Sei sulla pagina 1di 6

8 CRITERIO A.3.

3 - AREE ESTERNE DI PERTINENZA DELL'EDIFICIO TRATTATE A VERDE


8.1 Premessa
8.1.1

Descrizione sintetica

Il criterio intende valutare il grado di sistemazione a verde delle aree esterne di pertinenza delledificio conessenze arboree e vegetali autoctone.
Nel caso di assenza di aree esterne di pertinenza, il criterio pu essere disattivato (peso allinterno delcriterio uguale a zero).
8.1.2

Note

Il criterio fornisce sul foglio di calcolo Excel una descrizione del metodo e strumenti di verifica errato, il quale risulta quindi differente dalla descrizione presente nellAllegato B del DGR 3/2013.

8.2 Calcolo dell'indicatore di prestazione


Indicatore di prestazione: Percentuale di superficie piantumata con essenze autoctone e attrezzatarispetto
alla superficie totale esterna di pertinenza delledificio
Unit di misura:%
8.2.1

Procedimento di calcolo

La verifica del criterio ha comportato il calcolo delle superfici totali esterne, lindicazione su una planimetria
delle aree verdi con essenze autoctone allinterno del lotto ed il calcolo della loro superficie. In seguito
stato calcolato il rapporto percentuale tra queste due superfici.
Le essenze autoctone scelte nella progettazione sono state:

Melograno (Punica Granatum);


Quercia (QuercumPubescens);
Lentisco (PistaciaLentiscus);
Oleandro (NeriumOleander).

Si posta, inoltre, attenzione alla scelta della localizzazione di queste essenze; utilizzando le essenze caducifoglie principalmente in corrispondenza delle pareti sud ed ovest delledificio.
Il valore ottenuto dal rapporto pari al 24%, corrispondente ad punteggio ITACA pari a 0.
8.2.2

Valore indicatore di prestazione e punteggio

Valore indicatore di prestazione: 24%


Punteggio: 0

9 CRITERIO A.3.4 - SUPPORTO ALLA MOBILIT SOSTENIBILE


9.1 Premessa
9.1.1

Descrizione sintetica

La previsione di appositi spazi per il deposito sicuro delle biciclette e di postazioni di ricarica per veicoli elettrici va incontro alle esigenze di chi intende scegliere mezzi di trasporto sostenibili per i propri spostamenti.

9.2 Calcolo dell'indicatore di prestazione


Indicatore di prestazione:Numero di biciclette parcheggiabili e/o postazioni di ricarica elettrica fruibilirispetto al numero di utenti dell'edificio
Unit di misura:%

9.2.1

Procedimento di calcolo

Per il calcolo dell'indicatore di prestazione e relativo punteggio, si proceduto calcolando il numero previsto di occupanti delledificio, pari ad 8. In seguito si calcolato il numero di posteggi per biciclette e/o postazioni di ricarica, che risultato pari a 4 posteggi per biciclette.
Si infine calcolato il rapporto percentuale tra numero di posteggi e numero di occupanti, tale rapporto
pari al 50%. Il punteggio ITACA relativo 5.
9.2.2

Valore indicatore di prestazione e punteggio

Valore indicatore di prestazione: 50%


Punteggio: 5

10

10 CRITERIO B.1.2 - ENERGIA PRIMARIA PER IL RISCALDAMENTO


10.1 Premessa
10.1.1 Descrizione sintetica
Il seguente criterio valuta l'energia non rinnovabile richiesta durante il ciclo di vita dell'edificio per il riscaldamento nella stagione invernale, e la confronta con un valore limite espresso dal Protocollo ITACA. Nel
calcolo viene inclusa l'energia usata per generare l'energia fornita e il suo trasporto fino all'edificio.
10.1.2 Note
necessario sottolineare che i calcoli sono stati svolti per un singolo alloggio. Ci reso lecito dalla perfetta
uguaglianza tra i due alloggi di cui costituito l'intero edificio.
inoltre necessario sottolineare che per il calcolo di alcune grandezze all'interno di questo criterio si fatto
riferimento al metodo semplificato riportato nel D.M. 26/06/2009, anzich alla UNI TS 11300-2, a causa della mancanza di approfondimento richiesto da quest'ultima riguardo alla componente impiantistica dell'edificio.

10.2 Calcolo dell'indicatore di prestazione


Indicatore di prestazione:Rapporto percentuale tra l'energia primaria annua per il riscaldamento (EPi) el'energia primaria limite (EPi,L)
Unit di misura: %
10.2.1 Procedimento di calcolo
La verifica del criterio comporta la seguente procedura:
1. Calcolare lindice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale (EPi) per l'intero edificio
di cui al d.lgs 192/2005 e ss.mm.ii e secondo la procedura descritta nella norma UNI TS 11300-2 (B);
2. Calcolare il valore limite dellindice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale (EPi,L)
di cui al d.lgs n. 192/2005 e ss.mm.ii (A);
3. Calcolare il rapporto percentuale tra l'indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale dell'edificio da valutare (EPi) e il valore limite (EPi,L): B/A x 100;
4. Confrontare il valore calcolato con i benchmark della scala di prestazione e attribuire il punteggio.
In assenza di impianti di termici per la climatizzazione invernale il calcolo dellindice EPi deve essere effettuato secondo le modalit di cui allAllegato 1 (Allegato A, paragrafo 2 - Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici) del DM 26/6/2009.
Come gi espresso nelle note, nel nostro edificio, per il calcolo del parametro EPi, abbiamo utilizzato la procedura semplificata indicata nel D.M. 26/06/2009 che consiste nella seguente formula:
=

dove:
Qh il fabbisogno di energia termica dell'edificio, espresso in kWh
Apav la superficie utile (pavimento) espressa in m2
g il rendimento globale medio stagionale
Il fabbisogno di energia termica dell'edificio Qh dato da:

dove:

= 0,024

" )$% ( & +

) [

]
11

GG sono i gradi giorno della citt in questione [Kgg] (nel nostro caso 1303 Kgg);
HT il coefficiente globale di scambio termico per trasmissione, corretto per tenere conto delladifferenza di
temperatura interno-esterno di ciascuna superficie disperdente [W/K];
HV il coefficiente globale di scambio termico per ventilazione [W/K];
fx il coefficiente di utilizzazione degli apporti gratuiti (adimensionale), assunto pari a 0,95;
Qs sono gli apporti solari attraverso i componenti di involucro trasparente [kWh];
Qi sono gli apporti gratuiti interni [kWh].
Calcolo del coefficiente globale di scambio termico per trasmissione H T

Il decreto riporta la seguente formula:


-

= ' ( ) *+,,
.

[ ]

dove:
Si sono le superfici esterne che racchiudono il volume lordo riscaldato. Non si considerano le superfici verso
altri ambienti riscaldati alla stessa temperatura [m2];
Ui sono le trasmittanze termiche delle strutture;
btr,i sono i fattori di correzione dello scambio termico verso ambienti non climatizzati o verso il terreno (adimensionale).
I valori di btr,i sono riportati nella Tabella 5.
Tabella 5

Ambiente
considerato

T [C]

Riscaldato
Riscaldato
Riscaldato

20
20
20

Riscaldato

20

Ambiente
adiacente
Bagno
Altro appart.
Altro edificio
EXT - Sud
EXT - Est
EXT - Nord

T [C]

btr,i

24
17,93
15,86

-0,195
0,101
0,202
1
1,15
1,2

-0,54

EXT - Ovest

UNI 12831:2006
UNI 12831:2006
UNI 12831:2006
Prospetto NA.3a
(UNI 12831:2006)

1,1

Riscaldato

20

Interrato

15,86

Bagno

24

Riscaldato

20

I valori di HT sono riportati nella Tabella 6.

12

Riferimento

0,8

Prospetto D.4
(UNI 12831:2006)

0,163 UNI 12831:2006

Tabella 6

ELEMENTI

Si [m2]

Ui [W/m2K]

btr,i

Hti [W/K]

SOGGIORNO (S)
27,77

0,174

1,000

4,83

S1

| EXT - Parete sud

S2

| R-R (verso altro appart.)

18,60

0,315

0,101

0,59

S3

| R-R (verso altro edificio)

19,35

0,174

0,202

0,68

S4

| EXT - Parete ovest

9,72

0,174

1,100

1,86

S5
S6
S7
S8
WT5
PBI
WT6

| R-R (verso Bagno)


| R-NR - Solaio PT
| R-R - Solaio PP (interno)
| EXT - Solaio PP (balcone)
| Porta-finestra sud
| Porta blindata ingresso
| Finestra ovest

3,00
39,99
33,14
6,85
5,00
2,50
2,38

2,062
0,250
0,370
0,276

-0,195
0,800
0,000
1,000

-1,21
8,00
0,00
1,89
7,53
1,50
3,71

WT7 | Finestra ovest


SOGGIORNO (S)
K1
K2

| EXT - Parete sud


| EXT - Parete est

K3
K4
K5
K6

| R-R (verso Bagno)


| R-R
| EXT - Parete ovest
| R-NR - Solaio PT

K7
WT1
WT2
WT3

| R-R - Solaio PP (interno)


| Finestra sud
| Porta-finestra sud
| Finestra sud

CUCINA-PRANZO (K)

1,70

//

//

//

//

//

//

//

//

CUCINA-PRANZO (K)
10,70
8,75

2,58
31,97

0,174
0,174

1,000
1,150

1,86
1,75

9,12
3,50
11,94
25,75

1,105
1,105
0,174
0,250

-0,195
0,000
1,100
0,800

-1,97
0,00
2,29
5,15

25,75
5,00
2,75
1,02

0,370

0,000

0,00
7,53
4,11
1,61

//

//

//

//

//

//

22,33

13

BAGNO PIANO TERRA (B.pt)


B.pt1 | R-R
8,52
1,105
B.pt2 | R-R
3,81
2,062
B.pt3 | EXT - Parete nord
9,13
0,174
B.pt4 | R-R
5,88
1,325
B.pt5 | R-NR - Solaio PT
5,56
0,250
B.pt6 | R-R - Solaio PP (interno)
5,56
0,370
//
WT8 | Finestra nord
2,04
BAGNO PIANO TERRA (B.pt)
LAVANDERIA (L)
L1
| R-R
4,02
1,105
L2
| R-R (verso Bagno)
5,88
1,325
L3
| EXT - Parete nord
5,07
0,174
L4
| EXT - Parete ovest
3,96
0,174
L5
| R-NR - Solaio PT
3,97
0,250
L6
| R-R - Solaio PP (interno)
3,97
0,370
//
WT9 | Finestra nord
1,02
LAVANDERIA (L)
CAMERA MATRIMONIALE (M)
M1
| EXT - Parete sud
9,20
0,174
M2
| R-R
10,80
0,315
M3
| R-R
15,45
2,062
M4
| R-R
10,80
2,062
M5
| R-R - Solaio PP (interno)
18,54
0,370
M6
| EXT - Solaio copertura
18,54
0,276
//
WP3 | Porta-finestra sud
5,00
CAMERA MATRIMONIALE (M)
CAMERA LETTO DOPPIA (D)
D1
| EXT - Parete sud
15,16
0,174
D2
| EXT - Parete est
11,94
0,174
D3
| R-R (verso Disimpegno)
8,91
2,062
D4
| R-R (verso Bagno)
10,20
2,062
D5
| EXT - Parete ovest
14,89
0,174
D7
| R-R - Solaio PP (interno)
25,75
0,370
D8
| EXT - Solaio copertura
25,75
0,276
//
WP1 |Finestra sud
4,25
CAMERA LETTO DOPPIA (D)
BAGNO PRIMO PIANO (B.pp)
B.pp1 | R-R
10,20
2,062
B.pp2 | R-R
5,88
2,062
B.pp3 | EXT - Parete nord
3,80
0,174
B.pp4 | EXT - Parete ovest
5,88
0,174
B.pp5 | R-R - Solaio PP (interno)
6,66
0,370
B.pp6 | EXT - Solaio copertura
6,66
0,276
//
WP6 | Finestra nord
1,02
//
WP7 | Finestra nord
1,02
BAGNO PRIMO PIANO (B.pp)
14

0,163
0,163
1,200
0,163
0,800
0,000
//

0,000
-0,195
1,200
1,100
0,800
0,000
//

1,000
0,101
0,000
0,000
0,000
1,000
//

1,000
1,150
0,000
-0,195
1,100
0,000
1,000
//

0,162
0,162
1,200
1,100
0,160
1,000
//
//

1,53
1,28
1,91
1,27
1,11
0,00
3,23
10,33
0,00
-1,52
1,06
0,76
0,79
0,00
1,60
2,69
1,60
0,34
0,00
0,00
0,00
5,12
7,53
14,59
2,64
2,39
0,00
-4,10
2,85
0,00
7,11
6,38
17,26
3,41
1,96
0,79
1,13
0,39
1,84
1,61
1,61
12,74