Sei sulla pagina 1di 1

NEVE_FINLEY Come fa un equilibrista cammino lass guardo sempre avanti, mai gi qui non servir il coraggio o la forza che

hai serve essere sicuri di non cadere mai pronto a fare il mio dovere ti regaler la perfezione o almeno ci prover, ma la distrazione sai non era prevista e si d in scena l'opera pi grande mai vista prova a stringere pi forte che puoi quello che di buono resta di noi questi segni sulla pelle non vanno pi via l'universo di colori e di pura follia questa neve bianca li porta via chiudi gli occhi che ti porto a vedere dov' l'universo di colori dentro di te prova a stringere pi forte che puoi quello che di buono resta di noi questo freddo sulla pelle lo senti anche tu ora legati da un filo di neve restiamo sospesi nel vuoto restiamo legati per sempre prova a stringere pi forte che puoi quello che di buono resta di noi se fa male stringi ancora di pi questi segni sulla pelle non vanno pi via ora legati da un filo di neve restiamo sospesi nel vuoto legati da un filo di neve

importa stasera, questa citt non mai stata all'altezza delle nostre illusioni, e diventava ogni giorno pi stretta, soffocando anche i nostri sogni. Buona fortuna, per questo lungo viaggio, che sia fino alla luna o solo fino a casa. E tiravamo le quattro davanti al portone di casa, scappiamo in Messico e male che vada apriamo un bar sulla spiaggia, questa citt non mai stata all'altezza delle nostre ambizioni, e si finiva a guardare le stelle, a far la pace con i nostri sogni. Buona fortuna, per questo lungo viaggio, che sia fino alla luna o solo fino a casa e se qualcuno ti aspetta, ne vale sempre la pena, buona fortuna, buona fortuna. I tempi cambiano, le mode passano, le donne scappano, ma i segni restano, i sogni crescono, non invecchiano, ma rimangono con te. E allora buona fortuna per questo lungo viaggio, che sia fino alla luna o solo fino a casa, buona fortuna per questo lungo viaggio, che sia fino alla luna, buona fortuna, buona fortuna, buona fortuna.

BUONA FORTUNA
Siamo stati lontani dal mondo nessuno lo sa, e ci siamo sentiti stranieri nella nostra citt come soldati addestrati a lottare nei momenti peggiori, preparati nel caso a sparare, i nostri sorrisi migliori. Siamo stati lontani dal mondo lontani abbastanza, chiss dov' che si andava ma infondo, che