Sei sulla pagina 1di 2

SCHEDA SUL TEMA : IL DINAMISMO DELLA TRANSFORMAZIONE

Giovani, Vocazione e Cultura EB 2527

N 3

Juan Pablo Alcas Michilot T 18621


1.- In un processo di trasformazione, tutti coloro che siamo incaricati oppure responsabile nel lavoro pastorale, che cosa possiamo fare? Come vivere in questo grandioso passaggio? Possiamo considerare quello che dice l'enciclica Gaudium et Spes N 4: L'umanit vive oggi un periodo nuovo della sua storia, caratterizzato da profondi e rapidi mutamenti che progressivamente si estendono all'insieme del globo. Provocati dall'intelligenza e dall'attivit creativa dell'uomo, si ripercuotono sull'uomo stesso, sui suoi giudizi e sui desideri individuali e collettivi, sul suo modo di pensare e d'agire, sia nei confronti delle cose che degli uomini. Possiamo cos parlare di una vera trasformazione sociale e culturale, i cui riflessi si ripercuotono anche sulla vita religiosa. Come accade in ogni crisi di crescenza, questa trasformazione reca con s non lievi difficolt. Pertanto ci aiuter un agire di ascolto creativo. Il Papa Benedetto nel suo discorso a Subiaco, 1 aprile 2005 ci aiuta a un possibile agire Ma una ragione scaturita dallirrazionale, e che , alla fin fine, essa stessa irrazionale, non costituisce una soluzione ai nostri problemi. Soltanto la ragione creatrice, e che nel Dio crocifisso si manifestata come amore pu veramente mostrarci la via. Nel dialogo, cos necessario, tra laici e cattolici, noi cristiani dobbiamo stare molto attenti a restare fedeli a questa linea di fondo: a vivere una fede che proviene dal logos, dalla ragione creatrice, e che perci anche aperta a tutto ci che veramente razionale. Ma a questo punto vorrei, nella mia qualit di credente, fare una proposta ai laici . Il nostro lavoro sar come vivere questa trasformazione in modo creativo poich questo tempo da una sfida forte con il suo frutto che il attivismo che produce effetti tanto nel macro (impoverimento, crisi ecologica, sociale, economica, politica, ecc.) come il micro (insostenibilit interiore, piscologica, sociologica, dello quale si parla poco dove la depressione sar la malattia pi comune del mondo). Per vivere meglio questo tempo possiamo diventare al modo trasfigurativi, non reprimendo, ne anche negando la situazione proprie di un mondo che cerca le relazione y che si sviluppa con in dinamismo sorprendente. Il terremoto che si origina e veramente e tremendamente potente che il atteggiamento di occultamento delle cose non funzionano pi. Che cosa nascono di questo terremoto per percepirle en chiave liberatoria?. La crisi un terremoto e un unico modo per fare una trasformazione necessaria che la struttura non voglia capire. Questa crisi ci porta per esempio a un nuovo livello nel mistero del battesimo come liquidazione constante, non visto come un modo di appartenere a una istituzione ma veramente un segno di relazioni dove la persona stessa consapevole a che cosa appartiene. La trasformazione appartiene al cristiano perch la vita cristiana sempre una nascita permanete con una impossibilit del fermarsi. La conversione nel cristianesimo devi essere una trasformazione un dinamismo dello spirito poich il essere continuamente nuovo un essere veramente vivi e pertanto morire al ego de controllare le cose y de fermarsi. Il cristiano non devi fermarsi mai, ma progredire. Devi emergere un concetto di crimini contro la umanit la emersione del spirito di cristo che ci spingi a un momento di conversione della umanit y che ci porta a interpretare questo momenti della umanit. Alcuni delle cose concrete che possiamo fare il confessare il proprio crimine contro la umanit e questa attivit si devi vivere nel cuore di ogni cristiano con un agire libero in Cristo. Riconoscere la critica che ci vienine di fuori significa convertirsi. Implica una trasformazione
1

liturgica, dottrinale, biblica, pastorale, vocazionale. Pertanto la crisi positiva nella Chiesa. Tutti giorni la Chiesa devi riformarsi come tutti noi poich il suo dinamismo e il nostro. Questa fase richiede una liberazione, confessione di forme secolare (egoica, belliche). Chiama a una purificazione enorme della nostra storia cristiana. La scelta del nuovo Papa sempre sar una speranza per arrivare a una trasformazione che una scelta sempre di libert. Non deviamo sperare che siano altri che si convertono siamo noi chi abbiamo bisogno di conversione. Il Papa Emerito ha proclamato il anno della fede e un sinodo per la nuova evangelizzazione per fare un vero cambiamento per diventare profeti efficace nel terzo millennio. El problema della trasformazione della fede non si risolve solo con la tecnica e il cambio, deviamo interrogarci su noi stessi, su la nostra fede, sula verit della nostra fede, il sacramentalismo non fede. Siamo veramente evangelizzatori di questo mondo o facciamo soltanto cose diverse per andare avanti. Noi cristiani siamo veramente fortunati perch Dio ci aiuta a capire meglio la situazione, il nostro compito capire bene la situazione, el cambio, la trasformazione.