Sei sulla pagina 1di 3

Alle Amiche e gli Amici del Forum Riufiuti

Ai Cordinatori del Forum


Ai Coordinatori delle Commissioni
All’Assessore Walter Ganapini

Pur cercando di non dilungarmi, sento la necessità di fare alcune


premesse al parere espresso dall’Associazione che in questo
Forum rappresento, sulle linee programmatiche ... 2008/2013 ...
dell’Assessore Walter Ganapini.
Abbiamo voluto partecipare e dare il nostro contributo al Forum
in quanto abbiamo condiviso con l’Assessore Ganapini molte
battaglie ambientaliste e soprattutto perchè abbiamo apprezzato il
suo lucido e puntuale parere contro l’incenerimento dei rifiuti. Ci
sembrava per la Campania una occasione per invertire una
Associazione
nazionale di
tendenza rispetto a quanto accaduto in seguito alle infauste scelte
protezione dei commissari che si sono succeduti nella gestione dei rifiuti da
ambientale
Riconosciuta dal circa quindici anni a questa parte.
Ministero Riteniamo altresì che, con l’adozione da parte della giunta delle
dell'Ambiente con
Decreto del 29 marzo linee programmatiche, ben poco ci sia ancora da fare nel verso
1994 della modifica di quel piano e riteniamo questa consultazione,
Riconosciuta ONLUS tardiva, in quanto le decisioni sono già state prese firmate e
Organizzazione Non deliberate.
lucrativa di Utilità
Sociale Nel merito del piano stesso non intendiamo entrare nelle questioni
squisitamente tecniche, ma cercare di portare un contributo più
politico alla discussione. E’ ovvio che nella parte che attiene alle
Sede nazionale:
via Flaminia 53,
strategie di riduzione, di raccolta differenziata, di recupero
00196 Roma telefono dell’impiantistica di valorizzazione dei rifiuti ci troviamo
06.3608181
Fax. 06.36081827
d’accordo con l’assessore anche se ci aspettavamo una
www.vasonline.it esplicitazione più forte ed autorevole nel piano stesso. E’
vas@vasonline.it
altrettanto ovvio però che non ci possono trovare d’accordo tutte
Sede quelle logiche che vanno nel senso dell’incenerimento dei rifiuti e
Coordinamento
Campania e Circolo delle discariche che resteranno al loro servizio e che assecondano
di Napoli: di fatto le politiche del governo Berlusconi. Perchè se è vero che
Calata Trinità
Maggiore 4 80134 siamo sottoposti ad una legge dello stato L.107/2008 che ci
Napoli esautora dalle decisioni è altrettanto vero che contro quellla legge
telefono. e fax.
081.5525466 iniqua e violenta per la Campania, il Presidente della Regione
www.vascampania.or Campania non ha alzato un dito ma anzi la ha plaudita e
g
segreteria@vascamp sostenuta. Se malauguratamente i piani di Bertolaso e co.
ania.org dovessero trovare attuazione (e nelle linee programmatiche ciò è
ampiamente previsto) la Campania si trasformerebbe
inesorabilmente nella terra dei fuochi e dei camini, per i suoi
rifiuti al minimo, per i rifiuti del resto d’Italia al massimo. I
campani saranno chiamati a sostenere costi senza precedenti in
termini di salute e ambiente. Le linee programmatiche non
offrono alcuna garazia che ciò non avvenga.
Dal nostro punto di vista va fatto notare che gli inceneritori sono
finanziati attualmente in parte dalla regione Campania e in parte
dai CIP6, sottratti direttamente dalle tasche dei cittadini e dai
finanziamenti alle fonti di energia rinnovabile ed al piano manca
altresì una realisitica valutazione di impatto ambientale tesa a
dimostrare gli ulteriori costi ingenti che ricadrebbero sulla
produzione agroalimentare campana e ancora manca la
valutazione dell’incidenza di inquinamento dell’inceneritore di
Acerra su un territorio che necessita di una bonifica urgente e non
più rinviabile, dato quanto sversato legalmente e illegalmente su
quei terreni dagli insediamenti produttivi esistenti. Tra l’atro
L’Asia oggi co-gestore insieme all’A2A di quell’inceneritore non
offre alcuna garanzia sulla raccolta differenziata porta a porta
nella città di Napoli limitandosi a tutt’oggi ad una popolazione
che non supera 24.000 persone.
Anche per quanto attiene i cd. CDR bisogna intendersi se la loro
funzione futura va verso un produzione di combustibile da rifiuti
o verso, come noi riteniamo sia giusto, un trattamento meccanico
biologico che veda massimizzato il recupero di materia prima
seconda e il possibile reimpiego della frazione secca residuale
attraverso processi innovativi come quelli indicati per es. dalla
dott.ssa Poli nel metodo Vedelago.
Il nostro compito istutizionale di Associazione Ambientalista è
quello di rappresentare gli interessi diffusi dei cittadini e nello
specifico essi sono la salute e l’ambiente e non è pensabile da parte
nostra appoggiare invece un “piano” che non ne garantisce
pienamente la tutela.
Gli impianti di incenerimento dei rifiuti (siano essi inceneritori o
gassificatori o dissociatori molecari, che dir si voglia) sono anche a
detta dell’assessore Ganapini tecnologie di smaltimento dei rifiuti
del tutto obsolete e superate i cui effetti devastanti sulla salute e
sull’ambiente sono ormai acclarati e supportati da numerosi
trattati medico-scientifico a livello internazionale, dobbiamo
cominciare davvero a concentrarci sulle alternative tecnologiche e
senza continuamente lamentarci della difficile situazione dei
rifiuti in Campania, c’è la necessità che le istituzioni preposte
comincino davvero con le politiche di riduzione dei rifiuti
intervenendo alla fonte e mettendo seriamente in discussione un
sistema di produzione responsabile della devastazione ambientale
in atto e dell’impoverimento dei ¾ del pianeta e spingere una
raccolta differenziata fondata sulla massimizzazione del recupero
di materia. Appare chiaro per quanto suddetto che VAS uscirà dal
2
Forum se le posizioni del Forum stesso ma anche quelle dell’
Assessore all’Ambiente non cambieranno invertendo la rotta
intrapresa, nel senso che abbiamo indicato. In attesa di un
incontro con L’Assessore Ganapini mi autosospendo dalla
responabilità della Commissione Gestione del Forum Rifiuti.
La Coordinatrice dell’Associazione VASCampania
Rosachiara Cernuto