Sei sulla pagina 1di 2

Er trappolone I Grillini cadono nella trappola spaventati e schifati da Schifani. Succede.

Nulla di grave anche se ha ragione Grillo; i suoi non devono partecipare al circo dell'espedienza politica, l'asta del meno peggiore. Grasso se stesso che cola in questo Senato arrabbattato che altrimenti avrebbe avuto presidenti Franceschini o Finocchiare. Forse sarebbe stato meglio non sporcarsi le mani comunque in questo parlamento spurio e bizzarro, pi strano per quello che ci rimasto che per quanto di nuovo vi giunto. Il PD se la suona e se la canta forte del risultato elettorale che dopo un ventennio di Berlusconi ed un annetto di catarsi Montiana, riuscita ad emergere come secondo partito pi votato (25,42%) e prima coalizione (29,55%) che andava ad imporsi per ben lo 0,37% sulla coalizione dello Psiconano. Un roboante fallimento, costruito con lo slogan smacchiamo il giaguaro, sembra un racconto di Gianni Rodari ed invece c' il pallino rosso... ma non l'idea fissa del comunismo ma quella cosa in test, il triangolino dell'inciucio. Il PD non ha fatto una vera campagna elettorale, non ha reso noto n reso i cittadini partecipi del suo programma se non dopo le elezioni, in modo arbitrario, vago ed ambiguo. Il vero problema non l'ingovernabilit ma la non rappresentanza del voto, del volere degli elettori. Bersani, pur di vincere, si accomuna Tabacci (un centrista, conservatore), il SEL (partito di sinistra, mentre il PD chiaramente neoliberale), nonch il Sdtiroler Volkspartei ed il Partito Autonomista Trentino Tirolese (???). Qualsiasi cosa pur di governare: i rivoluzionari, con i neo-liberali, con i conservatori, con gli autonomisti. Il PD gi un governissimo, certe alleanze inconciliabili le hanno gi fatte. Ma ecco, con quest'ammucchiata, il PD alla camera arraffa 297 seggi ovvero quasi 3 volte quelli di Grillo (109) che ha preso pi voti ma si presentato da solo, Sel prende il 3,2% ed ha 37 seggi mentre la lega arriva al 4,08% ma, essendosi schierata con l'armata patchwork sbagliata, ne ha soli 18. I sedicenti ex-fascisti di Fratelli D'Italia-Centrodestra Nazionale racimolano la miseria del 1,95% ma entrano in Parlamento con 9 seggi mentre viene punita la Rivoluzione Civile di Ingroia che si presenta da sola, prende il 2,25% e rimane a casa. Dov' la rappresentazione in tutto ci?! La coalizione vincente materializza voti mai espressi con il premio di maggioranza che altro non che una truffa per consentire alle lobby ed ai partiti di monopolizzare il parlamento per la durata d'una legislatura. Lo sbarramento la truffa all'altro capo e serve solo a costringere i piccoli partiti a farsi fagocitare dalle grandi coalizioni ed a buttare a mare migliaia di voti che restano fuori dal parlamento a vantaggio dei soliti noti manovratori e manovrati. L'unico sbarramento efficace ed equo sarebbe la riduzione del numero di parlamentari; con 100 deputati pacifico che chi non arriva all'1% sta fuori. Sottigliezze? Consideratecome sarebbe il governo con i voti conteggiati in maniera proporzionale; Movimento 5 Stelle: 160 deputati Partito Democratico: 160 deputati Popolo delle Libert: 135 deputati Lista Monti: 52 deputati Lega Nord: 25 deputati Sinistra Ecologia e Libert: 20 deputati Rivoluzione Civile: 14 deputati etc. Questo lo specchio del voto e non quella cosa strana che Bersani vuol far passare per governo. Se crediamo nella democrazia, come prima cosa dovremmo pretendere d'essere democraticamente rappresentati. Poi magari ci ricorderemmo pure che il compito dei nostri rappresentanti non di governarci ma di legiferare nel nostro interesse... e per fare questo basterebbe un centinaio di uomini

onesti disposti a proporre, ascoltare le altrui proposte ed a votare secondo coscienza. Il parlamento dovrebbe essere una democrazia in scala dove si vota a maggioranza nel merito delle singole proposte; nessuno ha dato mandato ai nostri rappresentanti di fare i padroni a casa nostra, di lottizzare e monopolizzare il parlamento per sentirsi dire sempre di s dai propri compari moltiplicati con la truffa. Abbasso la governabilit! Viva la democrazia!