Sei sulla pagina 1di 6

INDICAZIONI PER LA SCRITTURA

INDICAZIONI PER LA SCRITTURA

1. Presentazione delle lettere a) Corsivo minuscolo e maiuscolo b) Sequenza indicativa di presentazione

La presentazione delle lettere in corsivo, minuscole e maiuscole, avviene non sulla base del metodo fonosillabico, generalmente usato per lavvio della lettoscrittura, ma partendo dal principio di affinit gestuale. Nella scuola esistono molteplici presentazioni di modelli scrittori, che spesso creano confusione e rendono difficile al bambino lapprendimento. Un bambino allingresso nella Scuola primaria si ritrova a dover imparare e padroneggiare: stampato maiuscolo script corsivo minuscolo corsivo maiuscolo scrittura dei numeri. Sono cinque codici che deve memorizzare, eseguire e collegare per produrre lingua scritta. Sono tanti, troppi. Per questo importante oggi, alla luce di cambiamenti non solo didattico-pedagogici, ma anche di evoluzione del materiale e degli strumenti utilizzati per scrivere (non pi pennino e inchiostro, ma penne a sfera, biro, sferografiche, matite ecc.), scegliere di semplificare e soprattutto uniformare, a livello nazionale, il modello calligrafico a cui riferirsi, per far s che alcuni aspetti tipicamente italiani del corsivo fin qui usato vengano definitivamente abbandonati. Ci si riferisce a: un andamento grafico con unimpronta scolastica e infantile; eccessiva staticit e rotondit; lettere spesso composte da pi tratti spezzati, in quanto legate allo strumento grafico usato in passato: il pennino, che richiedeva, per il suo uso, la necessit di spezzare il movimento grafico in pi tratti, ma anche al passaggio intermedio di scrittura SCRIPT, che sempre pi spesso si adotta nella scuola.

laspetto unitario della lettera, sia in termini percettivi che motori; la maggior facilit, per i motivi sopraccitati, di memorizzazione del movimento; legamenti semplici, morbidi, funzionali, senza trattini iniziali, che non hanno nessuna ragione dessere, ma con un finale slanciato verso destra per favorire il collegamento; un buon grado di curvilineit. Lo scopo di questa guida anche quello di dare uniformit dinsegnamento, in unottica di sperimentazione attiva, per le insegnanti che vorranno avvicinarsi a tale approccio, al fine di rendere agevole e facile lapprendimento della scrittura. Una corretta impostazione metodologica, chiara, graduale ed efficace, permette al bambino di liberare risorse che potranno essere impiegate non pi sul fronte dellesecuzione, ma dellideazione e dellespressione di s e delle sue conoscenze, attraverso la lingua scritta. Presentazione delle lettere in corsivo minuscolo.

1 2 3 4 5 6
N.B.: il trattino della lettera T e della Z, il puntino della lettera I, si fanno solo dopo aver scritto la lettera o lintera parola. Le lettere j e y possono essere presentate nel 1 o nel 4 gruppo.
1. PRESENTAZIONE DELLE LETTERE

a) Corsivo minuscolo e maiuscolo


Il modello grafico qui presentato ha dei punti significativi: lesecuzione in un solo gesto del tracciato, senza stacchi che rallentano la progressione; 32
1. PRESENTAZIONE DELLE LETTERE

33

INDICAZIONI PER LA SCRITTURA

INDICAZIONI PER LA SCRITTURA

Presentazione delle lettere in corsivo maiuscolo.

1 2 3 4 5 6
N.B.: il collegamento in alcune lettere maiuscole non previsto e vi uno stacco.

verso luso continuo e costante, diventano rassicuranti e personali. Con tali modalit operative, in 10 settimane circa, il programma di presentazione e acquisizione del corsivo sar completato. Ovviamente sono tempi indicativi, che ogni insegnante adatter alla propria classe e al ritmo di apprendimento dei suoi alunni.
LETTERE MINUSCOLE
1 Pregrafismi i, u, t, r, y, j m, n, v, p, w e, l, b, f, h, k c, a, o, d, q, g, x z s P 2 P P 3 M* M P 4 M* M M P

SETTIMANA
5 M* M M M P 6 M* M M M M P P 7 M* M M M M M M 8 M* M M M M M M 9 M* M M M M M M 10 M* M M M M M M

ATTIVIT SUGGERITE

da pag. 46 a pag. 94 da pag. 96 a pag. 99, pagg. 117 e 119 da pag. 100 a pag. 103, pag. 118 da pag. 104 a pag. 108, pag. 119 da pag. 109 a pag. 114, pag. 118 pag. 115 pag. 116

LETTERE MAIUSCOLE
1 C, G, E, X O, A, Q P, D, B, R, K S, L M, N, U, V, W, Y I, F, Z, H, T, J 2 3 4

SETTIMANA
5 P 6 M P 7 M M P 8 M M M P P 9 M M M M M P 10 M M M M M M

ATTIVIT SUGGERITE

b) Sequenza indicativa di presentazione


La tabella esemplificativa vuole essere un suggerimento dato allinsegnante per la presentazione dei vari gruppi di lettere. In tal modo si stimoler lalunno a cogliere le somiglianze e le differenze tra di esse, al fine di organizzare al meglio la sua percezione visiva. Le lettere minuscole vengono presentate prima perch sono quelle maggiormente utilizzate. Unadeguata scansione temporale di presentazione delle lettere, tenendo conto dellet e delle capacit dei bambini, prevede lintroduzione da 3 a 7 lettere per settimana, considerando anche le attivit pregrafiche, propedeutiche al corsivo, che vanno reiterate fino al pieno possesso dello schema grafo-motorio corrispondente. In tal modo il bambino si avviciner al corsivo con gradualit e ordine, acquisendo modalit operative che, attra34
1. PRESENTAZIONE DELLE LETTERE

pag. 151 pag. 152 pag. 152 pag. 153 pag. 154 pag. 155

P = PRESENTAZIONE M = MANTENIMENTO M* = da proporre fino alla piena acquisizione dello schema grafo-motorio corrispondente
1. PRESENTAZIONE DELLE LETTERE

35

MOVIMENTO OBLIQUO

SCHEDA

11

MOVIMENTO OBLIQUO

SCHEDA

12

Decora il tamburo
METTI IL DITO SUL E SEGUI LE FRECCE.

I denti del coccodrillo


METTI IL DITO SUL E SEGUI LE FRECCE.

PROVA TU.

PROVA TU.

Nome ...................................................................................... Classe ............... Data ..........................

Nome ...................................................................................... Classe ............... Data ..........................

58

59

LETTERE A GESTO CONTINUO

SCHEDA

54

LETTERE CON LO STACCO

SCHEDA

55

Lettera h
METTI IL DITO SULLA X E RIPASSA IL PERCORSO SEGUENDO LE FRECCE. CERCA DI NON USCIRE DALLA RIGA.

Lettera c
METTI IL DITO SULLA X E RIPASSA IL PERCORSO SEGUENDO LE FRECCE. CERCA DI NON USCIRE DALLA RIGA.

PROVA TU.

PROVA TU.

Nome ...................................................................................... Classe ............... Data ..........................

Nome ...................................................................................... Classe ............... Data ..........................

108

109

DALLE LETTERE ALLE PAROLE

SCHEDA

72

DALLE LETTERE ALLE PAROLE

SCHEDA

73

PROVA TU.

PROVA TU.

Nome ...................................................................................... Classe ............... Data ..........................

Nome ...................................................................................... Classe ............... Data ..........................

126

127

ESERCIZI CON I COLLEGAMENTI

SCHEDA

78

PAROLE SULLA RIGA

SCHEDA

87

3 gruppo

PROVA TU.

Nome ...................................................................................... Classe ............... Data ..........................

Nome ...................................................................................... Classe ............... Data ..........................

138

146