Sei sulla pagina 1di 19

Anteprima Estratta dall' Appunto di Analisi

3
Universit : Politecnico di Torino
Facolt : Ingegneria

Indice di questo documento


L' Appunto
Le Domande d'esame

ABCtribe.com e' un sito di knowledge sharing per facilitare lo scambio di materiali ed informazioni per lo studio e la
formazione.Centinaia di migliaia di studenti usano ABCtribe quotidianamente per scambiare materiali, consigli e
opportunit Pi gli utenti ne diffondono l'utilizzo maggiore e' il vantaggio che ne si pu trarre :
1. Migliora i tuoi voti ed il tempo di studio gestendo tutti i materiali e le risorse condivise
2. Costruisci un network che ti aiuti nei tuoi studi e nella tua professione
3. Ottimizza con il tuo libretto elettronico il percorso di studi facendo in anticipo le scelte migliori per ogni esame
4. Possibilit di guadagno vendendo appunti, tesine, lezioni private, tesi, svolgendo lavori stagionali o part time.
www.ABCtribe.com

ABCtribe.com - [Pagina 1]

L' Appunto
A partire dalla pagina successiva potete trovare l' Anteprima Estratta dall' Appunto.

Se desideri l'appunto completo clicca questo link.


Il numero di pagina tra le parentesi tonde si riferisce a tutto il documento contenente l'appunto.
Sull'appunto stesso in alcuni casi potrete trovare una altra numerazione delle pagine che si riferisce al solo
appunto.

ABCtribe.com - [Pagina 2]

e.c

om

Metodi
matematici
per
l'ingegneria.
AB

Ct

rib

Lezioni del prof. Marco Codegone

appunti di Capuzzo Alessandro v 1.3

ABCtribe.com - [Pagina 3]

Note dell'autore:

Sicuramente non sostituiscono un libro di testo,


probabilmente non sono un lavoro sensazionale,
senza dubbio sono molti gli errori, di vario genere;
ma questi appunti, presi guardando le videolezioni

om

di Marco Codegone
(professore di analisi matematica presso il Politecnico di Torino)

AB

Ct

rib

e.c

sono il frutto di settimane di lavoro e


a me personalmente sono stati molto utili.
Ho deciso quindi di renderli disponibili in rete
per chiunque pensasse di ricavarne un qualche vantaggio,
poich penso che la condivisione sia il bene che salver il mondo e
perch ci avvenga, bisogna uscire dalla logica del guadagno a tutti i costi,
convincendosi che contribuire disinteressatamente alla ricchezza culturale del proprio
paese non tempo perso, n mancato guadagno, ma il bene pi grande che si possa fare a s stessi,
...
e ai propri figli.
Capuzzo Alessandro

... buon lavoro.

ABCtribe.com - [Pagina 4]

Indice generale
Numeri complessi..........................................................................................1

Forma cartesiana..............................................................................................................................1
Complesso coniugato.......................................................................................................................3
Forma trigonometrica.......................................................................................................................4
Formula di Eulero............................................................................................................................6
Esempi.............................................................................................................................................6
Propriet del modulo e dell'argomento............................................................................................9
Seni e coseni complessi.................................................................................................................11
Seni e coseni iperbolici..................................................................................................................13
Logaritmo complesso.....................................................................................................................14
Esponenziale complesso................................................................................................................15

Funzioni a valori complessi.........................................................................17

Funzioni reali di variabile reale.....................................................................................................17


Funzioni complesse di variabile reale............................................................................................18

Funzioni periodiche.....................................................................................19
Analisi armonica..........................................................................................21

om

Armoniche elementari....................................................................................................................21
Energia di un'armonica elementare................................................................................................24

Polinomi di Fourier......................................................................................25

e.c

Energia di un polinomio di Fourier................................................................................................29


Polinomio di Fourier di x(t)...........................................................................................................30

Serie di Fourier............................................................................................35

AB

Ct

rib

Funzioni continue a tratti...............................................................................................................35


Norma e prodotto scalare...............................................................................................................36
Traslazioni.....................................................................................................................................37
Riscalamento (dilatazione, omotetia)............................................................................................37
Convergenza puntuale e convergenza uniforme............................................................................38

Funzioni di variabile complessa..................................................................43

Funzioni reali di variabile complessa...........................................................................................43


Funzioni complesse di variabile complessa...................................................................................44
Integrali di linea in campo complesso...........................................................................................47

Funzioni analitiche......................................................................................49

Formule integrali di Cauchy..........................................................................................................53


1 Formula integrale di Cauchy.....................................................................................................56
2 Formula integrale di Cauchy.....................................................................................................57
Esistenza delle derivate di ogni ordine di f(z)...............................................................................57

Sviluppi in serie...........................................................................................59

Sviluppi in serie di Taylor..............................................................................................................59


Giustificazione della formula di Eulero.........................................................................................62
Sviluppi in serie di Laurent............................................................................................................63

Singolarit ...................................................................................................67

Singolarit isolate..........................................................................................................................68
Poli di 1 ordine.............................................................................................................................69
Poli di ordine qualunque................................................................................................................72
Singolarit essenziali.....................................................................................................................75
Punto all'infinito di C.....................................................................................................................77
Singolarit non uniformi................................................................................................................80
Singolarit non isolate...................................................................................................................80
ABCtribe.com - [Pagina 5]

Tabelle riassuntive.........................................................................................................................82
Osservazioni finali.........................................................................................................................83

Residui.........................................................................................................85

Calcolo pratico dei residui in poli del 1 ordine............................................................................88


Calcolo pratico dei residui in poli di ordine N>=1........................................................................90
Integrali impropri col metodo dei residui......................................................................................92
Lemma di Jordan (per cammini paralleli all'asse reale).................................................................95
Lemma di Jordan (per cammini paralleli all'asse immaginario)....................................................96

Decomposizione in fratti semplici ............................................................101

Poli semplici................................................................................................................................101
Poli multipli.................................................................................................................................106
Poli complessi coniugati..............................................................................................................109

Distribuzioni..............................................................................................115

Funzionali....................................................................................................................................115
Limiti (nel senso delle distribuzioni)...........................................................................................115
Derivate distribuzionali................................................................................................................120
Modelli (ingresso - uscita)...........................................................................................................125
Prodotto di convoluzione.............................................................................................................125
Propriet del prodotto di convoluzione........................................................................................130

om

Trasformata di Fourier...............................................................................131

AB

Ct

rib

e.c

Trasformata della porta................................................................................................................131


Trasformata della campana razionale..........................................................................................132
Trasformata della delta di Dirac..................................................................................................133
Trasformata della costante 1........................................................................................................134
Antitrasformata di Fourier...........................................................................................................135
Propriet della trasformata di Fourier..........................................................................................136
Altre trasformate..........................................................................................................................145
Trasformata del gradino unitario.................................................................................................146
Equazioni nel dominio delle distribuzioni...................................................................................147
Esempi di trasformate di Fourier.................................................................................................150
Esercizi introduttivi alle distribuzioni limitate e a crescita lenta.................................................156
Distribuzioni limitate...................................................................................................................159
Distribuzioni a crescita lenta........................................................................................................160
Treno di impulsi...........................................................................................................................161
Trasformata di Fourier di distribuzioni periodiche......................................................................165
Esempi di trasformate di Fourier di segnali periodici..................................................................168

Trasformata di Laplace..............................................................................175

Trasformata di Laplace bilatera...................................................................................................175


Propriet della trasformata di Laplace.........................................................................................180
Esercizi su trasformate fondamentali...........................................................................................184
Trasformata di Laplace unilatera.................................................................................................191
Antitrasformata di Laplace..........................................................................................................192
Esercizi di antitrasformazione.....................................................................................................193
Trasformata di Laplace per segnali periodici per t>=0................................................................197
Considerazioni pratiche...............................................................................................................200
Teorema del valor finale..............................................................................................................201
Teorema del valore iniziale..........................................................................................................201
Uso della trasformata di Laplace nei modelli differenziali..........................................................202
Applicazione ad un modello concreto.........................................................................................203
Separazione dei termini di transitorio e di regime.......................................................................206

ABCtribe.com - [Pagina 6]

Appunti di Capuzzo Alessandro - Numeri complessi

Numeri complessi
I numeri complessi si possono presentare in tre forme:
Forma cartesiana
Forma trigonometrica
Forma esponenziale

Forma cartesiana
Il numero complesso in forma cartesiana si scrive nel seguente modo:
z x

jy

con j si intende l'unit immaginaria, ovvero quel numero complesso che verifica la seguente
uguaglianza:
2

om

e.c

Nei corsi di matematica normalmente l'unit immaginaria simboleggiata dalla lettera i , mentre
nei corsi di applicazione all'elettronica si utilizza la lettera j , perch la i riservata alla
corrente. Noi ci uniformiamo a quest'ultima indicazione in quanto il nostro corso ha una forte
inclinazione alle applicazioni elettroniche.

rib

Il vantaggio della forma cartesiana che si possono leggere immediatamente la parte reale e la parte
immaginaria del numero complesso:
y

AB

Im z

Ct

Re z x

La forma cartesiana presenta invece qualche difficolt quando se ne vogliono cercare il modulo e
l'argomento. Rappresentando in un piano cartesiano il numero complesso, si utilizza l'asse delle
ascisse per la parte reale e l'asse delle ordinate per la parte immaginaria e la loro composizione
individua un punto nel piano che lo rappresenta.

z x

jy

Il modulo di un numero complesso rappresenta


quella che la distanza del punto del piano xy
dall'origine, dunque:
z

Invece l'argomento di un numero complesso


l'angolo
formato dalla semiretta che parte
dall'asse delle x e ruota fino ad incontrare il
numero z

E' chiaro che se facciamo una rotazione in senso


antiorario indichiamo l'angolo positivamente, se la facciamo in senso orario, lo indichiamo
negativamente.
Come facciamo ad individuare il valore di

? Se guardiamo in figura abbiamo il triangolo

Forma cartesiana - Pag. 1


ABCtribe.com - [Pagina 7]

Appunti di Capuzzo Alessandro - Numeri complessi


rettangolo Oxz. In questo triangolo
quindi si ha, grazie alla trigonometria:
tg

y
x

arctg

l'angolo adiacente al cateto Ox ed opposto al cateto xz,

y
x
Bisogna per fare una certa attenzione nel calcolo
di
, perch la funzione tangente non
invertibile in tutto il suo dominio: una funzione
periodica di periodo
ed essendo la funzione
arcotangente l'inversa della funzione tangente

esclusivamente nell'intervallo

,
2
2
la formula cos com' vale solo se l'angolo
compreso in tale intervallo, ovvero:

om

quando la parte reale del numero complesso


positiva, la formula per ricavarlo quella scritta
sopra.

e.c

Se invece l'angolo si trova fuori da questo


intervallo, ovvero:

quando la parte reale del numero complesso


(vedi
negativa, bisogna aggiungere o togliere
figura : la freccia indica lo spostamento necessario
per rientrare nel dominio dell'arcotangente
partendo
con
fuori
del
dominio
).

AB

Ct

rib

dell'arcotangente, questo spostamento vale


Concludendo:
se

x Re z 0

arg z

arctg

y
x

se

x Re z 0

arg z

arctg

y
x

- Pag. 2
ABCtribe.com - [Pagina 8]

Appunti di Capuzzo Alessandro - Numeri complessi

Complesso coniugato
Il simbolo z * rappresenta il complesso coniugato di
parte immaginaria :
se

jy , z * x

z x

z e si ottiene cambiando il segno della

jy

z x

Dal punto di vista geometrico ricavare il


complesso coniugato corrisponde a fare una
simmetria rispetto all'asse reale.

jy

La forma cartesiana permette di fare agevolmente


somme e sottrazioni, ma diventa un po' pi
problematica tutte le volte che dobbiamo fare
prodotti o potenze. Infatti si vede subito che nella
forma cartesiana il numero complesso corrisponde
ad un binomio, con tutte le conseguenze del caso:
un prodotto porta a 4 termini, una potenza ancora
peggio.

x
*

jy

e.c

om

rib

Vediamo un esempio:
4 3 4j
4 3

Im z

AB

Re z

Ct

dunque:

E' sempre molto importante valutare subito modulo ed argomento:


z

4 3

8 (osserviamo che il modulo sempre positivo)

Ci vuol dire che la distanza dall'origine di z 8. E'


molto importante da comprendere: come dire che il
nostro numero complesso sta su di una circonferenza di
centro l'origine e raggio 8 (vedi figura). Calcoliamo
adesso l'argomento: dobbiamo subito fare una
riflessione sul segno della parte reale. Nel nostro caso
negativa per cui dobbiamo aggiungere

arg z arctg

4
4 3

arctg

1
3

7
6

Complesso coniugato - Pag. 3


ABCtribe.com - [Pagina 9]

Appunti di Capuzzo Alessandro - Numeri complessi

Forma trigonometrica
Il numero complesso si scrive nella forma:
z

cos

j sen

Quando il numero complesso espresso in forma trigonometrica leggiamo subito il valore del
modulo (
) e dell'argomento (
).
E' invece necessario qualche calcolo per le parti reale ed immaginaria:
Re z

Im z

cos

sen

Il complesso coniugato di z si ottiene cambiando il segno alla parte immaginaria oppure


cambiando il segno all'argomento:
z*

cos

j sen

cos

j sen

La validit del secondo membro facilmente verificabile in quanto il coseno una funzione pari,
cos
sen
sen
dunque cos
ed il seno una funzione dispari, dunque
.

e.c

om

La forma trigonometrica evidenzia il fatto che il complesso coniugato si ottiene semplicemente


(infatti in questo modo si ottiene la simmetria del numero
cambiando segno all'angolo
complesso rispetto all'asse delle x).

4
3

j sen

Ct

4
3

z 5 cos

rib

Vediamo un esempio.

AB

Per rappresentare questo numero nel piano cartesiano osserviamo che il numero star su di una
4
circonferenza di raggio 5 ed il suo modulo former un angolo di
con l'asse delle x.
3
Calcoliamo le parti reale ed immaginaria
Re 5 cos

4
3

Im z 5 sin

4
3

1
2

5
2
3
2

5 3
2

Il numero complesso pu essere cos espresso in


forma cartesiana:

5
3
5
2
2

ed il coniugato

z*

5
3
=
5
2
2

5 cos

4
3

j sen

4
3

Forma trigonometrica - Pag. 4


ABCtribe.com - [Pagina 10]

Appunti di Capuzzo Alessandro - Numeri complessi

Vogliamo fare adesso delle considerazioni che ci introducano alla forma esponenziale. La seguente
uguaglianza sicuramente ovvia:
z

z
z

z
Circonferenza
unitaria

Geometricamente questo vuol dire che ogni


numero complesso pu essere scritto come il
prodotto di un numero reale z per un numero
complesso che sta sulla circonferenza unitaria
z
.
z

z
z

Abbiamo fatto questa osservazione perch per ora vogliamo occuparci esclusivamente di numeri
complessi che hanno modulo 1.
z 1 cos

j sen

z2

z 2 cos

j sen

e.c

e moltiplichiamoli tra loro:


1

cos

sen

sen

j cos

sen

sen

cos

sen

cos

Ct

z 1 z 2 cos

rib

z1

om

Prendiamo i seguenti numeri complessi e scriviamoli in forma trigonometrica:

ricordando le formule di addizione e sottrazione


1

cos

sen

2
cos

sen

risulta
z 1 z 2 cos

j sen

j cos

AB

z 1 z 2 cos

sen

sen

Questo un risultato estremamente interessante perch illustra che per fare il prodotto di due
numeri complessi ci siamo ricondotti a fare una somma tra gli argomenti. Vi un'analogia con la
forma esponenziale:
a

e e

a b

- il prodotto degli esponenziali si traduce in una somma degli esponenti;


il prodotto dei numeri complessi si traduce in una somma degli argomenti.
Questo ci porta a riflettere sulla possibilit che potrebbe esserci una forma di rappresentazione dei
numeri complessi come esponenziale. In effetti cos, ma certo non pu essere una forma
esponenziale di tipo reale, perch se si volesse rappresentare ad esempio il numero complesso j :
j cos

j sen

, chiaro che una forma esponenziale del tipo


Forma trigonometrica - Pag. 5
ABCtribe.com - [Pagina 11]

e 2 sarebbe un numero

Appunti di Capuzzo Alessandro - Numeri complessi


reale, dunque non andrebbe bene. Bisogner in qualche misura introdurre un oggetto nuovo.
La forma corretta la seguente in quanto l'esponente non un numero reale ma un numero
immaginario:
z1 e

z2 e

Questa rappresentazione traduce molto bene anche il prodotto, infatti volendo fare il prodotto di due
numeri complessi dobbiamo fare la somma degli argomenti:
z1 z 2 e

Bisognerebbe per essere sicuri che questo tipo di notazione in qualche misura coerente con tutte
le propriet degli esponenziali. Pi avanti nel corso, quando avremo gli strumenti necessari,
dimostreremo che cos. Siamo dunque giunti alla

Formula di Eulero
cos

j sen

om

ej

Questa una formula fondamentale nel nostro cammino.


j

j sin

e
j
e

rib

z1
cos
z2

e.c

Familiarizziamo un po' con essa effettuando una divisione tra due numeri complessi:
2

AB

Ct

Utilizzando la formula di Eulero possiamo scrivere un numero complesso nel seguente modo:
La forma esponenziale una forma in cui si leggono agevolmente modulo e argomento ed
estremamente pratica per fare le operazioni di prodotto, di potenza, di radice n-sima.
Per esempio l'elevamento a potenza diviene il seguente:
zn

ej

ej

e jn

Esempi
Vediamo un esempio pratico.
Prendiamo

z 3 3 3j

e facciamone la potenza ottava.


Diciamo subito che se dovessimo eseguire questo calcolo in forma cartesiana, ci ritroveremmo a
dover fare il prodotto di un binomio con due addendi per s stesso 8 volte, ed il calcolo
diventerebbe una cosa estremamente faticosa. Se invece scriviamo il numero complesso in forma
esponenziale questo diventa molto semplice:
z

3 3

32

36 6
Esempi - Pag. 6
ABCtribe.com - [Pagina 12]

Appunti di Capuzzo Alessandro - Numeri complessi


arg z arctg

osserviamo che a 0 , quindi non si aggiunge

3 3

per cui la potenza


z

6e

8
6

6 e

j8

E' molto importante verificare cosa succede


graficamente, facendo una rappresentazione
geometrica; fare l'ottava potenza significato
elevare il modulo all'ottava potenza; ed avere fatto
una rotazione, moltiplicando l'argomento per 8.

z8

Vediamo un altro esempio.

1
n

e.c

om

Ci poniamo la questione di fare la radice n-sima di z . Ricordando che fare la radice n-sima
significa fare un elevamento a potenza frazionaria, possiamo scrivere:

1
n

2k

1
j n

Ct

rib

Si tratta anche in questo caso di sfruttare le propriet dell'esponenziale, tenendo per conto della
periodicit di
che rimane pur sempre un angolo della circonferenza goniometrica, per cui
risulta:

1
n

AB

Aggiungere un multiplo di 2
a
ci fa ottenere lo stesso numero complesso. Dobbiamo
quindi tenerne conto e sviluppare la radice come segue:
e

2k

1
j n

1
n

2
kj
n

con k

Osserviamo adesso che se se noi facciamo variare k non otteniamo infinite radici distinte, perch
k 0 porta allo stesso angolo a cui porta
nell'insieme k 0,1,2 ,... , n 1

k n , per cui sar sufficiente far variare k

Traduciamo in un esempio numerico.


Calcolare
4

2 2 3j

Il primo problema che affrontiamo scrivere il numero nella forma esponenziale:


2

2 2 3

arg z arctg

2 3
2

2 3

16 4

4
3

(in questo caso a o per cui si aggiunge

possiamo scrivere:
Esempi - Pag. 7
ABCtribe.com - [Pagina 13]

Appunti di Capuzzo Alessandro - Numeri complessi


4

2 2 3j

4e

4
3

4e

2
kj
4
z0

Rappresentiamo nel piano complesso le radici


quarte di z . Osserviamo che hanno tutte lo
stesso modulo: 4 4 2 2 . Quello che cambia
l'angolo perch dobbiamo variare il parametro k.

z1

Osserviamo che al variare di k si ottengono


sempre gli stessi 4 punti, quindi per ottenere
radici distinte si prende, come gi detto, solo
k 0,1 ,2,3

z3
z2

I punti sono i vertici di un poligono regolare che


ha tanti lati quanto l'indice della radice (in
questo caso abbiamo un quadrato regolare inscritto nella circonferenza di raggio

2 .

Vediamo un altro esempio.


1

om

e.c

Scriviamo il numero in forma esponenziale (quando il numero cos semplice pi facile ricavarsi
modulo e argomento graficamente che far calcoli)
Il modulo 1, l'anomalia o argomento
1

ej

ej

per cui

2
kj
5

rib

1
5

k 0 , il

Ct

La prima radice la otteniamo mettendo


modulo sempre 1.

AB

2
Aggiungendo multipli di
otteniamo gli altri
5
punti (che corrispondono ai vertici di un pentagono
regolare iscritto nella circonferenza unitaria).

Vediamo un altro esempio.

Esempi - Pag. 8
ABCtribe.com - [Pagina 14]

-1

Appunti di Capuzzo Alessandro - Numeri complessi


6

1
6

2
kj
6

In questo caso le altre radici si ottengono


2
attraverso una rotazione di
6

-1

Questo tipo di esercizi molto utile per cui si


consiglia lo studente di eseguire per s i seguenti:
3

E' chiaro che bisogna ricordarsi che 1 e j 0 ,

j e

z1 z2

e.c

z1 z 2

om

Propriet del modulo e dell'argomento

z1 z2

z2

2
j

z1 z 2

z1 z2

arg z 1 z 2
z1
z2
arg

AB

Risulta evidente dunque l'identit

Ct

z1

rib

Scriviamo i numeri complessi nella loro forma esponenziale

arg z 1 arg z 2

z1
z2
z1
z2

arg z 1 arg z 2

Le dimostrazioni sono tutte immediate scrivendo il numero complesso sotto forma esponenziale.

Vediamo un esempio concreto.


Propriet del modulo e dell'argomento - Pag. 9
ABCtribe.com - [Pagina 15]

Appunti di Capuzzo Alessandro - Numeri complessi


2 2 j j4
e
1 3j

Supponiamo di essere interessati, come spesso capita, a vedere subito il modulo e l'argomento di
questo numero complesso. Questo calcolo diviene semplice se noi utilizziamo le propriet che
abbiamo appena mostrato:
j
2 2j
e 4
1 3j

arg z arg 2 2 j

8
1
4
arg 1

2
3j

arg e

arctg 1 arctg 3

Osservazione

z j porta ad una rotazione di

j1

j3

j
j

............

j , proviamo a svilupparne le potenze:

Ct

z .

-1

AB

di

rib

Questo evidenzia una caratteristica di

e.c

Per esempio

om

z e j corrisponde ad una rotazione, in quanto il modulo di z non cambia, mentre l'argomento


viene moltiplicato per
.

-j

Si pu vedere dal grafico che effettivamente ogni prodotto per j corrisponde ad una rotazione di
, per cui calcolare le potenze di j diventa effettivamente semplice (si divide l'indice della
2
potenza per 4 e si prende il resto della divisione ...)

Propriet del modulo e dell'argomento - Pag. 10


ABCtribe.com - [Pagina 16]

Appunti di Capuzzo Alessandro - Numeri complessi

Seni e coseni complessi


Consideriamo
ez ex

jy

e e

jy

e ricordando la formula di Eulero


x

e e

jy

e cos y

j sen y

abbiamo cos potuto scrivere e elevato ad un qualunque numero complesso.


Possiamo subito osservare che
e

arg e z y
Abbiamo appena trattato una forma un pochino pi completa della formula di Eulero:
e z e x cos y

j sen y

cos

om

Facciamo le seguenti considerazioni, abbiamo


j sen

e.c

iniziamo subito col dire che grazie alla formula di Eulero possiamo dire che l'esponenziale
complesso pu essere visto come una combinazione lineare di coseni e seni.
cos

j sen

Ct

rib

Cerchiamo il complesso coniugato

e adesso sommiamo membro a membro le due uguaglianze, ottenendo


e

2 cos

cos

e
2

AB

osserviamo che il coseno pu essere visto come una combinazione lineare di esponenziali
complessi, e questo un fatto molto importante. Facciamo adesso la sottrazione membro a membro

2 j sin

sen

ej

e
2

osserviamo che anche il seno pu essere espresso come combinazione lineare di 2 esponenziali
complessi. Mettere come argomento di seno e coseno un numero complesso di difficile
interpretazione (non sappiamo dire cosa significa), ma se noi sfruttiamo le uguaglianze che ci siamo
appena ricavati, possibile farlo (perch un esponenziale complesso ha significato, come gi visto
precedentemente), dunque possiamo procedere con le seguenti definizioni:
ejz e
2

jz

cos z

e jz e
2j

jz

sen z

definizione di coseno complesso


definizione di seno complesso

Vediamo un esempio. Abbiamo

Seni e coseni complessi - Pag. 11


ABCtribe.com - [Pagina 17]

Questo documento e' un frammento dell'intero appunto utile come


anteprima. Se desideri l'appunto completo clicca questo link.

ABCtribe.com - [Pagina 18]

Preparati con le domande di ABCtribe su Analisi 3.


* Carica Appunti,Domande,Suggerimenti su : Analisi 3 e guadagna punti >>
* Lezioni Private per Analisi 3 >>

Avvertenze:
La maggior parte del materiale di ABCtribe.com offerto/prodotto direttamente dagli studenti (appunti, riassunti,
dispense, esercitazioni, domande ecc.) ed quindi da intendersi ad integrazione dei tradizionali metodi di studio e
non vuole sostituire o prevaricare le indicazioni istituzionali fornite dai docenti. Il presente file pu essere utilizzato in
base alle tue necessit ma non deve essere modificato in alcuna sua parte, conservando in particolare tutti i
riferimenti allautore ed a ABCtribe.com; non potr essere in alcun modo pubblicato tramite alcun mezzo, senza
diverso accordo scritto con lautore ed i responsabili del progetto ABCtribe.com. Per eventuali informazioni, dubbi o
controversie contattate la redazione allindirizzo help@ABCtribe.com.

ABCtribe.com - [Pagina 19]