Sei sulla pagina 1di 54

Business Plan

a cura dellArea Consulenza Aziendale

Relazione di sintesi del progetto


T.M.J. TRASPORTI S.a.s.

TORINO, OTTOBRE 2008

Eurogroup Credito e Consulenza allimpresa


Via Perugia 56 Torino Tel. 011 24191 Fax 011 238283 info@eurogroup.biz www.eurogroup.biz

INDICE DEGLI ARGOMENTI

A. ASPETTI INTRODUTTIVI...........................................................................................................3
IL PROGETTO IMPRENDITORIALE E LE ESPRESSIONI STRATEGICHE ...............................3
PREMESSA METODOLOGICA ......................................................................................................5
LORIZZONTE TEMPORALE.........................................................................................................6
B. IL PIANO DAZIONE....................................................................................................................7
LA STRUTTURA AZIENDALE.......................................................................................................7
Cenni storici sulla societ e sullattivit svolta.............................................................................7
Compagine Societaria e Management aziendale ..........................................................................9
LATTIVITA OPERATIVA...........................................................................................................10
IL MERCATO DI RIFERIMENTO E LA CONCORRENZA .........................................................12
Il mercato di riferimento .............................................................................................................12
Analisi e stime tendenziali del mercato .......................................................................................12
Autotrasporto: il contesto di riferimento nazionale...................................................................13
Grado di competitivit del settore...............................................................................................15
Evoluzione del contesto di riferimento ........................................................................................16
La catena del valore dellautotrasporto......................................................................................18
Strategie emergenti degli operatori nel mercato dellautotrasporto...........................................19
Attivit ausiliarie al trasporto.....................................................................................................21
LE IPOTESI DI SVILUPPO ............................................................................................................23
IL PIANO PREVISIONALE DI VENDITA ....................................................................................25
La stagionalit ............................................................................................................................25
Modalit di incasso dei corrispettivi...........................................................................................26
I COSTI DI COMPETENZA ...........................................................................................................27
I costi esterni variabili ................................................................................................................27
Modalit di pagamento dei debiti di fornitura ............................................................................29
Levoluzione del margine di contribuzione .................................................................................30
Costi Interni ................................................................................................................................31
Costi di struttura .........................................................................................................................32
Canoni di leasing ........................................................................................................................34
IL CAPITALE IMMOBILIZZATO .................................................................................................35
LE FONTI DI FINANZIAMENTO .................................................................................................36
Debiti bancari a breve termine ...................................................................................................36
I finanziamenti di terzi.................................................................................................................36
LE FONTI INTERNE ......................................................................................................................37
LA GESTIONE FISCALE ...............................................................................................................37
C. RIFLESSI ECONOMICI PATRIMONIALI E FINANZIARI..................................................38
LE SIMULAZIONI PREVISIONALI ECONOMICHE ..................................................................38
I RIFLESSI PATRIMONIALI .........................................................................................................42
I FLUSSI FINANZIARI...................................................................................................................43

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 1

D. CONCLUSIONI.............................................................................................................................44
E. ALLEGATI.....................................................................................................................................46
DESCRIZIONE DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: IPOTESI 2 .........................................47
ANDAMENTO DEI RICAVI........................................................................................................47
ANDAMENTO DEI COSTI .........................................................................................................48
INVESTIMENTI ..........................................................................................................................49
FONTI DI FINANZIAMENTO ....................................................................................................50
RIFLESSI ECONOMICI .............................................................................................................51
RIFLESSI FINANZIARI ..............................................................................................................53

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 2

A. ASPETTI INTRODUTTIVI
IL PROGETTO IMPRENDITORIALE E LE ESPRESSIONI STRATEGICHE

La T.M.J. TRASPORTI S.A.S. DI PITARI MANCUSO (FRANCESCA) & C. (dora in poi T.M.J.
TRASPORTI S.a.s.) ha iniziato la sua attivit a fine 2004 con il conferimento dellazienda
T.M.J. d.i. del titolare Mancuso Joseph, e continua a svolgere lattivit di trasporti per conto
terzi.
La societ ha visto crescere il proprio fatturato in maniera costante fino a superare il milione
di euro circa. La composizione delle vendite frazionata tra diversi clienti rappresentati da
aziende nazionali ed internazionali.
Lattivit richiede la massima flessibilit a fronte delle consegne urgenti da realizzarsi su
tutto il territorio Europeo; lazienda quindi legata ad una rete di autisti esterni che, con i
mezzi aziendali, effettuano le varie consegne.
Lesercizio 2008 si chiuder con una crescita notevole rispetto agli anni passati. Al fine
quindi di non perdere le opportunit che il mercato offre (ordini in costante crescita) la
societ ha pianificato il perseguimento dei seguenti obiettivi strategici:

Sviluppo delle vendite, seppur contenuto, al fine di aumentare il


portafoglio clienti, diversificandolo

Lazienda si trova nella condizione di poter valutare lampliamento dellattivit esistente


attraverso:

Acquisto di un immobile strumentale ad uso ufficio e deposito


mezzi e merci al fine di trasferirvi lintera attivit

Affiancamento dellattivit di gestione logistica relativa ai


trasporti al core business attuale

Tali obiettivi si affiancano alla pi generale necessit di

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 3

Ottimizzazione dei parametri eco patrimoniali


idonei al miglioramento del merito creditizio

La societ identifica nella pianificazione strategica e nella simulazione dinamica delle variabili
oggetto di analisi un utile strumento per valutare la fattibilit finanziaria delle proprie scelte e
limpatto delle stesse sulla struttura economica e finanziaria di bilancio. Inoltre il
monitoraggio dei principali indicatori di bilancio, inteso come strumento di consapevole
diagnosi e valorizzazione aziendale, costituisce anche un importante avvicinamento alle
tecniche che il sistema finanziario adotta per censire, valutare ed affidare le aziende nella
propria opera di gestione del credito alle imprese - sistemi di rating interni.
Nel presente elaborato verr esaminato e valutato il progetto dimpresa nei due scenari
alternativi relativi a:
1) Continuazione della ordinaria attivit (trasporti urgenti conto terzi) in ipotesi di
mercato costante;
2) Affiancamento allattivit di core business della LOGISTICA TRASPORTI per nuovi
clienti. Tale sviluppo aziendale richiederebbe lo spostamento dellattivit in ununica
sede (ipotesi acquisto immobile).

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 4

PREMESSA METODOLOGICA
Il presente elaborato ha la funzione di riassumere ed esporre la rappresentazione dinamica e
previsiva dello sviluppo del piano dimpresa della T.M.J. TRASPORTI S.a.s.
Riepilogare il progetto imprenditoriale significa:
o

definire le sue linee strategiche e quindi gli obiettivi di medio periodo;

ottenere la simulazione dei flussi attesi economici e finanziari e quindi i prevedibili


equilibri patrimoniali e performance economiche;

ricavare e ricercare, mediante approcci sistematici, valutazioni di fattibilit


economica e finanziaria e quindi di opportunit.

Al fine di leggere la dinamica di questa iniziativa dimpresa sar quindi necessario coordinare
ed esporre determinati aspetti:
o

strategici, con la definizione degli obiettivi di medio termine;

monetari (economici, finanziari, patrimoniali), tramite la rigorosa selezione delle


migliori ipotesi oggi sviluppabili, integrate sulla base dei trend attesi (ispirati da dati
e proiezioni in parte fondate su dati terzi ed in parte ricavate dallesperienza e
sensibilit imprenditoriale);

operativi, attinenti alle caratteristiche di scenario ed operative di organizzazione e


sviluppo dei servizi offerti;

logiche, qualitativi e quantitativi, attinenti alla attendibilit delle ipotesi selezionate,


poste a base del business plan.

Per questo il documento articolato in diverse sezioni nelle quali sono esposti gli elementi
essenziali e qualificanti del progetto imprenditoriale.
Il tutto con la chiara evidenza ai fini delle valutazioni del lettore delle ipotesi assunte a
base delle elaborazioni qui presentate.
Lesplicitazione delle ipotesi consente al lettore della presente relazione di conoscere, e
quindi valutare, anche i presupposti e le riflessioni di contorno allo specifico sviluppo dei
calcoli dei flussi.
Tale approccio rispecchia in modo rigoroso il richiamo ai principi della Chiarezza Sostanziale
e Trasparenza , facenti parte dei Principi generali per la Redazione del Business Plan emanati
dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti nel marzo 2001 e rivisti nel 2003.
Come del pari il riferimento a quei principi a caratterizzare lintero processo di selezione,
elaborazione e valutazione di tutti gli elementi che compongono il presente lavoro.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 5

LORIZZONTE TEMPORALE
Lorizzonte temporale scelto al fine della simulazione in oggetto (2008-2011) stato definito
considerando:
o

un orizzonte sufficiente a dare evidenza dellefficacia del miglioramento del merito


creditizio e dei parametri patrimoniali economici e finanziaria che sottendono alle
valutazioni di Rating;

che previsioni troppo lontane nel tempo non possono essere fondate su riscontri
qualitativi e quantitativi affidabili, ma comunque importante espandere le
simulazioni dinamiche fondandole sullipotesi di trend.

A tali scopi si scelto un orizzonte temporale di 4 esercizi.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 6

B. IL PIANO DAZIONE
LA STRUTTURA AZIENDALE

CENNI STORICI SULLA SOCIET E SULLATTIVIT SVOLTA

La T.M.J. TRASPORTI S.A.S. ha iniziato la sua attivit a fine 2004 con il conferimento
dellazienda T.M.J. d.i. (nata nel 1997) del titolare Mancuso Joseph, e continua a svolgere
lattivit di trasporti urgenti per conto terzi.
Il servizio riguarda il trasporto di ogni genere di
prodotto merceologico utilizzando i veicoli specifici per
svolgere lincarico affidato. Lazienda ha un parco
mezzi composto da 22 veicoli aventi varie portate e
tutti muniti di rilevatore di posizione satellitare.

Nello specifico le caratteristiche del servizio offerto dalla T.M.J TRASPORTI S.a.s. possono
essere cos riepilogate:

Trasporti e spedizioni nazionali ed internazionali con consegne e ritiri espressi;

Servizio capillare su tutto il territorio europeo. No stop 24 ore su 24;

Trasporti espressi europei con veicoli di portata non superiore a 35 q.li;

Specializzati in urgenze gran volumi;

Servizio con controllo totale del mezzo;

Contatto telefonico con l'autista ogni 2 ore max;

Assicurazione All Risck sulla merce trasportata;

Assicurazione a richiesta sulla merce di valore superiore alle norme;

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 7

Furgoni muniti di navigatore satellitare Certificate Quality System;

Servizio 24h non stop;

Furgoni maxi volumi max. 29 m;

Per i clienti esigenti doppio autista con controllo satellitare del mezzo;

Trasporto merci con ATV blindata;

Servizio accompagnamento Managers da Caselle.

Le sedi legale ed operativa sono site in via della Speranza a Beinasco (TO), dove sono
ubicati gli uffici (in affitto); immobile strumentale di propriet dellazienda sito a Cumiana e
porzione di capannone a Bruino adibita a deposito mezzi.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 8

COMPAGINE SOCIETARIA E MANAGEMENT AZIENDALE

La compagine societaria cos costituita:


Mancuso Joseph (49), Pitari Francesca (51%, socio accomandatario).

Compagine societaria

51,00%

49,00%

Mancuso Joseph

Pitari Francesca

Il Capitale Sociale versato pari a 1.000,00.


LAmministrazione della societ demandata a Pitari Francesca.
Entro fine 2008 si modificher la compagine societaria:
o

Mancuso Joseph (51% - socio accomandatario amministratore);

Pitari Francesca (14%);

Mancuso Francesco (35%).

Il capitale sociale verr aumentato a 50.000,00 Euro.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 9

LATTIVITA OPERATIVA
La T.M.J. TRASPORTI S.a.s. si
occupa di trasporti urgenti. Il
servizio riguarda il trasporto di
ogni

genere

di

merceologico

prodotto

utilizzando

veicoli specifici per svolgere


lincarico affidato. Lazienda
ha infatti un parco mezzi
composto da 22 veicoli aventi
varie portate e tutti muniti di
rilevatore

di

posizione

satellitare.
E molto importante per lazienda la flessibilit e lorganizzazione del servizio per poter
soddisfare le esigenze delle aziende clienti. Negli uffici siti a Beinasco vengono raccolte le
telefonate in entrata (richiesta di preventivi o del servizio di trasporto) e successivamente
vengono organizzati i viaggi in base ai mezzi e agli autisti disponibili.
Gli autisti, detti padroncini, sono tutti esterni; una volta contattati questi recuperano il
mezzo al deposito sito a Bruino, il rapporto del viaggio (committente, bene, destinatario e
localit) ed iniziano il
loro

servizio,

la

cui

destinazione la maggior
parte delle volte in
Europa.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 10

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 11

IL MERCATO DI RIFERIMENTO E LA CONCORRENZA

IL MERCATO DI RIFERIMENTO
Appare opportuno descrivere sinteticamente il contesto e levoluzione che condizione lintera
attivit della T.M.J. TRASPORTI S.a.s. per supportare le scelte strategiche effettuate dal
management aziendale.
Tale analisi qui condotta procedendo secondo il seguente iter logico:
1. Analisi e stime tendenziali del mercato;
2. Autotrasporto: il contesto di riferimento nazionale;
3. La catena del lavoro dellautotrasporto;
4. Grado di competitivit del settore;
5. Evoluzione del mercato di riferimento;
6. Strategie emergenti degli operatori nel mercato dellautotrasporto;
7. Attivit ausiliarie al trasporto.

ANALISI E STIME TENDENZIALI DEL MERCATO


Aspetti macroeconomici

Nel 2007 il trasporto di merci su strada ha beneficiato del positivo andamento delleconomia
nel primo semestre dellanno ed stato solo parzialmente condizionato dal rallentamento
delleconomia nazionale dellultimo trimestre. La crescita delle esportazioni hanno favorito il
trasporto internazionale (+7%), per anche quello nazionale mostra una crescita sebbene
pi contenuta (+5,4%). Il panorama competitivo del settore conferma il lento processo di
modernizzazione che vede da un lato la crescita delle imprese di medie e grandi dimensioni
e dallaltro la riduzione del numero delle piccole imprese, penalizzate dalle pi stringenti
normative di sicurezza e dalla difficolt ad offrire servizi a valore aggiunto che consentano di
sfuggire alla competizione tariffaria. La competizione tra le imprese legata, oltre agli
aspetti tariffari, alla qualit del servizio (organizzazione, tempi di resa, tracciabilit e cura del
carico e flessibilit rispetto alle esigenze del cliente) e al controllo di spezzoni crescenti della
filiera logistica. Le previsioni di crescita del settore non vanno oltre il 5% rispetto al 2007,
tenendo conto anche degli adeguamenti di prezzo resi necessari dallaumento dei costi del
carburante. Il trasporto nazionale subisce gli effetti della difficile congiuntura economica, che

Fonte Databank Autotrasportatori e Corrieri Agosto 2008 28^ edizione.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 12

si ripercuote sulla domanda di trasporto, mentre nel trasporto internazionale le previsioni


sono pi positive grazie alla tenuta delle esportazioni e alle politiche di espansione adottate
da alcuni anni dai principali operatori.

AUTOTRASPORTO: IL CONTESTO DI RIFERIMENTO NAZIONALE23


Il trasporto sempre pi una funzione integrata nel ciclo dellordine delle aziende e delle
filiere. Esso svolge un ruolo di interconnessione tra nodi logistici e assolve alle relative
esigenze di bilanciamento delle capacit di stoccaggio e servizio.
Il sistema dei trasporti in Italia si avvaleva nel 2004 di una rete formata (dati Istat):

km autostrade;

Oltre 46.000 km di strade statali e di interesse regionale;

120.000 km di strade provinciali;

20.000 km di ferrovie.

Su questa rete si spostano: 57 milioni di residenti;

240 miliardi di tonnellate - km lanno di merci.

Il trasporto merci su strada sposta circa


197 miliardi di tonnellate-km anno, di
cui 21 miliardi effettuato da imprese che
operano conto proprio, e 176 miliardi dalle
imprese che operano conto terzi.
Il settore del trasporto merci su strada in
Italia si caratterizza per i seguenti aspetti:
fortemente trasversale a tutti gli
altri settori dell' economia del paese,
del

quale

costituisce

un

aspetto

fondamentale, letteralmente senza di esso l'Italia non si muove;

Fonte Format-convegno del 29/09/2006: Truckway la sfida dellautotrasporto italiano tra


liberalizzazione e sicurezza Roma.
3
Fonte Format-convegno del 14/09/2007: Truckway la sfida dellautotrasporto italiano tra
liberalizzazione e sicurezza Roma.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 13

rappresenta il 3,3% del Prodotto interno lordo (l'intero settore dei trasporti,
incluso il trasporto delle persone, la logistica, ecc. pesa sul Pil il 10% circa);
caratterizzato da un elevato livello professionale e da un elevato livello di
produttivit delle aziende di trasporto" conto terzi";
elevata frammentazione delle imprese italiane.
La normativa che regola il settore dei trasporti si caratterizza innanzitutto per un elevato
livello di complessit, superiore a quella di molti altri settori, dovuta alla necessit di
salvaguardare non solo i rapporti di lavoro, la concorrenza
e gli equilibri tra domanda e offerta di servizio, ma anche
altri elementi di utilit sociale, relativi ad esempio alla
sicurezza del trasporto e al rispetto dell'ambiente e della
sicurezza dei cittadini.
Tuttavia, il settore dellautotrasporto (e leconomia del
paese) appare fortemente condizionato da una rete di infrastrutture insufficienti a garantire
una efficiente movimentazioni di cose e persone.
Gli interventi richiesti dallassociazione di categoria alle Istituzione sono:

incremento delle infrastrutture ferroviarie, ma soprattutto stradali;

aumento della capacit delle grandi arterie dal 30 al 50%;

maggiore coordinazione e pianificazione degli interventi realizzati.

Alcuni numeri sul settore dellautotrasporto


Le imprese registrate all' Albo degli autotrasportatori conto terzi ad oggi sono circa 185.000
(fonte Albo degli autotrasportatori).
Le regioni con le concentrazioni maggiori di imprese del
settore dell' autotrasporto sono la Lombardia, l'Emilia
Romagna, il Veneto, la Sicilia e il Lazio. Il 53,1 % di
tutti i lavoratori del settore trasporti in Italia opera nel
settore delle merci su strada (Istat 2003). Poco pi del
60% delle imprese dispone di 3 addetti o meno di tre
addetti. Circa l8% delle imprese ha oltre 15 addetti. Poco pi dell'85% delle imprese
sono ditte individuali o societ di persone (il 64% delle imprese sono ditte individuali).
Il 12% sono societ di capitale.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 14

Il 66,5% delle imprese del settore possiede da 1 a 3 veicoli. Il 4,4% delle imprese del
settore possiede oltre 25 veicoli, considerando anche i rimorchi e i semirimorchi.
Considerando solo i propulsori, il 71,2% delle imprese possiede 1/3 unit di traino. Per
quanto il parco veicolare si stia rinnovando (sia pure lentamente), il 18% delle imprese
possiede ancora veicoli con oltre 10 anni. Nel complesso l'et media dei veicoli pari a 7
anni. Il 38% circa delle imprese percorre oltre 100.000 Km/anno per veicolo.
Il 40% circa delle imprese trasporta merci prevalentemente
nella propria provincia, il 27,4% circa a livello regionale, il
28,3% circa a livello nazionale, il 2,2% a livello U.E.
Per un maggior approfondimento si faccia riferimento agli
allegati.

GRADO DI COMPETITIVIT DEL SETTORE4


Nonostante sia in atto un processo di graduale concentrazione, la struttura del settore
dellautotrasporto in Italia rimane decisamente caratterizzato da una forte polverizzazione
e dalla diffusa presenza di imprese medio-piccole. Ci determina un elevato livello di
competizione, in particolare sui segmenti pi indifferenziati dei servizi di autotrasporto, e
un generale basso potere contrattuale delle aziende medio-piccole nei confronti dei clienti,
con tutta una serie di ricadute di natura contrattuale, prima tra tutta la limitata possibilit di
praticare proporzionali adeguamenti delle tariffe in seguito allaumento dei costi.
Le imprese di maggiori dimensioni, spesso di origine estera, oltre a beneficiare di un
maggiore potere contrattuale, sono anche pi competitive sul fronte dei costi grazie:

alla maggiore standardizzazione dei processi interni e


dei servizi erogati al cliente;

allutilizzo di reti di padroncini o di imprese di piccole


dimensioni a ci delegano lattivit di trasporto negli
ultimi stadi del processo, in genere da magazzino
periferico a cliente.

Fonte: Lauto trasportatore alle soglie di nuove sfide promosso da F.A.I., in collaborazione con
TRADE.LAB.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 15

Il fatto che i grandi operatori riescano quindi a competere meglio mette in ulteriore
difficolt le imprese di piccole dimensioni.
Per le imprese italiane di autotrasporto non costituisce un motivo di preoccupazione
labolizione delle tariffe fisse, in quanto gi scarsamente utilizzate. Pi temuto appare invece
lincremento della competizione derivante dallingresso sul
mercato

di

imprese

estere,

in

grado

di

ridurre

notevolmente i prezzi sfruttando i minori costi del


personale e, nel caso di piccole e medie imprese, una
minore propensione al puntuale rispetto delle normative di
legge.

EVOLUZIONE DEL CONTESTO DI RIFERIMENTO5


Il ruolo del segmento del trasporto nella catena logistica in profondo mutamento. Il trend
complessivo infatti prevede, in linea di massima, la presenza di diversi percorsi evolutivi
a livello generale:

consegne pi piccole e frequenti;

consegne pi urgenti e con finestre temporali di scarico pi brevi;

percorrenze pi lunghe.

Questi percorsi sono guidati dalla contemporanea evoluzione dell'offerta di servizi di


trasporto (che non ha presentato mutamenti sostanziali di una situazione basata sull'elevata
frammentazione del settore) e, soprattutto,
della relativa domanda da parte delle
imprese clienti. La modalit di trasporto su
gomma continua e continuer ad essere,
rispetto

tutte

le

altre,

quella

assolutamente prevalente. Nonostante i


rilevanti

investimenti

concentrando
nazionale
5

sulle

livello
altre

che

si

vanno

comunitario
modalit,

sulle

Fonte: Lauto trasportatore alle soglie di nuove sfide promosso da F.A.I., in collaborazione con

TRADE.LAB.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 16

ferrovie, sui porti, sugli interporti e, non ultima, sulle cosiddette autostrade viaggianti
(cabotaggio marittimo), la realt che le aziende italiane esigono attributi di servizio che
oggi solo il trasporto stradale pu offrire:

affidabilit e conformit del sevizio,

prezzo,

tempo totale del door-to-door,

flessibilit dei servizi.

Le caratteristiche delle attivit di trasporto, e quindi dei servizi offerti dagli autotrasportatori,
continueranno dunque a essere guidate da questa evoluzione della domanda, oltre che dalle
altre variabili strutturali. La domanda si decliner naturalmente in modo diverso a seconda
della fase del processo logistico complessivo in cui l'autotrasporto si inserisce (navettaggio,
logistica inbound, logistica outbound o distribuzione ai punti vendita/consegna consumatori
finali), influenzando quindi la quantit e la qualit dei servizi accessori da associare a quelli
di puro trasporto.
La dinamica dei ricavi nel settore strettamente connessa allevoluzione della
congiuntura economica, trovando piena corrispondenza nel tasso di crescita del PIL.
Sul fronte dei costi nel recente passato la congiuntura ha registrato un forte aumento dei
prezzi delle materie prime (dovuto al concorrere di fattori strutturali, come la crescita
della domanda dai paesi in via di sviluppo, e speculativi di breve termine), e in particolare di
quelle

petrolifere.

aumento,
presenza

Questo

unito
di

una

imposizione

fiscale

combustibili

di

alla
forte
sui
una

notevole concentrazione nel


settore

della

loro

distribuzione, ha contribuito
a far crescere notevolmente una delle principali voci di costo delle imprese, quella dei
carburanti.
Sul fronte delle altre voci di costo che impattano sui bilanci degli autotrasportatori, non si
sono aperti particolari spiragli di riduzione, ad esempio per il costo del personale, che anzi
nel prossimo futuro potrebbe andare incontro a una sostanziale perdita di produttivit,
dovuta all'entrata in vigore di nuove norme che riducono gli orari di lavoro. Non sono ancora
stati raggiunti, inoltre, particolari guadagni di efficienza in altre aree aziendali, come ad

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 17

esempio l'incremento della saturazione media degli automezzi o la riduzione del numero di
viaggi effettuati a vuoto dagli automezzi sulle tratte di ritorno.
Le imprese hanno in generale limitate possibilit di trasferire ai clienti eventuali aumenti dei
costi, in particolare per quelli indiretti, derivanti ad esempio dalla congestione del traffico o
dai limiti e vincoli di legge a quest'ultimo. Su questo fronte, inoltre, si va incontro al rischio di
un inasprimento delle tariffe sulle infrastrutture di comunicazione, volte alla riduzione dei
livelli di congestione e inquinamento.
Dal

punto

di

vista

dell'intermodalit, infine, le aziende


di autotrasporto si mostrano scettiche
sulla sua possibilit che essa diventi
un valido concorrente del trasporto
monomodale

su

gomma.

Questo

scetticismo giustificato, oltre che


dalla

difesa

competitivo,

del
da

proprio

ambito

considerazioni

relative:

alla mancanza di chiarezza sulle prospettive di sviluppo che aiuti a creare massa
critica su questo fronte;

alla maggiore convenienza nelle attuali condizioni di volumi e distanze servite, del
trasporto su gomma.

LA CATENA DEL VALORE DELLAUTOTRASPORTO6


Per analizzare i processi che si svolgono nelle imprese dell'autotrasporto si ricorsi a una
rielaborazione della "Catena del Valore". La catena del valore propone un disaggregazione
dell'azienda nelle sue attivit strategicamente rilevanti, per comprenderne l'andamento dei
costi e le fonti di differenziazione esistenti e potenziali.
Le attivit strategicamente rilevanti possono essere distinte in attivit primarie e di supporto.
Le attivit primarie nel settore dellautotrasporto possono essere modellate sulla base
del processo carico-trasporto-scarico (tenendo conto che, se rilevante, un'attivit di gestione
di un piccolo magazzino internamente all'azienda pu essere considerato congiuntamente al

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 18

trasporto), mentre i servizi di pre e post vendita alla clientela possono essere considerati un

Amministrazione, controllo di gestione e finanza


Gestione e sviluppo delle risorse umane
Sistemi informativi
Vendite e marketing

Carico

Trasporto

Scarico

Margine

Attivit primarie

Attivit di supporto

insieme separato dal processo di erogazione del servizio.

Servizi pre e post vendita

Per quanto riguarda invece le attivit di supporto, trattandosi di imprese di servizi, nel
caso degli autotrasportatori l'approvvigionamento pu essere considerato insieme
all'amministrazione, controllo di gestione e finanza, ed essere invece sostituito, come attivit
a s stante, dalle vendite e marketing. A queste ultime si aggiungono la Gestione e sviluppo
delle risorse umane e Sistemi informativi.

STRATEGIE EMERGENTI DEGLI OPERATORI NEL MERCATO DELLAUTOTRASPORTO7


A fronte delle nuove esigenze sorte nel settore, dellevoluzione della marginalit e della
competizione allinterno del settore illustrata in precedenza, diventa sempre meno
perseguibile una strategia improntata al conseguimento di soli vantaggi di costo, strategia a
cui non si pu rinunciare, ma che non pu davvero pi essere l'unica da utilizzare dal punto
di vista competitivo.
Al contrario, gli elementi per un migliore approccio al mercato risiedono soprattutto nella
capacit di garantire affidabilit, flessibilit e personalizzazione del servizio ai clienti,
attraverso:
6

Fonte: Lauto trasportatore alle soglie di nuove sfide promosso da F.A.I., in collaborazione con
TRADE.LAB.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 19

la segmentazione e l'analisi della domanda, volta a identificare le attivit ausiliarie a


maggiore valore aggiunto per i clienti,

l'accrescimento dei livelli di specializzazione dell'offerta sui segmenti (ad esempio,


per tipologia di prodotti trasportati) che possibile servire meglio e in modo
differenziante rispetto ai concorrenti,

l'innovazione/inserimento di servizi accessori a maggior valore aggiunto, in grado di


differenziare le imprese, andare incontro in modo migliore alle esigenze della
domanda e ottenere ricavi potenzialmente pi alti;

la collaborazione/integrazione con altri attori della filiera, se si rende necessaria per


raggiungere gli obiettivi sopra Indicati.
Le sfide che gli autotrasportatori devono affrontare
fanno riferimento anche alla necessit di recuperare
efficienza sotto diversi punti di vista. Le aree aziendali
in cui possibile intervenire variano da impresa a
impresa, ma possono riguardare la gestione degli
acquisti, l'amministrazione, le spese generali e i sistemi
informativi in senso lato.
Dal punto di vista delle attivit primarie a maggior

valore aggiunto (carico, trasporto, scarico, eventuale gestione del magazzino e servizi di pre
e post vendita), il recupero di efficienza passa per l'implementazione di nuove tecnologie,
modalit di organizzazione dell'attivit e scelte strategiche in grado di garantire una migliore
programmazione dei viaggi sia in andata, sia in ritorno, al fine di limitare l'incidenza di viaggi
non a pieno carico. Un esempio di tecnologia utile da questo punto di vista quella dei
cosiddetti noli on-line, ossia di sistemi via Internet per la gestione dei viaggi di ritorno
condivisa tra imprese diverse operanti su mercati locali differenti. Scelte strategiche che
vadano nella stessa direzione sono quelle relative ad alleanze o accordi, magari anche solo
temporanei per partecipare a specifiche gare, tra imprese diverse, meglio se operanti in
ambiti geografici non sovrapposti e, anzi, complementari.
Sul fronte delle attivit di supporto, che generano un
minor

valore

dell'efficienza

diretto

per

il

cliente,

il

recupero

passa

per

l'industrializzazione

dei

Fonte: Lauto trasportatore alle soglie di nuove sfide promosso da F.A.I., in collaborazione con
TRADE.LAB.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 20

processi, l'investimento in strumenti informatici per lo snellimento delle attivit di back office,
la specializzazione delle risorse umane a loro dedicate e lo sviluppo delle competenze in
questa direzione.
L'aumento dei volumi di traffico gestiti, che di per s favorisce il recupero di efficienza
nelle attivit sia primarie, sia di supporto, difficilmente sembra poter derivare dalla
costituzione di accordi o consorzi tra le imprese operative nello stesso ambito locale
(prodromi di potenziali fusioni tra operatori), a causa della forte individualit che caratterizza
le aziende, e che quindi ne limita fortemente le possibilit di successo. Nonostante questo,
in atto un processo, sia pure lento, di concentrazione del settore, che anch'esso costituisce
una sfida per le aziende e che dovrebbe spingere verso una situazione pi simile a quella di
altri paesi europei. Questa nuova sfida competitiva relativa allo sviluppo dimensionale si
associa, dal punto di vista dell'evoluzione delle imprese, a quella del ricambio generazionale
e del progressivo, anche se difficile, abbandono di strutture organizzative basate
esclusivamente sui componenti famigliari come asse portante.
L'aumento dei livelli di capitalizzazione costituisce un argomento che difficilmente si
pu rimandare, vista la scarsa solidit patrimoniale delle imprese e le conseguenze che,
come si gi visto, questo pu avere alla luce degli accordi di Basilea Il che entreranno in
vigore dal 2008. Questi, dunque, costituiscono da un certo punto di vista un'occasione per il
riassetto patrimoniale del settore, anche se ci significher ridurre i ritorni medi sul capitale
investito.

ATTIVIT AUSILIARIE AL TRASPORTO8


Lo spedizioniere, nelle sue varie declinazioni spesso raggruppate genericamente nella
definizione di attivit ausiliarie al trasporto, dunque lanima di un rinnovamento vincolato
da una serie di parametri rigidi imposti dalla domanda, quali:

la scarsa disponibilit di risorse finanziarie;

i contenuti margini di tempo a disposizione;

la ridotta volont di accorpamento logistico tra imprese clienti.

In base a tali parametri lofferta ha disegnato un sistema logistico di supporto i cui tratti
caratteristici fondamentali possono essere riassunti nei seguenti punti:

carichi medi molto contenuti;

frequenza degli spostamenti molto elevata;

Fonte Rapporti Periodici ISFORT.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 21

punti di origine e di destinazione piuttosto diffusi sul territorio;

livelli di programmazione ridotti (a volte addirittura giornalieri).

I vincoli imposti dai clienti hanno costretto i fornitori di servizi logistici a costruire reti di
connessioni temporanee in grado di estendersi e ritirarsi in breve tempo e con costi di
investimento e disinvestimento marginali. Ma soprattutto hanno stimolato la formazione di
reti circoscritte alla dimensione locale/nazionale prive, nella gran parte dei casi, di una pur
minima propensione alla dimensione internazionale. I nodi di questi network, non sempre
formalizzati, sono spesso aziende di servizi ausiliari al trasporto o medie aziende di
autotrasporto che presidiano porzioni di territorio garantendo in tali aree la copertura dei
servizi logistici (magazzini e piattaforme) e di trasporto grazie ad una rete pi o meno vasta
di soggetti fornitori (manodopera organizzata o autonoma, autotrasportatori, ma soprattutto
padroncini). Non essendo tali network molto spesso formalizzati, nei territori in cui si
concentra la domanda, il lavoro di intermediazione e di presidio viene svolto da una pluralit
di soggetti in forte concorrenza tra loro, mentre risultano molto meno servite le aree dove la
domanda pi debole. Il network si modella pertanto in relazione alle esigenze e alle
caratteristiche della clientela pi complesso il processo logistico, pi articolato sar il

network - divenendo pi conveniente, dal punto di vista dei costi, nelle aree dove si registra
una maggiore concentrazione della domanda e pi svantaggioso nelle zone di bassa
domanda. Tutto ci determina un fenomeno di concentrazione logistica nelle aree a forte
domanda e di rarefazione del servizio nelle aree a domanda contenuta. In questo contesto il
ruolo del fornitore logistico sempre pi prossimo a quello dellintermediario che si occupa,
per conto del proprio cliente, della gestione esecutiva della movimentazione della merce,
dellorganizzazione dei magazzini e anche delle pratiche doganali. Un intermediario che:

nelle aree direttamente presidiate utilizza una serie di fornitori diretti di trasporto e
di servizio;

mentre nelle aree non direttamente presidiate, fa ricorso ad altri intermediari ed alla
loro rete di fornitori locali.

Guardando allandamento del fatturato delle piccole e medie imprese manifatturiere e degli
spedizionieri, cos come rilevato dalle indagini campionarie condotte dallOsservatorio in
questi anni, sembrerebbe che ladozione di questo modello organizzativo abbia prodotto
effetti positivi sui ricavi, anche se i costi di questo successo non sono stati, forse, equamente
ridistribuiti allinterno del network.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 22

LE IPOTESI DI SVILUPPO
Lo sviluppo del piano (redatto in Euro UE) - al fine di realizzare scenari di riferimento non
alterati dallesogena ed endogena dinamica di variabili economiche - ha visto lutilizzo di
alcuni parametri il cui andamento ha interagito nella determinazione dei flussi previsionali
ottenuti, quali:

Linflazione,

La dinamica del costo del lavoro, indistintamente riportante il trend dinamico di


tale voce di costo comprensiva sia degli aumenti previsti per disposizioni di legge e
contrattuali che di quelli conseguenti la politica retributiva;

I tassi debitori e creditori a breve termine applicati sui saldi risultanti di tesoreria
(misurati

operativamente

intervalli

mensili),

direttamente

influenti

nella

determinazione degli oneri e proventi finanziari.

Anno

Inflazione

Costo Lavoro

Tasso Creditore
Breve

Tasso
Debitore
Breve

2008

2009

2010

2011

Larticolazione e i dettagli delle leve macro e micro economiche costituiscono infatti un


fondamentale elemento dei criteri di redazione del business plan idoneo a rappresentare
nelle condizioni di massima neutralit gli effettivi risultati dellazione aziendale.
Nella simulazione dei flussi economici e finanziari, nonch della dinamica delle poste
patrimoniali, parte dalla simulazione degli effetti che sul periodo analizzato esplicano i saldi
patrimoniali iniziali (all1.1.2008), determinati sulla base dei dati di bilancio al 31.12.07.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 23

Sinteticamente la struttura fonti-impieghi al 01.01.2008 la seguente:


ATTIVO

PASSIVO

IMMOBILIZZAZIONI
MATERIALI

29.720

IMMOBILIZZAZIONI
FINANZIARIE

CREDITI COMMERCIALI
CREDITI TRIBUTARI

ALTRI CREDITI

TESORERIA A CREDITO

TOTALE

712.096
16.046
12.202,
5.779
775.843

333.244

PATRIMONIO NETTO

DEBITI FINANZIARI A
MEDIO TERMINE

19.528,62
10.658

TFR

111.370

DEBITI COMMERCIALI

163

ALTRI DEBITI

TESORERIA A DEBITO

300.879,38
775.843

TOTALE

Le voci che compongono tale situazione iniziale considerano i dati dal bilancio forniti
dallazienda al 31 dicembre 2007.
Con riferimento a tali posizioni si precisa che:

I crediti commerciali si suppongono incassati per 412 mila Euro nei primi cinque
mesi del 2008 e per 300 mila Euro si suppongono non incassabili nel corso del
periodo di simulazione a fronte delle indicazioni del management.

Gli altri crediti comprendono depositi cauzionali per 5.900 Euro il cui incasso non
stato ipotizzato nel periodo simulato, per la natura di tale voce. La restante parte di
crediti diversi si ipotizza incassabile nel primo trimestre del 2008.

I debiti commerciali si suppongono pagati nei primi due mesi del 2008.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 24

IL PIANO PREVISIONALE DI VENDITA


In termini assoluti la dinamica storica e previsiva la seguente:

2006
Fatturato
Crescita ripetto l'es. precedente
TOT. RICAVI

2007

2008

2009

2010

2011

648.108

1.079.298
66,53%

1.500.000
38,98%

1.560.000
4,00%

1.622.400
4,00%

1.687.296
4,00%

648.108

1.079.299

1.500.000

1.560.000

1.622.400

1.687.296

Per gli scenari futuri, landamento dei ricavi stato stimato partendo da dati certi, sulla base
di valutazioni di sviluppo assolutamente prudenziali. Per quanto riguarda il 2008 si sono
considerati i risultati certi fino al 31 agosto, dopodich sono stati stimati ricavi fino a fine
anno pari a 100.000,00 Euro al mese. Negli esercizi 2009 e 2010 la previstone prudenziale
quella di una crescita annua del 4%, dovuta allinfluenza inflazionistica. Questa scelta,
volutamente cauta, vuole evidenziare la capacit di sviluppo della societ in situazioni di
mercato pressoch costanti.

LA STAGIONALIT
Nel simulare lo sviluppo temporale dei ricavi di vendita opportuno delineare la dinamica
infrannuale degli stessi. In base al fatturato mensile del 2008 si segnalano alcuni momenti di
intensit lavorativa, (Marzo, Giugno e Dicembre), che vengono ribaltati al triennio
successivo.
ANDAMENTO FATTURATO 2008

2008

gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
114.550,00 118.968,00 180.833,00 124.293,00 122.926,00 154.252,00 109.848,00 91.458,00

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 25

ANDAMENTO FATTURATO 2008


200.000,00
150.000,00
100.000,00
50.000,00

ap
r il
e
m
ag
gi
o
gi
ug
no
lu
gl
io
ag
os
to
se
tte
m
br
e
ot
to
br
e
no
ve
m
br
e
di
ce
m
br
e

ge
nn
aio
fe
bb
r io
m
ar
zo

0,00

MODALIT DI INCASSO DEI CORRISPETTIVI

Le modalit e le tempistiche di incasso consentono di determinare la dinamica dei flussi


finanziari.
In funzione degli accordi formali siglati dallazienda con i principali clienti, si registra una
tempistica media di incasso dei crediti di 100 giorni. Nel lavoro di previsione fatto tale
dilazione media dincasso stata mantenuta sia per gli ultimi mesi del 2008 sia per il 2009,
successivamente stato ipotizzato un allungamento di tali tempistiche medie a 120 giorni.
Nel passato lazienda ha registrato crediti ad oggi insoluti per 300 mila Euro. Ai fini
prudenziali si stima di non incassare quei crediti nel periodo oggetto di simulazione.
Modalit dincasso9 precedente:
Indice di rotazione

Esercizio 2005

Dilazione media dei crediti commerciali

Esercizio 2006

80,32

Esercizio 2007

88,38

129,89

Modalit dincasso situazione previsionale:


Indice di rotazione
Dilazione media dei crediti commerciali

Esercizio 2008

Esercizio 2009

164,49

160,16

Esercizio 2010

Esercizio 2011

163,75

167,20

9
Modalit dincasso espresse in GIORNI. Dilazione media dei crediti commerciali: n di giorni mediamente
intercorrenti tra il sorgere e lincasso del crediti commerciali;

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 26

Il calcolo dellindicatore presenta nel conteggio al 31/12 un valore superiore alle previsioni
fatte, a fronte dellandamento infrannuale delle vendite e dei crediti insoluti pregressi
precedentemente descritti.

I COSTI DI COMPETENZA

I COSTI ESTERNI VARIABILI


Una volta definita la domanda e il volume della produzione, stante le ipotesi effettuate,
necessario determinare i relativi costi.
I costi variabili, quindi direttamente connessi ai volumi prodotti, sono rappresentati dagli
acquisti di materie (carburante) e dai costi per lavorazioni esterne (padroncini). Questi ultimi
rappresentano i costi derivanti dagli autisti esterni che effettuano i trasporti sul territorio
europeo, ai quali viene affittato il mezzo, di cui sono completamente responsabili fino a fine
servizio.

ACQUISTI
MATERIE

RICAVI

COSTI PER
LAVORAZIONI

Sugli scenari degli sviluppi futuri si sono presi a riferimento i dati degli ultimi esercizi e si
sono fatte le seguenti considerazioni:

la voce acquisto materie fa riferimento allacquisto del carburante utilizzato per


lattivit di trasporto. La sua incidenza sul fatturato cresciuta nel 2008 a fronte
dellincremento del prezzo del carburante. Negli anni successivi si prevede che il
costo del carburante manterr una incidenza costante pari al 25% sul fatturato; si

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 27

stima infatti una percentuale particolarmente elevata e la possibilit, espressa dal


management, di poterla mantenere ribaltando sui prezzi di vendita eventuali futuri
aumenti del carburante.
Situazione storica

ACQUISTO BENI

2006

Carburante

120.196 18,55%

2007

262.370 17,49%

Situazione previsionale

ACQUISTO BENI

2008

Carburante

2009

375.000 25,00%

2010

390.000 25,00%

2011

405.600 25,00%

421.824 25,00%

la spesa costi per lavorazione fa riferimento al costo degli autisti che effettuano il
servizio; infatti trattasi di padroncini, che fatturano alla TMJ TRASPORTI S.a.s. il
servizio di trasporto effettuato di mese in mese, secondo gli accordi presi. Sulla base
delle indicazioni dei soci si stima unincidenza prudenziale annua del 30% sui ricavi.

Situazione storica
Lavorazioni esterne (padroncini)

2006

2007

194.009

29,93%

284.281

18,95%

Situazione previsionale
2008
Lavorazioni esterne (padroncini)

450.000

2009

30,00%

468.000 30,00%

2010

2011

486.720 30,00%

506.189 30,00%

In sintesi possibile verificare levoluzione prevista dei costi variabili diretti nel corso del
periodo oggetto di simulazione dinamica, una volta definite le ipotesi sottostanti alla loro
valorizzazione:

2008
Ricavi
VALORE DELLA PRODUZIONE

2009

2010

2011

1.500.000

100,00%

1.560.000

100,00%

1.622.400

100,00%

1.687.296

100,00%
100,00%

1.500.000

100,00%

1.560.000

100,00%

1.622.400

100,00%

1.687.296

Acquisto materie e prodotti

-375.000

-25,00%

-390.000

-25,00%

-405.600

-25,00%

-421.824

-25,00%

Costi per lavorazioni

-450.000

-30,00%

-468.000

-30,00%

-486.720

-30,00%

-506.189

-30,00%

-825.000

-55,00%

-858.000

-55,00%

-892.320

-55,00%

-928.013

-55,00%

TOT. COSTI VARIABILI

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 28

MODALIT DI PAGAMENTO DEI DEBITI DI FORNITURA


Sono state ipotizzate sulla base delle condizioni in corso - tempistiche medie di pagamento
dei debiti di fornitura pari a:

CARBURANTE: 30 giorni;

PRESTAZIONI ESTERNE: per il 40% a 60 giorni, la restante parte (60%) viene


pagata nellimmediato.

Dilazione media dei debiti commerciali10


Indice di rotazione

Esercizio 2005

Dilazione media dei debiti commerciali

Indice di rotazione
Dilazione media dei debiti commerciali

10

Esercizio 2006

21,18

Esercizio 2008

16,26

Esercizio 2009

24,42

Esercizio 2007

23,99

22,23

Esercizio 2010

Esercizio 2011

24,09

24,01

Dilazione media dei debiti commerciali: debiti verso fornitori/(costi per acquisto beni, prestazioni di servizi,

godimento beni di terzi) *365 giorni

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 29

LEVOLUZIONE DEL MARGINE DI CONTRIBUZIONE

Nella seguente tabella vengono riassunti i dati relativi ai ricavi caratteristici aziendali e alle
varie tipologie di costi esterni variabili sopra individuate, se ne pu analizzare un primo
margine netto:
2008
Ricavi
VALORE DELLA PRODUZIONE

2009

2010

2011

1.500.000

100,00%

1.560.000

100,00%

1.622.400

100,00%

1.687.296

100,00%
100,00%

1.500.000

100,00%

1.560.000

100,00%

1.622.400

100,00%

1.687.296

Acquisto materie e prodotti

-375.000

-25,00%

-390.000

-25,00%

-405.600

-25,00%

-421.824

-25,00%

Costi per lavorazioni

-450.000

-30,00%

-468.000

-30,00%

-486.720

-30,00%

-506.189

-30,00%

MARGINE DI CONTRIBUZIONE

675.000

45,00%

702.000

45,00%

730.080

45,00%

759.283

45,00%

Margine di Contribuzione
1.800.000
1.600.000
1.400.000
1.200.000
1.000.000
800.000
600.000
400.000
200.000
0
1
VALORE DELLA PRODUZIONE

Acquisto materie

Costi per lavorazioni

MARGINE DI CONTRIBUZIONE

La rappresentazione numerica prima e grafica poi, evidenziano un complessivo trend


incrementale della marginalit intermedia. Lo sviluppo previsto determina una crescita di
efficacia, non di efficienza: le ipotesi previste sui costi variabili (ipotesi di incremento %
legate al fatturato di tutti i costi variabili) confermano un margine di contribuzione del 45%.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 30

COSTI INTERNI
La societ conta al mese di settembre 2008 un numero di 3 impiegati (di cui 2 part-time
assunti rispettivamente a giugno e settembre c.a.). Per il triennio successivo non si
prevedono assunzioni.
Gli obblighi relativi ai dipendenti sono quelli indicati dal contratto nazionale ARTIGIANI con
14 mensilit.
Le condizioni retributive medie sono state fornite dal management per ciascuna categoria e
vengono qui riportate:
NUMERO

STIPENDIO LORDO MESE


[]

IMPIEGATO FULL TIME

1.800,00

IMPIEGATO PART-TIME

2.000,00

totale

Le aliquote medie contributive a carico del datore di lavoro sono pari al 28% e laliquota TFR
al 7%. In merito alla dinamica attesa del costo del lavoro per effetto dei rinnovi
contrattuali, dellinflazione o dalla politica retributiva adottata si scelto di ipotizzare
sinteticamente un incremento annuo del 3%.
Sulla base delle previsioni pre-dette i costi interni cos registrati dallazienda saranno quelli
riportati nella tabella seguente:

ESERCIZI
Salari e stipendi

2006

2007

2008

2009

2010

2011

10.612

9.276

39.200

54.796

56.440

58.133

2.981

2.920

10.976

15.343

15.803

16277

732

3.901

2.744

3.836

3.951

4069

14.325

16.097

52.920

73.975

76.194

78.479

Contributi
Previdenziali
Quota TFR

TOTALE

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 31

COSTI DI STRUTTURA

I costi indiretti comprendono tutte quelle componenti di costo il cui andamento non risulta
direttamente connesso ai volumi produttivi.
Lo sviluppo degli scenari futuri considera la dinamica storica desumibile dai bilanci analitici
della societ.
Le principali voci di spesa di struttura fanno riferimento a:
2008
Ricavi
VALORE DELLA PRODUZIONE

2009

2010

1.500.000

100,00%

1.560.000

100,00%

1.622.400

2011

100,00%

1.687.296

100,00%

100,00% 1.687.296

100,00%

1.500.000

100,00%

1.560.000

100,00%

1.622.400

Acquisto materie e prodotti

-375.000

-25,00%

-390.000

-25,00%

-405.600

-25,00%

-421.824

Costi per lavorazioni

-450.000

-30,00%

-468.000

-30,00%

-486.720

-30,00%

-506.189

-30,00%

MARGINE DI CONTRIBUZIONE

675.000

45,00%

702.000

45,00%

730.080

45,00%

759.283

45,00%

-28.000

-1,87%

-29.120

-1,87%

-30.284

-1,87%

-31.496

-1,87%

-5.000

-0,33%

-5.200

-0,33%

-5.408

-0,33%

-5.624

-0,33%

-23.000

-1,53%

-23.920

-1,53%

-24.877

-1,53%

-25.875

-1,53%

-4.000

-0,27%

-4.160

-0,27%

-4.326

-0,27%

-4.500

-0,27%

Utenze telefoniche
Consulenze professionali
Altri servizi
Viaggi e trasferte
Spese esercizio automezzi

-25,00%

-120.000

-8,00%

-124.800

-8,00%

-129.792

-8,00%

-134.984

-8,00%

Locazioni immobiliari

-18.000

-1,20%

-18.000

-1,15%

-18.000

-1,11%

-18.000

-1,07%

Canoni leasing

-52.210

-3,48%

-52.175

-3,34%

-49.078

-3,03%

-55.840

-3,31%

-8.000

-0,53%

-8.320

-0,53%

-8.653

-0,53%

-9.000

-0,53%

-150.000

-10,00%

-156.000

-10,00%

-162.240

-10,00%

-168.730

-10,00%

-30.000

-2,00%

-31.200

-2,00%

-32.448

-2,00%

-33.745

-2,00%

Spese e commissioni bancarie

-6.000

-0,40%

-6.240

-0,40%

-6.490

-0,40%

-6.750

-0,40%

Inserzioni pubbl.e promozioni

-2.000

-0,13%

-2.500

-0,16%

-3.000

-0,18%

-3.500

-0,21%

Elaborazione dati

-3.000

-0,20%

-3.120

-0,20%

-3.244

-0,20%

-3.374

-0,20%

Noleggi
Manutenzioni e riparazioni
Assicurazioni

Utenze telefoniche: previsioni in crescita per il 2008

(28.000

Euro)

successivamente incrementi secondo la dinamica dellinflazione;


o

Consulenze professionali: si ipotizza un andamento in crescita secondo la dinamica


dellinflazione;

Altri servizi (oneri diversi di gestione, postali e bollati, cancelleria, multe e sanzioni,
servizi vari, rifiuti, omaggi ed energia): si ipotizza un andamento in crescita secondo
la dinamica dellinflazione;

Viaggi e trasferte: crescita prevista secondo la dinamica dellinflazione;

Spese esercizio automezzi (pedaggi e spese doganali): si ipotizza un andamento in


crescita pari all8% annuo rispetto al fatturato;

Locazioni immobiliari (affitti): si ipotizza un andamento costante negli anni futuri e


pari a 18.000 Euro annui;

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 32

Canoni leasing: andamento costante negli anni e ipotesi di acquisto di n 2


automezzi nuovi nel mese di marzo del 2011 per un valore complessivo di 80.000
Euro ed una durata del contratto di 48 mesi;

Noleggi: si ipotizza un andamento in crescita secondo la dinamica dellinflazione;

Manutenzioni e riparazioni: previsione in crescita nel 2008 (10% sul fatturato) e da


qui si ipotizzato il mantenimento del loro peso sul totale dei ricavi;

Assicurazioni: crescita prevista secondo la dinamica dellinflazione, partendo da


30.000 Euro nel 2008;

Commissioni bancarie: si ipotizza un andamento in crescita secondo la dinamica


dellinflazione a partire da 6 mila Euro nel 2008;

Inserzioni pubblicitarie e promozioni: crescita prevista secondo la dinamica


dellinflazione, partendo da 2.000 Euro nel 2008

Elaborazione dati (software e hardware): si ipotizza un andamento in crescita


secondo la dinamica dellinflazione a partire da 3 mila Euro nel 2008.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 33

CANONI DI LEASING
La T.M.J. TRASPORTI S.a.s. ad oggi controparte di 8 contratti di leasing finanziario le cui
caratteristiche sono di seguito evidenziate.

CONTRATTI

SCADENZA

IMPORTO

RATA
MENSILE

GE MONEY

OTT 2011

39.124

636

MAGGIO 2012

54.635

969,15

GE MONEY

OTT 2013

38.500

578,69

GE CAPITAL

OTT 2010

27.475

548,98

GE MONEY

MAGGIO 2013

36.000

464,4

GE MONEY

FEBB 2011

41.199

686,65

GE MONEY

NOV 2013

38.500

578,69

GE CAPITAL

OTT 2008

12.867

826,67

LOCAT

Si ipotizza poi la stipula, a marzo 2011, di 2 nuovi contratti di leasing pari a 40.000

annui (ipotesi di tasso del 6% annuo, rata mensile, durata 48 mesi) a fronte di investimenti
ordinari relativi ad automezzi nuovi.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 34

IL CAPITALE IMMOBILIZZATO
Lipotesi qui sviluppata tiene conto di una struttura aziendale che si basa sulla composizione
e movimentazione degli impieghi immobilizzati.
Non si pu certamente prescindere dai beni gi esistenti a gennaio 2008 data di inizio della
simulazione ma necessario verificare anche gli ulteriori investimenti e disinvestimenti che
si siano resi necessari per supportare loperativit aziendale.
In relazione agli investimenti esistenti al 01.01.2008, si fatto riferimento puntuale ai dati
storici disponibili, alla natura dei beni acquisiti, alla modalit di finanziamento a copertura
degli investimenti e alla politica di ammortamento adottata.
Le aliquote medie di ammortamento applicate sugli investimenti gi esistenti a gennaio 2008
sono state cos determinate per gli esercizi 2008-2011:
2005
2006
2007
IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI
costo storico
fondo
valore netto contabile
ammortamento dell'esercizio
% ammortamento

44.604
27.193
17.411

52.102
22.247
29.855

61.539
31.819
29.720

5.829

9.165

9.573

13,07%

17,59%

15,56%

2008-2010

20,00%

Nellesercizio sono previsti i seguenti investimenti:

Oggetto

Importo

Data

Riscatto automezzo

7.927,83

Novembre

Aliquota
ammortamento

Pagamento

50%

Novembre 2008

33%

Conferimento

25%

Gennaio 2010

2008
N 2 automezzi

25.000

Dicembre
2008

Attrezzature

20.000

Gennaio 2010

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 35

Entro la fine del 2008 allinterno della T.M.J. TRASPORTI S.a.s. verr conferita la MANCUSO
FRANCESCO D.I. e di conseguenza ci sar il conferimento dei due automezzi sopra elencati
per un valore di 25.000 Euro.

LE FONTI DI FINANZIAMENTO

DEBITI BANCARI A BREVE TERMINE

La societ al 01/09/2008 risulta disporre delle seguenti linee di affidamento a breve termine:

Istituto di credito

Linee di cassa

Linee commerciali

Unicredit Banca

300.000,00

Totale

300.000,00

I FINANZIAMENTI DI TERZI

Al momento della redazione del business plan la societ controparte contrattuale delle seguenti
operazioni di finanziamento a medio termine:

Istituto

UNICREDIT BANCA

Importo

Data

Durata

erogazione

mesi

33.000,00

Giugno

60

2006

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

Periodicit

Scadenza

mensile

Febbraio
2010

pagina n. 36

LE FONTI INTERNE
Con riferimento al Patrimonio Netto si sono ipotizzati accantonamenti annui degli utili (come
storicamente avviene) ad eccezione di Prelievi soci pari a 25 mila Euro annui e laumento del
capitale sociale a 50.000 Euro attraverso lapporto di denaro fresco da parte dei soci pari a
24 mila Euro a fine 2008.
Entro la fine del 2008, infatti, con la modifica della compagine societaria, si avr il
conferimento della MANCUSO FRANCESCO D.I. (con lapporto di due automezzi).

LA GESTIONE FISCALE

La gestione fiscale costituisce un momento importante nella strategia dellimpresa a medio


lungo termine in quanto coinvolge gli aspetti patrimoniali, economici e finanziari dellazienda.
Per gli esercizi 2008-2011 laliquota IRAP pari al 3,9%, cos come da variazione intervenuta
nella recente Finanziaria. Ai fini dellimposta sul valore aggiunto invece laliquota applicata
sulle vendite e sugli acquisti pari al 20%, con la maturazione di posizioni a debito versate
entro il mese successivo a quello di competenza.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 37

C. RIFLESSI ECONOMICI PATRIMONIALI E FINANZIARI


LE SIMULAZIONI PREVISIONALI ECONOMICHE
2008
Ricavi
VALORE DELLA PRODUZIONE

2009

2010

2011

1.500.000

100,00%

1.560.000

100,00%

1.622.400

100,00%

1.687.296

100,00%
100,00%

1.500.000

100,00%

1.560.000

100,00%

1.622.400

100,00%

1.687.296

Acquisto materie e prodotti

-375.000

-25,00%

-390.000

-25,00%

-405.600

-25,00%

-421.824

-25,00%

Costi per lavorazioni

-450.000

-30,00%

-468.000

-30,00%

-486.720

-30,00%

-506.189

-30,00%

MARGINE DI CONTRIBUZIONE

675.000

45,00%

702.000

45,00%

730.080

45,00%

759.283

45,00%

-28.000

-1,87%

-29.120

-1,87%

-30.284

-1,87%

-31.496

-1,87%

-5.000

-0,33%

-5.200

-0,33%

-5.408

-0,33%

-5.624

-0,33%

-23.000

-1,53%

-23.920

-1,53%

-24.877

-1,53%

-25.875

-1,53%

-4.000

-0,27%

-4.160

-0,27%

-4.326

-0,27%

-4.500

-0,27%

-120.000

-8,00%

-124.800

-8,00%

-129.792

-8,00%

-134.984

-8,00%

Locazioni immobiliari

-18.000

-1,20%

-18.000

-1,15%

-18.000

-1,11%

-18.000

-1,07%

Canoni leasing

-52.210

-3,48%

-52.175

-3,34%

-49.078

-3,03%

-55.840

-3,31%

-8.000

-0,53%

-8.320

-0,53%

-8.653

-0,53%

-9.000

-0,53%

-150.000

-10,00%

-156.000

-10,00%

-162.240

-10,00%

-168.730

-10,00%
-2,00%

Utenze telefoniche
Consulenze professionali
Altri servizi
Viaggi e trasferte
Spese esercizio automezzi

Noleggi
Manutenzioni e riparazioni
Assicurazioni

-30.000

-2,00%

-31.200

-2,00%

-32.448

-2,00%

-33.745

Spese e commissioni bancarie

-6.000

-0,40%

-6.240

-0,40%

-6.490

-0,40%

-6.750

-0,40%

Inserzioni pubbl.e promozioni

-2.000

-0,13%

-2.500

-0,16%

-3.000

-0,18%

-3.500

-0,21%

Elaborazione dati

-3.000

-0,20%

-3.120

-0,20%

-3.244

-0,20%

-3.374

-0,20%

225.790

15,05%

237.245

15,21%

252.240

15,55%

257.865

15,28%

Salari e stipendi

-39.200

-2,61%

-54.796

-3,51%

-56.440

-3,48%

-58.133

-3,45%

Contributi previdenziali dipendenti

-10.976

-0,73%

-15.343

-0,98%

-15.803

-0,97%

-16.277

-0,96%

-2.744

-0,18%

-3.836

-0,25%

-3.951

-0,24%

-4.069

-0,24%

172.870

11,52%

163.270

10,47%

176.046

10,85%

179.386

10,63%

-13.603

-0,91%

-24.206

-1,55%

-21.395

-1,32%

-12.813

-0,76%

159.267

10,62%

139.064

8,91%

154.651

9,53%

166.573

9,87%

-22.509

-1,50%

-18.053

-1,16%

-17.497

-1,08%

-12.625

-0,75%

-944

-0,06%

-429

-0,03%

-23

0,00%

0,00%

VALORE AGGIUNTO

Quota TFR dipendenti


MARGINE OPERATIVO LORDO
Ammortamento beni materiali
REDDITO OPERATIVO
Oneri finanziari da Tesoreria
Oneri fin. da Finanziam. ML

135.813

9,05%

120.582

7,73%

137.131

8,45%

153.947

9,12%

Imposte Dirette

Reddito ante imposte

-35.438

-2,36%

-32.425

-2,08%

-36.429

-2,25%

-40.347

-2,39%

Reddito netto

100.375

6,69%

88.157

5,65%

100.702

6,21%

113.601

6,73%

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 38

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

REDDITO NETTO

Imposte correnti

REDDITO ANTE IMPOSTE

Saldo partite straordinarie


Ricavi gest straordinaria
Costi gest straordinaria

REDDITO DI COMPETENZA

Saldo gestione finanziaria


Proventi finanziari
Oneri finanziari

REDDITO OPERATIVO
AZIENDALE

Ammortamenti
Amm.ti immob materiali

MARGINE OPERATIVO LORDO

4.939
-26

1
-25.058

5.829

140.338

-3.150

143.488

4.913

138.575

-25.057

163.632

5.829

169.461

17.219

Costo del personale

449.004
267.443
147.255
32.065
866
1.375

635.684
635.362
322

186.680

267.443

635.362

Valori

Esercizio 2005

VALORE AGGIUNTO

Acquisto di beni
Prestazioni di servizi
Godimento beni di terzi
Accantonamenti
Oneri di gestione

Costi esterni

Valore della produzione


Ricavi di vendita
Altri ricavi e proventi

VOCI

22,08%

-0,50%

22,57%

0,77%
0,78%
0,00%

21,80%

-3,94%
0,00%
-3,94%

25,74%

0,92%
0,92%

26,66%

2,71%

29,37%

70,63%
42,07%
23,16%
5,04%
0,14%
0,22%

100,00%
99,95%
0,05%

7.000
0

0
-30.861

9.165

201.393

649.538

112.450

-6.366

118.816

7.000

111.816

-30.861

142.677

9.165

151.842

16.580

168.422

489.015
201.393
225.757
59.811
729
1.325

657.437
649.538
7.899

Valori

Esercizio 2006

17,10%

-0,97%

18,07%

1,06%
1,06%
0,00%

17,01%

-4,69%
0,00%
-4,69%

21,70%

1,39%
1,39%

23,10%

2,52%

25,62%

74,38%
30,63%
34,34%
9,10%
0,11%
0,20%

100,00%
98,80%
1,20%

0
-478

3
-20.092

9.573

293.911

1.079.298

115.724

-6.381

122.105

-478

122.583

-20.089

142.672

9.573

152.245

16.835

169.080

910.229
293.911
538.423
72.872
3.578
1.445

1.079.309
1.079.298
11

Valori

Esercizio 2007

10,72%

-0,59%

11,31%

-0,04%
0,00%
-0,04%

11,36%

-1,86%
0,00%
-1,86%

13,22%

0,89%
0,89%

14,11%

1,56%

15,67%

84,33%
27,23%
49,89%
6,75%
0,33%
0,13%

100,00%
100,00%
0,00%

Conto Economico a Valore aggiunto (2005 2007)

pagina n. 39

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

REDDITO NETTO

Imposte correnti
100.375

-35.438

135.813

REDDITO ANTE IMPOSTE

-23.453

135.813

-23.453

159.266

REDDITO DI COMPETENZA

Saldo gestione finanziaria


Oneri finanziari

REDDITO OPERATIVO
AZIENDALE

13.604

Ammortamenti
Amm.ti immob immateriali
Amm.ti immob materiali

0
13.604

172.870

MARGINE OPERATIVO LORDO

52.920

Costo del personale

1.274.210
375.000
798.000
78.210
23.000

1.500.000
1.500.000

225.790

375.000

1.500.000

Valori

Esercizio 2008

VALORE AGGIUNTO

Acquisto di beni
Prestazioni di servizi
Godimento beni di terzi
Oneri di gestione

Costi esterni

Valore della produzione


Ricavi di vendita

VOCI

6,69%

-2,36%

9,05%

9,05%

-1,56%
-1,56%

10,62%

0,91%
0,00%
0,91%

11,52%

3,53%

15,05%

84,95%
25,00%
53,20%
5,21%
1,53%

100,00%
100,00%

-18.482

0
24.206

390.000

1.560.000

88.157

-32.425

120.582

120.582

-18.482

139.064

24.206

163.270

73.975

237.245

1.322.755
390.000
830.340
78.495
23.920

1.560.000
1.560.000

Valori

Esercizio 2009

5,65%

-2,08%

7,73%

7,73%

-1,18%
-1,18%

8,91%

1,55%
0,00%
1,55%

10,47%

4,74%

15,21%

84,79%
25,00%
53,23%
5,03%
1,53%

100,00%
100,00%

-17.520

0
21.395

405.600

1.622.400

100.702

-36.429

137.131

137.131

-17.520

154.651

21.395

176.046

76.194

252.240

1.370.160
405.600
863.952
75.731
24.877

1.622.400
1.622.400

Valori

Esercizio 2010

6,21%

-2,25%

8,45%

8,45%

-1,08%
-1,08%

9,53%

1,32%
0,00%
1,32%

10,85%

4,70%

15,55%

84,45%
25,00%
53,25%
4,67%
1,53%

100,00%
100,00%

-12.625

0
12.813

421.824

1.687.296

113.601

-40.347

153.948

153.948

-12.625

166.573

12.813

179.386

78.479

257.865

1.429.431
421.824
898.892
82.840
25.875

1.687.296
1.687.296

Valori

Esercizio 2011

6,73%

-2,39%

9,12%

9,12%

-0,75%
-0,75%

9,87%

0,76%
0,00%
0,76%

10,63%

4,65%

15,28%

84,72%
25,00%
53,27%
4,91%
1,53%

100,00%
100,00%

Conto Economico a Valore Aggiunto (2008 2011)

pagina n. 40

Lanalisi economica stata gi sviscerata in tutte le ipotesi che sottendono la definizione dei
costi e dei ricavi che la compongono.
Si ribadiscono alcune considerazioni:
o

Le previsioni sul valore della produzione sono prudenziali e si basano, per quanto
concerne il 2008 su quanto gi stato fatturato al 31 agosto c.a. con previsioni sugli
ultimi esercizi; per gli esercizi successivi (2009 2011) la crescita ipotizzata (4%
annuo) legata allandamento inflazionistico.

Il Valore aggiunto registra valori superiori al 2006 e 2007; la sua incidenza


percentuale sul valore prodotto si mantiene invece in linea con il 2007 (15% circa).

Il costo del personale registra un incremento rispetto al 2007 a fronte delle nuove
assunzioni nel 2008 che per vanno a supportare laumento del fatturato; Il Margine
Operativo Lordo si attesta all11% circa registrando valori leggermente inferiori agli
anni passati.

Lincidenza degli ammortamenti cresce a fronte dei nuovi investimenti negli


automezzi e nelle attrezzature.

Il saldo della gestione finanziaria si mostra in linea con gli anni precedenti e su
percentuali al di sotto del 2%.

I Risultati netti desercizio dovrebbero quindi beneficiare delle politiche intraprese e


simulate nel presente piano comportando un mantenimento sui valori degli anni
passati.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 41

I RIFLESSI PATRIMONIALI
IMPIEGHI
Crediti verso clienti
Crediti verso l'erario
Altri crediti

Esercizio 2008
Valori in
811.200
3.742
5.900

Esercizio 2009
Valori in

93,32%
0,43%
0,68%

831.648
7.428
5.900

Esercizio 2010
Valori in

95,68%
0,85%
0,68%

915.214
10.853
5.900

Esercizio 2011
Valori in

95,86%
1,14%
0,62%

939.823
13.322
5.900

%
96,98%
1,37%
0,61%

LIQUIDITA' DIFFERITE

820.842

94,43%

844.976

97,21%

931.967

97,61%

959.045

98,97%

CAPITALE CIRCOLANTE

820.842

94,43%

844.976

97,21%

931.967

97,61%

959.045

98,97%

48.414

5,57%

24.207

2,79%

22.812

2,39%

10.000

1,03%

Immobilizzazioni materiali
IMMOBILIZZAZIONI
TOTALE IMPIEGHI

FONTI

48.414

5,57%

24.207

2,79%

22.812

2,39%

10.000

1,03%

869.256

100,00%

869.183

100,00%

954.779

100,00%

969.045

100,00%

Esercizio 2008
Valori in

Esercizio 2009
Valori in

Esercizio 2010
Valori in

Esercizio 2011
Valori in

Debiti verso banche


Debiti verso fornitori
Debiti verso l'erario

270.645
102.280
14.137

31,14%
11,77%
1,63%

207.743
106.371
14.753

23,90%
12,24%
1,70%

211.051
110.626
15.436

22,10%
11,59%
1,62%

127.751
115.051
15.906

13,18%
11,87%
1,64%

PASSIVITA' CORRENTI

387.062

44,53%

328.867

37,84%

337.113

35,31%

258.708

26,70%

11.173
2.744
10.658

1,29%
0,32%
1,23%

2.302
6.580
10.658

0,26%
0,76%
1,23%

0
10.530
10.658

0,00%
1,10%
1,12%

0
14.600
10.658

0,00%
1,51%
1,10%

Debiti verso banche


Fondo T.F.R.
Fondi per rischi ed oneri
PASSIVITA' CONSOLIDATE
CAPITALE DI TERZI
Capitale Sociale
Riserve
Risultati esercizi precedenti
Risultato dell'esercizio

24.575

2,83%

19.540

2,25%

21.188

2,22%

25.258

2,61%

411.637

47,36%

348.407

40,08%

358.301

37,53%

283.966

29,30%

50.000
307.244
0
100.375

5,75%
35,35%
0,00%
11,55%

50.000
282.244
100.375
88.157

5,75%
32,47%
11,55%
10,14%

50.000
257.244
188.532
100.702

5,24%
26,94%
19,75%
10,55%

50.000
232.244
289.234
113.601

5,16%
23,97%
29,85%
11,72%

PATRIMONIO NETTO

457.619

52,64%

520.776

59,92%

596.478

62,47%

685.079

70,70%

TOTALE FONTI

869.256

100,00%

869.183

100,00%

954.779

100,00%

969.045

100,00%

Il capitale investito cresce leggermente tra il 2008 ed il 2011 a fronte soprattutto


dellincremento dei crediti commerciali, influenzati dallaumento dei ricavi desercizio. Inoltre
gli investimenti in automezzi effettuati nel 2011 sono stati finanziati attraverso il leasing,
quindi non vengono evidenziati nello schema patrimoniale sopra evidenziato.
Il capitale circolante caratterizzato da:
o

crediti commerciali in crescita; trend del fatturato e della stagionalit infra-annuale


del fatturato, stante i tempi di incasso simulati.

Le fonti aziendali sono caratterizzate da:


o

Patrimonio Netto: una sempre pi elevata capitalizzazione aziendale a fronte dei


maggiori utili realizzati accantonati a riserva e allaumento di capitale sociale
(aumento dellindicatore di indipendenza finanziaria).

Passivit consolidate: una contrazione del peso delle fonti a medio-lungo


termine dal 2010 a fronte del naturale esdebitamento del finanziamento bancario.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 42

Passivit correnti: una prevalenza tra queste dellindebitamento commerciale e di

quello finanziario.
La struttura patrimoniale si mantiene equilibrata negli anni:
o

Le immobilizzazioni aziendali, che daranno una utilit economica pluriennale, sono


coperte dal Patrimonio Netto e dalle fonti a medio-lungo termine;

Leventuale tempestivo esdebitamento delle passivit correnti garantito dalle


liquidit differite.

I FLUSSI FINANZIARI
2008
Incasso crediti commerciali
Incasso altri crediti
Pagamento debiti commerciali

2009

2010

2011

1.700.896

1.851.552

1.863.314

6.302

2.000.147
0

-1.017.490 -1.026.245 -1.067.295

-1.109.987

Pagamento stipendi

-23.912

-33.426

-34.428

Versamento ritenute e contributi

-21.172

-36.561

-37.657

-38.787

-489.452

-524.522

-538.897

-565.810

Pagamento costi di struttura


Pagamento altri debiti

-35.461

-163

Versamento Imposte Indirette

-49.807

-79.434

-79.668

-86.362

Versamento Imposte Dirette

-39.181

-36.110

-39.855

-42.816

Totale flussi della gestione operativa

66.021

115.255

65.514

120.925

Apporto capitale

24.000

Rimborso rate finanziamenti

-9.300

-9.300

-2.325

Dividendi

-25.000

-25.000

-25.000

-25.000

Addebito oneri fin. da tesoreria

-22.509

-18.053

-17.497

-12.625

-32.809

-52.353

-44.822

-37.625

-8.756

-24.000

-8.756

-24.000

Saldo Tesoreria Periodo Precedente

-295.100

-270.645

-207.743

-211.051

Saldo Tesoreria del Periodo

-270.645

-207.743

-211.051

-127.751

Totale flussi della Gestione Patrimoniale


Pagamento Investimenti
Totale flussi della Gestione Investimenti

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 43

D. CONCLUSIONI
Il presente lavoro ha esplicitato, in tutte le sue ipotesi, il piano di impresa della TMJ
TRASPORTI S.a.s. per quanto concerne il periodo 2008-2011.
Lintenzione di analizzare nel dettaglio le componenti economiche ed i riflessi finanziari delle
stesse stata manifestata dal management al fine di valutare limpatto sulla gestione di
scenari alternativi quali:
o

Ipotesi di mercato costante: si ritiene non sia necessario il trasferimento


dellattivit e se ne esplicitato il progetto imprenditoriale nel piano qui sopra
redatto.

Opportunit di espandere lattivit attuale affiancando ad essa quella di logistica


sempre nel settore dei trasporti privati: tale ipotesi (analizzata nel parte
ALLEGATI) si concretizzer necessariamente successivamente al trasferimento

dellazienda in una nuova unit operativa.


A fine 2008 lazienda sar conferitaria di una ditta individuale di trasporti, tale investimento
si affianca ad altri relativi prevalentemente ad attrezzature ed automezzi.
La simulazione finanziaria riportata alla pagina precedente riflesso della pianificazione
economica e patrimoniale - evidenzia come, col verificarsi delle ipotesi descritte nel presente
piano, sussiste la fattibilit finanziaria del piano dimpresa.
La contrazione del saldo di tesoreria di breve periodo fisiologico ancorch raffrontato allo
sviluppo aziendale previsto.
Come mostra lanalisi infra-annuale dei flussi di cassa le linee di credito a breve termine
concesse appaiono idonee a sostenere lo sviluppo in atto ancorch si concretizzino le ipotesi
descritte.
Con riferimento al Patrimonio Netto si sono ipotizzati accantonamenti annui degli utili (come
storicamente avviene) ad eccezione di Prelievi soci pari a 25 mila Euro annui e lapporto di
capitale sociale pari a 24 mila Euro a fine 2008.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 44

Esposizione infra annuale

Di
ce
m
br
e

em
br
e
No
v

br
e
tto
O

te
m
br
e
Se
t

Ag
os
to

Lu
gl
io

Gi
ug
no

ag
gi
o
M

e
Ap
ril

o
ar
z
M

bb
ra
io

-50.000

Fe

Ge
nn
ai

-100.000
-150.000
-200.000
-250.000
-300.000
-350.000
Anno 2008

Anno 2009

Anno 2010

Anno 2011

Concesso

Tali azioni consentono inoltre di beneficiare non solo di una contrazione dellonerosit
finanziaria unitaria, ma anche di un miglior posizionamento degli indicatori e dei margini
patrimoniali, economici e finanziari.
Landamento di tali indicatori, specchio della realt aziendale, rappresentano inoltre a tutti gli
effetti valori di riferimento per i giudizi di rating che misureranno la valutazione creditizia e di
merito aziendale e che su questa baseranno il costo dellacquisto di denaro.
Lanalisi dinamica condotta e qui esposta evidenzia quindi leconomicit e la sostenibilit
finanziaria del piano aziendale, nonch la sua fattibilit e coerenza complessiva, sulla base
delle ipotesi indicate.
Analogamente, come possono evidenziare i dati presenti negli allegati, il miglioramento nel
quadriennio dei flussi finanziari della gestione operativa pu costituire uno strumento di
garanzia a rimborso degli impegni intrapresi.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 45

E. ALLEGATI

A dettaglio e supporto di quanto precedentemente esposto si allegano:


o

IPOTESI 2: Affiancamento allattivit di core business della LOGISTICA


TRASPORTI e spostamento dellattivit in ununica sede (acquisto immobile).

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 46

DESCRIZIONE DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: IPOTESI 2


Come gi esplicitato si analizza qui di seguito lipotesi alternativa del progetto
imprenditoriale nel caso di: affiancamento allattivit di core business della LOGISTICA
TRASPORTI per nuovi clienti. Tale sviluppo aziendale richiederebbe lo spostamento
dellattivit in ununica sede (ipotesi acquisto immobile).

ANDAMENTO DEI RICAVI


2006
Fatturato
Crescita ripetto l'es. precedente
TOT. RICAVI

2007

2008

2009

2010

2011

648.108

1.079.298
66,53%

1.500.000
38,98%

2.000.000
33,33%

2.500.000
25,00%

3.000.000
20,00%

648.108

1.079.299

1.500.000

2.000.000

2.500.000

3.000.000

Landamento dei ricavi stato stimato partendo da dati certi, sulla base di valutazioni di
sviluppo assolutamente prudenziali. Per quanto riguarda il 2008 si mantengono le
caratteristiche descritte nellipotesi 1. Negli esercizi successivi si ipotizzata una crescita
annua in valori assoluti pari a 500 mila Euro, a fronte dellampliamento dellattivit. Inoltre le
modalit di incasso dei corrispettivi sono state mantenute identiche a quanto ipotizzato
precedentemente.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 47

ANDAMENTO DEI COSTI


2008
Ricavi

1.500.000

VALORE DELLA PRODUZIONE

100,00%

2010

100,00%

2.500.000

100,00%

2.000.000 100,00%

2011
3.000.000

100,00%

2.500.000

100,00%

Acquisto materie e prodotti

-375.000

-25,00%

-500.000

-25,00%

-625.000

-25,00%

-750.000

Costi per lavorazioni

-450.000

-30,00%

-600.000

-30,00%

-750.000

-30,00%

-900.000

-30,00%

-825.000

-55,00%

-1.100.000

-55,00%

-1.375.000

-55,00%

-1.650.000

-55,00%

675.000

45,00%

900.000

45,00%

1.125.000

45,00%

1.350.000

45,00%

-28.000

-1,87%

-30.184

-1,51%

-32.599

-1,30%

-35.207

-1,17%

-5.000

-0,33%

-5.200

-0,26%

-5.408

-0,22%

-5.624

-0,19%

-23.000

-1,53%

-23.920

-1,20%

-24.877

-1,00%

-25.875

-0,86%

-4.000

-0,27%

-4.320

-0,22%

-4.666

-0,19%

-5.039

-0,17%

-120.000

-8,00%

-160.000

-8,00%

-200.000

-8,00%

-240.000

-8,00%

Locazioni immobiliari

-18.000

-1,20%

-12.000

-0,60%

0,00%

0,00%

Canoni leasing

-52.210

-3,48%

-55.933

-2,80%

-79.139

-3,17%

-89.659

-2,99%
-0,30%

TOT. COSTI VARIABILI


MARGINE DI CONTRIBUZIONE
Utenze telefoniche
Consulenze professionali
Altri servizi
Viaggi e trasferte
Spese esercizio automezzi

Noleggi

1.500.000 100,00%

2009
2.000.000

3.000.000 100,00%
-25,00%

-8.000

-0,53%

-8.320

-0,42%

-8.653

-0,35%

-9.000

-150.000

-10,00%

-170.000

-8,50%

-175.000

-7,00%

-225.000

-7,50%

-30.000

-2,00%

-35.000

-1,75%

-40.000

-1,60%

-45.000

-1,50%

-6.000

-0,40%

-6.480

-0,32%

-6.998

-0,28%

-7.558

-0,25%

0,00%

-20.000

-1,00%

-50.000

-2,00%

-60.000

-2,00%

Inserzioni pubbl.e promozioni

-2.000

-0,13%

-2.500

-0,13%

-3.000

-0,12%

-3.500

-0,12%

Elaborazione dati

-3.000

-0,20%

-5.000

-0,25%

-10.000

-0,40%

-12.000

-0,40%

225.790

15,05%

361.143

18,06%

484.660

19,39%

586.538

19,55%

Manutenzioni e riparazioni
Assicurazioni
Spese e commissioni bancarie
Costi di logistica

VALORE AGGIUNTO
Salari e stipendi

-39.200

-2,61%

-67.296

-3,36%

-140.490

-5,62%

-152.945

-5,10%

Contributi previdenziali dipendenti

-10.976

-0,73%

-18.843

-0,94%

-39.337

-1,57%

-42.824

-1,43%

Quota TFR dipendenti


MARGINE OPERATIVO LORDO

-2.744

-0,18%

-4.711

-0,24%

-9.834

-0,39%

-10.706

-0,36%

172.870

11,52%

270.293

13,51%

294.999

11,80%

380.063

12,67%

Si riportano a seguire solamente i costi che, con riferimento allipotesi 1, si modificano:


o

Materia prima: mantenimento incidenza al 25% sul fatturato;

Lavorazione Esterna: mantenimento incidenza al 30% sul fatturato;

Utenze telefoniche: incremento dell8% annuo rispetto allesercizio precedente;

Viaggi e trasferte: incremento dell8% annuo rispetto allesercizio precedente;

Spese esercizio automezzi (pedaggi): mantenimento incidenza all8% sul fatturato;

Locazioni Immobiliari (affitti): mantenimento dei canoni daffitto (18.000 Euro


annui) fino ad agosto del 2009, mese in cui si ipotizzato leventuale trasloco nella
nuova sede operativa di propriet dellazienda;

Manutenzioni e riparazioni: nel corso del 2009 verr assunta una persona per
svolgere internamente la manutenzione dei vari automezzi, quindi, partendo dai
valori dellipotesi 1, tale voce stata ridotta dellimporto imputabile a tale servizio
esternalizzato (75.000 Euro annui circa) a partire dal 2010 in poi, il 2009 ne risente
solo in parte;

Assicurazione: si ipotizzato un incremento annuo di 5.000 Euro, partendo dai 30


mila Euro del 2008, tale aumento in relazione allacquisto pianificato di nuovi
automezzi (vedi paragrafo Investimenti);

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 48

Commissioni bancarie: incremento dell8% annuo rispetto allesercizio precedente,


per lincremento delle linee bancarie;

Costi di logistica: costi prudenzialmente stimati pari a 20.000 Euro a partire dal
2009 a fronte di eventuali spese concernenti la nuova attivit ad oggi difficilmente
stimabili;

Elaborazione dati: costi prudenzialmente stimati pari a 5.000 Euro a partire dal
2009 a fronte di eventuali spese concernenti la nuovo attivit ad oggi difficilmente
stimabili;

Costo del personale: oltre ai costi gi descritti nella precedente ipotesi, si prevede
lassunzione a tempo pieno di n. 1 persona da settembre 2009 e di n. 2 persone da
marzo 2010, le caratteristiche contrattuali sono identiche a quelle gi illustrate
precedentemente.

Le modalit di pagamento dei debiti di fornitura non sono state modificate.

INVESTIMENTI
Partendo dai beni gi esistenti a gennaio 2008 data di inizio della simulazione e dagli
investimenti in automezzi ed attrezzature gi stimati nellipotesi 1 si prevedono:
o

Acquisto di ulteriori 3 automezzi (n. 1 a settembre 2009 e n. 2 a marzo 2010) in


leasing per un importo totale pari a 120.000 Euro (ipotizzando tasso annuo del 6%,
rata mensile, durata 48 mesi).

Aliquota

Oggetto

Importo

Data

Capannone

300.000,00

Febbraio 2009

3%

Giugno 2009

Impianti

50.000

Aprile 2009

20%

Luglio 2009

Muletto e arredi

50.000

Giugno 2009

20%

Settembre 2010

ammortamento

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

Pagamento

pagina n. 49

FONTI DI FINANZIAMENTO
A fronte degli investimenti sopra descritti si prevede laccensione di 2 nuovi finanziamenti
bancari con le seguenti caratteristiche:

Investimento

CAPANNONE

Importo

Data

Durata

erogazione

mesi

300.000

Luglio 2009

180 con

Tasso
Periodicit

variabile
annuo

mensile

6%

mensile

6%

ipoteca
IMPIANTI E

100.000

Luglio 2009

60

ARREDI

Per quanto riguarda il Patrimonio Netto si considerano valide le medesime previsioni


presenti nellipotesi 1, lunica modifica riguarda il prelievo soci che a partire dal 2010 si
ipotizza incrementato a 50.000 Euro annui in totale.

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 50

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

REDDITO NETTO

Imposte correnti
100.375

-35.439

135.814

REDDITO ANTE IMPOSTE

-23.453

135.814

-23.453

159.267

REDDITO DI COMPETENZA

Saldo gestione finanziaria


Oneri finanziari

REDDITO OPERATIVO
AZIENDALE

13.603

Ammortamenti
Amm.ti immob materiali

13.603

172.870

MARGINE OPERATIVO LORDO

52.920

Costo del personale

1.274.210
375.000
821.000
78.210

1.500.000
1.500.000

225.790

375.000

1.500.000

Valori

Esercizio 2008

VALORE AGGIUNTO

Acquisto di beni
Prestazioni di servizi
Godimento beni di terzi

Costi esterni

Valore della produzione


Ricavi di vendita

VOCI

6,69%

-2,36%

9,05%

9,05%

-1,56%
-1,56%

10,62%

0,91%
0,91%

11,52%

3,53%

15,05%

84,95%
25,00%
54,73%
5,21%

100,00%
100,00%

-34.900

33.873

500.000

2.000.000

148.453

-53.067

201.520

201.520

-34.900

236.420

33.873

270.293

90.850

361.143

1.638.857
500.000
1.062.604
76.253

2.000.000
2.000.000

Valori

Esercizio 2009

7,42%

-2,65%

10,08%

10,08%

-1,75%
-1,75%

11,82%

1,69%
1,69%

13,51%

4,54%

18,06%

81,94%
25,00%
53,13%
3,81%

100,00%
100,00%

-51.830

50.395

625.000

2.500.000

137.283

-55.491

192.774

192.774

-51.830

244.604

50.395

294.999

189.661

484.660

2.015.340
625.000
1.302.548
87.792

2.500.000
2.500.000

Valori

Esercizio 2010

5,49%

-2,22%

7,71%

7,71%

-2,07%
-2,07%

9,78%

2,02%
2,02%

11,80%

7,59%

19,39%

80,61%
25,00%
52,10%
3,51%

100,00%
100,00%

-52.515

41.812

750.000

3.000.000

207.344

-78.392

285.736

285.736

-52.515

338.251

41.812

380.063

206.475

586.538

2.413.462
750.000
1.564.803
98.659

3.000.000
3.000.000

Valori

Esercizio 2011

6,91%

-2,61%

9,52%

9,52%

-1,75%
-1,75%

11,28%

1,39%
1,39%

12,67%

6,88%

19,55%

80,45%
25,00%
52,16%
3,29%

100,00%
100,00%

RIFLESSI ECONOMICI

pagina n. 51

RIFLESSI PATRIMONIALI
IMPIEGHI

Esercizio 2008
Valori in

Esercizio 2009
Valori in

Esercizio 2010
Valori in

Esercizio 2011
Valori in

Crediti verso clienti


Crediti verso l'erario
Altri crediti

811.200
3.742
5.900

93,32%
0,43%
0,68%

981.600
7.643
5.900

69,63%
0,54%
0,42%

1.248.000
13.431
5.900

75,57%
0,81%
0,36%

1.437.600
19.322
5.900

79,64%
1,07%
0,33%

LIQUIDITA' DIFFERITE

820.842

94,43%

995.143

70,59%

1.267.331

76,74%

1.462.822

81,04%

RIMANENZE
CAPITALE CIRCOLANTE
Immobilizzazioni materiali
IMMOBILIZZAZIONI
TOTALE IMPIEGHI

FONTI

0,00%

0,00%

0,00%

0,00%

820.842

94,43%

995.143

70,59%

1.267.331

76,74%

1.462.822

81,04%

48.414

5,57%

414.541

29,41%

384.146

23,26%

342.333

18,96%

48.414

5,57%

414.541

29,41%

384.146

23,26%

342.333

18,96%

869.256

100,00%

1.409.684

100,00%

1.651.477

100,00%

1.805.155

100,00%

Esercizio 2008
Valori in

Debiti verso banche


Debiti verso fornitori
Debiti verso l'erario

270.645
102.280
14.137

31,14%
11,77%
1,63%

PASSIVITA' CORRENTI

Esercizio 2009
Valori in
263.714
136.564
21.241

Esercizio 2010
Valori in

18,71%
9,69%
1,51%

397.638
166.653
30.717

%
24,08%
10,09%
1,86%

Esercizio 2011
Valori in
373.395
200.948
34.440

%
20,68%
11,13%
1,91%

387.062

44,53%

421.519

29,90%

595.008

36,03%

608.783

33,72%

Debiti verso banche


Fondo T.F.R.
Fondi per rischi ed oneri

11.173
2.744
10.658

1,29%
0,32%
1,23%

388.980
7.455
10.658

27,59%
0,53%
0,76%

360.167
17.289
10.658

21,81%
1,05%
0,65%

332.020
27.995
10.658

18,39%
1,55%
0,59%

PASSIVITA' CONSOLIDATE

24.575

2,83%

407.093

28,88%

388.114

23,50%

370.673

20,53%

411.637

47,36%

828.612

58,78%

983.122

59,53%

979.456

54,26%

50.000
307.244
0
100.375

5,75%
35,35%
0,00%
11,55%

50.000
282.244
100.375
148.453

3,55%
20,02%
7,12%
10,53%

50.000
232.244
248.828
137.283

3,03%
14,06%
15,07%
8,31%

50.000
182.244
386.111
207.344

2,77%
10,10%
21,39%
11,49%

PATRIMONIO NETTO

457.619

52,64%

581.072

41,22%

668.355

40,47%

825.699

45,74%

TOTALE FONTI

869.256

100,00%

1.409.684

100,00%

1.651.477

100,00%

1.805.155

100,00%

CAPITALE DI TERZI
Capitale Sociale
Riserve
Risultati esercizi precedenti
Risultato dell'esercizio

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

pagina n. 52

RIFLESSI FINANZIARI
2008
Incasso crediti commerciali

2010

2011

2.229.600

2.733.600

3.410.400

6.302

Incasso altri crediti


Pagamento debiti commerciali

2009

1.700.896

-1.017.490 -1.292.040 -1.622.040 -1.952.040

Pagamento stipendi

-23.912

-41.051

-85.699

-93.296

Versamento ritenute e contributi

-21.172

-41.586

-88.510

-102.046

-489.452

-600.008

-716.880

-851.308

-163

Versamento Imposte Indirette

-49.807

-88.923

-138.473

-172.522

Versamento Imposte Dirette

-39.181

-56.967

-61.279

-84.282

Totale flussi della gestione operativa

66.021

109.025

20.718

154.906

24.000

400.000

Pagamento costi di struttura


Pagamento altri debiti

Apporto capitale
Erogazione finanziamenti
Rimborso rate finanziamenti

-9.300

-35.945

-51.316

-48.991

Dividendi

-25.000

-25.000

-50.000

-50.000

Addebito oneri fin. da tesoreria

-22.509

-21.148

-29.327

-31.671

-32.809

317.907

-130.643

-130.662

-8.756

-420.000

-24.000

-8.756

-420.000

-24.000

Saldo Tesoreria Periodo Precedente

-295.100

-270.645

-263.714

-397.638

Saldo Tesoreria del Periodo

-270.645

-263.714

-397.638

-373.395

Totale flussi della Gestione Patrimoniale


Pagamento Investimenti
Totale flussi della Gestione Investimenti

E evidente come, anche nellipotesi di spostamento ed ampliamento dellattivit aziendale,


una gestione operativa dei flussi di cassa positiva e crescente costituisce uno strumento di
garanzia a rimborso degli impegni intrapresi.
In questa seconda ipotesi lampliamento del giro daffari richieder un ampliamento delle
linnee di credito a breve termine concesse dagli Istituti di Credito fino a circa 500 mila Euro
come mostra il grafico qui di seguito riportato.
Esposizione infra annuale

em
br
e
Di
c

br
e

em
br
e
No
v

tto
O

to
os

te
m
br
e
Se
t

Ag

Lu
gl
io

Gi
ug
no

ag
gi
o
M

Ap
ril
e

o
ar
z
M

bb
ra
io

-100.000

Fe

Ge
nn
ai

-200.000

-300.000

-400.000

-500.000

-600.000
Anno 2008

Anno 2009

Anno 2010

Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s

Anno 2011

concesso

pagina n. 53