Sei sulla pagina 1di 111

Informazioni su questo libro

Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google
nellambito del progetto volto a rendere disponibili online i libri di tutto il mondo.
Ha sopravvissuto abbastanza per non essere pi protetto dai diritti di copyright e diventare di pubblico dominio. Un libro di pubblico dominio
un libro che non mai stato protetto dal copyright o i cui termini legali di copyright sono scaduti. La classificazione di un libro come di pubblico
dominio pu variare da paese a paese. I libri di pubblico dominio sono lanello di congiunzione con il passato, rappresentano un patrimonio storico,
culturale e di conoscenza spesso difficile da scoprire.
Commenti, note e altre annotazioni a margine presenti nel volume originale compariranno in questo file, come testimonianza del lungo viaggio
percorso dal libro, dalleditore originale alla biblioteca, per giungere fino a te.
Linee guide per lutilizzo
Google orgoglioso di essere il partner delle biblioteche per digitalizzare i materiali di pubblico dominio e renderli universalmente disponibili.
I libri di pubblico dominio appartengono al pubblico e noi ne siamo solamente i custodi. Tuttavia questo lavoro oneroso, pertanto, per poter
continuare ad offrire questo servizio abbiamo preso alcune iniziative per impedire lutilizzo illecito da parte di soggetti commerciali, compresa
limposizione di restrizioni sullinvio di query automatizzate.
Inoltre ti chiediamo di:
+ Non fare un uso commerciale di questi file Abbiamo concepito Google Ricerca Libri per luso da parte dei singoli utenti privati e ti chiediamo
di utilizzare questi file per uso personale e non a fini commerciali.
+ Non inviare query automatizzate Non inviare a Google query automatizzate di alcun tipo. Se stai effettuando delle ricerche nel campo della
traduzione automatica, del riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) o in altri campi dove necessiti di utilizzare grandi quantit di testo, ti
invitiamo a contattarci. Incoraggiamo luso dei materiali di pubblico dominio per questi scopi e potremmo esserti di aiuto.
+ Conserva la filigrana La "filigrana" (watermark) di Google che compare in ciascun file essenziale per informare gli utenti su questo progetto
e aiutarli a trovare materiali aggiuntivi tramite Google Ricerca Libri. Non rimuoverla.
+ Fanne un uso legale Indipendentemente dallutilizzo che ne farai, ricordati che tua responsabilit accertati di farne un uso legale. Non
dare per scontato che, poich un libro di pubblico dominio per gli utenti degli Stati Uniti, sia di pubblico dominio anche per gli utenti di
altri paesi. I criteri che stabiliscono se un libro protetto da copyright variano da Paese a Paese e non possiamo offrire indicazioni se un
determinato uso del libro consentito. Non dare per scontato che poich un libro compare in Google Ricerca Libri ci significhi che pu
essere utilizzato in qualsiasi modo e in qualsiasi Paese del mondo. Le sanzioni per le violazioni del copyright possono essere molto severe.
Informazioni su Google Ricerca Libri
La missione di Google organizzare le informazioni a livello mondiale e renderle universalmente accessibili e fruibili. Google Ricerca Libri aiuta
i lettori a scoprire i libri di tutto il mondo e consente ad autori ed editori di raggiungere un pubblico pi ampio. Puoi effettuare una ricerca sul Web
nellintero testo di questo libro da http://books.google.com

BIBL. NAZIONALE
(INTRALE-HRENZB

953
31

-.

mum:w

_-,

W.
\.
V
W

-; , manu. -,

x.N

\_-n

_-'-_5_

ALBUM PORTICO

O6 >

A SUA ECCELLENZA REVEREIIDISSIMA

IIIONSIGNOB GUIDO DEI CONTI BOCCA


VESCOVO DI REGGIO NELL IIIIILLI Il PRINCIPE
NELL' AUSPICATO GIORNO

DEL SUO SOLENNE INGRESSO IN DIOCESI


MWV

OMAGGIO
CHE OFFERIVANO PLAUDENTI NELLA FAUSTISSIIIII CIRCOSTANle
lll\'

CGMYIAFG REGGlANG
ED IL PERIODICO

IL GENIO CATTOLICO
704/0

/ 67.3.

REGGI-EMILIA

DALLA TIPOGRAFIA BONDAVALLI E GASPARINI

1873.

34

1*w .
0.
\u

i
I.

.0

q)
l

\_'
I

'l

ENSRXZZO
cm.

'02118338003

"'WI'EWEQIBZJO'BB

.@

% .. 17/7) V 7// ;? m

W/W'?! m_vaw@
.
9761411100
'
WIZID
7 zwywuWZI/W%
VM2) 0 W; {1. Iu;m/

l 2)?/

70.0qu
/l) 0/71971f77719
WWT/

0lI7I7717) 0.79
) 7.7 ' u0u
14072.? I

W7)992f79
9M

(5) W 27"/ / 7/ .7" m-4// r ?.7'7


1)69/I

l/ 9JXfXM1YHL

'901J34'1103

MWM/Vllfll/I 7(7/
11

y) I fa

679171/

l// 9/269111

m7l'212

W'klW

097103 '013N

"Il

732/71

wml

IWWI

'71 _II

1/0 27/6 _'n(f?n{ 7f/

117099?

717

716.41? 7);

M?ll .

oyv;uamav

. 1/1422sz _

9/7692]!71) 7 77/.l?7[
. 1@217m
' _'M7PW(
'
7!1)(2 ?Z/ZJ
07(l

{7
l 7%) 7/9))/
Il?) 75 .

W)QI{7

W),

?)]:)ll)fl

) 011.01773f
7ili'i

/AIW

/17

)l'l(l ?lll-l%

_')WJI?7@

/{JPIH'J

77/9 .I7)7/' 09/9417

70 77/9 ' 7116!) I

?(l(2)

7lm 9/u/IWZWW09

0M721/1//24/ n; 9/21W 1/ 0,7%);

77292???
'
[M

107624111

WZ?IWW

I?)

IW

9%?

.ll/ I)/f? ;7)(41


.

XI

/J
9

Wl1076

0%?)

'0%y

'W/ >

u?)

1/1/10 f7%)

'?/P

1/7 7I7}

IP '

2/7

l{/

I .WII/WJ I7WJ /2) il} //f (1/1:

-4 \lll v

ala/[ama
/1.w74'

"(z/I/m.

ni/m,

14 '01 umuzn

avuzzua nixnzuu r!/' 711671211.

44
day

avi/ci

/a/// //.1

(llll '

allena/f

uva/fin

una 40

0074474).
coauzzmdanwn/ez

nimczfa
0071(/0//1I

nm/uuza

nodlww

'{67%;160

er/

J. (LI)ZWl/MIU

1 (a. (VZ'I'I/JZIZI/lllll' annui

ramvm. zzz wa/azz/a (ZZZ/ezza


(a. yen/euwz/4j h /ura/enza

(;/}WI,

/v///pzznf 1,.
/
ll/III'I7'
a/rf a,

('(l/tlj c

666dld/(ll

604/161126; fa /cc
e: 'I't/[lfl 1.)m r/al

(ff/an (e
enza
nou/wv

(1
acnuo

wnazvza,

nani/zar ammyaa 1/a 02/'04

/(2

van/(27 1,,

a4. 6166. ah /f/IMI/ [671711'


' (4%)74l. % OMm
/uzro,
aa/ vwz/zllg
#011 (W/(6 (IZJLWI
[ZLna/nfz.
uri), anni/uzwla
/m/enfv, z)we7mf

a [la/(f rArl (2/Lr-1/n' {J/I/f'llfll/I; I: (A/ 2/er/v /rmggya


11a20::111

alllll,

411

acwnnm/uww

a/[v M;/nnrz, a [(1 f(/7tifll>


%/1cnu

r cv/n

yIGIZ/(Itf

/urla /Hrmalez.

(/V2LJ/lv Qw/w%ana .,-/ww. ' 9%.4lffM,

wo-me c/a t.}zmna /uzr Jazz/4m mm


W/JZ(2

/(;z

azm

474mr.

f/ede

un

.' non. 77%w1!


una

11.6.71/14111.)

un],

0/1 'lf)7/l

/.00//.1

/)) ';412)//191
'a17Ml/Zn

22

ML

0//1

9m.l/ .

n/(/q

11/17441V

mzzvyfz

.av.un; ;2uvn-uf anuz/

44.4.1122) ,v/llznlynzv/{w/ Ml 'ylu{l)

19/M1)/

/ 0IIIZIII

dy'VIII)II/.Af/Vlfllll_/ 1)/1f4/1)1120

/
0129

01l112111609

a:072nfnavr;9 yzzzolf1MIrzj
vuyz/

'7UM/ll

71

97

11/1m

177{19

,/
fl1/zuv/vaf'
902/ .

17)7{71l) 9;fl%1ml

77217 1 77/70.?wznfm/A '1nxn;)zgj 2)).7901/ 860/017)

27/.7; 9;;101a21197 al07%


p/ll1mZ quv_prunan/

7l071/? am/IIJ'j
/19 911/11/
ozn'9zznlffffalll' I/9/l /12/)

qua/4 71 22/W22[ 71729) (g)


a r?/?/f,{ll0.7 0/12/71f41
/0{/1 in; o?zaz)qvfz '701/2;
21
full/9,
I7r "0y12l9
096/1111103
MJ '797)7/11}417;/
72/1171} 91/ 17 7u)f2/v
71

7211/179143
914'?

710? W0m 2)

0711

'au/n/nnm .?

'27/2u

7111fu1

10900

97/2/)
/19J?h?)l?)7lfllli/
u; 2u//7) 7171/ I wzu/
/.9/2 112/142/7
92:<1122/M.1er nn:ylyw

7740]?!)
1999077;
(5,) '77)! ma m?7/ yleII/Iyi)l/yl/I7WI%?/IMJW?AJ

./ vns ymuvs /921%141111/1119


.
/

'17.? 9 T7291!

"Km 'a41

[45 #90?

u 17
umu.nvl
975075W/7L9R11J/
II/ltl li/17110.)
7/117/17/ 71Hoc)
> 4,117,
9fl/l/l//I v.a)
/
_

VAI/raz,

"JXGH

auuuuou mi" a 15 re who) W10 '" WW2


9

leWP

W9

Z?

W?

WWW Wm; WW/ zm/z' 7/7 M79 .7" Wm


_m%&mz_ntmmv/ mmzf?

W angg

java/v } wow

ivpr yang/g
Mmlg

77

999 a-

3617.74.99/312;myl'imW
l'i
71

79

_m27gayn_/) W om
lli/YMZO"

mwyx/

'7WJWP

07771190 .7)
i? '629}

vii/90%
79
4'9195
07716

a?qu 37/9 /7 rymzzwum

AJM/

Wwv/

'WJWI/

m/a

ill-7215M

u?)

n/M

gym 0714pxth wag/ _

:7

mm

7.7

lltb/I

wmmm/ off/0?, Www/


924??va
977/71me

I???

VWWWlf)

.19 9:);on

mguvlou

may)

DZ?-

q vumt/
%

uou

fa

.77 70l97-7Pu WW

,7 9 144%

vz/uwym

oumaw a mmaqu/ .z/

'l

RJWDJ

fnw; o .4va mauyo


'WP

pzz/mlw/ 9
www-9?)

_72

'

mzqz?%z

=7/r/u

J Why

70

"W

-OXI

e. eno,

mm

11,

/en

nzala;

[m 7aw/c'

direi/z
thv
M/M
Q/b/J
a4:
@8460110,
(Ecce/nm
due 0414
con (A.
cu/dafuu
%eu
n/wlloda
0:24,/oaa
.zma///nvcomanwi
/)u
amaiuzx/M
uno,
con)ueaa
a, 971m1n/a

una

ch%bm 4wam w @w' 1/ ma S/M/ Qualora/e).


geco, cce/nza 91260. "'

' aao @- den/azzen/(r/e/

@ad/fvv' Illk% @zwdam wlva 04'


acenze con 61%. wryono

nwzu'u;

wanlmm' a. @M/vi 0072012

!aaa/zh /aaw/o U?/aalm 4h 1%b ao/zzna


/d?40/0,

/mvna 0?//a/Ze

(geco L/Q/bdl0

0077%1f910 aa/ 0m

va. dad1/a

ke(/ l//"/c 714424 Ia2w, tamtw e Icwtow.


(9, ecco
/m e" Ww/nfonuaz/nn %u2ala
41' oon7waa /wv mnan1/ /'L}zJe7/mvla
dan/znandl (.
{al/6,. a uawa/ow'

/wm i/awk lamia

ubm
wanwn/c

1/ Glli0 CZMOIOO,
/'nizaz

Qek

/c[o
/znrwnl
aM/anlo , 7aan/o

r/I
oen confanale
WW/HI 1,}z
coer/aaki
mala uaww,
110%: c/za IMIMZL az'
/l 62/1041111.

/uoJ ga 77660416M @1hab1w/ml arma/1d o';mn ;ma

*IIX"'

fyOMWI/
Wanda.on

mg/00214.?

maf/Ifz
h// [mfraqmno '100%' oum/
JJ'I/m

'7

Z? 011190 Mllon'go

9%??1/90'

'mua anmrf 7.1%

07/0 'Mamma

rm/WW JW/f Wwymw n" ouus _'aaou /f


W7

malm/

0779

um;

uou

m "MM

'

wii
mua/vp
li/02.67'ZTJWMf
I

afwaua

27
mum

ma

W?

g//m/; v 337727 I? 'mr

MIWQWBAKIWIJ.) awpm/fmoa H7

.W2{7 '7909

WWW/[2% WWW/7 W.?//W/7/7 .7%/


042942409qu /Z

'

'WIf/d

WZJWNI/

a vuome a oymaftv/xz rf; .1012! my];

ma?an 'yvme
7f'7
/ 'mu
WZPMWP
I?
Z?wm?
'WWIZ/ Iowa
i?o M0?!
'797falp
07,ng
9,1%57.
aamu 'WWW?
'WOZ/
m 'M
W

hv

2.1/9 ivy/ma W/xm/ Wwyyyy

7.9 W *0.91,7va

-0 X111 o

.//
men/e, e ne//a

/n7nzlzi

.%aw. "", fa gymla zy1mf


r/ Uoa/m am}no z/ynalew'

@erabao
daoayem ah dac/a/e/fo,
/ danbzeni
9ama a/wc:
%omzla
,' /e7z mmo)om,
@uzane
nome

6'141/2. e. umn'.@zcaffzvuiazh ofma ed alla, 7aedla

momenlo zanoo/
04/ Ww/xo

aacm ano/; 7emaa 4h 47m


fa Zrufom/ mwrebwv.

PROSPERU LIBERATI TAGLIAFEBRI.


DOMENICO PANIZZI.

-1

f/J.

fNS-CRE9T
_-eoo-_

,/
// xl a-

y
...
i

//

REGIENSES . PLAUDITE
_ VESTRIS . meus . ANNL'IT

VOTIS

GUIDO - noccA v comas


nx . AMPLlSSlMo . ORDINE . VESTRAE n cnrmms
A . PIO . lx . PONTIFICE . MAXIMO
JUDICE . m . PROBATORE . VIRTL'TIS
REGII . LEPIDI
RENUNCIATJS . EST . episcopus
clvrs . VESTRI . HONOR . VOBIS . HONORI . EST
clvmms . VESTRAE . DIGNI'IAS . DIGNITATE . EIUS . AUGETLR

PASTOR . NOVENSILIS
NOBILIUM . SANGUIS . PARENTUM
GENERIS . SPLENDOREM . MORIBUS . ORNAT
/

ANIMUM . CAELESTI . SAPIENTIA . MODERATUR


INGENIL'M . DOCTRINA . EXCULTUM
AD . nam . NORMAM . COMPONI'I

- AVE . AVE
GUIDO
FORMOSI . mmls
(L'STOS . FORMOSIOR

TE . CUSTODE
NON . ACONITA . AUT . FALLACES '. HERBAE . VENIINI
lNFIClEN'I . GRAMEN
NULLA . TENTABUN'I . CONTAGIA . GREGEM
NULLUS . IN . OBSEPTIIM . OVILE
LUPUS . IRRUMIET _

MARIA
DEI . MATER
IN . CUIUS . FIDE . ET . PRAESIDIO
ORDO . ET . POPULUS . REGIENSIS
VOLENS . LUBENSQUE
CONQUIESCIT

eulnoum - noccAm
PONTIFICALE . MUNUS . INEUNTEM
TUERE
UT . MULTA . PER . QUINQUENNIA
POPULO . SIBI . CREDITO
INTERSIT
RELIGIONEM . PROVEHAT
SUAVESQUE . EX . EA . mnonis
IN . CIVIUM . MORES
MANARE . GAUDEAT.
Romue, julio Mncchxan
AM-oMns ANGELINII'S E somnum IIISI'.

SONE'FF

'l

47.?

A PIO IX PONTEFICE MASSIMO


M

Sonetto

bii benedetto, o Sommo ed Immortale


Rettor in terra della Diva Sposa;
La tua, pel mondo inter, cura amorosa
Dimostra quanto del suo ben Ti cale.
Il Paracleto, dispiegate l-ale,

Adombr un' Alma nel Santuario ascosa{


Tu La chiamasti a Spandere pietos
Su picciol gregge di sapieza il sale;
Reggio, ch/ergeva umil sua pr'ece a DIO,

Implorando un Pastor dll Aqui't3no


Imitator perfetto alle sue mura,
Al Tuo Nome gio, GUIDO, e secura

D' esser cor'retta cn Paternzi mano, "

L Inno di graziintuona al Sotninb PIO.


Reggio-Emilia. Luglio 1873.

' ' "Dor; D. .\xwomo anmm.

PADRE E PASTORE
%

Sonetto

Qui di tua vita n dal primo albore.


L' aura spirasti del pi santo affetto:
Qui nella tua citt, Padre e Pastore,
Fosti fra mille e mille plausi eletto.

Oh, vieni! dolce il ritrovar ricetto


Securamente do in sen d amore!
Da te il buon germe culto e benedetto,
Qui produrr d' ogni virtude il ore.
Fede, speranza e caritade avita;

Caritade che i suoi doni ricopre,


E scusa l altrui fallo e tutti aita!

Ah si! svelando appien nel suol nalio


Di buon Padre e Pastor le splendid opre
Ti farai scala per condurci a DIO.
Modena, Luglio 1873.
M. TERESA BERNARDI nata CASSIANl-INGONI.

49e

INSIDIE E DIFESA

Sonetto

Empiet baldanzosa alza la fronte


Con procace sogghigno e lingua sciolta,
E svergognata va portando in volta,
Trofei di sue vittorie, infamie ed ente.

Tutte di male oprar le vie pi pronte


Mostra. alla gente oltracotata e stolta:
Regna ella, e giace ogni virt sepolta.
Di verace saper spenta la fonte.
Ve' qual d orridi mostri infame stuolo
Le fa siepe d intorno, e qual minaccia

Cagion di pianto e miserando duolo!


Pastor, accorri, e la fede] Tua greggia
Mantenendo di Cristo in sulla traccia,

Dalla cruda difendi e la francheggia.


Collegio di Moncalieri. Luglio 1873
P. ALFONSO PAGNONE Barnabita.

-e Il) \

SPERANZE

Sonetto

Appenach l incsor|abil fato,


Contro cui del morta] forza non regge,
Il Pastor ci rap cotanto amato
Lasciando senza guida afitto il, gregge;

Il Grande PIO Sovrano venerato, _ .

Volta la mente a LUI che'l ,mondoregge,


Te scelse, o GUIDO, per l'onor _rnitrato

A banditor della Supernalegge.


E se mai Reggio un d,fla sqoraggiata, .
Imperversaudo la terribil tguerra,
Che,allav Chiesa si fa tanto,spietata;

Usbergo trover nella fermezza,


Di Tua rocca si ben sperimentata.
, ,
E gli empi dardi_zg rintuzzare avvezzga.
Reggio-Emilia, 2l Giugno 1873.

-o]]e

COBAGGII)

Sdhetto
(a rime obbligate)

Uh! d eccelso potere erede augusto,


La Rocca ascendi che a Te venne presta,

E fermo intanto sul pendio robusto


Non paventar di dardi 0 di tempesta.
Se riposa la F sul sasso onusto
Di mille palme e mille, ahi! sempre desta

L ira crude] del Tentator vetusto,


E l infernal bufera unqua non resta.
Fra i nostri plausi ed il comun desio
Conquidi, o Gorno, ogni oste iuda e cruda,

Seguendo il genio ed il gran cor di PIO;


E Guerrier prode osa, contendi e suda,
Ove spirar vedrai l aura di DIO,
Emule fatto del Leon di Giuda.
Reggio-Emilia, Luglio 1873.

D. G.

4120

LA FORTEZZA -M

Sonetto

Chi Colei, che su veloci piume


Scende di ciel per lo sidereo vano,

E a rai vestita de 1' eterno lume


Rifulge in portamento almo, sovrano?
Di lunga veste ondeggia aureo volume,
Ha saldo scudo e invitto scettro in mano,
E grida in suon d oltremortal costume:
Vostro poter contra mia possa vano.
Gi i venni velocissimi raccoglie
Sovra un Angiol d Italia; ecco s' avanza,
Ecco a lui queste pie voci discioglie:
- Combatti, e vinci; e incontro affanni ed onta
Fia sempre il tuo bel cor da mia stanza Disse, e d un serto gli cingea la fronte.
Bologna, Luglio 1873.

Ab. D. Emuco FABI.

413%

FIDUCIA IN DIO
-M_

Sonetto

Almo Pastor, cui il sommo PIO gi appel


Degli Apostoli all alto magistero,
Grave il Tuo pondo in questa etade folla
Che plaude al blasfemar dell empio altero.
Ma che non pu virtude, se si abbella

Di carit e di fede, e se nel vero


Inspirasi, che qual fulgente stella
In Roma appar nel Successor di Piero?
Alla Tua groggia franco il passo affretta,
( Ch'orba del suo Pastor gemer si udia,)

Per consolar la patria Tua diletta.


Ella Ti attende speranzosa e pia,
Mentre l' immonda truculenta setta
Indietreggia al gran nome di MARIA!
Mileto-Calabria, Luglio 1873.
U

lLIPPO TACCONE-GALLUCCI.
onori di spada : cappa di Sua Santit.

-411e

LA RELIGIONE ANCORA DI SALVEZZA

Sonetto

L avverso genio con nov' arte stese


Sopra questo giocondo elmo terreno
Si impura nebbia e zeppa di veleno,
Che grata stanza ciascun mal vi prese!
Scorte l ordito inganno, allora chiese
In dolce atto (1 amor al Nazareno,

Che ritornasse il fosco ciel sereno,


Col pianto agli occhi, il credulo paese.
Ma il Signore veggendo quasi spento
Lastro vital della maggior Nazione,
Rilasci Dite alla vana apra intento.
Ch' Ei vuol, che 1 empio colla sua rovina

Mostri all' Italia che la Religione,

E del mondo la madre e la regina.

Reggio-Emilia. Luglio 1873.

Dorr. FISICO ANTONIO Mosoarnnu.

415o

LA NAVE E IL NOCCHIERO

Sonetto

I reme l onda del mare a Piero infesta,


E qual dovunque nel reggiano lido,
Sbalza la nave al ciel, mentre lindo
Austro lavvolge, n il suo corso arresta.
Di vele priva in quella parte e in questa
Invano cerca di salvezza un nido;
Uh di nascosto vento il schio, o GUIDO,

Rende vieppii crudel l' atra tempesta.


Cresce de utti il minaccioso orgoglio,

E gila veggio, oim! d' antenne priva,


Lacero il anco e d ogni remo spoglio.
_Ma Tu forte al timon t attieui accorto,

Frangi l' onde, le sirti occulte schiva,


E sana e salva la riduci in porto.
Reggio-Emilia, Luglio l872.

Avremo PIERO'ITI.

4160

AUGURIO
-om

Sonetto

In questi di che oscuro nembo vela,

L' idra ritenta del doglioso gregge


Far danni, ed onte alla superna legge,
Tessendo i li di maligna tela!
Ma con quel lume che il Signor disvela
A chi con retto core il popolregge,
Pu quei temer, che il NONO PIO elegge.
In s torbido mar spiegar la vela?....
Sacro Pastore, che la cura imprendi
Di Lui, (') ch or fece al ciel la sua partita,
Sull usato sentiero il pi protendi.
E ad ogni verbo, che il Tuo labbro suona, ,
Spunter un ore che nell' ardua vita,
'1" orner il crine d immortal corona.
Reggio-Emilia, Luglio 1873.

Dorr. FISICO ANTONIO MOSCATELLI.


(-) Si allude al non ha giuri defunto Monsignor Vescovo CAILO Kncclx.

4171

IL SOCCORSO DEL CIELO


_W_

Sonetto

Giacea da un mese immersa nel dolore,

Implorando a Pastbr in sua difesa


Un Samuel per z'elo e per candore,
La vedova di Reggio illustre Chiesa.
Intanto a Gorno, che di esimio amore

Objetto era al Signor, la mano Ei stesa:


A Lei, disse, ne va vigil cultore,
Reggila, e ugual Ti mostra a tanta impresa,
Rompi ogni indugio, e di consiglio e scienza
In tutte 1 opre Tue rit'ulga il dono,
Gi infuso in Te con supernal sapienza.
- Onde a prova vedrai, che accetti sono
Non gli aspri e duri, ma chi di clemenza

Il sostegno pi bel forma al suo trono.


Reggio-Emilia, Luglio 1873.

elSe

ALL ITALIA
-Wo

Sonetto

Quando il Levita, che ha formato il core

Al vero ben della famiglia umana,


Diceva: - Italia Italia - sta lontana
Da chi t illude con un falso amore;

Allor rapita dal novel fulgore,


Che i or pingeva in ogni cosa strana,
Spregiasti, incauta, quella voce arcana,
Cile t apprendea l' abisso del tuo errore
Ma ora che il vedi colle tue pupille,
Poich sei nuda e desolata in mare
D' occulti scogli e di procelle pieno;
Deh! sventurata, torna al Nazareno,
Che largirti vedrai, stando all'altare,
Gli implorati favori a mille a mille.
Reggio-Emilia, Luglio 1873.

Dorr. Frsrco ANTONIO MOSCATELLI.

-419o

A REGGIO
_M-

Sonetto

0 Reggio, esulta! Al Vescovile seggio


Di tua gente patrizia Egli 1 Eletto!
Esulta! e con piet pari all affetto Lista Lo accogli, avventurosa Reggio!
Smessa la pompa di mondan corteggio,

Al popol suo da LUI si prediletto,


Di zelo e caritade ogniSuo detto
Dall Eterna Cittvolger Lo veggio. ()
Il plauso universal che Lo precede,
La gioia che traspare pi che viva,
Sprezzando il rio livor di chi non crede;

Il posto al vero_fanuo s, che cede

Fiacco linsano orgoglio, e ancor si scriva:


De' Reggiani nel cor salda la Fede.
Reggio-Emilia, 12 Luglio 1873.

D. M. A.
H Si allude alla Pastorale diretta ai suoi Diocesani.

420

LA PREGHIERA
-M

Sonetto
(a rime obbligate)

,
Oacro Levita, che fra noi discendi

A battagliar in nome del Signore,


Di santo zelo ingagliardito il core,
E al lume della F tutto t' accendi;
Colla prece i agelli aspri e tremendi,
E col duol che ne ispira un vivo amore,
Del Signor calma l ira, e buon Pastore,

Tutto intero 1 ovil guarda e difendi.


Ai traviati rammenta il ben di DIO,

Ch' fumo passeggier la compra Gloria


Di chi di LUI fa abbietto scherno e rio:

I Di'lor, che per la Croce la vittoria:


E che al secol protervo il grande PIO
La cervice abbass, dir la Storia!
Reggio-Emilia, 24 Luglio 1873.

CGMPC-SiiC-Nl xfirRi
____907. __

-\
M

425:

CARITA EVANGELICA ' '


_9M9_

Canzone

_(Iome il tepente raggio


Di beneco sol richiama a vita
La terra oppressa dai rigor del Verno,
Quando il orito e profumato Maggio
Natura. abbella del suo riso eterno,

E luniverso a nuove gioie invita;


Cos l umana schiatta
Lev l' oppressa fronte,
Quando la Carit, glia del Cielo,
Del Golgota mostrossi in vetta al mente;
E (sciolto il denso velo
Del fusco e'rror) a nuova vita tratta,
Sent svegliarsi in core
Soave, ignota volutt d' amore.
Spirto dal ciel disceso,
Guid, la Santa, fra le turbe afitta

Aspre piaghe a sanar, crudeli ambasce,


E, generoso, alla bell opra inteso
Con quell amor, che dalla f sol nasce,

Forge conforto all alme derelitte.

- 26

Ove bagnato un ciglio,


Ove sospira un core
Sotto la sferza del nemico fato,
Ivi guida il suo pi forza d' amore;
N geme abbandonato
Chi di sollievo ha inopia e di consiglio;
Ch il buon, l oppresso, il rio
Tutti aratella il Messaggcr di DIO.

Egli d' amor la fece

Che 1 ire attuta e rammollisce i cori,


Quando Nemesi iniqua empie faville
Schizza ne petti a conturbar la pace;
Ei che raccoglie le cocenti stille
Di sconosciuti e taciti dolori,
Quando al deserto letto
Di vedovata sposa,
Lo sconforto s' asside e l' abbandono.
Oh! del Calvario Religion pietosa,
Che dal sublime trono
Pace e sollievo porgi all uom reietto;
Solo il tuo cor poteva
Donar l' Angiol dell Ara ai gli d Eva.
Cicca ragion di Stato,
I Sete d imperio, ansia di libertade,

Spingon le genti a trucidar le genti:


Alle trombe d ato
L iroso Marte, e guizzan sui cruenti
Campi, di strage sitibonde spade;
La Morte spaventosa
S atteggia in gruppi strani
Sulle lacere membra palpitanti
De caduti campion. Tremano i piani

427*

Pe corsier scalpitanti,
Che utan della pugna onda fumosa,
E della clade il grido
S ode triste suonar di lido in lido.

Tr5 i fulmini ed i lampi


Degli strumenti ignivomi di guerra,
Il pio Ministro del Signore incede;
E di Morte sebben le traccie stampi
Spaventose l acciar, con franco piede
Calce di Marte la commossa terra,

Perch lo segue da
Ravvolta in manto bianco
Carit, che (1 amor tutta si strugge,

E l turbine a sdar, gli regge il anco,


Che intorno schia e rugge.
Qui de feriti ascolta acerbo grida,

L de spiranti accoglie
L estremo accento, e ne compon le spoglie
Scialbo fantasma e truce,

La lue tremenda minacciosa avanza.


Coll adunca sua falce a mille a mille
Vittime deplorate all urna adduce,
E mesto suon mandan le sacre squillo
Ad annunziar ch morta ogni speranza:
Ma nel comune affanno,
Fra lo spavento atroce,

Carit del Levita il petto accende.


Ei sorge; nella man stringe la Croce,

E dove pi contende
Il morbo struggitor e addoppia il danno,
Ivi del suo coraggio
, .
Spaude e di sua piet benigno un raggio.

@280

Al doloroso letto,
Ove l agro si smania e si contorce,
S medesmo obliando egli s' appressa;
E tutto assorto in un sublime affetto,
Mentre, smarrita, la famiglia istessa

Dal giaciglio terale il passo torce,


Coll' alma al ben sol presta,
Stende la mano amica
A! fratel moribondo, e lo conforta
Ad arontar l indomita nemica,
E farmaco gli porta
Di soavi parole, e in cor gli-desta
Speranza di perdono,
Quando a giunto dell' Eterno al trono.
Rugge il mar per tempesta,

E nocchier moribondo il lido afferra?

Il convulso Vesvo erutta fuoco

'

E di lapilli scenari funesta


Grandin rovescia?0vvero echeggia il oco
Legno del bronzo, ad annunziar la guerra
Che il vorace elemento
Porta all amato ostello?
Traballa il suolo per interno moto,
Le cittdevastando, ahi! rio agello?
A sua mission devoto,

Il Levita, a'rontar l' aspro cimento


Lieto tu vedi ognora,
Sollievo alcor nella terribil ora.
Ah! Religion sublime,

Che tanta spiri Carit ne petti,


Salve, tre volte santa! - A te si prostri

L arpa del Vate colle ardenti rime.

429:

Di questa terra ai pi remoti chiostri


Stendi l alo pietosa, e i sacri detti

Del tuo Vangel sovrano


Odano l African, 1' Indo, il Malese;
Quegli che stolto a le fa guerra e a DIO,
- Sappia che Iddio ti rese
Eterna e sola in suo volere arcano;

E vinto a tuoi tulgori,


Chini la fronte, e te sua Diva adori!

Canzone, al Prence, al Padre

Novel, che Reggio oggi festosa accoglie,


Vola senza esitar, quantunque umile
Nelle modeste spoglie,
Manchino a te pensier, forme leggiadro.
Tu gli dirai, che Carit gentile
Velli in versi ritrar: ma se la Musa,
A sublimi pensier acca e non usa,

Il cmpito fallo,
La Carit, che invano
Pingeva il verso mio
Con inesperta mano,
La cerchi nel suo petto,
Ch ivi il Signor le die do ricette!
Reggio-Emilia 21 Luglio 1873.

DOMENICO PANIZZI.

-* vz-c-F _

430:

Epigrammata

'

Pastoris munus sacri tibi, Gorno, vercndum

Laudem addit, carae spcm simul et patriae.


Praemia virtutum, doctrinae praemia sunt haec;
Opportunus ades temporibus patriae.|
Faventiae. Julio 1873.

Josnrm Rossu Comitis.


II.

Virtus te primaevo ornavit ore iuventae,


Atque bonus Lapidi moenia civis amas. _
Artes, quae cor permulcent, Gorno optime, clles,

Ingenii vires crescit et usque pudor.

Maxima nunc blando testatur gaudia vulto


Patria, dum nitidas infula sacra comas

Prima tuas cingit: dilectus ubique vocaris


Pastor: teque omnes laude perenne colunt.
Dio mihi: si est magnum populos superare tumentes,
Dulciter, est ne magis, vertere ad astra tuos?
Me lime, Julio 1873.

DOMINICUS TACCONE-GALLUCCI.

4310

III.
Te exoptant cives; longo clamore precantur,
Teque Patrem, ut nati, cordis amore vocant.
Ipsis lux, fulcrum. custos, Verique columna,
Romanae et Sedis gloria, splendor eris.
Regii-Lepidi. julio 1873.

.-\dv. CAIETANUS CAMPANI.

-h 32:

TRIPUDIO

La tua festiva aurora,


Pastor del santo ovil,
L etra sereno indora
Oltre l- usato stil.

Tergi, se mai di lagrime


Hai le pupille turgide;
Rivesti la letizia
Del giorno non mortal,

Quando Son porgevati


Il dono nuzial.
Sionne acqueta i pianti,
Squarcia il tuo negro vel,
Saluta in lieti canti
Il tuo Pastor nove].
Gi di Sionne il vertice
Il divin ume inebbria.

E le sacre onde sbalzano


Sul capo del Pastor,
Che esulta all ineffabile

Dolcezza del Signor.


Collegio S. Luigi di Bologna.

P. DOMENICO Moncmnnmx Barnabita.

433

VOTA ET GRATULATIONES

Hendecasyllabon

I;cce Pastor adest. Io, Sodales,


Sumantur citharae diu repostae.
Thura iarn redolent, facesque fulgent,
Chorum et cum pueris agunt, simulque
Liliisque vias rosisque odoris
Spargunt virginea manu puellae,
Venisti patriae decus, Paterque,
Venisti patrii decus Senatus,
Venisti... o lepidurn diem celehrem!
Te matres viduae suis maritis,
Te volunt vidui parente nati,
Unaque omne genus miserrimorum.
Sint procul lacrymae proculque luctus,
Pastor laettiam dedit fruendam,
Pastor deliciae suavores,
Dilecti populi, gregis suavis.
Urbs ergo Lepidi nims beata,
Tam cari capitis facesse iussa,

Sic soles tibi candidi nitescant.


Florentia, Juliz' 1873.

LEOPOLDUS DE sts. B.

-e34<>

PIO PAPA NONO


CHE CHIAMA IL CONTE GUIDO BOCCA AL vascovrrn
DI REGGIO - EMILIA
_ -eeeo_

Un grido feroce di torbida gente


Si muove per tutto, qual turbo"fremente,
Che spira spavento, tristezza, squallor.

grido di morte! L altare del Santo


Gi per che vacilli; gi in funebre ammanto

Converso del Tempio lantico splendor.


- Trionfo! trionfo! - risuona ogni lido:
- Vincemmo! Vincemmo! - risponde altro grido:
- Del Tebro nell onde caduto il gran Re; Il regno caduto dei preti tirarmi, -

- aranto il colosso dei perdi inganni - morto il nemico del POPOLO re (') O sciocchi beffardi! tacete, tacete:

Invano il nemico gi morto credete;


Chi vinto vi sembra, vincente sar.

'

(1'; E gi risaputo che l'erosin protestante, da religiosa divenuta politica, mira alla distru
zione di ogni principio d'autorit, sia iaratco, sia civile, in tutti gli ordini sociali: Dio a popola,
ecco l assioma fondamentale: senza vero Dio e senna vero popolo, ovvero, col budello dallultimo
dei preti strangolare l ultimo dal re, ecco la. finale illazione.

-o in
)
c'

Col. solitario si posa un Vegliardo,

Che vive pi verde di giovin gagliardo,


Che fra le catene pi libero sta.

Schiacciatn l avete? l avete prigione?


No: Ei forte non teme la crudatenzone;

E il mondo'si prostra devoto;al suo pi.


Sul santo suo labro la diva parola
Risuona di vita, che i gli consola.
Che gli empi atterrisce, che avviava la l.
Se morto, Ei risorge; se yspento, d vita:
Se giace umiliato, non gi svanita,

Per tutta la terra; sua possa vita]. -

libero, e vivo! -- Chi insulta al Leone .


Che grave si posa? - L' orrenda cagione,
Su gli empii, del Cielo vendetta fata].
Ma veggo... non lungi sia un popol confuso
Che piange, che prega, che al Veglie rinchiuso
Protende le mani fra speme e fra duol.
E il Veglie, atteggiato d angelico riso,
Al Cielo innalzando le palme ed il viso,
Gi sembra levarsi dal lurido suol:
Gi prega ed ottiene; gi il provvide Spiro
Discende, fiammeggia, gli volita.in giro:
Del popol pregante compiuto e il desir.
E il Veglio sepolto rivive nei gli,
E cadon perduti gli orrendi consigli;
Chi: vita riprende l Eroe dal patir.

\-o 36 o

0 Reggio! ti sconti, ti allieta! Chi viene?

Qual raggio? Qual nunzio foriero di spene,


Che muta in letizia l angoscia farai?

Gorno, il novello campione di Cristo,


Che torna dal Veglio, che corre all' acquisto,
Che porta nel petto la amma vital.
Non vedi?... Gi l' ombra del forte Ildebrando
Dall alta Canossa si affaccia, cantando

Del santo Alleluja l allegra canzon!


Dov della morte 1' ambita vittoria?

forse ecclissata del Veglie la gloria?


No: spunta pi bella da mesta prigion.
Sorgete, sorgete, giganti di guerra,
Empiete d' uccisi la squallida terra;
Ma eterna l infamia su voi ricadr.
Il giusto avvilito solleva la testa,
Dal cupo sepolcro glorioso si desta;
Di popoli e prenci l orgoglio sar.
0 Gorno! Che veggio
Tu pallido in faccia,
Dei baldi paventi la era minac'cia,
Che intorno diffonde di morte il terror?

grave dovunque l orribil procella:


Ma impavido veglia, ma guarda la Stella:

fumo che passa 1 iniquo furor.


La Nave in travaglio; ma forte veleggia:

Il Veglie Pilota di zelo ammeggia:


Lui guarda, di Cristo ritratto fede].

-e'37 e

0 Nave, che porti del Principe IDDIO

Il Figlio. la Madre, 1 intrepido PIO;


Con GUIDO il suo gregge conduci sul Ciel.
Cinque/Vende. Luglio 1873.

Teo]. Aeosrmo Ascoxvn.

@380

.Epigrammata

I\Oll te tam sacri decorant insignia honoris,


Candor quam decorat protinus illa tuas.
Il.
Te Rheg nuper casus miseratus acerbos
Aeterna Nonus misit ab urbe Pius,

Teque novurn tantae laudes, tantaeque coronant


Divino dotes munere Ponticem,

Ut quae, terrigenis difiundens gaudia olympi,


Maiori virtus lamine praeniteat,
Nemo queat facilis modulamine diccre plectri,
Ac lis iudicio pendeat ancipiti.
III.
Quaenam turba modos iterans comitatur euntenr

Ponticem antiquo sanguine progenitum?


Praesule cum magno cunctarunr (plaudite, cives!)
Virtutum passim candida turba venit.

Mortali pingi specie si candida posset


Virtus, si posset candida relligio,

Audarem adsiduus calamo te pingere, clari


Qui Rhegl munus ponticale subis.
Romae. Jull'o 1873.
A1.01sn TRIPEPI.

4401:

LE BATTAGLIE DEL SIGNORE


I)

I SUOI ATLETI
-oeww

Canto

,
bi parl. - Quella voce discese
Dolce e grande nel core di tutti:
D ambo i poli giulivo 1 intese
L oppressore e l' oppresso tapin;
E le reggia ed i templi costrutti
Col sudor degli schiavi sferzati,

Di lor sangue e lor pianto bagnati


A tal voce risposero aln.
El parl. - Dell' inferno le porte
Tenta invano e con folle consiglio
R'raprire di Satan la Corte:
Ch parola di Dio non muor;

E nell ora d estremo periglio


Nuovi atleti ridesta il Signor.

.._,

,;..

di questi gi pronta la schiera:


Gi son tutti legati ad un patto:

la croce la loro bandiera;


trionfo per essi il martir.
Han per meta l'umano riscatto
Dalle fauci dun serpe fatale, _ .
Che or tremendo minaccia-ed assale,
Ed or mite seduce al gioir.
0 celati negl' antri sotterra,
0 sul campo con fermo cipiglio,
Ebber sempre feconda ogni guerra
1)' una nuova corona d allor:
Ch nell' ora d' estremo periglio
Raddoppiar sa le forze il Signor.
Quando so lo sguardo al crato.
Ed il cielo, la terra ed il mare
Il pensiero percorre ammirato
Finch vinto e compreso si sta:
D' un sistema costante traspare
Da per tutto il divino disegno.
Ogni parte somiglia ad un regno,
Che mai 1 ordin turbato non ha. . '
Non son gl' astri d uguale chiarezza,
Non i bruti hanno tuttil' artiglio,

Del cipresso e
Non arrivan l
N per questo
La gran legge

del pino l altezza


erbette ed i or,
si.trova in periglio
che impose il Signor.

442c

L uomo solo di spirto dotato,


Che del sofo divino e lo specchio,
Per cui Dio d' averlo plasmato
Nel suo cor si cornpiacque e b:
L uomo solo, tendendo l orecchio
A lusinga superba e mendace,
Che lo fa di pi gloria capace,
Il bel dono in fatale cangi.
Per entrare nel sacro recinto
Del mister, tutto pone a scompiglio:
Poi, furente dell' esser respinto,

Ogni vincolo spezza d amor E pern con estremo periglio


L esistenza contando al Signor.
Ma s irride il Signor dell' insulto
Che ricade l dove partio,

Dal peccato il peccato venn alto


E la colpa la colpa pun....
Gi la mente s offusca, un desio
Irrequieto ed incerto l' aanna,
Alla meta si crede, e s' inganna;
Ch la meta pi lungi fuggi E pi vita non hanno gli affetti
Di fratello, di padre, e di glio,

All amplesso non 5 apron pi petti,


Riserbati ad un ferro uccisor:
Ma nell' ora d estremo periglio
Ne sottrae la man del Signor.

443

Ei la fede, se morta, rinfranca;

Quella fede, che speme rincora,


E la evol natura, se stanca,

Ricompone a valore e piet.


Guai per se qualcuno in quest ora
Non si desta e da stolto rimane,,
Come chi non provvede al dimane
Quando sappia che pane non ha Non del labro col querul lamento,
N col pianto che sgorga dal ciglio,
Si resiste a fatale cimento,

N coll alma in ozioso terror;


Ch nell ora d' estremo periglio

Chi s ajuta 1 ajuta il -Signor.


Nella lotta, che il mondo or funesta,

Perci l' arca sicura s' avanza:


Il Levita tien alta la testa,

E la Croce s oppone all acciar.


Di S'ion nella mistica stanza,

Se nascosta, pur arde la face,


Cui gl illusi da un lampo fugace
Finalmente eclissata sperar.
Co suoi raggi di nuovo raggiunge
L erbe intero, e mettendo a scompiglio
I nemici, lo investe e il congiunge
In un solo e potente baglior;
Ch nell ora d' estremo periglio
I portenti raddoppia il Signor.

-<: 44 @

Taccion tutti: ne petti anelanti


Rattenuto s arresta il respiro,
E il Profeta dagli occhi raggianti
Il fatidico canto intuon:
Candelabro dorato rimiro
Con sei rami dal mezzo sporgenti
Altrettante lucerne nutrenti
Coll amor che un sol centro port;

Poi la voce divina ascoltai


La qual disse, ad un Tempio assomiglio
Che di nuovo costrur mi farai,
Il doppier che ti false qui (1 r.
Ch per esso da estremo periglio
Il suo popol vuol salvo il Signor .
Ed il Tempio risorse; che tempio
AllUom-Dio la terra divenne
Con le mura si salde, che l empie,

Sempre invano contro esso cozz.


Il doppier dalla luce perenne,
Che dal fusto pei rami s estende,
Del lavoro limmagine rende
Quale il divo architetto ide.
E nel seggio di Piero s eterna
L irnrnutabil del cielo consiglio;
A quel centro sicura s imperna

Ogni legge di fede e d amor:


L nell ora d estremo periglio
Il sostegno vi pose il Signor.

445:

0 beato, tre volte beato,


Chi a far parte del gran Candelabro,
Fu all onore sublime chiamato,
Quando lotta novella si fe'!h
Non 1 adula, egli vero, alcun labro,
N lo attornia prestigio mondano;

Anzi sempre maleca mano


Sparge spine dinanzi al suo pi.
Ma esso al mondo di nulla si cura,
Ch alla meta tien fisso il suo ciglio:
E pi costa la gloria sicura,
Pi frequente a lui palpita il cor:
Ch nellora d estremo periglio
Nuovi atleti ridesta il Signor.
E tu, 0 Reggio, devota e festosa

Oggi plaudi all Atleta novello;


Il Signore tal gemma preziosa
Dal tuo seno raccolse e ti di.
E qual prima l'avesti a fratello,
Ora a Padre, Maestro e Pastore
Tu 1 avrai: al non facile onore

Corrispondi tu pronta con f.


Poi nel mar che d intorno ti allaga,

Di sozzure e di sangue vermiglio,


Di tua sorte ti faccia presaga
Lo speciale divino l'aver;
E nell' ora d estremo periglio,

Per Lui, salva t adduca il Signor.


Reggio-Emilia, Luglio 1873.

PROSPERO LIBERATI TAGLIAFERRI.

-e 4?) @

AD I/IUNUS EPISGOPI SUSGIPIENDUM


GOHORTATIO
-eoeeeo

Quam populo spissam, nuper sino principe, navim


Nocte sub obscura per mare ventus agt,
Hanc Tibi, Gorno, ratem jam dissita regna petontem,
Ut ducas, inquit Navita magns, habe.
Exultant omnes; tono fertur ad aethera clamor,

Et spes jam trepidis magna subest animis.


Ast dubius Tu haeres; vigili nam mente volutas
Pondus, et irati multa pericla maris.
Gorno, metus e pone tuos; jam sidera coelo

Apparent; rectum jam Tibi fulget iter.


Faustus adest Ventus superis demissus ab oris,

Qui altro sit menti subsidiumque operi,


Ut tandem valeas optata ad littora navim
Casibus incolumem ducere, Gorno, tuam.
Regr'i Lapidi (ex Episc. Sem.) 21 Julz'o 1873.
Sac. ANTONU annrrnear.

-447<P

ESORTAZIONE
AD ASSUMERE

UFFICIO DI vascoVo
-W

Carc di gente un ampia nave, o GUIDO,


Orba del suo pilota in notte bruna,

Per mare pien di scogli ed in fortuna,


Disse a Te volto il gran Nocchier, T afdo.
Mette la turba allor di gioia un grido,
E la smarrita speme in cor raduna;
Ma Tu dubbio Ti stai, che ad una ad una
Del mar le sorti, e vedi lungi il lido.

Ah! non temer: di nova luce belle,


Guida e conforto nell ondoso regno,
Gi si veggion spuntar le dolci stelle.
Gi della mente e della man seconda
L opre celeste Spiro, onde quel legno
Salvo Tu guidi alla bramata sponda.
Reggio-Emilia, (Sem. Vesc.) 21 Luglio 1873.

' 'DON ANTONIO REVERBERI.

-e18

AD NOVUM ANTISTITEM
URBEM PATRIAM INGREDIENTEM
_<M_

Bocca; caput sacra jam jam redimite tiara,


O Regium sancta praepes ab urbe rodi.
Te vocat impatiens plaudendi patria nato,
Greta tibi assensu, munere grata PIO.
Gaudet enim tali se dignam antistite factam,
Ad bona qui viduas pabula ducat oves,
Sanguine qui clero cretus, qui divite censu
Fulgeat inde magis, libcriorque regat,
Et reparet Machii defectum nuper adempti
Morte animis timidis incutiente metum,

Ne custode suo plures viduatus in annos


Grex eret facilis tristibus esca Lapis.
Ingredere; insolito rident altaria cultu,

Ostro templa nitent, turribus aera sonant.


Sacra cohors autem capiti venit obvia amato,
Oscula avetque anulo prima libare sacro;

449
Dnm populus densus testatus gaudia vultu
In templum majus, te veniente, coit
Oratum, ut numen longum tibi proroget aevum,

Quo cunctis possis sterpere ad astra viam,


Nunc sonitu virgae revocans, nunc voce magistra
A recto ad frugem devia corda bonam.
Tempore difcili ram sacram sumis agendam,
Sed tua Christiadum jura tuente Deo,
Et tibi maturo comes est prudentia, et illa,
Quae vires animis sufcit, alma Fidcs.
Maraulae, Julio 1873 (

Sac. LAZARI SCAPPINII


l()l'l01 u Lillcn's Lah'nis apud Semv'nnn'um Maraulnr.

4506

[L PASTOR NOVELLO
-oot-<co

0 redenti! al festevole rito,


Onde echeggia di cantici il Cielo,

Accorrete: che Iddio vi ha largito


Quel che tanto bramaste, il Pastor.
Ecco Ei viene irradiato di zelo,
Or spedito dal Massimo PIO:
Ecco Ei viene;e fa pago il desio,
Come nunzio di pace e di amor.
Quei che un di vide misero e triste
Tutto il mondo, e di amore ammante,

Col suo Sangue, fel elmo conquisto


De la Chiesa che a se dispos;
E qual Capo sue membra informante
La virt moltiforme diffonde;
E sua grazia ora mostra, ora asconde,

A quell alme cui tanto pens.


Quando il Macchi piangevi dolente
Egli, e Reggio, a Te volse il pensiero,

E a Te disse: mi sfolgora in mente


Il Pastor dei tuoi santi desir:

-<H)lo

Ei verr dal gran Soglio di Piero,


Ove siede infallibile il Santo,

Circondato di fulgido ammanto,


Ei verr: si tranquilli il sospir.
Cosi disse quel Verbo Divino,
Ch dei Presuli eterna corona:
E, fra 1 ansia, in veloce cammino

Il Pastor fra il tuo giubilo appar Guida strenua che al bene ne sprona,
Rocca immota che mai non ruina,
Nuovo Duce de lArca Divina,
Gran Nocchiero fra il torbido mar.
Perch fremon le genti, se il Nume,
Che si provvido ogni ordin governa,

Lor pietoso fa splendere il lume,


Che ogni tenebra spinge lontan?
E se, mentre la grazia superna
Lieto eifonde sul mistico ovile,

Perch l' alma devota ed umile


Non s inchina a leterno Sovran?

Ne la notte dei secoli avvolta


Giacque un tempo, per lungo abbandono,
Una gente da 1 odio raccolta
A far guerra cruenta a la Fe;
E, con ira che abbomina il suono

De la mite graziosa Novella,


Quella gente si cieca si fella
Gran martiri a gl invitti ne die.
Stolta gente! sdegn di sapere
Ch' era giunto il gran di del riscatto;
Non pens che si tosto cadere
L' empia terra dovea di Babl.

52

Eppur vide i suoi Nomi ad un tratto


Sciorsi in polve, ed il culto gi spento;
E dal sangue del ero tormento
Vide sorgere un gregge fedel.
Ma, cessata l orrenda follia,

Perch mai non si prostra al Pastore?


Perch il fervido omaggio si obiia
Con l insane e perverso pensar?

E dovuto al buon Padre i onore;


E non falla il divino comando:
Oh beato chi l umil dimando
Per Lui volge appo il Dio dell altari
O Reggiani! il vostro inclito esernplo,
Onde siete cortesi, un modello
Sia per tutti, che di nel Tempio
Van bramando la grazia vitai.
Quanto grato, soavissirno e bello
Star congiunti ai Pastore d intorno;

E mirarlo di pregi si adorno


Sicch appar non pi cosa mortali
Ei, frapposto tra il cielo e la terra,
Alto eleva il suo sguardo a l Eterno,
Poi i abbassa al suo gregge, e disserra
Il suo labbro con volto seren:
Gi s inamma, e a 1 amore paterno
Va compagno ail angusta sua scienza:
Spande un ume di sacra eloquenza,
Pi che pioggia in fecondo terren.
Dal suo labbro sten tutti pendenti,

Vedon tutti la via di salute;


E rapito si senton le menti
Sollevare a l eterna belt.

.).3 c

Vedon tutti in letizia compiuto


Le non morte speranze dei giusti;
E, reietto da gli atrii si angusti
De la gloria, chi merto non ha.

Quanti pregi i Veggenti di Giuda


Ombreggiar nei Pastori venturi:
Quante doti Egli vuol che racchiuda
Il Dottor de la grazia, un Pastor!
Quanti affetti solleciti e puri
Brema il Cristo in chi modera e regge
Il diletto pusillo suo gregge;
Tutto accoglie il suo fervido cor.
Sacerdoti, che il mistico serio
Inorate del Presule GUIDO,

Apprendete che solo nel merto


Posto il premio a la prova gentil.
Apprendete: veridico il grido
Che la gloria e in altissime cime;
Che deforma ogni grado sublime
Il disdoro di un animo vil.
Oh! festeggia novello Israele!
E ti allieta col Presul diletto:
Gli tributa costanza fedele,
Come a Padre pio glio, ogni di.
Il tuo cor sia fervente di affetto,
Si raccenda di candida spene;
Cli l' immenso ineffabile Bene
Sempre ai giusti sue grazie larg.
Ed oh, GUIDO, che grande ti estolli
Circonfuso di gloria cotanta!
Fa che in tutti il tuo zelo rampolli,

Come or di ridente stagion:

-54<

La tua vita si candida e santa


Sia del popol redento la luce,

Che raggiante e secura conduce


Al gioir de l eterna magica.
Cinquefronde (Calabria), Luglio 1873.

Arcip. FRANCESCO MARIA Teol. Ascesa Vie. Por.


Socio dall Are. degli Allaboran di Tropea.

-955e

IL MAGISTEBO CATTOLICO-EPISCOPALE
LA CIVILE SOCIET
--W

Ode Saca

Come allor che alla nostra umile argilla


S infonde arcananiente e si marita,
Dispensiera del senso e della vita,
La celestial favilla,

Ne sorge 1' uom, mirabile armonia


Di contrari elementi e medio anello
Fra latomod arena ed il pi bello
Angelo, che s india;
Ma se quel nesso avvivator si solve,

E l' alma alla sua sfera il vol dispiega,

Per lotta interna il frale si disgrega


In vermi, in fango, in polve:
Cos se ognor del rivelato Vero, '
Come stella in gran pelago, vivace
Alluom risplende la divina face

E ailumagli il sentiero,

affio

In lei s incontra e quetasi ogn ingegno.


In lei del cor si tempra ogni desio,
E, bello al guardo scrutator di Dio,

Sorge di pace un regno.


Ivi sul labbro a tutti la parola
Interprete fedel dell intelletto,
E nel legame d un fraterno affette
In tutti un alma sola.
Ivi sempre virtude, onor, diritte
Son cose sacre e non mendace suono;
E il delitto, sia in ceppi ovvero in treno,
Ha nome ognor: delitto.
Talami casti, giovent pedina,
Equa ogni lance, intemerato il foro,
L inepe sazio, non cruento 1 ore,
I.
_ _
E ogni alma al Tempio amica.
Ma se la voce, a cui da Cristo data,

Ne veri eterni ad erudir la gente,


Fra l delirio mondanv suona sovente _
O irrisa e. inascoltata,

Di dubbiezze e di error, dire e di voglio


S' apre neli uman cuor letta funesta,
Come, (1 Euro al soiar, nella foresta
Si turbinan le foglie.

Curve 1 anima al suolo e nell oblio

,\ .

Di Lui, che a sue giustizia il giorno_ha scritto,


L uom fa se stesso un nume, il pro suodritto,
E legge il suo desio.

-a5lo

Vedrai chi destro fra divieti umani,


Come fra scogli scivola il nocchiero,

Alla rea meta d'ogni suo pensiero


'Fa ch' ogni via si appiani.
Altri l anima vende a chi lo paga
E ad ogni sol nascente umil si prostra;

Chi di Giuda coll arme esce alla giostra


E con un bacio impiega.
Altri fra il vecchio altalenando e il nuovo,

Di patria carit tutto rovente,

Tuona a pubblico bene, e a se, prudente,

Va preparando un covo.
Viete son del pi acco le ragioni;
Saggio 1 pi astuto; prodeil pi robusto;

E quello sempre glorioso e giusto,


Cui l esito coroni.
La plebe intanto, a cuinon pi la Fede
Fa dolce il pane di sudor bagnato,
N pi si attende al povero suo' stato
,

' il Larga nel ciel mercede,

Mentre (bieca guatando a pingni censi)


D un Gracco redentor la speme avviva,
La mano or rapitrice ed or furtiva
Esercita in compensi.
Di speranze e dinvidie un tramenio
Ogni ordine civile agita e mesce;
Di chi cerca, n ottien, freme e ricrescc
Il torbido armeggio.

-o58c

Allora, a guidar menti, a frenar brame,

A purgar templi, a far puntelloaitroni,


D improvvisati Socrati e Seleni
Fermenta un 'bulicame.
Allora, a sprigionar dalle pastoie

E scaltrir ne suoi dritti il gregge umano,:


Alla penna si sianeia ance la mano
.Avvezza alle cesoie.
Delle blando dottrine aila.rghi rixii '
De propri elci il volge boe i" oblio,
E (1 empie ciance invade un turbinio
Fondachi, scene, trivi
Oh di ben altri aiuti ha mestie'r questa
Et, che putre in accide costurire!l Y

Non tien veci di stella un fatuo lume,


Che solco. la tempesta!
Se i cuor non scalda la virt del cielo,

Germinar
La sospirata
nonai vi
popoli:
pu vera
salutevirtute: ;-'- !' .. U

/.

Non vien che dal Vangelo!


Non Ira molti anni, traversar fu visto

'

rino

Laghi di sangue un popolo feroce,


Dal di che apprese a dalpestar la Croce
i -' ,- E=il Codice di Cristo!
Ferrara, Luglio 1873. 1.:! Iii. i,'.i/r, . -,

,r. .'.-.'f .1

- Promo Cara Mamerrr.

AD HEGIENSES
NOVO INGREDIENTE EPISCOPO
_W

Elegia

,
Ergo erat in fatis, ut lato occumberet llle i'),

Tam cito, qui Praesul, dnxque parensqne fuit!


Tam cito?.. Maturus caelo, caelum ip3e petebat
Dissolvi cupiens, et superm esse comes.
Sed tamen emenso spatio cursuquc laborum,

Quos alacri semper'sustulit ille animo:


Ad Vos respiciens secum moerebat id unum,
Mors sua quod natos a patrc divideret.
Quid moriturus agat, paulisper mente volutat;
Dein laetus: Fato non dirimemur: ait.
Tunc sese et vosmet Cordi conjungit lesa:
Omnium ut in Christo vita sibi una foret.

() Catone: Maccm, domo MBdOIMIO, Episcopns et Princcps, ab anno 1807 ad 1873 regienscm
rexit Ecclesiam. Eodmn hoc anno (1873 ), IO calandra junias, horu quinta cum dimitliO ante
meridiana, sanata, ut vixit, obiit. Annina agebat satatls sane 72. Auctor, qui praeclnras ejns
virtntel, pietatein praener'im et prudentium, pulcre jnm novcrat, credit et sontit, quod Christus
Jeans, Pastor pastornm, cnjns Ascensionem pridio tota celebravemt Ecclesin, pastorem lume
bonum, vi: morte sconta, ad se traxissot.

-o(i()e

Vix dum autem cessit terris, exorat Iesum,


Ut, Sibi jam voto, consulat Ipse gregi.
Annuit ora'nti Christus servatr, et inquit:
Hoc esto quod vis, En (viden ?) ecce Virum!
Supplicis extemplo pertentant gaudia rnentem,
Quem tanti virtus baud latet ulla viri.
Miratur gestitque simul, dellaudat et hymnit,
Pro magno et grates munere Pastor agit.
Eja igitur, Cives, cunctas depellitc curas,
Signaque laetitiae qualiacumque date.
Iam Templum ingreditur primis de Antistibus unos,
Ignea quos decuit vincere tela Deus.
Iam vos ailequitur, vobis jam pascua monstrat,
Haec fugienda notans, illa adeunda monens;
Et fontes quoque voi 'faece infectosve venenor
Aeternam in eitam voi salientis aquac.
,

Auditis?.. Linguis opus est animisque favore:


Ore nevi effatur Praesulis ipse Deus.
Heu quot commemorat mala! damna quot ilie recenset,
Immani quorum pendere, terra gemiti
Iustitia et pietas abiit: casa, regia, villa,
Urbe, forum, ager, plateae, compito, templa, viae,
Omnia criminibus longo lateque redundant:
Nox, tenebrae regnant, horror ubique, chaos.

Hinc gens aggreditur gentem, hinc bella, horrida bella,


Armisque et lituis perstrepit emme solum.

4616

Saepius in caelis apparent sigma cruenta,


Quae mentes terrent, damnaque mille ferunt.
Vidimus et pridem montis.juga dira Vesevi,
Quem subito in gyros ignea torsit hiems,
Immensam ah! vim ammarum ernctantia et ignis,
Toforum, exesi pumicis, et cineris.

Vidimus et uvios, abruptis gurgite ripis,


Impete cum vasto per loca quaeqne rapi.
Proh dolor! Alluvie quid non periit? Seta, plantae,
Horti, campi, aedes, oppida, rura, pecus.

Et sentimus adhuc fremitus motusque tremendos


Terrae, quae passim nditur, hiscit, hiat.
Et cecidisse domos turresque, palatia, templa
Fama est, ac multos oppetiisse necem.

Haec super et coepit sparsim jam serpere pestis,


Duraque pauperies, et malesuada fames.
Discant justitiam moniti, et non temnere Divos:
Nil miseros populos, nil nisi culpa facit.
Oh! amor ac pietas gentes coniungat Iesu,
Unus qui potis est omne fugare malum.
Haec novus, haec vobis Antistes: pendite magni.
Angelus est missus: verba salutis habet.
Ferrariae, Julz'o 1873.

ANTONlI-_MARIAE Canonici chmru.

462

NON POSSUMUS
_W_

Canzone

Italia, Italia! ancor sei grande e prima


Tra le innite genti,

Che dall orto all occaso il sol raliieta.


Ancor di gloria opima
In mezzo allente deli et ti senti,
Non pei bugiardo vanto
Di tua bugiarda libert novella,
Che ad ogni ben rubella,
E d ogni fatte rio fonte e maestra
Ai misfar si scapestra,
i E d nel sangue, e nell aver di piglio:
Ma per 1 alto di Dio senno e consiglio.

(1) Dice 1 Ecclesiastico: Gloria homims m.- honore patria. Per questo s intende di celebrare
il nostro Monsignor Vescovo RoccA oiiorendogli quesln Canzone intorno al Sommo Font. PIO 12,
l' Incompnrnbilo.

2636

Vieni, o antica dc regni arbitra e donna,


Dietro all ardito volo

Del mio noh"servo immaginar verce.

Qual si lungo t assonn.

'

'; " '

Di tue grandezze obblio? Qual tienti al suolo,


Qual mai schiavo pensiero? '

'

'

Della tua mente alfin romper conviene


Le inoneste catene.
Troppo al lume del ver per arte ria
Chiudesti, Italia mia,

Le tue veggenti un giorno acri pupille;


E alla luce del vero Iddid sortille.
1

-'

Ancor sei grande e prima; eppur non mostri


Di conoscer _te stessa

Fravano
le odio
dens
dell'
confusa.
Che
A
in
idolalombre
tigiusto
prostii,
el'I erior
vero
Oggitf
" 4ha messa;

E
Altenelchiami
veder le
tuovallj,e
cieco

Chiami savi

basii mila,
_ '
'

impronti'; '

'

Libera chiami schiavit; felice


L empia et meretrice;

Chiami gloria il fallir; giare gl' inganni;


Chiami vero 1 error; padri i tirai1ni.

AMA

Ancor
seidel
grande
e prima.,Ecco
Stanze
Vaticano,
I M i tra l'. "erme . ,

Ecco 1 alto tulgor di tuo grandezze.


Se tue pupille inferme

4640
A veder tanta luce apronsi invano,

Vieni a toccar col dito


Le gloriose gesta, ond giocondo
Per meraviglia. il inondo;

Pensa qual uom potea senza vicina


Assistenza divina,

Solo, inerme, d uman braccio dispoglio,


Fiaecar del vinto vincitor l orgoglio.
'

Il NONO PIO accollo; e l del Tebro


Fra le mancipie sponde
Libero e solo in suo pensier s' estolle.
Sol io, pu dir, stenbro
Queste del secol rio notti infeconde;

Sol io, sol io del Vero


Schiudo quaggi l inessiccabilfonte;
Sol io sperder so 1' ente,

Che il cieco error di tralignati gli


Con proter'vi consigli
Fecer d Italia mia nel chiaro nome;
Sol io potronne alleggerir le some.

A Lui dinanzi in formidabil schiera


Del trionfante Errore
Sta pi forte che mai 1 empie baldanza.
In ogni parte impera
Or col maestro inganno, 01 col terrore,
E a Lui, come Satanno

Alle. gi in terra umanit di Cristo,


Novo promette a6qnisto,

'

65

E di popoli plauso, e glorie nove,


Se del suo labbro giove
Al novel di Nabncco arduo colosso;
Ma risponde il gran PIO: Figli, non posso.

Quindi in sua prima onnipossanza integra


Sta del divino giura
.
L indivisa ai mortali opera etern
Quindi il ciel si rallegra,
E col ciel lebenigne creature,
In veder che il gran PIO,

Contro 1 ira fatal d aspra fortuna,


Tanta in se grazia aduna,
Tanta di senno e di poter presenza,
Che fermo in sua sentenza,
,
Non vinto in petto, il vincitore atterra,

E coi dritti del ciel salva la terra.

Cerca, Italia mia bella, intorno cerca

Delle nuove tue sponde


E delle prische tue storie veraci,
Se con pi onor si merca
Titolo e plauso d immortali fronde.
Cerca se alcun fu mai,
Che di tuo ben pi santamente caldo,

Spirto avesse pi Saldo

A levar tua onoranza a nobil segno;


Cerca se alcun fu degno
I
Di
poter
dir:
pugnai,
n
m
ha
riverso
La possanza infernal dell universo, I ;

*66
Ancor sei grande, Italia, ancor lo sei

Pel magnanimo PIO

D ogni grandezza tua oggi pi grande


Lascia che i tempi rei
Nel torrente si tuln dell oblio,

E le maligne genti
Tornino al chiaro ben dell intelletto.
Lieto allora ogni petto
Far del vero risuonar la tromba,
E sulla sacra tomba

Del grande italo PIO vorr-si scrive:


8' oggi Italia ancor grande, a' LUI s ascriva.
W

Per Lui, diran, del conquistar tiranno

Cesse il libito al dritto,

E torn vano il prepoter del forte.


Di coronato scanno
Torn, di Dio nel nome, il giure invitto.
Per Lui bella sorrise
Novellamente la deserta Pace,
. E in amplesso verace
Colla Giustizia si distrinse, e sparve

Di spaventose larve

La minacciata al mendo empia oaterva;

Non pi alla forza la ragion fu serva.

Ma pria, benigno il ciel se non"ti scampa,

Vedrai l amaro frutto


Che da impiinito Scellerar si coglie.
Vedi quant odio avvampa,

467

Quanta guerra minaccia e quanto lutto.


Di regi un'ecatombe
Oggi chi ovunque libert pi grida
In sen co voti annida;
Spera templi combusti, are riversa,

Spera in comun converse


Le dovizia veder degli opulenti,
E dal sangue regnar barbare genti.
W

Canzon, fra genti te n andrai, che sorda


Sono al giusto ed al ver; ma ti rincori
V Di PIO l esempio; e se talun molesto
Trovi il tuo dir, per questo
Non tornarmi conquisa. Attendi il poi,

E avran trionfo i vaticinii tuoi!


Bologna, Luglio l873.
I

Can. CLEMENTE DE ANGELIS

LA CROCE E LANELLO EPISCPALI


Sonetti - Corona
-'-_-MO__

4710

Anello e Croce in mistico linguaggio


Favellino al Tuo cor, sacro Pastore,
Sia l Anello d' amor fulgido raggio,
La Croce sia, per Te, vanto ed onore.
L Anello alla Tua f cloni coraggio,
La Croce ispiri all anima vigore,
T illumini l' Anel l aspro viaggio,
Ti conforti la Croce nel dolore.
Coll Anel tutte l anima incatena,
Colla Croce, del ciel le vie ne addila,

De rei le brame coll Anel 'ra/frena.


Sia la Croce il Tuo brando, o pio guerriero,

Di pace sia 1' 'Anel slella gradita,


Con Te trion per la Croce il Vero!
Reggio-Emilia, 6 Luglio 1873.

'

II.

Favellino al Tuo cor, sacro Pastore,


Gli eccelsi miti che a Te il ciel destina,
Soavi accenti d infuocato amore

Per la greggia fedel che a Te s inchina.

Se ier, dell' urne tra il funebre orrore,


Piangea di morte la feral rapina (')

Della letizia tra il l'ulgente albore


Oggi, Gorno, per Te balda cammina.

Deh! Tu la reggi, qual pietosa madre


Che a primi passi il bambinel sostiene,
La scorgi Tu fra le nemiche squadre.
E al n di queste, ahi tanto amare pene,
Alla Croce 1 avvinci, odolce Padre,
Del santo Anel coll aurea catene.
6 Luglio 1873.

(') S. E. Rev.ma Mons. CARLO MAccm Vescovo di Reggio, mancato ai vivi nel giorno 23
di Maggio dell' anno corrente.

III.

Sia l' Anello d amor fulgido raggio


Che, in quest esiglio di tenebre cinto,
A noi risplende. qual divin miraggio,
E ne liberi il cor da colpe avvinto.
L' avesti ( Te] ricorda) in grato omaggio
D affetto da Colui () chor piangi estinto,
Quando, all estremo del mortal viaggio,
Fu nel grembo dell' urna ahim! sospinto.
Beh! che quel pegno di cotanto a"etto,
Presago a Te (1 episcopale vanto,
La viva amma T avvalori in petto;
E fra le insidie dell Averno intero,

Tenga (di t e d amor vincolo santo)


Stretto il Tuo gregge all' Arbor del mistero.
7 Luglio 1873.

() Si allude a S. E. Rov.ma Mons. luno Runuu gli Vescovo di Reggio, morto all
22 Luglio 1866, e di cui Mons. Vescovo Conte Boom fu Vicario Generale.

4740

IV.

La Croce sia per Te vanto ed onore,


Fra le tempeste dell iroso mondo;
Tu per essa combatti il bieco Errore
Sicch Abisso si merda il labbro immondo.
N Ti sgomenti d Erebo il livore,

N degli empi ribelli odio profondo;


Colla Tua Croce fulgida sul core
Abbasserai' dell armi avverse il pondo.
Vedi langue fatal, che sotto al piede .
Della Vergin di Jesseavventa ele,
Mentr Ella franca e maestosa incede?

Baldo l' affronta, in ferree catene


Lo stringi ardito, e il popol Tuo fedele
-Goda per Te dell increato Bene.

7_ Luglio l873.

4751

L Anello alla Tua fe doni coraggio,


0 generoso, che pel Ciel combatti,

E se nel rio Satan per via T abbatti,


Provi del Tuo valor non dubbio assaggio.
Qual si sciolgon le nevi al sol di Maggio, .
F uggan da Te le insidie ed i misfatti,
E i nemici di Dio vinti e disfatti,

Piangan per Te nel tempio il folle oltraggio.


Al secolo codardo impara,.o forte,

Che dell Ara la base immota, e dura;


Vincitrice del tempo e della morte.
E della vita sul fatal sentiero,
Se mai sori il Tuo core aspra sventura,
Sia l Anello di gaudii a Te foriero!
7 Luglio 1873.

476

VI.

La Croce ispiri all' anima vigore,


Or che Abisso al Signor fa stolta guerra,
E traviata e cieca ora la terra
Sda il Vicario del suo gran Fattore.
Di' fatue luci al trepido bagliore,
Vedi come la pazza inciampa ed erre;
Deh! Tu la Croce salvatrice afferra,
La Oroce, che di Dio calma il furore.
E questo gregge che il Signor T' afda,
Cinto d avidi lupi, inerme e solo,

Trovi in Te la sicura esperta guida;


Sicch d Averno le nefande mene

Cadan pel Tuo poter distrutte al suolo,


E rechi a lui la Croce ore serene.
7 Luglio 1873.

VII.

T illumini l Anel l aspro viaggio,


Come stella polar scorge il nocchiero,
Quando Oceno turbolento e nero
di morte e terror cupo messaggio.
E il Tuo gregge che palpita al servaggio
Del tracotante Averno, in suo pensiero
Si rinfranchi a que' lampi, e guardi altero
A quella meta che non ha pareggio.
Sgombra le notti dell Error innesto,
Col gioie] che Ti brilla ardente in dito,
E il cammih ci rischiare atro ed infesto.
Cos, vinto (1 Abisso il rio guerriero,
Della pace a noi doni il premio ambito,
De cori, a T, l Anel porga l impero.
8 Luglio 1873.

478*

VIII.

Ti conforti la Croce nel dolore,


Triste retaggio dell' umana vita,

Che, quasi spina al cespite d un ore,


Ha del nostro cammin la trama ordita.
E se doglioso Ti discende al core
Il sospiro d un anima ferita,
De redenti il Vessil, fonte damore,

Alla dolente, Tu pietoso, addita.


Quante piaghe san, quanti tormenti
Len quel Tronco, apportator di pace,
Fra le tempeste degli umani eventi....l ,
Deh! che agli omeri Tuoi s adatti Iene,

E, in questo di martir suolo ferace,


T armi la Croce_ognor di santa spene.
8 Luglio 1873.

IX.
\

Coll Anel tutte l anime incatena,


Sommo Pastor di questo eletto gregge,
E del Vangelo colla diva legge
I conturbati spirti rasserena.
Tu degli affetti l orgogliosa piena
Tempra ne cori che il mal genio regge,
Come l auriga il palafren corregge,
Quando a rapida corsa ci si disfrena.
Esecranda dell r fame insaziata,

Sete di plausi e di poter desio,


Fanno all alme quaggi guerra spietata;
E Tu combatti questi mostri odiosi,
Calma gli sdegni, e nel pensier di Dio
A/fratelli il Tuo Anello i cori irosi.

Luglio 1873.

480

X.

Colla Croce, del ciel le vie ne addita.

Unica meta alla caduca argilla;


Onde, al suonar della celeste squilla,

Niun alma dal Signor sia dipartita.


Ma di virt sul tramite smarrita,

Questa. polluta creta ahimlvacilla; _


Mentre il lubrico Errore arde e sfavilla

Di lascive gaiezze, e i_cnri| incita.


Dehl Tu 1 aranca nel cammin dirutq,
L' esule glia del soffrir, coi detti j

Onde il Tuo labro mail siresegmuto;


Svela d Averno le malvagie frodi;v

E fra il cozzar de ribellenti affetti,


Guidi l alme la Croce in dolci modi !

9 Luglio 1873.

Xl.
De' rei,le_brame coll,_Anel raffrena, ,

Or che l,et sconvolta empia ed imbel-le,


Levasla Lfronte a ;minacciar le stelle,
E contro Dio, l_ Av,ernp si,,scatepa,'

OP che del mal. la..lmbocsanle,piaaat .. .


IMentre
qori invade,
la Ribellipncon
e fa ,l anime.ancqlle;,
armi falle ,, ,

Troni ed Area, schiantar calca-1' arena... .


Triste
ra sI.del.giusto
appresta,
oTGUIDQ,.
il ,vedi;
France-Pastore,
Ma
laun
speme
,e ducipso,incedi.
assqcuri,

Dell irato Oce.n sda,i_;marosi,

,, ,.. .h - ., _.

E
Combatti
l' Anello
_i neipbi
i immuni_allf-Amlqusiw
fumiganti, e scuri,
\i'7

9 Luglio 1873.

XII.

Sia la Croce il Tuo brando, o pio guerriero,


Nella tenzon che Abisso Ti prepara;
Sia la Croce il Tuo brando, usbergo l' Ara,
E la F nel trionfo il Tuo cimiero.
Scendi nel campo coraggioso, altero,
Per questa greggia al Tuo bel cor si cara;
E se un ora di duol T offra l avara
Sorte, non Ti cruciar, ch Teco il Vero.
Vedrai dispersa la falange indegna,
Ch or assedia l Altar cupa ed irosa;
Perch vince il Signore, impera e regna.
E del trionfo sorto alne il raggio,
D' alloro cingerai fronda gloriosa,

Giunto quindi alla [in del lungo viaggio.


9 Luglio 1873.

XIII.

Di pace sia l Anel stella gradita


Che piova nel Tuo son dolce conforto;
E noi guidando al sospirato porto,
Ci sorrida al cader di nostra vita.
Sovra la via di rovi e spine ordita
Regga i Tuoi passi, quale Duce accorto:
E quando Tu sarai nel cielo assorto,
Sul crine Ti risplende aureola ambita.
Ivi il Tuo gregge, unito in grembo a DIO,
Un inno sciolga a Te, Prence e Pastore,
Benedicendo all' immortale PIO.
Ed ai venturi, cui la pace assodi,
La Croce della F, l Anel d' Amore a
Sovra il Tuo caro avel cantin Tue lodi.

10 Luglio 1873.

(,..

484

XIV.

Con Te trionfi per la Croce il Vero;


Del santo Anel coll aureo catene,

Slrelto il Tuo gregge all Arbor del mistero,


Goda per Te dell increato Bene,
Sia l Anello di gaudii a Te foriero,
E rechi a lui la Croce ore serene;
De' cori a Te l Anel porgo l impero.
T armi la Croce ognor di santa spene.

A/fratelli il Tuo Anello i cori irosi,


Guidi l alme la Croce in dolci modi,

E l Anello i traviali all Ara sposi.


Giunto quindi alla n del lungo viaggio,
SovYa il Tuo caro avel cantin Tue lodi,
Anello e Croce in mistico linguaggio.
Reggio-Emilia 6 Luglio 1873.

Domnmco P.mzzr.

-e 87.1

INDICE
_.<x,_

Indirizzo

V.

Inscriptiones - P. ANGELINI
SONETTI
\IC=CJHOJNJ-O'x-

l. A Pio IX - D. Snnmm

35 :5@ @ge.w

Padre e Pastore - Marchesa Cassum-Isoom

. Insidie e Difesa - P. PAGNONE


S eranza - D. M. A. .
oraggio - D. G. R. .
Fortezza - Ab. D. FARI

I.

.
.

.
.

H_- _-a_. k

.
.

.
.

.
.

Fiducia in Dio - Bar. Taccom: Gnu.uccr


.
.
La Religione Ancora di salvezza - Dott. MOSCATELLI
Nave e Nocchiero - PIEROTTI .
.
.
.
.
.
.
.
.
.

Auguin - Dott. Moscneu.x .


Il Soccorso del Cielo - D. G. R.
All Italia - Dott. MOSCATELLI
A Reggio - D. M. A. .
.
.
La Preghiera -- D. M. A..

COMPOSIZIONI VARIE
.
.
w@g&pp
aw -owxa . La Carit Evangelica - PANIZZI
Epigramma - G. Rossi. Epigramma - Bar. Tacconn GALLUCCI
Epigramma - CAMPANI
.
.
.
.
.
1ripudio - 'P. Moucmanxxx .
.
Vola et Gratulationes - P. DE FEIS .
.
.
.
.
.
Pio IX che chiama il Conte Rocca al Vescovado di Reggio
- Teol. Asconr-z
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.Epigrammi - Mons. Truman .
.
.
.
.
.
. Le battaglie del Signore - C. LIBERATI-TAGLIAFERRI .
. Ad munus Episcopi suscx'piendum cohortatio - D. REVERBERI
. Esortazione ad assumere I ufficio di Vescovo - D. REVERBERI
-.-. . Eleqia - D. SCAPPINI
.
.
.
.
.
.
.
. Il Pastor Novello - Arcip. ASCONE
.
.
. Il Magistero Catt. - Epis. e la Cnn'le Societ - Clan. l\Iatixoni
. Ad Regienses - Can. FRANCHIM
.
_ _ . Non possumus - Can. Dr: ANGELIS

13122

SONETTI - CORONA
La Croce e l Anello Episcopalz' - PANIZZI

39 35322r

n.........k

Il

.-...r<
w.
<o\

_u
.

4522
l.JAI

d<vov"
, . .,-.u.a

3"
;.
M. 'Ift.*l.t|
.r'