Sei sulla pagina 1di 4

Comirnaty (vaccino Moderna AstraZeneca Janssen (J&J)

PfizerBioNTech)
RNA messaggero Contiene mRNA Vaccino monovalente COVID-19 Vaccine
modificato a livello dei inserito in composto da un Janssen è un vaccino
nucleosidi, formulato nanoparticelle singolo vettore monovalente composto
in nanoparticelle lipidiche. L’mRNA ricombinante di da un vettore
lipidiche, per codifica per la adenovirus di ricombinante basato
consentire il rilascio proteina spike intera scimpanzé con deficit su adenovirus umano
dell’RNA non del SARS-CoV-2 di replicazione di tipo 26
replicante all’interno modificata tramite 2 (ChAdOx1) che incompetente per la
delle cellule ospiti e sostituzioni proliniche codifica per la replicazione, che
dirigere l’espressione all’interno del dominio glicoproteina S di codifica per la
transitoria di ripetizione a sette SARS-CoV-2. sequenza completa
dell’antigene S di peptidi (S-2P) per L'immunogeno SARS- della glicoproteina
SARS-CoV-2. stabilizzarla in CoV-2 S nel vaccino è spike (S) di SARS-
L’mRNA codifica per conformazione di pre- espresso in CoV-2 in una
una proteina S intera fusione. A seguito conformazione di conformazione
ancorata alla dell’iniezione prefusione trimerica; la stabilizzata. Dopo la
membrana, con due intramuscolare, le sequenza codificante somministrazione, la
mutazioni puntiformi a cellule nella sede non è stata modificata glicoproteina S di
livello dell’elica d’iniezione e i per stabilizzare la SARS-CoV-2 viene
centrale. La mutazione linfonodi drenanti proteina S espressa in espressa in maniera
di questi due assorbono le conformazione di transitoria, stimolando
aminoacidi in prolina nanoparticelle lipidiche prefusione. Dopo la sia anticorpi anti-S
stabilizza la proteina S riuscendo a rilasciare al somministrazione, la neutralizzanti che altri
in conformazione di loro interno la sequenza glicoproteina S di anticorpi specifici
prefusione, di mRNA per la SARS-CoV-2 viene anti-S funzionali, così
antigenicamente traduzione in proteina espressa localmente come risposte
preferenziale. Il virale. L’mRNA stimolando gli immunitarie cellulari
vaccino induce sia una veicolato non entra nel anticorpi dirette contro
risposta anticorpale nucleo cellulare né neutralizzanti e le l’antigene S, che
neutralizzante che una interagisce con il risposte immunitarie possono contribuire a
risposta immunitaria genoma; non è cellulari, che possono proteggere contro
cellulo-mediata verso replicante e la sua contribuire alla COVID-19.
l’antigene delle espressione è protezione contro
proteine spike (S), che transitoria, COVID-19.
possono contribuire a principalmente a opera
proteggere contro delle cellule
COVID-19 dendritiche e dei
macrofagi dei seni
subcapsulari. La
proteina spike del
SARS-CoV-2, espressa
e legata alla membrana,
viene quindi
riconosciuta dalle
cellule immunitarie
come antigene
estraneo. Ciò induce
una risposta sia delle
cellule T che delle
cellule B che generano
anticorpi
neutralizzanti, i quali
possono contribuire
alla protezione contro
COVID-19
indicato per indicato per indicato per Soggetti di età pari o
l’immunizzazione l’immunizzazione l’immunizzazione superiore a 18 anni
attiva per la attiva nella prevenzione attiva nella prevenzione
prevenzione di di COVID-19 in di COVID19 in Monodose
COVID-19 in soggetti soggetti di età pari o soggetti di età pari o
di età pari o superiore superiore a 18 anni. superiore a 18 anni. Protezione comincia
a 16 anni. 14 giorni dopo la
somministrato come Due dosi separate da vaccinazione
via intramuscolare ciclo di due dosi (da 0,5 mL ciascuna. La 2a
dopo diluizione come 0,5 mL ciascuna). Si dose deve essere
ciclo di 2 dosi (da 0,3 raccomanda di somministrata da 4 a
mL ciascuna). Si somministrare la 2a 12 settimane dopo la
raccomanda di dose 28 giorni dopo la prima
somministrare la 2a prima
dose 3 settimane dopo La protezione inizia da
la prima dose efficacia confermata a circa 3 settimane dopo
efficacia confermata a partire da 14 giorni la prima dose
partire da 7 giorni dopo la
dopo la somministrazione efficacia confermata
somministrazione della 2a dose ≥15 giorni dopo la 2a
della 2a dose efficacia 94%, ma nei dose.
efficacia del 95% soggetti 65-75 anni
efficacia dell’82% efficacia 95%;
i dati degli studi clinici
attualmente disponibili
non consentono una
stima dell'efficacia del
vaccino in soggetti di
età superiore ai 55
anni???

Molto comuni: Dolore Molto comune: Molto comune: RARI CASI DI


in sede di iniezione, Dolore in sede di in sede di iniezione TROMBOSI (come
tumefazione in sede, iniezione, tumefazione dolorabilità, dolore, Astrazeneca)
cefalea, stanchezza, in sede, cefalea, calore, prurito, lividura
artralgia, mialgia, stanchezza, artralgia, (non comune ematoma)
brividi, piressia mialgia, brividi, poi anche cefalea,
(quest’ultima più piressia stanchezza, malessere,
frequente con seconda linfoadenopatia artralgia, mialgia,
dose) ascellare in sede di brividi, stato
iniezione, febbricitante, nausea
Comuni: nausea, nausea/vomito,
arrossamento in sede di Comune: in sede di
iniezione Comune: eruzione iniezione tumefazione,
cutanea (credo intenda eritema, poi febbre >=
Non comuni: in genere), 38, vomito, diarrea
malessere, prurito in in sede di iniezione
sede di iniezione, eritema orticaria, Non comune:
dolore a un arto, eruzione cutanea linfoadenopatia,
insonnia, iperidrosi, prurito,
linfoadenopatia Non comune: Prurito in eruzione cutanea,
sede di iniezione inappetenza, capogiro,
Raro: Paralisi facciale sonnolenza
periferica acuta Raro: Paralisi facciale
periferica acuta Controindicato in caso
Frequenza non nota: Tumefazione del viso di ipersensibilità al
Anafilassi, principio attivo o ad
ipersensibilità Non nota: Anafilassi, uno qualsiasi degli
Ipersensibilità eccipienti
Controindicato in caso
di ipersensibilità al Controindicato in caso non è intercambiabile
principio attivo o ad di ipersensibilità al con altri vaccini
uno qualsiasi degli principio attivo o ad
eccipienti uno qualsiasi degli RARI CASI DI
eccipienti TROMBOSI
non è intercambiabile
con altri vaccini per non è intercambiabile
COVID con altri vaccini per
COVID

Ipersensibilità e anafilassi
Devono essere sempre immediatamente disponibili trattamento e
assistenza medica adeguati nel caso di comparsa di una reazione
anafilattica in seguito alla somministrazione del vaccino. Dopo la
vaccinazione si raccomanda un attento monitoraggio per almeno 15
minuti. Non somministrare la seconda dose del vaccino a soggetti che
abbiano manifestato anafilassi alla prima dose di Comirnaty.

Reazioni correlate all’ansia


In associazione alla vaccinazione possono verificarsi reazioni correlate
all'ansia, incluse reazioni vasovagali (sincope), iperventilazione o
reazioni correlate allo stress, come risposta psicogena all’iniezione con
ago. È importante che vengano adottate precauzioni per evitare lesioni da
svenimento.

Malattia concomitante
La vaccinazione deve essere rimandata nei soggetti affetti da uno stato
febbrile acuto severo o da un’infezione acuta. La presenza di
un’infezione lieve e/o di febbre di lieve entità non deve comportare il
rinvio della vaccinazione.

Trombocitopenia e disturbi della coagulazione Come per tutte le


iniezioni intramuscolari, il vaccino deve essere somministrato con cautela
nei soggetti sottoposti a terapia anticoagulante oppure affetti da
trombocitopenia o qualsiasi disturbo della coagulazione (ad es. emofilia),
poiché in questi soggetti possono verificarsi sanguinamenti o lividi a
seguito di una somministrazione intramuscolare.

Soggetti immunocompromessi L’efficacia, la sicurezza e


l’immunogenicità del vaccino non sono state valutate nei soggetti
immunocompromessi, compresi quelli in terapia immunosoppressiva.
L’efficacia potrebbe essere inferiore nei soggetti immunocompromessi.

Durata della protezione La durata della protezione offerta dal vaccino


non è nota; sono tuttora in corso studi clinici volti a stabilirla.

Comirnaty: i soggetti potrebbero non essere completamente protetti fino a


7 giorni dopo la seconda dose del vaccino
Moderna: I soggetti potrebbero non essere completamente protetti fino a
14 giorni dopo aver ricevuto la seconda dose.
Astrazeneca: . I soggetti potrebbero non essere completamente protetti
fino a 15 giorni dopo la somministrazione della seconda dose