Sei sulla pagina 1di 181

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

PROVINCIA DI POTENZA

PIANO PROVINCIALE DI ORGANIZZAZIONE DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI AGGIORNAMENTO E COMPLETAMENTO

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLEGATO A


D.Lgs 152/2006
L.R. N. 6/2001

LUGLIO 2008

Ing. Antonio Santoro (Dirigente Settore Ambiente) Mario Manzi (Responsabile Ufficio Gestione Rifiuti) Dott. Geol. Eleonora DellOlio (Funzionario) Prof. Salvatore Masi (Consulente Scientifico) Ing. Gianfranco De Cillis Geom. Giuseppe Iacovera
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 1 di 1

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

GENERALIT.................................................................................................................. 4 1. NORMATIVA DI RIFERIMENTO .............................................................................. 5


0
1.1 IL QUADRO COMUNITARIO...................................................................................................................5 1.1.1 Indirizzi internazionali, comunitari e generali................................................................................................................ 6 1.1.1.1 Protocollo di Kyoto ................................................................................................................................................ 6 1.1.1.2 VI Programma Comunitario di Azione in materia di Ambiente................................................................... 7 1.2 IL QUADRO NAZIONALE ........................................................................................................................9 1.2.1 Competenze dello Stato................................................................................................................................................... 10 1.2.2 Competenze della Regione.............................................................................................................................................. 10 1.2.3 Competenze della Provincia ........................................................................................................................................... 12 1.2.4 Competenze dei Comuni................................................................................................................................................. 12 1.2.5 Competenze degli AATO ............................................................................................................................................... 13 1.2.6 Classificazione dei rifiuti.................................................................................................................................................. 13 1.2.7 D.Lgs.4 del 16 gennaio 2008 .......................................................................................................................................... 16 1.2.8 Altri provvedimenti normativi di particolare interesse .............................................................................................. 16 1.2.8.1 D.Lgs. 13 gennaio, n 36 Attuazione della Direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti.... 17 1.2.8.2 D.Lgs. 11 maggio 2005, n 133 Attuazione della direttiva 2000/76/CE- Incenerimento dei rifiuti ... 17 1.2.9 Raccolta differenziata (Finanziaria 2007) ..................................................................................................................... 18 1.3 IL QUADRO REGIONALE ...................................................................................................................... 19 1.3.1 Contenuti dei Piani provinciali di organizzazione della gestione dei rifiuti............................................................ 20 1.3.2 Procedure per lapprovazione dei Piani provinciali di organizzazione della gestione dei rifiuti......................... 21

2
2.1

IL QUADRO DELLATTUALE GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ....... 24


LA PRODUZIONE DI RIFIUTI URBANI E LO SVILUPPO DEI SERVIZI DI RACCOLTA .............24 2.1.1 Evoluzione storica della produzione di rifiuti urbani e dei flussi delle raccolte................................................... 24 2.1.1.1 Le fonti informative di riferimento .................................................................................................................... 24 2.1.1.2 La produzione dei rifiuti urbani .......................................................................................................................... 24 2.1.1.3 La frazione indifferenziata ................................................................................................................................... 28 2.1.1.4 Le raccolte differenziate ....................................................................................................................................... 31 2.1.2 Lattuale quadro della produzione di rifiuti urbani e dei flussi dalle raccolte......................................................... 33 2.1.2.1 La produzione complessiva di rifiuti urbani ..................................................................................................... 33 2.1.2.2 Le raccolte differenziate ....................................................................................................................................... 38 2.1.2.3 Il confronto con i livelli di produzione rifiuti e raccolta differenziata caratterizzanti il quadro nazionale 41 2.1.3 Efficienza di intercettazione delle raccolte differenziate rispetto alla compostone merceologica dei rifiuti.... 43 2.1.3.1 Composizione merceologica dei rifiuti urbani ............................................................................................... 43 2.1.3.2 Stima delle efficienze di intercettazione delle raccolte differenziate ........................................................... 43 2.1.4 Le piattaforme ecologiche e limpiantistica di supporto alla logistica dei servizi .................................................. 44 2.2 IL SISTEMA IMPIANTISTICO PER IL TRATTAMENTO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI ..............................................................................................................................................46 2.2.1 Lo schema tecnologico del sistema integrato (attuale pianificazione) ............................................................... 46 2.2.2 Sistema impiantistico previsto per la Provincia di Potenza ................................................................................. 48 2.2.3 Analisi delle criticit del sistema impiantistico attuale .......................................................................................... 50 2.2.4 Impianti di selezione trattamento meccanica ......................................................................................................... 51 2.2.5 Impianti di biostabilizzazione ................................................................................................................................... 52 2.2.6 Impianti di termodistruzione .................................................................................................................................... 57 2.2.7 Le discariche................................................................................................................................................................. 61 2.2.8 Il destino dei rifiuti urbani indifferenziati............................................................................................................... 72 2.3 I COSTI DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN PROVINCIA DI POTENZA..........................................75 2.3.1 Analisi dei costi complessivi e per macrovoce di costo............................................................................................ 75 2.3.2 Analisi dei costi di gestione delle frazioni di rifiuto differenziato............................................................................ 86

3
3.1 3.2 3.3

QUADRO PROGRAMMATICO ............................................................................... 90


INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI PIANO ............................................................................90 GLI AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI............................. 91 PRODUZIONE DEI RIFIUTI URBANI .............................................................................................92 3.3.1 Gli interventi previsti per la prevenzione e riduzione della produzione di rifiuti ................................................. 92 3.3.2 Evoluzione quantitativa e qualitativa dei rifiuti........................................................................................................... 95 3.4 IL SISTEMA DEI SERVIZI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI...............................................98 3.4.1 Gli obiettivi di raccolta differenziata ............................................................................................................................. 98 3.5 SCENARI EVOLUTIVI E LORO COMPARAZIONE ENERGETICO- AMBIENTALE ...............101 3.5.1 Introduzione alla valutazione energetico- ambientale............................................................................................. 101

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 2 di 2

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

3.5.2 Scenari per la comparazione ......................................................................................................................................... 103 3.5.3 Il trasporto agli impianti ................................................................................................................................................ 110 3.5.4 Il recupero di materia dai rifiuti ................................................................................................................................... 113 3.5.4.1 Recupero di materia nello Scenario 0....................................................................................................................... 114 3.5.4.2 Recupero di materia nello Scenario 1 e Scenario 1/recupero............................................................................. 116 3.5.4.3 Recupero di materia nello Scenario 2 e Scenario 2/recupero............................................................................. 118 3.5.5 Impiantistica di trattamento e smaltimento ............................................................................................................... 120 3.5.5.1 Impianti di termovalorizzazione ....................................................................................................................... 120 3.5.5.2 Impianti di CDR con recupero in impianti dedicati..................................................................................... 121 3.5.5.3 Discarica............................................................................................................................................................... 121 3.5.6 Raffronto dei risultati energetici- emissivi dei scenari considerati ......................................................................... 122 3.6 INDIVIDUAZIONE DELLO SCENARIO DI PIANO ..................................................................... 126 3.6.1 Scenario di Piano ............................................................................................................................................................ 126 3.6.2 Sistema organizzativo dei servizi di raccolta dei rifiuti urbani................................................................................ 126 3.6.3 Individuazione dei fattori determinanti per lapplicabilit dei diversi sistemi di raccolta .................................. 129 3.6.3.1 Valutazione degli obiettivi di raccolta .............................................................................................................. 132 3.6.4 Isole ecologiche e piattaforme ecologiche per la raccolta differenziata.............................................................. 135 3.6.4.1 Indirizzi per la gestione di particolari categorie di rifiuti (rifiuti agricoli) .................................................. 138 3.6.5 Strutture logistiche di supporto ( stazioni di trasferimento) ................................................................................... 139 3.6.6 Il sistema impiantistico previsto per i rifiuti urbani.................................................................................................. 150 3.6.7 Schema tecnologico proposto ...................................................................................................................................... 151 3.6.8 Scenario impiantistico e tecnologico per laggiornamento del Piano Provinciale............................................... 153 3.6.9 Fabbisogni impiantistici nel periodo di programmazione ....................................................................................... 156 3.6.10 Il ruolo dellimpiantistica di recupero e trattamento delle frazioni secche da raccolta differenziata ............... 160 3.6.10.1 Caratteristiche dei processi di selezione e trattamento dei materiali da raccolta differenziata (Estratto da lineee guida GTR Commissione Nazionale IPPC)......................................................................................................... 161 3.6.10.2 Trattamento della frazione organica e del verde ( Compostaggio)............................................................. 168 3.6.11 Individuazione delle piattaforme di trattamento....................................................................................................... 171 3.6.11.1 Recupero energetico di CDR in impianti industriali ..................................................................................... 174 3.6.11.2 Smaltimento in discarica..................................................................................................................................... 175

4 LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI .....................................................................................178

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 3 di 3

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

GENERALIT
La necessit di aggiornare la sezione dei rifiuti solidi urbani del Piano di Gestione dei Rifiuti della

Provincia di Potenza deriva essenzialmente dal mutato quadro di riferimento normativo con i nuovi obblighi introdotti dal D.Lgs 152/2006 e dal D.Lgs n 4 del 2008 in termini di trattamenti ed obiettivi di raccolta differenziata. Sul piano locale non si registra una chiara frenata nel ritmo di incremento delle produzioni procapite; tale dato insieme al mancato raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata e al ritardo di realizzazione degli impianti di trattamento previsti dal vigente piano di gestione, richiede una ridefinizione della potenzialit complessiva del sistema di raccoltamovimentazione e trattamento dei rifiuti solidi urbani. In particolare si evidenziano i seguenti punti significativi per la presente fase pianificatoria: - sensibile variazione degli scenari di produzione dei rifiuti rispetto alle previsioni del Piano di gestione della Provincia di Potenza; - variazione dei vincoli e degli obiettivi di raccolta differenziata e di trattamento tecnologico a seguito dellentrata in vigore del D.Lgs n 4 del 2008; - possibilit di prevedere nuove e diverse tecnologie per il trattamento di frazioni di rifiuti solidi. Alla luce delle considerazioni sopra esposte sono state formulate le indicazioni tecnicoscientifiche che costituiscono la linea guida della proposta di adeguamento di Piano. Il principio generale a cui stato ispirato il Piano quello del migliore equilibrio tra efficienza del sistema e fattibilit in termini di tempi realizzazione e accettabilit sociale degli impianti. A tal proposito si riconosce proprio nei ritardi di attuazione della pianificazione il principale elemento di rischio riguardo al verificarsi a situazioni emergenziali connesse allesaurimento dei volumi di discarica controllata .

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 4 di 4

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

1. NORMATIVA DI RIFERIMENTO
1.1 IL QUADRO COMUNITARIO La Direttiva 75/442/CE costituisce il primo riferimento normativo in materia di gestione dei rifiuti dal quale ha preso spunto e si sviluppata la normativa comunitaria in materia di gestione dei rifiuti degli anni novanta: - rifiuti e rifiuti pericolosi: 91/156/CE sui rifiuti; 91/689/CE sui rifiuti pericolosi. - categorie speciali di rifiuti: 94/62/CE sugli imballaggi e rifiuti da imballaggio. - controllo integrato dellinquinamento: 96/61/CE IPPC sulla prevenzione e riduzione integrata dellinquinamento. I principi guida ispiratori sono in ordine di importanza: la riduzione delle produzioni dei rifiuti e della loro pericolosit; lincentivazione del recupero; la promozione di tecnologie ambientalmente compatibili di trattamento e smaltimento di rifiuti. Le politiche di gestione ambientale rispettose dei suddetti principi devono garantire un elevato grado di protezione dellambiente e della salute pubblica, ma al contempo integrarsi con le regole di mercato, costruire strumenti fiscali e finanziari di sostegno, incentivare linnovazione tecnologica e la cooperazione tra Pubblico e Privato. Il legislatore ha dovuto, far fronte a innumerevoli problematiche di rilevante importanza ai fini gestionali, quali ad esempio, la definizione di rifiuto, la determinazione delle responsabilit dei soggetti che a vario titolo risultano coinvolti nella gestione dei rifiuti, lindividuazione di criteri di determinazione della pericolosit dei rifiuti, strumenti di quantificazione delle produzioni e di identificazione dei flussi, la definizione delle migliori tecnologie disponibili sul mercato a basso impatto ambientale. Negli ultimi anni si presentata la necessit di ridefinire i principi ispiratori integrati con le problematiche legate allo sviluppo sostenibile. Tutto ci rende il quadro normativo estremamente mutevole, e ci testimoniato dallintroduzione negli ultimi anni di ulteriori principi guida ispiratori: il principio chi inquina paga; il principio di precauzione;
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 5 di 5

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

il principio dellazione preventiva; il principio di riduzione dell'inquinamento alla fonte; A testimonianza dei cambiamenti normativi in atto, legati alla globalizzazione dei mercati, alla crescita di importanza delle tematiche ambientali e in particolare dello sviluppo sostenibile, alle politiche di integrazione dei paesi dellUnione, si cita la recente Direttiva 2006/12/CE in materia di rifiuti, approvata dallUnione europea il 5 aprile ed in vigore dal 17 maggio 2006, quale pietra miliare di riferimento per il futuro, la quale definisce la scala gerarchica nella gestione dei rifiuti: 1) 2) 3) prevenzione o riduzione della produzione e della nocivit dei rifiuti; il recupero dei rifiuti mediante riciclo, reimpiego, riutilizzo od ogni altra azione intesa a ottenere smaltimento.

materie prime secondarie, oppure l'uso di rifiuti come fonte di energia;

La Direttiva prevede inoltre particolari disposizioni volte a creare una rete integrata di impianti di smaltimento, tale da consentire alla Comunit nel suo insieme e ai singoli Stati Membri di pervenire allautosufficienza in materia di smaltimento dei rifiuti; Tutti gli stabilimenti e le imprese che effettuano le operazioni di smaltimento (allegato II A della direttiva) e di recupero (allegato II B) devono ottenere il rilascio di una specifica autorizzazione da parte dellautorit competente, mentre gli stabilimenti o le imprese che provvedono alla raccolta o al trasporto dei rifiuti a titolo professionale o che provvedono allo smaltimento o al recupero dei rifiuti per conto terzi (commercianti o intermediari) devono essere iscritti presso le competenti autorit.. Al fine del conseguimento degli obiettivi fissati, si prevede che le autorit competenti designate dagli Stati Membri elaborino al pi presto uno o pi piani di gestione dei rifiuti che contengano informazioni qualitative e quantitative sulle produzioni, ubicazione delle produzioni e dellimpiantistica, i requisiti tecnici generali e tutte le disposizioni speciali per rifiuti di particolare tipo; 1.1.1 Indirizzi internazionali, comunitari e generali

1.1.1.1 Protocollo di Kyoto Il Protocollo di Kyoto, approvato dalla Conferenza delle Parti nel dicembre 1997, stabilisce le prime decisioni per lattuazione operativa di alcuni degli impegni assunti nellambito della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici, approvata nella Conferenza Mondiale sullAmbiente e lo Sviluppo di Rio de Janeiro (giugno 1992) e ratificata dallItalia il 15 gennaio 1994.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 6 di 6

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Tale protocollo stabilisce in particolare la percentuale di riduzione dei gas serra di origine antropica da raggiungere nel 2010 rispetto al 1990 per CO2, metano e protossido di azoto e rispetto al 1995 per gli altri gas serra. Per lItalia lobiettivo di riduzione il 6.5%. Nellambito del Protocollo di Kyoto vengono definiti i settori considerati prioritari per la riduzione del contributo alle emissioni di gas climalteranti provenienti da attivit umane; tali settori sono: lenergia, intesa sia come combustione di combustibili fossili nella produzione ed utilizzazione dellenergia (impianti energetici, industria, trasporti, ecc.), sia come emissioni non controllate di fonti energetiche di origine fossile (carbone, metano, petrolio e suoi derivati, ecc.); i processi industriali, intesi come quelli esistenti nella industria chimica, nellindustria metallurgica, nella produzione di prodotti minerali, di idrocarburi alogenati, esafluoruro di zolfo, nella produzione ed uso di solventi, ecc.; lagricoltura, intesa come zootecnia e fermentazione enterica, uso dei terreni agricoli, coltivazione di riso, combustione di residui agricoli, ecc.; i rifiuti, intesi come discariche sul territorio, gestione di rifiuti liquidi, impianti di trattamento ed incenerimento, ecc. 1.1.1.2 VI Programma Comunitario di Azione in materia di Ambiente La Comunit Europea Con Decisione n 1600/2002/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 22 luglio 2002 ha istituito il Sesto Programma comunitario di azione in materia di ambiente. Quattro sono le Aree prioritarie individuate per le quali il Sesto Programma definisce gli obiettivi ed elenca le azioni prioritarie da intraprendere come di seguito sintetizzato: 1. Cambiamento climatico 2. Natura e biodiversit 3. Ambiente e salute 4. Uso sostenibile delle risorse naturali e rifiuti LArticolo 8 Obiettivi e aree di azione prioritarie per l'uso e la gestione sostenibili delle risorse naturali e dei rifiuti affronta uno degli aspetti pi problematici della politica ambientale dell'UE: l'inesorabile accumulo di rifiuti; il Programma propone di sganciare la produzione di rifiuti dalla crescita economica, ad esempio ponendo maggiore enfasi sul riciclaggio e sulla prevenzione della generazione di rifiuti, da perseguire, fra l'altro, mediante una politica integrata dei prodotti. Ulteriori proposte si riferiscono a flussi specifici di rifiuti, come fanghi e rifiuti biodegradabili. In particolare gli obiettivi da perseguire sono i seguenti:

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 7 di 7

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

prefiggersi di assicurare che il consumo di risorse e i conseguenti impatti non superino la soglia di saturazione dell'ambiente e spezzare il nesso fra crescita economica e utilizzo delle risorse. In questo contesto si ricorda l'obiettivo di raggiungere, entro il 2010 nella Comunit, la percentuale del 22 % della produzione di energia elettrica a partire da energie rinnovabili affinch l'efficacia delle risorse e dell'energia sia aumentata in modo drastico;

conseguire una sensibile riduzione delle quantit di rifiuti destinati all'eliminazione nonch delle quantit di rifiuti pericolosi prodotte,evitando un aumento delle emissioni nell'aria, nell'acqua e nel terreno,

incentivare il riutilizzo, e per quanto riguarda i rifiuti tuttora prodotti il loro livello di pericolosit dovrebbe essere diminuito ed essi dovrebbero comportare il minimo rischio possibile; occorrerebbe dare la priorit al recupero, segnatamente al riciclaggio; i rifiuti destinati all'eliminazione dovrebbero essere ridotti al minimo ed essere eliminati in modo sicuro il sito di trattamento dei rifiuti destinati allo smaltimento dovrebbe essere situato il pi possibile vicino al luogo di produzione dei medesimi, sempre ch ci non comporti una riduzione dell'efficacia per quanto riguarda le operazioni di trattamento dei rifiuti.

Tali obiettivi potranno essere perseguiti attraverso le seguenti azioni prioritarie: A) Elaborazione di una strategia tematica sull'utilizzo e la gestione sostenibili delle risorse,che comprenda tra l'altro: a. una valutazione sui flussi delle materie prime e dei rifiuti nella Comunit ivi comprese importazioni e esportazioni, per esempio utilizzando lo strumento dell'analisi del flusso delle materie prime; b. un'analisi dell'efficacia delle misure politiche e dell'impatto dei sussidi connessi alle risorse naturali e ai rifiuti; c. la fissazione di traguardi e obiettivi in materia di efficacia delle risorse e di uso ridotto delle medesime, dissociando la crescita economica dagli impatti ambientali negativi; d. la promozione di metodi e tecniche di produzione e di estrazione che incoraggino l'efficacia ambientale e l'utilizzo sostenibile delle materie prime, dell'energia, dell'acqua e di altre risorse; e. l'elaborazione e l'attuazione di un ampio ventaglio di strumenti comprendente ricerca, trasferimento delle tecnologie, strumenti basati sul mercato ed economici, programmi di migliori pratiche e indicatori di efficacia in materia di risorse. B) Elaborazione e attuazione di misure in materia di prevenzione dei rifiuti e gestione dei medesimi tra l'altro attraverso:

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 8 di 8

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

a. l'elaborazione di una serie di obiettivi quantitativi e qualitativi per la riduzione di tutti i rifiuti in questione da raggiungersi a livello comunitario entro il 2010. La Commissione invitata a presentare proposte riguardo a tali obiettivi entro il 2002; b. l'incoraggiamento a progettare prodotti rispettosi dell'ambiente e sostenibili; c. la sensibilizzazione dei cittadini al contributo che essi possono apportare alla riduzione dei rifiuti; d. la definizione di misure operative volte a incoraggiare la prevenzione dei rifiuti,ad esempio stimolando il riutilizzo e il recupero, e l'eliminazione graduale di talune sostanze e materie prime attraverso misure relative ai prodotti; e. l'elaborazione di ulteriori indicatori nel settore della gestione dei rifiuti. C) Elaborazione di una strategia tematica sul riciclaggio dei rifiuti,compresi tra l'altro: a. misure intese a garantire la separazione alla fonte, la raccolta e il riciclaggio dei flussi di rifiuti prioritari; b. incoraggiamento alla maggiore responsabilizzazione del produttore; c. sviluppo e trasferimento della tecnologia di riciclaggio e trattamento dei rifiuti rispettosa dell'ambiente. d. Elaborazione o revisione della normativa sui rifiuti, ivi compresi tra l'altro rifiuti edilizi e di demolizione, fanghi di depurazione, rifiuti biodegradabili, imballaggi, pile e spedizioni di rifiuti . 1.2 IL QUADRO NAZIONALE La gestione dei rifiuti in Italia regolamentata dalla Parte IV del D.Lgs. 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale, in vigore dal 29 aprile 2006, emanato in recepimento delle Direttive Comunitarie in materia di rifiuti, rifiuti pericolosi, imballaggi e rifiuti di imballaggio. Dalla stessa data il provvedimento ha abrogato e sostituito tra gli altri il D.Lgs. 5 febbraio 1997, n. 22. Il Decreto 152/2006 identifica come finalit principale della gestione dei rifiuti la necessit di assicurare un elevato grado di protezione dellambiente e controlli efficaci. Tale disciplina ispirata ai principi di precauzione, prevenzione, proporzionalit, responsabilizzazione e cooperazione di tutti i soggetti coinvolti nella produzione, nella distribuzione, nellutilizzo e nel consumo di beni da cui originano i rifiuti e regola le competenze definite per le Regioni, le Province ed i Comuni in materia di gestione dei rifiuti solidi urbani.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 9 di 9

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

1.2.1

Competenze dello Stato La norma prevede, in capo allo Stato, il potere di determinare i criteri qualitativi e quali-

quantitativi (art. 195, comma 2, lett. e) per lassimilazione, ai fini della raccolta e dello smaltimento, ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali derivanti da enti e imprese, che esercitano lattivit su aree con superficie non superiore ai 150 mq, nei Comuni con popolazione residente inferiore a 10000 abitanti, o superficie non superiore a 250 mq, nei Comuni con popolazione residente superiore a 10000 abitanti. E previsto, inoltre, che lo Stato individui: 1. 2. i criteri generali per lelaborazione dei piani Regionali di gestione dei rifiuti e le linee guida per le linee guida per lallestimento di gare di appalto per la selezione del soggetto gestore e in requisiti dammissione capitolati elementi economici relativi agli impianti esistenti 3. le linee guida indicanti le forme e i modi della cooperazione tra gli Enti locali ricadenti nel medesimo ATO, anche con riferimento alla riscossione della tariffa sui rifiuti urbani. 1.2.2 Competenze della Regione Il Decreto assegna alle Regioni le seguenti competenze (articolo 196 D.Lgs 152/2006): la predisposizione, ladozione e laggiornamento dei piani regionali di gestione dei rifiuti; la regolamentazione delle attivit di gestione dei rifiuti anche pericolosi; lapprovazione dei progetti di nuovi impianti per la gestione dei rifiuti, anche pericolosi, e lautorizzazione all'esercizio delle operazioni di smaltimento e di recupero dei rifiuti, anche le attivit in materia di spedizioni transfrontaliere dei rifiuti; la promozione della gestione integrata dei rifiuti; lincentivazione alla riduzione della produzione dei rifiuti ed al recupero degli stessi; la specificazione dei contenuti della relazione da allegare alla comunicazione di cui agli articoli 214 la definizione dei criteri per l'individuazione, da parte delle Province, delle aree non idonee alla individuare gli Ambiti Territoriali Ottimali (ATO); particolare:

lautorizzazione alle modifiche degli impianti esistenti, fatte salve le competenze statali; pericolosi; -

(procedure semplificate), 215 (autosmaltimento), e 216 (operazioni di recupero); localizzazione degli impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti;
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 10 di 10

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

la definizione di criteri per l'individuazione dei luoghi o impianti idonei allo smaltimento e la ladozione delle disposizioni occorrenti affinch gli enti pubblici e le societ a prevalente capitale

determinazione di disposizioni speciali per rifiuti di tipo particolare; pubblico, anche di gestione dei servizi, coprano il proprio fabbisogno annuale di manufatti e beni, indicati nel medesimo decreto, con una quota di prodotti ottenuti da materiale riciclato non inferiore al 30 per cento del fabbisogno medesimo. Al fine di espletare le suddette funzioni le Regioni si avvalgono anche delle Agenzie regionali per la protezione dell'ambiente (art. 196 comma 2). Le Regioni privilegiano la realizzazione di impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti in aree industriali, compatibilmente con le caratteristiche delle aree medesime, incentivando le iniziative di autosmaltimento. Tale disposizione non si applica alle discariche (art. 196 comma 3). Le Regioni quindi, tra le varie competenze succitate, predispongono i piani regionali di gestione dei rifiuti. Questi costituiscono il riferimento pianificatorio per lattuazione di sistemi di gestione di rifiuti conformi agli obiettivi del Decreto. I Piani Regionali definiscono, tra laltro, la tipologia e il complesso delle attivit e dei fabbisogni impiantistici e i criteri per lindividuazione da parte delle Province delle aree idonee e non idonee alla localizzazione degli impianti. La Regione, inoltre, sentite le Province ed i Comuni interessati, nell'ambito delle attivit di programmazione e di pianificazione di sua competenza, provvede alla delimitazione degli Ambiti Territoriali Ottimali (ATO) per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati, considerando i seguenti elementi (art. 200 comma 1): a) b) c) d) e) f) il superamento della frammentazione delle gestioni attraverso un servizio di gestione integrata il conseguimento di adeguate dimensioni gestionali, definite sulla base di parametri fisici, ladeguata valutazione del sistema stradale e ferroviario di comunicazione al fine di ottimizzare i la valorizzazione di esigenze comuni e laffinit nella produzione e gestione dei rifiuti; la ricognizione di impianti di gestione di rifiuti gi realizzati e funzionanti; la considerazione delle precedenti delimitazioni affinch i nuovi ATO si discostino dai dei rifiuti; demografici, tecnici e sulla base delle ripartizioni politico amministrative; trasporti all'interno dell'ATO;

precedenti, solo sulla base di motivate esigenze di efficacia, efficienza ed economicit.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 11 di 11

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

1.2.3

Competenze della Provincia Alla Provincia la legge attribuisce i seguenti compiti (art. 197 D.Lgs 152/2006): - il controllo periodico su tutte le attivit di gestione, di intermediazione e di commercio dei

rifiuti, ivi compreso l'accertamento delle violazioni delle disposizioni di cui alla parte quarta del presente decreto; - la verifica ed il controllo dei requisiti previsti per l'applicazione delle procedure semplificate, con le modalit di cui agli articoli 214 (procedure semplificate), 215 (autosmaltimento) e 216 (operazioni di recupero); - lindividuazione, sulla base delle previsioni del piano territoriale di coordinamento, di cui all'articolo 20, comma 2, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, ove gi adottato, e del Piano Regionale di gestione dei rifiuti, nonch sentiti l'autorit d'ambito ed i Comuni, delle zone idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento dei rifiuti, nonch delle zone non idonee alla localizzazione di impianti di recupero e di smaltimento dei rifiuti. Al fine di espletare le suddette funzioni le Province possono avvalersi, mediante apposite convenzioni, di organismi pubblici, ivi incluse le Agenzie regionali per la protezione dell'ambiente (art. 197 comma 2). 1.2.4 Competenze dei Comuni I Comuni, ai sensi dellart. 198, perdono lattribuzione espressa della gestione, in privativa, dei rifiuti assimilati agli urbani, poich la stessa viene assegnata a centri di responsabilit pi grandi dei Comuni stessi (AATO), in grado di assicurare il soddisfacimento del principio di autosufficienza. I Comuni concorrono alla gestione dei rifiuti urbani nellambito, quindi, delle attivit svolte a livello di AATO, adottando propri regolamenti in coerenza con gli obiettivi e decisioni assunti nei piani dambito dellAATO ed in particolare stabiliscono: - le misure per assicurare la tutela igienico-sanitaria in tutte le fasi della gestione dei rifiuti urbani; - le modalit del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani; - le modalit del conferimento, della raccolta differenziata e del trasporto dei rifiuti urbani ed assimilati, al fine di garantire una distinta gestione delle diverse frazioni di rifiuti e promuover e il recupero degli stessi; - le norma atte a garantire una distinta ed adeguata gestione dei rifiuti urbani pericolosi e dei rifiuti da esumazione ed estumulazione e le misure necessarie ad ottimizzare le forme di conferimento,

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 12 di 12

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

raccolta e trasporto rifiuti primari di imballaggio, in sinergia con altre frazioni merceologiche, fissando minimi da rispettare; - lassimilazione, per qualit e quantit dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani; 1.2.5 Competenze degli AATO Si attribuiscono allAutorit di Ambito, nel rispetto del principio di coordinamento con le competenze delle altre amministrazioni pubbliche, lorganizzazione, laffidamento e il controllo del servizio di gestione integrata dei rifiuti, sulla base di contratti di servizio conformi ad uno schema tipo adottato dalle Regioni, in osservazione a criteri ed indirizzi elaborati dallo Stato. LAATO si occupa, pertanto, di organizzare il predetto servizio, determinando gli obiettivi da perseguire, per garantire la gestione dei rifiuti secondo criteri di efficienza, efficacia, economicit e trasparenza. Ad essa, inoltre, sono affidate la realizzazione, la gestione ed lerogazione dellintero servizio, comprensivo delle attivit di gestione e realizzazione degli impianti e la raccolta, la raccolta differenziata, la commercializzazione e lo smaltimento completo di tutti i rifiuti urbani e assimilati prodotti allinterno dellAATO.

1.2.6

Classificazione dei rifiuti

I rifiuti sono classificati secondo lorigine e le caratteristiche di pericolosit. In particolare i rifiuti si dividono in urbani e speciali e a loro volta possono possedere o meno caratteristiche di pericolosit per luomo e/o lambiente. Conseguentemente abbiamo: - rifiuti urbani non pericolosi; - rifiuti urbani pericolosi, - rifiuti speciali non pericolosi; - rifiuti speciali pericolosi. I rifiuti urbani sono: a. abitazione; b. c. rifiuti non pericolosi provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da quelli di cui alla rifiuti provenienti dallo spezzamento delle strade; lettera a), assimilati ai rifiuti urbani per qualit e quantit; rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 13 di 13

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

d.

rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle

strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi dacqua; e. f. rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali; rifiuti provenienti da esumazioni e estumulazioni, nonch gli altri rifiuti provenienti da

attivit cimiteriali diversi da quelli di cui alle lettere b), c) ed e). I rifiuti assimilabili agli urbani sono costituiti da particolari tipologie di rifiuti speciali, di provenienza diversa da quella urbana (attivit artigianali, commerciali, industriali, ecc), che presentano tuttavia delle caratteristiche simili a quelli urbani. Per essere assimilati agli urbani, i rifiuti speciali devono essere individuati nel regolamento comunale per la gestione dei rifiuti urbani. La Legge Finanziaria 2007 (L. 296/06) ha stabilito, innovando sul punto rispetto al D.Lgs. 152/06, che in materia di assimilazione dei rifiuti speciali agli urbani, continuano ad applicarsi le disposizioni degli artt. 18, c. 2 lett. d) e 57 c. 1 del D. Lgs. 22/97. Ci significa che: i criteri qualitativi e quantitativi per lassimilazione dei rifiuti speciali e dei rifiuti sanitari a quelli urbani, ai fini della raccolta e dello smaltimento, saranno stabiliti da un apposito futuro decreto, cui si dovranno conformare i regolamenti comunali; fino allemanazione di tali criteri, sono assimilati ai rifiuti urbani solo i rifiuti speciali che siano stati individuati negli appositi regolamenti comunali redatti secondo i criteri stabiliti al punto 1.1.1. della Delibera del Comitato Interministeriale del 27 luglio 1984, Secondo quanto previsto dalla citata delibera, possono essere assimilati ai rifiuti urbani, ai fini dello smaltimento in discarica, i rifiuti speciali che abbiano una composizione merceologica analoga a quella dei rifiuti urbani, o che siano costituiti da manufatti o materiali simili a quelli di seguito elencati: imballaggi in genere (di carta, di cartone, plastica, legno, metallo e simili); contenitori vuoti (fusti, vuoti di vetro, plastica e metallo, latte e lattine e simili); sacchi e sacchetti di carta o plastica; fogli di carta, plastica, cellophane; cassette, pallets; accoppiati quali carta plastificata, carta metallizzata, carta adesiva, carta catramata, fogli di plastica metallizzati e simili; frammenti e manufatti di vimini e di sughero; paglia e prodotti di paglia; scarti di legno provenienti da falegnameria e carpenteria, trucioli e segatura; fibra di legno e pasta di legno anche umida, purch pala bile; ritagli e scarti di tessuto di fibra naturale e sintetica, stracci e juta; feltri e tessuti non tessuti;
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 14 di 14

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

pelle e simil-pelle; gomma e caucci (polvere e ritagli) e manufatti composti prevalentemente da tali materiali come camere daria e copertoni; resine termoplastiche e termo-indurenti in genere allo stato solido e manufatti composti da tali materiali; rifiuti ingombranti analoghi a quelli di cui al punto 2) del terzo comma dell art. 2 del D.P.R. n. 915/1982; imbottiture, isolanti termici ed acustici costituiti da sostanze naturali e sintetiche quali lane di vetro e di roccia, espansi plastici e minerali, e simili; moquettes, linoleum, tappezzerie, pavimenti e rivestimenti in genere; materiali vari in pannelli (di legno, gesso, plastica e simili); rammenti e manufatti di stucco e di gesso essiccati; manufatti di ferro tipo paglietta metallica, filo di ferro, spugna di ferro e simili; nastri abrasivi; cavi e materiale elettrico in genere; pellicole e lastre fotografiche e radiografiche sviluppate; scarti in genere della produzione di alimentari, purch non allo stato liquido purch ad esempio scarti di caff, scarti dell'industria molitoria e della pastificazione, partite di alimenti deteriorati, anche inscatolati o comunque imballati, scarti derivanti dalla lavorazione di frutta e ortaggi, caseina, sanse esauste e simili; scarti vegetali in genere (erbe, fiori, piante, verdure, ecc.), anche derivanti da lavorazioni basate su processi meccanici (bucce, baccelli, pula, scarti di sgranatura e di trebbiatura, e simili); residui animali e vegetali provenienti dall'estrazione di principi attivi. Nella delibera viene tra l'altro precisato che, per poter essere assimilati agli urbani, i rifiuti speciali devono essere smaltiti in modo tale che non si verifichino rischi per la salute dell'uomo o per l'ambiente maggiori rispetto a quelli derivanti dallo smaltimento dei rifiuti urbani. Non sono comunque assimilabili agli urbani, i rifiuti speciali che siano stati contaminati da sostanze pericolose o da policlorodibenzodiossine e/o policlorodibenzofurani, policlorodinbenzofenoli. Tali condizioni si applicano anche per l'assimilazione dei rifiuti speciali ai fini dello smaltimento in impianti di trattamento di rifiuti urbani (es. compostaggio) diversi dallincenerimento.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 15 di 15

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

1.2.7

D.Lgs.4 del 16 gennaio 2008 Il D. Lgs n.4 del gennaio 2008 , correttivo del decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152 (norme in

materia ambientale), apporta sostanziali modifiche al Dlgs 152/2006 a proposito delle parti prima (disposizioni comuni), seconda, integralmente sostituita (di cui sono oggetto Via, valutazione d'impatto ambientale, Vas, valutazione ambientale strategica e Aia, autorizzazione integrata ambientale), terza (tutela delle acque) e quarta (rifiuti e bonifiche). Il decreto non ha invece modificato la parte quinta, relativa all'aria, e la sesta, sul danno ambientale. Con riferimento alla parte prima si evidenzia in particolare che il nuovo testo aggiunge cinque articoli all'originario articolo 3 del D.Lgs. 152/2006 introducendo i seguenti punti: - principi sulla produzione del diritto ambientale (articolo 3-bis); - principio dell'azione ambientale (articolo 3-ter); - principio dello sviluppo sostenibile (articolo 3-quater); - principi di sussidiariet e di leale collaborazione (articolo 3-quinquies); - diritto di accesso alle informazioni ambientali e di partecipazione a scopo collaborativo (articolo 3-sexies). Il D.Lgs n4/2008 ha apportato importanti innovazioni introducendo allart.183, comma 1, lett.cc) del D.Lgs. 152/2006 un apposita definizione di centro di raccolta inteso come area presidiata ed allestita, senza ulteriori oneri a carico della finanza pubblica, per lattivit di raccolta mediante raggruppamento differenziato dei rifiuti per frazioni omogenee conferiti dai detentori per il trasporto agli impianti di recupero e trattamento. La disciplina dei centri di raccolta data con decreto del Ministero dellambiente e della tutela del territorio e del mare (D.M 8 aprile 2008) pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 28 Aprile 2008, n 99. 1.2.8 Altri provvedimenti normativi di particolare interesse Successivamente al Decreto Ronchi, in attuazione dello stesso o per il recepimento di Direttive comunitarie, sono stati emanati Decreti Ministeriali e Legislativi che hanno normato particolari aspetti della gestione dei rifiuti. Ai fini delle pi significative implicazioni che possono avere sulla pianificazione della gestione dei rifiuti, si riportano nel seguito gli elementi essenziali di provvedimenti normativi di particolare rilevanza, quali i decreti legislativi di ridefinizione del quadro normativo in materia di discariche e di incenerimento dei rifiuti.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 16 di 16

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

1.2.8.1 D.Lgs. 13 gennaio, n 36 Attuazione della Direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti Il D.Lgs. 36/2003 definisce le norme tecniche per la realizzazione e la gestione delle discariche, in relazione anche al periodo di post-chiusura. Tra gli elementi pi rilevanti presenti in questo Decreto, si possono in particolare citare: la classificazione per tipologia di rifiuti, suddivisa fra inerti, non pericolosi e pericolosi, con possibilit, come avviene da tempo in molti Paesi europei, di associare lo smaltimento dei rifiuti urbani a quello di rifiuti originati da attivit produttive; la definizione di obiettivi di contenimento dei rifiuti biodegradabili avviati a discarica, espressi in termini di quantitativi pro-capite annui e cadenzati al 2008, 2011 e 2018; la collocazione in discarica dei soli rifiuti trattati; il divieto di conferimento in discarica di rifiuti con potere calorifico inferiore (PCI) maggiore di 13.000 kJ/kg a partire dal 2007; lobbligo di applicare un Piano di sicurezza e controllo in tutto larco di vita degli impianti; lobbligo di predisporre e di applicare dei Piani di gestione operativa, di ripristino ambientale e di gestione post/operativa; lobbligo di garantire una gestione post/operativa per almeno 30 anni. Dal punto di vista economico finanziario, la normativa impone di determinare e di applicareuna tariffa di conferimento dei rifiuti, che tenga conto di tutte le voci dei costi di costruzione e di gestione degli impianti. Tutti gli elementi citati portano quindi a medio e lungo termine una doverosa rivalutazione del modo di concepire la discarica controllata, che passer dallessere uno stoccaggio definitivo di rifiuti non trattati a impianto tecnologicamente avanzato e sicuro per lambiente, inserito in un ciclo di trattamento integrato finalizzato al recupero di materiali, energia e territorio. 1.2.8.2 D.Lgs. 11 maggio 2005, n 133 Attuazione della direttiva 2000/76/CE- Incenerimento dei rifiuti Il decreto si applica agli impianti di incenerimento e di coincenerimento dei rifiuti e stabilisce le misure e le procedure finalizzate a prevenire e ridurre per quanto possibile gli effetti negativi dell'incenerimento e del coincenerimento dei rifiuti sull'ambiente, in particolare l'inquinamento atmosferico, del suolo, delle acque superficiali e sotterranee, nonch i rischi per la salute umana che ne derivino. Il decreto dispone che, nell'esercizio dell'impianto di incenerimento o di coincenerimento (art. 8), debbano essere adottate tutte le misure affinch le attrezzature utilizzate per la ricezione, gli stoccaggi, i
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 17 di 17

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

pretrattamenti e la movimentazione dei rifiuti, nonch per la movimentazione o lo stoccaggio dei residui prodotti, siano progettate e gestite in modo da ridurre le emissioni e gli odori, secondo i criteri della migliore tecnologia disponibile. Inoltre, gli impianti di incenerimento devono essere gestiti in modo da ottenere il pi completo livello di incenerimento possibile, adottando, se necessario, adeguate tecniche di pretrattamento dei rifiuti. Per quanto riguarda le emissioni in atmosfera (art. 9), gli impianti di incenerimento e di coincenerimento devono essere progettati, costruiti, equipaggiati e gestiti in modo che non vengano superati nell'effluente gassoso i valori limite di emissione indicati rispettivamente dall'allegato 1, paragrafo A e dall'allegato 2, paragrafo A. Le modalit di campionamento e analisi delle emissioni sono esposte allarticolo 11. Per quanto concerne lo scarico di acque reflue provenienti dalla depurazione degli effluenti gassosi degli impianti di incenerimento e di coincenerimento (art. 10), questo soggetto al rilascio di autorizzazione da parte dell'autorit competente; le emissioni nei corpi idrici (art.12) sono sottoposte a misurazioni che devono essere effettuate secondo le modalit disposte dal decreto e devono essere conformi ai limiti previsti dallallegato 1 paragrafo E. Infine, la quantit e la pericolosit dei residui prodotti durante il funzionamento dell'impianto di incenerimento o di coincenerimento devono essere ridotte al minimo; i residui devono essere riciclati o recuperati, quando appropriato, direttamente nell'impianto o al di fuori di esso; i residui che non possono essere riciclati o recuperati devono essere smaltiti in conformit alla normativa vigente.

1.2.9

Raccolta differenziata (Finanziaria 2007) La raccolta differenziata rappresenta lelemento cardine del programma di recupero di materiali.

Ai sensi della L. 296/06 (Finanziaria 2007) la Regione dovr garantire, a livello di ambito territoriale ottimale, previa diffida e successiva nomina di un commissario ad acta, il raggiungimento delle seguenti percentuali minime di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, che modificano quelli previsti dalla normativa entro entro entro il il il 31 31 31 dicembre dicembre dicembre 2007 2009 2011 almeno almeno almeno il il il vigente: 40% 50% 60%.

Negli anni successivi le percentuali saranno stabilite con decreto del ministero dellambiente, che perseguir lobiettivo Rifiuti zero. Gli obiettivi di raccolta differenziata si intendono su scala di ambito. Potranno essere attivati su scala locale sistemi ed iniziative diversificate e con obiettivi di raccolta diversi per meglio adattarsi alle specificit dei singoli comuni.
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 18 di 18

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

1.3

IL QUADRO REGIONALE La Legge Regionale n. 6 del 2 febbraio 2001 Disciplina delle Attivit di Gestione dei

Rifiuti ed approvazione del relativo Piano pubblicata sul BUR della Regione Basilicata n.9 del 6
febbraio 2001, testo poi aggiornato e coordinato dalla Legge Regionale n.28 del 28 dicembre 2007 pubblicata sul BUR della Regione Basilicata n.60 del 31 dicembre 2007, rappresenta il quadro di riferimento per la gestione dei rifiuti in Basilicata. I principi di tale Legge possono essere cos sintetizzati: a) b) c) degli stessi; d) e) f) assicurare la gestione unitaria dei rifiuti urbani in ambiti territoriali ottimali, superando la realizzare l'autosufficienza nello smaltimento dei rifiuti urbani attraverso una rete integrata favorire lo smaltimento dei rifiuti negli impianti pi vicini al luogo di produzione, al fine di frammentazione delle gestioni secondo criteri di efficacia, efficienza ed economicit; di impianti di recupero e di smaltimento; ridurre la movimentazione degli stessi, tenuto conto delle esigenze di carattere geografico o della necessit di smaltimento in impianti specializzati; g) h) tenere conto della pianificazione territoriale salvaguardando i valori naturali e paesaggistici; garantire il rispetto delle esigenze igienico sanitarie al fine di tutelare la salute della prevenire e ridurre la produzione e la pericolosit dei rifiuti; favorire la raccolta differenziata, la selezione e la valorizzazione delle frazioni di rifiuti promuovere il recupero anche energetico dei rifiuti, al fine di ridurre lo smaltimento finale

urbani raccolte separatamente;

collettivit, evitando possibili fonti di inquinamento dell'ambiente, mediante l'utilizzo delle migliori tecnologie disponibili a costi non eccessivi; i) ridurre progressivamente le discariche come sistema ordinario di smaltimento.

Nellarticolato di legge sono quindi affrontate le diverse tematiche legate alla gestione dei rifiuti in Regione. In particolare: nel Titolo II sono disciplinate le competenze della Regione, Province e Comuni in merito alla gestione dei rifiuti e sono disciplinate le competenze in ordine alle ordinanze contingibili ed urgenti. il Titolo III stabilisce:

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 19 di 19

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

i contenuti del Piano Regionale di gestione dei rifiuti e che lo stesso integrato dal piano le modalit di individuazione dei siti da bonificare; le procedure per lapprovazione del Piano Regionale di gestione dei rifiuti; i contenuti dei Piani provinciali di organizzazione della gestione dei rifiuti; le procedure per l'approvazione dei Piani provinciali di organizzazione della gestione dei gli effetti del Piano regionale; gli effetti dei Piani provinciali di organizzazione della gestione dei rifiuti; Il Titolo IV definisce:

regionale per la bonifica dei siti contaminati; -

rifiuti; -

la delimitazione degli Ambiti Territoriali Ottimali che sono costituiti dai singoli territori le modalit per lo svolgimento in forma associata del servizio di gestione dei rifiuti urbani; la costituzione e gli organi dellAutorit di ambito, con relative composizioni e funzioni; i rapporti tra Autorit di ambito e Gestori; la costituzione di un fondo incentivante tramite ecotassa; Il Titolo V disciplina;

provinciali; -

i procedimenti di approvazione dei progetti e di autorizzazione alla realizzazione di nuovi Il Titolo VI disciplina;

impianti di smaltimento e recupero; -

Le procedure di autorizzazione all'esercizio delle operazioni di smaltimento e recupero dei Le garanzie finanziarie per l'esercizio delle operazioni di smaltimento e di recupero; Le procedure semplificate per l'autosmaltimento ed il recupero dei rifiuti; il Titolo VII elenca le procedure straordinarie di vigilanza e i poteri sostitutivi; il Titolo VIII regolamenta la messa in sicurezza dei siti inquinati, la norma finanziaria, le sanzioni, le disposizioni transitorie, labrogazione e modifiche di norme regionali;

rifiuti; -

1.3.1

Contenuti dei Piani provinciali di organizzazione della gestione dei rifiuti La L.R n.6 del 02/02/2001 stabilisce che il Piano provinciale di organizzazione della gestione dei

rifiuti contenga:

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 20 di 20

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

il rilevamento e la descrizione dei servizi di raccolta differenziata e degli impianti esistenti di trattamento, recupero, di riciclo e di innocuizzazione finalizzata allo smaltimento dei rifiuti non pericolosi; la proposta di individuazione, all'interno dell'ATO, di aree di trasferimento ed eventualmente pretrattamento e trattamento dei rifiuti urbani che ottimizzino il sistema della raccolta in relazione alle tipologie ed alle quantit di rifiuti prodotti, all'economia dei trasporti, alle soluzioni tecniche adottate ed alle dimensioni ed alle caratteristiche dell'ATO di riferimento, ivi comprese le proposte di gestione sub - provinciale; l'individuazione del sistema integrato dei servizi di raccolta differenziata e relative attivit di recupero; l'individuazione delle frazioni di rifiuto oggetto di raccolta differenziata in relazione agli obiettivi e relative modalit di recupero; l'individuazione di tutte le zone idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti, sulla base del Piano Territoriale di Coordinamento e del Piano regionale di gestione dei rifiuti; le modalit per l'attuazione del Piano; la valutazione degli oneri finanziari connessi alla realizzazione degli interventi; 1.3.2 rifiuti Inoltre allart. 11 della L.R. 6/2001 sono stabilite le procedure per lapprovazione dei Piani provinciali di organizzazione della gestione dei rifiuti: i Piani provinciali di gestione dei rifiuti sono approvati, anche per stralci funzionali e tematici comprendenti quelli nei quali si articola il Piano regionale, entro quattro mesi dalla data di esecutivit del Piano regionale; la Provincia adotta il Piano previo parere dei Comuni e degli enti locali, acquisito anche in il Piano adottato inviato alla Regione ed ai Comuni ed depositato nella segreteria della apposita conferenza; Provincia e dei Comuni per 30 giorni, durante i quali chiunque pu prendere visione e presentare osservazioni, che sono immediatamente comunicate alla Provincia; la Provincia promuove inchieste pubbliche nelle diverse aree del proprio territorio, tramite la convocazione di conferenze pubbliche, cui sono invitati, tramite avvisi pubblici, i cittadini e le formazioni sociali, i quali possono presentare osservazioni e memorie;
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 21 di 21

Procedure per lapprovazione dei Piani provinciali di organizzazione della gestione dei

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

la Giunta Regionale si pronuncia sulla conformit del Piano adottato ai contenuti del Piano

regionale e alla normativa vigente in materia di rifiuti e tutela ambientale, prescrivendo, ove occorra le modifiche da apportare a tal fine; nei 30 giorni successivi alla scadenza dei termini per la presentazione delle osservazioni di cui al comma 3, dopo aver sentito tutti i Comuni e gli altri Enti locali convocati in apposita conferenza ed acquisiti i verbali della conferenza di cui al comma 5 e le memorie ivi presentate, la Provincia approva il Piano, motivando leventuale difformit rispetto al parere o ai pareri dissenzienti emersi nella conferenza dei Comuni e degli altri Enti locali o delle Autorit di ambito, quando istituita, dando inoltre atto delle modifiche apportate e motivando in ordine alle osservazioni non accolte; il Piano provinciale inviato alla Giunta regionale che, verificata la rispondenza alle prescrizioni di cui al comma 5, ne dispone la pubblicazioni per intero nel Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata. Il Piano acquista efficacia dalla data di pubblicazione; se la Giunta Regionale ritiene che il Piano non risponda alle prescrizioni di cui al comma 5, pu disporre il rinvio per il riesame alla Provincia. La Provincia provvede ad adeguare il proprio Piano entro i successivi 30 giorni; le modifiche al Piano provinciale sono approvate con le stesse procedure di cui ai commi le modifiche al Piano provinciale sono apportate dalla Provincia, di propria iniziativa o su precedenti. Lautorit di ambito, quando costituita, partecipa alla conferenza di cui commi 2 e 6; proposta dellautorit di ambito, ogni volta che si rende necessario ladeguamento a nuove normative in materia o per lindividuare nuove localizzazioni di impianti di smaltimento e recupero. Gli effetti dei Piani provinciali di organizzazione della gestione dei rifiuti sono i seguenti: i Comuni e gli altri Enti locali, nellambito della propria competenza, uniformano i propri le Autorit di Ambito sono tenute allosservanza delle prescrizioni del Piano provinciale. atti ai contenuti dei predetti Piani; -

Per quanto riguarda la sezione relativa ai rifiuti urbani, il Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti, approvato con Legge Regionale n.2 del 4 gennaio 2002 pubblicata sul BUR della Regione Basilicata n.2/2002, ha individuato quindi, nell'ambito delle competenze della Regione, i seguenti obiettivi prioritari delle azioni di minimizzazione dei rifiuti: a. b. l'incentivazione di processi di smaltimento e di recupero tecnologicamente avanzati, la disincentivazione dell'utilizzo delle discariche e dei processi di smaltimento a pi elevato mediante lo sviluppo di tecnologie innovative; impatto ambientale;
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 22 di 22

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

c. d.

la concessione di finanziamenti per la redazione di studi, ricerche, piani, progetti, mostre, l'elaborazione statistica e la diffusione di dati inerenti la produzione e la gestione di rifiuti

convegni, programmi, indagini tecniche, iniziative didattiche e di divulgazione; urbani e assimilati, sulla base di rilevamenti effettuati negli ATO;

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 23 di 23

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

2 IL QUADRO DELLATTUALE GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI


2.1 LA PRODUZIONE DI RIFIUTI URBANI E LO SVILUPPO DEI SERVIZI DI RACCOLTA Evoluzione storica della produzione di rifiuti urbani e dei flussi delle raccolte

2.1.1

2.1.1.1 Le fonti informative di riferimento Lanalisi della produzione di rifiuti urbani, delle raccolte differenziate, dellandamento storico di tali valori, dellarticolazione territoriale dei parametri considerati, stata condotta innanzitutto sulla base dei dati, con disaggregazione Comunale, a disposizione dellOsservatorio dati ambientali della Provinciali Potenza contenuti nel rapporto rifiuti urbani per lanno 2005 e nel redigendo rapporto rifiuti urbani per lanno 2006. 2.1.1.2 La produzione dei rifiuti urbani Nellanalisi della produzione di rifiuti urbani per gli anni dal 2002 al 2006, stato possibile evidenziare sia i flussi di rifiuti indifferenziati avviati allo smaltimento che quelli intercettate dalle raccolte differenziate. Per lanno 2006 invece stato possibile evidenziare, oltre alla produzione totale dei rifiuti, anche le quote delle frazioni indifferenziate, della raccolta differenziata, di carta e cartoni, degli imballaggi, degli ingombranti, il cui dettagliato aggiornamento sar esposto nel capitolo successivo. Negli ultimi anni nella Provincia di Potenza si evidenzia un aumento della produzione dei rifiuti urbani che passa da 132.927 t/anno prodotte nel 2002 a 149.304 t/anno prodotte nel 2006, con un incremento del 12.32 %. Ampliando lanalisi allorizzonte temporale riferita al quinquennio 2000-2006, confrontando le tendenze registrate in altre regione sulla base dei dati disponibili di fonte APAT , si evidenzia come la provincia di Potenza sia stata interessata, negli anni indicati, da una crescita di rifiuti prodotti, pi o meno simile alla media delle altre regioni. Infatti le variazioni registrate nel periodo 2000-2006, sono pari a: SUD ITALIA ITALIA PROVINCIA PZ + 11,5% + 12,3% + 15,5 %

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 24 di 24

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Fig 2.1 Variazione della produzione di rifiuti urbani in provincia di Potenza a confronto con il Sud Italia e con il dato medio nazionale dal 2000 al 2006.
V ariaz ione della produz ione dei rifiuti urbani (anni 2000-2006) Valori normalizzati su produzione

120 anno 2000=100

110

100

90 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006

Fonte: elaborazione su dati APAT


IT AL IA SU D IT ALIA P R O VIN C IA PZ*

Nella seguente tabella sono riportati in dettaglio i dati di produzione di rifiuti urbani nelle aree Nord, Centro e Sud e nellintera Provincia di Potenza nel periodo 2002-2006. La tendenza alla crescita della produzione di rifiuti si riscontra pi o meno marcatamente anche per le singole aree. In particolare si individuano, un incremento della produzione maggiore per larea sud (del 5.35% nel 2002 rispetto al 2001 e del 6.81% nel 2006 rispetto al 2005), per larea nord (del 6.74% nel 2004 rispetto al 2003) e per larea centro (del 4.31% nel 2006 rispetto al 2005). In generale nel 2006, per la Provincia di Potenza si registrato un incremento della produzione pressoch costante rispetto agli anni precedenti (del 4.54% nel 2006 rispetto al 4.27% del 2005). Tale variazione nella dinamica di evoluzione della produzione di rifiuti rappresenta senzaltro un segnale importante che non desta particolari preoccupazioni.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 25 di 25

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Tab. 2.1 Andamento della popolazione e della produzione di rifiuti urbani dal 2000 al 2006 nelle Aree Nord, Centro, Sud e in Provincia di Potenza. ANNO 2000 2001 2002 Abitanti (Ab/anno) 2003 2004 2005 2006 2000 2001 2002 Incremento 2003 Annuo (%) 2004 2005 2006 2000 2001 2002 RU Tot 2003 (t/anno) 2004 2005 2006 2000 2001 2002 2003 Incremento Annuo (%) 2004 2005 2006 2000 2001 2002 RU Tot 2003 (Kg/abxanno) 2004 2005 2006 2000 2001 2002 Incremento 2003 Annuo (%) 2004 2005 2006 AREE NORD 126.122 125.313 125.754 126.106 126.251 125.613 124.971 -0,64% 0,35% 0,28% 0,11% -0,51% -0,51% 42.637 42.674 44.218 44.138 47.111 47.908 49.578 0,09% 3,62% -0,18% 6,74% 1,69% 3,49% 338,06 340,54 351,62 350,01 373,16 381,40 396,72 0,73% 3,25% -0,46% 6,61% 2,21% 4,02% PROV. PZ 394.960 392.664 392.713 392.798 392.119 390.078 387.818 -0,58% 0,01% 0,02% -0,17% -0,52% -0,58% 129.190 128.723 132.927 132.904 136.968 142.815 149.304 -0,36% 3,27% -0,02% 3,06% 4,27% 4,54% 327,10 327,82 338,48 338,35 349,30 366,12 384,98 0,22% 3,25% -0,04% 3,24% 4,81% 5,15%

CENTRO 176.937 176.816 176.564 176.607 176.513 175.850 175.009 -0,07% -0,14% 0,02% -0,05% -0,38% -0,48% 58.144 59.809 61.067 60.694 61.847 65.693 68.521 2,86% 2,10% -0,61% 1,90% 6,22% 4,31% 328,61 338,25 345,86 343,67 350,38 373,57 391,53 2,93% 2,25% -0,63% 1,95% 6,62% 4,81%

SUD 91.901 90.535 90.395 90.085 89.355 88.615 87.838 -1,49% -0,15% -0,34% -0,81% -0,83% -0,88% 28.409 26.240 27.643 28.071 28.009 29.214 31.205 -7,64% 5,35% 1,55% -0,22% 4,30% 6,81% 309,13 289,83 305,80 311,61 313,46 329,68 355,26 -6,24% 5,51% 1,90% 0,59% 5,17% 7,76%

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 26 di 26

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Fig. 2.2 Andamento della produzione di RU dal 2000 al 2006 nelle aree Nord, Centro e Sud e nella Provincia di Potenza
Produzione Totale RU

160.000 140.000 120.000 100.000

t/anno

80.000 60.000 40.000 20.000 0 NORD CENTRO AREE 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 SUD PROV. PZ

La produzione pro capite annua risulta anchessa essere in aumento nel periodo 2002-2006. Tali incrementi annui sono uguali o di poco inferiori agli incrementi riscontrati per la produzione in termini di quantitativi assoluti sia a livello di singole aree che provinciale. In generale in Provincia si passati da una produzione pro-capite di 327.10 kg/abxanno del 2002 a 384.98 kg/abxanno del 2006, ovvero c stato un incremento del 17.73%. Tale incremento superiore rispetto a quello riscontrato in termini di produzione totale di RU (del 15.57%), dal momento che negli ultimi anni c stata una diminuzione non trascurabile, allincirca del 1,25%, della popolazione residente. In particolare in questi anni le aree nord e centro si sono distinte dal resto della Provincia perch caratterizzate da una produzione pro capite maggiore, superando rispettivamente i 397 kg/abxanno e i 392 kg/abxanno nel 2006.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 27 di 27

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Fig. 2.3 Andamento della produzione pro capite annua dei rifiuti urbani dal 2000 al 2006
Produzione Procapite RU 600,00 Kg/ab*anno 500,00 400,00 300,00 200,00 100,00 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006

Nord

Centro Aree Produzioni pro capite Provincia

Sud Pov. Pz Produzioni pro capite Italia 2005

2.1.1.3

La frazione indifferenziata Rispetto alla produzione totale di RU la quota di rifiuti indifferenziati da avviare allo

smaltimento pari a 125.652 t/a nel 2002, fino a 136.873 t/a nel 2006. Infatti, nonostante la percentuale di RU indifferenziati rispetto alla produzione totale diminuisca annualmente (passando dal 97,26% nel 2002 al 91,0% nel 2006), si registra un incremento annuo della produzione di RU indifferenziati che segue approssimativamente quello individuato per la produzione totale di RU. Ovvero, i sistemi di RD attuati in questi ultimi anni, caratterizzati da uno sviluppo sicuramente insufficiente, non sono stati in grado di arginare lincremento di produzione di RU da avviare allo smaltimento, che risulta essere complessivamente del 9,0%. Non si individuano importanti aumenti della produzione di RU indifferenziati che se pur riferite a singole aree, restano trascurabili ad eccezione di quella relativa allarea sud che per il 2006 si attesta al 4,65%. Negli ultimi cinque anni, infatti, la Provincia di Potenza ha avuto un incremento assoluto della produzione di RU indifferenziati del 8,9%. Il valore della produzione pro capite di rifiuti urbani indifferenziati cresciuto del 10,30%, passando da 319.96 kg/abxanno prodotti nel 2002 a 352,93 kg/abxanno nel 2006. A livello provinciale, gli incrementi annuali della produzione pro capite di RU indifferenziati sono dello 0,45% nel 2003 rispetto al 2002 e del 4,16% nel 2005 rispetto al 2004, che resta costante nel

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 28 di 28

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

2006 rispetto al 2005, e al quale ha contribuito in modo consistente larea sud, con un incremento del 5.58 %.
Tab 2.2 Andamento della raccolta di rifiuti urbani indifferenziati dal 2002 al 2006 nelle aree Nord, Centro, Sud ed in Provincia di Potenza ANNO 2002 Abitanti (Ab/anno) 2003 2004 2005 2006 2002 RU (t/anno) Indiff. 2003 2004 2005 2006 2002 Incremento Annuo (%) 2003 2004 2005 2006 2002 RU Indiff. 2003 (Kg/abxanno) 2004 2005 2006 2002 -0,38% 4,98% 1,26% 2,52% 336,99 0,25% -0,64% 5,45% 3,82% 320,29 2,31% -1,53% 3,64% 4,65% 295,63 0,47% 1,04% 3,61% 3,56% 319,96 AREE NORD 125.754 126.106 126.251 125.613 124.971 42.377 42.216 44.318 44.876 46.008 PROV. PZ 392.713 392.798 392.119 390.078 387.818 125.652 126.247 127.564 132.174 136.873

CENTRO 176.564 176.607 176.513 175.850 175.009 56.551 56.691 56.325 59.397 61.666

SUD 90.395 90.085 89.355 88.615 87.838 26.724 27.340 26.921 27.901 29.199

334,76 351,03 357,25 368,15

321,00 319,10 337,77 352,36

303,50 301,28 314,86 332,42

321,40 325,32 338,84 352,93

Incremento Annuo (%)

2003 2004 2005 2006

-0,66% 4,86% 1,77% 3,05%

0,22% -0,59% 5,85% 4,32%

2,66% -0,73% 4,51% 5,58%

0,45% 1,22% 4,16% 4,16%

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 29 di 29

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Fig. 2.4 La raccolta di rifiuti indifferenziati in Provincia di Potenza dal 2002 al 2006

Flussi RSU Indifferenziati


160.000 140.000 120.000 26.724 100.000
t/anno

27.340

26.921

27.901

29.199 Area Sud Area Centro

80.000 56.551 60.000 40.000 20.000 2002 2003 42.377 42.216 56.691

56.325

59.397

61.666

Area Nord

44.318

44.876

46.008

2004

2005

2006

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 30 di 30

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

2.1.1.4

Le raccolte differenziate Come gi evidenziato nel capitolo precedente i servizi di raccolta differenziata non sono stati

particolarmente incisivi nel contenere laumento della produzione di rifiuti urbani destinati allo smaltimento. Nel periodo 2002-2006 lincremento assoluto dei quantitativi di rifiuti raccolti in forma differenziata stato pari al 46.3%, ovvero si passati da un valore di 7.275 t/anno (nel 2002) a quello di 12.430 t/anno (nel 2006), che, in termini di percentuale riferita alla totalit dei RU prodotti, corrispondono rispettivamente al 5,47% e al 8,33% di RD (compresa la quota di ingombranti eventualmente avviati al recupero). Il 2004 stato lanno che su base provinciale ha registrato un incremento medio maggiore di quantit di rifiuti differenziati con un incremento della quota di rifiuti avviati alla RD rispetto allanno precedente del 41,27% .
Tab 2.3 Andamento delle raccolte differenziate dal 2002 al 2006 nelle aree Nord, Centro, Sud e in Provincia di Potenza AREE ANNO PROV. PZ NORD CENTRO SUD 2002 125.754 176.564 90.395 392.713 2003 126.106 176.607 90.085 392.798 Abitanti 2004 126.251 176.513 89.355 392.119 (Ab/anno) 2005 125.613 175.850 88.615 390.078 2006 124.971 175.009 87.838 387.818 2002 1.840 4.516 919 7.275 2003 1.922 4.004 731 6.657 RD (t/anno) 2004 2.794 5.522 1.088 9.403 2005 3.033 6.295 1.313 10.641 2006 3.569 6.855 2.006 12.430 2002 2003 4,45% -11,34% -20,45% -8,50% Incremento 2004 45,34% 37,93% 48,84% 41,27% Annuo (%) 2005 8,56% 14,01% 20,67% 13,16% 17,70% 8,88% 52,77% 16,81% 2006 2002 14,63 25,57 10,17 18,52 2003 15,24 22,67 8,12 16,95 RD 2004 22,13 31,28 12,18 23,98 (Kg/abxanno) 2005 24,14 35,80 14,82 27,28 28,56 39,17 22,83 32,05 2006 2002 2003 4,16% -11,36% -20,17% -8,52% Incremento 2004 45,17% 38,00% 50,05% 41,51% Annuo (%) 2005 9,11% 14,44% 21,67% 13,75% 18,31% 9,41% 54,12% 17,49% 2006 2002 4,16% 7,39% 3,32% 5,47% 4,35% 6,60% 2,60% 5,01% % di RD 2003 5,93% 8,93% 3,88% 6,87% rispetto alla 2004 Prod. Tot. 2005 6,33% 9,58% 4,49% 7,45% 7,20% 10,00% 6,43% 8,33% 2006

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 31 di 31

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Fig 2.5 Le percentuali di raccolta differenziata dal 2002 al 2006 in Provincia di Potenza

% Raccolta Differenziata sul totale dei RSU prodotti 12,00% 10,00% 8,00% 6,00% 4,00% 2,00% 0,00%
7,39% 5,47% 3,32% 6,60% 4,35% 5,01 % 2,60% 8,93% 5,93% 6,87% 3,88% 9,58% 1 0,00% 7,20% 8,33% 6,43%

6,33%

7,45% 4,49%

4,1 6%

2002

2003
nord

2004
centro sud

2005
provincia

2006

Fig 2.6 La raccolta differenziata pro-capite dal 2002 al 2006 in Provincia di Potenza
Raccolta Differenziata pro capite dal 2002 al 2006 45,00 40,00 35,00 30,00 25,00 20,00 15,00 10,00 5,00 2002 2003 Nord 2004 Centro Sud 2005 Provincia 2006

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Kg/ab*anno

Luglio 2008

Pagina 32 di 32

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

2.1.2 2.1.2.1

Lattuale quadro della produzione di rifiuti urbani e dei flussi dalle raccolte La produzione complessiva di rifiuti urbani Nel 2006 sono state prodotte nella Provincia di Potenza 149.304 tonnellate, di cui solamente il

8,33% stato intercettato dai servizi di raccolta differenziata e quindi destinato al recupero di materia (compresa la quota di materiale recuperato dagli ingombranti, che sono circa l1,27% della produzione totale di rifiuti), mentre la restante quota, che consiste nei rifiuti indifferenziati e gli ingombranti, che risulta essere di 136.873 t/anno, stata destinata allo smaltimento finale ( Fig. 2.7).

La produzione di RU specifica riferita agli abitanti residenti nel 2005 stata di 363,94 kg/abxanno, mentre a livello provinciale si registrato il valore minimo nellarea sud con 329,37 kg/abxanno e quello massimo nellarea nord con 381,40 kg/abxanno. Come evidenziato nella figura 2.8, la raccolta differenziata pro capite varia da un minimo di 14,82 kg/abxanno nellarea sud ad un massimo di 35,80 kg/abxanno nellarea centro. La quota pro capite di rifiuti (indifferenziati e ingombranti) avviati allo smaltimento nel 2005 stata mediamente di 336,66 Kg/abxanno.
Fig 2.7 Destino dei rifiuti urbani della Provincia di Potenza nellanno 2006

PRODUZIONI RIFIUTI URBANI NEL 2006

Ingom brandi 1,27%

RD 7,06%

RU Indifferenziati 91,67%

RD

RU Indifferenziati

Ingom brandi

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 33 di 33

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Fig 2.8 Produzione pro-capite dei rifiuti urbani della Provincia di Potenza nellanno 2006
Produzioni RU pro capite anno 2006

450,00 400,00 350,00 300,00

28,56

39,17 22,83

32,05

kg/ab*anno

250,00 200,00

368,15
150,00 100,00 50,00 nord

352,36

332,42

352,93

centro

sud

provincia

RU Indifferenziati

Ingom brandi

RD

Tab. 2.4 La produzione di RU nel 2006 e sua ripartizione per flussi AREE u.d.m. NORD CENTRO SUD Abitanti ab/anno 124.971 175.009 87.838 49.578 68.521 31.205 Produzioe Tot. t/anno RU kg/ab*anno 396,72 391,53 355,26 t/anno 46.008 61.666 29.199 RU kg/ab*anno 368,15 352,36 332,42 indifferenziato % 92,80% 90,00% 93,57% t/anno 695,78 610,75 585,93 Ingombrantia kg/ab*anno 5,57 3,49 6,67 % 1,40% 0,89% 1,88% t/anno 3.033 6.855 2.006 RDb kg/ab*anno 28,56 39,17 22,83

PROV. PZ 387.818 149.304 366,12 136.873 352,93 91,67% 1.892,46 4,88 1,27% 12.430 32,05

% 7,20% 10,00% 6,43% 8,33% Fonte: elaborazione dei dati forniti dallosservatorio dati ambientali della Provincia di Potenza. Note: a: quota di ingombranti avviati allo smaltimento. b: comprende la quota di ingombranti avviati al recupero di materia e le raccolte selettive di farmaci, beni durevoli e RAEE, batterie e accumulatori, ecc.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 34 di 34

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Dalle elaborazioni dei dati del 2006 forniti dallOsservatorio Provinciale risulta che nella Provincia di Potenza: o produzioni maggiori di 20.000 t/a si riscontrano solo nel capoluogo di provincia; o solo quattro Comuni (Melfi, Lavello, Rionero in Vulture e Venosa) hanno una produzione compresa tra 5.000 e 8.000 t/a di rifiuti urbani; o 63 Comuni hanno una produzione compresa tra 500 e 5.000 t/a di rifiuti urbani; o 32 Comuni producono meno di 500 t/a.

Per quanto concerne la produzione pro capite di RU nel 2006, si osserva che: i sei Comuni caratterizzati da un valore di produzione specifica superiore a 450 kg/abxanno, sono Maratea, con 657.72kg/abxanno, seguita da Atella, con 501,58 kg/abxanno, Rionero in Vulture, con 464.34 kg/abxanno, Potenza con 458.63 kg/abxanno, Tito, con 455.93 kg/abxanno e Trecchina, con 454,00 kg/abxanno; il 60 % dei Comuni della Provincia sono caratterizzati da un valore della produzione pro capite inferiore ai 350 kg/abxanno; il 34 % dei Comuni della Provincia sono caratterizzati da un valore della produzione pro capite compreso tra i 350 kg/abxanno e i 450 kg/abxanno. Per meglio comprendere le modalit con cui si distribuisce sul territorio la produzione dei rifiuti urbani pu essere di aiuto analizzare il legame tra rifiuti prodotti e struttura demografica del territorio, con il raggruppamento dei Comuni in classi omogenee per numero di abitanti. Come riportato nella seguente tabella, i Comuni sono stati classificati in quattro classi di ampiezza demografica diversa. Nel 48% dei Comuni della Provincia (48 comuni su 100) risiedono meno di 2.000 abitanti; complessivamente questa quota di popolazione rappresenta circa il 16,05% della popolazione totale provinciale. In questi Comuni viene prodotto il 12,56% della totalit rifiuti urbani, che corrisponde mediamente a una produzione pro capite di 320,90 kg/abxanno. I Comuni di dimensione demografica intermedia (abitanti compresi tra 2.000 e 10.000) producono il 43,17% dei rifiuti urbani totali e la loro produzione media pro capite di 340,07 kg/abxanno. Come evidente nella tabella seguente, circa la met della totalit dei rifiuti urbani (il 44,19%) sono prodotti nei Comuni con popolazione compresa tra 2.000 e 10.000 abitanti, che risultano essere in totale 45 su 100 (ovvero il 45%).
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 35 di 35

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

La classe di Comuni con popolazione compresa tra 10.000 e 50.000 abitanti, pur rappresentando solo il 22,28 % della totalit dei rifiuti urbani, si differenzia dagli altri perch caratterizzata da una produzione annua per abitante residente di 476,01 kg/abxanno, superiore a quella media provinciale di 410,13 kg/abxanno.
Tab 2.5 Produzione di RU per classe dimensionale dei Comuni della Provincia di Potenza Comuni Abitanti Produzioni di RU Classe Dimensionale n n t/a % % % kg/ab*a < 2.000 48 48,00% 58.436 16,05% 18752 12,56% 320,90 2.000-10.000 45 45,00% 167.463 46,00% 65980 44,19% 394,00 10.000-50.000 6 6,00% 69.892 19,20% 33270 22,28% 476,01 Potenza 1 1,00% 68.252 18,75% 31302 20,97% 458,63 tot. Provincia 100 100,00% 364.043 100,00% 149304 100,00% 410,13 Fonte: elaborazione dei dati del 2006 forniti dallosservatorio dati ambientali della Provincia di Potenza.

Nella seguente tabella sono riportati i risultati della medesima analisi per ciascuna Area. Sostanzialmente per le aree nord, centro e sud, si possono fare le medesime considerazioni fatte precedentemente nellanalisi a livello Provinciale. Considerando la produzione pro capite annua, per larea nord, si pu fare una distinzione tra i Comuni che hanno meno di 10.000 abitanti e i restanti quattro Comuni pi grandi, che da soli contribuiscono alla produzione totale della medesima area per il 48,98%, con una produzione pro capite di 430,81 kg/ab*a. Larea centro, caratterizzata da una variabilit del valore di produzione pro capite pi accentuata alla quale contribuisce principalmente la citt capoluogo con un valore pari a 458,63 kg/ab*a; Larea sud, caratterizzata da valori della produzione pro capite al di sotto di quello medio provinciale con la percentuale pi alta ( 64,77%) di comuni con popolazione compresa tra 2.000 e 10.000 abitanti.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 36 di 36

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Tab. 2.6 Produzione di RU per classe dimensionale delle Aree della Provincia di Potenza AREA NORD Comuni Abitanti Produzioni di RU Classe Dimensionale n n t/a % % % kg/ab*a < 2.000 10 35,71% 14.156 11,33% 4782 9,65% 337,81 2.000-10.000 14 50,00% 54.446 43,57% 20512 41,37% 376,73 10.000-50.000 4 14,29% 56.369 45,11% 24284 48,98% 430,81 tot. Area 28 100,00% 124.971 100,00% 49578 100,00% 396,72 AREA CENTRO Comuni Abitanti Produzioni di RU Classe Dimensionale n n t/a % % % kg/ab*a < 2.000 18 47,37% 23.773 13,58% 7587 11,07% 319,14 2.000-10.000 18 47,37% 70.929 40,53% 25255 36,86% 356,07 10.000-50.000 1 2,63% 12.055 6,89% 4376 6,39% 363,02 Potenza 1 2,63% 68.252 39,00% 31302 45,68% 458,63 tot. Area 38 100,00% 175.009 100,00% 68521 100,00% 391,53 AREA SUD Comuni Abitanti Produzioni di RU Classe Dimensionale n n t/a % % % kg/ab*a < 2.000 20 58,82% 20.507 23,35% 6383 20,46% 311,26 2.000-10.000 13 38,24% 53.770 61,21% 20213 64,77% 375,91 10.000-50.000 1 2,94% 13.561 15,44% 4609 14,77% 339,87 tot. Provincia 34 100,00% 87.838 100,00% 31205 100,00% 355,25 Fonte: elaborazione dei dati del 2006 forniti dallosservatorio dati ambientali della Provincia di Potenza.

Analizzando la distribuzione territoriale della produzione di rifiuti urbani in termini di tonnellate per km , risulta come valore medio provinciale una produzione specifica di 22,79 t/ km2a fronte di una densit di popolazione residente di 59,19 ab/ km2. A livello di aree, si individua la produzione specifica territoriale pi bassa (15,87 t/ km2) nellarea sud, mentre quella pi alta (28,99 t/ km2), nellarea centro. Nella tabella seguente sono analizzati sempre i valori di densit territoriale di produzione dei RU sulla base delle classi dimensionali dei Comuni definite precedentemente. Tale analisi dimostra il parallelismo tra la densit di popolazione e la densit di produzione di rifiuti per unit territoriale. Si pu, infatti, osservare che al crescere della dimensione dei comuni crescono entrambi i valori. Analoghe considerazioni emergono quindi anche nellanalisi della densit territoriale di produzione, per ciascuna area considerata, per classe dimensionale dei singoli Comuni, ad eccezione di alcuni casi isolati.
2

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 37 di 37

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Tab. 2.7 Densit territoriale di produzione di RU per area della Provincia di Potenza Provincia di Potenza Densit Popolazione ab/km2 56,21 74,05 44,68 59,19 Densit Produzione RU t/km2 22,30 28,99 15,87 22,79

Superficie km2 area nord area centro area sud tot. Provincia 2223,13 2.363,36 1.965,85 6.552,34

Fonte: elaborazione dei dati del 2006 forniti dallosservatorio dati ambientali della Provincia di Potenza.

Tab 2.8 Densit territoriale di produzione RU per classe dimensionale dei Comuni della Provincia di Potenza Provincia di Potenza Densit Superficie Popolazione Densit Produzione RU Classe Dimensionale km2 ab/km2 t/km2 % < 2.000 2.213,42 33,78% 26,76 8,13 2.000-10.000 3.344,41 51,04% 53,88 18,32 10.000-50.000 820,45 12,52% 100,03 39,61 Potenza 174,06 2,66% 393,98 173,40 tot. Provincia 6.552,34 100,00% 59,53 21,67 Fonte: elaborazione dei dati del 2006 forniti dallosservatorio dati ambientali della Provincia di Potenza.

2.1.2.2 Le raccolte differenziate Nell anno 2006 sono state intercettate dai servizi di raccolta differenziata 12.429,81 tonnellate di RU, ovvero il 8,33 % della produzione totale di rifiuti considerando anche la quota dei rifiuti ingombranti avviati al recupero di materia. Come evidenziato nella seguente figura, circa il 46% della raccolta differenziata consiste nellintercettazione delle carta e cartone. Se si analizzano i quantitativi raccolti riferiti agli abitanti residenti, risulta che le raccolte della carta e cartone si collocano intorno ai 14,62 kg/abxanno. Tale frazione seguita dal multimateriale, dal vetro e dalla plastica, i cui valori di intercettazione pro capite sono rispettivamente 4,45 kg/abxanno, 2,7 kg/abxanno e 2,21 kg/abxanno. Tutte le altre frazioni hanno valori di RD pro capite inferiori ai 2 kg/abxanno.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 38 di 38

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Fig. 2.9 Contributi percentuali alla raccolta differenziata per singola frazione merceologica nella Provincia di Potenza nel 2006(fonte: Osservatorio dati ambientali della Provincia di Potenza)

0,1 6% 1 3,90%

4,04%

Carta e Cartone Imbalaggi Vetro Imbalaggi Metalli Imbalaggi Plastica


45,62% 1 5,23%

Imbalaggi Legno Tessili Beni durevoli * Ingombranti ** Multimateriale *** Raccolta selettive **** Altre raccolte*****

4,06% 1 ,44% 0,09% 6,90% 0,1 8% 8,39%

Tab. 2.9 La raccolta differenziata per singola frazione merceologica nella Provincia di Potenza nel 2006 ( fonte: Osservatorio dati ambientali della Provincia di Potenza RD FRAZIONE Organico Verde Carta e Cartone Imbalaggi Vetro Imbalaggi Metalli Imbalaggi Plastica Imbalaggi Legno Tessili Beni durevoli * Ingombranti ** Multimateriale *** Raccolta selettive **** Altre raccolte***** Totale RD T/ANNO 0,00 0,00 5.670,84 1.043,16 22,20 857,13 10,89 178,37 504,51 1.892,46 1.727,66 20,06 502,53 12.429,81 % TOT 0 0 45,62 8,39 0,18 6,90 0,09 1,44 4,06 15,23 13,90 0,16 4,04 100 Kg/ab*anno 0 0 14,62 2,69 0,06 2,21 0,03 0,46 1,30 4,88 4,45 0,05 1,30 32,05

* beni durevoli comprensivi dei codici 200123, 200135, 200136 ** ingombranti avviati a recupero ***raccolta multimateriale di vetro/alluminio di vetro/plastica /alluminio e di altro **** raccolte selettive di farmaci/ batterie/ contenitori TFC/vernici *****Altre raccolte: oli vegetali, oli minerali e altro

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 39 di 39

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Se si analizzano i livelli di RD conseguiti nei Comuni della Provincia, risulta che la maggioranza, ovvero il 47% dei Comuni della Provincia , in cui risiede il 38% della popolazione, ha unefficienza complessiva di intercettazione della RD al di sotto del 5%; mentre il 33% della totalit dei Comuni non supera il 10% di RD. Prendendo come riferimento lobiettivo di raccolta differenziata previsto dal D.Lgs. 22/97 al 2003 (35%), si nota che attualmente tale valore non raggiunto da nessun Comune.

Tab. 2.10 Classificazione dei Comuni in base ai livelli di RD conseguiti nel 2006 ( fonte: Osservatorio dati ambientali della Provincia di Potenza) comuni Abitanti residenti Livello di RD n % n % RD< 5% 47 47,0 147728 38,09 5% <RD< 10% 33 33,0 129370 33,36 10% <RD< 20% 16 16,0 95074 24,52 20% <RD< 30% 4 4,0 15646 4,03 Totale Provincia 100 100 387818 100,00

Dallanalisi per classe dimensionale dei Comuni, si nota poi come il livello medio di raccolta differenziata praticamente lo stesso (tra il 6,3 % e il 7 %) sia per i Comuni di piccole dimensioni con popolazione al di sotto dei 2.000 abitanti che per quelli pi grandi. Mentre lunico Comune (Potenza) con una popolazione maggiore di 50000 ab. ha unefficienza media di RD del 14,2%.
Fig. 2.10 Percentuale di RD per classe dimensionale anno 2006 ( fonte: Osservatorio dati ambientali della Provincia di Potenza)

raggiunto

% Raccolta differenziata Comuni della Provincia Anno 2006


TOTALE PROVINCIA Potenza 10001<Ab< 50000 2001<Ab< 10000 Ab< 2000 0,0% 2,0% 4,0% 6,0%

8,3% 14,2% 6,3% 7,0% 6,7%


8,0% 10,0% 12,0% 14,0% 16,0%

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 40 di 40

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Tab. 2.11 RD per classe dimensionale anno 2006 ( fonte: Osservatorio dati ambientali della Provincia di Potenza) RACCOLTA DIFERENZIATA CLASSI t/anno % Kg/ab*anno Ab< 2000 1253,8145 10,09 21,46 2001<Ab< 10000 4611,889 37,10 25,74 10001<Ab< 50000 2104,445 16,93 25,67 Potenza 4459,66 35,88 65,34 TOTALE PROVINCIA 12429,80 100,00 32,05

% RD 6,7% 7,0% 6,3% 14,2% 8,33%

2.1.2.3 Il confronto con i livelli di produzione rifiuti e raccolta differenziata caratterizzanti il quadro nazionale Confrontando i dati relativi alla produzione di RU e al livello di raccolta differenziata con quelli riscontrati nel Sud Italia e complessivamente in Italia (riportati nel Rapporto Rifiuti 2006 di ONRAPAT), risulta che: in termini demografici, la Provincia di Potenza rappresenta l 1,88% della popolazione italiana in termini di produzione complessiva di RU, rispetto al dato del Sud Italia e dellItalia la in termini di produzione pro capite, il valore medio Provinciale (366,1 kg/abxanno) risulta

residente nel Sud Italia e il 0,66% della popolazione nazionale; Provincia ricopre rispettivamente l 1,39% e lo 0,45% della produzione complessiva; essere inferiore rispetto a quello medio del Sud Italia (per 130 kg/abxanno), ma di molto inferiore rispetto a quello medio nazionale; in termini di raccolta differenziata la Provincia ha un peso dell11,8% sulla quota di rifiuti intercettati dalla RD nel Sud Italia, e dello 1,38% della quota avviata a RD in Italia. Il dato percentuale di RD della Provincia inferiore di un punto percentuale rispetto a quello medio del Sud Italia, ma inferiore di circa 17 punti percentuali rispetto al dato medio nazionale. Per quanto riguarda il valore pro capite di RD, il valore registrato nel 2005 nella Provincia inferiore di 16 kg/abxanno di quello medio del Sud Italia e inferiore di 104 kg/abxanno rispetto a quello medio nazionale.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 41 di 41

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Tab. 2.12 Confronto livelli di produzione rifiuti e RD nel 2005 u.m Abitanti Abitanti Provincia Potenza Sud 390.078 20.759.212 1,88 10.304.262 1,39 496,4 900.952 11,811 43,40 8,74 Italia 58.752.674 0,66 31.677.617 0,45 539,2 7.697.339 1,382 131,01 24,30

% Provincia / Potenza Produzione RU Ton/anno 142.815,35

% Provincia / Potenza Kg/ab*anno RD Ton/anno 366,1 10641

% Provincia / Potenza Kg/ab*anno % su produzione 27,28 7,45

Fonte dei dati: Elaborazione dei dati del 2005 forniti dall Osservatorio Dati Ambientali della Provincia di Potenza; Rapporto Rifiuti 2006 ONR APAT (dati riferiti al 2005).

Fig.2.11 Confronto del livello di produzione pro capite di RU e del livello di RD

CONFRONTO PRODUZIONI RU E RD- Anno 2005


600,0
496,4 539,2

Kg/ ab. anno

500,0 400,0 300,0 200,0 100,0 0,0


27,28 43,40 131,01 366,1

Provincia di Potenza RU Kg/ab*anno

Sud

Italia RD Kg/ab*anno

Fonte dei dati: Elaborazione dei dati del 2005 forniti dall Osservatorio Dati Ambientali della Provincia di Potenza; Rapporto Rifiuti 2006 ONR APAT (dati riferiti al 2005).

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 42 di 42

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

2.1.3 Efficienza di intercettazione delle raccolte differenziate rispetto alla compostone merceologica dei rifiuti 2.1.3.1 Composizione merceologica dei rifiuti urbani In base ai datti attualmente disponibili levoluzione della qualit dei rifiuti urbani della provincia stata caratterizzata da una progressiva riduzione delle frazioni organiche e da un aumento delle frazioni ad alto contenuto energetico come carta e plastica. Attualmente si pu considerare una composizione merceologica dei rifiuti , cosi schematizzata in tabella e in figura seguente.
Tab 2.13 Composizione merceologica dei rifiuti Organico Plastica Carta Metalli Vetro inerti 5,0% ed Tessili cuoio 6,0% e Sottovaglio

32,0%

17,0%

20,0%

4,0%

16,0%

Fig 2.12 Composizione merceologica dei rifiuti urbani della Provincia di Potenza

Composizione merceologica rifiuti

16% 6% 5% 32%

Organico Plastica Carta Metalli Vetro Tessili..

4% 20% 17%

sottovaglio

2.1.3.2 Stima delle efficienze di intercettazione delle raccolte differenziate Sulla base dei dati forniti dall Osservatorio della Provincia di Potenza, sono state valutate le quote intercettate dalla RD delle singole frazioni merceologiche Sulla base della composizione merceologica (fig.2.12) dei RU prodotti si sono ricavati i quantitativi prodotti nel 2006 di ciascuna frazione merceologica.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 43 di 43

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Si cos potuto stimare le efficienze di intercettazione delle principali frazioni merceologiche. Per quanto riguarda la frazione organica, questanalisi permette di mostrare unefficienza di intercettazione nulla ( dovuta alla mancanza di impianti di compostaggio).
Fig 2.13 Efficienza di intercettazione dei rifiuti urbani della Provincia di Potenza nellanno 2006
Efficienza di intercettazione delle frazioni anno 2006

frazioni merceologiche

Tessili..

quota intercettata

Vetro

Metalli

Carta

quota non intercettata

Plastica

Organico

0%

20%

40%

60%

80%

100%

2.1.4

Le piattaforme ecologiche e limpiantistica di supporto alla logistica dei servizi La copertura del territorio assicurata da queste strutture ancora da considerarsi inadeguata ad

uno sviluppo significativo in particolare delle raccolte differenziate sul territorio. Si tratta comunque di impianti che svolgono unimportante funzione, che potr essere opportunamente valorizzata e integrata, con nuove realizzazioni, negli anni a venire. In previsione esiste limminente attuazione del progetto pilota della Regione Basilicata, di RD nella zona del Vulture- Melfese e nel Lagongrese che consiste nella realizzazione di 4 ecopunti. Lestrema positivit di questi impianti, oltre a consentire lintercettazione di notevoli quantit di rifiuti, altrimenti conferiti con il rifiuto indifferenziato o, peggio ancora, disseminati abusivamente su aree e strade del territorio, consiste nellintercettazione di materiale con costi inferiori ad analoghi servizi domiciliari in quanto viene a mancare l onere della raccolta e del trasporto al centro intermedio di destinazione, in quanto fase delegata all utente che vi provvede direttamente. L Ecopunto ha essenzialmente la funzione di raccolta di pi tipologie di rifiuti solidi urbani riciclabili ed ingombranti, da avviare successivamente al trattamento. Lutilizzo di contenitori di grosse capacit per lo stoccaggio provvisorio consente unottimizzazione dei costi di trasporto a destinazione finale.
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 44 di 44

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Gli impianti previsti ,come da progetti presentati, sono: 1 Ecopunto Calda di Lagonegro: Lecopunto sar realizzato nel territorio comunale di Lagonegro, in localit Calda nelle vicinanze della discarica esaurita di RSU e sar a servizio dei Comuni di Lagonegro, Nemoli e Rivello. La superficie interessata ammonta a complessivi mq. 4.075. Le attrezzature previste sono: N. 10 cassoni scarrabili da mc. 30; N. 10 cassoni scarrabili da mc. 2,4. 2 Ecopunto Colla di Maratea: Lecopunto sar realizzato nel territorio comunale di Maratea a servizio dei Comuni di Maratea e Trecchina. La superficie interessata ammonta a complessivi mq. 4.730. Le attrezzature previste sono: N. 12 cassoni scarrabili da mc. 30; N. 10 cassoni scarrabili da mc. 2,4. 3 Ecopunto di Lavello: Lecopunto sar realizzato nel territorio comunale di Lavello a servizio dei Comuni di Lavello e Rapolla. La superficie interessata ammonta a complessivi mq. 1.990. Le attrezzature previste sono: N. 10 cassoni scarrabili da mc. 30; N. 2 cassoni pressa da mc. 22; N. 5 cassoni metallici da mc. 2,4. 4 Ecopunto di Atella: Lecopunto sar realizzato nel territorio comunale di Atella a servizio dei Comuni di Atella, Rionero in Vulture, Ripacandida, Ginestra e Barile. La superficie interessata ammonta a complessivi mq. 2.982. Le attrezzature previste sono: N. 10 cassoni scarrabili da mc. 30; N. 2 cassoni pressa da mc. 22; N. 5 cassoni metallici da mc. 4.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 45 di 45

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

2.2

IL SISTEMA IMPIANTISTICO PER IL TRATTAMENTO, RECUPERO E

SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI 2.2.1 Lo schema tecnologico del sistema integrato (attuale pianificazione) Per definizione un sistema integrato un insieme di soluzioni tecnologiche e gestionali in grado di ottimizzare le attivit di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti prodotti in un territorio definito. In genere un sistema integrato opera trattamenti diversi su frazioni ottenute dalla separazione, a monte o in impianto, del rifiuto in uno o pi flussi. La base impiantistica del sistema integrato definito dalla pianificazione Regionale costituita da: - termodistruzione con recupero energetico per le frazioni secche vagliate; - stabilizzazione aerobica per le frazioni umide vagliate; - compostaggio delle frazioni organiche biodegradabili raccolte separatamente; - selezione e mobilizzazione delle frazioni secche raccolte separatamente; - raccolta e invio a circuiti dedicati di frazioni urbane pericolose.

PERICOLOSI

Medicinali Batterie Contenitori T F

CONSORZI DI RACCOLTA

9% RACCOLTA DIFFERENZIA TA 5% 2% 1% 18%

Carta Vetro Plastica Metalli Organico

17%

STAZIONI DI NOBILITAZIONE

14%

MERCATO DELLE MATERIE RECUPERATE

Scarti (3) Perdite (5%) COMPOSTAGGIO Prodotto (10 %) Perdite (5%) STABILIZZAZIONE AEROBICA Residui (3%) Residui 20%

3 35% Frazione umida (25%)

RIFIUTI SOLIDI URBANI

65%

VAGLIATURA Frazione secca (40%)

TRATTAMENTO TERMICO
Perdite (30%)

Residui 10% DISCARICA CONTROLLATA

Figura 2.14 Principali elementi e flussi di materia definiti dal Piano Regionale di gestione per lobiettivo di raccolta differenziata del 35% (schema recepito dal Piano Provinciale).

In linea con le indicazioni del decreto Ronchi, lo schema sopra esposto (Piano provinciale 2002) prevede il conferimento in discarica di soli rifiuti pretrattati e, anticipando le disposizioni del D.Lgs 36/2003, non vengono conferiti in discarica materiali in grado di produrre sensibili quantit di metano (rifiuti inerti o biostabilizzati). In sintesi il sistema si divide nelle filiere di raccolta e valorizzazione delle

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 46 di 46

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

frazioni suscettibili di riuso come materiali ( materie primarie e materie secondarie) e trattamento e smaltimento delle frazioni residue indifferenziate. La valorizzazione dei materiali incentrata sulle attivit di operatori del settore e consorzi obbligatori dei Consorzi di filiera( Conai, Corepla, Coreve ecc.) mentre il trattamento delle frazioni indifferenziate affidato generalmente ad impianti pubblici (impianto di trattamento e discariche controllate). Lo snodo del sistema impiantistico di trattamento delle frazioni indifferenziate costituito dagli impianti di separazione meccanica (separazione secco-umido) che consentono di ottenere due flussi omogenei dal rifiuto trattato.

VAGLIO RSU indifferenziato

Frazione secca (trattamento termico)

Frazione umida (trattamento biologico)

Figura 2.15 Schema di separazione meccanica del rifiuto indifferenziato.

I due flussi separati per vagliatura hanno nellinsieme caratteristiche fisico chimiche estremamente diverse tra di loro e dal rifiuto di provenienza. Il primo, indicato come sopravaglio o secco, a maggior contenuto energetico pi adatto ai trattamenti termici. Il secondo, indicato come sottovaglio o umido, ad alto contenuto di materiali biodegradabili e meglio trattabile per via biologica.
Figura 2.16 Composizione del rifiuto tal quale e delle frazioni vagliate.

70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0%

Umidit

Materiali combustibili

Materiali incombustibili

Rifiuto tal quale

Frazione umida

Frazione secca

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 47 di 47

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

2.2.2

Sistema impiantistico previsto per la Provincia di Potenza Il sistema di trattamento delle frazioni indifferenziate della provincia di Potenza, frutto della

pianificazione vigente, il risultato di diverse scelte: la scelta delle tecnologie del sistema integrato, in base alle indicazioni del piano regionale (schematizzato in figura 2.17); la localizzazione degli impianti, delle discariche e delle stazioni di trasferimento per quanto riguarda il piano provinciale. Il piano regionale ha inoltre operato la scelta di costituire due ATO, corrispondenti alle provincie stesse, che dovranno nel loro insieme garantire una gestione unitaria e lautosufficienza impiantistica. Nel rispetto delle indicazioni tecnologiche e dei vincoli territoriali definiti dal Piano regionale, la provincia ha operato la localizzazione degli impianti sulla scorta dei seguenti principi generali: massima utilizzazione dellimpiantistica esistente; completamento impiantistico di piattaforme esistenti; impiego di siti gi destinati allo smaltimento di rifiuti solidi per le nuove realizzazioni;

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 48 di 48

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Melfi
Montemi lone

Venosa
Rapolla Barile Rionero in V. Ruvo del M. Rapone Pescopagano San Fele Castelgrande Avigliano Muro Lucano Bella Pietragalla Cancellara Tolve Ruoti Balvano Baragiano Picerno Vaglio di B. S. Chirico N. Oppido L. Ginestra Maschito Palazzo S. Gervasio Banzi Forenza Filiano Acerenza Genzano di L.

Ripacandida

Atella

POTENZA
Vietri di Potenza Savoia Tito di L. S. Angelo Satriano Le Fratte di L. Sasso di C. Brienza Marsico N. Marsicovetere Paterno Tramutola Viggiano Grumento Nova Calvello Brindisi di M. Pignola Tri vigno Abriola Anzi Albano di L. Campomaggiore

Castelmezzano Pietrapertosa Laurenzana Corleto Perticara Guardia Perticara Missanello Montemurro Armento Gallicchio

S.Arcangel o

Spinoso Sarconi

S.Martino d'Agri S. Chirico R.

Roccanova

Moliterno
Lagonegro

Castelsaraceno Carbone

Rivello

Nemoli

Latronico Castelluccio Sup.

Trecchina Maratea

Lauria

Castelluccio Inf. Viggianello

Castronuovo di S.Andrea Senise Calvera Teana Chiaromonte Fardella Noepoli Francavilla in Sinni Episcopia S. Costantino Cersosimo Albanese S. Severino L. S. Paolo Albanese Terranova di Pollino

Rotonda

Impianti di selezione Impianti di trattamento biologico Impianti di trattamento termico

Trasporto frazioni secche

Fig 2.17 Schema del sistema integrato per la gestione dei rifiuti indifferenziati previsto dalla pianificazione provinciale vigente

In tutti i siti sede di impianti di selezione meccanica e biostabilizzazione il piano provinciale prevedeva la realizzazione di discariche controllate di servizio ordinario e di emergenza. A regime quindi in provincia avrebbero dovuto essere presenti solo sei discariche controllate.
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 49 di 49

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

2.2.3

Analisi delle criticit del sistema impiantistico attuale Il piano provinciale definiva la necessit di volumi di discarica sulla scorta delle previsioni di

entrata a regime del sistema tecnologico di trattamento e degli obiettivi di raccolta differenziata. Nella tabella 2.14 riportato il quadro delle previsioni di piano e delleffetto in termini di volumi aggiuntivi di discarica causati dal mancato raggiungimento degli obiettivi nei tempi prefissati.
Tabella 2.14 Previsione di piano provinciale per la attivazione degli impianti previsti
Anno Previsione di piano Nessun impianto funzionante. Raccolte differenziate inferiori al 5% Si attivano raccolte differenziate al Si avuto un risultato complessivo sulla Per il solo 2003 si avuto una necessit aggiuntiva di 10% provincia inferiore al 5%. discarica pari a circa 10.000 m Limpianto di S.Arcangelo entrato in Si attivano i centri di preselezione e funzione nel 2004 biostabilizzazione di Venosa, e S. limpianto di Venosa entrato in funzione Arcangelo nel 2006 A causa di tale ritardo si sono inviati in discarica rifiuti tal quali per circa 20.000 ton su S.Arcangelo e circa 50.000 ton su Venosa. SI inoltre avuto complessivamente un utilizzo di discarica per circa 10.000 m Variazioni rispetto alla programmazione Effetto sulloccupazione di discariche

2002

2003

Si riattiva linceneritore Fenice

Obiettivo raggiunto ma con Dal 2003 ad oggi per il mancato utilizzo a piena funzionamento a carico ridotto per potenzialit dellimpianto si avuto un impiego mancato conferimento da parte dei aggiuntivo di discarica per circa 30.000 m . comuni. Si avuto un risultato complessivo sulla Per il solo 2004 si avuto una necessit aggiuntiva di provincia inferiore al 6%. discarica pari a circa 35.000 m

Raccolte differenziate al 25%

2004

Gli impianti non sono ad oggi in A causa di tale ritardo si sono inviati in discarica funzione. rifiuti tal quali per circa 25.000 ton su Atella e circa Si attivano i centri di preselezione e 60.000 ton su Potenza. Si inoltre avuto biostabilizzazione di Atella, Potenza complessivamente un utilizzo di discarica per circa 20.000 m Si attiva linceneritore di Potenza Limpianto attualmente in fase terminale Dal 2004 ad oggi per il mancato utilizzo di collaudo. dellimpianto si avuto un impiego aggiuntivo di discarica per circa 30.000 m . Obiettivo non raggiunto Si attivano i centri di preselezione e biostabilizzazione di Moliterno e Lauria A causa di tale ritardo si sono inviati in discarica rifiuti tal quali per circa 8.000 ton su Moliterno e circa 12.000 ton su Lauria. Si inoltre avuto complessivamente un utilizzo di discarica per circa 5.000 m

2005 Raccolte differenziate al 25% Il dato consuntivo al 2005 del 6% nel Per il solo 2005 si avuto una necessit aggiuntiva di bacino Nord, 9% nel bacino centro e 5% discarica pari a circa 30.000 m nel bacino Sud. livello Nel 2006 si avuto una necessit aggiuntiva di discarica pari a circa 56.000 m Nessun effetto in termini di occupazione di volumi di discarica

Si raggiunge il 35% di raccolta La raccolta differenziata a differenziata provinciale si attesta all8,33% Si completa limpiantistica relativa Obiettivo non raggiunto alle stazioni di trasferimento 2006

Impianti di selezione e Attivo solo limpianto di SantArcangelo e A causa di tale deficit impiantistico si avuto una biostabilizzazione programmati tutti Venosa richiesta aggiuntiva di discarica di circa 72.000 m, di attivi cui 10.000 m dovuti ai frequenti arresti dellinceneritore. Raccolta differenziata al 35% Impianti tutti attivi Dato non ancora disponibile- Si stima la Nel 2007 si avuto una necessit aggiuntiva di raccolta differenziata all11% discarica pari a circa 53.000 m Obiettivo non raggiunto A causa del mancato utilizzo dellinceneritore di Potenza e del ritardo degli impianti di selezione e biostabilizzazione programmati si avuto una richiesta aggiuntiva di discarica pari a 75.000 m, di cui 19.000 m dovuti allarresto dellinceneritore.

2007

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 50 di 50

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

In termini di occupazione di volumi di discarica nel periodo 2003-2007 si avuto, rispetto alla pianificazione provinciale, una richiesta aggiuntiva pari a: 184.000 m per effetto del mancato raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata: 89.000 m per effetto del mancato raggiungimento degli obiettivi di termovalorizzazione: 153.000 m per effetto del mancato raggiungimento degli obiettivi di

preselezione/stabilizzazione biologica: Per un totale di circa 426.000 m. Il mancato raggiungimento degli obiettivi di piano alla base dellattuale situazione di forte deficit di volumi di discarica disponibili per le esigenze a medio termine. Attualmente il fabbisogno di discarica ancora superiore a 140.000 m/anno contro le previsioni di piano che stimavano circa 65.000 m/anno a partire dal 2005. Lentrata a regime dellinceneritore di Potenza equivale ad una riduzione delle volumetrie si discarica di circa 20.000 m/anno.

2.2.4

Impianti di selezione trattamento meccanica

Nella pianificazione attuale tutti i rifiuti residui dalla raccolta differenziata devono essere sottoposti ad un trattamento di selezione meccanico. La situazione impiantistica attuale riportata nel prospetto seguente:
Tabella 2.15 Stato attuale degli impianti di trattamento meccanico Impianto previsto dalla Stato di attuazione al dicembre 2007 pianificazione provinciale Venosa Notarchirico) Atella (loc. Cafaro) (loc. Funzionante Rifiuti trattati al Rifiuti trattabili a breve termine dicembre 2007 (ton/giorno) (ton/giorno) 60 40-50 Finanziato impianto in fase di progettazione (O.P.G.R. n. 5 del 20 settembre 2004) 90-100 Con revisione completa dei programmi di trattamento delle frazioni selezionate 0 Limpianto esce dalla programmazione provinciale 40-50 A seguito di potenziamento della capacit di trattamento biologico

Completo. Non funzionante per 0 mancato completamento della piattaforma

Potenza annesso al Completo. Il funzionamento legato 60-70* termodistruttore (loc. allesercizio del termodistruttore che San luca) ne deve ricevere la frazione secca Moliterno S. Arcangelo Non realizzato ne finanziato Funzionante 0 30-40

Lauria (loc. Carpineto)

40-50 Finanziato impianto in fase di progettazione (O.P.G.R. n. 5 del 20 settembre 2004) * La capacit si riferisce al periodo gennaio-maggio 2007- attualmente non in esercizio
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 51 di 51

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Rispetto alle necessit a regime pari a circa 300 ton/giorno di necessit di trattamento meccanico si hanno: circa 150-180 ton/giorno gi funzionanti; circa 120-150 ton/giorno in impianti finanziati ed attivabili in circa 12-24 mesi. Rispetto ai fabbisogni a regime si ha quindi una sostanziale sufficienza delle capacit di trattamento di selezione. E evidente che i mancati obiettivi sulla raccolta differenziata vanno a pregiudicare tale situazione richiedendo ulteriori capacit operative. Resta comunque insoddisfatta una richiesta di trattamento per circa 100 ton/giorno corrispondenti alla differenza tra situazione a regime e la produzione di tal quale attuale che si attesta sulle 380 ton/giorno. 2.2.5 Impianti di biostabilizzazione La scelta di piano stata quella di operare il trattamento biologico e la messa in discarica del FOS prodotto in tutti i siti in cui previsto il conferimento da parte dei comuni (direttamente o attraverso stazioni di trasferimento). Tale scelta stata dettata dallesigenza di minimizzare i trasporti della parte prevalente di rifiuto prodotta dalle operazioni di selezione. Si consideri che le operazioni di selezione operano una suddivisione del rifiuto trattato approssimativamente del 40% di secco e 60% di umido. Tali percentuali possono comunque essere agevolmente variate modificando la dimensione di foratura dei vagli. Tale scelta (cinque siti di impianto) ha prodotto taglie impiantistiche relativamente piccole considerando che solo potenza deve trattare il rifiuto di 120000 abitanti equivalenti mentre tutti gli altri si collocano al disotto di 60-70.000. Appare sostanzialmente corretta quindi la scelta di utilizzare la tecnologia dei biocontainer scarrabili operata negli impianti di Potenza, S.Arcangelo e Venosa (prevista anche nei progetti preliminari di Atella e Lauria). La dimensione degli impianti stata definita per le esigenze a regime che equivalgono a circa 150 ton/giorno di necessit di trattamento. La dotazione impiantistica varia attualmente da impianto ad impianto come riputato nella tabella seguente.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 52 di 52

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Figura 2.18 Capacit giornaliera di ogni singola biocella in funzione della durata del ciclo

Quantitativi gionalieri possibili da biostabilizzare per ogni singola biocella in funzione della durata del ciclo
3,00 ton/ biocella*giorno 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 0,00 6 7 8 9 10 11 12 13 14 durata di un ciclo (giorni)

2,79 2,39 2,09 1,86 1,68 1,52 1,40 1,29

1,20

Tabella 2.16 Stato attuale degli impianti di biostabilizzazione Impianti biostabilizzazione dal piano Provinciale Venosa Atella Potenza Moliterno Lauria Sant'Arcangelo TOTALE 27,5 18,3 44,5 19,1 17,1 17,1 143,6 di Fabbisogno impiantistico Potenzialit disponibile o in % di copertura del previsti previsto (ton/giorno) fase di realizzazione fabbisogno (ton/giorno) 19,2 19,2 19,2 0 19,2 19,2 96,0 70 105 43 0 112 112 67

Attualmente, a causa del mancato raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata, il fabbisogno teorico di biostabilizzazone si attesta a circa 200 ton/giorno con una percentuale di copertura impiantistica inferiore al 50%. Di seguito vengono descritti in dettaglio gli impianti di selezione e biostabilizzazione sopra mensionati:

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 53 di 53

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Scheda 1
Dati sullimpianto

IMPIANTO DI VENOSA Ubicazione Comune: Venosa Localit: Notarchirico Ubicazione: S.S.168 s Strada Comunale Notarchirico Tipologia dei sistemi di Sistema di alimentazione del vaglio: trasportatore a piastra trattamento Diametro del vaglio: 2.700 mm. Lunghezza parte vagliante: 9.000 mm Velocit di rotazione: 11 giri/minuto Maglia di vagliatura: 80 mm Unit di stoccaggio Volume utile: 126 mc. provvisorio dei rifiuti Tipologia: Fossa di stoccaggio Sistemi di svuotamento: paratia mobile Sistemi di contenimento dei percolati: pozzetto di raccolta Sistema di trattamento aria: Impianto di depolverizzazione e deodorizzazione Prestazioni dellunit Potenzialit max: 15 ton./h. Capacit: Vagliatura: 45 % sottovaglio e 55 % sopravaglio N.moduli (pari a 8 biocelle + 1 biofiltro): 2 Capacit di trattamento di 1 modulo: 3.500 ton/ anno con 14 giorni di biostabilizzazione.

Scheda 2
Dati sullimpianto

IMPIANTO DI ATELLA Ubicazione Comune: Atella Localit: Madonna Laudata Ubicazione: S.S. 658 Strada Comunale S.Rocco Magnone Tipologia dei sistemi di Sistema di alimentazione del vaglio: benna con carroponte trattamento Diametro del vaglio: 2.230 mm Lunghezza parte vagliante: 10.000 mm Velocit di rotazione: 19 r.p.m. (velocit media a regime) Maglia di vagliatura: 80 mm Unit di stoccaggio Volume utile: 290 mc (al 04/05/2006) provvisorio dei rifiuti Tipologia: fossa di stoccaggio in edificio chiuso Sistemi di svuotamento: benna Sistemi di contenimento dei percolati: pozzetto di raccolta Sistema di trattamento aria: Impianto di depolverizzazione e deodorizzazione Prestazioni dellunit Potenzialit max: 15 ton./h. Capacit: 42 ton/ giorno Vagliatura: 40 % sottovaglio e 60 % sopravaglio N.moduli (pari a 8 biocelle + 1 biofiltro): 2 Capacit di trattamento di 1 modulo: 3.500 ton/ anno con 14 giorni di biostabilizzazione.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 54 di 54

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Scheda 3
Dati sullimpianto

IMPIANTO DI POTENZA Ubicazione Comune: Potenza Localit: c.da S.Luca Branca Ubicazione: : c.da S.Luca Branca Tipologia dei sistemi di Sistema di alimentazione del vaglio: nastro trasportatore trattamento Diametro del vaglio: 3.000 mm Lunghezza parte vagliante: 12.000 mm Velocit di rotazione: 10 giri/ minuto primo Maglia di vagliatura: 60 mm Unit di stoccaggio Volume utile: provvisorio dei rifiuti Tipologia: fossa di stoccaggio allocata nellimpianto di termodistruzione Sistemi di svuotamento: benna a polipo Sistemi di contenimento dei percolati: pozzetto di raccolta Sistema di trattamento aria: impianto di aspirazione Prestazioni dellunit Potenzialit max: 15 ton./h. Capacit: 63 ton/ giorno Vagliatura: 40 % sottovaglio e 60 % sopravaglio N.moduli (pari a 8 biocelle + 1 biofiltro): 2 Capacit di trattamento di 1 modulo: 3.500 ton/ anno con 14 giorni di biostabilizzazione.

Scheda 4 Dati sullimpianto

IMPIANTO DI LAURIA Ubicazione Comune: Lauria Localit: Carpineto

Tipologia dei sistemi di Sistema di alimentazione del vaglio: nastro trasportatore trattamento Unit di stoccaggio Tipologia: fossa di stoccaggio allocata nellimpianto di provvisorio dei rifiuti termodistruzione Sistemi di svuotamento: benna a polipo Sistemi di contenimento dei percolati: pozzetto di raccolta Sistema di trattamento aria: impianto di aspirazione Prestazioni dellunit Potenzialit max: 15 ton./h. Capacit: 80 ton/ giorno Vagliatura: 40 % sottovaglio e 60 % sopravaglio Portata dei ventilatori: 15.000 mc./ h, con pressione totale im mandata di circa 7.500 Pa a 200 C Motore: 45 kw Biostabilizzazione in biotunnel. N. biotunnel: 3 Tempo di biostabilizzazione: 14 giorni.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 55 di 55

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Scheda 5
Dati sullimpianto

IMPIANTO DI SANTARCANGELO Ubicazione Comune: SantArcangelo Localit: Ubicazione: Tipologia dei sistemi di Sistema di alimentazione del vaglio: trasportatore a piastra trattamento Diametro del vaglio: 2.700 mm Lunghezza parte vagliante: 9.000 mm Velocit di rotazione: 11 giri/ minuto primo Maglia di vagliatura: 80 mm Unit di stoccaggio Volume utile: provvisorio dei rifiuti Tipologia: piazzale in capannone prefabbricato Sistemi di svuotamento: ragno Sistemi di contenimento dei percolati: pozzetto di raccolta Sistema di trattamento aria:impianto di aspirazione con convogliamento a biofiltro Prestazioni dellunit Potenzialit max: 15 ton./h. Capacit: 42 ton/ giorno Vagliatura: 45 % sottovaglio e 55 % sopravaglio N.moduli (pari a 8 biocelle + 1 biofiltro): 2 Capacit di trattamento di 1 modulo: 3.500 ton/ anno con 14 giorni di biostabilizzazione.

Figura 2.19 Impianti di trattamento meccanico/biostabilizzazione

Melfi
Montemilone

Venosa
Rapolla Barile Rionero in V. Ruvo del M. Rapone Pescopagano San Fele Castelgrande Avigliano Muro Lucano Bella Pietragalla Cancellara Tolve Ruoti Balvano Baragiano Picerno Vaglio di B. S. Chirico N. Oppido L. Ginestra Maschito Palazzo S. Gervasio Banzi Forenza Filiano Acerenza Genzano di L.

Ripacandida

Atella

POTENZA
Vietri di Potenza Savoia Tito di L. S. Angelo Satriano Le Fratte di L. Sasso di C. Brienza Marsic o N. Marsicovetere Paterno Tramutola Viggiano Montemurro Grumento Nova Spinoso Sarconi Armento Gallicchio Calvello Brindisi di M. Pignola Trivigno Abriola Anzi Albano di L. Campomaggiore

Castelmezzano Pietrapertosa Laurenzana Corleto Perticara Guardia Perticara Missanello

S.Arcangel o

S.Martino d'Agri S. Chirico R.

Roccanova

Moliterno
Lagonegro

Castelsaraceno Carbone

Rivello

Nemoli

Latronico Castelluccio Sup.

Trecchina Maratea

Lauria

Castelluccio Inf. Viggianello

Castronuovo di S.Andrea Senise Calvera Teana Chiaromonte Fardella Noepoli Francavilla in Sinni Episcopia S. Costantino Cersosimo Albanese S. Severino L. S. Paolo Albanese Terranova di Pollino

Rotonda

Impianti di selezione Impianti di trattamento biologico

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 56 di 56

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

2.2.6

Impianti di termodistruzione La pianificazione provinciale in tale ambito basata sui due impianti gi esistenti nei comuni di Limpianto di Melfi assicura attualmente una potenzialit di trattamento di 25.000 ton/anno

Melfi (impianto privato della Fenice s.p.a.) e Potenza (impianto realizzato dal comune di Potenza). (equivalenti a circa 70 ton/giorno) cos come derivante dallaccordo Regione Basilicata Fenice. Limpianto in grado di trattare sia rifiuto tal quale che frazioni provenienti da selezione meccanica di qualsiasi tipo e con qualsiasi potere calorifero. La sezione di combustione dellimpianto di Potenza, in fase di collaudo a caldo, ha una potenzialit variabile in funzione del contenuto energetico dei materiali trattati. In linea di massima in grado di trattare circa 80 ton/giorno di rifiuto tal quale e circa 55 ton giorno di frazioni secche provenienti da linee di separazione per vagliatura.
Fig. 2.20 Potenzialit di trattamento dellinceneritore di potenza (al 90% del carico termico massimo)
P o te nzia lit (to n/g io rno ) 100 90 80 ton/d 70 60 50 40 1200

1400

1600

1800

2000 P C I (kc a l/k g )

2200

2400

2600

2800

Considerando che per evidenti motivi tecnici il funzionamento dellimpianto pu essere valutato il circa 330 giorni/anno, il quantitativo annuo trattabile si riduce a circa 18.000 ton/anno di frazione secca da vagliatura. Nella tabella seguente si riportano, per le condizioni attuali e nelle ipotesi di raggiungimento degli obiettivi di piano (RD al 35%) i flussi di rifiuto secco provenienti dai sei impianti di trattamento meccanico.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 57 di 57

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Tabella 2.17 Fabbisogno di impianti di incenerimento Impianto dal piano Provinciale Venosa Atella Potenza Moliterno Lauria Sant'Arcangelo di Fabbisogno teorico(*) di Fabbisogno di Incenerimento Potenzialit di incenerimento + Fenice) (ton/giorno) 22,5 15,0 36,4 15,6 14,0 14,0 (ton/giorno)

biostabilizzazione previsto incenerimento nelle condizioni nelle condizioni di RD al 35%. (Potenza di RD attuali. (ton/giorno) 32,5 21,7 50,9 21,8 20,4 20,4

TOTALE

167,9

117,5

125

(*) Nellipotesi che siano in funzione tutti gli impianti di vagliatura

Si evidenzia quindi, anche con limpianto di Potenza in piena efficienza, una netta insufficienza di capacit di combustione nelle condizioni attuali (RD inferiore al 10%) con un surplus di materiali secchi di oltre 40 ton/d; ci a conferma dellassoluta necessit di incrementare in modo rapido i quantitativi di raccolta differenziata. Nelle condizioni previste dalla pianificazione si avrebbe invece un, seppur esiguo, margine operativo di capacit di combustione nei due impianti. Di seguito vengono descritti in dettaglio gli impianti di termovalorizzazione sopra mensionati:

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 58 di 58

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Scheda 1 Dati sullimpianto

INCENERITORE FENICE Ubicazione Comune: Melfi Localit: Zona Industriale S. Nicola di Melfi Ubicazione: S.S. Bradanica Forno a griglia Capacit nominale ( Trattamento rifiuti ): 30.000 ton/anno Potenzialit termica: 18.700 - 20.600 KW Nr. di linee: 1 Capacit nominale ( Trattamento rifiuti ): 35.000 ton/anno Potenzialit termica: 31.400 34.900 kW Nr. di linee: 1 Presenza di recupero energetico: SI Recupero energia elettrica: 7.200 KW Recupero energia termica(due caldaie):40 t/h, 35 bar, 350 C Volume utile: 3.200 mc. Tipologia: RSU + RSAU Sistemi di svuotamento:Automatici Sistemi di contenimento dei percolati: Pozzetti in acciaio Sistema di trattamento aria: Sistemi in depressione alimentazione aria comburente Rifiuti solidi: PCI max: 16.000 KJ/Kg. PCI min.: 6.000 KJ/Kg. Tenore di Cl: < 2 w/w % Rifiuti fluidi : PCI max: 40.000 KJ/Kg. PCI min.: 2.000 KJ/Kg. Densit max: 2.500 Kg./mc. Tenore di Cl: < 2 w/w % Tipologia: Calce e cemento Reagenti utilizzati: Processo brevettato Rapporto di incremento peso: 80 100% Spray-dryer per raffreddamento fumi ed evaporazione spurgo da sez. di lavaggio; Filtro a maniche per depolverazione; Scrubber ad umido (tipo venturi) per rimozione HCl e HF (con H2O); Scrubber ad umido (torre a riempimento) per rimozione SOx (con NaOH); Reattore catalitico per deNOx e rimozione PCDD/PCDF. 7 Stazioni di rilevamento in continuo della qualit dellaria distribuite in modo rappresentativo sul territorio (posizione definita in accordo al Piano di Monitoraggio Ambientale sottoscritto tra Regione e Fenice) ; 2 Sistemi DOAS perimetrali allimpianto; 8 Stazioni di bio-monitoraggio, con bio-indicatori sia animali che vegetali; 10 Pozzi di monitoraggio dellacqua di falda; Campionamenti su matrici ambientali quali fiume, terreno, vegetali; Elaborazione e diffusione delle informazioni sullo stato di salute dellambiente. Forno rotante

Dati dellimpianto

Unit di stoccaggio provvisorio dei rifiuti

Caratterizzazione rifiuti trattabili

dei

Sistema di inertizzazione delle ceneri volanti Sistema di depurazione fumi

Sistemi di ambientale

controllo

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 59 di 59

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Scheda 2
Dati sullimpianto

INCENERITORE di POTENZA Ubicazione Comune: Potenza Localit: C.da S.Luca Branca Ubicazione:S. Luca Branca fraz. di Potenza Dati dellimpianto Potenzialit ponderale: 45 ton/ g Potenzialit termica: 2 x 3 Mcal x h Nr. di linee: 2 Presenza di recupero energetico: SI Recupero di energia elettrica: 1.200 KW ai morsetti Recupero di energia termica: NO Unit di stoccaggio Volume utile:780 mc. per il tal quale e 1.040 per i sovvalli provvisorio dei rifiuti Tipologia: fossa di stoccaggio allocata nellimpianto di termodistruzione Sistemi di svuotamento:Benna a polipo Sistemi di contenimento dei percolati: Pozzetto di raccolta Sistema di trattamento aria: impianto di aspirazione Caratterizzazione dei Rifiuti solidi: rifiuti trattabili PCI max: 2.500 Kcal/h PCI min.: 2.000 Kcal/h Tenore di Cl: normativo Sistema di inertizzazione Tipologia: / delle ceneri volanti Reagenti utilizzati: / Rapporto di incremento peso: / Sistema di depurazione Riduzione non catalitica degli Nox; fumi Quencher di raffreddamento dei fumi; Reattore di assorbimento gas acidi; Gruppo di dosaggio e trasporto per immissione di calce idrata nella linea fumi; Gruppo di trasporto e dosaggio per immissione di carbone attivo nella linea fumi; Gruppo di stoccaggio carboni attivi; Filtro a maniche per abbattimento polveri; Gruppo di preriscaldo aria del circuito; Gruppo di stoccaggio calce idrata. Sistemi di controllo Pozzi di monitoraggio: SI ambientale Centraline di monitoraggio atmosferico: SI Biosensori: NO

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 60 di 60

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

2.2.7

Le discariche Gli impianti di discarica per rifiuti urbani attualmente in esercizio o di recente autorizzazione in

Provincia di Potenza sono 9, distribuiti a livello provinciale in modo omogeneo. La tabella che segue riporta la volumetria residua stimata degli impianti di smaltimento censiti al 30/06/ 2007, con annotazioni di aggiornamento rispetto al loro attuale stato.
Tab. 2.18 Volumi disponibili di discarica a dicembre 2007 Discarica Volume disponibile a dicembre 2007 (mc) 2.500 Volumi disponibili a medio termine (entro 12-24 mesi) 10.000 mc subordinatamente alla definizione dellistruttoria del progetto di variante non sostanziale di cui al comma 2, art. 28 della L.R. 2 febbraio 2001 n. 6 95.000 mc come definito nell O.P.G.R n 2 del 08/01/2008 Finanziato nuovo bacino in fase di progettazione per un volume di 97.000 m (O.P.G.R. n. 5 del 20 settembre 2004) 95.000 come definito nell O.P.G.R n 2 del 08/01/2008

Venosa (loc. Notarchirico)

Atella (loc. Cafaro) Genzano Mattinella)

10.000

(loc. 4.000 2.900

Oppido Lucano Potenza grosso SantAngelo Fratte Moliterno S. Arcangelo

Monte Ordinanza n 98 del 28/12/07 con 95.000 come definito nell O.P.G.R n 2 del 08/01/2008 scadenza il 30/06/2008 le 400 3.800 57.700 Destinati allo smaltimento della frazione biostabilizzata (FOS) prodotta nellimpianto (loc. 25.000 Finanziato nuovo bacino in fase di progettazione per un volume di 50.000 m (O.P.G.R. n. 5 del 20 settembre 2004)

Lauria Carpineto)

Le disponibilit attuali sono quindi pari 106.700 m a: 48.600 m destinabili allo smaltimento di RSU tal quali e FOS; 57.700 m Destinabili allo smaltimento di FOS; E evidente il rischio di insufficienza delle volumetrie di discarica per rifiuti tal quali a meno che non si decida di utilizzare per gli stessi i bacini destinati alo smaltimento di FOS e scorie da combustione. Anche in questo caso comunque non si risolverebbero i problemi di forte carenza di discariche nel subambito centro (ed in particolare per Potenza). A medio termine, entro 12-24 mesi, saranno disponibili ulteriori 442.000 m piattaforme di Atella, Venosa, Genzano, Potenza e Lauria. Di seguito vengono descritti in dettaglio gli impianti smaltimento sopra mensionati: presso le

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 61 di 61

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Scheda 1

Dati sullimpianto

Piano di operativa

DISCARICA DI VENOSA Ubicazione Comune: Venosa Localit: Notarchirico Superficie: 21.213 mq. Dati dellimpianto Classificazione: Discarica per rifiuti non pericolosi Volume utile complessivo: 120.000 mc. Volume utile residuo: 2.500 mc. al 31/12/2007 Elementi strutturali Impermeabilizzazione fondo (dal basso verso lalto) barriera geologica naturale sp 1m e k <1* 10-9 m/s barriera artificiale in argilla sp. __ e k __ HDPE sp. 2mm Ghiaia sp. 30 cm Impermeabilizzazione pareti (dal basso verso lalto) barriera geologica naturale sp __ e k __ barriera artificiale in argilla sp. __ e k __ HDPE sp. ___ Ghiaia sp. ___ Acquifero: tipologia: confinato distanza dalla barriera artificiale ___ Reti di drenaggio: HDPE diam. 100mm Densit di drenaggio: 0,024 m/mq Reti di raccolta biogas: 10 pozzi HDPE diam. ___ Densit di drenaggio: ___ m/mq Strutture di servizio e Pesa e registrazione: SI gestione Illuminazione: SI Recinzione perimetrale: SI Gestione Biogas Tipo: TORCIA DI COMBUSTIONE Potenzialit: 5 Nmc/h Gestione del Percolato Accumulo interno SI Sistema di estrazione: Pompe Pretrattamenti in sito: NO gestione Condizioni straordinarie Allagamenti: Utilizzo di motopompe con allontanamento in previste cisterne autorizzate delle acque accumulate allinterno della zona rifiuti, mentre per le acque al di fuori della zona rifiuti vengono indirizzate al p.to di deflusso delle acque meteoriche. Incendi ed Esplosioni: impianto dotato di: 5 serbatoi da 50 mc. con sistema di pompaggio con gruppo di pressurizzazione; 7 punti allaccio antincendio; estintori a secco negli uffici. Raggiungimento livelli di guardia di indicatori di contaminazione: : Attivazione campagna di analisi straordinaria. Dispersione accidentali di rifiuti nellambiente: Adozione di misure di contenimento delle dispersioni per i rifiuti sia liquidi che solidi.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 62 di 62

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Scheda 2

Dati sullimpianto

Piano di operativa

DISCARICA DI ATELLA Ubicazione Comune: Atella Localit: Cafaro Superficie: 12.000 mq Dati dellimpianto Classificazione: Discarica per rifiuti non pericolosi Volume utile complessivo: 140.000 mc Volume utile residuo: 10.000 mc al 31/12/2007 Elementi strutturali Impermeabilizzazione fondo (dal basso verso lalto) barriera geologica naturale sp. __ e k < 10-6 cm/ s HDPE sp. 2 mm Ghiaia sp. ___ HDPE sp. 2 mm Ghiaia sp. 50 cm. Impermeabilizzazione pareti (dal basso verso lalto) HDPE sp. 2 mm Dreno filtrante sp. 30 cm. HDPE sp. 2 mm Acquifero: NO , assenza di falda. Reti di drenaggio: HDPE diam. 160 mm. Densit di drenaggio: 0,069 m/mq Reti di raccolta biogas: PEAD diam. 160 mm. Strutture di servizio e Pesa e registrazione: SI gestione Illuminazione: SI Recinzione perimetrale: SI Gestione Biogas Tipo: 8 pozzetti in HDPE da realizzarsi entro 10 mesi circa da ottobre 2003 Potenzialit: 1.500- 2.000 mc/d per i primi 5 anni; 1.000- 1.500 mc/d per i successivi 10 anni. Gestione del Percolato Accumulo esterno SI Sistema di estrazione: coppia di pompe sommerse a funzionamento alternato di tipo antideflagrante. Produzione : 1.500 mc/ anno in fase di gestione operativa; 500 mc/ anno in fase post-operativa. Pretrattamenti in sito: NO gestione Condizioni straordinarie Allagamenti: aspirazione in cisterne autorizzate e trasporto previste allimpianto di depurazione in caso di acque accumulatesi in zona soggetta a deposito rifiuti; per le acque accumulatesi in zona esente dal deposito rifiuti: le acque verranno indirizzate al punto di deflusso pi vicino alla zona dellallagamento. Incendi ed Esplosioni: impianto dotato di vasca di accumulo e sistema di pompaggio mediante elettropompa sommersa e motopompa diesel. Raggiungimento livelli di guardia di indicatori di contaminazione: Attivazione campagna di analisi ambientale straordinaria Dispersione accidentali di rifiuti nellambiente: recupero, analisi e bonifica della zona.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 63 di 63

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Scheda 3 Dati sullimpianto

DISCARICA DI GENZANO DI LUCANIA Ubicazione Dati dellimpianto Comune: Genzano di Lucania Localit: Mattinella

Piano di operativa

Classificazione: Discarica per rifiuti non pericolosi Volume utile complessivo: 60.500 mc. Volume utile residuo: 4.000 mc (al 31/12/2007) Elementi strutturali Impermeabilizzazione fondo (dal basso verso lalto) barriera geologica naturale sp __ e k ___ barriera artificiale in argilla sp. 1m e k 3.55* 10- 8 cm/s sabbia sp.15 cm HDPE sp. 2mm. Sabbia sp. 15 cm. Misto sp. 20/ 30 cm. Impermeabilizzazione pareti (dal basso verso lalto) barriera geologica naturale sp 1m e k 3.55* 10- 8 cm/s barriera artificiale in argilla sp. __ e k __ HDPE sp. ___ Ghiaia sp. ___ Acquifero: tipologia: confinato/non confinato distanza dalla barriera artificiale ___ Reti di drenaggio: HDPE diam. ___ Densit di drenaggio: ___ m/mq Reti di raccolta biogas: 9 pozzi forati in PEAD di diam. 160 mm; tubazioni in PEAD di diam. 90 mm. HDPE diam. ___ Densit di drenaggio: ___ m/mq Strutture di servizio e Pesa e registrazione: SI gestione Illuminazione: Recinzione perimetrale: SI; rete metallica Gestione Biogas Tipo: estrazione e combustione Potenzialit: 722.286 Nmc/h captati nel 2006. Gestione del Percolato Accumulo interno SI Sistema di estrazione: pompa sommersa Pretrattamenti in sito: NO gestione Condizioni straordinarie Allagamenti: Misure preventive = allontanamento delle acque previste meteoriche; misure di intervento = aspirazione dal pozzo di raccolta del percolato o altri pozzi di drenaggio rifiuti Incendi ed Esplosioni: serbatoio in vetroresina con capacit di 22 mc. con elettropompa, tubi di mandata, 2 idranti e gruppo elettrogeno. Raggiungimento livelli di guardia di indicatori di contaminazione: sospensione delle attivit di smaltimento e procedura di messa in sicurezza provvisoria con pareti di sabbia. Dispersione accidentali di rifiuti nellambiente: pulizia giornaliera delle aree interne al recinto.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 64 di 64

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Scheda 4 DISCARICA DI LAURIA Dati sullimpianto Ubicazione Comune: Lauria Localit: Carpineto

Piano di operativa

Classificazione: Discarica per rifiuti non pericolosi Volume utile complessivo: 115.000 mc. Volume utile residuo: 25.000 mc (al 31/12/2007) Elementi strutturali Impermeabilizzazione fondo (dal basso verso lalto) barriera geologica naturale sp __ e k ___ barriera artificiale in argilla sp. 1,5m e k 10- 12 cm/s sabbia sp. 40 cm HDPE sp. 2mm. Ghiaia sp. 40 cm. Impermeabilizzazione pareti (dal basso verso lalto) barriera geologica naturale sp 1m e k 3.55* 10- 8 cm/s barriera artificiale in argilla sp. __ e k __ HDPE sp. ___ Ghiaia sp. ___ Acquifero: tipologia: confinato/non confinato distanza dalla barriera artificiale ___ Reti di drenaggio: HDPE diam. 2,5 mm. Densit di drenaggio: ___ m/mq Reti di raccolta biogas: 8 pozzi ; tubi microfessurati di diam. 160 mm. HDPE diam. ___ Densit di drenaggio: ___ m/mq Strutture di servizio e Pesa e registrazione: SI gestione Illuminazione: SI , 20 pali fotovoltaici Recinzione perimetrale: SI Gestione Biogas Tipo: aspirazione e combustione Potenzialit: ___ Gestione del Percolato Accumulo interno 18.200 ton/ anno Sistema di estrazione: pompe sommerse Pretrattamenti in sito: SI ( equalizzazione; stabilizzazione; nitrificazione- denitrificazione - ossidazione; trattamento fanghi) gestione Condizioni straordinarie Allagamenti: misure di intervento = aspirazione dal pozzo di previste raccolta del percolato o altri pozzi di drenaggio rifiuti Incendi ed Esplosioni: SI Raggiungimento livelli di guardia di indicatori di contaminazione: Dispersione accidentali di rifiuti nellambiente:

Dati dellimpianto

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 65 di 65

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Scheda 5
Dati sullimpianto

DISCARICA DI MOLITERNO Ubicazione Comune: Moliterno Localit: Tempa La Guarella Dati dellimpianto

Piano di operativa

Classificazione: Discarica per rifiuti non pericolosi Volume utile complessivo: Volume utile residuo: 3.800 mc (al31/12/2007) Elementi strutturali Impermeabilizzazione fondo (dal basso verso lalto) barriera geologica naturale sp 1 e k 1* 10-9 m/ s barriera artificiale in argilla sp. 30 cm e k ___ sabbia/ ghiaia sp. 30 cm geomembrana bituminosa tipo TERANAP sp. 4mm. e k < 10-12 cm/s strato separatore filtrante realizzato con feltro non tessuto sintetico Ghiaia sp. 30 cm. Impermeabilizzazione pareti (dal basso verso lalto) barriera geologica naturale sp 1m e k 3.55* 10- 8 cm/s barriera artificiale in argilla sp. __ e k __ HDPE sp. ___ Ghiaia sp. ___ Acquifero: tipologia: confinato/non confinato distanza dalla barriera artificiale ___ Reti di drenaggio: HDPE diam. 200 mm. Densit di drenaggio: ___ m/mq Reti di raccolta biogas: Densit di drenaggio: ___ m/mq Strutture di servizio e Pesa e registrazione: SI , a bilico gestione Illuminazione: SI Recinzione perimetrale: SI , h = 2m. Gestione Biogas Tipo: Potenzialit: __ Nmc/h Gestione del Percolato Accumulo esterno: VASCA Sistema di estrazione: pompe di sollevamento Pretrattamenti in sito: NO gestione Condizioni straordinarie Allagamenti: previste Incendi ed Esplosioni: SI Raggiungimento livelli di guardia di indicatori di contaminazione: Dispersione accidentali di rifiuti nellambiente:

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 66 di 66

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Scheda 6
Dati sullimpianto

DISCARICA DI OPPIDO LUCANO Ubicazione Comune: Oppido Lucano Localit: Serra S.Antonio Dati dellimpianto

Piano di operativa

Classificazione: Discarica per rifiuti non pericolosi Volume utile complessivo: 15.000 mc Volume utile residuo: 2.900 mc (al 31/12/2007) Elementi strutturali Impermeabilizzazione fondo (dal basso verso lalto) barriera geologica naturale sp __ e k __ barriera artificiale in argilla sp. 1m. e k < 1* 10-6 m/s geomembrana in PEAD sp. 2 mm. Ghiaia- sp. 30 cm. Impermeabilizzazione pareti (dall esterno verso linterno) barriera geologica naturale sp __ e k __ barriera artificiale in argilla sp. __ e k __ HDPE sp. ___ Ghiaia sp. ___ Acquifero: tipologia: confinato distanza dalla barriera artificiale ___ Reti di drenaggio: HDPE diam. 110 mm. Densit di drenaggio: ___ m/mq Reti di raccolta biogas: HDPE diam. ___ Densit di drenaggio: ___ m/mq Strutture di servizio e Pesa e registrazione: pesa a bilico da 80 tonn. gestione Illuminazione: NO Recinzione perimetrale: SI Gestione Biogas Tipo: Prevista Torcia di Combustione Potenzialit: _____ Nmc/h Gestione del Percolato Accumulo esterno Accumulo interno Sistema di estrazione: pompa sommersa Pretrattamenti in sito: nessuno gestione Condizioni straordinarie Allagamenti: Motopompe sommerse ( zona rifiuti: Cisterna; previste Zona esente: punti di deflusso ) Incendi: Impianto dotato di 5 serbatoi in acciaio zincato della capacit complessiva di 50 mc. Esplosioni: Impianto dotato di 5 serbatoi in acciaio zincato della capacit complessiva di 50 mc. Raggiungimento livelli di guardia di indicatori di contaminazione: Attivazione campagna di analisi ambientale straordinaria Dispersione accidentale di rifiuti nellambiente: procedura di immediato recupero e rimozione pi eventuale analisi e bonifica delle zone.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 67 di 67

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Scheda 7
Dati sullimpianto

DISCARICA DI SANTANGELO LE FRATTE Ubicazione Comune: SantAngelo Le Fratte Localit: c.da Farisi Dati dellimpianto

Piano di operativa

Classificazione: Discarica per rifiuti non pericolosi Volume utile complessivo: 4315 mc Volume utile residuo: 400 mc (al 31/12/2007) Elementi strutturali Impermeabilizzazione fondo (dal basso verso lalto) barriera geologica naturale sp. 1m e k =1*10 9 m/s barriera artificiale in argilla sp. __ e k __ HDPE sp. 2 mm. Ghiaia- sp. 70 cm. HDPE sp. 2 mm. Sabbione e misto sp. 40 cm. Impermeabilizzazione pareti (dal basso verso lalto) barriera geologica naturale sp __ e k __ barriera artificiale in argilla sp. __ e k __ HDPE sp. ___ Ghiaia sp. ___ Acquifero: tipologia: confinato distanza dalla barriera artificiale ___ Reti di drenaggio: rotopressato diam. 200 mm. Densit di drenaggio: ___ m/mq Reti di raccolta biogas: HDPE diam. ___ Densit di drenaggio: ___ m/mq Strutture di servizio e Pesa e registrazione: SI gestione Illuminazione: SI Recinzione perimetrale: SI Gestione Biogas Tipo: NO Potenzialit: _____ Nmc/h Gestione del Percolato Accumulo esterno: ____ mc Accumulo interno : ____ mc Sistema di estrazione: Pretrattamenti in sito: NO gestione Condizioni straordinarie Allagamenti: previste Incendi: Esplosioni: Raggiungimento livelli di guardia di indicatori di contaminazione: Dispersione accidentali di rifiuti nellambiente:

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 68 di 68

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Scheda 8
Dati sullimpianto

DISCARICA DI SANTARCANGELO Ubicazione Comune: Sant Arcangelo Localit: Frontoni Dati dellimpianto

Piano di operativa

Classificazione: Discarica controllata per rifiuti non pericolosi Volume utile complessivo: 92.000 mc. Volume utile residuo: 57.700 mc (al 31/12/2007) Elementi strutturali Impermeabilizzazione fondo (dal basso verso lalto) barriera geologica naturale + barriera artificiale in argilla sp. >1 m. e k < 1*10-7 cm/s PEAD sp. 2 mm. Ghiaia sp. 30 cm. Impermeabilizzazione pareti (dal basso verso lalto) barriera geologica naturale sp __ e k __ barriera artificiale in argilla sp. __ e k __ HDPE sp. ___ Ghiaia sp. ___ Acquifero: tipologia: confinato distanza dalla barriera artificiale ___ Reti di drenaggio: PEAD diam. 140/200 Densit di drenaggio: 0,046 m/mq Reti di raccolta biogas: HDPE diam. ___ Densit di drenaggio: ___ m/mq Strutture di servizio e Pesa e registrazione: pesa a bilico 80 t. gestione Illuminazione: SI Recinzione perimetrale: rete metallica Gestione Biogas Sistema di controllo da realizzare. Gestione del Percolato Accumulo interno : SI Sistema di estrazione: pompa sommersa antideflagrante Pretrattamenti in sito: NO Produzione : 2.400 mc/ anno gestione Condizioni straordinarie Allagamenti: Motopompe sommerse ( zona rifiuti: Cisterna; previste Zona esente: punti di deflusso ) Incendi ed Esplosioni : vasca di accumulo da 100 mc. e sistema di pompaggio mediante elettropompa sommersa. Raggiungimento livelli di guardia di indicatori di contaminazione: Attivazione campagna di analisi straordinaria. Dispersione accidentali di rifiuti nellambiente: procedura di immediato recupero e rimozione pi eventuale analisi e bonifica delle zone oltre alladozione di sistema di contenimento delle dispersioni di rifiuti sia liquidi che solidi.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 69 di 69

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Melfi
Montemilone

Venosa
Rapolla Barile Rionero in V. Ruvo del M. Rapone Pescopagano San Fele Castelgrande Avigliano Muro Lucano Bella Pietragalla Cancellara Tolve Ruoti Balvano Baragiano Picerno Vietri di Potenza Savoia di L. S. Angelo Le Fratte Tito Satriano di L. Sasso di C. Brienza Marsico N. Marsicovetere Paterno Tramutola Viggiano Montemurro Grumento Nova Spinoso Sarconi Armento Gallicchio Calvello Vaglio di B. S. Chirico N. Oppido L. Ginestra Maschito Palazzo S. Gervasio Banzi Forenza Filiano Acerenza Genzano di L.

Ripacandida

Atella

POTENZA
Brindisi di M. Pignola

Albano di L. Campomaggiore

Trivigno Abriola Anzi

Castelmezzano Pietrapertosa Laurenzana Corleto Perticara Guardia Perticara Missanello

S.Arcangel o

S.Martino d'Agri S. Chirico R.

Roccanova

Moliterno
Lagonegro

Castelsaraceno Carbone

Rivello

Nemoli

Latronico Castelluccio Sup.

Trecchina Maratea

Lauria

Castelluccio Inf. Viggianello

Castronuovo di S.Andrea Senise Calvera Teana Chiaromonte Fardella Noepoli Francavilla in Sinni Episcopia S. Costantino Cersosimo Albanese S. Severino L. S. Paolo Albanese Terranova di Pollino

Rotonda

Impianti di discarica

Fig. 2.21 Impianti di discarica in Provincia

Le discariche provinciali rappresentano il terminale pressoch esclusivo del rifiuto urbano non differenziato, ovvero di gran parte del rifiuto urbano prodotto. Limpiantistica attuale di trattamento meccanico/biologico cui destinata tutto il rifiuto indifferenziato non infatti in grado di per s di trattare significativamente i flussi di rifiuti che sono infine destinati a discarica o a incenerimento tal quale. Si rinvia al paragrafo 2.2.8 per una illustrazione dei flussi di rifiuti indifferenziati avviati nel 2006 ai diversi impianti di destino.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 70 di 70

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Per quanto riguarda le caratteristiche tecnico-realizzative e gestionali delle discariche provinciali si segnala come in diversi casi non sia ancora conseguito lallineamento alle Migliori Tecniche Disponibili di settore. Risulta essere indispensabile una verifica e monitoraggio da parte dellAmministrazione Provinciale dei piani di adeguamento degli impianti ai sensi del D.Lgs. 36/03, nellambito dei quali sono in particolare esaminati aspetti quali: - lubicazione degli impianti; - la protezione delle matrici ambientali; - il controllo delle acque e la gestione del percolato; - la protezione del terreno e delle acque; - il controllo dei gas; - i potenziali disturbi e rischi; - la stabilit: - la protezione fisica degli impianti; - la dotazione di attrezzature e personale; - le modalit e criteri di coltivazione; - il piano di gestione operativa; - il piano di ripristino ambientale; - il piano di gestione in fase post-operativa; - il piano di sorveglianza e controllo. Successivamente ai piani di monitoraggio quindi atteso un significativo miglioramento delle prestazioni tecniche e ambientali degli impianti. Peraltro, si segnala come alcuni degli impianti provinciali siano comunque gi collocati su elevati livelli tecnici. Di particolare interesse, in relazione anche agli obiettivi di sostenibilit ambientale definiti a livello internazionale in merito alle emissioni di gas climalteranti (Protocollo di Kyoto), ripresi nel quadro normativo e di indirizzi nazionale la valorizzazione al recupero energetico del biogas prodotto dai rifiuti in discarica. Tale modalit di gestione del biogas consentirebbe infatti la produzione di energia elettrica dalla componente di origine organica dei rifiuti, caratterizzandosi quindi come energia di fonte rinnovabile, che non porta a emissioni dirette di gas climalteranti, ma contribuisce invece alla loro riduzione andando in sostituzione di altre fonti energetiche non rinnovabili.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 71 di 71

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

2.2.8

Il destino dei rifiuti urbani indifferenziati Sulla base di dati acquisiti dallOsservatorio della Provincia stato possibile ricostruire i flussi ,

di seguito riportati, dei rifiuti indifferenziati prodotti nel territorio provinciale nel corso del 2006 e del 2007. Lanalisi dello stato di fatto del sistema integrato di gestione dei RSU dellintera Provincia, ha prodotto un dato conoscitivo sia in ordine ai flussi seguiti dai medesimi RSU nel percorso di trattamento e sia in ordine allefficienza di funzionamento dei singoli impianti rispetto alle relative capacit autorizzate. La produzione dei RSU indifferenziati in ambito provinciale nellanno 2006 si attestata su circa 136.874 ton, che con una percentuale di raccolta differenziata dell 8,33%, porta la produzione totale RSU a circa 149.303 ton/anno. Tenendo conto che la popolazione su base provinciale stimata in 387.818 abitanti, si ha avuto nel 2006 una produzione procapite di 1,05 Kg/ab*g. Della produzione di RSU indifferenziati nel 2006, circa l11 % stato conferito tal quale in incenerimento, il 25 % stato conferito agli impianti di preselezione- stabilizzazione, circa il 41 % in discarica tal quale e il 23 % stato smaltito fuori Provincia .
Fig. 2.22 Flussi di rifiuti indifferenziati (anno 2006)
Flussi rifiuti urbani indifferenziati presso gli impianti della Provincia Anno 2006 23% 25% Ad impianto di Preselezione In Discarica tal quale 11% 41% Ad Incenerimento tal quale Fuori Provincia

La quantit complessiva di rifiuti che viene conferita ad incenerimento presso limpianto di Fenice e Potenza, pari a circa il 21% della produzione di RSU indifferenziati, costituita per il 49.30% da tal quale, totalmente conferito allinceneritore di Fenice dai comuni di Lavello, Melfi, Pescopagano, Rapolla e Rapone, e per laltro 50.70% dalla frazione secca proveniente dagli impianti di preselezione di Potenza, Venosa e SantArcangelo.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 72 di 72

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Fig. 2.23 Gestione dei termovalorizzatori


Gestione RSU-RD ad Incenerimento ambito provinciale anno 2006

49,30% 50,70%

Ad Incenerimento tal quale Ad Incenerimento da Preselezione

La quantit complessiva di RSU indifferenziati conferiti agli impianti di preselezione di Potenza, Venosa e SantArcangelo, pari a circa 34.315,87ton/anno, in seguito a vagliatura da 80 mm, presso gli impianti di Venosa e SantArcangelo e da 60 mm presso limpianto di Potenza, viene conferita allimpianto di Fenice e Potenza per il 43% di frazione secca, agli impianti di biostabilizzazione per il 35%, in discarica per il 20%, con circa un 2% di perdite non riscontrabili dai dati analizzati.
Fig. 2.24 Gestione dei rifiuti dopo il trattamento meccanico
Gestione RSU-RD all'uscita dagli impianti di preselezione ambito provinciale anno 2006

20%

2% 43%

Frazione secca conferita a Fenice Frazione Umida a Biostabilizzazione Dall'Impianto di preselezione in discarica Perdite non riscontrabili

35%

Al 41% dei RSU che vengono conferiti tal quale in discarica prima della preselezione, contribuisce per il 30,21% la discarica di Lauria, per il 25.82% la discarica di Atella, per il 2,56 % la discarica di Potenza, per il 13.60% la discarica di Genzano di Lucania, per il 6.83% quella di Venosa, per il 20,40% la discarica di Moliterno , per lo 0.43% la discarica di S.Angelo. e per lo 0.15% la discarica di Oppido Lucano.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 73 di 73

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Fig. 2.25 Gestione del rifiuto tal quale senza lavvio a preselezione

Gestione RSU-RD del tal quale in discarica prima della preselezione ambito provinciale anno 2006

2,56% 25,82%

6,83%

0,15%

20,40% 0,43%

Discarica di Moliterno Discarica di S.Angelo Discarica di Lauria Discarica di Genzano di L.

30,21% 13,60%

Discarica di Atella Discarica di Potenza Discarica di Venosa Discarica Oppido

Al 23,10% dei RSU indifferenziati prodotti che vengono conferiti fuori provincia presso le discariche di Salandra e Tricarico, contribuiscono tutti i comuni conferenti alla stazione di trasferimento di Potenza. Al 35% della quantit complessiva di RSU trattati presso gli impianti di biostabilizzazione, contribuisce per il 28% limpianto di preselezione di Venosa e per il 72% quello di S.Arcangelo
Fig. 2.26 Gestione dei rifiuti indifferenziati presso gli impianti di preselezione/biostabilizzazione
Gestione RSU-RD a Impianti di Biostabilizzazione ambito provinciale anno 2006

28%
Da Im. Preselezione Venosa Da IM. Preselezione S.Arcangelo

72%

In definitiva, la quantit complessiva di RSU che viene conferita in discarica, costituita per il 10% da RSU provenienti dagli impianti di Biostabilizzazione, per il 10% dagli impianti di preselezione e per l80% da tal quale.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 74 di 74

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Fig. 2.27 Rifiuti smaltiti presso le discariche ( anno 2006)


Gestione RSU-RD in discarica ambito provinciale anno 2006

10% 10% In discarica dalla Biostabilizzazione In discarica dalla Preselezione In discarica tal quale 80%

Questo il quadro generale del flusso in ambito provinciale per lanno 2006, che presenta diverse criticit e quella pi significativa che rispetto alle previsioni di piano che prevedevano il trattamento del 100% dei RSU, solo il 20 % viene trattato, mentre ben l80% finisce in discarica tal quale, con tutte le conseguenze connesse.

2.3 2.3.1

I COSTI DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN PROVINCIA DI POTENZA Analisi dei costi complessivi e per macrovoce di costo Per la valutazione dei costi di gestione dei rifiuti si fa riferimento al Rapporto sui Rifiuti -2006

edito da APAT, essendo questo il pi aggiornato riferimento disponibile al momento delleffettuazione della presente analisi. Lanalisi suddetta relativa al solo campione di Comuni e relativi gestori, anche consorziati, che hanno presentato la dichiarazione MUD 2005, sulla gestione del servizio per lanno 2004. Nello specifico della Provincia di Potenza i dati utilizzati per tale analisi derivano da una struttura del campione di Comuni leggermente superiore (74,0%) sia rispetto alla copertura dei dati al livello nazionale (73,6%) che rispetto al Sud Italia (58,4%).
Tab. 2.19 Struttura del campione di Comuni ed abitanti sottoposto allanalisi dei costi derivanti dalle dichiarazioni MUD 2005 relative al 2004 Comuni Abitanti Comuni Comuni Comuni Comuni Abitanti 2004 2004 (n) con costi solo costi campione campione campione (n) dettagliati tot. (n) totali (n) (%) (%) (n) Provincia di Pz 100 392.218 70 4 74 74,0 83,6 Basilicata Sud ITALIA 131 2557 8101 596.546 20.747.325 58.462.375 82 1.380 5.589 5 114 375 87 1.494 5.964 66,4 58,4 73,6 62,4 58,1 73,0

Fonte: Rapporto Rifiuti 2006, APAT

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 75 di 75

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Di seguito sono riportati i costi totali e i proventi pro capite medi per la Provincia lucana e per la Regione. Risulta che nella Provincia di Potenza il costo medio pro capite (di 84,21 /abxanno) risultato lievemente maggiore di quello regionale, ma inferiore sia al dato del Sud Italia che al costo medio a livello nazionale. Lo stesso andamento comunque riscontrato anche per i proventi medi pro capite, che nel caso della Provincia di Potenza risultano essere di 68,80 /abxanno. La Provincia di Potenza con una copertura dei costi dell81,7% caratterizzata da un dato medio dei costi pro capite e dei proventi medi pro capite inferiori rispetto al Sud Italia.
Tab.2.20 Medie dei costi totali pro capite di gestione del servizio di igiene urbana, dei proventi pro capite da tassa e/o tariffa e relative coperture dei costi del servizio Comuni Campione (n)* Provincia di Pz Basilicata Sud ITALIA 73 86 1.375 5.353 Abitanti campione (n)* 327.226 371.731 9.499.169 36.275.434 Comuni campione (%) 73 65,6 53,8 66,1 Abitanti campione (%) 83,4 62,3 45,8 62,0 Costi Totali pro capite (Euro/abxanno) 84,21 83,86 101,49 109,81 Proventi pro capite (Euro/abxanno) 68,80 68,0 78,94 96,63 Copertura costi (%) 81,7 81,1 77,8 86,0

Fonte: Rapporto Rifiuti 2006, APAT Note: * Comuni per i quali sono disponibili entrambi i dati relativi ai proventi ed ai costi totali, inclusi quelli che hanno fornito i soli dati relativi ai costi totali del servizio e i proventi da tassa e/o tariffa. Fig. 2.28 Costi medi procapite di gestione
Costi medi pro capite di gestione dei rifiuti in Provincia di Pz e in Italia (2004)

Italia

109,81

Sud

101,49

Basilicata

83,86

Provincia Pz

84,21

20

40

60
euro/ab*anno

80

100

120

Fonte: Rapporto Rifiuti 2006, APAT

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 76 di 76

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Fig. 2.29 costi specifici di gestione


Costi specifici di gestione dei rifiuti in Provincia di Potenza e in Italia (2004)

Italia Sud Basilicata Provincia Pz

21,30 23,02 24,56 24,73

19

20

21

22
eurocent/kg

23

24

25

Fonte: Rapporto Rifiuti 2006, APAT

Nelle due tabelle seguenti sono riportate le composizioni in dettaglio dei costi secondo quanto rilevato nelle dichiarazioni MUD: nella prima tabella vengono valutati i costi specifici diretti relativi alla gestione congiunta el ciclo dei rifiuti indifferenziati e differenziati, di spazzamento e lavaggio, i costi comuni e uelli del capitale; nella seconda tabella, che ha interessato un campione di Comuni inferiore (95 Comuni ispetto a 183 della prima tabella), per i quali sono noti sia i dati quantitativi della raccolta i rifiuti indifferenziati che quelli conferiti in modo differenziato, vengono valutate le omponenti specifiche di costo per tutte le fasi di gestione del servizio di igiene urbana. Le voci di costo considerate, in linea con quanto previsto dal metodo normalizzato per la definizione della tariffa (dal D.P.R. 158/1999), sono le seguenti: Costi di gestione (Cg) Sono gli importi relativi ai servizi di raccolta, trasporto e trattamento dei rifiuti oggetto del servizio di igiene urbana, suddivisi in: Cgind: costi di gestione dei servizi che riguardano i RU indifferenziati, articolati in: Csl: costi di spazzamento e lavaggio strade; Crt: costi di raccolta e trasporto; Cts: costi di trattamento e smaltimento;
Luglio 2008 Pagina 77 di 77

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Ac: altri costi;

Cgd: costi di gestione del ciclo di Raccolta Differenziata, articolati in: Crd: costi raccolta differenziata; Ctr: costi trattamento e riciclo.

Costi comuni (Cc) Sono gli importi riferibili ai servizi non direttamente attinenti allesecuzione della raccolta dei rifiuti, composti da: Carc: costi amministrativi e di accertamento, riscossione e contenzioso; Cgg: costi generali di gestione; Ccd: costi comuni diversi;

Costi duso del capitale (Ck) Riguardano le spese per ammortamenti, accantonamenti e remunerazione del capitale investito, come indicato di seguito: Amm: ammortamenti per gli investimenti; Acc: accantonamenti; R: remunerazione del capitale.

In questa elaborazione dei dati il costo di spazzamento e lavaggio (CSL) stato scorporato dal costo di gestione dei rifiuti indifferenziati (Cgind) e presentato come voce separata. Per i costi comuni (Cc) e i costi duso del capitale (Ck) non sono disponibili le voci disaggregate che li compongono. I risultati dellanalisi riportati nella prima tabella mostrano che su un campione di 68 Comuni della Provincia di Potenza il costo medio totale pro capite dichiarato ammonta a 84,76 /abxanno (22,8% rispetto al Sud Italia e -25,56% rispetto al dato nazionale), cos composto: 65,10 /abxanno ( il 76,8% rispetto al costo totale) per la gestione diretta dei rifiuti urbani totali (indifferenziati e differenziati, ovvero (Cgind + Cgd)ab); 18,16 /abxanno (il 21,42% rispetto al costo totale) per i costi di spazzamento e lavaggio (Csl); 1,09 /abxanno (l1,28% rispetto al costo totale) per i costi comuni (Cc); 0,41 /abxanno (l 0,5% rispetto al costo totale) per i costi del capitale (Ck);

Nella seconda tabella il campione di analisi dei dati corrisponde a 42 Comuni della Provincia di Potenza (ovvero il 42% della totalit dei Comuni), nei i quali nel 2004 sono state prodotte 84.268 t/a di rifiuti urbani di cui 6.910 t/a di rifiuti da RD e 77.358 t/a di rifiuti indifferenziati. Su tale campione in esame il costo medio totale (Ctotab) valutato a livello provinciale risulta essere di 90,53 /abxanno di poco

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 78 di 78

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

superiore rispetto a quello valutato nella prima tabella. Il costo del ciclo di gestione dei rifiuti indifferenziati (Cgind) ammonta 60,88 /abxanno ripartito nelle seguenti voci: 35,81/abxanno (il 58,82 % rispetto a Cgind) per la raccolta ed il trasporto (Crt); 23,32 /abxanno (il 38,30% rispetto a Cgind) per il trattamento e lo smaltimento (Cts); 1,75 /abxanno (lo 2,88% rispetto a Cgind) per gli altri costi direttamente imputabili alla gestione dei rifiuti urbani indifferenziati (Cac). Il costo di gestione della raccolta differenziata (Cgd), invece, ammonta 5,54 /abxanno corrispondente al 6,12 % del costo totale della gestione dei rifiuti e ripartito in 5,51 /abxanno per la raccolta delle singole frazioni di materiali (Crd) e 0,03 /abxanno per il trattamento ed il riciclo (Ctr). Le altre voci di costo componenti il costo totale del servizio sono infine le seguenti: 22,4 /abxanno (il 24,74% del costo totale) per lo spazzamento delle strade (Csl); 1,32 /abxanno (il 1.45 % del costo totale) imputabili ai costi comuni (Cc); 0,38 /abxanno (0,42% del costo totale) imputabili ai costi del capitale investito (Ck).

Nella seguente figura evidenziato come sono ripartiti i costi medi pro capite della gestione dei rifiuti nella Provincia di Potenza e nella Regione Basilicata a confronto con il dato nazionale e quello riscontrato in Sud Italia.
Fig. 2.30 Ripartizione dei costi medi procapite
Ripartizione dei costi medi pro capite in Provincia di Potenza ed in Italia (2004)

Italia

SUD

Basilicata

Provincia Pz

0%

20%
Cgindab

40%
Cgdab Cslab

60%
Ccab Ckab

80%

100%

Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004

A partire dai dati di costo dichiarati dai Comuni campione, APAT ha quindi condotto e presentato nel Rapporto Rifiuti unestrapolazione al complesso del territorio regionale, al fine di individuare un costo
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 79 di 79

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

complessivo riferito al 100% di copertura dei Comuni. Da tale elaborazione (presentata in tabella seguente) si evidenzia quindi un costo complessivo per la gestione dei rifiuti in Regione Basilicata stimato pari a 53.373.000,00 /a.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 80 di 80

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Tab 2.21 Medie provinciali dei costi specifici annui pro capite Comuni Abitanti (Cgind+Cgd)ab CSLab Campione Campione (/abxanno) (/abxanno) (n) (n) Provincia Pz 68 311.390 65,10 18,16 Basilicata 80 349.317 64,58 17,96 SUD 1.368 10.518.088 81,66 19,85 Italia 5.570 40.080.550 78,49 16,97 Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004

Cclab (/abxanno) 1,09 1,46 5,86 12,83

Ckab (/abxanno) 0,41 0,57 2,54 6,07

Ctotab (/abxanno) 84,76 84,57 109,91 113,87

Tab. 2.22 Medie provinciali delle componenti di costo pro capite Produzione Comuni Abitanti pro capite Campione Campione RU RD Crtab Ctsab n n kg/abxa % /abxanno Provincia Pz 42 230.241 366 8,2 35,81 23,32 Basilicata 46 245.788 364 8,1 35,53 22,64 SUD 909 8.121.198 486 10 37,38 27,54 Italia 4.587 35.617.299 542 28,8 26,8 29,35 Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004

Cacab Cgindab

Crdab

Ctrab

Cgdab Cslab

Ccab

Ckab

Ctotab

1,75 1,66 4,2 2,77

60,88 59,84 69,12 58,92

5,51 5,59 10,4 14,62

0,03 0,03 0,87 4,13

5,54 5,62 11,27 18,75

22,4 22,32 21,31 17,43

1,32 1,3 7,18 13,6

0,38 0,39 3,02 6,69

90,53 89,47 111,91 115,4

Tab 2.23 Stima dei costi annui complessivi dei servizi di igiene urbana nel 2004 Produzione Copertura Abitanti pro capite Campione RU RD Crt Cts n %Ab kg/abxa % *1,000 Basilicata 596.546 41,20% 364 8,1 21.198 13.508 SUD 20.747.325 39,14% 486 10 771.531 567.518 Italia 58.462.375 60,92% 542 28,8 1.716.988 1.725.468 Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004

Cac

Cgind

Crd

Ctr

Cgd

Csl

Cc

Ck 230 62.589 361.520

Ctot 53.373 2.305.085 6.770.070

992 35.698 3.337 17 3.354 13.315 777 87.740 1.426.789 211.318 17.357 228.675 439.461 147.570 176.254 3.618.710 792.891 195.555 988.445 1.076.350 725.045

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 81 di 81

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Di seguito viene effettuata unanalisi della distribuzione dei costi in funzione dellentit della popolazione residente, suddividendo i Comuni nelle seguenti quattro classi dimensionali. Nel rapporto Apat i dati suddetti sono presenti soltanto a livello Regionale. A. Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti; B. Comuni con popolazione compresa tra 5.000 e 15.000 abitanti; C. Comuni con popolazione compresa tra 15.000 e 50.000 abitanti; D. Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti. Tale analisi evidenzia che il costo annuo pro capite aumenta con il crescere della popolazione del Comune, passando come media regionale dai 65,91 /abxanno per i Comuni con una popolazione inferiore ai 5.000 abitanti ai 131,37 /abxanno per i comuni con una popolazione superiore ai 50.000 abitanti ( citt di Potenza). Se si effettua un confronto con i costi medi a livello nazionale o per macroarea geografica (Sud Italia), si riscontra in Basilicata un costo decisamente inferiore per i Comuni con una popolazione fino ai 15.000 abitanti. Mentre per le classi aventi una popolazione maggiore la differenza meno accentuata.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 82 di 82

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Tab. 2.24 Costi medi pro capite per classi di popolazione residente nei Comuni nel 2004 Crt Cts Cac Classe Comuni Regione Abitanti N Abitanti campione N / abitante* anno Basilicata 195.703 68.901 30,99 18,13 1,11 Sud 3.368.845 1.168.713 10.475.249 4.758.334 Classe A Pop< 5000 abitanti Italia Basilicata 222.445 90.910 4.623.349 1.605.135 Classe B Pop tra 5000 ab e Sud Italia 13.869.449 6.652.045 15000 abitanti Basilicata 50.415 17.138 5.630.091 1.705.282 Classe C Pop. Tra 15000 ab. Sud Italia 13.882.072 6.730.128 E 50000 ab. Basilicata 127.983 68.839 Sud 7.125.040 3.642.068 Italia 20.235.605 17.476.792 Classe D Pop > 50000 ab Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004 33,78 26,3 26,72 33,65 24,42 44,06 38,29 27,68 49,6 39,74 27,5 23,96 27,47 21,55 26,86 29,41 40,96 25,31 30,14 24,05 30,04 29,54 1,53 1,86 3,66 2,72 2,25 0 1,53 2,04 0 6,97 3,5

Cgind 50,23 59,27 55,63 51,92 63,24 56,09 85,02 65,13 59,86 73,65 76,75 60,54

Crd 3,74 7,35 12,5 7,6 10,4 15,5 4,15 7,91 15,3 5,16 12,5 14,6

Ctr 0,02 0,71 3,68 0,06 1,21 4,88 0 1,42 5 0 0,51 3,63

Cgd 3,77 8,07 16,14 7,66 11,61 20,4 4,15 9,33 20,31 5,16 13,06 18,23

Csl 10,51 9,16 7,24 11,23 10,95 9,38 7,18 17,53 14,7 52,56 31,55 24,32

Cc 0,93 1,8 3,97 2,82 2,63 5,43 0 5,46 8,28 0 11,7 21,4

Ck 0,48 0,6 0,74 0,68 0,93 1,29 0 1,16 2,49 0 5,59 12

Ctot 65,9 78,9 83,7 74,3 89,4 92,6 96,4 98,6 106 131 139 136

Tab 2.25 Costi specifici per classi di popolazione residente nei Comuni nel 2004 Abitanti Regione Abitanti N campione N Basilicata 195.703 68.901 Sud 3.368.845 1.168.713 10.475.249 4.758.334 Classe A Pop< 5000 abitanti Italia Basilicata 222.445 90.910 4.623.349 1.605.135 Classe B Pop tra 5000 ab e Sud Italia 13.869.449 6.652.045 15000 abitanti Basilicata 50.415 17.138 5.630.091 1.705.282 Classe C Pop. Tra 15000 ab. Sud 13.882.072 6.730.128 Italia E 50000 ab. Basilicata 127.983 68.839 Sud 7.125.040 3.642.068 Italia 20.235.605 17.476.792 Classe D Pop > 50000 ab Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004 Classe Comuni Crt Cts centesimi / Kg 10,91 6,38 9,68 6,87 8,17 8,53 8,07 6,51 8,21 6,56 7,18 8,64 10,79 10,03 8,82 5,83 7,55 8,22 13,31 6,45 8,29 6,27 6,43 6,91 Cac 0,39 0,44 0,58 1,1 0,66 0,66 0 0,35 0,56 0 1,45 0,82 Cgind 17,69 16,99 17,27 15,69 15,43 16,48 20,81 15 16,32 19,76 16,01 14,16 Crd 25,9 22,1 9,66 28,8 18,3 9,38 20,3 13,9 9,16 10,2 27 9,38 Ctr 0,15 2,14 2,85 0,23 2,14 2,95 0 2,48 2,99 0 1,11 2,33 Cgd 26 24,25 12,51 29,04 20,45 12,34 20,32 16,34 12,15 10,21 28,12 11,71 Csl 3,52 2,4 1,61 3,14 2,35 1,86 1,67 3,57 2,75 12,42 6 4,17 Cc 0,31 0,47 0,88 0,79 0,56 1,07 0 1,11 1,55 0 2,23 3,67 Ck 0,16 0,16 0,16 0,19 0,2 0,25 0 0,24 0,47 0 1,06 2,05 Ctot 22,1 20,6 18,6 20,8 19,2 18,3 22,5 20,1 19,8 31 26,4 23,4

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 83 di 83

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Fig. 2.31 Costi specifici di gestione per classi di abitanti


V alor i m e di de lle com pone nti de i cos ti s pe cifici pe r clas s e di popolazione e ar e a ge ogr afica ( anno 2004) 35 30 25

Eurocentesimi/ Kg

20 15 10 5 0 Italia Italia Italia Basilicata Basilicata Basilicata Basilicata Italia Sud Sud Sud Sud

Cgind Cgd Csl Cc Ck Ctot

Clas se A Pop< 5000 abitanti

Clas se B Pop tra 5000 ab e 15000 abitanti

Classe C Pop. Tra 15000 ab. E 50000 ab.

Class e D Pop > 50000 ab

Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004

Le seguenti tabelle illustrano infine landamento temporale dei costi di gestione dei rifiuti nella Regione Basilicata a confronto con quelli medi nazionali e del Sud Italia. Si pu cos notare un aumento graduale dei costi medi pro capite sia a livello regionale che nazionale, associato a un conseguente aumento dei proventi ricavati da tasse o tariffe. Nelle due tabelle successive sono riportati gli andamenti temporali delle singole voci che compongono i costi medi specifici.
Fig. 2.32 Andamento temporale dei costi di gestione dei rifiuti e dei proventi da tassa o tariffa medi pro capite dal 2001 al 2004

Andamento dei costi medi pro capite dal 2001 al 2004


120
106,7 91,77 85,74 92,43 83,6 74,82 54,84 83,86 108,71 98,53 109,81 101,49

euro/ abitante* anno

100 80 60 40 20 0

2001

2002

2003

2004

Basilicata Sud Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004

Italia

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 84 di 84

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Tab 2.26 Evoluzione dei costi medi pro capite dal 2002 al 2004
Comuni campione N 44 734 3.579 52 860 4.214 46 909 4.587 Crt Cts Abitanti campione N / abitante*anno 229.712 32,03 14,67 6.985.743 32,36 25,09 29.827.761 26,16 30 297.421 32,56 18,6 8.235.396 33,82 25,72 33.842.657 26,34 28,67 245.788 35,53 22,64 8.121.198 37,38 27,54 35.617.299 26,8 29,35 Cac Cgind Crd Ctr Cgd Csl Cc Ck Ctot

Anno

2002

2003

2004

Regione Basilicata Sud Italia Basilicata Sud Italia Basilicata Sud Italia

1,52 4,09 2,72 2,2 3,76 3,12 1,66 4,2 2,77

48,22 61,54 58,87 53,36 63,3 58,14 59,84 69,12 58,92

4,53 7,8 11,14 8,02 9,34 12,85 5,59 10,4 14,62

0,31 0,76 3,19 0,19 0,61 3,59 0,03 0,87 4,13

4,84 8,56 14,33 8,21 9,95 16,44 5,62 11,27 18,75

23,72 18,18 17,09 22,83 20,27 17,53 22,32 21,31 17,43

1,25 5,03 12 1,39 5,66 12,67 1,3 7,18 13,6

0,48 3,32 6,81 1,55 3,44 6,66 0,39 3,02 6,69

78,51 96,63 109,11 87,35 102,62 111,43 89,47 111,91 115,4

Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004 Tab 2.27 Evoluzione dei costi medi pro capite dal 2002 al 2004 Comuni Abitanti Crt Cts campione campione Anno Regione N N centesimi/ Kg Basilicata 44 229.712 9,67 4,43 Sud 734 6.985.743 7,76 6,02 Italia 3.579 29.827.761 6,45 7,4 2002 Basilicata 52 297.421 9,77 5,58 Sud 860 8.235.396 7,86 5,98 4.214 33.842.657 6,9 7,51 Italia 2003 Basilicata 46 245.788 10,61 6,76 Sud 909 8.121.198 8,55 6,3 Italia 4.587 35.617.299 6,95 7,61 2004 Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004

Cac 0,46 0,98 0,67 0,66 0,87 0,82 0,5 0,96 0,72

Cgind 14,56 14,76 14,52 16,02 14,71 15,22 17,87 15,81 15,28

Crd 17,65 21 8,96 31,98 22,7 9,46 19,03 21,3 9,37

Ctr 1,2 2,06 2,56 0,77 1,47 2,65 0,1 1,78 2,64

Cgd 18,85 23,05 11,52 32,74 24,17 12,11 19,13 23,08 12,01

Csl 6,65 4,01 3,23 6,36 4,28 3,32 6,13 4,38 3,22

Cc 0,35 1,11 2,27 0,39 1,19 2,4 0,36 1,48 2,51

Ck 0,13 0,73 1,29 0,43 0,73 1,26 0,11 0,62 1,23

Ctot 22 21,29 20,6 24,35 21,65 21,11 24,56 23,02 21,3

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 85 di 85

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

2.3.2

Analisi dei costi di gestione delle frazioni di rifiuto differenziato Nel seguito sono riportati i risultati dellanalisi dei costi di gestione delle raccolte differenziate per le

principali frazioni merceologiche dei RU (fonte dei dati: elaborazioni APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004). In particolare, per ciascuna frazione sono stati determinati i seguenti costi: Costo specifico pro capite annuo (Costoab): il rapporto tra i costi totali di gestione della RD (ovvero la somma dei costi di raccolta/trasporto, Crd, e dei costi trattamento/riciclo, Ctr) ed il numero degli abitanti residenti nei Comuni campione; Costo specifico per kg di materiale raccolto (Costokg) come rapporto tra i costi totali di gestione della RD ed il quantitativo totale raccolto nei Comuni campione. Nella seguente tabella sono riportati i costi di gestione della raccolta differenziata di carta e cartone, con riferimento, in particolare, ai rifiuti appartenenti ai codici CER 150101 e 200101. Nel 2004 la raccolta pro capite in Provincia di Potenza stata di 11,1 kg/abxanno, ovvero quattro volte inferiore del dato nazionale (46,5 kg/abxanno), e i costi specifici affrontati sono stati di 6,43 cent/kg ovvero leggermente inferiore agli 8,73 cent/kg riscontrati a livello nazionale, ma decisamente inferiori rispetto al dato medio del Sud Italia (14,44 cent/kg).
Tab 2.28 Costi e quantit della raccolta differenziata di carta e cartone nel 2004 Comuni Abitanti Quantit Costi Costi Costi n * n * totali t/a CER CER totali 150101 200101 /a /a /a

Raccolta Costo pro /abxa capite Kg/abxa

Costo cent/Kg

Provincia Potenza
Basilicata Sud Italia

6
8 304 2.246

41664
56.338 4.925.609

463,6
619,9 84.900,0

8501
8.501 4.690.425

21296
41.348 7.565.146

29797
49.849

11,1
11

0,72
0,88 2,49 4,06

6,43
8,04 14,44 8,73

12.255.571 17,2

19.581.701 911.487,6 21.927.600 57.612.506 79.540.106 46,5

Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004 Note: * riferito a quei Comuni che hanno fornito tutte le informazioni necessarie per tale analisi

il dato raccolta pro capite in Provincia (3,2 kg/abxanno) risultato essere 12 volte inferiore del dato nazionale (25,6 kg/abxanno), ma il costo di 20,64 cent/kg superiore di quasi tre volte il dato medio nazionale ( 7,20 cent/kg) che a quello medio del Sud Italia, che risulta essere di ben 13,94 cent/kg. Si sottolinea inoltre che il costo pro capite annuo in Provincia di Potenza (0,65 /abxanno), nel 2004, risultato essere un terzo di quello medio nazionale (1,85 /abxanno).
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 86 di 86

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Tab 2.29 Costi e quantit della raccolta differenziata del vetro nel 2004 Comuni Abitanti Quantit Quantit Quantit Costi n * n * CER CER totali CER 150107 200102 t 150107 t/a t/a /a

Costi CER 200102 /a

Costi totali /a

Raccolta Costo Costo pro/ capite abxa cent/ Kg/ Kg abxa

Provincia 8 Potenza
Basilicata Sud Italia 9 323 2.092

48.954
58.283 4.468.793

66
102 26.455

89
89 11.946 27.813

155
191 38.402 409.468

8.423
20.204 1.061.935

23.554
23.554 4.290.918

31.977
43.758 5.352.853

3,2
3,3 8,6

0,65
0,75 1,20 1,85

20,64
22,91 13,94 7,20

15.968.928 381.655

18.967.388 10.498.157 29.465.545 25,6

Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004 Note: * riferito a quei Comuni che hanno fornito tutte le informazioni necessarie per tale analisi

In merito alla raccolta differenziata della plastica (rifiuti appartenenti ai codici CER 150102 e 200139) nel 2004, per i pochi Comuni campione (6 su 100), la raccolta pro capite stata di 0,8 kg/abxanno contro gli 8,2 kg/abxanno mediamente raccolti in tutta Italia. Per ogni kg di plastica raccolta sono stati spesi mediamente 44,54 centesimi di , ovvero la spesa stata superiore sia del dato nazionale (20,72 cent/kg) sia del dato del Sud Italia (35,85 cent/kg). Se si valuta la spesa pro capite, in Provincia di Potenza stato speso cinque volte meno dellItalia in generale (1,69 /abxanno).
Tab 2.30 Costi e quantit della raccolta differenziata della plastica nel 2004 Comuni Abitanti Quantit Quantit Quantit Costi n * n * CER CER totali CER 150102 200139 t 150102 t/a t/a /a

Costi CER 200139 /a 1.449 6.597 630.274

Costi totali /a 15.838 31.556 3.022.483

Provincia 6 Potenza
Basilicata Sud Italia 9 270 1.879

42.223 62.461 4.076.683

33 103 6.820

2 2 1.611 6.183

35,6 105,1 8.431,1

14.389 24.959 2.392.209

Raccolta procapite Kg/ abxa 0,8 1,7 2,1

Costo Costo / abxa cent/ Kg 0,38 0,51 0,74 1,69 44,54 30,02 35,85 20,72

16.231.804 126.378

132.561,5 25.074.887 2.396.852 27.471.739 8,2

Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004 Note: * riferito a quei Comuni che hanno fornito tutte le informazioni necessarie per tale analisi

Nella seguente tabella sono riportati i costi di gestione della raccolta differenziata dei metalli, con riferimento, in particolare, ai rifiuti appartenenti ai codici CER 150104 e 200140. Nel 2004 la raccolta pro capite in Provincia di Potenza stata di 1,3 kg/abxanno, molto inferiore del dato nazionale (8,3 kg/abxanno), e i costi specifici affrontati sono stati di 38,98 cent/kg ovvero molto
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 87 di 87

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

superiore ai 7,21 cent/kg riscontrati a livello nazionale, superiore al dato medio del Sud Italia (17,36 cent/kg).
Tab 2.31 Costi e quantit della raccolta differenziata dei metalli nel 2004 Comuni Abitanti Quantit Quantit Quantit Costi n * n * CER CER totali CER 150104 200140 t 150104 t/a t/a /a

Costi CER 200140 /a 2.918 4.318 525.557

Costi totali /a 3.918 5.318 615.971

Provincia 2 Potenza
Basilicata Sud Italia 3 79 1.158

8.010 13.355 2.633.077 9.373.033

1
24 2.088 29.866

10
10 1.461 47.703

10
33 3.549 77.569

1000
1.000 90.414

Raccolta procapite Kg/ abxa 1,3 2,5 1,3 8,3

Costo Costo / abxa cent/ Kg 0,49 0,40 0,23 0,60 38,98 16,09 17,36 7,21

1.372.483 4.220.739 5.593.222

Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004 Note: * riferito a quei Comuni che hanno fornito tutte le informazioni necessarie per tale analisi

Per quanto riguarda la raccolta del legno (codici CER 150103, 200137 e 200138) mancano i dati della Provincia nel Rapporto Apat, mentre i dati dei tessili (codici CER 200110 e 200111) si riferiscono ad un Comune campione.
Tab 2.32 Costi e quantit della raccolta differenziata dei tessili nel 2004 Comuni Abitanti Quantit Costi Raccolta Costo Costo n * n * totali totali pro/ /a capite abxa cent/ t/a Kg/ Kg abxa Provincia 1 17.138 19,4 7.907 1,133 0,46 40,72

Potenza
Basilicata Sud Italia 2 15 205 26.467 19,8 7.933 596.882 898.417 0,750 1,140 1,572 0,30 0,48 0,36 39,98 42,11 22,69 1.242.968 1.417,4 2.518.201 3.959,1

Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004 Note: * riferito a quei Comuni che hanno fornito tutte le informazioni necessarie per tale analisi

Infine mancano i dati sulla raccolta differenziata della frazione umida (codici CER, 200108 e 200302), in quanto la raccolta nulla.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 88 di 88

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Fig. 2.33 Costi procapite per la raccolta differenziata


C o s ti p r o c a p ite p e r la R D d i c ia s c u n a fra z io n e m e r c e o lo g ic a ( 2 0 0 4 )

4 ,5 4

euro/ abitante* anno

3 ,5 3 2 ,5 2 1 ,5 1 0 ,5 0

c a rta

v e tro

p la s tic a

m e ta lli

te s s ili

P ro v in c ia P o te n za

B a s ilic a ta

S ud

Ita lia

Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004 Fig. 2.34 Costi specifici per la raccolta differenziata
Costi specifici per Kg di raccolta differenziata di ciascuna frazione merceologica ( 2004)
50 45

eurocentesimi/ Kg

40 35 30 25 20 15 10 5 0

carta

vetro

plastica

metalli

tessili

Provincia Potenza

Basilicata

Sud

Italia

Fonte: elaborazione dati APAT su MUD 2005 relativo allanno 2004

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 89 di 89

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

3 QUADRO PROGRAMMATICO
3.1 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI PIANO Lattuale sistema di gestione dei rifiuti urbani in Provincia di Potenza deve essere necessariamente oggetto di rilevanti interventi di ristrutturazione negli anni a venire, al fine di garantirne non solo la conformit alle disposizioni di legge vigenti, ma anche la sostenibilit e solidit tecnico-ambientale. Per conseguire importanti risultati, lattuale sistema di gestione dei rifiuti deve intervenire efficacemente con le seguenti azioni: invertire lattuale tendenza alla crescita della produzione di rifiuti (infatti negli anni dal 2000 al 2006 mostrano una incremento medio annuo pari al 2,59%, con picchi in alcuni anni del 45%). massimizzare le opportunit di recupero di materia dai rifiuti, attraverso lo sviluppo delle raccolte differenziate, finalizzate sia al reinserimento nei cicli produttivi di materie prime da esse derivate sia alla produzione di compost con valorizzazione del contenuto organico del rifiuto in termini agronomici; garantire il pretrattamento dei rifiuti non intercettati dalle raccolte differenziate, al fine di assicurare un miglior controllo delle fasi di smaltimento finale e una riduzione degli impatti ambientali ad esse associati; valorizzare le opportunit di recupero energetico dei rifiuti, attraverso processi di assoluta garanzia dal punto di vista delle prestazioni ambientali associate; contenimento dei costi di Gestione; perseguimento del principio di prossimit nello smaltimento dei rifiuti; raggiungere lautosufficienza nello smaltimento dei rifiuti nellambito territoriale ottimale (ATO) minimizzare le necessit di smaltimento in discarica, puntando sul lungo periodo al tendenziale annullamento del flusso di rifiuti cos destinati; migliorare i controlli ambientali in tale settore; favorire linformazione ambientale ed i comportamenti corretti della cittadinanza. Inoltre si ritenuto opportuno provvedere comunque ad adeguare gli obiettivi di raccolta differenziata ai pi recenti indirizzi normativi (si veda Legge Finanziaria 2007, n. 296 del 27 dicembre

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 90 di 90

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

2006), che individuano allanno 2011 un obiettivo da conseguirsi a livello di Ambito Territoriale Ottimale pari al 60%. Relativamente alle opportunit di recupero energetico dei rifiuti, si conferma innanzitutto la previsione di avvio a cementifici di una frazione qualificata a CDR. Per quanto riguarda la gestione del rifiuto bioessiccato o sopravallo da trattamenti meccanici eccedente la quota destinabile come CDR a cementifici, cos come di altri rifiuti di derivazione urbana non pi opportunamente valorizzabili come materia (es. scarti da attivit di recupero delle raccolte differenziate o dei processi di compostaggio), si individua principalmente il trattamento termico come destino di riferimento, essendo tale scelta tecnologica funzionale allulteriore recupero di energia dai rifiuti e alla minimizzazione delle necessit di smaltimento in discarica, in linea con la gerarchia per la gestione dei rifiuti definita dal quadro normativo vigente in ambito europeo e nazionale. Al fine di garantire leffettivo pieno allineamento alla suddetta gerarchia delle priorit di gestione, privilegiando innanzitutto i tempi della prevenzione e riduzione dei rifiuti e del loro recupero di materia, il Piano Provinciale prevede comunque procedure attuative relative al completamento e potenziamento dellimpiantistica di trattamento/ stabilizzazione. Linsieme degli interventi previsti sulle diverse componenti del sistema rifiuti (dalla produzione e raccolta differenziata al pretrattamento e trattamento biologico/ termico) consentiranno quindi la massima riduzione dei flussi di rifiuti da destinarsi a discarica, essendo tali impianti destinati ad assumere una funzione puramente residuale.

3.2

GLI AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Lattivit di gestione dei rifiuti urbani realizzata mediante un sistema integrato, articolato in Ambiti Territoriali Ottimali (ATO). Lindividuazione degli ATO stata effettuata secondo i seguenti criteri: superamento della frammentazione delle gestioni; conseguimento di adeguate dimensioni gestionali, definite sulla base di parametri fisici, demografici, tecnici e sulla base delle ripartizioni politico amministrative; adeguata valutazione del sistema stradale e ferroviario di comunicazione al fine di ottimizzare i trasporti allinterno dellATO;
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 91 di 91

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

valorizzazione di esigenze comuni e affinit nella produzione e gestione dei rifiuti; ricognizione di impianti di gestione di rifiuti gi realizzati e funzionanti; . Sono in particolare individuati e delimitati i seguenti ATO: ATO n. 1 - costituito dai Comuni compresi nella Provincia di Potenza; ATO n. 2 - costituito dai Comuni compresi nella Provincia di Matera.

Allinterno di ogni ATO devono essere garantiti: gli obiettivi di raccolta differenziata definiti nel Piano; lautosufficienza di smaltimento; la presenza di almeno un impianto di trattamento a tecnologia complessa con discarica di servizio. Allinterno di ogni ATO deve essere costituita una Autorit dAmbito, alla quale partecipano obbligatoriamente gli Enti Locali e alla quale trasferito lesercizio delle loro competenze in materia di gestione integrata dei rifiuti. LAutorit dAmbito organizza il servizio di gestione integrata dei rifiuti e determina obiettivi da perseguire per garantirne la gestione secondo criteri di efficacia, efficienza, economicit e trasparenza, nel rispetto delle indicazioni del Piano Regionale. A tal fine, lAutorit dAmbito predispone il Piano dAmbito, nel quale sono definite procedure e modalit, anche su base pluriennale, per il conseguimento degli obiettivi del Piano Regionale.

3.3

PRODUZIONE DEI RIFIUTI URBANI

3.3.1

Gli interventi previsti per la prevenzione e riduzione della produzione di rifiuti L'opportunit di attuare misure di contenimento degli attuali incrementi di produzione di rifiuti, o

delle loro caratteristiche di pericolosit, deriva dal verificarsi di una crescita continua delle quantit di rifiuti prodotte, con un'ancor pi accentuata crescita dei volumi in gioco. Si sottolinea inoltre l'importanza di non sottovalutare la crescente complessit, eterogeneit di composizione e pericolosit dei rifiuti.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 92 di 92

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Al fine di unincisiva azione sulle dinamiche in atto di crescita della produzione di rifiuti, per arrivare a uninversione di tendenza che consenta il raggiungimento di traguardi ambientali di particolare rilevanza in termini di prevenzione e riduzione, si dovr predisporre di uno specifico Programma di prevenzione e riduzione della produzione dei rifiuti. In tale programma, che sar soggetto a periodico aggiornamento, saranno esplicitati e dettagliati indirizzi e disposizioni vincolanti nei confronti di tutti i soggetti interessati, oltre a criteri incentivanti o penalizzanti, per la promozione di azioni finalizzate alla prevenzione e riduzione della produzione dei rifiuti da parte di soggetti pubblici e privati. Per il raggiungimento di traguardi ambientali di particolare rilevanza in termini di prevenzione e riduzione, il Piano prevede specifici interventi in materia, quali: la promozione della tariffazione nella gestione dei servizi di raccolta dei rifiuti, in particolare nella sua forma di tariffazione puntuale, vista come strumento per la responsabilizzazione dei produttori, in linea con il principio del polluter-pays (chi inquina paga), e conseguemente come incentivo allutente dei servizi di raccolta alla riduzione dei rifiuti generati; il rilancio della pratica dellautocompostaggio domestico dei rifiuti, ove compatibile in particolare con le caratteristiche del tessuto residenziale (presenza di giardini), con possibilit quindi di gestione in proprio da parte dei cittadini di quota parte dei rifiuti organici e verdi prodotti; lautocompostaggio consente non solo di sgravare il sistema dei servizi di raccolta di parte della produzione di rifiuti compostabili, con conseguenti benefici gestionali e economici diretti, ma rappresenta anche unimportante opportunit di presa di coscienza da parte dei cittadini delle problematiche ambientali legate al mondo rifiuti, avendo quindi una significativa valenza anche comunicativa e educativa; il rilancio delle attivit di finanziamento dei progetti comunali per la riduzione dei rifiuti, al fine di stimolare la diffusione e applicazione di buone pratiche a livello locale, anche attraverso iniziative aventi carattere particolarmente innovativo dal punto di vista comunicativo e di partecipazione dei cittadini; la promozione di accordi finalizzati al contenimento della produzione di rifiuti da imballaggio, con il coinvolgimento di Consorzi di Filiera, Associazioni di categoria, Associazione ambientaliste, per la divulgazione di buone pratiche di progettazione e realizzazione di imballaggi che consentano la minore produzione di rifiuti;

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 93 di 93

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

la promozione di accordi finalizzati al contenimento dellutilizzo degli imballaggi nella Grande Distribuzione Organizzata, per lattuazione di specifici progetti orientati alla riduzione dei quantitativi di rifiuti da imballaggio generati dalle catene della GDO; la promozione di accordi con il settore del commercio per la diffusione di marchi ecologici, con conseguenti benefici in termini di maggiore consapevolezza ecologica negli acquisti da parte dei consumatori e riduzione dei quantitativi di rifiuti prodotti, in particolare rifiuti da imballaggio; la promozione dellimplementazione del Green Public Procurement negli Enti Pubblici presenti sul territorio provinciale, attraverso lerogazione di uno specifico percorso formativo mirato allinserimento di criteri di qualit ambientale nelle scelte di prodotti e servizi da parte della Pubblica Amministrazione, con conseguenti ricadute positive rispetto ai rifiuti da essa generati; lintensificazione di azioni tendenti alla diffusione dei sistemi di gestione ambientale (ecomanagement, certificazione EMAS); lavvio di progetti di comunicazione mirati alla sensibilizzazione verso le tematiche della gestione sostenibile dei rifiuti, rivolti al mondo della scuola, ai cittadini, alle imprese. Lattuazione delle suddette politiche, improntate ai principi di sostenibilit ambientale, con la predisposizione in particolare del sopra menzionato Programma di prevenzione e riduzione della produzione dei rifiuti, porteranno di sicuro a una riduzione degli incrementi attuali (media annua 2,59% con valori annuali di crescita anche del 4-5%). La riduzione cos prevista, rispetto alle dinamiche ad oggi in atto di significativa crescita dei rifiuti, rappresenta una netta inversione di tendenza e un traguardo senzaltro impegnativo, che potr essere conseguito attraverso la partecipazione allargata di tutti i soggetti interessanti in senso esteso il sistema rifiuti (produttori di beni e servizi, cittadini consumatori, operatori del settore, enti locali e amministrazioni pubbliche in genere). Poter considerare una riduzione in senso assoluto delle produzioni rispetto alla situazione attuale non realistico in quanto la Regione Basilicata produce gi un pro-capite tra i pi bassi dItalia. (Fig 3.1)

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 94 di 94

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Fig 3.1 Produzione pro-capite dei rifiuti urbani per Regione (Kg/abitante per anno) anno 2006- Dati Apat

3.3.2

Evoluzione quantitativa e qualitativa dei rifiuti La valutazione degli effetti attesi dallattuazione di azioni di Piano orientate alla prevenzione e

riduzione dei rifiuti difficilmente determinabile in termini numerici, in quanto sono condizionati da una molteplicit di fattori legati soprattutto a quelle che saranno le effettive modalit realizzative e la risposta e il grado di partecipazione da parte dei diversi soggetti interessati (cittadini, imprese, amministrazioni pubbliche, ecc.). La complessit del sistema interessato tale da consentire solo una valutazione di massima dei benefici attesi, valutazione che deve essere assunta non tanto come sintesi di valutazioni analitiche sviluppate per i diversi elementi in gioco, quanto come espressione di un obiettivo di indirizzo generale da assumere come

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 95 di 95

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

riferimento negli anni a venire per un monitoraggio e una verifica dellevoluzione in atto del sistema rifiuti provinciale, rispetto alle ipotesi pianificatorie di Piano. In considerazione di quanto sopra esposto, nello sviluppare delle previsioni di evoluzione della produzione di rifiuti urbani finalizzate alle analisi del presente Piano Provinciale, si ritenuto opportuno ricondursi allevoluzione delle produzioni dei rifiuti, rilevati negli anni dal 2000 al 2006 che mostrano un incremento medio annuo pari al 2,59%.

Si quindi ipotizzata una contrazione del 20% del tasso stesso in funzione dei benefici attesi dalle
politiche di riduzione dei rifiuti che potranno essere sviluppate a partire da indicazioni presenti nel Piano Provinciale. Ci si traduce in un incremento medio previsto su base complessiva pari al 2% annuo. Si ritiene che tale assunzione rappresenti un adeguata mediazione tra: il principio di cautela che, nello sviluppare delle valutazioni sui fabbisogni futuri attesi di trattamento e smaltimento dei rifiuti, non pu prescindere dal valutare i processi di crescita dei rifiuti tuttora in atto; lobiettivo generale che la pianificazione si data di contenimento della produzione dei rifiuti, ovvero in una previsione di riduzione degli attuali trend di crescita. Nella fase preliminare si ritiene realistico muoversi anche nello scenario seguente, pi conservativo: basso incremento delle produzioni (2% annuo); alto incremento delle produzioni (3% annuo).

In tale ipotesi i quantitativi complessivi prodotti in Provincia sono riportati per il periodo 2008-2018 nel grafico seguente.
Stima delle produzioni di rifiuti in provincia
Basso incremento Alto incremento

600 500 400 300 200 100 0 2008

ton/giorno

2010

2012

2014 anno

2016

2018

Figura 3.2 previsione dellevoluzione della produzione di rifiuti in provincia.


SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 96 di 96

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

I due scenari sopra riportati si discostano di circa 56 ton/giorno al 2018 equivalenti al 11% in aumento rispetto allo scenario di basso incremento. Per far fronte a tale indeterminazione, pur ritenendo che

limpiantistica necessaria vada dimensionata in relazione allo scenario di basso incremento (che
una finalit specificamente perseguita dallamministrazione provinciale) si ritiene altres opportuno prevedere margini operativi sugli impianti tali da assorbire incrementi superiori alle previsioni. In ogni caso limpiantistica programmata dovr avere un grado di elasticit operativa tale da adeguarsi con semplici modifiche ed integrazioni ad eventuali mutate esigenze. In base ai dati attualmente disponibili levoluzione della qualit dei rifiuti urbani della Provincia caratterizzata da una progressiva riduzione delle frazioni organiche e da un aumento delle frazioni ad alto contenuto energetico come carta e plastica. Sostanzialmente stabili si possono prevedere gli andamenti delle produzioni di vetro inerti e metalli che rappresentano complessivamente circa il 12% (comprensivo di un 3% contenuto nel sottovaglio). In particolare, a regime (2011) si valuta una prevalenza del rifiuto organico (30,1%) della carta (21,2%) e della plastica (18,4%). Metalli e vetro coprono quote comprese tra il 3,9% e 4,8%.

Tabella 3.1 Evoluzione della qualit dei rifiuti nel periodo di programmazione media provinciale 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 Organico Plastica Carta Metalli Vetro Tessili.. Sottovaglio

32,0% 31,5% 31,0% 30,6% 30,1% 29,7% 29,2% 28,8% 28,4% 27,9% 27,5% 27,1%

17,0% 17,3% 17,7% 18,0% 18,4% 18,8% 19,1% 19,5% 19,9% 20,3% 20,7% 21,1%

20,0% 20,3% 20,6% 20,9% 21,2% 21,5% 21,9% 22,2% 22,5% 22,9% 23,2% 23,6%

4,0% 4,0% 4,0% 3,9% 3,9% 3,9% 3,9% 3,9% 3,8% 3,8% 3,8% 3,8%

5,0% 5,0% 4,9% 4,9% 4,8% 4,8% 4,7% 4,7% 4,6% 4,6% 4,5% 4,5%

6,0% 6,1% 6,1% 6,2% 6,2% 6,3% 6,4% 6,4% 6,5% 6,6% 6,6% 6,7%

16,0% 15,9% 15,7% 15,5% 15,3% 15,1% 14,8% 14,5% 14,2% 13,9% 13,6% 13,2%

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 97 di 97

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

3.4 3.4.1

IL SISTEMA DEI SERVIZI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI Gli obiettivi di raccolta differenziata Il Piano riprende e conferma gli obiettivi di raccolta differenziata definiti a livello nazionale dalla

Legge Finanziaria 2007 (L. 27 dicembre 2006, n. 296): - 40% di raccolta differenziata al 2007 ( non determinabile); - 50% di raccolta differenziata al 2009; - 60% di raccolta differenziata al 2011. Tali obiettivi sono perseguibili attraverso lestensione a tutti i centri urbani di una raccolta differenziata spinta inizialmente sulle frazioni secche per le quali si pu disporre gi di impianti di selezione e rilavorazione, e successivamente sulla frazione umida biodegradabile per la quale accorre disporre di impianti di trattamento (compostaggio) attualmente non presenti in Provincia.

Complessivamente si pu considerare la seguante progressione di intercettazione dei singoli materiali.


Tabella 3.2 Evoluzione della raccolta differenziata nel periodo di programmazione anno 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 Organico Carta 0% 45% 50% 65% 65% 65% 65% 65% 65% 65% 65% 45% 65% 65% 70% 70% 70% 70% 70% 70% 70% 70% Plastica 20% 45% 50% 55% 55% 55% 55% 55% 55% 55% 55% Metalli 25% 50% 60% 70% 70% 70% 70% 70% 70% 70% 70% Vetro 35% 60% 70% 80% 80% 80% 80% 80% 80% 80% 80% Tessili.. 20% 50% 50% 50% 50% 50% 50% 50% 50% 50% 50% Sottovaglio 15% 30% 35% 40% 40% 40% 40% 40% 40% 40% 40%

In base alle intercettazioni previste verranno raccolti i quantitativi procapite di frazioni differenziate come riportate nella tabella seguente.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 98 di 98

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Tabella 3.3 Quantitativi di materiali intercettati dalla raccolta differenziata nel periodo di programmazione media provinciale Anno Pro-capite Organico Plastica Carta Metalli (kg/ab*d) 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 0,000 0,151 0,169 0,221 0,222 0,224 0,226 0,227 0,229 0,231 0,233 0,082 0,124 0,129 0,145 0,152 0,158 0,165 0,172 0,179 0,187 0,195 0,043 0,100 0,115 0,132 0,137 0,142 0,147 0,153 0,159 0,165 0,171 0,010 0,021 0,026 0,031 0,031 0,032 0,033 0,033 0,034 0,034 0,035 0,018 0,032 0,037 0,043 0,044 0,044 0,045 0,046 0,046 0,047 0,047 0,013 0,033 0,034 0,035 0,036 0,038 0,039 0,040 0,041 0,043 0,044 0,025 0,051 0,060 0,069 0,069 0,070 0,070 0,070 0,070 0,070 0,070 Vetro Tessili.. Sottovaglio totale (kg/ab*d) 0,192 0,511 0,571 0,676 0,692 0,708 0,725 0,742 0,759 0,777 0,795

Per effetto delle sottrazioni operate a mezzo della raccolta differenziata il materiale residuo subir una sensibile variazione qualitativa. Nella tabella seguente si riporta a composizione del tal quale residuo da assumere a base del dimensionamento dei trattamenti successivi (vagliatura, stabilizzazione, combustione) da effettuare sulla stessa frazione.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 99 di 99

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Tabella 3.4 Evoluzione della qualit del rifiuto indifferenziato a valle della raccolta differenziata nel periodo di programmazione media provinciale Pro-capite anno Organico Plastica Carta Metalli (kg/ab*d) 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 0,332 0,184 0,169 0,119 0,120 0,121 0,122 0,122 0,123 0,124 0,125 0,101 0,067 0,070 0,062 0,065 0,068 0,071 0,074 0,077 0,080 0,084 0,171 0,122 0,115 0,108 0,112 0,116 0,121 0,125 0,130 0,135 0,140 0,031 0,021 0,017 0,013 0,013 0,014 0,014 0,014 0,014 0,015 0,015 0,034 0,021 0,016 0,011 0,011 0,011 0,011 0,011 0,012 0,012 0,012 0,051 0,033 0,034 0,035 0,036 0,038 0,039 0,040 0,041 0,043 0,044 0,142 0,118 0,111 0,103 0,104 0,105 0,105 0,105 0,105 0,105 0,105 Vetro Tessili.. Sottovaglio totale (kg/ab*d) 0,863 0,567 0,532 0,452 0,462 0,472 0,482 0,492 0,503 0,514 0,525

Figura 3.3 Evoluzione della quantit procapite giornaliera del rifiuto nel periodo di programmazione

Andamento della quantit dei rifiuti differenziati e dei rifiuti indifferenziati nel periodo di programmazione
1,400 1,200 1,000

Kg/ abitante*giorno

0,800 0,600 0,400 0,200 0,000 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018

diffrenziato

indifferenziato

anno

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 100 di 100

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

3.5

SCENARI EVOLUTIVI E LORO COMPARAZIONE ENERGETICO- AMBIENTALE

La futura gestione dei rifiuti deve tener conto della fondamentale priorit costituita dalla necessit di conseguire complessivamente migliori prestazioni ambientali; lobiettivo di una maggiore sostenibilit ambientale deve essere progressivamente conseguito grazie allo sviluppo di azioni che interessino lintera filiera della gestione dei rifiuti sulla base delle priorit di intervento definite dalla normativa. Nel percorso di predisposizione del Piano, si sviluppata e sottoposta alla valutazione una fase preliminare di definizione di possibili scenari evolutivi alternativi del sistema di gestione dei rifiuti. Tali scenari alternativi sono stati in particolare messi a confronto tra loro e rispetto alla situazione attuale, sulla base di parametri tecnico ed ambientali ritenuti di particolare interesse. Questo al fine di fornire importanti elementi di supporto nella comprensione degli effetti derivanti dalle scelte di Piano. Nel seguito, si presentano le assunzioni effettuate nellambito di tali analisi e le relative risultanze.

3.5.1

Introduzione alla valutazione energetico- ambientale

La misura e valutazione della sostenibilit ambientale delle possibili scelte alternative in materia di gestione dei rifiuti pu essere condotta attraverso limpiego di indicatori appropriati, che agevolino il processo decisionale alla base della definizione dello strumento pianificatorio. Si considerino in particolare gli obiettivi e le indicazioni definite in materia di: contenimento del fabbisogno di discarica; procedure localizzative degli impianti che tengano conto di tutte le previsioni di carattere territoriale e ambientale interessanti il territorio e che garantiscano il miglior inserimento ambientale, sia in relazione alle nuove realizzazioni sia per gli eventuali impianti esistenti e relativi ampliamenti collocati in aree critiche; distribuzione territoriale dei carichi ambientali, con forte preferenzialit attribuita alle previsioni localizzative di impianti collocati nellambito delle aree maggiormente deficitarie; definizione di standard tecnici di riferimento per limpiantistica di trattamento e smaltimento rifiuti prevista nel Piano, in relazione anche alle prestazioni ambientali minime che devono essere conseguite dagli impianti.

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 101 di 101

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Appare quindi di particolare interesse sviluppare, in forma complementare, unanalisi comparativa delle diverse opzioni pianificatorie finalizzata alla loro valutazione con riferimento ad una scala territoriale ben pi ampia. Il riferimento in particolare agli impegni definiti e alle azioni sviluppate negli ultimi anni a livello nazionale e internazionale orientate alla riduzione delle emissioni di gas climalteranti, allaumento dellefficienza energetica, allo sviluppo della produzione di energia da fonti rinnovabili. A 10 anni dalla redazione e approvazione del Protocollo di Kyoto nellambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici, entrata in vigore nel febbraio 2005, particolarmente importante risulta essere lo sviluppo di azioni anche a livello locale che siano orientate al conseguimento degli obiettivi assunti. In particolare, il traguardo attualmente fissato rappresentato dalla riduzione a livello mondiale delle emissioni dei sei principali gas climalteranti del 5,2% rispetto allanno 1990, obiettivo da conseguirsi tra il 2008 e il 2012 (lobiettivo del 6,5% per lItalia). A fronte in realt di una crescita tuttora in atto delle emissioni, quanto mai urgente arrivare a una inversione di tendenza che scongiuri i rischi di aggravamento della salute del Pianeta determinati dal surriscaldamento in atto. Si consideri a titolo esemplificativo come il mese di luglio 2006 sia risultato essere, sulla base di serie storiche di dati ufficiali disponibili dal 1880, il terzo pi caldo mai registrato. Indicazioni forti in tal senso vengono dal recente rapporto dellIPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), discusso e approvato il 2 febbraio 2007 a Parigi, nel quale si indica tra laltro una previsione di aumento della temperatura media globale entro il 2100 compreso tra 1,5 e 4,5C, con un valore ritenuto pi probabile pari a ca. 3C. In relazione alle cause dellinnalzamento della temperatura in atto, lIPCC ha quindi indicato come questo fenomeno sia da considerarsi di origine antropica, con una probabilit ormai pari al 90%. Le pi opportune modalit di intervento per il conseguimento degli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto sono state delineate gi nel 1998 dal Comitato Interministeriale per la programmazione economica (CIPE), nel documento Linee guida per le politiche e misure nazionali di riduzione delle emissioni dei gas serra, evidenziando in particolare la stretta correlazione tra tematiche emissive ed energetiche: aumento dellefficienza nel parco termoelettrico; riduzione dei consumi energetici nel settore dei trasporti; produzione di energia da fonti rinnovabili; riduzione dei consumi energetici nei settori industriale/ abitativo/ terziario; riduzione delle emissioni nei settori non energetici; assorbimento delle emissioni di CO2 dalle foreste.
SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI Luglio 2008 Pagina 102 di 102

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

Un importante contributo alle strategie definite a livello nazionale pu derivare anche da quanto ruota intorno al mondo dei rifiuti, dalla loro produzione e raccolta allavvio a recupero, trattamento o smaltimento finale, cos come attestato in studi di settore condotti in anni recenti (si veda al riguardo innanzitutto lo studio redatto nel 2001 da AEA Technology per la DG Ambiente della Commissione Europea Waste management options and climate change). Nellambito del presente Piano provinciale si pertanto ritenuto di interesse introdurre nel processo di definizione delle previsioni pianificatorie anche una valutazione degli aspetti emissivi e energetici. Nei seguenti capitoli si illustrano il percorso metodologico seguito, le assunzioni effettuate e i risultati finali dellanalisi condotta. Le valutazioni energetico ambientali presentate sono state effettuate al fine di confrontare la situazione attuale ed i possibili scenari evolutivi allanno 2018. La situazione attuale da intendersi riferita allanno 2007 per quanto riguarda il calcolo dei flussi dei Comuni presso gli impianti di trattamento e smaltimento dei rifiuti e al 2006 per il calcolo di recupero da materia. La valutazione stata condotta analizzando le diverse fasi che compongono il ciclo di gestione dei rifiuti: trasporto dei rifiuti agli impianti di trasferimento, trattamento e smaltimento; avvio a recupero di materia dei rifiuti, in sostituzione di materie prime vergini; trattamento/smaltimento dei rifiuti. Per ciascuna di esse si sono analizzate le implicazioni energetico-ambientali con riferimento in particolare a due parametri di valutazione: bilancio energetico, espresso in termini di Tonnellate di Petrolio Equivalente (TEP/anno); bilancio emissivo di gas climalteranti, espresso in termini di CO2 equivalente. Nel bilancio energetico e in quello emissivo, valori minori di zero delle grandezze espresse in TEP o KgCO2 indicano benefici legati a minori consumi o minori emissioni 3.5.2 Scenari per la comparazione

In particolare, si sono definiti i scenari cosi sinteticamente caratterizzati: SCENARIO 0: previsioni di produzione rifiuti al 2018 formulate sulla base del trend di crescita ricavato da interpolazione lineare delle serie storiche (dal 1995 al 2005),senza obiettivi specifici sulla percentuale di

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 103 di 103

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

raccolta differenziata e sul contenimento della produzione dei rifiuti alla fonte e considerando il funzionamento degli impianti e i relativi flussi relativi all'anno 2006; SCENARIO 1: la produzione dei rifiuti ha avuto un incremento medio annuo dal 2000 al 2006 del 2,6% si ritiene realistico considerare un trend di crescita annuo fino al 2018 del 3% (Alto incremento), considerando inoltre obiettivi specifici sulla percentuale di raccolta differenziata (60%); SCENARIO 1/Recupero: la produzione dei rifiuti ha avuto un incremento medio annuo dal 2000 al 2006 del 2,6% si ritiene realistico considerare un trend di crescita annuo fino al 2018 del 3% (Alto incremento), considerando inoltre obiettivi specifici sulla percentuale di raccolta differenziata (60%) Inoltre si considera il recupero come materia a valle della biostabilizzazione per applicazioni ambientali e il recupero di CDR per impianti non dedicati; SCENARIO 2: la produzione dei rifiuti ha avuto un incremento medio annuo dal 2000 al 2006 del 2,6% si ritiene realistico considerare un trend di crescita annuo fino al 2018 del 2% (Basso incremento), considerando quindi oltre gli obiettivi specifici sulla percentuale di raccolta differenziata (60%) anche il contenimento delle produzioni di rifiuti; SCENARIO 2/Recupero: la produzione dei rifiuti ha avuto un incremento medio annuo dal 2000 al 2006 del 2,6% si ritiene realistico considerare un trend di crescita annuo fino al 2018 del 2% (Basso incremento), considerando quindi oltre gli obiettivi specifici sulla percentuale di raccolta differenziata (60%) anche il contenimento delle produzioni di rifiuti. Inoltre si considera il recupero come materia a valle della biostabilizzazione per applicazioni ambientali e il recupero di CDR per impianti non dedicati

Nel seguito si illustrano gli scenari in forma schematica:

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 104 di 104

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 105 di 105

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 106 di 106

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 107 di 107

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 108 di 108

Piano gestione rifiuti Provincia di Potenza Gestione rifiuti urbani

SEZIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI

Luglio 2008

Pagina 109 di 109

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

3.5.3

Il trasporto agli impianti Per quanto riguarda le fasi di trasporto di rifiuti dalle aree di raccolta agli impianti di trasferimento,

trattamento e smaltimento si preliminarmente definita la situazione allanno 2007

(scenario 0)

considerando gli effettivi destini a trattamento e smaltimento per tutti i principali flussi; sulla base dei destini si sono calcolate le distanze medie percorse e quindi si sono calcolati i consumi ed i relativi impatti. Per la situazione futura (scenario 1- scenario 1 recupero- scenario 2 e scenario 2 recupero) si sono ipotizzate distanze diversificate in funzione delle diverse tipologie di materiali trasportati; si inoltre considerata una evoluzione delle dinamiche di conferimento in modo da garantire quote maggiori di trattamento in ambito provinciale (con diverse accentuazione per taluni flussi di rifiuti nellambito dei diversi scenari in funzione delle relative assunzioni in termini di destini). Lanalisi relativa al trasporto a destino dei rifiuti indifferenziati stata in particolare condotta, sia per lo scenario attuale che per quelli evolutivi, valutando le distanze specifiche intercorrenti tra i singoli Comuni e i rispettivi impianti di riferimento. Per la caratterizzazione dei dati di consumo di carburante ed emissivi si fatto riferimento essenzialmente a banche dati APAT di caratterizzazione del parco veicolare nazionale. La valutazione dei flussi stata effettuata sulla base di dati attinenti la situazione attuale (anno 2007) e quella prevista da Piano per i Comuni della Provincia di Potenza.
Tabella 3.5 principali parametri energetico- emissivi per la caratterizzazione dei veicoli adibiti

portata utile mezzo di trasporto da area di raccolta a impianto consumi mezzo di trasporto emissioni mezzo di trasporto

5 t /viaggio per i Comuni 10t/viaggio per Potenza 20 t /viaggio stazione trasferimento 0,316 0,917

tonnellate Kg EP/ Km Kg CO2/ Km

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 110 di 110

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.6 Flussi dei Comuni presso gli impianti (scenario 0)

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 111 di 111

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.7 Flussi dei Comuni presso gli impianti (scenario futuro)

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 112 di 112

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

3.5.4

Il recupero di materia dai rifiuti La definizione degli scenari alternativi da sottoporre alla comparazione energetico ambientale

stata effettuata in prima battuta assumendo un livello di sviluppo delle raccolte differenziate al 2018 pari al 8,3% (% RD attuale); e in seguito nellambito dello scenario individuato come riferimento per il Piano, al 60%, in considerazione degli obiettivi definiti a livello nazionale con la Legge Finanziaria 2007. Il percorso di avvicinamento allobiettivo individuato pu essere basato sulla progressiva estensione sul territorio di sistemi di raccolta differenziata integrata dei rifiuti, basati su raccolte domiciliari, arrivando a regime a servire con sistemi di raccolta domiciliari una quota di popolazione indicativamente pari al 78% del totale provinciale (Tab 3.29).

Per tutti i processi di recupero di rifiuti, incluso il compostaggio, sono stati individuati percentualmente i coefficienti di scarto da avviare a smaltimento (definite in linea con dati medi riscontrati in altre realt territoriali) e i valori da assumere per la quantificazione dei consumi energetici e delle emissioni evitate (essendo entrambi valutati come quantit generate nel processo di recupero, detratte delle quote evitate per leffetto di sostituzione della materia prima vergine). Il dato energetico ed emissivo associato ai recuperi stato quindi valutato moltiplicando i quantitativi in questione per fattori di consumo o emissivi specifici, ricavati essenzialmente dallo studio redatto nel 2001 da AEA Technology per la DG Ambiente della Commissione Europea Waste management options and climate change.
Tabella 3.8 Scarti non recuperabili sui flussi delle RD

Frazione differenziata organico e verde carta plastica vetro tessili metalli multimateriale inerti altro

Quota scarti 10% 5% 12% 4% 10% 10% 20% 10% 10%

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 113 di 113

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.9 Saldi netti energetici ed emissivi associati alle principali frazioni differenziate di rifiuti

Saldo KgEP/ Kg materiale a recupero organico carta plastica vetro legno tessili multimateriale plastica/lattine multimateriale plastica/lattine/vetro inerti altro ingombranti a recupero -0,005 -0,277 -0,663 -0,12 -0,017 -1,445 -1,221 -0,375 -0,006 0 -0,409

Saldo Kg CO2eq/ Kg materiale a recupero -0,04 -0,61 -1,459 -0,263 -2,467 -3,179 -2,687 -0,826 -0,018 0 -1,401

3.5.4.1 Recupero di materia nello Scenario 0 Nel seguente riquadro si riporta quindi il confronto tra i flussi attuali delle frazioni raccolte separatamente e i flussi di rifiuti attesi dalle raccolte differenziate nel 2018 considerando: un trend di crescita della produzione dei rifiuti ricavato da interpolazione lineare delle serie storiche (dal 1995 al 2005); la proiezione dello stato attuale senza obiettivi specifici di raccolta differenziata e di contenimento della produzione dei rifiuti alla fonte; il reale funzionamento degli impianti e i relativi flussi (anno2006).

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 114 di 114

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.10 Confronto tra flussi per frazione merceologica al 2006 e attesi al 2018 (Scenario 0)

Organico Verde Carta e Cartone Imballaggi Vetro Imballaggi Metalli Imballaggi Plastica Imballaggi Legno Tessili Beni durevoli Ingombranti Multimateriale Raccolta selettive Sottovaglio Altre raccolte Totale RD Rifiuto indifferenziato Totale rifiuto prodotto % RD

2006 (t/a) 2018 (t/a) 0,00 0,00 5.670,84 7.349,39 1.043,16 1.351,63 22,20 29,00 857,13 1.111,59 10,89 178,37 504,51 1.892,46 2.453,56 1.727,66 2.239,29 20,06 502,53 1.575,56 12.430 16.110,02 136.873,00 179.400,00 149.303 195.510,02 8% 8%

Tabella 3.11 Confronto tra flussi di rifiuti recuperati (netti)al 2006 e attesi al 2018 (Scenario 0)

recuperi netti da RD Scarti da RD Totale RD

2006 t/a 11.352,01 1.077,80 12.430

2018 t/a 15.104,34 1.005,68 16.110,02

Dalla tabella precedenti possibile calcolare i benefici legati a consumi o emissioni evitate, come riportato nella tabella seguente

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 115 di 115

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.12 Caratterizzazione energetico/ambientale per il recupero di materia (Scenario 0)

Recupero materia netto Organico Verde Carta e Cartone Imballaggi Vetro Imballaggi Metalli Imballaggi Plastica Imballaggi Legno Tessili Beni durevoli Ingombranti Multimateriale Raccolta selettive Altre raccolte Totale

t/a 0,00 0,00 6.981,92 1.297,57 26,10 978,20 0,00 0,00 0,00 2.453,56 1.791,43 0,00 1.575,56 15.104,34

t EP/a 0,00 0,00 -1.933,99 -155,71 -107,76 -648,55 0,00 0,00 0,00 -1.003,50 -2.187,34 0,00 0,00 -6.036,85

t CO2/a 0,00 0,00 -4.258,97 -341,26 -237,08 -1.427,19 0,00 0,00 0,00 -3.437,43 -4.813,58 0,00 0,00 -14.515,52

kg EP/ t rifiuto prodotto 0,00 0,00 -9,89 -0,80 -0,55 -3,32 0,00 0,00 0,00 -5,13 -11,19 0,00 0,00 -30,88

Kg CO2/ t rifiuto recuperato 0,00 0,00 -21,78 -1,75 -1,21 -7,30 0,00 0,00 0,00 -17,58 -24,62 0,00 0,00 -74,24

3.5.4.2 Recupero di materia nello Scenario 1 e Scenario 1/recupero Nel seguente riquadro si riporta quindi il confronto tra i flussi attuali delle frazioni raccolte separatamente e i flussi di rifiuti attesi dalle raccolte differenziate nel 2018 considerando che la produzione dei rifiuti ha avuto un incremento medio annuo dal 2000 al 2006 del 2,6%, si ritiene realistico considerare un trend di crescita annuo fino al 2018 del 3% (Alto incremento); obiettivi specifici sulla percentuale di raccolta differenziata (60%)

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 116 di 116

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.13 Confronto tra flussi per frazione merceologica al 2006 e attesi al 2018 (Scenario 1-Scenario 1 recupero)

2006 (t/a) 2018 (t/a) Organico Verde Carta e Cartone Imballaggi Vetro Imballaggi Metalli Imballaggi Plastica Imballaggi Legno Tessili Beni durevoli Ingombranti Multimateriale Raccolta selettive Altro Totale RD Rifiuto indifferenziato Totale rifiuto prodotto % RD 0,00 32.861,16 0,00 5.670,84 28.617,10 1.043,16 5.456,65 22,20 4.607,84 857,13 25.585,63 10,89 178,37 8.124,35 504,51 1.892,46 1.727,66 20,06 502,53 16.006,17 12.430 121.258,9 136.873,00 80.839,26 149.303 202.098,15 8,3% 60,0%

Tabella 3.14 Confronto tra flussi di rifiuti al 2006 e attesi al 2018 (Scenario 1-Scenario 1 recupero )

recuperi netti da RD Scarti da RD Totale RD

2006 t/a 11.352,0 1.077,8 12.430

2018 t/a 110.379,5 10.879,3 121.258,9

Dalla tabella precedenti possibile calcolare i benefici legati a consumi o emissioni evitate, come riportato nella tabella seguente

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 117 di 117

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Tabella 3.15 Caratterizzazione energetico/ambientale per il recupero di materia (Scenario 1-Scenario 1 recupero)

Recupero materia netto Organico Verde Carta e Cartone Imballaggi Vetro Imballaggi Metalli Imballaggi Plastica Imballaggi Legno Tessili Beni durevoli Ingombranti Multimateriale Raccolta selettive Altre raccolte Totale

t/a 29.575,04 0,00 27.186,24 5.238,38 4.147,05 22.515,35 7.311,91

t EP/a -147,88 0,00 -7.530,59 -628,61 -17.123,19 -14.927,68 -10.565,71

t CO2/a -1.183,00 0,00 -16.583,61 -1.377,69 -37.671,84 -32.849,90 -23.244,56

kg EP/t rifiuto prodotto -0,73 0,00 -37,26 -3,11 -84,73 -73,86 -52,28

Kg CO2/ t rifiuto recuperato -5,85 0,00 -82,06 -6,82 -186,40 -162,54 -115,02

14.405,56 110.379,54

0,00 -50.923,64

0,00 -112.910,60

0,00 -251,97

0,00 -558,69

3.5.4.3 Recupero di materia nello Scenario 2 e Scenario 2/recupero Nel seguente riquadro si riporta il confronto tra i flussi attuali delle frazioni raccolte separatamente (anno 2006) e i flussi di rifiuti attesi dalle raccolte differenziate nel 2018 considerando: un trend di crescita annuo fino al 2018 del 2% (Basso incremento); gli obiettivi specifici sulla percentuale di raccolta differenziata (60%); una diminuzione della produzione dei rifiuti rispetto al trend di crescita dello stato attuale.

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 118 di 118

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.16 Confronto tra flussi per frazione merceologica al 2006 e attesi al 2018 (Scenario 2- Scenario 2/recupero)

Organico Verde Carta e Cartone Imballaggi Vetro Imballaggi Metalli Imballaggi Plastica Imballaggi Legno Tessili Beni durevoli Ingombranti Multimateriale Raccolta selettive Altro Totale RD Rifiuto indifferenziato Totale rifiuto prodotto % RD

2006 (t/a) 2018 (t/a) 0,00 29.517,21 0,00 5.670,84 25.705,02 1.043,16 4.901,38 22,20 4.138,94 857,13 22.982,03 10,89 178,37 7.297,61 504,51 1.892,46 1.727,66 20,06 502,53 14.377,39 12.430 108.919,59 136.873,00 72.613,06 149.303 181.532,65 8,3% 60,0%

Tabella 3.17 Confronto tra flussi di rifiuti al 2006 e attesi al 2018 (Scenario 2- Scenario 2/recupero)

2006 t/a recuperi netti da RD 11.352,01 Scarti da RD 1.077,80 Totale RD 12.429,81

2018 t/a 99.147,32 9.772,27 108.919,59

Dalla tabella precedenti possibile calcolare i benefici legati a consumi o emissioni evitate, come riportato nella tabella seguente

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 119 di 119

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.18 Caratterizzazione energetico/ambientale per il recupero di materia (Scenario 2- Scenario 2/recupero)

Recupero materia netto Organico Verde Carta e Cartone Imballaggi Vetro Imballaggi Metalli Imballaggi Plastica Imballaggi Legno Tessili Beni durevoli Ingombranti Multimateriale Raccolta selettive Altre raccolte Totale

t/a 26.565,49 0,00 24.419,77 4.705,33 3.725,05 20.224,19 6.567,85

t EP/a -132,83 0,00 -6.764,28 -564,64 -15.380,73 -13.408,64 -9.490,55

t CO2/a -1.062,62 0,00 -14.896,06 -1.237,50 -33.838,35 -29.507,09 -20.879,20

kg EP/t rifiuto prodotto -0,73 0,00 -37,26 -3,11 -84,73 -73,86 -52,28

Kg CO2/ t rifiuto recuperato -5,85 0,00 -82,06 -6,82 -186,40 -162,54 -115,02

12.939,65 99.147,32

0,00 -45.741,66

0,00 -101.420,83

0,00 -251,97

0,00 -558,69

3.5.5

Impiantistica di trattamento e smaltimento

3.5.5.1 Impianti di termovalorizzazione Le caratteristiche energetico-emissive dellimpiantistica di termovalorizzazione sono strettamente legate alla caratterizzazione chimico-fisica del rifiuto trattato. Tale caratterizzazione stata effettuata, per i diversi scenari, sulla base di una caratterizzazione delle singole frazioni presenti nel rifiuto cos come indicata nel seguente riquadro. Ai fini della valutazione del contributo emissivo di gas climalteranti, particolarmente importante la valutazione della quota di CO2 emessa dagli impianti che riconducibile alla componente non rinnovabile del rifiuto (innanzitutto, la plastica).
Tabella 3.19 Caratterizzazione chimico-fisica delle diverse frazioni presenti nel rifiuto termovalorizzato e relativo contributo emissivo (lemissione di CO2 stata valutata considerando inoltre un tasso di C incombusto pari al 2%)

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 120 di 120

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Si sono quindi valutati i benefici energetico-emissivi associati al recupero energetico, in termini di produzione di energia elettrica. I benefici in termini di emissioni evitate derivanti dalla cessione di energia elettrica ( da parte di FENICE S.p.A e Inceneritore Potenza) sono stati valutati attraverso una rielaborazione di parametri ricavati dai gi citati studi AEA per Commissione Europea e Politecnico per Federambiente.
Tabella 3.20 Coefficienti energetici ed emissivi associati alla recupero energetico dei rifiuti

KgEP/t rifiuto KgCO2eq/t rifiuto Rifiuti tal Termovalorizzazione quale con produzione di frazioni secche energia provenienti da vagliatura -169 -10

-169

232

3.5.5.2 Impianti di CDR con recupero in impianti dedicati Nello scenario 1/recupero e nello scenario 2/recupero si prevede che circa il 50% del rifiuto secco derivante dalla selezione meccanica sia avviato a impianti di CDR destinato a recupero energetico in cementifici e il flusso di residuo dallimpianto di CDR destinato a discarica (essendo povero energeticamente). Le prestazioni ambientali dellimpiego di CDR in cementifici sono state valutate sulla base di valori di riferimento ricavati dal menzionato studio di AEA Technology per la DG Ambiente della Commissione Europea, riferiti ad una sostituzione di un equivalente apporto energetico derivante da carbone (tabella seguente). In particolare, il contenuto energetico del CDR considerato pienamente sfruttato e quindi interamente sostitutivo di un equivalente quantitativo in TEP.
Tabella 3.21 Coefficienti energetici ed emissivi associati al CDR destinato a recupero energetico in cementifici

CDR

KgEP/t rifiuto KgCO2eq/t rifiuto Cementifici -362 -233

3.5.5.3 Discarica Lo smaltimento in discarica dei residui finali stato valutato in termini energetico emissivi sulla base una rielaborazione di parametri ricavati dai gi citati studi AEA per Commissione Europea
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 121 di 121

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.22 Coefficienti energetici ed emissivi associati allo smaltimento in discarica

Parametri

senza captazionecon captazione unita di misura di biogas biogas Tipologia (attuale) * (futura) ** 0,8 1,76 990 581 41 0,8 1,76 365 266,5 -84 tutti i rifiuti tutti i rifiuti rifiuti tal quale frazioni preventivamente biostabilizzate frazioni secche provenienti da vagliatura

consumo per gestione operativa KgEP/t rifiuto emissione CO2 per consumi KgCO2eq/t gestione operativa rifiuto KgCO2eq/t rifiuto emissione CO2 per consumi KgCO2eq/t dispersione biogas rifiuto KgCO2eq/t rifiuto

* attualmente il sistema sconta lassenza di recupero biogas anche per le ridotte dimensioni dei bacini ** in futuro i valori di emissioni del CH4 vengono considerati ridotti del 50% in quanto tutte le discariche saranno attrezzate per la captazione di biogas

3.5.6

Raffronto dei risultati energetici- emissivi dei scenari considerati Lanalisi condotta evidenzia innanzitutto che tutti e quattro gli scenari ( scenario 1; scenario

1/recupero; scenario 2; scenario 2/recupero) alternativi considerati presentano rilevanti benefici rispetto alla situazione attuale (scenario 0); in particolare: risparmio di risorse energetiche per 40-50.000 TEP/anno; riduzione delle emissioni di gas climalteranti per 190-215.000 ton CO2eq/anno. Tali benefici sono in larga misura generati sia dal maggior quantitativo di rifiuti avviato a recupero di materia grazie allo sviluppo delle raccolte differenziate, che dallo smaltimento in discarica solo di rifiuti trattati. Le variazioni energetiche ed emissive legate alle fasi di raccolta e trasporto e al sistema impiantistico dei rifiuti sono trascurabili rispetto al dato complessivo. I quatto scenari evolutivi alternativi sono dal punto di vista energetico ed emissivo sostanzialmente equivalenti fra di loro (Tabella 3.23). Con riferimento alle maggiori differenze rilevate, per quanto contenute, si pu comunque osservare che: lo scenario 1/recupero comporta benefici energetici- emissivi superiori rispetto agli altri, dovuto al recupero di materia da raccolta differenziata, recupero di materia dal rifiuto biostabilizzato per applicazioni ambientali e dal recupero energetico derivante dallutilizzo di CDR nei cementifici.
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 122 di 122

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

lo scenario 2/recupero comporta sempre benefici energetici- emissivi anche se inferiori rispetto allo scenario 1/recupero, dovuto essenzialmente a una produzione di rifiuti stimata inferiore (basso incremento)
Tabella 3.23 Bilancio energetico- emissivo dei scenari considerati
unita di misura Produzione rifiuti trasporto impianti recupero materia termovalorizzazione CDR Discarica Totale parziale trasporto impianti recupero materia termovalorizzazione CDR Discarica Totale parziale t/anno TEP/anno TEP/anno TEP/anno TEP/anno TEP/anno TEP/anno tCO2 eq/anno tCO2 eq/anno tCO2 eq/anno tCO2 eq/anno tCO2 eq/anno tCO2 eq/anno scenario 0 195.510,00 815,05 -6.036,85 -6.779,11 0,00 107,69 -11.893,23 2.365,20 4.509,34 0,00 120.171,38 112.530,39 scenario 1 scenario 1/recupero scenario 2 scenario 2/ recupero 202.098,15 528,70 -50.923,64 -7.267,00 0,00 30,89 -57.631,05 1.534,23 9.976,00 0,00 7.449,72 -93.950,65 202.098,15 528,70 -50.923,64 -5.254,07 -5.852,76 18,59 -61.483,18 1.534,23 7.212,69 -3.767,11 4.818,00 -103.112,79 181.532,65 528,70 -45.741,66 -7.267,00 0,00 24,25 -52.455,71 1.534,23 9.976,00 0,00 7.051,49 -82.859,10 181.532,65 528,70 -45.741,66 -4.719,41 -5.257,19 16,70 -55.172,86 1.534,23 -101.420,83 6.478,72 -3.383,77 4.327,72 -92.463,92

-14.515,52 -112.910,60

-112.910,60 -101.420,83

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 123 di 123

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Figura 3.4 Bilancio energetico

Bilancio energetico della gestione dei rifiuti (TEP/anno)

0,00 -20.000,00 -40.000,00 -60.000,00 -80.000,00 1


-57.631,05 -52.455,71 -61.483,18 -55.172,86 -11.893,23

scenario 0 scenario 1 scenario 1/recupero scenario 2 scenario 2/ recupero

Figura 3.5 Bilancio emissivo

Bilancio emissivo della gestione dei rifiuti ( ton CO2 equiv/anno)


1 2.530,39 1

150.000,00 100.000,00 50.000,00 0,00 -50.000,00 -100.000,00 -150.000,00


scenario 0
-93.950,65 -1 1 03.1 2,79 -82.859,1 0 -92.463,92

scenario 1

scenario 1/recupero

scenario 2

scenario 2/ recupero

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 124 di 124

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Figura 3.6 Bilancio energetico

Bilancio energetico della gestione dei rifiuti per fase di attivitt ( TEP/ anno)
10.000,00 0,00 -10.000,00 -20.000,00 -30.000,00 -40.000,00 -50.000,00 -60.000,00 scenario 0 scenario 1 scenario 1/recupero recupero materia TEP/anno Discarica TEP/anno scenario 2 scenario 2/ recupero termovalorizzazione TEP/anno

trasporto impianti TEP/anno CDR TEP/anno

Figura 3.7 Bilancio emissivo

Bilancio emissivo della gestione dei rifiuti per fasi di attivit ( ton CO2 equiv/anno)

150.000,00 100.000,00 50.000,00 0,00 -50.000,00 -100.000,00 -150.000,00


scenario 0 trasporto impianti t/CO2 equiv termovalorizzazione t/CO2 equiv Discarica t/CO2 equiv scenario 1 scenario 1/recupero scenario 2 scenario 2/ recupero

recupero materia t/CO2 equiv CDR t/CO2 equiv

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 125 di 125

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

3.6 3.6.1

INDIVIDUAZIONE DELLO SCENARIO DI PIANO Scenario di Piano Il percorso descritto nel paragrafo 3.5, di definizione e comparazione delle diverse ipotesi evolutive

dellattuale quadro della gestione dei rifiuti urbani, ha evidenziato innanzitutto la possibilit di intervenire efficacemente sullattuale sistema di gestione dei rifiuti, per conseguire importanti risultati nellottica della sua sempre maggiore solidit e sostenibilit ambientale; in particolare con: il contenimento degli attuali tassi di crescita della produzione di rifiuti; il perseguimento dellautosufficienza impiantistica provinciale nellambito dei Rifiuti Urbani il contenimento delle necessit di trasporto dei rifiuti; lannullamento del ricorso allo smaltimento in discarica del rifiuto tal quale; il miglioramento delle prestazioni ambientali complessive, in relazione anche agli aspetti energetici e alle emissioni di gas climalteranti; la massimizzazione della valorizzazione del rifiuto in termini di recupero di materia e di energia. La miglior combinazione possibile di tali fattori trova la sua collocazione ideale in uno scenario evolutivo che sembrerebbe lo scenario 1/recupero ma che invece prossimo al cosiddetto scenario 2/recupero, in quanto tiene anche conto di una prevenzione e contenimento delle produzioni rispetto al trend di crescita attuale. Il perseguimento dellautosufficienza impiantistica, anche prevedendo un ulteriore sviluppo significativo delle raccolte differenziate, risulta infatti comportare necessariamente la previsione di potenziamento dellimpiantistica esistente per il trattamento del rifiuto indifferenziato e la realizzazione di nuova impiantistica a supporto della raccolta differenziata.

3.6.2

Sistema organizzativo dei servizi di raccolta dei rifiuti urbani Non si pu prescindere dal passaggio a forme complesse di organizzazione e gestione che

permettono il raggiungimento dei risultati quantitativi e qualitativi nel rispetto del contenimento dei costi di gestione e laccettazione da parte della popolazione. Il sistema di raccolta tramite contenitori stradali (campane o cassonetti) lo standard che ha conosciuto la maggiore diffusione in virt della sua relativa semplicit organizzativa, anche se i suoi limiti sono rappresentati da una qualit dei materiali raccolti scadente, per alcune frazioni, e da bassi tassi quantitativi.
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 126 di 126

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Il sistema porta a porta presso l'utenza un sistema ormai consolidato per certe tipologie di frazioni recuperabili; i vantaggi indubbi di questo sistema per la quantit e qualit dei materiali recuperati deve trovare equilibrio (anche sociale ed economico) con la maggiore complessit organizzativa del servizio che diventa difficoltoso con realt aventi bassa densit abitativa o particolare conformazione urbanistica (centri storici, contesti metropolitani in cui esista carenza di spazi privati e/o pubblici disponibili per la collocazione dei contenitori) La raccolta mediante contenitori ubicati presso esercizi commerciali una tipologia di raccolta consolidata per alcune frazioni, quali le pile esauste (generalmente presso i rivenditori specializzati e le tabaccherie) e i farmaci scaduti (presso le farmacie), ma che risulta necessario diffondere a tutte le restanti frazioni, specialmente in un ottica di resa del circuito rispetto alle risorse impegnate. Il modello di riferimento per lo sviluppo dei servizi ai fini del conseguimento degli obiettivi sopra definiti si basa sul sistema di "raccolta differenziata integrata", che prevede la raccolta domiciliare (o comunque ravvicinata all'utenza) delle frazioni secche, degli imballaggi e della frazione organica. Il sistema organizzativo dei servizi di raccolta dei rifiuti dovr essere adeguatamente articolato sul territorio, in considerazione delle specifiche caratteristiche territoriali e insediative e delle strutture organizzative in essere. Si possono al riguardo individuare alcuni principi di base da seguire nella definizione del sistema organizzativo dei servizi: i servizi di raccolta differenziata dei rifiuti dovranno essere opportunamente modulati sul territorio, prevedendo lattivazione di raccolte ad elevata efficienza di intercettazione (servizi domiciliari) prioritariamente in aree caratterizzate da tipologie residenziali, densit dei centri e nuclei abitati, accessibilit e presenza di attivit commerciali e terziarie tali da garantire il rispetto dei principi guida di efficienza, efficacia e economicit; aree del territorio provinciale caratterizzate da una maggior dispersione della produzione di rifiuti potranno essere interessate da forme di recupero di minor intensit (ad es. servizi stradali, autocompostaggio); la raccolta differenziata dei rifiuti deve essere prevista per la frazione organica e verde, da avviare al compostaggio; per le frazioni secche, utilmente avviabili a riciclaggio e per le frazioni caratterizzate da una pericolosit potenziale, al fine di garantirne lavvio a corretto destino; in considerazione della strategicit di determinate frazioni nel conseguimento di elevati livelli di recupero e dellimportanza di garantire il corretto avvio a trattamento di frazioni caratterizzate da potenziale pericolosit, si prevede in particolare lobbligatoriet di attivazione di servizi di raccolta
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 127 di 127

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

differenziata per la frazione organica, il verde, la carta e il cartone, le pile e i farmaci scaduti; in particolari contesti territoriali (in particolare, aree montane o comunque caratterizzate da elevata dispersione degli insediamenti), lattivazione delle raccolte per frazione organica e verde potr essere eventualmente sostituita da adeguati interventi di sviluppo della pratica del compostaggio domestico; il conseguimento di elevate rese di intercettazione comporta l'organizzazione di servizi di raccolta domiciliari (sacchi o bidoni); le raccolte domiciliari, o comunque con contenitori di raccolta vicini allutenza, risultano particolarmente efficaci per la componente organica dei rifiuti; inoltre bisogna prevedere, nelle aree non servite da tale raccolta, anche forme di incentivazione della pratica dellautocompostaggio domestico; la carta pu essere raccolta con buoni rendimenti attraverso una adeguata rete di contenitori stradali (campane o cassonetti), ma elevate rese di intercettazione richiedono la predisposizione di un servizio domiciliare; si deve prevedere una diffusione dei servizi domiciliari per il conseguimento degli obiettivi del Piano Provinciale; il servizio di raccolta a domicilio del vetro pu essere opportunamente previsto per utenze non domestiche, quali bar e attivit di ristorazione in genere; la raccolta del vetro pu essere abbinata a quella delle lattine in alluminio o banda stagnata; la raccolta della plastica strutturalmente caratterizzata da elevati costi; si ritiene generalmente particolarmente onerosa lattivazione di servizi domiciliari, ritenendo pi vantaggiosa la raccolta con contenitori stradali mono o multi materiale; anche se non da escludere la raccolta domiciliare; per altre tipologie di rifiuti, quali la plastica in film, metalli ferrosi, legno, necessario appoggiarsi a strutture di conferimento centralizzate (stazioni ecologiche e piattaforme), a servizio di un ampio territorio e di produttori di rifiuti assimilabili. Sulla base dei principi sopra esposti, si sono definite ipotesi di sviluppo dei servizi di raccolta tali da consentire il progressivo incremento dei recuperi e il conseguimento degli obiettivi di differenziazione definiti. Si precisa che le ipotesi qui presentate hanno valore puramente illustrativo e non intendono essere prescrittive nel loro dettaglio di applicazione al territorio, essendo invece da intendersi come prescrittivo il conseguimento degli obiettivi di raccolta differenziata definiti. Le previsioni di sviluppo delle raccolte sono quindi state dettagliate facendo riferimento a tre diversi schemi di servizi da applicare a ogni singolo Comune: - servizi di raccolta differenziata domiciliari ( Tipo A);
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 128 di 128

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

- servizi di raccolta differenziata stradali ( Tipo B); - servizi di raccolta differenziata stradali estensivi (Tipo C, ovvero servizi in aree del territorio con rarefazione degli insediamenti tali da presentare aspetti di criticit anche nellattivazione di raccolte di tipo stradale, per la difficolt ad associare i singoli contenitori a localit abitate di adeguate dimensioni). Il sistema di raccolta sar determinato in base allanalisi puntuale del territorio da servire. Il piano operativo di raccolta integrata dei rifiuti si sviluppa attraverso i seguenti punti: individuazione di zone omogenee del territorio su cui applicare il sistema stabilito (tipo A, B o C); valutazione delle necessit infrastrutturali per assicurare il livello di servizio programmato (contenitori, punti di conferimento, automezzi di raccolta, piattaforme operative); scelta dei supporti forniti allutenza a titolo gratuito o meno(sacchi colorati, sacchetti biodegradabili, contenitori, servizi a richiesta, ecc.).

3.6.3

Individuazione dei fattori determinanti per lapplicabilit dei diversi sistemi di raccolta Lindividuazione delle aree da servire con i diversi sistemi di raccolta segue il principio del massimo

risultato al minimo costo. Gli elementi di valutazione a tal proposito sono stati: densit abitativa; praticabilit viaria; presenza di utenze particolari; tutela paesaggistica. Si riportano nello schema seguente le diverse tipologie abitative ed il sistema di raccolta da adottare

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 129 di 129

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.24 Sistemi di raccolta per densit abitativa Tipologia urbana Centri storici ed aree di interesse paesaggistico Aree ad urbanizzazione intensiva Densit abitativa Qualsiasi densit e tipologia abitativa > 500 abitanti/km strada > 20 abitanti/civico Modello di raccolta Tipo A Note Priorit di riduzione del numero di cassonetti. Raccolta porta a porta con forte rigidit di orari e metodologie di consegna. Raccolta differenziata dellorganico. Installazione di cassonetti di dimensioni contenute per le frazioni organiche separate di norma ad ogni condominio. Raccolta delle frazioni secche a terra, ad orari stabiliti. Raccolta stradale multimateriale. Presenza ad ogni punto di raccolta di un contenitore facilmente individuabile per la raccolta congiunta delle diverse frazioni riciclabili. In questa tipologia abitativa meno importante la riduzione dei volumi di cassonetti a vantaggio di una rarefazione del numero di svuotamenti del secco. Creazione di aree dotate di contenitori per i diversi materiali oggetto di RD e per lindifferenziato. pratica dellautocompostaggio. Localizzazione, dove possibile di aree dedicate allinstallazione di contenitori di grosse dimensioni e scarrabili; pratica dellautocompostaggio.

Tipo A

Aree a bassa densit abitativa

100-500 abitanti/km strada 10-20 abitanti/civico

Tipo B

Case sparse

< 100 abitanti/km strada < 10 abitanti/civico < 100 abitanti > 2 km dal centro urbano principale

Tipo C

Nuclei separati e frazioni comunali

Tipo C

La zona che si individua come A allinterno dei singoli comuni della Provincia generalmente caratterizzata da una rete di strade piccole e tortuose intersecate da vicoli che in alcuni casi risultano essere ciechi e dalla presenza di alcuni palazzi di pregio storico ove generalmente sono anche allocate le sedi degli uffici comunali o sedi di istituti bancari. In questa zona si deciso di procedere alla Raccolta Differenziata dei rifiuti adottando sistemi che impattano il meno possibile con la realt storica ed architettonica del luogo, pertanto il Piano ha previsto lutilizzo del sistema Porta a Porta. Tale scelta appare giustificata sia dalla mancanza di spazio fisico per lubicazione dei cassonetti sia per le evidenti difficolt che avrebbero i compattatori a muoversi in strade strette ed anguste e sia per evitare limpatto visivo dei poco estetici contenitori. La scelta di questo Sistema determina sicuramente dei vantaggi in tema di salvaguardia ambientale ma poich presuppone che lente responsabile della raccolta si occupi di effettuare il ritiro direttamente presso gli utenti non si pu non tener conto anche dei costi di gestione.

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 130 di 130

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Le frazioni recuperabili in Zona A con il Sistema Porta a Porta sono: cellulosico, che verr intercettato con carrellati da 240 litri, cartoni monouso da 110 litri, sacchetti da 25 litri; plastiche che verranno intercettate con sacchetti da 25 litri metalli, che verranno intercettati da carrellati da 330 litri vetro, che verr intercettato da carrellati da 330 litri e carrellati da 240 litri organico, che verr intercettato da carrellati da 330 litri e carrellati da 240 litri tessili, legno e cuoio, che verranno intercettati con contenitori multimateriale da 2.7 mc. Come si riporta dettagliatamente in seguito, gli elementi che caratterizzano questo tipo di raccolta sono: lalta intercettazione complessiva di rifiuto differenziato sul totale (circa il 70 %); la forte incidenza della frazione organica che da sola copre il 31% della RD totale. Zona B raccolta Stradale : Questa Zona generalmente caratterizzata da un rete costituita da strade abbastanza larghe che permettono unagevole manovrabilit dei mezzi per la raccolta (compattatori, Jolly-lift) In genere questa Zona nei comuni oggetto di studio caratterizzata da una forte densit abitativa. Sono presenti infatti sia edifici residenziali sia strutture commerciali sia locali pubblici di vario tipo quali, cinema, ristoranti e bar. In questa Zona la Raccolta Differenziata pu essere integrata a quella degli RSU per cui si deciso di procedere adottando il Sistema Stradale Spinto che presuppone il conferimento in Contenitori Stradali facilmente riconoscibili dal cittadino. Le frazioni recuperabili in Zona B con il Sistema Stradale Spinto sono : Cellulosico, che verr intercettato con Campane da 2.2 mc., Carrellati da 240 litri, Cartoni Monouso da 110 litri e Contenitori da 3 mc.; Plastiche, verranno intercettate con Cassonetti da 1.7 mc; Metalli, che verranno intercettati con Campane da 2.2 mc; Vetro,che verr intercettato con Campane da 2.2 mc. Carrellati da 330 litri; Tessuti legno e cuoio, che verranno intercettati con Contenitori Multimateriale da 2.7 mc. Il Sistema Stradale Spinto da adottare nella Zona B comporta alcune scelte:
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 131 di 131

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

lesclusione dalla raccolta del rifiuto organico; lintensificazione delle raccolte stradali e presso le utenze particolari il ricorso alla raccolta multimateriale per alcune frazioni. Il sistema di raccolta previsto in zona B si prefigge di raggiungere lobiettivo complessivo di circa il 25% di intercettazione. Zona C raccolta per Stradale estensivo : La zona che si individua come C allinterno dei comuni oggetto del presente lavoro generalmente caratterizzata da una bassa densit abitativa e da strade di collegamento con il centro, molto spesso interpoderali, che risultano in genere poco trafficate. In questa zona si deciso di procedere alla Raccolta Differenziata dei rifiuti adottando il sistema stradale estensivo con lutilizzo di Contenitori Multimateriali di una certa capienza nei quali verranno conferiti solo rifiuti secchi. Le frazioni recuperabili in Zona C con il Sistema Stradale estensivo sono: Cellulosico,che verr intercettato con Contenitori Multimateriale da 2.7 mc. Cestoni da 3 mc.; Plastiche, che verr intercettato con Contenitori Multimateriale da 2.7 mc; Metalli, che verr intercettato con Contenitori Multimateriale da 2.7 mc; Vetro, che verr intercettato con Campane da 2.2 mc. Il Sistema da adottare nella Zona C si basa sulle seguenti scelte : incentivazione alla pratica dellautocompostaggio; dotazione ad alcune utenze di composter domestici in modo da incentivare il ricorso allautoimpiego della frazione organica; il ricorso alla raccolta multimateriale per tutte le frazioni con esclusione del vetro. Il sistema di raccolta previsto in zona C si prefigge di raggiungere lobiettivo complessivo di circa il 10% . 3.6.3.1 Valutazione degli obiettivi di raccolta Il raggiungimento degli obiettivi richiederebbe lestensione di un servizio porta a porta spinto alla quasi totalit dell utenza. Si ritiene pi praticabile la soluzione di zone differenziate soggette ai sistemi di raccolta sopra definiti che produrranno risultati di intercettazione diversificati.
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 132 di 132

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.25 Obiettivo di raccolta differenziata per singola frazione in ambito provinciale obiettivo raccolta media materiali materiale organico carta e cartoni plastica legno, tessili, cuoio metalli vetro e inerti sottovaglio totale incidenza della frazione 30,10% 21,20% 18,40% 6,20% 3,90% 4,80% 15,30% 100% obiettivo di raccolta differenziata della singola frazione * 65% 70% 55% 50% 70% 80% 40% incidenza della RD sulla produzione totale 20% 15% 10% 3% 3% 4% 6% 60,32%

* efficienza di raccolta differenziata per singola frazione ( anno 2011- Tabella 3.2)

Le zone servite con sistema porta a porta saranno le uniche ad effettuare la divisione dellumido in ambito domestico. Teoricamente con tale sistema lintercettazione delle frazioni differenziabili del 100% in quanto, in ambito domestico il controllo sulla separazione molto alto. Per considerare, prudenzialmente, le dispersioni di materiali riciclabili a causa della mancata collaborazione di alcuni nuclei familiari e per limpossibilit di riconoscere alcune frazioni come differenziabili si sono assunti i parametri di intercettazione sotto riportati.
Tabella 3.26 Obiettivo di raccolta differenziata per singola frazione con sistema di raccolta A obiettivo raccolta sistema A materiali incidenza della frazione 40,81%* 21,20% 18,40% 6,20% 3,90% 4,80% 4,59% 100% obiettivo di raccolta differenziata della singola frazione 75% 80% 65% 60% 70% 85% 0% incidenza della RD sulla produzione totale 31% 17% 12% 4% 3% 4% 0% 70,06%

materiale organico carta e cartoni plastica legno, tessili, cuoio metalli vetro e inerti sottovaglio totale

* Relativamente alle aree servite con raccolta porta a porta si assimila ad organico una parte del sottovaglio pari al 70%, che consente di valutare mediamente per lintero ambito una assimilazione del 30% come riportato nella tabella precedente.

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 133 di 133

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Nelle zone servite con sistema di raccolta stradale si esclude completamente la raccolta dellumido. Tale soluzione praticamente imposta dalla difficolt di operare una efficiente azione di raccolta per basse densit abitative (le zone a pi intensa urbanizzazione sono state inserite nella zona A). Le rese di intercettazione risultano pi basse rispetto alla raccolta porta a porta a causa della maggiore riluttanza degli utenti a conferire in punti di raccolta relativamente lontani dalle proprie abitazioni, circa il 25%.
Tabella 3.27 Obiettivo di raccolta differenziata per singola frazione con sistema di raccolta B obiettivo raccolta sistema tipo B materiali incidenza della frazione obiettivo di raccolta differenziata della singola frazione 0% 65% 50% 10% 5% 30% 0% incidenza della RD sulla produzione totale 0% 14% 9% 1% 0% 1% 0% 25,24%

materiale organico carta e cartoni plastica Legno, tessili, cuoio metalli vetro e inerti sottovaglio Totale

30,10% 21,20% 18,40% 6,20% 3,90% 4,80% 15,30% 100%

Le zone pi periferiche dei centri abitati e le case sparse saranno servite mediante punti di raccolta necessariamente distanti dalle abitazioni; ci non significa in assoluto limpossibilit di raggiungere alti risultati in termini di raccolta ma indubbiamente un disincentivo per lutenza.. Cautelativamente si assumono gli obiettivi di intercettazione sotto riportati che concorrono ad ottenere un risultato complessivo di circa il 20%.

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 134 di 134

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.28 Obiettivo di raccolta differenziata per singola frazione con sistema di raccolta C obiettivo raccolta sistema tipo C materiali

incidenza della frazione 30,10% 21,20% 18,40% 6,20% 3,90% 4,80% 15,30% 100%

obiettivo di raccolta differenziata della singola frazione 35% 25% 20% 0% 5% 5% 0%

incidenza della RD sulla produzione totale 11% 5% 4% 0% 0% 0% 0% 20,0%

matriale organico carta e cartoni plastica legno, tessili, cuoio metalli vetro e inerti sottovaglio totale

E evidente che non necessario estendere il servizio tipo A a tutto il territorio interessato. Sono peraltro possibili diverse soluzioni che portano al risultato del 60%. Il criterio generale adottato porta ad una suddivisione come da prospetto seguente:
Tabella 3.29 Criterio generale di raccolta per ogni singolo Comune

A
OBIETTIVO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA RAGGIUNGIBILE PER SINGOLA AREA * PERCENTUALE DI POPOLAZIONE SERVITA** INCIDENZA % SUL TERRITORIO

B 25,24% 17,00% 4,3%

C 20,00% 5,00% 1,0%

TOT

70,06% 78,00% 54,6%

100,00% 60%

* valori che sono in funzione della qualit della raccolta, partecipazione dei cittadini ** valori in funzione della densit abitativa, praticabilit viaria, presenza di utenze particolari; tutela paesaggistica

3.6.4

Isole ecologiche e piattaforme ecologiche per la raccolta differenziata Il conseguimento degli obiettivi di raccolta differenziata previsti nel Piano Provinciale (60% al

2011) comporta, come gi evidenziato, la necessit di attivare sul territorio in forma estesa modelli di raccolta dei rifiuti basati sul concetto di sistema integrato, ovvero caratterizzati da unefficace ed efficiente integrazione di raccolte di tipo domiciliare, stradale e di una rete di strutture di conferimento centralizzato, attraverso le quali intercettare in forma differenziata le diverse frazioni del rifiuto opportunamente avviabili a recupero.
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 135 di 135

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Di particolare importanza sar quindi il ruolo svolto sul territorio dalla rete delle isole ecologiche e della piattaforme ecologiche per la raccolta differenziata dei rifiuti di origine urbana. La rete delle isole e delle piattaforme ecologiche per la raccolta differenziata supporta il servizio di raccolta e di conferimento diretto delle frazioni secche recuperabili da utenze domestiche e da attivit commerciali, della frazione verde, dei materiali ingombranti e voluminosi anche recuperabili, dei rifiuti urbani pericolosi. In particolare nelle isole ecologiche- centri di raccolta- come da DM 8 aprile 2008, salvo modifiche e integrazioni, potranno essere conferite le seguenti tipologie di rifiuti: 1. imballaggi in carta e cartone (codice CER 15 01 01) 2. imballaggi in plastica (codice CER 15 01 02) 3. imballaggi in legno (codice CER 15 01 03) 4. imballaggi in metallo (codice CER 15 01 04) 5. imballaggi in materiali misti (CER 15 01 06) 6. imballaggi in vetro (codice CER 15 01 07) 7. contenitori T/FC (codice CER 15 01 10* e 15 01 11*) 8. rifiuti di carta e cartone (codice CER 20 01 01) 9. rifiuti in vetro (codice CER 20 01 02) 10. frazione organica umida (codice CER 20 01 08 e 20 03 02) 11. abiti e prodotti tessili (codice CER 20 01 10 e 20 01 11) 12. solventi (codice CER 20 01 13*) 13. acidi (codice CER 20 01 14*) 14. sostanze alcaline (codice CER 20 01 15*) 15. prodotti fotochimici (20 01 17*) 16. pesticidi (CER 20 01 19*) 17. tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio (codice CER 20 01 21) 18. rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (codice CER 20 01 23*, 20 01 35* e 20 01 36) 19. oli e grassi commestibili (codice CER 20 01 25) 20. oli e grassi diversi da quelli al punto precedente, ad esempio oli minerali esausti (codice CER 20 01 26*) 21. vernici, inchiostri, adesivi e resine (codice CER 20 01 27* e 20 01 28) 22. detergenti contenenti sostanze pericolose (codice CER 20 01 29*) 23. detergenti diversi da quelli al punto precedente (codice CER 20 01 30) 24. farmaci (codice CER 20 01 31* e 20 01 32)
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 136 di 136

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

25. batterie e accumulatori al piombo derivanti dalla manutenzione dei veicoli ad uso privato, effettuata in proprio dalle utenze domestiche (codice CER 20 01 33*, 20 01 34) 26. rifiuti legnosi (codice CER 20 01 37* e 20 01 38) 27. rifiuti plastici (codice CER 20 01 39) 28. rifiuti metallici (codice CER 20 01 40) 29. sfalci e potature (codice CER 20 02 01) 30. ingombranti (codice CER 20 03 07) 31. cartucce toner esaurite (20 03 99) 32. rifiuti assimilati ai rifiuti urbani sulla base dei regolamenti comunali, fermo restando il disposto di cui all'articolo 195, comma 2, lettera e), del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modifiche. Le strutture per il conferimento ed il trattamento preliminare dei materiali sono articolate su due livelli: una rete pi diffusa, di importanza fondamentale, di strutture sorvegliate che consentano a ogni singolo Comune il conferimento di tutte le frazioni per cui fatto obbligo di raccolta differenziata (isole ecologiche); alcuni punti, al servizio di aree intercomunali o comunque di un bacino di utenza, attraverso i quali si possa pervenire allottimizzazione delle azioni di raccolta differenziata, mediante trattamenti, lavorazioni e nobilitazioni dei materiali raccolti in forma differenziata (piattaforme ecologiche per la raccolta differenziata). Le piattaforme ecologiche per la raccolta differenziata rappresentano le strutture che a livello locale, in funzione della densit abitativa e delle caratteristiche territoriali, consentono l'ottimizzazione delle azioni di raccolta differenziata. I materiali che necessitino di trattamenti finalizzati a facilitare la loro immissione sul mercato del recupero, o per i quali necessario ottimizzare le fasi successive di trasporto, transitano dalla piattaforma, ove vengono sottoposti ai necessari trattamenti e dove stazionano sino al raggiungimento dei quantitativi utili per ottimizzare i trasporti. La piattaforma rappresenta pertanto il fulcro del sistema; ad essa possono confluire i materiali dalle raccolte differenziate svolte sul territorio con il metodo del porta a porta o con le campane stradali e, infine, in queste strutture possono trovare recapito anche i rifiuti assimilabili agli urbani Queste strutture costituiscono pertanto il riferimento primario per il ritiro da parte dei Consorzi Obbligatori dei rifiuti differenziati (rifiuti di imballaggio, oli e grassi vegetali e animali, beni in polietilene, batterie al piombo esauste, oli minerali usati).
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 137 di 137

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Le piattaforme ecologiche potranno essere realizzate sia da strutture pubbliche che da strutture private . Le iniziative di carattere pubblico potranno essere realizzate presso le piattaforme di trattamento dei flussi indifferenziati gi previste dalla presente programmazione (Venosa, Atella, Potenza, Lauria, S Arcangelo) Le nuove iniziative di carattere privato potranno essere realizzate su tutto il territorio provinciale nel rispetto delle disposizioni vigenti anche in materia di procedure semplificate.

3.6.4.1 Indirizzi per la gestione di particolari categorie di rifiuti (rifiuti agricoli)

Il D. Lgs. 4/2008 classifica come rifiuti speciali i rifiuti generati da attivit agricole (art.184) e precisa, inoltre, (art.185) che non rientrano nel suo campo di applicazione le carogne e i seguenti rifiuti agricoli: materie fecali ed altre sostanze naturali non pericolose utilizzate nelle attivit agricole Tra le diverse tipologie di rifiuti speciali generalmente prodotte dalle attivit agricole, alcune sono comprese nellallegato D al decreto e sono pertanto classificate come pericolose: oli e filtri (codici CER 130200, 160107), batterie (cod. CER 160601), rifiuti fitosanitari (cod. CER 020108). Gli imprenditori agricoli devono effettuare la comunicazione annuale al catasto per i rifiuti prodotti (dichiarazione MUD) e tenere un registro di carico e scarico, fatta eccezione per gli imprenditori agricoli di cui allarticolo 2135 del codice civile con un volume di affari annuo non superiore a 8.000 (art. 189 c. 3 D.Lgs. 152/06 e s.m.i.e L. 70/94). Il D. Lgs. 30 aprile 1998, n. 173, non abrogato dal D.Lgs. 152/06 e s.m.i. e riguardante disposizioni in materia di contenimento dei costi di produzione e rafforzamento strutturale delle imprese agricole, ha introdotto alcune agevolazioni per il conferimento di piccole quantit di rifiuti pericolosi agli appositi centri di raccolta organizzati dal gestore del servizio pubblico, da concessionari di pubblico servizio o da consorzi obbligatori (art.3). In particolare, non richiesta liscrizione allAlbo gestori rifiuti per il trasporto effettuato direttamente dai produttori agricoli ai centri di raccolta per le seguenti tipologie e quantit di rifiuti pericolosi: 2 accumulatori esausti per singolo trasporto; 15 litri di olio esausto per singolo trasporto; 5 contenitori di prodotti fitosanitari per singolo trasporto. Lattivit agricola in Provincia riguarda una superficie significativa dellintero territorio, per questo motivo da ritenersi di particolare importanza la corretta gestione dei rifiuti agricoli al fine di tutelare lambiente ed il paesaggio, agevolando in tal senso le attivit degli operatori agricoli.
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 138 di 138

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

La Provincia di Potenza persegue quindi lottimizzazione della gestione dei rifiuti derivanti dalle attivit agricole prevedendo la realizzazione, fino ad un massimo di due per ciascuno comprensorio, di isole ecologiche per lo stoccaggio, il recupero e/o trattamento di particolari tipologie di rifuti speciali pericolosi e non pericolosi e in particolare i contenitori vuoti di prodotti fitosanitari, gli oli esausti, i filtri, le batterie esauste, i rifiuti sanitari ad uso zootecnico ecc., oggetto di appositi accordi di programma come disposto dallart.181 comma 4 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. 3.6.5 Strutture logistiche di supporto ( stazioni di trasferimento) Nellambito della gestione dei servizi di raccolta, elemento non trascurabile rappresentato dalle percorrenze che gli automezzi di raccolta devono effettuare per arrivare a conferire allimpianto di riferimento. Una inefficiente organizzazione dei conferimenti, infatti, si traduce in costi dei servizi pi elevati (a causa della quota di impiego delle risorse uomini e mezzi dedicata alla movimentazione dallarea di raccolta allimpianto) e in maggiori impatti ambientali associati allincremento del trasporto su strada. Per quanto riguarda le raccolte differenziate, si gi segnalata la possibilit di appoggiarsi a strutture intermedie, rappresentate dalle isole ecologiche e dalle piattaforme, nei casi in cui non vi siano operatori del recupero localizzati nelle vicinanze delle aree di raccolta. In modo analogo, a supporto innanzitutto dei servizi dedicati al rifiuto indifferenziato residuo, pu essere opportuno prevedere la presenza di stazioni di trasferimento, che consentano di ottimizzare la movimentazione dei rifiuti dai luoghi di produzione a quelli di smaltimento. Tali strutture, potenzialmente funzionali al trasporto sia del rifiuto indifferenziato sia delle frazioni provenienti dalla raccolta differenziata, possono infatti consentire il conseguimento di importanti obiettivi di miglioramento del sistema complessivo, grazie in particolare a: la riduzione del traffico veicolare per il trasporto dei rifiuti a destino e dei relativi tempi di conferimento, con conseguente riduzione degli impatti ambientali associati (consumi, emissioni, intralcio alla circolazione, ecc.); il miglioramento della gestione degli ingressi agli impianti di destino, grazie alla riduzione del numero di veicoli conferenti rifiuti, a parit di quantitativi, con conseguente possibilit di attuazione di pi efficaci controlli anche qualitativi dei rifiuti conferiti; la separazione delle fasi di raccolta e trasporto, con possibilit di significative economie complessive grazie alla possibilit di impiego di mezzi pi adeguati alle diverse fasi di gestione dei rifiuti;

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 139 di 139

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

la maggiore flessibilit del sistema complessivo, in particolare in caso di temporanei fermi degli impianti di destino, grazie alla possibilit di stoccaggi temporanei presso le stazioni di trasferenza (comunque della durata massima di 24-48 ore per il rifiuto indifferenziato e per la frazione organica); la possibilit di effettuare ulteriori controlli sulla qualit dei rifiuti raccolti, prima dellavvio a destino. Il sistema delle stazioni di trasferimento consentir quindi di ridurre i disagi ed i costi a carico delle comunit pi distanti dalle piattaforme polifunzionali. La localizzazione delle stazioni di trasferimento scaturisce dallapplicazione dei seguenti principi: tutti i comuni dovranno conferire ad un impianto/stazione di trasferimento entro un raggio di 20km; le stazioni di trasferimento dovranno servire almeno 10.000 abitanti ovvero 4 comuni; le stazioni di trasferimento dovranno essere gestite congiuntamente agli impianti che ne ricevono il materiale. Le piattaforme polifunzionali in caso di fermo impianto dovuto a manutenzione straordinaria o altre cause, potranno svolgere la funzione di piattaforme temporanee di trasferimento, previo assenso da parte dellAmministrazione provinciale. La variazione dei flussi verso le suddette piattaforme potr essere effettuata previo assenso dellAmministrazione provinciale. In base ai criteri stabiliti ne deriva il quadro complessivo riportato nella tabella seguente ( Tab 3.30). Nella stima sono stati assunti i seguenti parametri: Costo medio carburante= 1,34 /l ( gasolio) Velocit media automezzo= 40 Km/h Consumo medio automezzi= 5 Km/l Tempo di carico- scarico= 0,25 h Costo di ammortamento automezzi= 2 volte il costo medio di trasporto Costo lordo medio orario autista automezzi= 18 /h

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 140 di 140

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.30 Organizzazione delle stazioni di trasferimento CONFERIMENTO DIRETTO A VENOSA

Comuni
Oppido L.

Distanza (km)

Tempo di percorrenza e scarico (h)

Costo di RD attuale Rifiuti Costo unitario trasporto trasportati (kg/d) (/ton) Totale (/d) anno 2006 40,15 52,52 123,28 124,77 36,56 19,52 48,89 63,67

52 2,85 134,92 3.361 59 3,2 152,47 2.903 67 3,6 172,54 1.400 51 2,8 132,41 1.061 38 2,15 99,80 2.730 42 2,35 109,84 5.626 28 1,65 74,72 1.528 TOTALE (media) 48,14 2,66 876,70 18.609 CONFERIMENTO ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI GENZANO Tolve San Chirico N Cancellara Acerenza Genzano Banzi Tempo di percorrenza e scarico (h) 1 1,3 1,75 1,5 1 0,5 0,8 1,2

Comuni Oppido L. Tolve San Chirico N Cancellara Acerenza Genzano Banzi TOTALE (media)

Distanza (km) 15 21 30 25 15 5 11 19

Costo di trasporto Rifiuti trasportati Costo unitario Totale (/d) (kg/d) (/ton) 3.361 42,12 12,53 2.903 57,17 19,69 1.400 79,74 56,97 1.061 67,20 63,32 2.730 42,12 15,43 5.626 17,04 3,03 1.528 32,09 20,99 18.609 337,48 27,43

TRASFERIMENTO GENZANO-VENOSA Comuni Distanza (km) Tempo di percorrenza (h) Costo complessivo di trasporto (/d) Costo gestione piattaforma Costo di manutenzione impianti piattaforma(/d) Costi totali trasporto Rifiuti trasportati (kg/d) Costo unitario di trasporto Genzano-Venosa (/ton) Costo medio conferimento diretto (/ton) Costo medio trasferimento mediante piattaforma (/ton) Economia complessiva annua (/anno)
SEZIONE RIFIUTI URBANI

7 42,00 2,35 109,84 72,00 38,86 220,70 18609 11,85 63,67 39,28 165.664,00
Pagina 141 di 141

Comprensivo di scarico Uso mezzo ed autista 4 ore/giorno di operaio 8% annuo del costo di investimento stimato in 200.000

Luglio 2008

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 CONFERIMENTO DIRETTO AD ATELLA Tempo di Costo di RD attuale Rifiuti percorrenza Costo unitario Distanza (km) trasporto Totale trasportati (kg/d) (A/R) e scarico (/ton) (/d) anno 2006 (h) 19 32 40 37 13,5 20 26,92 1,2 1,85 2,25 2,1 0,925 1,25 1,60 52,15 84,76 104,82 97,30 38,36 54,66 72,01 759,97 1792,33 680,14 4554,25 1142,11 2490,93 11419,73 68,62 47,29 154,12 21,36 33,59 21,94 57,82

Comuni

Rapone Pescopagano Castelgrande Muro Lucano Ruvo del Monte San Fele TOTALE (media)

CONFERIMENTO ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI RAPONE Tempo di Costo di RD attuale Rifiuti Costo unitario percorrenza e trasporto Totale trasportati (kg/d) (/ton) scarico (h) (/d) anno 2006 0,4 0,9 1,3 1,85 0,6 0,725 0,96 6 19 1,2 52,15 72 38,36 162,51 11419,73 Comprensivo di scarico Uso mezzo ed autista 4 ore/giorno di operaio 8% annuo del costo di investimento stimato in 200.000 11,60 35,27 54,21 80,25 21,07 26,99 38,23 759,97 1792,33 680,14 4554,25 1142,11 2490,93 11419,73 15,27 19,68 79,71 17,62 18,45 10,83 26,93

Comuni

Distanza (km)

Rapone Pescopagano

3 13

Castelgrande 21 Muro Lucano 32 Ruvo del Monte 7 San Fele 9,5 TOTALE (media) 14,25 TRASFERIMENTO RAPONE-ATELLA Comuni Distanza (km) Tempo di percorrenza (h) Costo complessivo di trasporto (/d) Costo gestione piattaforma

Costo di manutenzione impianti piattaforma(/d) Costi totali trasporto(/d) Rifiuti trasportati (kg/d) Costo unitario di trasporto Rapone-Atella (/ton) Costo medio conferimento diretto (/ton) Costo medio trasferimento mediante piattaforma (/ton) Economia complessiva annua (/anno)

14,23 57,82 41,16 69.455,21

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 142 di 142

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 CONFERIMENTO DIRETTO A VENOSA Comuni Tempo di percorrenza (A/R) e Distanza (km) scarico (h) RD attuale Costo di Rifiuti trasportati Costo unitario trasporto (kg/d) anno (/ton) Totale (/d) 2006 11125,62 2420,14 1564,52 5725,89 3208,22 748,49 3464,55 2518,16 30775,59 11,34 77,51 156,77 38,45 74,10 327,68 42,56 57,56 98,25

Avigliano Baragiano Balvano Picerno Vietri di Potenza Savoia di Lucania Bella Ruoti

48,5 2,7 126,14 73 3,9 187,58 96 5,05 245,27 86 4,55 220,19 93 4,9 237,74 96 5,05 245,27 57 3,1 147,46 56 3,05 144,95 TOTALE (media) 75,69 4,03 194,32 CONFERIMENTO ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI BARAGIANO

Comuni Avigliano Baragiano Balvano Picerno Vietri di Potenza Savoia di Lucania Bella Ruoti TOTALE (media)

Distanza (km) 27,5 3 17 8 23 22 17 16 16,69

Tempo di percorrenza e scarico (h) 1,625 0,4 1,1 0,65 1,4 1,35 1,1 1,05 1,08

RD attuale Rifiuti trasportati Costo di (kg/d) anno trasporto Costo unitario 2006 Totale (/d) (/ton) 11125,62 69,60 6,26 2420,14 11,60 4,79 1564,52 44,74 28,60 5725,89 23,44 4,09 3208,22 58,95 18,37 748,49 56,58 75,59 3464,55 44,74 12,91 2518,16 42,38 16,83 30775,59 44,00 20,93

TRASFERIMENTO BARAGIANO-VENOSA Comuni Distanza (km) Tempo di percorrenza (h) Costo complessivo di trasporto (/d) Costo gestione piattaforma Costo di manutenzione impianti piattaforma(/d) Costi totali trasporto(/d) Rifiuti trasportati (kg/d) Costo unitario di trasporto Baragiano- Venosa(/ton) Costo medio conferimento diretto (/ton) Costo medio trasferimento mediante piattaforma (/ton) Economia complessiva annua (/anno) 8 73 3,9 187,58 72 38,36 297,94 30775,59 9,681 98,25 30,61 759.757 Comprensivo di scarico Uso mezzo ed autista 4 ore/giorno di operaio 8% annuo del costo di investimento stimato in 200.000

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 143 di 143

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 CONFERIMENTO DIRETTO A POTENZA RD attuale Costo di Rifiuti Tempo di percorrenza (A/R) e Comuni Distanza (km) trasportati trasporto scarico (h) Totale (/d) (kg/d) anno 2006 726,08 Trivigno 25 1,5 67,20 726,44 Castelmezzano 42 2,35 109,84 Pietrapertosa 850,41 42 2,35 109,84 Campomaggiore 891,21 38 2,15 99,80 Albano di Lucania 1240,16 33 1,9 87,26 Brindisi di Montagna 23 1,4 679,18 62,18 Laurenzana 1594,52 36 2,05 94,79 Calvello 1842,33 38 2,15 99,80 Abriola 1905,21 26 1,55 69,71 Anzi 2001,64 26 1,55 69,71 TOTALE (media) 32,90 1,90 87,01 12457,18 CONFERIMENTO ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI TRIVIGNO RD attuale Costo di Rifiuti Tempo di percorrenza (A/R) e Comuni Distanza (km) trasportati trasporto scarico (h) Totale (/d) (kg/d) anno 2006 Trivigno 726,08 3 0,4 12,02 Castelmezzano 726,44 23 1,4 62,18 850,41 Pietrapertosa 23 1,4 62,18 891,21 Campomaggiore 19 1,2 52,15 Albano di Lucania 1240,16 13 0,9 37,10 Brindisi di Montagna 679,18 12 0,85 34,60 Laurenzana 1594,52 21 1,3 57,17 Calvello 1842,33 24 1,45 64,69 Abriola 1905,21 33 1,9 87,26 Anzi 2001,64 16 1,05 44,63 12457,18 TOTALE (media) 19,50 1,98 52,20 TRASFERIMENTO TRIVIGNO-POTENZA Comuni Distanza (km) Tempo di percorrenza (h) Costo complessivo di trasporto (/d) Costo gestione piattaforma Costo di manutenzione impianti piattaforma(/d) Costi totali trasporto Rifiuti trasportati (kg/d) Costo unitario di trasporto Triviglio-Potenza (/ton) Costo medio conferimento diretto (/ton) Costo medio trasferimento mediante piattaforma (/ton) Economia complessiva annua (/anno)
SEZIONE RIFIUTI URBANI

Costo unitario (/ton) 92,55 151,20 129,16 111,99 70,36 91,56 59,45 54,17 36,59 34,83 83,18

Costo unitario (/ton) 16,56 85,60 73,12 58,52 29,92 50,94 35,85 35,11 45,80 22,30 45,37

10 25 1,5 67,20 72 38,36 177,56 12457,18 14,25 83,18 59,63 107.118,69


Luglio 2008 Pagina 144 di 144

Comprensivo di scarico Uso mezzo ed autista 4 ore/giorno di operaio 8% annuo del costo di investimento stimato in 200.000

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 CONFERIMENTO DIRETTO A SANT'ARCANGELO Comuni Distanza (km) Tempo di percorrenza (A/R) e scarico (h) 2,8 3,75 3,4 3,1205 2,338 3,4825 2,968 2,3655 Costo di trasporto Totale (/d) RD attuale Costo unitario Rifiuti trasportati (/ton) (kg/d) anno 2006 1524,52 86,85 3776,55 47,68 5250,49 30,95 4624,27 32,11 1273,53 85,77 3259,37 51,13 1081,40 130,23 1531,32 72,23 50,18 48,97 63,61

Grumento Nova Marsico Nuovo Marsicovetere Moliterno Montemurro Paterno Sarconi Spinoso

51 70 63 57,41 41,76 64,65 54,36 42,31

132,41 180,06 162,50 148,48 109,23 166,64 140,83 110,61

Tramutola 61,3 3,315 158,24 3153,15 Viggiano 54,5 2,975 141,19 2883,15 TOTALE (media) 56,0 3,1 145,0 28357,75 CONFERIMENTO ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI VIGGIANO Tempo di Costo di trasporto percorrenza Totale (/d) (A/R) e scarico (h) Grumento Nova 14 0,95 39,61 Marsico Nuovo 28 1,65 74,72 Marsicovetere 15,4 1,02 43,12 Moliterno 19,7 1,235 53,91 Montemurro 18,5 1,175 50,90 Paterno 19 1,2 52,15 Sarconi 17,3 1,115 47,89 Spinoso 24 1,45 64,69 Tramutola 17,00 1,1 47,14 Viggiano 3 0,4 12,02 TOTALE (media) 17,59 1,1295 48,62 TRASFERIMENTO VIGGIANO- SANT'ARCANGELO Comuni Distanza (km) Tempo di percorrenza (h) Costo complessivo di trasporto (/d) Costo gestione piattaforma Costo di manutenzione impianti piattaforma(/d) Costi totali trasporto Rifiuti trasportati (kg/d) 10 54,5 2,975 129,68 72 38,36 240,04 28357,75 Comuni Distanza (km)

RD attuale Costo unitario Rifiuti trasportati (/ton) (kg/d) anno 2006 1524,52 25,98 3776,55 19,79 5250,49 8,21 4624,27 11,66 1273,53 39,97 3259,37 16,00 1081,40 44,28 1531,32 42,25 3153,15 14,95 2883,15 4,17 28357,75 22,73

Comprensivo di scarico Uso mezzo ed autista 4 ore/giorno di operaio 8% annuo del costo di investimento stimato in 200.000 50% della produzione totale

Costo unitario di trasporto Viggiano- Sant'Arcangelo (/ton) 8,46 Costo medio conferimento diretto (/ton) 63,61 Costo medio trasferimento mediante piattaforma (/ton) 31,19 Economia complessiva annua (/anno) 335.577,56
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 145 di 145

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 CONFERIMENTO DIRETTO A LAURIA Comuni Distanza (km) Tempo di percorrenza (A/R) e scarico (h) San Severino Chiaromonte Francavilla in Sinni Calvera Carbone Fardella Teana Episcopia TOTALE (media) 50,9 47,25 41,6 53,5 44 45 48 30 47,18 2,795 2,6125 2,33 2,925 2,45 2,5 2,65 1,75 2,61

Costo di trasporto Totale (/d)

132,16 123,00 108,83 138,68 114,85 117,36 124,88 79,74 122,82

RD attuale Rifiuti trasportati (kg/d) anno 2006 1570,19 1695,53 3918,08 379,21 661,95 600,14 475,32 1061,75 10362,16

Costo unitario (/ton)

84,17 72,55 27,78 365,71 173,51 195,56 262,74 75,10 168,86

CONFERIMENTO ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI EPISCOPIA Comuni Distanza (km) Tempo di Costo di RD attuale percorrenza trasporto Rifiuti (A/R) e Totale (/d) trasportati scarico (h) (kg/d) anno 2006 San Severino 21 1,3 57,17 1570,19 1695,53 Chiaromonte 20 1,25 54,66 Francavilla in Sinni 3918,08 22 1,35 59,68 379,21 Calvera 25,5 1,525 68,45 661,95 Carbone 19 1,2 52,15 600,14 Fardella 14 0,95 39,61 Teana 475,32 16 1,05 44,63 Episcopia 1061,75 3 0,4 12,02 10362,16 TOTALE (media) 17,56 1,23 53,76 TRASFERIMENTO EPISCOPIA- LAURIA Comuni Distanza (km) Tempo di percorrenza (h) Costo complessivo di trasporto (/d) Costo gestione piattaforma Costo di manutenzione impianti piattaforma(/d) Costi totali trasporto Rifiuti trasportati (kg/d) Costo unitario di trasporto Episcopia- Lauria (/ton) Costo medio conferimento diretto (/ton) Costo medio trasferimento mediante piattaforma (/ton) Economia complessiva annua (/anno) 8 30 1,75 79,74 72 38,36 190,10 10362,16 18,35 168,86 90,21 297.441,75

Costo unitario (/ton)

36,41 32,24 15,23 180,52 78,79 66,00 93,89 11,32 71,87

Comprensivo di scarico Uso mezzo ed autista 4 ore/giorno di operaio 8% annuo del costo di investimento stimato in 200.000

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 146 di 146

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 CONFERIMENTO DIRETTO A SANT'ARCANGELO Comuni Distanza (km) Tempo di percorrenza (A/R) e scarico (h) Costo di trasporto Totale (/d) RD attuale Rifiuti trasportati (kg/d) anno 2006 787,78 639,21 212,77 756,11 995,29 Costo unitario (/ton)

Noepoli Cersosimo San Paolo A. San Costantino A. Terranova di Pollino

29,5 1,725 78,49 37 2,1 97,30 37 2,1 97,30 38 2,15 99,80 45 2,5 117,36 TOTALE (media) 37,30 2,12 98,05 3391,15 CONFERIMENTO ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI NOEPOLI Comuni Distanza (km) Tempo di Costo di RD attuale percorrenza trasporto Rifiuti (A/R) e Totale (/d) trasportati scarico (h) (kg/d) anno 2006 Noepoli Cersosimo San Paolo A. San Costantino A. Terranova di Pollino TOTALE (media) 3 11,7 11,5 9 19,5 10,94 0,4 0,835 0,825 0,7 1,225 0,80 12,02 33,84 33,34 27,07 53,41 31,94 787,78 639,21 212,77 756,11 995,29 3391,15

99,63 152,21 457,29 132,00 117,92 191,81 Costo unitario (/ton)

15,26 52,95 156,71 35,80 53,66 62,88

TRASFERIMENTO NOEPOLI- SANT'ARCANGELO Comuni 5 29,5 Distanza (km) Tempo di percorrenza (h) Costo complessivo di trasporto (/d) Costo gestione piattaforma Costo di manutenzione impianti piattaforma(/d) Costi totali trasporto Rifiuti trasportati (kg/d) Costo unitario di trasporto NoepoliSant'Arcangelo (/ton) Costo medio conferimento diretto (/ton) Costo medio trasferimento mediante piattaforma (/ton) Economia complessiva annua (/anno) 1,725 78,49 72 38,36 188,85 3391,15 55,69 191,81 118,56 90.660,63 Comprensivo di scarico Uso mezzo ed autista 4 ore/giorno di operaio 8% annuo del costo di investimento stimato in 200.000

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 147 di 147

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

In conclusione,come evidenziato nella tabella 3.31, utilizzando stazioni di trasferimento si ottiene un economia complessiva di circa 1.825.674 euro/anno e una economia media di 45,22 /ton.
Tabella 3.31 Riepilogo economia complessiva derivante dallorganizzazione delle stazioni di trasferimento

Stazione Trasferimento Genzano Rapone Baragiano Triviglio Viggiano Noepoli Episcopia TOTALE ( media)

Economia complessiva annua (/anno) 165.664,00 69.455,21 759.756,74 107.118,69 335.577,56 90.660,63 297.441,75 1.825.674,58

Numero Comuni serviti 7 6 8 10 10 5 8 54

Economia per ogni tonnellata(/ton) 24,39 16,66 67,64 23,56 32,42 73,25 78,64 45,22

Nel grafico seguente vengono evidenziati i flussi dei Comuni presso le rispettive stazioni di trasferimento

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 148 di 148

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

FLUSSI DI GESTIONE STAZIONI DI TRASFERIMENTO

Fig. 3.8 Flussi dei Comuni presso le stazioni di trasferimento


SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 149 di 149

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

3.6.6

Il sistema impiantistico previsto per i rifiuti urbani Il sistema impiantistico di recupero, trattamento e smaltimento dei rifiuti urbani definito dal

Piano si basa sullintegrazione di processi impiantistici specificamente orientati alla ottimale gestione delle diverse tipologie di rifiuti urbani derivanti dalle raccolte e dei flussi di rifiuti derivanti dai trattamenti stessi. Le previsioni di sviluppo del sistema impiantistico sono state delineate a partire dai seguenti indirizzi: massimizzare le opportunit di recupero di materia dai rifiuti, attraverso lo sviluppo di impiantistica in grado di valorizzare i flussi provenienti dalle raccolte; garantire il pretrattamento dei rifiuti non intercettati dalle raccolte differenziate, al fine di assicurare un miglior controllo delle fasi di smaltimento finale e una riduzione degli impatti ambientali ad esse associati; valorizzare le opportunit di recupero energetico dei rifiuti, attraverso processi di assoluta garanzia dal punto di vista delle prestazioni ambientali associate (solo materiali ad alto contenuto energetico); minimizzare le necessit di smaltimento in discarica, puntando sul lungo periodo al tendenziale annullamento del flusso di rifiuti cos destinati; valorizzare anche previo eventuale adeguamento limpiantistica pubblica di trattamento dei rifiuti gi esistente o comunque in corso di realizzazione, autorizzata o in corso di autorizzazione; considerare il massimo supporto derivante dallimpiantistica privata gi esistente sul territorio, orientata in particolare alla valorizzazione delle raccolte differenziate in genere ed alla valorizzazione del recupero energetico da sostanze ad alto potere calorifico; sviluppare unimpiantistica di trattamento rifiuti aggiuntiva sul territorio in grado di assicurare i fabbisogni non soddisfatti dagli impianti di cui ai punti precedenti (esempio CDR, etc.); razionalizzare il sistema delle discariche esistenti sul territorio al fine di garantire il soddisfacimento dei fabbisogni provinciali; indicare in relazione alla nuova impiantistica dellopportunit di riferirsi a quanto previsto dalle Migliori Tecniche Disponibili (BAT) di settore. Si prevede il conseguimento dellautosufficienza di smaltimento, in relazione in particolare al fabbisogno di pretrattamento del rifiuto indifferenziato, di stabilizzazione del materiale umido, di trattamento del materiale di sovvallo (CDR+ termico) e di smaltimento in discarica.

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 150 di 150

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

3.6.7

Schema tecnologico proposto Sul piano impiantistico lo scenario attuale prevede soluzioni estremamente diversificate per

tipologia di trattamento e per dimensioni impiantistiche realizzabili. Resta costante la necessit di operare separazioni meccaniche dei materiali ad alto contenuto energetico da quelli umidi prevalentemente biodegradabili. Per tale funzione oltre ai vagli a tamburo rotante si stanno affermando tecnologie quali i vagli a dischi ed i pressoestrusori che operano la selezione in base alla caratteristica di fluidit dei materiali da trattare. A titolo esemplificativo si possono elencare le seguenti tecnologie per il trattamento delle frazioni umide e secche. Frazioni umide
Frazione umida Stabilizzazione biologica Vantaggi: Impiantistica semplice da gestire Possibilit di realizzazione di impianti di piccola taglia Facile incremento delle dimensioni e grande modularit Svantaggi: Consumi energetici relativamente alti Indice di stabilit ottenibile non particolarmente basso Stabilizzazione biologica Vantaggi: Consumi energetici relativamente bassi Possibilit di recupero energetico da biogas Facile incremento delle dimensioni e grande modularit Svantaggi: Impiantistica complessa da gestire (presenza di gas combustibili) Necessit di realizzazione di impianti di taglia medio-grande (superiore alle 100 ton/d) Necessit di oprare in associazione ad impianti di trattamento acque Combustione umida Vantaggi: Possibilit di produzione di idrogeno riutilizzabile Svantaggi: Impiantistica complessa e poco sperimentata sulle frazioni in esame Necessit di realizzazione di impianti di taglia medio-grande (superiore alle 100 ton/d) Compostaggio Vantaggi: Possibilit di ottenere frazioni recuperabili Alta accettabilit sociale dellimpiantistica Svantaggi: Rischio di produrre materiali fuori specifica da destinare alla discarica controllata anaerobica in fase umida (bio-gassificazione)

aerobica in fase secca

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 151 di 151

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Frazioni Secche
Combustione diretta con Vantaggi: Filiera impiantistica corta con bassi rischi di fuori servizio Recuperi energetici Svantaggi: Costi di trattamento relativamente alti Bassa accettabilit sociale degli impianti Gassificazione combustione diretta e Vantaggi: Possibilit di realizzare impianti di taglie medio piccole e successivamente ampliabili per moduli Svantaggi Tecnologia ancora poco diffusa e complessa da gestire Recuperi energetici complessivamente modesti per i piccoli impianti Trasformazione in CDR Vantaggi: Possibilit di conferire il materiale prodotto ad utilizzatori non dedicati (es. cementifici) Possibilit di realizzare taglie impiantistiche medio piccole Buona accettabilit sociale Svantaggi: Necessit di disporre di frazioni aggiuntive per la creazione di miscele a specifica Produzioni di notevoli quantitativi di scarti da destinare alla discarica controllata Assenza di certezze relativamente alla collocabilit ed al costo di ritiro del CDR. Combustione in impianti al Plasma Vantaggi: Possibilit di ottenere scorie completamente inerti Alta accettabilit sociale Emissioni relativamente basse in rapporto ad altre tecnologie Svantaggi: Tecnologia molto complessa ed ancora poco diffusa e disponibile solo come privativa industriale Costi operativi non dichiarati dalle aziende produttrici Taglie impiantischice relativamente grandi Incertezza sulle specifiche da assicurare ai materiali da trattare

recupero energetico

Oltre agli aspetti tecnologici per la definizione dello schema impiantistico provinciale necessario valutare le condizioni territoriali che si riassumono di seguito.

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 152 di 152

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Necessit di movimentazione dei rifiuti dai centri abitati agli impianti di trattamento su una rete stradale caratterizzata da tratti montani ed assenza di collegamenti interbacino; Consistenza della dotazione impiantistica provinciale; Programmazione in atto a livello provinciale e regionale.

Alla luce di quanto sopra esposto si ridefiniscono gli obiettivi di raccolta differenziata e larticolazione impiantistica costituente lo scenario base della presente programmazione. 3.6.8 Scenario impiantistico e tecnologico per laggiornamento del Piano Provinciale Per definizione un sistema integrato un insieme di soluzioni tecnologiche e gestionali in grado di ottimizzare le attivit di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti prodotti in un territorio definito. In genere un sistema integrato opera trattamenti diversi su frazioni ottenute dalla separazione, a monte o in impianto, del rifiuto in uno o pi flussi. La base impiantistica del sistema integrato posta a base della presente proposta costituita da: - termodistruzione diretta con recupero energetico per le frazioni secche vagliate; - trasformazione in CDR di frazioni secche ottenute a valle della vagliatura primaria; - stabilizzazione aerobica e recupero a valle cella sostanza organica dalle frazioni umide vagliate; - compostaggio delle frazioni organiche biodegradabili raccolte separatamente, Per tali esigenze si prevede di realizzare sul territorio provinciale di impianti in grado di assicurare il completo soddisfacimento del fabbisogno di trattamento. Le potenzialit di trattamento saranno distribuite tra pi impianti in modo da assicurare unottimale copertura territoriale e la minimizzazione dei costi di trasferimento. Il sistema di gestione si completa con le attivit di: - selezione e mobilizzazione delle frazioni secche raccolte separatamente; - raccolta e invio a circuiti dedicati di frazioni urbane pericolose. Per queste attivit vengono assicurate sul territorio provinciale le fasi di raccolta e pretrattamento, mentre il riutilizzo o lo smaltimento finale si baseranno anche sullimpiantistica di trasformazione extra provinciale. Nello schema seguente riportata la previsione di distribuzione dei flussi della presente pianificazione nella sua configurazione a regime da attuarsi entro il 31/12/2011.

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 153 di 153

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

PERICOLOSI

Medicinali Batterie Contenitori T F


CONSORZI DI RACCOLTA

RACCOLTA DIFFERENZIA TA

17% 4% 9% 3% 27%

Carta Vetro Plastica Metalli Organico

33%

STAZIONI DI NOBILITAZIONE

27%

MERCATO DELLE MATERIE RECUPERATE

Scarti (6) Perdite (7%) COMPOSTAGGIO Prodotto (15) )%) Recupero come materia per applicazioni ambientali

3 60% Frazione umida (20%) Perdite (3%) STABILIZZAZIONE AEROBICA Frazione secca (20%)

Residui (5%) Trattamento di maturazione e raffinazione TRATTAMENTO TERMICO


Perdite (15%)

RIFIUTI SOLIDI URBANI

Residui 6% Residui 5% DISCARICA CONTROLLATA Recupero come energia in impianti non dedicati ai rifiuti

40%

VAGLIATURA

Produzione CDR

Fig.3.9 Principali elementi e flussi di materia per lobiettivo di raccolta differenziata del 60%

In linea con le indicazioni del d.lgs 152/2006 e d.lgs. 4/2008, lo schema sopra esposto prevede il conferimento in discarica di soli rifiuti pretrattati e a norma del d.lgs 36/2003, non vengono conferiti in discarica: materiali in grado di produrre sensibili quantit di metano (rifiuti organici biodegradabili); rifiuti ad alto contenuto energetico con potere calorifico inferiore PCI > 13.000 KJ/Kg (frazioni secche) La suddivisione dei flussi operata dalle singole tecnologie di trattamento delle frazioni indifferenziate riportata nel prospetto seguente.

Vagliatura
Frazione secca di sopravaglio = 40-45% Frazione umida di sottovaglio = 55-60% Questo risultato tipico di sistemi con raccolte differenziate spinte maggiormente sulle frazioni secche. Lo stesso grado di separazione pu essere ottenuto operando sulla dimensione dei fori di vagliatura (80-100 mm)

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 154 di 154

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Biostabilizzazione
Materiale biostabilizzato = 80-90% Perdite di processo = 10-20% Le perdite sono costituite dai prodotti di metabolismo dellattivit microbica di stabilizzazione (CO2+H2O) e dallevaporazione causata dalle alte temperature di processo. La perdita complessiva di massa funzione della durata del ciclo di stabilizzazione e del contenuto iniziale di sostanza organica. Le perdite sono costituite dai prodotti di metabolismo dellattivit microbica di stabilizzazione (CO2+H2O) e dallessiccamento prodotto nella fase di maturazione. Gli scarti sono funzione del grado di affinamento richiesto e della qualit dei trattamenti di separazione secco umido operati a monte

Trattamento frazioni biostabilizzate


Materiale recuperabile = 60-70% Perdite di processo = 5-10%

Scarti dalla raffinazione = 20-35

Trattamento frazioni secche


Materiale recuperabile = 70-80% Perdite di processo = 2-5% Le perdite sono costituite dallevaporazione durante le lavorazioni che spesso producono alte temperature. Gli scarti sono funzione del grado di affinamento richiesto e della qualit dei trattamenti di separazione secco umido operati a monte

Scarti dalla raffinazione = 15-28%

Per le valutazioni del presente e per le caratteristiche dellimpiantistica esistente si assumono i seguenti parametri di funzionamento sui quali valutare le disponibilit di trattamento.
Impianto/piattaforma Sezione di Vagliatura Sezione di Biostabilizzazione Prestazioni unit di trattamento Separazione secco/umido=40/60 Densit delle frazioni provenienti dalla Modifiche da apportare Aumento del diametro di vagliatura o sostituzione della tecnologia Occorre adeguare i tempi di vagliatura = 600 kg/m Perdita in biostabilizzazione = 15% Termodistruttori Discarica controllata Residuo incombusto massimo = 20% in peso Densit rifiuti tal quali (solo emergenza) = 700 kg/m Densit rifiuti biostabilizzati = 900 kg/m Densit scorie da incenerimento= 1.1 kg/m Operare solo su frazioni provenienti da pretrattaenti In tutti gli impianti prevista la presenza di compattatore pesante (minimo 10 ton) stabilizzazione in reattore a 14 giorni

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 155 di 155

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Nelle ipotesi sopra descritte dal trattamento di una tonnellata di rifiuti tal quali deriveranno i seguenti flussi:
Rifiuti non pericolosi (Scorie) 85 kg Frazione secca di sopravaglio Rifiuto avviato a piattaforme trattamento (1000) Frazione umida sottovaglio (550 kg) di Perdite di processo (110 kg) Frazione stabilizzata (440 kg) di Gas combusti (360 kg) Occupazione discarica 0.49 m volume in (450 kg) Incombusti (90 kg) Rifiuti pericolosi Occupazione Occupazione discarica volume volume in in discarica 0.078 m (dopo

(polveri) 4.5kg

inertizzazione) = 0.005 m

Perdite per stabilizzazione bilogica

Scorie da combustione Polveri leggere da combustione

Materiale biostabilizzato

Gas da combustione

Figura 3.10 Distribuzione dei residui da trattamento dei rifiuti indifferenziati

3.6.9

Fabbisogni impiantistici nel periodo di programmazione La programmazione definita nel presente piano da intendere unitaria ed integrata sul piano

provinciale. Si individuano comunque tre aggregazioni impiantistico-territoriali corrispondenti con larea Nord,Centro e Sud. Risultano evidenti quindi le seguenti necessit:
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 156 di 156

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

potenziamento dellimpiantistica di trattamento nellarea Nord; potenziamento dellimpiantistica di trattamento nellarea Centro; migliore organizzazione dei sistemi di raccolta collettiva e trasferimento nellarea Sud.
Tabella 3.32 Macro parametri di dimensionamento del sistema impiantistico Popolazione Area Nord Popolazione Area Centro Popolazione Area Sud (Piano 2002 + alta val dagri) TOTALE Obiettivo di raccolta differenziata a 12 mesi Obiettivo di raccolta differenziata a 24 mesi Obiettivo di raccolta differenziata a 48 mesi Obiettivo di raccolta differenziata fino al 2018 165.000 110.000 125.000 400.000 18% 50% 60% 65% Ottenuta con le sole frazioni secche Ottenuta estendendo la raccolta differenziata allumido. Ottenuta con la raccolta differenziata del secco e dellumido a regime. NOTA

Assumendo come base di calcolo i seguenti macro-descrittori quantitativi.

Considerando il trend di crescita della produzione di rifiuti (Fig.3.2) e gli obiettivi di raccolta differenziata previsti (tab. 3.32) nel periodo di programmazione, si definiscono i fabbisogni e grado di utilizzo di impianti nel periodo di programmazione considerando una produzione dei rifiuti su base media annua (Tab 3.33 Fig 3.11 Tab 3.34);
Tabella 3.33 Fabbisogni di impianti a tecnologia complessa nel periodo di programmazione ( Su base media annua) a 12 mesi Tonnellate/giorno Vagliatura Biostabilizzazione (55%) Combustione (45%) Compostaggio Nobilitazione e recupero materiali da Raccolta differenziata Quantitativo totale trattato in impianti 459 442 410 498 554 337 185 152 0 122 223 123 100 82 137 180 99 81 87 143 a 24 mesi a 48 mesi 2018 (scenario 2018 (scenario basso incremento) 199 110 90 134 164 alto incremento) 222 122 100 149 183

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 157 di 157

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Figura 3.11 Fabbisogno impianti nel periodo di programmazione

Fabbisogni impiantistici durante il periodo di programmazione

Vagliatura

400 350 tonnellate/giorno 300 250 200 150 100 50 0

Biostabilizzazione (55%)

Combustione (45%)

Compostaggio

a 12 mesi

a 24 mesi

a 48 mesi

2018 (scenario basso incremento)

2018 (scenario alto incremento)

anno

Nobilitazione e recupero materiali da Raccolta differenziata

Al fine di garantire un grado di utilizzo degli impianti a tecnologia complessa, compresi normalmente tra il 50 ed il 100% della potenzialit massima di progetto, e considerando lincertezza sulleffettivo incremento delle produzioni complessive si definiscono i seguenti fabbisogni impiantistici (Tab 3.34).
Tabella 3.34 Potenzialit e grado di utilizzo degli impianti a tecnologia complessa nel periodo di programmazione ( Su base media annua) Potenzialit Massimo grado di Minimo grado di necessaria 337 185 152 150 utilizzo 100% 100% 100% 100% utilizzo 53% 53% 53% 54%

Tonnellate/giorno

Vagliatura Biostabilizzazione (55%) CDR+Combustione (45%) Compostaggio* Nobilitazione e recupero materiali da Raccolta differenziata *

200

91%

61%

(*) A partire dal raggiungimento degli obiettivi prefissati di RD

Considerando inoltre la presenza effettiva di periodi di picco (settimanali e/o stagionali) e fermo impianti sia ordinari che straordinari, si ritiene realistico programmare la potenzialit degli impianti in funzione di una produzione dei rifiuti su base media annua (Tab.33), incrementata di un fattore di sovraccarico pari al 20%, come descritto nelle Tab 3.35 -Fig 3.12 - Tab 3.36

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 158 di 158

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.35 Fabbisogni di impianti a tecnologia complessa nel periodo di programmazione con fattore di sovraccarico per periodi di picco ( settimanale o stagionale) e fermo impianti a 12 mesi Tonnellate/giorno Vagliatura Biostabilizzazione (55%) Combustione (45%) Compostaggio Nobilitazione e recupero materiali da Raccolta differenziata Quantitativo totale trattato in impianti 551 530 492 597 665 405 222 182 0 147 268 147 120 98 165 216 119 97 104 171 a 24 mesi a 48 mesi 2018 (scenario basso 2018 (scenario alto incremento) 239 131 108 161 197 incremento) 266 146 120 179 219

Figura 3.12 Fabbisogno impianti, considerando un fattore di sovraccarico per periodi di picco e fermo impianti nel periodo di programmazione

Fabbisogni impiantistici durante il periodo di programmazione


450 400 350 Vagliatura

tonnellate/giorno

300 250 200 1 50 1 00 50 0 a 1 mesi 2 a 24 mesi a 48 mesi 201 (scenario 201 (scenario 8 8 basso alto incremento ) incremento )

B io stabilizzazio ne (55%)

Co mbustio ne (45%)

Co mpo staggio

anno

No bilitazio ne e recupero materiali da Racco lta differenziata

Al fine di garantire un grado di utilizzo degli impianti a tecnologia complessa, compresi normalmente tra il 50% ed il 100% della potenzialit massima di progetto, e considerando lincertezza sulleffettivo incremento delle produzioni complessive si definiscono i seguenti fabbisogni impiantistici (Tab 3.36).

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 159 di 159

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.36 Potenzialit e grado di utilizzo degli impianti a tecnologia complessa nel periodo di programmazione con fattore di sovraccarico per periodi di picco ( settimanale o stagionale) e fermo impianti Potenzialit Tonnellate/giorno necessaria 405 223 182 190 230 Massimo grado di utilizzo 100% 100% 100% 94% 95% Minimo grado di utilizzo 53% 53% 53% 52% 64%

Vagliatura Biostabilizzazione (55%) CDR+Combustione (45%) Compostaggio* Nobilitazione e recupero materiali da Raccolta differenziata*

(*) A partire dal raggiungimento degli obiettivi prefissati di RD

Le disponibilit di trattamento non saturate potranno essere utilmente impiegate al fine di rendere pi flessibile ed efficiente il sistema integrato. In particolare: le maggiori potenzialit di biostabilizzazione potranno consentire miglioramento delle caratteristiche dei materiali trattati anche ai fin di un loro riutilizzo in applicazioni ambientali. I fabbisogni impiantistici programmati (Tab.3.13) saranno allocati in piattaforme integrate che rispondano ai seguenti criteri: preesistenza di impianti dedicati al trattamento rifiuti ed assenza di cause ostative o malfunzionamenti gravi che ne compromettano la funzionalit presente e futura; disponibilit di discarica di servizio integrata presso la piattaforma; capacit di trattamento superiore a 20.000 ton/anno di rifiuto indifferenziato trattato.

3.6.10 Il ruolo dellimpiantistica di recupero e trattamento delle frazioni secche da raccolta differenziata Un primo importante livello dellimpiantistica di recupero e valorizzazione delle raccolte differenziate rappresentato dalle piattaforme ecologiche per la raccolta differenziata gi descritte nel paragrafo 3.6.4. Al fine di completare il ciclo delle attivit di recupero e avvio a valorizzazione delle raccolte differenziate, lattivit delle suddette piattaforme pu opportunamente integrarsi con un sistema di impianti di trattamento in grado di gestire e valorizzare adeguatamente i diversi flussi di rifiuti. Si precisa che le valutazioni qui presentate sono da intendersi riferite essenzialmente al recupero di materia delle componenti secche del rifiuto, essendo trattato in modo specifico successivamente il tema del recupero tramite compostaggio della frazione organica e degli scarti verdi. In particolare, le tipologie di attivit qui considerate fanno quindi riferimento a processi di selezione meccanica o manuale quali:
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 160 di 160

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

la selezione del multimateriale, intesa come processo che serve a completare la raccolta differenziata restituendo alluscita i 3 o 4 o pi materiali separati e in genere privi di sostanze indesiderate (salvo ulteriori interventi di selezione per raggiungere i requisiti richiesti dallindustria del recupero); la selezione delle singole frazioni merceologiche, intesa come processo orientato alla raffinazione dei materiali raccolti, con la separazione dei materiali recuperabili dai rifiuti: - frazione cellulosica: recupero di materie a specifica come carta de-ink e cartone da carta mista) per migliorare la qualit (pulizia da materiali estranei); - materie plastiche: selezione per polimero e per colore allo scopo di ottenere flussi di materiale omogeneo che hanno maggior valore commerciale; - ingombranti: recupero di materiali ferrosi e di legno (in genere eseguita manualmente presso le isole ecologiche o le piattaforme o presso stoccaggi provvisori nellarea di impianti di trattamento o di smaltimento); - apparecchiature elettriche elettroniche: separazione dei rifiuti pericolosi e dei materiali da recuperare. Nel seguito si presenta una sintetica descrizione dei principali processi di trattamento dei materiali da raccolta differenziata, riportando un estratto del documento sulle Linee Guida di settore predisposto dal Gruppo Tecnico Ristretto istituito dalla Commissione Nazionale IPPC.

3.6.10.1

Caratteristiche dei processi di selezione e trattamento dei materiali da raccolta

differenziata (Estratto da lineee guida GTR Commissione Nazionale IPPC)

Anche se levoluzione della tecnica sta progressivamente riducendo la necessit di cernita manuale nella selezione dei rifiuti, ancora oggi sia la selezione manuale che quella meccanica vengono impiegate negli impianti di trattamento per il recupero dei materiali. Tradizionalmente la cernita manuale si utilizza sulle frazioni secche di rifiuti urbani, o su materiali provenienti dalla RD, ovvero su rifiuti speciali qualitativamente assimilabili agli urbani. Lo scopo la separazione di materiali non eseguibile per via meccanica (in genere materiali di forma e caratteristiche fisiche simili); ad esempio per differenti tipi di carta e cartone, per carta e cartone da plastica e altri tipi di rifiuti speciali, per contenitori in materiali plastici differenti per struttura polimerica o differenti per colore. Questo metodo deve essere messo a confronto con i dispositivi di selezione meccanica con cui si realizzano linee di elevata produttivit e con qualit accettabile in cui lintervento manuale limitato

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 161 di 161

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

al controllo di qualit, ovvero allasportazione in linea di impurezze residue nella frazione selezionata meccanicamente. Selezione e pulizia della carta Ingresso allimpianto: materiale cellulosico costituito da carta mista da raccolta stradale o porta a porta e contenente carta di diverse qualit, cartone in proporzione variabile dal 20 al 70%, materiali estranei in quantit variabile dal 5 al 15%. In alternativa: materiale da raccolta selettiva contenente cartone in proporzione variabile dall80 al 100%, carta in proporzione variabile dal 5 al 20% e materiali estranei in proporzione variabile dal 5 al 10%. Scopo: separazione di varie qualit di carta da macero (cartone, giornali e riviste, carta mista, classificati secondo le norme UNI EN 643); separazione delle impurezze costituite da materiali estranei. Tipo di processo: selezione meccanica, manuale o mista

Descrizione del processo: - scarico dei materiali sul pavimento a raso; - carico dellimpianto con pala meccanica; - selezione dimensionale con vagliatura del fine e del cartone; - distribuzione del flusso di carta mista residua su un nastro in uno strato unico di materiale; - separazione della carta di giornali e riviste con sensori ottici e di forma o con cernita manuale; - scarto delle impurezze costituite da materiali non cellulosici; - controllo di qualit manuale; - stoccaggio delle diverse qualit selezionate; - pressatura delle diverse partite di carta ottenute; - smaltimento o riciclo degli scarti. Destinatari: consorzio di filiera della carta (COMIECO), cartiere.

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 162 di 162

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Selezione di differenti tipi di materiali plastici (separati per polimero e per colore) dalla plastica eterogenea raccolta Ingresso allimpianto: materie plastiche provenienti dalla raccolta differenziata monomateriale o dallimpianto di selezione della raccolta multimateriale. La miscela proveniente dalla raccolta differenziata dei contenitori per alimenti contiene tipicamente dal 70 all80% di PET, dal 10 al 20% di PE e minori quantit di altri polimeri come PP, PS, PSE, PVC. Scopo: valorizzazione attraverso selezione per polimero ed eventualmente per colore, ottenere materiali con purezza elevata tramite selezione dei materiali estranei (qualit definita dalle norme UNIPLASTUNI 10667). Tipo di processo: selezione meccanica, manuale o mista.

Descrizione del processo: - ricezione e stoccaggio delle balle di plastica; - carico delle balle sullimpianto tramite muletto; - apertura delle balle e separazione dei materiali; - separazione dimensionale con scarto dei materiali fini e di materiali di grande dimensione (film); - separazione per polimero; - selezione per colore con analisi colorimetrica o con cernita manuale; - scarto dei materiali indesiderati; - pressatura delle diverse partite di materiale selezionato; - stoccaggio e carico su camion. Destinatario: COREPLA. Separazione delle impurit dal rottame vetroso fino ad ottenere il vetro pronto al forno Ingresso allimpianto: rottame di vetro proveniente dalla raccolta differenziata monomateriale o dallimpianto di selezione della raccolta differenziata multimateriale. Scopo: separazione delle impurit fino ad ottenere la qualit prescritta per il vetro pronto al forno secondo le specificazioni contenute nel DM 5/2/98:
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 163 di 163

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

- granulometria > 3mm (sottovaglio 3mm < 5%); - ceramica e porcellana < 0,01%; - pietre < 0,02%; - metalli magnetici < 0,002%; - metalli amagnetici < 0,01%; - materiali organici < 0,1%; eventuale selezione per colore. Separazione delle impurit dal rottame vetroso fino ad ottenere il vetro pronto al forno Tipo di processo: selezione meccanica e manuale. Descrizione del processo: - scarico del materiale vetroso sul pavimento a raso; - carico dellimpianto; - separazione dimensionale di corpi estranei; - selezione manuale di corpi estranei; - separazione di metalli ferrosi, metalli non ferrosi, materiali non trasparenti; - separazione del fine al di sotto di 3 mm; - stoccaggio e carico su camion. Destinatari: COREVE, vetrerie. Selezione della raccolta multimateriale dei contenitori per liquidi Ingresso allimpianto: materiale costituito da 3 (contenitori in vetro, contenitori in alluminio, contenitori in banda stagnata) o 4 (contenitori in vetro, contenitori in alluminio, contenitori in banda stagnata e contenitori di alimenti in plastica) frazioni merceologiche raccolte insieme. Scopo: separazione delle frazioni raccolte congiuntamente costituite tipicamente dal 75-78% di vetro, 1820% di plastica, 2-4% di banda stagnata, 0,5-1% di alluminio. Separazione delle impurezze costituite da rifiuti non corrispondenti a nessuna delle frazioni selezionate. Tipo di processo: selezione meccanica o meccanica-manuale

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 164 di 164

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Descrizione del processo: - scarico del camion sul pavimento a raso; - carico dellimpianto con pala meccanica; - selezione dimensionale (materiali al disotto di 10 mm vengono scartati, materiali voluminosi o di grandi dimensioni vengono scartati: tipicamente film plastico e cartacartone); - selezione dei metalli ferrosi con elettromagnete; - selezione dei materiali leggeri (plastica, alluminio); - selezione dei metalli non ferrosi dalla corrente leggera; - selezione dei metalli ferrosi; - controllo di qualit manuale; - stoccaggio dei materiali separati; - pressatura della plastica; - carico sui camion dei materiali recuperati (vetro, plastica, lattine di ferro, lattine di alluminio); - invio a discarica degli scarti. Destinatari: Consorzi di filiera. Selezione degli ingombranti Ingresso allimpianto: ingombranti provenienti dalla raccolta domestica. Scopo: selezione del ferro e del legno. Tipo di processo: manuale assistito da macchina operatrice. Descrizione del processo: - scarico del materiale in una piazzola a piano di campagna; - selezione manuale del legno e del ferro e carica dei cassoni scarrabili appositi; - eventuale riduzione volumetrica del legno; - invio a smaltimento del residuo non riciclabile.
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 165 di 165

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Destinatari: RILEGNO e industrie di pannelli truciolari per il legno, Consorzio Nazionale Acciaio, fonderie per il ferro. Trattamento dei beni durevoli e delle apparecchiature elettriche ed elettroniche Ingresso allimpianto: apparecchiature elettriche ed elettroniche dismesse (RAEE), in particolare beni durevoli, provenienti da appositi circuiti di raccolta. Descrizione del processo: - conferimento e messa in riserva; - pre-trattamento e messa in sicurezza; - smontaggio e recupero componenti; - frantumazione controllata delle carcasse; - stoccaggio delle componenti ambientalmente critiche; - stoccaggio dei materiali recuperabili; - stoccaggio dei componenti recuperabili; - stoccaggio dei rifiuti non recuperabili, da destinarsi allo smaltimento, risultanti dalle operazioni di pretrattamento, messa in sicurezza e trattamento. Destinatari: filiere produttive. Di seguito si riportano, per ogni fase, le specifiche comuni a tutti le apparecchiature elettriche ed elettroniche dimesse (RAEE). Raccolta, conferimento e messa in riserva Trattasi del complesso delle operazioni di trasferimento dei beni ad un centro di trattamento e loro stoccaggio in vista del recupero, in particolare, il carico su automezzi, il trasporto, lo scarico, lo stoccaggio e il prelievo per il trattamento. Pre-trattamento e messa in sicurezza La fase di pretrattamento e messa in sicurezza una lavorazione preliminare, consecutiva al trasporto interno o esterno, finalizzata a rendere pi sicuro lo svolgimento delle successive fasi di recupero, previo trasporto interno/esterno. Essa consiste nella asportazione di parti mobili delle apparecchiature (sportelli, componenti e cablaggi elettrici, guarnizioni in PVC e/o gomma ed altre parti accessorie quali piani in cristallo, in acciaio, in plastica ecc.) e nella contemporanea rimozione, se del caso, dei materiali classificati pericolosi quali, ad esempio, CFC dai circuiti e dall'olio, interruttori con sostanze pericolose, condensatori, tubi catodici, schede elettriche ed elettroniche.
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 166 di 166

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Prevalentemente ai fini della sicurezza sul posto di lavoro, sono asportate in questa fase le sostanze facilmente infiammabili eventualmente presenti. Smontaggio e recupero componenti La fase di smontaggio richiede una definizione attenta di procedure al fine di garantire la possibilit di recupero dei componenti potenzialmente validi da un punto di vista tecnicoeconomico. Essa richiede, rispetto alle altre fasi, un maggior apporto di lavoro manuale, dunque, il contributo di procedure automatizzate non pu essere spinto oltre certi limiti se non a scapito della flessibilit delloperazione. Le suddette operazioni devono consentire la costituzione di una forma di garanzia sulla durata di vita residua presunta per il componente recuperato. L'impiego di eventuali componenti, utilizzanti fluidi refrigeranti la cui produzione bandita dalla normativa vigente, dovrebbe essere adeguato secondo i limiti temporali e applicativi della normativa stessa. I componenti e le apparecchiature recuperati devono tassativamente presentare i seguenti requisiti: - devono riportare una marcatura dell'azienda/organizzazione che li ricondiziona e li pone sul mercato (in tal modo se ne assume la responsabilit e la marcatura funge da garanzia); - la marcatura deve essere visibile, indelebile e tale da consentire la rintracciabilit del responsabile della re-immissione del componente sul mercato. Frantumazione e selezione dei materiali Durante questa fase si realizza la frantumazione e la selezione dei materiali da avviare al recupero (metalli ferrosi e non, plastiche, ecc.). Essa caratterizzata da un maggiore impiego di energia e da soluzioni automatizzate e ad alto contenuto tecnologico. Nella fattispecie, le operazioni di frantumazione della carcassa bonificata avvengono in locali di tipo industriale; in particolare la rottura delle pareti contenenti le schiume poliuretaniche in cui sono presenti composti organoalogenati avviene in apposito impianto e con procedure tali da evitare il rilascio di suddetti composti, polveri ed altre emissioni allatmosfera. La demolizione controllata comporta sviluppo di gas e polveri, pertanto, deve essere condotta in ambienti a contenimento statico, tenute con guarnizioni, o dinamico, mediante il mantenimento di opportune depressioni. Prima del rilascio in atmosfera, devono essere predisposti sistemi di abbattimento, la cui efficienza deve essere periodicamente misurata. Deve essere esclusa la possibilit di generare situazioni di rischio per infiammabilit o esplosivit di polveri e gas, anche ricorrendo a sistemi inertizzanti. Recupero di materia ed energia I materiali selezionati dovranno essere prioritariamente reintrodotti nei cicli produttivi ovvero avviati a processi di recupero energetico.
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 167 di 167

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Smaltimento I rifiuti prodotti dalle attivit di bonifica e trattamento sono avviati a smaltimento nel rispetto della normativa vigente. 3.6.10.2 Trattamento della frazione organica e del verde ( Compostaggio)

Il trattamento tramite compostaggio della frazione organica e del verde provenienti dalla raccolta differenziata costituisce, attraverso la produzione di compost di qualit ed il suo successivo impiego in pratiche agricole, un mezzo efficace per ridurre le emissioni di CO2 e fissare il carbonio in forma di sostanze umifiche che, concorrendo al ripristino della fertilit dei suoli, permettono lassimilazione di ulteriore CO2 attraverso lincremento della produzione vegetale (carbon sink). In linea con gli obiettivi del Protocollo di Kyoto e della Convenzione delle Nazioni Unite per la lotta alla desertificazione (Roma, 2007), che prevedono ladozione anche di piani regionali contro i fenomeni di degradazione dei suoli, connessi in particolare nel Sud Europa, ad un tendenziale processo di tropicalizzazione del bacino del Mediterraneo, la produzione e lutilizzo di compost contribuisce al ripristino di livelli di sostanza organica nei suoli che possano garantire la stabilit strutturale del terreno, la ritenzione idrica e la vita microbica, oltre a rappresentare la componente prioritaria della fertilit complessiva. Considerato che in Italia, secondo i dati riferiti al 2003, circa l80% del suolo ha un tenore in carbonio organico minore del 2%, mentre non sono praticamente presenti suoli con tenori superiori al 6%, si pu ben comprendere come anche il recupero di sostanza organica di qualit dai rifiuti possa giocare un interessante ruolo negli interventi mirati alla stabilizzazione del carbonio organico presente nei suoli, limitando la sua rapida mineralizzazione e le conseguenti massicce emissioni di CO2. Lo sviluppo delle raccolte differenziate della frazione organica e del verde, con avvio a compostaggio, si caratterizza nellambito del Piano Provinciale come un elemento avente una valenza che va ben oltre la risoluzione di parte delle necessit di gestione e smaltimento dei rifiuti prodotti nel contesto provinciale. Le previsioni di sviluppo dei servizi di raccolta portano a individuare fabbisogni di trattamento dellorganico e del verde da raccolta differenziata pari, nello scenario di Piano a regime (RD pari al 60%), a 190 t/g nellintera Provincia (Tab 3.36 ). In sintesi, gli indirizzi del Piano in materia di trattamento della frazione organica e del verde da raccolta differenziata possono essere cos riepilogati:

la necessit di sviluppo di servizi di raccolta differenziata della frazione organica e del verde, da destinarsi a impianti di trattamento per la loro valorizzazione;

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 168 di 168

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

la necessit di sviluppare unimpianto sul territorio in grado di assicurare il fabbisogno di recupero della frazione organica differenziata e del verde, attraverso un impianto di taglia media (190 t/g),

lindicazione della possibilit di riferirsi sia a processi di tipo aerobico (compostaggio), che di tipo anaerobico (digestione anaerobica) o anche integrati, purch tali realizzazioni siano previste in linea con le Migliori Tecniche Disponibili (BAT) di settore;

lopportunit di prevedere processi di trattamento integrati della frazione organica e del verde da raccolta differenziata con altri flussi di rifiuti speciali di qualit, quali rifiuti da agroindustria e fanghi di depurazione di reflui civili (purch caratterizzati da idonei standard qualitativi);

la necessit di valutare adeguatamente, le effettive ricadute economiche, in termini di costi di investimento e gestionali; il flusso di materiale organico proveniente dalla raccolta differenziata, progressivamente crescente fino al 27% ( Fig 3.9) potr essere gestito nel rispetto delle disposizioni vigenti anche in materia di procedure semplificate su iniziativa pubblica nellArea Centro o su iniziativa privata su tutto il territorio provinciale.

I riferimenti fin qui espressi relativamente allo sviluppo dellimpiantistica di compostaggio sono comunque da considerarsi estendibili e compatibili con il ricorso anche a tecnologie integrative; in particolare la digestione anaerobica. Si ricorda al riguardo che: - il compostaggio un processo biologico di tipo aerobico che, applicato alla frazione organica differenziata, consente lumificazione delle componenti organiche maggiormente degradabili, ligienizzazione della massa e la produzione di un materiale (compost) avviabile a valorizzazione agronomica; - la digestione anaerobica un processo anchesso biologico, ma di tipo anaerobico, che applicato alla medesima frazione organica differenziata consente la sua parziale conversione in biogas a elevato contenuto di metano (idoneo al recupero energetico) con produzione poi di residui solidi fangosi, caratterizzati da un significativo contenuto di sostanza organica e idonei al compostaggio. Nella seguente tabella si riepilogano in forma sintetica i principali pro e contro dei due processi. In generale, si segnalano le migliori prestazioni ambientali conseguibili con la digestione anaerobica, in particolare in termini emissivi ed energetici (peraltro con un maggior impatto rispetto agli scarichi di reflui derivanti), a fronte comunque di maggiori costi di investimento e gestionali.
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 169 di 169

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Si deve peraltro segnalare come il processo di compostaggio rappresenti largamente la modalit di trattamento pi diffusa sia nel contesto nazionale che internazionale per il trattamento di rifiuti organici da raccolta differenziata, essendo pi limitate le esperienze in atto di applicazione di processi di digestione anaerobica a questi rifiuti. Si segnala quindi che nel documento sulle Migliori Tecniche Disponibili (MTD) di settore, predisposto dal Gruppo Tecnico Ristretto di cui alla Commissione Nazionale IPPC, si sottolineano con particolare evidenza le possibili sinergie tra i due processi (digestione anaerobica e compostaggio, come esemplificativamente illustrato nello schema riportato
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 170 di 170

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

nel seguito), essendo grazie alla loro integrazione conseguibili notevoli vantaggi, in particolare: si migliora nettamente il bilancio energetico dellimpianto, in quanto nella fase anaerobica si ha in genere la produzione di un surplus di energia rispetto al fabbisogno dellintero impianto; si possono controllare meglio e con costi minori i problemi olfattivi; le fasi maggiormente odorigene sono gestite in reattore chiuso e le arie esauste sono rappresentate dal biogas (utilizzato e non immesso in atmosfera); il digestato gi un materiale semistabilizzato e, quindi, il controllo degli impatti olfattivi durante il post-compostaggio aerobico risulta pi agevole; si ha un minor impegno di superficie a parit di rifiuto trattato, pur tenendo conto delle superfici necessarie per il post-compostaggio aerobico, grazie alla maggior compattezza dellimpiantistica anaerobica; si riduce lemissione di CO2 in atmosfera da un minimo del 25% sino al 67% (nel caso di completo utilizzo dellenergia termica prodotta in cogenerazione). 3.6.11 Individuazione delle piattaforme di trattamento In funzione sia dei criteri stabiliti nel paragrafo 3.6.9 che delle potenzialit necessarie indicate nella Tabella 3.36 si definisce il quadro complessivo dellimpiantistica provinciale che, a meno delle stazioni di trasferimento e delle discariche attualmente in esercizio, sar concentrata in cinque siti. A questi si aggiunge limpianto di termovalorizzazione FENICE che rende disponibile per i fabbisogni pubblici 25.000 ton/anno di capacit di combustione.

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 171 di 171

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.37 Quadro complessivo dellimpiantistica di piano

Sito Melfi Venosa

Trattamenti previsti Termovalorizzazione Selezione meccanica Biostabilizzazione Discarica controllata

Potenzialit (ton/giorno) 70 ton/d 120 ton/d 60 ton/d 100.000 m 60 ton/d 19 ton/d 100.000 m 110 ton/d 50 ton/d 44 ton/d 100.000 m 50 ton/d 27 ton/d 100.000 m 65 ton/d 38 ton/d 100.000 m

Atella

Selezione meccanica Biostabilizzazione Discarica controllata

Potenza

Selezione meccanica Termovalorizzazione Biostabilizzazione Discarica controllata

SantArcangelo

Selezione meccanica Biostabilizzazione Discarica controllata

Lauria

Selezione meccanica Biostabilizzazione Discarica controllata Potenziamento dellimpianto di trattamento del percolato

Presso i siti di trattamento sopra indicati o per ampliamento delle discariche norma rispetto controllate al D.Lgs attualmente in esercizio ed a 36/2003 (complessivamente)

Discarica controllata

300.000 m

Il quadro complessivo della programmazione impiantistica riportato nella tabella 3.38. Nella stessa tabella si riportano, su base provinciale, i deficit ovvero le eccedenze di potenzialit impiantistica stimati per il periodo di programmazione.

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 172 di 172

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.38 Programmazione dellimpiantistica di piano (tonnellate/giorno).
Vagliatura a 12 mesi a 24 mesi a 48 mesi 2018 (scenario basso incremento) 120 60 110 50 65 405 166 59% 2018 (scenario basso incremento) 60 19 44 27 38 188 57 70% 2018 (scenario basso incremento) 2018 (scenario alto incremento) 120 60 110 50 65 405 139 66% 2018 (scenario alto incremento) 60 19 44 27 38 188 42 78% 2018 (scenario alto incremento)

Venosa Atella Potenza S.Arcangelo Lauria TOTALE Deficit di potenzialit Eccedenza di potenzialit Grado di utilizzo degli impianti Biostabilizzazione

80 0 100 50 0 230 175

120 60 110 50 65 405 137

120 60 110 50 65 405 189 53% a 48 mesi

100% a 12 mesi

66% a 24 mesi

Venosa Atella Potenza S.Arcangelo Lauria TOTALE Deficit di potenzialit Eccedenza di potenzialit Grado di utilizzo degli impianti
Incenerimento

18 0 18 13 0 49,0 173 100% a 12 mesi

60 19 44 27 19 169 22 87% a 24 mesi

60 19 44 27 38 188 69 63% a 48 mesi

Fenice Potenza TOTALE Deficit di potenzialit Eccedenza di potenzialit Grado di utilizzo degli impianti Trasformazione in CDR

70 30 100 82 100%
a 12 mesi

70 40 110 10 100%
a 24 mesi

70 50 120 23 81%
a 48 mesi

70 50 120 12 90%
2018 (scenario basso incremento)

70 50 120 0 99,8%
2018 (scenario alto incremento)

Area nord Area Sud TOTALE Trattamento termico

20 20 40
a 12 mesi

20 20 40
a 24 mesi

20 20 40
a 48 mesi

20 40 60
2018 (scenario basso incremento)

20 40 60
2018 (scenario alto incremento)

TOTALE Deficit di potenzialit Eccedenza di potenzialit Grado di utilizzo degli impianti

140 42 100%

150 30 80%

160 63 61%

180 72 60%

180 60 67%

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 173 di 173

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

3.6.11.1

Recupero energetico di CDR in impianti industriali

Alla produzione di CDR potranno essere destinati i flussi secchi provenienti da una selezione meccanica primaria (vagliatura) ed i flussi diversamente recuperabili provenienti da raccolta differenziata di materiali ad alto contenuto energetico. Gli impianti di trasformazione in CDR potranno essere allocati, secondo lo schema seguente Area Nord per una potenzialit complessiva di 20t/g a completamento della tecnologia impiantistica di termovalorizzazione; Area Sud per una potenzialit complessiva di 40t/g corrispondente allintero fabbisogno di area Limpiantistica di trasformazione in CDR potr essere pubblica o privata nel rispetto delle disposizioni vigenti anche in materia di procedure semplificate. Lindicazione dei flussi di material secco da inviare agli impianti di termovalorizzazione ha carattere indicativo valutato sulla base di una garanzia di completa autosufficienza impiantistica sul territorio provinciale. Si potr optare, per motivi di maggiore economia, per un ricorso maggiore alla trasformazione in CDR. La produzione di un materiale combustibile derivante dal trattamento dei rifiuti qualificato come il Combustibile Derivato da Rifiuti (CDR) si presta a significative opportunit di miglioramento della sostenibilit ambientale del complesso della gestione dei rifiuti, grazie alla possibilit di prevedere il suo recupero energetico in sostituzione di altri combustibili tradizionali impiegati in impianti industriali non specificamente dedicati al trattamento dei rifiuti. I processi tecnologici e industriali cui si fa generalmente riferimento al riguardo si riferiscono alla cocombustione del CDR e di combustibili tradizionali in cementifici e centrali termoelettriche. Il processo di produzione del cemento presenta infatti condizioni operative tali da renderlo adatto allutilizzo, come combustibili di sostituzione, di una ampia gamma di rifiuti caratterizzati da un potere calorifico significativo, tra i quali, per lappunto, il CDR. Per il tipo di condizioni di esercizio e per la dinamica delle reazioni chimico-fisiche che si svolgono allinterno del forno, la combustione di rifiuti nelle cementerie appare in grado di produrre interessanti benefici ambientali complessivi. Le caratteristiche principali del processo possono essere cos riassunte: stabilit ed inerzia termica elevate; ambiente fortemente ossidante nella zona di cottura, causa il costante eccesso di aria; ambiente basico; elevati tempi di permanenza dei fumi a temperature superiori di 1.100C;

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 174 di 174

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

parametri operativi essenziali per le esigenze produttive largamente eccedenti quelli richiesti dalla normativa sullincenerimento dei rifiuti sia per quanto riguarda le temperature che per i tempi di permanenza del residuo alle temperature indicate. I benefici ambientali sono quindi essenzialmente legati a: recupero termico dellenergia presente nei rifiuti impiegati, che va in sostituzione diretta di quella altrimenti garantita da combustibili convenzionali, di particolare interesse anche nellottica del conseguimento degli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto; capacit depurativa del processo produttivo, grazie alle elevate temperature raggiunte associate al tempo di permanenza (temperatura di fiamma a 1.800-2.000C e permanenza per pi di 5 secondi a temperature > di 1.200C), che consentono la totale distruzione dei composti organici, e alla caratterizzazione alcalina dellambiente di combustione, idonea allassorbimento dei composti acidi; assenza di residui dal processo di combustione, essendo le ceneri residue dalla combustione inglobate nel clinker prodotto (eccetto per i residui intercettati dai sistemi di abbattimento delle emissioni). Come segnalato nel Documento di riferimento sulle migliori tecniche disponibili (BAT) nellindustria per la produzione di cemento e calce, predisposto nel dicembre 2001 per conto della Commissione Europea da parte del Gruppo Tecnico di Lavoro incaricato della definizione degli standard tecnici da assumersi come riferimento per lattuazione della normativa IPPC (rilascio delle autorizzazioni integrate ambientali), unattenta selezione e controllo delle sostanze che entrano nel forno possono anche consentire una interessante riduzione delle emissioni di diversi inquinanti. Potenziali criticit dellimpiego di combustibili alternativi sono, per contro, essenzialmente legate alla qualit del combustibile alternativo impiegato e alle modalit di suo impiego e richiedono pertanto la definizione e applicazione di procedure particolarmente attente che interessino sia la fase di produzione del CDR che quella di suo impiego in cementificio. 3.6.11.2 Smaltimento in discarica

Gli indirizzi strategici e normativi per la gestione dei rifiuti definiti dallUnione Europea (si veda al riguardo in particolare la recente Direttiva 2006/12/CE) e ripresi nella normativa nazionale (D.Lgs. 22/97 e D.Lgs. 152/06) individuano puntualmente le priorit cui attenersi nella gestione dei rifiuti, ovvero la cosiddetta gerarchia dei rifiuti, dalla quale si evidenzia chiaramente come lo smaltimento in discarica deve rappresentare solo il terminale residuale di un sistema impiantistico costituito dallintegrazione delle diverse tipologie di trattamento. Nellambito del Piano, infatti il ruolo attribuito allo smaltimento in discarica risulta notevolmente ridimensionato rispetto alla situazione attuale. I fabbisogni di discarica nel periodo di programmazione sono i seguenti:
SEZIONE RIFIUTI URBANI Luglio 2008 Pagina 175 di 175

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001 Tabella 3.39 Fabbisogno di volumi di discarica controllata. Fabbisogno discarica (m3/mese) a 12 mesi a 24 mesi Per tal quali Per Biostabilizzato Per scorie da combustione Per residui dalla lavorazione delle frazioni umide e del CDR Fabbisogno discarica (m3/6mesi) a 12 mesi Per tal quali Per Biostabilizzato Per scorie da combustione TOTALE 76.630 8.820 4.091 89.540 a 24 mesi 0 26.505 4.500 31.005 a 48 mesi 0 21.417 3.982 25.399 2018 (scenario 2018 (scenario basso incremento) alto incremento) 0 23.660 4.399 28.059 0 26.340 4.898 31.238 12.772 1.470 682 0 4.418 750

a 48 mesi 0 3.569 664

2018 (scenario 2018 (scenario basso incremento) alto incremento) 0 3.943 733 0 4.390 816

302

892

722

801

890

I volumi di discarica previsti a servizio delle piattaforme di trattamento definiti nella tabella 3.37, pari complessivamente a 800.000 m, sommati alle disponibilit attuali stimate in circa 106.300 m, sono sufficienti ad assicurare il fabbisogno di smaltimento per lintero periodo di pianificazione. Nella tabella 3.40 e nella figura 3.13 riportato il ritmo di esaurimento delle volumetrie attualmente disponibili e da realizzare.
Tabella 3.40 Fabbisogno di volumi di discarica controllata nel periodo di pianificazione. Fabbisogno complessivo di discarica controllata 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 Totale 153.259 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 153.259 17.640 53.011 47.922 42.833 44.118 45.442 46.805 48.209 49.656 51.145 52.680 499.462 8.182 9.000 8.482 7.965 8.204 8.450 8.703 8.965 9.233 9.510 9.796 96.491 179.081 62.011 56.405 50.798 52.322 53.892 55.509 57.174 58.889 60.656 62.476 749.212 106.300 300000 200000 0 0 0 300000 0 0 0 0 0 227.219 365.208 308.804 258.005 205.683 451.791 396.282 339.109 280.219 219.564 157.088 rifiuti rifiuti scorie da Volume Volumetria Totale Volumetria Volumetria residua tal quali biostabilizzati termovalorizzazione disponibile da realizzare

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 176 di 176

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

Come risulta evidente dalla tabella 3.40 occorre realizzare in tempi relativamente brevi 500.000 m di discarica per ricostituire un sufficiente margine operativo di volumi presso tutte le piattaforme previste. In tempi pi lunghi, orientativamente entro il 2013- 20014, occorrer realizzare ulteriori 300.000 m di volume presso gli impianti che si avviano allesaurimento delle capacit realizzate; in questo modo si giunger a fine programmazione conservando un prudenziale margine operativo in termini di volumi disponibili. Va evidenziato che i volumi sopra indicati potranno risultare sensibilmente inferiori a seguito di una diffusa applicazione delle tecniche di recupero e riutilizzo delle frazioni organiche biostabilizzate; in tale ipotesi non si realizzeranno i volumi previsti per la seconda fase (2013-2014).
Programmazione dell'utilizzo di discarica
500.000 400.000 m3 300.000 200.000 100.000 0 2006 2008 2010 2012 2014 anno rifiuti biostabilizzati Per 2016 2018 2020

Per rifiuti tal quali per scorie da termovalorizzazione Volumetria disponibile Volumetria residua

Volume Totale Volumetria da realizzare

Figura 3.13 Schema dei principali flussi di rifiuti e frazioni secche pre-trattate

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 177 di 177

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

La Provincia, ai sensi degli artt.197 lett. d) e 199 c.3 lett. h) del D.Lgs. 152/06 e ss.mm., stabilisce i criteri per l'individuazione delle aree non idonee alla localizzazione degli impianti di recupero e smaltimento dei rifiuti nonch per l'individuazione dei luoghi o impianti adatti allo smaltimento dei rifiuti. Nel caso in esame, nel PPGR, non sono stati presi in considerazione i cosiddetti fattori escludenti in quanto non prevista una nuova localizzazione degli impianti. Di seguito, si riporta un elenco di criteri, sicuramente perfezionabile, da tenere presente nella fase di localizzazione di detti impianti.

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 178 di 178

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 179 di 179

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 180 di 180

Provincia di Potenza Piano Provinciale di Organizzazione della Gestione dei Rifiuti L.R. 6/2001

SEZIONE RIFIUTI URBANI

Luglio 2008

Pagina 181 di 181