Sei sulla pagina 1di 62

Set Domande

PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA


PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Generato il 05/03/2019 23:53:26


N° Domande Aperte 249
N° Domande Chiuse 230
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Indice
Indice Lezioni .......................................................................................................................... p. 2
Lezione 001 ............................................................................................................................. p. 4
Lezione 002 ............................................................................................................................. p. 7
Lezione 003 ............................................................................................................................. p. 9
Lezione 004 ............................................................................................................................. p. 11
Lezione 005 ............................................................................................................................. p. 12
Lezione 006 ............................................................................................................................. p. 14
Lezione 007 ............................................................................................................................. p. 16
Lezione 008 ............................................................................................................................. p. 17
Lezione 009 ............................................................................................................................. p. 18
Lezione 010 ............................................................................................................................. p. 19
Lezione 011 ............................................................................................................................. p. 21
Lezione 012 ............................................................................................................................. p. 22
Lezione 013 ............................................................................................................................. p. 24
Lezione 014 ............................................................................................................................. p. 25
Lezione 015 ............................................................................................................................. p. 26
Lezione 016 ............................................................................................................................. p. 27
Lezione 017 ............................................................................................................................. p. 28
Lezione 018 ............................................................................................................................. p. 30
Lezione 019 ............................................................................................................................. p. 31
Lezione 020 ............................................................................................................................. p. 33
Lezione 021 ............................................................................................................................. p. 35
Lezione 022 ............................................................................................................................. p. 37
Lezione 023 ............................................................................................................................. p. 38
Lezione 025 ............................................................................................................................. p. 39
Lezione 026 ............................................................................................................................. p. 40
Lezione 027 ............................................................................................................................. p. 41
Lezione 028 ............................................................................................................................. p. 42
Lezione 029 ............................................................................................................................. p. 43
Lezione 030 ............................................................................................................................. p. 45
Lezione 031 ............................................................................................................................. p. 47
Lezione 033 ............................................................................................................................. p. 49
Lezione 034 ............................................................................................................................. p. 50
Lezione 035 ............................................................................................................................. p. 51
Lezione 036 ............................................................................................................................. p. 52
Lezione 037 ............................................................................................................................. p. 53
Lezione 038 ............................................................................................................................. p. 54

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 2/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 039 ............................................................................................................................. p. 55


Lezione 041 ............................................................................................................................. p. 56
Lezione 042 ............................................................................................................................. p. 57
Lezione 043 ............................................................................................................................. p. 58
Lezione 044 ............................................................................................................................. p. 59
Lezione 045 ............................................................................................................................. p. 60
Lezione 046 ............................................................................................................................. p. 61

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 3/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 001
01. Definisci il quinto principio dello sviluppo secondo l'approccio a 7 punti di Baltes.

02. Che cosa si intende con il termine ageism? Qual è la sua importanza?

03. Definisci il quarto principio dello sviluppo secondo l'approccio a 7 punti di Baltes.

04. Descrivi la prospettiva del lifespan developmental psychology.

05. In che modo la psicologia del ciclo di vita si allontana dalle teorie stadiali dello sviluppo?

06. Che cosa si intende per traiettorie di vita e qual è la loro importanza?

07. Descrivi le origini della psicologia del ciclo di vita.

08. Sintetizza gli aspetti principali della psicologia del ciclo di vita.

09. Che cosa differenzia l'approccio delle teorie stadiali allo sviluppo dall'approccio del lifespan developmental psychology?

10. Descrivi il contributo fornito dal sociologo Elder allo studio della psicologia del ciclo di vita.

11. Descrivi e commenta i quattro principi dello sviluppo secondo Elder.

12. Specifica quali sono le differenze tra individui e tra gruppi della stessa età.

13. In che cosa consiste lo studio Children of the Great Depression portato avanti da Elder nel 1974?

14. Descrivi lo studio sui figli della grande depressione concentrandoti sulla prima parte dello studio relativa alle prime esperienze.

15. Presenta il contributo di Baltes allo studio della psicologia del ciclo di vita.

16. Come si modifica l'età nel corso degli avvenimenti dell'esistenza?

17. Descrivi lo studio sui figli della grande depressione concentrandoti sulla seconda parte dello studio relativa alle esperienze successive.

18. Presenta il primo principio dello sviluppo mettendone in evidenza gli aspetti principali e le criticità nelle teorie stadiali.

19. Presenta il secondo principio dello sviluppo mettendone in evidenza gli aspetti principali e le criticità nelle teorie stadiali.

20. Quali sono i principali ambiti individuati dalla psicologia dello sviluppo? Perché è importante definirli?

21. Spiega in che modo i diversi ambiti di sviluppo sono tra loro interconnessi.

22. Quali sono le principali implicazioni del secondo principio dello sviluppo presentato da Baltes?

23. Spiega il pensiero di Rogers definendo l'idea di persona pienamente funzionale e le linee evolutive.

24. Definisci le aree di sviluppo nel ciclo di vita individuate da Schlossberg e colleghi (1995).

25. Presenta il lavoro di Super relativamente all'arcobaleno della carriera.

26. Definisci gli stadi di sviluppo della carriera lavorativa secondo l'approccio di Super.

27. Riferendoti al secondo principio dello sviluppo metti in evidenza gli aspetti problematici delle teorie stadiali.

28. Definisci il terzo principio dello sviluppo secondo l'approccio a 7 punti di Baltes.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 4/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

29. In riferimento alla plasticità dello sviluppo parla della neurobiologia relazionale di Siegel (2009, 2011, 2013)

30. Hikikomori e contesto scolastico. Rifletti sulle implicazioni del fenomeno.

31. Cosa si intende per norme anagrafiche?

32. Spiega il contributo di Baltes soffermandoti sul passaggio da un approccio basato su 4 principi ad uno basato su 7.

33. Quali sono le principali funzioni sociali della standardizzazione dei percorsi di vita?

34. Quali aspetti del lavoro di Bronfenbrenner sono riferibili al quinto principio dello sviluppo secondo Baltes?

35. Presenta il modello ecologico di Bronfenbrenner mettendone in evidenza gli aspetti fondamentali.

36. Definisci microsistema, mesosistema, esosistema e macrosistema facendo riferimento al modello ecologico di Bronfenbrenner.

37. Definisci gli aspetti fondamentali della relazione individuo-ambiente nella psicologia del ciclo di vita.

38. Quali sono le principali implicazioni legate al quinto principio dello sviluppo di Baltes secondo cui lo sviluppo sarebbe il risultato dell'interazione tra
individuo e ambiente.

39. Confronta tra loro i principali aspetti della teoria dei tratti di personalità, delle strategie di regolazione psicosociale e il concetto di identità narrativa.

40. Cosa si intende per percorso di vita conservatore?

41. Cosa si intende per percorso di vita acquisitivo?

42. Cosa caratterizza il periodo dell'edonismo e dei diritti secondo la prospettiva dei percorsi di vita?

43. Quali sono gli aspetti critici del percorso di vita incerto?

44. Cosa si intende per stravolgimento della sfera privata ed impilamento dei valori?

45. Cosa si intende per standardizzazione dei percorsi di vita?

46. Quali altri modi di valutare l'età conosci oltre all'età cronologica?

47. Presenta le principali proposte educative di prevenzione ed intervento per il fenomeno degli Hikikomori.

48. In che senso i cambiamenti degli anni sessanta hanno dato avvio ad una pluralizzazione?

49. Cosa si intende per soggettivizzazione dei percorsi di vita?

50. Cosa si intende per effetti cumulativi per traiettorie di vita?

51. Cosa si intende per effetti compensatori per le traiettorie dei percorsi di vita?

52. Quali sono le principali caratteristiche del "mondo degli adolescenti"?

53. Definisci le linee principali del fenomeno hikikomori in Giappone.

54. Chi sono gli hikikomori? Spiega le principali caratteristiche del fenomeno.

55. Definisci le linee principali del fenomeno hikikomori in Italia.

56. Hikikomori e dipendenza da internet, quale legame? Procedi a un'analisi del fenomeno.

57. Quali sono i maggiori fattori di rischio interni alla cultura giapponese in riferimento al fenomeno degli Hikikomori?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 5/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

58. Quali sono i maggiori fattori di rischio interni alla cultura italiana in riferimento al fenomeno degli Hikikomori?

59. Evidenzia i maggiori punti di contatto e le maggiori differenza che puoi riscontrare tra il fenomeno Hikikomori in Italia e in Giappone.

60. Che cosa distingue i fattori di rischio tipici della cultura giapponese e quelli della cultura italiana relativamente al fenomeno degli Hikikomori?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 6/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 002
01. Il primo articolo riconducibile alla prospettiva del ciclo di vita venne pubblicato:

nel 1936 all'interno dell'Annual Review of Psychology

nel 1950 all'interno di Developmental Psychology

nel 1980 all'interno dell'Annual Review of Psychology

nel 2002 all'interno di Developmental Psychology

02. Negli approcci allo studio della psicologia del ciclo di vita abbiamo due posizioni principali:

Un approccio statistico che si occupa di valutare le variazioni individuali in riferimento a valori normativi e standardizzati e un approccio narrativo che si occupa di
indagare i percorsi di vita degli individui attraverso metodologie autobiografiche

Un approccio tematico che studia un particolare aspetto dello sviluppo attraverso il corso della vita e un approccio statistico che si occupa di valutare le variazioni
individuali in riferimento a valori normativi e standardizzati

Un approccio narrativo che si occupa di indagare i percorsi di vita degli individui attraverso metodologie autobiografiche e un approccio basato sugli stadi di età che studia
tutti gli aspetti dello sviluppo in diversi momenti della vita

Un approccio tematico che studia un particolare aspetto dello sviluppo attraverso il corso della vita e un approccio basato sugli stadi di età che studia tutti gli aspetti dello
sviluppo in diversi momenti della vita

03. La prospettiva del ciclo di vita ritiene che

lo sviluppo segua un arco evolutivo caratterizzato da crescita-mantenimento-declino

l'adolescenza debba essere considerata il punto evolutivo di svolta in cui risolvere i compiti evolutivi identitari

l'età anziana consenta agli individui la possibilità di agire un disimpegno sociale

nessuna età debba avere un peso evolutivo maggiore rispetto alle altre

04. Tra i vantaggi derivanti dall'assunzione di una prospettiva basata sull'individuazione dei compiti di sviluppo troviamo:

la possibilità di valorizzare le differenze individuali

la possibilità di evidenziare la specificità e le crisi evolutive che caratterizzano ogni momento della vita

la possibilità di cogliere complesse dinamiche di interazione tra gli sviluppi

la possibilità di cogliere la specificità di alcune dinamiche e conflittualità intrapsichiche epurate dalla dimensione culturale

05. L'approccio alla psicologia dello sviluppo che si avvale di teorie stadiali fonda la propria impostazione teorica sul presupposto che esista

un'equivalenza nel peso evolutivo di ogni stadio di vita

una sostanziale invarianza ed uniformità di funzionamento psichico tra i soggetti che si trovano nella medesima fase di vita

una matrice intrapsichica specie-specifica che presiede alla risoluzione dei conflitti interni consentendo i passaggi di stadio

un numero indefinito di stadi evolutivi che caratterizza l'arco di vita dell'individuo

06. Quale delle seguenti contrapposizioni non è direttamente riferibile ad una delle questioni fondamentali della psicologia dello sviluppo successivamente riprese
dalla psicologia del ciclo di vita?

prossimità-distalità

prime esperienze-esperienze successive

continuità-discontinuità

natura-cultura

07. In che modo la psicologia del ciclo di vita si allontana dalle teorie stadiali dello sviluppo?

08. Descrivi la prospettiva del lifespan developmental psychology.

09. Che cosa differenzia l'approccio delle teorie stadiali allo sviluppo dall'approccio del lifespan developmental psychology?

10. Sintetizza gli aspetti principali della psicologia del ciclo di vita.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 7/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

11. Descrivi le origini della psicologia del ciclo di vita.

12. Che cosa si intende per traiettorie di vita e qual è la loro importanza?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 8/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 003
01. la seconda parte del lavoro di Elder sui figli della grande depressione mette in evidenza come

gli eventi socialmente negativi come le guerre abbiano effetti negativi destabilizzanti sulle traiettorie di vita degli individui

le traiettorie di vita siano fortemente influenzate dai mutamenti di contesto

la capacità degli individui di isolarsi da contesti sociali negativi possa mettere le loro traiettorie di vita al riparo da eventi destabilizzanti

le prime esperienze di vita abbiano un peso evolutivo primario nel determinare le traiettorie di vita degli individui

02. Gli studi relativi ai figli della grande depressione a quale evento storico sono riferibili?

al momento di depressione economica e sociale che caratterizzò il momento post-bellico dopo la prima guerra mondiale

al momento di depressione economica e sociale che caratterizzò il momento post-bellico dopo la seconda guerra mondiale

al momento di depressione dell'economia che fece seguito alla crisi finanziaria del 1929

al momento di depressione sociale che fece seguito alla necessità delle famiglie di allontanarsi dalle campagne per trovare lavoro nelle città

03. La visione sociologica di Elder è in linea con quanto sostenuto da:

Bronfenbrenner

Erikson

Freud

Rogers

04. Quando Elder parla di principio dell'agire umano intende sottolineare come:

le influenze della storia e della società agiscano attraverso dei network di rapporti condivisi in virtù dei quali le vite degli individui risultano essere interconnesse

le esperienze di vita assumano caratteristiche e significati differenti sulla base del tempo e dal luogo in cui avvengono

il momento di vita in cui avviene l'esperienza abbia un impatto sulle caratteristiche e sull'importanza delle transizioni o degli eventi di vita

le scelte di vita dei soggetti siano agite all'interno di spazi di opportunità concessi dalle circostanze sociali e storiche che si trovano a vivere

05. Quando Elder parla di principio delle vita collegate intende sottolineare come:

il momento di vita in cui avviene l'esperienza abbia un impatto sulle caratteristiche e sull'importanza delle transizioni o degli eventi di vita

le scelte di vita dei soggetti siano agite all'interno di spazi di opportunità concessi dalle circostanze sociali e storiche che si trovano a vivere

le influenze della storia e della società agiscano attraverso dei network di rapporti condivisi in virtù dei quali le vite degli individui risultano essere interconnesse

le esperienze di vita assumano caratteristiche e significati differenti sulla base del tempo e dal luogo in cui avvengono

06. Quando Elder parla di principio della tempestività nelle vite intende sottolineare come:

le influenze della storia e della società agiscano attraverso dei network di rapporti condivisi in virtù dei quali le vite degli individui risultano essere interconnesse

le scelte di vita dei soggetti siano agite all'interno di spazi di opportunità concessi dalle circostanze sociali e storiche che si trovano a vivere

il momento di vita in cui avviene l'esperienza abbia un impatto sulle caratteristiche e sull'importanza delle transizioni o degli eventi di vita

le esperienze di vita assumano caratteristiche e significati differenti sulla base del tempo e dal luogo in cui avvengono

07. Quando Elder parla di principio del tempo e del luogo nella storia intende sottolineare come:

il momento di vita in cui avviene l'esperienza abbia un impatto sulle caratteristiche e sull'importanza delle transizioni o degli eventi di vita

le scelte di vita dei soggetti siano agite all'interno di spazi di opportunità concessi dalle circostanze sociali e storiche che si trovano a vivere

le influenze della storia e della società agiscano attraverso dei network di rapporti condivisi in virtù dei quali le vite degli individui risultano essere interconnesse

le esperienze di vita assumano caratteristiche e significati differenti sulla base del tempo e dal luogo in cui avvengono le

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 9/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

08. Quali dei seguenti non è un principio dello sviluppo riconducibile alla lettura sociologica di Elder?

Il principio dell'esperienza

Il principio della tempestività nelle vite

Il principio dell'agire umano

Il principio del tempo e della storia

09. A quale autore fa riferimento lo studio del 1974 denominato: Children of the Great Depression?

Erikson

Loevinger

Baltes

Elder

10. Descrivi il contributo fornito dal sociologo Elder allo studio della psicologia del ciclo di vita. quattro principi

11. Descrivi e commenta i quattro principi dello sviluppo secondo Elder.

12. Specifica quali sono le differenze tra individui e tra gruppi della stessa età.

13. Descrivi lo studio sui figli della grande depressione concentrandoti sulla prima parte dello studio relativa alle prime esperienze.

14. Descrivi lo studio sui figli della grande depressione concentrandoti sulla seconda parte dello studio relativa alle esperienze successive.

15. In che cosa consiste lo studio Children of the Great Depression portato avanti da Elder nel 1974?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 10/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 004
01. Secondo McCandless & Evans (1973) che cosa è: "rotondo, grande, indistinto e perciò difficile da manovrare, analizzare, studiare e descrivere"?

Il ciclo di vita

Il temperamento

L'assetto identitario

Lo sviluppo

02. Quale tra i seguenti autori può essere considerato un fondatore della prospettiva del ciclo di vita?

Elder

Erikson

Bronfenbrenner

Baltes

03. Analizzando la descrizione del ciclo di vita in termini di crescita-mantenimento-declino possiamo affermare che:

essa sovrastima l'importanza rivestita dal consolidamento cognitivo che avverrebbe durante la tarda età adulta

essa non considera il peso evolutivo della fase dell'adolescenza

essa rispecchia la visione dell'arco di vita proposto da Baltes

essa viene rifiutata dalla lettura dello sviluppo fatta da Baltes

04. Che cosa afferma il secondo principio dello sviluppo di Baltes in riferimento al suo framework di 7 principi?

Lo sviluppo è caratterizzato da cambiamento e adattamento

Lo sviluppo è un processo multidimensionale e multidirezionale

Lo sviluppo è osservabile e studiabile solo a partire dai comportamenti direttamente osservabili dell'individuo

Lo sviluppo è un processo che copre l'arco della vita: crescita-mantenimento-declino

05. Quale dei seguenti NON è un esempio di multidimensionalità e multidirezionanlitùà dello sviluppo?

Il superamento della dipendenza dal dato concreto consente al bambino di acquisire un pensiero astratto

La maturazione della laringe consente al bambino di dare avvio all'acquisizione della lingua

Il superamento del sincretismo percettivo infantile consente al bambino di analizzare i dettagli di quanto lo circonda aumentando le sue competenze relativamente
all'ambiente che lo circonda

Il raggiungimento della deambulazione consente al bambino di decidere se ridurre o aumentare la distanza dal proprio caregiver sulla base delle suo stato mentale

06. Che cosa afferma il primo principio dello sviluppo di Baltes in riferimento al suo framework di 7 principi?

Lo sviluppo deve essere il principale oggetto d'indagine della psicologia

Lo sviluppo comincia con la capacità di distinguere il proprio sé da quello altrui

Lo sviluppo è un processo caratterizzato da plasticità

Lo sviluppo è un processo che continua per tutta la vita

07. Presenta il primo principio dello sviluppo mettendone in evidenza gli aspetti principali e le criticità nelle teorie stadiali.

08. Spiega il contributo di Baltes soffermandoti sul passaggio da un approccio basato su 4 principi ad uno basato su 7.

09. Presenta il secondo principio dello sviluppo mettendone in evidenza gli aspetti principali e le criticità nelle teorie stadiali.

10. Quali sono i principali ambiti individuati dalla psicologia dello sviluppo? Perché è importante definirli?

11. Spiega in che modo i diversi ambiti di sviluppo sono tra loro interconnessi.

12. Presenta il contributo di Baltes allo studio della psicologia del ciclo di vita.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 11/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 005
01. Secondo Rogers qual è il maggior vantaggio che l'individuo ottiene dalla crescente apertura alle esperienze?

Una crescente capacità di empatia emotiva e cognitiva

Un graduale superamento di atteggiamenti difensivi verso il mondo

Una crescente fiducia nelle proprie esperienze passate e in quanto appreso da esse

Un graduale abbandono delle rigidità che impediscono il pieno adattamento

02. Quali delle seguenti affermazioni sul pensiero di Rogers può essere ritenuta falsa?

Rogers ritiene che lo sviluppo debba tendere ad uno stato finale ideale e completo o telos

Rogers si concentra sulla dimensione della crescita ed identifica tre linee evolutive specifiche

Rogers ritiene che l'acquisizione dell'identità in adolescenza avvenga sulla base di due determinanti: l'esplorazione e l'impegno

Rogers definisce degli stadi di sviluppo dotati di coerenza interna e stabilità

03. Quale autore definisce l'idea di persona pienamente funzionante?

Bronfenbrenner

Elder

Rogers

Baltes

04. Quali dei seguenti non è un'area di sviluppo individuata da Schlossberg e colleghi (1995) relativamente al ciclo di vita?

Dimensione culturale

Relazioni interpersonali

Attività lavorativa

Fattori interni

05. Secondo Rogers qual è il maggior vantaggio che l'individuo ottiene dalla crescente consapevolezza del presente?

Una crescente fiducia nelle proprie esperienze passate e in quanto appreso da esse

Il graduale superamento di atteggiamenti difensivi verso il mondo

Una crescente capacità di empatia emotiva e cognitiva

Un graduale abbandono delle rigidità che impediscono il pieno adattamento

06. Secondo Rogers qual è il maggior vantaggio che l'individuo ottiene dalla crescente fiducia nel proprio organismo?

Il graduale superamento di atteggiamenti difensivi verso il mondo

Una crescente capacità di empatia emotiva e cognitiva

Un graduale abbandono delle rigidità che impediscono il pieno adattamento

Una crescente fiducia nelle proprie esperienze passate e in quanto appreso da esse

07. Quali sono i fattori di cambiamento individuati da Schlossberg e colleghi (1995) relativamente all'attività lavorativa?

Identità professionale - Flessibilità - Padronanza - Retribuzione

Salienza del lavoro - Padronanza - Flessibilità - Equilibrio

Padronanza - Clima aziendale - Missione aziendale - Retribuzione

Retribuzione - Clima aziendale - Equilibrio - Fattori di stress

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 12/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

08. Quali sono le due dimensioni fondamentali alla base della costruzione dell'arcobaleno della carriera?

Lo sviluppo dell'individuo e il ruolo sociale dell'individuo

Il livello cultuale dell'individuo e il contesto socio-economico

il contesto socio-economico e la natura temperamentale dell'individuo

Il ruolo dell'individuo e il contesto socio-economico

09. Quali sono i fattori di cambiamento individuati da Schlossberg e colleghi (1995) relativamente alle transizioni intrapsichiche?

Autonomia - Ragionamento polarizzato - Ideale dell'io

Interdipendenza - Identità - Ideale dell'io

Interdipendenza - Attribuzione di significato - Ragionamento polarizzato

Identità - Attribuzione di significato - Autonomia

10. Quali sono i fattori di cambiamento individuati da Schlossberg e colleghi (1995) relativamente alle relazioni intime?

Impegno - Reciprocità - Distacco

Intimità - Impegno - Passione

Intimità - Appartenenza - Importanza

Appartenenza - Gruppalità - Impegno

11. Quale autore ha rappresentato graficamente il suo lavoro relativo allo sviluppo lavorativo attraverso l'arcobaleno della carriera?

Super

Rogers

Gould

Schlossberg

12. Definisci gli stadi di sviluppo della carriera lavorativa secondo l'approccio di Super.

13. Riferendoti al secondo principio dello sviluppo metti in evidenza gli aspetti problematici delle teorie stadiali.

14. Spiega il pensiero di Rogers definendo l'idea di persona pienamente funzionale e le linee evolutive.

15. Quali sono le principali implicazioni del secondo principio dello sviluppo presentato da Baltes?

16. Presenta il lavoro di Super relativamente all'arcobaleno della carriera.

17. Definisci le aree di sviluppo nel ciclo di vita individuate da Schlossberg e colleghi (1995).

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 13/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 006
01. Che cosa afferma il terzo principio dello sviluppo di Baltes in riferimento al suo framework di 7 principi?

Lo sviluppo è un processo caratterizzato da plasticità

Lo sviluppo è un processo che continua per tutta la vita

Lo sviluppo comincia con la capacità di distinguere il proprio sé da quello altrui

Lo sviluppo deve essere il principale oggetto d'indagine della psicologia

02. Che cosa si intende per età sociale?

Una modalità di intendere l'età degli individui che prende in considerazione l'arco potenziale della vita dell'individuo rispetto alla sua condizione generale

Una modalità di intendere l'età degli individui prescindendo dalla loro età cronologica ma dando importanza alle percezioni relative al loro sentire

Una modalità di intendere l'età che deriva dal contesto sociale di appartenenza di un individuo facendo riferimento a quanto lui/lei siano conformi alle norme sociali
tipiche di quella fascia d'età

Una modalità di intendere l'età sulla base di un confronto tra coetanei ed è riferibile alle capacità e alle abilità di un individuo

03. Che cosa si intende per età soggettiva o psicologica?

Una modalità di intendere l'età sulla base di un confronto tra coetanei ed è riferibile alle capacità e alle abilità di un individuo

Una modalità di intendere l'età degli individui che prende in considerazione l'arco potenziale della vita dell'individuo rispetto alla sua condizione generale

Una modalità di intendere l'età degli individui prescindendo dalla loro età cronologica ma dando importanza alle percezioni relative al loro sentire

Una modalità di intendere l'età che deriva dal contesto sociale di appartenenza di un individuo facendo riferimento a quanto lui/lei siano conformi alle norme sociali
tipiche di quella fascia d'età

04. La plasticità può essere definita come:

La misura in cui un percorso evolutivo può essere modificato una volta che è stato avviato

La distanza tra quanto un individuo può fare da solo e quanto può ottenere con un training mirato

La possibilità del cervello di rigenerarsi

La natura multidirezionale dello sviluppo

05. Che cosa si intende per età biologica?

Una modalità di intendere l'età degli individui che prende in considerazione l'arco potenziale della vita dell'individuo rispetto alla sua condizione generale

Una modalità di intendere l'età degli individui prescindendo dalla loro età cronologica ma dando importanza alle percezioni relative al loro sentire

Una modalità di intendere l'età che deriva dal contesto sociale di appartenenza di un individuo facendo riferimento a quanto lui/lei siano conformi alle norme sociali
tipiche di quella fascia d'età

Una modalità di intendere l'età sulla base di un confronto tra coetanei ed è riferibile alle capacità e alle abilità di un individuo

06. Che cos'è l'ageism?

Un approccio della psicologia del ciclo di vita che si occupa di studiare lo sviluppo sulla base dell'età cronologica

Un criterio di definizione dei compiti di sviluppo sulla base dell'età cronologica

Il termine che sta ad indicare l'invecchiamento negli studi nordamericani

Una lettura dello sviluppo basata su pregiudizi legati all'età

07. Leggi il seguente testo: «[...] quando i bambini crescono, le proporzioni del loro corpo si modificano, cioè si avvia un processo che facilità l'acquisizione e il
perfezionamento della deambulazione e della corsa, ma che rende più difficile succhiarsi l'alluce come prima». A cosa è riferibile?

Al primo principio dello sviluppo secondo cui lo sviluppo dura tutta la vita

Al secondo principio dello sviluppo secondo cui lo sviluppo è caratterizzato da multidimensionalità e multidirezionalità

Al quarto principio dello sviluppo secondo cui lo sviluppo sarebbe caratterizzato da conquiste e perdite

Al terzo principio dello sviluppo secondo cui lo sviluppo sarebbe caratterizzato da plasticità

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 14/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

08. Che cosa afferma il quarto principio dello sviluppo di Baltes in riferimento al suo framework di 7 principi?

Lo sviluppo è un processo neurobiologico

Lo sviluppo è l'espressione della risoluzione di conflitti intrapsichici

Lo sviluppo è un processo che continua per tutta la vita

Lo sviluppo comprende conquiste e perdite

09. Che cosa si intende per età funzionale?

Una modalità di intendere l'età degli individui che prende in considerazione l'arco potenziale della vita dell'individuo rispetto alla sua condizione generale

Una modalità di intendere l'età che deriva dal contesto sociale di appartenenza di un individuo facendo riferimento a quanto lui/lei siano conformi alle norme sociali
tipiche di quella fascia d'età

Una modalità di intendere l'età sulla base di un confronto tra coetanei ed è riferibile alle capacità e alle abilità di un individuo

Una modalità di intendere l'età degli individui prescindendo dalla loro età cronologica ma dando importanza alle percezioni relative al loro sentire

10. Cosa ritiene la neurobiologia interpersonale?

che la mente è incarnata e che le cognizioni giudicate superiori e più astratte derivino all'elaborazione di esperienze corporee

che l'utilizzo di aspetti di mindsight permetta all'individuo di focalizzarsi sul suo funzionamento interno aumentando il grado di consapevolezza nei comportamenti
relazionali

che la mente sia relazionale e sia l'esito di interazioni tra processi neurofisiologici e processi relazionali

che la pratica della mindfulness possa portare l'individuo a concentrarsi sul momento presente in modo non giudicante riducendo gli aspetti in grado di generare ansia

11. Come si modifica l'età nel corso degli avvenimenti dell'esistenza?

12. Che cosa si intende con il termine ageism? Qual è la sua importanza?

13. Definisci il quarto principio dello sviluppo secondo l'approccio a 7 punti di Baltes.

14. In riferimento alla plasticità dello sviluppo parla della neurobiologia relazionale di Siegel (2009, 2011, 2013)

15. Definisci il terzo principio dello sviluppo secondo l'approccio a 7 punti di Baltes.

16. Quali altri modi di valutare l'età conosci oltre all'età cronologica?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 15/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 007
01. Bronfenbrenner (1979) sostiene che:

è importante rispettare la natura, per far crescere al meglio i bambini

l'intelligenza si costruisce in rapporto con l'ambiente e attraverso la mediazione del temperamento

il contesto ambientale è capace di agire in modo diretto sullo sviluppo del bambino attraverso i mesosistemi

è importante includere il contesto nello studio dello sviluppo infantile

02. Che cosa afferma il quinto principio dello sviluppo di Baltes in riferimento al suo framework di 7 principi?

Lo sviluppo è un processo che continua per tutta la vita

Lo sviluppo è definito sulla base delle interazioni possibili

Lo sviluppo è l'espressione della risoluzione di conflitti intrapsichici

Lo sviluppo è il risultato dell'interazione tra l'individuo e l'ambiente

03. L'approccio allo sviluppo di Bronfenbrenner viene definito?

Modello ecologico

Prospettiva Psicosociale

Approccio modulare

Neurobiologia interpersonale

04. Quale delle seguenti risposte identifica i quattro sistemi proposti da Urie Bronfenbrenner per leggere lo sviluppo e l'adattamento?

Nanosistema - Microsistema - Macrosistema - Megasistema

Nanosistema - Microsistema - Esosistema - Mesosistema

Microsistema - Sferosistema - Plurisistema - Macrosistema

Microsistema - Mesosistema - Esosistema - Macrosistema

05. Definisci il quinto principio dello sviluppo secondo l'approccio a 7 punti di Baltes.

06. Quali aspetti del lavoro di Bronfenbrenner sono riferibili al quinto principio dello sviluppo secondo Baltes?

07. Definisci microsistema, mesosistema, esosistema e macrosistema facendo riferimento al modello ecologico di Bronfenbrenner.

08. Quali sono le principali implicazioni legate al quinto principio dello sviluppo di Baltes secondo cui lo sviluppo sarebbe il risultato dell'interazione tra
individuo e ambiente.

09. Definisci gli aspetti fondamentali della relazione individuo-ambiente nella psicologia del ciclo di vita.

10. Presenta il modello ecologico di Bronfenbrenner mettendone in evidenza gli aspetti fondamentali.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 16/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 008
01. I cambiamenti non normativi che coinvolgono il ciclo di vita degli individui riguardano:

quei cambiamenti che non hanno un impatto fondamentale sulle traiettorie di vita degli individui

quei cambiamenti che possono riguardare solo pochi individui o anche un caso singolo

quei cambiamenti che testimoniano uno sviluppo atipico e/o psicopatologico dell'individuo

quei cambiamenti che il soggetto sceglie di affrontare senza esservi obbligato

02. Quali sono le sei discipline individuate da Sigelman & Shaffer (1995) e riviste da Sugarman (2001) i cui contributi sono ritenuti indispensabili per indagare il
ciclo di vita?

Psicologia - Psicologia sociale - Sociologia - Antropologia - Storia - Biologia

Psicologia sociale - Psicologia cognitiva - Psicologia dello sviluppo - Neurobiologia - Antropologia - Sociologia

Bioetica - Sociologia - Psicologia - Economia - Storia - Ecologia

Psicologia - Sociologia - Antropologia- Biologia - Filosofia - Storia

03. Che cosa afferma il settimo principio dello sviluppo di Baltes in riferimento al suo framework di 7 principi?

Lo sviluppo è radicato nel contesto storico e culturale

Lo sviluppo è un campo di studio multidisciplinare

Lo sviluppo è un processo che continua per tutta la vita

Lo sviluppo comprende conquiste e perdite

04. Che cosa afferma il sesto principio dello sviluppo di Baltes in riferimento al suo framework di 7 principi?

Lo sviluppo è un processo che continua per tutta la vita

Lo sviluppo è radicato nel contesto storico e culturale

Lo sviluppo è un campo di studio multidisciplinare

Lo sviluppo comprende conquiste e perdite

05. Quali sono le principali differenze tra cambiamenti normativi, quasi normativi e non normativi? Qual è la loro importanza?

06. In riferimento al sesto principio dello sviluppo come secondo Stewart e Healy (1989) quali sono le possibile influenze sulle strutture di personalità degli
individui?

07. Definisci il settimo principio dello sviluppo secondo l'approccio a 7 punti di Baltes.

08. Definisci il sesto principio dello sviluppo secondo l'approccio a 7 punti di Baltes.

09. Presenta alcune definizioni di sviluppo tra loro differenti e commentane gli aspetti più importanti.

10. Presenta brevemente e commenta il modello dei 7 principi dello sviluppo proposto da Baltes.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 17/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 009
01. Quali delle seguenti non è un argomento direttamente trattato nelle riflessioni sulle storie di vita presentate da Hendry & Kloep (2003)?

Le differenze tra generazioni

Le differenze socio-economiche

Le differenze culturali

Le differenti ere della vita

02. Riferendoti alle storie di vita presentate da Hendry & Kloep (2003) presenta le principali riflessioni in riferimento ai tre temi dominanti.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 18/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 010
01. Nell'intreccio la trama rappresenta:

gli ultimi fili che vengono tesi nel telaio per chiudere l'intreccio

i fili orizzontali tesi sul telaio

il disegno che emerge dalla tessitura

i fili verticali tesi sul telaio

02. L'approccio allo studio dello sviluppo basato sugli stadi d'età viene definito?

Teoria stadiale

Modello ecologico

Posizione longitudinale

Posizione trasversale

03. L'approccio allo studio dello sviluppo basato sugli stadi d'età viene definito?

Teoria stadiale

Posizione longitudinale

Posizione trasversale

Modello ecologico

04. Quale delle seguenti non è un aspetto del cambiamento preso in esame dallo studio dell'ordito nel ciclo di vita?

Cambiamento ordinato

Stabilità

Prevedibilità

Cambiamento aleatorio

05. Negli approcci allo studio della psicologia del ciclo di vita abbiamo due posizioni principali:

Un approccio tematico che studia un particolare aspetto dello sviluppo attraverso il corso della vita e un approccio statistico che si occupa di valutare le variazioni
individuali in riferimento a valori normativi e standardizzati

Un approccio tematico che studia un particolare aspetto dello sviluppo attraverso il corso della vita e un approccio basato sugli stadi di età che studia tutti gli aspetti dello
sviluppo in diversi momenti della vita

Un approccio statistico che si occupa di valutare le variazioni individuali in riferimento a valori normativi e standardizzati e un approccio narrativo che si occupa di
indagare i percorsi di vita degli individui attraverso metodologie autobiografiche

Un approccio narrativo che si occupa di indagare i percorsi di vita degli individui attraverso metodologie autobiografiche e un approccio basato sugli stadi di età che studia
tutti gli aspetti dello sviluppo in diversi momenti della vita

06. Nell'intreccio l'ordito rappresenta:

i fili verticali tesi sul telaio

il disegno che emerge dalla tessitura

gli ultimi fili che vengono tesi nel telaio per chiudere l'intreccio

i fili orizzontali tesi sul telaio

07. Confronta la posizione trasversale e la posizione longitudinale allo studio del ciclo di vita analizzando per entrambi i principali punti di forza e di debolezza.

08. Che cosa si intende parlando di ordito nello studio del ciclo di vita?

09. Definisci e presenta gli aspetti fondamentali della posizione longitudinale allo studio del ciclo di vita

10. Definisci e presenta gli aspetti fondamentali della posizione trasversale nello studio del ciclo di vita

11. Quali sono i principali aspetti della trama nello studio del ciclo di vita?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 19/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

12. Spiega e contestualizza la metafora dell'intreccio nello studio del ciclo di vita.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 20/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 011
01. Secondo Hall tra i principali cambiamenti sociali e culturali legati al passaggio da una società agricola ad una società industriale quali dei seguenti ebbe
molta importanza nell'emergere di nuove caratteristiche psicologiche rintracciabili nell'età di mezzo, l'adolescenza?

La scolarizzazione di massa

L'innalzamento dell'età del matrimonio

Lo sfruttamento del lavoro minorile

L'anticipazione della pubertà

02. Il maggiore contributo teorico alla definizione dell'adolescenza si deve a:

Erikson

Baltes

Freud

Hall

03. Per quale ragione la psicologia dei primi del '900 non considerava degno di interesse lo studio dell'infanzia?

Perché veniva considerato immorale sottoporre i bambini a procedure di indagine stressanti

Perché si riteneva che fosse sufficiente indagare le memorie e la psicologia adulta per ottenere resoconti attendibili ed esaustivi della psicologia infantile

Perché veniva considerato inutile in quanto i bambini non potevano rendere conto dei loro processi di coscienza

Perché non disponeva di strumenti adeguati per lo studio dell'infanzia, soprattutto della prima infanzia

04. I primo interesse della psicologia per le caratteristiche psicologiche dell'adolescenza si concretizza verso:

la metà dell'800

intorno al 1950

gli inizi del '900

intorno al 1980

05. Tra i primi autori ad attribuire un valore all'infanzia come fase evolutiva a sé stante rispetto all'età adulta troviamo:

Jung

Darwin

Baltes

Hall

06. Riferendoti al contributo di Stanley Hall spiega che cosa si intende per scoperta dell'infanzia.

07. Presenta e commenta il raggiungimento di una visione del ciclo ci vita come costituito da più momenti evolutivi facendo particolare riferimento alla
sistematizzazione proposta da Sugarman (2001).

08. Riferendoti al contributo di Stanley Hall spiega che cosa si intende per scoperta dell'adolescenza.

09. Perché il lavoro di Stanley Hall è considerato importante per lo studio dello sviluppo nel ciclo di vita?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 21/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 012
01. Lo sviluppo emotivo della prima infanzia si caratterizza per la strutturazione di:

la comparsa delle emozioni autocoscienti

un legame di attaccamento

il raggiungimento di capacità di controllo dell'arousal

il raggiungimento dell'indipendenza emotiva

02. Lo stadio della prima infanzia è caratterizzato:

Dall'ingresso a scuola, che consente il raffinarsi delle capacità cognitive e di comprensione mentalistica ed emotiva degli altri e propria

Dall'acquisizione di un linguaggio articolato, dal gioco di ruolo e dallo sviluppo della teoria della mente

Dallo sviluppo, a partire da capacità innate, di abilità cognitive, percettive, motorie, emotive e cognitive

Dallo conquista dell'identità personale

03. Colloca l'età della prima infanzia secondo la sistematizzazione attuata da Sugarman (2001):

0-3 anni

0-1 anno

1-3 anni

0-2 anni

04. Relativamente allo sviluppo del sé durante la prima infanzia troviamo:

un primitivo senso di sé in grado di discriminare luogo, tempo e spazio

un primitivo senso di sé relativo al riconoscimento allo specchio e alla sua identità di genere

un primitivo senso di sé istintivo e pulsionale ancora abbozzato da cui si originerà il sé vero e proprio

un primitivo senso di sé relativo al riconoscimento allo specchio e alla sua appartenenza culturale

05. Quale dei seguenti è un effetto legato al macrosistema nella prima infanzia?

Le possibilità di accesso al servizio sanitario e scolastico sulla base del suo status socio-economico di provenienza

L'esposizione a modalità di accudimento culturalmente definite

La creazione di rappresentazioni mentali legate a se stesso, agli altri e alla relazione

L'esposizione a conflitti scuola-famiglia

06. Quale dei seguenti è un effetto legato al mesosistema nella prima infanzia?

L'esposizione a conflitti scuola-famiglia

L'esposizione a modalità di accudimento culturalmente definite

La creazione di rappresentazioni mentali legate a se stesso, agli altri e alla relazione

Le possibilità di accesso al servizio sanitario e scolastico sulla base del suo status socio-economico di provenienza

07. Quale dei seguenti è un effetto legato all'esosistema nella prima infanzia?

L'esposizione a modalità di accudimento culturalmente definite

La creazione di rappresentazioni mentali legate a se stesso, agli altri e alla relazione

L'esposizione a conflitti scuola-famiglia

Le possibilità di accesso al servizio sanitario e scolastico sulla base del suo status socio-economico di provenienza

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 22/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

08. Quale dei seguenti è un effetto legato ai microsistemi nella prima infanzia?

La creazione di rappresentazioni mentali legate a se stesso, agli altri e alla relazione

Le possibilità di accesso al servizio sanitario e scolastico sulla base del suo status socio-economico di provenienza

L'esposizione a conflitti scuola-famiglia

Dallo conquista dell'identità personale

09. Definisci i principali sviluppi che caratterizzano l'individuo durante la fase della prima infanzia (0-2).

10. Presenta le principali interazioni tra gli sviluppi durante la prima infanzia utilizzando il modello ecologico di Bronfenbrenner

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 23/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 013
01. Uno degli sviluppi più importanti dell'età prescolare riguarda:

le acquisizioni relativi alla teoria della mente

lo sviluppo di un legame di attaccamento

la comparsa delle prime parole

il raggiungimento della permanenza dell'oggetto

02. Quale delle seguenti non è una funzione del gioco durante l'età prescolare (2-6 anni)?

Allenare la funzione simbolica

Insegnare la gestione e il rispetto dei turni

Migliore comprensione di alcuni aspetti di se stessi e degli stati mentali altrui

Ridurre la comparsa di conflitti

03. Quale delle seguenti non è una funzione del gioco durante l'età prescolare (2-6 anni)?

Promuovere processi cognitivi

Rinforzare i legami affettivi tra bambini

Conoscere nuovi aspetti di sé e dell'altro

Favorire l'estraniazione dalla realtà

04. Quali sono le principali caratteristiche del gioco socio-drammatico?

La gestione di relazioni triadiche

La sperimentazione di emozioni positive e negative

La definizione di regole, ruoli e turni

L'emergere spontaneo di ruoli da leader o gregario

05. Impara a saltare, prendere una palla al volo, andare in bicicletta, usare le forbici sono abilità che vengono acquisite...

a diverse età: alcune acquisizioni fanno riferimento alla fascia 0-2 anni ed altre 2-6 anni

tra 6 e 12 anni

tra 2 e 6 anni

tra 0 e 2 anni

06. Colloca l'età prescolare secondo la sistematizzazione attuata da Sugarman (2001):

2-6 anni

2-5 anni

3-7 anni

3-5 anni

07. Gioco e sviluppo. Presentane e argomentane gli aspetti a tuo avviso maggiormente significativi.

08. Presenta le principali caratteristiche e funzioni del gioco durante l'età prescolare.

09. Descrivi le principali caratteristiche del gioco socio-drammatico? Quale fase della vita caratterizza e qual è la sua importanza?

10. Definisci i principali sviluppi che caratterizzano l'individuo durante la fase dell'età prescolare (2-6 anni).

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 24/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 014
01. Quale delle seguenti non è una delle maggiori acquisizione per lo sviluppo emotivo che avviene durante l'età dell'infanzia (6-12 anni)?

Lo sviluppo di una competenza emotiva

La comprensione delle emozioni miste

La consapevolezza che si possono provare più emozioni contemporaneamente

La comparsa di comportamenti di autoconsolazione

02. Colloca l'età dell'infanzia secondo la sistematizzazione attuata da Sugarman (2001):

0-2 anni

4-10 anni

6-12 anni

2-6 anni

03. Che cosa caratterizza l'amicizia tra bambini durante l'età scolare?

L'assenza di stabilità

Un forte utilitarismo

Una forte segregazione sessuale spontanea

L'assenza di reciprocità

04. Leggi il seguente protocollo: "A dei bambini di 5 elementare poniamo delle semplici domande: Con chi vorresti giocare durante l'intervallo? Con chi non
vorresti giocare durante l'intervallo? Per ogni domanda gli chiediamo di indicare due bambini della loro classe. Una volta raccolte le preferenze procediamo a
costruire un grafico in grado di darci un'idea relativamente alle relazioni interne alla classe". Che procedura è stata utilizzata?

Narrazione

Paradigma di Baltes

Osservazione guidata

Tecnica sociometrica

05. A che età secondo Dunn (2004) sarebbe possibile l'instaurarsi di relazioni di amicizia reciproche e stabili?

Già prima dei 2 anni

Intorno ai 5-6 anni

Dopo i 7 anni

Intorno ai 3 anni

06. Quale delle seguenti affermazioni relative all'età dell'infanzia (6-12 anni) è falsa?

I bambini raggiungono una buona competenza emotiva che consente loro di comprendere che possono esistere emozioni miste e che più emozioni possono presentarsi
contemporaneamente

I bambini divengono in grado di concentrarsi si più aspetti di uno stesso oggetto o situazione

I bambini aumentano i loro luoghi di socializzazione

I bambini affrontano importanti cambiamenti fisici

07. Quali sono le principali caratteristiche dell'amicizia tra bambini? A che età può istaurarsi e quel è la sua importanza?

08. Amicizia e sviluppo. Presentane e argomentane gli aspetti a tuo avviso maggiormente significativi.

09. Descrivi una metodologia di indagine per l'analisi delle relazioni interne ad un gruppo di bambini in età scolare.

10. Definisci i principali sviluppi che caratterizzano l'individuo durante la fase l'infanzia (6-12 anni).

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 25/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 015
01. Colloca l'adolescenza secondo la sistematizzazione attuata da Sugarman (2001):

10-18 anni

12-18 anni

10-14 anni

12-20 anni

02. Il sopraggiungere della maturità sessuale durante la fase adolescenziale ha un impatto su tutti gli aspetti della vita dell'adolescente ma in particolar modo...

sulle dinamiche scolastiche

sulla relazioni con gli altri e con sé stesso

sulle valutazioni legate all'ambito etico/morale

sulle capacità cognitive (problemi di attenzione e concentrazione)

03. Definisci i principali sviluppi che caratterizzano l'individuo durante la fase dell'adolescenza (12-18 anni).

04. Quali sono le due principali tipologie di cambiamento che l'adolescente deve affrontare secondo Siegel (2014)? Qual è la loro importanza?

05. Definisci gli aspetti culturali dell'adolescenza partendo dal lavoro di Mead (1928).

06. Che cosa si intende per pubertà? Qual è l'importanza di questa tappa evolutiva per l'adolescente? Quali cambiamenti la coinvolgono?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 26/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 016
01. Nel rapporto adolescente-famiglia sono determinanti due processi:

Autonomia - dipendenza

Affetto - norma

Costruzione - destrutturazione

Individualizzazione - differenziazione

02. Secondo il modello operazionale per l'acquisizione dell'identità di Marcia (1980) quali sono le due dimensioni fondamentali?

Esplorazione - impegno

Definizione - dispersione

Autonomia - dipendenza

Crescita - stabilità

03. Adolescente e relazione. Quali sono le caratteristiche relazionali dell'adolescenza?

04. Definisci il modello operazionale proposto da Marcia (1980) per l'acquisizione dell'identità.

05. Presenta e commenta le caratteristiche delle relazioni interpersonali nell'adolescente riferendoti in particolar modo al contesto familiare.

06. Presenta e commenta le caratteristiche delle relazioni interpersonali nell'adolescente riferendoti in particolar modo al relazioni amicali e sentimentali.

07. Adolescenza e identità. Presentane e argomentane gli aspetti a tuo avviso maggiormente significativi.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 27/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 017
01. Quale delle seguenti non è un ambito di cambiamento tipico del passaggio dall'adolescenza all'età adulta?

Posizione esistenziale

Ruolo sociale

Status lavorativo

Soluzione abitativa

02. Secondo Raikkonen & Kokko (2012) quale fattore ha un impatto maggiore nel determinare le modalità di superamento della transizione all'età adulta?

Le modalità di superamento dei compiti di sviluppo dell'infanzia e dell'adolescenza

L'essere ben inserito nella propria comunità

Il livello culturale raggiunto dall'individuo

Lo status socio-economico della famiglia d'origine

03. Nel processo del divenire adulti quale momento viene identificato come primo turning point?

La fine della scuola superiore di secondo grado

La fine della scuola superiore di primo grado e la scelta della scuola superiore

Il raggiungimento dell'indipendenza economica

La costruzione di una relazione sentimentale stabile

04. Quale dei seguenti fattori secondo Arnett (200) è maggiormente responsabile del ritardo nell'acquisizione di autonomia e indipendenza?

Il prolungarsi dei percorsi accademici

Il protrarsi della coabitazione con i genitori

Il posticipo della genitorialità

L'innalzamento dell'età in cui avviene il matrimonio/convivenza

05. Il protrarsi della coabitazione con i genitori, il posticipare matrimonio/convivenza e la genitorialità sono fenomeni che rimandano al concetto di

Acquisizione dell'identità

Deresponsabilizzazione giovanile

Adultità emergente

Adolescenza eterna

06. I dati raccolti da Iacovou (2001) mostrano come:

non vi siano differenze significative nel numero di giovani adulti sopra i 20 anni che coabitano con i genitori in Europa, USA, Canada e Australia

la coabitazione tra figli sopra i 20 anni e genitori sia un fenomeno in sostanziale diminuzione

il numero di genitori e figli sopra i 20 anni che condividono la stessa abitazione in Grecia, Italia e Spagna sia circa tre volte superiore rispetto ai paesi del centro-nord
Europa

la coabitazione tra figli sopra i 20 anni e genitori sia un fenomeno quasi esclusivamente italiano

07. A partire dalla seconda metà del secolo scorso, quali sono i principali cambiamenti che hanno interessato la transizione all'età adulta nelle società occidentali
post-industriali?

08. Parlando del divenire adulti cosa significa essere in ritardo? Contestualizza e commenta il concetto di ritardo relativamente alla transizione verso l'età adulta.

09. Perché la transizione all'età adulta viene considerata una transizione complessa e densa? Quali sono le principali aree di cambiamento?

10. Presenta e commenta il concetto di ritardo nella transizione all'età adulta

11. Riferendoti al lavoro di Arnett elenca e commenta i marcatori dell'età adulta.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 28/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

12. Contestualizza i fenomeni legati al protrarsi della coabitazione con i genitori e al posticipare di matrimonio/convivenza e di genitorialità secondo l'ottica
dell'adultità emergente.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 29/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 018
01. Quale delle seguenti non è una caratteristica delle società in cui possiamo trovare l'emerging adulthood?

Perdita di identità culturale

Maternità e paternità posticipate

Accesso al matrimonio/convivenza dopo la fine dei 20 anni

Economia di tipo post-industriale

02. Quali sono le 5 caratteristiche dell'emerging adulthood individuate da Arnett e colleghi?

Esplorazione - instabilità - autocentratura - transizione - possibilità

Instabilità - possibilità - autocentratura - isolamento - esplorazione

Esplorazione - diffusione dell'identità - rifiuto della transizione - dipendenza - instabilità

Autocentratura - deresponsabilizzazione - dipendenza - transizione - diffusione dell'identità

03. Quale delle seguenti configurazioni riporta il posizionamento dell'emerging adulthood rispetto al ciclo della vita?

04. L'autocentratura vissuta dagli individui che si trovano a vivere come emerging adults a cosa si lega?

A un blocco nel processo di costruzione dell'identità

A un investimento a lungo termine sulle proprie potenzialità professionali

A una generale confusione relativamente alla direzione della propria vita

A una migliore consapevolezza di sé e dei propri obiettivi

05. Adolescenza ed età adulta. Come si colloca l'emerging adulthood?

06. Emerging adulthood e transizione. Perché gli emerging adulthood vivono questa dimensione di transizione?

07. Come è cambiata la realtà di sviluppo degli individui tra i 20 e i 30 anni dalla seconda metà del secolo scorso nelle società post-industriali?

08. Definisci il concetto di emerging adulthood e la sua relazione con il ciclo di vita.

09. Secondo Arnett e colleghi quali sono le cinque caratteristiche fondamentali dell'emerging adulthood? Elencale e commentale

10. Chi sono gli emerging adults? Quali sono le loro caratteristiche principali? A quali fenomeni sociali sono legati?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 30/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 019
01. Secondo la teoria triangolare dell'amore quali dimensioni caratterizzano l'amore fatuo?

La presenza di intimità, passione e impegno

La presenza di passione e impegno

La presenza di intimità e impegno

La presenza di intimità e passione

02. Secondo la teoria triangolare dell'amore quali dimensioni caratterizzano l'amore romantico?

La presenza di passione e impegno

La presenza di intimità e impegno

La presenza di intimità, passione e impegno

La presenza di intimità e passione

03. Secondo la teoria triangolare dell'amore quali dimensioni caratterizzano i sodalizi d'amore?

La presenza di intimità e passione

La presenza di intimità e impegno

La presenza di passione e impegno

La presenza di intimità, passione e impegno

04. Lo stadio evolutivo che va dai 18 ai 40 anni si lega

alla stabilità in termini relazionali e lavorativi

alla definizione del sé

alla ricerca interiore di equilibrio

alla sperimentazione di sé in molteplici contesti

05. Secondo una visione classica delle prima età adulta le principali aspettative sociali sarebbero legate

alla conquista dell'amore maturo come indicato da Sternberg

all'esplorazione e alla costruzione della propria identità

all'allontanamento dalla famiglia d'origine

alla conquista di una stabilità relazionale e lavorativa

06. Quale delle seguenti non è una dimensione individuata da Sternberg (2004) nella sua teoria triangolare dell'amore?

complicità

passione

intimità

impegno

07. La teoria triangolare dell'amore di Sternberg

Sostiene che il completamento dell'amore si ha quando la coppia si completa con la nascita di un figlio, dando origine a un immaginario triangolo di cura

Individua nella triangolazione relazionale la base dei legami d'amore disfunzionali

Evidenzia tre fattori che caratterizzano l'amore completo tipico della nostra cultura che identifica nella passione, nell'intimità e nell'impegno

Vede l'amore come un triangolo costituito dai vertici di: attaccamento, potere e intimità

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 31/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

08. L'espressione «Lieben und arbeiten» attribuita a Freud cosa significa?

«Amare e lavorare»

«Crescere e invecchiare»

«Amare e generare»

«Crescere e generare»

09. Colloca la prima età adulta secondo la sistematizzazione attuata da Sugarman (2001):

20-35 anni

20-40 anni

18-40 anni

18-35 anni

10. Commenta l'espressione «Lieben und arbeiten» attribuita a Freud.

11. Quali sono le caratteristiche principali della prima età adulta (18-40 anni)?

12. Presenta e commenta la teoria triangolare dell'amore di Sternberg.

13. Stabilità relazionale e stabilità lavorativa. Presentane caratteristiche e peculiarità evolutive.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 32/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 020
01. Quale dei seguenti non è un compito evolutivo tipicamente attribuito alla prima età adulta?

creazione di una relazione stabile

generazione di un figlio

raggiungimento della stabilità professionale

accudimento dei genitori anziani

02. Che cosa ha evidenziato Minuchin (1974) studiando l'adattamento delle famiglie alle sfide della vita?

Che perché vi sia un buon adattamento la famiglia deve poter trasmetter al figlio/ai figli i valori morali e etici che guidano le scelte educative

Che perché vi sia un buon adattamento la famiglia deve essere mantenuta una gerarchia nella presa delle decisioni

Che perché vi sia un buon adattamento la famiglia deve essere in grado di negoziare le decisioni

Che perché vi sia un buon adattamento la famiglia deve poter sospendere i giudizi morali e di valore sulle azioni e i comportamenti del figlio/dei figli

03. Per deistituzionalizzazione del matrimonio si intende:

La perdita della dimensione pubblica e formale del matrimonio

La capacità della coppia di essere generativa e co-genitoriale

La perdita della dimensione personale e privata del matrimonio

Lo spostamento in avanti dell'età del matrimonio

04. Con la nascita dei figli, la coppia mantiene più stabilità se marito e moglie:

Riescono a sviluppare un'alleanza cogenitoriale costruttiva

Riescono a dividersi in maniera equa i compiti genitoriali

Passano più tempo insieme come coppia

Riescono a mantenere buoni rapporti con le proprie famiglie di origine

05. Con la nascita dei figli ciò che generalmente influisce maggiormente in modo negativo sulla solidità della coppia

Il mancato raggiungimento di una divisione costantemente equa dei compiti genitoriali e il mantenimento di una routine più stabile possibile

L'attivarsi di concezioni culturali implicite relativamente ai ruoli maschili e femminili nei comportamenti di cura

L'incapacità di negoziare la divisione dei compiti all'interno della coppia e di raggiungere un'alleanza cogenitoriale costruttiva

L'assenza di tempo da passare insieme come coppia a cui si sommano le difficoltà materiali insite nel prendersi cura di un neonato

06. Quali sono gli indicatori chiave della presenza di un'alleanza co-genitoriale?

La divisone equa dei compiti educativi e casalinghi

La flessibilità e onestà intellettuale nel cambiare idea quando le scelte educative dimostrano di non essere funzionali

La presenza di una comunicazione regolare su argomenti e decisioni che riguardano il figlio e di un reciproco sostegno degli sforzi genitoriali.

La presenza di idee comuni e condivise su come allevare ed educare i figli

07. Si inizia a parlare del fenomeno della deistituzionalizzazione del matrimonio

Alla fine del XX secolo

Intorno al 1960

Dopo il 2010

A seguito della prima guerra mondiale

08. Parla del fenomeno noto come deistituzionalizzazione del matrimonio.

09. Quali sono le principali tematiche legate alla stabilità relazionale nella prima età adulta?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 33/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

10. Che cosa si intende per alleanza cogenitoriale?

11. Quali sono i principali cambiamenti che interessano la coppia quando subentra la genitorialità?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 34/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 021
01. Secondo le statistiche sul lavoro femminile quale delle seguenti affermazioni sul lavoro femminile è vera?

Le donne hanno in media avanzamenti di carriera e stipendi comparabili con quelli maschili e uguali probabilità di trovarsi povere in vecchiaia

Le donne hanno in media meno avanzamenti di carriera, stipendi più bassi e maggiori probabilità di trovarsi più povere in vecchiaia

Le donne hanno in media meno avanzamenti di carriera, stipendi comparabili a quelli maschili per valore monetario e uguali probabilità di trovarsi povere in vecchiaia

Le donne hanno in media gli stessi avanzamenti di carriera degli uomini a cui però non si accompagnano stipendi comparabili con quelli maschili e permane una maggiori
probabilità di trovarsi più povere in vecchiaia

02. Secondo (Galinsky et al., 2005) nell'età adulta le aspirazioni carrieristiche del nostro tempo

Sono caratterizzate dal desiderio di tornare a lavorare meno ore

Sono caratterizzate da un desiderio di ottenere promozioni

Sono caratterizzate dal desiderio di guadagnare di più

Sono caratterizzate dal desiderio di rivestire un ruolo sociale di prestigio

03. Il modello lavorativo della "carriera senza confini"...

È il modello tipico attuale, dove si cambia frequentemente luogo di lavoro e professione

È il modello tipico di 30-40 anni fa, dove si rimaneva nella stessa azienda per tutto il periodo lavorativo fino alla pensione

Riguarda l'attuale orario lavorativo, che si prolunga ben oltre il classico orario di lavoro

È la carriera che caratterizza coloro che lavorano nelle multinazionali

04. Cosa sostiene Holland (1985) riguardo alla soddisfazione lavorativa?

Per trovare un lavoro soddisfacente si deve intraprendere un percorso di comprensione e orientamento

Per trovare un lavoro soddisfacente bisogna impegnarsi in un ambito professionale riducendo al minimo le deviazioni ed esperienze in altri ambiti

Per trovare un lavoro soddisfacente bisogna scegliere un ambito professionale coerente con la propria personalità

Per trovare un lavoro soddisfacente è importante che sia presente una soddisfazione nella vita extra lavorativa e familiare

05. Holland (1985) individua 6 tipi di personalità quali sono?

razionale - intellettuale/investigativo - istrionico - sociale - razionale - convenzionale

realistico - intellettuale/investigativo - artistico - sociale - intraprendente - convenzionale

razionale - intellettuale/investigativo - artistico - sociale - intraprendente - emotivo

realistico - intellettuale/investigativo - istrionico - emotivo - razionale - convenzionale

06. Quando il lavoro è in sé poco gratificante gli individui

Sviluppano sintomi ossessivi e compulsioni

Ricercano delle ricompense estrinseche

Ricercano delle ricompense intrinseche

Sviluppano un sé alieno

07. Quali delle seguenti non è una caratteristiche che gli individui attribuiscono a un lavoro gratificante?

La presenza di un ambiente lavorativo stimolante e competitivo

La presenza di datori di lavori sensibili ai bisogni del lavoratore

Soddisfa i bisogno di autonomia e di creatività del lavoratore

Consente di ampliare le capacità del lavoratore

08. Definisci il concetto di soddisfazione lavorativa e le principali variabili che la determinano.

09. Quali sono le principali caratteristiche del lavoro femminile? Contestualizza e commenta.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 35/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

10. Quali sono le principali tematiche legate alla stabilità professionale nella prima età adulta?

11. Presenta e commenta la teoria di Holland.

12. Che cos'è il modello R.I.A.S.E.C.? Contestualizza e commenta.

13. Quali sono i sei tipi di personalità individuati da Holland? Perché sono importanti? Contestualizza e commenta.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 36/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 022
01. Uno dei compiti che caratterizza la mezza età ai giorni nostri è

Occuparsi dei nipoti

Occuparsi della transizione alla pensione

Occuparsi dei genitori anziani

Nessuna delle opzioni presentate

02. Colloca la media età adulta secondo la sistematizzazione attuata da Sugarman (2001):

40-55 anni

35-60 anni

40-60 anni

35-55 anni

03. Tra i 40 e i 60 anni

aumentano l'efficienza e l'efficacia dell'applicazione di abilità cognitive utilizzate abitualmente

aumentano le abilità nuove e la rapidità di esecuzione dei compiti

vi è un cambiamento sostanziale nell'identità personale

si sperimentano sentimenti di impotenza sociale

04. La mezza età è caratterizzata da:

Una diminuzione dell'intelligenza fluida e un aumento dell'intelligenza cristallizzata

Una diminuzione della creatività e un aumento dell'intesa di coppia

Un rapido declino fisico (cerebrale e sensoriale)

Il ciclo di transizione (Hopson)

05. Seguendo la sistematizzazione attuata da Sugarman (2001) presenta e commenta le principali caratteristiche della fascia d'età che va dia 40 ai 60 anni.

06. Che cosa si intende con crisi di mezza età? Quali sono le sue caratteristiche più significative?

07. Definisci gli aspetti principali che caratterizzano la media età adulta.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 37/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 023
01. Colloca l'alta età adulta secondo la sistematizzazione attuata da Sugarman (2001):

60-70 anni

60-75 anni

55-75 anni

55-70 anni

02. Colloca la tarda età adulta secondo la sistematizzazione attuata da Sugarman (2001):

Oltre i 65 anni

Oltre i 60 anni

Oltre i 75 anni

Oltre i 70 anni

03. Quali delle seguenti affermazioni sull'alta età adulta (60-75 anni) non può essere considerata veritiera

il ruolo genitoriale rimane presente anche se in modo meno impegnativo

Solitamente ci sono più ruoli sociali da rivestire e maggiori obblighi

spesso si deve affrontare il problema della dipendenza reciproca

spesso si assiste a un incremento dell'accettazione di se stessi determinato da una crescita spirituale

04. Seguendo la sistematizzazione attuata da Sugarman (2001) presenta e commenta le principali caratteristiche della fascia d'età che si colloca oltre i 75 anni.

05. Seguendo la sistematizzazione attuata da Sugarman (2001) presenta e commenta le principali caratteristiche della fascia d'età che va dia 60 ai 75 anni.

06. Definisci gli aspetti principali che caratterizzano l'alta età adulta.

07. Definisci gli aspetti principali che caratterizzano la tarda età adulta.

08. Seguendo la suddivisione del ciclo di vita rivisto da Sugarman (2001) ripercorri le principali caratteristiche delle diverse età adulte.

09. Ripercorri le tappe della stabilità professionale nelle diverse fasi della vita adulta.

10. Ripercorri le tappe della stabilità relazionale nelle diverse fasi della vita adulta.

11. Confronta i compiti di sviluppo delle diverse età adulte. Quali sono gli aspetti più significativi?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 38/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 025
01. Che differenza c'è tra concezione strutturale e concezione maturazionale di stadio di sviluppo?

Non c'è differenza per quanto riguarda l'idea di stadio, in quanto entrambi fanno riferimento al modello biologico di successione innata di stadi di sviluppo

Il primo intende i cambiamenti come cumulativi e qualitativamente diversi, il secondo come sviluppo del potenziale umano, che va incontro a
crescita-mantenimento-declino

La concezione strutturale vede gli stadi come sequenza di ruoli sociali, quella maturazionale come compiti di sviluppo da affrontare

Entrambi osservano la stabilità, piuttosto che i cambiamenti, ma il primo sottolinea molto più del secondo l'idea che esistano dei tratti coerenti durante la vita, mentre il
secondo si sofferma sul concetto di sviluppo come "ordine", contrapposto al caos/entropia

02. La concezione maturazionale:

Considera i ruoli sociali connessi ai vari momenti della vita e i compiti di sviluppo da affrontare

Vede lo sviluppo come crescita-mantenimento-declino

Riguarda gli stadi di sviluppo dell'infanzia, fino all'adolescenza

Concepisce lo stadio di vita come l'insieme delle idee, dei comportamenti e delle abilità presenti in un certo momento della vita

03. Come si modifica il pensiero nell'adolescenza secondo Piaget?

04. Presenta la concezione maturazionale di stadio evidenziandone punti di forza e debolezza in un confronto con le atre concezioni.

05. Presenta la concezione socio-culturale di stadio evidenziandone punti di forza e debolezza in un confronto con le atre concezioni.

06. Presenta le diverse concezioni di stadio. Quali quante diverse concezioni di stadio conosci? Quali sono le principali differenze?

07. Presenta la concezione strutturale di stadio evidenziandone punti di forza e debolezza in un confronto con le atre concezioni.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 39/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 026
01. Il raggiungimento dello stadio di pensiero operatorio formale

Consente all'adolescente, secondo Piaget, di poter ragionare scientificamente e in astratto

Permette il superamento del cosiddetto "egocentrismo adolescenziale", inteso come immaturità cognitiva

È facilitato dalla presenza di un attaccamento sicuro

Protegge l'adolescente dall'assunzione di comportamenti rischiosi (sa valutare le conseguenze ed evita quindi tali comportamenti)

02. Secondo Piaget lo sviluppo procede per stadi successivi che caratterizzano diversi e specifici periodi dell'età evolutiva nello specifico Piaget parla di:

(1) preoperatorio: dalla nascita a circa 2 anni, (2) operatorio concreto: da 2 a circa 6 anni, (3) operatorio formale: da 6 anni a circa 12 anni, (4) operatorio metacognitivo:
dai 12 anni in avanti

(1) sensomotorio: dalla nascita a circa 2 anni, (2) preoperatorio: da 2 a circa 6 anni, (3) operatorio concreto: da 6 anni a circa 12 anni, (4) operatorio formale: dai 12 anni in
avanti

(1) preoperatorio: dalla nascita circa 1 anno, (2) operatorio concreto: da 1 a circa 3 anni, (3) operatorio formale: da 3 anni a circa 10 anni, (4) operatorio metacognitivo: dai
10 anni in avanti

(1) sensomotorio: dalla nascita a circa 1 anno, (2) preoperatorio: da 1 a circa 3 anni, (3) operatorio concreto: da 3 anni a circa 10 anni, (4) operatorio formale: dai 10 anni
in avanti

03. Il cosiddetto "egocentrismo" adolescenziale secondo Elkin indica:

Uno stereotipo, che non considera le caratteristiche di apertura mentale e di pensiero astratto adolescenziale

Dei comportamenti che sono richieste di aiuto visibili, che richiedono una presa in carico da parte dell'adulto

La presenza di sbalzi ormonali, che portano a comportarsi come il bambino egocentrico descritto da Piaget

La sensibilità degli adolescenti verso ciò che gli altri pensano e la sensazione che le loro azioni siano al centro dell'interesse altrui

04. Quale compito è stato utilizzato da Piaget per valutare le capacità di ragionare scientificamente tipiche dello stadio operatorio formale?

Il colloquio critico

L'esperimento delle tre montagne

Le prove di conservazione

L'esperimento del pendolo

05. Cosa distingue secondo Piaget lo stadio operatorio concreto dallo stadio operatorio formale?

Nello stadio operatorio formale i bambini sanno ragionare e formulare concetti su oggetti concreti, ma sono ancora incapaci di pensiero astratto e scientifico

Nello stadio operatorio concreto i bambini sanno ragionare e formulare concetti su oggetti concreti, ma sono ancora incapaci di pensiero astratto e scientifico

Nello stadio operatorio concreto la percezione del bambino è catturata dall'aspetto immediato degli oggetti ed essi ritengono che ciò che vedono sia la realtà

Nello stadio operatorio formale la percezione del bambino è catturata dall'aspetto immediato degli oggetti ed essi ritengono che ciò che vedono sia la realtà

06. Quali transizioni segnano i passaggi di stadio nella teoria di Piaget sullo sviluppo cognitivo?

07. Riprendi e spiega la teoria stadiale di Piaget e l'importanza di una sua rilettura in termini di psicologia del ciclo di vita.

08. Quali sono gli stadi di sviluppo cognitivo teorizzati da Piaget?

09. Quali sono le caratteristiche del pensiero operatorio formale?

10. Che cosa si intende per pensiero post-formale? Quali sono le caratteristiche fondamentali?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 40/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 027
01. Il modello di Erikson può essere interpretato come un tentativo di coniugare

La psicoanalisi, la sociologia e l'antropologia

La psicologia cognitiva, la sociologia e l'antropologia

La psicologia della Gestalt, l'antropologia e l'etologia

Il comportamentismo, la psicoanalisi e la sociologia

02. La concezione di sviluppo di Erikson come può essere definita?

Una concezione sia strutturale che socio-culturale

Una concezione sia strutturale che maturazionale

Una concezione sia maturazionale che socio-culturale

Una concezione sia transazionale che socio-culturale

03. Quale delle seguenti affermazioni sul modello di Erikson può essere ritenuta corretta?

Riguarda le transizioni che caratterizzano la vita adulta

Identifica degli stadi di vita sovrapponibili agli stadi psicosessuali dello sviluppo individuati da Freud

È focalizzata sull'identità della persona nel ciclo di vita, intesa come "mito personale"

Individua le crisi psicosociali tipiche di ogni stadio di sviluppo della vita

04. Cosa intende Erikson per fiducia fondamentale?

La fiducia verso se stessi

La fiducia verso gli altri

La fiducia incondizionata

Intende sia la fiducia verso gli altri che verso se stessi

05. Secondo Erikson, il periodo adolescenziale è caratterizzato:

Da una fase transitoria di autoregolazione, caratterizzata da modalità aggressive verso sé e/o verso gli altri

Dalla crisi dell'identità - confusione/dispersione dell'identità

Dalla capacità di cogliere le azioni come dirette a uno scopo

Da atteggiamenti di fiducia, alternati ad atteggiamento di sfiducia (verso sé e verso l'altro)

06. Presenta la teoria psicosessuale di Freud in riferimento al modello di Erikson

07. Definisci le linee generali del modello di Erikson.

08. Cosa intende Erikson con crisi psicosociale?

09. Che cosa differenzia l'approccio di Erikson da quello classico della psicoanalisi di Freud?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 41/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 028
01. La prima età adulta secondo il modello di Erikson è caratterizzata

Dalla presa in considerazione delle perdite (di persone e lavorative) e della morte, con l'accettazione di ciò che è stata la prima infanzia e la propria vita in generale

Da cambiamenti fisici importanti e da contraddizioni come la voglia di indipendenza e il bisogno di sicurezza dato dalla famiglia di origine

Dall'affrontare la sfida dell'integrità dell'Io

Da sfide come raggiungere l'intimità e conseguire successi professionali

02. Nel modello di Erikson la crisi psicosociale che caratterizza l'età tra i 20 e i 35 anni è quella relativa alla dicotomia

Industriosità vs Senso di colpa

Generatività vs Stagnazione

Intimità vs Isolamento

Integrità dell'Io vs Disperazione

03. Secondo la teoria di Erikson ogni età è caratterizzata da specifiche crisi psicosociali. Secondo questo autore intorno ai 65 anni possiamo assistere

Alla ricerca di un nuovo senso di identità (col rischio della dispersione dell'identità)

All'acquisizione dell'io integrato (col rischio della disperazione)

Alla possibilità di muoversi autonomamente e in maniera intraprendente (col rischio che la moralità blocchi l'iniziativa)

Al superamento delle posizioni precedenti e al raggiungimento di una serenità intellettuale (col rischio di una inversione di tendenza che porti a negare la propria fase di
vita in favore di atteggiamenti adolescenziali)

04. Che cosa intende Erikson per forze vitali o virtù? Qual è la loro importanza all'interno della sua teoria psicosociale.

05. Quale rapporto lega le crisi psicosociali e le forze vitali o virtù nel modello di Erikson? Spiega il legame facendo degli esempi.

06. Quali sono gli stadi di sviluppo del modello di Erikson? Presentali e commentali.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 42/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 029
01. Nel modello di Erikson quale fascia d'età corrisponde all'età neonatale?

0-18 mesi

0-2 anni

0-1 anni

0-6 mesi

02. Nel modello di Erikson quale fascia d'età corrisponde all'età del gioco?

6-12 anni

2-6 anni

6-10 anni

4-8 anni

03. Nel modello di Erikson quale fascia d'età corrisponde all'età scolare?

9-15 anni

6-12 anni

10-14 anni

7-15 anni

04. Nel modello di Erikson a quale fase della vita corrisponde lo stadio 3?

Prepubertà

Età scolare

Adolescenza

Età del gioco

05. Nel modello di Erikson quale virtù viene potenzialmente guadagnata durante l'età del gioco (stadio 3)?

Fermezza dei propositi

Competenza

Cura

Volontà

06. Nel modello di Erikson quale virtù viene potenzialmente guadagnata durante la prima infanzia (stadio 2)?

Fermezza dei propositi

Volontà

Cura

Speranza

07. Nel modello di Erikson quale virtù viene potenzialmente guadagnata durante l'età neonatale (stadio 1)?

Amore

Volontà

Speranza

Cura

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 43/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

08. Nel modello di Erikson qual è la crisi psicosociale che caratterizza l'età neonatale (stadio 1)?

Integrità dell'Io vs Disperazione

Fiducia fondamentale vs Sfiducia

Spirito di iniziativa vs senso di colpa

Identità vs Dispersione

09. Nel modello di Erikson qual è la crisi psicosociale che caratterizza l'età del gioco (stadio 3)?

Integrità dell'Io vs Disperazione

Industriosità vs Senso di colpa

Fiducia fondamentale vs Sfiducia

Spirito di iniziativa vs senso di colpa

10. Nel modello di Erikson a quale fase della vita corrisponde lo stadio 2?

Infanzia

Età del gioco

Prepubertà

Prima Infanzia

11. Nel modello di Erikson qual è la crisi psicosociale che caratterizza la prima infanzia (stadio 2)?

Autonomia vs Vergogna e dubbio

Industriosità vs Senso di colpa

Intimità vs Isolamento

Generatività vs Stagnazione

12. Descrivi le principali caratteristiche dello stadio della prima infanzia nel modello di Erikson.

13. Descrivi le principali caratteristiche dello stadio neonatale nel modello di Erikson.

14. Descrivi le principali caratteristiche dello stadio dell'età del gioco nel modello di Erikson.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 44/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 030
01. Nel modello di Erikson a quale fase della vita corrisponde lo stadio 6?

Adolescenza

Pubertà

Giovane adulto

Età adulta

02. Nel modello di Erikson qual è la crisi psicosociale che caratterizza l'adolescenza (stadio 5)?

Intimità vs Isolamento

Integrità dell'Io vs Disperazione

Identità vs Dispersione

Autonomia vs Vergogna e dubbio

03. Nel modello di Erikson qual è la crisi psicosociale che caratterizza l'età scolare (stadio 4)?

Industriosità vs Senso di colpa

Spirito di iniziativa vs senso di colpa

Intimità vs Isolamento

Fiducia fondamentale vs Sfiducia

04. Nel modello di Erikson quale virtù viene potenzialmente guadagnata durante l'età del giovane adulto (stadio 6)?

Amore

Speranza

Cura

Competenza

05. Nel modello di Erikson quale virtù viene potenzialmente guadagnata durante l'età scolare (stadio 4)?

Speranza

Volontà

Competenza

Fermezza dei propositi

06. Nel modello di Erikson quale virtù viene potenzialmente guadagnata durante l'adolescenza (stadio 5)?

Speranza

Fedeltà

Amore

Competenza

07. Nel modello di Erikson qual è la crisi psicosociale che caratterizza il giovane adulto (stadio 6)?

Fiducia fondamentale vs Sfiducia

Generatività vs Stagnazione

Integrità dell'Io vs Disperazione

Intimità vs Isolamento

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 45/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

08. Nel modello di Erikson a quale fase della vita corrisponde lo stadio 4?

Età Scolare

Prepubertà

Adolescenza

Pubertà

09. Nel modello di Erikson quale fascia d'età corrisponde all'adolescenza?

12-18 anni

14-20 anni

12-20 anni

14-18 anni

10. Nel modello di Erikson a quale fase della vita corrisponde lo stadio 5?

Età scolare

Pubertà

Adolescenza

Età adulta

11. Nel modello di Erikson quale fascia d'età corrisponde all'età del giovane adulto?

20-40 anni

18-25 anni

20-35 anni

25-35 anni

12. Nel modello di Erikson quale fascia d'età corrisponde all'età della maturità?

25-50 anni

35-65 anni

40-65 anni

35-50 anni

13. Descrivi le principali caratteristiche dello stadio dell'adolescenza nel modello di Erikson.

14. Descrivi le principali caratteristiche dello stadio della giovinezza nel modello di Erikson.

15. Cosa intende Erikson per dispersione dell'identità?

16. Descrivi le principali caratteristiche dello stadio dell'età scolare nel modello di Erikson.

17. Cosa significa che il bambino trasforma le sue credenze in "Io sono ciò che immagino di poter essere"? E quando succede secondo il modello di Erikson?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 46/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 031
01. Nel modello di Erikson qual è la crisi psicosociale che caratterizza la maturità (stadio 7)?

Generatività vs Stagnazione

Spirito di iniziativa vs senso di colpa

Integrità dell'Io vs Disperazione

Autonomia vs Vergogna e dubbio

02. Nel modello di Erikson quale virtù viene potenzialmente guadagnata durante l'età della maturità (stadio 7)?

Competenza

Speranza

Cura

Fermezza dei propositi

03. Nel modello di Erikson qual è la crisi psicosociale che caratterizza l'età anziana (stadio 8)?

Intimità vs Isolamento

Industriosità vs Senso di colpa

Fiducia fondamentale vs Sfiducia

Integrità dell'Io vs Disperazione

04. Nel modello di Erikson quale fascia d'età corrisponde all'età anziana?

oltre i 75 anni

oltre i 65 anni

oltre i 55 anni

oltre gli 80 anni

05. Nel modello di Erikson quale virtù viene potenzialmente guadagnata durante l'età anziana (stadio 8)?

Speranza

Volontà

Saggezza

Fermezza dei propositi

06. Nel modello di Erikson a quale fase della vita corrisponde lo stadio 8?

Età adulta

Età anziana

Maturità

Mezza età

07. Nel modello di Erikson a quale fase della vita corrisponde lo stadio 7?

Giovane adulto

Età anziana

Maturità

Adolescenza

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 47/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

08. Tra le principali critiche al modello di Erikson troviamo

eccessiva importanza attribuita all'azione repressiva e alienante della società

limitata differenziazione tra età adulta ed età anziana

importanza attribuita alla necessità di contravvenire alle norme sociali per raggiungere un senso di identità forte e positivo

utilizzo di una metodologia poco replicabile ed attendibile

09. Nel modello di Erikson a quale fase della vita corrisponde lo stadio 1?

Prima Infanzia

Infanzia

Età prenatale

Età neonatale

10. Descrivi le principali caratteristiche dello stadio dell'età anziana nel modello di Erikson.

11. Descrivi le principali caratteristiche dello stadio della maturità nel modello di Erikson.

12. Quali sono le principali critiche al modello di Erikson?

13. Cosa intende Erikson per Io Integrato?

14. Come viene intesa la genitorialità nel modello di Erikson?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 48/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 033
01. Pensando ai lavori dei diversi studiosi che si sono occupati di compiti di sviluppo si può affermare che itali compiti di sviluppo:

Sono universali

Sono uguali per uomini e donne

Sono dipendenti dal contesto storico-culturale e sociale

Sono l'esito di un io integrato

02. Cos'è un compito di sviluppo secondo Havighurst?

È una sfida che emerge specifica in ogni periodo della vita e che ha a che fare con se stessi e con il proprio rapporto con la società e il cui esito positivo porta a felicità e
successo

È un'attività che l'adulto assegna al bambino, per favorirne la crescita

Nessuno dei precedenti

È un altro modo per dire "stadio" (o momento) di vita, nell'ottica narrativa in cui ciascuno stadio può essere caratterizzato da bisogno di potere e bisogno di amore

03. Quale delle seguenti non è una procedura utilizzata da Havighurst nell'individuazione dei compiti di sviluppo?

Introspezione

Osservazione

Deduzione

Interrogazione

04. Quale dei seguenti non è uno studioso che si è occupato specificamente di compiti di sviluppo?

Havighurst (1972)

Levinson (1978)

McAdams (1997)

Gould (1978)

05. Compiti di sviluppo. Siega l'equilibrio tra fattori personali e fattori sociali.

06. Che cosa interferisce maggiormente nella definizione dei compiti di sviluppo?

07. Cosa sono i compiti di sviluppo per Havighurst?

08. Presenta i principali compiti di sviluppo individuati da Havighurst.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 49/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 034
01. Tra le caratteristiche dei compiti di sviluppo individuati da Newman e Newman (1995) non troviamo

Riferimenti alla società occidentale post-industriale

Una minore specificità

Il tentativo di allontanarsi il più possibile dal contesto socio-culturale

La definizione di traiettorie profondamente standardizzate

02. Secondo Chickering & Havighurst (1981) i compiti di sviluppo dell'età adulta sono guidati soprattutto:

Dalle aspirazioni personali

Dai cambiamenti biologici

Solamente dalle aspettative sociali

Da aspetti sociali e aspirazioni personali

03. Secondo gli studiosi dei compiti di sviluppo cosa condividono la fase dell'infanzia e quella dell'ultima età adulta?

Il prevalere di compiti di sviluppo legati ai cambiamenti biologici

L'essere entrambe caratterizzate da dipendenza

L'essere entrambe ai due punti più bassi dell'arco della vita

Il prevalere di compiti di sviluppo legati alle aspettative sociali

04. Che cosa emerge dall'intervista al registra David Steinberg

Uno slittamento in avanti dei compiti di sviluppo di circa 10 anni

Una sostanziale differenza nei compiti di sviluppo tra uomo e donna

Un atteggiamento malinconico che caratterizza la tarda età adulta

L'importanza delle crisi psicosociali dell'età adulta

05. Quali sono i principali compiti di sviluppo individuati da Newman e Newman (1995)?

06. Spiega il processo di revisione dei compiti di sviluppo sulla base di fattori geografici e storici.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 50/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 035
01. Secondo Gould, i "falsi assunti" sono:

Una metodologia di indagine che consente di individuare ciò che gli individui, a qualsiasi età, hanno messo in discussione nella propria vita

Degli stili cognitivi tipici dell'età adolescenziale, per cui il ragazzo è in grado di controbattere al pensiero adulto

Temi narrativi (con particolare riferimento all'impostazione ideologica)

Credenze create nell'infanzia, che danno sicurezza, ma sono illusorie, con cui dobbiamo fare i conti e mettere in discussione durante la crescita

02. Nel pensiero di Gould è fondamentale come l'individuo

Percepisce il tempo

Costruisci la sua identità

Affronta le transizioni di ruolo

Interpreta la sua realtà culturale

03. Alla base dello sviluppo adulto per Gould c'è:

La realizzazione e accettazione di se stessi, come creatori della propria vita

Un percorso evolutivo che passa attraverso fasi di transizioni, dove si hanno cambiamenti e fasi più stabili

Un percorso evolutivo lineare e strutturato

La realizzazione dei 'falsi assunti'

04. I primi lavori di Gould si sono basati

Sull'analisi dei percorsi di vita di un campione di individui tra i 16 e i 50 anni

Sulla raccolta di dati attraverso interviste libere

Sull'ascolto e l'osservazione di pazienti psichiatrici

Sull'osservazione e l'ascolto di giovani studenti universitari

05. Dalla coscienza infantile alla coscienza adulta. Definisci l'evoluzione secondo il pensiero di Gould.

06. Cosa sono i falsi assunti per Gould?

07. Cosa sono i falsi assunti per Gould?

08. Introduci il pensiero di Gould soffermandoti sul senso del tempo e la sua importanza.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 51/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 036
01. Quali delle seguenti non è un componente del primo falso assunto?

Possiedo il mio corpo

Devono essere la mia sola famiglia

Se diventerò più indipendente sarà una catastrofe

Posso vedere il mondo solo attraverso gli assunti dei miei genitori

02. Quando viene affrontato e superato secondo Gould il primo falso assunto?

Nella periodo tardo adolescenziale dopo i 18 anni

Intorno ai 35-40 anni

Nella fascia d'età che coincide con l'emerging adulthood

Tra i 25 e i 30 anni

03. Apparterrò sempre ai miei genitori e crederò sempre nel loro mondo. A cosa fa riferimento questa frase?

A una concezione della vita che subentra con l'affacciarsi alla terza età

Al primo falso assunto relativo alla teoria di Gould

A un meccanismo di difesa (la negazione) che può interferire con l'assunzione di responsabilità dell'individuo relativamente all'andamento del suo ciclo di vita

A un processo di mancato riconoscimento del sé alieno che porta l'individuo a vivere una condizione di scissione tra valutazione cognitiva e realtà emotiva interna

04. Secondo Gould il mancato superamento della sotto componente "Solo loro possono garantire la mia sicurezza" al primo falso assunto può portare...

All'emergere da un lato di paura e sentimenti depressivi o al contrario di un sentimento di invulnerabilità e onnipotenza

Alla costruzione di un'identità frammentata e legata a problematiche di dipendenza/ritiro relazionale

Al fenomeno hikikomori

Alla sintomatologia tipica dell'ansia sociale

05. Presenta il primo falso assunto della teoria di Gould e relative sotto componenti mettendone in evidenza gli aspetti psicologici principali.

06. "Apparterrò sempre ai miei genitori e crederò sempre nel loro mondo". Spiega e contestualizza questa affermazione.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 52/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 037
01. Seguire i dettami dei miei genitori, con volontà e perseveranza, darà probabilmente buoni frutti. Ma se mi sentirò frustrato, confuso o stanco, o
semplicemente mi troverò in difficoltà, loro verranno e mi indicheranno la strada. A cosa fa riferimento questa frase?

Al primo falso assunto della teoria di Gould

Al secondo falso assunto della teoria di Gould

Al quarto falso assunto della teoria di Gould

Al terzo falso assunto della teoria di Gould

02. Gould come definisce il periodo tra i 20 e i 30 anni?

Periodo di esplorazione

Periodo di instabilità

Periodo di apprendistato

Periodo di stabilità

03. Quali delle seguenti non è un componente del secondo falso assunto?

I miei cari possono garantirmi la sicurezza di cui ho bisogno

Le ricompense arriveranno automaticamente se faccio ciò che si suppone che io debba fare

Vi è un solo modo corretto di fare le cose

La razionalità, l'impegno e lo sforzo prevarranno sempre su tutte le altre forze

04. Quando viene affrontato e superato secondo Gould il secondo falso assunto?

Durante la mezza età

Nella tardo adolescenza

Intorno ai 35-40 anni

Tra i 20 e i 30 anni

05. Presenta il secondo falso assunto della teoria di Gould e relative sotto componenti mettendone in evidenza gli aspetti psicologici principali.

06. "Seguire i dettami dei miei genitori, con volontà e perseveranza, darà probabilmente buoni frutti. Se mi troverò in difficoltà, stanco, frustrato, confuso, loro

07. verranno e mi indicheranno la strada". Spiega e contestualizza questa affermazione.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 53/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 038
01. Quando viene affrontato e superato secondo Gould il terzo falso assunto?

Tra i 20 e i 30 anni

Nella tardo adolescenza

Intorno ai 40 anni

Subito dopo i 30 anni

02. La vita è semplice e controllabile. Non vi sono forze contraddittorie significative che coesistono dentro di me. A cosa fa riferimento questa frase?

Al secondo falso assunto della teoria di Gould

Al quarto falso assunto della teoria di Gould

A terzo falso assunto della teoria di Gould

Al primo falso assunto della teoria di Gould

03. Secondo Gould dopo i 30 anni qual è la minaccia maggiormente percepita dagli individui?

L'interruzione della carriera lavorativa

la perdita dei figli

Lo scioglimento della propria relazione sentimentale/matrimonio

Il crollo finanziario

04. Quali delle seguenti non è un componente del terzo falso assunto?

Sono in grado di vedere chiaramente la realtà di coloro che mi sono a fianco

Sono diverso dai miei genitori nelle occasioni in cui voglio essere diverso da loro

Le minacce alla mia sicurezza non sono reali

Ciò che conosco emotivamente, lo conosco intellettualmente

05. Presenta il terzo falso assunto della teoria di Gould e relative sotto componenti mettendone in evidenza gli aspetti psicologici principali.

06. "La vita è semplice e controllabile. Non vi sono forze contraddittorie significative che coesistono dentro di me". Spiega e contestualizza questa affermazione.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 54/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 039
01. Non esiste male in me o morte nel mondo. Ciò che è funesto è stato eliminato. A cosa fa riferimento questa frase?

A quarto falso assunto della teoria di Gould

Al secondo falso assunto della teoria di Gould

Al terzo falso assunto della teoria di Gould

Al primo falso assunto della teoria di Gould

02. Quando viene affrontato e superato secondo Gould il quarto falso assunto?

Intorno ai 40 anni

Nella tardo adolescenza

Durante la mezza età

Tra i 20 e i 30 anni

03. Quali delle seguenti non è un componente del quarto assunto?

Il mio lavoro (uomo) o la mia relazione con gli uomini (donna) mi garantisce l'immunità dalla morte e da pericolo

Le minacce alla mia sicurezza non sono reali

Sono innocente

Non esiste vita al di fuori di questa famiglia

04. Il superamento della prima sotto componente del quarto falso assunto ha caratteristiche differenti per gli uomini e le donne. Quale delle seguenti
affermazioni fa riferimento alla credenza femminile che deve essere abbandonata?

A me non può succedere di morire

Io non cadrò nell'errore della cura d'amore

Non posso vivere senza una figura protettrice

Sono innocente

05. Spiega il processo attraverso cui gli individui arrivano a rifiutare i falsi assunti soffermandoti sulle età in qui questi vengono sfatati.

06. "Non esiste male in me o morte nel mondo. Ciò che è funesto è stato eliminato". Spiega e contestualizza questa affermazione.

07. Presenta il quarto falso assunto della teoria di Gould e relative sotto componenti mettendone in evidenza gli aspetti psicologici principali.

08. Spiega come Gould intende la vita dopo i 50 anni.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 55/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 041
01. Il modello dell'ottimizzazione selettiva con compensazione è

una risposta automatica ed inconsapevole agita dagli individui all'interno del ciclo di transizione

un processo di adattamento tipico della prima infanzia

un processo di adattamento che, pur essendo presente durante tutto il ciclo di vita, assume particolare importanza durante l'età anziana

una strategia di coping che, pur essendo presente durante tutto il ciclo di vita, assume particolare importanza nella prima età adulta

02. Nella lettura dello sviluppo del ciclo di vita alternativa a quella di crescita mantenimento e declino che cosa caratterizza la seconda fase?

Stabilità

Assimilazione

Specializzazione

Coerenza

03. Nella lettura dello sviluppo del ciclo di vita alternativa a quella di crescita mantenimento e declino che cosa caratterizza la terza fase?

Integrazione

Stabilità

Saggezza

Introspezione

04. Invecchiamento e declino. Presenta gli aspetti teorici fondamentali.

05. Presenta il concetto di ere della vita in riferimento allo studio dello sviluppo nel ciclo di vita.

06. La lettura del ciclo di vita sulla base del paradigma di crescita-mantenimento-declino. Spiega e commenta.

07. Quali sono i vantaggi di utilizzare un approccio basato su acquisizione-specializzazione-integrazione? Contestualizza e commenta.

08. Spiega i processi implicati nell'ottimizzazione selettiva con compensazione di Baltes.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 56/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 042
01. Quali ere contempla il metamodello di Kolb (1984) alternativo alla lettura del ciclo di vita nelle ere di crescita-mantenimento e declino?

Assimilazione - definizione - integrazione

Acquisizione - specializzazione - integrazione

Acquisizione - identità - integrazione

Assimilazione - specializzazione - stabilità

02. Quale dei seguenti non è una coerenza indagata nello studio dello sviluppo che ne sottolinea maggiormente gli aspetti di stabilità rispetto a quelli di
cambiamento?

Coerenza ipsativa

Coerenza normativa

Coerenza di livello

Coerenza archetipica

03. Quale dei seguenti non è una categoria riferibile alla piramide dei bisogni di Maslow (1970)?

Stima

Potere

Appartenenza

Sicurezza

04. Presenta il metamodello dello sviluppo proposto da Kolb (1984).

05. Cosa significa indagare il caos nel ciclo di vita? Metti in evidenza gli aspetti più significativi di questa scelta metodologica.

06. Definisci le diverse coerenze che possono essere indagate nello studio dello sviluppo.

07. Lo studio della coerenza nel ciclo di vita. Quali implicazioni?

08. Che cosa si intende per progressione non normativa? Contestualizza e commenta.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 57/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 043
01. Tra gli approcci utilizzabili per indagare il caos nel ciclo di vita possiamo trovare:

Compiti di sviluppo

Teorie stadiali

Narrazione

Sequenze cumulative

02. Quale dei seguenti non è un modo di studiare le transizioni nel ciclo di vita?

Attraverso lo studio delle sequenze cumulative

Attraverso l'analisi dei processi

Attraverso un focus di attenzione concentrato sugli eventi e un loro raggruppamento sulla base di caratteristiche comuni

Attraverso l'analisi dei marcatori

03. La prima fase che caratterizza il ciclo di transizione definito a partire dai lavori di Holpson & Adams (1976) è definibile come:

Ricerca del significato

Paralisi

Reazione

Disperazione

04. Cosa intende Levinson con "costruzione della struttura"?

05. Negli studi del ciclo di vita che differenza c'è tra quanti leggono gli eventi come marcatori e quanti li leggono come processi?

06. Che cosa si intende per transizioni nel ciclo di vita?

07. La narrazione nel ciclo di vita. Descrivi l'approccio delle linee della vita.

08. Porta alcuni esempi degli eventi di vita individuati Holmes & Rahe (1967) definendone l'importanza e provvedendo a contestualizzare il contributo.

09. Definisci il pensiero di Levinson.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 58/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 044
01. Cosa intende Levinson con costruzione della struttura?

La costante funzionale che guida le fasi di transizione del ciclo di vita

Un compito di sviluppo della prima età adulta legata alla costruzione del "nido"

L'impalcatura psicologica che guida lo sviluppo dell'individuo attraverso le transizioni del ciclo di vita

La fase di stabilità che segue le fasi di transizione

02. Il pensiero mutuato dall'approccio di Levinson

Consente di cogliere l'assenza di mentalizzazione negli adolescenti che compiono atti autolesivi

Studia l'età adulta, all'interno della quale vengono sfatati i falsi assunti prodotti nell'infanzia

Riguarda lo studio dell'età adolescenziale, con particolare riferimento alle relazioni amicali

Sottolinea come nel ciclo di vita si alternino momenti di transizione e stabilità

03. L'approccio di Levinson, per quanto scarsamente validato a livello empirico, ha il merito di:

Aver considerato i vari ruoli sociali connessi a ciascun momento della vita e le crisi ad essi connessi

Aver sottolineato come nel ciclo di vita si alternino momenti di transizione e momenti di stabilizzazione o costruzione della struttura

Aver aperto la strada ai successivi studi sulla teoria della mente nel ciclo di vita

Aver studiato le credenze create nell'infanzia e il progressivo sfatare tali falsi assunti durante la crescita

04. Secondo Levinson uno dei compiti di sviluppo nella prima età adulta è costruire un "sogno", quali sono gli altri?

Intraprendere un'attività lavorativa - Definire i propri confini personologici - Esplorare realtà alternative

Creare relazioni con figure di mentori - Intraprendere un'attività lavorativa -Instaurare relazioni intime -Costruire relazioni di mutua amicizia

Costruire relazioni intime significative - Intraprendere un'attività lavorativa - Definire l'aspetto spirituale/esistenziale della propria vita

Esplorare realtà alternative - Definire intenzioni e desideri - Operazzionalizzare la propria carriera lavorativa

05. Quali sono i compiti di sviluppo della prima età adulta secondo Levinson?

06. Quali sono le principali ere identificate da Levinson?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 59/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 045
01. Levinson definisci lo sviluppo nel ciclo di vita tra fasi di stabilità e fasi di transizione caratterizzate reciprocamente da:

Cambiamento della struttura e costruzione della struttura

Costruzione della struttura e cambiamento della struttura

Maturazione dello schema e ridefinizione dello schema

Ridefinizione dello schema e maturazione dello schema

02. Secondo Levinson quale delle seguenti non è una polarità che impegna gli individui durante l'età media?

Distruzione-creazione

Dipendenza-controdipendenza

Maschile-femminile

Giovane-Anziano

03. Nella visione di Levinson le fasi di stabilità hanno una durata di:

10 anni

3 mesi

1/2 anni

5/7 anni

04. Qual è la caratteristica fondamentale delle interviste biografiche ideate da Levinson?

L'utilizzo di un approccio psicoanalitico e delle libere associazioni

L'importanza attribuita alla relazione

L'utilizzo di un approccio narrativo-autobiografico

Il rispetto delle scalette definite

05. Quali sono i compiti di sviluppo della media età adulta secondo Levinson?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 60/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

Lezione 046
01. Per McAdams l'identità...

È un compito di sviluppo che caratterizza l'adolescenza

Corrisponde alla storia di vita della persona, al "mito personale" che ciascuno di noi si narra

Corrisponde a ciò che Freud chiamava "Io"

Riguarda in primo luogo l'identità sessuale/di genere, che consente l'integrazione (o meno) nella società

02. Uno studioso che ha elaborato un'idea di vita basata sulla narrazione e sugli elementi narrativi che costruiamo nel corso della vita è:

Levinson

McAdams

Havighurst

Erikson

03. La narrazione ha la funzione di:

Normalizzare e rendere comprensibile a noi stessi le nostre esperienze, facendoci sentire attivi e dando forma alla nostra identità

Costruire un ponte tra sé e l'altro

Far emergere i nostri punti di forza e di debolezza

Rendere comprensibile agli altri la nostra storia di vita

04. La narrazione della propria storia ha la funzione di:

Normalizzare e renderci comprensibile le nostre esperienze, formando quella che è la nostra identità

Far acquisire un Io integrato (in caso contrario si assiste alla disperazione)

Collegare tra loro le vite di più persone (es. famigliari), interdipendenti tra loro e dal contesto storico-sociale

Far vivere l'autonomia della propria vita: la scelta del tipo di narrazione è soggettiva (es. commedia, tragedia, satira, romanzo)

05. Analizzando il percorso di vita attraverso l'ottica della narrazione quali effetti possono avere delle transizioni molto forti tra i diversi momenti del ciclo di
vita?

Possono condurre l'individuo a un senso di impotenza e depressione

Possono portare alla stagnazione

Possono portare a sviluppare comportamenti antisociali e rischiosi

Possono rendere difficile il mantenimento di un senso di coerenza nella narrazione e portare a un senso di frammentazione e disintegrazione personale

06. Quale tra le seguenti non è una forma di narrazione utilizzata nello studio del ciclo di vita?

documentario

tragedia

satira

commedia

07. McAdams (1997) identifica due temi principali nelle storie: il bisogno di potere e il bisogno di amore che possono essere ricondotte alle motivazioni
psicologiche...

dell'aggressività e della dipendenza

dell'intersoggettività primaria e secondaria

della dicotomia attivo/passivo

dell'agentività e della comunione

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 61/62
Set Domande: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA
PSICOLOGIA
Docente: Della Zoppa Letizia

08. Secondo McAdams qual è l'elemento narrativo che emerge durante l'età prescolare?

L'immaginario personale

La valutazione narrativa

Il tono narrativo

Le linee tematiche

09. Secondo McAdams qual è l'elemento narrativo che emerge durante la tarda età adulta?

L'immaginario personale

Le linee tematiche

La valutazione narrativa

Il tono narrativo

10. Quando McAdams parla di immagini principali cosa intende esattamente?

Delle rappresentazioni mentali legate alle esperienze di ruolo e regole sociali sperimentati nella prima infanzia

Delle immagini mentali di tipo autobiografico che si costituiscono quando le identità narrative di un soggetto sono in contrasto tra loro

Delle interiorizzazioni anomale dell'immagine di sé

Dei personaggi che dominano le storie di vita e che permettono di individuare un tema centrale, principio organizzatore dell'identità personale

11. Secondo Cohler (1982) ci sono dei momenti nel corso della vita che "distruggono" la narrazione e portano l'individuo a doverla ricostruire. Di quali si tratta?

Si tratta di momenti di transizione: dalla prima infanzia alla media infanzia; dall'infanzia all'adolescenza/giovinezza; dalla prima età adulta all'età adulta media

Si tratta sostanzialmente di due categorie di eventi quelli normativi e quelli non-normativi.

Si tratta di momenti di forte stress che fanno riferimento alle separazioni minori, al lutto e ai cambiamenti relativamente al proprio collocamento socio-economico

Nessuna delle precedenti

12. Il tono narrativo per McAdams è:

La comprensione del concetto di falsa credenza "io so che lui non sa"

L'esito della relazione bambino-caregiver nei primi anni di vita (es. racconto ottimistico se è presente un attaccamento sicuro)

Costituito da una valutazione narrativa della propria storia di vita (tarda età adulta)

Dato dal superamento dei compiti di sviluppo

13. Quale importanza ha la narrazione per McAdams?

14. Quali sono le possibili forme della narrazione?

15. In che senso si può dire che la narrazione ha una funzione sociale?

16. Quale funzione ha la narrazione?

17. Che importanza hanno le caratteristiche della narrazione che un individuo fa della propria vita?

18. Quali possono essere i temi della narrazione?

19. Secondo McAdams quali sono i 7 elementi narrativi o caratteristiche della storia che emergono nel ciclo di vita?

20. Cosa sono per McAdams le linee tematiche della narrazione?

21. Verso i 20-30 anni cosa entra in gioco nella narrazione secondo McAdams?

22. Quale effetto hanno sulla narrazione della propria vita le transizioni del ciclo di vita secondo McAdams?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2019 23:53:26 - 62/62
Powered by TCPDF (www.tcpdf.org)