Sei sulla pagina 1di 34

Corso di Statistica

Presentazione dei dati (2)


Rappresentazioni grafiche

Proff. Matilde Bini e Andrea Cutillo


a.a. 2017-2018

1
Rappresentazioni grafiche

• Grafici a barre (x distrib. frequenza)


• Grafici a torta (x distrib. frequenza)

• Istogrammi (x distrib. quant. in classi)


• Grafici a dispersione (o scatter, x
distribuzione frequenza congiunta)

• Diagrammi cartesiani (per serie storiche)


• Cartogrammi (per serie territoriali)

2
Grafici a barre (o a nastri)
 Si usano per evidenziare differenze (di
frequenze o quantità) e/o graduatorie tra
Paesi, regioni, città,…
•Generalmente si utilizzano per caratteri
qualitativi e quantitativi discreti
•Ad ogni modalità corrisponde un nastro o
una barra
•Le altezze delle barre o le larghezze dei
nastri sono proporzionali alla frequenza o
alla quantità (totale, media, proporzione di
un carattere) che si vuole rappresentare

3
Grafici a barre e a nastri

4
Grafico a barre

5
6
7
8
9
10
Grafici a torta
• Si utilizzano, per caratteri qualitativi,
per evidenziare la composizione di un
fenomeno
• A ciascuna modalità del carattere
corrisponde una fetta della torta
proporzionale alla corrispondente
frequenza o intensità
• Generalmente il numero delle modalità è
limitato

11
12
Grafici a torta

13
Grafici a torta

14
Grafici a torta

15
Istogramma: è il grafico per
caratteri quantitativi continui
(classi)
• Composto da una serie di rettangoli
affiancati, uno per ogni classe di valori
• grafico “areale”:
L’area di ogni rettangolo deve essere
uguale (o proporzionale) alla frequenza di
ciascuna classe di valori
in modo che l’area complessiva di tutti i
rettangoli sia uguale (o proporzionale) alla
numerosità n del collettivo

16
Istogramma
hi,

5 10 20 40 80

Classi (di Superficie)

17
Istogramma per caratteri
quantitativi continui
classe frequenza ampiezza densità di
classe Ai frequenza hi
… fi Ai hi = fi / Ai
(xi; xi+1) ni xi+1 - xi ni/(xi+1 – xi)

… … … …

Base del rettangolo = Ampiezza della classe (in


ascissa)
Altezza del rettangolo = Densità di frequenza
(in ordinata)

18
Costruzione dell’istogramma
Classi di Numero Ampiezza Densità di
superficie aziende classe freq
(in ettari) (ni) (Ai) (hi)
0-1 120 1 120
1-2 160 1 160
2-3 220 1 220
3-5 212 2 106
5-10 205 5 41
10-20 110 10 11
20-40 65 20 3,25
40-80 21 40 0,525

Base del rettangolo Altezza del rettangolo


19
Istogramma per le prime 5
220
classi
Classi di Freq. Ampiezza Dens di freq
hi superf. (Ai) (hi)

0-1 120 1 120

1-2 160 1 160

2-3 220 1 220

160 3-5 212 2 106

120 5-10 205 5 41


106

212 è l’area
41 di questo
rettangolo

0 1 2 3 5 10

Classi di Superficie

20
21
22
Rappresentazione grafica per due
fenomeni o caratteri (distr. freq.congiunta)
 La eventuale relazione tra due variabili quantitative
si può evidenziare attraverso la predisposizione del
diagramma di dispersione (scatter plot):
 La disposizione dei punti corrispondenti alle n coppie
di valori di X (in ascissa) e di Y (in ordinata) fornisce
una prima indicazione sull’eventuale legame.
Y

yi

xi X
23
Rappresentazione grafica
Grafico di dispersione

Due variabili quantitative 400

Ricavi sull’asse X
300
Costi sull’asse Y

Costi
Ogni punto rappresenta 200

una unità (un punto 100


vendita)
0
Le coordinate (x,y) del 0 100 200 300 400 500 600 700

punto rappresentano i Ricavi

valori rispettivamente dei n=9 coppie di valori del tipo (xi,yi)


ricavi e dei costi osservati
per quel punto vendita

24
Grafico di dispersione

Da come si dispongono i
400
punti sul piano possiamo
capire il tipo di relazione 300
(se esiste) tra le due
variabili

Costi
200

In questo caso, a ricavi 100


alti corrispondono costi
alti e, viceversa, a ricavi 0

bassi corrispondono 0 100 200 300 400


Ricavi
500 600 700

costi bassi
C’è una relazione lineare
positiva (concordanza)
tra costi e ricavi

25
Esempi grafici di associazione/relazione
tra variabili
Ass. positiva lineare Ass. negativa lineare

Ass. non lineare Assenza di Assoc.

26
27
Grafici di serie temporali
Sono diagrammi cartesiani
In ascissa viene riportato il tempo di
riferimento (anno, mese, giorno) e in
ordinata il carattere osservato

28
29
30
Grafici di serie temporali

31
Grafici di serie territoriali
Utilizzano una mappa geografica
Ad ogni area territoriale (provincia, regione,
nazione,…) corrisponde una colorazione
differente a seconda della frequenza o
della quantità del fenomeno
Una legenda aiuta la lettura del grafico,
attribuendo ad ogni colore un valore o una
classe di valori

32
Grafici di serie territoriali

33
Grafici di serie territoriali

34