Sei sulla pagina 1di 5

Morning Call

12 MARZO 2013 DAILY


Sotto i riflettori
Differenziale di rendimento Italia/Spagna: andamento

I temi del giorno

Pil Italia: confermato il calo dello 0,9% nel quarto trimestre; il 2012 chiude con un -2,4% Tassi: lo spread Btp/Bonos si riduce a 10 bp, minimo degli ultimi 12 mesi; oggi lasta del Bot annuale Cambi: Eur/Usd in area 1,30
Fonte: Bloomberg Lanalisi dei mercati

L'economia italiana si contratta del 2,4% nel 2012; l'Istat ha pubblicato i dati definitivi del quarto trimestre 2012 che hanno confermato la contrazione dello 0,9% (dal -0,2% del terzo trimestre). I dati sono in linea con le indicazioni sei sondaggi sullattivit manifatturiera e dei servizi: il Pmi dei servizi in Italia a febbraio sceso ai minimi degli ultimi sette mesi. La revisione al ribasso del merito di credito sullItalia da parte di Fitch ha avuto riflessi limitati sullo spread Btp/Bund mentre si riduce a 10 bp il differenziale contro la Spagna. Oggi lasta dei Bot annuali per 7,75 miliardi di euro. Chiusure positive per Wall Street con lo S&P500 che resta in prossimit del suo massimo storico. Divisa unica in area 1,30 punti.

Market movers Europa: oggi i prezzi al consumo tedeschi e la produzione industriale del Regno Unito. Usa: oggi nessun dato di rilievo.

Mercati Finanziari
Tassi

Stabili i rendimenti dei titoli dei Paesi benchmark mentre il declassamento del rating sovrano dellItalia da parte di Fitch ha avuto un impatto modesto sullo lo spread Btp/Bund che resta a 314bp mentre il Bonos/Bund in area 326bp. Il differenziale tra Btp e Bonos si assottiglia a circa 10bp per effetto delle incertezze politiche in Italia e dopo il downgrade di Fitch. Questa mattina il rendimento del biennale tedesco stabile poco oltre lo 0,05% ed il decennale resta a ridosso dell1,50%. Negli Stati Uniti il biennale si mantiene in area 0,25% ed il decennale sale verso il 2,05%. Sul mercato interbancario al fixing di venerd la curva Euribor si collocava tra lo 0,117% della scadenza ad un mese e lo 0,542% di quella ad un anno. Poco variati i tassi impliciti espressi dai future Euribor: il giugno 2014 quota sotto lo 0,40%, il dicembre 2014 resta sotto lo 0,55% e il giugno 2015 scambia allo 0,67%.

Divisione Corporate Ufficio Informativa Finanziaria

| Morning Call
DAILY

Azionario

Ancora una seduta al rialzo per gli indici azionari statunitensi con il Dow Jones che rinnova i massimi storici; in Asia il Nikkei in lieve calo dopo otto sedute consecutive al rialzo. In Europa il Dax resta a ridosso degli 8mila punti ed il FtseMib sopra i 16mila punti. Lindice EuroStoxx50 ha terminato la seduta a 2.718 punti (-0,37%), il Dax ha chiuso a 7.984 punti (-0,03%), il FtseMib a 16.091 punti (-0,69%); a Wall Street lindice Dow Jones conclude la seduta a 14.447 punti (+0,35%), lo S&P500 a 1.556 punti (+0,32%) ed infine il Nasdaq Composite a 3.252 punti (+0,26%). A Tokio questa mattina lindice Nikkei ha chiuso in ribasso a 12.314 punti (-0,28%).

Materie prime

Stabili le quotazioni delle materie prime con lindice Crb che ha chiuso la seduta a 294 punti. Il greggio in assestamento con il Wti che resta a 91,70 dollari al barile mentre il Brent che scende sotto i 110 dollari a 109,90 dollari.

Mercati Valutari
Euro

Poche novit sul cross Eur/Usd con la divisa unica che ritraccia dai massimi della settimana scorsa e si riporta in area 1,30 punti, valori di minimi delle sedute pi recenti durante le quali il tasso di cambio si mantenuto per lo pi tra 1,30 e 1,31 punti. Prosegue la fase di debolezza dello yen che spinge il cross Eur/Jpy sopra i 125 punti: lo yen ha segnato un nuovo minimo di tre anni e mezzo contro il dollaro Usa a 96,70 sulle attese che la Banca centrale del Giappone possa intervenire con nuove misure di allentamento monetario.

Macroeconomia
Area euro

I dati finali sul Pil italiano nel Q4 del 2012 hanno confermato un calo dello 0,9% su base trimestrale (-0,2% nel Q3) e del 2,8% su base annua (-2,6% il trimestre precedente). Per leconomia italiana, si tratta del sesto calo trimestrale consecutivo. A gennaio la bilancia commerciale tedesca ha segnato un avanzo di 13,7 miliardi di euro; 11,3 miliardi lavanzo delle partite correnti. Su base mensile, le importazioni sono cresciute del 3,3% e le esportazioni dell1,4% (rispettivamente -1,5% e +0,2% i dati di dicembre). In Francia a gennaio la produzione industriale scesa del1,2% congiunturale (rettificata al rialzo, al +0,9%, la stima di dicembre); il tasso tendenziale sceso al -3,5% dal -1,9% del mese precedente.

Divisione Corporate Ufficio Informativa Finanziaria

| Morning Call
DAILY

Grafici & Calendario

Italia, Prodotto interno lordo a/a: andamento

Indice FtseMib: andamento

Fonte: Bloomberg

Fonte: Bloomberg

Calendario del 12 marzo


Paese Germania Germania Regno Unito Regno Unito Fonte: Bloomberg Ora 8.00 8.00 10.30 10.30 Dato Periodo Prezzi al consumo indice Ue dato finale feb. % m/m Prezzi al consumo indice Ue dato finale feb. % a/a Produzione industriale gen. % m/m Produzione industriale gen. % a/a Consensus Precedente 0,8 0,8 1,8 1,8 0,3 1,1 -0,9 -1,7

Divisione Corporate Ufficio Informativa Finanziaria

| Morning Call
DAILY

Tabelle & Glossario Tassi, materie prime e cambi


Euribor 1 mese 3 mesi 6 mesi 9 mesi 12 mesi 0,117 0,201 0,326 0,436 0,542 Commodity 91,75 109,90 1581,80 28,93 350,90 143,75 -0,001 0,000 0,002 0,002 0,001 1 anno 2 anni 3 anni 4 anni 5 anni 6 anni 7 anni 8 anni 9 anni 10 anni 15 anni 20 anni 30 anni Irs 0,356 0,459 0,595 0,764 0,954 1,142 1,323 1,490 1,640 1,776 2,228 2,386 2,459 -0,002 -0,006 -0,009 -0,013 -0,012 -0,012 -0,007 -0,006 -0,007 -0,006 -0,014 -0,002 0,003 EurUsd EurJpy EurGbp EurChf EurCad EurAud EurNok EurPln EurRub EurCny EurInr EurKwd EurZar Valute 1,3008 125,3300 0,8736 1,2352 1,3364 1,2650 7,4552 4,1459 40,0026 8,0863 70,6904 0,3703 11,9263 -0,0023 -0,1200 0,0003 -0,0012 0,0000 -0,0042 -0,0027 0,0061 -0,0310 -0,0177 -0,1030 -0,0005 0,0427

Wti Brent Oro Argento Rame Caff

-0,31 -0,32 3,80 0,07 -0,80 -0,30

Tassi a 10 anni Btp Bund Treasury

Spread a 10 anni Btp/Bund Btp/Bonos Bonos/Bund 3,132 0,005 dic-13 dic-14 dic-15

Future Euribor 0,270 0,525 0,860 -0,005 0,000 -0,010

4,637
1,505 2,049

-0,005 -0,010 -0,011

-0,111
3,244

0,009
-0,004

Valori alle 9:20, variazioni assolute rispetto alla chiusura del giorno precedente Euribor fixing del giorno precedente

Fonte: Bloomberg

Le parole per capire leconomia e la finanza


Pil (Prodotto interno lordo)

Il Pil o Prodotto interno lordo (in inglese Gross Domestic Product o GDP) il valore totale dei beni e servizi prodotti in un Paese da parte di soggetti economici nel corso di un periodo predeterminato; beni e servizi destinati al consumo finale, agli investimenti privati e pubblici, alle esportazioni nette (esportazioni meno importazioni). Il PIL pu essere misurato in termini reali o in termini nominali. Il PIL in termini nominali espresso in moneta al valore corrente, in termini reali depurato dalle variazioni dei prezzi dei beni prodotti. Le variazioni percentuali del Pil che vengono pubblicate fanno riferimento ai dati in termini reali, salvo diversa indicazione.

Documento completato alle ore 09:30. Fonti Reuters e Bloomberg

Divisione Corporate Ufficio Informativa Finanziaria

| Morning Call
DAILY

Contatti
Divisione Corporate Ufficio Informativa Finanziaria InformativaFinanziariaDivisioneCorporate@bnlmail.com Virgilio Iafrate : Alessandra Mastrota : 06 47026136 06 47026145

Aut. Trib. Roma n 317/01 del 11/07/2001 Direttore responsabile: Virgilio Iafrate

Attenzione: Il presente documento finalizzato a fornire un'informativa a carattere generale sui principali avvenimenti del mercato finanziario. L'informativa predisposta sulla base di dati diffusi dalle principali fonti di mercato al momento della pubblicazione, suscettibili di variare con estrema rapidit. BNL si limita a riprodurre tali dati senza alterarne il loro contenuto e, pertanto, BNL non in alcun modo responsabile della veridicit, completezza, aggiornamento e attendibilit dei dati e delle indicazioni riportate nel presente documento. I contenuti del documento e le eventuali strategie suggerite non costituiscono raccomandazione o sollecitazione all'investimento e prescindono da specifiche esigenze finanziarie del singolo investitore e da eventuali interessi, diretti o indiretti, del Gruppo BNL che potrebbero sussistere in relazione agli strumenti finanziari e alle societ descritte. Si raccomanda pertanto agli investitori di contattare il proprio intermediario di fiducia per un'accurata valutazione dell'opportunit, adeguatezza, caratteristiche e profili di rischio degli investimenti che intendono effettuare. La riproduzione, anche parziale, del presente documento, vietata.

Divisione Corporate Ufficio Informativa Finanziaria