Sei sulla pagina 1di 4

CUBA, CONSIGLI DI VIAGGIO

26/03/2007-04/04/2007

Prima della partenza:

Prenotato volo Air France Venezia – Parigi – l’Habana: puntuale ma molto


scomodo. Si sta stretti come su un qualunque Roma-Milano. Non si dorme, ma in
compenso si mangia.
Prenotato hotel a L’Habana Vieja tramite www.lovelycuba.com, un bel sito di
un’agenzia con sede sia a Milano che a l’Habana (Edificio Bacardi, fateci un salto se
avete qualche problema: Marco è molto disponibile). Contiene molte informazioni per
affrontare nella maniera migliore la scoperta di Cuba. Vi consigliamo di acquistare sul
sito anche la cartina stradale dell’isola, in scala 1:250.000, introvabile sia a Cuba che
in Italia. Noi non l’abbiamo fatto e ce ne siamo pentiti, visto che a Cuba non esistono
cartelli stradali.....
L’albergo è l’Hostal Convento Santa Brigida: 104 euro per notte la doppia
incluso il “desayuno” (colazione). Si trova proprio accanto alla Placa Vieja, nel cuore
del centro storico. Inaugurato alla presenza di Fidel pochi anni fa è interamente in stile
coloniale con dei bei cortili pieni di belle piante; molto silenzioso (ci sono le suore,
anche quelle di clausura!), pulito, letti comodi, bagno nettamente sopra la media
cubana. Lo rimpiangerete quando andrete nelle “casas particulares”! La doccia fatela
la sera altrimenti rischiate di trovare l’acqua fredda e non preoccupatevi se verso le sei
di mattina sentirete in lontananza echeggiare dei cantici gregoriani: sono le suore che
iniziano i loro esercizi spirituali!
Automobile: noleggiata in anticipo (è meglio: potreste rimanere senza se
aspettate di essere sul posto) e sempre tramite “lovelycuba”, classica auto “classe
economica”. La compagnia di noleggio è la CubaCar, comodissima perché a due passi
dal nostro albergo, al Terminal de Cruzero, proprio sulla bella Placa de San Francisco
de Asis. Una Hyunday Atos che si è rivelata affidabile almeno per quanto riguarda
motore, comodità, aria condizionata e bagagliaio (ci sono entrati entrambi i nostri
borsoni, più altre quisquilie), ma meno per le ruote. Infatti è quasi matematico che
bucherete, almeno una volta, sulle strade cubane; quindi accertatevi, al momento del
ritiro, che la ruota di scorta non solo ci sia, ma che non sia già bucata! (Mannaggia a
loro!).
“Comprata” la mitica “tarjeta turistica” (visto) al consolato cubano di Roma
(20 euro a testa), ma lo forniscono anche le agenzie turistiche e le compagnie aeree.
Al limite c’è sempre la possibilità di compilarla e comprarla appena scesi dall’aereo,
prima del passaggio in dogana.
Acquistate le guide “Lonley Planet” e “National Geographic” e stampate da
internet indirizzi di “casas particulares”.
Bagaglio: abbiamo diviso le nostre cose in due borsoni morbidi (meglio: le
valigie rigide rischiano di non entrare nel bagagliaio della macchina), così se una
delle due valigie non fosse arrivata a destinazione avremmo comunque avuto tutti e
due qualche vestito. Inoltre un ricambio l’abbiamo messo nel bagaglio a mano. A
Cuba sono difficili da trovare le medicine, gli assorbenti e i prodotti da toilette in
genere (oppure sono scadenti). A questo proposito segnaliamo a Santiago una
farmacia internazionale all’interno della Clinica Internazionale in zona Vista Alegre.
Portate anche qualche maglietta, sapone, penne, caramelle, palle da tennis (o similari,
i bambini usano i tappi per giocare a baseball: il massimo sarebbe dei guantoni!):
soprattutto a Trinidad e a Santiago verrete assaliti da donne e bambini che chiedono
un po’ di tutto.
Arrivati all’aeroporto di L’Habana munitevi anche di “moneda nacional”, cioè
i pesos che usano i cubani, e non solo di CUC (i pesos “Convertible” che possono
usare solo i turisti). Serviranno per le mance (quando non ve le chiederanno
espressamente in CUC) o nei negozi dove e’ possibile pagare in questo modo (non
sono molti, in verità), ma soprattutto vi faranno sentire più “vicini” a questa splendida
gente. Basteranno 20 euro al massimo: per fare 1 euro, infatti, ci vogliono ben 30
“pesos”!!

Viaggio:

L’HABANA: Due giorni e tre notti possono bastare per visitare la città e
assaporarne il suo fascino. Non mancate di passeggiare per le vie della Habana Vieja e
Habana Centro, né di fare una puntata al quartiere del Vedado; visitate senz’altro il
Museo della Revolucion, il Capitolio e Plaza della Revolucion, con salita obbligatoria
ai 130 metri della torre, senza dimenticare alcune chiese e piazze, il Malecon
(suggestivo percorrerlo con un Cocotaxi) e il Paseo de Martì, dove è rilassante
passeggiare fra bambini vocianti e con lo sguardo rivolto ai palazzi colorati che vi si
affacciano; né può mancare il simpatico “museo” del cioccolato (in Mercaderes) e il
negozio a fianco della fabbrica di sigari nella piazza del Capitolio; imperdibile la
cerimonia del Canonazo alle 21 alla Fortaleza de La Cabana.
Mangiate alla Mina (Plaza de Armas) i camarones (gamberi), ma evitate El
Patio in Plaza de la Catedral (è caro e le porzioni sono piccole). Munitevi di moneda
nacional e acquistate per meno di mezzo euro (12 pesos “nacional”) le gustosissime
caijtas alla Cafeteria La Primera de Aguacate (Aguacate n. 12): scatole di cartone con
dentro un po’ di tutto: riso, verdure, pollo, pesce, fagioli, ecc.. Se non volete
mangiarle con le mani o con il coperchio rubate i cucchiai sull’aereo e teneteli sempre
in tasca. Il gelato da Coppelia (se non è chiuso perché manca la corrente) lo troverete
in quasi tutte le altre tappe del vostro viaggio sull’isola, la scelta è tra due gusti, farete
una bella fila ma è un’esperienza che va vissuta!
Quando prenderete la tangenziale per uscire da l’Habana armatevi di cartina e
pazienza, i cartelli non esistono, chiedete alle numerose persone che incontrerete sulla
strada ma ognuno vi dirà una cosa diversa.

CIENFUEGOS: a noi non ha detto granché, vi abbiamo fatto una breve sosta
nel tragitto dalla capitale a Trinidad. Dall’Autopista c’è un primo cartello per
Cienfuegos e che noi abbiamo ovviamente seguito, anche se avevamo visto che il
pullman lì diretto proseguiva per l’Autopista; probabilmente faceva una strada più
comoda anche se più lunga: chi può dirlo? E’ anche vero che ci hanno detto che
conviene non fidarsi troppo dei cartelli sui pullman..... La strada che abbiamo fatto
noi, comunque, pare sia cosparsa di chele di granchio (non lo sapevamo, ma forse è
proprio lì che abbiamo bucato; o, forse, è una diceria degli abitanti di Trinidad....)

TRINIDAD: da soli non ci saremmo mai arrivati, se non dopo giri infiniti, a
causa della assoluta mancanza di cartelli. Per fortuna, ad un incrocio abbiamo dato un
passaggio a Enrique Manuelito che ci ha raccontato molte cose interessanti su Cuba e
sulla vita di tutti i giorni e, soprattutto, ci ha trovato una bella ed accogliente “casa
particular” e un eccellente “paladares” consigliato anche dalla Lonley, “Estela” (in
Simon Bolivar n. 557): da fuori sembra non esistere ma dentro c’è un bel cortiletto!
Prenotate o andateci presto: hanno solo tre tavoli, ma gamberi e aragosta a go go (12-
15 euro a cranio). La nostra “Casa particular” è Yaquelin Arrechea, nel pieno centro
storico (Calle Jesus Menendez n° 60 e/ Lino Perez y Agustin Bernal, tel. 01419 6038,
xiquetdad2005@yahoo.es): buona ospitalità, cibo abbondante e ottimo, bel patio dove
mangiare o riposarsi sulle sedie a dondolo in compagnia del cane Principe, camera
semplice, bagno essenziale, ma pulito e aria condizionata (anche se rumorosa, come
dappertutto: impossibile tenerla accesa di notte!).
Una piccola, ma doverosa digressione: vi consigliamo di alloggiare nelle
“casas particulares” perché è proprio lì che assaporerete la vera cucina cubana
(spendendo peraltro molto meno che in qualunque altro “ristorante”), ma soprattutto
perché è proprio lì che avrete modo di conoscere, parlare e confrontarvi con la vera
Cuba e i veri Cubani. Certo, preparatevi a camere spartane, spesso buie, e soprattutto
a bagni più che essenziali: le docce non hanno pressione e spesso l’acqua non è
caldissima, il wc può essere sprovvisto di tavoletta (noi abbiamo portato i copri water
usa e getta!), ma la cordialità e l’ospitalità dei loro abitanti è straordinaria e quasi
commovente. Il consiglio è di vederne più d’una, anche se arrivando in una città verso
sera (specialmente proprio a Trinidad) potreste trovare qualche difficoltà a trovarne di
libere.
Trinidad è una città unica, non per niente è interamente stata eletta a
“patrimonio dell’umanita’” dall’Unesco. Girate per le sue vie con calma, specialmente
dopo le sette di sera, quando si alza un lieve, fresco venticello, i turisti tornano negli
alberghi per prepararsi alla cena e i cubani sono meno “pressanti” e guardatevi
intorno: la bella piazza principale, la vista dalla torre del Museo Historico Municipal,
la musica alla Casa della Trova, le sue case colorate, il ciottolato inconfondibile e
caratteristico. Nei suoi dintorni segnaliamo il mirador de La Loma del Puerto (da dove
si ammira uno splendido panorama sulla “Valle de los Ingenios”) e la Manaca Iznaga,
una antica “fazenda” appartenuta agli schiavisti spagnoli nell’800, El Mirador di
Topes de Collantes (dove probabilmente incontrerete un omino che vi venderà un
caschetto di mini banane, al solito prezzo politico di 1 CUC), e infine la famosa Playa
Ancon: bella, ma ne troverete di migliori.

SANCTI SPIRITUS: breve sosta nel tragitto da Trinidad a Camaguey. Due


buone pizze preparate sul momento dal cuoco del ristorante all’angolo tra di Av. De
los Martires e Indipendencia, sulla piazza principale, e servite attraverso la finestra
della cucina; pagate in “moneda nacional” 12 pesos (in CUC ne volevano 5! Capito
come funziona?)

CAMAGUEY: Bella cittadina dove ci siamo fermati una notte nella “casa
particular” consigliata da Yaquelin di Trinidad, Noel y Josefa (Bembeta n° 568 e/
Horca y San Ramon, tel. 284771). Noel ci aspettava da due ore all’ingresso della città,
e ci ha inseguito su una motoretta scassata urlando i nostri nomi: Yaquelin gli aveva
preannunciato il nostro arrivo (nomi, descrizione dell’auto, targa)! Una scena surreale,
ma molto divertente! Comunque è stato un bene, perché l’ospitalità è stata ottima:
bella la casa, ma, soprattutto, abbiamo mangiato da dio (aragoste, riso, zuppa di carne,
verdure, banane e patate fritte, frutta, tutto in una cena e in porzioni per 6 persone e a
soli 10 CUC!). Attenzione alla doccia!

BAYAMO: Breve sosta nel tragitto da Camaguey a Santiago, e, finalmente, è


gelato da Coppelia! Chiesto vaniglia e cioccolato, ci hanno portato cocco e cioccolato:
erano i due gusti della giornata. Fra l’altro non ci eravamo accorti che, come sempre
da Coppelia, c’era la fila (ci credo! Un gelato costa 1 pesos!) e siamo passati davanti a
tutti i cubani. In Italia ci avrebbero linciato!

SANTIAGO: E’ una città molto diversa dalle altre, forse l’unica vera città così
come la intendiamo noi. Il centro storico, con le sue scalinate e il dedalo di stradine
che salgono e scendono, ricorda un po’ il Barrio di Porto. Molte abitazioni fatiscenti,
ma anche piazze, piazzette, angoli e scorci di panorama veramente deliziosi. Ma il
vero cuore di Santiago, anche se distante 10 km dalla città, è la fortaleza de El Morro,
uno spettacolare castello spagnolo del 600 a guardia dell’insenatura che porta alla baia
di Santiago e da cui si gode lo straordinario panorama della Sierra Maestra e
dell’oceano. Segnaliamo la “casa particular” dove abbiamo alloggiato, per fortuna una
notte sola, per evitare che ci finiate anche voi: Myriam (calle Lino Boza)

REMEDIOS: Uno dei posti che ricorderemo più volentieri del nostro viaggio a
Cuba. Sarà che era la nostra ultima tappa e ci siamo rimasti due notti, sarà per la
squisita ospitalità della nostra padrona di casa, ma l’abbiamo trovato un posto
veramente rilassante e piacevole. Il nostro consiglio è quello di fermarvi più di un
giorno. La cittadina è piccola e deliziosa, si respira una bella atmosfera, la gente è
molto tranquilla e accogliente. Fra l’altro è una buona base di partenza per
raggiungere Cayo Santa Maria e la bellissima Playa Blanca, godendo del fantastico
paesaggio che si ammira sul “predapien”, la fettuccia di strada che per 47 Km. entra
nel mare aperto, e, ovviamente, anche Santa Clara. La “casa particular” segnalata su
questo sito era piena, ma il proprietario Richard ci ha subito portato da una giovane
coppia dove siamo stati benissimo (Hostal La Lucia, di Yunai e Livani, Calle Hnos
Garcia n° 137, 25 CUC). Casa curata e pulita, stanza luminosa e bel bagno, si mangia
benissimo e loro sono molto simpatici. Andateci!

SANTA CLARA: Chi è cresciuto con il mito e l’esempio di “Che” Guevara si


commuoverà di fronte al mausoleo a lui dedicato a Santa Clara. Il “Che”, come
Camillo Cienfuegos, sono ancora venerati dal popolo cubano, cosa che non si può
certo dire di Fidel Castro. E’ l’unico museo cubano dove non si paga e non vendono i
classici souvenir. Nella piazza, enorme e solitaria, lontana com’e’ dal centro di Santa
Clara, non c’è altro se non l’enorme statua di metallo del “Che” con l’inseparabile
fucile, la pietra scolpita con le sue celebri frasi e la discreta presenza del mausoleo.

Conclusioni:

Non rinunciate ad un viaggio a Cuba. Le cose sono destinate a cambiare presto, e per
sempre.....