Sei sulla pagina 1di 4

SULLA NATURA

Come lArte [lAlchimia] imita la Natura, cos la Natura imita la creazione divina. Ma la Genesi
duplice: primaria e secondaria.
Nella primaria, Dio onnipotente ed eterno, il cui inizio non ha fne, la cui Saggezza era dal
principio e proviene dalleternit, con il suo FIAT ha creato Cielo e Terra, e tutto ci che vi contenuto,
di visibile o invisibile: Dalla parola del Signore furono fatti i cieli, dal sofo della bocca ogni loro schiera
(Salmi 33,6).
Si tratta di una mescolanza meravigliosa, un fuoco acquoso o unacqua ignea, senza la quale
nessuna creatura pu mantenersi in vita.
Il Khunrath (nel suo Anfteatro) ne d questa defnizione: unacqua igneo-spiritiforme. un
latex eterico che penetra tutti i corpi della massa sublunare, difuso attraverso e in tutte le cose per
volont di Dio, e nulla privato della sua scintilla.
Questo il principio della Creazione e a tale Elemento puro, a tale acqua primordiale i Saggi
attribuiscono:
- Due propriet: una Potenza attiva e una Potenza passiva
- Tre atti primordiali: lHyl o corpo, lArcheo o anima, lAzoth o spirito, medio tra i due, loro
ministro
- Quattro strumenti o qualit primarie: Caldo, Freddo, Umido e Secco.
La sua comparsa corrisponde al primo grado della Genesi.
Latex etereo
Potenza attiva e Potenza passiva
Hyl, Archeo, Azoth
corpo anima spirito
Caldo, Freddo, Umido, Secco
Potenza
Atto
Tetraktis Pitagorica
conosciuta anche
come 4=10
1 Principio della Creazione
(o acqua igneo-spiritiforme)
2 Propriet
3 Atti Primordiali
4 Strumenti o Principi
1 Un Primo Essere
2 Due Contrari
3 Tre Principi
4
4 Fuoco, Aria, Acqua e Terra
3 Zolfo, Sale e Mercurio
2 Zolfo vivo e Mercurio vivo
1 Mercurio dei Saggi o Spirito
Universale o Primo Corpo
10
10
Quattro Elementi
In un secondo momento messa in atto la sua separazione [dellAcqua Primordiale o Princi-
pio della Creazione] in quattro parti o Elementi:
- Fuoco: [ ]
- Aria: [ ]
- Acqua: [ ]
- Terra: [ ]
Ciascuno di essi gode di:
- qualit proprie
- qualit appropriate
Secondo le prime [qualit proprie]:
- il Fuoco caldo
- lAria umida
- lAcqua fredda
- la Terra secca
Ma se guardiamo anche le seconde [le qualit appropriate], allora il Fuoco, per esempio, pu
essere caldo-umido o caldo-secco.
Questi quattro Elementi sono i corpi semplici di cui si compongono i misti [corpi o composti].
Dunque lacqua di un mare o di un lago non sar lElemento puro Acqua, bens una mescolanza dei
quattro Elementi in proporzioni diverse.
Dalla riunione degli Elementi, o Principi, derivano tre Principiati, o Misti Superiori.
Il primo lo Zolfo, essenza riscaldante composta di Fuoco e Aria, presente in ogni corpo con la
funzione di sede e insieme di comunicazione del calore innato, capace di ricevere e poi distribuire gli
infussi ignei e celesti a tutte le parti del corpo, in grado anche di attirare e trattenere lodore e la tintura
di tutte le cose.
Il secondo il Sale, un misto di Acqua e Aria accomunate dallumidit, causa della soluzione
e della solidifcazione [o coagulazione] degli altri Principi, presente in tutti i corpi di cui apre i pori,
capace di ricevere e incamerare gli infussi umidi e caldi.
Il terzo, infne, il Mercurio, freddo comune allAcqua e alla Terra, sede dellUmido Radicale
che conserva e alimenta, in grado di sciogliere il Sale che coadiuva nello scioglimento di tutte le cose,
capace di ricevere e trattenere gli infussi umidi e freddi che comunica al corpo in cui risiede.
Da questi tre Principiati ne discendono altri due: Misti Secondi che a loro volta portano il
nome di Mercurio e Zolfo [!].
Il Mercurio prima freddo, con laggiunta del Sale diviene caldo, umido, digerente e per questo
chiamato Mercurio vivo, le sue qualit particolari sono quelle di portare ad efetto e maturare il seme,
seguendo il ruolo femminile del nutrimento per la crescita: esso il Mestruo del Mondo.
Lo Zolfo, che prima era riscaldante, ora diventa, con laggiunta del Sale, coagulante e fssante, e
per questo chiamato Zolfo vivo; quando contiene i semi della Natura, che poi introduce nella giusta
matrice dove sono digeriti e specifcati, assume il ruolo maschile di Sperma della Natura nella gene-
razione e nella moltiplicazione; esso anche il Magnete che attira a s lo spirito del Mercurio vivo.
Dallintima unione di questi due Principi si genera il Principio Principiato ultimo, il Mercurio
dei Saggi. Esso il Proteo che pu mutare le forme e laspetto, lErmafrodita che possiede la natura
femminile e maschile nello stesso tempo.
Qualora si allontani dallo stato mercuriale, cambia nome, segno e fgura a seconda dei nuovi
gradi di digestione: se si trova nel grado di decozione del Sale, allora diventer Sale e assumer la sua
natura e la sua qualit; se si trova, invece, nel grado di digestione dello Zolfo vivo, allora prender il
nome di Zolfo e ne assumer la natura, la forza e laspetto.
Il Mercurio dei Saggi chiamato anche Spirito Universale.
Spirito e non corpo [il Mercurio dei Saggi o Spirito Universale], perch la sua materia mol-
to sottile, quasi spirituale. Esso il principio di tutte le cose appartenenti ai tre regni, quello animale,
quello vegetale e quello minerale, di ogni specie e sesso.
PRINCIPIO DELLA CREAZIONE
o ACQUA IGNEO-SPIRITIFORME
1
2
3
4
3
Principi principiati
o Misti superiori
Misti secondi
Principio principiato ultimo
Principio della creazione
(Primo essere)
Propriet
(Contrari)
Atti Primordiali
(Principi)
Strumenti
o Principi
(Elementi)
2
1
POTENZA
attiva
POTENZA
passiva
ARCHEO
anima
HYL
corpo
AZOTH
spirito
FUOCO CALDO ARIA UMIDO ACQUA FREDDO
TERRA SECCO
secco e caldo
ZOLFO
riscaldante
maschile femminile
ZOLFO VIVO
coagulante e fssante
SPERMA DELLA NATURA
MAGNETE
MERCURIO VIVO
caldo, umido e digerente
NUTRIMENTO
MESTRUO DEL MONDO
MERCURIO DEI SAGGI
o SPIRITO UNIVERSALE
MERCURIO
rinfrescante
SALE
solidifcazione e soluzione
caldo e umido umido e freddo freddo e secco
PRINCIPIO DELLA CREAZIONE
o Acqua Igneo-Spiritiforme
S
E
P
A
R
A
Z
I
O
N
E
C
O
A
G
U
L
A
Z
I
O
N
E

(
e
t

c
o
a
g
u
l
a
)
R
I
U
N
I
O
N
E
S
O
L
U
Z
I
O
N
E

(
s
o
l
v
e
)
MERCURIO DEI SAGGI
o Spirito Universale
La nascita naturale delle cose stata ordinata secondo due sistemi, luno che non necessita e
laltro che, al contrario, necessita della copulazione.
Questo Spirito Universale circola nellaria in abbondanza, sebbene molto diluito, e viene at-
tirato anche dagli animali attraverso la respirazione; esso viene poi digerito, mischiato al seme e tra-
sformato, poi trasferito nella femmina e mutato in umore mestruale. Nel corpo di sesso femminile,
grazie allassimilazione degli alimenti, questo Spirito-seme-mestruo si fa succo, e sangue, poi sostanza
animale.
Nelle piante esso viene attratto dalla forza della Magnesia, comunemente chiamata linfa, e tra-
mutato con la digestione vegetale.
Cos nel regno dei minerali, dove la Magnesia attira lo Spirito Universale, immesso da aria,
vento e acqua, poi trattenuto.
(Michael Sendivogius o Cosmopolita, Epistolario, Edizioni Ninfee; Nota al testo, di Jakob Phanus. Il testo latino contenuto in J.J.
Manget, Biblioteca Curiosa, tomo II, Ginevra 1702).
Documentazione scientifca di informazione riservata esclusivamente alle persone qualifcate nei settori di medicina, alimentazione e farmacia
(Direttiva CEE 89/398 documentazione riservata esclusivamente alle persone qualifcate ai sensi dellart. 6 comma 2 D.Lgs. 111/1992).