Sei sulla pagina 1di 6

Vede perfettamente onne salute

Vede perfettamente onne salute


chi la mia donna tra le donne vede;
quelle che vanno con lei son tenute
di bella grazia a Dio render merzede.
E sua bieltate è di tanta vertute,
che nulla invidia a l’altre ne procede,
anzi le face andar seco vestute
di gentilezza, d’amore e di fede.
La vista sua fa onne cosa umile;
e non fa sola sé parer piacente,
ma ciascuna per lei riceve onore.
Ed è ne li atti suoi tanto gentile,
che nessun la si può recare a mente
che non sospiri in dolcezza d’amore.

Da la “Vita nuova” di Dante Alighieri

Véde perfettaménte ónne salute

Véde perfettaménte ónne salute


chi la mia dònna tra lé dònne véde;
quélle ché vanno có lèi són tenute
di bèlla grazia a Dio rènder merzéde.
É sua bieltate è di tanta vertute,
ché nulla invidia a l’altre né procède,
anzi lé face andar séco vestute
di gentilézza, d’amóre é di féde.
La vista sua fa ónne còsa umile;
è nón fa sóla sé parér piacènte,
ma ciascuna pér lèi ricéve onóre.
Éd è né li atti suòi tanto gentile,
ché nessun la si può recare a ménte
ché nón sospiri in dolcézza d’amóre.

Da la “Vita nuòva” di Dante Alighièri

Deh peregrini che pensosi andate

Deh peregrini che pensosi andate,


forse di cosa che on v’è presente,
venite voi da sì lontana gente,
com’ a la vista voi ne dimostrate,
che non piangete quando voi passate
per lo suo mezzo la città dolente,
come quelle persone che neente
par che ‘ntendesser sua gravitate?
Se voi restaste per volerlo audire,
certo lo cor de’ sospiri mi dice
che lagrimando n’uscireste pui.
Ell’ha perduta la sua beatrice;
e le parole ch’om di lei può dire
hanno vertù di far piangere altrui.

Da la “Vita nuova” di Dante Alighieri


Dèh peregrini ché pensósi andate

Dèh peregrini ché pensósi andate,


fórse di còsa ché nón v’è prešènte,
venite vói da sì lontana gènte,
cóm’ a la vista vói né dimostrate,
ché nón piangéte quando vói passate
pér ló suo mèo la città dolènte,
cóme quélle persóne ché neènte
par ché ‘ntendésser sua gravitate?
Sé vói restaste pér volérlo audire,
cèrto ló còr dé’ sospiri mi dice
ché lagrimando n’usciréste pui.
Éll’ha perduta la sua beatrice;
é lé paròle ch’òm di lèi può dire
hanno vertù di far piangere altrui.

Da la “Vita nuòva” di Dante Alighièri

Quanto più m’ avvicino al giorno estremo

Quanto più mi avvicino al giorno estremo


che l’umana miseria vuol far breve,
più veggio il tempo andar veloce e leve,
e ‘l mio di lui sperar fallace e scemo.
I’ dico a’ miei pensier: “Non molto andremo
d’amor parlando omai, ché ‘l duro e greve
terreno incarco come fresca neve
si va struggendo; onde noi pace avremo:
perché con lui cadrà quella speranza
che ne fe’ vaneggiar sì lungamente,
e ‘l riso e ‘l pianto, e la paura e l’ira.
Sì vedrem chiaro poi come sovente
per le cose dubbiose altri s’avanza;
e come spesso indarno si sospira.”.

Dal “Canzoniere” di Francesco Petrarca

Quanto più m’ avvicino al giórno estrèmo

Quanto più mi avvicino al giórno estrèmo


ché l’umana mišéria vuòl far brève,
più véggio il tèmpo andar velóce é lève,
é ‘l mio di lui sperar fallace é scémo.
I’ dico a’ mièi pensièr: “Nón mólto andrémo
d’amór parlando omai, ché ‘l duro é grève
terréno incarco cóme frésca néve
si va struggèndo; ónde nói pace avrémo:
perché cón lui cadrà quélla speranza
ché né fé’ vaneggiar sì lungaménte,
é ‘l riso é ‘l pianto, é la paura é l’ira.
Sì vedrém chiaro pòi cóme sovènte
pér lé còse dubbióse altri s’avanza;
é cóme spésso indarno si sospira.”.

Dal “Canzonière” di Francésco Petrarca


Alla musa

Pur tu copia versavi alma di canto


su le mie labbra un tempo, aonia Diva,
quando de’ miei fiorenti anni fuggiva
la stagion prima, e dietro erale intanto
questa, che meco per la via del pianto
scende di Lete vèr la muta riva:
non udito or t’invoco, oimé! soltanto
una favilla del tuo spirto è viva.
E tu fuggisti in compagnia dell’ore,
o Dea! tu pur mi lasci alle pensose
membranze, e del fururo al timor cieco:
però mi accorgo, e mel ridice Amore
che mal ponno sfogar rade, operose
rime il dolor che deve albergar meco.

Dai “Sonetti” di Ugo Foscolo

Alla muša

Pur tu còpia versavi alma di canto


su lé mie labbra un tèmpo, aònia Diva,
quando dé’ mièi fiorènti anni fuggiva
la stagión prima, é diètro èrale intanto
quésta, ché méco pér la via dél pianto
scénde di Lète vèr la muta riva:
nón udito ór t’invòco, oimé! soltanto
una favilla dél tuo spirto è viva.
É tu fuggisti in compagnia dell’óre,
ó Dèa! tu pur mi lasci alle pensóse
membranze, é dél fururo al timór cièco:
però mi accòrgo, é mél ridice Amóre
ché mal pònno sfogar rade, operóse
rime il dolór ché dève albergar méco.

Dai “Sonétti” di Ugo Fóscolo

A se stesso

Or poserai per sempre,


stanco mio cor. Perì l’inganno estremo,
ch’eterno io mi credei. Perì. Ben sento,
in noi di cari inganni,
non che la speme, il desiderio è spento.
Posa per sempre. Assai
palpitasti. Non val cosa nessuna
i moti tuoi, né di sospiri è degna
la terra. Amaro e noia
la vita, altro mai nulla; e fango è il mondo.
T’acqueta omai. Dispera
l’ultima volta. Al gener nostro il fato
non donò che il morire. Omai disprezza
te, la natura, il brutto
poter che, ascoso, a comun danno impera,
e l’infinita vanità del tutto.

Dai “Canti” di Giacomo Leopardi


A se stésso

Ór poserai pér sèmpre,


stanco mio còr. Perì l’inganno estrèmo,
ch’eterno io mi credéi. Perì. Bèn sènto,
in nói di cari inganni,
nón ché la spème, il desidèrio è spènto.
Pòsa pér sèmpre. Assai
palpitasti. Nón val còsa nessuna
i mòti tuòi, né di sospiri è dégna
la tèrra. Amaro é nòia
la vita, altro mai nulla; é fango è il móndo.
T’acquèta omai. Dispèra
l’ultima vòlta. Al gèner nòstro il fato
nón donò ché il morire. Omai disprèzza
té, la natura, il brutto
potér ché, ascóso, a comun danno impèra,
é l’infinita vanità dél tutto.

Dai “Canti” di Giacomo Leopardi

San Martino

La nebbia a gl’ irti colli Gira su’ ceppi accesi


piovigginando sale, lo spiedo scoppiettando:
e sotto il maestrale sta il cacciator fischiando
urla e biancheggia il mar; su l’uscio a rimirar
ma per le vie del borgo tra le rossastre nubi
dal ribollir de’ tini stormi d’uccelli neri,
va l’aspro odor de i vini com’esuli pensieri,
l’anime a rallegrar. nel vespero migrar.

Da “Rime nuove” di Giosuè Carducci

San Martino

La nébbia a gl’ irti còlli Gira su’ céppi accési


piovigginando sale, ló spièdo scoppiettando:
é sótto il maestrale sta il cacciatór fischiando
urla é bianchéggia il mar; su l’uscio a rimirar
ma pér lé vie dél bórgo tra lé rossastre nubi
dal ribollir dé’ tini stórmi d’uccèlli néri,
va l’aspro odór dé i vini com’èšuli pensièri,
l’anime a rallegrar. nél vèspero migrar.

Da “Rime nuòve” di Giosuè Carducci

Forse un mattino

Forse un mattino andando in un’aria di vetro,


arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo:
il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro
di me, con un terrore di ubriaco.
Poi come uno schermo, s’accamperanno di gitto
alberi case colli per l’inganno consueto.
Ma sarà troppo tardi; ed io me n’andrò zitto
tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto.

Da “Ossi di seppia” di Eugenio Montale


Fórse un mattino

Fórse un mattino andando in un’aria di vétro,


arida, rivolgèndomi, vedrò compirsi il miracolo:
il nulla alle mie spalle, il vuòto diètro
di mé, cón un terróre di ubriaco.
Pòi cóme uno schérmo, s’accamperanno di gitto
alberi case còlli pér l’inganno consuèto.
Ma sarà tròppo tardi; éd io mé n’andrò zitto
tra gli uòmini ché nón si voltano, cól mio segréto.

Da “Òssi di séppia” di Eugènio Montale

Non gridate più

Cessate d’uccidere i morti,


non gridate più, non gridate
se li volete ancora udire,
se sperate di non perire.
Hanno l’impercettibile sussurro,
non fanno più rumore
del crescere dell’erba,
lieta dove non passa l’uomo.

Da “Il dolore” di Giuseppe Ungaretti

Non gridate più

Cessate d’uccidere i mòrti,


nón gridate più, nón gridate
sé li voléte ancóra udire,
sé sperate di nón perire.
Hanno l’impercettibile sussurro,
nón fanno più rumóre
dél créscere déll’èrba,
lièta dóve nón passa l’uòmo.

Da “Il dolóre” di Giusèppe Ungarétti

Sonno, dolce fratello della Morte

Sonno, dolce fratello della Morte,


che dalla Vita per un po’ ci affranchi
ma ci rilasci tosto in sua balia
come gatto che gioca col gomitolo;
di te, finché la mia vita giustifichi
la vita della mia sorella e un segno
che son vissuto anch’io finché non lasci,
io mi contenterò e del tuo inganno.
Vieni, consolatore degli afflitti.
Abolisci per me lo spazio e il tempo
e nel nulla dissolvi questo io.
Nessun bambino mai così fidente
s’abbandonò sul seno della madre
com’io nelle tue mani m’abbandono.
Quando si dorme non si sa più nulla.

Da “Poesie” di Camillo Sbarbaro


Sónno, dólce fratèllo délla Mòrte

Sónno, dólce fratèllo délla Mòrte,


ché dalla Vita pér un pò’ ci affranchi
ma ci rilasci tòsto in sua balia
cóme gatto ché giòca cól gomitolo;
di té, finché la mia vita giustifichi
la vita délla mia sorèlla é un ségno
ché són vissuto anch’io finché nón lasci,
io mi contenterò é dél tuo inganno.
Vièni, consolatóre dégli afflitti.
Abolisci pér mé ló spazio é il tèmpo
é nél nulla dissòlvi quésto io.
Nessun bambino mai così fidènte
s’abbandonò sul séno délla madre
cóm’io nélle tue mani m’abbandóno.
Quando si dòrme nón si sa più nulla.

Da “Poešie” di Camillo Sbarbaro