Sei sulla pagina 1di 6

Derivate parziali, derivate direzionali, differenziabilit`a

1.
q a) Calcolare le derivate direzionali e le derivate parziali in (0, 1) di f (x, y) =
3
x2 (y 1) + 1. b) Vale la formula del gradiente? f `e differenziabile in (0, 1)?

c) Calcolare Dv f (0, 1), dove v `e il versore individuato dalla retta y = 3x


orientato nel verso delle x crescenti. d) Calcolare Dv f (0, 1), dove v `e il versore
individuato dalla retta y = 2x orientato nel verso delle x crescenti.
q

2. Calcolare le derivate parziali in (0, 0) di f (x, y) =

y 3 sin2 x.
q

3. Calcolare, se esistono, le derivate parziali in (0, 3) di f (x, y) =


4. Sia

|x|(x2 + y 2 4).

2x2 y
se (x, y) 6= (0, 0)
f (x, y) = x4 + y 2

0
se (x, y) = (0, 0)

Mostrare che f non `e continua in (0, 0), ma che ammette derivate direzionali
in (0, 0) lungo qualunque direzione.
q

5. Sia f (x, y) = x2 + y 2 . a) Disegnare il grafico di f . b) Calcolare, dove


esistono, le derivate parziali di f .
6. Sia f (x, y) = x2 + y 2 . a) Disegnare il grafico di f . b) Mostrare che f `e differenziabile nel punto (1, 1), utilizzando la definizione. c) Scrivere lequazione
del piano tangente al grafico di f nel punto (1, 1, f (1, 1)).
2
7. Sia f (x, y) = xex y. a) Determinare il dominio D di f . b) Calcolare,
dove esistono, le derivate parziali di f .

8. Sia f (x, y) = x 3 y. a) Determinare il dominio D di f . b) Calcolare, dove


esistono, le derivate parziali di f . c) Mostrare che f `e differenziabile in (0, 0).
d) Stabilire dove f `e differenziabile.
9. Sia

xy 2
x2 + y 2
f (x, y) =

se (x, y) 6= (0, 0)
se (x, y) = (0, 0)
1

a) Calcolare le derivate parziali di f . b) Calcolare le derivate direzionali di f


in (0, 0). c) Vale la formula del gradiente in (0, 0) ? d) Mostrare che f non `e
differenziabile in (0, 0).
10. Dire se la funzione

log(1 + |xy|)


+ 1 se (x, y) 6= (0, 0)

f (x, y) =

x2 + y 2

se (x, y) = (0, 0)

`e continua, derivabile, differenziabile in (0, 0).


11. Calcolare la derivata della funzione f (x, y) = (x2 y 2 )ex
direzione v, nel punto (1, 1).

2 y 2

nella generica

12. Si consideri la funzione f (x, y) = y 2 e4x . a) La funzione `e differenziabile nel


punto (0, 1)? Vale la formula del gradiente nel punto (0, 1)? Si calcolino
gradiente e derivate direzionali nel punto (0, 1). b) Qual `e la direzione di
massima crescita di f nel punto (0, 1)? Quale quella in cui Dv f (0, 1) = 0?
13. Scrivere lequazione del piano tangente alla superficie grafico di f (x, y) =
ex sin y in (1, ), giustificandone lesistenza. Calcolare poi Dv f (1, ), dove

3 4
v=
, .
5 5
14. Sia f (x, y) = (x + 1)y + log(1 + 2x). a) Calcolare f (0, 0) e determinare
massimo e minimo di f (0, 0) v, al variare di v versore qualunque del piano
x, y. b) Verificare che f (0, 0) `e ortogonale in (0, 0) alla linea di equazione
log(1 + 2x)
y=
.
1+x
15. Data la superficie S di equazione z = xy , dire in quale punto di S il piano
tangente `e parallelo al piano x, y.
16. Sia f (x, y) = x sin y. Determinare lungo quale direzione Dv f (1, 1) = 0.
17. Sia f (x, y) = y 4 e3x . Determinare lungo quale direzione Dv f (0, 1) = 0.

y
18. Sia f (x, y) = e
. a) Calcolare il gradiente di f nel punto P = (1, 1); b)
x
determinare lequazione della linea di livello C di f passante per P e calcolare il
3x

coefficiente angolare della retta tangente a C in P ; c) verificare che il gradiente


di f `e perpendicolare a C in P .
2

19. Sia f (x, y) = yex y . a) Scrivere lequazione del piano tangente alla
2
superficie grafico di f nel punto (1, 2, 2 ); b) sia C la linea di livello passante
e
per P = (1, 2), scrivere lequazione della retta tangente a C in P .
Soluzioni.
f (t cos , 1 + t sin ) f (0, 1)
1. a) Se v = (cos , sin ), Dv f (0, 1) = lim
=
t0
t

3 2
t cos2 t sin
f
f
3
lim
= cos2 sin . In particolare
(0, 1) =
(0, 1) = 0.
t0
t
x
y
b) Non vale la formula
del gradiente, pertanto f non`e differnziabile in (0, 1).
!
6
1 3
3
c) Si ha che v =
,
, quindi Dv f (0, 1) =
. d) Si ha che v =
2 2
2
s

!
1 2
2
(cos , sin ), con tan = 2, quindi v = , , quindi Dv f (0, 1) = 3 .
5 5
5 5
f
2 y 3 sin x cos x
f
(x, y) = q
, dunque
(0, 0) si presenta nella
5
2
x
5 (y 3 sin x)4
x
0
f
forma di indecisione . Calcoliamola allora con la definizione:
(0, 0) =
0
x
0
f
f (0, h) f (0, 0)
f (h, 0) f (0, 0)
= lim = 0, analogamente
(0, 0) = lim
lim
h0 h
h0
h0
h
y
h
0
= lim = 0.
h0 h
2. Si ha che

|h|(h2 + 5)
f
f (h, 3) f (0, 3)
3.
(0, 3) = lim
= lim
= , quindi non
h0
h0
x
h
h
f
f (0, 3 + h) f (0, 3)
0
esiste;
(0, 0) = lim
= lim = 0.
h0
h0
y
h
h
4. Poiche lim f (x, x2 ) = 1 6= 0, si pu`o concludere che f non `e continua in
x0
(0, 0). Calcoliamo le derivate direzionali in (0, 0):
f (t cos , t sin ) f (0, 0)
2t2 cos2 t sin
cos2
Dv f (0, 0) = lim
= lim 4
=
2
,
t0
t0 (t cos4 + t2 sin2 )t
t
sin
f (t cos , 0) f (0, 0)
se sin 6= 0; se sin = 0 si ha che Dv f (0, 0) = lim
= 0.
t0
t
3

5. a) Il grafico di f `e un cono circolare retto. b)

f
x
(x, y) = 2
,
x
x + y2

f
y
f
(x, y) = 2
, se (x, y) 6= (0, 0);
(0, 0) non esiste, infatti
2
y
x
x +y
f
f (h, 0) f (0, 0)
|h|
f
(0, 0) = lim
= lim
non esiste; analogamente
(0, 0)
h0
h0 h
x
h
y
non esiste.
6. a) Il grafico di f `e un paraboloide. b) f `e differenziabile in (1, 1) infatti
f (1 + h, 1 + k) f (1, 1) f
(1, 1)h f
(1, 1)k
x
y

lim
=
(h,k)(0,0)
h2 + k 2
(1 + h)2 + (1 + k)2 2 2h 2k
h2 + k 2

lim
= lim
= 0.
(h,k)(0,0)
(h,k)(0,0)
h2 + k 2
h2 + k 2
f
f
c) Lequazione del piano tangente `e: z = f (1, 1)+ (1, 1)(x1)+ (1, 1)(y
x
y
1) = 2x + 2y 2.
f
2
(x, y) = yex (1 + 2x2 ), esiste in D.
x
2
f
xex
f
(x, y) = se y 6= 0; se x =
6 0 e y = 0,
(x, 0) non esiste; in (0, 0):
y
2 y
y
f
f (0, h) f (0, 0)
(0, 0) = lim
= 0. Dunque la derivata parziale di f rispetto
h0
y
h
a y esiste in D eccetto che nei punti del tipo (x0 , 0) con x0 6= 0.
7. a) D = {(x, y) R2 : y 0}. b)

f
f
x

(x, y) = 3 y, esiste in R2 .
(x, y) =
se y 6= 0; se
3
x
y
3 y2
f
f (0, h) f (0, 0)
f
(x, 0) non esiste; in (0, 0):
(0, 0) = lim
=
x 6= 0 e y = 0,
h0
y
y
h
0. Dunque la derivata parziale di f rispetto a y esiste in R2 eccetto che
nei punti del tipo (x0 , 0) con x0 6= 0. c) f `e differenziabile in (0, 0) infatti

f (h, k) f (0, 0) f
(0, 0)h f
(0, 0)k
h3k
x
y

lim
= lim 2
=
(h,k)(0,0)
(h,k)(0,0)
h2 + k 2
h + k2

cos 3 sin
lim
= 0, qualunque sia . N.B. f `e differenziabile in (0, 0)
0

nonostante che in (0, 0) non sia verificata la condizione sufficiente di differenziabilit`a. d) f `e differenziabile in tutti i punti del tipo (x, y) con y 6= 0, perche in
tali punti ammette derivate parziali e le derivate parziali sono continue in un
intorno di tali punti; f `e differenziabile anche in (0, 0) per il punto precedente.
8. a) D = R2 . b)

f
y 4 x2 y 2 f
2x3 y
(x, y) = 2
,
(x,
y)
=
. In
x
(x + y 2 )2 y
(x2 + y 2 )2
f
f (h, 0) f (0, 0)
(0, 0) si ha che
(0, 0) = lim
= 0,
h0
x
h
f
f (0, h) f (0, 0)
(0, 0) = lim
= 0.
h0
y
h
f (t cos , t sin ) f (0, 0)
t3 cos sin2
b) Dv f (0, 0) = lim
= lim
= cos sin2 .
t0
t0
t
t3
c) In (0, 0) non vale la formula del gradiente, infatti: Dv f (0, 0) = cos sin2 6=
f
f
(0, 0) cos +
(0, 0) sin = 0. d) Ovviamente f non sar`a differenziabile
x
y
in (0, 0), altrimenti varrebbe la formula del gradiente. Mostriamolo con la
definizione:
f (h, k) f (0, 0) f
(0, 0)h f
(0, 0)k
hk 2
x
y

lim
=
lim
(h,k)(0,0)
(h,k)(0,0) (h2 + k 2 ) h2 + k 2
h2 + k 2
3 cos sin2
= cos sin2 , dipende da , quindi non esiste.
= lim
3
0

9. a) Se (x, y) 6= (0, 0),

10. La funzione `e continua in (0, 0), infatti:


log(1 + |xy|)
log(1 + 2 | cos sin |)
2
lim
+1
=
lim
+1 = lim | cos sin |+
0
0
(x,y)(0,0)

x + y2
1 = 1, qualunque sia . Poiche se x = 0, oppure se y = 0, la funzione `e
identicamente uguale a 1, entrambe le derivate parziali esistono nellorigine
f (h, k) 1

e sono nulle. Per la differenziabilit`a, calcoliamo il


lim
=
(h,k)(0,0)
h2 + k 2
log(1 + 2 | cos sin |)
lim
= | cos sin |; tale limite dipende da , quindi non
0
2
esiste e f non `e differenziabili in (0, 0).
11. La funzione `e di classe C in R2 , dunque differenziabile. Applicando la
formula del gradiente si trova che Dv f (1, 1) = 2 cos 2 sin .
12. a) f `e di classe C 1 in R2 , dunque `e differenziabile ovunque, e vale la formula del gradiente. f (0, 1) = (4, 2). Dv f (0, 1) = 4 cos 2 sin .
(4, 2)
.
b) La direzione di massima crescita `e quella del gradiente: v =
2 5
(2, 4)
Dv f (0, 1) = 0 se v `e perpendicolare al gradiente, cio`e se v = , o
2 5
(2, 4)

.
v=
2 5
5

f
f
(x, y) = ex sin y,
(x, y) = ex cos y, le derivate parziali sono
x
y
continue in R2 , dunque f `e ovunque differenziabile. Lequazione del piano tanf
f
gente in (1, ) `e: z = f (1, )+ (1, )(x1)+ (1, )(y), cio`e z+ey = e.
x
y
Poiche f `e differenziabile in (1, ), per calcolare la derivata direzionale possif
3 f
4
amo applicare la formula del gradiente: Dv f (1, ) =
(1, ) +
(1, ) =
x
5 y
5
4
e.
5
13. Si ha che:

f
2
f
(x, y) = y +
,
(x, y) = x + 1, quindi f (0, 0) =
x
1 + 2x y
(2, 1). f (0, 0)
e massimo nella
direzione! e verso del gradiente, cio`e se
! v `

2 1
2
1
v = , ; `e minimo v = , . b) La curva data `e tangente
5 5
5
5
in (0, 0) alla retta di coefficiente angolare: y 0 (0) = 2; si tratta quindi di
mostrare che f (0, 0) `e ortogonale a tale retta. Sia w = (1, 2), un vettore
direzione della retta, poiche f (0, 0) w = (2, 1) (1, 2) = 0, il gradiente `e
ortogonale alla retta y = 2x.
14. a) Si ha che:

f
15. Il piano tangente in P = (x, y, f (x, y)) `e parallelo al piano x, y se
(x, y) =
x
f
f
f
(x, y) = 0. Calcoliamo le derivate parziali:
(x, y) = yxy1 ,
(x, y) =
y
x
y
xy log x; esse si annullano contemporaneamente per x = 1, y = 0, dunque il
piano tangente in (1, 0, 1) `e parallelo al piano x, y e ha equazione z = 1.
16. La derivata direzionale `e nulla nella direzione ortogonale al gradiente.
Si ha che: f (1, 1) = (sin 1, cos 1), quindi v = (cos 1, sin 1) oppure v =
( cos 1, sin 1).
17. f (0, 1) = (3, 4); sia v = (cos , sin ); Dv f (0, 1) = 0 se v `e ortogonale al gradiente, cio`e se 3 cos
4 sin = 0. Tenendo conto della relazione
4 3
sin2 + cos2 = 0, si trova v = , .
5 5
e3
18. a) f (1, 1) = (2e3 , ); b) y = x2 e66x , y 0 (1) = 4; c) f (1, 1) (1, 4) =
2
0.
19. a) z =

1
(12 8x y); b) y = 8x + 10.
e2
6