Sei sulla pagina 1di 10

gradie nt i.xo o m .

it

http://gradienti.xo o m.it/main/sperimentazio ni-pratiche/

TEORIA DI KESHE
Bisogna capire che il punt o non creare energia, o creare sist emi di spost ament o, ora t empo di t rovare la vera bellezza della creazione ! Keshe

A seguito delle conf erenze italiane di Keshe si f ormato un gruppo di lavoro con lintento di f are sperimentazioni pratiche. Il grosso del coordinamento avviene naturalmente via internet a causa delle distanze tra i vari componenti. Tuttavia si sono rese necessarie delle riunioni f isiche . La prima f rase si realizzata attraverso lo studio e la traduzione del brevetto 117 di Keshe. Noi abbiamo riscontrato che il lungo brevetto si componeva di tecniche e ampie parti descrittive riguardanti

la f ormazione della materia, delle galassie e delluniverso. I concetti sono ripetuti identicamente molte volte , spesso con le identiche parole; come se molti esperimenti dif f erenti f ossero stati assemblati assieme senza una precisa coesione, per cui anche i dati risultano spesso non ben def initi e/o contrastanti. Attraverso domande f atte direttamente a Keshe, noi abbiamo riscontrato una strana linea comportamentale dellautore, diversa da quanto avviene normalmente . Noi abbiamo intuito che questo tipo di esperimenti, i quali vanno a toccare i f ondamenti creativi della materia, assumano un carattere non solo scientif ico, ma anche spirituale e nello stesso tempo di espressione di libera creativit. Per esempio, abbiamo chiesto a Keshe perch non ci desse in mano progetti dettagliati e specif iche di costruzione. La risposta stata pi o meno questa: Non ve le do perch cos stata propagata questa inf ormazione da sempre in tutte le parti delluniverso. Accidenti! Ci siamo chiesti il signif icato di tale af f ermazione, e lunica spiegazione che siamo riusciti a darci, che in ogni esperimento, lo sperimentatore debba mettere in atta una SUA CREAT IVITA . Inoltre, per quanto appaia incredibile allo scienziato tecnicista, sembra checi che viene creato assuma uno strano rapporto con il creatore, quasi come un rapporto filiale. Chiaramente questo si scontra con le nostre credenze scientif iche, e allinterno del gurppo crea enormi perplessit. Il discorso andrebbe approf ondito, e semmai lo f aremo in seguito, certo E ST RANO !!! A questo punto abbiamo deciso di mettere in campo una linea esplorativa partendo quasi da zero. Noi non stiamo cercando di ripetere pedissequamente quello che scritto nel brevetto (anche perch bisognerebbe capire a che parte del brevetto ci si rif erisce) ma cerchiamo di osservare il comportamento dei vari gas partendo da composizioni semplici, per esempio solo H o H + He etc Non disponendo n di grandi f ondi, n di attrezzature particolarmente specializzate, ci siamo arrangiati con quello che avevamo a disposizione. Per esempio abbiamo una pompa a vuoto che f a 10-2 (usata a suo tempo per esperimenti sulla f usione f redda), anche se sappiamo benissimo che serve una pompa turbomolecolare. Ci stiamo attivando per acquisirla ma occorrono tempi lunghi, agganci, competenze ed anche denaro. Nel gruppo ci sono f isici, ingegneri e tecnici specializzati in particolare abbiamo degli ottimi realizzatori pratici. (Io sono solo la segretaria nonch traduttrice ) I teorici del gruppo, basandosi su quello che conoscono del plasma hanno subito posto lattenzione sulla pressione, o meglio sulla depressione. I plasmi inf atti si f ormano f acilmente a vuoti elevati (da 10-2 in su). Tuttavia esistono applicazioni pratiche in cui il plasma si f orma a pressioni ambientali ( tipica la saldatura al plasma). Abbiamo subito chiesto a Keshe quale era la pressione ideale. Ci aspettavamo una risposta coerente

con quanto scritto nei brevetti, in cui si parla in un caso di 10-7 in altri di 10-6 , pi o meno sembrava quello il range di azione. La risposta di Keshe stata equivoca la pressione non ha molta importanza. Anche questa risposta ci ha lasciati perplessi. Per il momento, in attesa della pompa molecolare, abbiamo deciso di operare a vuoti modesti, per supplire a questo inconveniente possiamo aumentare il voltaggio di innesco della ionizzazione. Noi abbiamo subito realizzato che vi era la necessit di vedere cosa succedeva dentro al reattore. Abbiamo notato da alcune f oto f ornite da Keshe un reattore a f orma di campana con due buchi laterali, Keshe ha detto che servivano per monitorare visivamente linterno. Vista la possibilit creativa e i pochi limiti imposti dal brevetto sui materiali, abbiamo deciso di provare a mettere alla base della campana un plexiglass dallo spessore di 1 cm trasparente. Anche su questo c stata una lunga discussione, le perplessit maggiori sono state paventate dagli specialisti, i quali ritengono la luce ultravioletta (emanata dal nucleo di idrogeno ionizzato) possa essere dispersa perdendo lintensit necessaria ad attivare la scintillazione dellelio o altri gas. Eventualmente quindi si appogger sul piano di plexiglass un materiale speculare che rif letta completamente i raggi allinterno. Un altra perplessit data dal tipo di raggi emessi potenzialmente pericolosi. Sappiamo che gi lidrogeno raggiunge il campo estremo di visibilit. Non possiamo essere sicuri di cosa succede poi con elio neon etcc. Pertanto, onde evitare spiacevoli inconvenienti abbiamo deciso di allestire una telecamera e guardare attraverso un videoproiettore su uno schermo. Per ogni eventualit abbiamo anche predisposto due contatore geiger. Se solo avremo il sospetto di pericolosit, metteremo degli schermi del tipo suggerito da Ighina, che lunico a nostra conoscenza che parlava proprio di questo tipo di esperimenti, e descriveva ef f etti sotto molti aspetti identici a quelli di Keshe. Ighina sosteneva che servono strati di materiali diversi organici e inorganici, per cui pensiamo di schermare con lastre metalliche, polistirolo organico, mattoni cartongesso e altro. Una delle parti pi dif f icili da realizzare del meccanismo quella di creare un perno rotante a tenuta stagna in modo che si mantenga il vuoto. Questo lo abbiamo realizzato raddoppiando i paraolio immersi in grasso siliconico. Per il momento vediamo che un vuoto di 10-1 viene mantenuto molto bene. Il motorino viene controllato in corrente continua (non del tipo passo a passo). Controlliamo la velocit di rotazione mediante dei sensori ad ef f etto all collegati ad una scheda di acquisizione.

Le prove a banco hanno dimostrato che lelica in presa diretta con il motore pu raggiungere velocit di rotazione intorno ai 4000 giri al minuto nel vuoto. Stiamo attivandoci per avere un sensore del vuoto in modo da immettere tutti i dati nella scheda di acquisizione e poter f are dei graf ici ben def initi. La prima domanda che gli specialisti si sono posti stata relativa alla separazione dei gas f atta attraverso la centrif ugazione. In ef f etti il metodo della centrif ugazione viene impiegato per la separazione nel caso di arricchimento delluranio. Luranio, sotto f orma gassosa, viene separato dal suo isotopo nonostante una variazione di peso estremamente modesta. Abbiamo considerato che nel nostro caso invece i gas variano molto di peso, se lidrogeno 1, lelio 4 volte pi pesante, il neon 10 e largon 18 etcc. Noi sappiamo dalla teoria che la f orza centrif uga direttamente proporzionale alla massa, esattamente come lo la f orza dinerzia, pertanto la semplice creazione di una f orza centrif uga non separa gli elementi. Si pu constatare questo f enomeno nelle giostre rotative, dove il bambino seduto nel seggiolino raggiunge la stessa altezza delladulto molto pi pesante , in quanto il bambino soggetto a poca f orza centrif uga, ma ha anche meno inerzia. Ladulto ha maggiore f orza centrif uga ma anche una maggiore f orza inerziale che si oppone. A che cosa dovuta allora la separazione ? La separazione dovuta f ondamentalmente allattrito . In pratica la f orza centrif uga viene utilizzata per vincere lattrito e per vincere linerzia. Avendo la massa maggiore molta pi f orza centrif uga, in grado di vincere prima lattrito; pi lambiente ricco di attrito (viscoso) pi il f enomeno della separazione risulta evidente. A questo punto qualcuno ha obiettato che allinterno del reattore ci trovavamo in un ambiente raref atto, ma questo relativo al nostro modo di pensare, anche perch pur in vuoti spinti si hanno sempre miliardi di particelle presenti. La domanda corretta piuttosto, a che livello di nitidezza si separano in strati i vari elementi ? Questa risposta pu essere esaudita solo dalla sperimentazione . Qualche perplessit labbiamo avuta leggendo lultima parte del brevetto di Keshe in cui lui suggerisce di introdurre i gas uno a uno, partendo dal pi pesante, f acendoli passare per un apposito canaletto centrale nella colonna del rotore, che li rilascia esattamente al centro della sf era. Keshe suggerisce di

introdurre prima il gas pi pesante e poi via via gli altri in ordine di leggerezza. Uno dei dubbi questo, se noi mescoliamo i gas prima, e poi li introduciamo la miscela di gas ottenuta, sar la centrif ugazione in grado di creare precisi strati di separazione tra i gas ? Ci si posta poi la problematica di come miscelare i gas. Loperazione di introdurre i gas uno ad uno in un ambiente con vuoto di 10-6 abbastanza complicato, bisogna calcolare la variazione di pressione, regolare perf ettamente la rubinetteria specializzata etcc. Molto pi semplice per noi creare una mescolanza iniziale dei gas nelle percentuali desiderate, che indicativamente potrebbero essere 20% H, 15% He 15% Ne e 50% Ar. Per f are questo si pensa di usare un pistoncino per esempio dato da una siringa graduata (piuttosto piccola), si introducono in volume i vari gas che si mescoleranno. Dopo di ch, f atto il vuoto nel reattore, e collegatolo con il gas presente nel pistoncino, avremo il travaso automatico di una parte della miscela di gas. Se ne viene risucchiata troppa, si provveder ad estrarre il surplus con la pompa. Ottenuto il caricamento della miscela che si spera pura (il reattore deve prima venire ben pulito e degasato tenendolo sottovuoto per un certo periodo in modo tale che il gas adsorbito dalle pareti venga estratto completamente), si f a partire il rotore con gradualit tenendolo per un certo periodo a 500 giri e salendo poi lentamente. La nostra idea per il momento quella di ionizzare la sf era interna di idrogeno mediante due elettrodi a cui f orniamo un potenziale di parecchi Volt (vedremo quanti ne servono) Per un eventuale uso del reattore come generatore, c bisogno di localizzare rispetto alla colonna centrale, le posizioni limite per ogni sf era di gas. Per f are questo stato ideato un programmino che in base alla percentuale di gas introdotti calcola in un asta graduata il raggio della sf era ( e cio la posizione per un eventuale elettrodo per rilevare il potenzial) . il programmino pu essere scaricato QUI. E doveroso ora descrivere come abbiamo creato le eliche rotanti. Il primo presupposto di qualsiasi tipo di elica che le estremit della stessa rimangano dentro il nucleo di idrogeno (nucleo Carolina), perch da quello che abbiamo capito, negli strati di separazione tra lidrogeno e lelio avviene uno sf regamento che innesca certe reazioni non meglio specif icate. Quindi abbiamo dedotto che in quella zona non opportuno introdurre ostacoli. Questo si nota anche dalle f oto presentate da Keshe. I rotori quindi raggiungono dimensioni dellordine di 4-5 cm di diametro, quando la sf era di idrogeno centrale (nucleo carolina) di almeno 8 cm. Abbiamo creato un programmino che alleghiamo per valutare lampiezza delle sf ere di gas a seconda delle percentuali di gas presenti nel reattore. I rotori sono per il momento di tre tipi: il primo tipo costituito solo da otto braccini sporgenti. il secondo tipo f ormato da un cilindro contenente quattro o sei magneti permanenti (orientati in modo che tutti i nord siano in alto e i sud in basso o viceversa) il terzo tipo f atto come il secondo tipo ma con alette sporgenti (una situazione mista tra il primo e il secondo tipo)

Le alette sono state realizzate con una stampatrice tridimensionale in plastica Keshe in una delle tante af f ermazioni sostiene che in un primo tempo meglio non usare il campo magnetico rotante f atto dalle calamite, anche se storicamente lui arrivato alle sue conclusioni per quella strada. Keshe ci ha suggerito di evitare luso dei magneti rotanti centrali perch si possono creare degli improvvisi ef f etti gravitazionali non ben controllati che portano alla rottura del reattore.

Per aiutare eventuali persone che volessero unirsi in gruppi di sperimentazione, abbiamo iniziato un minif orum nel quale invitiamo chi interessato ad iscriversi.

gruppi di lavoro keshe Il f orum prevede anche una parte in cui gli sperimentatori potranno, se vorranno condividere idee e suggerimenti o f are domande e scambiare tecnologia.

16.01.2013 La pompa molecolare non ancora arrivata tuttavia con i mezzi attuali siamo in grado di f are qualche piccolo esperimento con i gas. Per esempio stato possibile testare se a pressioni comprese tra 1 e 1000 millibar la sola rotazione della ventola centrale riuscisse a f ornire energia termica suf f iciente ad innescare laccensione del plasma. Questo stato provato sia con il solo idrogeno che con miscela di gas e non ci sono stati ef f etti particolari. Va detto che la prova stata breve. Finora non avevamo mai parlato del f atto che nel reattore f unzionante esiste un sottile condotto allinterno della colonna centrale che permette di introdurre i gas nel nucleo centrale, anche durante il f unzionamento del reattore. Andando a pressioni pi basse ma ancora lontane da quanto previsto nel brevetto, ci siamo resi conto di un grosso problema che si sarebbe presentato in seguito . Dovendo introdurre micro quantit di gas a pressioni di 10-6 ci si chiedeva che tipo di rubinetto potesse avere una
sensibilit cos elevata da permetterci di eseguire questo compito .

La domanda labbiamo posta ai costruttori di una pompa molecolare per avere il preventivo, ed abbiamo inviato linf ormativa a Keshe, il quale gentilmente ci f ornisce nel suo f orumla soluzione da lui usata. Keshe sconsiglialintroduzione di gas con f lusso continuo usando un rubinetto regolatore per quanto preciso esso sia. Lui suggerisce invece di introdurre piccoli quantitativi in modo discontinuo . Il metodo corretto il seguente, occorre prevedere un serbatoio di servizio abbinato al reattore. Questo serbatoio viene svuotato e poi riempito del gas che si desidera, a pressione superiore rispetto a quella di lavoro del reattore. I due serbatoi vengono collegati con un sottile tubicino di calibro noto. Sul tubicino vengono poste a distanze regolari delle chiusure date da valvole ad alto vuoto. Le separazioni vengono f atte a lunghezze standard, la distanza standard tra una valvola e laltra diverr la nostra unit di misura. Per esempio se la lunghezza tra una valvole e laltra di 3cm, lasciando entrare la quantit contenuta in quella f razione di tubicino avremo introdotto una unit di gas, se invece f acciamo entrare la quantit di due f razioni avremo introdotto due unit .

Da quello che ci suggerisce Keshe quando il reattore f unziona lintroduzione di piccole quantit adeguate di gas crea delle variazioni di potenza di energia . Da quello che dice sembra che una volta aperto il canale di comunicazione tra il reattore e l unit di servizio del gas, questo non entra tutto immediatamente ma viene risucchiato adeguatamente dal reattore che si autoregola nel funzionamento. In altre parti Keshe parla di introduzione anche di sostanze dif f erenti dai gas, e questo crea di volta in volta delle variazioni che sicuramente daranno grande lavoro e gioia agli sperimentatori vista la versatilit del sistema e lestrema quantit di variabili in gioco con incredibili risultati di creazione di materie , sostanze ed ef f etti nuovi. Keshe dice che se noi andiamo a turbare la quantit di Idrogeno presente nel reattore in pi o in meno si avr un cambio di pressione e contemporaneamente i campi magnetici varieranno, potranno aumentare o diminuire. Egli dice che per trovare lequilibrio serve un tempo abbastanza lungo. Si parla addirittura di giorni per capire bene cosa comporta lintroduzione di una piccola quantit di gas, quindi occorre procedere con molta calma f ino ad ottenere la sensazione del controllo del reattore. Questo f a si che si instauri un rapporto simile a quello del motociclista e la sua moto , quasi un tuttuno. Se si lavora sulle propriet gravitazionali del reattore, Keshe consiglia di controllare il reattore con relativo supporto mettendolo su una bilancia meccanica per valutare cosa capita variando le condizioni di introduzione di sostanze sempre con calma e dando il tempo al reattore di trovare il suo equilibrio Una cosa che ci raccomanda di usare sempre prudenza e tenere alti i sistemi di sicurezza. Viene anche ribadito che il reattore acceso, interagisce con latmosf era e con lambiente circostante e con le persone presenti, e con latmosf era interiore delle persone presenti. Questa interazione con lambiente viene evidenziata e con la comparsa di una luminosit a diversi colori molto suggestiva allesterno del reattore. Il concetto viene ripreso considerando che ogni cosa si ripete sia in grande che in piccolo. Keshe f a unanalogia tra latmosf era del reattore e le modif iche che avvengono allinterno nei momenti creativi, paragonandoli a quanto avviene in grande scala a livello planetario.

Si potrebbe af f ermare che variando la qualit dellatmosf era terrestre ( intesa in senso lato anche come atmosf era mentale del pianeta) si potrebbe avere per esempio una variazione interna agli amminoacidi che f ormano luomo.

A questo punto Keshe entra nel lato spirituale del f enomeno e ci ricorda che tutto si ripete ciclicamente, ci che st in basso st anche in alto (detto alchemico) . Ogni cosa si ripete sempre nello stesso modo ma con modalit diverse. Dice ancora Provate a f are tutto in modo semplice, cercate di divertirvi nel operare con i sistemi. Non ci sono regole in questo gioco se non il rispetto della natura seguendo armonicamente le sue leggi . Si deve rispettare il sistema e la vita a cui dai inizio, assolutamente coscienti che si entra nel CAMPO DELLA CREAZ IONE. Campo dove si deve agire con grande attenzione rispetto ed amore . Keshe poi racconta che ci si pu imbattere in sistemi di reattori indisciplinati, altri divertenti perch per quanto incredibile i reattori appaiono vivi . Quando Keshe avvia il processo ha un atteggiamento di preghiera, di rispetto per il reattore stesso, e quando lo spegne ringrazia per la conoscenza che ha dato. Siamo certi che questo veramente f uori portata per la mentalit attuale degli scienziati, ma tant Una raccomandazione incredibile quella dinon f argli cose sbagliate, in quanto f ar lo stesso a te Keshe f inisce con una nota di speranza dicendo f orse questo sar utile alle persone che capiranno che il tempo del castigo f inito, in quanto se si sar arrabbiati con il sistema.. si castigher se stessi. La f rase f inale di Keshe pura poesia Bisogna capire che il punto non creare energia, o creare sistemi di spostamento, ora tempo di trovare la vera bellezza della creazione !