Sei sulla pagina 1di 1
Kiko Argiello VIENI DAL LIBANO 78 Me Re Do Re Mi SSS Vieni dal U-ba - no, mia spo-sa, Spe wai per o9-ro-na 18 vet-to dei mon le a deme dol - FEFmon Mi bo Re Mie 7 Tu mba fe ate, 1 cw, © so rete tamia spars, mo-re dat fa~ nh ma mi, ocr = cai senza Wo varto Tw-vai fe - Ven dal Libano, mia sos, Alen ea mi let, vin olomb, ven vier dl Libano, veel esate ome & gi posta emp del wa vente ‘Ao per e2rona levee dei mont, {forse ne vanno dalla tera, i grande sole & cessto. lect cme demon Alain ts, io let, ver colombo, ven Tonto feo, eri i evere, sora, mia Sposa Come siglo sl no core, come gil sul rocco, Ver dal Liban, mia spos0, che Famer ore come la mere ele acque non l pegneronno vier dl libano, vient Dore per eto ft ben dalla cata srabbe dsprezzorla Come gio sl wo cuore, cme sil sl bozo. CCERCAI L’AMORE DELL’ANIMA MIA, LO CERCA SENZA TROVARLO. TROVAI V’AMORE DELL’ANIMA MIA, LHO ABBRACCIATO, NON LO LASCERO MAI. lo opportengo ol mio dileto ed eal & halo per me Vieni uiciomo alla campogra, dimeriamo nei vilaggi ‘ndremo al alba nell vign, vi rceoglieramo i ut lo opportenge a mio dato ed egl uo per me. [Rit] (© Kiko Argiello, Neo-calecumencle, Madrid 16, Spagna. 55