Sei sulla pagina 1di 49

Che fatica essere uomini

Elaborazione dialettale di Pierpaolo Gallenari

LA SCENA SI SVOLGE NELLUFFICIO PRINCIPALE DELLAGENZIA INVESTIGATIVA FIAT LUX . SUL FONDO ,
LA PORTA DINGRESSO A VETRI. SOPRA VI E SCRITTO: AGENZIA INVESTIGATIVA FIAT LUX RICERCA
PERSONE INFEDELTA CONIUGALE MASSIMA DISCREZIONE. UNA PORTA A SINISTRA DA NEL RESTO
DELLAPPARTAMENTO. A DESTRA DUE PORTE, QUELLA VERSO IL FONDO IMMETTE NEL SECONDO UFFICIO,
LALTRA, VERSO IL PROSCENIO, IN UN RIPOSTIGLIO. SCRIVANIA CON TELEFONO, POLTRONCINE, UN
DIVANO, UNO SCHEDARIO. SULLA PARETE DIETRO LA SCRIVANIA, TRA DIPLOMI E ATTESTATI, DUE
SCIABOLE INCROCIATE.
A SIPARIO CHIUSO, GIUNGONO I RUMORI DI UNA VIOLENTA COLLUTTAZIONE: MOBILI CHE ROVINANO A TERRA, GRIDA DI
DOLORE, IMPRECAZIONI, VETRI IN FRANTUMI ETC ALLALZARSI DEL SIPARIO, LUFFICIO DELLA FIAT LUX, APPARE MEZZO
DEVASTATO: SEDIE ROVESCIATE, CARTE PER TERRA, IL LUME RIVERSO SULLA SCRIVANIA. FUORI CENTRO GLI ATTESTATI
ALLE PARETI. LA PORTA A VETRI SUL FONDO, APERTA VERSO LINTERNO. DALLA PORTA DI DESTRA SUL FONDO ESCE
ERNESTO, RIASSESTANDOSI LA GIACCA
PERSONAGGI

INTERPRETI

Ernestino Verdone Mark


Otto Strossner Davide
Caterina
Felice Ardizzoni
Signora Cimmino
Ortensia
Norma

Paola
Ave
Lorella
Daniela
Cristina

PERSONAGGI
Emilia, moglie di
Ernesto
Carlo Maria
(trapiantato)
Sisto
Don Guido)
Dante
Annibale

INTERPRETI
Fabia
Stefano
Carlo collari
Carlo Balboni
Marcello Gallerani
Luciano

ATTO PRIMO
1

Ernesto
Caterina
Strossner
Caterina
Strossner
Caterina
Strossner
Caterina
Strossner
Caterina
Strossner
Caterina
Strossner
Caterina
Strossner
Caterina
Strossern
Caterina
Strossner
Caterina
Strossner
Caterina
Felice

(verso linterno) E ringrazie al Sgnori che stamatna annho brisa fat la cumanin e debbo amare il prossimo mio, altrimenti av deva
na cagheda ad bt e av tachva al suft.
(fuori scena piangendo) Felice, fratello mioI mlhan cup, me lhanno ucciso. (Dalla porta di dx affaccia timidamente il capo
Strossner, si guarda intorno, va con estrema circospezione alla porta di fondo, guarda fuori e chiude. Poi affacciandosi alla porta di
dx)
Sgnora Caterina. Lenergumeno l ande via. L mi ca purtegna lavvuch in vta al let.
(fuori scena) alora gni m a derum na man!
(Strossner esce da dx e rientra spingendo assieme a Caterina una sedia da ufficio munita di rotelle sulla quale giace esanime Felice)
Con tot sti scussn a lt an ga riva brisa viv. L mi cal mitegna invta al divn. (lo sollevano alla meglio e lo adagiano sul divano)
Feliceal mi fradln..Felice
Mo scurnn, mo che ft scupazn cla ciap! Povar Sgnor Felice
Mo clu l allha scuantarn
Etar ch scuantarn guard mo ch (solleva un braccio di Felice e lo lascia. Il braccio ricade inerme) peso morto!
Santa madre! (Strossner ripete loperazione con una gamba di Felice con lo stesso risultato)
Gamba morta! Caterina, al Sgnor Ernesto an ghha lase gnech un os a post.
Guerda mo sa capita ariver a na zerta et senza marideras.
Ben parch, al pachi i ciapa sol chi ann brisa marid?
No, ma un oman marid al sa da cumpurter con responsabilite pinsand che al gha fiua e muir.
Dite?!.. mo scurnen che fata dumeda
E po v, Snauzer, av si ench mes in tal mez
(puntualizzando) Strossner, sgnora Caterina, il mio nome Strossner
Se, se, Snauzer, Strossern, o cum av cime, Bemmo com, ande a scrivar al Sgnor Ernesto papale, papale che al gha i coran?
Ma se al s rivolt allagenzia par saveral!
E brisa cuntent, a glavi scrt, e mentar al cornuto al piceva mi fradel, v al tgnivi ench ferum
Dietro sua richiesta. Al Sgnor Felice lha dt:Tinum so se n a casc. E m a lho tgnual pachi alliciapeva vostar fradel ma m a
ciapeva i contraccolpi (tira fuori dalla tasca un orologio da taschino) guarde mo ch, un caro ricordo di famiglia) (apre la carcassa
dellorologio dalla quale piovono a terra gli ingranaggi) Ex .caro orologio!
Figurat mo i os ad mi fradel (cade in ginocchio accanto al fratello e piange accarezzandogli la testa. Felice rinviene lentamente)
(con una voce da oltretomba) In du sogna?
2

Caterina
Felice
Caterina
Felice
Caterina
Strossner
Felice
Strossner
Felice
Strossner
Felice
Strossnes
Felice
Caterina
Felice
Strossner
Felice
Caterina
Felice
Strossner
Felice
Strossner
Felice
Strossner
Felice
Strossner
Felice

Felice ( a Strossner) sta resuscitando!


(con una voce da oltretomba) In du sogna?
In tlufezi dlagenzia
Lagenzia mortuaria?
Mo dai Felice, la tua agenzi. E t ti sano e salvo.sano, un po meno.
Un po strabize
Chi el cal sgnori ch?
Ma cm avvocato, a son Strossner
Ah!.(un tempo) e parch av si fat la faza rssa?
La faza l dal mi culor, a si v che avd na faza rssa
Cusa mal mes adnez ai uc cla bistia dErnesto?
Seconda m al v scumach al nervo ottico.
(fissando Strossner) at me tgnu fermu.Caterina, Ernesto lun mitiva al man ados e stuch lun tgniva ferum par da dria. L adria,
Ernesto davanti, e m, in tal mez.
Mo se dai, l bela pase, brisa agiterat. At vag a preparer na bela taza ad caf.. (un tempo) gla fet a bevar?
a prun. Se an gla fag brisa, ta mal vers intunurcia. (a Strossner) al menc quela ela sena?
(dopo una rapida ricognizione) in quela sinestra un pasag al gh.
Meno male!
Brisa muvrat, a marcmand. ( a Strossner) brisa feral muvar ( esce a sx)
(FELICE GUARDA A LUNGO STROSSNER CHE TENTA DI INGRAZIARSELO CON QUALCHE TIMIDO SORRISO) e bravo
Strossner (pausa, con altro tono). Me avrev capir: (un tempo) ma v, siv darnaz?
Coma no, nato e cresciuto in Malaft.
E qumela che on, nato e cresciuto in Malaft as ciama Otto Strossner. Mo ad che raza siv?
A vlho bela dt, razza renazzese
A ga vi per lascendente longobardo. Lo testimoniano al nm e al cumportament
Sgnor Felice, se av fa piaser a cambi al cugnom
Aresi da cambieruv la testa! (un tempo ) ma parch maviv tgnu ferum?
Parch a mlavi urdn v!
(paziente) vdiv Strossner, in Italia, o meglio, in Longobardia, TENETEMI, un esortazione retorica. Quand al sgnor Ernesto l
ariv, lha lizu la vostra relazion ad muir e invezi ad pinser ai so coran, a sl tolta con m, offendendomi, allora m ai ho gride
Tenetemi, la misura colma, lo sdegno mi acceca, impeditemi di trascendere ien di sottointesi chi sarvesan a meditare, a lasciar
sbollire gli animi, che sono ancora nella fase verbale. Chiaro Strossner? E invezi no, a tul a la letra desortazione e un salt ados.
Nella fattispecie, se avivi da tgnir strech on, quel lira Ernesto.
3

Strossner
Felice
Strossner
Felice

Caterina
Felice
Caterina
Felice
Strossner
Felice

Strossner
Felice

Sgnor Felice, v annavi brisa dt tenetelo fermo, a mal gi adesa, a pachi ciapedi.
Ma se ench un fos sbaglie, tra m e al sgnor Ernesto, chi el quel da tgnir ferum? Il Padreterno vi ha dato il raziociniodruel!
Altrimenti, ecco i risulte. La muir la fa i coran a Ernesto e al pachi alli ciapa al titoler dlagenzia investigativa. E po a vlho dt,
addolcite le relazioni ai clienti mitigh un po ad vasellina
Ma clorca l iran in una camra dalberag. Ci ho lo documentazione cinematografica. Se a proietn al film, ce lo sequestrano.
Ma a gh sempar al mod: dire e non dire, fare altalenare il cliente tra il dubbio e la speranza. Av fag un esempi: (con tono di
circostanza) La signora di cui trattasi e un individuo di sesso maschile si sono incontrati alle ore tot di fronte ad un circolo
ricreativo adiacente ad un albergo. Un ingombrante veicolo adibito ai trasporti internazionali ha celato la coppia per qualche istante
alla vista del nostro agente il quale, non in grado di stabilire se i due sono entrati nellalbergo o nel circolo ricreativo. Quando il
nostro uomo li ha rivisti, tre ore dopo, erano appena passati di corsa dei dimostranti, inseguiti da lacrimogeni sicch, un poco per
laffollamento, un po per il pianto copioso dovuto al fumo dei lacrimogeni, ancora una volta, il nostro uomo, non ha potuto stabilire
da quale porta siano usciti aviv cap? (CON MOVIMENTO ROTATORIO DELLA MANO) Al mitn sulla strada. si sono
incontrati; insinun al sospetto: lalbergo; a lasn uno spiraglio alla speranza: il circolo ricreativo: Un po ad carite cristiana,
Strossner, carite cristiana e vasellina
(entrando da sx con la tazza) ecco al caf (Felice beve) parch an vet brisa a culgherat un poc invita al let?
No, no, ai ho da fer
Pian, pian, sta atenti. (Felice muove precariamente qualche passo verso la scrivania). A vag in farmacia a turat dal Lasonil. (a
Strossner) A marcmand, se lavess da cascher, tgnil strec
(VOLTANDOSI DI COLPO VERSO STROSSNER, CHE SI TROVA A DUE METRI DA LUI E PUNTANDOGLI CONTRO UN
DITO) Se ste sgnori ch al ga al curag ad metrum al man ados, agh spach la faza! Strossner, gi le mani!
Ma m an vho brisa tuch
A ga v lintnzin, a val lez in ti uc. Gi le mani. Mitili in bisaca (Strossner esegue) a preferesc sbatar la faza par tera, ma vo anna vi
brisa da tucherum. Strossner, fe mo cont ca spa na vaca indiena. Non mi dovete toccare. (siede alla scrivania) Adesa, passando a
debita distanza, ande mo in tal vostar ufezi. A gh i raccoglitur delle infedelt coniugali da metar a post. A proposito dinfedelt, al
scuac quel Sisto sugli amanti Diabolici? sel fat viv?
Sissignore, Sisto l a Capri

Felice

A Capri!? Dis d f laviva det che la pista lo portava a Sorrento. Ma sti amanti diabolici ini dria a fer il viaggio di nozze? E Sisto
dria da lor a fer la bella vita.. ande pur a metar a post l dl (Strossner esce a dx)
(con intenzione) l quesi ungior e dria ariver la sgnora Cimino. (Felice sospira e fa ballare un piede) Qual l l un bn parti.
Felice, ciapa la furtna pri cav.
E dai pur! La sgnora Cimino l marideda e po l na clienta, et cap? Lann brisa un parti!

Caterina

Se la vin ch ogni d e la pasa aglori a guarderti, un mutiv ag sr. La gha na simpatia par t

Felice

Lun guerda parch a garcord so mar. Lun pega un supplemento e m un las guarder. L una prestazion professionale.

Caterina

Caterina

Ma a degh m: ta garcord so mar, tal pu ench sostituir.Felice, ai ho fat na pinseda: fa sparir al mar e maredla t

Felice

Caterina, al mi mistir l cater la zent, brisa ferla sparir. V, v v a turum la pomata

Caterina

Insoma, at vu armagnar varnz

Felice

Si varnizzo fino alla morte, tra cenanni.

Caterina

Ghet pinse ben? Al set cus l un oman senza na muir ad banda?

Felice

Un oman con i nervi distesi, un oman senza scocciature

Caterina

e senza corna. S, dl sincerament. A t la professin la tha guaste. Te tan vu brisa mariderat par pora dal coran!

Felice

Emb!? L al rischio ca cor i oman maride. Caterina m a stagh bn acs, senza muir, senza fameia.

Caterina

senza cuore, senza Dio

Felice

E senza coran! Va mo donca a tur la pomatina!

Caterina

A vagh, a vagh (guardando in alto) Sgnor Bandt, brisa fer gnir la Sgnora Cimino. (esce dal fondo)

Felice

Cimino

(gridandole dietro) e n con cosa campgna eh? (tra se) ts, na mur. (gridando ancora alla porta) Par ferum intossicare la vita, n
brisa ase Strossner?
(entrando a dx) Signor Felice.ai ho av na pinseda sola manira ad vendicheruv dellaffronto subito. A ti al rapporto dla muir ad
Ernesto, in fag na copia su pergamena in caratteri gotici e a la mand allinteres, incurniseda con invta dua bia curnn ad cervo
maschio.
(FELICE SI ALZA CON MOSSA FULMINEA, PRENDE UNA DELLE DUE SCIABOLE DALLA PARETE E LALZA
MINACCIOSO VERSO STROSSNER)
(GRIDANDO) Strossner, m av tai a mez! (MA LA MOSSA BRUSCA GLI FA LANCIARE UN GRIDO DI DOLORE. MENTRE
STROSSNER SI RITIRA FELICE SI PIEGA SU SE STESSO PORTANDOSI UNA MANO AI RENI E CON LALTRA
SORREGGE LA SCIABOLA A MO DI CANDELA. DAL FONDO ENTRA LA SIGNORA CIMMINO, UNA BELLA DONNA
GIOVANE E PROVOCANTE CHE LO GUARDA ESTATICA)
(con voce flautata) Oh mio Dio! Tale e quale al mio Cimino ai campion mundiel ad sciabola. Avvocato, brisa muvruv!

Felice

E chi as muv?

Cimino

Siv dria ad aleneruv?

Felice

No, a son dria a fer la statua ad Vittorio Emanuele Secondo!

Cimino

Tale e quel al mi Cimino.la stsa vos da tenore lirico spinto. A guerd v e un per ad vedar loriginel. Scuri , parlate avvocato,
lasem qusta illusione dei sensi e tgni la man premuta sui reni. Tale e quale a mi mar quand al gaviva la sciatica.
Gdurevla dimndi?

Strossner

Felice

Cimino

Ench dis d

Felice

Soccia

Cimino
Felice

E in chi d l lira mio prigioniero nellintimit dal focolare domestico. Sempar sota ai mi uc, mentar a feva da magner, mentar a
feva al pulizi. (guarda lorologio) A proposito, l lora dal solito riordino e al vostar stdi incua al nha propria bisgn. Un met un
atum a mio agio. (si spoglia)
(sudore freddo) aleeeeee

Cimino

(ricordando) e mentar che m a mitiva a post, l lun cunteva le sue prodezze sportive. Siv sempar in tla stesa pusizion

Felice

Soncam..per sgnora an st brisa ben ster acs in libert in urari dufzi.

Cimino

Niente ufzi, par carite. A ga vi la sciatica e a si nellintimit domestica in compagnia dla vostra mogliettina

Felice

Mo scurnnela ench longa? (chiamando) Strossner.

Strossner

(entrando da dx) Comandate. (alla vista della signora Cimino) ehhh, cosa vedono le mie pupille

Felice

Strossner, la pratica Cimino. Lultma rsposta ad quand ela?

Strossner

(ANNUENDO INEBETITO SENZA DISTOGLIERE LO SGUARDO DALLA SIGNORA CIMMINO) Eh!

Felice

A quando risale

Strossner

Cosa?

Felice

( scocciato) A vho dmande a quando risale lultma rsposta dla pratica Cimino.

Strossner

(sempre guardando la Signora Cimino) ah, quela

Felice

Chera te ccmi!

Cimino

(sempre riordinando) siv sempar in pusizion?

Felice

Se, sempar. (a Strossner) alora, vliv dirum a quando risale lultma rsposta?

Strossner

La prema e lultma, un an fa. Lambascieda Italiana a Londra lha de risposta negativa.

Felice

Parch, Cimino el parti?

Strossner

Quand?

Felice
Strossner

Strossner, guardem in tla faza. Se avi scrt a Londra, a vol dir che al st in Inghiltera, no? E gim, cum aviv fat a saver che Cimino al
gh ande?
In Inghiltera? A lho savu da v, quand la sgnora l gnuda a metras in tal vostar man.

Felice

Quand la sgnora l gnuda a metras in tal nostar man, ci ha detto che Cimino al steva a Brescia. Alora, al viaz Brescia Inghilterra,
6

quand lal fat?


Strossner

(cadendo dalle nuvole) AH, Cimino steval a Brescia?

Felice

(chiude gli occhi e tira il fiato) sgnora posia cambier pusizion?

Cimino

E parch?

Felice

Parch a vi abaser al spadn sula testa ad clindevas ch. Muvat e v a tur la pratica Cimino (Strossner esce a dx)

Cimino

L quesi ungior. Csafeval Cimino da stora?

Felice

(con lo stesso tono dolciastro di lei) as magneva al bombolone

Cimino

Bravo, e cum fev a saveral?

Felice
Strossner

(mentre lei si riveste) parch a mal purte tt i d e tot i d un dmande cusal feva Cimino a ongior. Cimino angaviva gnintetar da
pinser e a m a m dria a gnir al diabete (entra Strossner con un fascicolo)
La pratica Cimino

Felice

Lizi

Strossner

(scorrendo rapidamente un foglio) Donca ehehBresciavut vedar

Felice

Avi scret Londra eh?e m da un mese a magn bomboloni a go g

Strossner

Adesa a mt a post Sgnor Felice. Sgnora la staga tranquela, vostar mar al fag turner a Brescia (esce da dx)

Felice

(gridandogli dietro) Mo quale Brescia? Ch a la vi da fer turner, qui!

Cimino

Alora, non ci sono novit.

Felice

E seconda v, non vi avvertivo con la velocite dal flmin.. .Comunque, appena ricompare a festegin lavveniment con un praz al
ristorent. (squilla il telefono) Posia muvral man par rispondar?
Mo certo e scuri.scuri.

Cimino
Felice

(al telefono) Pronto, Agenzia investigativa, ricerca di persone, infedelt coniugali, (-) chi? (-) Ah, a si v, Sisto.e scuri pi fort.
Cusela ste interferenza, state parlando dalla grotta azzurra? (-) coma? Da Firenze? A si a Firenze? Toscana? (-) E cusa fev l (-) al
s che a si dria a pediner gli amanti diabolici. L almench, aviv cap parch ien and in Tuschena? (-) com? Per arricchimento
culturale (UN TEMPO) Sisto, guardem in ti uc, siv sicuri desar sulla pista giosta? Ann brisa che ala fn a catn na quelca surpresa
.(-) e va benverificate e teneteci al corrente. (riaggancia)

Cimino

Avvuche, pi av guerd e av sint scorar e pi un sint un rimescolamento El bn? El Mel? E peccato?

Felice

Sgnora finche a ste vistida e in ti lmit l unillusion dei sensi, a la vi det v, a cardi ad vedar in m vostar mar e in questo an gh
gninta ad mel.
7

Cimino

Felice
Cimino

Sicuri, suquenti difarenz tra v e l i ghen, ma, questioni di dettali. Per esempi, l al porta gli ucl azzurrati, av fagh da vedar .
(PRENDE DALLA BORSA UN PAIO DI OCCHIALI SCURI E GLIELI SISTEMA SUL NASO) L verament
impressionante.vest che agh sn, a complet lopera. (PRENDE DALLA BORSA UNA BARBETTA BIONDICCIA E GLIELA
APPLICA). Do goz daqua (PRENDE UNA PARRUCCA E GLIELA CALZA IN CAPO. COMMOSSA)a si mi mar spatacato.
(GLI DA UNO SPECCHIETTO) Guardev!
(specchiandosi), ohi, ohi

Felice

Zert, av menca suquent zentemeter in alteza. Livev sula punta di pia. (Felice si solleva), magne pur ench al bombolone. (glielo da)
adesa che asen da par n, per na volta, na! Un fe quel che un feva sempar Cimino da stora? Gi ad s, dite si s!
(sospettoso) cusa feval Cimino da stora?

Cimino

Pianen, pianen, senza svarsler, mal fev?

Felice

A dipend da quel che ai ho da fer, se ann brisa in contrasto con letica professionale

Cimino

Da stora, quand la sciatica la giva dabn, lun cantava.. (un tempo) Romagna mia

Felice

Strossner

(LA GUARDA IN SILENZIO, SI STRINGE NELLE SPALLE E ATTACCA A CANTARE) Romagna mia, Romagna in fiore, tu sei
la stella tu sei lamore.
(SI INTERROMPE CON UN GRIDO) Strossner.
(ENTRA DA DESTRA, FELICE LO FA AVVICINARE GLI CALZA LA PARRUCCA, GLI SISTEMA LA BARBA E GLI
OCCHIALI, SENZA CHE STROSSNER REAGISCA IN NESSUN MODO) mitiv in punta ad p. (STROSSNER SI SOLLEVA)
adesa cante mo Romagna mia!
In che tonalite?

Felice

(gridando) cantate!

Strossner

(cantando) Romagna mia

Felice

Basta (Strossner smette. Alla signora Cimino) Con un modico supplemento a val mand a domicilio, al vliv?

Cimino

Noooo! Angarvisa gnec un poc. As vd benessum cl Strossner

Felice

Felice

(MASTICANDO AMARO E SCUOTENDO STROSSNER PER UN BRACCIO) Ma che raza dinvestigator siv?An savi fer gnech
unimitazin. Ande mo l dla a metar a post larchivio, cl mi.
(ENTRA DAL FONDO TRAFELATA, MENTRE STROSSNER SI LIBERA DELLA PARRUCCA E DEGLI OCCHIALI? Felice
Felice e dria a turner Ernesto
El dria a turner ch?

Caterina

Sissignore, al camna paer la streda e al dascr da par l A toran dallavvocato Felice Ardizzoni Felice ciama al 113

Felice

L dria a turner ch? E m al spet. (prende le due sciabole dalla parete)

Caterina

Strossner

Bravo avvocato, armatevi, (incamminadosi in fretta verso dx) m, a vag a riordinare.

Felice

Fermt l in du ti (Strossner si arresta)

Caterina

Vut macerat al mn ad sang?

Felice

Se, par ferum ririrer la licenza (nasconde le sciabole sotto il divano) Tgnusand Ernesto l mi togliere lucasin (alla signora
Cimino) Sgnora, ande par piaser l dl con mi surela mentar ch a sbroi un client.
Se per doppo a fini ad canterum Romagna mia

Cimino
Felice

Ernesto

Se se, doppo av chent tt al long play ad Casadei. (CATERINA SEGNANDOSI, ESCE ALLA SINISTRA INSIEME ALLA
SIGNORA CIMMINO)Strossner, travistiv. (dopo una breve riflessione) travestimento n. 5. Ste pronti addria da la porta e al mio
richiamo a gni dentar e agite.
Travestimento n. 5..(ESCE DA DESTRA E CHIUDE LA PORTA. Felice CALZA RAPIDAMENTE LA PARRUCCA. SI
APRE LA PORTA DI FONDO ED ENTRA ERNESTO
(con voce tonante) Avvocato Felice Ardizzoni

Felice

(VOLGENDO LE SPALLE E FALSANDO LA VOCE) Da parte di chi?

Ernesto

Amici

Felice

Lavuche l fra per un pedinamento urgent. Gi pur a m che riferisco.

Ernesto

An pos brisa. A mho da metar ai pia ad cal galantoman e a ghi ho da baser (si schiaffeggia gridando) Carogna!

Felice

(stretto nelle spalle) chi?

Ernesto

M, m carogna e analfabeta che annho savu brisa lezar al raport dlagenzia

Felice

(liberandosi dalla parrucca) cusela sta nuit?

Ernesto

(guardando alternativamente la porta e Felice). Avuche a sn cuntet che a si turne dal pedinamento urgent. Aviv sintu quel che ai ho
det al sgnori che al steva ch?
A lho det e lo rifaccio. (si getta ai suoi piedi e gli bacia le scarpe) Pardunem, a son un animale, una carogna
Mai vantarsi Sgnor Ernesto, mai vantarsi(Ernesto si alza e stringe Felice al petto)

Strossner

Felice
Ernesto
Felice
Ernesto

Cusa posia fer per aver al vostar pardon? (un tempo) Avuch, m annho mai tgnusu mi pedar. A fagh cont che v a sidi mi pedar. (lo
bacia ripetutamente) babbo pardonum, al raport an lho brisa savu lezar.al dascr di un incontar avvenuto al queng ad merz in un
alberag a quatr e mez. E grazie cl avvenuto (trionfante) con mi cusn Domenico
(fingendo di capire) una cosa in famia.
No, lincontar l ste tra la mia signora e m, per al spusalezi ad mi cusn Domenico (mostrando unagenda) ecco qua, lizi: giorno 15
ore 16,30 sposalizio Domenico, albergo Rex, Gabicce. Cal 15 marzo a feva un cheld da ninn che avn fat al bagn in mer. (un tempo
commosso) e m un son parmes ad metruv al man adoss(Felice LO GUARDA PER UN ISTANTE, POI GRIDA VERSI LA
9

PORTA DI DESTRA)
Felice
Strossner

Monsignore (STROSSNER ENTRA DA DESTRA VESTITO DA VESCOVO CON LA CROCE PETTORALE SOLLEVATA IN
ARIA)
(ENTRANDO) Pax et bonus! (Ernesto GLI SI AVVICINA E GLI BACIA UNA MANO)

Ernesto

Eccellenza...

Felice

Ann brisa eccellenza, l Strossner

Ernesto

Sel fat vescovo?

Felice

No, l pronti per un pedinament in Vaticn. Strossner, a voi feruv fer na bela riduta

Strossner

(sospettoso) ma el al ches?

Felice

Se, con al sgnor Ernesto avn ciar incosa. Strossner, gim un quel, che temp ghira cal d?

Strossner

Che d?

Felice

Al queng ad merz

Strossner

Ah, quando la Signora e un individuo di sesso maschile..(e unisce gli indici in aria)

Felice

Ande avanti. Cal d l, che temp ghira?

Strossner

(facendo roteare una mano in aria) Uh!

Felice

Uh cosa?

Strossner

Tempo pessimo. Merz l mat, mare forza 9, una libecciata, un acqua che an savdiva da che a l.

Felice

Cal d l, Ernesto e signora i han fat al bagn in mer.

Strossner

( ad Ernesto) dabon? Av si espost a un bel resc, con cal temp l

Felice

(a Strossner) Strossner, ma v in du iri, chi iri dria a pediner? (ad Ernesto) l lha fat incosa, pedinamento e rapporto.

Ernesto
Felice

(assai triste)e parch laviv fat? Al pachi isptevan a v e brisa a l. L propria na giurneda storta. Me bisogna che a scarga al man
ados a n netra volta
A l?

Ernesto

E par forza

Strossner

A me, e parch?

Ernesto

Primo, avi dt delle sconcezze a mi muir.

Strossner

Ma a se cari.
10

Ernesto

(continuando) secondo: parch a ma vi fat picr ste galantoman innuzent e terzo, parch a son content daver na muir fedele.

Strossner

E v la cuntiteza a la festegi dandum dal bot

Ernesto

Av punes parch a ma vi fat esar infelice, lasandum credar daver na muir infedele. (a Felice) deghia ben?

Felice

Al razunament an fa na grinza.

Strossner

Al razunament l tortuoso (levando in alto la croce pettorale) pax et bonus!

Felice

Felice

Strossner, brisa fer dal stori. Me an pos brisa parmetar che i dipedendit manchino di rispetto ai cliint. (A Ernesto), prema che stuch
al vaga via e av faga dal mel, me al tegn ferum e v.apsi turner a c vostra a festeger le scampate corna.
Parch stu ch al mha manche ad rispet (SI AVVICINA A STROSSNER E LO SPINGE CON LINDICE SULLA SPALLA) Oman
da gninta, fan da vedar cum tun menc ad rispet.
(tenendo Strossner da dietro) Strossner, ste ferum un atum.

Ernesto

(COLPENDO SEMPRE STROSSNER CON LINDICE) Carta velina.

Strossner

Avuche, ciam al 113, un medico

Felice

Brisa preocuperuv che quand l al mument a ciam al dutor par feruv lautopsia

Strossner

Caterina

Pax et bonus! Rispet la stanela che ai ho. (ERNESTO A COLPI DI INDICE SULLA SPALLA LO FA INDIETREGGIARE ED
ESCE CON LUI DA DESTRA, CHIUDENDO LA PORTA. MARIANO SI TAPPA LE ORECCHIE E AI PRIMI RUMORI CHE
PROVENGONO DALLUFFICIO DI STROSSNER SI SOFFREGA LE MANI, PRENDE LE SCIABOLE DA SOTTO AL
DIVANO E LE APPENDE ALLA PARETE. A SINISTRA FA CAPOLINO CATERINA
In du el al sgnor Ernesto

Felice

Tot a post Catirena, al mha base i pia e la vlu esar pic

Caterina

Felice, stet ben? (da dx rumori sospetti) mo cusela ste confusion

Felice

Ah, Strossner, l dria a metra post Ernesto.

Caterina

Felice

(segnandosi) Maria Vergine, t tavres da ferat metr in osservazin al sbdl. Scolta m. M an so brisa cus dria a capiter...
(entra da sx Annibale fratello di Felice) ah, Annibale tit dasde?
Par forza con tota ste confusin. Comunque, ai ho bela ciam al taxi prander in stazin a tur al treno che a vagh a punserum suent
d in muntagna a Vidiciatic.
T s che te vst un bel mond. Al pensionato modello: al magna al drum e as ponsa

Annibale

Me a lavor ad concetto. Caterina lani bela purte al giurnel?

Caterina

L l invta a la scrivania. Adesa me a vag e a fag ander via la sgnora Cimino da la porta ad servizi

Felice

Ecco, va mo l (CATERINA ESCE A SINISTRA. MENTRE ANNIBALE SI SIEDE SUL DIVANO A LEGGERE IL GIORNALE.

Ernesto

Annibale

11

Ernesto

Felice
Ernesto

SUONA IL TELEFONO FELICE SOLLEVA IL RICEVITORE) Fiat Lux, ricerca di persone, infedelt coniugale.. ah, Sisto.
Alora, cusa gh ad bel a Firenze? Coma? (-) parch fisci? (-) Locomotive? E cusa fev in mez a dal locomotiv? (resta in ascolto
stringendo le mascelle) alora a sia dria ad ander a Venezia sol par curiosate, a viv intenzin par ches ad fer na puntadena, che so, a
Vienna, Budapest.(-) Sisto, m an son brisa a turv in gir, a vi saver indu in dria a purteruv i du amanti diabolici (-) va bn,
indagate, riferite (DEPONE IL RICEVITORE, DA DESTRA ENTRA Ernesto) Aviv bel fini?
Avuch, a vi un rapporto veritiero, nero su bienc, con la firma ad cal sgnori l. E se a cat un error, a toran ch e allapnd fora dal
balcon. E dato che a son ch, av dag unetar incarag. A vho dt che m annho mai tgnusu mi pedar, parch l abus ad mi medar e
land via. Av dag lincaric ad cater mi pedar, parch ai ho bisgn dal calore paterno. Apna a la vi cat, prma ag fag quel ca so po
m, doppo un fag der al calore.
Se, per a mavesi da der quel suggeriment, suquent detali su quel che capit tra vostar pedar e vostra medar.

Felice

(A UN PERSONAGGIO INESISTENTE) ma com, tat naprufet ad mi medar parch ti noman, folta capigliatura, primatista del
sollevamento pesi welter e lia, invezi, una ragazola, pi alzira dna fia. Ta la port in un bosc con la scusa di ciocolatn e le usi
violenza?..carogna!
Al fat questo il degenerato?

Ernesto

Sissignore

Felice

Felice

Carogna! Spt un atum che prendo nota (scrivendo) folta capigliatura.primatista di sollevamento pesi weltera far suquenti
rizerc al CONI.
Cla povera martire l resistu finch l steda bona e il cuoio capelluto lha tgnu bota. Se parch il carognone allha ciapeda par la
chioma gridand: io sono luomo delle caverne e tu la mia preda. Lha purte la parca par du an.
(scrivendo) e quest al srev capit ( ??) an fa, in un bosc, amimagin. Saviv in dova?

Ernesto

A Fiuggi.

Felice

(scrivendo) al nm dla mama

Ernesto

Norma Volponi

Felice

E quel dal pop, il carognone?

Ernesto

N:N.

Felice

Felice

(scrivendo) N.N. (rileggendo) donca, Fiuggi, (?) an fa, campione di sollevamento pesi, statura normale. Sgnor Ernesto, a pol der che
a sgna fortune. M a Fiuggi ag vag da na mocia dan e a pol der che frugando in tla memoria.
Frugate, frugate pure, m intent a vag a festegir con la mi sgnora le scampate corna. (VIA DAL FONDO.Felice SI ALZA E VA A
BUSSARE CON DISCREZIONE ALLA PORTA DI STROSSNER)
Strossner, siv in gred dintendere e di volere?

Strossner

(fuori si scena con un urlo) Puvrt m (entra da dx trasformato in un ecce homo) in me avd un morto che cammina

Ernesto

Ernesto

12

Felice
Ortensia

Pari e patta. Mitiv mo a post e zarche ad capir ad chi n i coran che avi d al Sgnor Ernesto. M un vag a der na rinfrescadna
((ESCE DA SINISTRA. STROSSNER SI RICOMPONE E SIEDE ESAUSTO, VOLGENDO LA SCHIENA ALLA PORTA
DINGRESSO DALLA QUALE, ENTRA ORTENSIA)
Siv investigatore?

Strossner

quello che resta, par sarviruv

Ortensia

(presentandosi) Ortensia Aghinolfi

Strossner

Cus posia fer par v Sgnora Orchidea

Ortensia

Maresciallo, m arv bisogn dun parer urgente

Strossner

Aviv napuntament?

Ortensia

No, ma l una questin di vita o ad mort.

Annibale

Annibale

(CHE SI ERA SOFFERMATA AD ASCOLTARE LA DISCUSSIONE IN PIEDI DIETRO Ortensia) ah, chera la mi sgnora, se l
una question di vita o di morte ai ho al dovere femminile ad diruv che al sgnori qui presente l sol lassistente dlinvestigador capo
e a ghe ste viet docuperas dla salt di cliint.Strossner ande par piaser a ciamer mi fradel ((STROSSNER SI ALZA CON UN
GESTO DI STIZZA ED ESCE DA SINISTRA MENTRE Annibale SI SIEDE AL SUO POSTO E SI INCURIOSISCE AL CASO.
AD ORTENSIA) sgnora, mentar che asptn al titoler, gi mo a m, l al stes quel. Lagenzia fiat lux l precisa e discreta. Ela na
quistion ad coran?
Ai ho un fiol. Unanima innuzenta e par l ai ho dizis: (CON TONO CONFIDENZIALE, PREMURANDOSI CHE NON CI SIA
NESSUNO IN GIRO) mitn che amaz al pedar dla mi creatura (Annibale la guarda fissa).
Mitn.vliv mazeral dabn?

Ortensia

(ringhiosa) al voi cupr!

Annibale

(sempre pi incuriosita) ande avanti.

Ortensia

Seconda v, quantun dani?

Annibale

Ad premi?

Ortensia

Ad galera!

Annibale

Ah, questo alla dized al gidiz.

Ortensia

E quant un dal gidiz?

Annibale

Parch a si simpatica, lergastolo

Ortensia

Eh, cale!

Ortensia

13

Annibale

Trent an vani ben?

Ortensia

Eh, cale!

Annibale

Propria par fer ben, vintquatar

Ortensia

Vostro onore, a son dria ad manderuv ad caler!

Annibale

Sa calia, al du ad cp. Se a si in gred ad dimustrer la violenza e labbandono, il tradimento ec ec ec ec fegna da queng a dog?

Ortensia

(pacata) calate!

Annibale

Ma v, quant vliv spendar?..(riprendendosi) a vliva dir, quant an ad galera vliv fer?

Ortensia

Sia mis

Annibale

(tra se) se, annal psi mander gnenc alusbdel con la testa rta par sia mis

Annibale

Parch?

Annibale

Le pene per omicidio in scontan brisa a mis, quindi, o a tul quel chivdn o se n l mi che annal mazedi brisa.

Ortensia

Quanta si simpatic l mi che annal mazedi brisa parch al Barone Fiaschetti ann brisa vostar mar

Annibale

Il barone Fiaschetti?

Ortensia

S, mi mar, quellessere ignobile

Annibale

(incuriosita) scuse, mo parch al vresi mazer?

Ortensia

(TIRA DALLA BORSA UNA CARTA E LA PORGE A CATERINA)

Annibale

(leggendo) Hotel Belvedere Capri.

Ortensia

Lizi ad dria

Annibale

Gratifiche extra per prestazioni speciali. alora?

Ortensia

Seconda Dante, mi mar, mi fiol l al frutto ad questi prestazioni speciali.

Annibale

Bemma quali prestazioni?

Ortensia

Signor giudice, i fiua, da quali prestazioni speciali i nasn?

Annibale

Vostra medar glal brisa dt?

Ortensia

La mia s ma a quanto pare la vostra la s purteda al segret in tla tomba. Seconda Dante m a Capri un srev prasteda.

Annibale

Ahhhh! E seconda v?
14

Ortensia

La verite? (un tempo) an mlarcord brisa

Annibale

E no, chera la mi sgnora, scusem bn, m quand un prest doppo al ho in ament. Su ste punt vostar mar al g rasn

Ortensia

Ma cm, v ca si al mi avuche a mit in dbi la mi oneste?

Annibale

Mo che avuch deget, m a son dria a deruv un cunseli. E, quand srenni stedi ste prestazioni speciali ?

Ortensia

Dis an fa!

Annibale

Dis an fa? E da dis an vostar mar al st col pensiero fisso?

Ortensia

No, sol da du d, da quand a sn gnu a ster in tlappartamento al piano di sopra.

Annibale

Ahhh, v a si la sgnora chl gnuda a ster al nomar 12?

Ortensia

Annibale

Alora, cavem na curiosite: cumela ca si sempar dria a spuster i mobil?

Ortensia

Non li sposto. Aghi romp propria in c

Annibale

A fe propria bn! Per, psesi menga rompri prema ad mezant che se n an ciap brisa sn?

Ortensia

A ma vi da perdoner, ma l al sritira terd. Donca, a giva, durent al trasloc a s rot na csa. Bemmo an gh gnu la voia ad lezar al
chert ca ghira dentar. Da du d an gho pi pes. Al mha tolt al sn, laptit. Al ma tolt ench al rispet di fiua. Commissario, lun vol
mazr.
Enca lo!

Annibale
Ortensia

S, ma m al vi fer prema. (BUSSANO ALLA PORTA ESCE STROSSNER VA AD APRIRE. ENTRA FURIOSO Dante
SCALZANDO STROSSNER)

Dante

(ADDITANDO Ortensia) Ah, ti ch! (PACATO CON ARIA DA PAZZO) m at cp.et cap? (A STROSSNER GRIDANDO) a la
cp! (Ortensia SI ALZA IMPAURITA E SI FA SCUDO CON STROSSNER)

Ortensia

(a Strossner) Brigadir, prendete nota

Strossner
Felice

(IMPAURITO ALLONTANANDO Ortensia CHE RIPARA VICINO A Annibale) sgnori par piaser, m priincua a nho bela ciap
as e an son brisa in gred ad ciaper dagletri pc (ENTRA Felice RICHIAMATO DAL TRAMBUSTO)
Egregio signore.

Dante

(a Felice) Vo chi siv? Cusa fev ch? (ad Ortensia) ta ti gnuda a rifuger dal to amante, fedifraga!

Felice

Ma chi v tgnos! M a son lavvocato Felice Ardizzoni e a son in c mia.


15

Dante
Ortensia

Ahhh, ti gnuda da l'avuch col to amante (fa per afferrarla) ma m at cp et cap! L na quistin dunor. Me a spar prema a t e po
al to amante. (CERCA DI AVVENTARSI SU Felice CHE SI FA SCUDO CON Ortensia STROSSNER E Annibale LO
TRATTENGONO)
(PASSANDO DIETRO A FARSI SCUDO CON Felice E GRIDANDOGLI NELLORECCHIO) Avvocato, tul nota!

Dante

(a Felice) Io vammazzo! (ad Ortensia) Coda di paglia! (a Annibale e Strossner) Quant un fev aver?

Ortensia

(a Felice ) a lho dmande prema m!

Felice

(ai due) ma v, chi siv?

Dante

Ortensia

Taci tu, che doppo a fn i cunt! ! ( BALZA SU Ortensia CHE SCAPPA. AFFERRA LA LAMPADA DALLA SCRIVANIA) at ver la
testa con la bajur
Miti mo z la bajur. (SI APPENDE A Dante IMPEDENDOGLI DI COLPIRE Ortensia LA QUALE RIPARA DIETRO DI LUI). A
vho dt ad muler la lumira
(gridando nellorecchio di Felice) Avvocato, tul nota!

Felice

(ad Ortensia) e v tuliv da tac al mi urc

Dante

(RIPRENDE CON TONO PACATO DA PAZZO) ti gnuda da lavuch. Questa l na confesin. (a Strossner) la signora confessa.

Ortensia

M an cunfes gninta. A son gnuda da lavuch praver protezin.

Dante

Ma an sarvs a gninta. Ad mandar lestradizione da ste c par t e al to amante e po av cp tot du

Felice

Sgnor barone, a si dria a tur unabbali. Me an son brisa lamante dla sgnora, m an latgnos propria.me a son lavvocato

Dante

Ah, mo alora lamante l stu ch (SI AVVENTA SU STROSSNER. Felice LO TRATTIENE E NELLA FOGA GLI PESTA UN
PIEDE)
Fermi! (i due finalmente si placano) el questo al mod? mul al mi segretario clun sarv ench. Rispetto, contegno!prema ad gnir a fer
un quarantotto in tal mi stodi a vi da telefoner e tur napuntament. Chiaro?
Sgnor avuche ag mand scusa, ma m a son accecato da la gelosia. (PRENDE DALLA SCRIVANIA IL FOGLIO CHE Ortensia
AVEVA DATO A Annibale) Prestazione speciale. (SI SIEDE, SI SCHIAFFEGGIA E SI METTE A PIANGERE)
Sgnor barone, posia diruv do parol?

Felice

Felice
Dante
Felice
Dante

A che servon le parole. (leggendo) Prestazioni speciali. Aviv cap, ai ho i coran. (raccontando) quand ai ho tgnusi la sgnora qui
presente, la feva la camarira allhotel Belvedere a Capri, in du m ira ande in vancanza. La quale la cumpagneva i turista in gita alla
Grotta Azzurra. (mostrando il foglio) po igh devan agli extra per al prestazion specieli. Avuche, nostar fiol an sarvisa gnech un poc a
m. Ai ho lase sempar corar, ang vliva brisa pinserag.lun per adiritura un tedesc. Vest chl vis par suquent an a Capri in mez ai
turesta tedesc, a cardiva cla fos la vicinanza ad influenzer i caratteri somatici. Ma adesa ai ho cap (ad Ortensia) parla fedifraga con
chi it steda in tla Grotta Azzurra?
16

Felice
Dante

Ma ste tranquel, la prestazione speciale minziuneda sul fi innen brisa coran, (un tempo) e se propria, ien ad cherta.
Ad cherta od oss sempar coran ien. E m anni vi brisa, quindi i cp. (piange)

Felice
Dante

(CERCANDO DI CONSOLARLO ACCAREZA LA FRONTE DI Dante ) So, so, brisa fer acs. (GUARDANDO CATERINA ) ah
le donne.
A gi propria ben. (un tempo) cusa masagev avuche?

Felice

La fronte. Gaviv menga mel a la testa?

Dante

No. Al dulor l ch, in tal cor.

Felice

Dante

Scusem, a cardiva fn acs. V un de lincarich e m a mand un mio fidato collaboratore a Capri a investigher acs av convinzari
che ann suzez gninta. Intent calmev un puchinen e brisa fer dal matd. A mand al mi collaborator mior. ( a Strossner). Quand tornal
al piccione viaggiatore (riprendendosi)Sisto. Affidiamogli le indagini sulla grotta azzurra.
(ALZANDOSI E STRINGENDO LA MANO A Felice) Grazie avvuche, a mt le mie aristocratiche corna in tal vostar mn (rivolto a
Ortensia) e a t, finch ste oman ch non fuga in me ogni dubbio, brisa metar p in tla mi onoreda c. Gnenc mi medar lat vol pi
vedar.
(ACCOMPAGNANDO Ortensia PER UN BRACCIO ED USCENDO A SINISTRA CON LEI) gli animel i coran i ghihan dabon, i
stan zt e i portan con dignite. Sol nuetroman dal genere umano a fe tenti ad cal stori. Brisa preocuperuv, a va cumpagn da mi
surgela che lav prepara un caf. (ad Ortensia) sgnora, etar che sia mis. M av fag assolvere parch il fatto non costituisce reato.
(escono)
(a Dante accompagnandolo alla porta e congedandolo) Sgnor barone cal staga tranquel. Lagenzia fiat lux la far lus ench sta alla
grotta azzurra.
Grazie avuche. Lunor dal mi casato al st tot in tal vostri man. ( Dante esce, suonano alla porta)

Annibale

Lha da esar al mi taxi. Me a vag. A sav dn tra na stmena.

Felice
Emilia

E ponsat che tan per al vzi (Annibale esce, Felice rimane pensoso) la grotta azzurra. che bia ricord. Strossner a vag in tletar
ufezia a zarcher na pratica (continuando a pensare) Capri, hotel Belvedere.grotta azzurraah!
(entra trafelata la moglie di Ernesto) Siv linvestigator?

Strossner

Si, agenzia Fiat Lux

Emilia

(interrompendolo) anno brisa temp per i preamboli. (porgendogli una busta) zinzent bon da mel par v.

Strossner

(rianimandosi) che la Madona lav renda merit

Emilia

Ma nun mande brisa al parch?

Strossner

No! Prima cosa in tla nostra professin, la segretezza.

Emilia

L una gratifica

Dante
Annibale

Felice

17

Strossner

Che ai ho fat?

Emilia

No, che farete!

Strossner

Che faro?

Emilia

Emilia

Tacere! V anna vi vest gninta, an sa vi gninta e ad conseguenza an psi brisa scorar. Chiaro? (STROSSNER STRINGE LE
LABBRA E FA CENNO DI SI CON LA TESTA) annun mande brisa par cosa? (SEMPRE A LABBRA STRETTE, STROSSNER
FA DI NO CON IL CAPO)
(entrando da sx) Strossner. (si interrompe) sgnora. ..(STROSSNER GLI FA CENNO DI TACERE PORTANDOSI UN DITO
ALLE LABBRA
anno brisa temp per i preamboli. (porgendogli la busta) zinzent bon da mel par v. Una gratifica. A vi da taser.

Felice

Fem almeno capir.

Emilia

Emilia

A son la muir d Ernesto. (Felice E STROSSNER SI GUARDANO CON FARE INTERROGATIVO) Ernesto an lha brisa da saver.
Mai e nulla. L gnu ch per cogliermi in fallo. Cum al so? Ai ho lizu al nom e al nomar ad telefono dla vostra agenzia in tla so
agenda. Parch l sospetta.mi sospettaah se l vera, ai uc dal mond a son colpevole, ma di fronte a la mi cuscinzia a son
immacolata. Ann brisa un caprez, cardim, ma la passion che infiamma, divora, lincontar ad due anime. Senza Cesare, la mi vta
lannha pi sens.
Vden ad fer un poc dordan sgnora. Ernesto l vostar mar, ma la passion travolgente la va purt tra i braz ad Cesare. Gninta ad nov.
Ma, cumela che a si gnuda a cunterla a m?
E a chi?

Felice

Al confessore. E sen, se la passion l acse tent travolgente, al gi a Ernesto e admande al divorzi.

Emilia

A Ernesto? Mo v a si mat. Ma nal tgnusiv brisa? Al gha na violenza incontrollabile.

Felice

Parche al tgnosia? Scuse, ma cuma fal ad cugnom vostar mar

Emilia

Verdone no?

Felice

Cosa? (RESTITUENDOLE DI COLPO LA BUSTA) tuliv indria la gratifica

Emilia

Vliv cundanerum alle pene dlinferan?

Felice

No, l che m aprez ench le gioe dla vta e annho brisa intenzion ad suiciderum.

Strossner
Emilia

Sgnor Felice, una parola. (lo trae in disparte) Scuse eh, ma col sgnor Ernesto si chiarito l l cunvint che agh spa un equivoco.
(alla signora Ernesto) Sgnora, con la passione ardente..con cos l, cum al sciama--Cesare

Strossner

Ecco, con Cesare vcat allalbergo Magnum?

Felice

Felice

18

Emilia

In alberag? Cesare lha tolt un apartament

Strossner

(a Felice con discrezione) e quindi.

Felice

Se, ma prima o poi lenergumeno allavin a saver

Strossner

Da n no. Avvuche, l pur gnu, lha dt cannira vra gninta e che per al matrimoni ad so cusn annira capit gninta, quindi al sgnor
Ernesto l ste esauri
Come esaudito

Felice
Strossner

Emilia

Varcurdev cla vecia preghiera: Signore, fa che io non sia cornuto, se lo sono fa che non lo sappia e se lo so fa che non ci faccia
caso La preghiera ad Ernesto l steda esaudita. Per quanto riguarda i sold, in na matna, lagenzia lha subii du paliatoni. Invezi
duna gratifica, cunsidarenal un risarcimento danni e tulen indria la bosta (RIPRENDE LA BUSTA DALLE MANI DELLA
SIG.Ernesto ) Signora, noi taceremo
grazie, oh grazie

Felice

Strossner, letica professionale.

Emilia

Brisa tirer in bal chi quia l quand in in zug do vt, la mia e quela ad Cesare. Tacete, tacete

Strossner

Ste pur tranqula

Felice

Ma.

Strossner

Avvuch eh! Risarcimento danni

Emilia

Grazie, grazie. Siete due cuori generosi. (E PREMENDOSI UN FAZZOLETTINO SULLE LABBRA, ESCE DAL FONDO.
SQUILLA IL TELEFONO)
(AL TELEFONO) Fiat lux.(DI COLPO STACCA IL RICEVITORE DALLORECCHIO LANCIANDO UN GRIDO) Mo scurnen
! (RIAVVICINA IL RICEVITORE CON CAUTELA) Chi , pronto, chi ? (-) Un motore a reazione?Sisto cusa fev tra i mutur?
Com? (-) al saviva.se al saviva! Quindi aresi dander in Svezia.Com? an psi brisa? Av si mes na mn su la cuscinzia a no, av
menca al pasaportalora savi sa fe? Bello bello a turne Arnaz. Isoldi son finiti? Alora turne in autostop AH! (RIATTACCA E
SIEDE ALLA SCRIVANIA TENENDOSI LA TESTA CON LE MANI) Che brt mistir, Strossner.(OSSERVA LA BUSTA) pi a
stag dria ai fat ad chi etar e pi ai ho voia dannaver fat mia. E cli l ad mi surela la v semprad log cumarda. Thi! Invta ala mi
lapide i scrivarn: : qui giace un anonimo senza moglie e senza storia
senza storia, in tal vostar pas agh sr pur quel, un punto oscurona macia.

Felice

Strossner
Felice
Strossner

Gninta. Un psi fer na radiografia. I soli punti scuri ien ste schiv ad calcoli renali che i un fn tribuler. Per al rest gninta: trasparente
come un cristallo.
Un qualinnmezza..

Felice

Gnenc nombra. (un tempo) adesa fin mo ad metra post che doppo anden a magner. STROSSNER ESCE DA DESTRA. Felice SI
19

Norma
Felice

ACCAREZZA IL MENTO SOPPESANDO LA BUSTA. HA LARIA DUBBIOSA E TURBATA. GUARDA IL TELEFONO.


ESITA, POI SI DECIDE E COMPONE UN NUMERO. PARLA FALSANDO LA VOCE) Il signor Ernesto? Attenzione prego, c
un messaggio anonimo per voi. Testo: vostra moglie vi tradisce con un certo Cesare. Firmato due amici. (ALLONTANA
BRUSCAMENTE IL RICEVITORE CON UNA SMORFIA E LO RIPONE) E abbiamo salvato pure letica professionale!
(MENTRE INTASCA LA BUSTA, DALLA PORTA DI FONDO, ENTRA NORMA. DI MEZZA ETA, BIONDA E
PALESEMENTE ARTIFICIALE. CON DUE GRANDI OCCHIALI SCURI CHE LE NASCONDONO META DEL VISO)
(AFFANNANDO, CON UNA MANO SUL PETTO) e permesso?

Norma

Prego signora. Fiat lux, ricerca di persone, infedelt coniugale, , documentazioni cinefotografiche, massima discrezione. (NORMA
LO HA STUDIATO DA VICINO)
A si propria v: lavvocato Felice Ardizzoni . (E TIRA IL FIATO PRODUCENDO UN SIBILO ASMATICO)

Felice

Con chi ho il piacere?

Norma

Parmitiv che per adesa anvdga brisa al mi nm. (tira il fiato sibilo). L la bronchite smatica. A sn senza fie.

Felice

Mitiv a sidar, tul fie. (MENTRE E GIRATO PER AVVICINARE UNA SEDIA, NORMA GLI GRIDA ALLE SPALLe)

Norma

Finalment a vho cat!

Felice

Sgnora ma niri brisa senza fie?

Norma

La vostra vsta amlha fat turner

Felice

Felice

(facendola sedere) ste chelma.e po, na preghiera: se av capita netra volta, v prema un gi: a m turne al fie e po a fe al ver acs
me un prepar
Ma v siv prepare? sptevi la mi visita? No che anpsivi brisa, no, che stpida, stpida. Psiv lontanament imaginer parch a sn
gnuda ch? No, che stpida stpida . Siv bn ad lezar i mi tormenti? No, (allunisono con Felice) che stpida stpida. Lavvocato
non pu. (un tempo) avuche, parche annu spundi?
Parch a si dria a fer incosa v. Domanda e risposta. In che posso servirla? Separazione, divorzio, infedelt, ricerche di persone?

Norma

ricerca di persona

Felice

Bene, e chi avegna da catr

Norma

Veramenta l ho bela cat.

Felice

E alora, parch siv ch?

Norma

Parch a mha mande la CENTOCCHI

FELICE

La centocchi l unagenzia concorrenta. Ani forse rinunce allincaric parch in gla fan brisa?

Norma

I mhan mande ch parch la persona lha sta ch.

Norma

20

Felice

Ch?

Norma

(sibilo) avvuch, a m dria a turner al fie.

Felice

(afferrandosi saldamente ai braccioli) ande pur avanti.

Norma

(gridando) in me vedete una donna affranta!

Felice

continue ben a fer clsa bela vos da bronchitella. L pi intima e riposante.

Norma

M ai ho da esternare le grandi emozin a pieni polmoni.

Felice

Ma se i polmn invaitan brisa.

Norma
Felice

A ma sforz. Cum faghia a voce intima, affranta cuma sn? (un tempo) ai ho un fiol, avvocato, chl na perla rara. Casa e famiglia e
una devozion particoler per San Rocco. Un fiol da tgnir in vidrna tent l bel. Ma, gh dal peral beli e splendenti che innavan brisa
un difet? No! Esistono?
A vi bela dt ad no!

Norma

Apnt. No! Quindi enc cla perla ad mi fiol al gha nimperfezion: per un qualinn da gninta al mena al man. E al mena ad brt.

Felice

Conosco la razza. Se la conosco. Evidentement annha brisa ciap i vostar mod, ma agliha eredite dal pedar.

Norma

no, mo sa giv. Al pedar lira, anzi l un gentiloman.

Felice

Cannha brisa savu educheral. Un gentiloman senza pols.

Norma

Un gentiloman che mi fiol annha brisa tgnusu parch mi fiol l nasu doppo.

Felice

Doppo che?

Norma

Norma

(abbassa lo sguardo) e figlio dellamore. (un tempo urlando) in me avdi una ragazza madre! (Felice SOBBALZA PORTANDOSI
UNA MANO AL CUORE. NORMA TIRA IL FIATO SIBILO)
Sgnora avla viva dt ad dirum quel. (un tempo) Se ai ho cap bn avete ceduto al gentiloman e nov mis doppo. (Norma annuisce
ad occhi bassi) e parch a gni a cunter a m sti quia? Gni ben al sodo!
A sen bela al sodo. Prema ad giudicher, avi daver un quedar dla situazin.

Felice

NAgenzia investigativa lan giodica brisa. Si attiene ai fatti

NORMA

Alora a vi da tgnosar i fatti e le attenuanti. Armesa da par me doppo labbandono dal gentiluomo, a nd a fer la governante in tla c
dal Marchese Pandoro
Quel dla conserva?

Felice

Felice
Norma

Se al gaviva la fabbrica ma al feva al pitr. Al paseva al giurned a dipinzar i pandor invta ai baratol dla conserva. Toti dipinti a mn
e firmedi.
21

Felice

Praticament annaviva gninta da fer.

Norma

Norma

Gninta, da la matna ala sra. M a ciapeva di bia suldn e la mi creatura la steva in c dna fameia ad cuntadn. Un d, quan laviva
zenc an, al putn lun gn a cater. Lira na dmenga e mi fiol al magneva na banana quand al but la buccia propria davanti al cavalt
dal marchese che al casch e come conseguenza al turn da nostar Sgnor. Non avendo eredi, al lasc incosa a m, in riconoscimento
dei miei servizi: la fabbrica ad pandor, do c e 20 tarnadur ad tera a la Tor di Speda.
Mo socci cal cascn al vha frute ben. Sgnora, e cal gentiloman, che fen al fat? Forsi l dria a feras suquent ann ad parsn e al fiol
segue le orme paterne.
No, brisa dir acs, brisa infrangere al mi insn ad cliste a Fiuggi

Felice

Ah parch lincontar con cal galantoman el ste a Fiuggi?

Norma

IN UN SUSSURRO) Si! (TIRA IL FIATO SIBILO)

Felice
Norma

(PRENDE UN FOGLIO DALLA SCRIVANIA) FiuggiFiuggi(?) anni fa.(NORMA ANNUISCE) statura del gentiluomo.
normale.folta capigliatura. sollevatore di pesi
No, questo no

Felice

Av tir pri cavi digand:io sono luomo delle caverne e tu sei la mia preda se o no?

Norma

Insoma.una via ad mez..pi o menov quant siv elt?

Felice

Uno e settanta

Norma

Eh, uno e settanta.

Felice

Folta capigliatura

Norma

questo s a mlarcord

Felice

Al feva al sollevatore ad pesi welter

Norma

Boh, forsese

Felice

Alora, cusa solleveval?

Norma
Felice

Che so al valis, al bichir dlacqua diuretica .


AL PETTO, lo guarda intensamente)
(un po allarmato) cusa gh?

Norma

V, voi.vinzench an fa (?) a si ste a Fiuggi

Felice

Agh vag tt i an.

Norma

(SILLABANDO TRAGICA) Pensione Clara! (TIRA IL FIATO SIBILO)

Felice

( CON UNA MANO GLI FA CENNO DI ASPETTARE E SI PORTA LALTRA

22

Felice

Par piaser, brisa emozioneruv.

Norma

(gridando) a mho da emozioner. A magnevi in un teval in un angol dla pensin Clara. (concitata) ad front a v a ghira la fameia
Vitali: pedar, medar fiol ad 3 an e la bambinaia. Tra un bcn e netar v e la bambinaia av devi dagli ucedi ad fugpo doppo ariv al
morbillo. (UNA LUCE INCOMINCIA AD ACCENDERSI NELLA MEMORIA DI Felice) acs lia, avendo tempo libero la feva dal
pasegied. Un d av si vst ates a un bosc, avi ciacare e acs passeggiando, passeggiando ariv alla grotta del Ciociaro.
Ma vo. Sti fat.

Felice
Norma
Felice

E l, nellumida spelonca, che la bambinaia dla famiglia Vitali lavufr al fior dla so innocenza. Varcurdev? (si sfila gli occhiali) un
tgnusi Felice?
(con tono falso) Vo?coma no dop tent an, mo guarda te al ches.

Norma

Ann brisa ste al chesa vho zarche par zil e par tera (un tempo) In m avd la medar ad vostar fiol.

Felice

(traballando) Mo sa sia dria a dir?

Norma

Figlio vostro e dellamore concepito in tla grotta del Ciociaro a Fiuggi.

Felice

Un fiol (cade a sedere)

Norma

Carne della vostra carne. (TIRA IL FIATO: LO TIRA ANCHE FELICE E ASSIEME EMETTONO IL SIBILO) pardunel. A sn
gnuda ad manderval, pardunel
Ma parch, cus al fat?

Felice
Norma

Caterina

Stamatna al v pici. (Felice LA GUARDA ATTONITO E INCREDULO, SI ALZA LENTAMENTE E A FATICA, MUOVE LA
BOCCA COME UN PESCE CHE BOCCHEGGI) s, Ernesto lha live al mn su so pedar.
(SULLORLO DEL COLLASSO) Ernesto, aviv dt Ernesto? ErnestoErnesto Verdone? (NORMA ANNUISCE
SOLENNEMENTE. Felice RICADE A SEDERE SUL DIVANO E LANCIA UN GRIDO) ERNESTO! (CON UN GRIDO
DISUMANO) Ernesto!! (DA SINISTRA E DA DESTRA ENTRANO CATERINA E STROSSNER)
Felice, cusa ghet?

Felice

(CON GLI OCCHI SBARRATI, INDICANDO NORMA) Ernesto.Ernesto.

Strossner

Ma cus el al Sgnor Ernesto visti da femna? (LA PORTA DI FONDO SI SPALANCA ED ENTRA ERNESTO COME UNA FURIA)

Ernesto

BABBO, babbo mio, pardunem! (E SI BUTTA AI PIEDI DI MARIANO TRA LO STUPORE DI CATERINA E DI STROSSNER,
MENTRE NORMA SVIENE, EMETTENDO IL SUO SIBILO BRONCHIALE)

Felice

FINE PRIMO ATTO


23

24

LINDOMANI POMERIGGIO. IL TRAPIANTATO E SEDUTO CON ARIA DIMESSA DI FRONTE ALLA SCRIVANIA E
OGNI TANTO SGOMITOLA IN ARIA COME AFFETTO DA UN TIC NERVOSO. CATERINA E IN PIEDI SULLA
SOGLIA DELLA PORTA A SINISTRA, MENTRE FELICE DA SFOGO ALLA SUA IRA CAMMINANDO IN LUNGO E IN
LARGO.
Felice
Trapiantato
Felice
Caterina
Felice

Admn a fag arfr linsgna: invezi dAgenzia Investigativa agh scriv Rifugio della ragazza madre. Boia dun mnd ledar, s
mai sint dir dun collasso emotivo cal dura da vintquatror? Eh? Da un colas o ci si riprende in dis mint o as mur. (al trapiantato)
dico bene?
Benessum
E invezi la sgnora l da ir dop mezd chl sdraieda in tal mi let con la peza in tla front. (a Caterina) te tal ciam collasso, m al ciam
violazione di domicilio. (scuotendola con un braccio) mo sa volla la sgnora, cosa?
La doverosa riparazione

Caterina

a s eh? E t cuntnua pur a fe comunella con la moribondae po, brisa contenta, apena t vest dala finestra cla testa gloriosa ad
Sisto, ta le fat entrer da la porta ad servezi e ta l mes a tevla a banchettare. Tutti contro di me. Ciamegna loman daglinsegni :
Rifugio della ragazza madre e mensa gratuita per investigatori fessi. Cum el mes Sisto?
L dria a tucr al pn in tal rag. Guerda cl adzn da du d e al sha da sostenere.

Felice

Ann brisa vera. Air lha magne in na trattoria a Firenze.

Cateria

Va ben! An magna brisa da vinquatror.

Felice
Caterina

On che al riva a Venezia, partand da Sorrento, annha incin dirt ad magner pi dna volta a la smena. Quand lha fini, mandal ch
che ag dag lamaro digestivo. So va m che ai ho da fer con ste sgnori ch. E porta nambascieda a la sgnora: che al colas al sha da
risolvar in dis mint, chiaro? Altrimenti a gal fag pasr m con na meza damigena das.
(GELIDA) Seduttore! Padre snaturato! Anima nera! (VIA DA SINISTRA

Felice

(al trapiantato) scuse se a vho fat perdar dal temp..ma intorno a m agh na congiura.

Trapiantato

A fe bn, difindiv. (SGOMITOLA)

Felice

(NOTANDO LE SGOMITOLATE) Variva quelch spefr d aria?

Trapiantato

No, ann gninta, un poc ad singz.

Felice

In cosa posso esservi utile?

25

Trapiantato

V a vinteres di ricerca di persone.

Felice

Sissignore, servizio accurato e discreto.

Trapiantato

Benessum. M a son ch. (sgomitola)

Felice

Siete ricercato?

Trapiantato

No, per se quech dn lun vl.

Felice

Questo aresi da saverl v. Seconda le richieste che av.(sgomitola) Av fag puter un bichir daqua.

Trapiantato

No, brisa preocuperuv. L dria a pasr.

Felice

donca, dicevate, Richieste ad cosa?

Trapiantato

Ad qualsiasi quel avvocato. M a so fer un po dincosa.

Felice

Fer? Ma siv per caso dria a zarcher da lavurer?

Trapiantato

Appunto!

Felice

Alora avi sbaglie indirez. A vi da rivolzruv allufficio di collocamento.

Trapiantato

Per invta ala porta a gh scrt ricerca di persone.

Felice

Di persone, brisa ad personale. Cio nuetar a zarchn al personi scomparse.

Trapiantato

Aaaah, ann brisa che a zarch dal personi par quli chi zercan personel..

Felice

No, a vlho bela dt, agh pensa il collocamento.

Trapiantato

Trapiantato

Ma vdiv.. (un tempo) in un zert sens, m a sn na persona scomparsa. Al collocamento i mhan dt che non servo (sgomitola) vidv
che singioz?
Vedo vedo.(ALLARGANDO LE BRACCIA DESOLATO) avi dt che in un certo senso a si na persona scomparsa. cusa vlessi
dir?
A vi dir che comunvdi, ad mia a m armes poc o gninta (sgomitola)

Felice

Pin. Fm al piaser ad feruv capir. Parch cal muviment l dal braz al ciam singiz?

Trapiantato

Parch, m par camper un sn aiute coi trapianti

Felice

Siv un giardiniere stagionale?

Trapiantato

No, m a giva i trapianti dorgani ( un tempo) cum un vdiv? Av peria na persona normela?

Felice

(sgomitola) be, a pert al singioz a direv ad s.

Trapiantato

Infati a sn integro: do cosci, du braz, na testa, ecceteraench dentar a sn integro. Annun menca gninta. Par feruv capir la

Felice

26

situazin, m an sn brisa m, ma, cum posia dir....un essere composito. L dis an che a vag dentar e fra daiusbdl.
Felice

Siv ad salute cagionevole?

Trapiantato

Savliv cav dga. M a gaviva na salute di ferro, ma la necessite la mha purte a ste commercio. Avvocato, un sn vindu incosa.

Felice

Avivi dimondi propriete?

Trapiantato

Gninta avuch!

Felice

Scuse eh, cus av si vindu alora?

Trapiantato

Felice

Tutto me stesso, un pez a la volta. I reni, po al fedag, la milza, i polmn. Quel ca sarviva al vindiva, a seconda dla richiesta. In ti
usbdl ai ho cums primari e moribondi, acs un sn procure di lasciti in natura. A deva dla roba ad prma qualit, in perfetta
efficienza e iun trapiantevan i schert che i cavevan ai cumpradur. An gh malatia cannava av. A sn un miracolo vivente e a
mufrs a fer studier i studint dlultum an dluniverit ad Bulogna. E acs, prma incua e po admn, di trapianto in trapianto a sn
advinte cum un vd. Cla gamba ch, vdiv, lira dun oculista ad Frera, che Dio labbia in gloria; l sol un po pi curta ad cletra. Se a
fe silenzi, av fag sintar al cor; tri batit in meno ogni quatar. Lira dun banchir cal campeva col palpitazin. . (FACENDO SEGNO A
FELICE DI AVVICINARSI) Cal braz ch, lira dun batterista rock. Puvraz, lav ninzident..perci alho sempar in muviment.
E tot questo parch laviv fat?

Trapantato

Per aver la pensi dinvalidite. (triste) avuch, m annho ne arte ne parte; gnech un pez ad pn da metar sotai dint.

Felice

Eh, vivav la pension?

Trapiantato

Trapiantato

Sicuri, ma l cna e i mlhan deda par piete, parch, avendo usufruito dla mutua, ann brisa che i primari i avan fat un lavurir a
regola darte. E propria grazie a ste piccole imperfezin di comportamento che la cummisin la mha de la pensiunzna. (sgomitola)
quindi, bene o male ai ho risolt in parte al problema, per al lavurir lun sarvs listess. (un tempo) ann menga che av sarvesa
ninvestigador? Se a mimpgn a pos pediner la zent senza der in tloc.
Con totti caglimperfezin? Al sr un po difzil. Sculte, dal mument che al collocament al vha dichiare inservibile, parch an prue
menga ad lavurer in televsion. Un puchinn a la volta iv trasmtan a punted.
Al saviv che a ma vi d un bn cunseli? Alla television annaviva gnec pru.

Felice

Pru, pru. Al schifezi pi beli i fan paser per originel televisiv.

Trapiantato

Av ringrazi per al cunseli avuch. Chissa can spa la volta bona.

Felice

Auguri e fem aver nutezi.

Trapiantato

I mie omaggi (avviandosi alla porta zoppicando)

Felice

E ste atenti dan finir sta a na machina.

Trapiantato

Tranqul. (esce)

Felice

27

Felice
Sisto

(ALLARGANDO LE BRACCIA) Ges, Ges. (LA PORTA DI SINISTRA SI APRE ED ENTRA SISTO CON LANGOLO DI
UN TOVAGLIOLO INFILATO NEL COLLETTO STA MANGIANDO UN cannolo)
Agli ordini avvocato

Felice

Ecco al nostar Sisto! El ste ad vostar gradimento al banchetto?

Sisto

(indicando) coronato da qusto bel cannolo

Felice

Dunque, a vi fat un bel viaz, darricchimento culturale.

Sisto

Gli incerti dal mistir, avuche. Ma in un avvenire non luntn, av far vedar ad cosa a sn capace.

Felice

Sisto

Sisto v annavi avvenire. Se m av mand a Sorrento e v arrive a Firenze Via Capri, al pos capir: un investigator non si pone limiti
di spazio. E a pos capir ench che da Firenze andedi a Venezia a tur naparc par la Svezia. Se parch gli amanti diaboli i van segui
fn in cap al mnd. Ma a ste punt a smet ad capir. A ma v da spiegher cuma fev a viazer in tal stes scompartimento degli amanti
diabolici, pranzer in tal stes post, ander sig in tlagenzia ad viaz e sol in tal vedar i lor pasaprt, sol alora, a cap che innen brisa gli
amanti diabolici, ma al console di Svezia e so mur. Turne mo a Sorrento e mascherev, porca miseria. Ien mis che a si in cla spiaza,
ench fra stasn. Cusa vliv fer:insospettire la guardia di Finanza?
Avuche, in base a zerti deduzin, unipotesi ad pista a glavrev, ma lan pasa brisa par Sorrento.

felice

E prin du pasla?

Sisto

Per al Pizl, a du pas dArnaz. (Felice SI ABBANDONA SUL DIVANO IN UN ATTEGGIAMENTO SCORATO)

Felice
Sisto

Alora, ande mo l (un tempo) e ste atenti parch i man det che l agh dimondi cinis. (un altro tono) se arriv in Cina, quant ver
Dio, an spend gnech i solda dla cherta buleda per la vostra estradizin. Ande, ande pur. Prema per tuli contat con la pension
(prende un foglio dalla scrivania). Ch a gh gli appunti. Fem saver cusini le prestazioni speciali duna loro ex camarira.
A fag suquenti telefonedi e po a vag al Pinzel.

Felice

A marcmand e brisa feruv perdar netra volta gli amanti diabolici.

Sisto

Ste tranquel avuch. Prema o poi ve li smaschero.

Felice

(mentre Sisto esce dal fondo) Prma Sisto! Smascherateli prma (da sx entra Caterina)

Caterina

Posso?

Felice

Sol se tun vin a dir che al collasso l fin.

Caterina

Dm sol un quel, padre senza cuore, et dizis par to fiol?

Felice

(insofferente) Ernesto annal vi brisa! Et cap? L brt, peloso e al tin i coran.

Caterina

Zito! Che la medar la pol sintar!


28

Felice

Felice

Mo magari (gridando verso sx) bellomaggio cla m fat la sgnora. Un fossia rt na gamba invezi dander a Fiuggi. E po, angh
menga proporzion: par ma mezzora ad sfizio, tat ct sula cuscinza un fiol da zent kilo
Pensa a quan l ste cinn, rosa e paffutello, da trater con lovatta e il borotalco.. Quand al gaviva zenc mis, povra creatura, al Sgnor
al steva par ciameral..
e po allha vst e lha cambie idea!

Caterina

.Polmonite.. (GRIDANDO) e t, cusirat dria a fer, mentar to fiol lira in pericolo di vita?

Felice

A mandava telegram con auguri ad pronta guarigincusa savivia m?

Caterina

(COMMOSSA) dosi massicce di antibiotici e divieto assoluto ad fumer.

Felice

Parch a zenc mis fumeval bela?

Caterina

Caterina

divieto ad fumer ates a l. Al f alora che la Norma la f al voto! La zur dan marideras finch lannaves cat al pedar dla so
creatura miracolata. Felice, la tha cat. Fag sciogliere il voto.
Ann brisa pusebl. Enca m ai ho fat un voto. Tarcordat cla volta che tir dria afugherat con na marasca?ben m a f un vot per la
to salvezza: castit perpetua.
Castit o celibato?

Felice

Castit. Decisi di mortificare la carne.

Caterina

Ah ben alora tat pu marider.

Felice

E col vot, cum faghia?

Caterina

Cum fet? Tat tin i calcoli renali acs i sforzi ti sono proibiti. Po ta ghe ench na zertete. (gridando) Quela l una ragazza madre!
Devi riparare e riparand finalment tat sistem. (LA PORTA DI FONDO SI APRE ED ENTRA Ernesto TRAFELATO)

Ernesto

Babbo mio! (gli bacia la mano) zia Caterina, cum stala la mama?

Caterina

Las riprend, figlio bello.lentament ma las riprend.

Ernesto

Ela trasportabile?

Caterina

Sptm suquent d

Ernesto

povra mama (esce di corsa a sx)

Felice

Ma ciama nambulenza! Al collasso emotivo, la sgnora, alla v a curer in usbdl

Caterina

Tia propria un zucn! La sgnora Cimino no, e va bn, a pol der che al mar alla cata.ma questa, l bela meza muir, lat porta un fiol
senza la scuciadura ad feral gnir grand. Lat porta do c, dla tera a la Tor di Speda, na fabbrica ad pandor. Lat porta na fameia. T,
cusetar vut? Sa spetat? (FUORI DI SCENA SI SENTE IL SIBILO ASMATICO DI NORMA).

Caterina

Felice

29

Felice

(INDICANDO A SINISTRA) a spet al treno. (DA SINISTRA ENTRA NORMA SORRETTA DA Ernesto)

Norma

Ringrazin al Sgnor clun d la forza ad caminer. Et preghe a San Rocco Ernestino?

Ernesto

Soncam. Ringrazin San Rocco

Felice

Ringrazin pur e scurnas cier. (a Norma) vintzenc (?) an fa sgnora avn ceduto tot du a un mument ad debolezza.la giovent, le
acque diuretiche, le foreste balsamiche ad Fuiggi. Non indaghiamo, non giudichiamo. ( a Caterina che gli tira la giacca) e brisa
tirerum la giaca.donca, vintzenc an fa a gh ste quel che a gh ste e questo, l al frutto (indicando Erneso)
(con trasporto) Babbo mio.

Ernesto
Felice

Norma

Constatiamo tutti chl un bel frutto maturo, succoso, pn ad sostanza.. una figura imponente, pensatore, una peluria virile.
Complimenti, avi fat propria na bela creatura, degna ad v. A ste punt um dmand e avadmand: cum as fa a colmare un vud ad
vinzec an? Av vd dacord, il vuoto incolmabile. Alora, a vegn al dunque. Sgnora, a sn dispost a provvedere. Togliendomi al pn
din bca e caland al stipendi al longobardo, a prev paseruv un vitalizi agganciato alla scala mobile. Fisse v la cefra.
Santi dal Paradis, San Rocco mio prediletto, ma n a sn benestanti, non denigrate il valore della vita al possesso di beni.

Ernesto

N avressan al calore, babbo.

Felice

E da m al vliv?

Ernesto
Norma

(cambiando bruscamente tono). Da v sissignore. E dmandand calore chiedo poco, doppo quel chavi fat. (un tempo) A proposit,
mamma, tamaviv dt clira un pez doman, elt pi ad du metar, folta capigliatura.
(ad occhi bassi) con let al person i cambian

Ernesto

E al babbo per cambier cum l, larev daver zentann

FELICE
Norma

Ben detto. (a Norma) Sgnora in mia presenza avi da dir quel che av cunte a vostar fiol. (prende il foglio dalla scrivania e lo
consulta). Donca, foste allettata dal fascino delluomo. Av ciap pri cavi e av purt in tla grotta dal Ciociaro gridand: io sono
luomo delle caverne e tu sei la mia preda che altro? A s, par colpa ad cla rimorchieda, a purtesi la parca par du an..
Felice, brisa ferum perdar al rispet ad mi fiol

Felice

E n, scuse eh, vostar fiol lha da tgnosar la verite (a Caterina) e t brisa tirer!

Ernesto

(a Norma) ma parch quela ca so, nela brisa la verite?

Norma

Ernesto, la verite la sta in tal mez. Ai ho un po culuri lepisodio.tir un putn, at piasiva al fl. Te da compatir to medar.

Felice

Colorir? A stu ch a ga vi culure la cappella Sistina. Ernesto, quel ca s fat, al se fat di comune accordo vala ben

Norma

A ma vi trascine se ma dal mio trasporto amoroso.mi accarezzavate rudemente il cuoio capelluto

Ernesto

E la paroca?

Norma

Un fe na permanent talment putenta cun crud tot i cavi. (cadendo in ginocchio) ai ho pers laffetto ad mi fiol! Anime dal purgatori a
30

ma vi riverse adoss al vostar sofferenzi. (tira il fiato-sibilo) Un vag a metar in agonia.


Felice

Indova?

Norma

(indicando verso sx) l dl!

Felice

A ga vi na bela c in campagna. Ande mo ad agonizzare in mez al panorama!

Norma

In c vostra voglio agonizzar, come san Lorenzo, arrostita sui ferri roventi, soffocata dal fumo (uscendo a sx sorretta da Ernesto) san
Rocco, a savdrn tra un poc lass (via a sx)
Delinquent, assassino. Mo com, al sfizio s e la riparazion no?

Caterina
Felice
Caterina

Doppo vinzch cadono in prescrizin ench gli omizdi. A min sn tolt di sfzi in tla mi veta. Alra, se as presenta ch stenta don
con stenta fiua, mi oi da marider tti?
Te avu stenta don, con i calcoli?

Felice

Ma parch, cal sfzi n sla cheval con i reni? E po, a tal torna dir, ai ho fat un vot.

Ernesto

(CHE ENTRANDO DA SINISTRA HA UDITO) enca m a lo fat babbo mio!

Felice

Brisa ciamerum babbo

Ernesto

(minaccioso) parch, nsonnia brisa degno?

Felice

No, no, per, fn air tiri un client..fem ben paser un puchinn ad temp eh?

Ernesto

Per a ma vi da ciamer Ernestino

Felice

Tachn ben con Ernesto

Ernesto

(gridando) Ernestino, ai ho bisgn dal calore paterno, ohh!

Felice

Come non detto, Ernestino.

Ernesto

Oh, acs va bn. E adesa av cont al mi voto. A vi da saver che air matna ai ho rizevu do telefone da un anonimo.,no, una
telefoneda da du anonimi..se insoma, n che par telefono al se firme due amici e al ma dt che la mi signora mi infedele. Ai
ho fat blucher al telefon e entrincua imper da in du parti la telefoneda. Quindi, cal fetentone che al se parms ad metar in dubbio
la seriet dla vostra agenzia, a val port ch e al met in sbindln fora dal balcn. Questo l al vot che ai ho fat.
(paterno) Ernestino.(gli d un buffetto) quant tia bel Ernestino. Quel che avi fat, anne brisa un vot, ma un riprovevole
proponiment. Sa savesi la collera che ar San Rocco.
Ma clorca l i sn parmes ad metrin dbi la vostra seriete professionela.

Felice
Ernesto
Felice
Ernessto

Ernestino d a ment a n cal prev esar vostar pedar. La pi fulgida virt cristiana l al perdono. Ande mo a c, telefone alla SIP
digand ad laser perdar e pratiche la virt dal pardon.
Nossignore babbo! A v questo innlavivan brisa da fer (esce)
31

Caterina

Che tesor ad fil. Cum al tul a cor la to reputazion!

Felice

(chiamando) Strossner!

Strossner

(entra da dx) agli ordini

Felice

Telefone alla societe di telefon, pregandoli ad sblucher laparec dal sgnor Ernesto

Strossner

Vostar fiol?

Felice

V quant intusiv?

Strossner

On

Felice

Di Ernesti quant intgnusiv?

Strossner

On sol!

Felice

Alora, cusa stev a disquisire (un tempo) ma quant el cretn Ernestino!

Strossner

Chissa da chi la ciap.

Felice

Se n at fa na telefoneda anonima l parch an vol brisa esar tgnusu. E l cusa fal?

Strossner

Sa fal?

Felice

Deve appurare chi st

strossner

L propria stpid vostar fiol.(correggendosi) ste client. (un tempo) e chi ha fat ste telefoneda?

Felice

Ma se ai ho apena fini ad dir clira anonima. Ande, ande mo a sblucher al telefono (STROSSNER ESCE DA DESTRA. A
CATERINA) e t d a la sgnora clas prepara che tra mezora a la rimandn a c.
Ma sla n st brisa in pia, agh spiga al gamb.

Caterina
Felice

Strossner

A ghingessn. (spingendola) va, va. (LA FA USCIRE DA SINISTRA E CHIUDE LA PORTA. POI VA ALLA PORTICININA DI
SINISTRA ED ENTRA NELLO SGABUZZINO. VI ESCE QUALCHE ISTANTE DOPO CON UN GIUBBOTTO DI CUOIO ED
UNA RIVOLTELLA. SI SFILA LA GIACCA, INDOSSA IL GIUBBOTTO, IMPUGNA LA RIVOLTELLA E FA DELLE
FLESSIONI SULLE GAMBE) Strossner!
(entrando da dx) agli ordini. (lo osserva incuriosito) vani fat sceriffo?

Felice

Ho dotato lagenzia dal giubbotto antiproiettile. Con Ernestino l mi an corar brisa rischi

Strossner

ben com, vostar fiol av vol sparer?

Felice

No, ma al pol sparer a v

Strossner

A m?
32

Felice
Strossner

A va Sisto, a tt qui cag st antepatic. Questo invezi l a prova dErnesto. Questo an la pasa gnech un bazooka. Tecnologia
tedesca. A proposit, in omaggio alle vostre lontane radici, av dag al parms dinduseral.
Annar menga da ster in ufezi tot al d con cal po po darmadura ados?

Felice

No, sol par zenc mint. Al temp ad collauderla. V a vla miti e m av spar

Strossner

(con un sorrisetto) trop unor avuche!

Felice

Felice

Anna ri menga pora. La garanzia l illimiteda. Se, ipoteticament, se al saves da sbuser, a m iun rimborsan al cost e ai vostri eredi al
funerel
(c.s.) coiozi.che cuccagna. ..(con altro tono) dal mument che m anno brisa eredi e v a gla vi bela indos, parch an spria m a
v?
E brisa esar scettico. Annav fide brisa dla tecnologia tedesca?

Strossner

No..ma..

Felice
Strossner

(cercando di convincerlo) alora, fegna unetar quel. Lascegna dizdar alla sorte, vala bn? A sla zughn a testa o croce. (prende una
moneta dalla tasca). Tach v, testa o croce?
A dipnd da quel che testa e quel che cros

Felice

Testa, m un chev al giubbotto, cros av fe sparer.

Strossner

E va bn, spern can vegna fora croce. ((Felice LANCIA LA MONETA E LA RACCOGLIE NEL PALMO DELLA MANO)

Felice

E invzi l usci croce, quindi av fe sparer.

Strossner

Un fag sparer. (mentre Felice si sfila il giubbotto) scuse eh, ma se gnu fra croce, parch av cave al giubbotto?

Felice

Se no, cum faghia a spareruv se an tgni brisa al giubot indos?

Strossner

(ancora stranito) e z.. (sforzandosi di capire) per, scusem, a sira dt: testa av cave al giubbotto. Sicom che gnu fora croce.

Felice

Strossner, an pos menga spareruv senza protezin. V ande al camposanto e sciavo.ma m armagn ch a ferum vintquatran ad
galera. Quindi proteggetevi.
Quand n al nas sfortune.. (indossa il panciotto)

Strossner

Strossner
Felice
Strossner

Felice

(spazientito) o insma, al collaudnia s o no al giubbotto? Seconda v, me av sparia se an fos brisa sicur dla tecnologia tedesca? So,
ste fermo e immobile com al fiol ad Gugliemo Tell ca sn bela narvos.
(punta un dito contro la rivoltella) sgnor Felice la mira l trop elta. Avi dt Guglielmo Tell e per associazion didee a si dria a mirer
a la testa. Abas la mira. (Felice ABBASSA LA CANNA) Ancora un poc. (Felice ABBASSA LA CANNA) Netar poc.
(Felice ABBASSA ANCORA) Etar du zentemeter. Ancora un zentemeter. (LA PISTOLA ADESSO E PERFETTAMENTE
VERTICALE) adesa a psi sparer.
(osservando la posizione della pistola) acse un spar invta al mi p
33

Strossner

E parche, vresi spare in c a m?

Felice

Mo che testa, m a son un tiratore scelto. Anden donca st ferum.pronto?

Strossner

(turandosi le orecchie) com?

Felice
Strossner

Fermomirafuoco! (DALLA PISTOLA PARTE UN COLPO. STROSSNER SI IMMOBILIZZA, CON GLI OCCHI
SGRANATI) aviv vest? Uomo di poca fede. Cusa aviv sintu?
(allucinato) a sint poza ad pil bruse. V no?

Felice

(annusando) enca m. Cus pol esar?

Strossner
Felice

(annusando ma immobile, solleva lentamente il capo) al vin da lelta. (SI PORTA UNA MANO TRA I CAPELLI POI LANNUSA)
a ma vi ciap i cavi ad stresi. ( con un sorriso ebete) vut vedr.a basteva un zentemetr..(E SVIENE RIGIDO SUL DIVANO.
Felice ACCORRE E LO RIANIMA DANDOGLI DEI BUFFETTI)
Mo andn Strossner, l ste un quel da gninta.

Strossner

L ste un quel da mez zentemeter.

Felice

A si trop emotiv

Strossner

Al tiratore scelto

Felice

Saviv qual al mir quel?

Strossner

Che m a sper a v

Felice

Noo!

Strossner

Don Guido

Scusem, ma m ai ho dander a cambierm al breg. (SI ALZA E ACCENNA A MUOVERSI MA CONGIUNGE RAPIDAMENTE
LE GINOCCHIA, SI APPOGGIA A Felice E, AIUTATO DA QUESTI, SI SFILA IL PANCIOTTO CHE SCIVOLA A TERRA.
Felice LO RACCOGLIE E LO METTE NELLO SGABUZZINO) distanza ravvicinata.a bruciapelo..(STROSSNER SI AVVIA
VERSO LA PORTA DI DESTRA IN PRECARIO EQUILIBRIO E SEMPRE CON LE GINOCCHIA GIUNTE. DAL FONDO
ENTRA DON GUIDO, UN GIOVANE PRETE DALLASPETTO ATLETICO, CON OCCHIALI E CAPIGLIATURA FOLTA E
ROSSICCIA.)
(mellifluo) con permesso

Felice

Prego padre.

Don Guido

Gaviv zenq mint par m?

Felice

A vostra disposizin... (professionale) ricerca di persone.(Don Guido fa un gesto di diniego) infedelt coniugale..

Don Guido

(indicando la tonaca) ma av per in tal mi stet


34

Felice

Scusem, labitudine. Prego accomodatevi

Don Guido

(sedendosi) grazie. (un tempo) un ciam Guido Capretta, Don Guido, e se a sn ch, l par svolgere un compito pietoso. Na mi
parochiena, una giovane sgnora dimondi devota, da un poc ad temp, queto a m ste riferi, e v a ma vi da der conferma o meno, la
frequenta con assiduit quotidiana la vostra agenzia.
la sgnora Cimmino?

Felice
Don Guido

Felice

( annuendo) Propria lia. I parint dla sgnora sono in apprensione per al mutiv caresi da saver. Ora, data la mi cundizin di curatore di
anime, vera, i suddetti parenti i an dmande a m ad fer suquenti indagin. ( DA QUANDO DON Guido HA INCOMINCIATO A
PARLARE; DAL FONDO E ENTRATO SISTO FINGENDOSI CIECO. HA UN PAIO DI OCCHIALI NERI ED IMPUGNA UN
BASTONE COL QUALE SAGGIA IL TERRENO PRIMA DI MUOVERE IL PASSO. Felice NON LO RICONOSCE E GLI FA
CENNO CON LA MANO DI ATTENDERE PERCHE INDICA DON GUIDO E OCCUPATO CON UN CLIENTE. MA
SISTO, IMPERTERRITO, CONTINUA AD AVANZARE VERSO DI LUI PRECEDUTO DAL TOC TOC DEL BASTONE
CONTRO I MOBILI, FINCHE VA AD URTARE NELLA SCRIVANIA. DON GUIDO MUTA TONO, CHE DA MELLIFLUO
DIVENTA ASPRO) Avvocato, un stev a sculter?
Com?giv mig?

Don Guido

(addolcendo il tono) mi state seguendo figliolo?

Felice

Se se, vi seguo. Scuse un atum reverendo. (a Sisto) a vho dt daspter.

Sisto

Giv mig?

Felice

Sonca m!

Sisto

Che segn fev con la man. Vidv brisa che a sn orb?

Felice

Ah, siv orb?

Sisto

Ben parch, sved brisa? Un per ca si orb enca v!

Sisto

(seccato a Don Guido) scuse, spt un atum che a dag du frenc a ste orb ch e po a son tot vostar. (d qualche moneta a Sisto) Ecco
qua. Ande mo via adesa (ma Sisto non si muove) dunque reverendo, cusirgna dria a dir.
Avr saver, la sgnora Cimino, che cacchio. (si riprende velocemente e grida) Ciceruacchio! (PAUSA MENTRE Felice LO
GUARDA ATTONITO, DON Guido ADDOLCISCE IL TONO) Ciceruacchio . (UN TEMPO) Che ci viene a fare la giovane
parrocchiana?
La giovane parrocchiana la mha affide al deliche compit di..( A SISTO CHE GLI HA TOCCATO RIPETUTAMENTE LA
SPALLA) ah mo alora, siv ench ch? Ben, sa vliv?
(chinandosi al suo orecchio) a vegn direttament da Monte Boragh

Felice

A presi gnir ench dal monte Bianco, ma, a m, cusa minteresa?

Don Guido
Felice

35

Sisto

Avuch, m a son al pessimista sistematico dla Sorrento-Venezia, via Firenze

Felice

(ALZANDOSI E ALLONTANANDOSI CON LUI DALLA SCRIVANIA) Sisto! E parch fev al cieco?

Sisto

Sssst! Brisa tradirum. (a voce alta) Bench pessimista, arev un incaric da affider allagenzia FIAT LUX

Felice

Vresi cater la vsta netra volta?

Sisto

As pol?

Felice

Ag guardn, ma avi da aspter al vostar turan

Sisto

Su cla scrana ates a la porta? (e va a sedersi a grandi colpi di bastone)

Felice

Bravo, propria so cla scrana. . (REALIZZA LA GAFFE DI SISTO E CERCA DI RIMEDIARE CON UN SORRISETTO FORZATO
A DON Guido, CHE HA SEGUITO CON CURIOSITA LO SVOLGERE DELLA SCENA) lha daver sintu la scrana col baston,
quand l gnu dentar. Al bastn l loc ad chi orb. Dio vede e Dio provvede, l la vostra materia.
(ispirato) propria acs. E v, invezi ad zarcher al person, aresi da zarcher al Sgnor, figliolo, cercare Dio.

Don Guido
Felice
Don Guido

Ah, ann brisa fazil reverendo. Lagenzia l modesta, al personel e i mez in limite. Donca, avresi saver parch la sgnora Cimino la
vin ch tot i d
E la sintratn par tre or, cacchio.. (gridando) Ciceruacchio!

Felice

(DOPO AVERLO SOGGUARDATO A LUNGO) Reverendo, cumela che a gla vi con Ciceruacchio?

Don Guido

A ma vi da scuser, m insegn storia e ien tri d che ai ho Ciceruacchio in talurec. A giva, cumela che la mi parrocchiana la vin ch
tot i d? Parch stala ch acs tent? (Sisto mima un nuotatore)
Eh, reverendo mio, sol v, in quanto curatore di anime, apsi capir al dulor ad cla povra dna. Lha mha incariche ad cater so mar,
questo l ovvio. Parch stala ch acse tent? Parch linspiegabile scomparsa dal mar allha fata ander in un profondo stato di
sconforto. Cusa fala quand l ch?
Eh, cusa fala? (SISTO CONTINUA A MIMARE CON LENA IL NUOTATORE)

Felice
Don Guido
Felice
Don Guido

( a Sisto) par piaser, st un poc ferum con chi braz.


(sul tempo con lo stesso tono) e st ferum, sangue duna marina Svizzera

Felice

Insgnev ench geografia?

Don Guido

(imbarazzato) se!

Felice

E da tri d a ga vi in taglurc ench la marina svizzera.donca, la sgnora.lha scuac che so mar al sarvisa a m e lun considera
un fac simile.rivive la so vta con Cimino tt i d: la pules al stdi, lun fa alener con la sciabola, lun fa magner i bomboloni, lun
f canter Romagna mia
(vivamente colpito, con aria trasognata) cus in giv.la sciabola.al bombolone a ngir.

Don Guido

36

FELICE

(REALIZZANDO) cum fev a saver lora?

Don Guido

Don Guido

(imbarazzato) ehhat tgnos gli usi e costumi dal mi parrochen.(accennando) Romagna mia.. un tempo) an larev mai
pinse..commovente.e gnint etar? Gala sol sti episodi innocenti? Ann che la vaga oltreparlate! F finta desar in confesin
ann menga che la somiglianza la spingano a commettere atti sconsiderati.
Reverendo in confessin: sciabola, pulizia dal stdi, bomboloni, Romagna mia. E sempar in confesin, a parte letica professionale
clun vieta qualsiasi atto sconsiderato, m ai hi i calcoli renali. La sgnora l duna fedelte assoluta al mar. Se lamore as misura a
bomboloni, quel dla sgnora l lamore del secolo.
Commovente, sconvolgent..eh..dello scomparso gnenc na nutezia?

Felice

Doppo Brescia, al nulla. Ma brisa diral a la sgnora. La prev fer un brot gest.

Don Guido

Quindi la vol bn al mar..m..o meglio i parint i cardivan che, esand da par lia, laves cat na consolazin.

Felice
Don Guido

Consolazion? Cli l la pensa sol al so Cimino. E lan beda brisa a spes: cablogramma, telefoned intercontinentali, linterpool.
Sempar a so spesi la mha dmande ad fer un contat con un satellite artificiel.
Sconvolgente.sconvolgente.

felice

Reverendo, se a na vi urgenza gil pur, siamo uomini del mondo. So, andn un bel Ciceruacchio.

Don Guido
Felice

No, no ann brisa al ches ad dasturberal. Av ringrazi. Riferir ai parenti e.scusem se un sn cumos un po trop. Grazie, grazie (e
gli bacia la mano)
(baciandogli la mano a sua volta) sempre a disposizin.

Don Guido

(uscendo dal fondo) sconvolgente.sconvolgente. (via. Sisto si alza)

Felice

Sculte Sisto, un vliv spiegher ste maschereda?

Sisto

Avuch, seguo la pista la quale la porta ch, cla procd dria a loman ad cisa chl apna and via.

Felice

Don Guido Capretta

Sisto

Lo quale, list paseda lira a Sorrento.

Felice

A fer cosa?

Sisto

(misterioso, mimando un nuotatore) i bagni di mare. (Felice lo guarda minaccioso). un credal brisa? Ch, in c, me a gho tot i
elemint. Ai ho sol da metrinsem i quia. Se tot a v cum a pens m stasra av port la soluzin. Adesa a son dria aspter notizie da
Capri. (da sx entra Norma al braccio di Caterina).
Al Sgnor, in tla so bont, al mha de un poc ad forza, respiro una boccata daria, acs un fag aiuter da la sgnora Caterina e a vag in
farmacia a tur zerti pastli.
(a denti stretti) ai avivi da tur vintzenq an fa.

Felice

Norma
Felice

37

Norma

Ma a toran sbit. Annavi brisa da ster in pinsir (esce dal fondo con Caterina)

Sisto
Strossner

Avuche, la faza ad cla sgnora lan m brisa nova (misterioso) un altro tassello dal mosaico cas mt a post. Avuche, me a vag dria a
la sgnora (E FINGENDOSI CIECO, CON LAIUTO DEL BASTONE, ESCE DIETRO ALLE DUE DONNE, DA DESTRA
ENTRA STROSSNER)
Per la telefoneda, gninta da fer, la denuncia l bela in corso (depone delle buste sulla scrivania di Felice)

Felice

Ah. (un tempo) air, aviv telefone al sgnor Ernesto?

Strossner
Felice

Se, par dirag che al rapporto veritiero lira pronti. (indicando le buste che ha depositato sulla scrivania) ecco, ch a gh al letr
anonime da ste mes.
Tuli la lettera numero uno e lizi ad alta voce (STROSSNER APRE UNA BUSTA E NE TRAE UN FOGLIO)

Strossner

(leggendo) Siete sicuro della fedelt di vostra moglie? Firmato: un amico.

Felice

Adesa lizi la numero due, da spidir al d doppo.

Strossner

Strossner

(PRENDE UN FOGLIO DA UNA BUSTA DI COLORE DIVERSO E LEGGE) Agenzia investigativa Fiat Lux, ricerca di persone,
infedelt coniugale
Eccetera eccetera. La prma lann brisa na letra anonima. L una dmanda: siete sicuri della fedelt di vostra moglie? Se s al straza
la letra. Se invezi al gha un quel dubito, al d doppo al rizev la seconda letra, na publicite dlagenzia e quindo al sa a chi rivolzars.
Strossner, questa l na propaganda per lagenzia. (un tempo) tt aven da camper. Quisti i nen brisa campanelli. Ma parch se a fn
la publicite a na savunta, insinuiamo che la zent lan sleva brisa?
Par m invezi son campanelli. Parch avegna da fer saver a la zent le cose brutte?

Felice

Parch la zent allavol saver e po parch questo l al nostar mistir: fare luce, ench sui coran.

Norma

Strossner

(avanzando) la sgnora Caterina l armesa a fer la spesa. (SI INTERROMPE ALLA VISTA DI STROSSNER E LEVA
LENTAMENTE UN DITO VERSO DI LUI) Ma v chi siv?!. (SI PORTA UNA MANO AL PETTO) Fem pinser. (CON UN
GRIDO) Amalfi! (TIRA IL FIATO CON IL SIBILO) Voi siete Wustell! (STROSSNER E MARIANO SI GUARDANO) siv
Wustell?
No, a sn Strossner

Norma

Strossner a vliva dir. (con slancio) Otto!

Strossner

(cadendo dalle nuvole) ma m, annho brisa al piaser

Norma
Strossner

An psi brisa tgngsrum a prima vista..vintan (?) an fa ira bruna, e al temp lha fat al so adver. Wustell, a varcord sol du quia:
Amalfi e la grotta smeraldo.
(ricordando) Uuuuuh! Avuch, uuuuuh..

Felice

Uuuuuh cosa?

Felice

38

Strossner

La sgnora Norma.Amalfi..vintan(?) an fa. (a Norma) mo che piaser vedruv doppo tent temp.

Norma

(nostalgica) clan l, durante la regata, salimmo su la vostra barchta e umma, umma, andn in tla grotta smeraldo

Strossner

Eeeh, e chi al dasmendga!

Norma

M, un lasceva culr daglnd e dalla vostra voce virile clun cateva Parlami damore Mari

Strossner

(a Felice) bei tempi, avuch. (a Norma) e il bambino?

Norma

E al putn nl nasc nov mis doppo.

Strossner

(realizzando mentre Felice si fa pi attento) nacque?

Norma

Quindi al savivi?

Strossner

No, cio, al putn che al steva.

Felice

Fem capiral putn al nasc nov mis doppo la regata. quindi al putn l al fiol ad Strossner

Norma

Si! (sibilo)

Strossner

Com, com

Felice

E alora, cusa gentria m e la grotta dal Ciociaro?

Norma

Ma cusavi cap? Ernestino l vostar fil, incin a val tca. Ench parch al ghira bela in tal periodo dAmalfi.

Strossner
Norma

E difati, m a mlarcord. La sgnora la villeggiava con un putn. (un tempo) aaaah lira al sgnor Ernesto (indicando Felice) clira
vostar fiol
Se, ma quel in tla grota di smeraldo l vostar fiol Wustell. (Strossner e Felice cadono a sedere)

Felice

Un etar fiol.

Norma

Ira zovna, appassionata, inesperta..

Strossner
Felice

E ben, ben(a Felice) avuch, a ma vi da credar l steda na pasegieda in tla grota. (a Norma) mo siv sicura? Ann brisa che ad
Amalfi ag fos ench lavuch?
Strossner, par piaser, abbiate bont!

Norma

A son sicura, sicurissima.

Strossner

E in du el al putn adesa?

Norma

Luciano an scata brisa. Lira in mez al mer

Strossner

E l naufragh (Felice GLI BATTE MANATE DI INCORAGGIAMENTO SULLA SCHIENA)

Norma

No, l ande a Gaeta. Gen mi, i glan purte


39

Strossner

In vachenza con gli amig?

Norma

No, in parsn. I ghan de vintadu an. Povar fil.

Felice

(a Strossner) fev curag!

Strossner

E tire via cla man. (con decisione) a mindaspies ma an pol brisa esar mi fiol.

Felice

E parch?

Strossner

Per al semplice mutiv che m a son omosex, in etri parol, e con decenza parlando, a sn un urcin.

Felice

Ma fem al piaser!

Strossner

A ma vi da credar

Felice

Felice

No! Anne brisa che n al riva e al dis a son un urcin e m a gho da credar su du pia, senza referenze. (un tempo) gaviv al
referenz? No? Strossner, a cunsedar la vostra dichiarazin un caso di umorismo transitorio e avmand daffrontare le vostre
responsabilit di padre. (strossner si rassegna)
Al saviva che San Rocco amabbanduneva brisa. In du d ai ho cat al pedar dErnestino e quel ad Luciano. Sgnor Felice, un vag a
metar in agonia. (esce a sx)
(dopo una lunga pausa) e acs, caro Strossner, as sn cate parint

Strossner

Ma n, cusa segna ln con cletar?

Felice

(meditando) me a son al zio ad vostar fiol e v dal mia.no.con suocerino, me a son al pedar ad mi fiol e v dal vostar

Strossner

Se, ma nuetar du, cusa segna?

Felice

Emilia

E sin soia?. co-padri. Compari(UN TEMPO) Strossner: siamo soci nella stessa cooperativa. (STROSSNER SCOPPIA A
PIANGERE SUL PETTO DI Felice) so, brisa fer acs.da incua av pas ench i assegi famiglier. . (FUORI DI SCENA UN GRIDO
STRAZIANTE DI NORMA) M quella las fa gnir un secondo collasso emotivo. (ED ESCE DI CORSA A SINISTRA. DAL
FONDO ENTRA Emilia, moglie di Ernesto, CIRCOSPETTA)
Ecco, zent bn da m par v

Strossner

E bela arive i assegni famigliari. (la riconosce, si alza) Sgnora, volete pap?

Emilia

Il pap di chi?

Strossner

Al vostar. Al vag a ciamer.

Emilia

E parch al vliv dasturber? Quel al st alAlbarn!

Strossner

Cletar pap

Emilia

Cletar? Ma quant ghi noia?

Norma

40

Strossner

Ma vostar mar val dt gninta?

Emilia
Strossner

L annun dis mai gninta.al pensa sol se al gha i corn o no. Chi sold ch ien per aver uninfurmazin. Cusel gnu a fer al
sacerdote?
Quel?

Emilia

Quel che ste ch. A gho tgnu dria e a lho vest gnir ch e po ander via. Quindi, par zent bon da mel, a vi saver al mutiv dla visita.

Strossner

(SOPPESANDO LA BUSTA NEL TIMORE DI PERDERLA) al prit.seconda m l gnu a bandir lagenzia

Emilia

An gaviva brisa laspersorio

Strossner

L gnu a der i conforti religiosi alla moribonda l dl.

Emilia

An pol brisa der i conforti religiosi

Strossner

El fra servezi?

Emilia

Al so po m. (ENTRA Felice VOLTANDO LE SPALLE AI DUE)

Felice

e se an pasa entro dis mint, a vin dag unetar mez letar.

Strossner

Avuch, la medar di nustar fiua ala avu di recente lestrema unzione?

Felice

Magari! Intent a gho fat bevar mez letar ad camomilla. (girandosi verso la signora) ah, sgnora, a si ch

Emilia

Iri dria a spterum?

Felice
Strossner

Noma (SCAMBIA CON STROSSNER UNO SGUARDO IMBARAZZATO) vostar mar nval dt gninta? E z quel al gha un
quel fs in co.
Du quia fes in co, due.

Felice

Quale motivo av porta ch?

Strossner

La vliva saver qus ira gnu a fer ch cal prit.

Felice

Don Guido Capretta?

Emilia

(facendo ballare un piede) ah, as cama Guido Capretta eh? E cusa vlival?

Felice

Nutezi dal mar duna nostra clienta.

Emilia

La sgnora Cimino a mimazin.

Felice

E cumal saviv?

Emilia

S, e basta. Val dt al parch?

Felice

Par asicure i parint dla sgnora chi ien in ansia.


41

Emilia
Felice

(FACENDO BALLARE UN PIEDE) I parint in ansia E bravo! Naturalment, lira premuroso, ansioso pure lui; magari a gh scape
na quelch lacrima ad commozion vel sembre un prit normel?
No, a gla viva con un zert Ciceruacchio e con la marina svizzera

Emilia

(agitata) a ma vi da dir slira premuros in ti cunfrunt dla sgnora Cimino.

Felice

A tal degh! Clu l ad Guido an mla conta brisa gista.

Emilia

A mlimazineva. Dunque a sn al ripensamento.al pentimento.e m.m a stag per esar tradida.

Felice

Con tot al rispet sgnora v annaresi propria ad dascorar ad tradiment.

Emilia

Cusela na predica?

Felice

Felice

No, ma in qualit ad suocero.(si corregge) soccia (si mette una mano ai reni) sti calcoli renel che dulor.in qualit di uomo
desperienza av deg che an sta brisa ben. Ernesto, vostar mar, ann brisa un Apollo.ela giosta che oltre a desar brot al gava
daver ench i coran?.quel giovane al gha na medar, un pedar.
An voi brisa sintarna predica. Cusinsavi dla passione che infiamma e divora? Quel che avliva saver a lho savu. Grazie e
arrivederci. (via in fretta dal fondo).
Che fatica essere uomini cher al mi Strossner.

Ernesto

(fuori scena) in du el? Se al ciap al tac al balcon.

Felice
Ernesto

Ernesto al gha al nomar dla Sip. Strossner pinseg mo v..(ENTRA PRECIPITOSAMENTE NELLA PORTICINA A DESTRA,
VERSO IL PROSCENIO, MENTRE DALLA PORTA DI FONDO ENTRA Ernesto)
(tuonando) in du el al babbo?

Strossner

Al babbo angh brisa

Ernesto

La telefoneda l partida da ste ufezi. A mlha conferme la Sip

Strossner

Mo quale telefoneda?

Ernesto

Ernesto

(SEDENDOSI ALLA SCRIVANIA E BATTENDOVI SOPRA I PUGNI) da ste telefon(IL SUO SGUARDO SI POSA SU UN
FOGLIO DI CARTA, Ernesto SMETTE DI BATTERE E SOLLEVA IL FOGLIO, LEGGENDO) Ieri, giorno 25, io sottoscritto Otto
Strossner ho telefonato a quellanimale del signor Ernestino Verdone
(SENZA REALIZZARE) Lase ster, al sarvs per il diario storico (SGRANA DI COLPO GLI OCCHI. SOSPENSIONE. Ernesto
SI ALZA LENTAMENTE E SFILA LA RIVOLTELLA DALLA TASCA POSTERIORE).
Quindi avi telefone v e a ma vi de dlanimale per iscritto.ma m av spar, quant vera Dio.

Strossner

Un spare?, ma an psi brisa parch an gho brisa al giubbotto

Ernesto

Al giubot? Mo m av spar ench in mudand.

Emilia

Strossner

42

Strossner

Ma v an psi menga sparerum parch m a son al pedar ad Luciano

Ernesto

Luciano chi?

Strossner

Vostar fradel

Ernesto

Quel in parson?

Strossner

Propria l. Me a sn vostar zio.

Ernesto

Dabon? E cum aviv fat?

Strossner

Cum ha fat al babbo con la mamma.

Ernesto

(con un sorriso radioso) Amalfi. La regata.

Strossner

La grotta dello smeraldo

Ernesto

Mo guerda t al ches. Al pedar ad Luciano..quindi a si mi zio..per zio, a ma vi da spiegher quel ca scriv. Il fatto as riasm con
na dmanda: ma m, oia i coran s o no?
Adesa a val spieg. Lizand la relazion a capir cum nasu lequivoco. (USCENDO CON LUI A DESTRA) A ghira na una
manifestazion ad disoccupati, la polizia lha tache a mulr le bombe lacrimogene(CHIUDE LA PORTA, DAL FONDO
ENTRANO SISTO E LA SIGNORA CIMMINO).
Ah, le cose della vita. A ma vi da credar sgnora. . (LEI SI METTE A SEDERE SUL DIVANO IN POSA LANGUIDA) vintsia an fa
a lavureva in un cantir stradel. Un d, sula spiaza l ad front a fag conoscenza con na sgnora chlira l in villeggiatura. Fato st che a
nasc una violenta simpatia e un dop mezd a sn ande a fer un gir l datoran, in un buscht in mez ad alberi, uccellini e fiorellini.
Ben, la sgnora che ai ho segui poc fa lira propria lia. E po, a mia insaput la ma fat omaggio dun fiol, concepito in una grotta. Cose
da matt. (un tempo) Adesa a vag a investigher ancora. (ESCE DAL FONDO. LA PORTA DI DESTRA SI APRE ED ENTRA Felice
CON ESTREMA CAUTELA. VA IN PUNTA DI PIEDI VERSO LA PORTA DI STROSSNER E VI POGGIA LORECCHIO,
MENTRE LA SIGNORA CIMMINO SI LIBERA DEL VESTITO E SI SDRAIA SUL DIVANO IN POSA PROVOCANTE).
(stranito) bemmo i redan. (SI VOLTA, SCORGE LA SIGNORA CIMMINO, HA UN TRASECOLAMENTO. LEI MUOVE
LENTAMENTE UN DITO, FACENDOGLI CENNO DI AVVICINARSI. Felice LE RISPONDE CON UN SORRISO CHE
SUBITO SI SPEGNE). Sgnora, can fegna istizir Don Guido. Fe la paruchiena seria
A gho ripense. Il facsimile l mi dloriginel.

Strossner
Sisto

Felice
Cimino
Felice

Adulatricela carne debole veraaaa gh na moribonda in c (SI SIEDE ALLA SCRIVANIA E FINGE DI LAVORARE. LEI
SI ALZA E GLI SI AVVICINA PROCEDENDO FLESSUOSAMENTE, SI SIEDE SUL BRACCIOLO DELLA POLTRONA E GLI
FA SCORRERE UN DITO SULLA NUCA) sgnora ferma con cal didaquel ann brisa un fac simile..guarde che a ti al spadn
e un mt in posa vala ben? .(LEI LO FA ALZARE E LO GUIDA VERSO IL DIVANO) ind dundegna? (INCOMINCIA A
CANTARE) Romagna mia (LA SIGNORA CIMMINO LO ROVESCIA SUL DIVANO E PREME ADDOSSO A LUI CON
TUTTO IL CORPO, MENTRE Felice PEDALA CON LE GAMBE IN ARIA) al bombolone, l lora dal bombolone (DAL FONDO
43

ENTRA CATERINA CON QUALCHE SACCHETTO DELLA SPESA).


Caterina
Felice

It dria a ferat lintramuscolare? (guardando altrove) it indecent? Posia guarder? (SI VOLTA, INSOSPETTITA, E LANCIA UN
URLO) felice, cus it dria a fer?
Al bombolone

Caterina

A la faza di calcoli renali!

Norma

(entrando da sx) al pedar ad mi fiol colto in flagrante! (emette il sibilo e piega le ginocchia)

Caterina

Norma! (LA SORREGGE ED ESCE CON LEI DA SINISTRA)

Don Guido

(fuori scena) avvocato, son sconvolto

Felice

Aviv vest, a ma vi sconvolt al prit

Don Guido

(c.s.) non reggo pi!

CIMINO

(alzandosi turbata) ad chi ela cla vos?

Felice

Ad Don Guido.

Cimino

Don Guido

(VERGOGNANDOSI DELLA PROPRIA NUDITA) Oh, Dio me mama!


(SI GUARDA INTORNO E CORRE A RINCHIUDERSI NELLO SGABUZZINO).
Noangh brisa aria l dentar..(MA LEI HA GIA CHIUSO LA PORTA. DA QUELLA DI FONDO ENTRA DON Guido CON
ARIA AFFRANTA)
Non trovo pace, cardm. Da quand ai ho sintu al vostar racont an cat brisa pes. (schiaffeggiandosi) cum oia ps?

Felice

Bemmo cusa viv fat?

Don guido

E lia, povra creatura innocente, la viv sola per al mar.macerandosi nel tormento. (con aria allucinata)a sn gnu a cunserum.

Felice

(indicando a sx) a viv da confeser la muribonda?

Don Guido

A son m che a mho da confeser. . (METTENDOGLI ENTRAMBE LE MANI SULLE SPALLE) Vi prego sculte la mi confesin.

Felice

(ALLARGA LE BRACCIA, CON MODESTIA) Se mi ritenete degno..

Don Guido

(SI METTONO A SEDERE, IN MODO CHE Felice SEMBRI IL CONFESSORE E DON Guido IL PENITENTE). Dite figliolo.
vdiv, m ira felicemente sposato

Felice

A viv avu la dispensa ad sua Santit?

Don Guido

Ma no, ira maride con una santa donna

Felice

Na sora?

Felice

44

Don Guido

Felice
Don Guido
Felice
Don Guido

Una cara e dolce creatura. La mha redento, capiv? Prma ad tgnosarla a feva falsario (Felice LO GUARDA ATTONITO)
Passaporti, patenti, Buoni del tesoro Ma con lei la mia vita cambiata da cos a cos. Un sn mes a disgner fumetti pornografici e
ripres la mia attivit spurtiva: la scherma. (Felice HA GLI OCCHI SBARRATI) Un d, un lampo, una luce accecante e un sint
divamper quela ca cardiva na grande passione. A las la c e la muir.
Par feruv prit
Par na dona. (con sarcasmo) la grande passione ts! ..figurev: a fevan progetti, Brasile India, Un batel sul Nilo. e invezi un
monolochel a monte boragh
A monte boragh..

Felice

Doppo aver det a mi muir che andeva a Bresia per na gara ad sciabola, andeva srerum in ste monolochel par do o tre or ad passin.
Un d, mentar ca tuliva na bucheda daria, bemmo an vd mi muir long la streda, ag vag dria e a vd chla vin ch
Ma segna dria a scorar dla sgnora Cimino?

Don Guido

E ad chi se no?

Felice

Quindi v a sresi?

Don Guido

M a son Cimino travisti da sacerdote.

Felice

Emilia

(ALZANDOSI DI COLPO) avn cate Cimmino! (FA PER SLANCIARSI VERSO LA PORTA DELLO SGABUZZINO, MA SI
FERMA DAVANTI ALLA VISTA DEL VESTITO DELLA SIGNORA CIMMINO. MENTRE IL FALSO DON Guido CONTINUA
A PARLARE ASSORTO NEI SUOI PENSIERI, INIZIA LOPERA DI AVVICINAMENTO AL DIVANO).
Quel che a ma vi cunte al mha tuch al cor. E m ca cardiva che addria allinsgna dlagenzia ag fos na casa-squillo. (Felice HA
RAGGIUNTO LINDUMENTO E CON LA PUNTA DEL PIEDE LHA SPINTO SOTTO IL DIVANO) a mlimmagineva dasvistida
girer par quest ufezi o magari nascosta in una quel stenzia. Cumoia fat a piser cla fes ad sti quia? Enrichetta, pardonum! (DA
POCHI ISTANTI E ENTRATA DAL FONDO, NON VISTA DAI DUE, LA SIGNORA Verdone)
Enrichetta? e m sa sgnia? Una peza da pia?

Don Guido

Emilia!

Felice

Ma com, la dona ela lia? Mi norala muir dun mi client?

Don Guido

Emilia vade retro!

Emilia

(DANDO UNA BUSTA A Felice) zinzent bon da ml par v.

Felice

A che titolo?

Emilia

(PRENDENDO UNA RIVOLTELLA DALLA BORSETTA) Non avete visto e non avete sentito niente. (PUNTA LA PISTOLA
CONTRO Guido. Felice TENTA, MA INUTILMENTE DI DISARMARLA)
Rispetto per al vist clindosa

Don Guido

Felice

45

Emilia

L una veste falsa cume al so cor. M ag spar.

Felice

An psi brisa

Emilia

E chi al dis?

Felice

M. A si in c mia.

Emilia

Alora agh vag a sparer in tal pianerottolo. Esci fuori!

Felice

Gnenca l e se non basta in qualit di suocero.

Emilia

Suocero ad chi?

Felice

Ad mi nora. Sgnora mitiv na mn su la cuscinzia.

Emilia
Cimino

(SCOPPIANDO A PIANGERE E DANDO LA RIVOLTELLA A Felice) cus iria dria fer? (a Don Guido) ma parch un vut laser?
(lo abbraccia) a to d la mi vta.par t ai ho tradi cla perla dErnesto. Ai ho tuch al fond e t at vin a dir Enrichetta pardonum!
(LA PORTA DELLO SGABUZZINO SI APRE ED ENTRA LA SIGNORA CIMMINO).
Aria! La dentar as soffoca.

Don Guido

Enrichetta mia!

Cimino

Guido! (con altro tono) mo com, ta ti fat prit e ti abraze a netra dona?

Don Guido

No, at spieg.(NOTA IL SUO ABBIGLIAMENTO SUCCINTO) e t cum it vistida? Nuda in una casa squillo? (a Felice) brot
spurcacin, al bombolone, romagna mia.(disarma Felice) m a spar a tot du!
Fermo! Reverendo fem spiegher (Don guido si fa pi minaccioso) reverendo, ad ste pas an dvinte pi vescuv.

Felice
Don Guido
Cimino

E m, barbazagn, a sn casc in tla trapla. Sicche at gniv ch per accelerare le ricerche. Al cablogramma.il collegamento
satellitare.
Mo st capi? M un serviva dlavuche come fac simile.

Felice

(gridando) Strossner, Sisto! (ENTRANO STROSSNER E SISTO DA PUNTI DIVERSI).

Sisto

(indicando Don Guido e la signora Cimino) avvocato, gli amanti diabolici! A vla viva dt che i cateva

Norma

(CHE E ENTRTA DA SINISTRA CON CATERINA) Guido!

Don Guido

Mamma.

Felice

Mamma?

Norma

Figlio mio bello, in du it st tot ste temp? Tit fat prit?

Don Guido

L un travestiment
46

Norma

Meno male. M intent ai ho na sorpresa. Ai ho cate to pedar.

Don Guido

(trepitante) in du el?

Norma

(indicando Sisto) Eccolo.

Strossner

(stringendo la mano a Sisto) congratulazioni.

Sisto

Ges Giuseppe e Maria! Lamante diabolico l mi fiol e par zunta l prit.

Norma

(a Don Guido) e questo l to zio Felice, al pedar dErnestino.

Don Guido

Mi zio?

Emilia

Oddio, mi suocero! (da dx entra Ernesto)

Ernesto

Emilia, cus agh fet ch?

Emilia

A sn gnuda a tgnosar to pedar.

Ernesto

Ah gi. Vest che ac sn totBabbo, da pedar a fiol, ma m goia i coran?

Feline

Noooooooo

Ernesto

(alla moglie) visto, it cuntenta?

Emilia

(timida) se al la dis al babbo

Norma

Ernesto, questo l to fradel Guido.

Ernesto

(sbrigativo) piacere.

Don Guido

(c.s.) piacere mio. Mamma, questa l Enrichetta mi muir

Norma

(pudica) conoscoconosco

Don Guido
Felice

Lira lugheda l dl acs cume lavdi e m annho gnech cap la partida dal fac simile. Zio Felice, da zio ad anvod, ma m goia i
coran?
Noooooo

Don Guido

sol un fac simile

Norma

(a Don Guido) Questa l la zia Caterina e questo l al zio Strudell, al pedar dal carcerato.

Strossner

Strossner. Par piaser, brisa strabizer al nom dal zio.

Norma

(A Felice) vdiv che bia fiua? (A SISTO) Vdiv che bia piz ad giovent? Grazie, san Rocco, grazie. (A Felice, STROSSNER E SISTO)
V a si i pedar di mi fiua e m ai ho al dver ad pruedar a v. San Rocco ha voluto questo incontro miracoloso e nessuno ci potr pi
separare.
47

Felice

Com com?

Norma

Resto con Voi. A stn tot insem. Una bela famia unida per accudirci, curarci e conforterai a vicenda in ste mnd acs pn ad pregual
e brutturi. Adesa a ringrazin con na bela preghiera. (con gli occhi al cielo) san Rocco, San Bastian, San Giocchino, Carlo Terzo,
Vittorio Emanuele Secondo, santi Cosma e Damiano.

Caterina

Norma

(giuliva) adesa tot a festegier. Sciampagna! Sciampagna!


(entra il trapiantato)
(a Felice) Sgnor avuch, alla television in mhan brisa vlu. I han dt che ai ho un lieve difetto di pronuncia. (Norma si volta a
guardarlo)
Carlo Maria!

Trapiantato

(stupito) Sgnora.un tgnusiv?

Norma

An varcurdev pi? Vintan (?) fa a Gabicce Monte, in tla pineta

Trapiantato

La sgnora Norma! (a Felice) uuuh

Felice

Vut vedar(a Norma) quant an gal al ragazol?

Norma

Dasnov (?)

Felice

Anima di Dio! E cusa fal?

Norma

Al motociclesta su un mezzo meccanico giapunes

Felice

El un curidor?

Norma

No un ledar ad muturn

Felice

Benesum

Norma

(al trapiantato) adesa av cont dallinez, (IN DISPARTE CON IL TRAPIANTATO)

Felice

(gridandogli dietro) enca v a vi cat la sistemazin!

Dante

(ENTRA TRAFELATO TRASCINANDO UN RAGAZZO CHE SOMIGLIA INVEROSIBILMENTE TIC COMPRESI AL


TRAPIANTATO) Avvocato, avvocato, (CERCANDO CON LO SGUARDO LA MOGLIE) in du ela la mia Ortensia, a gho da
dmanderag scusa per aver dubitato dla so fedelte.
Calmev, cus capit?

Trapiantato

Felice
Dante

(mostrando un foglio) ai ho avu al rapporto dal vostragente. In tla grota non successo niente. (guardando Ortensia con affetto)
Santa donna, in cal periodo la feva la dama ad compagnia ad un ospite dellhotel Belvedere, un povrinvalid chi gavivan fat un
trapianto. Questi agliran le prestazioni speciali. (corre ad abbracciare Ortensia)
48

Felice

Oh, molto bene, aviv vest, di carta o di osso, i coran iavn cav ench a v.

Ortensia

It cunvint adesa? Mo cumet psu dubiter dla mi oneste! (abbraccia Dante)

Strossner
Felice

E certo, e cum avi psu dubiter, l e v a si do gozi dacqua! (SCAMBIANDOSI UN OCCHIATA CON Felice INDICANDO
FURTIVAMENTE IL TRAPIANTATO. POI INSIEME A Felice SI AVVICINA AL PROSCENIO) avvuche fem capir. (angosciato)
quel in parsn l mi fiol, ma ench lamante diabolico e al ledar ien nostranvud?
Quello che ci sono ci sono. A sn tt una sola famia

Strossner

Ecsa dirala la zent quand allimpera? Ann brisa un bel quel

Felice

In tla sgrazia a sen ste fortune Strossner. Al per brt ma al resta tot in fameia.

Strossner

Avuch, che fatica essere uomini!

Annibale

A son chun sgnia per quel?


SIPARIO

49