Sei sulla pagina 1di 8

11/08/2009

CICLO

Ciclo dell'Ossigeno
DELL’OSSIGENO

1 Prof. Pierpaolo Cavallo

RUOLI BIOLOGICI DELL’OSSIGENO


11/08/2009

L’ossigeno è presente:
 in molte combinazioni chimiche,
 sotto forma di ossigeno molecolare,
Ciclo dell'Ossigeno

 nell'acqua,
 in composti inorganici e organici.

Di fondamentale importanza per il ciclo è


l'ossigeno atmosferico, che è prodotto dalla
fotosintesi (quasi tutto) e dalla fotolisi dell’acqua
(in minima parte).
2

PRODUZIONE E CONSUMO DI O2
11/08/2009
Ciclo dell'Ossigeno

Pierpaolo Cavallo
OSSIGENO ED OZONO

11/08/2009
Pressoché tutto l'ossigeno libero proviene dalla
fotosintesi; la quantità prodotta dalla fotolisi è

Ciclo dell'Ossigeno
trascurabile.
Negli strati alti dell'atmosfera l'ossigeno si
trasforma in ozono che, assorbendo determinate
lunghezze d'onda ad alta energia, dalla
radiazione solare che arriva alla terra, costituisce
uno schermo protettivo per gli esseri viventi.

ATTIVITÀ CHE CONSUMANO OSSIGENO


11/08/2009

L'ossigeno viene consumato in attività biologiche e


geologiche.
Ciclo dell'Ossigeno

Queste attività comprendono:


 la respirazione,
 l'alterazione superficiale delle rocce affioranti,
 l'ossidazione del ferro, di altri metalli, dei gas
ridotti emessi nelle emanazioni vulcaniche e
termali (ammoniaca, acido solfidrico),
 l'ossidazione di prodotti di origine antropica.
5

COMPOSIZIONE DELL’ATMOSFERA
11/08/2009

L'atmosfera è l'involucro di gas che


circonda la terra ed è costituito da
Ciclo dell'Ossigeno

ossigeno, azoto ed altri componenti


gassosi.
Si possono distinguere vari strati:
 la troposfera, da quota zero a circa 12
Km,
 la stratosfera, da 12 a 50 Km,
 la mesosfera da 50 a circa 90 Km.
Ognuno degli strati è formato da
sottostrati. 6

Pierpaolo Cavallo
COMPOSIZIONE CHIMICA DELL'ARIA
(0° - 760 MMHG)

11/08/2009
 N2 78,08%
 O2 20,95%

Ciclo dell'Ossigeno
 ARGON 0,93%
 CO2 0,03%
 ALTRI tracce
(O3, ACQUA OSSIGENATA, RADON etc.)
L'uomo respira 6-9 litri di aria al minuto;
questo valore arriva fino a 100 l/min in
caso di attività fisica pesante.
7

ARIA E CLIMA
Il clima è l’insieme di tutte le condizioni
meteorologiche che agiscono con una certa
regolarità in una determinata zona.
I fattori climatici sono quei parametri che
possono influenzare il clima:
 la latitudine
 l’altitudine
 la vicinanza al mare od a laghi estesi
 la natura ed il colore del terreno
 la posizione topografica e geografica 8

FLUSSI DI OSSIGENO TRA COMPARTI


11/08/2009

I flussi di ossigeno si svolgono tutte tra le


varie sfere: atmosfera, biosfera,
Ciclo dell'Ossigeno

litosfera, idrosfera, che compongono


l’ambiente.

I flussi sono legati a processi che possono


essere chimici (reazioni ossidoriduttive e
biochimiche) o chimico-fisici
(dissoluzione del gas, ecc.).

Pierpaolo Cavallo
SCHEMA DEI FLUSSI DI O2

11/08/2009
Ciclo dell'Ossigeno
10

FOTOLISI DELL’ACQUA
(PRODUZIONE DI OZONO)
11/08/2009

Le radiazioni ultraviolette provenienti dal sole


scindono, nella parte superiore dell'atmosfera, un
Ciclo dell'Ossigeno

piccolo numero di molecole di acqua in fase


gassosa, in idrogeno ed ossigeno.
Gli atomi di idrogeno possono sfuggire nello spazio,
data la loro piccola massa, mentre quelli di
ossigeno entrano a far parte dell'atmosfera
generando, per lo più, ossigeno molecolare e
ozono.
La velocità di produzione di ossigeno mediante
queste reazioni è così bassa che si può trascurare
completamente il loro contributo. 11

Strati dell’atmosfera
Altezza totale circa 150 km

IONOSFERA (>>80Km)

(A 30-50 km: ozonosfera)


STRATOSFERA (da 7-16 a 80 km)

Tropopausa

TROPOSFERA (7-16 km)


12

Pierpaolo Cavallo
OZONO:

11/08/2009
SCHEMA

Ciclo dell'Ossigeno
13

L’OZONO
L'ozono (O3), molecola triatomica dell'ossigeno,
11/08/2009

pur costituendo solo 1 ppm (una parte per


milione) dei gas dell'atmosfera, è l'unico in
Ciclo dell'Ossigeno

grado di assorbire le radiazioni ultraviolette di


lunghezza d'onda tra 200 e 300 nm (nanometri,
10-9 m) provenienti dal sole, impedendo loro di
raggiungere la superficie terrestre.
In questo modo esso assume un ruolo
fondamentale di protezione, rendendo possibile
la sopravvivenza delle specie viventi, che
sarebbero pesantemente danneggiate da queste
14
radiazioni ad alta energia.

LOCALIZZAZIONE DELL’OZONO
11/08/2009

La sua quantità varia con l'altitudine e arriva ad


un massimo di 12 ppm (parti per milione) a 30
Km di quota.
Ciclo dell'Ossigeno

Nella stratosfera, quindi, si concentra il 90%


dell'ozono atmosferico.
L'equilibrio tra le reazioni di formazione e
distruzione dell'ozono governa la quantità di
questo gas presente nella stratosfera.
Attualmente questo equilibrio naturale viene
disturbato da vari tipi di gas, tra i quali i più
importanti sono i clorofluorocarburi (CFC).
15

Pierpaolo Cavallo
DISTRIBUZIONE QUANTITATIVA
DELL’OZONO

11/08/2009
Ciclo dell'Ossigeno
16

BUCO DELL’OZONO: IL FENOMENO


11/08/2009

Ogni anno, durante la primavera dell’emisfero


australe, la concentrazione dell’ozono
Ciclo dell'Ossigeno

stratosferico nell’area situata in prossimità del


Polo Sud diminuisce a causa di variazioni
naturali.
Purtroppo, a causa degli inquinanti rilasciati in
atmosfera, sin dalla metà degli anni settanta
questa periodica diminuzione è diventata sempre
più grande.
Questi inquinanti sono i CFC, clorofluorocarburi,
usati come isolanti ovvero fluidi negli impianti di
refrigerazione/climatizzazione. 17
11/08/2009

MECCANISMO
Ciclo dell'Ossigeno

DEL DANNO
DA CFC
SULL’OZONO

18

Pierpaolo Cavallo
CAUSE DEL BUCO DELL’OZONO

11/08/2009
Ciclo dell'Ossigeno
19

IL BUCO DELL’OZONO- MODELLO 3D


11/08/2009
Ciclo dell'Ossigeno

20

CONSEGUENZE DEL BUCO


11/08/2009

Aumento dei raggi UV che giungono sulla


superficie della Terra. Si potrebbero avere:
Ciclo dell'Ossigeno

 aumento del rischio di cancro della pelle,


generato a seguito delle mutazioni indotte nel
DNA delle cellule epiteliali;
 inibizione parziale della fotosintesi delle piante,
causandone un rallentamento della crescita;
 diminuzione dell’attività fotosintetica del
fitoplancton che si trova alla base della catena
alimentare marina, con rischio di scompenso a
carico degli ecosistemi oceanici.
21

Pierpaolo Cavallo
UN SECONDO BUCO?

11/08/2009
Recentemente si è comunque individuato un
assottigliamento della fascia di ozono

Ciclo dell'Ossigeno
anche in una piccola zona al polo Nord,
sopra il Mare Artico, fatto che potrebbe
preludere alla formazione di un altro buco
dalla parte opposta.
In effetti il fenomeno non rappresenta
nient’altro che l’aspetto più evidente della
generale e graduale diminuzione
dell’ozono nella stratosfera. 22

Pierpaolo Cavallo