Sei sulla pagina 1di 2

PAESE :Italia AUTORE :N.D.

PAGINE :70;71
SUPERFICIE :189 %
PERIODICITÀ :Mensile

1 aprile 2021

NUTRACEUTICA 9& m^IBBlyu

Ricercaeffettuata da:
SerenaBenedetti e
FrancescoPalma,
Dipartimento di Scienze
Biomolecolari, Sezionedi
Biochimica e Biotecnologie,
Università degli Studi di
Urbino "Carlo Bo".

BarbaraNuvoli e Rossella
Galati, UOSD "Modelli
Preclinici e Nuovi Agenti
Terapeutici", IRCCS Istituto
NazionaleTumori Regina
Elena,Roma.

Abstracta cura di
Dott.ssa Serena
Benedetti

> Dallaricerca di basealla praticaclinica<

MODULAZIONE
DELL'OSSIGENO
NUOVE RICERCHE
Nuove e importanti ricerche una elevatacapacità antiossidanteedè in gradodi
proteggeresiale biomolecole (glutationee DNA) sia
sugli effetti dell'aumentodella le cellule (eritrociti e linfociti) dal dannoossidativo

disponibilità di ossigenocellulare indotto dai ROS (specie reattivedell'ossigeno)m Allo


stessotempo,studi su celluleendoteliali in coltura
hannoevidenziato che CF permettedi aumentare
J attività antiossidantee antitumorale il consumodi ossigeno e la produzione di ATP,

L
I
dell'integratore Cellfood (CF) è stata
documentata

mm sia in vivo.
negli ultimianni da di-
verse evidenzesperimentali sia in vitro

primi studi in vitro hannodimostrato che CF ha


promuovendo in questomodo l'attività ossidativa
mitocondriale P1. Complessivamente,CF è dunque
in grado di modulare l'ossigeno a livello cellu-
lare, permettendo di trarretutti i possibili benefici
dall'ossigenazionecellulare senzaintercorrere nei

Tutti i diritti riservati


PAESE :Italia AUTORE :N.D.
PAGINE :70;71
SUPERFICIE :189 %
PERIODICITÀ :Mensile

1 aprile 2021

processiossidativi a essalegati.
Tali evidenzein vitro sonostatecon-
fermate ancheda alcuni studi in vivo.
La supplementazionecon CF si è
infatti dimostrataefficace nel ridurre
i livelli sierici di ROS in soggettia ri-
schio di stressossidativoquali atleti,
fumatori esovrappeso[3]. In pazienti
con osteopenia,la somministra-
zione di CFha permessodi ridurre
in manierasignificativa i livelli sierici
delle lipoproteine ossidate,coinvolte
nell'insorgenza della placcaatero-
[
matosa 4]. Analogamente, in pazienti
con malattie neurodegenerative, il

trattamentocon CF haridotto signi-


ficativamente i livelli sierici di ROS
con concomitanteaumento della
capacitàantiossidante plasmaticaedei livelli di studi in vivo su modelli animali (dati in fase di
glutatione151.L'elevata azioneantiossidante di CFe pubblicazione) hanno evidenziatocheil pre-tratta-
la suacapacitàdi promuovere l'attività ossidativa mento conCF previenelaformazione della massa
mitocondriale potrebberoesserealla baseanche tumoralenel 70% dei topi ai quali sonostateiniet-
dei benefici clinici osservatisia in pazienticonfi- tate cellule tumorigenichedi mesotelioma. Allo
bromialgia sia in atleti professionisti. Nei pazienti stessotempo,la somministrazione di CF a topi
fibromialgici il trattamentocon CF attenuainfatti con mesoteliomamigliora l'effetto della radiote-
in maniera significativa la sintomatologiadolorosa, rapia anchein combinazione conil trattamento
la debolezzamuscolare, la stanchezzaal risveglio chemioterapico ( cisplatino + pemetrexed), ridu-
e in generalei disturbi associatialla riduzione del cendo l'espressione del fattore ipossicoHIF-1a.
tono dell'umore[6]. In maratoneti e ciclisti profes- In conclusione,gli studiscientifici fino a oggi ef-
sionisti, CFaumentaladisponibilità di ossigeno fettuati suggeriscono che CF può essereun valido
con miglioramento delle prestazioni cardio-respi- coadiuvantenella prevenzionee nel trattamentodi
ratorie e delle performancefisiche,conbenefici varie condizioni fisiologiche e patologichelegate
anchenel processodi adattamentoduranteil pe- allo stressossidativo,dall'invecchiamento cellu-
riodo di allenamentoPI. lare alla neurodegenerazione eal cancro.Grazie
Ulteriori studi in vitro hanno dimostratoche CF infatti alle sueproprietàantiossidanti,ossigenanti
possiedeancheun'efficaceazione antiprolife- e pro-apoptotiche, CF potrebbeessereun buon
rativa nei confronti di numerosecellule tumorali candidatonella prevenzione oncologicae appor-
in coltura quali cellule leucemiche e cellule di tare importanti benefici clinici in associazione con
mesotelioma, melanoma, carcinomadel colon, laterapiaantineoplastica
standard. •
polmone, vescicae mammella.Si è osservato
infatti che CF inducemorte cellulare per apoptosi
attraversoduemeccanismiprincipali: da unaparte
alterail metabolismoglicolitico cellulare riducendo > Bibliografia <
l'espressionedel fattoreipossicoHIF- 1a e del
recettoredi membranaper il glucosioGLUT-1 [8); Per la
dall'altra, agiscesui meccanismidi sopravvivenza bibliografia inquadra
della cellula tumoraleriducendol'espressionedi con il tuo smartphone
fattori chiave quali Akt, Bcl- 2 e c-myc efavorendo il QR CODE
l'espressionedi regolatoridel ciclo cellulare quali oppuredigita:
p53, p21 e p27 m. https://bit.ly/3rwEOU4
A confermadi quantoosservatoin vitro, recenti

Tutti i diritti riservati