Sei sulla pagina 1di 10

Studio Strutture e Servizi per l’Ingegneria - Ing. Gino Di Ruzza – Sora (Fr) www.ginodiruzza.it www.progettostrutturale.it www.indaginistrutturali.info

Calcolo di una lastra di vetro

Lastra di vetro per una copertura con spessore di 25mm formata da due strati di vetro “incrudito”, separati da uno strato di PVB. La copertura non è praticabile e neanche accessibile per sola manutenzione.

RESISTENZA DEL MATERIALE:

(Tratto da un documento redatto dall’Ing. L. Lani)

NORMA prEN 13474-3 (CEN/TC129/WG8)

redatto dall’Ing. L. Lani) NORMA prEN 13474-3 (CEN/TC129/WG8) Per il vetro temperato la tensione di resistenza

Per il vetro temperato la tensione di resistenza vale:

redatto dall’Ing. L. Lani) NORMA prEN 13474-3 (CEN/TC129/WG8) Per il vetro temperato la tensione di resistenza

Studio Strutture e Servizi per l’Ingegneria - Ing. Gino Di Ruzza – Sora (Fr) www.ginodiruzza.it www.progettostrutturale.it www.indaginistrutturali.info

Per il vetro FLOAT“incrudito” ovvero con tempra termica parziale si ha:

kp = 0,9 kmod = 0,29 per peso proprio kmod = 0,43 per neve kmod = 1 per vento kmod = 1 per manutenzione. ksp = 0,67 (finitura superficiale: tipo FLOAT)

fg;k = 45 N/mm² fb;k = 70 N/mm² gm = 1,4 (per SLU)

gm = 1,0 (per SLE)

Le tensioni di resistenza di calcolo pertanto risultano:

Stati limiti ultimi SLU:

peso proprio : fg;d = 0,9 *

[0,67 * 0,29 * 45 + 1 * ( 70 - 45)] / 1,4

= 21 N/mm²

neve

fg;d = 0,9 *

[0,67 * 0,43 * 45 + 1 * ( 70 - 45)] / 1,4

= 24N/mm²

vento

fg;d = 0,9 *

[0,67 * 1,00 * 45 + 1 * ( 70 - 45)] / 1,4

= 35 N/mm²

Stati limiti di esercizio SLE:

 

peso proprio : fg;d = 0,9 *

[0,67 * 0,29 * 45 + 1 * ( 70 - 45)] / 1

=

30 N/mm²

neve

fg;d = 0,9 *

[0,67 * 0,43 * 45 + 1 * ( 70 - 45)] / 1

=

34 N/mm²

vento

fg;d = 0,9 *

[0,67 * 1,00 * 45 + 1 * ( 70 - 45)] / 1

= 49 N/mm²

AZIONI DI CARICO:

Le azioni agenti sulla lastra di vetro sono:

Peso proprio vetro:

Carico della Neve:

Carico del Vento:

G = 62

daN/mq, con azione a lungo termine

Q N = 57 daN/mq, Q V = 87 daN/mq,

con azione a medio termine con azione istantanea

Poiché le due lastre sono separate da uno strato di PVB che non garantisce l’assenza di scorrimento tra le due lastre, queste ultime nel calcolo si considerano separate. Avendo lo stesso spessore e lavorando in parallelo, le lastre sopportano ciascuno il 50% dei carichi applicati.

Pertanto su ogni lastra agiscono i seguenti carichi non fattorizzati:

Studio Strutture e Servizi per l’Ingegneria - Ing. Gino Di Ruzza – Sora (Fr) www.ginodiruzza.it www.progettostrutturale.it www.indaginistrutturali.info

Peso proprio vetro:

Carico della Neve:

Carico del Vento:

G = 31 daN/mq Q N = 28,5 daN/mq Q V = 43,5 daN/mq

Poiché il vetro ha valori di resistenza dipendenti dal tempo di azione dei carichi, per la verifica della resistenza le tensioni ottenute con i carichi sopra riportati non possono essere sommate, ma occorre che tutti i carichi siano con azione omogenea. Pertanto i carichi a lungo ed a medio termine vengono attualizzati ad istantanei incrementando il loro valore del rapporto tra la tensione di riferimento per azioni istantanee e la relativa tensione di riferimento. In particolare i carichi applicati sono:

G’

= G (s V /s G )

=

31

* 35 /21

= 51,7 daN/mq

Q’neve = Qneve (s V /s N )

=

28,5 * 35 /24

= 41,6 daN/mq

Q V ………………………………………

= 43,5 daN/mq

COMBINAZIONI: fattori massimi tra DM. 2008 e prEN 13474-3:

Combinazione SLU 1: 1,35 G + 1,5 QN + 1,5*0,6 QV Combinazione SLU 2: 1,35 G + 1,5 QV + 1,5*0,6 QN

Combinazione SLE 1: 1,0 G + 1,0 QN + 0,6 QV Combinazione SLE 2: 1,0 G + 1,0 QV + 0,6 QN

VERIFICHE DI RESISTENZA:

Le tensioni massime di calcolo devono essere confrontate con il valore di resistenza di progetto riferito alle azioni istantanee , in quanto I carichi sono stati omogeneizzati alle azioni istantanee

Combinazione di carico :

Tensione massima nel vetro (Von Mises)

daN/cm²

Verifica

daN/cm²

Comb. SLU 1:

Comb. SLU 2:

1,35G+1,5QN+1,5*0,6QV

266

< 350 (OK)

1,35G+1,5QV1,5*0,6QN

267

< 350 (OK)

Studio Strutture e Servizi per l’Ingegneria - Ing. Gino Di Ruzza – Sora (Fr) www.ginodiruzza.it www.progettostrutturale.it www.indaginistrutturali.info

Pressioni sugli appoggi e deformazioni massime con i carichi fattorizzati:

Poiché i due strati di vetro sono uguali e sovrapposti le pressioni sugli appoggi si sommano ( ossia si moltiplicano per 2).

Combinazione di carico :

Pressione massima

Deformazione

sugli appoggi

massima

Comb. SLU 1:

Comb. SLU 2:

Comb. SLE1:

Comb. SLE 2:

daN/cm²

2*(1,35G+1,5QN+1,5*0,6QV)

12,8

2*(1,35G+1,5QV1,5*0,6QN)

12,8

1,0G+1,0QN+1,5*0,6QV

1,0G+1,0QV+0,6QN

cm

1,1

1,1

Nota:

Le pressioni sugli appoggi e le .deformate sono leggermente superiori a quelle reali per

effetto dell’amplificazione dei carichi con azione a medio ed a lungo termine.

Questo però è positivo perché si considerano gli effetti di stress sugli appoggi dovuti ai

carichi con azione prolungata e gli effetti di deformazioni viscose dovute alle azioni a

medio e lungo termine.

Studio Strutture e Servizi per l’Ingegneria - Ing. Gino Di Ruzza – Sora (Fr) www.ginodiruzza.it www.progettostrutturale.it www.indaginistrutturali.info

Studio Strutture e Servizi per l’Ingegneria - Ing. Gino Di Ruzza – Sora (Fr) www.ginodiruzza.it www.progettostrutturale.it www.indaginistrutturali.info

– www.indaginistrutturali.info Vista solida del modello strutturale Discretizzazione del

Vista solida del modello strutturale

Vista solida del modello strutturale Discretizzazione del modello strutturale con elementi

Discretizzazione del modello strutturale con elementi piastra (D3)

Studio Strutture e Servizi per l’Ingegneria - Ing. Gino Di Ruzza – Sora (Fr) www.ginodiruzza.it www.progettostrutturale.it www.indaginistrutturali.info

– www.indaginistrutturali.info Modello strutturale dei carichi applicati: Deformata

Modello strutturale dei carichi applicati:

– www.indaginistrutturali.info Modello strutturale dei carichi applicati: Deformata amplificata: 7

Deformata amplificata:

Studio Strutture e Servizi per l’Ingegneria - Ing. Gino Di Ruzza – Sora (Fr) www.ginodiruzza.it www.progettostrutturale.it www.indaginistrutturali.info

Tensioni ideali Von Mises

Combinazione SLU 1: 1,35 G + 1,5 QN + 1,5*0,6 QV

ideali Von Mises Combinazione SLU 1: 1,35 G + 1,5 QN + 1,5*0,6 QV Combinazione SLU

Combinazione SLU 2: 1,35 G + 1,5 QV + 1,5*0,6 QN

ideali Von Mises Combinazione SLU 1: 1,35 G + 1,5 QN + 1,5*0,6 QV Combinazione SLU

Studio Strutture e Servizi per l’Ingegneria - Ing. Gino Di Ruzza – Sora (Fr) www.ginodiruzza.it www.progettostrutturale.it www.indaginistrutturali.info

Pressione sugli appoggi per un solo strato di vetro

(Per entrambi gli strati le pressioni devono essere raddoppiate)

Combinazione SLU 1: 1,35 G + 1,5 QN + 1,5*0,6 QV

essere raddoppiate) Combinazione SLU 1: 1,35 G + 1,5 QN + 1,5*0,6 QV Combinazione SLU 2:

Combinazione SLU 2: 1,35 G + 1,5 QV + 1,5*0,6 QN

essere raddoppiate) Combinazione SLU 1: 1,35 G + 1,5 QN + 1,5*0,6 QV Combinazione SLU 2:

Studio Strutture e Servizi per l’Ingegneria - Ing. Gino Di Ruzza – Sora (Fr) www.ginodiruzza.it www.progettostrutturale.it www.indaginistrutturali.info

Deformazioni

Combinazione SLE 1: 1,0 G + 1,0 QN + 0,6 QV

Deformazioni Combinazione SLE 1: 1,0 G + 1,0 QN + 0,6 QV Combinazione SLE 2: 1,0

Combinazione SLE 2: 1,0 G + 1,0 QV + 0,6 QN

Deformazioni Combinazione SLE 1: 1,0 G + 1,0 QN + 0,6 QV Combinazione SLE 2: 1,0