Sei sulla pagina 1di 7

Costituzione semeiotico-biofisica reumatica, gottosa, osteoporotica ed artrosica.

A cura di Sergio Stagnaro (Tratto con alcune modifiche dal volume Semeiotica Biofisica. Microangiologia clinica, Stagnaro-Neri Marina e Stagnaro Sergio, in avanzata preparazione). Premessa. Per un sicuro apprendimento di quanto segue, consigliabile la lettura preliminare del lavoro introduttivo Costituzioni SemeioticoBiofisiche , in rete nel sito citato e in !!!.Staibene.it, "ovembre #$$%. Introduzione..................................................................................................................................1 Metodo..........................................................................................................................................3 o!tituzione reumatica................................................................................................................." o!tituzione o!teoporotica..........................................................................................................." co!tituzione artro!ica...................................................................................................................." co!tituzione gotto!a......................................................................................................................" onclu!ione..................................................................................................................................# $i%liografia...................................................................................................................................&

Introduzione.
Negli anni '(), mediante una diapo!itiva proiettata in occa!ione di numero!e conferenze e congre!!i, nazionali e mondiali, a%%iamo illu!trato i concetti alla %a!e della definizione !emeiotico%iofi!ica delle differenti co!tituzioni con l'efficace analogia di un al%ero, le cui radici e tronco rappre!entavano l'Istangiopatia Congenita Acidosica Enzimo-Metabolica- (I *+M-) (1, ,, 3, ") (-. !ito ./N ode ,3303&, 111.!emeiotica%iofi!ica.it), mentre i numero!i rami raffiguravano le malattie meta%oliche-endocrine, l'iperten!ione arterio!a, la litia!i epato-renale, i tumori, ecc. ompren!i%ilmente non avevamoancora raggiunto, allora, il nece!!ario %agaglio di cono!cenze !emeiotico-%iofi!iche, indi!pen!a%ile per !uggerire l'attuale teoria delle differenti co!tituzioni. Infatti, la Semeiotica-Biofisica e la Microangiologia Clinica hanno avuto origine !ucce!!ivamente, nel 122), e !i !ono lentamente !viluppate. Se 3 facile evidenziare il 4legame5, genetico nella !ua natura, e!i!tente tra le pi6 gravi malattie umane, cio3 I *+M-, non 3 affatto facile illu!trare in modo !intetico le 4differenze5 che contraddi!tinguono l'e!pre!!ione del genoma nella dimen!ione microangiologico-clinica, de!crivi%ile, poi, in termini !emeiotico-%iofi!ici. 7i con!eguenza 3 nece!!ario procedere con chiarezza logica de!crivendo, !enza tuttavia contrapporli, ma !uperandoli nella !inte!i, concetti generali e a!petti particolari alla %a!e della no!tra interpretazione di costituzione microangiologica, semeiotico-biofisica o ereditariet8 in !en!o clinico. +' un dato di fatto che non 4tutte5 le donne I *+M- po!itive, in una et8 preferibilmente compre!a tra i ,) e i ## anni, colpite da viru! influenzali vanno poi incontro alla 9olimialgia :eumatica *cuta $enigna -ariante (9:*$-), da noi de!critta (#, &, 0), che pre!enta punti in comune e nette differenze con la polimialgia reumatica cla!!ica.

7etto altrimenti, in un gruppo di pazienti, ICAEM- positi e, confronta%ili per et8, !e!!o ; di gran lunga preferito 3 il !e!!o femminile ; e malattia di %a!e ( influenza), vi 3 un sotto-insieme, fortunatamente limitato, predi!po!to alla 9:*$- e<o alle altre connettiviti. * =ue!to propo!ito %i!ogna ricordare che, trattando!i di pazienti con patologie autoimmuni, dove !i o!!erva una aumentata, anche !e modificata, !inte!i anticorpale, 3 4generalmente5 a!!ente il terreno oncologico (-. !ito citato, http>digilander.it..9iazzetta.!fera.net.it, 111.?atamed.it, la :u%rica Smeiotica $iofi!ica, e 111.Stai%eneit.it, novem%re ,))1). 9ertanto, !i tratta d'indagare la differenza, di natura %iologico-molecolare, geneticamente orientata, !icuramente e!i!tente tra i due sotto-gruppi di donne (o uomini, !e%%ene con minore fre=uenza, come !critto !opra), !olo apparentemente uguali, per giungere au!pica%ilmente alla definizione della costituzione reumatica. @a po!!i%ile realt8 di una !imile condizione, inoltre, 3 !uggerita dalla pre!enza di forme reumatiche nella !te!!a famiglia e la fre=uente a!!ociazione di pi6 manife!tazioni reumatiche nello !te!!o individuo ( :+ST), a cui !i contrappone l'a!!enza di =ue!te patologie in altre per!one, appartenenti a determinati gruppi familiari, confronta%ili con i primi per l'am%iente di vita, la cultura, il !e!!o e lo !tato !ociale. ome riferito ampiamente pi6 avanti, l'e!pre!!ione microangiologica-clinica del genotipo 4reumatico5 3 !imile a =uella dell'istangiopatia reumatica, anche !e di lieve inten!it8. * =ue!to propo!ito 3 nece!!ario ricordare e !ottolineare un dato di e!tremo intere!!e, che corro%ora la verit8 !cientifica della teoria !emeiotico-%iofi!ica alla %a!e della costituzione reumatica> nella polimialgia reumatica e!clu!ivamente le articolazioni rizomeliche ; =uelle !te!!e che !ono colpite dalla connettivite ; !ono !ede delle caratteri!tiche alterazioni microva!colari, cau!a dei !egni !emeiotico-%iofi!ici autoimmuni (S*@), illu!trate nel !ito, mentre le altre articolazioni ; !empre ri!parmiate ; mo!trano un fi!iologico !i!tema microva!colote!!utale. Inoltre, donne a ri!chio reale di 9:*$- o da =ue!ta malattia guarite ormai da anni o decenni, pre!entano i !egni caratteri!tici !emeiotico-%iofi!ici della costituzione reumatica, con una inten!it8 decre!cente a partire dalle grandi articolazioni rizomeliche fino a =uelle periferiche. Aue!ta evidenza clinica corro%ora il valore !cientifico della no!tra teoria oggetto di di!cu!!ione nel pre!ente articolo, cio3 la costituzione reumatica. In realt8, e!!a !ottolinea la validit8 della no!tra interpretazione dell' intuizione iniziale alla %a!e delle differenti co!tituzioni, cio3 la contemporanea e!trin!ecazione microangiologica, clinicamente accerta%ile in modo 4=uantitativo5, dell'informazione contenuta nel genoma, anche =uando 3 !ede di mutazioni o di altre alterazioni, notoriamente rilevate finora !oltanto dalle modificazioni del parenchima e, pi6 preci!amente, del genoma !te!!o in e!!o contenuto. Bna ulteriore evidenza clinica a !o!tegno della teoria !emeiotico-%iofi!ica da noi !o!tenuta 3 rappre!entata dal tipo di microcircolo del te!!uto adipo!o addominale di !oggetti a ri!chio 4reale5 di dislipidemia, dei dislipidemici (-. lavoro nel !ito) e di individui al momento 4!ani5, ma che in pa!!ato hanno pre!entato livelli ematici di cole!terolo, totale e<o @7@, e<o dei trigliceridi elevati. In una ormai lunga e!perianza al letto del malato, a%%iamo o!!ervato che in 4tutti5 =ue!ti individui, !enza alcuna eccezione (l'affermazione 4tutti5, dal punto di vi!ta epi!temologico 3 a!!ai ricca d'informazione e di valore !cientifico perch3 puC e!!ere facilmente fal!ificata), da !empre 3 pre!ente una caratteri!tica alterazione dei 7i!po!itivi +ndoarteriolari di $locco (7+$), cio3 la durata d'apertura, valutata come durata del rifle!!o ureterale medio durante !timolazione di 4media5 inten!it8 dei relativi trigger-points 3 ! "# sec. (NN D ,) !ec.) e la durata della chiu!ura o della !compar!a del rifle!!o 3 $ % sec. (NN D & !ec.). ( 9er apprendere =ue!ta metodica di valutazione> -. 9agina Tecnica nE # nel !ito citato). 7al punto di vi!ta emoreologico e microcircolatorio =ue!to modificato modo di e!!ere e di funzionare dei 7+$ corri!ponde ad un ridotto flu!!o ematico locale nei capillari e venule relative !ia di %a!e che, !oprattutto, =uando 3 attivata la :i!erva Funzionale Microcircolatoria, come durante il lavoro del corri!pondente parenchima. Infatti, 3 pre!ente l'attivazione microcircolatoria di!!ociata, tipo II (-. 111.!emeiotica%iofi!ica.it<microangiologia).

Il coinvolgimento delle !trutture emoderivative, in particolare dei 7+$ che !ono praticamente u%i=uitari, favori!ce in maniera e!!enziale la diagno!i clinica delle alterazioni microcircolatorie ereditarie (geneticamente dirette), nella pratica clinica> in individui nei primi due decenni di vita, per e!empio, l'impiego dell'utile !trumento del precondizionamento !emeiotico%iofi!ico (-. *vanti), di rapida e facile applicazione, con!ente di ricono!cere l'alterata informazione genetica in organi, te!!uti e per!ino in loro piccole zone, come una circo!critta area di un quadrante mammario a ri!chio oncologico 4reale5. Infatti, l'e!ito del precondizionamento (-. avanti) 3 in rapporto col modo di e!!ere e di funzionare del locale microcircolo ; :i!erva Funzionale Microcircolatoria (:FM) e attivazione microcircolatoria ; perch3 rivela la compromi!!ione anatomo-funzionale di una parte del microcircolo di!trettuale, e!pre!!ione della errata informazione genetica, che modifica pi6 o meno inten!amente la fi!iologica attuazione della :FM durante il precondizionamento, e!itando in un ri!ultato patologico. 9er e!empio, nella costituzione gottosa, pa!!i%ile di eventuale evoluzione nella gotta !indrome meta%olica o nella malattia clinica, il precondizionamento !emeiotico-%iofi!ico dell'elice ri!ulta patologico !e%%ene con differente gravit8, correlata con =uella del ri!chio !te!!o oppure della malattia in atto> nel !ano, i valori parametrici di %a!e ; in pratica, il tl di 1) !ec. ; migliorano (tl 1, !ec.), mentre nel ri!chio 4gotto!o5 o per!i!tono immutati (G 1)) o peggiorano, in rapporto alla gravit8 della !otto!tante patologia. In pratica, nel !ano, la pre!!ione !opra l'elice ripiegata !u !e !te!!a, 4di %a!e5, mo!tra un valore del tempo di latenza (tl) del rifle!!o elice-ga!trico a!pecifico (Fig. 1) o -ciecale normale (NN D 1) !ec.)H la valutazione 3 ripetuta !ucce!!ivamente, dopo & sec. 4e!atti5 d'intervallo> il tl appare incrementato nettamente. Bn altro e!empio> il precondizionamento, ancorch3 circo!critto ad una parte di mammella a risc'io di tumore del seno, mo!tra un ri!ultato patologico con inten!it8 proporzionale all'entit8 del ri!chio !te!!o> mancato allungamento del tl oppure !uo accorciamento (tl inferiore ai fi!iologici 2,# !ec di %a!e) di alcuni !econdi =uando la malattia 3 iniziata> terreno oncologico con rischio reale quantizzabile di tumore mammario o tumore in situ (-. nel !ito 4Terreno /ncologico5 e 4 ancro della Mammella5) (().

Metodo.
In un individuo !ano, !upino e p!icofi!icamente rila!!ato, la pre!!ione digitale !ul sinovium, cio3 la !timolazione die trigger-points sinoviali (in pratica, la proiezione cutanea di una piccola e<o grande articolazione) provoca il rifle!!o ga!trico a!pecifico (Fig. 1) dopo un tl di (-1) !ec., et8dipendente, durata del rifle!!o I 3 G " !ec. e durata della !compar!a I 3 G " , che corri!pone alla dimensione frattalica (3, (1) =uando 3 calcolata in modo !ofi!ticato (2, 1), 11, 1,, 13, 1", 1#, 1&, 10, 1(). (9er ulteriori informazioni techniche> -. 9agina Tecnica nE 1 nel !ito citato).

Fig> 1

Nella figura sono indicate la sede dove collocare il tamburo del fonendoscopio e le linee su cui esercitare la percussione digitale, diretta e dolce, per eseguire correttamente la percussione ascoltata dello stomaco (in pratica, sufficiente delimitare un breve tratto della grande curva gastrica !

Costituzione reumatica
*l contrario, negli individui con costituzione reumatica il tl 3 ! (# sec., in rapporto alla gravit8 del ri!chio, e il rifle!!o ga!trico a!pecifico, o rifle!!o reumo-gastrico aspecifico, 3 !eguito dalla ontrazione Ja!trica tonica (lo !tomaco !i contrae> Jt) dopo un tl , % sec., ancora una volta inver!amente correlato con la gravit8 della patologia !otto!tante o ri!chio 4reale5 reumatico. *ppare intere!!ante o!!ervare l'importanza del riflesso cute del dorso della mano-gastrico aspecifico, patologico, a!!ente cio3 nel !ano per almeno (# sec., ai fini della )uantificazione del risc'io reumatico> il pizzicotto prolungato e per!i!tente della cute del dor!o della mano provoca il rifle!!o ga!trico a!pecifico dopo tl 1) !ec., !eguito dalla Jt> il valore del tl 3 correlato inver!amente con la inten!it8 del ri!chio !te!!o. Aue!to rifle!!o 3 ampiamente di!cu!!o nel !ito 9iazzetta, o!e Serie, 9rofe!!ione Medica e in Med!cape, Forum 7i!cu!ion.

Costituzione osteoporotica In ca!o di costituzione osteoporotica, la pre!!ione digitale medio-inten!a applicata


!opra i proce!!i !pino!i delle verte%re lom%ari (o naturalmente !u altre o!!a) provoca il rifle!!o ga!trico a!pecifico dopo un tl (# sec. (NN D 1) !ec.) che !i rinforza (tl ,) dopo un tempo ! (# sec. (1) !ec.).

costituzione artrosica
Nella costituzione artrosica il comportamento del rifle!!o reumo-ga!trico a!pecifico (pre!!ione digitale medio-inten!a !ul sinovium) 3 caratterizzato da un tl ! (# sec., che rappre!enta il valore normale e non mai seguito dalla C"t.

costituzione gottosa
Infine, la costituzione gottosa, nel modo pi6 !emplice 3 ricono!ciuta mediante il rifle!!o elice-ga!trico a!pecifico> la pre!!ione medio-inten!a !opra l'elice ripiegata !u !e !te!!a provoca nel !ano il rifle!!o dopo un tl di 1) !ec. (un tl I 1) !ec. indica un 4%a!!o5 livello di uricemia). *l contrario nel !oggetto con 4reale5 ri!chio gotto!o, il tl ri!ulta ! (# sec. in relazione inver!a all'inten!it8 del ri!chio mede!imo. :icordiamo, inoltre, l'importanza del ruolo diagno!tico del precondizionamento del sinovium nella valutazione =uantitativa di tutte le co!tituzioni !emeiotico-%iofi!iche reumatiche e la diretta indagine dei 7+$ del sinovium, !empre alterati dal punto di vi!ta !trutturale e funzionale, come !opra %revemente illu!trato (-. 111.!emeiotica%iofi!ica.it<microangiologia).

9er una pi6 approfondita valutazione di =ue!te e di altre co!tituzioni, %a!ata !ulla preci!a valutazione =uantitativa dei dati microangiologici clinici, valutati !ia di %a!e che durante prove dinamiche, 3 nece!!aria ovviamente una !icura cono!cenza della Semeiotica Biofisica.

Conclusione.
7a =uanto %revemente riferito in =ue!to articolo, appare evidente l'importanza di =ue!ti !egni !emeiotico-%iofi!ici e del precondizionamento anche nell'iter diagnostico al letto del malato. Nella diagno!i differenziale, per e!empio, in ca!o di un paziente che lamenta artralgie non trova giu!tificazione alcuna la richie!ta di e!ami per l'accertamente di una malattia connettivitica, per e!empio, =uando manca la costituzione reumatica. ome il lettore facilmente comprende gli e!empi potre%%ero continuare, in con!iderazione anche dei numero!i!!imi !egni !emeiotico-%iofi!ici !pecifici ed a!pecifici, come la SIS:I (12), S*@ (,)), 9roteine della fa!e acuta (-. !ito citato *ppendicite, nella :u%rica Semeiotica $iofi!ica in 111.?atamed.it, e nel !ito http><<digilander.9iazzetta.Sfera.net., o!e Serie, 9rofe!!ione Medica). 9er =uanto riguarda la ripercu!!ione !ulla ricerca clinica 3 !ufficiente ricordare che noi ora !iamo in grado di confrontare, finalmente, gruppi di individui veramente uniformi non !oltanto per razza, !e!!o, et8, condizioni !ociali, regime dietetico, etimologicamente inte!o, o =uant'altro. In realt8, l'impiego di un farmaco nella prevenzione di una malattia puC e!!ere valutato oggettivamente, perchK gli individui !ottopo!ti al trattamento !ono tutti a ri!chio 4reale5 per la patologia. In ca!o contrario, non po!!iamo concludere che il trattamento preventivo ha condotto a ri!ultati po!itivi in modo !tati!ticamente !ignificativo !e non cono!ciamo la percentuale di !oggetti a ri!chio 4reale5 nei due gruppi confrontati e !e non a%%iamo informazioni !ulla 4reale5 inten!it8 del ri!chio !te!!o, indipendentemente di 4grandi numeri5 dei trial!. * no!tro parere, con!iderare due gruppi perfettamente confronta%ili dato il numero veramente elevato di !oggetti con!iderati ri!pecchia !oltanto la fal!a co!cienza del ricercatore> noi preferiamo confrontare 4pochi5 !oggetti, ma con ri!chio reale 4=uantifica%ile5 clinicamente ed au!pica%ilmente della !te!!a gravit8 per una data patologia, come uno di noi ha !critto !u $ML.com (4There i! a fundamental %ia! in all clinical re!earche!5, 1" Maggio ,))1.

Bibliografia.
1) Stagnaro S., I!tangiopatia ongenita *cido!ica +nzimo-Meta%olica condizione nece!!aria non !ufficiente della oncogene!i. MI ongr. Naz. Soc. It. di Microangiologia e Microcircolaz. *%!tract!, pg 3(, ,( Settem%re-1 /tto%re, 12(3, $ellagio. ,) Stagnaro S., I!tangiopatia ongenita *cido!ica +nzimo-Meta%olica. M ongr. Naz. Soc. It. di Microangiologia e Microcircolazione. *tti, &1. &-0 Novem%re, 12(1, Siena. 3) Stagnaro S., I!tangiopatia ongenita *cido!ica +nzimo-Meta%olica. Bna 9atologia Mitocondriale Ignorata. Jazz Med. It. ; *rch. Sci. Med. 1"", ",3, 12(# *Infotrie e+. ") Stagnaro S., 7iet and :i!? of TNpe , 7ia%ete!. N +ngl L Med. ,)), Lan ,"H3"&(")>,20,2(. letter ,-ubMed .inde/ed for ME01I2E3. #) Stagnaro S., *u!cultatorN 9ercu!!ion of :heumatic 7i!ea!e!. M +uropean ongre!! of :heumatologN. Mo!co1. ,& Lune-LulN, 12(3, 9roceeding!, pg 10#. &) Stagnaro S., *u!cultatorN 9ercu!!ion Therapeutic Monitoring and ere%ral 7ominance in :heumatologN. ,nd Oorld ongre!! of Inflammation, *ntirheumatic!, analge!ic!, immunomodulator!. *%!tract!, *. $oo? 1, pg. 11&, March 12-,,, 12(&, Montecarlo. 0) Stagnaro S., 9olimialgia :eumatica *cuta $enigna -ariante. lin. Ter. 11(, 123, 12(& *-ub-Med inde/ed for Medline+. () Stagnaro-2eri M., Stagnaro S., ancro della mammella> prevenzione primaria e diagno!i precoce con la percu!!ione a!coltata. Jazz. Med. It. ; *rch. Sc. Med. 1#,, ""0, 1223. 2) Stagnaro-2eri M., Moscatelli 4. Stagnaro S., $iophN!ical Semeiotic!> determini!tic hao! and %iological SN!tem!. Jazz. Med. It. *rch. Sc. Med. 1##, 1,#, 122&. 1)) Stagnaro-2eri M., Stagnaro S., *neuri!ma *ortico *ddominale> una 7iagno!i clinica con la Semeiotica $iofi!ica. *cta ardiol. Medit. 1", 10, 12(&. 11) Stagnaro-2eri M., Stagnaro S., 7etermini!tic hao!, 9reconditioning and MNocardial /PNgenation evaluated clinicallN 1ith the aid of $iophN!ical Semeiotic! in the 7iagno!i! of i!chaemic .eart 7i!ea!e even !ilent. *cta Med. Medit. 13, 1)2, 1220. 1,) Stagnaro-2eri M., Stagnaro S., Microangiologia clinica della ipertrofia pro!tatica %enigna. :uolo patogenetico delle modificazioni del !i!tema microlova!colote!!utale valutate con la Semeiotica $iofi!ica. *cta ardiol. Medit. 1", ,1, 12(&. 13) Stagnaro-2eri M., Stagnaro S., Semeiotica $iofi!ica del torace, della circolazione ematica e dell'anticorpopoie!i acuta e cronica. *cta Med. Medit. 13, ,#, 1220. 1") Stagnaro-2eri M., Stagnaro S., Semeiotica $iofi!ica> la manovra di Ferrero-Marigo nella diagno!i clinica della iperin!ulinemia-in!ulino re!i!tenza. *cta Med. Medit. 13, 1,#, 1220. 1#) Stagnaro-2eri M., Stagnaro S., Semeiotica $iofi!ica> valutazione clinica del picco precoce della !ecrezione in!ulinica di %a!e e dopo !timolazione tiroidea, !urrenalica, con glucagone endogeno e dopo attivazione del !i!tema renina-angiote!ina circolante e te!!utale ; *cta Med. Medit. 13, 22, 1220. 1&) Stagnaro-2eri M., Stagnaro S., Semeiotica %iofi!ica> -alutazione =uantitativa del ri!chio oncologico, Il Medico delle Ferrovie, n. ,<3, &3-&", 122&. 10) Stagnaro-2eri M., Stagnaro S., Semeiotica $iofi!ica> valutazione clinica del picco precoce della !ecrezione in!ulinica di %a!e e dopo !timolazione tiroidea, !urrenalica, con glucagone endogeno e dopo attivazione del !i!tema renina-angiote!ina circolante e te!!utale ; *cta Med. Medit. 13, 22, 1220. 1() Stagnaro-2eri M., Stagnaro S., 7iagno!i linica 9recoce dell'/!teoporo!i con la 9ercu!!ione *!coltata. lin.Ter. 130, ,1-,0 [-ub-Med inde/ed for ME01I2E] 1221. 12) Stagnaro S., Sindrome percu!!o-a!coltatoria di Iperfunzione del Si!tema :eticoloI!tiocitario. Min. Med. 0", "02, 12(3 *-ub-Med inde/ed for Medline+. ,)) Stagnaro S., Sindrome percu!!o-a!coltatoria autoimmune. Jazz. Med. It. 1",, ###, 12(3.