Sei sulla pagina 1di 2

DIBATTITI METATEORICI NELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI

dibattiti relativi ad aspetti filosofici presenti nelle scienze sociali. Non si occupano di fatti empirici ma indagano su assunti e cercano di capire. Tre questioni principali, che definiscono assunti diversi a seconda della teoria impiegata: 1. Ontologia teoria dellessere 2. Epistemologia teoria della conoscenza 3. Metodologia metodi con cui arriviamo alla conoscenza e alla ricerca empirica. 1 DIBATTITO: IDEALISTI VS. REALISTI Idealisti liberali, cos definiti dai realisti. Dopo la Prima Guerra Mondiale: relazioni organizzate attraverso le istituzioni Contributo nello sviluppo della materia idea di disciplina per studiare, perch lignoranza su cosa accada in ambito delle relazioni internazionali pu condurre a conflitti Uso della ragione conoscenza scientifica, ma non spiegano cosa intendono. Realisti affermano che la conoscenza prodotta dagli idealisti non scientifica, non parte dalla realt ma guidata da valori come dovrebbe essere il mondo e non come . 2 DIBATTITO: TRADIZIONALISTI VS. MODERNIZZATORI Anni 60 Tradizionalisti approccio classico storia e filosofia, fede nella ragione. Modernizzatori approccio scientifico Relazioni Internazionali non sono pi una semplice disciplina accademica rivoluzione behaviorista nelle scienze politiche (USA anni 50 e 60) scuola che pone attenzione al comportamento delle persone. Dopo la seconda guerra mondiale, limportanza della disciplina accademica delle Relazioni Internazionali crebbe rapidamente. Ci si verific soprattutto negli USA, dove enti governativi e fondazioni private erano disposte a supportare ricerche scientifiche, adottando un rigoroso approccio metodologico. Si trattava di studiosi con un background accademico molto differente e con idee altrettanto differenti in merito al modo di studiare le Relazioni Internazionali. Queste nuove idee, compendiate sotto la definizione behaviorismo, rappresentavano non tanto una nuova teoria, quanto piuttosto una nuova metodologia che si sforzava di essere scientifica; gli studiosi di scienze naturali riescono a formulare leggi obiettive e verificabili per spiegare il mondo fisico: lambizione dei behavioristi di fare altrettanto per il mondo delle relazioni internazionali. Caratteristiche principali: unit della scienza non esiste alcuna differenza sostanziale tra scienze sociali e scienze naturali medesimi metodi analitici, compresi quelli quantitativi utilizzabili in ambedue le aree carattere interdisciplinare tra le due scienze la singola persona lunit di analisi fondamentale ruoli svolti dagli individui nelle strutture politiche

la struttura sociale pi importante il sistema politico. Lo studio scientifico del comportamento politico richiede una progettazione di ricerca rigorosa, metodi di analisi precisi, strumenti di analisi affidabili, criteri di valutazione adatti, ecc.: tutto ci indispensabile per ottenere un corpo affidabile di proposizioni empiricamente verificabili (= una teoria empirica) sulla politica.