Sei sulla pagina 1di 1

Feci

INTRODUZIONE Feci Sostanze di rifiuto che negli animali e nell'uomo vengono espulse dall'apparato digerente al termine della digestione. Il cibo parzialmente digerito inizia ad assumere l'aspetto di feci quando passa dall'intestino tenue al crasso. COMPOSIZIONE CHIMICA Le feci sono costituite da residui alimentari indigeriti o indigeribili, muco, tracce di succhi digestivi secreti dal pancreas e cellule che si sfaldano dalle pareti del tubo digerente; esse contengono, inoltre, batteri della flora intestinale. Si calcola che nell'uomo ogni giorno vengano eliminati in media 100 miliardi di batteri, che rappresentano circa un terzo del peso delle feci e che sono presenti in esse con almeno 75 ceppi diversi. L'aspetto fisico e la natura chimica delle feci non sono completamente determinati dalla natura dell'alimentazione: le feci prodotte, ad esempio, con una dieta esclusivamente a base di carboidrati hanno una composizione simile a quelle di una persona che assume solamente proteine. In condizioni normali le feci sono di colore marrone; in caso di digiuno prolungato, vengono espulse feci di volume ridotto e quasi nere, la cui composizione chimica, tuttavia, non cambia sostanzialmente. Feci consistenti sono prodotte dai cibi ricchi di cellulosa. L'odore sgradevole delle feci umane dovuto principalmente alla presenza dello scatolo, un composto organico a due anelli, di formula bruta C9H9N. Nei monotremi, negli uccelli, nei rettili e nei pesci e in molti animali inferiori le feci vengono secrete mescolate ai composti di rifiuto azotati (urina, urea o acido urico). Nei mammiferi, durante la vita fetale le sostanze fecali si accumulano nell'intestino sotto forma di meconio, una massa semisolida di colore bruno-verdastro, che viene espulsa subito dopo la nascita. IMPORTANZA DIAGNOSTICA Dal punto di vista medico l'esame delle feci rappresenta un'importante procedura diagnostica, che, attraverso l'analisi sia macroscopica che microscopica, pu contribuire a verificare la funzionalit degli organi digestivi o l'eventuale presenza di parassiti. Feci grasse o di colore chiaro possono, ad esempio, essere il segno di un disturbo a carico del pancreas, mentre feci nere possono indicare un eccesso di secrezione biliare. La costipazione pu produrre feci dure, mentre in caso di indigestione le feci possono essere molli e acquose. Da esami di laboratorio sulla composizione fecale possono essere evidenziate numerose malattie, quali un malfunzionamento del pancreas, che determina un eccesso di sostanze azotate nelle feci (azotorrea), oppure un'ulcera o un cancro dello stomaco o dell'intestino crasso, messi entrambi in luce da tracce di sangue nelle feci. Se le quantit di sangue sono cospicue, le feci possono apparire nere. Un sanguinamento nella parte inferiore dell'intestino o nell'ano, ad esempio in seguito a emorroidi, d, invece, luogo alla presenza di sangue indigerito nelle feci, le quali assumono di conseguenza un colore rosso vivo.