Sei sulla pagina 1di 5

Scelta argomento finale

Gruppo moss sos 4


Trascrizione clip 1
“Diciamo possa ritenersi che l’ateneo ha fatto un
percorso che ad oggi adeguatamente strutturato per
alcune aree - e quindi con competenze di rilievo e
continuative – e in altre (nello specifico mi riferisco al
modulo HR, delle risorse umane, dove invece, anche
forse per scelta per i frequenti aggiornamenti normativi
che stanno dietro a questo modulo) invece c’è stata
più una logica di outsourcing, quindi diciamo di
supporto esterno. Chiaramente col limite che
naturalmente si è poi subordinati alla tempestività e
all’efficacia dell’intervento esterno, con i pregi e i limiti”
Vorremmo saperne di più in
proposito:

 Quali criteri sono stati seguiti dall’università nella


ricerca di supporto esterno? Cosa è stato
considerato?
 Che vantaggi e che svantaggi si sono incontrati?
 Con che tipologia di problematiche l’università si è
scontrata e come ha agito per risolverle? Si è
nominato l’elemento della tempestività…ha costituito
un problema? Fino a che punto?
 Perché il modulo Risorse Umane ha richiesto un
supporto esterno ed invece non si è sentita questa
necessità per i moduli relativi alla contabilità??
Trascrizione clip 2
“Qui, naturalmente, c'è stata una forte presenza di numerosità
esterna (referenti esterni) che sono stati prima identificati e poi
coinvolti con percentuali di coinvolgimento differenti nelle varie
fasi, a seconda di fasi di disegno della soluzione o fasi di verifica
della situazione. Naturalmente, ogni area funzionale aveva il suo
referente (che in gergo si chiama “Key-user”) con il quale ci si
confronta. [Nella struttura] ci saranno quindi delle persone
coinvolte full-time alla gestione del progetto mentre ce ne
saranno anche altre che collaborano come “satelliti esterni” in
qualità di referenti/rappresentanti funzionali i quali, a loro volta, si
faranno aiutare da qualche altro collaboratore perché nel giro di
qualche mese devono aver già testato tutto [l’apparato
informativo]. Il referente deve avere un profilo che possa
disegnare/effettuare una valutazione sia tecnica che di processo;
dall'altra parte, ci vuole qualcuno che poi abbia effettivamente in
mano tutti i “casi prova” per testare quelle soluzioni sugli eventi
che poi capiteranno in fase di produzione; [occorre] quindi un
coinvolgimento importante di una comunità”
Vorremmo saperne di più in
proposito:
 Con che modalità sono stati coinvolti i referenti
esterni? E con quali funzioni specifiche?
 Secondo quale logica sono stati identificati e coinvolti?
 Si può tracciare un profilo standard di quelle che sono
le competenze e le funzioni di cui un referente esterno
deve essere in possesso?
 Quali principali differenze ci sono tra il coinvolgimento
dei referenti nell’ambito di progettazione della
soluzione e, invece, in quello di verifica della stessa?
 La collaborazione dei referenti esterni si è limitata alla
prima fase di implementazione di SAP o viene
mantenuta tutt’oggi?