Sei sulla pagina 1di 2

RIPRISTINO DINAMICA TASTI (di Giuseppe Mansi)

Per ripristinare la dinamica dei tasti della serie S, bisogna aprire il synth.
Svitate prima le viti esterne, per sollevare la parte superiore dove posto il display e poi, in un secondo
momento, le viti corrispondenti al blocco dei tasti ,rispettando lo schema allegato.
Le altre che non appaiono in questo schema sono quelle corrispondenti al blocco dei tasti e vanno rimosse
dopo aver aperto il synth e distaccato i vari connettori.
Staccati i connettori,numerarli con un pennarello e separare il blocco dei tasti .
Svitate le viti al di sotto ,del blocco tasti,in modo da accedere alle molle (diverse da quelle per il ritorno
meccanico dei tasti nella posiioe di partena),evideniate nella !oto.
Le molle che determinano la dinamica,oscillano tra due contatti metallici tipo astine (che vanno ben
puliti ,con carta smeriglio !inissima e poi con un batu!!olo imbevuto di alcool).
"uando un tasto#i non !unionano, le molle si sono allentate o ossidate e il ($ di % decoder) &'()$*%,
interpreta male l+input e non da la nota (la reattana induttiva delle molle corrispondenti cambiata).
)osa bisogna !are,
se si hanno le molle nuove,bisogna dissaldare tutte quelle corrispondenti all+ottava e mettere le
nuove. -on va sostituita solo quella corrispondente al tasto che non suona perch. tutte le molle
dell+ottava devono avere la stessa reattana induttiva.
Se non si hanno le nuove bisogna dissaldare tutte quelle dell+ottava di!ettosa passarle
leggermente con carta smeriglio !inissima (solo una leggera stro!inata e poi immergerle in alcool
(meglio sarebbe benina bianca, quella che usano gli orologiai per pulire le parti meccaniche) e
poi !arle asciugare bene.
/n genere l+ottava rovinata e quella pi0 1suonata2.
3issaldare le molle dell+ottava meno suonata e metterla al posto di quelle pi0 utiliata e quelle
diciamo 1medicate2 al posto di queste ultime.
Le saldatore devono essere per!ette e le molle bilanciate come in originale (vedi !oto allegata),se
non avete mai preso un saldatore in mano !atevi aiutare.
/l saldatore deve essere ma4 *56*78 poich le molle si surriscaldano e cambiano le loro
caratteristiche elettromeccaniche.
SENSORE DI PRESSIONE E GENERAZIONE DINAMICA (di Giuseppe Mansi)
9l di sotto dei tasti vi una specie di estro!lessione plastica cilindrica, che ,alla pressione del tasto, batte
su una maquette nastri!orme nera, al di sotto della quale incollato una doppia striscia di plastica sottile
sempre nastri!orme.
-ella parte interna di ogni striscia depositato uno strato di carbone del tipo di quello che si trova sotto i
testi dei telecomandi o dei duoble6s8itch dei tasti dell+equino4 della gem e delle altre marche.
"ueste strisce non vanno mai rimosse (non si riparano e in genere non si rompono mai), poich. i di!etti
della dinamica sono dovuti sempre alle molle ossidate dal tempo e dall+usura.
Si consiglia solo,di rimuovere la polvere,depositata sulla maquette, con un pennello morbido.
L+inviluppo del suono a livello elettromeccanico dovuto,
$6 alla !ora esercitata sul sensore di pressione citato
:6 al distacco (perdita del contatto elettrico sull+astina dove la molla si trova in condiioni di riposo)
*6 all+attacco (!ormaione del contatto elettrico sulla seconda astina)
'6 tempo intercorrente tra attacco e distacco
76 interpretaione dei segnali generati (dalle molle delle singole ottave) dai circuiti integrati &'()$*%
(3;)<3;=)... in genere su un /) a!!luiscono segnali : ottave .
M)&'()$*%- M)&'()'7$'-
Sono gli /) a cui con!luiscono i segnali generati dalle molle,posti sulle basette delle schede al di sopra di
queste.
">;S?/ /) S<-< 3;/ 3ecoder # 3emultiple4er (igh6Per!ormance Silicon6Gate )M<S,se volete
oppro!ondire trovate i !iles pd! in 8eb@
/l sensore di pressione !a capo ad un circuito che sullo schema chiamato 9A?;= ?<>)( B<9=3,e puo
essere variato nelle sua e!!icacia del trimmer da '&5 ohm (9A?;= ?<>)( 93C>S?) attraverso un piccolo
!orellino presente sotto il coperchio del synth,(sul lato sinistro, vedendo il synth da sopra),che in genere
coperto da una targhetta di alluminio.
Giuseppe Mansi