Sei sulla pagina 1di 1

http://it.bertha-dudde.

org/

LOpera di Redenzione La fede necessaria in Essa

B.D. No. 0466


14 giugno 1938

uello che ti viene offerta, la Volont del Signore ed oggi ti arriva una Comunicazione, che in modo comprensibile tocca il grande problema che a voi uomini cos difficilmente afferrabile. La maggior parte degli uomini si trova in un considerevole errore se crede di poter conquistare nellaldil dei meriti e ciononostante sulla Terra non ha fatto il suo per la conservazione della fede in Ges Cristo come Figlio di Dio. Luomo potr ben essere giusto, potr sempre aver compiuto fedelmente il suo dovere sulla Terra, potr anche aver agito sul prossimo come fratello, ma se ha rinnegato Ges Cristo, la sua ricompensa sar davvero scarsa, perch dato che non vuole riconoscere il divino Redentore, allora non verr nemmeno mai e poi mai redento dalla sua colpa, perch soltanto la fede sar in grado di liberarlo ed in Cristo trover sempre ed eternamente tutti i fili della vita. Dove questa fede si distoglie dal pensiero della Redenzione, dove la Divinit del Salvatore viene messa in dubbio e negata, l anche la Divinit Stessa Si distoglie. Il giusto pensare di un uomo verr senza dubbio riconosciuto, ma se prima il cuore di un tale uomo non si dichiara per Cristo, non potr nemmeno aver luogo la rinascita spirituale e senza questa non sar mai e poi mai appianata la via verso leterna Beatitudine. Chi stato per questo educato nella fede in Cristo, ma non si vuole e non pu dichiararsi per Lui, dovr percorrere una lunga via nellaldil. La sua ricerca per la Verit sar faticosa e molto lunga. Per quanto abbia preso a cuore i Comandamenti di Dio, non potr ottenere ci che invece pu in breve tempo la chiara conoscenza della Divinit di Ges. Se soltanto si volesse ricordare sempre soltanto una cosa, che il Signore camminava sulla Terra per via della colpa dei peccati dellumanit, quanto chiaramente comprensibile allora, che appunto questa colpa dei peccati delluomo non pu essere estinta, finch costui non vuole riconoscere una tale Opera di Redenzione, la considera bens come unAzione di Sacrificio di un Uomo, che per privo di ogni Divinit. Un tale uomo non potr nemmeno mai e poi mai percepire le Grazie e Beatitudini dellOpera di Redenzione. Riconoscer i Segni della Divinit solamente, quando nel caso di dubbio supplica il Padre celeste per lilluminazione, che gli viene concessa volentieri e volenterosamente e gli viene ora indicato precisamente il vero Agire del Figlio di Dio sulla Terra. Il Signore nella Sua indescrivibile Bont cerca di venire vicino ad ognuno. Vuole dare ad ognuno la piena comprensione e verr sempre in Aiuto l dove luomo da solo si paralizza, ma la volont devessere buona, non deve rifiutare ci che gli incomprensibile, ma deve chiedere lilluminazione, che gli viene poi concessa volontariamente. Ma senza la fede in Ges Cristo unentrata nel Regno del Padre non possibile, la Porta per questo appunto stata aperta soltanto attraverso lOpera di Redenzione, ma come deve giungere attraverso questa Porta colui che mette in dubbio la Divinit del Redentore? Agli uomini stato annunciato a sufficienza, quale scopo aveva la Discesa del Salvatore sulla Terra, se non vogliono riconoscere questo, ma poi comunque attendere la Sua Benedizione, totalmente impensabile. Voi uomini non avete nessunaltra possibilit che conquistarvi il Regno dei Cieli attraverso la fede, senza la fede per siete molto lontani da Questo, lulteriore vostro lottare inutile. Potete bens adoperarvi nel buon cammino di vita, con ci vi conquisterete molte Grazie, ma se queste Grazie vi aiuteranno sempre per trovare appunto questa fede in Ges Cristo e di consolidarla, soltanto allora il vostro cammino sulla Terra sar coronato dal giusto successo, soltanto allora potrete entrare nelleterno Regno, che vi stato dischiuso attraverso Ges Cristo, nostro Signore. Amen

Bertha Dudde - B.D. br. 0466 - 1/1