Sei sulla pagina 1di 9

Il chinino | bimestrale dinformazione | numero tre- luglio 2011 | copia gratuita

Chinino
il
Linchiesta

Il bImestrale con effettI collateralI

Migranti
Viaggio nelle campagne dellAgro punjabino

bibLiofagia

cronache cittadine

JUMP aroUnd MUsic

Lo scandalo delle Pontine


Speculazioni e lobby ieri come oggi

Il razionalismo di plastica

Pontinia Rock & Blues Festival XII edizione

Pontiniaweb.it ricostrusice Lanfiteatro Verga vibra gli edifici storici con i Lego ancora sulle note del Blues

SOMMARIO

Andrea Zuccaro

la cura per linformazione pontina

Piazza Oberdan, 27 - 04016 Sabaudia (LT) Tel. 0773 513098

4 6 7 8 9

LINCHIESTA
I nuovi braccianti

BCC AGRO PONTINO

Lassemblea dei Soci

POLITICA PONTINA

Boschetto, il volto giovane del Consiglio

NEWS DAL COMUNE

Torna lEstate Pontiniana

CRONACHE CITTADINE

MANGIMI NATURDOG Rivenditore autorizzato Marcello Bellini Via Cattaneo, 12 04014 Pontinia, (LT)

La (ri)fondazione di Pontinia

10 11

JUMP AROUND MUSIC

al referendum alle elezioni amministrative, Pontinia si dimostrata in controtendenza. I cittadini non hanno scelto il cambiamento. Non tanto nella figura del sindaco, visto che non cera nessun candidato nuovo. Quanto nella scelta dei consiglieri. mai come questa volta cerano tanti volti nuovi in tutte le liste, ma le preferenze maggiori sono andate ai consiglieri uscenti. Da Pedretti a ramati, da belli a mochi, lattuale consiglio comunale sarebbe stato una fotocopia dei consigli passati se non fossero stati eletti boschetto, bottoni e cengia. anche sulle questioni del referundum Pontinia ha nuotato controcorrente. la percentuale dei votanti non ha raggiunto il 50%. eppure le bollette di acqualatina arrivano anche da noi e la presenza di ben due centrali nucleari nel raggio di qualche decina di chilometri avrebbe come minimo richiesto un po pi di attenzione e partecipazione. non si pu sempre sperare di avere un sindaco, come nella questione della turbogas, che si faccia carico, insieme a qualche cittadino di buona volont, della difesa del territorio e del diritto a vivere in un ambiente sano. una partita che ci vede tutti giocatori e nessuno pu permettersi di rimanere in panchina. soprattutto per le generazioni future.
il chinino bimestrale dinformazione anno I numero 3 luglio 2011 registrato al tribunale di latina numero 6 del 29/04/2011 copia gratuita

Rock & Blues Festival 2011

BIBLIOFAGIA
Lo scandalo delle Pontine
Con il contributo del Comune di Pontinia.

PONTINI ALLESTERO

Direttore Vicedirettori collaboratori

andrea Zuccaro Paolo Periati, alfonso Perugini federica Guzzon, annalisa medici, Ilenia Zuccaro lorenza lorenzon, Patrizia sperlonga, Gianpaolo Danieli, luca Ghidoni, alessandro cocchieri, marco brecciaroli, matteo lovato, Davide Parlapiano, antonio rossi, Giovanni raponi, lino callegari, simone santini marco brecciaroli, simone olivieri bhangra brothers Keller adv Tipografia Selene, Via moncenisio, 8 04100 latina

Le contraddizioni di Baires

12 13

TIPI PONTINI
Omaggio a Zelma
Fotografie In copertina Progetto Grafico stampato presso

CARTOLINE DAL COQ

Torre Astura

http://ilchinino.blogspot.com ilchinino@gmail.com

LINCHIESTA
di PAOLO PERIATI Foto di Marco Brecciaroli

BHANGRA BROTHERS, LINDIA CHE DANZA


di ANNALISA MEDICI

campaGne inDiane
econdo il Dossier Statistico 2010 sullimmigrazione di Caritas e Fondazione Migrantes, tra le province minori del Lazio, quella di Latina che attrae pi immigrati (34mila unit), impiegati soprattutto in agricoltura (32,4%) e nelledilizia (20%). Numeri che aumentano in modo vertiginoso se si includono gli irregolari. Nel biennio 2008/09 c stato un forte incremento di stranieri residenti (11,1%), che incide sul totale degli abitanti per il 6,2%.
anche Pontinia conferma il trend. Qui gli stranieri sono in maggioranza extracomunitari, soprattutto immigrati indiani (451 residenti alla fine di dicembre 2010), molti dei quali di religione sikh provenienti dal Punjab, estesa regione nordoccidentale della penisola indiana. rispetto ad altre realt territoriali in cui forte lincidenza di singoli lavoratori stagionali, a Pontinia si sono stabiliti nuclei familiari al completo (circa il 60%). Infatti, Mohammed Abdel Wahed, responsabile ufficio stranieri della Cgil provinciale, sottolinea che negli ultimi tempi c stato un forte aumento dei ricongiungimenti che sfiora il 35% annuo e spesso molti di loro prima di giungere qui per lavorare in campagna, nelle stalle e nei vivai, hanno gi fatto tappa nelle aziende agricole del nord Italia. Dunque anche a Pontinia, pur se alcuni rappresentanti della comunit indiana gestiscono esercizi commerciali o fanno i venditori ambulanti, in gran parte sono impiegati come manodopera nel settore agroalimentare e florovivaistico. ma forse sarebbe bene chiamare limpiego con il suo vero nome, ovvero sfruttamento. oggi, in provincia di

Ecco chi sono i nuovi braccianti dellAgro Pontino

latina lo sfruttamento di lavoratori migranti una prassi. la gestione del sistema in mano alla criminalit organizzata e coinvolge le aziende del territorio. Il sintomo di un forte ricorso alla manodopera in nero emerge se si tiene conto che lo scorso anno, su 11mila aziende agricole che danno lavoro a pi di 6mila lavoratori stagionali, ci sono state richieste di regolarizzazione per 24mila impiegati, mentre le domande di disoccupazione agricola non superano le 7mila unit (secondo le rilevazioni dellInps): pari a nemmeno un operaio per azienda, anche se a conduzione familiare. Questi schiavi del nuovo millennio a quanto pare gli indiani sono preferiti agli stranieri di altre provenienze per la loro dolcezza sono soprattutto giovani maschi tra i 20 e i 35 anni det, la maggior parte dei quali torna in India dopo nove mesi ovvero alla scadenza del permesso di soggiorno secondo la legge bossi-fini del 2002 per fare il percorso inverso allinizio della stagione lavorativa. Uno dei propulsori dellimmigrazione sono le rimesse che sostengono le famiglie rimaste nel paese dorigine, anche se il risparmio minimo (circa 200-300 euro), per due motivi. Primo perch a causa dellindebitamento con gli intermediari, una volta giunti sul territorio e dislocati nelle varie aziende alcune ignare, altre parte del sistema sono costretti a lavorare senza percepire stipendio per ripianare il debito contratto. secondo perch le giornate nei campi, che spesso durano dodici ore, vengono pagate con un massimo di 3 euro lora di media (quando dovrebbero essere 6 euro), e su contratti di novanta giorni solo trenta risultano retribuiti. Per rinnovare il permesso di soggiorno commenta nanda Devender singh, mediatore culturale per la comunit sikh di borgo Hermada caporali e padroni chiedono del

denaro: 1000 euro per un contratto di 6 mesi, 1500 euroi per uno a tempo indeterminato. spesso gli sfruttatori non rilasciano neanche il contratto di lavoro, ma solo il permesso di soggiorno al costo di 3mila o 5mila euro a persona. Dopo abbandonano a loro stessi gli immigrati che entrano in clandestinit una volta scaduti i termini. Dietro la tratta dei lavoratori extracomunitari c un florido business che sfiora cifre vicine ai 10 milioni di euro. lItalia presentata come il mitico eldorado da emissari, assoldati da sistemi criminali, che reclutano i sikh e organizzano i viaggi verso il nostro paese: per via aerea (tra i 7mila e i 10mila euro di biglietto), o transitando dalla russia con il treno (da 3mila a 5mila euro a testa). Senza contare poi il business degli alloggi, a s rispetto al sistema iniziale: spesso gli affitti sono riscossi da stranieri, per esempio bengalesi, che poi girano le quote ai proprietari italiani. nel nostro Paese molti non perdono mai loccasione per bistrattare gli immigrati davanti agli occhi dellopinione pubblica alimentando stereotipi e paure, oltre allaccusa di favorire la svalutazione sociale con labbassamento dei salari medi e di togliere il lavoro agli italiani ma costoro sono anche consapevoli di quanto limpiego di manodopera a basso costo conveniente per contenere i prezzi dei beni agroalimentari sul mercato e i costi del lavoro, oltre che del loro apporto al Pil nazionale che supera l11%. forse questo uno dei motivi per cui in Italia una legge contro lo sfruttamento della manodopera non esiste e il caporalato non ancora riconosciuto come reato penale, ma contrastato solamente con sanzioni amministrative che ammontano a pochi spiccioli.

gargianti nei loro abiti di seta pastello i bhangra brothers sono un giovane gruppo di sei ballerini, che sanno deliziarci con coreografie tradizionali provenienti da un crogiuolo di danze del Punjab.

agli occhi di un occidentale, queste danze potrebbero ricordare una revisione, in chiave indiana, di passi tipici del mood metropolitano, invece proprio il nome bhangra a riportarci nella giusta direzione, infatti si tratta della tipica danza contadina fatta per festeggiare larrivo della primavera o la fine di un raccolto, per ringraziare madre natura. ogni passo ribadisce la loro provenienza. lIndia sembra lontana, ma grazie alla loro costanza e limpegno con cui si dedicano alla danza, questi ballerini in erba vengono accolti ogni volta con un calore che diminuisce la distanza culturale tra oriente e occidente facendoci sentire tutti fratelli. I bhangra brothers portano nei lori passi armonici un rimbalzo culturale speziato e originale, tutto il gusto dellIndia si assapora in una manciata di minuti grazie alla loro bravura.

CAMPAGNA STOP CAPORALATO


Le sigle sindacali Flai e Fillea della Cgil hanno lanciato una campagna nazionale affinch il Parlamento discuta e approvi una legge che riconosca il caporalato come reato penale. Per aderire visita il sito: www.stopcaporalato.it

il cHinino
luglio 2011

il cHinino
anno I n 3

BCC AGRO PONTINO

POLITICA PONTINA

trasparenza e partecipazione la ricetta di stefano boschetto


Intervista al nuovo volto della politica cittadina, eletto al primo colpo con 237 preferenze personali

NON SOLO BUSINESS

Approvato il bilancio sociale 2010

di Federica Guzzon unico volto nuovo, giovane, che riuscito a prenotarsi una poltrona allinterno del consiglio comunale Stefano Boschetto (Pd). Proprio lui ci spiega che la riduzione del numero dei consiglieri ha ridotto fortemente la possibilit dei giovani di entrare. Ecco perch, al traguardo della campagna elettorale, i suoi 237 voti hanno ancor pi valenza e premiano una politica frutto di un approccio diretto con le singole persone. I manifesti sono utili solamente a comunicare alla popolazione che si in ballo commenta stefano boschetto ma il voto frutto di un patto di fiducia diretto e onesto. sono felice del risultato perch sono stati voti volontari, la gente ha condiviso la mia idea. Quello che lo ha spinto a metterci la faccia la volont di portare un messaggio diverso, che ha fatto molta presa. Vorrebbe riprendere quei valori che dovrebbero essere alla base di ogni civilt dice e che invece sono stati calpestati e ignorati. lagire del politico sotto gli occhi di tutti, per questo deve essere un modello e impegnarsi non tanto con le parole, ma con le azioni.

di Simone Santini

intreccio tra etica ed economia forse una delle sfide pi difficili che si possa trovare davanti unazienda. Due parole che spesso in questi anni di crisi, di crac aziendali, di ondate di licenziamenti e ristrutturazioni stato difficile mettere insieme. Molto difficile. Da qui anche una sorta di diffidenza nei confronti di quanti parlano ripetutamente di responsabilit sociale dimpresa. Per questo, ormai da diversi anni, la cassa rurale ed artigiana dellagro Pontino ha rafforzato la consapevolezza dellimportanza, tra le informazioni diffuse, al pari di quella contabile, di una rendicontazione della gestione sociale. Una responsabilit che affonda le radici nella sua stessa identit, nei principi enunciati nello statuto sociale. Perch la responsabilit sociale, il legame con il territorio, la capacit di valorizzare il lavoro fanno parte della tradizione e della cultura aziendale di una realt, che da sempre persegue unetica dimpresa capace di valorizzare insieme la persona e lo sviluppo. ecco allora, che anche la lettura del bilancio sociale 2010 della cassa rurale ed artigiana dellagro Pontino, comunicando affidabilit, capacit di investire e creare lavoro, costante attenzione al contesto socio-economico di riferimento, rappresenta uno strumento per dimostrare che bisogna ribaltare lequazione secondo cui fare qualcosa per qualcun altro va necessariamente a scapito del proprio business. se questo il messaggio che si vuole veicolare certamente sono molto pi importanti le azioni: il fare pi che il dire. ed certamente un fatto, una realt che sa dare lavoro a 65 persone, in cui forte la componente femminile

e di giovani. Una realt che sa comprendere che la disponibilit e il sacrificio di tante persone che dedicano il loro tempo a servizio degli altri merita attenzione e rispetto, utilizzando lapposito fondo per elargizioni di beneficenza per 86 mila euro. Una realt che sa pianificare oltre 170 interventi a favore della collettivit e del territorio, per un controvalore che ha superato i 330 mila euro. Si tratta di interventi di beneficenza, sponsorizzazione e rappresentanza verso alcuni gruppi di riferimento, quali scuole, parrocchie, associazioni locali (sportive, culturali, ricreative), ed enti territoriali che, molto probabilmente, non avrebbero avuto vita facile in periodi di austerit come quello attuale, in cui la gente riscopre che le soluzioni pi facili ai problemi molte volte si trovano allombra del campanile.

serve sburocratizzare le pratiche dazienda per favorire linnovazione, anche lassociazionismo pu rivelarsi un mezzo potente sia per i lavoratori, sia per i ragazzi. sicuramente continua il comune deve andare incontro alle esigenze della popolazione. ci deve essere pi trasparenza, per esempio pubblicando i punti discussi nei consigli comunali in forma cartacea o telematica. stefano, per, ci tiene a puntualizzare che il suo lavoro senza la partecipazione degli altri non avr molto successo: importante che tutti capiscano quanto sia fondamentale il loro agire. ognuno di noi deve fare qualcosa per migliorare e, nel mio piccolo, prover a stimolare tutti a essere pi attivi. Per migliorare bisogna partire dal passato, dalla tradizione: Pontinia giovane e le sue radici stanno nelle persone provenienti da diverse regioni. Dobbiamo consolidarci per costruire il futuro, intrecciando lesperienza dellanziano con la vitalit del giovane. Vorrei una citt in armonia continua il neo consigliere dove i servizi siano alla portata di tutti, in cui sia favorito lo sviluppo economico e non viga la legge del pi forte. In concreto, si mostra convinto che per aiutare le piccole aziende non servano tanto i farmer market, perch ci sarebbe pi offerta che domanda, ma esportare i nostri prodotti. Il sociologo tedesco Max Weber sosteneva che la politica non altro che aspirazione al potere e monopolio legittimo delluso della forza. secondo stefano il rischio di rimanere centrifugati nella macchina della contingenza c, ma io credo in quel che dico e sicuramente far il massimo per quanto mi sar possibile. a chi gli chiede cosa lo ha spinto a candidarsi nella lista del sindaco eligio tombolillo, risponde che la sua stata una scelta di stima personale: Ho sentito che ci sono state critiche alla sua rielezione conclude ma il problema non va ricercato nella sua ricandidatura, bens in chi non in grado di proporre valide alternative.

CAMBIO AL vERTICE DELLA BCC

urante la tradizionale assemblea dei soci della cassa rurale ed artigiana dellagro Pontino, che si tenuta l8 maggio 2011, maurizio manfrin stato eletto nuovo presidente del cda, mentre Gianfranco baldi diventato vicepresidente. Manfrin, originario di Codevigo (PD), ha ricoperto dal 1995 lincarico di Direttore Generale. della banca.

Lagire del politico deve essere un modello

il cHinino
luglio 2011

il cHinino
anno I n 3

NEWS DAL COMUNE

CRONACHE CITTADINE

LUGLIO
MUSICA, SPORT E GASTRONOMIA: TORNA LESTATE PONTINIANA
Pontinia Estate 2011 riparte dalle manifestazioni pi gradite dal pubblico nelle passate edizioni. La Notte Bianca con relativa salsicciata record sar, idealmente, la serata inaugurale per quanto riguarda la piazza centrale del Comune. A richiesta stato previsto un prolungamento delle serate e degli eventi fino al 5 settembre, sulla base di un trend in crescita di presenze durante gli eventi, anche dopo Ferragosto. Ci sar la musica classica nei Giardini Comunali e la gastronomia nei borghi: Cotarda e Quartaccio. In particolare, tutti i gioved presso il circolo del Buongustaio di Quartaccio e tutti i venerd presso il bar Lauretti di Cotarda si potranno gustare le specialit gastronomiche del territorio pontino. Ci sar losservazione astronomica delle stelle alla scuola media Manfredini di Quartaccio la notte di S. Lorenzo, tra il 10 e l11 agosto, organizzata dal Consiglio Comunale dei Giovani. La serata di Intercultura ci sar il 3 luglio con il gruppo di danza indiano Bhangra Brothers e altri spettacoli di diverse etnie. Sono in programma concorsi di musica leggera per giovani talenti e una manifestazione di orchestre di musica popolare. Il 15, 16 e 17 luglio torna il classico appuntamento con il Pontinia Rock & Blues Festival (XII edizione), allanfiteatro delle scuole medie G. Verga. Poi sar dato tanto spazio allo sport: calcio, kickboxing, tennis e tanta danza. Insomma, sar unestate ricca, come dimostra lelenco delle manifestazioni pubblicato qui accanto, che segue il solco di una tradizione ormai consolidata.

1 Spettacolo di danza di Chiara Quaglia,


teatro Fellini

3 Festa Interculutrale, p.za Indipendenza 7-8 Spettacolo della scuola di danza Creale,
teatro Fellini Notte Bianca e Salsicciata dei Record, p.za Indipendenza

11 Spettacolo Modulo Project, p.za Indipendenza 15 Spettacolo di danza BodyFlex, teatro Fellini Dal 15 al 17 Pontinia Rock & Blues Festival, anfiteatro scuole medie G. verga, ass. Papyrus

Nemesis, p.za Indipendenza

Dal 19 al 26 Festa patronale SantAnna Dal 27 al 31 Concorso musicale dellass. 31 Finale del Torneo di calcio SantAnna
AGOSTO

LA CITT GIOCATTOLO
di Antonio Rossi

(Ri)fondare Pontinia con i mattoncini Lego

Dal 1 al 4 e dal 8 al 11
p.za Indipendenza

Musica in Giardino, giardini comunali

Dal 5 al 7 Una voce da Pontinia, 10 Osservatorio Stellare, Quartaccio 12 Cantagirando 2012, p.za Indipendenza 13 Legittimo Brigantaggio, p.za Indipendenza Dal 16 al 28 Bufaletta, p.za Indipendenza
SETTEMBRE
la Sandro Micheli band, p.za Indipendenza

noperazione di marketing territoriale davvero interessante quella ideata e realizzata da Pontiniaweb.it: utilizzare le costruzioni Lego per far comprendere e analizzare gli stilemi dellarchitettura razionalista cui sono ispirati gli edifici di fondazione di Pontinia e quelli che maggiormente rappresentano e caratterizzano il suo territorio come le case coloniche o limpianto idrovoro di Mazzocchio. lidea quella di inserire questa iniziativa in una precisa strategia di valorizzazione e promozione del territorio mirata soprattutto ai pi giovani, intrapresa con il varo del portale internet www.pontiniaweb.it e proseguita con limplementazione della tecnologia del Qr-code ai pannelli informativi applicati sugli edifici del centro storico. Il progetto di costruire un modello degli edifici storici di Pontinia con i tradizionali mattoncini realizzati dalla lego storica azienda danese produttrice di giocattoli ha avuto una gestazione di circa due anni, per articolarsi poi in un progetto culturale che si avvalso di uno specifico software Cad, di rilievi fotografici e del servizio Google Streetview. Per non tradire la vocazione iniziale ci si limitati ai tradizionali mattoncini: molto idonei a rappresentare i canoni dellarchitettura razionalista. lapproccio progettuale partito dallanalisi dei dettagli di ogni edificio: dal pi piccolo da evidenziare, a quello pi caratteristico da enfatizzare, tenendo conto delle dimensioni finali del

modello e dei costi. terminata la fase di progettazione virtuale, sono stati ordinati alla casa produttrice i componenti necessari e la stessa ha anche provveduto a fornire una guida di montaggio su misura. Il materiale stato poi spedito dalla lego in una confezione personalizzata, su cui riprodotto il modello finale, che in questa prima fase rappresentava due edifici simbolo di Pontinia, ovvero il municipio e lacquedotto, per un totale di oltre 3mila mattoncini.

Patrizia Sperlonga
assessore alla cultura

5 Biciclettata tra centro e campagna 10 Festa di chiusura dellEstate Pontiniana con

Il progetto Pontinialego ha ottenuto il patrocinio dellamministrazione comunale, linteresse della direzione del futuro museo e riscosso ampio consenso tra il pubblico, come dimostrato dalla partecipazione al raduno nazionale degli appassionati dei famosi mattoncini promosso dallItlug (Italian lego user group), riferimento italiano del brand che si tenuto lo scorso maggio al museo Piana delle orme di borgo faiti.

il cHinino
luglio 2011

il cHinino
anno I n3

JUMP AROUND MUSIC


Officina Culturale Papyrus si riconferma alla sua XII edizione con il Pontinia rock & blues festival. luglio suona bene con Waines, Junior Watson, Stan Ridgway, Marco Pandolfi, Moreland & Arbuckle. Il meccanismo innescato quello di far conoscere ogni volta del buon vecchio blues, questa volta con laggiunta di una ricerca musicale underground e indipendente. Questanno nonostante le difficolt economiche sono riusciti a portare nella provincia annacquata, nomi importanti del blues. a dare il via alla rassegna venerd 15 luglio, arriveranno dalla sicilia i Waines: band giovane molto apprezzata per i loro possenti riff di chitarra granitici e batteria tellurica imbastiti da una miscela acida di garage, hard-blues e psych alla Blues Explosion, White Stripes, AC/ Dc e motrhead. messi in luce grazie anche a un malizioso e geniale videoclip presentato al PIVI 2009 del brano let me be, quasi nelle trame di un beck sonnambulo. Segue la leggenda blues Californiana: Junior Watson, che approder sul palco dellanfiteatro Giovanni Verga dopo aver navigato le rive del vecchio fiume. Session-man pi richiesto, nomination per il 25st Annual W.C. Handy Blues Awards, come miglior chitarrista blues contemporaneo, ha saputo dare vita a uno stile innovativo radicato nella tradizione del blues, del jazz e dello swing.

PONTINI NEL MONDO


Il sabato sera il cantautore polistrumentista statunitense Stan Ridgway, trasporter il pubblico sulle note del suo ultimo buon disco di western-folk: Neon Mirage. Leader negli anni 80 della band new wave californiana:Wall of Voodoo, in cui spiccavano sonorit da spaghetti western, giunto alla notoriet del grande pubblico con lalbum the bigHeat. Dopo aver calcato il palco di migliaia di festival blues italiani ed europei, Donnie Romano, ci far riscoprire il sound pi autentico, nudo e crudo del rock & blues, Insieme a oscar abelli (batteria e percussioni) e Martin Iotti (basso). Domenica 17 luglio a chiudere sar Marco Pandolfi, un ottimo armonicista, apprezzato gi in diverse produzioni italiane e la giovanissima band del Kansas: Moreland & Arbuckle, vincitori dellIndie acoustic Project 2009. a colpi di un trascinante powerblues, assisteremo a un live sensazionale, dove le distorsioni dellarmonica di arbuckle sono accompagnate dai riff energici di moreland. anche questa volta, come da consuetudine, lingresso sar gratuito, allinterno dellarea concerti ci sar lo staff ad attendervi al bluesbar, per dissetare la vostra voglia di musica e birra, e al rockstore con le t-shirt cult del rock & blues festival. di Gianpaolo Danieli
VenerDI 15 Waines, Junior Watson sabato 16 Donnie Romano, Stan Ridgway DomenIca 17 Marco Pandolfi, Moreland & Arbuckle Per info: www.officinapapyrus.it

Buenos Aires

appendice deUropa
Testo e foto di Marco Brecciaroli

BIBLIOFAGIA

Erminia Ciccozzi, Collana Carte Pontine vol. 1 - euro 18,00

n faccendiere, una lottizzazione e la compravendita di terre, operazioni finanziarie, lobby: figure e vizi dellItalia di oggi e di ieri. Passa il tempo, ma ogni giorno si apprende di losche imprese, di speculazioni e investimenti poco puliti. trasferite tutto ci a livello locale ed avrete Lo scandalo delle Pontine. era il 1919 in un periodo di gran trasformazione della societ italiana quando Gino clerici, imprenditore milanese, pass per le Paludi Pontine vide labbandono delle terre, dei paesi, comprese quanto vi fosse da fare, sinteress al problema ed espose il suo piano: comprare terre, servirsi delle provvidenze statali, migliorare i terreni e rivenderli a bonifica attuata. Di l a poco sarebbe esploso il caso della societ anonima delle Paludi Pontine. clerici, col sostegno del banco di roma, fond la societ Bonifiche Pontine che acquis in breve tempo quasi 20 mila ettari di terra, guadagnando una posizione egemone allinil cHinino
luglio 2011

terno del Consorzio di bonifica di Piscinara, ma il senatore Giovanni Cassis cui Mussolini, nel 1923, affid il compito di guidare una commissione dinchiesta sulla gestione della societ port alla luce scandali e polemiche, in seguito minutamente descritte nella sua relazione, che viene pubblicata nel volume curato da erminia ciccozzi, che svela segreti e interessi attorno la bonifica pontina. laccurata relazione del sen. cassis non racconta solo di speculazioni, e la rilettura storica suggerisce legami con la pi tarda bonifica fascista e lintervento dellONC, cui nel 1931 sono assegnate proprio le terre messe insieme dal clerici. Cos lo scrittore Antonio Pennacchi: Sintendeva fare le bonifiche coi soldi dello Stato per poi lottizzare le aree risanate e rivenderle ai privati. subito ci fu una spregiudicata compravendita di appezzamenti ancora prima che iniziassero i lavori. I soldi incassati finirono tutti nelle mani dei soliti furbi che ci si comprarono fior di palazzi a Roma. E le cose nel purgatorio pontino, una volta esplosa la bolla speculativa, rimasero come prima. di pa.per.

uando i primi coloni popolarono il territorio su cui oggi regna, Buenos Aires doveva presentarsi come una terra interminabile, sana e generosa, bagnata da quel rio, misto a oceano, che le dava nutrimento e dove il vento soffiava senza soste. Tanto dovevano essere presenti queste arie che furono determinanti sulla scelta del nome: Buenos Aires, la terra delle buone arie. Il suo millenario rapporto con il fiume non mai finito. Esso le ha dato salute e nutrimento e, romanticamente, le ha consegnato i migranti, tanti immigrati provenienti da tutta leuropa, che a suon di manodopera, cultura e tradizione, buenos aires lhanno fatta. leuropa si accomodata ed rimasta, modellando le sue forme, non senza difficolt, su una terra nuova, trovando qualche regola in meno a fronte di molto pi spazio e confusione: benvenuta in sudamerica leuropa cambia faccia.

ci. Scendendo in strada se ne ha la prova: cartoneros, lustrascarpe, venditori ambulanti - la baires dei mille lavori inventati - sono i re incontrastati di una citt che sonnecchia tenendo sempre un occhio aperto alleuropa, in modo un po nostalgico. Infatti, la maggior parte di essi sono porteos, cio gli abitanti o i nativi marchiati indelebilmente perch dal puerto che vengono ed grazie al puerto che possono considerarsi tali. figli, nipoti, bisnipoti di spagnoli, italiani, tedeschi, polacchi, ebrei, russi, arabi e chiss cosaltro, a cui si uniscono gauchos e indios, loro s sudamericani. los porteos fanno di buenos aires una citt multietnica, specie se vista in una prospettiva generazionale. la sensazione che lidentit di buenos aires forse proprio la non identit. ancora giovane e troppo generosa nel voler accogliere tutti e in fretta: molti la chiamano la citt dei barrios (quartieri), nati dallesigenza comune di coloni e immigrati di riscattare lanonimato di una terra straniera dipingendola ognuno con il proprio stile, con colori cari e familiari. Il pi famoso e colorato di certo il barrio la boca, fondato alla fine dell800 da marinai genovesi, che si fermarono attorno allantico porto ricreando latmosfera di quelli liguri, colorando le case con gli avanzi delle vernici delle barche. Qui dove sorge la cancha de la Bombonera, lo stadio-santuario del Boca Juniors (quello che fu di Maradona), che fa il bello e il cattivo tempo: quando los Xeneizes genovesi vincono festa, ma quando perdono sono guai; e i bambini crescono da generazioni imitando i loro miti.

Citt dai marcati contrasti sociali

salendo in cima a uno dei grattacieli extralusso del centro si ha una vista emblematica, che ben evidenzia una citt dai marcati contrasti sociali. Da un lato si gode la strepitosa vista del rio de la Plata, dallaltro si ha una panoramica sulle villas dei poverac-

10

11

il cHinino
anno I n3

TIPI PONTINI
Testo di GIOvANNI RAPONI Ritratto di LINO CALLEGARI

Ciao Zelma, poetessa errante

elma Stabellini stata, anzi colei che pu rendere testimonianza di un grande amore verso ogni creatura! Creatura proprio nel senso di quanto appare alla vita.

non ho mai percepito in lei nessun disagio verso qualsiasi differenza, fosse di status sociale, politica, etnica, ideologica. Per lei non cerano n uomini n donne, n ricchi n poveri, n bianchi n neri, n comunisti n fascisti... per lei cerano solo tante Persone, una diversa dallaltra ma tutte impegnate a vivere, come meglio potevano e sapevano. Zelma ha cercato di raccontare attraverso la sua opera poetica questo grande amore che sentiva verso il suo Prossimo; un amore autentico, mai usato con secondi fini, un amore destinato a rinforzare i legami sociali.Per questo credo che Zelma stabellini meriti molta attenzione, da parte dei suoi compaesani se non altri: perch Zelma, al di l di scrivere bellissimi testi poetici, ha fatto della sua esistenza unopera darte, la sua vita stata la pi bella poesia! si, Zelma vivendo ha prodotto poesia, grazia, bellezza. Un ottimo esempio per tutti noi, un grande esempio di umanit. ne abbiamo cos bisogno!

tutte le volte che ho avuto la fortuna di parlare con lei, magari alle nove di sera, prima che andasse a dormire per ricordarmi delle promesse che le avevo fatto di occuparmi dei suoi scritti, tutte le volte che sono stato a sentirla ho sempre avuto limpressione di parlare con uno spirito autenticamente francescano. era un po come sentire recitare, in tante forme diverse, il cantico delle creature di s. francesco. Zelma stata una bambina molto amata; e di quanto amasse i suoi cari e in particolare una sua nonna che le insegn a guardare e riconoscere le stelle nelle notti chiare tra le Valli di bosco di mesola. Una donna buona, buona come Zelma stessa e, soprattutto, una donna sensibile. la cifra della personalit di Zelma stabellini credo che stia proprio in questa sua caratteristica peculiare: la sensibilit.

Il fascino incontaminato

torre astUra

Sopra e a destra due immagini riprese dal mare di Torre Astura (XII sec.), luogo incantevole nel comune di nettuno

a Nature est un temple o de vivants piliers Laissent parfois sortir de confuses paroles. Baudelaire apriva Correspondences con lelogio alla natura, lo stesso faceva Marco Tullio Cicerone nella sua corrispondenza con Attico, Non vi nulla di pi sereno, splendido e ameno. Astura un paradiso. Il Paradiso sta tra latina e nettuno ed meglio raggiungibile dal mare, l dove si erge sontuosa la fortezza dei frangipane edificata per proteggersi dallimminente attacco saraceno. Volete immaginare cicerone? fatelo mentre sorseggia vino in veranda e guarda il mare eterno dove nel suo sguardo a rompere linfinito troverete riflessa Torre Astura. storia e fascino si combinano nel segno del selvaggio, perch selvaggio sar larrivo da terra, allombra del bosco, affiancando il quieto percorso del fiume Astura fino al mare. la torre oggi propriet del comune di nettuno ha visto abbassare il ponte levatoio ai caetani, agli orsini, ai colonna, agli aldobrandini e ai borghese, verr spontaneo, mentre sarete sdraiati sulla spiaggia selvaggia che affianca il feudo, immaginare gli oltre ottocento anni che vi separano dal suo primo sole. Vi consiglio di mettere nello zaino del buon vino e un calice per brindare sospesi nel tempo insieme allOratore, fino ad aspettare il tramonto per dargli lultimo saluto mentre prepara la sua fuga da antonio. testo di coQ foto di sImone olIVIerI COME RAGGIUNGERLA
Dovete percorrere circa 3 km da Foce verde in direzione Nettuno sulla strada provinciale valmontorio (SP 39), fin quando non giungete a un grande parcheggio. Da qui parte una passeggiata selvaggia, via terra o via canale, che vi porter sino alla spiaggia dove sorge Torre Astura.

UN GIARDINO DAMORE (1984)


un giardino damore darte quelle croci bianche tutte ordinate! Un nome la loro giovent che Patria e mamme non scorderanno pi, che porteranno sempre nel cuore per non morire di dolore. Il mondo gira in mezzo alle avversit, ma quel giardino bianco e verde rester. Queste guerre! Veri disastri, invasi da violenza e prepotenza. Ma quelle croci bianche restano l pegno damore per le mamme, per la patria, per lonore. Il silenzio profondo di quel giardino... in cielo voli!... e le onde delloceano in coro spargano leco... per non distruggere parzialit. Quelle croci bianche...non solo sono lavate dallacqua del tempo... Le lacrime versate lhanno consacrate. Avvicinarsi a questa realt DIO li ascolter e li consoler.

il cHinino
luglio 2011

12

13

il cHinino
anno I n3

vOLONTARIATO

SCAMBI INTERNAZIONALI
PORTOGALLO
TITOLO DELLO SCAMBIO: trasHproject DOVE: lisbona QUANDO: dal 3 al 10 ottobre 2011 GRUPPO DI RIFERIMENTO: ragazzi di et compresa tra i 16 e i 20 anni COMPOSIZIONE: 4 partecipanti + 1 accompagnatore TEMA DELLO SCAMBIO: educazione ambientale e riciclaggio attraverso il recupero e il riutilizzo artistico di oggetti. Workshop creativi (teatro, foto e video, graffiti, disegno) e un evento finale per le opere prodotte.

ITALIA
TITOLO DELLO SCAMBIO: HIP HoP for eUromeD DOVE: roma QUANDO: dal 28 agosto al 6 settembre 2011 TEMA DELLO SCAMBIO: danza hip hop e culture giovanili.

LITUANIA
TITOLO DELLO SCAMBIO: taKe UnDer tHe Umbrella DOVE: Vilnius QUANDO: dal 18 al 26 settembre 2011 TEMA DELLO SCAMBIO: arti e culture.
Il programma europeo GIOVENT IN AZIONE prevede: 70% delle spese di viaggio, trasporti locali necessari, vitto e alloggio completo, assicurazione.

UNGHERIA
TITOLO DELLO SCAMBIO: Do It YoUrself! DOVE: tapolca-Diszel, 15 Km dal lago balaton QUANDO: dal 3 al 14 agosto 2011 GRUPPO DI RIFERIMENTO: ragazzi di et compresa tra i 18 e i 25 anni COMPOSIZIONE: 5 partecipanti + 1 accompagnatore TEMA DELLO SCAMBIO: volontariato giovanile e disoccupazione. I partecipanti saranno a stretto contatto con gli abitanti della comunit locale, lavoreranno con professionisti e artigiani.

INFO: CEMEA del Mezzogiorno onlus 06 45492629 scambi@replay.cemea.it, www.replay.cemea.it

FRANCIA
TITOLO DELLO SCAMBIO: sUr le traces De lHomme DOVE: Verdon QUANDO: dal 23 al 30 luglio 2011 TEMA DELLO SCAMBIO: impegno sociale ed espressivit giovanile.

vOLONTARI SENIOR (+50 anni)


2 volontari senior italiani in Spagna (Logroo), partenza il 3 ott 2011 6 volontari senior italiani in Francia (Pau), partenza 1 set e 3 ott 2011

PERSICHINO DAL 1986

VENDITA E DEGUSTAZIONE PESCE FRESCO E FRUTTI DI MARE Viale Italia, 31/33 Tel. 0773 867182, Pontinia (Lt)

FRANCIA
TITOLO DELLO SCAMBIO: Get InVolVeD DUrInG sUmmer DOVE: franche-comt QUANDO: dal 18 al 31 luglio 2011 TEMA DELLO SCAMBIO: impegno giovanile e volontariato.

vOLONTARI SvE (18-30 anni)


1 volontario per 12 mesi da set 2011 a Salon de la Provence (Francia)
DOVE: Centre de loisirs Espace citoyens et de la culture ATTIVIT: animazione con bambini e ragazzi.

GRECIA
TITOLO DELLO SCAMBIO: artIVIstes DOVE: Kalamata QUANDO: dal 27 agosto al 5 settembre 2011 TEMA DELLO SCAMBIO: arti e cultura urbana.

1 volontario per 12 mesi da dic/gen 2012 a Marsiglia (Francia) DOVE: Pistes-solidaires. ATTIVIT: educazione allo sviluppo sostenibile, attivit di comunicazione e promozione della mobilit giovanile. INFO: evs@mezzogiorno.cemea.it

BU

IL M S PER

ARE

PARTENZA DA PONTINIA
Orari (fronte Caserma Carabinieri)

PARTENZA DAL MARE


Orari

Costo biglietto

1,00
Costo abbonamento mensile

28,00
Informazioni

07:30 08:30 11:40 14:30 17:45

Bufalara 07:50 Bufalara 08:50 Sacramento Bufalara 12:00 Sacramento Bufalara 14:40 Sacramento Sacramento 18:15 Bufalara

08:55 12:05 14:55 18:20

Autoservizi Frattarelli tel. 0773 869059 - 867013 il cHinino


maggio 2011

14

15

il cHinino
anno I n2

PONTINIA

VIALE EUROPA/ANG. VIA ALEARDI

CORSO V. EMANUELE III, 35

SABAUDIA

SERMONETA

VIA LE PASTINE, 5

VIA ROCCAGORGA

SEZZE
SNC

LATINA

VIA L.GO F. CAVALLI, 18

VIA CONSOLARE - LOC. FRASSO

SONNINO

SAN FELICE CIRCEO


BORGO MONTENERO,
VIA

MONTE CIRCEO, 148

BORGO SAN DONATO,

VIA

MIGLIARA 47, 21

SABAUDIA