Sei sulla pagina 1di 20

Obama, primo presidente Usa a entrare in una moschea, attacca chi offende

i musulmani: Non sono cittadini di serie B. A Trump fischieranno le orecchie

y(7HC0D7*KSTKKQ( +.!"!$!z![

Gioved 4 febbraio 2016 Anno 8 n 34

e 1,50 Arretrati: e 3,00

Redazione: via Valadier n 42 00193 Roma


tel. +39 06 32818.1 fax +39 06 32818.230

Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)


Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

EVASORE Dopo la chiusura di alcune indagini ha pagato multe allAgenzia delle Entrate

Non spingete

Pap Boschi indagato 10 volte R

MARCO TRAVAGLIO

Il pm Rossi (che nega di conoscere il padre della ministra) ha aperto e fatto


archiviare 4 inchieste. Etruria, Visco convocato ad Arezzo per il fallimento
p Gli atti nella relazione
della Procura generale di
Firenze al Csm che dovr
decidere sulla
consulenza del magistrato
aretino a Palazzo Chigi

Il risiko delleditoria Di Bella alle news

Rai, leditto DallOrto: decide tutto lui


La Leosini nel mirino dei renziani

q MASCALI E VECCHI A PAG. 3

LItalia sempre pi
debole in Europa:
banche ancora gi
q PALOMBI A PAG. 8

Massolo su Carrai
Attenti ai privati
nellintelligence
La stirpe Boschi al Colle col fratello, il padre Pier Luigi e la madre Agf

UNIONI CIVILI La retromarcia

Ora Renzi sinchina


a Family Day e Alfano:
quasi no alle adozioni

La mossa sul cavallo I dem contro Franca Leosini Ansa

q FELTRI E TECCE A PAG. 2

q ROSELLI A PAG. 3

VOTI DI SCAMBIO A Milano i trucchi di Mr. Expo. Tutti i voltagabbana del Belpaese

Primarie, Sala recluta i cinesi


Nel Pd gli avanzi di B.&Cuffaro
VERSO LE COMUNALI

p Il candidato del premier


ha gi lappoggio di Cl, Opus
Dei e anche lendorsement
di Verdini. E per il secondo
turno pensa a una lista
extra-large. Dal Piemonte
alla Sicilia, tutti sul carro del
rottamatore. Che infatti in
Senato la scorsa settimana
aveva detto: Abbiamo la fila di chi vuol venire da noi
q BARBACETTO, CASULA,
GIAMBARTOLOMEI, PIPITONE
E SANSA A PAG. 4 - 5

q DE CAROLIS E MARRA A PAG. 6

MA NESSUNO HA DIRITTO
AI FIGLI E ALLA FELICIT
q MASSIMO FINI A PAG. 11

VELENI E FAVORI

Smog, lEuropa
raddoppia i limiti:
Dieselgate brinda
q BORRELLI A PAG. 12

Cosenza-Nazione,
Lucio Presta
nel partitone
p Il manager dei vip tv
ha presentato il suo simbolo. Dem e nuovo centrodestra pronti a sostenerlo
A filare la tela i soliti noti
Volantino digitale Lappello in cinese per Sala

q MUSOLINO A PAG. 7

VINCE CRISAFULLI Il giudice dice s alluniversit Dunarea La cattiveria

Enna, si prega di parlare rumeno


ANTONELLO CAPORALE

he soddisfazione e che piacere oggi. Ma la mia mente


non si ferma e la fantasia galoppa. Mirello Crisafulli, patrono
politico di Enna, ottiene dal tribunale il via libera a proseguire lopera di acculturazione scientifica dei
suoi concittadini e annuncia nuove iniziative accademiche. Intanto gli
studenti italiani esclusi dalle selezioni in Medicina, rifiutati dagli altri a-

tenei, potranno far rotta a


Enna e trovare, per
9.600 euro lanno (tassa
discrizione), lequivalente perduto altrove.
Una schiera di docenti
rumeni dellUniversit di
Galati li accoglieranno. Mirello il rosso, conducator politico ora
legnato dal suo partito (il Pd) ed escluso dalla stanza dei bottoni, si gode la festa e rassicura sulle lingue.
A PAG. 7

Scilipoti legge i passi


della Bibbia contro
gli omosessuali. che lIsis
ha offerto di meno
WWW.FORUM.SPINOZA.IT

IL CAIRO

Trovato morto
il ricercatore
scomparso
q FIERRO A PAG. 13

educe dalla campagna


di Quarto iniziata con
la Picierno che chiede le
dimissioni della sindaca non
indagata dei 5Stelle Rosa Capuozzo e chiusa con Renzi e De
Luca che difendono la Capuozzo dimissionata dai 5Stelle il
Pd ha fatto tesoro delle disavventure pentastellate. E ha deciso di impartire al M5S una severa lezione di rigore nella selezione delle classi dirigenti.
Dal Piemonte alla Liguria, dalla Lombardia al profondo Sud,
regno incontrastato dei peggiori trasformismi (leggere a
pag. 5 per credere). In Puglia
spicca il fulgido esempio di Bisceglie, dove lintera giunta di
centrodestra con sindaco, assessori, consiglieri e persino
lintera formazione dei dipendenti comunali s iscritta in
blocco al Pd: 363 persone in tutto hanno chiesto simultaneamente la tessera via email, quasi tutte scrivendo dallo stesso
indirizzo, indicando lo stesso
numero di cellulare e pagando
la quota con la stessa carta di
credito. Siccome poi han dovuto presentarsi in carne e ossa
nella locale sezione per ufficializzare ladesione, sono stati
sottoposti a stringente interrogatorio.
Prima domanda: Chi il segretario nazionale del Pd?.
Purtroppo, forse vinti dallemozione, alcuni hanno fatto
scena muta. Si provato con
qualche aiutino: Il nome inizia con la M e il cognome con la
R. Ma niente: Mariano Rum o r? . Massimo Ranieri.
Micaela Ramazzotti?.Mino
Reitan o?. Marina Ripa di
Me an a? .Massimiliano Rosolino?. Mickey Rourke?.
La seconda e ultima domanda
riguardava il codice etico del
partito, ma si preferito soprassedere. Anche perch un
neoiscritto risultava in libert
vigilata, un altro appena uscito
di galera, un terzo in attesa di
giudizio. Il che potrebbe addirittura rivelarsi un vantaggio:
se qualcuno storcesse il naso,
anzich attaccare con la solita
giaculatoria della presunzione
di innocenza, i vertici del Pd
potrebbero rispondere che il
partito estraneo a quei reati,
visto che gli autori li hanno eventualmente commessi prima di iscriversi. Senza contare
che di solito i politici finiscono
dentro dopo liscrizione, non
prima. Ci sarebbe poi unaltra
questioncella: un sindaco eletto col centrodestra contro il Pd
che diventa improvvisamente
dello stesso partito che fino al
giorno prima stava allopposizione e ora non sa pi che pesci
pigliare. Ma questa non che la
naturale evoluzione del renzismo, visto che Renzi and al governo senza mai presentarsi alle elezioni: dal premier senza
elettori al sindaco contro gli elettori un bel progresso.
SEGUE A PAGINA 20

2 PRIMO PIANO

| IL FATTO QUOTIDIANO | Gioved 4 Febbraio 2016

INTERVISTA A VARANI

ADESSO Michele Anzaldi e gli altri


renziani si occupano anche di cronaca
nera e vogliono oscurare Storie maledette di
Franca Leosini. Valutare la sospensione
della messa in onda dellintervista a Luca Varani, lex avvocato pesarese condannato in
secondo grado dalla Corte di appello di Ancona come mandante dellaggressione con
lacido a Lucia Annibali, lo chiedono i de-

Adesso Anzaldi
e altri dem vogliono
oscurare la Leosini

putati del Pd in una interrogazione al presidente e al direttore generale della Rai presso
la commissione di Vigilanza. La professionalit e la correttezza della conduttrice Franca Leosini sono indiscusse. La nostra richiesta spiega Alessia Morani stata fatta alla
luce dellintervento della Procura di Pesaro,
che ha contestato la decisione di concedere
lintervista in un momento in cui il processo

ancora in corso. Luca Varani, infatti, stato


condannato in primo grado il 29 marzo 2014
e la sentenza stata confermata nel gennaio
del 2015, ma ancora manca il giudizio della
Cassazione. Il capo della Procura pesarese,
che ha guidato il lavoro investigativo, si
perci detto perplesso della decisione del
Dap di autorizzare lintervista senza chiedere pareri alla Procura generale.

NUOVE REGOLE Diaconale contro Di Bella per RaiNews24: lultimo voto in dissenso. Adesso
la riforma cambia le regole: si pu esprimere parere contrario soltanto mandando tutti a casa

Rai, il Cda non conta pi nulla


A

rturo Diaconale, spedito in Viale Mazzini in quota centrodestra, sar ricordato per sempre. lultimo consigliere
damministrazione Rai che ha votato contro una nomina proposta dal direttore generale: per lesattezza, non ha approvato la
promozione di Antonio Di Bella al vertice di
RaiNews24.
DAL PROSSIMO Cda previsto dopo il Fe-

stival di Sanremo i consiglieri non potranno pi giudicare, accogliere o ripudiare una


scelta di Antonio Campo DallOrto. Non sono daccordo? Bene, devono raccogliere due
terzi dei consensi del Cda, sfiduciare il dg e
cos andare tutti a casa. Questa ipotesi ridimensiona il dissenso, o almeno lo rende
pi sterile. Lha previsto la legge di riforma
renziana e lha recepito lo statuto di Viale
Mazzini. I consiglieri di opposizione stanno

ASSETTI RENZIANI

STEFANO FELTRI
E CARLO TECCE

John Elkann
A destra,
Rodolfo
De Benedetti
e Mario
Calabresi

uestione di un anno al
massimo e si capir
cosa c di vero nelle
voci sui grandi piani
di riassetto della carta
stampata, ai quali i
mondi renziani guardano con crescente
interesse. Gli azionisti
della Rcs Corriere della
Sera hanno autorizzato il cda a lanciare
entro il 30 giugno
del prossimo anno un aumento di
capitale fino a
200 milioni di euro, se sar necessario al nuovo piano strategico (le
perdite sono elevate, 126 milioni di euro nei primi nove
mesi del 2015). Ma
nessuno ha voglia di
bruciare altri milioni. Il primo azionista
del C o r r ie r e , cio
John Elkann, meno
di tutti: in via Solferino
non conta pi, ha dovuto subire il licenziamento del suo ad, Pietro
Scott Jovane, non riuscito a imporsi nella scelta del successore di Ferruccio de Bortoli alla direzione (ha prevalso il
candidato di compromesso Luciano Fontana). E di
una Rcs che non ha pi
neanche i libri, ceduti alla
Mondadori, non sa bene
che farsene. Per questo da
giorni si moltiplicano i retroscena lultimo ieri sul Foglio
su un divorzio tra Elkann e
Corriere della Sera, premessa
per unalleanza con Carlo De
Benedetti, presidente del
Gruppo Espresso. Lindizio
pi macroscopico sembra il

Il super dg Antonio Campo DallOrto LaPresse

tentando di trovare un cavillo per ritornare E pare ormai sicuro che i prossimi direttori
influenti, ma la legge non permette tanti dei canali, soprattutto di Rai2 e Rai3 (lex
fortino dei comunisti e poi della ditta di
trucchetti.
Non soltanto Diaconale, in molti non ac- Pier Luigi Bersani), saranno selezionati
allesterno: niente salto in acettano i metodi di Campo
vanti per Tinni Andreatta
DallOrto, che non negozia,
ma informa. Il dg ripete che Prova dindipendenza (che comunque comanda la
Fiction) n per Maria Pia
non sopporta pressioni po- Le nuove nomine
Ammirati. Loperazione salitiche n tramite i partiti n
arriveranno soltanto
tramite i consiglieri.
r pi semplice perch il Cda
Ma il legame fra Campo dopo Sanremo: scelte
non conta: un organo che
non funziona, inutile.
Da ll Orto e Matteo Renzi
Il servizio pubblico, vittiche agita il Cda. Lex capo di pescate fuori azienda
La7 e Mtv ha frequentato la
ma da mezzo secolo di una
Leopolda e lincarico in Viaarrogante spartizione polile Mazzini lha ricevuto da Renzi. Come sar tica, sar gestito con il piglio di unazienda
la Rai tra un paio di mesi, allora, far capire privata.
quanto Campo DallOrto libero di agire e
CAR.TE.
quanto agisce da renziano. C un aspetto gi
Twitter:@Teccecarlo
evidente, per: il dg pesca fuori, non dentro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Effetto crisi, i giornaloni


tra grandi fusioni e svendite
Risiko Elkann vuole lasciare il Corriere (per via Solferino intesa col Sole)
e fare sinergie con il gruppo Espresso. La Gazzetta verso i cinesi di Infront

Berlusconi
sorride
Infront,
pur
professando
imparzialit,
in questi anni
ha spesso
tutelato
Mediaset
nella
spartizione
dei diritti tv,
a danno
soprattutto
di Sky
(e dei club
che, quando
i diritti
sono
venduti
in esclusiva
invece
che spartiti,
incassano
di pi).
Sullalleanza
tra Infront
e Mediaset
in corso
unindagine
della Procura
di Milano

passaggio di Mario Calabresi,


il direttore preferito di Elkann da La Stampa a Repubblica, seguito da una transumanza di giornalisti che si
stanno scambiando le scrivanie tra Torino e Roma. Sta nascendo un mega-polo dellinformazione sotto legida di un
direttore molto apprezzato
dal premier come Calabresi,
del pi renziano dei finanzieri, Elkann, e di uno dei pochi
vecchi saggi di cui Renzi ascolta i consigli, De Benedetti?
SICURAMENTE le condizioni
sono pi propizie di quando,
circa tre anni fa, i due gruppi
avevano iniziato a discuterne,
ma poi il progetto si arenato
su questioni di govern ance
(tradotto: chi comanda). La
versione semplificata che circola questa: superati gli ottantanni, Carlo De Benedetti
cerca un erede per il suo impero editoriale, il figlio Rodolfo non ama quanto lui i giornali e quindi li affida a John
Elkann. Problema: dal 2013
De Benedetti ha trasferito le
quote societarie della Cir, la
holding di comando dellimpero, ai figli Rodolfo, Marco
ed Edoardo. Ha tenuto la presidenza del Gruppo Espresso,
il ramo editoriale, ma tecnicamente non pi il padrone.
Anche la nomina di Calabresi,
scelto dallIngegnere, dovuta passare dal Cda dellEspresso dove siedono sia Rodolfo
che Monica Mondardini, il

neando una operazione drastica: la cessione della Gazzetta dello Sport al gruppo cinese
Wanda, il colosso dei media
che ha da poco acquisito Infront. Il braccio italiano di Infront, guidato da Marco Bogarelli, il vero padrone del calcio e non solo: in teoria semplice consulente della Lega
Calcio per la cessione dei diritti televisivi, in pratica ha il
controllo assoluto dei ricavi
dei club e si sta allargando anche nella regia diretta delle
partite, primo passo per il dominio assoluto del settore.
COMPRARE il primo giornale

capo azienda di tutta la galassia De Benedetti. Ogni alleanza con Elkann deve quindi essere condivisa dagli altri due,
Mondardini e Rodolfo.
Le condizioni per una aggregazione, per, ci sono eccome. Negli anni della crisi
2009-2014 il Gruppo Espresso ha avuto un risultato netto
positivo di 34 milioni di euro.
La somma di Rcs, Mondadori,
Sole 24 Ore, Poligrafici, Caltagirone e Class invece stata in
rosso di 1,5 miliardi (ogni azienda con risultati diversi,
ovviamente). Sono questi numeri che danno al Gruppo Espresso la sicurezza che, qualunque sar il risiko nelleditoria, lazienda dei De Benedetti sar predatore e non pre-

da. La Stampa, sia pure fusa


con il Secolo XIX, pu ambire
al massimo al ruolo di alleato.
Dal lato di Rcs le cose sono
pi complicate, manca un
partner pi solido che puntelli il Corriere(il giornale sano,
ma c la zavorra di debiti delle operazioni sbagliate in Spagna). Gi due anni fa, quando
i soci sono stati chiamati a un
aumento di capitale, il fronte
dopposizionedi Diego Della
Valle e Urbano Cairo ha preferito lasciare il comando alla
Fiat invece che svenarsi per
contenderlo a colpi di azioni.
Il nuovo ad Laura Cioli non ha
molte opzioni: tagli per 60 milioni di euro e cessioni per 110.
In questi giorni si sta deli-

sportivo ha senso per Wanda,


cio per Infront. Sar soddisfatto Silvio Berlusconi: in
questi anni Infront, pur professando imparzialit, ha
spesso tutelato Mediaset nella spartizione dei diritti tv, a
danno soprattutto di Sky (e
dei club che, quando i diritti
sono venduti in esclusiva invece che spartiti, incassano di
pi). Sullalleanza tra Infront
e Mediaset sta indagando la
Procura di Milano. E il Corriere che fine far? Troppo grosso per essere acquisito, troppo indebitato per farcela da
solo. Se da Rcs si stacca la Gazzetta dello Sport, una delle ipotesi che circola quella di
una fusione con il Sole 24 Ore
diretto da Roberto Napoletano. Proprio in queste settimane il gruppo editoriale controllato dalla Confindustria
attraversa una profonda ristrutturazione (che ha evitato
la chiusura dellagenzia Radiocor). Lidea sarebbe di
Gianfelice Rocca, nome forte
d e l l a C o n f i n d u s t r i a p ost-Squinzi, sia che si candidi
direttamente o meno alla successione. Con questo schema
resterebbero due grandi poli
della stampa nazionale, con
quello pi renziano sullasse
Roma-Torino, e il gruppo
Caltagirone come potenza nei
quotidiani locali.
RIPRODUZIONE RISERVATA

PRIMO PIANO

Gioved 4 Febbraio 2016 | IL FATTO QUOTIDIANO |

IL CASO FARANDA-BONISOLI

La scuola delle toghe


cancella lincontro
con gli ex brigatisti

ANNULLATO perch inopportuno. Dopo le polemiche, la Scuola


della magistratura fa marcia indietro e cancella lincontro al quale avrebbero dovuto
partecipare oggi a Scandicci gli ex brigatisti
Adriana Faranda e Franco Bonisoli. I due ex
Br, coinvolti nel sequestro Moro seppure
con ruoli diversi (lei era la postina, lui faceva
parte del commando di via Fani), dovevano

partecipare a una sessione di un corso di


formazione professionale per i giudici dedicato alla giustizia riparativa. Ma proprio la
loro presenza a uniniziativa del genere e
nella sede di una istituzione aveva scatenato la protesta di molti magistrati, a cominciare da Alessandra Galli, figlia del giudice
Guido ucciso da Prima Linea. Si sono schierati altri familiari delle vittime del terrori-

smo, lAssociazione nazionale magistrati


("scelta inopportuna") e esponenti della
politica. Linvito a rivedere la decisione arrivato anche dal Comitato di presidenza del
Csm. Fino allo stop deciso nuova dirigenza
della Scuola, presieduta da Gaetano Silvestri e subentrata da poco alla precedente
guidata da Valerio Onida che aveva organizzato l'evento finito nellocchio del ciclone.

AL CSM Ecco i fascicoli del pm aretino Rossi sul padre del ministro

DAVIDE VECCHI
E ANTONELLA MASCALI

ieci fascicoli. Dal


2000 al 2015. Tutti
legati a reati fiscali.
E, tranne lultimo
ancora in corso finiti con
l'archiviazione. Arrivata solo
dopo il pagamento delle relative sanzioni dellAgenzia delle Entrate. questo il curriculum di Pier Luigi Boschi presso la Procura di Arezzo. Il pap del ministro stato indagato o coindagato per turbativa
dasta, estorsione, dichiarazione infedele, omesso versamento dei contributi. Di quattro dei dieci fascicoli titolare
era il procuratore capo di Arezzo, Roberto Rossi. Gli altri
sei sono stati assegnati ad altri
magistrati. L'ultimo, avviato
nel dicembre 2014 e ancora in
corso, stato aperto dal pm
Ersilia Spena poi andata in
pensione. Per quest'ultimo,
che ipotizza a carico di Boschi
lomissione dei versamenti
dei contributi per alcuni dipendenti di un'azienda agricola, stata richiesta l'archiviazione ma il giudice per le
indagini preliminari non si
ancora pronunciato. Questo,
in sintesi, il materiale trasmesso ieri dalla Procura generale di Firenze alla Prima
commissione del Csm che ne
aveva fatto richiesta per valutare l'esistenza o meno di incompatibilit tra il ruolo di
procuratore capo di Rossi e
l'incarico di consulenza che lo
ha visto impegnato con il governo sino allo scorso dicembre. Un incarico avviato con
l'esecutivo guidato da Enrico
Letta nel 2013 e poi rinnovato
due volte, nel 2014 e nel 2015,
quando a Palazzo Chigi era arrivato Matteo Renzi e, con lui,
Maria Elena Boschi. Leventuale incompatibilit sar valutata anche in base alla gestione e allarchiviazione di
quei vecchi fascicoli.
LA PRIMA commissione inzialmente aveva proposto al
plenum larchiviazione del caso Rossi, ma quando due settimane fa emersa l'esistenza
di un'indagine da lui condotta
sullex vicepresidente di Banca Etruria, poi archiviata e terminata con l'accertamento da
parte dell'Agenzia delle Entrate per evasione fiscale e una
multa dall'erario, i consiglieri
hanno riapertola procedura e
ne riparleranno l11 febbraio. Il
magistrato, infatti, nell'audizione del 28 dicembre non aveva fatto menzione di conoscere e di aver avuto rapporti
con Boschi a eccezione di
quelli relativi alla sua posizione in Banca Etruria. Posizione,
va detto, a carico della quale
ancora non stata avviata alcuna indagine. Lex numero
due della popolare, infatti, non
tra gli indagati dei tre fasci-

Boschi indagato dieci volte


aspetta lultima archiviazione
coli aperti sulle recenti vicende dell'istituto. La Procura attende la pronuncia del tribunale fallimentare che luned
La scheda
valuter se accogliere o meno
n BANCHIERE
la richiesta di dichiarazione di
insolvenza per la banca, avanPier Luigi
zata dal commissario liquidaBoschi, padre
tore Giuseppe Santoni.
del ministro
Luned stato convocato
delle Riforme
per essere sentito, oltre a SanMaria Elena,
toni e agli amministratori di E stato
vicepresidente truria e Nuova Etruria, anche
di Banca
Ignazio Visco, governatore
Etruria, una
della Banca d'Italia.
delle popolari
Se, come prevedibile, il trisalvate dal
bunale dichiarer lo stato di
governo.
insolvenza, per il pap di MaIndagini
ria Elena Boschi e gli altri ex
ad Arezzo
amministratori potrebbe prospettarsi l'iscrizione nel registro degli indagati per bancan IL PM
rotta fraudolenta e altri reati a
Il procuratore
cascata, tra cui la truffa ai cordi Arezzo,
rentisti a cui sono state venduRoberto
te obbligazioni subordinate
Rossi, stato
poi azzerate con il decreto goconsulente
vernativo che ha anticipato di
del governo: il un mese il cosiddetto bail-in.
Csm valuta
eventuali
A QUESTO, per Boschi e l'ultiincompatibilit mo Cda, si aggiunge un nuovo
Proteste
Risparmiatori
contro Banca
Etruria; sopra,
Pier Luigi
Boschi Ansa

SERVIZI SEGRETI

rischio d'indagine da parte


della Procura di Milano, competente per i reati finanziari
legati a societ quotate a Piazza Affari: 200 azionisti hanno
firmato un esposto ipotizzando i reati di insider trading, aggiotaggio e associazione a de-

Bankitalia
Crac Etruria, anche
il governatore Visco
convocato dal giudice
fallimentare
linquere a carico dell'ultimo
consiglio di amministrazione.
L'esposto, molto tecnico, ricostruisce nei dettagli le movimentazioni sul titolo Etruria a
ridosso di specifici periodi, in
particolare nelle settimane
precedenti al decreto del governo che ha trasformato le
popolari in Spa nel gennaio
2015. Secondo quanto ricostruito nel testo si sono registrate movimentazioni particolari e tutte da verificare, sul-

le quali fra l'altro gi impegnata la verifica della Consob.


Il periodo complessivo preso
in considerazione tra met
2014 a fine 2015. E in questi 18
mesi il titolo ha avuto un andamento decisamente inspiegabile. Altalenante. E registrando, inoltre, segnali che
contraddistinguono possibili
speculazioni. Uno su tutti: innesti di ordini per quantitativi
superiori alle 200 mila azioni
in apertura e poi passaggi di
mano forti durante la giornata.
Innesti finalizzati a mantenere il valore alto in maniera artificiale. E altri tecnicismi che
ora passeranno al vaglio delle
Procure di Roma, Arezzo e Milano per poi approdare a quest'ultima, come detto, se gli inquirenti dovessero ravvisare
gli estremi di reato ipotizzati.
LA POSIZIONE di Boschi po-

trebbe dunque aggravarsi. E,


nel caso in cui venisse dimostrato che si sono verificati
passaggi di informazioni riservate (insider trading) riguardo alla banca, evidente
che, per quanto riguarda il decreto licenziato dal governo
nel gennaio 2015, anche la figlia ministra potrebbe essere
chiamata a rispondere a qualche domanda sul suo conflitto
di interessi. Ai magistrati.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il capo dellintelligence Massolo (Dis) mette paletti allamico del premier

Cyber security, altol a Carrai:


Attenti a lasciarla ai privati
GIANLUCA ROSELLI

a cyber security la nuova frontiera dellintelligence. Ma occorre fare attenzione a far combaciare
gli interessi delle aziende
private che operano in questo settore con linteresse
dello Stato. A mettere in
guardia il governo sulla gestione della cyber security
Giampiero Massolo, il direttore del Dis, il Dipartimento delle informazioni
per la sicurezza che coordina Aisi (ex Sisde) e Aise (ex
Sismi).
PARTECIPANDO a un conve-

gno al Sioi (Societ italiana


per lorganizzazione internazionale) sul ruolo dellintelligence in Italia, lex ambasciatore non nomina mai
Marco Carrai, limprendi-

In campo Lambasciatore Giampiero Massolo e Marco Carrai Ansa

tore amico di Renzi e presidente della societ specializzata Cys4, che il premier
vorrebbe mettere a capo
della sicurezza cibernetica
del Paese. Ma il riferimento
sembra chiaro. La cyber security la nuova frontiera
dellintelligence e opera a

un livello visibile e a un livello sommerso. Diverse aziende private si occupano


di fornire questi servizi, ma
ci vuole molta cautela, perch occorre verificare che i
loro interessi coincidano
con i nostri, aggiunge Massolo.

Il direttore del Dis gi in trapela anche un certo imuna recente audizione al barazzo riguardo al fatto
Copasir aveva espresso forti che la Cys4 sia una societ
perplessit sulla vicenda, con pochissima esperienza,
facendo notare ai parlamen- visto che stata fondata da
tari che a capo
Carrai alla fine
della cyber sedel 2014.
curity sarebbe
un settore
meglio mettere
dove serve alta
u n a p e r s o n a Lavvertimento
profess ionalit
ap par te nen te Lambasciatore
e formazione e
alle forze
su questo fronte
dellordine o ai non nomina
i nostri servizi
servizi. Insom- limprenditore
sono garanzia di
ma, gli 007 noqualit, sottolistrani non gra- candidato
nea Franco Fratdiscono essere al ruolo fin qui
tini, presidente
scavalcati in un
del Sioi, che
ruolo che con- svolto dagli 007
sembra cos sposare la tesi di
siderano tra i
loro compiti.
Massolo. Come
a dire che la cyber security
LA VICENDA Carrai, per non s'improvvisa. Come inquanto riguarda Palazzo vece sembrano fare a PalazChigi, congelata ma non zo Chigi.
archiviata. Da fonti del Dis
RIPRODUZIONE RISERVATA

4 POLITICA
Lo sberleffo

| IL FATTO QUOTIDIANO | Gioved 4 Febbraio 2016

MATTEO E LA MODA,
UNA STORIA DAMORE
FQ

IL NOSTRO PREMIER, come


noto, ci tiene parecchio allimmagine. Non sempre i risultati premiano i
suoi sforzi: dal chiodo alla Fonzie ai pantaloni con risvoltino e calzini azzurri, fino
alla copertina di Chiche lo ritrae con discutibili bermuda grigi sotto la neve. Il nostro premier, inoltre
come altrettanto noto non disdegna le photo opportunity e gli eventi rarefatti, senza contestazioni,

in cui promuovere in pace la propria immagine. E gli piacciono pure le uscite mondane
e le passerelle: si gi fatto vedere in passato, quando era sindaco di Firenze, alle sfilate di Armani ed Ermanno Scervino. Tenendo conto di tutti questi fattori, non era difficile immaginarlo: il presidente del Consiglio parteciper
alla prossima Settimana della moda donna. Di pi:
sar il primo premier a tagliare il nastro del pre-

stigioso evento, che si apre a Milano il 24 febbraio.


Lha annunciato personalmente il presidente della
camera della moda, Carlo Capasa. Che ha aggiunto, per prevenire eventuali perplessit: Anche Cameron in Gran Bretagna e Hollande in Francia sostengono le sfilate e la moda. Mentre in Italia, fino a
oggi, la politica ha guardato con snobismo al settore. Con Matteo Renzi il pericolo non si corre:
snobbare la moda? Roba da radical chic.

MIGRAZIONI Le citt dei voltagabbana

LALTRO MISTERO

EXPO, QUEI
9 MILIARDI
DI CUI NON
SI SA NULLA

Fatto a mano

bbiamo la fila dei vostri senatori e dei vostri consiglieri regionali.... Parola di Matteo Renzi alle opposizioni, la
scorsa settimana in Parlamento. C unaltra fila verso il
Pd: quella dei capibastone. Da
sud a nord, lesodo silenzioso
ma consistente.

MARCO PONTI

Le truppe
di Toto vasa vasa
Le mie clientele hanno solo
cambiato nascondiglio. Parole e musica di Tot Cuffaro,
intervistato dallHuffington
Post. In Sicilia, malgrado i 5
anni di carcere per favoreggiamento a Cosa nostra, lex
governatore ancora importante. Ad accogliere i suoi fedelissimi c Davide Faraone,
il vicer di Renzi sullisola.
Un anno fa dichiarava che
bisogna allargare lorizzonte. Detto e fatto. I dem hanno
subito reclutato due ex golden boy di Cuffaro: lex sindaco di Agrigento Marco Zambuto e il giovane leader degli
universitari Udc Mic he le
Catanzaro. Con loro, anche
Nello Dipasquale, che quando governava Ragusa con
Forza Italia gridava in pubblico: Il Pd mi fa schifo. Ora
pi moderato: Ero democristiano l e sono democristiano qui. Pensiero condiviso dagli ex esponenti di Articolo 4, signori delle tessere
cresciuti allombra di Cuffaro
e Lombardo. Politici globetrotter come Pippo Nicotra dei convertiti al renzismo. Il
(ex Psi, Mpa, Udc), ex enfant deputato dem Francesco
prodige dellUdc come Luca Boccia, suo compaesano, lo
Samm artino, nipoti darte descrive cos: Spina uno
come Valeria Sudano (lo zio che faceva il saluto fascista,
Mimmo fu potente senatore stato 10 anni in Forza Italia e
della Dc): fulminati sulla via nel Movimento sociale. Ora
della Leopolda. Il partito le iscrizioni di Spina e comfinito quando hanno impalli- p a g n i s a r a n n o v a l u t a t e
nato Bersani. Chi fossero i co- d al lorgano di garanzia del
siddetti renziani siciliani e Pd nazionale: le tessere conche avrebbero aperto la porta gelate sono circa 20. Sono olal peggio lo sapevamo gi, tre 40, invece, le richieste gi
dice Sabrina Rocca, nel 2012 respinte di cittadini candidacandidata dei dem a sindaco ti con altri partiti in elezioni
di Trapani. Dove oggi il par- precedenti.
tito che un tempo aveva il volto di Pio La Torre finito nel- Liguria, dentro tutti:
le mani di Paolo Ruggirello, il modello Paita
storico big del Mpa poi ap- Roba da non credersi! A La
prodato alla corte del destris- S p e z i a i l P d h a r a c c o l t o
simo Musumeci. Infine c il 4.400 tessere. Come in tutto
record di Alice Anselmo: a 3 il resto della Liguria dove gli
anni dalleleabitanti sono
zione ha
sette volte
c a m b i a t o Il record spezzino
tanti. Pi che
ben 7 partiti; Boom a La Spezia:
a Genova.
da sinistra a
Parla un didestra, dalla 4.400 iscrizioni, pi
rigente del
maggioranza che in tutte le province
Pd spezzino
a l l o p p o s iche vuole rezione e ritor- liguri messe insieme
stare anonino. stata
mo. Non erapremiata con
no bastati gli
la poltrona di capogruppo del s c a n d a l i d e l l e r e g i o n a l i
Pd allAssemblea regionale.
2015, Il Pd ligure ci ricasca.
Tra i protagonisti c ancora
Bisceglie, cambia casacca la spezzina Raffaella Paita
lintero Comune
(sconfitta alle regionali).
Una migrazione in corso a Nei prossimi giorni racBisceglie, dove lintero Co- conta la gola profonda fismune sindaco, assessori, seremo il congresso che voconsiglieri e dipendenti ha ter il segretario provinciachiesto liscrizione al Pd. le. C bisogno disperato di
Francesco Spina, primo cit- tessere. Cos nelle ultime ore
tadino eletto a destra, uno si assistito a un boom, si

Le clientele cambiano tana


Il Pd in affitto al centrodestra
Dalla Sicilia di Cuffaro a Torino: tra tessere e poltrone, la grande fuga verso Renzi

IPROTAGONISTI

ALICE
ANSELMO
Ha cambiato
sette partiti
in 3 anni. Il Pd
la premia:
capogruppo
in Regione
Sicilia

FRANCESCO
SPINA
Sindaco di
Bisceglie
eletto a
destra, passa
al Pd insieme
ad assessori
e consiglieri

ANGIOLINO
MASTRULLO
Consigliere
Ncd, ora
vicino allex
governatore
Ghigo. Parte
del centrodestra con
Fassino

FEDERICA
PECUNIA
A La Spezia,
feudo della
Paita, le
tessere del Pd
sono 4.400,
pi che in
tutto il resto
della Liguria

parla di 700 nuovi iscritti. A


Sarzana pare siano 1.100, e
pensare che alle ultime elezioni in quel comune abbiamo preso 2.200 voti. Federica Pecunia (presidente
de llassemblea provinciale
Pd, paitiana) ha dichiarato
trionfante: Ringrazio i militanti che hanno fatto di questa occasione una vera e propria mobilitazione. Ma la
nostra fonte ribatte: Ci sono
due probabili candidati: Juri Mazzanti, vicino a Paita, e
Federico Barli, sostenuto
dal ministro spezzino Andrea Orlando. Il boom del
tesseramento riguarda soprattutto Sarzana e Santo
Stefano Magra dove i paitiani sono pi forti. La Liguria
ancora una volta laboratorio del Pd, dopo il botto delle
primarie di un anno fa: Paita
incass lappoggio di ex scajoliani, di politici Ncd inquisiti per voto di scambio in inchieste di ndrangheta o fotografati con famiglie calabresi al centro di indagini. In
questi giorni la campagna
acquisti sembra essere ricominciata.

Torino, Cl sale
sul carro di Fassino
A Torino Piero Fassino potr contare sul sostegno di una grossa fetta di Ncd. I politici pi vicini a Comunione
e liberazione, come il vicepresidente del consiglio comunale Silvio Magliano e
Giampiero Leo, sosterranno il sindaco del Pd senza

Ipse dixit
SABRINA ROCCA
CANDIDATA SINDACO EX PD

Conoscevamo gi chi
fossero i cosiddetti
renziani in Sicilia.
E sapevamo gi
che purtroppo
avrebbero aperto
la porta al peggio
prendere la tessera del partito, ma appoggiandosi ai
Moderati di Giacomo Portas. C poi il grande fermento dellex consigliere regionale di Ncd Angiolino Mastrullo che, come ricostruisce il sito Lo Spiffero, sta tessendo relazioni per realizzare quanto auspicato nelle
scorse settimane da Enzo
Ghigo, lex presidente forzista del Piemonte che negli
ultimi anni entrato in Ncd.
Ghigo appoggia apertamente Fassino. Secondo le indiscrezioni, il suo invaghimento per il sindaco del Pd
condizionato dalla sua aspirazione: un posto nella Compagnia di San Paolo, potente
fondazione bancaria.
A CURA DI FRANCESCO CASULA, ANDREA GIAMBARTOLOMEI,
GIUSEPPE PIPITONE
E FERRUCCIO SANSA

RIPRODUZIONE RISERVATA

u darsi che Expo sia


andata in pari, come
stato pi volte annunciato. Oppure no. Vedremo i conti finali, ancora
misteriosi.
Ma si tratta sempre
dei costi
dellesposizione vera e
propria, per un
ammontare preventivato
di circa 2,5 miliardi di Euro.
Tuttavia i preventivi iniziali delloperazione parlavano anche di 9 miliardi (cifra indicativa) di opere infrastrutturali, soprattutto
per viabilit: la linea metropolitana 4, il completamento della 5, la tangenziale est esterna, lautostrada
pedemontana, ed opere per
laccesso ad Expo stessa, e
forse anche i parcheggi, assai estesi. Probabilmente
anche qui ne sono stati spesi
meno: n la linea 4 n la pedemontana son state terminate in tempo utile. Inoltre si detto che si trattava
di opere gi previste dalla
pianificazione locale, il che
certamente vero. Ma previste non vuol dire finanziate. Con ogni probabilit
sono arrivati finanziamenti ad hoc, mobilitati proprio in occasione di Expo,
data la perdurante scarsit
di risorse pubbliche. Quindi
si tratta di risorse comunque dedicate allevento, anche se destinate ad avere effetti pi dilatati nel tempo.
Ora, il problema vero anche
in questo caso la totale assenza di trasparenza
nelluso dei denari pubblici,
che sono per definizione di
tutti i cittadini. Quanti soldi sono arrivati da Roma
per le infrastrutture di Expo? E quanti da Comune e
Regione? E come e dove sono stati spesi? Quanto hanno servito davvero lesposizione? Come sono stati affidati gli appalti? Anche in
questo caso con procedure
di urgenza, cio senza gare?
Come e quanto si prevede
che queste opere saranno utilizzate in futuro? Sono
stati rispettati i preventivi?
Nulla dato sapere al pubblico. Non esiste una contabilit consuntiva, n una
rendicontazione dei risultati funzionali o economici.
Ma in fondo, dato il fenomenale successo della manifestazione, successo dichiarato dai media notoriamente non del tutto a
gratis, cosa sono 9 miliardi
di nostri soldi (o anche 6, o
4, a maggior ragione irrilevanti)?
RIPRODUZIONE RISERVATA

POLITICA

Gioved 4 Febbraio 2016 | IL FATTO QUOTIDIANO |

ROMA

Marino, tour e libro:


cos lex sindaco
ritenta la corsa

incontri con i cittadini e altre iniziative pubbliche. Obiettivo: evitare di sparire dai radar cittadini e infastidire la campagna elettorale dei suoi compagni di partito. Marino si riscritto al Pd, ma lipotesi di partecipare alle primarie saltata da tempo
(anche se le candidature possono essere
presentate fino al 10 febbraio). Piuttosto
pensa a una lista civica che potrebbe di-

sturbare i democratici. Laltra arma nel cassetto il famoso libro autobiografico, quello che raccoglierebbe gli appunti dei quadernetti su cui Marino ha annotato ogni
colloquio e incontro nei suoi due anni in
Campidoglio. Luscita, giurano, non imminente. Ma tutti scommettono che arriver in libreria prima delle elezioni di giugno.

Chi vota chi Cl, Opus Dei, verdiniani: gli imbarazzanti sostenitori
del favorito. Che incassa anche lappoggio della comunit di via Sarpi

MILANO

GIANNI BARBACETTO

MENTRELASFIDA tra i due Roberto il renziano Giachetti e il veltroniano Morassut si fa sempre pi seria (il
Pd romano, per intenderci, pur di non appoggiare il candidato sostenuto da Matteo
Orfini si sta dirottando tutto su Morassut),
anche lex sindaco Ignazio Marino ha deciso di far tornare a parlare di s. appena
cominciato il tour del marziano in citt:

Milano

inesi per Sala: s, la comunit cinese di Milano si


prepara ad andare a votare il commissario Expo
alle primarie del centrosinistra.
Lo annuncia, in lingua mandarina, il portale huarenjie.com che
sotto il titolo I cinesi di Milano
devono tirar fuori la loro forza,
racconta un incontro con Milena Santerini, deputata di Scelta
civica passata a Democrazia solidale (una delle microfrazioni in
cui si diviso il movimento di
Mario Monti), che ha promesso
unattenzione di Sala, una volta
sindaco, alle esigenze della numerosa comunit cinese che ha il
suo centro in via Paolo Sarpi. La
pagina web in caratteri cinesi
completata da una foto in posa
del candidato e dalla cartina della
citt con i seggi dove andare a votare Sala, il 6 e 7 febbraio: per dare
pi forza ai cinesi di Milano.
SOLO lultimo esempio, clamoroso, dellombra che incombe sulle primarie milanesi: il sostegno
esterno a Giuseppe Sala, la
possibilit insomma che a votarlo
arrivino elettori che poco hanno a
che fare con il centrosinistra. Il
commissario Expo ripete di non
voler cambiare il perimetro della
coalizione e di non voler aprire ad
altre formazioni, per esempio lNcd di Angelino Alfano. Ma a votare, sabato e domenica, non andranno le sigle, bens gli elettori. E
Sala stesso ha dichiarato di ritenere positivo lallargamento della
platea di chi si presenter alle urne. Si gi visto in quale direzione:

Cinesi per Sala


Lultimo tarocco
delle primarie
Fiorenzo Tagliabue (Sec), che
un socio fondatore di Cl e certo
porter molti ciellini ai seggi, il 6 e
7 febbraio. Si schierato con Sala
anche un ex-tutto, come Sergio
Scalpelli: comunista, funzionario del Pci, direttore della Casa
della cultura, poi socialista, radicale, berlusconiano, assessore
con il sindaco Pdl Gabriele Albertini, cofondatore del Foglio
con Giuliano Ferrara. Intuisco
velocemente le cose, spieg i
suoi salti a Claudio Sabelli Fio-

Gi amici Il console cinese a Milano e il commissario della Cina per Expo Ansa

nella lista degli ospiti della sua cena al Marriot, per esempio, cera
Giuseppe Bonomi, manager leghista; tra i sostenitori riuniti da
Bruno Tabaccici sono vecchi democristiani e uomini dellOpus
Dei come Pippo Garofano (ex
Montedison) ed Ettore Gotti
Tedeschi (ex Ior). Gli arrivato
anche limbarazzante endorsement di Denis Verdini, che non

vota a Milano, ma segnala un clima e certifica Sala come sindaco


del Partito della Nazione. Del resto, stato Mr. Expo a dichiarare
a Radio 24: Silvio Berlusconi
stato un buon imprenditore, da
politico ha individuato i problemi, anche se poi non stato in grado di risolverli. Pi concreto il lavoro che sta facendo il suo stratega per la campagna elettorale,

Secondo round
Il possibile vincitore
della sfida annuncia
una lista civica che possa
allargare il consenso
retti. Ora Scalpelli ha intuito che
aria tira a Milano. Ma siccome sa
che il popolo delle primarie imprevedibile, si tiene aperta una via
di fuga: nel caso Sala non ce la faccia, pronto a votare un altro manager, Stefano Parisi, possibile
candidato del centrodestra.
Baster il soccorso esterno a
far vincere Sala? I sondaggi sono
pi scivolosi che mai, nel caso del-

le primarie. Certo
Sala sa che la sua
carta pi forte ,
paradossalmente,
lautocandidatura
di Pierfrancesco
Majorino: non abbastanza forte per
vincere, ma sufficiente per indebolire la possibilit
che Francesca Balzani batta Sala. Cos il manager lo compiace
con dichiarazioni del tipo: generoso, molto complementare a me, Potrebbe far parte della
mia squadra.
La posizione di Majorino difficilmente spiegabile con gli argomenti della politica, almeno quella visibile. Sa che non ha possibilit di arrivare primo, battendo sia
Sala sia Balzani. Eppure resta in
campo, galvanizzando i fan con
un programma di sinistra che non
sar mai realizzato. Gioca, in realt, per tentare di arrivare secondo, con il risultato oggettivo salvo sorprese che non possono mai
essere escluse nelle primarie di
chiudere con la stagione di Giuliano Pisapia e di aprire la strada
al Partito della Nazione che far di
Milano il suo laboratorio, o il suo
Expo.
Sala annuncia che, in caso di
vittoria, creer una sua lista civica. Con chi? Ci penser eventualmente da domenica sera,
promette. Intanto i cinesi di Milano si preparano a mettersi in fila
per le primarie. Sala aveva promesso un milione di cinesi a Expo.
Dalla Cina ne sono arrivati non
pi di 200 mila. Ma adesso si muovono quelli di Chinatown.

La scheda
VOTA-MI
Si chiama
huarenjie.com
il sito in
lingua
mandarina
che pubblica
larticolo
I cinesi di
Milano
devono tirar
fuori la loro
forza.
Li invita
a votare Sala
alle primarie.
In cambio,
una volta
sindaco, Sala
sar attento
alle esigenze
della
comunit
cinese di via
Paolo Sarpi.
n

RIPRODUZIONE RISERVATA

La condanna del manager Agusta in nome di Allah


MARCO LILLO

on risponde Matteo Renzi


e non risponde nemmeno
l'amministratore di Finmeccanica Mauro Moretti. Un
giorno dopo la pubblicazione
sul Fatto (integrale sul sito)
della lettera di Christian Michel sullo scambio scellerato
(prove contro i rivali politici
del premier indiano Nerendra
Modi nel caso Finmeccanica-India in cambio di un trattamento di favore ai mar)
non esiste una versione ufficiale italiana. Intanto in India
il partito di Sonia Gandhi, vittima del complotto delineato
da Michel nella lettera, ha
chiesto conto al premier indiano Modi.
Il silenzio di Moretti sorprende perch nella lettera di
Michel si parla della recente
condanna a Dubai di un importante manager britannico
di Finmeccanica, Neil Alexander Cranidge, luomo che
firma fisicamente il bilancio
di Agusta Westland Interna-

Silenzio Renzi e Finmeccanica non rispondono alle accuse

sul presunto scambio tra i mar e i dossier contro Sonia Gandhi


tional ltd, come segretario generale. Cranidge stato condannato a un anno di galera e
il 6 gennaio scorso sono state
avviate le pratiche per la ricerca internazionale. Christian Michel (su di lui le autorit indiane hanno spiccato
un mandato di arresto a luglio
per laffare degli elicotteri in
India) nella sua lettera cita il
caso Cranidge non per difendere il suo concittadino ma
per tirare acqua al suo mulino,
cio per corroborare la tesi
del complotto indo-italiano.
LA STORIA misteriosa a par-

tire dal suo protagonista: Christian Michel, 54 anni, britannico con ufficio a Dubai stato
luomo chiave dellaffare da
560 milioni di dollari per la
vendita di 12 elicotteri allIndia nel 2010. Per le sue societ
si era ritagliato una fetta milio-

LIndia avrebbe proposto


lo scambio
a Renzi
in un incontro
allOnu
LaPresse

naria ed stato indagato con i


manager di Finmeccanica
Giuseppe Orsi e Bruno Spagnolini, poi assolti. Michel non
stato processato ma si giovato della sentenza di Busto
Arsizio.
La Procura si fermata in
attesa dellappello chiesto dal
pm Eugenio Fusco. LIndia,

parte civile nel processo, non


ha fatto appello ma dopo il
cambio del governo nel 2014
ha emesso un mandato di arresto contro di lui perch ora
ritiene che dietro laffare si nasconda una mazzetta agli indiani veicolata dalle sue societ a Dubai. Cosa centra la condanna del legal counsel di Agu-

sta Westland a Londra? Lavvocato Cranidge stato condannato perch - secondo la


corte di Dubai - avrebbe spifferato ai giornali le carte ricevute dalle autorit dellemirato sotto il vincolo di non divulgarle. Le carte oggetto del non
disclosure agreement sono
quelle della societ di Michel a
Dubai e dellaffare indiano degli elicotteri. Dopo la pubblicazione (avvenuta in India con
disappunto delle autorit di
Dubai) potrebbero tornare utili in India nella battaglia politica contro la famiglia Gandhi che era al potere quando
laffare fu concluso nel 2010.
NELLA SENTENZA contro Cra-

nidge emessa il 6 gennaio del


2016 dal giudice Raefat Abbas
Nel nome di Allah, pieno di
grazia e di misericordiaenel
nome dello sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum
si condanna Cranidge a un anno di galera dopo il processo
nelludienza del 3 giugno 2015.
La sua colpa? Dopo avere chie-

sto e ottenuto a Dubai le carte


sui conti e i contratti segreti
della societ Safari Company
di Christian Michel per conto
di Finmeccanica nonostante
limputato avesse firmato
limpegno di non svelare queste informazioni lui ha svelato
i segreti ai giornali causando
danni alla societ Safari e al
suo proprietario ... svelando le
transazioni degli elicotteri ai
giornali. La Corte di Dubai
non va per il sottile. Non spiega
perch ritiene proprio Cranidge colpevole della pubblicazione in Italia, India, Gran
Bretagna e Dubai ma ordina di
arrestare il cittadino inglese e
di ricercarlo a livello nazionale e internazionale. La sentenza una mina su rapporti
con Dubai e una grana per Moretti che appena un mese fa ha
pensato bene di licenziare il
suo rappresentante legale negli Emirati Arabi: Caio Mussolini, nipote di Vittorio, figlio di
Benito, e capo del Medio Oriente.
RIPRODUZIONE RISERVATA

6 POLITICA

| IL FATTO QUOTIDIANO | Gioved 4 Febbraio 2016

STEPCHILD

Scontro tra pediatri


e psichiatri
sui genitori gay
UNIONI CIVILI

WANDA MARRA

tamattina in Senato ci
sar un ufficio di presidenza del Pd, convocato senza ordine
del giorno. Ma in realt i lavori hanno un obiettivo, per
quanto segreto: lavorare
sulla mediazione di Giorgio Tonini, per ammorbidire ulteriormente il testo
della stepchild, rispetto alle
modifiche in campo, andando cos incontro alle richieste dei cattolici oltranzisti
del Pd, di Ncd e delle gerarchie ecclesiastiche. Esiste
una bozza, segretissima,
che sta circolando in questi
giorni: si introduce il pre-affido di un anno. Un'altra variabile, rispetto all'emendamento Lumia che richiama
il ruolo del giudice nel processo decisionale sulle adozioni e alla pre-adozione di
due anni a firma Pagliari-Marcucci. Non proprio
lo stralcio della stepchild
chiesta dai centristi, ma di
certo una formulazione
pi digeribile. Anche se contiene un elemento che fa alzare gli scudi a chi la conosce: il pre-affido riguarderebbe anche le adozioni etero, quelle che l'articolo 44
della legge sulle adozioni
definisce particolari.

QUALI SONO, se ci sono, le conseguenze sullo sviluppo dei bambini


che vivono in una famiglia arcobaleno?
Ha fatto clamore, ieri, il parere del presidente della Societ Italiana Pediatria, la
principale associazione dei medici che si
occupano di minori: Non si pu escludere
- ha detto - che convivere con due genitori
dello stesso sesso non abbia ricadute ne-

na di Psichiatria, stoppa il pediatra: Ci


che conta valutare la capacit affettiva
dei genitori, la capacit di accogliere e seguire la crescita dei bambini, creando un
ambiente sicuro, sereno e protettivo. E
questo non dipende certo dal genere' dei
genitori. Alla fine Corsello costretto a
precisare: bisogna valutare caso per caso.

Lemendamento Tonini Il cattodem studia una nuova mediazione


E il Pd si prepara ad adeguarsi alle richieste del partito di Alfano

Ora Renzi corteggia


il Family Day:
adozioni, quasi no
La scheda
IL TESTO
La nuova
mediazione
che va
incontro
alle pressioni
dei cattolici
(anche Pd)
stata scritta
da senatore
Giorgio Tonini
n

IL PREAFFIDO
Ci sarebbe
un anno
di pre-affido,
anche se le
modalit
restano
ancora
da decidere.
In questo
caso non
ci sarebbe
lappoggio
dei 5 Stelle
n

LE CARTE le tengono coperte

in molti: perch se mai questa proposta dovesse passare, vorrebbe dire cambiare
completamente schema di
gioco. Ed escludere il movimento Cinque Stelle, pronto
a votare il ddl Cirinn cos
com (e solo quello, come
hanno ribadito ieri: Non
votiamo il testo, se impover it o). Su 35 senatori del
M5s, ballano solo un paio
di cattolici: ufficiosamente
pronti ad astenersi nel voto
segreto, o a votare il ddl senza stepchild (contro la linea
del gruppo). Chi guarda verso di loro nei Dem spererebbe di portarli anche sulla
mediazione Lumia. Ma un
rischio. Dall'altra parte, Alfano non minaccia la crisi,
ma parla di trauma in caso
di votazione Pd-Cinque
Stelle. Ed ecco allora che la
trattativa in corso, e ormai
da giorni, anche con l'ala pi
possibilista dei centristi. Una trattativa difficile: a tenere le fila, appunto, Tonini.
Con quali coperture? Maria
Elena Boschi su questa ipotesi fredda, Matteo Renzi si
tiene fuori. Dall'inizio lui ha
dato un solo mandato preciso: portare a casa il risultato.
E per questo, ha messo pi
gente a lavorare su pi tavoli. Tonini dal principio uno
degli uomini forti della trattativa, anche se di quelli pi
coperti. Riusciranno i cattolici pi radicali ad avere la

gative sui processi di sviluppo psichico e


relazionale nellet evolutiva. Il presidente Giovanni Corsello cita studi e ricerche
cliniche che parlano delle debolezze di uno sviluppo in cui una famiglia in cui il nucleo genitoriale non ha il padre e la madre
come modelli di riferimento. Immediata
la replica dei colleghi medici. Claudio
Mencacci, presidente della Societ Italia-

Sotto attacco Monica Cirinn, senatrice Pd LaPresse

IL BESTIARIO

meglio? Non chiaro, ma lo


il fatto che con la piazza retrograda e medievale del Family Day, avallata da Alfano,
al punto da aver ricevuto la
mattina stessa della manifestazione l'organizzatore
Massimo Gandolfini, il governo non ha intenzione di
chiudere. Anche perch il
voto dell'articolo 5 si presenta gi da adesso complicato e rischiosissimo.
IERI il capogruppo del Pd,

Luigi Zanda ha riunito gli altri capigruppo e si accordato sull'iter della legge.
andato in porto il patto Lega-Pd sullo scambio tra il
ritiro di 4500 emendamenti
del Carroccio e il canguro
del senatore dem Andrea
Marcucci. Anche Paolo Romani ha assicurato il taglio
di parte dei 250 emendamenti presentati e pure Renato Schifani ha accennato
una medesima disponibilit
da parte dei centristi. Stesso
discorso anche sul numero
di voti segreti. Ci sar un
gruppo di lavoro, formato da
un senatore per gruppo, che
si occuper degli emendamenti. E di ridurre il pi pos-

3 DOMANDE Nicola Morra

Cattolico
Il senatore
dei 5Stelle,
Nicola Morra,
membro della
commissione
Affari
costituzionali
Ansa

O LA NETTA PERCEZIONE che sulle


unioni civili non ci saranno problemi nel
nostro gruppo. Davanti a un caff nella
buvette di Palazzo Madama, il senatore dei Cinque Stelle Nicola Morra liquida con un sorriso le
voci su una fronda cattolica nel M5S contro il ddl
Cirinn : Se rimane cos com' voteremo il testo,
noi manteniamo sempre gli impegni. E parlare di
pressioni del Vaticano nei nostri confronti, francamente....
Ma lei cattolico. Questa legge le va bene
anche con la stepchild adoption?
Assolutamente s, bisogna mettersi nei panni dei
bimbi. Il rischio che tanti bambini vengano sottratti a legami affettivi consolidati da anni, per essere immessi nel circuito delle case famiglie e degli istituti, che io ben conosco. E poi io cerco di essere cristiano, ed esserlo significa anche non giudicare.
E se cambiassero il testo?
Valuteremo caso per caso. Ma la stepchild serve.
Eppure le indiscrezioni su spaccature nel
M5s vanno avanti da giorni. Vi sentite sotto
pressione?
Noto che c' una pressione per far credere a noi
5Stelle che ci siano frane o smottamenti. Ma al
nostro interno di problemi non ce ne sono.
Twitter @lucadecarolis

sibile i voti segreti. Un lavoro


certosino, tutto affidato al
capogruppo Pd. E il presidente del Senato, Pietro
Grasso, che in altri casi stato pi che interventista? Se
si mettono d'accordo le
squadre nello spogliatoio
meglio: sarebbe pi o meno
questa la sua valutazione.
Ma in molti in Senato notano
l'assenza. Ha paura di non
riuscire a gestire il caos dei

voti segreti, dicono i detrattori. Un'altra faccia della


storia della legge sulle unioni civili. Intanto, Zanda ieri
ha detto che il voto con ogni
probabilit slitter, rispetto
alla data finale prevista per
l'11 febbraio. Da qualsiasi
parte alla fine il Pd decida di
guardare, la coperta corta,
il rischio sull'articolo 5 alto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Anatema Il direttore di Radio Maria, don Livio Fanzaga: Mi sembra la prostituta di Babilonia

Cirinn, arriver anche il suo funerale


LUCA DE CAROLIS

l ddl Cirinn arriva in aula, il


senso del ridicolo fugge via.
Al suo posto, i profeti dellApocalisse prossima ventura.
Quelli che paragonano la Cirinn alla biblica prostituta di
Babilonia e le evocano il funerale; che leggono la Bibbia in
Senato citando cani e gatti e
accoppiamenti; che massacrano inglese e italiano. E che
vanno oltre ogni limite: Saremo costretti ad accettare pedofilia e poligamia. La discussione sul disegno di legge
sulle unioni civili, dentro e
fuori il Palazzo, ha gi imboccato il dirupo dellincredibile.
Eppure proprio vero, laudio
del direttore di Radio Maria,
don Livio Fanzaga. La Cirinn, questa qui mi sembra un
po la donna del capitolo 17
dellApocalisse, argomenta il
prelato. Tradotto, la senatrice
del Pd gli ricorda la prostituta
di Babilonia raccontata nella

Bibbia. E allora monita, luomo di Chiesa: Signora, arriver anche il suo funerale.
Glielo auguro il pi lontano
possibile, ma arriver anche
quello.

cede: Ma come si pu togliere


a una madre il bambino appena nato? Neanche ai gatti e ai
cani si tolgono i cuccioli. Il senatore accanto a Scilipoti
colto da uno strano attacco di
tosse. Ma Mimmo si innalza:
Ma come si pu dare un bamPOCHI GIORNI FA il sacerdote
bino a una coppia che non ha
aveva bollato le famiglie arcopartecipato
baleno come sporall atto fisico?.
cizia, mentre settiPoi c linglese:
mane prima aveva
per Scilipoti, lindedicato un pensieA parole loro
ro ai giornalisti proferno degli inferni. Stepchild astagonisti del caso
Scilipoti urla:
Vatileaks, Emiliano
sociation esclaUomosessuali
ma, e in aula deFittipaldi e Gianluigi Nuzzi: SarebbeMancuso e lutero lirio. Ma mica sciro da impiccare. Si Aula vuota Il Senato ieri Ansa
vola solo lui. La
in locazione,
passa in Senato, dostepchild adopve in corso la discussione sul glie senza mari- Aracri e le sue
t i o n viene storddl Cirinn. Teatro adatto per to, non c vita
piata in ogni moDomenico Scilipoti, prima senza entrambi i giannenannine
do, come prova
un blob sul fattoIdv, poi folgorato sulla via di sessi. I senatori
Arcore. Scilipoti, agopunturi- un po rumoregquotidiano.it. Si
sta, conosce i segreti della na- giano un po sghignazzano. La va da step ciald association a
tura. Ma uomo di fede. Cos vicepresidente di turno Linda stepaddoccio fino a stepsciald
sul suo scranno in Senato por- Lanzillotta serra le labbra per adtt. la lapidazione dellita la Bibbia (incolpevole). E non esplodere. Scilipoti pro- dioma dAlbione. Ma anche lideclama il libro del Levitico,
con interpolazioni alla Scilipoti. La donna non si vestir
da uomo e luomo non si vestir da donna, perch Dio detesta chiunque fa tale cosa tuona il forzista. Ma c pure la
glossa, tutta sua: Non c marito senza moglie e non c mo-

taliano una botola. E cos,


Scilipoti parla di affeminati,
e uomosessuali. Mentre un
altro forzista, Francesco Aracri, discorre di giannenannine (Gianni Nannini, ndr) e di
cone (accento sulla i).
E irrompe Bruno Mancuso,
(Area Popolare), che agita lo
spauracchio dellutero in loca zi one . Nel pomeriggio,
spazio al leghista Nunziante
Consiglio: Si parla ancora di
gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, ma una volta normalizzate queste deviazioni dovremo accettare pedofilia e
poligamia. tutto un discettare di cromosomi, il discorso
della camicia verde. Che tuona: Le adozioni gay non devono esistere n in cielo, n in
terra. Al momento della nascita, un bambino ha diritto di vedere in faccia la madre e il padre... Ognuno libero di vivere
la sua vita come vuole, ma fino
a un certo punto. Ecco.
RIPRODUZIONE RISERVATA

POLITICA

Gioved 4 Febbraio 2016 | IL FATTO QUOTIDIANO |

IL CASO QUARTO

Fico (M5S) sentito


in Antimafia: Mai
saputo di ricatti

MAI SAPUTO di ricatti o minacce, lho


detto al pm e lo ripeto qui. Di fronte alla
commissione Antimafia, il deputato dei 5Stelle Roberto Fico ribadisce la sua verit sul caso
Quarto, il Comune guidato dallex M5S Rosa
Capuozzo, anche lei sentita in Antimafia. Fico
ha ripetuto la linea sulle presunte minacce subite dal sindaco da parte dellex consigliere del
M5s, Giovanni De Robbio: Capuozzo non mi

ha mai detto di aver ricevuto minacce o ricatti,


n io ho la palla di vetro". Ha poi raccontato di
una riunione a luglio a Quarto con lei e i consiglieri: Cerano contrasti con De Robbio, non
volevano che diventasse presidente del consiglio comunale. Io dissi che la decisione stava
a loro. Ma Grillo e Casaleggio non vennero informati di quella riunione. Infine Fico ha difeso
il sindaco (dimissionario): Non abbiamo mai

pensato che fosse una camorrista. Il dem


Franco Mirabelli attacca: Fico ha fornito una
versione completamente discordante da quella della Capuozzo. Sullaltro fronte, le deputate 5Stelle Maria Edera Spadoni e Giulia Sarti
contro Alfano: Il ministro dellInterno protegge il Pd e il feudo di Delrio e nega la commissione daccesso antimafia nel Comune di Reggio Emilia.

LUNIVERSIT DI ENNA Il ministero ha chiesto la revoca per linsegnamento. Il Tribunale


di Caltanissetta per ha respinto: la Romania nella Ue e i titoli accademici sono equivalenti

ANTONELLO CAPORALE

he soddisfazione e
che piacere oggi. Ma
la mia mente non si
ferma e la fantasia gal op pa . Mirello Crisafulli,
patrono politico di Enna, ottiene dal tribunale il via libera
a proseguire lopera di acculturazione scientifica dei suoi
concittadini e annuncia nuove iniziative accademiche.
Intanto gli studenti italiani esclusi dalle selezioni in Medicina, rifiutati dagli altri atenei, potranno far rotta a Enna
e trovare, per 9.600 euro lanno (tassa discrizione), lequivalente perduto altrove.

Il giudice boccia il governo


Lateneo torna a Crisafulli
Ex Pci
Vladimiro Mirello Crisafulli, ex senatore,
leader del Pd
a Enna; a sinistra, luniversit rumena Dunarea de Jos
di Galati: a
Enna c la
succursale

UNA SCHIERA di docenti ru-

meni dellUniversit di Galati


li accoglieranno. Mirello il
rosso, conducatorpolitico ora
legnato dal suo partito (il Pd)
ed escluso dalla stanza dei
bottoni, si gode la festa e rassicura sulle lingue. Linglese
si impara in venti giorni e per
la lingua rumena non possono
essere sufficienti 360 ore di
immersione full time? Capiscono. E se non capiscono imparano. I cinquanta studenti
neo iscritti erano rimasti tramortiti dalleventualit che
laccordo chiuso dal Fondo
Proserpina dellex senatore
Pd, una srl di pochi e fidati amici, con lUniversit di Galati potesse perire sotto il colpo di maglie del ministero
dellUniversit che ha ingaggiato una battaglia per vedere
revocata lautorizz azione

COMUNALI

I guai del Barone


La fondazione Kore
appena stata
commissariata
dalla prefettura
allinsegnamento. Il giudice
del Tribunale di Caltanissetta
ieri ha dato torto al governo
(ma la ministra Giannini conferma che il Miur non accrediter questo corso di laurea).
La Romania Stato membro
dellUnione europea e i titoli

accademici sono equipollenti. Sul punto Mirello il Rosso


esemplifica: La mia patente
di guida valida anche in Romania, malgrado i segnali
stradali siano nella lingua di
quello Stato. Per la laurea la
stessa cosa. Dimenticate che
in Romania studiano circa
duemila studenti italiani esclusi dalle nostre universit?
Non ho fatto altro che portare
la Romania in Italia, riducendo le distanze e facendo di Enna un traghetto verso il lavoro. Sa che servono nei prossimi anni diecimila medici?. Si
chiama furto con destrezza. A

Enna la politica le ha rubato il


futuro e anche la dignit, ponendola ultima nelle graduatorie sulla qualit della vita,
ma ha scatenato i suoi istinti
primordiali nella ricerca di
consenso attraverso luniversit.
CRISAFULLI, padrone per an-

ni dei destini comuni, ha prima promosso la nascita


dellUniversit Kore (privata
ma riconosciuta) cingendola
dassedio con una Fondazione che governa ogni spillo poi
ha istituito, tenendola per
distinta, la facolt di Medici-

na, garantendosi il governo


attraverso una Srl. Incredibile ma purtroppo vero. E se due
giorni fa la prefettura aveva
commissariato la Fondazione Kore, ieri il tribunale ha
dato ragione al Fondo Proserpina con il quale Mirello ha
condotto in porto la sua personale rappresentazione del
proprio talento. Voglio che
Enna diventi come Bologna,
che i siciliani vengano a curarsi da noi, che il nostro ospedale divenga una celebrit. E tra un po ci avvieremo
verso il Mediterraneo. Sogno
un grande centro di studi,

qualcosa di incomparabile
con il presente. Noi e lAfrica,
noi che facciamo da ponte, loro che utilizzano la Sicilia e
soprattutto Enna. La fantasia galoppa, ma mica tanto.
Loperazione cultura ha finora permesso di traghettare
milioni di euro delle casse
pubbliche, accordare o revocare incarichi e gestire privatisticamente un business impossibile prima solo da immaginare.
VERO che i quattrini sono

stati investiti, le aule non sono


finte, gli studenti non hanno
la faccia di cartone, le opere
sono state realizzate in un
tempo non comparabile con
la tradizione dellisola. E questo un miracolo da segnalare. Dietro al miracolo la nebbia dei poteri perpetui. Crisafulli per 40 anni ha comandato a Enna, riempendola di famigli, poi, forse stanco della
routineo solo ingolosito da un
mercato in espansione, ha
scelto la via delluniversit
lui che ha un diploma di terza
media per conservare pi a
lungo quel che la politica non
vorrebbe pi concedergli.
Non mi candider mai pi,
mi dedicher alla cultura. La
cultura ci rende ricchi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il manager dei Vip Ben visto dal premier, lagente di Benigni ha gi presentato la sua lista

Cosenza, c Presta. Dem a braccetto con Ncd


LUCIO MUSOLINO

uovo centrodestra e Partito democratico insieme


a Cosenza. Le trattative per le
Comunali sono iniziate a Roma con la nomina di Tonino
Gentile a sottosegretario allo
Sviluppo economico e stanno
proseguendo in Calabria dove, a un mese dalle primarie, il
Pd locale ancora non sa se si
faranno. A tessere la tela sono
sempre gli stessi: i Gentile da
una parte e Nicola Adamo
dallaltra.

DOPO SETTE MESI di confino a Roma perch coinvolto


nellinchiesta Rimborsopoli, lex consigliere regionale
del Pd si visto revocare il divieto di dimora in Calabria.
comunque indagato. Marito
della deputata Enza Bruno
Bossio, Adamo non si candida
ma continua a fare il regista come alle ultime Regionali vinte
da Mario Oliverio. Prove ge-

nerali di un partito della Nazione in salsa cosentina dove


trovano spazio personaggi come Lucio Presta. Ben visto da
Renzi, il manager dei vip conosciuto con il soprannome di
signor Rai ha gi presentato
la lista Amo Cosenza e non
vuole partecipare alle primarie. Come faccio se non sono
del Pd?. Finito qualche anno
fa sotto inchiesta per concussione nei confronti di alti dirigenti della Rai (oggi archiviata
dalla Procura di Roma), limpresario di Benigni appoggiato da pezzi del Pd locale.
Ho 56 anni e voglio fare qualcosa per me aveva affermato
a ottobre . Se fosse vivo il mio
amico Pino Daniele gli chiederei la colonna sonora di Je so
pazzo.
Presta a parte, la politica in
Calabria unaltra cosa. Una
corsa al potere in cui vince solo
chi ha pacchetti di voti da offrire e che, dopo le elezioni, devono essere restituiti. Il Pd in

Signor Rai Lucio Presta Ansa

panne, non sa se si fanno le primarie e non ha unalternativa


al sindaco uscente Mario Occhiuto, eletto nel 2011 con i voti
di Forza Italia e con quelli di
Nicola Adamo e dei fratelli Tonino e Pino Gentile. Stavolta
dovr farne a meno perch ha

silurato la figlia del neo sottosegretario (prima nominata


vicesindaco) che oggi potrebbe allearsi con il Pd. pronto a
saltare dallaltra parte anche il
consigliere regionale di Forza
Italia Ennio Morrone. Suo figlio Luca, presidente del consiglio comunale, ha gi la valigia pronta. Valigia che sta disfacendo, invece, Giacomo
Mancini Junior ormai di casa
al Pd grazie allamico Denis
Verdini. Lex assessore della
giunta Scopelliti e nipote del
Leone socialista(il Giacomo
Mancini originale, ndr) vuole
fare il sindaco, ma pure lui deve capire se si faranno le primarie. A tutto c un prezzo ed
impensabile che i Gentile, i
Morrone e i Mancini stiano a
guardare mentre renziani e
non decidono candidati e liste.
FALLITO il tentativo di convin-

cere mister preferenze Carlo Guccione (Sei lunico che

pu battere Occhiuto, gli a- dei Dem, non solo cosentini:


vrebbe detto Ernesto Magor- Nei mesi scorsi sono usciti i
no), lex assessore del Pd di- verbali del pentito di ndranmissionato dopo lo scandalo gheta Adolfo Foggetti che ha
Rimborsopoli bacchetta il fatto i nomi di Occhiuto e Paosuo segretario
lini. C il rischio
regionale: Deve
che a Cosenza ardire se si fanno le
rivi la commisprimarie. Non ho
sione di accesso
capito se a Co- Il burattinaio
per infiltrazioni
senza stiamo la- A tessere
mafiose. Prima o
vorando per vinpoi lindagine dovr concludersi,
cere o per perde- la tela del voto
no? E che facciare. A Roma, Mi- in Calabria il
mo se arriva dulano e Napoli sorante le elezioni e
no state gi con- sottosegretario
poi sciolgono il
vocate. Qui no. allo Sviluppo
Intanto i consiComune?.
glieri comunali Tonino Gentile
ECCO perch il taEnzo Paolini e
volo delle trattaMarco Ambrogio hanno fatto sapere che si tive potrebbe chiudersi a Rocandidano e questo mina il ma con Renzi che impone il
patto di ferrocon Ncd. Il Pd manager Lucio Presta. Con
le primarie non le vuole. A buona pace delle primarie e
spiegarlo un esponente loca- dello statuto del Partito demole dello stesso partito di Renzi cratico mentre qualcuno gonche, a condizione di rimanere gola cantando Je so pazzo.
RIPRODUZIONE RISERVATA
anonimo, racconta le paure

8 ECONOMIA

| IL FATTO QUOTIDIANO | Gioved 4 Febbraio 2016

LA FIOM: HA RISPARMIATO

Fiat, 990 euro lordi


di bonus ai dipendenti
dopo i risultati 2015

VALE IN MEDIA 990 euro lordi per i


dipendenti italiani di Fiat Chrysler
Automobiles il premio per i risultati 2015,
che lad Sergio Marchionne ha definito fenomenali presentandoli agli analisti (ma
da allora il titolo ha proseguito il tonfo in Borsa, compresa lappena scorporata Ferrari).
Si tratta del primo bonus di efficienza
dallaccordo di luglio con i sindacati firma-

tari del contratto aziendale, che ha legato le


retribuzioni allandamento dei conti, e arriver in busta paga di febbraio. Ai dipendenti
di Cnh Industrial andranno invece 825 euro
lordi. Una parte della retribuzione variabile
stata gi versata agli 86.000 dipendenti dei
due gruppi. Considerando gli anticipi, per
lanno passato ai dipendenti Fca sono andate in media 1.360 euro, in Cnh 1.115 euro. Il

bonus stato annunciato nellincontro di


oggi, nella sede storica di Fiat a Roma, tra Fca
e Cnh e le segreterie nazionali di Fim, Uilm,
Fismic. La Fiom, non presente al tavolo, ha
affermato che il premio non per tuttiefa
risparmiare laziendaperch non incide sugli istituti contrattuali o di legge, ferie, permessi, tredicesima e Tfr. Hanno esultato invece i sindacati del s, la Uilm e la Fim.

Banche ancora gi in Borsa,


Italia troppo debole in Europa
Padoan replica alle critiche di Bruxelles sui conti pubblici, ma viene smentito pure
dallUfficio parlamentare di bilancio: Non abbiamo diritto alla clausola migranti
chiediamo nulla che non sia gi
previsto dal Patto di Stabilit. Ci
abrizio Viola, lammi ni- auguriamo che la risposta sullamstratore delegato di Banca missibilit delle nostre richieste
Monte dei Paschi, sorpre- arrivi presto per evitare unincerso: Ho un po di anni sulla tezza che non aiuta la crescita.
schiena e una parte di questi lho Lincertezza sui tempi, per, non
spesa sui mercati: onestamente u- esiste: come si sa, la Commissione
na dinamica come quella che ho vi- del presidente Jean Claude Junsto nellultimo mese non la ricordo cker risponder a marzo.
e non la capisco. I ribassisti - quelLa novit che ieri il ministro
li che guadagnano scommettendo dellEconomia non stato smentisul calo dei titoli - stanno ucciden- to dai falchi del rigore tipo Woldo il valore del sistema bancario e fgang Schuble, ma persino
non solo di quello (ieri calavano dallUfficio parlamentare di bilanlauto con Fca come labbiglia- cio. Un breve riassunto. LItalia ha
mento con Yoox per un risultato di stabilito che il prossimo anno il noBorsa di -2,85%).
stro deficit sar al 2,4% del Pil uTornando a Viola, ieri Mps ha sufruendo di alcune clausole euchiuso a 0,55 euro per azione ropee che consentono di spendere
(-6,6%): luned 4 gennaio valeva un popi del previsto: quella per le
pi del doppio. Listituto senese riforme fatte vale lo 0,5% del Pil
non comunque solo. Tutti i ban- (circa 8 miliardi), quella per gli incari lasciano valore per strada: vestimenti da fare lo 0,3% (poco
Banco Popolare
meno di 5 miliar(-10,02%), Ubi
di), quella per i
(-8,99%), Bper Le cifre in ballo
migranti e la sicu(-8,29%), Carige Il governo: 3 miliardi
rezza un altro
(-7,27%), Unicre0,2% (3,2 miliardi). Per la prima
dit (-5,93%), Bpm di deficit in pi per
(-5,71%), Intesa i profughi. Il nodo vero, clausola non ci sono problemi, le al(-5,25%) e via calando. Come si per, il Budget 2017
tre due invece sono meno chiare:
vede, si tratta di
tutte le maggiori
quella per gli inbanche italiane e di tutte quelle vestimenti si pu usare solo dettacoinvolte nel risiko - cio una gliando le spese e mostrandone i rinuova tornata di fusioni e acqui- sultati, quella sui migranti semplisizioni - che nella speranza di Te- cemente non esiste nella forma in
soro e Banca dItalia dovrebbe cui la chiede lItalia, arricchita ora
mettere una pezza alle difficolt - dopo aver detto s al contributo da
di parecchi istituti, i cui conti sono 281 milioni per la Turchia - dalla
affossati da redditivit quasi nulla formula lItalia si attende che la
e uno stock abnorme di sofferenze Commissione Ue usi un approccio
(i crediti difficilmente esigibili, coerente non prendendo in consiche sono in tutto 201 miliardi).
derazione ai fini del calcolo del de MARCO PALOMBI

IL SEGNO MENO non una carat-

teristica della Borsa di Milano chiudono in negativo tutti i listini


dEuropa - ma in Italia le perdite
sono pi intense. La bassa quotazione del petrolio e le brutte notizie in arrivo da Cina e Paesi emergenti valgono per tutti: perch in
Italia va peggio? La risposta insieme complessa e semplice: il nostro Paese percepito come lanello debole della catena delleuro e il
nostro governo non aiuta avendo
gi perso tutte le battaglie che poteva perdere con lEuropa a trazione tedesca (dalle banche ai migranti). Non ci fosse in funzione il
programma di acquisti della Bce, la
tarantella la ballerebbero i titoli di
Stato come nel 2011: visto che Mario Draghi per ora li protegge, il
gioco avviene sulle banche.
In questo senso, gli scontri (a
chiacchiere) con la Commissione
europea non aiutano. In ballo, c la
possibile bocciatura dei conti pubblici italiani a marzo e, soprattutto,
gli impegni per il 2017. Ieri stato
Pier Carlo Padoan a ribadire la posizione italiana: Non chiediamo
ulteriore flessibilit sul deficit, non

LANALISI

ALFONSO SCARANO
E ANTONELLA SIMONE*

ficit dei costi sostenuti dallItalia


dallinizio della crisi in Libia. Affermazione un po generica, non a
caso ridimensionata da una nota
del Tesoro nella serata di ieri.
HA SPIEGATO, infatti, ieri lUfficio

parlamentare di bilancio (Upb):


Sulla base delle indicazioni della
Commissione, lItalia non dovrebbe poter usufruire nel 2016 di margini di flessibilit legati allemergenza migranti. Il motivo semplice: lo stesso governo a sostenere che nel 2015 ha speso pi o
meno la stessa cifra del 2014 per i
migranti (3 miliardi e pi), dunque
non c alcuna emergenza che giustifichi lo sconto chiesto da Renzi e Padoan. Il rischio che lItalia
sia costretta a una manovra corret-

tiva nella prossima primavera.


Tre miliardi, per, sono ancora
spiccioli: il problema vero di Renzi,
il senso della sua battaglia, il 2017.
Come spiega lUpb, il governo s
impegnato a portare il deficit dal
2,4 all1,1% del Pil: in soldi significano meno spese o pi tasse per oltre 20 miliardi (circa 15, peraltro,
coperti con un aumento automatico dellIva dal 1 gennaio). Fare
una manovra di queste dimensioni
sarebbe un suicidio politico e Renzi chiede di allontanare da s questo calice o almeno rinviarlo di
qualche anno: richiesta non irragionevole, ma il problema farla
passare. I rapporti di forza, come la
realt ha dimostrato in questi mesi,
non sono favorevoli al premier.

Trazione
tedesca
Il ministro Pier
Carlo Padoan
col suo omologo tedesco
Schuble.
Accanto, Jean
Claude Juncker e Giuseppe Pisauro
dellUpb
LaPresse/Ansa

RIPRODUZIONE RISERVATA

Domani in Cdm Arriva la superholding per facilitare la speculazione sugli Npl

Addio istituti di credito cooperativo:


una riforma per violarne lo Statuto

molta attesa circa il decreto sulle Banche di credito cooperativo vernance e di controllo che hanno ge(Bcc) - atteso in Consiglio dei ministri nerato lattuale montagna di soffedomani - che dovr riformare la loro renze. Quanto alle Bcc necessario
struttura con la creazione di una su- innanzitutto ricordare che sono state
perholding. Il fallimento della vigi- fondate sul principio di mutualit e di
lanza bancaria e una
prossimit al territorio.
strutturale sovrapposizione di ruoli tra governo
LA CESSIONE delle sofe banche rende legittimo
ferenze (non performing loans, Npl) da paril dubbio che nessuna so- Costi sociali
te delle Bcc ha rilevanti
luzione potr mai essere Nessuno sa cosa
aspetti di incoerenza e
scevra da conflitti di incausa una forte preocteresse. Le soluzioni ipo- accadr quando
cupazione sia per il futizzate appaiano come chi acquister
turo delle banche sia per
tecniche dilatatorie per
il riflesso sociale che arimandare i problemi e le sofferenze far
vr sul Paese. I punti
nascondere nel rimpasto partire una raffica
della questione su cui
delle fusioni bancarie le
occorre fare chiarezza
responsabilit specifi- di pignoramenti
sono: il rispetto della
che e le mancanze di go-

mission delle Bcc, la modalit di cessione degli Npl, i criteri di valutazione


dei portafogli crediti in sofferenza ceduti, il ruolo delle istituzioni.
Lattivit di cessione per il tramite
di piattaforme multi-cedente di grandi dimensioni - comprendenti crediti
garantiti e non - rinnega infatti lo scopo statutario delle Bcc. Il loro Statuto
allarticolo 2 e la Carta dei Valori che
guida loperativit delle Bcc invocano,
quali principi ispiratori, quelli cooperativi della mutualit senza fini di speculazione privata. Dal confronto tra
lattivit di cessione degli Npl per il
tramite di una piattaforma unica e i
principi ispiratori dello Statuto emerge evidente una contraddizione in termini. Perch viene di fatto effettuata
unoperazione speculativa, per di pi

orientata a investitori esteri e nella


modalit di aggregazione indifferenziata degli Npl delle banche viene ad
annullarsi il rapporto tra banca e debitore, rinnegando il valore della
prossimit al socio e/o correntista
della banca garantito dallo Statuto.
IMPRESSIONA lanticipazione fatta

dalla stampa, secondo cui le Bcc che


non aderissero alla creazione della capogruppo, la super holding, a seconda
dei propri requisiti patrimoniali, verrebbero trasformate o in banche popolari o in spa o poste in liquidazione.
Cio siamo allassurdo che se non dovessero tradire lart. 2 del loro Statuto,
verrebbero liquidate. Quanto al presunto prezzo di mercato delle sofferenze, poi, la piattaforma cos com

ECONOMIA

Gioved 4 Febbraio 2016 | IL FATTO QUOTIDIANO |

RISPARMI PER 400 MILIONI

Yahoo! taglia
e licenzia: 40 esuberi
anche in Italia

OLTRE 4 MILIARDI di dollari. Tanto


ha perso Yahoo! nel 2015 e adesso i
manager corrono ai ripari. Come recita una
nota diffusa ieri, il gruppo prevede di tagliare la propria forza lavoro del 15% (1.700 posti in tutto) e, tra gli uffici che saranno chiusi,
insieme a quelli di Dubai, Citt del Messico,
Buenos Aires e Madrid, c anche quello di
Milano. Tra gli esuberi, insomma, c pure la

quarantina di dipendenti italiani. I sindacati


lhanno saputo ieri sera: Abbiamo chiesto
un incontro urgente allazienda per il 10 febbraio. Dopo lincontro sapremo di pi,
spiega Nicola Cappelletti (Filcams Cgil).
Difficile faccia cambiare idea a manager
spinti dai soci a far tornare la societ in utile:
le azioni hanno pagato un dividendo di 0,13
centesimi (in linea con le attese, ma troppo

poco per gli investitori). Yahoo! valuter le


proprie opzioni strategiche, nellambito di
un aggressivo piano strategico messo a
punto dallamministratore delegato Marissa Meyer. Laggressivit sta nel fatto che si
punta a risparmi nelle spese operative per
400 milioni di dollari nel solo 2016. La trimestrale della compagnia di Sunnyvale in
rosso e chiude un anno negativo.

Brexit, il bluff inglese


sul blocco dei benefit
agli immigrati dellUe
Cameron sbandiera il successo nel negoziato con lUnione
Ma sono pochissimi e danno molto pi di quanto ricevono
CATERINA SOFFICI

C
LANNUNCIO Lemiliano se la vedr con il lombardo Regina

Confindustria: parte la sfida al dopo Squinzi


Vacchi si candida (spinto da Montezemolo)
UNA CANDIDATURA stata gi
formalizzata ieri, quella di Alberto
Vacchi, e unaltra lo sar a breve, quella di
Aurelio Regina, leader di Assolombarda.
Entra nel vivo, con i primi passi ufficiali, la
corsa alla presidenza di Confindustria. Il
presidente di Unindustria Bologna conferma una candidatura gi annunciata, in
maniera irrituale stando al nuovo Statuto,
prima ancora che fossero indicati i tre
saggi chiamati a gestire la procedura che
porter allindicazione dei candidati. La
candidatura di Regina data per scontata

e sar formalizzata a breve. Resta lattesa


per la decisione del presidente di Federmeccanica Fabio Storchi, sollecitato dalla
sua base. Dovrebbe candidarsi anche il
presidente di Unindustria Brescia Marco
Bonometti. Per le piccole e medie imprese
potrebbe scendere in campo lex numero
uno Vincenzo Boccia ma non esclusa anche la candidatura dellattuale presidente
Alberto Baban. Vacchi guida la Ima di Ozzano dellEmilia (un miliardo di ricavi nel
2015). Dietro la sua candidatura ci sarebbe Luca Cordero di Montezemolo.

osa succeder al mezzo milione di immigrati italiani a Londra


se il governo inglese
ottiene da Bruxelles di cambiare le regole del welfare?
Poco o niente. Perch pochi sono gli italiani che vengono a Londra in cerca di un
sussidio e non di un lavoro. Le
ultime cifre infatti disegnano
una realt diversa da quella
che il premier inglese David
Cameron andato a sbandierare a Bruxelles e grazie alle
quali ha ottenuto il diritto di
dichiarare lemergenza e
congelare cos i benefit ai migranti per almeno quattro anni. Quanti stranieri vivono
grazie ai sussidi? Non esistono dati divisi per cittadinanza, ma ci si pu basare sugli unici disponibili, quelli relativi
ai benefitper i disoccupati forniti dal Department for Work
and Pension di sua Maest. E
da questi si capisce che nonostante le campagne anti migranti e i titoli di giornale, la
realt ben diversa.
TANTO per cominciare, il nu-

mero degli immigrati disoccupati provenienti dallUe che


hanno accesso ai cosiddetti
benefit sono addirittura diminuiti: nel 2014 erano 132 mila,

investitori finanziari (esteri) che verrebbero attratti proprio dalla dimensione e dal prezzo
degli aggregati?
QUESTO MODO di proce-

Preoccupato
Alessandro
Azzi, presidente di Federcasse, associazione delle Banche di credito
cooperativo
Ansa

concepita tende a costruire un mercato oligopolistico: si parte dallassunto che le quote sarebbero troppo
piccole per essere cedute direttamente, mentre la piattaforma unica
le renderebbe appetibili per gli investitori esteri, creando cos un
prezzo di mercato. Quale chiarezza
ci sar, nel processo di formazione
del portafoglio di Npl, quando risulta ancora oscura leffettiva platea di

Londra

dere impedisce la tracciabilit dei fattori decisionali che hanno determinato le spos izio ne
creditizia verso i singoli
debitori: si introduce un
soggetto esterno e dalle
dinamiche di negoziazione sono totalmente esclusi i soci della Bcc. Le Banche di
Credito Cooperativo possono compiere tutte le operazioni e i servizi
bancari e finanziari consentiti, ma
non possono mai compiere operazioni contrarie allo scopo statutario:
che non vi sia efficienza in questa
modalit di cessione provato dalla
richiesta che gli operatori finanziari
coinvolti rivolgono al governo per
lemissione di successivi decreti at-

I numeri

4,78

milioni, gli
inglesi
disoccupati
che nel 2015
hanno avuto
benefit
(sussidi
o alloggi
popolari)

371

mila,
i percettori
stranieri. Solo
114 mila
dellUe, il
resto viene da
Asia e Medio
Oriente

+64%
Il saldo tra
quanto dato e
quanto
ricevuto dai
migranti Ue
nel 2015

tuativi, che mirino a velocizzare i


tempi di recupero dei crediti, sbilanciandosi verso le esigenze di rendimento degli investitori finanziari.
Velocizzare i processi giudiziari
volti al recupero del credito per
pompare il prezzo degli Npl appare
una regalia ai detentori dei titoli di
credito non controbilanciata da
unattenzione che mitighi il costo
sociale di una giustizia lenta.
Inoltre, prima della cessione in
blocco degli Npl sono state fatte delle attivit di rinegoziazione dirette
coi debitori? Sono state effettuate
valutazioni sulle conseguenze sociali di una massiccia attivit di pignoramenti da parte dei nuovi acquirenti? Questa riforma delle Bcc
esemplifica in maniera chiara, proprio per lincompatibilit statutaria,
lapproccio generale che il governo e
la Vigilanza bancaria stanno adottando per cercare una soluzione al
problema delle sofferenze.
*analisti finanziari

RIPRODUZIONE RISERVATA

Dietro gli spot Il premier David Cameron in Parlamento LaPresse

Solo 114 mila nel 2015


Sono i disoccupati
europei a Londra:
il saldo dei contributi
positivo per 15 miliardi
mentre nel 2015 sono stati 114
mila (appena il 2,5%). vero
che dal 2008 sono pi che raddoppiati, ma il numero in assoluto una percentuale irrisoria rispetto al totale. Se in
tutto, infatti, i disoccupati che
hanno accesso a varie forme di
assistenza (non detto che siano solo sussidi di disoccupazione, possono essere anche
ragazze madri alloggiate in una casa popolare) sono 5 milioni e 129 mila, di questi la
maggioranza sono inglesi (4
milioni e 758 mila). Dei rimanenti 371 mila, i due terzi provengono da paesi extraeuropei: 257 mila, pi del doppio rispetto ai cittadini dellUnione.
Questi dati vengono forniti in
maniera aggregata e quindi sono di difficile interpretazione
(lunica cosa chiara che i Paesi della vecchia Europa a 15
chiedono meno benefit dei
nuovi arrivati, in particolare
Bulgaria e Romania), invece
curioso che laccesso al welfare dei cittadini europei cosiddetti in-work, cio non disoccupati, non venga diffuso.
Perch? Secondo alcuni
perch sarebbero, anche in
questo caso, una assoluta minoranza. Si parla addirittura di
uno striminzito 3%.
Allora perch tanto rumore
sui benefit per i migranti?
Limpressione che Cameron
usi largomento per calmare
gli euroscettici (sia dentro il
suo partito, che alla sua destra,

cio nellUkip di Nigel Farage), in vista del referendum di


giugno sulluscita della Gran
Bretagna dallUe .
E visto che in questo caso gli
immigrati siamo noi, interessante notare che i migranti
portano molti pi soldi in Gran
Bretagna rispetto a quelli che
costano in welfare. Un rapporto del Centro di Ricerca e Analisi delle Migrazioni di Ucl
dimostra che, tra il 2001 e il
2011, gli immigrati provenienti dalla Ue hanno pagato in tasse di pi di quanto abbiano assorbito in termini di benefici
sociali, alleggerendo il carico
fiscale dei lavoratori britannici e contribuendo al finanziamento dei servizi pubblici. In
particolare: i cittadini degli originari 15 Stati membri Ue avevano versato tasse per il 64%
in pi rispetto ai benefici ottenuti, per un contributo netto
positivo di 15 miliardi di sterline; mentre quelli provenienti dai 10 Paesi entrati nel 2004
avevano versato tasse per il
12% in pi, per un contributo
netto di 5 miliardi di sterline.
IL VERO scopo degli euroscet-

tici quello di poter chiudere


le frontiere, impedire la libera
circolazione delle persone
nellarea europea e mettere
delle quote per poter decidere
chi far entrare e chi no. Ma
questo lo potrebbero ottenere
solo votando per uscire dallUnione Europea. Cosa che Cameron, in fondo, non vuole,
perch nessuno sa cosa succederebbe, sia per la Gran Bretagna che per lEuropa.
Sbandierare lo spauracchio
dei benefit potrebbe servire,
nelle intenzioni del governo,
almeno come deterrente, spaventando migliaia di persone.
RIPRODUZIONE RISERVATA

10

P G

| IL FATTO QUOTIDIANO | Gioved 4 Febbraio 2016

iazza rande

Donne e cultura olistica


Lequilibrio fra corpo e mente
Sono rimasta male per larticolo
nel quale Massimo Fini affronta
con superficialit e banalit il tema
della cultura olistica (che riduce a
subcultura newage), dimostrando
totale ignoranza in materia.
Un giornalista prima di analizzare
un fenomeno deve conoscerlo, non
pu permettersi di essere ignorante (in senso etimologico).
Mescolare Osho e lesoterismo dei
tarocchi con layurveda, il buddismo di Daishonin con quello del
Dalai Lama, dimenticarsi di intellettuali come Deepak Chopra o Laszlo o Jung nelle loro ricerche di
comparazione fra cultura indovedica e fisica quantica, la dimostrazione plateale di una totale ignoranza sullargomento.
Fini si comporta come un marziano arrivato sulla terra che vuole
spiegarsi cos il cinema e mette
sullo stesso piano Vanzina, i video
pornocasalinghi, i filmini fatti con
il telefonino da un bambino, con i
film di fellini, Kubrick, Visconti e
Woody Allen: tutto audiovisivo,
tutto cinema, ma ci sono le opportune differenze.
Lidea poi che le donne siano maggiormente attratte da questo tipo di
cultura perch deluse dal m aschio mi sembra piuttosto bizzarra. Io avevo 20 anni quando ho iniziato a fare yoga e non potevo
certo essere delusa dalluniverso
maschile per ovvi motivi anagrafici.
Dice il giusto quando invece afferma che questo tipo di cultura si afferma in risposta al vuoto di valori
della societ consumistica e alla
crisi delle religioni tradizionali, dice il giusto quando afferma che anche certo fanatismo Isis nasce dalla
medesima radice.
Dopo pi di 20 anni di pratica e studio di yoga, mi ritengo ancora allasilo del mio percorso spirituale ma
posso affermare con certezza che
le donne sono molto pi interessate alla cultura olistica (che ha indubbie radici in quella orientale)
perch si basa sullidea di un equilibrio dialettico fra corpo e mente,
razionale e irrazionale, emisfero
destro e sinistro, microcosmo e
macrocosmo, scienza e arte, progresso tecnologico e spiritualuit,
mentre la cultura tradizionale (positivista) occidentale una cultura
maschilista apollinea che scinde
schizofrenicamente corpo e mente, sentimento e ragione, femminile e maschile.
Evidentemente Fini appartiene psicologicamente a questultimo tipo di cultura. Mi aspetto dal diret-

A DOMANDA RISPONDO

Inviate le vostre lettere (massimo 1.200 caratteri) a: il Fatto Quotidiano


00193 Roma, via Valadier n 42 - lettere@ilfattoquotidiano.it

che sul tuo giornale) per l'inversione di scaletta, che nulla ha tolto al
magnifico programma di Riccardo:
il problema non era il sesso, bens la
tematica delicatissima adolescenti
e suicidi, ma capisco che faccia meno ridere e che quindi tu labbia rimosso.

FURIO COLOMBO

Tirare dentro Dio, la formula


di chi sta fuori dalla storia

CARO FURIO COLOMBO, ancora sul Family Day. A parte la trovata, tipica del fascismo primitivo, di portare in
piazza le famiglie con dodici figli, come se fosse una virt
pi grande di quella di una madre che provvede al suo
bambino, mentre lavora, da sola, c qualcosa di non
chiaro in questa strana manifestazione che nega diritti
riconosciuti nel mondo civile. Tra i fiordi e i dirupi delle
tante richieste non negoziabili, che cosa volevano davvero tanti vescovi e un pattuglione non grandissimo di
veri e finti credenti? Sar meglio non dimenticare che il
Papa ha taciuto.
ENZO

LA MANIFESTAZIONE DI PIAZZA continua in Senato,

con le stesse contraddizioni e gli stessi punti oscuri. Il pi


grande dei punti oscuri la differenza fra limpeto e le
dimensioni della battaglia e la piccola parte di cittadini
italiani che sarebbero coinvolti nelle novit della legge
Cirinn. Un altro punto oscuro se quella gente era la
Chiesa, tutta la Chiesa, o solo un frammento conservatore di destra, in rappresentanza politica e non religiosa. Un terzo punto oscuro che cosa avesse veramente in
mente la guida astuta e gelida di vescovi politici come
Ruini e come Bagnasco. Io credo che abbiano deliberatamente buttato in pasto a chi cascato nel gioco (compresi i media) la storia degli uteri in affitto, sia per tenere
occupata la fantasia, sia per introdurre il tema sociale
della povert sfruttata dai ricchi. Nel loro racconto non
pu esistere alcun gesto di donazione e solidariet per
chi non potrebbe avere figli altrimenti (un numero non
irrilevante di famiglie uomo-donna, come sanno i medici) e si parla sempre e soltanto di ricchi predatori di

tore del Fatto che scelga persone


con adeguate competenze per affrontare tematiche specifiche.
SIMONA MORGANTINI

Mi sono limitato a riferire della mia esperienza personale, ovviamente circoscritta, in cui ho visto molte donne, e anche, ma in misura minore, uomini, assumere pratiche, filosofie, religioni orientali
in modo molto banale.
Non era mia intenzione entrare nelle infinite e sottili distinzioni del pensiero orientale, sia perch, come dimostra anche la sua lettera, ci vorrebbero volumi e
non il breve spazio di un articolo, sia, e
soprattutto, perch gli obiettivi del mio
pezzo erano altri che lei sembra condividere.
Se la prossima volta evita gli insulti le
sar grato. Mi sembra un tantino presuntuoso che lei voglia dare lezioni di
giornalismo a un professionista con quarant'anni di esperienza e un Premio
Montanelli alla carriera alle spalle oltre
che al direttore di questo giornale.

ANDREA VIANELLO, DIRETTORE DI RAITRE

figli, che strappano il bambino dallutero delle mamme


povere e lo donano a ricchi omosessuali. Sanno anche
loro, e forse persino Alfano, che non vero, ma occorre
che non si veda il vero scopo di tutta limbarazzante
messinscena che (come ci fa capire il Papa) ha pochissimo a che fare con la religione. Occorre impedire ladozione del figlio biologico di uno dei componenti della
nuova famiglia, da parte dellaltro o altra componente,
come se fosse in s un oltraggio non accettabile alla morale, cristiana e comune. La controprova che impedire
luso della parola matrimonio un semplice gesto di disprezzo per poter dire adesso e sempre: inutile fingere,
voi siete fuori, siete altro, non pretendete la normalit.
Ma lopposizione accanita alladozione (decisione arbitraria, priva di fondamento, crudele e ovviamente
contro gli interessi del bambino) trasforma il disprezzo
non detto in un ostacolo giuridico insormontabile, in una proibizione-punizione permanente. un espediente
privo di motivazioni, che ha il solo scopo di marchiare a
fuoco la pretesa estraneit di questa famiglia dalla comunit di tutte le altre famiglie. Insomma, la legge Cirinn, pur con i suoi punti deboli e le sue cautele, va al
Senato pulita e integra. Ora vedremo chi e come tenter
di deformarla o di renderla irriconoscibile. Ruini, Bagnasco, Alfano e Giovanardi non rinunciano facilmente
a ci che essi considerano un potere assoluto. Come nella
Sharia, sapendo di essere fuori dalla logica e fuori dalla
storia, cercano di metterci dentro Dio.
Furio Colombo - il Fatto Quotidiano
00193 Roma, via Valadier n 42
lettere@ilfattoquotidiano.it

Che la pratica yoga, intrapresa a soli


vent'anni, le abbia dato un po alla testa?
MASSIMO FINI
DIRITTO DI REPLICA

Caro Direttore,
la tua ricostruzione che mi vedrebbe in balbettante presa di distanza
dalla frase di Massimo Giannini
che ha suscitato il putiferio di turno falsa, inventata e peraltro poco
credibile.
Naturalmente non ho mai detto n
avrei potuto dire che la frase incriminata fosse sfuggita al mio controllo perch non in scaletta: tu che
frequenti spesso la tv dovresti sapere bene che le scalette dei programmi di informazione in diretta
indicano ospiti, tempi previsti, servizi, ma non certo i virgolettati dei
conduttori, che da noi parlano a
braccio e senza gobbo e che comunque non passano certo al vaglio della mia censura.
Peraltro non ho mai ravveduto in

questo caso motivi di dover giustificare alcunch, convinto da subito


che, come ha spiegato proprio
Giannini ieri sera in diretta, fosse
stata una metafora, forse equivocabile, ma detta in assoluta buona fede e senza intenti sgradevoli di nessun tipo e che alcune reazioni siano
state del tutto fuori luogo. Stupisce
che un collega come te, molto attento a dati e documentazioni, usi
come fonte nell'occasione Dagospia, che aveva scritto pochi giorni
fa questa gigantesca castroneria
chiss da chi suggerita e che non ho
smentito solo perch davvero ridicola. Non mi aspettavo certo che ci
credesse e addirittura la riportasse
come notizia il direttore del Fatto
Quotidiano.
Sulla ricostruzione del caso di
Presa diretta di domenica scorsa
ti trovo invece informatissimo sui
passaggi aziendali e altrettanto disinformato sul vero motivo che ho
espresso gi pubblicamente (an-

Caro Vianello, se Dagospia o qualunque


altra testata mi attribuisse una frase cos
grave, censoria e vigliacca come quella
su Massimo Giannini, e se io non l'avessi
mai pronunciata, io invierei un'immediata smentita per evitare che qualcuno
pensi che sia autentica. Ma soprattutto,
a prescindere da Dagospia, se un giornalista della testata che dirigo venisse aggredito dalla maggioranza governativa e
dai suoi house organ fino alla richiesta di
licenziamento, com' avvenuto con
Giannini, io non lo lascerei solo a difendersi, quasi si trattasse di una sua faccenda personale: direi ai censori tutto
quello che si meritano a nome della testata che dirigo.
Purtroppo, sul caso Giannini, l'unica frase che ti stata attribuita era quella presa di distanze, tanto pi credibile in
quanto accompagnata dal tuo silenzio.
Ora scopro che non l'hai pronunciata, e
me ne rallegro: ma se tu avessi difeso
pubblicamente e tempestivamente
Giannini, nessuno l'avrebbe presa sul serio. Quanto al caso Iacona, il Fatto ha registrato la tua diciamo cos spiegazione sullo slittamento notturno del reportage sull'educazione sessuale degli adolescenti. Ma ha anche ricostruito come la vera pietra dello scandalo - nell'affannata catena di Sant'Antonio di dirigenti Rai allarmati e scandalizzati - non
fosse tanto l'accenno ai suicidi, quanto
piuttosto il sesso.
In ogni caso, suicidi o sesso, resta incomprensibile (a me, a Iacona e, immagino,
al pubblico di Rai3) il motivo che ti ha
spinto a rinviare un programma che definisci magnifico a dopo le 22.30,
quando la platea dei telespettatori scende, anche se magari lo share sale perch
intanto finita la partita di calcio. Ci
detto, ti rinnovo la pi sentita solidariet
per il terrore visibile a occhio nudo in
entrambe le vicende in cui il cosiddetto
servizio pubblico ti costringe a lavorare.
(M.TRAV.)
I NOSTRI ERRORI

Giovanni Pitruzzella la tt ua le
presidente dellAutorit Antitrust
e non lex come erroneamente riferito nellarticolo a mia firma pubblicato ieri a pagina 19 dal titolo La
dea di Mirello il Rosso e la maledizione di Enna.
Mi scuso con l'interessato e con i
lettori
A. CAP.

PROGRAMMITV
10:00 Storie Vere
11:10 A conti fatti - La parola
a voi
12:00 La prova del cuoco
13:30 Tg1
14:05 La vita in diretta
15:00 Torto o ragione?
Il verdetto finale
18:45 L'Eredit
20:00 Tg1
20:30 Affari tuoi
21:20 Don Matteo 10 - 5 pt
23:36 Tg1 60 Secondi
23:40 Porta a Porta
01:15 Tg1 NOTTE
01:50 Sottovoce
02:20 Diario Civile con Franco
Roberti Rapido 904.
Una strage al buio
03:20 TELEFILM La casa
del guardaboschi
04:15 DA DA DA

11:00
13:00
14:00
16:15
17:00
18:00
18:20
18:50
20:30
21:00
21:10
21:15
23:50
00:05
01:00
02:25
04:25
05:15

I Fatti Vostri
Tg2 GIORNO
Detto Fatto
TELEFILM Cold Case
Fuori dalle regole
Tg Sport
Tg2
TELEFILM N.C.I.S.
TG2 20.30
Zio Gianni
LOL ;-)
Virus - Il contagio
delle idee
Tg2
Obiettivo Pianeta
- La Gerusalemme vissuta
da Ges
TELEFILM Criminal Minds
FILM Il pasto nudo
Videocomic Passerella
di comici in tv
Detto Fatto

11:00
12:00
12:45
13:10
14:20
15:10
16:10
16:40
19:00
20:00
20:15
20:35
21:05
23:15
00:00
01:15
01:44

Elisir
Tg3
Pane quotidiano
Il tempo e la Storia
- Grecia 1967-1974 la
dittatura dei colonnelli
Tg3
TELEFILM La casa nella
prateria
Aspettando Geo
Geo
Tg3
Blob
Sconosciuti La nostra
personale ricerca
della felicit
Un posto al sole
Storie maledette
Gazebo
Tg3 Linea notte
Tablet PitTECO
FILM Le quattro stagioni

09:10
09:40
10:45
11:30
12:00
13:00
14:00
15:30
16:35
16:50
18:55
19:30
20:30
21:15
23:45

Bandolera V - Prima Tv
Carabinieri 5
Ricette all'italiana
Tg4
Detective in Corsia
La Signora in Giallo
Lo Sportello di Forum
Hamburg Distretto 21
Ieri e Oggi in Tv
Scosse Mortali
Tg4
Tempesta d'amore 9
Dalla Vostra Parte
Ferite Mortali
I Bellissimi di R4 Il nemico alle porte
02:10 Tg4 Night News
02:32 Media Shopping
02:49 Ternosecco

07:59
08:45
11:00
13:00
13:41
14:10
14:45
16:10
17:10
18:45
20:00
20:40
21:10
23:31
01:30
02:01
02:15
04:30
05:00

Tg5
Mattino Cinque
Forum
Tg5
Beautiful
Una Vita II - Prima Tv
Uomini e Donne
Il Segreto XIV
- Prima Tv
Pomeriggio Cinque
Caduta Libera
Tg5
Striscia La Notizia
Il Segreto XIV
- Prima Tv
FILM Revolutionary
Road
Tg5
Striscia La Notizia
Uomini e Donne
Tg5 Notte
Media Shopping

08:25
10:25
12:25
13:05
13:45
14:35
15:00
15:35
16:00
16:55
17:45
18:10
18:30
19:25
21:10
23:30
01:31
03:02
03:17

Una Mamma Per Amica


Everwood II
Studio Aperto
Sport Mediaset
I Simpson
Futurama
Big Bang Theory
2 Broke Girls
E Alla Fine Arriva Mamma!
La Vita Secondo Jim
Mike & Molly
Camera Caf
Studio Aperto
C.s.i. - Scena del crimine
FILM LIncredibile Hulk
FILM Wolfman
La Fattoria Maledetta
Studio Aperto
- La Giornata
Premium Sport News

06:25
06:30
07:30
07:55
09:45
11:00
13:30
14:00
14:20
16:30
18:20
20:00
20:35
21:10
00:00
00:10
00:45
02:45
04:00

Oroscopo
Omnibus News
Tg La7
Omnibus La7 (live)
Coffee Break (live)
L'aria che tira (live)
Tg La7
Tg La7 Cronache
Tagad
Il commissario Cordier
L'ispettore Barnaby
Tg La7
Otto e mezzo
Piazzapulita (live)
Tg La7
Otto e mezzo
Tagad
Coffee Break
L'aria che tira

18:45
21:00
21:10
22:50
00:45
02:40

Colpa delle stelle


Sky Cine News
Annie Parker
Allacciate le cinture
Taken 3
I delitti del Barlume 3 Speciale
03:00 World Trade Center
05:10 The water diviner

16:00
17:40
18:10
19:10
20:10
23:10
00:10
01:00
02:00

Franklin and Bash


Breaking in
Romanzo criminale
Spartacus
I Soprano
Romanzo criminale
Shannara
Il Trono di Spade 1
Spartacus

PIAZZA GRANDE

Gioved 4 Febbraio 2016 | IL FATTO QUOTIDIANO |

GIUSTAMENTE

I FIGLI E LA FELICIT
NON SONO UN DIRITTO

ono favorevole alla stepchild adoption, non alla


adozione tout court da
parte delle coppie omosessuali. Perch si tratta
di due situazioni diverse. Nella
prima esistono gi un genitore naturale e un figlio naturale ed
quindi ragionevole che anche laltro esponente della coppia omosessuale assuma i diritti e i doveri
del genitore. Nella seconda la
coppia non ha figli e il solo modo
per procurarsene uno ladozione (a meno che non si tratti di lesbiche, una delle quali ricorra alla
fecondazione eterologa, cio
allinseminazione artificiale da
parte di un terzo soggetto, maschio, ipotesi che per espressamente esclusa dalla legge Cirinn
in questi giorni in discussione).
PREMESSO che ognuno di noi li-

bero di agire la propria sessualit


come vuole, con partner di altro
genere, dello stesso genere, con
transgender, con travesta, perch si tratta
di libere scelte fra individui adulti, nel caso di
coppie omosessuali
entrano in gioco i diritti di un terzo, il bambino adottando. Il quale
ha diritto, non per legge divina come afferma papa Bergoglio, ma
per legge di natura, antropologica, ad avere,
almeno sulla linea di
partenza, un padre e una madre.
So benissimo che in
una coppia omosessuale uno dei due assume la figura paterna e
laltro quella materna

aro Pier Luigi Bersani, si ricorda


quando era segretario del Pd? Con i modi sanguigni dellassessore Palmiro Cangini di Zelig quello di Con questo cosa
voglio dire? Non lo so. Per cho
ragione e i fatti mi cosano
non le mandava certo a dire.
Togliere lart. 18? Roba da
matti, Non ha nulla a che fare
con i problemi del mercato del
la vor o, Mai trovato un imprenditore fermo per lart. 18.
Abolire lImu? Il demagogo
Berlusconi ci spieghi dove
prende i soldi e non racconti favole. Monte dei Paschi di Siena? Non ci faranno passare per
gli amiconi delle banche,
Non siamo mica mammolette, Li sbraniamo. Conflitto
dinteressi? Primo atto al governo.
Si ricorda quando era segretario del Pd?
POI ARRIVATO Renzi. E lei ha

digerito il Jobs Act con la tutela


mancante dellart. 18, labolizione della tassa sulla prima casa, le
parentele con Banca Etruria, il
conflitto dinteressi del ministro Boschi. Guai a passare per
amiconi di Mps, ma se c di
mezzo il babbo basta un buffetto: No a sfiducia e dimissioni,
ma sia pi umile. Gi, con migliaia di risparmiatori sul lastrico, il problema il tono.

MASSIMO FINI

(pistilloecorollanel gergo degli omosessuali maschi) ma un padre e una madre non figurativi,
bens in carne e ossa, sono unaltra
cosa. E il matrimonio viene inibito
agli omosessuali proprio perch
se lo si dovesse istituire ne avrebbe tutte le automatiche conse-

guenze, compresa la possibilit di


adottare dei figli.
La stessa adozione, etero od omo, un istituto assai ambiguo.
Perch parte dal presupposto che
avere figli sia un diritto. Sono i diritti impossibili portati alla luce
il caso di dirlo dallIlluminismo. Come il diritto alla felicit o alla salute.
Nessuno, fossa nche Domineiddio, pu
garantirli. Esiste in rari momenti della vita
di un uomo, un rapido
lampo, un attimo fuggente e sempre rimpianto, che chiamiamo felicit, non un suo
diritto. Esiste la salute,
quando c, non un suo
diritto. Se una coppia,
etero od omo, non pu
avere figli qualche ragione ci sar. La Natura difficilmente sbaglia (e tanti aborti naturali rispondono a
questa legge, senza ri-

CARO BERSANI,
ORA ANCHE LEI
RENZIANO?
LUISELLA COSTAMAGNA

bile Verdini, che deve stare


fuori dal giardino di casa nostra. Certo ha una concezione
piuttosto lasca dellinaccettabile
Mentre lei accetta e spera,
Renzi incassa, e nel giardino del
Pd e della maggioranza i semi ALAti hanno gi attecchito, non
resta che aspettare i frutti. Peraltro, perch
DOUBLE FACE
prendersela tanConflitto dinteressi, Senato to con Verdini?
Perch sotto
dei nominati, scandalo
processo (uno
per corruMps... Ricorda le sue parole dei)
zione nello scandalo P3, insieme
da segretario Pd? Perch
a q u e l p e r s oadesso digerisce tutto?
naggio terrific a n te ( p a ro l e
del suo fedele
Poi ha ingoiato linaccetta- Gotor) di Flavio Carboni? Ma se
bile Senato di nominati (eh, il pap della Boschi a incontrama al referendum vedremo, ci re il terrificante Carboni, revuole il listino), lItalicum (eh, sta una persona perbene, giuma va cambiato), fino al ro- sto? E anche lei due anni fa non
spo pi indigesto: linaccetta- fece il patto con Berlusconi per

11

Il filosofo Ocone,
le argomentazioni
sono un optional

correre, come facevano gli Spartani, alla Rupe Tarpea).


Inoltre ladozione, in cui spesso
la coppia vive il figlio come status
sy mbol , come possesso, uno
strumento dei ricchi sterili per
strappare i figli alle famiglie povere soprattutto del Terzo mondo.
Recentemente il governo del
Congo ha dovuto porre uno stop a
questi ambigui benefattori che gli
stavano portando via, a suon di
dollari, i suoi bambini.
Per finire sono assolutamente
contrario a equiparare i diritti e i
doveri delle coppie di fatto eterosessuali a quelli del matrimonio.
Innanzitutto, anche se in margine, dico che molto difficile definire una coppia di fatto. necessaria la convivenza? Ma io posso vivere a Milano e lei a Firenze,
non conviviamo fisicamente ma
sostanzialmente e sentimentalmente possiamo essere una coppia di fatto. O dovr essere il Tribunale a stabilire quante volte al
mese ci vediamo, a Milano o a Firenze o in qualche citt intermedia come Modena (Ci incontreremo a Modena recitava una
canzone di molti anni fa)?
SONO STATO almeno due volte

nella mia vita una coppia di fatto.


Se non ci siamo sposati proprio
perch volevamo rimanere liberi,
senza i vincoli del matrimonio. Se
invece due eterosessuali vogliono
avere tutti i diritti e i doveri del
matrimonio, cosa impossibile per
le coppie omosessuali, in Italia
hanno a disposizione un istituto
previsto dal Codice civile che si
chiama, appunto, matrimonio. E
quindi si sposino e la finiscano di
rompere i coglioni.
RIPRODUZIONE RISERVATA

congelare il Porcellum, proprio


con Verdini, come ha detto il
costituente verdiniano DAnna senza essere smentito? Mica
sar solo geloso perch adesso
Denis fa amico Renzi, no?
Caro Bersani, si ricorda quando era segretario del Pd? Gli elettori s. Potrei chiudere (nel
suo stile) con una delle tante metafore che lei oggi fa venire in
mente: il pastorello di Esopo che
a forza di gridare per scherzo
Al lupo al lupo non viene pi
creduto da nessuno (e il lupo si
mangia il gregge), can che abbaia non morde, lasino di Buridano che non sapendo quale
cumulo di fieno scegliere muore
di fame, o linvito non troppo
metaforico, sempre di canginiana memoria a mostrare Fatti,
non pugnette
SAR PI elegante e forse dura, non me ne voglia e le citer
T.S. Eliot: Siamo gli uomini
vuoti/ Siamo gli uomini impagliati/ Che appoggiano lun laltro/ La testa piena di paglia. Ahim! (). Forza paralizzata, gesto
privo di moto/ () Fra lidea/ E
la realt/ Fra il gesto/ E latto/
Cade lOmbra/ () questo il
modo in cui il mondo finisce/
Non gi con uno schianto ma
con un lamento.
E se pure il Pd finisse cos: non
gi con uno schianto, ma con il
suo lamento?
Un cordiale saluto.

BRUNO TINTI

uffington Post, 2 febbraio. Corrado


Ocone (si definisce filosofo liberale), comunica ai suoi lettori di non
indignarsi troppo per leditoriale di Marco
Travaglio Elogio delle Manette su il
Fatto Quotidiano dello stesso
giorno. Che il nostro Direttore abbia fatto proseliti
non pu che far piacere.
Che ci avvenga a seguito
di un percorso argomentativo privo di senso lascia
perplessi.
La premessa di Ocone tipica di un falso sillogismo: Le idee giustizialiste non hanno pi la forza di un tempo, sono state spuntate dai troppi casi di
abuso che se ne fatto. Segue lelenco, il
lettore si aspetterebbe. Ma no, naturalmente, la dimostrazione dellassunto affidata ad altra indimostrata asserzione:
Gli operatori di giustizia hanno spesso dimostrato di agire per ideologia interessati a fare politica. Ah, ecco lelenco dei
processi ideologici e politici. Ma no, naturalmente; qui la dimostrazione assente.
Semplice luogo comune.
Proseguendo, Ocone incappa in errori
pi gravi: grave infatti per un filosofo
adattare i fatti alle opinioni (le sue) nel tentativo di renderle plausibili. Ci significa
non solo mentire, ma evidenziarne linfondatezza. Travaglio si sbaglia afferma il
nostro quando dice che abbiamo svuotato la legislazione penale e carceraria per
evitare che i potenti andassero in carcere.
La verit secondo lui che non certo
per colpa degli odiati corrotti se noi non
abbiamo leggi adeguate per fare stare in
carcere i delinquenti. Poich tendo a escludere che Ocone ignori lesistenza del
reato di falso in bilancio riscritto prima da
Berlusconi e poi da Renzi in modo da renderlo un reato impossibile da commettere;
e delle norme in materia di prescrizione
riscritte da Berlusconi e tuttora vigenti,
funzionali ad assicurare limpunit ai reati
tipici degli odiati corrotti; e della legislazione penale-tributaria costruita appositamente per garantire che nessun evasore fiscale vada in prigione; ecco, debbo
concludere che egli mente quando afferma che linadeguatezza della legislazione
penale non da ascrivere allinteresse degli odiati corrotti.
PRIMA DI CONCLUDERE, Ocone ricasca nel

vizietto di affermare cose non vere e comunque di non dare la dimostrazione di ci


che afferma. Secondo lui le carceri sono piene di innocenti. Ma, anche qui, lelenco delle povere vittime non c. Un caso flagrante
di ipse dixit che, per un filosofo, dovrebbe
essere il male assoluto, lerrore da evitare
sopra ogni altro.
Lultima parte dellarticolo di difficile
comprensione: pare che Ocone attribuisca
ai giudici la volont di non perseguire coloro che ideologicamente si giudica svantaggiati. Insomma una giustizia di classe: i
magistrati perseguirebbero accanitamente
i potenti e si disinteresserebbero della microcriminalit; la nostra giustizia debole
con i deboli e forte con i forti. Anche qui, il
nostro non sa o mente. La microcriminalit
impunita per via delle leggi svuotacarceri
emanate dal Renzi&C. che hanno scelto di
risolvere il problema della insufficienza dei
posti-prigione con lespediente di impedire
larresto e la pena detentiva per i comuni
reati da strada, in particolare lo spaccio di
droga. I magistrati non perseguono i deboliperch la legge glielo vieta, non perch
si rifiutano di farlo per ragioni ideologiche.
In verit non possono nemmeno perseguire i forti, sempre per via di leggi fatte apposta per impedirglielo, proprio come scrive Travaglio. Ma questo a Ocone non interessa. Da giurista a filosofo, consiglio a Ocone la lettura delle opere di Rudolf von
Jhering, celebre giurista tedesco: scoprir
che non tutto quello che viene pensato merita di essere detto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

12 ESTERI

| IL FATTO QUOTIDIANO | Gioved 4 Febbraio 2016

SIRIA GINEVRA, SOSPESI NEGOZIATI DI PACE


Battuta darresto per i negoziati sulla Siria a Ginevra.
L'inviato dellOnu, Staffan de Mistura, ha annunciato una sospensione fino al 25 febbraio dichiarando:
Non un fallimento. Ma il dialogo appare difficile.
Sul terreno le truppe governative con lappoggio dei
bombardamenti russi avanzano sia contro i ribelli
anti-regime, che sui miliziani dellIsis. Tre operatori
umanitari sono rimasti uccisi ad Aleppo. Ansa

LIBIA I CAPI DELLISIS SONO A SIRTE


LIsis rafforza la sua presenza in Libia. Lavvertimento arriva dallintelligence di Misurata, secondo cui
diversi comandanti di alto livello dello Stato Islamico hanno abbandonato lIraq e la Siria per sfuggire
ai raid aerei, trovando un rifugio sicuro nella zona
di Sirte. La crisi libica allarma sempre di pi gli Usa,
tanto che la Casa Bianca annuncia unazione unilaterale per proteggere il popolo americano. Credit

La Ue cancella il Dieselgate
si potr inquinare di pi
Voto a favore dellinnalzamento del 110 per cento dei limiti sulle polveri sottili
ti. Lintesa ratificata ieri dallEuroparlamento
prevede in sostanza un compromesso: nessun
i tratta di una decisione assurda. Invece cambiamento fino al settembre 2017, quando le
di introdurre regole pi severe e restrit- auto diesel cominceranno a essere sottoposte ai
tive la maggioranza degli europarla- nuovi test sulle emissioni in condizioni di guida
mentari ha fatto il gioco dellindustria reale (real-word driving emission) e non in ladellautomobile. Gli ecologisti di Green Italia boratorio, ma in compenso i limiti per le sostanpuntano il dito sulla lobby dellauto per raccon- ze inquinanti vengono alzati per qualche anno
tare il voto con cui ieri il Parrispetto a quelli attuali (previlamento europeo ha sostansti dalla Direttiva 715, in vigore
zialmente dato il via libera Test fuorigioco
dal 2007). Per lossido di azoto
allaccordo di ottobre tra com- Trucco per annullare
(NOx), ad esempio, si passa damissione Ue e case produttrici
gli 80 mg/km di oggi a oltre il
per innalzare i limiti di emis- i controlli pi restrittivi
doppio (168mg/km) fino al disioni di ossido di azoto (Nox) sulle emissioni dei
cembre 2018 e poi a 120 mg/km
dal 2019 in avanti. Questo, di
per le auto diesel.
motori previsti dal 2017 fatto, significa cancellare le
UNA DECISIONE in controtennorme Euro 6 per i diesel adenza rispetto agli allarmi
dottate dalla stessa Ue.
sullinquinamento nelle citt e alle reazioni sdeIl voto di ieri, in realt, era il tentativo dellEugnate al cosiddetto Dieselgate, cio la scoperta roparlamento di porre il veto su questo accordo
che Volkswagen aveva installato sulle sue auto al ribasso voluto dalla commissione europea a
un software per truccare le emissioni inquinan- ottobre. La commissione Ambiente, per, che
GIOVANNA BORRELLI

proponeva di far rimanere in


vigore i parametri della Direttiva 715, non riuscita a trovare
la maggioranza in aula: forse
non un caso visto che lo stesso
presidente della commissione
ha votato contro (si tratta
dellitaliano Giovanni La Via,
Ncd). A guidare i favorevoli al Controlli a una Volkswagen in Gran Bretagna LaPresse
raddoppio delle emissioni
stato il Partito popolare europeo, mentre con- tempo, non avremmo avuto un quadro normatrari erano Verdi (ma anche il Movimento tivo di riferimento e da qui a un anno e mezzo
5Stelle) e Socialisti, che per hanno perso molti avremmo dovuto cominciare tutto daccapo,
voti per strada.
con unaltra proposta della commissione.
Legambiente invece, per bocca del suo diretALLA FINE IL VIA LIBERA alla proposta della tore generale Stefano Ciafani, la mette in un alcommissione passato per una manciata di voti: tro modo: Quello che avvenuto oggi a Bru6 per la precisione (323 a 317). I motivi che han- xelles assurdo e grave, una scelta che va deno giustificato la decisione sono di vario ordine: liberatamente contro lambiente e la salute dei
per Bruxelles, ad esempio, attualmente le auto cittadini ed solo a favore delle lobby automodiesel sforano i limiti per lossido di azoto del bilistiche. Un vero e proprio condono che pre400% se non di pi. Si giustifica La Via: Po- mia i furbi e non linnovazione e la qualit.
RIPRODUZIONE RISERVATA
nendo il veto avremmo solo perso un sacco di

ESTERI

Gioved 4 Febbraio 2016 | IL FATTO QUOTIDIANO |

ISRAELE ATTACCO PALESTINESE, 4 MORTI


Tre palestinesi aprono il fuoco nei pressi della Porta di Damasco, a Gerusalemme est, due poliziotte
israeliane restano colpite, una muore; i tre vengono uccisi nel conflitto a fuoco. Il bilancio dellennesimo attacco a Gerusalemme est di 4 morti; laggressione avvenuta con armi da taglio e da fuoco
contro le due poliziotte; un terzo militare rimasto
ferito. Hamas da Gaza ha lodato lattacco. Ansa

13

USA VIRUS ZIKA, 48 PERSONE INFETTATE


Aumenta la conta delle persone infette con il virus
Zika in Usa, con un solo caso noto sinora - in Texas
- di diffusione tramite contatti sessuali: lultimo
dato di 48 residenti nellUnione con i sintomi della malattia. Si ritiene che i contagi siano avvenuti
durante viaggi in Paesi a rischio, i casi sono sparsi in
12 Stati, con la maggior parte delle infezioni in Texas. Colpite anche 20 persone a Porto Rico. Reuters

Italiano scomparso al Cairo,


corpo trovato in un fosso
Dopo due settimane di ricerche, la Farnesina parla di tragico epilogo per Giulio Regeni
ENRICO FIERRO

a notizia arriva in tarda serata. Un corpo


stato ritrovato in un fosso di una zona periferica del Cairo. Forse si tratta di Giulio Regeni, il giovane ricercatore italiano scomparso
dal 25 gennaio. Farnesina e ministero dellInterno non danno certezze ufficiali sullidentit
del cadavere ritrovato e parlano di probabile
tragico epilogo della vicenda del nostro connazionale Regeni.
Ma a dare la certezza che si tratti proprio di
Giulio il fatto che i suoi genitori sono gi al
Cairo. Il governo italiano si legge in una nota
della Farnesina - ha richiesto alle autorit egiziane il massimo impegno per laccertamento della verit e dello svolgimento dei fatti, anche con lavvio immediato di una indagine
congiunta con la partecipazione di esperti i-

Homo
sovieticus
Deputato del
soviet , fondatore nel 90
di comunisti
per la democrazia LaPresse

Ricercatore Giulio Regeni, 28 anni LaPresse

Il culto dei simboli sovietici


nel regno del satrapo rosso

GIUSEPPE AGLIASTRO

taliani. Non c ancora una pista sulla morte contro il governo, il clima era teso e una giordel giovane ricercatore friulano, solo indiscre- nalista egiziana ha anche parlato del fermo di
zione. Una fonte della polizia egiziana parla di uno straniero in una zona periferica della caun tentativo di rapina finito
pitale. Una circostanza smenmale. Per il resto buio fitto.
tita da fonti italiane che hanno
Amr Assad, racconta lultimo Impegni disdetti
ricostruito il percorso del giovane ricercatore. Il 25 gencontatto avuto con il suo ami- Il ministro Guidi,
co Regeni il 25 gennaio.
naio, Regeni si trovava in una
in missione in Egitto,
localit distante una decina di
chilometri dal luogo del fermo
QUEL GIORNO uscito per il
si reca dalla famiglia
(non ancora del tutto accertacompleanno di un amico. Mi
to) del cittadino straniero.
ha inviato un sms per dirmelo. arrivata nella Capitale
Le autorit egiziane ieri seLho richiamato, ma il suo cellulare era spento. Il giorno dora erano riunite con la famiglia
po ho saputo che non mai arrivato a quellap- Regeni e lambasciatore al Cairo Maurizio
puntamento. Da quel momento il suo telefono Massari. Il ministro dello Sviluppo economico
non ha pi funzionato.
Guidi ha deciso di sospendere la visita in corso
Vicenda carica di misteri. Quel giorno al Cai- nella capitale egiziana e recarsi dalla famiglia.
ro cerano diverse manifestazioni di protesta
RIPRODUZIONE RISERVATA

Minsk

abbattimento della
statua di Feliks Dzerzhinskij che sorgeva davanti alla
Lubjanka fu uno degli eventi pi importanti del
crollo dellUrss. A Minsk
invece il fondatore
della Ceka ancora
l, onorato e riverito: un suo busto
domina un parchetto lungo e
stretto di fronte
alle colonne
della colossale
sede dei servizi
segreti, che qui
si chiamano
ancora Kgb.
Alla base della
statua, uno dei
pochissimi monumenti ancora in
piedi dedicati al sanguinario re del terrore, qualcuno ha acceso un cero e lasciato un
garofano.
Camminando per le
strade della capitale
bielorussa si ha limpressione che il tempo
si sia fermato agli anni
70 del secolo scorso:
dappertutto edifici
maestosi sormontati da
falce e martello. Costruzioni enormi e
grigie, per lo pi realizzate
dopo che la Seconda guerra
mondiale aveva ridotto in
macerie gran parte della citt.
Questi palazzi raggiungono
perfettamente il loro scopo:
far sentire minuscolo e impotente chi si ferma ad ammirarli. Ma il capitalismo ha fat-

Bielorussia Falce e martello, Kgb, casin e chiese: Lukashenko preserva


il potere dal passato al futuro giocando tutto sulla sua personalit

La scheda
ESTATE
DEL 94
La repubblica
sovietica
della
Bielorussia
(207 mila
km2 e meno
di 10 milioni
di abitanti)
dichiara
lindipendenza
dallUrss
n

PADREPADRONE
Alexandr
Lukashenko
(sposato, 4
figli) in
carica come
presidente
dal 20 luglio
del 1994.
Ha vinto
cinque
tornate
elettorali
con una
percentuale
sempre
attorno
all80% e una
politica filoCremlino
n

to breccia anche qui: non ci


sono solo i McDonalds ma
anche tantissimi casin. Uno
dei pi cari e lussuosi, il Royal,
si trova a 200 metri dal quartier generale del Kgb di viale
Indipendenza, cio nello
stesso edificio del prestigioso
Hotel Minsk. Ma altri, meno
costosi e a volte poco pi che
sale di slot machine, si incontrano spesso nei pressi degli
hotel, magari accompagnati
da locali per striptease dove le
ragazze sono disposte a offrire servizi extra. Introiti che
naturalmente non vengono
registrati in uneconomia in
cui gioca invece un ruolo di
primissimo piano il traffico
internazionale darmi, di cui
la Bielorussia uno dei principali esportatori mondiali.
A RICORDARCI che lepoca so-

vietica finita ci sono anche le


chiese pienissime di fedeli la
domenica: sia la cattolica
Chiesa Rossadi piazza Indipendenza (un bielorusso su 5
cattolico), sia la Cattedrale
dello Spirito Santo, di rito ortodosso, accanto alle cui torri
barocche nel 2003 stato ricostruito il bianco municipio.
Ci troviamo nella Citt Alta,
nella centralissima piazza Libert: una scelta di nome degna di Orwell.
L'immagine che Minsk offre di s quella di una Capitale pulitissima e ordinata. Ma
anche severa: una guardia carceraria ferma il cellulare che
sta guidando per rimprove-

Zerzhinskij La statua del fondatore della Ceka (poi Kgb) foto G. Agliastro

rarci perch stiamo attraversando non sulle strisce pedonali. Pi che di rispetto della
legge meglio parlare di timore della legge. A dettare le norme, scritte e non, ci pensa un
61enne al potere dal 1994: il
baffuto padre-padrone Aleksandr Lukashenko, il cui ritratto fa capolino nelle librerie
come nelle hall degli hotel accompagnato dal testo dell'inno nazionale e dallo stemma
della Repubblica bielorussa,
che con i suoi fasci di grano, la
stella rossa e il sole nascente
quasi identica all'emblema
della repubblica socialista
bielorussa: mancano solo falce e martello.
Certo che mi piace Lukashenko dice il tassista Nikolaj abbiamo da mangiare e
non ci sono guerre come in Ucraina, ci serve altro?. Pane e

lavoro sono garantiti come in


epoca sovietica, e ci assicura
consensi al dittatore che ama
farsi chiamare Batka, piccolo
padre (come gli zar russi, ndr),
e che punta a restare capo di
Stato a vita dopo che si aumentato i poteri e ha cancellato il limite di due mandati
presidenziali consecutivi.
A OTTOBRE ha stravinto le e-

lezioni per la 5a volta di seguito: con l'83,5% dei suffragi secondo i dati ufficiali. Ma l'Osce
ha bocciato il voto denunciando brogli e mancanza di trasparenza (oltre un terzo delle
preferenze era gi stato espresso prima del voto). Sono
un liberale e non ho alcuna
simpatia per Lukashenko
spiega Viktor, studente di Letteratura per sono convinto
che la maggior parte della po-

polazione voglia che resti presidente perch teme che senza di lui scoppi il caos come in
Ucraina. Certo, i risultati elettorali sono gonfiati, ma probabilmente il 55% degli elettori
vota davvero per lui. Lukashenko governa col pugno di
ferro, ha il pieno controllo delle tv e non esita a sbattere in
prigione gli oppositori. Le rare proteste della debole e
frammentata opposizione
vengono sistematicamente
represse con centinaia di arresti. La premio Nobel per la
Letteratura, Svetlana Alexievich, lo ha definito un homo sovieticus e soprattutto una persona indegna di fiducia. Lui
in tutta risposta ha accusato la
scrittrice di aver gettato una
secchiata di sporcizia sulla
patria.
Le regolari violazioni dei
diritti umani hanno fatto della
Bielorussia l'unico Stato europeo escluso dal Consiglio
dEuropa. Eppure le oculate
manovre tra lOccidente e lalleato Cremlino, con la liberazione ad agosto di 6 prigionieri politici e i negoziati di pace
sull'Ucraina a Minsk, hanno
recentemente allentato le tensioni tra Bielorussia Ue, che a
fine ottobre ha addirittura deciso di sospendere per 4 mesi
alcune delle sanzioni contro il
governo di Lukashenko.
In questa citt che pi volte
stata distrutta e ricostruita,
dove decine di migliaia di ebrei furono sterminati dai nazisti e che la capitale del paese pi gravemente colpito dal
disastro atomico di Chernobyl, la dittatura dolce del
Batka continua a coltivare il
mito dell'Unione sovietica occultando le atrocit commesse dal regime comunista. Non
lontano da qui, nella foresta di
Kurapaty, vennero trovati i
resti di migliaia di persone
sterminate negli anni 30 e 40,
vittime delle purghe staliniane. Ma questo in Bielorussia
un argomento tab.
RIPRODUZIONE RISERVATA

14 ESTERI

| IL FATTO QUOTIDIANO | Gioved 4 Febbraio 2016

TRIPOLI ESPULSI DEPUTATI PRO-ACCORDO


Il Congresso generale nazionale libico, il Parlamento di Tripoli, ha espulso alcuni deputati accusati di aver illegalmente preso parte al dialogo
con le forze libiche attraverso la mediazione Onu.
Tra gli 8 ci sarebbero il secondo vicepresidente, Saleh Makhzoum, che ha sottoscritto laccordo come
rappresentante dei parlamentari di Tripoli, che
prevede un governo unitario con Tobruk. LaPresse

GRECIA

COSIMO CARIDI

Atene

passato un anno dalla


prima vittoria elettorale di Alexis Tsipras, ma la Grecia
non sta meglio, anzi. Oggi
tutto il Paese si ferma per il
terzo sciopero generale in
meno di sei mesi. Ma se le prime due volte Syriza, il partito
di governo, vedeva la mobilitazione popolare come una
carta a sua favore nella dialettica con Bruxelles, ora
linsofferenza degli ellenici
rivolta verso il primo ministro. La disoccupazione al
25%, al 50 quella giovanile, il
sistema bancario ancora
bloccato, con un tetto dei
prelievi a 420 euro alla settimana, e diversi snodi autostradali sono sbarrati dai
trattori degli agricoltori.
Nei prossimi giorni, il calendario parlamentare ancora incerto, verr votata la

La riforma pi dura
Non si potr andare
in pensione senza
40 anni di contributi:
prima ne bastavano 15
riforma del sistema pensionistico, la pi dura delle condizioni imposte dai creditori
internazionali.
LEuropa chiede che questa ristrutturazione porti a una riduzione della spesa pubblica dell1% del Pil. Degli
undici milioni di greci solo
3,5 lavorano, mentre 1,25 sono disoccupati e 2,65 ricevono una pensione. Per invertire la rotta, secondo i calcoli
del ministro delle Finanze
Euclides Tsakalotos, non si
potr smettere di lavorare
senza aver pagato 40 anni di
contributi (nel pre-crisi bastavano 15 anni di versamenti) o prima di aver compiuto

USA TRUMP: ANNULLARE VITTORIA CRUZ


Donald Trump attacca Ted Cruz. Non ha vinto lIowa, lo ha rubato. Su Twitter, Trump sottolinea che
Cruz ha pubblicato un comunicato in cui annunciava che Ben Carson si stava ritirando dalla corsa, invitando gli elettori di Carson a votare per lui. Molte
persone hanno votato Cruz invece che Carson per
una frode di Cruz, sostiene Trump che rilancia: Il
risultato di Cruz sia annullato. Ansa

Tsipras, il sogno
finito: il nemico
della piazza ora lui
Terzo sciopero generale: disoccupazione al 25%, al 50
quella giovanile e i trattori sbarrano le autostrade
67 anni. Inoltre le pensioni
superiori a 750 euro subiranno un taglio del 15% e quelle
pi alte arriveranno a malapena a 2.304 euro. E il futuro
sar ancora pi nero, i nuovi
pensionati avranno un taglio
del 35% rispetto a chi riceve
gi un assegno.
I NEMICI sono sempre le po-

La gente
sempre pi
convinta
che luscita
dalleuro sia
lunica
possibilit
per salvare
quel poco
che possiede
GRIGORIS
KALOMOIRIS

litiche economiche europee,


non importa chi le esprime.
Grigoris Kalomoiris membro della segreteria nazionale di Adedy, il sindacato del
settore pubblico che occupa
500 mila persone. Il suo ufficio, finestre e persiane
chiuse, colmo di giornali,
fogli, calcoli, lettere e una sola parola per sintetizzarli:
Grexit. Non ne siamo pi
spaventati, anzi lunica soluzione. La gente sempre
pi convinta che lusc ita
dalleuro sia lunica possibilit per salvaguardare quello
che ancora ha, presto toccher anche allItalia.
Dal primo salvataggio, autunno 2009, si consolidata
ad Atene la sensazione di essere un esperimento della
politica europea. La ricetta
della Bce, pi austerit per
pi prestiti, non ha curato il
male e il debito pubblico continua a crescere. La rinegoziazione del debito era la
grande promessa di Tsipras,
impossibile da mantenere. Il
debito anche il punto che

pi espone lItalia. Certo la situazione del nostro paese


lontana da quella di Atene,
ma come spiegava il Financial Times domenica scorsa,
la mancanza di crescita
dellultimo decennio e un sistema bancario in profonda
crisi, mettono in dubbio la
permanenza dellItalia
nellEurozona. Per la Grecia

STATI UNITI

il colpo finale potrebbe essere la questione dei rifugiati.


Atene ha speso nellultimo
anno 350 milioni per far fronte alla crisi, ma non ha ancora
assolto nessuna delle richieste europee per rallentare il
flusso, oltre un milione di
persone nel 2015. Schengen
non lEurozona, ma limitare la libert di circolazione

Promesse
al vento
Il primo ministro Alexis
Tsipras: verso
di lui cresce
linsofferenza
degli ellenici
Ansa

il primo passo verso labbandono delleuro. I profughi


bloccati in Grecia potrebbero scegliere di entrare in Europa dallItalia, riaprendo
cos la rotta che attraversa
lAdriatico, e attivando per il
prossimo autunno quanto
avvenuto ora in Grecia.
@cosimocaridi

RIPRODUZIONE RISERVATA

La prima volta di un presidente americano

Obama va in moschea: I musulmani


non sono cittadini di serie B
ROBERTO ROTUNNO

er scrivere una nuova pagina di


storia, costretto a togliersi prima le scarpe. Questo prescrive la regola e Barack Obama vi si adegua
per poter entrare nella moschea di
Baltimora ed essere protagonista
della prima visita di un presidente
americano in un luogo di culto islamico. LIslamic society, nello Stato
del Maryland, uno dei maggiori
centri musulmani degli Stati Uniti.
Troppo spesso - afferma il presidente - tutti i musulmani vengono
colpevolizzati per gli atti violenti di
pochi. E questo inaccettabile.
Frasi che assumono un consistente
significato soprattutto nel pieno di
una campagna elettorale che ha visto anche Donald Trump proporre

Aperture Obama in moschea Ansa

il divieto dingresso negli Stati Uniti per le persone di religione islamica.


Il presidente racconta anche di
ricevere tante lettere di musulmani
americani che per si sentono cittadini di serie B. Noi siamo ununica famiglia americana - aggiunge

- e quando una singola parte della


nostra famiglia comincia a sentirsi
separata o presa di mira, questo
compromette lintero tessuto della
nostra nazione. una sfida ai nostri
valori, significa che abbiamo tanto
lavoro da fare.
Quindi lappello alla difesa di tutte le religioni, anche considerando
gli attacchi contro i cristiani in Medio Oriente e gli atti antisemiti che
stanno costringendo un numero
sempre crescente di ebrei ad abbandonare luoghi nei quali si sono
sempre sentiti al sicuro. Lattacco
a una fede - conclude - lattacco a
ogni fede, dobbiamo reagire ogni
volta che un politico cerca di sfruttare pregiudizi per colpire qualcuno sulla base della sua fede.
RIPRODUZIONE RISERVATA

CRONACA

Gioved 4 Febbraio 2016 | IL FATTO QUOTIDIANO |

Lo sberleffo

LISTAT DEI LEGGINGS


E DEI TATUAGGI
EMILIANO LIUZZI

FINALMENTE una rottamazione come si deve: dal paniere


dellIstat, l'indice che concorre a determinare linflazione, escono i wagon
lits, vagoni letto, per spiegarcela senza
francesismi dannata, mezzo che ormai stato
sostituito dallaccessibilit degli aerei, dalle tariffe low cost e dallalta velocit. Sono rimasti in
funzione qualche Intercity notte, soprattutto

sulla linea tra Milano e la Puglia, ma se


abbiamo capito la linea aziendale delle
Ferrovie dello Stato, ancora per poco anche quelli. Il numero comunque non pu
essere pi preso in considerazione.
A rappresentare le nuove abitudini di consumo
delle famiglie nel 2016 entrano invece il tatuaggio, le bevande vegetali, il pantalone corto da uomo, i leggings per bambine, la lampadina led, i

15

panni cattura-polvere, i servizi integrati tv, Internet e voce, gli alloggi universitari. Non sar una
svolta storica, ma almeno una svolta al passo
coi tempi e non solo annunciata.
Aspettiamo con ansia altri ingressi, magari i biglietti per i concerti di Adele e Justin Bieber e magari cancellare labbonamento al tram o al bus:
non perch la gente non lo prenda pi, anzi, che
non lo pagano.

Mille fedeli, 800 poliziotti:


Padre Pio come un sovrano
Grandi manovre: la salma da ieri a Roma, accolta come un capo
di Stato. Domani le reliquie saranno traslate in San Pietro
straordinarie: un pesante dispiegamento di
forze dellordine, no-fly zone a Foggia e a San
odici frati cappuccini accompagnano lin- Giovanni Rotondo, cittadina dalla quale la regresso della teca in vetro nella chiesa di liquia parte per raggiungere la Capitale, istiSan Lorenzo fuori le mura. Un migliaio di fe- tuzione di zone rosse, deviazioni del traffico,
deli ad attendere la salma per
chiusura di scuole. Partite iepoterla guardare. Qualcuno
ri, dureranno fino a gioved
solleva lo smartphone per fo- Massima sicurezza
prossimo, quando le spoglie
tografarla. A visitare Roma Per il viaggio delle
torneranno a casa, dopo un
sono le spoglie di San Pio, il
passaggio di tre giorni a Piefrate canonizzato nel 2002 da spoglie disposta
trelcina.
Papa Giovanni Paolo II, ma una no fly zone su San
laccoglienza - fanno notare
LA PRIMA TAPPA, dopo larriin molti - pi simile a quella Giovanni Rotondo
vo con unora e mezza di ritardo, alla chiesa di San Lorenche si riserva ai capi di stato.
Dopo lapertura dellotto
zo Fuori le Mura, accanto al
dicembre, il secondo momento ad alto livel- cimitero del Verano. Larrivo alle 15, atteso dai
lo di allarme del Giubileo della Misericordia, fedeli che per poter guardare la reliquia sono
levento voluto da Bergoglio e confermato no- costretti a superare i varchi prima e i metal denostante i timori di eventuali attacchi terro- tector dopo. Ottocento uomini delle forze
ristici. Le misure di sicurezza messe in campo dellordine impiegati, tra poliziotti, carabinieper larrivo del santo di Pietrelcina sono ri e finanzieri. Nella giornata di oggi, la scorta
ROBERTO ROTUNNO

ZERO CENSURE

MARCO MARZANO

unque ci siamo: come previsto, la salma di Padre Pio


verr per la prima
volta traslata da San Giovanni Rotondo a Roma.
questo uno degli eventi pi
importanti dellanno santo
voluto dal papa e intitolato
alla misericordia. Come interpretarlo? Come possibile che il papa rivoluzionario presunto tifoso
del lincontro felice tra la
Chiesa e la modernit descritto e idolatrato da tanti
commentatori abbia deciso
di incoraggiare una delle
forme pi tradizionali, retrive e decisamente macabre della religiosit popolare tradizionale?
COME POSSIBILE che colui

che, sempre secondo molti


ammiratori progressisti, avrebbe in animo di recuperare appieno lo spirito del
Concilio Vaticano II ponga
al centro dellAnno Santo un
uomo come Padre Pio che il
papa del Concilio, Giovanni
XXIII, guardava da lontano
con una diffidenza enorme.
Come infatti ampiamente
noto, in alcuni suoi foglietti
personali pubblicati dallo
storico Sergio Luzzato, papa Roncalli parlava del fenomeno Padre Pio come di
una dolorosa e vastissima
infatuazione religiosa, un
disastro di anime, diabolicamente preparato e rivelava

sar di nuovo al lavoro per garantire la sicurezza al primo


spostamento: da San Lorenzo
a San Salvatore in Lauro, dove
avranno luogo le cerimonie
religiose e la veglia di preghiera. Ancora non si conosce il
percorso che sar deciso solo
allultimo momento.
Allarrivo La salma di Padre Pio a San Lorenzo fuori le mura LaPresse
Venerd salir ancora il livello di attenzione perch la salma sar con- traverso i varchi e chiusura al traffico di via
dotta in processione fino al Vaticano, sul sa- della Conciliazione.
grato della basilica di San Pietro. Gli agenti imSecondo Angelino Alfano, tutte queste caupegnati diventeranno mille, le strade del tra- tele non sono eccessive: Siamo un Paese pergitto saranno transennate a partire dalle 13, di- manentemente sotto stress da molto tempo versi bus subiranno deviazioni o spostamento spiega il ministro dellInterno allAria che tira
del capolinea. Allinterno del colonnato, le - abbiamo terminato di ospitare lExpo e tutto
spoglie resteranno fino alla mattina dellun- andato bene. Abbiamo superato anche lotto
dici febbraio, ultimo giorno di permanenza a dicembre. Quel giorno lunico problema staRoma. Sabato anche prevista ludienza dei to un italiano che tentava di entrare a San Piegruppi di preghiera di Padre Pio con annesse tro con un coltello a serramanico.
RIPRODUZIONE RISERVATA
misure straordinarie di sicurezza: accesso at-

Antico e moderno Per Bergoglio il Cristianesimo deve far convivere sensibilit differenti

Una Chiesa per tutti


Il populismo buono
di papa Francesco
di pregare misericordiosamente per lanima del frate
che pur si deve salvare.
IL PUNTO che in tanti, trop-

Credenze
e religione
Il frate
cappuccino,
Francesco
Forgione nato
nel 1887
e morto
nel 1968

pi, quasi tutti tra i commentatori, tirano ogni giorno il


papa per la giacchetta, cercando di arruolarlo, di volta
in volta, tra le proprie schiere, di metterlo al servizio del
proprio progetto ecclesiale,
di sintonizzarlo con la propria spiritualit. Giudicando la situazione dallesterno, la verit a me sembra
unaltra: certo, questo pontefice, a differenza dei precedenti, desidera che la
Chiesa sia un luogo ospitale
per tutti, reazionari e progressisti. Francesco non si
farebbe mai sostenitore di iniziative di censura di questa o quella corrente ecclesiale. Insomma non pare
proprio disposto ad agire,
casomai nella direzione opposta, come Giovanni Paolo
con i teologi della liberazione, e cio a censurare o a
mettere al bando alcuno.
Per lui la Chiesa devessere
un luogo dove convivono le
differenze, dove albergano
diverse e talvolta anche opposte sensibilit. Nessuno

viene allontanato e tutti voler in alcun modo modivengono accolti. Come inse- ficare. Non ho purtroppo a
gna eloquentemente la me- disposizione dei dati affidatafora dellospedale da cam- bili sui pellegrini che si repo. Detto questo, la sua per- cano a San Giovanni Rotonsonalissima vido, ma credo
sione della
che si possa dire
Chiesa e del catche Padre Pio
tolicesimo va in
tutto fuorch un
una direzione La diffidenza
santo borgheche io penso si Giovanni XXIII
se. Sar certapossa definire
mente amato
populista. Il pa- definiva il frate
anche da molte
pa infatti cer- di Pietrelcina solo persone colte e
tamente, da un
appartenenti ai
lato, indignato una dolorosa
ceti agiati, ma il
per le spavento- infatuazione
santo di Pietrelse e crescenti
cina era un uodiseguaglianze religiosa
mo semplice,
economiche
privo di una culglobali, anche
tura raffinata,
se non predica certo linsur- impulsivo e sanguigno.
rezione rivoluzionaria, n ci
Insomma un uomo del
ha mai indicato come poter popolo. Che con molta parte
fuoriuscire concretamente del popolo del suo tempo
e praticamente dalla sogge- condivideva la fiducia irrazione verso il pensiero uni- zionale in quel mondo inco liberista.
cantato e ai confini della superstizione delle guarigioni
ALLA PREOCCUPAZIONE miracolose, delle converper le condizioni di vita dei sioni istantanee, delle stimpi poveri tra gli abitanti mate, del soprannaturale
della terra, il papa affianca che si fa visibile, degli angeli
una certa simpatia per i si- in lotta con i demoni, eccestemi di credenze pi popo- tera. Un universo simbolico
lari tra questi ceti. Credenze decisamente poco illuminiche il papa non fa mostra di sta, intriso di pensiero ma-

Tolleranza
Francesco
Bergoglio
Reuters

La scheda
gico ed eredit piuttosto viva di un mondo premoderno
che fatica ancora oggi a
scomparire. Un mondo, genericamente non proprio
simpatetico verso lindividualismo moderno e i diritti
delle coppie omosessuali,
che poi alimenta, e non poco, la partecipazione popolare ai Family Day e la resistenza culturale al cambiamento sociale e alla diffusione di una mentalit egualitaria.
A QUESTO PROPOSITO , pu

sicuramente darsi che il papa abbia, come molti sostengono, disapprovato i toni alti e lo stile radicalmente oppositivo del Family Day, ma
certamente non sembra
lontano e insensibile ai valori (una religiosit tradizionale basata essenzialmente sulla devozione e la
preghiera) che stanno tanto
a cuore a moltissimo dei
partecipanti a quellevento.
Tutti costoro da oggi avranno la possibilit, grazie a
Francesco, di ammirare le
spoglie di Padre Pio nella
Citt Santa del cattolicesimo mondiale.
RIPRODUZIONE RISERVATA

AMATO
DAI FEDELI
Ieri la reliquia
di Padre Pio
arrivata a San
Lorenzo in
Vereano
venerd sar
traslata in
San Pietro.
Padre Pio, al
secolo
Francesco
Forgione, era
nato a
Pietrelcina
nel 1887 in
una famiglia
di contadini.
Nel 2002 fu
provlamato
santo da Papa
Giovanni II

ODIATO
DAL CLERO
Lopera di
questo
energico frate
cappuccino
fu fortemente
avversata dal
tutte le
gerarchie
ecclesiastiche

16 ITALIA
TEST DI MEDICINA

| IL FATTO QUOTIDIANO | Gioved 4 Febbraio 2016

Dal Tar colpo mortale


al numero chiuso:
ammessi altri 9 mila

LA PROTESTA

RAFFAELE SIMONE*

e ne parla poco, ma in Italia


buona parte di quelli che
lavorano col cervello in
rivolta. I professori universitari stanno infatti boicottando una delle scadenze pi detestate della loro professione: il Vqr. Questa sigla indica una delle
tante invenzioni indisponenti
dellAnvur, lAgenzia di valutazione delluniversit e della ricerca, creata anni fa e cresciuta inarrestabilmente in prerogative, arroganza e costi. Su questo giornale ho dedicato diversi articoli alle
imprese di questa Agenzia, al censurabile modo con cui sceglie i
suoi componenti e agli spropositati compensi di cui godono. Ora il
focus sul Vqr.

COLPO AL NUMERO chiuso a Medicina. Ieri, il Tar del Lazio ha sciolto la riserva sui 9mila iscritti in sovra numero all'anno
accademico 2014/2015. In questo modo, ai
circa 10 mila ammessi attraverso il quizzone
ministeriale, se ne aggiungono altri 9mila che
hanno fatto ricorso, vincendolo. In tutto, 19 mila ammessi a Medicina contro i 10mila previsti
nei dal Miur. E il sistema del numero chiuso ri-

MATTEO RISPONDI

VIRGINIA DELLA SALA

commenti, le lettere e le proteste


sono tantissime. Ma chi racconta le storie di ingiustizia e sfruttamento negli atenei non sempre ha
voglia di metterci la faccia. Se
parlo male dei prof - spiega Francesco al Fatto - non avrei pi alcuna chancein nessun ateneo. C
la storia di Roberta: molisana, 30
anni, laureata con lode in Biologia
ha ottenuto un assegno di ricerca.
Intanto si sposata, dopo 13 anni di
fidanzamento: ha comprato casa e
sta pensando a un figlio. Due mesi
dopo, il professore le ha chiesto di
aiutarlo in laboratorio a Milano.
Solo per qualche mese - le ha detto - Il tempo di trovare un sostituto
e poi torni a fare ricerca in Molise.
Dopo due anni, ogni settimana fa la
spola tra Milano e il Molise. Mille
euro al mese coprono viaggi, affitto, ricerca, lavoro da assistente.

messo: dei 50 test ne mancava all'appello uno.


La commissione che si accorse del fatto denunci immediatamente la cosa. Ma il responsabile della manomissione non fu mai trovato.
Fu abbastanza facile, per gli avvocati specializzati nei ricorsi per l'eccesso a Medicina, trovare validi motivi per annullare le bocciature di
tantissimi ragazzi che non riuscirono a passare
la prova. Ieri la sentenza definitiva.

Cosa succede I fondi agli atenei saranno assegnati sui voti del Vqr
Ma tra criteri mediocri e stipendi decurtati in migliaia la boicottano

Dopo i tagli, le valutazioni folli


esplosa la rivolta dei docenti

Monta
il malumore
Sopra, Raffaele Simone, linguista italiano,
uno dei maggiori studiosi
europei in materia. A sinistra, ricercatori protestano
a Roma Ansa

SI TRATTA di una procedura con

cui lAnvur valuta ogni tre-quattro anni (siamo oggi alla seconda
edizione) la produzione scientifica dei ricercatori e attribuisce a
ciascuno un voto, che pesa in una
quantit di momenti delicati (per
esempio, quando presentano un
progetto di ricerca). I metodi della
valutazione sono stati sommersi
da critiche sprezzanti, e a ragione.
Per esempio, delle pubblicazioni
prodotte nei tre o quattro anni in
questione, se ne possono sottoporre a valutazione solo due! A dispetto di questa arbitraria restrizione, si tratta di esaminare ogni
volta centinaia di migliaia di prodotti della ricerca (dai libri agli
articoli ai brevetti). Ebbene, per
far fronte a questa inondazione si
dovuto ricorrere a una mobilitazione indiscriminata: ricercatori alle prime armi, stranieri che
arrancano con litaliano, notorie
mezze calzette, fannulloni conclamati, insomma chicchessia
stato chiamato a valutare i prodotti della ricerca. Frequente il
caso di talenti di rango internazio-

ceve un altro duro colpo. La notizia della sentenza stata data dall'Unione degli universitari che parla di vittoria storica. Quella del
2014 stata una delle selezioni per Medicina
pi discusse di sempre. La prova, tra le proteste
di genitori e studenti delle superiori, si svolse i
primi di aprile in piena attivit di preparazione
alla maturit. Il giorno della prova nazionale a
Bari un plico contenente i quiz venne mano-

nale sottoposti a valutazione (anonima) da parte di gente che potrebbe s e no fargli da usciere.
Tutte le proposte di riformare la
metodica sono state ignorate dalla
ministra, e pi ancora dallAnvur,
barricata da tempo in una specie
di fortino.
Ma, a parte lo scarso credito
della procedura, stavolta i professori hanno deciso di boicottare il
Vqr, cio di non compilare gli
strampalati moduli elettronici
che esso comporta lasciando a
mani vuote rettori, Anvur e ministero. Come mai questa protesta,
che tra laltro fa del tutto a meno
del supporto dei sindacati?

La storia comincia nel 2010,


quando Tremonti, col perfido intento di far pagare la crisi finanziaria dello Stato ai dipendenti
pubblici, inventa un decreto che
decurta del 10 per cento circa sia le
pensioni superiori a 1.400 euro sia
gli stipendi dei funzionari di un
certo livello. Scandaloso sin
dallorigine, il decreto stato rinnovato di anno in anno. Ma come
al solito c qualcuno pi uguale
degli altri. I magistrati (temutissima casta) e i militari, con opportune azioni di lobbying, hanno recuperato i loro stipendi per intero,
senza dover neanche troppo lottare. I pensionati si sono fatta dar

ragione lanno scorso dalla Corte gliati, e chi, con un


Costituzionale, anche se il maltol- sussulto dadaista,
to sta tornando nelle loro tasche ha selezionato non
solo a gocce. Rimangono solo, i migliori ma i pegsfortunatissimi, i professori uni- giori dei propri
versitari, che da sei anni subisco- prodotti. La rivolta
no la mortificante decurtazione, a pu avere risultati
cui si aggiunge anche la perdita importanti: le unidellanzianit corrispondente. versit che non preCome mai solo loro? Nella sfera sentano i dati Vqr possono essere
politica - si sa - esiste una certa o- penalizzate nella distribuzione
stilit verso gli universitari, che dei fondi, con un effetto a cascata
sinsinua perfino in quei professo- su dipartimenti, laboratori e cos
ri che diventano ministri o simili: via. Mentre i rettori sono furiosi,
una volta arrivati al cadreghino, la ministra soavemente tace (pur
godono a dar bacchettate alla ca- essendo professore anche lei) e il
tegoria da cui provengono. Inol- capo del governo forse neanche sa
tre, sebbene la corporazione uni- di che cosa si tratta. Nel frattemversitaria sia a ripo, per bocca di
dosso del potere
una dei suoi
hard, non ha cercomponenti,
to la stessa capalAnvur con la
sua usuale ingiucit di pressione
di cui godono i Dei lavori di 4 anni,
stificabile arrocomunica:
magistrati.
possiamo presentarne ganza
il boicottaggio
EBBENE, a questa solo due. Di noi, il 30%
non servir a
situazione luninulla perch
versit si ribella si astiene. Ma il Pd
punta a un oboicottando in che esaltava la ricerca
biettivo sghemmassa i moduli
bo (sic! ma perVqr. Gli aderenti non ha nulla da dire?
ch recuperare il
sono pi o meno
maltolto sarebbe
il 30 per cento del
sghembo?) e, se
totale. La manovra ha stimolato gli autori proprio non vogliono
lintelligenza collettiva: alcuni collaborare, le pubblicazioni da
(come linstancabile Carlo Ferra- sottoporre a vaglio saranno scelte
ro del Politecnico di Torino) han- dalle strutture. C dellincredino organizzato monumentali rac- bile, ma cos vanno le cose in Italia.
colte di firme, c chi non ha chie- Il Pd, erede di quello che una volta
sto lOrcid (una sorta di codice fi- era il partito del popolo della riscale del singolo ricercatore) in- cerca, non ha davvero niente da
ceppando vari meccanismi, chi ha dire?
cancellato i pdf dei propri lavori
*Ordinario di Linguistica generale,
per renderli introvabili a ispezioUniversit Roma Tre
ni esterne, chi ha caricato pdf sba RIPRODUZIONE RISERVATA

Le storie Dopo lappello di una ricercatrice al premier (che tace)

Dal Molise a Milano ogni settimana


per mille euro. Anni di sudore buttati
to in copertina il suo
nome prima del loro.
Finito il dottorato, le
hanno detto che per
lei non cerano fondi.
Anzi. Le hanno anche
chiesto di educare e
preparare i nuovi studenti per gli incarichi
LUISA S., invece, milanese, una dotto- Generazione precaria che le competevano.
Un altro paradosso randa in Archeologia. Vita in Ateneo Ansa
spiega - che i cantieri
Per tre anni ha fatto
ricerca e studiato un aspetto unico e le cooperative dove potrebbero
del comportamento domestico lavorare gli archeologi, non vedodegli antenati delluomo. Decine di no di buon occhio la formazione upubblicazioni, intervenuta in niversitaria. E se invece racconto
convegni internazionali e ha lotta- ai miei professori che lavoro in un
to con i professori che cercavano di cantiere per mantenermi, mi dicoprendersi il merito per le mie ri- no che sbaglio perch tolgo tempo
cerche, non lasciandole neanche alla tesi. A 32 anni, non pu per
la soddisfazione di vedere stampa- vivere di studio e della ricerca. Mi
Per il sostituto non ci
sono i soldi: Se lo avessi saputo, non mi
sarei sposata. Ho sacrificato cos tanto da
non avere alternative.

chiedono perch non lascio lItalia: beh, perch su quella terra, che
ho scavato e studiato per anni, c il
mio sudore. Non giusto.
Solo due, tra le tante storie arrivate dopo la pubblicazione sul
Fatto dellappello al premier Matteo Renzi (che non ha ancora risposto) di Gilda Policastro sulla
condizione dei ricercatori nelle universit italiane. Leggo questa
testimonianza - scrive Davide - e
mi sembra di vedere mia moglie:
laurea magistrale in biotecnologie
mediche, dottorato in microbiologia, studi e ricerche pubblicate su
riviste accreditate. Ora lavora coi
co.co.pro al Gemelli di Roma, 800
euro al mese, con la speranza che le
rinnovino il contratto ogni anno.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mandateci
le vostre
storie
IL FATTO
marted ha
pubblicato la
lettera a
Renzi di Gilda
Policastro
sulla
condizione
dei ricercatori
universitari in
Italia. Oggi vi
raccontiamo
la protesta
dei docenti
contro la
Valutazione
della qualit
della ricerca
Mandate le
vostre storie
allemail
lettere@ilfattoquotidiano.it.
n

Direttore responsabile Marco Travaglio


Direttore de ilfattoquotidiano.it Peter Gomez
Vicedirettori Ettore Boffano, Stefano Feltri
Caporedattore centrale Edoardo Novella
Vicecaporedattore vicario Eduardo Di Blasi
Art director Fabio Corsi
mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
Editoriale il Fatto S.p.A.
sede legale: 00193 Roma , Via Valadier n 42

Presidente: Antonio Padellaro


Amministratore delegato: Cinzia Monteverdi
Consiglio di Amministrazione:
Lucia Calvosa, Luca DAprile, Peter Gomez,
Layla Pavone, Marco Tar, Marco Travaglio
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n130;
Litosud, 20060 Milano, Pessano con Bornago, via Aldo Moro n 4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Societ Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5 n 35
Concessionaria per la pubblicit per lItalia e per lestero:
Publishare Italia S.r.l., 20124 Milano, Via Melchiorre Gioia n 45,
tel. +39 02 49528450-52, fax +39 02 49528478
mail: natalina.maffezzoni@publishare.it, sito: www.publishare.it
Distribuzione: m-dis Distribuzione Media S.p.A. - Via Cazzaniga, 19
20132 Milano - Tel. 02.25821 - Fax 02.25825306
Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
Chiusura in redazione: ore 22.00
Certificato ADS n 7877 del 09/02/2015
Iscr. al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 1859
COME ABBONARSI
possibile sottoscrivere labbonamento su:
https://shop.ilfattoquotidiano.it/abbonamenti/
Oppure rivolgendosi allufficio abbonati
tel. +39 0521 1687687, fax +39 06 92912167
o allindirizzo email: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it
Servizio clienti
assistenza@ilfattoquotidiano.it

SECONDO TEMPO

Gioved 4 Febbraio 2016 | IL FATTO QUOTIDIANO |

17

Cultura | Spettacoli | Societ | Sport

Secondo Tempo

Muti cade e si rompe lanca

Federer operato al menisco

DiCaprio non sar Putin

Il Maestro stato operato a Ravenna


per una piccola frattura che
si procurato in casa. Cancellati gli
impegni delle prossime due settimane

Lo svizzero si sottoposto a un
intervento al ginocchio per menisco
lesionato negli Australian Open
Salter i prossimi tornei di febbraio

Lattore non ha accettato


di interpretare il ruolo del
presidente russo. La notizia era
stata diffusa dalla tv russa Dozhd

ELISABETTA AMBROSI

Pillola

LADY
GAGA
AL SUPER
BOWL
Lady Gaga
canter linno
nazionale
Usa prima
del Super Bowl. Lultimo
atto del campionato di
football si
terr sabato
notte a Santa
Clara, in California, e vedr sfidarsi i
Denver Broncos e i Carolina Panthers
n

imenticate gli anatemi ecclesiastici sulla superbia, scordatevi gli strali freudiani sul
narcisismo patologico dellet adulta, accantonate il celebre saggio di Christopher Lasch, Let del narcisismo, una
visione cupa e disperata di una societ narcisa materialista e senza speranza. Secondo il professore di Psicologia
inglese Craig Malkin, che ha
raccolto le ultime ricerche
sul tema nel testo Rethinking
Narcisism. The bad and the
surprising good of feeling
special (trad. Che c di male
nel sentirsi speciali? Trasformare il narcisismo in un vantaggio per s e per gli altri,
Urra-Feltrinelli editore), il
narcisismo un bene vitale
per condurre una vita felice,
realizzata e produttiva. Sentirci speciali pu renderci a-

Trenta
domande
Craig Malkin,
psicologo,
scrittore, docente di Psicologia alla facolt di Medicina
di Harvard. A
lato, illustrazione di Marilena Nardi

manti e partner migliori, leader coraggiosi, esploratori


intrepidi. Pu renderci pi
creativi e addirittura pu aiutarci a vivere pi a lungo.

Il libro

NON SOLO. Le ricerche hanno

scoperto anche che se il narcisismo pu essere benefico il


suo contrario rischia di essere
maligno. Malkin lo definisce
ecoismo, dalla storia della
ninfa Eco: innamoratasi invano di Narciso ma incapace di
parlare, in conseguenza di
unantica maledizione, con
voce propria, si lascia morire
di fame e di sete e di lei resta
solo la sua voce.
Le persone ecoiste, che
non si sentono speciali, soffrono di depressione e di ansia. Sacrificano, per realismo, la loro felicit, vedono se
stesse, e i propri partner e il
mondo stesso in una luce offuscata. Troppo poco narci-

Che c
di male
a sentirsi
speciale?
l

Craig Malkin
Pagine: 266
Prezzo: 12,75
Editore: Urra
Feltrinelli

sismo, insomma, pu far male,


perch meno una persona si
sente speciale, tanto pi tende
ad annullarsi fino a sentirsi
priva di valore e impotente.
Per misurare il livello di
narcisismo Malkin e il suo
gruppo di ricerca hanno coniato una scala che va da zero
a dieci: vivere allo zero significa esistere in totale mancanza di stima di s, vivere allaltro estremo significa aver
soppresso ogni forma di umanit a causa dellossessione di
stare sotto i riflettori. Lintervallo benigno sta tra 4 e 6, e
viene definito come un narcisismo sano, dove lessere speciali solo divertente e non
patologico, una visita allo
stagno di Narciso, senza mai
tuffarsi per inseguire il proprio riflesso, lo definisce
Malkin.
Laltro strumento che lo psicologo inglese e i suoi colle-

NARCISISMO

Datevi oggi la vostra


modica quantit

Da zero a dieci Un saggio dello psicologo inglese


Malkin e un test per misurare il proprio livello di autostima:
se il risultato tra il 4 e il 6 potete essere fieri di voi stessi

ghi hanno messo a


punto il Narcissism Spectrum
S c a le (NSS), un
test composto da
trenta domande,
di cui dieci sono
relative alla tendenza al deficit da narcisismo, dieci al narcisismo sano, dieci al
narcisismo estremo
(o patologico).
AD ESEMPIO chi vi

scrive, che ha fatto il


test, ha scoperto di aver bisogno, secondo
lo psicologo inglese,
di una iniezione di
narcisismo in pi.
Niente deficit radicale di narcisismo,
vero (punteggio basso: il che significa che
non tende a soffrire di
bassa autostima, n a
sentirsi non degna e
meritevole, ma anche
pessimista, modesta,
ansiosa, depressa o emotivamente fragile),
niente narcisismo patologico
(punteggio basso: non ha dunque unautostima fluttuante,
non fa fatica a dare e ricevere
sostegno emotivo, non manipolativa n cerca costantemente approvazione, non si
vede migliore del partner,
non n bastian contrario, n
non cooperativa, n priva di emozioni, n ha conflitti significativi sul lavoro), ma poco
narcisismo sano (punteggio
basso: con conseguente tendenza troppo debole a essere
ottimista e allegra e possedere
unautostima elevata, cos come a provare un senso di finalit della vita e ad essere fiduciosa).
Malkin dunque non esclude che il narcisismo possa di-

ventare una
patologia, ma
solo quanto
estremo o
malsano,
qualit
n o n s e mpre facile da
identificare.
Il narcisismo
patologico infatti affligge sia i
narcisisti r umorosi, vanagloriosi, autoincensati che sbucano dallo schermo della tv o attraversano i social
media, sia i narcisisti sottili, di profilo pi basso e meno
riconoscibili, perch
pi introversi, ma segnati dalla rabbia
per il rifiuto del
mondo a riconoscere i loro doni speciali. Cos come i narcisisti altruisti,
concentrati soprattutto a
farsi notare per le loro opere
benevole. In ogni caso, la possibilit di guarire il narcisista
che dorme nel vostro letto
(oppure un amico o un familiare), facendolo passare da
un narcisismo patologico a uno temperato esiste, come
molte delle ricerche citate da
Malkin dimostrano. Come?
Incoraggiando i narcisisti a
sentirsi pi premurosi e compassionevoli, aiutandoli a
condividere i vostri sentimenti di fragilit. Una spinta
gentile, la chiama Malkin,
verso il narcisismo sano, dove passione e compassione si
fondono, offrendo una vita
davvero esaltante, un posto
splendido in cui dimorare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

18 SECONDO TEMPO

| IL FATTO QUOTIDIANO | Gioved 4 Febbraio 2016

Cinema
IL FILM
DA VEDERE

Lultima prova del regista Chandor: un uomo a capo di unazienda


di combustibili deve fare i conti con intimidazioni, furti e giustizia distorta

Capitalismo, violenza, corruzione


Ieri, oggi, New York 81

I
Box Office

1Labbiamo
fatta
grossa

3.340.972
euro
tot id in 4 gg

2
Revenant
1.925.137
euro
tot
11.029.046
euro in 3 sett

3
Point

break

1.386.349
euro
tot 1.540.644
euro in 5 gg

4
Joy

1.078.029
euro
tot id in 4 gg

critici americani ci sono andati a nozze. E si son messi a


saltellare compiaciuti
su llalbero genealogico:
Sidney Lumet, in particolare Il principe della citt realizzato nel 1981, e venendo ai
nostri giorni James Gray, altro cantore a tinte bigie di
New York City. Per il protagonista, quellOscar Isaac
che gi ci folgor in A proposito di Davis dei fratelli
Coen, hanno addirittura
scomodato Al Pacino, nello
specifico il Michael Corleone del Padrino. Troppa grazia? No. A Most Violent Year,
che arriva in sala con la piccola e benemerita Movies
Inspired del torinese Stefano Jacono, merita tutti gli elogi e i paralleli illustri del
caso: per quel che fa, e soprattutto per quel che non
fa.
DA NOI TRADOTTO in 1981:

Indagine a New York, il titolo


originale fa riferimento
allanno statisticamente pi
violento nella storia della
Grande Mela, ma questa denominazione dorigine controllata parte per il mondo
tutto: nella cornice di un
thriller raffreddato e infreddolito, il film unoperetta
morale geometrica e raziocinante, qualcosa che sfiora
il grottesco giudiziario di
Drrenmatt e rispolvera la
sofferenza del giusto di
Giobbe.
Cera da aspettarselo, per
chi conosce il regista, il
42enne di Morristown, New

famiglia di uninfr azio ne


notturna, Abel non smobilita. Persino quando la legge
a tagliargli la strada: un assistente procuratore fighetto e ambizioso (David Oyelowo) indaga per evasione fiscale.
Che fare? Cedere, prendendo la scorciatoia segreOGGI LA DIRIGE, e ne proget- tamente spianata dalla mota lespansione su larga sca- glie, o tirare dritto? La ricola: alluopo, ha versato lac- struzione commovente:
conto per rilevare un terre- dalla fotografia trattenuta e
no a Lower Manhattan, con fumosa dellastro nascente
dei serbatoi di carburante Bradford Young alle scenoessenziali per primeggiare grafie di John Goldmsith
sui concorrenti,
(Non un paese
per vecchi) e i couna serie di astumi di Kaisa
ziende a conduW al ic k a- Ma izione familiare
mone, collaboin odore di altre Dattualit
ratrice abituale
Famiglie. Abel Leffetto verit
di Bennett Milha gli attributi,
ler, leffetto vema non esibi- tale da farci
rit tale da
zionista: predi- chiedere se sia
chiederci se sia
lige il dialogo alstato girato nel
le maniere forti, stato girato nel
2014 o nel 1981.
lassertivit alla 2014 o davvero
spacconeria.
E non amor
Eppure, non negli Ottanta
di vintage, ma
disposto a indieappunto di veritreggiare di un
t: Chandor afmillimetro, nemmeno quan- fonda la camera nel capitado dei delinquenti non me- lismo, e si chiede senza inglio identificati iniziano ad fingimenti e cincischiamenassalire la flotta dei suoi au- ti se sia compatibile con la ditisti, rubando il carburante rittura morale. E non finisce
per rivenderlo sul mercato qui: come la mettiamo con la
nero: Abel rassicura i dipen- corruzione, che tutto pu e
denti, ma intima loro di non tutto fotte? Un buon sinoniricorrere alle armi da fuoco, mo di corruzione, anche nelnonostante il diverso avviso la New York dei primi anni
dei sindacalisti, i Team- 80, politica: vi ricorda
sters.
qualcosa? Non perdetelo, A
Il secondo fronte gli si a- Most Violent Year un
pre in casa, una lussuosa villa gioiello.
@fpontiggia1
nel sobborgo residenziale di
Westchester: vittima con la
RIPRODUZIONE RISERVATA

questo ennesimo Abel(e) seguiamo tre giorni, cruciali,


nel senso di Via Crucis: ispano-americano, s fatto da
solo, lavorando in una piccola azienda di combustibile
acquistata dal padre, gangster, della moglie Anna
(Jessica Chastain).

FEDERICO PONTIGGIA

Jersey, Jeffrey C. Chandor:


aveva esordito nel 2011 con il
Kammerspiel finanziario
Margin Call, sulla crisi economica globale del 2007,
raddoppiando due anni pi
tardi con All Is Lost, ovvero il
vecchio (Robert Redford) e
il mare.
In entrambi riluceva il talento dietro la macchina da
presa, e si distingueva un valore umanista: fossero Redford in balia delloceano o gli
squali e squaletti di Wall
Street, Chandor insinuava

tra i fotogrammi un dilemma


morale, una scelta esistenziale, un individualismo
kierkegaardiano. LAb e l
Morales di Isaac un uomo
di questa schiatta: vuole rimanere retto, senza ricorrere a mezzucci e violenza,
mentre il mondo gli crolla
addosso.
CHANDOR avvia in medias
res, non sappiamo da dove
venga Abel, ma quel nome
garanzia di sciagura: l fuori
c Caino, forse pi duno. Di

A most
violent year
Il titolo originale del film
di Chandor

NELLESALE Grazie al laboratorio di restauro della Cineteca di Bologna, tornano due capolavori del gotico tedesco

Tra Nosferatu e il dottor Caligari:


leccellenza dellimmagine ritrovata
Nosferatu
Regia: Friedrich Wilhelm Murnau
Attori principali: Max Schreck, Gustav Botz
Durata: 70 min.
,,,,,

NON PRENDETE impegni, in arrivo una doppietta espressionista da leccarsi gli occhi: l8
febbraio approda in sala Nosferatu, il capolavoro
di Murnau del 1922; una settimana dopo, il 15
febbraio, il testimone passa a Il gabinetto del dottor Caligari, diretto da Robert Wiene nel 1920.
Due campioni del gotico tedesco, entrambi distribuiti dalla Cineteca di Bologna, che nellambito del progetto Il Cinema Ritrovato. Al cinema continua a servirci sul grande schermo i mu-

st-see della settima arte: ovviamente, restaurati,


al laboratorio Limmagine ritrovata, uneccellenza italiana. Nosferatu con la sagoma adunca e
spettrale di Max Schreck entrato di diritto
nellimmaginario di paura collettivo, fissando
le coordinate del genere, facendo da illustre ascendente a una pletora di vampire film, dal Dracula di Bram Stoker diretto da Francis Ford Coppola al superbo The Addiction di Abel Ferrara. Il
restauro, che assembla pi copie, lo riporta
allantico splendore in b/n: se Twilight non ha definitivamente ucciso il vampiro che in voi, non
perdetelo.
FED. PONT.

Remember
Regia: Atom Egoyan
Attori principali: Christopher Plummer,
Martin Landau
Durata: 95 min.
,,,,,

Spettrale Unimmagine di Nosferatu

NON SI uccidono cos anche i grandi registi. Almeno, quelli che grandi una volta lo erano: larmeno canadese Atom Egoyan sempre tormentato dalle sue ossessioni (il destino individuale

dire che lultimo film con i sopravvissuti di Auschwitz, ma che film ? Fastidioso.
FED. PONT.

Seconda primavera
Regia: Francesco Calogero
Attori principali: Claudio Botosso, Desire
Noferini
Durata: 108 min.
,,,,,

La memoria Christopher Plummer


e Martin Landau in Remember

nella tragedia collettiva), ma ormai incapace di


esprimerle cinematograficamente. Non fa eccezione Remember, salvabile unicamente per lintuizione del soggetto: demenza senile o colpevole amnesia, come e perch abbiamo dimenticato
la Shoah? Non a caso, la Giornata dedicata della Memoria. Ma questo film non lo ricorderemo:
derivativo assai da This Must Be the Place a Memento triangola alla cieca tra thriller, senescenza e Olocausto, con qualche furbata incongrua e
gratuita. L85enne, straordinario Christopher
Plummer, nei panni del 90enne Zev Guttman,
fugge dallospizio per vendicarsi del nazista,
Martin Landau alias Max Zucker, che gli stermin la famiglia, eppure, i colpi pi duri non sono di
scena, ma di credibilit. Ha buon gioco Egoyan a

NELLA Messina contemporanea un architetto di


mezz'et si trova al centro di una mutazione amorosa di un amico che lascia la moglie per una
giovane di origine tunisina. La donna rimane incinta, e la nuova coppia decide di accettare lofferta dellarchitetto che mette loro a disposizione una villa fuori citt dove possono vivere e crescere la bimba senza spese. Passa il tempo, cadenzato dallincedere delle stagioni cos come
nuovi o rinnovati sentimenti
fanno capolino nel cuore dei
protagonisti. Cultura e sensibilit profonde non bastano a fare del buon cinema.
Seconda primavera, mel
dei nostri tempi, si nutre
delle migliori intenzioni da
ogni punto di vista, ma purtroppo queste non sembrano giungere mai allarmoni- Il mel Seconda
co traguardo di forma e con- primavera

SECONDO TEMPO

Gioved 4 Febbraio 2016 | IL FATTO QUOTIDIANO |

19

Teatro
PROVE DATTRICE Unanziana e una quarantenne solo in apparenza frivole e bigotte. Sotto
lincubo del futuro delluna e lo spettro del passato dellaltra c unumanit profonda e inaspettata

N
Ricarica

CLOWN
FESTIVAL
Con il Carnevale torna il
Milano Clown Festival,
dall11 al 13
febbraio:
ospiti di questa XI edizione, intitolata
La Vita
Meravigliosa, oltre 70
artisti di
strada
n

FRANCESE
ALLA
PROVA
Gioved 11, a
Bologna, debutta Prova, scritta e
diretta da Pascal Rambert,
e con Anna
Della Rosa,
Laura Marinoni, Luca
Lazzareschi
e Giovanni
Franzoni
n

Linterpretazione di Paiato magistrale: ci volevano


gran talento e autoironia per
imbruttirsi, invecchiarsi e inacidirsi al punto di diventare cattiva e poter cos campare fino a 100 anni. Brava
pure Scommegna, il cui ruolo, senza dubbio pi difficile e
sciagurato, fatica a strappare
sorrisi e compassione.

CAMILLA TAGLIABUE

el Paese dellUomo qualunque, stufo di tutti, e il cui solo desiderio che nessuno gli
rompa le scatole, arrivano
finalmente due Donne qualunque: non tanto per amor
di quote rosa, quanto per
brillante intuizione teatrale.
Di un catalano, si capisce: tale Josep Maria Benet i Jornet, barcellonese, classe
1940, tra i massimi drammaturghi spagnoli, ma in Italia
ancora poco conosciuto.
Lha sdoganato qualche
mese fa Veronica Cruciani,
allestendo un suo testo del
2011, Due donne che ballano,e
scegliendo come protagoniste le blasonate Maria Paiato
e Arianna Scommegna. Per
loccasione Cue Press ha
pubblicato il libretto (traduzione di Pino Tierno;
pagg. 50, 9,99 e ), mentre lo
spettacolo, prodotto dal Carcano di Milano, sar in tourne fino a fine febbraio: attualmente a Roma, allIndia, fino a domenica; poi sar
al Nuovo di Napoli dal 10 al 14
e replicher nel Sud Italia fino al 26.
NON HANNO nome le due si-

gnore del titolo: sono davvero due donne qualsiasi, banalotte e modeste. La pi anziana, interpretata da Paiato, ha
un principio di Alzheimer ed
appassionata di giornalini, ovvero fumetti (entrambe passioni, nel senso che le
patisce, condivise con lautore): acida e dispotica e vive
da sola in un appartamento
fatiscente e umido; perci la
figlia le impone una badante,
alias Scommegna. Questultima altrettanto biliosa e rude: ha una quarantina danni,
una laurea in lettere e un impiego part-time in una scuola
elementare, che la costringe
a fare un secondo lavoro come domestica.
Le due inizialmente si detestano, come un Hamm e un

GIUSTAMENTE dimessi sono

Il talento delle donne,


essere speciali
pur sembrando banali
Clov con la gonna ma senza
filosofia: parlano di uomini,
di medicine, di malattie; litigano sulle pulizie, sui soldi,
sui regali. La vecchia vuole
regalare alla giovane un viaggio a Venezia; la giovane dona invece alla vecchia lultimo numero dei giornalini
che le manca per ultimare la
collezione. Fin qui, sembrano le baruffe casalinghe di
due donne in menopausa o
mestruate, a seconda del

punto di vista. La commedia,


per, scolora pian piano nella
tragedia, quando inizia ad affiorare il passato della ragazza e, contemporaneamente,
si appalesa il futuro dellanziana: la prima ha dietro di s
il disgraziato lutto di un figlio, la seconda ha davanti a
s lumiliante ricovero in ospizio. Cos, anzich continuare a battibeccare e a ballare da sole, le due si coalizzano, fino a diventare quasi

Adesso
a Roma
Maria
Paiato
e Arianna
Scommegna, Donne che
ballano

amiche; a quel punto, per,


ci sar solo un ballo buono
per raddrizzare i loro storti
destini: una danza di morte.
Lo scontro tra queste due
donne avviene nel tentativo
reciproco di conoscersi,
spiega la regista nelle note.
Alle attrici, nella recitazione, sono state richieste una
verit e una compostezza che
conferiranno a questa piccola storia quotidiana la forza di
un classico.

i costumi e le scene di Barbara Bessi, mentre alle luci di


Gianni Staropoli tocca dare
qualche tocco di colore alla
storia, al grigiore quotidiano
di esistenze umili e ripetitive.
Far teatro con le sfumature di
grigio, siano pure cinquanta,
sempre difficile (forse anche per questo, talvolta, i
cambi luci cozzano con luso
degli spazi, confondendoli),
eppure lo spettacolo sensibile e poetico, sempre teso sul
delicato filo della tragicommedia e con un finale cos potente e spiazzante che si ride
e si piange insieme, emozione rara di questi tempi bianchi-o-neri, giusti-o-sbagliati. Perci, viva il grigio! Il
grigio ci circonda e noi lo ig n o r i am o , scrisse Derek
Jarman, quasi cieco, in Chroma. Le strade sulle quali
viaggiamo sono nastri grigi
che sezionano campi di colore.
Il grigio, come la banalit
del male, ci circonda: non
necessario andare fino a Norimberga, essere inviati a Gerusalemme per il processo
Eichmann o trovarsi, come
Edipo, nel crocicchio sbagliato con luomo sbagliato al
momento sbagliato. Il grigio,
o la banalit del male, si incontra pure sotto casa, nellospizio del quartiere, o sul pianerottolo, nellappartamento spoglio della vicina anziana, oppure dentro la propria
casa, la casa delle madri e delle nonne che nessuno va pi a
trovare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

CIAKSIGIRA Mastandrea sta invece ultimando le riprese di una storia damore in un penitenziario
tenuto. Se Fassbinder e Rohmer stanno inequivocabilmente nel sentimento artistico del regista, ci non basta alla costituzione di unopera
che li evochi intrinsecamente. La carenza del
film purtroppo colpisce narrazione, drammaturgia e impianto complessivo, con attori che non
sembrano sempre a proprio agio.
ANNA MARIA PASETTI

Il viaggio di Norm
Regia: Trevor Wall
Animazione
Durata: 86 min.
,,,,,
ESSERE lerede al trono del Polo Nord comporta
non poche responsabilit. Lo viene improvvisamente a scoprire lorso Norm, che non sa cacciare ma compensa tale carenza con la capacit di
parlare con gli umani. La cosa non lo entusiasma
finch non si rende necessario il suo intervento
per proteggere lArtico dalla colonizzazione immobiliare di imprenditori newyorkesi. La difesa
del proprio ambiente diventa una missione che
lo porta a Manhattan, in un viaggio parecchio avventuroso. Fiaba animata ecologista e molto
musicata, non eccelle per trovate visive o scrittura dei personaggi ma piacer parecchio ai piccoli e relative famiglie per la potenza dei contenuti. Ma in fattore di animazioni glaciali la saga
di Ice Age e Frozen non hanno, per ora, rivali.
AM PAS

FABRIZIO CORALLO

on uscir pi come annunciato il 3


marzo ma a maggio La pazza gioia,
il film di Paolo Virz con Micaela Ramazzotti e Valeria Bruni Tedeschi dove due
ospiti di una comunit terapeutica per donne con disturbi mentali saranno protagoniste di una fuga strampalata e toccante. Virz
sta intanto ultimando insieme a Francesco
Piccolo e a Stephen Amidon, il romanziere
autore del libro che ha ispirato il suo Il capitale umano, la sceneggiatura di un nuovo
progetto che verr realizzato durante il
2016 negli Stati Uniti.
VALERIO Mastandrea in attesa di interpre-

tare in estate Tito il piccolo di Paola Randi


sta ultimando le riprese di Fiore, una storia damore che nasce e si sviluppa allinterno di un penitenziario per minorenni, diretta da Claudio Giovannesi, uno dei registi della serie tv Gomorra, gi apprezzato autore
de La casa sulle nuvole e Al ha gli occhi
azzurri, che del nuovo film realizzato da
Pupkin Production e 3B Productions tra Roma e lAbruzzo ha scritto anche la sceneggiatura con Filippo Gravino e Antonella Lattanzi.
LO SCRITTORE Diego De Silva sta lavorando

con Giordano Meacci e Francesca Serafini

Esce a maggio
il nuovo film
di Virz (che gi
pensa al futuro)

sca in 4 serate targata Cross Production diretta da Michele Soavi e tratta dai romanzi di
Antonio Manzini che hanno come protagonisti Rocco Schiavone, burbero e manesco
vicequestore romano fuori dagli schemi, poco attento al potere ed alle forme. I titoli trasferiti in tv dei libri di Manzini, anche autore
delle sceneggiature con Eleonora Fiorini e
Maurizio Careddu, sono Pista Nera, La
costola di Adamo, Non Stagione e Era
di maggio.

XAVIER Dolan, lacclamato regi sceneggiatori del nogista canadese 27enne di


tevole Non essere cattivo di Claudio Caligari
Mommy ha ultimato le rialla trasposizione per il
prese di Juste la fin du moncinema del suo ultimo
de con La Seydoux, Marion
romanzo Terapia di
Cotillard e Vincent Cassel, e
coppia per amanti. Vi si
sta per iniziare Death and Life
racconta il rapporto di
of John F. Donovan, il suo priun uomo e una donna, omo film in lingua inglese di cui
gnuno sposato con unal anche autore della scenegtra persona, che portano
giatura. Racconter la storia di
avanti la loro relazione Le attrici Bruni Tedeschi
John F. Donovan, (Kit Harinda anni. Quando i due co- e Ramazzotti nel nuovo Virz
gton, noto per la serie tv Il
me tutte le coppie arrivaTrono di Spade), una star delno a un periodo di crisi lei contatta uno p- la televisione americana che a causa di una
sicanalista e costringer anche lamante a bizzarra amicizia con un bambino di 11 anni,
frequentarlo.
vedr la sua carriera sgretolarsi sotto i propri occhi. Nel cast sono previsti anche JesMARCO Giallini interpreter in tarda prima- sica Chastain, Bella Thorne, Kathy Bates,
vera in Val dAosta una nuova serie polizie- Susan Sarandon e Michael Gambon

20 ULTIMA PAGINA
Dalla Prima
MARCO TRAVAGLIO

ultima criticit riguarda le


cinque casacche cambiate
dal neo-acquisto Francesco
Spina, sindaco di Bisceglie e
presidente della Provincia Bat:
dal Ccd a FI alla lista fittiana
La Puglia prima di tutto (che
candid a Bari lindimenticabile Patrizia DAddario) allUdc
al Pd. Ma come fargliene una
colpa? Al confronto della neosottosegretaria alla Cultura
Dorina Bianchi, che ha girato 7
partiti in 15 anni, un dilettante
allo sbaraglio: pu fare di pi e
di meglio, semprech dallambito locale voglia spiccare il volo verso il governo nazionale.
La transumanza biscegliese, poi, riporta in parit il derby
Pd-FI nel Sud: segue litinerario inverso a quello dellintero
gruppo consiliare del Pd a
Messina, passato armi e bagagli a FI due mesi fa al seguito di
Francantonio Genovese, il deputato dem arrestato per truffa, peculato e associazione per
delinquere e, appena scarcerato dopo 17 mesi, accolto a braccia aperte da Gianfranco Miccich. Al quale, orfano di
DellUtri, non parso vero di
mettersi in casa un galeotto gi
fatto e finito. Che poi vale doppio perch strappato alla concorrenza. Benvenuto, gli ha
detto Miccich, siamo felici
che Genovese entri nella casa
dei moderati. Circondariale,
sintende. La risposta del Pd
non s fatta attendere.
Come narra lHu f f in g to n
P os t, il coordinatore siculo-renziano Davide Faraone
ha subito reso la pariglia ai forzisti: appena Tot Cuffaro uscito da Rebibbia dopo 5 anni
(su 7) di galera per favoreggiamento mafioso, ha iniziato a
imbarcare i suoi seguaci. Il delfino di Tot, Michele Catanzaro, gi da tempo il braccio destro di Faraone, che due anni fa
lo accolse con immenso piacere con tutto il suo gruppo
politico(la masnada che cinse
dassedio il Palazzo dOrlans
in segno di solidariet verso
Tot appena condannato). C
pure Marco Zambuto, nato
cuffariano, poi sindaco di Agrigento col Pd, poi trasmigrato a FI, poi tornato nel Pd di
Renzi appena in tempo per diventare presidente dellA ssemblea regionale e dimettersi
subito dopo per una visitina a
B. ad Arcore. C Valeria Sudano, nipote del ras Mimmo, eletta a destra e approdata al Pd
con la benedizione urbi et orbi
(soprattutto orbi) del vicesegretario Guerini. E c Luca
Sammartino, gi sindaco di Aci
Catena, comune poi sciolto
sfortunatamente per mafia. Una bella compagnia. Manca solo Vasa Vasa: anzich nel Pd,
pare voglia andare in Burundi.
Ieri per, intervistato da Alessandro De Angelis dellHP, s
detto felice per la transumanza
dei suoi: A me fa piacere. Vanno nel partito che pi somiglia
a un partito post-democristiano. al governo, il partito pi
forte, essere post-democristiani significa stare con chi
governa... Pi che rottamare,
hanno riciclato. Hanno restaurato i miei tempi. La politica sempre la stessa, non
cambiata. solo diventata pi
disumana, per il resto non ha
cambiato sistema ma nascondiglio. Fa le stesse cose di prima, trovando modi e tempi diversi, appunto cambiando nascondiglio. Bella definizione:
la politica come nascondiglio.
Sono soddisfazioni.

ra la Rai e la politica c un rapporto incestuoso che dura da una sessantina danni. Funziona
cos: il governo proclama solennemente di volere una Rai indipendente;
poi, appena un conduttore di talk show
mostra un briciolo dindipendenza, si
invoca il licenziamento. Michele Santoro aveva trasformato questi editti e
minacce in topos drammaturgico: suspense, melodramma, grandi ascolti.
Questo, grazie al carisma del tribuno
nato; ma anche nella Rai berlusconiana simpegnavano parecchio. Gli epici

| IL FATTO QUOTIDIANO | Gioved 4 Febbraio 2016

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

Mamma Rai
e il Godot
del giorno
dellindipendenza
NANNI DELBECCHI

scontri con lEpurator Mauro


Masi, la ghigna di Sallusti nella
penombra, la tonitruante telefonata dello stesso B. contro i turpi postriboli televisivi che aleggiava
nelletere come il fantasma di Banco.
B. magari risparmiava sui ministri e i
portaborse, ma sulla gnocca e sui censori non badava a spese. Ma ora? Ora
nel mirino c il misurato country gentlemanMassimo Giannini, reo di avere
accennato che probabilmente a Genova c il mare. Di fronte a tale rivelazione il suo licenziamento invocato

dal pasdaran low cost Michele


Anzaldi; Renzi non telefona, casomai manda in studio Ernesto
Carbone. Sallusti un po di paura
te la metteva, specie dopo mezzanotte,
mentre lUnit non la prendono nemmeno a La sai lultima?. Non ci siamo
Matteo, non cos che si fanno gli editti, poi finisce che Ballar fa meno ascolti di Giovanni Floris. ingiusto dire che il renzismo la prosecuzione
aggiornata del berlusconismo; sul
fronte mediatico c ancora parecchio
da imparare.