15-64 anni). Infatti suddivi-
dendo in due raggruppamenti di medesima ampiezza la popolazione appartenente a questa clas-
se di età nei 3 macro ambiti urbani e ponendo in rapporto il gruppo più maturo (40-64 anni)
con quello più giovane (15-39 anni) mediante un apposito indicatore (residenti in età lavorativa
di 40-64 anni per 100 residenti in età lavorativa di 15-39 anni) si evidenzia in tutti gli ambiti ter-
ritoriali una impossibilità di ricambio generazionale tra i residenti in condizione attiva.
All’estremo di questa difficoltà demografica si situa l’ambito della città storica dove
l’indicatore specifico di vecchia della popolazione attiva rileva mediamente 132 residenti in età
compresa tra 40 e 64 anni ogni 100 residenti in età compresa tra 15 e 39 anni, mentre
nell’ambito della città della trasformazione il medesimo indicatore segnala 116 residenti in età
compresa tra 15 e 39 anni ogni 100 residenti 15-39 anni (con l’unica eccezione interna a questo
ambito dell’VIII municipio che con 95 residenti in età compresa tra 40 e 64 anni ogni 100 resi-
denti in età compresa tra 15 e 39 anni è l’unico territorio amministrativo della città in cui sussi-
ste ancora una possibilità di ricambio generazionale tra le persone in età attiva).
E’ possibile infine valutare ulteriormente il livello di criticità sociale nell’ invecchiamento della
popolazione nei vari ambiti urbani comparando le relative incidenze (tra i residenti in età com-
presa tra i 65 anni e oltre) di un segmento di età, quello compreso tra gli 80 anni e oltre, partico-
larmente significativo per stimare la dimensione del grado di benessere-malessere-dipendenza
della popolazione anziana insediata nei vari ambiti. Nel 2007 gli anziani ultraottuagenari rap-
presentano ben il 33,8% dell’intero universo degli anziani (65 anni e oltre) residenti nella città
storica, il 27,4% degli anziani residenti nella città consolidata ed il 24,8% degli anziani residen-
ti nella città periferica e suburbana.

Sezione 1 \ pag. 116


Tab. 5 - Dinamiche della popolazione residente nei municipi di Roma secondo le risultanze anagrafiche . 1981, 2007
Popolazione residente
Municipi (*)
Anni Dinamiche di variazione demografica
Residenti Media annua tasso di variazione
Ambiti per ha periodo
Superficie 1981 1991 2001 2007 1981-2007
territoriali N. '81-'91 '91-2001 2001-2007
urbani 1981 2007
ha % V.A. V.A. V.A. V.A. V.A. % % % %
C-1 1 1.430,1 1,1 113 87 161.678 131.502 122.619 124.968 -36.710 -22,7 -1,9 -0,7 +0,3
C-2 2 1.367,2 1,1 116 90 158.720 133.563 124.498 123.261 -35.459 -22,3 -1,6 -0,7 -0,2
C-3 3 591,0 0,5 132 92 78.070 62.775 56.682 54.084 -23.986 -30,7 -2,0 -1,0 -0,8
E-4 4 9.781,8 7,6 21 20 209.366 214.553 203.854 199.399 -9.967 -4,8 +0,2 -0,5 -0,4
E-5 5 4.915,2 3,8 33 37 160.106 176.775 186.332 179.635 +19.529 +12,2 +1,0 +0,5 -0,6
I-6 6 791,6 0,6 222 157 175.720 145.884 131.375 124.401 -51.319 -29,2 -1,7 -1,0 -0,9
I-7 7 1.906,0 1,5 77 64 146.532 134.091 126.359 121.464 -25.068 -17,1 -0,8 -0,6 -0,6
E-8 8 11.335,5 8,8 13 19 144.974 187.933 198.899 214.396 +69.422 +47,9 +3 +0,6 +1,3
I-9 9 807,0 0,6 225 158 181.788 149.478 133.092 127.324 -54.464 -30,0 -1,8 -1,1 -0,7
E-10 10 3.868,0 3,0 47 47 181.868 182.859 181.692 180.813 -1.055 -0,6 +0,1 -0,1 -0,1
E-11 11 4.729,2 3,7 33 29 157.391 145.252 139.935 136.588 -20.803 -13,2 -0,8 -0,4 -0,4
E-12 12 18.317,1 14,3 5 9 96.936 142.219 162.573 169.150 +72.214 +74,5 +4,7 +1,4 +0,7
E-13 13 15.064,3 11,7 10 14 157.443 178.187 195.021 209.820 +52.377 +33,3 +1,3 +0,9 +1,3
I-15 15 7.087,5 5,5 24 21 170.689 161.269 154.854 150.233 -20.456 -12,0 -0,6 -0,4 -0,5
I-16 16 7.312,5 5,7 24 19 175.627 158.663 146.858 141.503 -34.124 -19,4 -1,0 -0,7 -0,6
C-17 17 560,9 0,4 184 127 103.407 82.528 75.206 71.277 -32.130 -31,1 -2,0 -0,9 -0,9
I-18 18 6.867,0 5,3 21 20 141.110 136.864 135.438 135.038 -6.072 -4,3 -0,3 -0,1 -0,05
E-19 19 13.128,3 10,2 14 14 189.596 180.157 179.030 180.557 -9.039 -4,8 -0,5 -0,1 +0,1
E-20 20 18.670,5 14,5 7 8 131.843 139.707 146.943 145.571 +13.728 +10,4 0,6 +0,5 -0,2
residenti non localizzati 23.084 10.709 13.684 48.565
ROMA (senza XIV) 128.530,6 100 23 22 2.945.948 2.854.968 2.814.944 2.838.047 -107.901 -4,1 -0,3 -0,1 +0,1
C= Municipi centrali - "la città storica"; I = Municipi intermedi - "la città consolidata"; E = Municipi esterni - "la città della trasformazione"
(*) : Esclusa la XIV Circoscrizione (dal 1992, Comune di Fiumicino)

Sezione 1 \ pag. 117


Graf.46-La popolazione residente nei 19 municipi di decentramento romano nei dati
dell'anagrafe. Ben 17 municipi si collocherebbero per dimensione demografica tra i primi 33
comuni nazionali. 2007

C-3 54.084

C-17 71.277

I-7 121.464

C-2 123.261

I-6 124.401

C-1 124.968

I-9 127.324

I-18 135.038

E-11 136.588

I-16 141.503

E-20 145.571

I-15 150.233

E-12 169.150

E-5 179.635

E-19 180.557

E-10 180.813

E-4 199.399

E-13 209.820

E-8 214.396

- 50.000 100.000 150.000 200.000 250.000


residenti

Graf.47 - Le dinamiche di periodo dei residenti nei municipi romani. Ben 14


municipi, prevalentemente centrali e intermedi, si situano stabilmente nell'area del
declino, mentre 5, tutti esterni, permangono nello sviluppo residenziale . '81-2007

C-17 -31,1%

C-3 -30,7%

I-9 -30%

I-6 -29,2%

C-1 -22,7%

C-2 -22,3%

I-16 -19,4%

I-7 -17,1%

E-11 -13,2%
municipi

I-15 -12%

E-19 -4,8%

E-4 -4,8%

I-18 -4,3%

E-10 -0,6%

E-20 +10,4%

E-5 +12,2%

E-13 +33,3%

E-8 +47,9%

E-12 +74,5%

-40 -20 0 20 40 60 80
dinamiche di periodo popolazione residente nel tasso di variazione, %

Sezione 1 \ pag. 118


Graf.48- Le dinamiche medie annue di periodo della popolazione residente nei quattro
municipi della "città storica". Negli anni 2000 si attenua notevolmente l'intensità del
declino demografico. Il I municipio inverte la tendenza . '81-2007

-0,9%

C-17 -0,9%
-2%

-0,8%
C-3 -1%
-2%
municipi

-0,2%
C-2 -0,7%
-1,6%

+0,3%
C-1 -0,7%
-1,9%

-2,5 -2,0 -1,5 -1,0 -0,5 0,0 0,5


tasso di variazione medio annuo di periodo, %

'81-'91 '91-2001 2001-2007

Graf.49- Le dinamiche medie annue di periodo dei residenti nei sei municipi intermedi
della "città consolidata". Negli anni 2000 il declino demografico tende ad affievolirsi
anche se con dinamiche diverse nei cari municipi. '81-2007

-0,05%
I-18 -0,1%
-0,3%

-0,6%
I-16 -0,7%
-1%

-0,5%
I-15 -0,4%
-0,6%
municipi

-0,7%
I-9 -1,1%
-1,8%

-0,65%
I-7 -0,6%
-0,8%

-0,9%
I-6 -1%
-1,7%

-1,8 -1,6 -1,4 -1,2 -1,0 -0,8 -0,6 -0,4 -0,2 0,0
tasso di variazione medio annuo di periodo, %

'81-'91 '91-2001 2001-2007

Sezione 1 \ pag. 119


Graf.50-Le dinamiche medie annue di periodo dei residenti nei municipi esterni della
"città della trasformazione".Negli anni 2000 la fase di sviluppo demografico tende ad
arrestarsi e/o a rallentare ed in diversi municipi anche a declinare .'81-2007

-0,2 +0,5%
E-20
+0,6%
+0,1%
E-19 -0,1%
-0,5%
+1,3%
E-13 +0,9%
+1,3%

+0,7%
E-12 +1,4%
+4,7%
-0,4%
municipi

E-11 -0,4%
-0,8%
-0,1%
E-10 -0,1%
+0,1%
+1,3%
E-8 +0,6%
+3%

-0,6
E-5 +0,5%
+1%
-0,4%
E-4 -0,5% +0,2%

-1 0 1 2 3 4 5
tasso di variazione medio annuo di periodo, %
'81-'91 '91-2001 2001-2007

Graf.51 - La densità demografica nei municipi: residenti per ha. Per effetto del declino e della
ridistribuzion territoriale soltanto 3 tra i municipi superano i 100 residenti per ha (nel 1981 i
municipi che superavano questa soglia erano ben 6) . 2007

160 158 157

140
127
120

100
residenti per ha.

92 90 87
80

64
60
47
40 37
29
21 20 20 19 19
20
14 14
9 8
0
I-9 I-6 C-17 C-3 C-2 C-1 I-7 E-10 E-5 E-11 I-15 E-4 I-18 I-16 E-8 E-13 E-19 E-12 E-20

Sezione 1 \ pag. 120


Mappa 1 - Il profilo insediativo nei municipi comunali - Declino e sviluppo demografico - Il tasso di va-
riazione 1981-2007

sviluppo elevato
sviluppo
stagnazione
declino
declino elevato
max = +74,5% mun.XII - min. = -31,1%
mun. XVII

Sezione 1 \ pag. 121


Tab. 6 - Dinamiche della struttura d'età nei municipi di decentramento amministrativo di Roma, per grandi classi. 1981-
2007
0-14 anni 15-64 anni
Ambiti territoriali

Variazioni peso

Variazioni peso
Municipi

% '81-2007

% '81-2007
urbani

1981 2007 1981 2007

V.a. % V.a. % V.a. % V.a. %


C-1 1 20.865 12,9 11.796 9,4 -3,5 108.685 67,2 85.040 68,0 0,8
C-2 2 21.775 13,7 14.920 12,1 -1,6 103.477 65,2 77.443 62,8 -2,4
C-3 3 11.236 14,4 5.734 10,6 -3,8 50.828 65,1 34.885 64,5 -0,6
E-4 4 42.978 20,5 23.835 12,0 -8,6 144.089 68,8 130.610 65,5 -3,3
E-5 5 36.615 22,9 23.017 12,8 -10,1 110.824 69,2 122.486 68,2 -1,0
I-6 6 34.240 19,5 14.258 11,5 -8,0 122.052 69,5 79.765 64,1 -5,3
I-7 7 30.855 21,1 16.115 13,3 -7,8 101.991 69,6 80.418 66,2 -3,4
E-8 8 36.936 25,5 33.284 15,5 -10,0 99.233 68,4 149.333 69,7 1,2
I-9 9 29.602 16,3 14.050 11,0 -5,2 120.397 66,2 80.626 63,3 -2,9
E-10 10 38.563 21,2 23.569 13,0 -8,2 126.075 69,3 119.482 66,1 -3,2
E-11 11 28.312 18,0 16.164 11,8 -6,2 108.307 68,8 87.516 64,1 -4,7
E-12 12 20.818 21,5 25.125 14,9 -6,6 68.933 71,1 114.224 67,5 -3,6
E-13 13 38.373 24,4 31.610 15,1 -9,3 107.322 68,2 142.111 67,7 -0,4
I-15 15 39.643 23,2 19.214 12,8 -10,4 117.170 68,6 98.609 65,6 -3,0
I-16 16 32.430 18,5 17.262 12,2 -6,3 121.514 69,2 89.462 63,2 -6,0
C-17 17 14.737 14,3 7.306 10,3 -4,0 67.094 64,9 45.002 63,1 -1,7
I-18 18 28.043 19,9 17.307 12,8 -7,1 97.410 69,0 87.921 65,1 -3,9
E-19 19 38.028 20,1 24.727 13,7 -6,4 130.799 69,0 118.010 65,4 -3,6
E-20 20 27.385 20,8 20.296 13,9 -6,8 92.015 69,8 96.967 66,6 -3,2
(*) 5.216 6.856 15.655 34.077
(**) ROMA 576.650 366.445 12,9 2.013.870 1.873.987 66,0

Tab. 6 (segue)- Dinamiche della struttura d'età nei municipi di decentramento amministrativo
di Roma, per grandi classi. 1981- 2007
Ambiti territoriali

64 anni e oltre
Indice di vecchiaia (***)
Variazioni pe-
so % '81-2007
Municipi
urbani

1981 2007

1981 2007
V.a. % V.a. %
C-1 1 32.128 19,9 28.132 22,5 2,6 154 238
C-2 2 33.468 21,1 30.898 25,1 4,0 154 207
C-3 3 16.006 20,5 13.465 24,9 4,4 143 235
E-4 4 22.299 10,7 44.954 22,5 11,9 52 189
E-5 5 12.667 7,9 34.132 19,0 11,1 35 148
I-6 6 19.428 11,1 30.378 24,4 13,4 57 213
I-7 7 13.686 9,3 24.931 20,5 11,2 44 155
E-8 8 8.805 6,1 31.779 14,8 8,7 24 95
I-9 9 31.789 17,5 32.648 25,6 8,2 107 232
E-10 10 17.230 9,5 37.762 20,9 11,4 45 160
E-11 11 20.772 13,2 32.908 24,1 10,9 73 204
E-12 12 7.185 7,4 29.801 17,6 10,2 35 119
E-13 13 11.748 7,5 36.099 17,2 9,7 31 114
I-15 15 13.876 8,1 32.410 21,6 13,4 35 169
I-16 16 21.683 12,3 34.779 24,6 12,2 67 201
C-17 17 21.576 20,9 18.969 26,6 5,7 146 260
I-18 18 15.657 11,1 29.810 22,1 11,0 56 172
E-19 19 20.769 11,0 37.820 20,9 10,0 55 153
E-20 20 12.443 9,4 28.308 19,4 10,0 45 139
(*) 2.213 7.632
(**) ROMA 355.428 597.615 21,1 163
(*) : residenti non localizzabili territorialmente ; '(**): Roma senza XIV Circoscrizione; '(**): indice di vecchiaia = popolazione
di 65 anni e oltre/popolazione fino a 14 anni*100
C= Municipi centrali - "la città storica"; I = Municipi intermedi - "la città consolidata"; E = Municipi esterni - "la città della trasformazione"

Sezione 1 \ pag. 122


Graf.52-I profili insediativi nei municipi di decentramento. La struttura d'età: la presenza relativa di bambini e
ragazzi sino a 14 anni. La rarefazione di bambini e ragazzi nei municipi centrali ed in quelli della città
consolidata. 2007 (%)

15,5%

15,1%

14,9 %
16

13,9%

13,7%

13,3%

12,8%

12,8%

12,8%
13%
14
incidenza minori residenti in età

12,2%

12,1%

11,8%
compresa tra 0 e 14 anni, %

12%

11,5%

10,6 %
11%
12

10,3%

9,4%
10

-
E-8 E-13 E-12 E-20 E-19 I-7 E-10 I-18 E-5 I-15 I-16 C-2 E-4 E-11 I-6 I-9 C-3 C-17 C-1
municipi

Graf.53 - profili insediativi dei municipi di decentramento. La struttura d'età: la presenza relativa di anziani di 65
anni e oltre. I municipi centrali e quelli intermedi si caratterizzano per una elevata presenza relativa di anziani.
2007 (%)
30
26,6%

25,6%

25,1%

24,9%

24,6%

24,4%
compresa tra i 65 anni e oltre, %

24,1%
incidenza anziani residenti in età

22,5%

22,5%

22,1%
25
21,6%

20,9%

20,9%

20,5%

19,4%

19%

17,6%

17,2%
20

14,8%
15

10

-
C-17 I-9 C-2 C-3 I-16 I-6 E-11 E-4 C-1 I-18 I-15 E-19 E-10 I-7 E-20 E-5 E-12 E-13 E-8
municipi

Graf.54- I profili insediativi dei municipi di decentramento. La struttura d'età: l'indice di vecchiaia. I municipi
della città storica e quelli della città consolidata sono decisamente avviati verso il declino naturale . 2007

300
anziani residenti (65 anni e oltre) per 100

260
250 238 235
minori residenti (0-14 anni)

232
213 207
204 201
200 189
172 169
160 155 153
150 148
139
119 114
100 95

50

0
C-17 C-1 C-3 I-9 I-6 C-2 E-11 I-16 E-4 I-18 I-15 E-10 I-7 E-19 E-5 E-20 E-12 E-13 E-8
municipi

Sezione 1 \ pag. 123


Graf.55-I profili insediativi dei municipi di decentramento. La struttura d'età: la presenza relativa di ultra-
ottuagenari tra gli anziani. Le criticità sociali per l'elevata presenza di ultraanziani si addensano nei municipi
centrali e intermedi . 2007
40
incidenza anziani 80 anni e oltre tra gli anzian

35,6%

34,7%

33,2%

32,5%
35

31,8%

29,8%

28,3%

27,7%

27,6%

27,3%
30

26,7%

26,3%

25,1%
di 65 anni e oltre,%

25%

22,9%

21,9%
25

21,7%

21,5%
22%
20

15

10

0
C-2 C-3 C-17 I-9 C-1 E-11 I-16 I-18 I-6 E-19 E-4 I-7 E-20 E-10 E-12 E-5 I-15 E-13 E-8
municipi

Graf.56-I profili insediativi dei municipi di decentramento.La struttura della popolazione in età lavorativa: l'indice
di vecchiaia specifico. In ben 18 municipi i residenti in età compresa tra i 40 e i 64 anni non saranno
integralmente sostituiti . 2007
140 139 138 135
131
residenti in età lavorativa 40-64 anni per 100

129 126 126 123 123 123 120 120 119


residenti in età lavorativa 15-39 anni

120 118 118 114 114 112

100
95

80

60

40

20

0
C-17 C-2 I-16 I-9 E-11 C-3 C-1 E-4 E-12 I-18 E-20 I-6 E-19 E-5 E-10 I-7 I-15 E-13 E-8
municipi

Graf.57-I profili insediativi dei municipi di decentramento. La struttura d'età: l'incidenza di donne in età feconda
tra la popolazione femminile. Nei municipi "esterni" si evidenzia il massimo potenziale femminile ai fini dello
viluppo naturale . 2007
60
51,4%
incidenza donne in età feconda (15-49 anni) sulla

48,4%

47,4%

46,8%

46,5%

46,3%

50
45,6%

44,9%

44,8%
45,5

43,5%

43,4%

43,1%

41,9%

41,7%

41,5%

41,5%

41,3%

40,9%
popolazione femminile, %

40

30

20

10

0
E-8 E-13 E-12 E-20 E-5 I-7 E-19 E-10 I-15 I-18 C-1 E-4 I-6 I-16 E-11 C-3 I-9 C-2 C-17
municipi

Sezione 1 \ pag. 124


Tab. 7 - La tipologia strutturale delle famiglie residenti nei municipi di Roma nelle risultanze anagrafiche. 2004

Municipi FAMIGLIE PER TIPOLOGIA STRUTTURALE

7 componenti e ol- Insieme


monocomponenti bicomponenti 3-4 componenti 5-6 componenti
Ambiti ter- tre famiglie
Componenti
ritoriali ur- N.
in media
bani
v.a. % v.a. % v.a. % v.a. % v.a. % v.a

C-1 1 41.053 61,7 12.068 18,1 11.801 17,7 1.476 2,2 147 0,2 66.545 1,8
C-2 2 34.478 53,1 13.702 21,1 14.991 23,1 1.682 2,6 122 0,2 64.975 1,9
C-3 3 15.092 52,6 6.088 21,2 6.615 23,1 786 2,7 106 0,4 28.687 1,9
E-4 4 35.652 38,7 23.368 25,4 29.538 32,1 3.265 3,5 214 0,2 92.037 2,2
E-5 5 27.777 35,0 19.490 24,6 28.637 36,1 3.146 4,0 224 0,3 79.274 2,3
I-6 6 24.161 40,4 15.293 25,6 18.209 30,5 1.995 3,3 130 0,2 59.788 2,2
I-7 7 19.068 35,5 13.477 25,1 18.797 35,0 2.228 4,1 185 0,3 53.755 2,3
E-8 8 24.334 29,6 19.175 23,3 33.507 40,7 4.821 5,9 464 0,6 82.301 2,5
I-9 9 29.375 45,8 15.828 24,7 17.232 26,8 1.621 2,5 150 0,2 64.206 2,0
E-10 10 26.805 34,4 19.677 25,3 28.089 36,1 3.036 3,9 248 0,3 77.855 2,3
E-11 11 30.093 44,8 16.247 24,2 19.054 28,3 1.714 2,6 104 0,2 67.212 2,1
E-12 12 25.448 35,4 16.939 23,5 26.182 36,4 3.128 4,3 234 0,3 71.931 2,3
E-13 13 30.662 35,1 20.680 23,7 31.458 36,0 4.135 4,7 375 0,4 87.310 2,4
I-15 15 25.458 37,4 16.877 24,8 23.050 33,9 2.435 3,6 172 0,3 67.992 2,3
I-16 16 28.867 42,8 16.503 24,5 20.068 29,7 1.916 2,8 141 0,2 67.495 2,1
C-17 17 19.758 52,0 8.477 22,3 8.787 23,1 947 2,5 61 0,2 38.030 1,9
I-18 18 24.480 40,8 14.025 23,4 19.102 31,9 2.179 3,6 168 0,3 59.954 2,3
E-19 19 32.492 40,1 18.704 23,1 26.478 32,6 3.175 3,9 250 0,3 81.099 2,2
E-20 20 29.764 43,1 15.440 22,4 21.025 30,4 2.650 3,8 192 0,3 69.071 2,2
(n.l. - *) 1.763 413 473 81 28 2.758

Roma 526.580 41,1 302.471 23,6 403.093 31,4 46.416 3,6 3.715 0,3 1.282.275 2,2

Graf.58 - La struttura delle famiglie nei municipi. Le famiglie monocomponenti. Nei


municipi della città storica le famiglie nucleari superano il 60%. 2004 (%)
65

61,7%
60
incidenza famiglie monopersonali, %

53,1%
52,6%
55 52%

50
45,8%
44,8%
43,1%
42,8%

45
40,8%
40,4%
40,1%
38,7%
37,4%

40
35,4%

35,5%
35,1%
34,4 %

35%

35
29,6%

30

25

20
E-8 E - 10 E-5 E - 13 E - 12 I- 7 I- 15 E-4 E - 19 I- 6 I- 18 I- 16 E-2 0 E - 11 I- 9 C - 17 C -3 C -2 C -1

Graf.59 - La struttura delle famiglie nei municipi. Il numero medio dei componenti. Nei
municipi della città storica il profilo morfologico delle famiglie rivela il massimo di
debolezza strutturale. 2004
3

2,5
media componenti famiglia

3
2,4 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,2 2,2 2,2 2,2 2,1
2,1 2,0
2 1,9 1,9 1,9 1,8

-
E-8 E - 13 E - 12 E - 10 E-5 I- 7 I- 18 I- 15 E - 19 E-4 E-2 0 I- 6 I- 16 E - 11 I- 9 C -3 C - 17 C -2 C -1

Sezione 1 \ pag. 125


Tab.8 - Dinamiche della popolazione residente nei macro-ambiti territoriali di Roma secondo le risultanze anagrafiche . 1981, 2007

Popolazione residente
Municipi Indicatori territoriali
Anni Dinamiche di variazione
Residenti per ha Media annua periodo
Ambiti territoriali Superficie 1981 1991 2001 2007 1981-2007 '81- '92- 2002-
N. '91 2001 2007
urbani 1981 2007
ha % V.A. V.A. V.A. V.A. V.A. % % % %

La città storica I,II.III, XVII 3.949,1 3,1 127 96 501.875 410.368 379.005 373.590 -128.285 -25,6 -1,8 -0,8 -0,2

La città consolidata VI,VII,IX,XV,XVI,XVIII 24.771,7 19,3 40 32 991.466 886.249 827.976 799.963 -191.503 -19,3 -1,1 -0,7 -0,6

La città della trasforma- IV, V, VIII, X, XI,


99.809,8 77,7 14 16 1.429.523 1.547.642 1.594.279 1.615.929 +13 +0,8 +0,3 +0,2
zione XII,XIII,XIX,XX +186.406

residenti non localizzabili 23.084 10.709 13.684 48.565

Sezione 1 \ pag. 126


Graf.60-Le dinamiche, negli ultimi 26 anni, della popolazione residente nei grandi ambiti urbani
secondo i dati anagrafici. La città storica e la città consolidata perdono abitanti. La città della
trasformazione accresce la popolazione residente .'81-2007
1.800.000

1.600.000 1.594.279 1.615.929


1.547.642
1.400.000 1.429.523

1.200.000
residenti

1.000.000 991.466
886.249
800.000 827.976 799.963

600.000
501.875
400.000 410.368 379.005 373.590

200.000

-
1981 1991 2001 2007

La città storica La città consolidata La città della trasformazione

Graf.61-Le dinamiche, negli ultimi 26 anni, della popolazione di Roma nei grandi ambiti urbani (
dati anagrafici). L' incremento di abitanti della città periferica non riequilibra il declino della città
storica e della citta consolidata . '81-2007.

+186.406
macro ambiti territoriali urban

La città della trasformazione

-191.503
La città consolidata

-128.285
La città storica

-200.000 -150.000 -100.000 -50.000 0 50.000 100.000 150.000 200.000

residenti

Graf.62- Le dinamiche degli abitanti nei grandi ambiti urbani. La variazione media annua. Negli
ultimi sei anni si attenua il declino della città storica e di quella consolidata ma si attenua anche
lo sviluppo della città della trasformazione .'81-2007.

+0,2%
macro ambiti territoriali urban

2002-2007
-0,6%
-0,2%

+0,3%
'92-2001 -0,7%
-0,8%

+0,8%
'81-'91
-1,1%
-1,8%

-2,0 -1,5 -1,0 -0,5 0,0 0,5 1,0

tasso di variazione demografica in media annua periodo, %

La città storica La città consolidata La città della trasformazione

Sezione 1 \ pag. 127


Tab.9 - Dinamiche della struttura d'eta della popolazione residente nei macro-ambiti territoriali di
Roma secondo le risultanze anagrafiche in alcuni indicatori. 1981, 2007

Municipi Indicatori di struttura d'età

Incidenza di bam- Incidenza di an-


Ambiti territoriali bini e ragazzi sino ziani - 65 anni e Indice di vecchiaia
N. a 14 anni % oltre %
urbani

1981 2007 1981 2007 1981 2007

La città storica I,II.III, XVII 13,7 10,6 20,6 24,5 150 230

La città consolidata VI,VII,IX,XV,XVI,XVIII 19,6 12,3 11,7 23,1 60 188

La città della trasforma- IV, V, VIII, X, XI,


21,5 13,7 9,4 19,4 43 141
zione XII,XIII,XIX,XX

Tab.10 - Alcuni indicatori di criticità demografica della popolazione residente nei macro-ambiti territoriali
di Roma secondo le risultanze anagrafiche. 2007

Indicatori di criticità demografica

Indice di criticità
Ambiti territoriali urbani Municipi
Indice di ricambio Indice di ricambio sociale popolazione
popolazione giova- popolazione attiva anziana (incidenza
nile (1) (2) ultraottantenni) %
(3)

La città storica I,II.III, XVII 59 132 33,8

La città consolidata VI,VII,IX,XV,XVI,XVIII 66 122 27,4

IV, V, VIII, X, XI,


La città della trasformazione 69 116 24,8
XII,XIII,XIX,XX

Roma 67 119 27,0

(1) = popolazione 0-19 anni/popolazione 20-39 anni * 100 – ( giovani 0-19 anni per 100 giovani e adulti 20-39 anni )

(2) = popolazione 40-64 anni/popolazione 15-39 anni * 100 - ( adulti in età attiva 40-64 anni per 100 giovani e adulti in età attiva 15-39 anni)

(3) = popolazione 80 anni e oltre/popolazione 65 anni e oltre * 100 – ( anziani ultraottantenni per 100 anziani 65 anni e oltre)

Sezione 1 \ pag. 128


1.4 - Stranieri residenti

Al 31 dicembre del 2007 tra i cittadini del Comune di Roma si contavano - nei dati dell’archivio
anagrafico - ben 269.649 stranieri residenti, un consistente numero e per di più in rapido incremen-
to tendenziale (+294,2%) visto che nel 1990 (anno iniziale della serie storica considerata) se ne ri-
levavano appena 68.408. L'incidenza relativa degli stranieri sulla popolazione residente nell'arco di
appena 17 anni è passata dal 2,4% al 9,5%. Tra il 2006 ed il 2007 il numero di residenti stranieri si
è incrementato di circa 19.000 persone (+7,6%) un valore che da solo è discretamente superiore a
quello dell’incremento complessivo di residenti (+12.970) registrato nel bilancio demografico nel
2007.
Roma è la città che in assoluto conta tra i propri cittadini la popolazione di origine straniera più
consistente 17 anche se in termini di presenza relativa è preceduta da Milano (13,5%), da Torino
(11,3%) e da Firenze (10,3%). Il numero degli stranieri residenti è ormai superiore a quello della
popolazione dei municipi romani di maggiore dimensione demografica (ad esempio, l’VIII, ed il
XIII che superano di poco la soglia dei 200.000 residenti); gli stranieri residenti sono numerica-
mente equivalenti alla popolazione di una città come Venezia che, con i suoi 268.993 residenti, si
colloca all’ 11° posto tra le città italiane.
Tra il 2006 ed il 2007 comparando la dinamica di consistenza del gruppo dei residenti nazionali
con quella corrispondente del gruppo dei residenti stranieri si rileva con immediatezza come questi
ultimi siano stati interessati da una accelerazione del trend di crescita su base annuale (+7,6%)
mentre i residenti nazionali invece persistevano nella tendenza declino (-0,2% ). In termini assolu-
ti, nel periodo, a fronte di una flessione di 6.039 residenti nazionali si osserva un incremento di
19.009 residenti stranieri, talché si può affermare che l’apporto dei flussi migratori internazionali
abbia avuto un effetto più che tonico nell’attenuare notevolmente le tendenze di declino della popo-
lazione residente romana (nel bilancio naturale ed in quello migratorio). La proiezione di queste
tendenze, tenendo anche conto di una fase di maggiore radicamento dei flussi immigratori, del ri-
congiungimento dei nuclei familiari e della formazione di nuovi, fa peraltro intravedere un crescen-
te scenario multietnico e multiculturale di cui si dovrà tener conto non solo nelle politiche culturali
d’integrazione dell'Amministrazione, ma anche in quelle educative, sociali e sanitarie, per le speci-
ficità poste dalla particolare struttura dei bisogni di un gruppo affatto irrilevante presente ormai in
modo stabile tra i cittadini di Roma.
Nel 2006 nel Comune di Roma sono stati celebrati 2.677 matrimoni (pari al 23,8% dei matrimoni
complessivi) in cui almeno uno dei coniugi non possedeva la cittadinanza italiana (erano 2.094 nel
2002). Tra i matrimoni di nazionalità mista ben 1.492 (il 55,7% dei matrimoni) sono avvenuti con
un coniuge di nazionalità italiana. Anche i nati con cittadinanza straniera registrano un consistente
aumento passando, tra il 2002 ed il 2007, da 2.051 a 2.968 (+ 44,7%). Nel 2007 le nascite di citta-
dini stranieri corrispondevano al 12% di quelle complessivamente rilevate nel bilancio demografico
naturale della città (24.645).
Nelle scuole elementari, medie inferiori e superiori della città nell'anno scolastico 2000/2001 già si
contavano 7.584 bambini e ragazzi di cittadinanza straniera (pari al 2,4% della popolazione scola-
stica di riferimento) presenza che solo cinque anni dopo, nell’anno scolastico 2005-2006 si era
quasi triplicata arrivando a ben 19.047 alunni, pari al 6,1% della popolazione scolastica di riferi-
mento (ma in alcuni municipi, il VI ed il XX avevano già superato o lambivano il 9% della popola-
zione scolastica).
Gli stranieri residenti appartengono ad un “caleidoscopio etnico” composto da ben 166 nazionalità.
Gli stranieri residenti rappresentano la componente più stabile, radicata ed a basso tasso di margi-
nalità all’interno dell’intero universo degli stranieri immigrati che è composto anche dagli stranieri
titolari di permesso di soggiorno ma non residenti e dagli immigrati irregolari. Tra le comunità na-
zionali rappresentate, appena 23 contano un numero significativo di appartenenti (convenzional-
mente in questo rapporto quelle che contano un numero pari o superiori a 3.500 residenti), ma ben

17
Secondo il bilancio demografico Istat 2007 della popolazione straniera - non ancora allineato con i dati dell’anagrafe
del comune di Roma - gli stranieri residenti nella città di Roma ammontano a 218.426 persone (pari all’8% della popo-
lazione residente) mentre invece nel comune di Milano i residenti con cittadinanza non italiana ammontano a 175.997
individui (corrispondenti al 13,5% della popolazione residente).

Sezione 1 \ pag. 129


sette superano o sono prossime ai 10.000 residenti). Tra queste si trovano nell'ordine: quella dei
rumeni (41.997)18, dei filippini (30.261), dei polacchi (13.448), dei bengalesi (11.235), dei peru-
viani (11.013), dei cinesi popolari (9.655), degli egiziani (9.583), degli ucraini (7.018), dei cinga-
lesi (6.688), degli ecuadoregni (6.466), degli indiani (5.951), dei francesi (5.638), degli albanesi
(5.513), degli spagnoli (5.114), degli statunitensi (4.957), dei britannici (4.502), dei tedeschi
(4.339), dei serbi-montenegrini (4.134), dei marocchini (4.075), dei cittadini della Moldova
(3.885), dei brasiliani (3.627), degli etiopi (3.579) e degli eritrei (3.571). Insieme queste 23 comu-
nità numericamente significative contano 206.249 persone, pari a circa il 76,5% degli stranieri resi-
denti nella città.
La distribuzione assoluta e relativa dei residenti stranieri non si presenta in modo uniforme nelle
varie parti della città. Il I, il XX e l’VIII municipio ne accolgono da soli più di un quarto del totale
(72.773) ma la presenza relativa più elevata della città si osserva nel I municipio, partizione dove
gli stranieri rappresentano ben il 25,2% dei residenti, mentre la presenza più rarefatta, ma pur sem-
pre discreta, si manifesta nel X municipio (4,7%). Tra il 1990 ed il 2007, si è assistito in ogni caso
ad un generale processo tendenziale di riequilibrio territoriale della popolazione straniera per effet-
to delle più intense dinamiche di insediamento residenziale di stranieri (max +1.010 % nell’VIII
municipio) nelle partizioni amministrative che nel passato registravano una scarsa presenza di im-
migrati. Ora in ben 15 municipi si rileva una presenza relativa di residenti stranieri pari o superiore
al 7,9%, mentre in termini assoluti almeno 16 municipi contano una popolazione straniera pari o
superiore ai 10.000 abitanti.
L’analisi aggregata della presenza relativa degli stranieri tra i residenti nei tre grandi ambiti territo-
riali distinguibili nell'area urbana, (la città storica, la città consolidata e la città della trasformazio-
ne) fa rilevare come nell'insieme dei municipi centrali gli stranieri rappresentino ben il 15,7% tra i
residenti, (contro il 9,3% nelle aree intermedie ed il 7,9% nelle aree esterne).
Con riguardo alle aree geografiche di provenienza si rileva come il gruppo più consistente tra gli
immigrati residenti provenga ormai dai paesi europei (il 42,4% complessivamente, di cui il 32,2%
dai paesi comunitari ed il 10,2% da paesi non UE) seguito dal raggruppamento dei provenienti dai
paesi orientali (il 28,3% complessivamente), dal raggruppamento dei provenienti dai paesi delle
americhe (il 13,9% complessivamente: 7,8% dall’america del sud; 4% dall’america centrale; 2,1%
dall’america del nord) ed infine dal raggruppamento dei provenienti dai paesi africani (complessi-
vamente il 15%).
L’analisi della distribuzione territoriale dei gruppi numericamente prevalenti consente di mettere
sotto osservazione la tendenza delle varie comunità a prediligere l’insediamento in alcune aree del-
la città. Questo tipo di analisi territoriale delle comunità straniere risulta particolarmente funzionale
alla valutazione tanto della sussistenza del rischio di frizione etnica, per concentrazione territoriale
di alcune comunità, quanto della propensione degli stranieri residenti a riprodurre, nelle forme tipi-
che dello “slum”, una unità insediativa rassicurante ai fini del mantenimento delle forme di solida-
rietà intra-etnica. È così possibile individuare, per le singole comunità nazionali numericamente
prevalenti (uguali o maggiori a 3.500 individui) tra gli stranieri residenti alcuni addensamenti terri-
toriali significativi (superiori al 10%). Così ad esempio, nel I municipio si osservano sia concentra-
zioni di residenti appartenenti a paesi sviluppati, statunitensi (23,9%), francesi (19,9%), tedeschi
(19,6%), britannici (17,9%) e spagnoli (16,9%) sia di cittadini di paesi in via di sviluppo o di medio
sviluppo, come gli eritrei (72,6%, è la concentrazione territoriale più abnorme tra le comunità di re-
sidenti stranieri), gli etiopi (27,4%), i bengalesi (19,9%), gli indiani (15,6%), i cinesi (15,8%), ed i
brasiliani (15,5%). Nel VI municipio sono stanziati ben il 20% dei bengalesi ed il 19,2% dei cinesi.
Nell’VIII municipio sono insediati il 19,3% dei rumeni, il 18,9% degli albanesi, il 17,4% dei ma-
rocchini, il 13,3% dei cinesi ed il 10,8% dei serbi-montenegrini. Nel XIII municipio risultano par-
ticolarmente concentrati gli immigrati polacchi (13,6%), i cingalesi (12,9%) e gli egiziani (11%)..
Nel XX municipio, area di stanziamento residenziale di famiglie “upper class”, si rilevano concen-

18
La comunità cittadina di residenti stranieri di nazionalità rumena, già salita al I° posto per numerosità nel 2006 supe-
rando - anche se di poco - la pur numerosa e storica comunità dei filippini, nel 2007 consolida questa posizione in piena
simmetria con quanto è avvenuto nello stesso anno nel Paese dove è divenuta la comunità di residenti stranieri più consi-
stente scalzando la comunità albanese. I cittadini della Romania, ora paese aderente alla UE come del resto altri paesi
dell’est-europa, in base al trattato non hanno più bisogno del permesso di soggiorno e questa circostanza ne ha sicura-
mente favorito l’espansione migratoria, anche come residenti, nell’insieme dei Paesi dell’ Unione Europea.

Sezione 1 \ pag. 130


trazioni di cingalesi (20,4%), di cittadini ecuadoregni (17,4%), di filippini (12,1%) e di cittadini
della Moldova (9,9%) e, tra i residenti appartenenti a paesi sviluppati, di statunitensi (13%), di bri-
tannici (10,1%) e di francesi (9,9%). In ogni caso risultano al 1° posto per dimensione, tra le comu-
nità straniere insediate residenzialmente nei vari municipi, la comunità nazionale dei filippini, nei
municipi II, III, IX, XI, XVI, XVII, XVIII, XIX e XX, quella dei rumeni nei municipi IV, V, VII,
VIII, X, XII, XIII, e XV , quella dei bengalesi nel municipio VI e infine quella degli eritrei nel I
municipio.
La struttura d’età della popolazione straniera residente differisce abbastanza da quella della popola-
zione nazionale. Infatti gli stranieri appartenenti alla classe di età 15-64 anni (quella convenzio-
nalmente attiva) risultano pari mediamente al 79,6% contro il 64,9% di appartenenti alla medesima
classe tra i residenti nazionali (ma se si considera il solo aggregato di età 20-34 anni si osserva im-
mediatamente come ben il 25,7% degli stranieri vi si collochi, contro appena il 16,9% dei residenti
nazionali), così come risulta ancora più marcatamente diversificata l’incidenza degli anziani con 65
anni e oltre (appena il 7,3%, contro il 22,1%). Al contrario invece si osserva un crescente allinea-
mento dell’incidenza dei bambini e ragazzi sino a 14 anni di età che ha raggiunto nel 2007 una si-
tuazione di quasi equivalenza (13,1% contro il 12,9%) sia tra i residenti stranieri sia tra i residenti
nazionali segnalando così indirettamente anche un crescente radicamento/integrazione della popo-
lazione straniera residente. Se si considera la struttura d’età degli stranieri con riferimento all’area
geografica dei paesi di provenienza le differenze strutturali risultano ancora più evidenti: la stra-
grande maggioranza (in percentuale variabile tra il 93% e l’81,1%) degli immigrati provenienti
dall’Africa sub-sahariana e australe, dall’Estremo oriente, dall’America centrale, dal Corno
d’Africa, dall’Africa del Nord, dal Medio oriente e dall’America del Sud appartengono alla classe
di età 15-64 anni. Tra gli stranieri residenti provenienti dalle medesime aree geografiche gli anziani
di 65 anni e oltre rappresentano una percentuale marginale (tra un massimo del 9% ed un minimo
del 2%). L’indice di dipendenza economica (insieme dei bambini e ragazzi sino a 14 anni e degli
anziani di 65 anni e oltre per 100 residenti in età compresa tra 15 e 64 anni) segnala la presenza di
22 individui non attivi per 100 attivi (contro i 44 non attivi presenti tra i residenti nazionali) con-
fermando il profilo strutturale giovane e particolarmente vocato al mercato del lavoro della popola-
zione straniera residente. A questo quadro strutturale dell’età fanno tuttavia eccezione gli stranieri
provenienti dai paesi ad elevato livello di sviluppo socio-economico dell’ America del Nord e
dell’Europa comunitaria che rivelano, con una incidenza di anziani (65 anni e oltre) compresa tra il
29,6% ed il 19,9%, un tratto socio-demografico decisamente meno attivo e incline
all’invecchiamento. Il profilo di età degli stranieri provenienti da queste ultime aree geografiche di
provenienza risulta pertanto radicalmente diverso da quello delle altre comunità e presenta valori di
età media persino maggiori di quelli riscontrabili tra i soli residenti nazionali.
Anche la composizione per genere delle varie comunità appare assai variegata. Così risultano ad e-
levata presenza maschile l’insieme delle comunità degli immigrati di cultura arabo-islamica prove-
nienti dai paesi dell’Africa del Nord (72,5%) e del Medio Oriente (66,6%), mentre all’opposto ri-
sultano ad elevata presenza femminile le comunità di immigrati provenienti dai paesi latini
dell’America Centrale (64,4%) e dell’America del Sud (62,8%), dai paesi dell’Europa non
Comunitaria (59,3%) e dell’Europa Comunitaria (56,9%). Per livello di presenza femminile inoltre
emergono, tra gli asiatici, i cittadini delle Filippine che contano ben il 61,6% di donne e tra i prove-
nienti dall’Africa i cittadini etiopi, comunità in cui le donne rappresentano il 59,8%.

Tab. 11 - I residenti stranieri nel comune di Roma secondo le risultanze dell'archivio anagrafico.
Dinamiche e tendenze nella distribuzione territoriale: 1990-2007

Residenti stranieri
Ambiti urbani

Municipi

1990 2007 Variazione Incidenza su residenti Distribuzione territoriale

1990-2007 1990 2007 1990 2007 Variazio-


2006/2007 Variazione
V.A. V.A. ne inci-
V.A. % % % incidenza % % denza
%
C-1 1 11.448 31.457 20.009 174,8 12,1 8,6 25,2 16,6 16,7 12,1 -4,7

Sezione 1 \ pag. 131


C-2 2 5.981 15.219 9.238 154,5 3,9 4,4 12,3 7,9 8,7 5,8 -2,9
C-3 3 2.374 5.091 2.717 114,4 4,6 3,7 9,4 5,7 3,5 2,0 -1,5
E-4 4 3.134 11.471 8.337 266,0 8,6 1,5 5,8 4,3 4,6 4,4 -0,2
E-5 5 2.063 10.061 7.998 387,7 11,3 1,2 5,6 4,4 3,0 3,9 0,8
I-6 6 2.314 13.223 10.909 471,4 6,5 1,6 10,6 9,1 3,4 5,1 1,7
I-7 7 1.490 11.096 9.606 644,7 9,1 1,1 9,1 8,0 2,2 4,3 2,1
E-8 8 1.912 21.240 19.328 1.010,9 17,5 1,0 9,9 8,9 2,8 8,1 5,3
I-9 9 2.630 10.024 7.394 281,1 7,6 1,7 7,9 6,1 3,8 3,8 0,0
E-10 10 1.315 8.540 7.225 549,4 7,4 0,7 4,7 4,0 1,9 3,3 1,4
E-11 11 2.461 11.681 9.220 374,6 9,8 1,7 8,6 6,9 3,6 4,5 0,9
E-12 12 2.625 10.899 8.274 315,2 10,4 1,9 6,4 4,6 3,8 4,2 0,3
E-13 13 4.235 16.552 12.317 290,8 13,9 2,4 7,9 5,5 6,2 6,3 0,2
I-15 15 1.783 12.818 11.035 618,9 8,0 1,1 8,5 7,4 2,6 4,9 2,3
I-16 16 3.961 11.760 7.799 196,9 4,4 2,5 8,3 5,8 5,8 4,5 -1,3
C-17 17 2.259 6.856 4.597 203,5 3,6 2,7 9,6 6,9 3,3 2,6 -0,7
I-18 18 4.895 15.316 10.421 212,9 4,6 3,6 11,3 7,8 7,2 5,9 -1,3
E-19 19 3.265 15.596 12.331 377,7 7,5 1,8 8,6 6,8 4,8 6,0 1,2
E-20 20 6.938 21.988 15.050 216,9 6,9 5,0 15,1 10,1 10,1 8,4 -1,7
N.L. 1.325 8.761
ROMA 68.408 269.649 201.241 294,2 7,6 2,4 9,5 7,1 100 100

Graf.63-I residenti stranieri nei municipi di Roma. La presenza nei vari municipi. In quasi tutti i
municipi i residenti stranieri hanno ormai numericamente superato (o sono prossimi a farlo) la
soglia dei 10.000 amministrati . 2007
35.000
31.457

30.000

25.000
21.988

21.240
residenti stranieri

20.000
16.552

15.596

15.316

15.219

13.223

12.818

15.000
11.760

11.681

11.471

11.096

10.899

10.061

10.024

8.540

10.000 6.856

5.091
5.000

-
C-1 E-20 E-8 E-13 E-19 I-18 C-2 I-6 I-15 I-16 E-11 E-4 I-7 E-12 E-5 I-9 E-10 C-17 C-3
municipi

Graf.64-I residenti stranieri nei municipi di Roma. L'incidenza. Si stagliano per livello di
multietnicità il I (dove sono 1/4) ed il XX Municipio ma la presenza relativa di residenti stranieri è
in rapida crescita in tutti i Municipi. 2007 (%)
25,2%

25
incidenza residenti stranieri, %

20
15,1%

15
12,3%

11,3%

10,6%

9,9%

9,6%

9,4%

9,1%

8,6%

8,6%

8,5%

8,3%

10
7,9%

7,9%

6,4%

5,8%

5,6%

4,7%

-
C-1 E-20 C-2 I-18 I-6 E-8 C-17 C-3 I-7 E-19 E-11 I-15 I-16 E-13 I-9 E-12 E-4 E-5 E-10
municipi

Sezione 1 \ pag. 132


Graf.65 - I residenti stranieri nei municipi di Roma. La distribuzione territoriale. In due soli
municipi, il I° ed il XX°, si concentra 1/5 della popolazione residente straniera stanziata nella città .
2007
14

12,1%
distribuzione territoriale residenti stranieri, %
12

10

8,4%

8,1%
8

6,3%

5,9%

5,8%
6%
6

5,1%

4,9%

4,5%

4,5%

4,4%

4,3%

4,2%

3,9%

3,8%

3,3%
4

2,6%

2%
2

0
C-1 E-20 E-8 E-13 E-19 I-18 C-2 I-6 I-15 I-16 E-11 E-4 I-7 E-12 E-5 I-9 E-10 C-17 C-3
municipi

Graf.66- I residenti stranieri nei municipi di Roma. Il tasso di variazione annuale. La variazione
media annua è rilevante (+7,6%). In due tra i municipi "esterni" ( VIII e XIII) si evidenzia il
primato della dinamica incrementale annuale . 2007
+17,5%

18
tasso di variazione annuale residenti

16
+13,9%

14
+12,1%
stranieri (2007/2007), %

+11,3%

+10,4%

12
+9,8%

+9,1%

+8,6%

10
+7,6%
+8%

+7,5%

+7,4%

+6,9%

+6,5%

8 +4,6%

6 +4,6%

+4,4%

+3,9%

+3,6%
4

-
E-8 E-13 C-1 E-5 E-12 E-11 I-7 E-4 I-15 I-9 E-19 E-10 E-20 I-6 I-18 C-3 I-16 C-2 C-17
municipi

Sezione 1 \ pag. 133


Graf. 67 - I residenti stranieri a Roma. I gruppi nazionali prevalenti (> 3.500 residenti).
Le 23 comunità di residenti stranieri prevalenti, insieme rappresentano il 76,5%. Gli
altri residenti stranieri sono frammentati in 143 comunità nazionali . 2007

Altri (147 comunità nazionali) 63.400


Eritrea 3.571
Etiopia 3.579
Brasile 3.627
Moldova 3.885
Marocco 4.075
Serbia-Montenegro 4.134
Germania 4.339
comunità nazionali prevalent

Regno Unito 4.502


Stati Uniti d'America 4.957
Spagna 5.114
Albania 5.513
Francia 5.638
India 5.951
Ecuador 6.466
Sri Lanka (Ceylon) 6.688
Ucraina 7.018
Egitto 9.583
Cina 9.655
Perù 11.013
Bangladesh 11.235
Polonia 13.448
Filippine 30.261
Romania 41.997

0 10.000 20.000 30.000 40.000 50.000 60.000 70.000

residenti stranieri

Graf.68 I residenti stranieri per aree geo-culturali di provenienza. Gli europei (comunitari e
non) insieme rappresentano il gruppo prevalente (42,4%) precedendo i cittadini dell'insieme
dei paesi asiatici (28,3%) . 2007

Oceania 602
Aree geo-culturali di provenienza

America del nord 5.626

America centrale 10.839

America del sud 20.963

Altri paesi europei 27.385

Africa 40.280

Asia 75.782

Europa comunitaria 86.195

0 10.000 20.000 30.000 40.000 50.000 60.000 70.000 80.000 90.000


residenti stranieri

Sezione 1 \ pag. 134


Graf.69 - Il profilo di composizione geo-culturale per continente di provenienza dei residenti
stranieri nel comune di Roma. 2007.

America centrale America del nord


4,0% 2,1%
Oceania
America del sud 0,2% Europa comunitaria
7,8% 32,2%

Altri paesi europei


10,2%

Africa
15,0%

Asia
28,3%

Graf. 70 - L'incidenza delle donne tra i vari gruppi geo-culturali di residenti stranieri. La presenza femminile
è elevata tra i provenienti dalla America centrale e meridionale e dai paesi dell'Europa comunitaria. 2007

70 64,4% 62,8%
incidenza della popolazione femminile, %

59,3%
60 56,9%

48,5% 47,6%
50
42,2%

40

30

20

10

0
America centrale America del sud Altri paesi Europa Asia America del nord Africa
europei comunitaria
areo geo-culturali di provenienza

Sezione 1 \ pag. 135


Tab. 12 - La distribuzione territoriale municipale delle prime ventitre comunità di residenti stranieri.
Analisi delle tendenze di concentrazione territoriale . (%)
2007

Municipi
Nazionalità
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Romania 3,1 2,1 0,8 3,9 4,5 3,4 4,9 19,3 2,5 4,4
Filippine 7,3 10,9 2,3 5,8 2,2 3,7 2,2 2,3 4,9 1,7
Polonia 7,0 3,4 1,6 5,2 3,8 3,3 3,6 4,3 4,2 3,4
Bangladesh 19,9 1,2 0,6 3,0 4,0 20,0 7,6 9,8 5,4 6,2
Perù 5,5 7,3 2,0 4,6 5,3 4,7 4,6 6,2 6,0 5,2
Cina 15,8 2,2 0,8 2,9 4,6 19,2 5,6 13,3 6,2 5,7
Egitto 3,6 3,1 1,1 3,6 3,9 7,4 8,7 6,9 3,9 2,5
Ucraina 9,6 6,4 1,4 6,1 5,2 3,5 3,2 5,2 5,3 4,3
Sri Lanka 6,2 11,2 2,0 2,5 1,9 3,4 1,9 2,3 2,0 1,5
Ecuador 6,6 8,0 1,7 5,1 3,0 3,9 3,5 5,5 4,1 3,6
India 15,6 4,3 2,2 2,3 1,7 4,2 2,6 4,6 3,9 2,5
Francia 19,9 11,7 3,3 3,4 1,6 1,2 1,0 1,2 3,2 2,0
Albania 2,6 3,4 2,1 4,5 8,8 5,3 6,3 18,9 3,5 5,1
Spagna 16,9 10,5 4,2 3,1 1,9 2,2 1,4 1,6 3,9 1,4
USA 23,9 10,6 2,2 3,6 1,0 0,9 0,5 0,9 1,6 0,9
Regno Unito 17,9 7,2 2,5 3,6 1,8 1,8 1,1 1,3 3,4 1,7
Germania 19,6 8,2 3,2 3,2 2,1 1,7 0,9 0,9 3,5 1,4
Serbia-Montenegro 11,4 3,0 1,1 1,8 4,3 4,0 13,9 10,8 2,2 2,4
Marocco 5,5 3,4 1,6 6,1 3,7 9,2 8,5 17,4 2,7 4,5
Moldova 4,9 3,9 1,2 5,9 3,6 3,4 5,1 10,9 4,2 4,1
Brasile 15,5 4,1 2,7 4,1 3,2 2,0 2,4 3,2 4,5 3,0
Etiopia 27,4 5,9 2,1 3,2 3,5 5,0 5,8 5,5 2,4 2,6
Eritrea 72,6 4,0 0,6 1,1 1,3 3,0 2,6 2,4 1,1 1,3

Tab. 12 (segue)- La distribuzione territoriale municipale delle prime ventitre comunità di residenti stranieri.
Analisi delle tendenze di concentrazione territoriale . (valori %) 2007

Municipi
Nazionalità
Roma
11 12 13 15 16 17 18 19 20
(V.A.)
Romania 3,0 4,8 9,6 6,7 3,4 1,3 4,7 5,3 8,7 41.997
Filippine 4,2 4,1 2,4 6,6 5,9 3,7 6,8 8,8 12,1 30.261
Polonia 4,2 4,0 13,6 5,8 6,2 3,2 6,4 8,5 5,9 13.448
Bangladesh 6,0 1,5 1,6 4,7 1,9 1,5 1,2 1,5 1,3 11.235
Perù 5,3 2,9 3,8 3,9 4,2 2,8 5,4 8,7 10,1 11.013
Cina 5,2 1,7 1,8 4,2 1,3 1,9 2,4 2,1 1,3 9.655
Egitto 4,2 1,6 11,0 14,5 5,7 2,2 4,7 4,8 3,8 9.583
Ucraina 6,6 5,2 8,9 4,0 4,3 3,4 4,4 6,8 4,8 7.018
Sri Lanka 4,2 5,2 12,9 2,6 2,4 3,2 3,6 8,2 20,4 6.688
Ecuador 4,8 3,7 2,5 2,7 3,2 2,9 5,4 10,8 17,4 6.466
India 5,4 3,7 3,6 5,3 8,1 3,5 10,7 6,2 7,4 5.951
Francia 5,1 5,2 4,6 2,4 5,3 4,5 5,5 4,1 9,9 5.638
Albania 3,3 5,0 6,3 3,5 2,8 0,9 5,3 6,6 2,9 5.513
Spagna 3,3 4,5 2,5 3,7 6,5 5,0 15,4 4,0 5,5 5.114
USA 4,1 5,9 4,1 1,5 6,5 3,6 5,3 3,8 13,0 4.957
Regno Unito 6,7 6,3 9,0 2,1 5,7 3,7 3,4 4,0 10,1 4.502
Germania 4,0 3,6 6,2 3,0 9,3 4,6 8,5 4,6 6,8 4.339
Serbia-Montenegro 4,9 4,2 3,5 3,0 1,8 1,5 5,3 4,6 5,1 4.134
Marocco 4,4 2,3 4,8 2,6 2,7 0,8 4,0 3,7 6,8 4.075
Moldova 5,9 8,2 7,8 3,5 3,1 2,1 4,2 5,5 9,9 3.885
Brasile 5,0 4,5 4,1 6,8 7,1 3,3 9,7 5,8 6,4 3.627
Etiopia 3,0 1,6 6,9 3,0 3,0 1,4 4,1 3,4 6,2 3.579
Eritrea 1,0 0,4 0,7 0,3 1,0 0,6 1,2 1,4 2,9 3.571
I^concentrazione territoriale
II^ concentrazione territoriale
III^ concentrazione territoriale

Sezione 1 \ pag. 136


Mappa 2 - La comunità nazionale di residenti stranieri numericamente maggioritaria in
ciascuno dei 19 municipi di decentramento del comune di Roma - 2007

Tab.13 - Le dinamiche degli alunni di cittadinanza straniera nelle scuole elementari, medie e medie
superiori (pubbliche e non) operanti nei 19 municipi/distretti scolastici del comune di Roma .
a.a.s.s.. 2000-2001/2005-2006
SCUOLE SECONDARIE
SCUOLE ELEMENTARI SCUOLE MEDIE TOTALE
SUPERIORI

Variazione %
a.s.2000-2001

a.s 2005-2006

a.s.2000-2001

a.s 2005-2006

a.s.2000-2001

a.s 2005-2006

a.s.2000-2001

a.s 2005-2006
Munici-

Variazione

Variazione

Variazione
pi

C-1 270 466 196 96 320 224 278 1.147 869 644 1.933 200,2
C-2 221 406 185 78 223 145 43 195 152 342 824 140,9
C-3 47 116 69 14 70 56 - 10 10 61 196 221,3
E-4 175 417 242 78 342 264 58 238 180 311 997 220,6
E-5 167 516 349 63 189 126 77 171 94 307 876 185,3
I-6 321 391 70 245 383 138 29 305 276 595 1.079 81,3
I-7 265 567 302 151 370 219 39 209 170 455 1.146 151,9
E-8 406 693 287 228 681 453 - 206 206 634 1.580 149,2
I-9 146 201 55 184 204 20 238 463 225 568 868 52,8
E-10 146 355 209 39 187 148 31 295 264 216 837 287,5
E-11 124 346 222 118 252 134 103 335 232 345 933 170,4
E-12 123 413 290 75 216 141 33 160 127 231 789 241,6
E-13 299 466 167 90 256 166 107 270 163 496 992 100,0
I-15 135 281 146 89 271 182 24 77 53 248 629 153,6
I-16 143 391 248 85 243 158 63 170 107 291 804 176,3
C-17 34 166 132 60 88 28 111 219 108 205 473 130,7
I-18 218 578 360 85 193 108 63 137 74 366 908 148,1
E-19 425 796 371 156 378 222 90 429 339 671 1.603 138,9
E-20 271 731 460 204 464 260 123 385 262 598 1.580 164,2
ROMA 3.936 8.296 +4.360 2.138 5.330 +3.192 1.510 5.421 +3.911 7.584 19.047 +151,1

Graf.71- L'incidenza degli alunni stranieri nelle scuole primarie e secondarie. Cresce ovunque la presenza degli alunni
stranieri (dal 2,4 al 6,1%). Il VI municipio è quello che presenta costantemente la massima incidenza di alunni
stranieri. 2000-2005
10
9,4 %
9
medie superiori pubbliche e non) del comune di

8,8%
incidenza alunni stranieri (elementari, medie,

8
7,6% 7,6% 7,6% 7,5%
7 7,1%

6 5,9% 6,1%
5,9%
5,4% 5,4 %
Roma,%

5 5,2% 5%
5%
4,3% 4,5% 4,4% 4,3 % 4,2 % 4,3%
4
3,4% 3,4% 3,4% 3,5%
3 3% 2,9%
2,5% 2,7%
2,3% 2,4%
2 1,9% 1,9%
1,8% 1,7% 1,8%
1,4% 1,5% 1,3%
1 1,1%

-
9

0
-1

-2

-3

3
6

9
4

A
7
15

16

18

2
1

1
I-

I-

I-

-1
E-

E-

E-

M
C

E-

E-
E-

E-

E-

E-

I-
I-

I-

O
R

municipi

a.s.2000-2001 a.s. 2005-2006

Sezione 1 \ pag. 137


Sezione 1 \ pag. 138
2. Analisi dell’economia romana

Sezione 1 \ pag. 139


2. Territorio e ambiente

2.1 Il territorio e il verde pubblico

Roma, con 1.290 km² di superficie è il Comune più esteso d’Italia ed è il capoluogo della pro-
vincia omonima, che con i suoi oltre 5.000 km², copre quasi un terzo del territorio del Lazio ed
è la più estesa del Paese. Il comune di Roma è esteso quanto le città di Milano, Bologna, Torino,
Genova, Napoli, Palermo, Catania e Firenze messe assieme. Roma e la sua provincia, inoltre,
detengono un altro primato nazionale: con i loro oltre 4 milioni di residenti (di cui 2,7 milioni
solo nel comune di Roma), rappresentano l’area metropolitana più popolosa d’Italia. Si tratta di
alcuni aspetti rilevanti che contribuiscono – insieme alle funzioni svolte da Roma – a definire le
peculiarità del territorio romano e di cui è necessario tener conto nella programmazione degli in-
terventi infrastrutturali, urbanistici e di politica sociale ed economica.

Fig. 2.1.1 – Estensione del Comune di Roma e di altri Comuni metropolitani italiani
(Km²)

Comuni Kmq
Roma 1.290
Milano 181
Bologna 140
Torino 130
Genova 240
Napoli 117
Paler-
mo 159
Catania 181
Firenze 102
Fonte: elaborazione Ufficio di Statistica – Comune di Roma su dati Istat

Altra peculiarità del territorio romano è l’estrema concentrazione della città costruita, che occu-
pa soltanto il 60% del territorio comunale. Il resto del territorio è difatti costituito da aree verdi:
l’insieme delle aree agricole, delle ville storiche, del verde pubblico, del verde privato e dei par-
chi si estendono per 509,6 km², ovvero il 40% della superficie comunale. In particolare, i parchi
si estendono per 410 km², il verde pubblico per 79 km² e il verde privato per 20,6 km² (Fig.
2.1.2). Roma presenta indicatori relativi al verde urbano per abitante più alti d’Italia (Fig. 2.1.1).
Tuttavia, facendo riferimento ai soli dati relativi al verde urbano gestite e curate direttamente
dall’Amministrazione comunale (le aiuole, per esempio), Roma è superata da numerose altre cit-
tà italiane (Tab. 2.1.2), le quali, probabilmente perché prive delle grandi aree verdi (soprattutto i
parchi) di cui invece Roma è dotata, dedicano maggior cura all’allestimento e alla cura del verde
urbano.

Sezione 1 \ pag. 140


Fig. 2.1.2 – Aree verdi nel Comune di Roma

Fonte: Nuovo Piano Regolatore Generale del Comune di Roma

Tab. 2.1.1 - Indicatori ambientali urbani relativi alla disponibilità e densità di


verde urbano nei 10 più grandi capoluoghi italiani e in Italia. Anni 2000-2007
(a)
COMUNI 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007
% di verde urbano sulla superficie comunale
Torino 12,4 13,3 14,0 14,6 14,8 14,9 15,2 15,6
Milano 9,8 10,3 11,0 11,7 10,8 11,0 11,4 11,5
Venezia 1,9 1,9 1,9 1,8 2,0 2,0 2,2 2,4
Genova 10,1 10,1 10,1 10,2 10,2 10,2 10,2 10,2
Bologna 8,1 8,2 8,2 8,2 8,3 8,4 8,6 8,8
Firenze 6,3 6,3 6,3 6,3 6,4 6,4 6,4 6,4
Roma 27,5 27,5 27,5 27,3 27,3 27,3 27,3 27,5
Napoli 23,4 23,5 23,5 23,5 23,6 23,6 23,7 23,7
Bari 3,9 3,9 3,9 3,9 3,9 3,9 3,9 3,9
Palermo 26,6 30,4 31,0 31,0 31,1 31,1 31,4 31,6
Italia 6,6 6,6 6,9 6,9 6,9 7,0 7,0 7,0
m2 di verde urbano per abitante
Torino 17,9 19,7 21,1 22,0 21,7 21,6 22,0 22,4
Milano 13,7 14,6 16,1 17,0 15,3 15,3 15,9 16,1
Venezia 27,8 28,3 28,7 28,3 30,6 30,8 34,5 36,8
Genova 38,8 39,7 40,6 41,1 41,1 40,5 40,4 40,7
Bologna 30,0 30,7 31,0 31,1 31,4 31,7 32,5 33,3
Firenze 17,1 17,6 18,2 18,0 17,7 17,8 17,9 18,0
Roma 133,3 136,0 140,1 140,4 140,2 140,1 136,1 132,4
Napoli 27,4 27,5 27,4 27,5 27,7 27,9 28,4 28,6
Bari 13,8 14,1 14,5 14,5 14,2 14,0 14,0 14,1
Palermo 62,1 70,8 71,9 72,3 72,9 73,4 74,5 75,4
Italia 74,3 75,9 79,8 79,8 79,5 79,5 79,6 79,6
Fonte: Istat, Osservatorio ambientale sulle città
(a) Gli indicatori si riferiscono al patrimonio di aree verdi gestito (dirett. o indirettamente) da en-
ti pubblici (comune, provincia, regione, stato) esistente nel territorio comunale.

Sezione 1 \ pag. 141


Tab. 2.1.2 - Indicatori ambientali urbani relativi alla disponibilità di ver-
de urbano nei 10 più grandi capoluoghi italiani e in Italia. Anni 2004-
2006 (a) (b)
m2 di verde urbano per a- % di verde urbano sulla super-
Comuni bitante ficie comunale

2004 2005 2006 2004 2005 2006


Roma 15,1 15,2 15,3 2,9 3,0 3,0
Torino 22,7 22,9 23,3 15,4 15,8 16,2
Milano 15,3 15,3 15,9 10,8 11,0 11,4
Venezia 21,4 27,8 28,2 1,4 1,8 1,8
Genova 41,1 40,5 40,2 10,2 10,2 10,2
Bologna 31,4 31,7 31,5 8,3 8,4 8,6
Firenze 15,2 15,2 15,2 5,4 5,4 5,4
Napoli 3,2 3,6 3,6 2,7 3,0 3,1
Bari 3,5 3,5 4,0 1,0 1,0 1,1
Palermo 78,6 79,2 80,2 33,5 33,6 33,9
Italia 47,2 47,9 48,3 4,1 4,2 4,2
Fonte: Istat - Indicatori, Osservatorio ambientale sulle città
(a) gli indicatori si riferiscono al verde urbano gestito dal Comune, al netto
della superficie dei cimiteri urbani.
(b) in alcuni casi il dato relativo all'estensione di qualche tipologia di verde
urbano è riferito all'ultimo anno disponibile.

2.2 Gli indicatori ambientali e l’inquinamento

La rete di monitoraggio della qualità dell’aria nel Comune di Roma, attiva dal 1993, fornisce
dati giornalieri relativi alle concentrazioni dei principali inquinanti presenti nell’atmosfera.
Le stazioni di monitoraggio si differenziano in base al loro posizionamento sul territorio ed agli
inquinanti misurati:
- le stazioni di tipo A (Villa Ada) sono in aree non direttamente interessate dalle sorgenti
di emissione urbana come parchi o isole pedonali;
- quelle di tipo B (Arenula, Cinecittà, Magnagrecia, Preneste) si trovano in zone ad alta
densità abitativa;
- quelle di tipo C (Fermi, Francia, Libia, Montezemolo, Tiburtina) sono prossime a strade
ad elevato traffico e bassa ventilazione,
- quelle di tipo D (Castel di Guido e Tenuta del Cavaliere) in aree periferiche e suburba-
ne.
L’analisi dei valori medi annuali relativi agli inquinanti presenti nell’atmosfera - monossido di
carbonio (CO), biossido di azoto (NO2) ozono (O3), biossido di zolfo (SO2), benzene (C6H6) e
polveri sottili (PM10) – mostra una costante diminuzione della maggior parte di essi nel corso
degli ultimi anni. Anche confrontando i dati relativi ai soli anni 2006-2007 (Tabb. 6.3.1 e 6.3.2)
si evidenzia una riduzione generalizzata delle concentrazioni di inquinanti presenti
nell’atmosfera.
Nel confronto con le principali città capoluogo, i dati di fonte Istat evidenziano una situazione
più favorevole per Roma, rispetto ad altre città, e in linea con il dato italiano, relativamente al
numero di inquinanti presenti nell’atmosfera (8, contro valori quasi doppi a Genova, Bologna e
Venezia) (Tab. 2.3.4) e al numero di giorni/anno di superamento del limite previsto per le pol-
veri sottili (116) (Tab.2.3.5). La rete di monitoraggio dell’inquinamento atmosferico, tuttavia,
calcolata come numero di centraline di rilevazione per 100.000 abitanti, è a Roma la più ridotta
di tutte le città considerate e della media nazionale (Tab. 2.3.3).

Sezione 1 \ pag. 142


Tab. 2.3.1 - Medie annue delle concentrazioni di inquinanti nel comune di Roma. Anno 2007
monossido biossido di biossido polveri sot-
Periodo Tipo di sta-
Stazione di carbonio azoto
ozono
di zolfo
benzene
tili Note
zione
SO2 C6H6
CO mg/m3 NO2 μg/m3 O3 μg/m3 PM10 μg/m3
μg/m3 μg/m3
Francia 1,3 84 - - 4,3 46
Magna Grecia 1,0 69 - - 3,4 43
Traffico Fermi nuovo si-
0,9 85 - - 3,6 44
to
Tiburtina nuovo
1,0 77 - - 3,8 48
sito
Preneste 52 39 - 2,2 41
Cinecittà 0,8 58 38 - 2,0 38
stazione disattivata il
2007

22.11.2007 e ricollo-
Arenula vecchio
Background - 70 - - - 42 cata in P.zza
sito
B.Cairoli il
03.02.2008
Bufalotta - 48 34 1,7 2,6 35
Cipro 0,8 67 36 - - 36
Fondo ur-
Ada 0,6 44 37 1,8 1,8 31
bano
Tenuta del Ca-
Sub-urbano - 43 38 - - -
valiere
Rurale Castel di Guido - 20 47 - - -
Fonte: Comune di Roma - X Dipartimento Ufficio prevenzione inquinamento atmosferico

Sezione 1 \ pag. 143


Tab. 2.3.2 - Medie annue delle concentrazioni di inquinanti nel comune di Roma. Anno 2006
polve-
monossido di biossido di anidride Ben-
Periodo Tipo di stazione Stazione
carbonio azoto
ozono
solforosa zene
ri sot- Note
tili
SO2 PM10
CO mg/m3 NO2 μg/m3 O3 μg/m3 μg/m3
μg/m3 μg/m3
Francia 1,4 84 N.D. - - 48,8
Magna Gre-
1,1 81 N.D. - 4,3 44,7
cia
stazione di-
Fermi vec-
1,4 100 N.D. N.D. - 47,8 sattivata il
chio sito
11.12.2006
stazione di-
Montezemolo 1,4 90 - - - - sattivata il
11.12.2006
Traffico stazione di-
Tiburtina
1,6 87 - - 5,80 - sattivata il
vecchio sito
04.12.2006
stazione atti-
Fermi nuovo vata in P.zza
N.D. N.D. - N.D. N.D.
sito Fermi il
17.12.2006
stazione atti-
Tiburtina vata in via
N.D. N.D. - N.D. N.D.
nuovo sito Tiburtina il
06.12.2006
Preneste N.D. 55 39 - N.D. 45,2
Cinecittà 0,8 61 N.D. - N.D. 39,6
2006

stazione di-
Libia N.D. 77 - - 4,6 - sattivata il
07.12.2006
stazione di-
sattivata il
22.11.2007 e
Arenula N.D. 81 - N.D. - 43,3 ricollocata in
Background P.zza
B.Cairoli il
03.02.2008
stazione atti-
vata in via
Bufalotta N.D. N.D. N.D. N.D. N.D.
Monte Canda
il 07.12.2006
stazione atti-
vata in via
Cipro N.D. N.D. N.D. - - N.D.
della Meloria
il 17.12.2006
Fondo urbano Ada 0,6 42 41 1,5 2,0 32,3
Tenuta del
Sub-urbano - 41 42 - - -
Cavaliere
Castel di
Rurale - 20 52 - - -
Guido
* Non è possibile confrontare i valori delle concentrazioni degli inquinanti atmosferici relativi all’anno 2006 con quelli degli anni passati poi-
chè nel corso dell’anno 2006 la rete di monitoraggio della qualità dell’aria ha subito delle sostanziali modifiche, in ottemperanza alla delibera-
zione di giunta regionale n. 938/2005 che definisce la nuova configurazione della rete in base ai criteri disposti dal DM n.60/2002. La deno-
minazione della tipologia delle stazioni è stata modificata (non più di tipo A,B,C, D) poiché in base ai criteri del DM n.60/2002 e alla D.G.R.
n.938/2005 le stazioni si distinguono in: stazioni di background, da traffico, di fondo urbano, rurali e suburbane.
N.D. = Non determinato perché il numero delle misure è inferiore al 75% dei valori validi annui.
Fonte: Comune di Roma - X Dipartimento Ufficio prevenzione inquinamento atmosferico

Sezione 1 \ pag. 144


Tab. 2.3.3 - Numero di centraline di monitoraggio della qualità dell'aria nei 10 più grandi capoluoghi italiani
e in Italia. Anni 2000-2007 (per 100.000 abitanti)
centraline di monitoraggio della qualità dell'aria per 100.000 abitanti
Comuni 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007
Torino 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,7 0,7
Milano 0,8 0,8 0,8 0,7 0,7 0,6 0,6 0,6
Venezia 4 4,1 3,3 3,3 3,3 3,3 3,3 3,3
Genova 3,4 3,4 2,8 2,8 2,2 2,1 4,2 3,3
Bologna 1,6 1,6 1,6 1,6 1,9 1,9 1,9 1,9
Roma 0,5 0,5 0,4 0,4 0,5 0,5 0,5 0,4
Firenze 2,2 2,2 2,3 2,2 2,2 1,9 1,6 1,6
Napoli 0,9 0,8 0,8 0,8 0,7 0,7 0,8 0,8
Bari 1,8 1,9 1,9 1,9 1,9 1,8 2,4 2,5
Palermo 1 1 1,2 1,2 1,2 1,3 1,3 1,4
Italia 2,2 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,4 2,3
Fonte: Istat - Indicatori, Osservatorio ambientale sulle città

Tab. 2.3.4 - Numero di inquinanti rilevati nei 10 più grandi capoluoghi italiani e in Italia - Anni 2000-2007
COMUNI 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007
Torino 10 10 10 10 12 14 15 13
Milano 9 9 9 10 10 10 10 10
Venezia 10 10 11 17 17 17 17 16
Genova 13 13 14 18 19 17 16 16
Bologna 9 10 10 15 16 16 16 15
Firenze 6 7 9 11 10 10 8 7
Roma 9 9 8 8 8 8 8 8
Napoli 7 7 6 5 5 9 8 8
Bari 11 11 10 10 10 9 9 9
Palermo 7 7 11 11 11 10 12 14
Italia 5,0 5,3 5,7 6,2 6,7 6,8 7,7 7,9
Fonte: Istat, Osservatorio ambientale sulle città

Tab. 2.3.5 - Numero massimo di giorni di superamento del limite previ-


sto per il PM10 nei 10 più grandi capoluoghi italiani e in Italia - Anni
2003-2007 (a)
COMUNI 2003 2004 2005 2006 2007
Torino 185 185 199 194 190
Milano 158 169 164 149 138
Venezia 74 87 158 172 150
Genova 82 23 44 82 53
Bologna 109 96 100 109 104
Firenze 242 78 87 87 76
Roma 109 116 127 141 116
Napoli 15 15 37 38 43
Bari 65 65 57 95 72
Palermo 50 47 80 210 109
Italia 68,8 68,8 73,0 80,5 71,4
Fonte: Istat, Osservatorio ambientale sulle città
(a) Alcuni valori degli indicatori sono stati stimati imputando in avanti od a ritroso l'ultimo od
il primo dato disponinibile.

Sezione 1 \ pag. 145


3. Edifici e abitazioni

3.1 Il patrimonio abitativo: caratteristiche

Per analizzare e per capire come siano cambiate negli ultimi decenni le caratteristiche del patri-
monio abitativo romano è bene utilizzare i dati raccolti nel 2001 dall’ISTAT in occasione
dell’ultimo censimento della popolazione e delle abitazioni. Tali dati forniscono informazioni
dettagliate sulla consistenza degli edifici e delle abitazioni presenti in città, descrivendone
l’ampiezza, la struttura, lo stato di conservazione e le modalità di utilizzo. Il confronto con le in-
formazioni rilevate nei precedenti censimenti consente inoltre di analizzare come siano cambiate
nel tempo le abitudini abitative dei romani e in particolare la loro propensione ad acquistare o
meno al casa in cui vivono.
Nel 2001 la consistenza del patrimonio abitativo a Roma ammonta a 1.151.736 di alloggi, com-
posti in totale da 4.463.436 stanze; di essi il 9,6% è non occupato, l’88,2% è abitato da residenti
mentre il 2,2% da persone non residenti. (tab. 3.1.1.e tab. 3.1.2). Le abitazioni sono aumentate
rispetto al 1991 di 18.802 unità con un incremento pari all’1,7%. Tale incremento è notevol-
mente inferiore a quello verificatosi nei decenni precedenti (+16,2% nel 1981 e +11,5% nel
1991) ma in linea con l’aumento del 2% delle famiglie residenti registrato nello stesso periodo
(tab. 3.1.1 e fig. 3.1.1).

Tab. 3.1.1 - Andamento di alcune variabili legate al sistema residenziale romano nei censimenti
dal 1971 al 2001 (v.a. e var %)
Anni di censimento
1971 1981 1991 2001
var.
v.a. v.a. var. v.a. var.% v.a. var. v.a. var.% v.a. var.%
v.a.
famiglie 826.990 939.045 112.055 13,5 1.018.692 79.647 8,5 1.039.152 20.460 2,0
stanze 3.086.653 3.986.640 899.987 29,2 4.374.843 388.203 9,7 4.463.436 88.593 2,0
abitazioni 873.802 1.015.769 141.967 16,2 1.132.934 117.165 11,5 1.151.736 18.802 1,7
abitazioni occupate
da residenti in pro- 271.861 421.489 149.628 55,0 596.849 175.360 41,6 656.599 59.750 10,0
prietà
abitazioni occupate
488.255 438.158 -50.097 -10,3 355.317 -82.841 -18,9 287.824 -67.493 -19,0
da residenti in affitto
abitazioni non occu-
79.251 113.468 34.217 43,2 125.860 12.392 10,9 135.741 9.881 7,9
pate da residenti
altri tipi di alloggio
occupati da persone 6.770 545 -6.225 -91,9 184 -361 -66,2 1.471 1.287 699,5
residenti
Fonte: Istat, Censimenti 1971-2001

Tab. 3.1.2 - Abitazioni per stato di occupazione (v.a. e %)


Abitazioni occupate
Abitazioni non occupate Totale
Da almeno una persona residente Solo da persone non residenti Totale

v.a. 1.015.995 25723 1.041.718 110.018 1.151.736


% 88,2 2,2 - 9,6 100,0
Fonte: elaborazione su dati Istat, Censimento 2001

Il rapporto tra famiglie residenti (1.039.152) e abitazioni occupate da residenti (1.015.995) sa-
rebbe nella Capitale quasi soddisfacente, di circa 1,2 famiglie per abitazione, se non si tiene
conto della domanda abitativa che proviene dalle famiglie non residenti (tab. 3.1.3).
L’inadeguatezza dell’offerta abitativa disponibile è confermata dall’analisi delle condizioni abi-
tative delle famiglie romane: infatti a Roma ben 35.559 famiglie non legate da vincoli di paren-
tela o affettivi, il 3,4% di tutte quelle residenti, coabitano. (tab. 3.1.4).

Sezione 1 \ pag. 146


Fig. 3.1.1 - Andamento di alcune variabili legate al sistema residenziale romano nei censi-
menti dal 1971 al 2001 (numero indice 1971=100)
famiglie
300
stanze
250
abitazioni

200
abitazioni occupate da residenti in
proprietà
150 abitazioni occupate da residenti in
affitto
100 abitazioni non occupate da residenti

50 altri tipi di alloggio occupati da


persone residenti

0
1971 1981 1991 2001

Fonte: elaborazione su dati Istat, Censimenti 1971-2001

Tab. 3.1.3 - Abitazioni occupate da persone residenti per anno di censimento (v.a. e var. %)
anni v.a. var. %
1971 794.551 -
1981 902.301 13,6
1991 1.007.074 11,6
2001 1.015.995 0,9
Fonte: elaborazione su dati Istat, Censimenti 1971-2001

Tab. 3.1.4 - Famiglie per condizione abitativa (v.a. e %)


In coabitazione Non in coabitazione Totale
v.a. 35.559 1.003.593 1.039.152
% 3,4 96,6 100,0

Fonte: elaborazione su dati Istat, Censimento 2001

Molto elevato è anche il numero delle famiglie che non sapendo dove vivere ricorrono a solu-
zioni abitative alternative come roulotte, camper, container, baracche, garage, cantine, soffitte o
che vivono in strada. Nel 2001 sono state censite infatti 1.476 famiglie che occupavano alloggi
diversi da quelli convenzionali e 3.078 famiglie senza tetto o senza abitazione19. Le famiglie in
forte disagio abitativo sono lo 0,44% di tutte le famiglie residenti, 4.554 nel complesso, (tab.
3.1.5).

Tab. 3.1.5 - Famiglie per situazione abitativa della famiglia (v.a. e %)


Famiglie con grave disagio abitativo
Famiglie che oc-
cupano un'abi-
Famiglie coabi- Famiglie che oc- Famiglie senza Totale famiglie Totale
tazione
tanti cupano un altro tetto o senza abi- con grave disa-
tipo di alloggio tazione gio abitativo
v.a. 1.015.995 18.603 1.476 3.078 4.554 1.039.152
% 97,8 1,8 - - 0,4 100,0
Fonte: elaborazione su dati Istat, Censimento 2001

19
Nella variabile “famiglie senza tetto o senza abitazione” si definiscono: “famiglie senza tetto” quelle che non dimorano in abita-
zione né in altro tipo di alloggio, ad esempio perché vivono per strada o sotto i ponti, “famiglie senza abitazione” quelle alloggiate
presso i locali di sedi diplomatiche o consolari.

Sezione 1 \ pag. 147


Gli edifici censiti a Roma sono stati 145.077 e i complessi di edifici 1.440, per un totale di
146.517 unità. Di questi 142.709, cioè il 97,4% del totale, sono utilizzati mentre il 2,6% risulta
inutilizzato perché in costruzione, ricostruzione, in fase di consolidamento o perché cadente o in
rovina (tab. 3.1.6).

Tab. 3.1.6 - Edifici e complessi di edifici per tipologia di utilizzo (v.a. e %)


Utilizzati Non utilizzati Totale

v.a 142.709 3.808 146.517


% 97,4 2,6 100,0

Fonte: elaborazione su dati Istat, Censimento 2001

Gli edifici ad uso abitativo sono l’89,5% del totale degli edifici e complessi di edifici utilizzati,
(tab. 3.1.7).

Tab. 3.1.7 - Edifici e complessi di edifici utilizzati per tipologia d'uso e di utilizzo (v.a. e %)
utilizzati per abitazio- utilizzati per alberghi, uffici, commercio e industria, comunicazio- Altro tipo di utiliz-
Totale
ne ni e trasporti zo
v.a. 127.713 8.454 6.542 142.709
% 89,5 5,9 4,6 100,0
Fonte: elaborazione su dati Istat, Censimento 2001

Lo stato di conservazione del patrimonio abitativo è stato rilevato ottimo solo per il 23,1% degli
edifici e buono per 57,1%. (tab. 3.1.8).

Tab. 3.1.8 - Edifici ad uso abitativo per stato di conservazione (v.a. e %)


Ottimo Buono Mediocre Pessimo Totale
v.a. 29.466 72.892 22.016 3.339 127.713
% 23,1 57,1 17,2 2,6 100,0
Fonte: elaborazione su dati Istat, Censimento 2001

Per quel che riguarda il materiale utilizzato per la costruzione il 41,7% degli edifici ad uso
abitativo è stato costruito in muratura portante, di poco inferiore è l’incidenza di quelli costruiti
in calcestruzzo armato mentre per il 18,5% sono stati utilizzati altri materiali quali il legno,
l’acciaio o strutture miste.

Sezione 1 \ pag. 148


3.2 Proprietà e affitto

L’analisi del patrimonio abitativo romano in relazione al titolo secondo il quale vengono utiliz-
zati gli alloggi mostra che negli ultimi decenni sono intervenuti cambiamenti radicali negli stili
di vita dei romani. Se infatti quaranta anni fa il 34,2% degli alloggi era occupato direttamente
dai proprietari e il 61,5% da affittuari, oggi queste proporzioni si sono completamente ribaltate
così che ad essere abitati dai proprietari sono il 64,6% degli alloggi mentre solo il 28,3% è de-
stinato al mercato dell’affitto e il 7% è utilizzato a titolo gratuito e di prestazioni di servizi (tab.
3.2.1 e fig. 3.2.1).

Tab. 3.2.1 - Abitazioni occupate da persone residenti per titolo di godimento (v.a. % e variazioni %)
Proprietà Affitto Altro titolo Totale
anni
v.a. % variaz.% v.a. % variaz.% v.a. % variaz.% v.a. % variaz.%
1971 271.861 34,2 - 488.255 61,5 - 34.435 4,3 - 794.551 100 -
1981 421.489 46,7 55,0 438.158 48,6 -10,3 42.654 4,7 23,9 902.301 100 13,6
1991 596.849 59,3 41,6 355.317 35,3 -18,9 54.908 5,5 28,7 1.007.074 100 11,6
2001 656.599 64,6 10,0 287.824 28,3 -19,0 71.572 7,0 30,3 1.015.995 100 0,9
Fonte: elaborazione su dati Istat, Censimenti 1971-2001

L’aumento del numero di abitazioni occupate da persone residenti in proprietà è stato a Roma
particolarmente intenso nel periodo che va dal 1971 al 1991. In particolare nei decenni 1971-
1981 e 1981-1991 si sono registrati incrementi pari rispettivamente al 55% e al 41,6% mentre
nell’ultimo intervallo intercensuario il numero di alloggi occupati in proprietà è cresciuto del
10% (tab. 3.2.1). La classificazioni delle abitazioni per figura giuridica del proprietario mostra
che l’80,2% è posseduto da persona fisica, il 5,7% da Enti previdenziali, il 5,3% da IACP a A-
ziende per il territorio e il 3,2% da Imprese o Società.

Fig. 3.2.1 - Abitazioni occupate da persone residenti per titolo di godimento a Roma. Censimen-
ti dal 1971 al 2001 (%)
100%

80%

60%

alt ro t it olo
affit to
40%
propriet à

20%

0%
1971 1981 1991 2001

Fonte: elaborazione su dati Istat, Censimenti 1971-2001

Sezione 1 \ pag. 149


3.3 Le condizioni abitative

Le abitazioni a Roma hanno in media una superficie di 84,33 metri quadrati e sono composte da
3,88 stanze, con una superficie media pro-capite di 34,56 metri quadrati per persona residente.
La densità abitativa di 0,63 occupanti per stanza si è ridotta dal 1971 di 0,33 punti percentuali
(nel 1971 era pari a 0,96) (tab. 3.3.1). La percentuale di abitazioni in buono stato di conserva-
zione è pari al 62,2% (tab. 3.3.2). Il tipo di impianto di riscaldamento più diffuso è quello cen-
tralizzato ad uso di più abitazioni (51,8%) mentre il 44,6% delle abitazioni occupate da persone
residenti è servito da un impianto fisso autonomo ad uso esclusivo dell’abitazione e una quota
residuale, pari all’1,3%, è priva di qualsiasi impianto.

Tab. 3.3.1 - Numero di stanze per abitazione e occupanti per stanza in abitazioni occupate da per-
sone residenti per anno di censimento (v.a. e var %)
stanze/abitazioni occupanti per stanza in abitazioni occupate da residenti
anni
v.a. variazioni in punti % v.a. variazioni in punti %
1971 3,5 - 1,0 -
1981 3,9 0,4 0,8 -0,2
1991 3,9 -0,1 0,7 -0,1
2001 3,9 0,0 0,6 0,0
Fonte: elaborazione su dati Istat, Censimenti 1971-2001

Tab. 3.3.2 - Abitazioni occupate da persone residenti in edifici ad uso abitativo per stato di conser-
vazione dell'edificio (v.a. e %)
Ottimo Buono Mediocre Pessimo Totale
v.a. 219.397 631.798 144.965 18.823 1.014.983
% 21,6 62,2 14,3 1,9 100,0
Fonte: elaborazione su dati Istat, Censimento 2001

Sezione 1 \ pag. 150


3.4 Le nuove edificazioni

Dal 2001 al 2007 sono 5.991 le nuove concessioni rilasciate nel comune di Roma per la costru-
zione di fabbricati ad uso residenziale e 583 quelle per la costruzione di fabbricati non residen-
ziali. Le nuove abitazioni che tali concessioni permettono di costruire e che si vanno ad aggiun-
gere al 1.151.736 di abitazioni censite nel 2001, sono 54.699, di cui 54.493 derivanti dal com-
parto residenziale e 206 da quello non residenziale, con un numero medio di 4,9 vani e 2,7 stan-
ze. Le volumetrie concesse per la realizzazione di nuovi fabbricati ad uso residenziale sono pari
a m3 14.369.768 mentre quelle per i fabbricati ad uso non residenziale a m3 8.066.704. Il 2004 è
l’anno in cui sono state rilasciate più licenze per costruire fabbricati ad uso residenziale (1.205)
mentre sono gli ultimi due anni quelli in cui, a fronte rispettivamente di 115 e 112 licenze, è sta-
ta concessa la possibilità di costruire le più alte volumetrie di edifici ad uso non residenziale (m3
2.488.354 nel 2006 e m3 2.466.585 nel 2007) (tab. 3.4.1 e tab. 3.4.2)

Tab. 3.4.1 - Concessioni* rilasciate (fabbricati ed abitazioni) nel comune di Roma per opere residenziali. Anni 2001-2007 (v.a.)
totale 2001-
2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007
2007
Numero 791 430 689 1.205 1.071 1.014 791 5.991
Superficie tota-
FABBRICATI le fabbricato 249.560 162.692 896.027 492.564 1.328.735
1.165.014
908.657 5.203.249
(m2)
2.545.96 1.550.67 2.672.88
Volume (m3) 4.146.508 3.868.365 3.599.674 2.755.221
1 8 0 21.139.287
Numero 6.241 3.895 6.864 10.836 9.767 9.404 7.486 54.493

Stanze 19.834 11.488 19.503 31.592 26.379 25.538 153.006


18.672
ABITAZIONI
Vani Acces- 17.400 9.816 16.249 22.236 20.325 124.064
sori 23.711 14.327
Totale 37.234 21.304 35.752 55.303 48.615 45.683 32.999 276.890
* I dati di base, forniti ai Comuni dai richiedenti dei titoli abilitativi a costruire, riguardano le richieste di permesso di costruire per la
realizzazione di nuovi fabbricati o ampliamenti di volume di fabbricati preesistenti.
Fonte: ISTAT - Elaborazioni Ufficio di statistica Comune di Roma I dati del 2007 sono provvisori e soggetti a modifiche

Tab. 3.4.2 - Concessioni* rilasciate (fabbricati ed abitazioni) nel comune di Roma per opere non
residenziali. Anni 2001-2007 (v.a.)
totale
2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007
2001-2007
Numero 64 38 50 100 104 115 112 583
Superficie co-
FABBRICATI 362.241 49.890 144.123 136.462 171.306 188.910 149.907 1.202.839
perta (m2)
3 2.354.45 469.55 1.593.32 1.707.69 1.404.06
Volume (m ) 2.488.354 2.466.585 12.484.033
7 2 0 8 7
Numero 72 29 5 9 7 55 29 206
Stanze 22 79 17 29 23 119 80 369
ABITAZIONI
Vani Accessori 202 67 8 23 13 92 61 466
Totale 428 146 25 52 36 211 141 1.039
* I dati di base, forniti ai Comuni dai richiedenti dei titoli abilitativi a costruire, riguardano le richieste di permesso di costruire per
la realizzazione di nuovi fabbricati o ampliamenti di volume di fabbricati preesistenti.
Fonte: ISTAT - Elaborazioni Ufficio di statistica Comune di Roma I dati del 2007 sono provvisori e soggetti a modifiche

Sezione 1 \ pag. 151


4. Istruzione, scolarità, innovazione

4.1 La popolazione e il livello di scolarità.

Analizzando i dati degli ultimi Censimenti generali della popolazione, gli unici in grado di for-
nire informazioni utili e approfondite per comprendere le caratteristiche della scolarità dei resi-
denti, emerge che dal 1991 al 2001 si è registrata a Roma una crescita progressiva dei livelli di
istruzione della popolazione residente e una riduzione dell’analfabetismo. In particolare sono
aumentate le persone con istruzione medio-alta, quelle cioè in possesso di laurea e/o di diploma
di scuola secondaria superiore. I laureati e i diplomati, che nel 1991 erano a Roma 964.525 e
costituivano il 37,1% dei romani in età scolare, nel 2001 sono diventati 1.183.406, pari al 49%
della popolazione residente di 6 anni e più, con un incremento di 11,1 punti percentuali. Nel
complesso dell’Italia, invece, le persone in possesso dei titoli di studio più elevati sono passate
dal 22,4% al 33,4% dei residenti in età scolare, registrando un incremento di 11 punti percentua-
li. Gli analfabeti censiti a Roma nel 2001 sono ormai solo lo 0,5% della popolazione (erano lo
0,8% nel 1991) mentre nell’intero Paese rappresentano ancora l’1,5% (erano il 2,1% del 1991)
(tab. 4.1.1 e fig. 4.1.1).

Tab. 4.1.1 - Popolazione residente a Roma e in Italia in età da 6 anni in poi grado di istruzione.
Censimenti 1991 e 2001 (v.a. e %)
Roma Italia
Grado di istruzione 1991 2001 1991 2001
v.a. % v.a. % v.a. % v.a. %
1
Laurea 224.760 8,6 320.676 13,3 2.047.630 3,8 3.480.535 6,5
Diploma 2 739.765 28,5 862.730 35,7 9.937.484 18,6 14.485.090 26,9
totale laureati e diplomati 964.525 37,1 1.183.406 49 11.985.114 22,4 17.965.625 33,4

Licenza di scuola media inferiore o di avviamento


782.098 30,1 627.792 26 16.412.499 30,7 16.221.737 30,1
professionale

Licenza di scuola elementare 629.153 24,2 427.632 17,7 17.405.969 32,5 13.686.021 25,4

Alfabeti privi di titolo di studio 204.007 7,8 164.412 6,8 6.532.658 12,2 5.199.237 9,7

Analfabeti 20.072 0,8 12.895 0,5 1.145.612 2,1 782.342 1,5


Totale 2.599.855 100 2.416.137 100 53.481.852 100 53.854.962 100
1
Tra i laureati sono comprese le persone il possesso di specializzazione post laurea e/o del dottorato di ricerca.
2
Per operare il confronto con il 1991nella voce diplomi sono compresi, oltre ai diplomi di scuola secondaria superiore (di maturità e
di qualifica professionale) anche i diplomi universitari e i diplomi terziari di tipo non universitario (Accademia di Belle Arti , Ac-
cademia di danza, Accademia di arte drammatica ecc.).
Fonte: elaborazione su dati Istat, Censimento 2001

Per quel che riguarda l’investimento in formazione, si vanno attenuando le differenze di genere.
Infatti è aumentato, tra i laureati, il peso percentuale delle donne. A Roma, nel 1991, solo il
39,6% dei laureati erano donne, mentre nel 2001 le donne sono diventate il 48,1% del totale,
guadagnando 8,5 punti percentuali durante il decennio considerato. A livello nazionale la ten-
denza incrementale osservata tra le donne nel conseguire i livelli di istruzione più elevati appare
meno intensa di quella registrata a Roma dal 1991, ma sufficiente per ridurre a 1,8 punti percen-
tuali la differenza tra l’incidenza dei laureati (50,9%) e quella delle laureate (49,1%) sul totale
dei residenti che hanno conseguito un diploma di laurea (tab. 4.1.2) .

Sezione 1 \ pag. 152


Tab. 4.1.2 - Popolazione residente a Roma e in Italia in età da 6 anni in poi per sesso e grado di i-
struzione. Censimenti 1991 e 2001 (v.a. e %).
Roma
Grado di istruzione 1991 2001
maschi femmine totale maschi femmine totale
Laurea 135.735 89.025 224.760 166.534 154.142 320.676
% 60,4 39,6 100,0 51,9 48,1 100,0
Diploma 354.825 384.940 739.765 403.495 459.235 862.730
% 48,0 52,0 100,0 46,8 53,2 100,0
Licenza di scuola media inferiore o di avviamento
396.182 385.916 782.098 316.433 311.359 627.792
professionale
% 50,7 49,3 100,0 50,4 49,6 100,0
Licenza di scuola elementare 259.256 369.897 629.153 172.768 254.864 427.632
% 41,2 58,8 100,0 40,4 59,6 100,0
Alfabeti privi di titolo di studio 83.913 120.094 204.007 68.401 96.011 164.412
% 41,1 58,9 100,0 41,6 58,4 100,0
Analfabeti 5.957 14.115 20.072 3.907 8.988 12.895
% 29,7 70,3 100,0 30,3 69,7 100,0
Totale 1.236.109 1.364.246 2.600.355 1.131.769 1.284.868 2.416.637
% 47,5 52,5 100,0 46,8 53,2 100,0
Italia
Grado di istruzione 1991 2001
maschi femmine totale maschi femmine totale
Laurea 1.183.480 864.150 2.047.630 1.770.635 1.709.900 3.480.535
% 57,8 42,2 100,0 50,9 49,1 100,0
14.485.09
Diploma 4.904.998 5.032.486 9.937.484 7.093.955 7.391.135
0
% 49,4 50,6 100,0 49,0 51,0 100,0
Licenza di scuola media inferiore o di avviamento 16.412.49 16.221.73
8.809.039 7.603.460 8.723.546 7.498.191
professionale 9 7
% 53,7 46,3 100,0 53,8 46,2 100,0
17.405.96 13.686.02
Licenza di scuola elementare 7.791.915 9.614.054 5.929.355 7.756.666
9 1
% 44,8 55,2 100,0 43,3 56,7 100,0
Alfabeti privi di titolo di studio 2.754.794 3.777.864 6.532.658 2.176.882 3.022.355 5.199.237
% 42,2 57,8 100,0 41,9 58,1 100,0
Analfabeti 418.589 727.023 1.145.612 280.031 502.311 782.342
% 36,5 63,5 100,0 35,8 64,2 100,0
25.862.81 27.619.03 53.481.85 25.974.40 27.880.55 53.854.96
Totale
5 7 2 4 8 2
% 48,4 51,6 100,0 48,2 51,8 100,0
Fonte: elaborazione su dati Istat, Censimento 2001

A Roma il 4,5% dei maschi e il 5,85 delle femmine residenti di età compresa tra i 15 e i 52 anni
non è riuscita a terminare la scuola dell’obbligo mentre a livello nazionale queste percentuali
sono notevolmente superiori e pari a 9,2% per i maschi e 11,75 per le femmine (tab. 4.1.3).

Tab. 4.1.3 - Indice di non conseguimento della scuola dell'obbligo (15-52 anni) per sesso a Roma e
in Italia. Censimento 2001(%).
Sesso
Comuni Maschi Femmine Totale
Roma 4,5 5,8 5,2
Italia 9,2 11,7 10,4
Fonte: elaborazione su dati Istat, Censimento 2001

Sezione 1 \ pag. 153


4.2 Gli iscritti alle scuole

Diminuiscono gli iscritti nelle scuole materne (statali e non statli) che passano dai 38.886
dell’anno scolastico 2003-2004 ai 38.246 del 2005-2006 (-1,6%). Parallelamente diminuisce,
nelle sole scuole dell’infanzia non statali, il numero delle sezioni (dalle 894 del 2003-2004 alle
782 del 2005-2006) con conseguente aumento della densità media di alunni per sezione che dai
19,9 del 2003-2004 diventano 22,3 nell’ultimo anno scolastico considerato (tab. 4.2.1). Si assi-
ste ad un calo delle iscrizioni anche nelle scuole elementari non statali (-3,5%) mentre continua-
no aumentare gli alunni in quelle statali (+1,7%) (tab. 4.2.2).

Tavola 4.2.1 - Scuola dell'infanzia - Unità scolastiche, sezioni, alunni per sesso, alunni per sezione e
utenti dei servizi per gestione della scuola. Anni scolastici dal 2003-2004 al 2005-2006 (v.a. e varia-
zioni %)
Alunni Alunni che Alunni che
Alunni
Unità usufruisco- usufruisco-
anni scolastici tipo di gestione Sezioni per se-
scolastica MF F no della no dello
zione
mensa scuolabus
statali 212 913 21.103 10.068 13.493 1.249 23,1
2003-2004 non statali 301 894 17.783 8.752 12.157 409 19,9
Totale generale 513 1.807 38.886 18.820 25.650 1.658 21,5
statali 214 911 20.930 9.870 13.617 1.288 23,0
2004-2005 non statali 300 792 17.324 8.372 12.730 392 21,9
Totale generale 514 1.703 38.254 18.242 26.347 1.680 22,5
statali 215 920 20.835 9.854 14.026 1.240 22,6
2005-2006 non statali 301 782 17.411 8.495 11.916 255 22,3
Totale generale 516 1.702 38.246 18.349 25.942 1.495 22,5
statali 1,4 0,8 -1,3 -2,1 4,0 -0,7 -0,5
variazioni %
non statali 0,0 -12,5 -2,1 -2,9 -2,0 -37,7 2,4
2003-2004/ 2005-2006
Totale generale 0,6 -5,8 -1,6 -2,5 1,1 -9,8 1,0
Fonte: elaborazioni su dati Ministero dell' Istruzione

Tavola 4.2.2 - Scuola primaria - Unità scolastiche, classi, alunni per sesso, alunni per classe. Anni
scolastici dal 2003-2004 al 2005-2006 (v.a. e variazioni %)
Unità sco- Alunni Alunni per
anni scolastici tipo di gestione classi
lastica MF F classe
statali 358 4.854 98.042 47.395 20,2
2003-2004 non statali 188 1.083 21.721 10.712 20,1
Totale generale 546 5.937 119.763 58.107 20,2
statali 357 4.904 98.300 47.231 20,0
2004-2005 non statali 188 1.152 21.607 10.633 18,8
Totale generale 545 6.056 119.907 57.864 19,8
statali 360 4963 99686 48074 20,1
2005-2006 non statali 179 1.067 20.961 10.281 19,6
Totale generale 539 6.030 120.647 58.355 20,0
statali 0,6 2,2 1,7 1,4 -0,1
variazioni % 2003-
non statali -4,8 -1,5 -3,5 -4,0 -0,4
2004/2005-2006
Totale generale -1,3 1,6 0,7 0,4 -0,2
Fonte: elaborazioni su dati Ministero dell' Istruzione

Per quel che riguarda le scuole medie il decremento delle iscrizioni riguarda sia le scuole statali
(-1,5%) sia quelle non statali (-1,4%) mentre se si considerano le scuole secondarie di secondo
grado gli alunni continuano ad aumentare nelle scuole statali (+1,1%) ma diminuiscono in
quelle non statali del 5,6% (tab. 4.2.3 e . 4.3.4)

Sezione 1 \ pag. 154


Tavola 4.2.3 - Scuola secondaria di I grado - Unità scolastiche, classi, alunni per sesso, alunni per
classe Anni scolastici dal 2003-2004 al 2005-2006 (v.a. e variazioni %)
Alunni
Unità sco- Alunni per
anni scolastici tipo di gestione classi
lastica MF F classe

statali 138 3.164 67.843 32.434 21,4


2003-2004 non statali 86 364 7.583 3.679 20,8
Totale generale 224 3.528 75.426 36.113 21,4
statali 141 3.186 67.642 32.643 21,2
2004-2005 non statali 85 361 7.558 3.647 20,9
Totale generale 226 3.547 75.200 36.290 21,2
statali 142 3108 66850 32192 21,5
2005-2006 non statali 85 348 7.479 3.707 21,5
Totale generale 227 3.456 74.329 35.899 21,5
statali 2,9 -1,8 -1,5 -0,7 0,1
variazioni % 2003-
non statali -1,2 -4,4 -1,4 0,8 0,7
2004/2005-2006
Totale generale 1,3 -2,0 -1,5 -0,6 0,1
Fonte: elaborazioni su dati Ministero dell' Istruzione

Tavola 4.2.4 - Scuola secondaria di II grado - Unità scolastiche, classi, alunni per sesso, alunni per
classe. Anni scolastici dal 2003-2004 al 2005-2006 (v.a. e variazioni %)
Alunni
Unità sco- Alunni per
anni scolastici tipo di gestione classi
lastica MF F classe

statali 170 4.903 106.540 53.998 21,7


2003-2004 non statali 118 671 10.382 4.382 15,5
Totale generale 288 5.574 116.922 58.380 21,0
statali 169 4.893 107.085 53.740 21,9
2004-2005 non statali 120 654 9.857 4.137 15,1
Totale generale 289 5.547 116.942 57.877 21,1
statali 167 4978 107702 54113 21,6
2005-2006 non statali 119 664 9.804 4.045 14,8
Totale generale 286 5.642 117.506 58.158 20,8
statali -1,8 1,5 1,1 0,2 -0,1
variazioni % 2003-
non statali 0,8 -1,0 -5,6 -7,7 -0,7
2004/2005-2006
Totale generale -0,7 1,2 0,5 -0,4 -0,1
Fonte: elaborazioni su dati Ministero dell' Istruzione

Gli alunni stranieri presenti nelle scuole di ogni ordine e grado del comune di Roma sono au-
mentati del 43,6%, passando dai 14.571 dell’anno scolastico 2003-2004 ai 20.917 del 2005-
2006. Parallelamente è aumentata anche la presenza degli studenti stranieri in rapporto al com-
plesso degli iscritti: nell’ultimo anno scolastico considerato si contano infatti 6 studenti stranieri
ogni 100 iscritti mentre erano 4,2 nell’anno scolastico 2003-2004. L’incremento più consistente
si è registrato nelle scuole materne dove nell’intervallo di tempo considerato gli studenti stranie-
ri sono aumentati del 117,9%, mentre sono aumentati del 56,1% nelle superiori, del 34,7% nelle
scuole medie e del 32% nelle scuole elementari (tab. 4.2.5).

Sezione 1 \ pag. 155


Tab. 4.2.5 - Alunni stranieri presenti nei vari gradi di istruzione. Anni scolastici dal 2003-2004 al
2005-2006 (v.a., % e variazioni %)
scuole ma- scuole ele- scuole secondarie
anni scolastici studenti scuole medie totale
terne mentari superiori
stranieri 858 6.284 3.957 3.472 14.571
2003-2004
stranieri/iscritti*100 2,2 5,2 5,2 3,0 4,2
stranieri 1.640 6.230 4.042 3.985 15.897
2004-2005
stranieri/iscritti*100 4,3 5,2 5,4 3,4 4,5
stranieri 1.870 8.296 5.330 5.421 20.917
2005-2006
stranieri/iscritti*100 4,9 6,9 7,2 4,6 6,0
variazioni %
117,9 32,0 34,7 56,1 43,6
2003-2004/2005-2006
Fonte: elaborazioni su dati Ministero dell' Istruzione

4.3 Gli iscritti alle università e i laureati

Passando, infine, all’analisi dei dati delle Università romane, per l’anno accademico 2006-2007,
gli studenti iscritti risultano 226.748 (+0,9% rispetto ai 224.827 dell’anno accademico
precedente), la maggior parte dei quali sceglie la maggiore università romana, “La Sapienza”,
per il proprio corso di studi (133.933) anche se in calo rispetto ai 139.358 iscritti dell’anno
accademico 2005-2006 (-3,9%); coerentemente risulta in forte aumento il numero di studenti
negli altri atenei capitolini (tab. 4.3.1).
Cresce inoltre il numero di laureati del +83,4% nel periodo 2001-2006 e del +5,6% tra il 2006 e
l’anno precedente, con una diminuzione del tasso di abbandono: cresce fortemente il numero
degli iscritti che raggiunge il traguardo della laurea. Nel 2001 si laureavano 94 persone ogni
1.000 iscritti, mentre nel 2006 si sono laureate 163 persone ogni 1.000 iscritti, quasi il doppio
(Tabb. 4.3.2 e 4.3.3). Anche il numero di iscritti e laureati nei corsi di laurea specialistica si in-
crementano notevolmente (Tabb. 4.3.4 e 4.3.5).

Tab. 4.3.1 - Numero di iscritti alle strutture universitarie nel Comune di Roma. Anni accademici 2001/2002-
2006/2007 (v.a. e var. %)
var % 2006-07 var % 2006-07
Università 2001-02 2002-03 2003-04 2004-05 2005-06 2006-07
/2001-02 /2005-06
IUSM 1.579 1.289 1.408 1.262 1.340 1.362 -13,7 1,6
La Sapienza 139.345 132.537 135.639 137.597 139.358 133.933 -3,9 -3,9
Roma tre 32.270 35.408 35.537 34.473 33.444 34.422 6,7 2,9
Tor Vergata 28.114 30.490 29.479 31.993 31.385 32.121 14,3 2,3
LUISS 5.250 5.178 5.188 5.310 5.457 5.835 11,1 6,9
LUMSA 5.780 6.586 6.154 6.240 7.240 7.343 27 1,4
Campus biomedico 542 626 731 792 800 804 48,3 0,5
San Pio V 771 889 1.043 1.079 3.165 1.626 110,9 -48,6
G.Marconi (*) - - - 824 1.884 7.764 - 312,1
TEL.M.A. - - - - 608 286 - -53
Europea - - - - 146 344 - 135,6
Uninettuno - - - - - 476 - -
Mercatorum - - - - - 4 - -
UNISU - - - - - 428 - -
Totale 213.651 213.003 215.179 219.570 224.827 226.748 6,1 0,9
(*) Università telematica
Fonte: Ministero dell'Università e della ricerca - Ufficio di statistica

Sezione 1 \ pag. 156


Tab. 4.3.2 - Numero di laureati nelle strutture universitarie del Comune di Roma. Anni 2001-2006
(v.a. e var. %)
var. % 2006 - var. % 2006 -
Università 2001 2002 2003 2004 2005 2006
2001 2005
IUSM 541 535 145 161 194 194 -64,1 0
13.78 14.95 19.28 16.85 19.41 20.64
La Sapienza 49,8 6,4
3 0 9 2 2 8
Roma tre 2.007 2.694 3.285 4.521 5.443 5.999 198,9 10,2
Tor Vergata 2.144 4.044 9.368 6.855 6.002 5.368 150,4 -10,6
LUISS 844 826 876 1.425 1.516 1.222 44,8 -19,4
LUMSA 603 736 905 1.265 1.643 1.768 193,2 7,6
Campus biomedico 63 85 94 125 148 155 146 4,7
San Pio V 19 45 112 162 291 741 3800 154,6
G. Marconi (università telematica) - - - - 110 533 - 384,5
TEL.M.A. (università telematica) - - - - - 63 - -
20.00 23.91 34.07 31.36 34.75 36.69
Totale 83,4 5,6
4 5 4 6 9 1
Fonte: Ministero dell'Università e della ricerca - Ufficio di statistica

Tab. 4.3.3 - Laureati ogni 1000 iscritti. Anni 2001-2006


Università 2001 2002 2003 2004 2005 2006
IUSM 343 415 103 128 145 142
La Sapienza 99 113 142 122 139 154
Roma tre 62 76 92 131 163 174
Tor Vergata 76 133 318 214 191 167
LUISS 161 160 169 268 278 209
LUMSA 104 112 147 203 227 241
Campus biomedico 116 136 129 158 185 193
San Pio V 25 51 107 150 92 456
G.Marconi (università telematica) - - - - 58 69
TEL.M.A. (università telematica) - - - - - 220
Totale 94 112 158 143 155 163
Fonte: Ministero dell'Università e della ricerca - Ufficio di statistica

Tab. 4.3.4 - Numero di iscritti ai corsi di Laurea Specialistica nelle strutture universitarie nel co-
mune di Roma. Anni accademici 2003/2004-2006/2007 (v.a. e var. %)
var % var %
Università 2003-2004 2004-2005 2005-2006 2006-2007 2006-2007/ 2006-2007/
2003-2004 2005-2006
IUSM 110 118 164 190 72,7 15,9
La Sapienza 1.925 6.225 11.571 15.587 709,7 34,7
Roma tre 828 2.141 3.980 5.971 621,1 50
Tor Vergata 1.806 2.963 4.074 4.809 166,3 18
LUISS - 516 1.388 1.521 - 9,6
LUMSA 291 575 1.359 1.247 328,5 -8,2
Campus biomedico 63 68 71 80 27 12,7
San Pio V - 42 138 189 - 37
G.Marconi (università telematica) - - 32 164 - 412,5
TEL.M.A. (università telematica) - - 72 43 - -40,3
Totale 5.023 12.648 22.849 29.801 493,3 30,4
Fonte: Ministero dell'Università e della ricerca - Ufficio di statistica

Sezione 1 \ pag. 157


Tab. 4.3.5 - Numero di laureati nei corsi di Laurea Specialistica nelle strutture universitarie del
comune di Roma. Anni 2004-2006 (v.a. e var. %)
var. % var. %
Università 2004 2005 2006
2006 - 2003 2006 - 2005

IUSM 22 49 39 77,3 -20,4


La Sapienza 539 675 1.911 254,5 183,1
Roma tre 136 241 530 289,7 119,9
Tor Vergata 3.403 1.047 1.254 -63,2 19,8
LUISS 7 nd 128 1728,6 -
LUMSA 118 179 392 232,2 119
Campus biomedico 18 14 27 50 92,9
San Pio V 5 28 17 240 -39,3
G. Marconi (università telematica) - 1 17 - 1600
TEL.M.A. (università telematica) - - 5 - -
Totale 6.252 4.239 6.326 1,2 49,2
Fonte: Ministero dell'Università e della ricerca - Ufficio di statistica

4.4. Innovazione tecnologica e competitività del territorio

La complessità delle dinamiche innovative porta ad alcune apparenti contraddizioni. Una delle
più interessanti riguarda la geografia dell’innovazione. Si osserva infatti che, nonostante
l’aumento della potenza e della pervasività delle tecnologie dell’informazione e della comunica-
zioni (ICT), le attività innovative si concentrano sempre più in specifici luoghi fisici e tale ten-
denza si esaspera nei settori a più alto contenuto di conoscenza scientifica come, ad esempio, le
biotecnologie e le nanotecnologie. Viceversa, la maggiore diffusione dalle conoscenze scientifi-
che e le crescenti possibilità di veicolare informazioni farebbero pensare ad una tendenza alla
distribuzione territoriale uniforme della attività innovative poiché ogni luogo ha un sempre
maggiore accesso alla conoscenza (che si suppone essere la base dell’innovazione).
La centralità dei luoghi nel processo innovativo è stato messo in relazione non solo
all’importanza della cosiddetta conoscenza tacita (cioè non codificabile, che è difficile scambia-
re sulle lunghe distanze), ma anche alla mutata natura del processo stesso in cui le relazioni tra
molteplici soggetti e saperi contano più delle azioni dei singoli. Questo ha ovvie conseguenze
sulla centralità delle città come luoghi di produzione dell’innovazione e quindi motori di una
economia basata sulla conoscenza. Le città hanno da sempre visto un complesso incrocio di re-
lazioni e scambi fra una molteplicità di soggetti e culture, sono le sedi di importanti centri di ri-
cerca e formazione e sono centri economici e finanziari fortemente dinamici. Le città, in partico-
lare le grandi, hanno inoltre una specifica capacità di gestire le complesse dinamiche che la at-
traversano (governance).
In questo contesto Roma si presenta come uno dei punti di forza del sistema innovativo italiano.
Da uno studio condotto da Unioncamere Lazio20, ad esempio, risulta che il territorio romano
rappresenta una concentrazione rilevante di attività altamente innovative e specializzate, con
punte di eccellenza nel panorama nazionale ed europeo. Questo deriva da un lato dalle funzioni
direzionali della Capitale, dall’altro dalla consistente presenza sul territorio di istituzioni scienti-
fiche e di alta formazione (nove sedi universitarie tra statali e private, importanti sedi di ENEA
e CNR, centri di ricerca privati). La capitale è prima sia per quanto riguarda i valori assoluti dei
ricercatori presenti sul territorio (quasi 22mila, oltre cinque volte i dati di Milano, che si colloca
seconda come valori assoluti), che come incidenza sul totale occupati (15,4 ricercatori ogni
1.000 addetti, più del doppio di Trieste, seconda in classifica). Il ruolo della ricerca pubblica è
largamente dominante: circa l’88% dei ricercatori presenti nella capitale lavora nel settore pub-
blico, la percentuale più alta di tutte le città italiane. È interessante anche notare che la maggior

20
“Il sistema delle competenze per l’innovazione nel Lazio”, FrancoAngeli Editore, 2004

Sezione 1 \ pag. 158


parte di questi ricercatori opera in materie tecnico-scientifiche, rendendo di fatto Roma il prin-
cipale centro italiano per attività di ricerca scientifica.
Sul fronte dell’industria high-tech Roma ha una buona incidenza delle attività legate alla mani-
fattura/produzione di prodotti high-tech (2,7% del totale addetti della provincia) e ancora di più
delle attività di servizio e consulenza legate all’industria high-tech (5,4% del totale addetti).
All’interno del settore high-tech si segnala anche una intensa attività legata alla produzione e di-
stribuzione cinematografica, che registra tra l’altro significativi tassi di crescita negli ultimi 10-
15 anni (rispetto al 1991 gli addetti sono cresciuti del 320%). La città dispone, infine, di buone
infrastrutture tecnologiche, in particolare per quanto riguarda le tecnologie ICT. I settori di pun-
ta del sistema produttivo del territorio romano sono: l’aerospaziale, l’ICT e audiovisivo, il far-
maceutico, l’energia e ambiente.

Sezione 1 \ pag. 159


5. Offerta e domanda di servizi sociali
5.1 I servizi per i minori

Nel periodo che va dal 2004 al 2007 il numero dei nidi presenti sul territorio del comune di
Roma è aumentato del 40,8%, passando dai 233 del 2004 ai 328 del 2007. Le politiche messe in
atto dall’Amministrazione comunale per sostenere le famiglie attraverso la creazione di servizi
socio educativi per l’infanzia hanno portato, nel corso del 2007, all’apertura di 13 nuovi nidi
comunali e di 35 nuove strutture alternative convenzionate, con una disponibilità aggiuntiva di
1.993 posti rispetto al 2006 e di 4.720 rispetto al 2004 (tab. 5.1.1).
Al progressivo aumento delle domande per usufruire del servizio, che nel 2007 sono state
24.067, l’8,5% in più rispetto al 2006 e il 37,1% in più rispetto al 2004, ha corrisposto un con-
sistente potenziamento dell’offerta. Nel 2007, infatti, i posti disponibili nei nidi sono stati
15.721, il 14,5% in più rispetto al 2006 e il 42,9% in più rispetto al 2004. Ciò ha contribuito ad
accrescere il grado di soddisfacimento sia della domanda potenziale (nel 2007 i posti nei nidi
ogni 100 bambini minori di tre anni erano 21 contro i 14,9 del 2004) sia di quella effettiva (nel
2007 i posti nei nidi ogni 100 domande erano 65,3 contro i 62,7 del 2004) e contemporanea-
mente a ridurre l’incidenza della domanda insoddisfatta (34 domande in graduatoria di riserva
ogni 100 domande nel 2007 contro le 39,6 del 2004) (tab. 5.1.2).

Tab. 5.1.1 - Nidi comunali e strutture alternative convenzionate: numerosità, capienza, domanda.
Anni 2004- 2007 (v.a. e variazioni %)
variazioni 2004-2007 variazioni 2006-2007
2004 2005 2006 2007
v.a. % v.a. %
numerosità
n. nidi 159 163 168 181 22 13,8 13 7,7
n. strutture alternative 74 88 112 147 73 98,6 35 31,3
totale 233 251 280 328 95 40,8 48 17,1
capienza
n. posti nei nidi 8.988 10.027 10.488 11.159 2.171 24,2 461 4,6
n. posti nelle strutture alterna-
2.013 2.350 3.240 4.562 2.549 126,6 890 37,9
tive
totale 11.001 12.377 13.728 15.721 4.720 42,9 1.993 14,5
domanda
n. domande per usufruire del
17.554 19.515 21.171 24.067 6.513 37,1 1.656 8,5
servizio
n. domande in graduatoria di
6.945 7.991 8.152 8.189 1.244 17,9 161 2,0
riserva
Fonte: elaborazioni su dati della Relazione al rendiconto del comune di Roma

Tab. 5.1.2 - Nidi comunali e strutture alternative convenzionate: grado di soddisfacimento della
domanda. Anni 2004- 2007 (v.a. e variazioni)
variazioni 2004-2007 variazioni 2006-2007
2004 2005 2006 2007
(punti %) (punti %)
domanda potenziale soddisfatta (%)
posti complessivi/ popolazione<3anni*100 14,9 16,7 18,0 21,0 6,1 3,0
domanda effettiva soddisfatta (%)
posti complessivi/ domande per usufruire del servi-
62,7 63,4 64,8 65,3 2,6 0,5
zio*100
domanda effettiva insoddisfatta (%)
domande in graduatoria di riserva/ domande per
39,6 40,9 38,5 34,0 -5,6 -4,5
usufruire del servizio*100
Fonte: elaborazioni su dati della Relazione al rendiconto del comune di Roma

Sezione 1 \ pag. 160


Fig. 5.1.1 - Domande per usufruire del servizio asili nido e capienza totale asili nido comunali e
strutture alternative. Anni 2001-2007
30.000

25.000

20.000
totale domande

15.000 capienza totale nidi comunali e


strutture alternative

10.000

5.000

0
2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007

Fonte: elaborazioni su dati della Relazione al rendiconto del comune di Roma

Parallelamente è stato molto intenso l’impegno dell’Amministrazione comunale per fronteggiare


le problematiche legate al disagio dei minori italiani e stranieri, in forte aumento in questi ultimi
anni. Rispetto al 2004 il numero dei minori accolti nei centri di seconda accoglienza su richiesta
delle Forze dell’Ordine e dell’Autorità Giudiziaria Minorile è aumentato del 93,6% passando
dai 420 casi del 2004 agli 813 del 200721 (tab. 5.1.3).

Tab. 2.4 - Interventi per minori. Anni 2004-2007


var.% 2004- var.% 2006-
2004 2005 2006 2007
2007 2007
minori accolti nei CPA 1.075 1.455 1.583 1.024 -4,7 -35,3
ingressi nei CPA (molti minori effettuano più ingressi nei
1.385 1.905 2.008 1.305 -5,8 -35,0
CPA)
numero minori accolti in strutture residenziali di II acco-
420 460 447 813 93,6 81,9
glienza
utenti accolti nei CPA 0/6 anni 37 55 71 66 78,4 -7,0
nuclei madre bambino inseriti in centri di seconda acco-
83 66 72 61 -26,5 -15,3
glienza

minori non riconosciuti o riconosciuti dalla sola madre inse-


74 102 128 110 48,6 -14,1
riti in centri di II accoglienza

minori riconosciuti dalla sola madre assistiti economicamen-


1.118 1.300 1.231 1.187 6,2 -3,6
te in famiglia

minori stranieri non accompagnati in tutela 311 280 476 429 37,9 -9,9

di cui richiedenti asilo 47 105 260 406 763,8 56,2


minori residenti in tutela 199 230 302 329 65,3 8,9
minori non riconosciuti in tutela 140 230 234 299 113,6 27,8

curatela speciale minori circuito penale DPR 448/88* 437 1.259 1.125 235 -46,2 -79,1

* Lo scostamento rispetto al rendiconto 2006 è dovuto alla piena entrata in vigore della legge 149/01 che prevede la nomina che
prevede la nomina di un avvocato con il ruolo di curatore, svolto fino al 2006 dall'Amministrazione.
Fonte: : elaborazioni su dati della Relazione al rendiconto del comune di Roma

Elevato anche il numero dei minori di sei anni accolti nei centri di pronta accoglienza che sono
stati 61 nel 2007, il 78,4% in più del 2004. É da considerare che nei Centri di Pronta Accoglien-

21
Il dato si riferisce ai minori entrati direttamente nelle strutture di seconda accoglienza che sono stati
543 nel 2007. a questi vanno aggiunti i minori già presenti al 1° gennaio.

Sezione 1 \ pag. 161


za – CPA, circa il 95%22 dei ragazzi accolti è costituito da minori stranieri non accompagnati
per i quali l’amministrazione ha l’obbligo di assistenza in base al DPR 616/77. In aumento an-
che il numero di minori non riconosciuti o riconosciuti dalla sola madre che sono stati inseriti in
strutture residenziali di seconda accoglienza, passati dai 74 del 2004 ai 110 del 2007. Gli inter-
venti di tipo economico erogati alla famiglia composta da minori e dalla sola madre sono passati
dai 1.118 del 2004 ai 1.187 del 2007, registrando un incremento del 6,2% rispetto al 2004. In
crescita anche il fenomeno dei minori non riconosciuti in tutela passati dai 140 del 2004 ai 299
del 2007 (+113,6%) e dei minori stranieri non accompagnati sottoposti a tutela, passati dai 311
del 2004 ai 429 del 2007 (il 37,9% in più rispetto al 2004). Tra questi in aumento anche il nu-
mero di ragazzi richiedenti asilo, che nel 2004 erano 47, nel 2006 erano 260 e sono diventati
406 nel 2007 , registrando un incremento del 56,2% solo nell’ultimo anno (tab. 5.1.3).

Fig. 5.1.2 - Numero minori accolti in strutture residenziali di II accoglienza. Anni dal 2004 al 2007

2007

2006

2005

2004

0 100 200 300 400 500 600 700 800 900

Fonte: : elaborazioni su dati della Relazione al rendiconto del comune di Roma

5.2 I servizi per gli anziani

Nel 2006 sono stati assisti 9.458 anziani: 3.120 con contribuito economico, 908 con contributo
alla retta in casa di riposo, 1.084 presso i centri diurni per anziani fragili, 3.626 con interventi di
assistenza domiciliare e/o extradomiciliare, 720 con attività socializzanti in centri diurni. Com-
plessivamente si registra una riduzione degli interventi in favore degli anziani che sono diminui-
ti del 3,5% nell’ultimo anno e del 7,6% rispetto al 2004. La diminuzione più consistente si rile-
va per gli interventi che hanno lo scopo di assistere e aiutare l’anziano nell’ambito della socia-
lizzazione e delle attività quotidiane mentre decrementi più contenuti hanno riguardato il nume-
ro di anziani cui viene rivolto un intervento economico e di integrazione per il pagamento della
retta in casa di riposo (tab. 5.2.1). Le strutture per sostenere l’attività ricreativa degli anziani so-
no aumentate dell’1,4% nell’ultimo anno passando dalle 138 del 2006 alle 140 del 2007. Gli u-
tenti dei centri anziani nel 2006 sono stati 93.588, rispettivamente lo 0,6% e il 6,5% in più ri-
spetto al 2005 e al 2004 (tab. 5.2.2).

22
Comune di Roma “Relazione al rendiconto 2006 – Attività del Dipartimento V Politiche economiche e
della salute - Progetto/centro di costo: interventi per minori.

Sezione 1 \ pag. 162


Tab. 5.2.1 - Anziani in assistenza. Anni 2004-2007 (v.a. e variazioni %)
variazioni % variazioni %
2004 2005 2006 2007
2004-2007 2006-2007
n. anziani indig. assistiti con contr. retta in
1.046 1.111 965 908 -13,2 -5,9
casa riposo
n. utenti centri diurni anziani fragili 1.210 1.276 1.126 1.084 -10,4 -3,7

n. anziani assistiti economicamente 3.032 3.052 3.228 3.120 2,9 -3,3


n. anziani in assistenza domiciliare e/o extra-
3.894 4.109 3.657 3.626 -6,9 -0,8
dom.
n. anziani assistiti con attività socializz.e
1.059 1.027 826 720 -32,0 -12,8
centro diurno
totale anziani assistiti 10.241 10.575 9.802 9.458 -7,6 -3,5
anziani assistiti ogni 100 anziani (+65 anni)* 1,81 1,83 1,76 1,58 -0,2 -0,2
* variazioni in punti %
Fonte: elaborazioni su dati della Relazione al rendiconto del comune di Roma

Tab. 5.2.2 - Anziani iscritti ai centri anziani e numero dei centri. Anni 2004-2007 (v.a. e variazioni %)
variazioni % variazioni %
2004 2005 2006 2007
2004-2007 2006-2007
n. centri anziani 131 134 138 140 6,9 1,4
n. anziani iscritti ai centri anziani 82.534 87.380 87.875 93.588 13,4 6,5
anziani iscritti ogni 100 anziani (+65 anni)* 14,60 15,12 14,94 15,66 1,1 0,7
* variazioni in punti %
Fonte: elaborazioni su dati della Relazione al rendiconto del comune di Roma

5.3 Altri servizi sociali erogati

I servizi per gli adulti e i diversamente abili. Consistente il numero degli adulti in assistenza e-
conomica, che nel 2007 si attestano sulle 2.355 unità, il 18,7% e il 4,6% in meno rispetto al
2007 e al 2004 (tab. 5.3.1).

Tab. 5.3.1 - Adulti in assistenza . Anni 2004-2007 (v.a. e variazioni %)


variazione % variazione %
2004 2005 2006 2007
2004-2007 2006-2007
totale adulti assistiti eco-
3.035 2.589 2.895 2.355 -22,4 -18,7
nomicamente
adulti assistiti ogni 1000
1,66 1,43 1,61 1,31 -0,4 -0,3
adulti (18-64)*
* variazioni in punti %
Fonte: elaborazioni su dati della Relazione al rendiconto del comune di Roma

Le persone diversamente abili assistite sono state 5.964 (+5,2% rispetto al 2006) con interventi
di assistenza alla persona (3.511) e nelle scuole (2.453) (tab. 5.3.2).

Tab. 5.3.2 - Diversamente abili in assistenza per tipologia di assistenza. Anni 2004-2007 (v.a. e varia-
zioni %)
2004 2005 2006 2007 variazioni % 2004- variazioni % 2005-
2007 2006
diversamente abili in assistenza
3.210 3.332 3.372 3.511 9,4 4,1
alla persona
diversamente abili assistiti nelle
1.920 2.113 2.296 2.453 27,8 6,8
scuole
totale diversamente abili assistiti 5.130 5.445 5.668 5.964 16,3 5,2
diversamente abili assistiti ogni
2,1 2,2 2,3 2,1 0,0 -0,2
1000 residenti*
*variazioni in punti %
Fonte: elaborazioni su dati della Relazione al rendiconto del comune di Roma

I servizi per contrastare l’emergenza sociale. Nel 2006 sono stati assistiti, presso i centri di ac-
coglienza notturna convenzionati e presso ricoveri messi a disposizione nel periodo

Sezione 1 \ pag. 163


dell’emergenza freddo, più di 2.158 persone in grande disagio sociale che necessitano quotidia-
namente di una sistemazione per la notte (il decremento del 36,6% di assistiti rispetto al 2006 è
dovuto alla trasformazione di alcuni centri di accoglienza notturna di II livello in centri di acco-
glienza per gli immigrati). Il circuito dell’accoglienza è costituito da centri di accoglienza not-
turna di I livello, da centri di accoglienza notturna di II livello, da appartamenti di transito, da
centri diurni e da strutture per l’accoglienza di mamme e bambini con una disponibilità rispetti-
vamente di 650, di 120, di 96, di 60 e di 132 posti giornalieri continuamente occupati durante il
corso dell’anno e da ricoveri per l’emergenza freddo che hanno ospitato nell’ultimo anno 1.100
assistiti (-0,9% rispetto al 2004) (tab. 5.3.3). Parallelamente sono stati erogati durante l’anno
471.476 pasti presso le mense convenzionate con il comune di Roma, il 18,1% più del 2006 e il
46,5% più del 2004 (tab. 5.3.4).

Tab. 5.3.3 - Interventi a favore dei senza fissa dimora: numero di centri e posti disponibili nel si-
stema di accoglienza del comune di Roma. Anni 2004-2007
var.% 2004- var.% 2006-
2004 2005 2006 2007
2007 2007
numero posti numero posti numero posti numero posti numero posti numero posti
centri accoglienza not-
4 500 4 600 2 500 7 650 75,0 30,0 250,0 30,0
turna I livello

centri accoglienza not-


2 160 8 950 8 750 2 120 0,0 -25,0 -75,0 -84,0
turna II livello*
appartamenti di transito 24 72 24 40 24 96 24 96 0,0 33,3 0,0 0,0
centri diurni - - - - 1 30 1 60 - - 0,0 100,0
strutture per accoglienza
7 431 7 332 5 386 4 132 -42,9 -69,4 -20,0 -65,8
nuclei mamme-bambini

totale 37 1.163 43 1.922 40 1.762 38 1.058 -7,0 -9,0 -5,0 -40,0


emergenza freddo: assi-
1.110 1.622 1.640 - 1.100 - -0,9 - -32,9
stiti
totale 37 2.273 43 3.544 40 3.402 - 2.158 -7,0 -5,1 -100,0 -36,6

* la differenza tra il dato del 2007 e quello del 2006 è dovuta al trasferimento della gestione alla U.O. Immigrazione dei centri di
Via Capua, Via di Lunghezza, Via Scorticabove, Via Amarilli e via Casilina.
Fonte: : elaborazioni su dati della Relazione al rendiconto del comune di Roma

Questi dati, relativi agli interventi attuati dall’Amministrazione per fronteggiare le gravi situa-
zioni di emergenza sociale che si presentano sul territorio e non dipendenti esclusivamente dai
fondi disponibili, permetto di capire come siano cambiati negli ultimi anni i livelli di povertà
nella città di Roma. I dati del rendiconto 2007 indicano che negli ultimi anni la domanda di as-
sistenza proveniente dalle fasce più deboli della popolazione è progressivamente aumentata e
che l’Amministrazione ha dovuto intensificare proprio quegli interventi diretti a fronteggiare si-
tuazioni di povertà estrema. Emerge infatti che, a fronte di richieste di assistenza progressiva-
mente in crescita, l’Amministrazione ha dovuto intensificare il suo impegno proprio aumentan-
do gli interventi nei confronti delle fasce sociali più deboli della popolazione.

Tab. 5.3.4 - Mense sociali: sommatoria dei pasti autorizzati annualmente per ciascun utente. Anni
2004-2007
variazione % variazione %
2004 2005 2006 2007
2004-2007 2006-2007
n. pasti autorizzati 321.718 374.985 399.250 471.476 46,5 18,1
media dei pasti autorizzati giornalmente 881 1.027 1.094 1.292 46,5 18,1
Fonte: elaborazioni su dati della Relazione al rendiconto del comune di Roma

Il disagio rappresentato dagli stranieri che vivono in città deriva principalmente da carenze che
riguardano la situazione abitativa. Dall’analisi delle attività rivolte agli immigrati, ai rifugiati e
ai richiedenti asilo, svolte dal Centro Cittadino per le Migrazioni, emerge che nel 2007 sono
state 1.952 le domande pervenute per usufruire dell’assistenza alloggiativa, il 43,6% in più del
2004, e 2.253 sono stati coloro effettivamente accolti nei 23 centri di accoglienza immigrati
(tab. 5.3.5). I nomadi ospitati nei campi attrezzati e non sono stati nel corso dell’anno poco me-

Sezione 1 \ pag. 164


no di 7.000, di questi 650 ospitati negli 4 campi attrezzati, 3.100 negli 11 campi non attrezzati e
altri 3.100 nei 7 villaggi della solidarietà nei quali viene assicurato un presidio sociale durante
il giorno e la notte che permette il controllo dei flussi in entrata e in uscita con la collaborazione
dei Vigili Urbani competenti per territorio (tab. 5.3.6).

Tab. 5.3.5 - Interventi per gli immigrati, rifugiati e richiedenti asilo. Anni 2004-2007 (v.a. e varia-
zioni %)
2004 2005 2006 2007 var.% 2004-2007 var.% 2006-2007

richieste di assistenza nei centri di ac-


1.359 1.037 1.565 1.952 43,6 24,7
coglienza immigrati

assistiti effettivi nei centri di accoglien-


727 1.221 1.301 2.253 209,9 73,2
za immigrati

centri di accoglienza immigrati 20 16 16 23 15,0 43,8

posti disponibili nei centri di acco-


528 620 628 1282 142,8 104,1
glienza immigrati
Fonte: : elaborazioni su dati della Relazione al rendiconto del comune di Roma

Tab. 5.3.6 - Servizi ai nomadi. Anni 2004-2007 (v.a. e variazioni %)


2004 2005 2006 2007 var.% 2006-2007

villaggi della solidarietà: numero 1 2 3 7 133,3


villeggi della solidarietà: utenti - 580 1230 3100 152,0
campi nomadi attrezzati: numero* 7 8 8 4 -50,0
campi nomadi attrezzati: utenti - 2500 2500 650 -74,0
campi nomadi non attrezzati: numero 19 17 16 11 -31,3
campi nomadi non attrezzati: utenti - 3000 3400 3100 -8,8
Totale campi nomadi: numero 27 27 27 22 -18,5
Totale campi nomadi: utenti 0 6080 7130 6850 -3,9
* I campi attrezzati di Via Canndoni, Via Gordiani e Casal Lombroso sono stati trasformeti in Villaggi della Solidarietà; il campo
di Via Trioli è stato chiuso.

Fonte: elaborazioni su dati della Relazione al rendiconto del comune di Roma

Sezione 1 \ pag. 165


6. Il tessuto produttivo e gli andamenti dell’economia
6.1 L’economia romana: congiuntura e stato delle aspettative

Secondo le più recenti analisi trimestrali dell’ISAE (I e II trimestre 2008), la bassa congiuntura
e il deterioramento dello stato delle aspettative a medio termine che attualmente contraddistin-
guono il contesto internazionale stanno impattando anche sui contesti locali. L’economia roma-
na, ovviamente, non è immune alle tendenze globali, ma mostra anche una discreta capacità, in
certi settori, di assorbirne i contraccolpi e limitarne le conseguenze. Nel leggere i dati che se-
guono bisogna tenere presente, tuttavia, che si tratta di valutazioni raccolte prima che i fattori
della crisi finanziaria internazionale emergessero con evidenza (anche mediatica) sulla scena
economica e politica.

Fig. 6.1.1 – Clima di fiducia delle imprese nel Comune di Roma,


anni 2005-2007 e primi due trimestri del 2008

Fonte: elaborazione su dati Isae

Il clima di fiducia registrato presso le imprese, che, al netto di fluttuazioni cicliche, ha assunto
un profilo di discesa dall’inizio del 2007, ha subito nel secondo trimestre del 2008 un evidente
peggioramento (l’indice è calato bruscamente da 93,9 a 82,8 rispetto al trimestre precedente).
Questo netto deterioramento dello stato delle aspettative delle imprese si spiega alla luce di al-
cuni andamenti settoriali:
• nell’industria si registra un calo congiunturale degli ordinativi e della domanda, nono-
stante la produzione e l’occupazione nel settore registrino ancora variazioni trimestrali
positive e lo stato delle aspettative resti positivo;
• nelle costruzioni viene giudicata insufficiente e ulteriormente in calo la domanda e le
aspettative di medio termine sono generalmente negative, così come l’andamento
dell’attività;
• il commercio evidenzia forse il grado di maggiore deterioramento, con giudizi negativi
da parte delle imprese sia sulla domanda, sia sulla consistenza delle scorte (considerate
eccessive), sia sulle tendenze di medio termine (da sottolineare che si tratta di giudizi
negativi condivisi in media anche dalla grande distribuzione);
• il resto delle attività di servizi giudica, in generale, non negativo l’andamento della do-
manda e della produzione (anche se con forti differenze intrasettoriali), ma anche in
questo settore le imprese valutano con sfiducia le prospettive per i prossimi mesi.
In generale, quindi, è nei due comparti-chiave delle costruzioni e del commercio che si annidano
i maggiori elementi di crisi e di deterioramento del clima di fiducia per l’economia romana.
Meno critica, ma non del tutto positiva, la situazione nel resto delle attività terziarie. Ancora
meno sfavorevole appare il quadro relativo all’industria, il cui contributo per il sostegno della
congiuntura locale può essere decisamente importante dal punto di vista qualitativo, ma diffi-
cilmente determinante sotto il profilo quantitativo, data lo scarso peso relativo delle attività ma-
nifatturiere nell’economia romana.

Sezione 1 \ pag. 166


A fronte degli andamenti non positivi registrati nel mondo produttivo, il II trimestre del 2008 si
contraddistingue per un moderato miglioramento del clima di fiducia dei consumatori (l’indice è
passato da 79,7 a 80,8). Occorre ancora ribadire che si tratta di un dato registrato prima che si
delineassero con evidenza i contorni della crisi finanziaria internazionale.
L’indagine sulla situazione finanziaria delle famiglie e sui programmi di acquisto ha evidenziato
che il 71,5% delle famiglie riesce a quadrare il bilancio, il 9,0% risparmia, il 17,0% deve prele-
vare dai risparmi e l’1,0% deve fare debiti; in questo quadro non del tutto negativo, nondimeno
nessuno ha dichiarato di voler spendere di più per l’acquisto di beni durevoli nei successivi do-
dici mesi, contro il 6,0% delle famiglie che ha previsto di spendere di meno.

Fig. 6.1.2 – Clima di fiducia dei consumatori, gennaio 2007 – lu-


glio 2008

Fonte: elaborazioni su dati Isae

6.2 Le dinamiche del valore aggiunto

Il valore aggiunto prodotto nel territorio romano ha superato i centomila milioni di euro nel
2007 (tab. 1.2.1), dei quali ben 89.365 milioni sono dovuti ad attività terziarie.

Tab. 6.2.1 - Valore aggiunto prodotto in provincia di Roma per settore d'attività (mln. di euro;
valori reali: base 2000)
2005 2006 2007
Agricoltura 449 473 478
Industria in senso stretto 7.754 7.700 7.982
Costruzioni 3.805 3.861 3.932
Servizi 85.330 86.762 89.365
Totale 97.337 98.795 101.756
Fonte: elaborazione su dati Prometeia

Roma si conferma una delle economie locali più terziarizzate d’Italia, con una quota di valore
aggiunto prodotta nei servizi pari all’87,8% del valore aggiunto totale (Fig. 6.2.1). L’industria
in senso stretto contribuisce per il 7,8%, le costruzioni per il 3,9% e il settore primario solo per
lo 0,5%. Rispetto alla struttura produttiva nazionale emerge in particolare la forte differenza ri-
guardante la manifattura e l’agricoltura, che a livello dell’intero paese pesano, rispettivamente,
per il 21,5% e il 2,5%.

Sezione 1 \ pag. 167


Fig. 6.2.1 -Composizione percentuale del valore aggiunto prodotto in provincia di Roma e in Italia - anno 2007

70,5%

87,8% Servizi
Costruzioni
Industria in s.s.
Agricoltura

5,5%

21,5%
3,9%
7,8% 0,5% 2,5%

Roma Italia

Fonte: elaborazioni su dati Prometeia

Considerando gli anni più recenti, la crescita del valore aggiunto romano (tab. 6.2.2) è stata nel
2006 sostanzialmente allineata agli andamenti nazionali (escluse le differenze settoriali), mentre
nel 2007 l’economia romana ha fatto segnare un progresso decisamente più consistente, con una
variazione reale del 3,0% rispetto all’1,6% nazionale. A livello settoriale mostrano una buona
performance nel territorio romano l’agricoltura (cresciuta sia nel 2006, sia nel 2007) e i servizi
(in particolare nel 2007), mentre i valori relativi alle costruzioni non si discostano significati-
vamente da quelli nazionali. Un discorso a parte riguarda l’industria, che evidenzia una forte va-
riabilità di risultati nei due anni considerati e la cui performance nel 2007 appare rilevante.

Tab. 6.2.2 - Il valore aggiunto a Roma e in Italia per settori d'attività - tassi
di variazione annui calcolati su valori reali (base 2000)
Roma Italia
2006 2007 2006 2007
Agricoltura 5,4% 1,0% -1,4% 0,0%
Industria in senso stretto -0,7% 3,7% 1,2% 0,8%
Costruzioni 1,5% 1,8% 1,5% 1,6%
Servizi 1,7% 3,0% 2,1% 1,9%
Totale 1,5% 3,0% 1,8% 1,6%
Fonte: elaborazioni su dati Prometeia

Nel periodo 2000-207 il valore aggiunto prodotto nella provincia di Roma è cresciuto del 2,1%
all’anno (tasso medio composto), evidenziando una dinamica sensibilmente superiore a quella
osservata nelle altre principali province metropolitane (tabb. 6.2.3 e 6.2.4). Il differenziale posi-
tivo assume proporzioni maggiori nel confronto con le metropoli del nord (Torino e Milano).

Tab. 6.2.3 - Valore aggiunto prodotto nelle maggiori province metropolitane italiane - milioni di euro in valori reali
Torino Milano Bologna Roma Napoli Palermo
2000 47.466 111.657 24.362 87.808 34.998 14.233
2001 47.218 113.564 24.422 89.986 36.373 14.878
2002 47.468 111.940 23.878 91.736 36.574 14.907
2003 47.201 111.221 23.887 90.183 36.141 14.713
2004 46.866 109.495 24.099 94.756 35.691 14.533
2005 47.654 112.444 24.693 97.337 37.389 15.582
2006 48.702 114.146 25.373 98.795 37.827 15.487
2007 49.431 116.609 26.088 101.756 38.266 15.595
Fonte: Prometeia

Sezione 1 \ pag. 168


Tab. 6.2.4 - Valore aggiunto prodotto nelle maggiori province metropolitane italiane - variazioni percentuali annue calco-
late su valori reali
Torino Milano Bologna Roma Napoli Palermo
2001 -0,5% 1,7% 0,2% 2,5% 3,9% 4,5%
2002 0,5% -1,4% -2,2% 1,9% 0,6% 0,2%
2003 -0,6% -0,6% 0,0% -1,7% -1,2% -1,3%
2004 -0,7% -1,6% 0,9% 5,1% -1,2% -1,2%
2005 1,7% 2,7% 2,5% 2,7% 4,8% 7,2%
2006 2,2% 1,5% 2,8% 1,5% 1,2% -0,6%
2007 1,5% 2,2% 2,8% 3,0% 1,2% 0,7%
var. 2000-2007 0,6% 0,6% 1,0% 2,1% 1,3% 1,3%
Fonte: elaborazioni su dati Prometeia

La maggiore crescita realizzata dall’economia romana nel periodo considerato non è solo il frut-
to di una performance annua mediamente migliore, ma anche di un andamento complessivo me-
no incerto: quella di Roma è l’unica provincia tra quelle considerate (insieme a Bologna) a regi-
strare un unico anno negativo (il 2003). La fig. 6.2.2 mostra come il profilo di crescita
dell’economia di Roma sia più deciso nel confronto con le altre aree metropolitane e come la
divaricazione aumenti particolarmente a partire dal 2003.

Fig. 6.2.2 – Andamento del valore aggiunto in alcune province italiane (numeri indice 2000=100;
calcolati su valori concatenati)
Graf. 7.1.2. Andamento del valore aggiunto in alcune province italiane
(numeri indice 2000=100; calcolati su valori concatenati)

120

115

Torino
110
Milano
Bologna
Roma
Napoli
105
Palermo

100

95
2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007

Fonte: elaborazioni su dati Prometeia

In termini pro-capite, il valore aggiunto prodotto nella provincia di Roma ammonta a 25.026 eu-
ro per ogni residente (tab. 6.2.5). Si tratta di un valore secondo solo a quello della provincia di
Milano. Nel periodo 2000-2007 la crescita media annua composta del valore aggiunto pro-
capite è stata pari allo 0,8% in provincia di Roma, valore inferiore a quelli registrati a Napoli e
Palermo, ma superiore a quelli osservati nelle province settentrionali (Torino e Milano mostrano
dati di segno negativo, risultanti da una crescita della popolazione residente più che proporzio-
nale all’aumento – piuttosto contenuto – del valore aggiunto).

Tab. 6.2.5 - Valore aggiunto pro-capite(*) nelle principali province metropolitane


Var. % annua
Città 2000 2007
composta
Torino 21.877 21.744 -0,1%
Milano 30.137 29.741 -0,2%
Bologna 26.738 27.030 0,2%
Roma 23.702 25.026 0,8%
Napoli 11.426 12.421 1,2%
Palermo 11.497 12.549 1,3%<