Sei sulla pagina 1di 2

In questo saggio Neale Donald Walsch instaura un dialogo apparentemente impossib

ile fra Dio e l'uomo, un "incontro" toccante, sincero e venato di un sottile umo
rismo, che non elude i temi cruciali su cui n la ragione n la fede hanno ancora da
to una risposta definitiva.
Chi siamo? Esiste un aldil? Perch c' il dolore?
Un libro per tutti coloro che si sono impegnati nella ricerca della verit con cuo
re sincero, spinti da un anelito dell'anima e con una mentalit aperta; un libro c
he potrebbe essere definito "l'ultima parola di Dio sulle cose".
Introduzione
Siete sul punto di fare un'esperienza straordinaria. State per avere un colloqui
o con Dio. S, s. Lo so che non possibile. Con ogni probabilit pensate (o avete pens
ato), che ci non sia possibile. Uno pu parlare a Dio, sicuramente, ma non con Dio.
Dio non si prende la briga di rispondere, giusto ? Almeno, non sotto forma di
una conversazione normale, di tutti i giorni !
Questo quanto pensavo anch'io. Poi mi capit questo libro. E intendo la cosa alla le
ttera. Questo libro non stato scritto da me, mi capitato. E il leggerlo sar qualc
osa che capiter anche a voi, perch siamo tutti guidati alla verit per la quale siam
o pronti.
La mia vita sarebbe stata molto probabilmente pi facile se avessi mantenuto tutto
ci sotto silenzio. Eppure non stata questa la ragione per cui la cosa mi capitat
a. E qualsiasi inconveniente mi possa causare questo libro (come quello di esser
e definito blasfemo, truffatore, ipocrita per non aver vissuto queste verit in pa
ssato, o forse, nel peggiore dei casi, un sant'uomo), non pi possibile ormai inte
rrompere il corso degli eventi. N io lo voglio. Ho avuto le mie opportunit di usci
re da tutta la faccenda, e non le ho colte. Ho deciso di attenermi a quello che
l'istinto mi diceva, trascurando ci che mi avrebbe detto il mondo, circa questo a
rgomento.
L'istinto mi suggeriva che un libro simile non era una sciocchezza, il frutto de
l superlavoro di un'immaginazione spiritualmente frustrata, o semplicemente la g
iustificazione di un uomo alla ricerca di una difesa per una vita traviata. Oh,
mi sono trovato a pensare tutte queste cose... non una di meno. Per cui ho conse
gnato il materiale a un certo numero di persone perch lo leggessero mentre era an
cora sotto forma di manoscritto. Ne furono commossi. E piansero. E risero per la
gioia e l'umorismo in esso contenuti. E le loro vite, cos dissero, subirono un m
utamento. Si sentirono colpiti fin nel profondo. Si sentirono potenziati.
Molti dissero di essere stati trasformati.
Fu allora che capii che il libro era adatto a chiunque, e che doveva essere pubb
licato; poich un dono meraviglioso per coloro che vogliono davvero delle risposte
e che davvero hanno a cuore gli interrogativi; per coloro che si sono impegnati
nella ricerca della verit con cuore sincero, spinti da un anelito dell'anima e c
on una mentalit aperta. E questo vuol dire la maggior parte di noi.
Questo libro parla di tutte quelle domande che ci siamo sempre posti sulla vita
e l'amore, gli scopi e le azioni e i rapporti tra le persone, il bene e il male,
la colpa e il peccato, il perdono e la redenzione, il sentiero verso Dio e la v
ia che porta all'inferno... tutto. Tratta, in maniera diretta, di sesso, potere,
denaro, figli, matrimonio, divorzio, lavoro, salute, aldil, principio... tutto.
Prende in esame la guerra e la pace, il noto e l'ignoto, il dare e l'avere, la g
ioia e il dolore. Si occupa del concreto e dell'astratto, del visibile e dell'in
visibile, della verit e della menzogna.

Potreste definire questo libro l'ultima parola di Dio sulle cose, sebbene qualcuno
si trover in difficolt a questo proposito, soprattutto se ritiene che Dio abbia s
messo di parlare duemila anni fa o che, qualora Dio abbia continuato a comunicar
e, lo abbia fatto soltanto con i santi, con le donne guaritrici, o con chi s sia
dedicato alla meditazione per trent'anni, o sia stato buono per venti, o almeno
quasi rispettabile per dieci (nessuna di queste categorie riguarda me).
La verit che Dio parla a chiunque. Al buono e al cattivo. Al santo e al furfante.
E senza dubbio a ciascuno di noi tra questi estremi. Prendete in considerazione
voi stessi, per esempio. Dio venuto a voi in numerosi modi, nella vostra vita,
e questo uno di essi. Quante volte avete udito ripetere l'affermazione: Quando l
'allievo pronto, compare il maestro ? Questo libro il nostro maestro.
Non molto tempo dopo che la cosa aveva cominciato a capitarmi, mi resi conto che
stavo parlando con Dio. In maniera diretta, personale. Irrefutabile. E che Dio
stava rispondendo alle mie domande in diretto rapporto alla mia capacit di compre
nsione. Cio, che mi venivano date risposte in modi e con un linguaggio che Dio sa
peva sarebbero stati da me capiti. Ci spiega in vasta misura lo stile colloquiale
del testo e gli occasionali riferimenti al materiale raccolto da altre fonti e
da precedenti esperienze della mia esistenza. So adesso che tutto quanto mi capi
tato nella vita mi giunto da Dio ed ora riunito, raccolto, in una stupenda, comp
leta risposta a ogni domanda che mi sia mai posto.
E in qualche punto lungo il cammino mi resi conto che ne sarebbe nato un libro d
estinato a essere pubblicato.
Per amore di chiarezza spiegher che, mentre trascrivevo a mano questi dialoghi, s
ottolineavo o tracciavo un cerchio intorno a parole e frasi che mi giungevano co
n particolare enfasi - come se Dio stesse pronunciandole con voce tonante - che
ho lasciato evidenziate in corsivo nel testo stampato.
Sento adesso la necessit di dire che - avendo letto e riletto le parole di saggez
za qui contenute - sono profondamente in imbarazzo di fronte alla mia stessa vit
a, che stata segnata da continui errori e malefatte, da taluni comportamenti dav
vero disonorevoli e da alcune scelte e decisioni che, ne sono certo, altri consi
dererebbero offensive e imperdonabili. Sebbene provi un profondo rimorso per ave
r fatto soffrire qualcuno, mi sento indicibilmente grato per tutto quanto ho imp
arato, e penso di avere ancora da imparare per ci che riguarda le persone che son
o nella mia vita. Mi scuso con tutti per la lentezza di questo apprendimento. Ep
pure sono incoraggiato da Dio ad accordare il perdono alle mie mancanze e a non
vivere in preda al timore e al senso di colpa, bens continuando a tentare...conti
nuando a tentare... di vivere una pi chiara e ampia visione.