Sei sulla pagina 1di 12

Clay Casati

Cultura Digit ale ta & UbiComp

Aprile 2013

Cultura digitale & UbiComp


La teoria dei media registra il passaggio, a livello mondiale, da una cultura della stampa del secolo XIX, attraverso la cultura elettronica del secolo XX, alla cultura digitale del secolo XXI. I nuovi sistemi informatici UbiComp ambientali sono talmente integrati, nelle organizzazioni e nelle persone, da risultare invisibili. Immagine di copertina: http://www.avatargeneration.com/wpcontent/uploads/2012/10/elearning1.jpg Immagine blog: http://www.openideo.com/open/youth-employment/ inspiration/dual-education-system/gallery/ideo-2.001.jpg/ Tag: clay casati, ubiquitous and pervasive computing, ubiquitous computing, pervasive computing, computazione ubiqua, ubicomp, internet of things, internet delle cose, cose-che-pensano, thingsthat-think, tecnologia calma, everyware, mooc, flip teaching, Hashtag: #culturadigitale #everyware #flipteaching #InternetOfThings #mooc #pervasivecomputing #ThingsThatThink #ubiquitouscomputing #ubicomp Autore: Clay Casati, inquieto del Circolo degli Inquieti, cura inquietamente [progetti innovativi e inquieti con/per le Scuole e le Imprese], moocer/ courserian.

Sommario
Cultura digitale & UbiComp ............................................................. 1 Indice analitico ............................................................................ 2 Cultura Digitale & UbiComp......................................................... 3 UbiComp ..................................................................................... 4 Sviluppo e utilizzo dellinformatica ............................................... 6 Giornalismo online, IMC, Blogging .............................................. 9 UbiComp nellapprendimento ...................................................... 9 Importanza di UbiComp............................................................. 10 Link ........................................................................................... 11

Indice analitico
Adam Greenfield; 5 computazione; 3 pervasiva; 3 ubiqua; 3 computing era; 6 mainframe; 7 personal computer; 6 UbiComp; 1; 3; 4; 9; 10 cultura; 3 della stampa; 1 digitale; 3 elettronica; 1 everyware; 1; 5 Flip Teaching; 9 Internet of Things; 4 iPhone; 5 Mark Weiser; 4 2 mondi; 4 digitali; 4 fisici; 4 MOOC; 10 RFDI; 5 smart phone; 4 tablet; 4 Tecnologia Calma; 4 tecnologie; 4 indossabili; 4 integrabili,; 4 mobili; 4 pervasive; 4 wireless; 4 UbiComp; 4 ubiquitous computing; 4

Cultura Digitale & UbiComp


La cultura ra in senso lato pu essere considerata secondo lUNESCO - come linsieme degli aspetti spirituali, materiali, intellettuali ed emozionali unici nel loro genere che contraddistinguono una societ o un gruppo sociale. Essa non comprende solo larte e la letteratura, ma anche i modi di vita, i diritti fondamentali degli esseri umani, i sistemi di valori, le tradizioni e le credenze. In base a questa definizione possiamo concludere che la cultura dominante quella digitale: viviamo in un mondo configurato dai computer. UbiComp (ubiquitous & pervasive computing) sta sempre pi influenzando strutture sociali, governi e istituzioni pubbliche, imprese e organizzazioni, istruzione e scienza, vita privata e lavorativa delle persone.

Utilizzando la computazione ubiqua e pervasiva lutente aziona simultaneamente diversi sistemi e apparecchiature di calcolo, calcolo nel 3

corso delle normali attivit, ignorando che questi macchinari stanno compiendo azioni e operazioni di supporto anche a sua insaputa.

UbiComp
Seduto sulla poltrona computerizzata, che si assettata in base al mio profilo di lavoro, sto elaborando un modello excel sul mio notebook, dopo aver scelto il brano della musica di fondo dal tablet che governa limpianto hi-fi, mentre gli impianti computerizzati di illuminazione e condizionamento si sono attivati sulla base della presenza umana, il mio smart phone mi segnala tweet e messaggi; i sistemi di localizzazione sono attivi; i contatori intelligenti di energia elettrica, gas e acqua riportano lutilizzo in tempo reale, via internet, alle societ di gestione. UbiComp un campo di ricerca e sviluppo interdisciplinare che utilizza e integra tecnologie pervasive, wireless, integrabili, indossabili, mobili, per superare i gap che separano i mondi digitali da quelli fisici. La ricerca include calcolo distribuito, mobile computing, WSN (Wireless Sensor Network), HMI (Interfaccia Uomo-Macchina) e intelligenza artificiale. L'obiettivo dei ricercatori quello di creare prodotti intelligenti che comunicano, in modo discreto, via Internet e generano dati facilmente disponibili. Il termine "ubiquitous computing" fu coniato, nel 1988, da Mark Weiser allora Chief Technologist del Centro di Ricerca Xerox a Palo Alto, California e definito: metodo per migliorare luso del computer attraverso la disponibilit, nellambiente fisico, di una rete di computer che operano in automatico e risultano invisibili allutente. "... L'ideale avere un computer cos integrato, cos giusto, cos naturale, che lo usiamo senza nemmeno pensarci." Ubiquitous & pervasive computing viene anche descritto come IoT (Internet of Things - Internet delle Cose), cose-che-pensano (things-that-think), Tecnologia Calma.

Adam Greenfield, direttore della progettazione servizi utenti della Nokia, di fronte a edifici intelligenti, arredamenti intelligenti, abbigliamento intelligente ... iPhone, RFDI integrato ovunque dai prodotti rodotti del supermercato agli animali domestici disponibilit senza vincoli di tempo, luogo, dispositivi, rete, dati (Anytime ( Anywhere - Any Device - Any Network - Any Data), Data ha coniato il termine everyware.

[cfr. Everyware: The Dawning Age of Ubiquitous Computing (ISBN 0-321-38401-6), 2006].

Sviluppo e utilizzo dellinformatica


Siamo nella computing era UbiComp (secolo XXI) caratterizzata da decine / centinaia di dispositivi informatici in ogni luogo / persona, integrati, interconnessi, "invisibili" e considerati parte dell'ambiente. dell'ambiente

La precedente era (anni 70-90 del secolo XX) era caratterizzata dai personal computer preceduti dai computer desktop: desktop un computer per ogni postazione di lavoro e/o un notebook per supportare le esigenze aziendali e private; computer omputer collegati in intranet e alla rete globale (internet). 6

Lera dei mainframe (anni '50-'60 del secolo XX) aveva aperto luso lu esteso dellinformatica alla societ civile utilizzando Centri di Elaborazione Dati centralizzati entralizzati nelle grandi organizzazioni e non interconnessi (il trasferimento dei dati avveniva utilizzando supporti fisici, allinizio di carta schede Hollerith e poi magnetici).

Giornalismo online, IMC, Blogging


Giornalismo online, IMC (Independent Media Center o Indymedia rete di mezzi di comunicazione di massa e di giornalisti indipendenti) e blogging sono gli elementi fondamentali della cultura digitale che fanno emergere nuovi tipi di cittadinanza globale, di partecipazione e comunicazione interattiva. Questo sistema culturale globale emergente ha e avr conseguenze per il modo di lavorare, comunicare e orientare la propria vita, influensando alcuni dei dibattiti pi pressanti di oggi circa autenticit e originalit, autodeterminazione, coesione sociale, equit, uguaglianza e identit. Attualmente nel mondo lalta classe e la componente pi elevata della classe media costituiscono una comunit - di cittadini e netizen (persone che partecipano attivamente alla vita di Internet, contribuiscono e difendono fermamente la libert di espressione della rete) - sia locale che globale, individualizzata e interconnessa.

UbiComp nellapprendimento
ULE (UbiComp Learning Environement) un ambiente di studio che favorisce la concentrazione sullapprendimento in quanto la tecnologia pervasiva, disponibile 24h/7g/365g, in qualsiasi luogo (con connessione internet) supporta il processo di apprendimento con una variet di dispositivi e interessanti servizi digitali multimediali che permettono una grande variet di rappresentazioni della conoscenza. La struttura corsuale personalizzabile prevede sistemi di controllo dellavanzamento, comprese valutazioni in itinere e finali, esercitazioni, materiali di supporto e di approfondimento, forum di discussione. La tecnologia UbiComp facilita il Flip Teaching (lezione individuale a casa, esercitazioni in gruppo in aula) che permette di passare dal trasferimento passivo, ex cathedra, della conoscenza alla 9

costruzione sociale della conoscenza in aula attraverso esercitazioni ed esperimenti. Lefficientamento del processo di apprendimento libera risorse che gli studenti possono impegnare su temi pi complessi. Laccettazione della tecnologia UbiComp stata anche dimostrata, a partire dal 2012, dal successo mondiale dei MOOC (Massive Open Online Courses). [http://www.slideshare.net/inquieti/inquietamente-2013-progettomooc].

Importanza di UbiComp
UbiComp, che contemporaneamente globale e locale, sociale e personale, pubblico e privato, ci rende pi attivi, potenzia le nostre capacit, ci permette di concepire e utilizzare gli spazi temporali e geografici in modo diverso, in conclusione sta cambiando i nostri stili di vita.

10

Link
Everyware: The Dawning Age of Ubiquitous Computing (ISBN 0321-38401-6), 2006 Esperienza MOOC: http://www.slideshare.net/inquieti/inquietamente-2013-progettomooc

@SpiritoInquieto @Inquietus

11