Sei sulla pagina 1di 4

La pecora, come tutti gli animali e le piante, ha anche un nome scientifico in lingua latina, si chiama Ovis aries.

Il maschio della pecora si chiama ariete o montone. Laspetto delle pecore molto vario nelle numerose e diverse razze allevate. Esse possono essere alte dai 70 ai 130 centimetri essere tozze o slanciate con gambe sottili. Il muso caratteristico e convesso al di sopra del naso. Le orecchie possono essere dritte o pendenti e la coda corta. Le pecore, a seconda della razza, possono avere o non avere le corna e alle volte le possiede anche la femmina. Il mantello o vello formato da peli sottili e increspati che si dicono borra e da altri peli pi

lunghi, duri e rigidi detti giarra. Anche il colore del vello pu variare e si trovano pecore bianche, rossicce, con sfumature gialle, marroni e anche nere. Alcune razze di pecore presentano anche due colori nello stesso mantello. La lana ha un odore caratteristico dovuto alla lanolina, un grasso che la impregna e serve allanimale per rendere impermeabile il mantello. La pelle della pecora con tutto il suo pelo stata uno dei primi indumenti delluomo e ancora oggi usata da alcuni pastori sardi per fare giacche senza maniche che, oltre a tenere caldo, proteggono dal vento e dalla pioggia.

Colora e completa a piacere il disegno

Le pecore si nutrono di erbe e si spostano in continuazione sui pascoli per trovare il cibo. Mangiano anche erbe povere che trovano lungo i fossi o nei prati magri e incolti. Per questo motivo sono utili per tenere pulito lambiente. Le grandi greggi vengono spostate a primavera e vanno a passare lestate nei pascoli di montagna, poi in autunno ritornano in pianura. Questi grandi spostamenti si chiamano transumanza. Le pecore possono essere allevate anche nelle stalle e allora conducono una vita piuttosto sedentaria. In questo caso mangiano foraggi coltivati, fieno e mangimi. Questo animale un ruminante e pertanto dopo aver pascolato si ferma, lo stomaco si contrae e fa ritornare in bocca tutto il cibo ingerito, che viene rimasticato. In questo modo la pecora riesce ad estrarre tutto il nutrimento dallerba e pu digerire anche la cellulosa, una sostanza che altrimenti passerebbe nellintestino senza essere trasformata. Il suo stomaco diviso in quattro parti: rumine, reticolo, omaso e abomaso. Le prime tre cavit sono anche dette prestomaci, qui vivono moltissimi batteri, la quarta cavit invece paragonabile ad uno stomaco vero e proprio. I batteri ricevono il cibo dalla pecora e in cambio la aiutano a digerire meglio sciogliendo la cellulosa: si tratta di una simbiosi.

Le pecore come i cavalli, gli asini, le mucche, le capre mangiano vegetali e pertanto sono. I cani, i gatti, i lupi, i leoni mangiano carne e pertanto sono

La pecora uno dei primi animali ad essere stato addomesticato dalluomo ed ora diffuso su tutta la Terra. Al contrario delle pecore selvatiche, quelle domestiche hanno indole docile e timida. Vengono allevate in greggi e spostate sui pascoli con laiuto dei cani, validi aiutanti dei pastori. I cani sono collaboratori molto intelligenti ed efficienti e, in alcune zone dItalia, difendono il loro gregge anche dai lupi o dai cani inselvatichiti. Tra tutti gli animali domestici la pecora sicuramente il pi mansueto e docile. E anche molto sociale, ama vivere in gruppo e segue sempre lanimale che alla testa del gregge. Se il capo gregge si sposta, tutte le pecore lo seguono anche se lungo la strada ci sono ostacoli da superare.

Le pecore vivono dai 12 ai 15 anni e ad ogni femmina nascono due agnellini gemelli allanno, ma ci sono casi in cui ne nascono anche tre o quattro. La mamma molto dolce e tenera con i piccoli e li coccola leccandoli e scaldandoli. Dopo due ore dalla nascita gli agnellini sono gi in grado di camminare e seguire la madre.

Fin dallantichit le pecore sono state allevate per fornire alluomo lana, pelli, latte e carne. Se le pecore mangiano erba fresca ed abbondante continuano a produrre latte anche quando non allattano pi gli agnelli. Lallevatore allora le pu mungere per avere il latte che serve a produrre il formaggio pecorino, le

caciotte e la ricotta, tutti buonissimi. In Italia esistono molti tipi di formaggi ricavati dal latte di pecora che variano di sapore a seconda della regione da cui provengono. Sono famosi il pecorino sardo, il pecorino romano, le caciotte umbre, il canestrato pugliese, la ricotta romana e tanti altri.

Il vello il manto della pecora, in inverno molto lungo e folto che le serve per ripararsi dal freddo. Alla fine della primavera viene tagliato e questa operazione si dice tosatura. Non tutte le parti del vello hanno lo stesso valore e pertanto la lana pi pregiata viene separata da quella pi scadente. A questo punto la lana deve essere pulita dalle impurit come fili derba, semi e sporcizie varie, cardata, filata e lavata. Solo ora pu essere tinta del colore che si desidera. Con la lana si possono fare lavori a mano con i ferri e luncinetto, maglie e maglioni con le macchine industriali, oppure pu essere tessuta con i telai per ricavarne stoffe e tappeti. Inoltre con la lana cardata si possono fare imbottiture e materassi.

......Detti e proverbi

Se fai la pecora il lupo ti sbrana. Se mangi erba diventi pecora. Scellerata la pecora che ha fiducia nel lupo.

Un lupo vide un agnello presso un torrente che beveva, e gli venne voglia di mangiarselo con qualche pretesto. Standosene l a monte, cominci quindi ad accusarlo di insudiciare lacqua, cos che egli non poteva bere. Lagnello gli fece notare che, per bere, esso sfiorava appena lacqua con il muso e che, daltra parte, stando a valle, non gli era possibile intorbidare la corrente a monte. Venutogli meno quel pretesto, il lupo allora gli disse: "Ma tu sei quello che lanno scorso ha insultato mio padre". E lagnello a spiegargli che a quella data egli non era ancora venuto al mondo. "Bene", concluse il lupo, "se tu sei cos bravo a trovar delle scuse, io non posso mica rinunciare a mangiarti". La favola mostra che contro chi ha deciso di fare un torto non c giusta difesa che valga. Esopo, CCXXI; Fedro, I, 1. Come certo saprai le favole hanno sempre una morale, sono state scritte per insegnarci qualcosa. Secondo te che cosa ci vuole insegnare la favola del lupo e lagnello?

Rifletti.
I lupi sono animali cattivi o sono semplicemente dei predatori carnivori che devono procurarsi il cibo?

Ora metti in moto la tua fantasia e


Prova ad inventare anche tu una favola che abbia come protagonista una pecora. Ora scrivi un breve racconto realistico. I personaggi saranno delle pecore, un cane da pastore e un lupo. Infine racconta una storia del tutto fantastica sempre con le pecore come protagoniste.