Sei sulla pagina 1di 1

4/12/2011 Colceresa MPM Parrocchiale S.

. Croce La partita di oggi vedeva un Colceresa che aveva cominciato ad alzare la testa, facendo un po' di punti, affrontare il Parrocchiale S. Croce, capolista del girone. Il Colceresa parte con un 4-4-2: Paolo Angonese tra i pali; difensori centrali Simone Farina e Davide Parise, terzino destro Giacomo Moresco e sinistro Federico Maroso; centrocampisti Gabriele Campagnolo e Nicola Costacurta, laterali a destra e sinistra rispettivamente Martino Lovison e Daniel Pavan; punte Simone Polga e Christian Toniazzo. Disponibili in panchina Giovanni Roggia (PT) e Luca Seganfreddo (Ter.). All'inizio della partita il Colceresa cerca di imporre il proprio gioco, gestendo con calma la palla, senza buttarsi subito nello spazio. Gli avversari, al contrario, hanno come obiettivo servire il loro capitano in attacco, molto veloce e bravo tecnicamente. La squadra di casa va sotto su calcio di punizione: il tiro rimbalza sulla schiena di uno degli uomini in barriera, cambia di traiettoria e beffa il portiere, che si stava spostando verso l'altro palo. Il Colceresa si sbilancia in avanti per cercare il pareggio, ma lo svantaggio raddoppia grazie a un contropiede che il capitano avversario sfrutta al meglio. Per il resto della prima frazione poche altre azioni interessanti, solo qualche tiro da fuori area finito alto o a lato. Per il secondo tempo mister Davide Pertile effettua entrambi i cambi a sua disposizione (Giovanni per Paolo e Luca per Federico) e decide di cambiare modulo, passando a un 4-3-1-2: in centrocampo, da sinistra, Gabriele, Nicola e Martino; Christian seconda punta e Daniel e Simone Polga in attacco. Con questa formazione si cambia strategia, cercando il goal non pi attraverso il fraseggio, ma mandando le punte nello spazio. L'arbitro fischia, ed sempre la stessa musica: gli avversari cercano sempre il guizzo del loro numero 10. Cosa che accade poco dopo: su un rinvio corto e centrale della difesa il capitano del S. Croce non sbaglia e con un destro potente, ma angolato, firma lo 0-3. Il Colceresa, dopo 20 minuti abbondanti nella ripresa, comincia a mettere palla nello spazio e, come si dice, buona la prima: al primo lancio Daniel prende palla e da fuori area fulmina il portiere avversario con un gran destro che colpisce la traversa ed entra in porta; 1-3. Un altro lancio degli avversari, e il capitano, forse stavolta partito in fuorigioco, davanti al portiere tira di sinistro e colpisce la traversa; ma dopo un altro rinvio poco convinto della difesa non fa lo stesso regalo, e da fuori area fa la tripletta personale, complice una deviazione che spiazza il portiere. Al 65' quindi 1-4. poco tempo dopo Simone Polga entra in area e viene steso dal difensore avversario: calcio di rigore, che lo stesso Simone si incarica di battere. La conclusione centrale, ma il portiere si era buttato alla sua destra, quindi la palla entra in porta. Al 70' il numero 10 del S. Croce si trova nuovamente davanti a Giovanni, ma stavolta fallisce, e c' un attimo di paura per il Colceresa, perch il portiere sembra essersi fatto male, ma solo una pallonata, e pu continuare. Dopo pochi minuti ultimo brivido della partita: un lancio di Gabriele e Daniel anticipa il portiere avversario in uscita con la punta, ma chiamato al tiro di prima in corsa da una posizione molto defilata, e colpisce il palo. Nelle battute finali entrambe le squadre hanno finito la benzina, e il gioco si trasforma in un ping.-pong. Nulla accade nemmeno nei 4' concessi come recupero. Il Colceresa perde 2-4, ma la prestazione stata tutt'altro che malvagia, e pu vantare di aver segnato due goal alla difesa meno perforata del campionato, che fino ad ora ne aveva subiti solo altri due dalla squadra che contende loro il primato in classifica. Da segnalare l'arbitraggio scandaloso.