Sei sulla pagina 1di 2

Hume frequenta la scuola di la Flèche (quello dove andò anche cartesio)

Scrive testi politici e sulla natura umana. Trattava, in vita non riceve il successo che sperava di
ottenere .
Applica il metodo scientifico alle scienze naturali. Il suo obiettivo è trovare un metodo con cui
definire la moralità delle azioni. C’è l’esigenza di ricercare dei caratteri universali.

Ciò che unifica empiristi e razionalisti è l’idea. Se conosco il tavolo, conosco l’idea del tavolo.
Certezza e verità. Certezza= percezione soggettiva: Sono sicuro di essere in classe. Verità=
percezione oggettiva: sono effettivamente in classe.
Prima di cartesio non c’era il bisogno di confermare che certezza e verità corrispondessero. Prima
sogg=ogg, dopo sogg=/= ogg. Nucleo teoretico
Per cartesio Dio fa da tramite a certezza e verità, per gli empiristi è l’esperienza.

Hume=empirista. teoria della conoscenza. Ci sono 2 tipi di percezioni: le prime sono le impressioni
e sono legate al nostro sentire, mentre le seconde sono le idee, che hanno un carattere più’ debole
poiché nascono col ricordo dell’impressione.
Se esco dall’aula mi rimane, attraverso un’idea, il ricordo dell’aula.
Impressione e idee hanno come differenza il loro grado di intensità/vivacità. L’idea è
un’impressione indebolita. CIò che non è attuale si può considerare un’idea.
Distorsione dell’idea: se un ricordo è molto lontano può risultare leggermente diverso da come è in
realtà.
Impressioni e Idee si suddividono in semplici e complesse. quelle semplici sono quelle indivisibili
(caldo, freddo) e impressioni semplici danno luogo a idee semplici.
Quelle complesse sono quelle riconducibili a impressioni/idee semplici. da impressione complessa
→ idea complessa.
Rispetto a Locke, le impressioni e le idee hanno una potenza minore.

Fondamentale è anche l’immaginazione: in Hume è centrale poiché consente di connettere diverse


idee/impressioni e di conoscere così’ la realtà. La modalità di connettere idee e impressioni è unica
alla persona: la mia maniera è diversa da quella di hans o di dudkov.
Siamo abituati a connettere attraverso dei criteri stabiliti. per esempio, se colpisco la palla da
biliardo so che colpirà le altre palle e prima o poi una andrà in buca. → esito scettico
Penso, per abitudine, che le cose andranno in questa maniera. è una forte critica alla sicurezza
della causa-effetto. La scienza si basa sulla conoscenza di causa-effetto→ mina l’intero piano
scientifico.

Per Hume la memoria è piu’ importante dell’immaginazione poiché senza di essa sarebbe
impossibile immaginare.

Non si può ricostruire una verità, poiché conosciamo solo attraverso la certezza.
L’unica eccezione sono le relazioni matematiche [logica].
Se vedo che ad A segue B, non è detto che sia necessariamente cosi’.

Per Hume, io=che siamo tipo un fascio di percezioni che a causa di ciò volendo potremmo
identificarci/definirci sempre come qualcosa di diverso

Sostanza=la sostanza non era altro che una "collezione di qualità particolari" ovvero un insieme di
stimoli e di sensazioni empiriche provenienti dall'esterno cementate dal nostro intelletto fino a
creare un'idea di ciò che stiamo analizzando → non esiste