Sei sulla pagina 1di 99

Set Domande

ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E DELLE PSICOPATOLOGIE


PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Generato il 27/12/2018 14:23:29


N° Domande Aperte 130
N° Domande Chiuse 409
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Indice
Indice Lezioni .......................................................................................................................... p. 2
Lezione 002 ............................................................................................................................. p. 5
Lezione 003 ............................................................................................................................. p. 6
Lezione 004 ............................................................................................................................. p. 7
Lezione 005 ............................................................................................................................. p. 8
Lezione 006 ............................................................................................................................. p. 9
Lezione 007 ............................................................................................................................. p. 10
Lezione 008 ............................................................................................................................. p. 11
Lezione 009 ............................................................................................................................. p. 12
Lezione 010 ............................................................................................................................. p. 13
Lezione 011 ............................................................................................................................. p. 14
Lezione 012 ............................................................................................................................. p. 15
Lezione 013 ............................................................................................................................. p. 16
Lezione 014 ............................................................................................................................. p. 17
Lezione 015 ............................................................................................................................. p. 18
Lezione 016 ............................................................................................................................. p. 19
Lezione 017 ............................................................................................................................. p. 20
Lezione 018 ............................................................................................................................. p. 21
Lezione 019 ............................................................................................................................. p. 22
Lezione 020 ............................................................................................................................. p. 23
Lezione 021 ............................................................................................................................. p. 24
Lezione 022 ............................................................................................................................. p. 25
Lezione 023 ............................................................................................................................. p. 26
Lezione 024 ............................................................................................................................. p. 27
Lezione 025 ............................................................................................................................. p. 28
Lezione 026 ............................................................................................................................. p. 29
Lezione 027 ............................................................................................................................. p. 30
Lezione 028 ............................................................................................................................. p. 31
Lezione 029 ............................................................................................................................. p. 32
Lezione 030 ............................................................................................................................. p. 33
Lezione 031 ............................................................................................................................. p. 34
Lezione 032 ............................................................................................................................. p. 35
Lezione 033 ............................................................................................................................. p. 37
Lezione 034 ............................................................................................................................. p. 38
Lezione 035 ............................................................................................................................. p. 39
Lezione 036 ............................................................................................................................. p. 40
Lezione 037 ............................................................................................................................. p. 41

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 2/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 038 ............................................................................................................................. p. 42


Lezione 039 ............................................................................................................................. p. 43
Lezione 040 ............................................................................................................................. p. 44
Lezione 041 ............................................................................................................................. p. 45
Lezione 042 ............................................................................................................................. p. 46
Lezione 043 ............................................................................................................................. p. 47
Lezione 044 ............................................................................................................................. p. 48
Lezione 045 ............................................................................................................................. p. 49
Lezione 046 ............................................................................................................................. p. 50
Lezione 047 ............................................................................................................................. p. 51
Lezione 048 ............................................................................................................................. p. 52
Lezione 049 ............................................................................................................................. p. 53
Lezione 050 ............................................................................................................................. p. 54
Lezione 051 ............................................................................................................................. p. 55
Lezione 052 ............................................................................................................................. p. 56
Lezione 053 ............................................................................................................................. p. 57
Lezione 054 ............................................................................................................................. p. 58
Lezione 055 ............................................................................................................................. p. 59
Lezione 056 ............................................................................................................................. p. 60
Lezione 057 ............................................................................................................................. p. 61
Lezione 058 ............................................................................................................................. p. 62
Lezione 059 ............................................................................................................................. p. 63
Lezione 060 ............................................................................................................................. p. 64
Lezione 061 ............................................................................................................................. p. 65
Lezione 062 ............................................................................................................................. p. 66
Lezione 063 ............................................................................................................................. p. 67
Lezione 064 ............................................................................................................................. p. 68
Lezione 065 ............................................................................................................................. p. 69
Lezione 066 ............................................................................................................................. p. 70
Lezione 067 ............................................................................................................................. p. 71
Lezione 068 ............................................................................................................................. p. 72
Lezione 069 ............................................................................................................................. p. 73
Lezione 070 ............................................................................................................................. p. 74
Lezione 071 ............................................................................................................................. p. 75
Lezione 072 ............................................................................................................................. p. 76
Lezione 073 ............................................................................................................................. p. 77
Lezione 074 ............................................................................................................................. p. 78
Lezione 075 ............................................................................................................................. p. 79
Lezione 076 ............................................................................................................................. p. 80
Lezione 077 ............................................................................................................................. p. 81

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 3/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 078 ............................................................................................................................. p. 82


Lezione 080 ............................................................................................................................. p. 83
Lezione 081 ............................................................................................................................. p. 84
Lezione 082 ............................................................................................................................. p. 85
Lezione 083 ............................................................................................................................. p. 86
Lezione 084 ............................................................................................................................. p. 87
Lezione 085 ............................................................................................................................. p. 88
Lezione 086 ............................................................................................................................. p. 89
Lezione 087 ............................................................................................................................. p. 90
Lezione 088 ............................................................................................................................. p. 91
Lezione 089 ............................................................................................................................. p. 92
Lezione 090 ............................................................................................................................. p. 93
Lezione 091 ............................................................................................................................. p. 94
Lezione 092 ............................................................................................................................. p. 95
Lezione 093 ............................................................................................................................. p. 96
Lezione 094 ............................................................................................................................. p. 97
Lezione 095 ............................................................................................................................. p. 98
Lezione 096 ............................................................................................................................. p. 99

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 4/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 002
01. Nel colloquio medico viene seguito un percorso

nessuno dei precedenti

diretto dal primo disturbo che il paziente lamentava nel passato per comprendere quello attuale

diretto dal disturbo attuale per poi andare nel passato a comprendere gli altri disturbi

x diretto dal disturbo principale , che il paziente lamenta, alla sua eziologia e patogenesi

02. Un' importante differenza tra l'anamnesi medica e il colloquio psicodinamico

l'interazione tra trattamento e possibilità di guarigione

l'interazione tra diagnosi del paziente e patologie dei suoi famigliari

x l'interrelazione tra diagnosi e trattamento


l'interazione tra diagnosi e sviluppo della malattia in futuro

03. Il tranfert è per definizione

Una cura

Una ripetizione

Una patologia

x Un processo

04. Nel colloquio psicodinamico

nessuna delle precedenti

x c'è distinzione tra diagnosi e terapia


solo in alcune situazioni si distingue tra diagnosi e terapia

qualunque distinzione tra diagnosi e terapia sarebbe artificiosa

05. Parlare del colloquio psicodinamico

06. La differenza tra colloquio medico e colloquio psicodinamico secondo Glen Gabbard

07. Transfert e controtransfert

08. Parlare dell'anamnesi

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 5/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 003
01. Durante un colloquio se un paziente afferma di sentire le voci, è opportuno

dire che quelle voci ci sono in quel precisomomento ma andranno via

x chiedere che cosa dicono le voci, in quali circostanze parlano


dire che le voci non esistono assolutamente

dire che le voci sono frutto delle sue allucinazioni

02. Osservazioni sugli stati emotivi del paziente forniscono

x una miniera di informazioni sui meccanismi di difesa


una miniera di informazioni sull'intelligenza

nessuna informazione sui meccnismi di difesa

nessuna informazione sull'intelligenza

03. Chi afferma che una delle "strade regine" per osservare l'inconscio è il comportamento non verbale

x Gabbard
Adler

Freud

Jung

04. Il modo in cui un paziente risponde alla domande durante un colloquio psicodinamico

x può dire molto riguardo al suo stile di carattere inconscio


non dice nulla riguardo al suo carattere inconscio

svela alcune minime cose sul suo carattere inconscio

solo nei casi di psicosi svela qualcosa sul suo carattere inconscio

05. Parlare dei test psicologici per l'analisi dello stato mentale del paziente

06. Come ci si pone di fronte ad un paziente che manifesta disturbi percettivi quali allucinazioni visive ed uditive?

07. Parlare della cognizione e dell'affettività

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 6/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 004
01. Per programmare eventuali interventi farmacologici torna utile allo psichiatra

l'intervista

x La diagnosi descrittiva
nessuna delle precedenti

il colloquio

02. la diagnosi descrittiva può essere d'aiuto allo psichiatra nel

programmare interventi di rete in generale

x programmare adeguati interventi farmacologici


nessuna delle precedenti

programmare interventi di supporto durante il lavoro

03. La diagnosi psicodinamica

solo nei casi di nevrosi deve comprendere come il paziente sia malato e quanto sia malato, come si sia ammalato e ciome utilizzi la sua mallattia

x deve comprendere in tutti i casi come il paziente sia malato e quanto sia malato, come si sia ammalato e ciome utilizzi la sua mallattia
non deve comprendere come il paziente sia malato e quanto sia malato, come si sia ammalato e ciome utilizzi la sua mallattia

solo nei casi di psicosi deve comprendere come il paziente sia malato e quanto sia malato, come si sia ammalato e ciome utilizzi la sua mallattia

04. Come risultato finale della valutazione psicodinamica , il clinico ha delle informazioni in tre contesti

non ha assolutamente informazioni nei contesti relazioni dell'infanzia, aspetti reali e transferali della relazione tra paziente e clinico, relazioni attuali al di fuori del rapporto
paziente-terapeuta

ha informazioni sulle relazioni attuali , passate e probabili future

solo raramente riesce a raccogliere informazioni su relazioni dell'infanzia, aspetti reali e transferali della relazione tra paziente e clinico, relazioni attuali al di fuori del
rapporto paziente-terapeuta

x ha informazioni sulle relazioni dell'infanzia, aspetti reali e transferali della relazione tra paziente e clinico, relazioni attuali al di fuori del rapporto paziente-terapeuta

05. Cosa si intende per approccio dinamico alla diagnosi?

06. In che misura si devono tenere in considerazione le caratteristiche dell'io in una valutazione psicodinamica?

07. Parlare delle relazioni oggettuali

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 7/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 005
01. Le prime osservazioni di Bion sugli assunti di base furono di tipo

logico

x descrittivo
individuale

collettivo

02. Il gruppo psicoterapeutico ad orientamento psicodinamico contiene generalmente

da 2 a tre persone

da 20 a trenta persone

x da otto a dieci persone


da dieci a venti persone

03. Elementi di transfert

x esistono nel primo incontro tra terapeuta e paziente


elementi di transfert si verificano solo a partire dal secondo incontro terapeuta paziente

raramente esistono nel primo incontro tra terapeuta e paziente

non esistoni mai nel primo incontro tra terapeuta e paziente

04. l'aspetto anamnestico del colloquio dovrebbe implicare contemporaneamente due obietti
x una diagnosi descrittiva e una diagnosi dinamica
una diagnosi attiva e una comportamentale

una diagnosi sistemica e una diagnosi psicologica

una diagnosi oggettiva e una diagnosi descrittiva

05. Il transfert è

solo negli ultimi incontri è una dimensione critica della valutazione psicodinamica

solo in parte una dimensione critica della valutazione psicodinamica

solo nei primi incontri è una dimensione critica della valutazione psicodinamica

x una dimensione critica della valutazione psicodinamica

06. Parlare della terapia di coppia breve

07. Indicazioni e controindicazioni della psicoterapia dinamica di gruppo

08. il ruolo del transfert, del controtransfert, della resistenza nella psicoterapia di gruppo

09. Il ruolo della psicoterapia dinamica di gruppo nei trattamenti in psichiatria

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 8/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 006
01. Nel corso di un colloquio anamnestico psicodinamico

non appare mai l'orientamento del paziente rispetto ai suo hobby e relazioni

non appare ma l'orientamento del paziente rispetto al tempo, allo spazio e alle personei

x appare l'orientamento del paziente rispetto al tempo, allo spazio e alle persone
appare l'orientamento del paziente rispetto ai suo hobby e relazioni

02. In qualunque valutazione psichitrica è fondamentale

determinare l'assenza di azioni suicidarie

x determinare la presenza o l'assenza di azioni suicidarie


determinare la presenza di azioni suicidarie

non determinare mai la presenza o l'assenza di azioni suicidarie

03. Quale autore fece la seguente osservazione. " mi posi il compito di portare alla luce ciò che gli uomini nascondono, non mediante la costrizione dell'ipnosi ma
servendomi di ciò che essi dicono e mostrano, ritenevo quel compito più diffficile di quanto in realtà non sia . ..il compito di rendere coscienti le cose più nascoste
dell'anima è perfettamente realizzabile"

Adler

x Freud
Lacan

Jung

04. La terapia familiare sistemica spostò l'accento

dall'individuo alle relazioni amicali

dall'individuo alle relazioni fraterne

dall'individuo alle relazioni sentimentali

x dall'individuo al sistema familiare

05. In che cosa consiste la tecnica delle relazioni oggettuali?

06. cosa si intende Dicks per effetto regressivo durante il matrimonio

07. Parlare della terapia famigliare

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 9/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 007
01. La scissione è

un processo comunicativo

una carattaristica solo del medico

un fattore di personalità

x un meccanismo di difesa

02. Il concetto di "formulazione psicodinamica" implica anche

considerazioni sugli aspetti di attività possibili di cura attraverso tecniche di psicodramma a cui partecipano anche i famigliari

x considerazioni sugli aspetti biologici della malattia e sulle conseguenti implicazioni terapeutiche
nessuna delle precedenti

considerazioni sugli aspetti terapeutici ipotizzabili per far uscire la persona dal disagio psicologico

03. Per esaurire la valutazione psicodinamica il clinico dovrebbe arrivare a

una diagnosi descrittiva basata sui criteri di osservazione del paziente nel suo ambiente famigliare ,non serve il DSM-5

una diagnosi descrittiva basata sui criteri di osservazione e diagnosi del paziente nell'ambito delle relazioni con l'ausilio della psicodiagnostica

non serve avere una diagnosi descrittiva basata sui criteri del DSM-5 e una diagnosi psicodinamica basata sulla propria comprensione del paziente e della malattia

x una diagnosi descrittiva basata sui criteri del DSM-5 e una diagnosi psicodinamica basata sulla propria comprensione del paziente e della malattia

04. La "formulazione psicodinamica" dovrebbe essere elaborata

con la consapevolezza che solo un evento stressante potrà mutarla

nessuna delle precedenti

x con la consapevolezza che essa è in continuo mutamento


con la consapevolezza che non può subire alcun mutamento

05. Parlare dell'applicazione dei principi psicodinamici al modello ospedaliero

06. Parlare della scissione nel setting multiprofessionale ospedaliero

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 10/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 008
01. Le osservazioni sugli "assunti di base" sono di

Dollard

x Bion
Melanie Kleine

Anna Freud

02. L'assunto di base della dipendenza può essere visto come

un agglomerato di difese contro il conflitto

un agglomerato di difese contro l'aggressività

x un agglomerato di difese contro l'angoscia


un agglomerato di difese contro la frustrazione

03. Gli effetti di potenziamento della terapia individuale includono

una profonda esplorazione interiore e un'esperienza relazionale correttiva

una profonda esplorazione psicologica e un esperienza reattiva e correttiva

x una profonda esplorazione intrapsichica e un'esperienza emozionale correttiva duale


una profonda esplorazione identificativa e relazionale duale correttiva

04. I gruppi terapeutici ad orientamento dinamico

durano tra i 3 e i 10 incontri massimo e a distanza di 6 mesi c'è un incontro di verifica

durano massimo 5 incontri e tutti i membri devono poi seguire un percorso individuale

hanno generalmente una durata prefissata e nuovi membri si possono aggiungere man mano che gli altri terminano

x non hanno generalmente una durata prefissata e nuovi membri si possono aggiungere man mano che gli altri terminano

05. La nozione di cathexis di Freud significa

comunicazione

clima

cambiamento

x carica

06. Parlare dell'intervento sulla famiglia e la rieducazione psicosociale nei paziendi schizofrenici

07. In che misura la psicoterapia di gruppo può essere efficace per i pazienti schizofrenici?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 11/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 009
01. Lutto e melanconia è un testo di

Adler

x Freud
Jung

Gabbard

02. Il vantaggio di un Setting multiprofessionale rispetto alla terapia individuale consiste nel fatto che

Le rappresentazioni del Sè e dell'oggetto vengono esteriorizzate tutte in una volta sul soggetto stesso attraverso lo staff

Le rappresentazioni del Sè e dell'oggetto del paziente non vengono esteriorizzate tutte in una volta su diversi membri dello staff

x Le rappresentazioni del Sè e dell'oggetto del paziente vengono esteriorizzate tutte in una volta su diversi membri dello staff
Le rappresentazioni del sè e dell'oggetto del paziente vengono esteriorizzate tutte in una volta su uno psicoterapeuta dello staff

03. Le origini della terapia famigliera sistemica fanno riferimento a

Selivini Palazzoli, Boscolo, Cecchin

x G. Bateson, Don Jackson, I. Haley


G. Bateson, Don Jackson, Silverman

Bion, Lewin, Maslow

04. Il cambiamento nella terapia di coppia


x non è responsabilità del terapeuta
è responsabilità del terapeuta

nessuna delle precedenti

è responsabilità di un singolo membro della coppia

05. Parlare delle origini della terapia famigliare sistemica

06. Parlare della psicodinamica del suicidio

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 12/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 010
01. Durante il colloquio psicodinamico

Il terapeuta è libero di comprendere o non comprendere empaticamente il punto di vista del paziente
x si deve comprendere empaticamente il punto di vista del paziente

nessuna delle precedenti

non sempre è necessario comprendere empaticamente il punto di vista del paziente

02. Possono operare a livello inconscio


x gli agenti stressanti

nessuna delle precedenti

la comunicazione verbale

le relazioni con il terapeuta

03. Gli agenti stressanti

x possono operare a livello inconscio


nessuna delle precedenti

solo in stato di ipnosi operano a livello inconscio

non operano assolutamente a livello inconscio

04. Essendo il transfert ubiquitario il paziente

Solo in alcune situazioni di stress riproduce in tutti i propri rapporti gli stessi modelli relazionali del passato

riproduce in tutti i propri rapporti gli stessi modelli relazionali del passato

nessuna delle precedenti

x Non riproduce in tutti i propri rapporti gli stessi modelli relazionali del passato

05. Cosa si intende per comprensione empatica del paziente durante il colloquio ?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 13/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 011
01. Gli psichiatri ad orientamento dinamico preferiscono inserire domande relative all'esame della condizione mentale all'interno del colloquio clinico piuttosto
che aggiungere una lista di domande standardizzate

è vero solo con i pazienti nevrotici

valutano la situazione di volta in volta

x e' vero con tutti i pazienti


è falso in tutti i sensi

02. lo sviluppo deficitario dell'interazione sociale e della comunicazione e una notevole ristrettezza di interessi sono caratteristiche

del disturbo bordeline

x del disturbo autistico


del disturbo di personalità

nessuna delle precedenti

03. Caratteristiche del disturbo autistico sono

lo sviluppo deficitario della relazione con il padre e la mancanza di apertura alle persone

lo sviluppo deficitario del rapporto madre-bambino e i troppi interessi coltivati con poche persone

x lo sviluppo deficitario dell'interazione sociale e della comunicazione e una notevole ristrettezza di interessi
lo sviluppo deficitario dell'interazione con le figure parentali e ascarsa comunicazione

04. Per comprendere la sindrome autistica è meglio

optare per una concezione solo ereditaria

x optare per una concezione multifattoriale


optare per una concezione solo ambientale

optare per una concezione multiassiale

05. Parlare del disturbo autistico

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 14/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 012
01. La valutazione delle funzioni chiave dell'io aiuta nella

comprensione del livello di frustrazione del paziente

x comprensione delle forze e debolezze del paziente


comprensione dell' angoscia del paziente

comprensione delle paure intime del paziente

02. La diagnosi descrittiva può essere d'aiuto

nel programmare adeguati interventi farmacologici da parte dello psicologo

nel programmare adeguati interventi farmacologici da parte dell' operatore sanitario

nel programmare adeguati interventi farmacologici da parte dello psicologo/psicoterapeuta

x nel programmare adeguati interventi farmacologici da parte dello psichiatra

03. Per esaurire una valutazione psicodinamica si dovrebbe arrivare ad una diagnosi descrittiva basata esclusivamente sui criteri del DSM 5

in una valutazione psicodinamica ci si deve basare solo sui dati del colloquio escludendo qualsiasi test e il DSM-5

è falso , in una valutazione psicodinamica, la diagnosi psicodinamica si basa solo ed esclusivamente sull'applicazione di un test proiettivo

è vero, in una valutazione psicodinamica, la diagnosi si può basare esclusivamente sul DSM-5

x e' falso , occorre anche una diagnosi psicodinamica basata sulla comprensione del paziente e della malattia

04. Cosa si intende per diagnosi descrittiva?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 15/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 013
01. I gruppi terapeutici ad orientamento dinamico non hanno generalmente una durata prefissata

Vero , non hanno una durata prefissata ma non si possono aggiungere nuovi membri

falso hanno una durata prefissata di otto incontri e sempre con gli stessi membri

x Vero , non hanno una durata prefissata e si possono aggiungere via via nuovi membri
falso, hanno sempre una durata prefissata di cinque incontri e possono aggiungersi nuovi membri

02. I gruppi terapeutici che non hanno una durata prefissata e in cui si possono aggiungere via via nuovi membri sono ad orientamento

x dinamico
cognitivo

nessuna delle precedenti

comportamentale

03. Gli psicoterapeuti di gruppo non devono essere attenti allo sviluppo degli assunti di base

solo nel trattamento di gruppo dei borderline , non si deve essere attenti allo sviluppo degli assunti di base

solo nel trattamento di gruppo degli psicotici , non si deve essere attenti allo sviluppo degli assunti di base

x falso, gli psicoterapeuti di gruppo devono essere costantemente attenti ali assunti di base
nessuna delle precedenti

04. Il gruppo psicoterapeutico ad orientamento psicodinamico comprende in genere

Da 10 a 20 persone

x Da 8 a 10 persone
meno di 10 persone

Da 15 a 25 persone

05. Cosa significa che gli psicoterapeuti di gruppo devono essere attenti agli "assubti di base" ?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 16/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 014
01. Nelle prime fasi della terapia di coppia il terapeuta

è in sintonia con l'elemento più sicuro della coppia

è in sintonia con l'elemento più debole della coppia

è in sintonia solo con i figli della coppia

x è in sintonia con la soggettività di ciascuna delle due parti

02. La forma di resistenza più comune nella terapia di coppia è

aspettarsi che il terapeuta si allei con un elemento della coppia a scapito dell'altro

aspettarsi che il terapeuta dia le disposizioni per il cambiamento

aspettarsi che il terapeuta decida di sospendere le seduta

x aspettarsi che il terapeuta "aggiusti" l'altro

03. Mentre Bion osservava come i gruppi esercitino una forza regressiva sugli individui, Dicks scopriva

un analogo effetto regressivo a quando il bambino è nel grembo materno

un analogo effetto regressivo all'infanzia

x un analogo effetto regressivo nel matrimonio


un analogo effetto regressivo al rapporto simbiotico con la madre

04. Parlare della resistenza nella terapia di coppia

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 17/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 015
01. Nel setting ospedaliero si riproducono

mantenimento di atteggiamenti di chiusura

x mantenimento di legami d'attacamento


mantenimento di ricordi di quando si stava bene

mantenimento di atteggiamenti di ritiro

02. La teoria psicoanalitica offre modelli d'intervento adeguati ai bisogni relativi alla fase evolutiva del paziente come

x il rispecchiamento empatico
il rispecchiamento soggettivo

il rispecchiamento dell'io

il rispecchiamento oggettivo

03. Un' équipe ospedaliera psicodinamicamente orientata si rende conto che la maggior parte dei pazienti

ha un blocco manifesto

x ha un blocco evolutivo
ha un blocco intuitivo

ha un blocco riflessivo

04. Il rispecchiamento empatico corrisponde a

x modelli d'intervento adeguato ai bisogni relativi alla fase evolutiva del paziente nella terapia psicoanalitica
ad un meccanismo di difesa relativo alla fase evolutiva del paziente nella terapia psicoanalitica

modelli d'intervento adeguato ai bisogni relativi alla fase evolutiva del paziente nella terapia cognitiva

modelli d'intervento adeguato ai bisogni relativi alla fase evolutiva del paziente nella terapia comportamentale

05. Cosa signinifica che i membri dello staff ospedaliero devono adempiere in modo ausiliario alle funzioni dell'io. Quali sono le funzioni dell'io ?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 18/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 016
01. L'ipotesi secondo cui i pazienti schizofrenici non sviluppano legami di transfert venne smentita da

Melanie Klein

x Sullivan
Jung

Freud

02. Chi smentiche che i pazienti schizofrenici non sviluppano legami di transfert

Anna Freud

x Sullivan
Adler

Gabbard

03. Freud arrivò a definire la schizofrenia come


x una regressione in risposta ad un'intensa frustrazione e al conflitto con altre persone

una manifestazione inconscia a un disagio con le persone che crea distanza

una risposta al conflitto intrapsichico generato da un legame simbiotico

una spinta regressiva difficile da controllare che isola il soggetto dal mondo

04. Frieda Fromm-Reichman (1950) evidenziò

nessuna delle precedenti

che non si può sapere se i soggetti schizofrenici siano felici o infelici nel loro stato di ritiro

come i soggetti schizofrenici siano felici nel loro stato di ritiro

x come i soggetti schizofrenici non siano felici nel loro stato di ritiro

05. Tra gli studi famosi condotti sugli effetti della psicoterapia in pazienti schizofrenici citiamo

Lo studio di Berlino del 1980

lo studio di Parigi del 1978

x Lo studio di Boston del 1984


Lo studio di Milano del 1982

06. Parlare della schizofrenia

07. Come definì Freud la schizofrenia ?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 19/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 017
01. Chi distingue tra depressione anaclitica e depressione introiettiva

Freud

Bandura

Adler

x Blatt

02. Freud definì il suicidio

una esplosione dell'io da parte di un super.io accondiscendente

x una vittimizzazione dell'io da parte di un super-io sadico


nessuna delle precedenti

una esplosione del Super-io che non riesce a controllare l'io scisso

03. Freud e la Klein considerano l'aggressività come centrale nella comprensione

x della depressione
della tristezza

della noia

della solitudine

04. Blatt ha descritto due tipologie sottostanti di depressione

x la depressione anaclitica e la depressione introiettiva


la depressione di ritiro e la depressione di apertua

la depressione estraversiva e la depressione intraversiva

la depressione razionale e la depressione irrazionale

05. Quali sono le principali teorie legate alla depressione che ci permettono di cmprendere il processo psicodinamico?

06. Diversi disturbi psichiatrici possono culminare nel suicidio. In che senso possiamo parlare di psicodinamica del suicidio'

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 20/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 018
01. CPS, CENTRO DIURNO, CRT, COMUNITA' TERAPEUTICA sono

x luoghi elettivi per una clinica integrata


luoghi di accoglienza per proporre arteterapia

luoghi dove si somministrano solo farmaci

luoghi per il ricovero dei pazienti con problematiche psichiatriche

02. Chi sostiene che interdisciplinarità e integrazione sono i principi guida a cui gli operatori della salute mentale possono affidarsi con il rispetto delle singole
competenze allo scopo di poter proporre agli utenti il meglio

Blatt

Gabbard

Fenichel

x Bion

03. Chi sottolinea l'importanza dell'integrazione delle straordinarie conoscenze accumulate nel campo della genetica , della neurobiologia con le conoscenze
cliniche per la realizzazione del modello biopsicosociale che fa riferimento a Kandel

x Gabbard
Dollard

Anna Freud

Bion

04. Sono luoghi elettivi per una clinica integrata

CSP, CENTRO NOTTURNO, CRT, COMUNITA' TERAPEUTICA

x CPS, CENTRO DIURNO, CRT, COMUNITA' TERAPEUTICA


CPS, CENTRO DIURNO, CTT, COMUNITA' ANALITICA

CPS, CENTRO OSPEDALIERO, CRT, COMUNITA' FAMILIARE

05. Cosa si intende per modello biopsicosociale che fa riferimento a Kandel?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 21/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 019
01. Secondo Melanie Klein la psicosi maniaco depressiva sarebbe

il riflesso del disagio del del neonato nell'introiettare una buona madre per non fissarsi nellla fase depressiva dell'introiezione di un oggetto cattivo

il riflesso dell' impossibilità del bambino a fissarsi su nuovi oggetti buoni in quanto vive un conflitto intrapsichico per la separazione dall'oggetto buono materno

x il riflesso del fallimento infantile nello stabilire buoni oggetti interni, cioè il riflesso del non essere riusciti a superare la fase depressiva infantile
nessuna delle precedenti

02. Per Adler le dinamiche che sottendono alle condizioni depressive fanno riferimento a

x tentativo da parte del soggetto di uscire da un complesso di inferiorità


tentativo da parte del soggetto di uscire da una situazione di difficoltà ad esprimere il proprio sentimento sociale

tentativo da parte del soggetto di gestire l'elevato stato d'ansia causato dalla sua protesta virile

tentativo da parte del soggetto di vincere le paure nel presente che impediscono l'orientamento teleologico

03. Per la Klein le fasi maniacali

sono tentativi estremi di innalzamento degli oggetti non buoni per distruggerli e recuperare gli oggetti buoni

sono tentativi di allontanare gli oggetti interni cattivi che sono all'origne del disagio per affermare il proprio oggetto superiore

x sono tentativi di recuperare gli oggetti buoni, disconoscendo gli oggetti cattivi interni
sono tentativi estremi di innalzamento di tutti gli oggetti buoni che permettono la massima espressione del Sé

04. Parlare delle fasi maniacali secondola Klein

05. Quali sono le caratteristiche della psicosi maniaco depressiva ?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 22/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 020
01. Interpretare, in terapia, vuol dire

smascherare, decodificare e svelare i contenuti del "linguaggio conscio"

individuale, decodificare e riassumere i contenuti del "linguaggio dell'inconscio"

x smascherare, decodificare e svelare i contenuti del "linguaggio dell'inconscio"


nascondere, decodificare e svelare i contenuti del "linguaggio conscio"

02. Il setting prescelto dalla scuola della Psicologia individuale

x Terapeuta seduto di fronte o di fianco al soggetto


Terapeuta e paziente seduti a fianco su una panchina

Terapeuta seduto dietro al lettino sul quale è sdraiato il soggetto

nessuna delle precedenti

03. La psicologia individuale attribuisce rilievo

solo ed esclusivamente alle cause, non sono rilevanti le finalità

in minima parte alle finalità per poter individuare subitole le cause del disagio

x non solo alle cause ma anche alle finalità delle attività inconsapevoli
solo ed esclusivamente alla ricerca di un'unica causa profonda che sta sempre alla base del disagio

04. Il trattamento psicoterapeutico adleriano può essere scomposto in

6 fasi

5 fasi

x 3 fasi
4 fasi

05. Parlare delle fasi del trattamento psicoterapeutico adleriano

06. Parlare del setting terapeutico prescelto dalla scuola della Psicologia individuale

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 23/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 021
01. La psicologia individuale imposta l'interpretazione del linguaggio dell'inconscio tenendo conto

della "logica comune " cui gli individui fanno riferimento

della logica "soggettiva" di ciascun individuo

x della "logica privata"di ciascun individuo


della logica "oggettiva" di tutti gli individui

02. Parenti definisce il simbolo come

un oggetto astratto che si concretizza allo scopo di esprimere un significato che sviluppa uno stato emotivo

un oggetto universale derivante da una matrice culturale in continuo mutamento

x un oggetto concreto che rappresenta un concetto astratto , allo scopo di enfatizzarne le implicazioni emotive e la forza espressiva
un oggetto astratto che origina dall' inconscio collettivo e si concretizza in una modalità concreta ed espressiva

03. Il metodo analogico-intuitivo è indicato per

l'intepretazioni del primi ricordi in età adulta

x l'intepretazioni del primi ricordi infantili


l'intepretazioni del primi ricordi adolescenziali

l'intepretazione del sogno

04. Per l'interpretazione dei primi ricordi infantili il metodo in uso è

oggettivo-intuitivo

Intuitivo-associativo

analogico-passivo

x analogico-intuitivo

05. Come imposta la psicoanalisi la teoria del sogno?

06. Come impota la psicologia individuale la teoria del sogno?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 24/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 022
01. Adler raccomanda di prestare attenzione

se il paziente ha intercalari nella comunicazione

se il paziente si presenta curato o trascurato

se il paziente ha subito un intervento chirurgico nel passato

x al primo ricordo d'infanzia del paziente

02. L'accordo analitico , secondo la psicologia individuale, riguarda

possibilità di disdire la seduta. Non obbligo di un orario definito,onorario

x cadenza delle sedute, orario, puntualità, garanzia di riservatezza, onorario


giornate definite per le sedute , costo di ciascuna seduta

luoghi dove si svolgeranno le sedute, orari fissati,aspettative rispetto alle sedute

03. Chi raccompanda di prestare attenzione al primo ricordo d'infanzia del paziente

Klein

x Adler
Gabbard

Freud

04. Cosa si intende per accordo analitico secondo la psicologia individuale?

05. Presentare il caso di Marinella alla lezione 22

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 25/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 023
01. Possiamo parlare in Marinella di

sindrome del bambino viziato

x sindrome del bambino odiato


sindrome del bambino troppo amato

nessuna delle precedenti

02. Gli elementi disturbanti maggiormente avvertiti da Marinella sono

il senso di difficoltà con i parenti lontani e la frustrata relazione

con i l suo capo nel lavoro e la frustrata realizzazione

x il senso d'isolamento e la frustrata sessualità


il senso di difficoltà con le amiche e la frustrata vitalità

03. Nel sogno riportato, Marinella si trova

nella camera dei figli

nella piazza della città

x a casa dei nonni


nessuna delle precedenti

04. Nel caso di Marinella esiste un dubbio riguardo

alla diagnosi di disturbo compulsivo-ossessivo

x alla diagnosi di depressione


alla diagnosi di disturbo dell'alimentazione

alla diagnosi di disturbo della personalità

05. In che cosa consiste la tecnica proposta dalla psicologia individuale per l'esplorazione dei primi ricordi?

06. Che differenza c'è rapporto e ricordo ?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 26/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 024
01. Nella psicoterapia adleriana il primo colloquio prevede

descrizione del sintomo, descrizione delle paure ad esso connesse, previsione della durata del trattamento e accordo terapeutico

x motivazione del ricorso alla terapia, ricostruzione della situazione attuale attraverso l'analisi dei tre compiti vitali, anamnesi psicopatologica mascherata, accordo
terapeutico

nessuna delle precedenti

descrizione del motivo per cui si ricerca uno psicoterapeuta, accordo sui tempi di cura e definizione del supporto farmacologico e accordo terapeutico

02. L'accordo terapeutico è

un accordo solo economico

x un patto di collaborazione
un accordo neutrale

un accordo solo emotivo

03. Ai fini della psicodiagnostica : i primi ricordi devono essere

dei rapporti

dei ricordi raccontati dalla madre

x dei veri ricordi


dei ricordi che appaiono in sogno

04. Se usata correttamente , l'esplorazione dei primi ricordi è una tecnica che assume caratteristiche

test di personalità

x di test proiettivo
test dell'empatia

nessuna delle precedenti

05. Quanti sono i momenti elencati da Pagani nella psicoterapia adleriana

x 3

06. Parlare dei tre compiti vitali secondo la Psicologia individuale

07. In riferimento al caso di Marinella , quale cambiamento mette in atto la paziente attraverso il percorso psicoterapeutico?

08. A conclusione del percorso psicoterapeutico di Marinella , qual è il sogno riportato e qual è il suo significato ?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 27/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 025
01. C'è una situazione clinica tipica della maniacalità che Binswanger ha denominato

x fuga delle idee


fuga del sentimento

fuga del desiderio

fuga dell'attenzione

02. un costante rimorso e senso di colpa perchè il tempo cessa di scorrere appartiene a

schiziofrenia

bulimia

x depressione
anoressia

03. Nella depressione si ha

x un costante rimorso e senso di colpa perchè il tempo cessa di scorrere


un costante senso di inadeguatezza perchè non si riesce a contrastare il tempo scorre

un costante senso di potere nonostante il tempo sia immobile

un costante senso di dominio delle cose perchè l'orizzonte esistenziale è ristretto

04. C'è una situazione clinica tipica della maniacalità che Binswanger ha denominato

fuga dell'attenzione

fuga del desiderio

fuga del sentimento

x fuga delle idee

05. Nella depressione si ha

un costante senso di potere nonostante il tempo sia immobile

un costante senso di dominio delle cose perchè l'orizzonte esistenziale è ristretto

un costante senso di inadeguatezza perchè non si riesce a contrastare il tempo scorre

x un costante rimorso e senso di colpa perchè il tempo cessa di scorrere

06. Nella prima fase del trattamento psicoterapeutico adleriano l'obiettivo è

attivare il cambiamento sulla base delle prime riflessioni

x comprendere il soggetto e i suoi problemi


prendere consapevolezza del carattere fittizio della meta

modificare subito il proprio stile di vita

07. Nella prima fase del trattamento psicoterapeutico adleriano l'obiettivo è

x comprendere il soggetto e i suoi problemi


modificare subito il proprio stile di vita

attivare il cambiamento sulla base delle prime riflessioni

prendere consapevolezza del carattere fittizio della meta

08. Cosa intende Binswanger con "fuga delle idee"?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 28/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 026
01. In una patologia quale quella borderline possiamo parlare

di estensione di identità e allungamento del tempo

di allargamento di identità e deterioramento del tempo

x di diffusione di identità e frammentazione del tempo


di intrusione di identità e diluizione del tempo

02. Il vuoto cronico è una caratteristica

della struttura depressiva

x della struttura borderline


nessuna delle precedenti

della stuttura maniacale

03. Autore di riferimento per lo studio della condizione borderline è

Mayo

Bateson

Lacan

x Otto Kernberg

04. Caratteristica della struttura borderline è

il vuoto interiore
x il vuoto cronico

Il vuoto irrazionale

il vuoto somatizzato

05. In una patologia quale quella borderline possiamo parlare

di allargamento di identità e deterioramento del tempo

di estensione di identità e allungamento del tempo

di intrusione di identità e diluizione del tempo

x di diffusione di identità e frammentazione del tempo

06. Autore di riferimento per lo studio della condizione borderline è

Mayo

x Otto Kernberg
Bateson

Lacan

07. Caratteristica della struttura borderline è

Il vuoto irrazionale

il vuoto somatizzato
x il vuoto cronico

il vuoto interiore

08. Quali sono le caratteristiche della struttura borderline?

09. Parlare della dimensione temporale nella quale vive il paziente borderline

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 29/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 027
01. Chi utilizza gli altri per le proprie finalità soffre di

disturbo borderline

disrtubo maniaco depressiva

x disturbo nascisistico di personalità


disturbo ossessivo - compulsivo

02. Esistono due forme di disturbo narcisistico di personalità che possono essere differenziate in

vigile e assente

assente e inconsapevole

inconsapevole e vigile

x ipervigile e inconsapevole

03. Nel disturbo paranoide di personalità si evidenzia


x sfiducia e sospettosità diffusa nei confronti degli altri e del mondo

idea di vivere in un mondo giusto e in cui si può riporre piena fiducia senza il pericolo di essere ingannati

fiducia ed eccessivo attaccamento agli altri per insicurezza di base

idea di poter sfruttare gli altri e ottenerne vantaggi

04. Il soggetto con disturbo narcisitico di personalità


x utilizza gli altri per le proprie finalità
intrattiene con il mondo esterno un rapporto armonico

si conforma e assoggetta alle esigenze degli altri

viene strumentalizzato dagli altri

05. Esistono due forme di disturbo narcisistico di personalità che possono essere differenziate in

x ipervigile e inconsapevole
inconsapevole e vigile

assente e inconsapevole

vigile e assente

06. Nel disturbo paranoide di personalità si evidenzia

idea di vivere in un mondo giusto e in cui si può riporre piena fiducia senza il pericolo di essere ingannati

idea di poter sfruttare gli altri e ottenerne vantaggi

fiducia ed eccessivo attaccamento agli altri per insicurezza di base

x sfiducia e sospettosità diffusa nei confronti degli altri e del mondo

07. Il soggetto con disturbo narcisitico di personalità

x utilizza gli altri per le proprie finalità


si conforma e assoggetta alle esigenze degli altri

intrattiene con il mondo esterno un rapporto armonico

viene strumentalizzato dagli altri

08. Quali disturbi fanno parte del cluster B ( descriverli )

09. parlare del disturbo narcisistico di personalità

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 30/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 028
01. Per disfunzioni sessuali si intendono
x i disturbi che ostacolano o impediscono il rapporto sessuale
nessuno dei precedenti

i disturbi che ostacolano o impediscono il rapporto sessuale per difficoltà prevalente dell' uomo

i disturbi che ostacolano o impediscono il rapporto sessuale per difficoltà prevalente della donna

02. I disturbi che ostacolano o impediscono il rapporto sessuale appartengono

alle disfunzioni sociali

alle disfunzioni relazionali

x alle disfunzioni sessuali


alle disfunzioni emotive

03. I soggetti con disturbi d'identità di genere

non percepiscono una incongruenza tra il proprio sesso anatomico e l'identità di genere

solo nei primi anni di vita percepiscono una incongruenza tra il proprio sesso anatomico e l'identità di genere

x percepiscono una incongruenza tra il proprio sesso anatomico e l'identità di genere


solo in età adulta percepiscono una incongruenza tra il proprio sesso anatomico e l'identità di genere

04. I soggetti con disturbi d'identità di genere

solo nei primi anni di vita percepiscono una incongruenza tra il proprio sesso anatomico e l'identità di genere

x percepiscono una incongruenza tra il proprio sesso anatomico e l'identità di genere


non percepiscono una incongruenza tra il proprio sesso anatomico e l'identità di genere

solo in età adulta percepiscono una incongruenza tra il proprio sesso anatomico e l'identità di genere

05. L'identità di genere

non è il senso interiore di appartenenza al genere maschile o femminile

è il vivere un ruolo egodistonico in un corpo che non ti appartiene come genere

x è il senso interiore di appartenenza al genere maschile o femminile


è il vivere un ruolo egosintonico in un corpo che non ti appartiene come genere

06. L'identità di genere

non è il senso interiore di appartenenza al genere maschile o femminile

x è il senso interiore di appartenenza al genere maschile o femminile


è il vivere un ruolo egosintonico in un corpo che non ti appartiene come genere

è il vivere un ruolo egodistonico in un corpo che non ti appartiene come genere

07. Parlare delle disfunzioni sessuali

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 31/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 029
01. Garner afferma che

x tra anoressia e bulimia esiste un legame


tra anoressia e schizofrenia esiste un legame

tra anoressia e bulimia non esiste un legame

tra anoressia e buimia il legame è parziale

02. Chi afferma che tra anoressia e bulimia esiste un legame?

Mayo

x Garner
Osborn

Bruch

03. Secondo quale autore "anoressia e bulimia hanno poco in comune in quanto il comportamento dell'anoressica è rigido e quello della bulimica è indisciplinato
"

Garfinkel

Garner

Yager

x Bruch

04. Le pazienti anoressiche sembrano mostrare un miglioramento quando

x l'approccio terapeutico è combinato e costituito da psicoterapia della famiglia e psicoterapia individuale


l'approccio terapeutico è solo psicoterapia di gruppo

l'approccio terapeutico e solo psicoterapia della famiglia

l'approccio terapeutico è solo psicoterapia individuale

05. Le pazienti anoressiche sembrano mostrare un miglioramento quando

l'approccio terapeutico e solo psicoterapia della famiglia

l'approccio terapeutico è solo psicoterapia individuale

x l'approccio terapeutico è combinato e costituito da psicoterapia della famiglia e psicoterapia individuale


l'approccio terapeutico è solo psicoterapia di gruppo

06. Secondo quale autore "anoressia e bulimia hanno poco in comune in quanto il comportamento dell'anoressica è rigido e quello della bulimica è indisciplinato
"
x Bruch
Yager

Garner

Garfinkel

07. Quali sono le principali modificazioni fisiche e psicologiche caratteristiche dell'anoressia

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 32/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 030
01. Perdere il lavoro, perdere la sicurezza sul lavoro può portare il soggetto a manifestare sintomi

x aspecifici, somatici, psicologici


psicologici, deficitari,somatici

definiti, interni,assimilati

specifici, deficitari, somatici

02. Se prendiamo in considerazione l'eziopatogenesi dei disturbi dell'alimentazione possiamo distinguere fattori

soggettivi, relazionali,culturali

individuali,sociali,biologici

x predisponenti,precipitanti, perpetuanti
individuali, familiari, culturali

03. Le dipendenze possono essere associate a

x compulsività
inattività

sedentarietà

affaticamento

04. Sintomi aspecifici, somatici, psicologici si possono riscontrare in una persona che

Perde la fiducia in sé stesso

x Perde il lavoro e la sicurezza sul lavoro


Perde una persona cara

nessuna delle precedenti

05. Se prendiamo in considerazione l'eziopatogenesi dei disturbi dell'alimentazione possiamo distinguere fattori

soggettivi, relazionali,culturali

individuali,sociali,biologici

individuali, familiari, culturali

x predisponenti,precipitanti, perpetuanti

06. Parlare del rapporto tra dipendenze e disagio psichiatrico

07. Parlare delle dipendenze

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 33/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 031
01. Yager ritiene che

nei casi di anoressia è fondamentale personalizzare il piano terapeutico


x nei casi di bulimia è fondamentale personalizzare il piano terapeutico

nei casi di anoressia non è fondamentale personalizzare il piano terapeutico

nei casi di bulimia NON è fondamentale personalizzare il piano terapeutico

02. Per quanto riguarda la bulimia si può dire che è assimilabile al

al disturbo depressivo

x disturbo borderline
al disturbo paranoide

al disturbo ossessivo

03. Un autore di riferimento per lo studio della condizione Borderline è

Bion

Anna Freud

Freud

x Otto Kernberg

04. Un autore di riferimento per lo studio della condizione Borderline è

Freud

Anna Freud

Bion

x Otto Kernberg

05. Per quanto riguarda la bulimia si può dire che è assimilabile al

al disturbo ossessivo

al disturbo paranoide

x disturbo borderline
al disturbo depressivo

06. Quale autore ritiene che nei casi di bulimia è fondamentale personalizzare il piano terapeutico

Bateson

Bion

x Yager
Haley

07. In che senso è possibile affermare che la bulimia è assimilabile al disturbo borderline?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 34/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 032
01. Una serie di incontri, necessari alla raccolta il più completa del materiale informativo, utile a definire un eventuale trattamento si riferisce

all'intervista

x al primo colloquio
al secondo colloquio

al colloqui di lavoro

02. Il concetto di stile di vita comprende in sé la rappresentazione più completa di Il concetto di stile di vita comprende in sé la rappresentazione più completa di

vitalità

attività

x personalità
produttività

03. Alfred Adler riconosce nell'essere umano due istanze fondamentali

volontà di supremazia e sentimento di condivisione

x volontà di potenza e sentimento sociale


volontà di affermazione e sentimento collettivo

volontà di potere e sentimento di superiorità sugli altri

04. Quando si parla di primo colloquio ci riferiamo

ad un colloquio anamnestico specialistico ad orientamento psicodinamico per definire il trattamento

x a una serie di incontri necessari alla raccolta il più completa possibile del materiale informativo utile a definire un eventuale trattamento
a due colloqui specialistici ad orientamento psicodinamico per definire il trattamento

un costante senso di inadeguatezza perchè non si riesce a contrastare il tempo scorre

05. Secondo Adler lo stile di vita si sviluppa nell'infanzia tra

5/7 anni

2/3 anni

1/3 anni

x 4/5 anni

06. Alfred Adler riconosce nell'essere umano due istanze fondamentali

x volontà di potenza e sentimento sociale


volontà di affermazione e sentimento collettivo

volontà di supremazia e sentimento di condivisione

volontà di potere e sentimento di superiorità sugli altri

07. Il concetto di stile di vita comprende in sé la rappresentazione più completa di


x personalità
vitalità

attività

produttività

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 35/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

08. Secondo Adler lo stile di vita si sviluppa nell'infanzia tra

1/3 anni

5/7 anni

x 4/5 anni
2/3 anni2/3 anni

09. Cosa si intende per primo colloquio secondo il modello della psicologia individuale?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 36/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 033
01. L'anamnesi psicopatologica mascherata è

l'analisi della costellazione familiare

la raccolta dei primi ricordi

la verifica del trattamento farmacologico

x l' accertamento o esclusione di una eventuale patologia

02. stipulare l' accordo terapeutico è necessario

x alla fine del primo colloquio se ci sono i presupposti


all'inizio del primo colloquio se ci sono i presupposti

alla fine del secondo colloquio se ci sono i presupposti

durante primo colloquio se ci sono i presupposti

03. Il paziente ci presenta una realtà

oggettiva e condivisa da tutte le persone con le quali si relaziona

adattata alle sue esigenze ma non filtrata

trasformata dalle influenze delle persone che vivono con lui

x filtrata attraverso la propria valutazione soggettiva

04. Alla fine del primo colloquio è necessario , se ci sono i presupposti

rimandare l'accordo terapeutico a distanza di qualche mese

x stipulare l' accordo terapeutico


far scegliere al paziente se vuol stipulare un accordo terapeutico

iniziare il percorso senza stipulare un accordo terapeutico

05. L'anamnesi psicopatologica mascherata è

x l' accertamento o esclusione di una eventuale patologia


la verifica del trattamento farmacologico

l'analisi della costellazione familiare

la raccolta dei primi ricordi

06. Il paziente ci presenta una realtà

oggettiva e condivisa da tutte le persone con le quali si relaziona

x filtrata attraverso la propria valutazione soggettiva


trasformata dalle influenze delle persone che vivono con lui

adattata alle sue esigenze ma non filtrata

07. Quali sono i temi che si trattano in un primo colloquio

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 37/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 034
01. Lo psicoterapeuta

Può prendere in carico fratelli o sorelle del paziente che sta seguendo

può tranquillamente prendere in carico parenti , amici e conoscenti di persone che sta seguendo

x non deve prendere in carico famigliari, amici, conoscenti di persone che sta seguendo
può prendere in carico esclusivamente i genitori del paziente che sta seguendo

02. Uno tra gli obiettivi principali del primo colloquio è

l'analisi dei ricordi

l'analisi dei sogni

x l'analisi della motivazione


l' analisi dei progetti futuri

03. Nell'ottica adleriana l' aggressività è vista come


x energia primordiale non ancora ben disciplinata
ostacolo a uno sviluppo armonico dello stile di vita

energia vitale ben canalizzata e disciplinata

derivazione della frustrazione

04. Nell'ottica adleriana l' aggressività è vista come

x energia primordiale non ancora ben disciplinata


derivazione della frustrazione

ostacolo a uno sviluppo armonico dello stile di vita

energia vitale ben canalizzata e disciplinata

05. Cosa deve fare lo psicoteraputa

può tranquillamente prendere in carico famigliari, amici, conoscenti di persone che sta seguendo

nessuna delle precedenti

x deve prendere in carico famigliari, amici, conoscenti di persone che sta seguendo
non deve prendere in carico famigliari, amici, conoscenti di persone che sta seguendo

06. Uno tra gli obiettivi principali del primo colloquio è

l'analisi dei ricordi

l'analisi dei sogni

l' analisi dei progetti futuri

x l'analisi della motivazione

07. Parlare dell'analisi della motivazione ( uno degli obiettivi principali) durante il primo colloquio

08. cosa si intende per costellazione famigliare, secondo la psicologia individuale?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 38/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 035
01. Nel disegno della famiglia è importante

valutare l'ordine di grandezza delle persone , come sono stati disegnati gli abiti che indossano e se ci sono accessori

valutare se le persone sono disegnate all'aperto o in casa , se sono disegnate in ordine di età

valutare se le figure sono ben delineate ,quante persone sono state disegnate e i nomi che vengono attribuiti ai componenti disegnati

valutare la prima persona che viene disegnata, le persone assenti e presenti nel disegno, l'ordine di stesura dei componenti famigliari

02. Possiamo definire le figure genitoriali che partecipano alla cura del bambino, rivisitando la loro funzione genitoriale al fine di migliorare il rapporto con il
minore

agenti positivi

agenti accudenti

agenti curanti

x agenti terapeutici

03. Nel disegno della famiglia è importante

valutare se le figure sono ben delineate ,quante persone sono state disegnate e i nomi che vengono attribuiti ai componenti disegnati

valutare se le persone sono disegnate all'aperto o in casa , se sono disegnate in ordine di età

valutare la prima persona che viene disegnata, le persone assenti e presenti nel disegno, l'ordine di stesura dei componenti famigliari

valutare l'ordine di grandezza delle persone , come sono stati disegnati gli abiti che indossano e se ci sono accessori

04. Possiamo definire le figure genitoriali che partecipano alla cura del bambino, rivisitando la loro funzione genitoriale al fine di migliorare il rapporto con il
minore

agenti curanti

x agenti terapeutici
agenti accudenti

agenti positivi

05. Raccogliere tutti i dati riguardanti la famiglia di origine del soggetto viene individuata come

nessuna delle precedenti

x Analisi della costellazione familiare


Analisi del rapporto materno

Analisi del rapporto paterno

06. Analizzare la costellazione famigliare significa

raccogliere tutti i dati riguardanti la famiglia d'origine materna del soggetto

x raccogliere tutti i dati riguardanti la famiglia di origine del soggetto


raccoglier tutti i dati della famiglia d'origine dei nonni paterni e materni del soggetto

raccogliere tutti i dati riguardanti la famiglia d'origine paterna del soggetto

07. in che senso al concetto di "stadio" si preferisce il concetto di "percorso di sviluppo"

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 39/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 036
01. Il processo diagnostico in età evolutiva comprende tre attività complementari

x comprendere, descrivere, spiegare


verificare,decidere,convincere

prevedere,favorire,definire

definire,controllare,agire

02. Al concetto di stadio è preferibile

x percorso di sviluppo
percorso di vita

percorso di crescita

percorso definito

03. Per quanto concerne lo sviluppo cognitivo , sociale ed affettivo si parla di

percorsi attuativi

x percorsi possibili
percorsi obbligati

percorsi definiti

04. Il processo diagnostico in età evolutiva comprende tre attività complementari

verificare,decidere,convincere

definire,controllare,agire

x comprendere, descrivere, spiegare


prevedere,favorire,definire

05. Si preferisce l'uso del termine "percorso di sviluppo" al posto del concetto di

relazione

processo

comportamento

x stadio

06. Per quanto concerne lo sviluppo cognitivo , sociale ed affettivo si parla di

percorsi definiti

percorsi attuativi

x percorsi possibili
percorsi obbligati

07. Il problema della diagnosi in età evolutiva è particolarmente complesso e implica tre attività complementari ( descriverle)

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 40/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 037
01. Il comportamento negativistico , ostile , disobbediente nei confronti di figure dotate di autorità caratterizza

La sindrome dell'X fragile

la sindrome di Prader Willi

x il disturbo oppositivo /provocatorio


il disturbo della condotta

02. Aggressione a persone o ad animali, gravi violazione di regole caratterizzano

disturbo autistico

il disturbo di Rett

x il disturbo della condotta


il disturbo da movimenti stereotipati

03. Il disturbo da deficit d'attenzione /iperattività è caratterizzato da

Distrazione, iperattività, impulsività

Disattenzione, iperattività, aggressività

x Disattenzione, iperattività, impulsività


Disattenzione, agitazione, impulsività

04. Il comportamento negativistico , ostile , disobbediente nei confronti di figure dotate di autorità caratterizza

il disturbo della condotta

La sindrome dell'X fragile

x il disturbo oppositivo /provocatorio


la sindrome di Prader Willi

05. Disattenzione,iperattività,impulsività caratterizzano

il disturbo oppositivo provocatorio

il disturbo d'ansia da separazione

x il disturbo da deficit d'attenzione /iperattività


il disturbo della condotta

06. Aggressione a persone o ad animali, gravi violazione di regole caratterizzano

il disturbo di Rett

il disturbo da movimenti stereotipati

x il disturbo della condotta


disturbo autistico

07. Parlare del disturbo della condotta

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 41/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 038
01. Un 'ansia eccessiva riguardante la separazione da casa o da coloro a cui il soggetto è attaccato che inizia prima dei 18 anni e dura almeno quattro settimane
caratterizza

Il disturbo di Rett

x il disturbo ansia da separazione


Il disturbo autistico

Il disturbo di asperger

02. La persistente incapacità di parlare in situazioni sociali specifiche quando ci si aspetta che si parli nonostante parlare sia possibile in altre situazioni
caratterizza il cosiddetto

sindrome di Prader-Willy

Disturbo di Rett

x mutismo selettivo
Sindrome di Williams

03. Un comportamento motorio ripetitivo e afinalistico che interferisce notevolmente con le attività normali o causa lesioni corporee autoprovocate caratterizza

Disturbo oppositivo provocatorio

x Il disturbo dei movimenti stereotipati


I disturbi generalizzati dello sviluppo

La disabilità intellettiva

04. Un 'ansia eccessiva riguardante la separazione da casa o da coloro a cui il soggetto è attaccato che inizia prima dei 18 anni e dura almeno quattro settimane
caratterizza

Il disturbo di Rett

Il disturbo di asperger

x il disturbo ansia da separazione


Il disturbo autistico

05. Il disturbo dei movimenti stereotipati è caratterizzato da

Un comportamento motorio non ripetitivo e afinalistico che interferisce notevolmente con le attività normali o causa lesioni corporee autoprovocate

Un comportamento motorio ripetitivo e finalistico che non interferisce con le attività normali o causa lesioni corporee autoprovocate

Un comportamento motorio quotidiano e finalistico che interferisce notevolmente con le attività normali o causa lesioni corporee autoprovocate

x Un comportamento motorio ripetitivo e afinalistico che NON interferisce con le attività normali ma causa lesioni corporee autoprovocate

06. Quali sono le principali caratteristiche del disturbo d' ansia da separazione?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 42/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 039
01. Nei maschi è più comune il disturbo di Asperger

Falso è più comune nelle femmine

Falso, è comune sia nei maschi che nelle femmine

nessuna delle precedenti

x Vero è più comune nei maschi


02. In quale disturbo dopo un periodo di sviluppo normale si assiste tra i 5 e i 48 mesi ad un rallentamento della crescita del cranio e a un grave ritardo
psicomotorio

x Disturbo di Rett

Disabilità intellettiva

Sindrome dell'X-fragile

Disturbo autistico

03. Il disturbo di Rett è stato diagnosticato

Solo nei maschi

Sia nei maschi che nelle femmine

Nessuna delle precedenti

x Solo nelle femmine

04. Il disturbo di Asperger sembra essere più comune nei

Nessuno delle precedenti

Femmine

In entrambi

x Maschi

05. In quale disturbo dopo un periodo di sviluppo normale si assiste tra i 5 e i 48 mesi ad un rallentamento della crescita del cranio e a un grave ritardo
psicomotorio

Disturbo autistico

Sindrome dell'X-fragile

Disabilità intellettiva

x Disturbo di Rett

06. Il disturbo di Rett è stato diagnosticato

Solo nei maschi

Nessuna delle precedenti

x Solo nelle femmine

Sia nei maschi che nelle femmine

07. Parlare del disturbo di Asperger

08. Parlare del mutismo selettivo

09. Parlare del disturbo di Rett

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 43/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 040
01. Le tre fasi del processo diagnostico in età evolutiva sono

x Comprendere, descrivere, spiegare

Leggere, descrivere, spiegare

Comprendere, descrivere, documentare

Comprendere, riassumere, spiegare

02. Comprendere, descrivere, spiegare sono

tre fasi del processo mnemonico

tre caratteristiche del processo di apprendimento

tre aspetti del comportamento del soggetto

x tre fasi del processo diagnostico in età evolutiva

03. Quale autore afferma "Come i tratti del carattere non possono esistere e svilupparsi separatamente dalla persona a cui appartengono, allo stesso modo il
sentimento comunitario può destarsi e crescere solo nel contesto sociale"

Jung

Alexander

Freud

x Adler

04. Per quanto riguarda un bambino , la famiglia della costellazione è quella

x in cui vive e quindi il luogo principale della strutturazione dello stile di vita
è quella in cui nasce ma non necessariamente il luogo in cui si strutturano le sue relazioni familiari

Nessuna delle precedenti

è quella in cui nasce e vive con i genitori e dalla quali non si separa

05. Il concetto di "percorso di sviluppo " sostituisce

il concetto di arrivo

il concetto di tappa

il concetto di inizio

x il concetto di stadio

06. Di quale autore è e cosa significa l'affermazione "Come i tratti del carattere non possono esistere e svilupparsi separatamente dalla persona a cui
appartengono, allo stesso modo il sentimento comunitario può destarsi e crescere solo nel contesto sociale"

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 44/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 041
01. Il termine Ritardo mentale è stato sostituito nel DSM-5 con

disabilità dell'intelligenza

x disabilità intellettiva

disabilità intellettuale

disabilità generalizzata

02. Nel modello triarchico di Sternberg e Spear si definiscono tre dimensioni del funzionamento intellettivo

x metacomponenti, componenti di prestazione, componenti di acquisizione

Nessuna delle precedenti

metaprestazione, metacquisizione,coponenti

metaproposizione,metadefinizione,metaprestazione

03. Il livello di gravità è oggi stabilito in base a

metadefinizione, metacomposizione, metaespressione

funzionamento adattivo

funzionamento affettivo

x punteggi del QI

04. Il termine disabilità intellettiva ha sostituito nel DSM-5 il termine

Ritardo intellettivo

nessuna delle precedenti

x Ritardo mentale

Ritardo cognitivo

05. Parlare del modello triarchico di Sternberg e Spear

06. Parlare della disabilità intellettiva secondo il DSM5

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 45/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 042
01. L'anomalia costituita dalla presenza di un sito fragile localizzato nella parte terminale del braccio lungo del cromosoma x si chiama

x sindrome dell' X fragile

sindrome di Down

sindrome di Prader Willi

sindrome di Williams

02. Iperfagia compulsiva , obesità, bassa statura, mani e piedi piccoli, scoliosi sono alcune caratteristiche

sindrome di Williams

sindrome x fragile

sindrome di Down

x della sindrome di Prader Willi

03. Alcune caratteristiche della sindrome di Angelmann sono

x riso immotivato, crisi di pianto, microcefalia, diagnosi precoce 7-11 mesi, atassia , grave compromissione del linguaggio

riso immotivato, crisi epilettiche, microcefalia, diagnosi precoce 20 -30 mesi, atassia , grave compromissione del linguaggio

apatia, crisi epilettiche, microcefalia, diagnosi precoce 7-11 mesi, atassia , grave compromissione del linguaggio

riso immotivato, crisi epilettiche, microcefalia, diagnosi precoce 7-11 mesi, atassia , nessuna compromissione del linguaggio

04. riso immotivato, crisi epilettiche, microcefalia, diagnosi precoce 7-11 mesi, atassia , grave compromissione del linguaggio sono alcune caratteristiche

sindrome di Prader Willi

x della sindrome di Angelmann

SIndrome dell'X-fragile

sindrome di Williams

05. Parlare della sindrome di Williams

06. Parlare della sindrome di Down

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 46/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 043
01. Quale metodologia ritiene possibile ottenere una modificazione cognitiva attraverso un mediatore , correggendo le funzioni cognitive carenti e incrementando
l' autoconsapevolezza del processo cognitivo

x metodologia di Feurstein

metodologia di Demetrio

metodologia di Bion

metodologia di Pagani

02. La capacità di comprendere gli stati mentali delle altre persone , al fine di spiegare e predire il comportamento è una caratteristica dalla

teoria del comportamento

x teoria della mente

teoria della previsione

teoria della comprensione

03. Una caratteristica della teroria delle mente è

nessuna delle precedenti

x La capacità di comprendere gli stati mentali delle altre persone , al fine di spiegare e predire il comportamento

La capacità di comprendere gli stati amotivi delle altre persone , al fine di spiegare e predire il comportamento

La capacità di riassumere gli stati mentali delle altre persone , al fine di spiegare e predire gli atteggiamenti

04. Possiamo osservare un deficit nel rappresentare gli altri e la mente degli altri, cioè un deficit metareppresentazionale

nei soggetti con disagio psicologico in genere

x nei soggetti autistici

Nessuna delle precedenti

nei soggetti che tendono a somatizzare

05. Parlare della teoria della mente

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 47/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 044
01. L'empatia è

un grado molto elevato di rigidità delle funzioni emotive

x una vera abilità di mettersi nei panni dell'altro


una risonanza immediata per situazioni che hanno affinità con la nostra storia

una generica simpatia

02. L'empatia è

x il risultato di un ascolto attivo


il risultato di un ascolto a volte attivo e avolte passivo

il risultato di un ascolta attento

il risultato di un ascolto della comunicazione non verbale

03. Chi definisce l'empatia "la capacità di mettersi al posto dell'altro , di vedere il mondo come lo vede costui..."

Lewin

Bion

x Rogers
Maslow

04. Quali auori considerano la comunicazione empatica come "un'esperienza affettiva di condivisione"

Eisemberg e Stanley

Elbark e Stanley

x Eisemberg e Strayer
Elbark e Strayer

05. Parlare dell'empatia secondo Rogers

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 48/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 045
01. Lo psicodramma è una tecnica psicoterapeutica di gruppo messa a punto nel 1946 da

Freud

Adler

Pagani

x Moreno

02. In che hanno Moreno mette a punto la tecniche dello psicodramma

1996

x 1946
1986

1956

03. Quale autore ritiene che "Il tema della cura , attraverso il narrare e il narrarsi , in un'ottica di lettura psicodinamica, divengono espressione della possiblità di
migliorare i rapporti tra gli individui"

x Demetrio
Parenti

Cancrini

Quaglino

04. Alle teorie sociometriche si ricollega

la tecnica di terapia della coppia

la tecnica di terapia individuale

la tecnica di terapia della famiglia

x la tecnica di terapia di gruppo

05. Parlare del tema della "cura attraverso il narrare e il narrarsi , in un'ottica di lettura psicodinamica"

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 49/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 046
01. Le tavole grigio nero sono

VI, X, XII.IX,

II, III, IX, X

x I, IV, V, VI, VII


II, VIII,III, II

02. Sono policrome le tavole

VI, I, IV

II, IV, V

x VIII,IX,X
VII, III,I

03. Il reattivo del Rorschach è costituito da

20 tavole di cartone

15 tavole di carta

x 10 tavole di cartone
8 tavole di carta

04. Nel reattivo del Rorschach le tavole sono numerate con

le lettere

i simboli

numeri e lettere

x i numeri romani

05. Parlare delle tavole policrome del reattivo del Rorschach

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 50/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 047
01. Do indica indica nel Rorschach

risposta dettaglio olistico

risposta dettaglio orrore

risposta dettaglio ostile

x risposta dettaglio oligofrenico

02. Dd indica nel Rorschach

risposta dettaglio derivato

risposta dettaglio due

x risposta dettaglio piccolo


risposta dettaglio diviso

03. I fattori di valutazione nel reattivo del Rorschach sono

Localizzazione, Determinanti, Contenuto, Volume

x Localizzazione, Determinanti, Contenuto, Frequenza


Localizzazione, Determinanti, Capacità, Frequenza

Precisazione, Determinanti, Contenuto, Frequenza

04. La localizzazione nel Rorschach registra

la parte inferirore di macchia interpretata

x la quantità di macchia interpretate


la reattività alla macchia interpretata

la qualità della macchia interpretata

05. Parlare della "localizzazione " nel Rorschach

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 51/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 048
01. Nel Rorschach sul piano affettivo -emotivo le Dbl innseriscono

l'impronta aggressiva nel rapporto con il partner

l'impronta di accoglienza dell'altro

l'impronta di capacità di relazioni sociali

x l'impronta oppositiva nei rapporti interpersonali


02. Le risposte G nel Rorschach

esprimo tendenza o bisogno o capacità di indirizzarsi verso la generalizzazione e il simbolico

esprimo tendenza o bisogno o capacità di indirizzarsi verso la genialità e la creatività

esprimo tendenza o bisogno o capacità di indirizzarsi verso la gradualità e la sicurezza

x esprimo tendenza o bisogno o capacità di indirizzarsi verso l'associazione e la sintesi

03. La capacità di produrre M nel Rorschach implica

x creatività interiorizzata, da considerarsi fattore essenziale dell'intelligenza

bassa energia vitale e difficoltà di fronte a situazioni nuove

elevata energia vitale e capacità di affrontare situazioni difficoltose

scarsa capacità creativa e difficoltà di adattamento

04. Parlare di che cosa indicano le risposte G nel Rorschach

05. Parlare di che cosa indicano le risposte Dbl nel Rorschach

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 52/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 049
01. La tavola VI del Rorschach è individuata come

la tavola antropomorfa

x la tavola sessuale
la tavola paterna

la tavola materna

02. E' considerata nel Rorschach banale per antonomasia la tavola


xV
VI

IV

VII

03. La tavola IX del Rorschach è ritenuta

uno stimolo valido per la scoperta di un sottofondo di stato depressivo

x un stimolo valido per la scoperta di un sottofondo dissociato o delirante


un stimolo valido per la scoperta di un sottofondo di buon controllo emotivo/affettivo

un stimolo valido per la scoperta di un sottofondo di tendenza alla paura

04. Quale tavola del Rorschach è individuata come la tavola sessuale

x VI
VIII

VII

05. Parlare della tavola IX del Rorschach

06. Parlare della tavola VI del Rosrchach

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 53/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 050
01. I segni che esprimono le varie sfumature della creatività sono sempre spiccati

x nei soggetti d'intelligenza superiore


nei soggetti con problemi di apprendimento

nei soggetti con disturbo oppositivo provocatorio

nei soggetti con sindrome di down

02. T.R.I. Significa

teoria ragionata dell'intelligenza

tipo di restituzione intima

trattato riabilitativo intelletttivo

x tipo di risonanza intima

03. Le forme fobico ossessive

interferiscono coartando il T.R. I. e incrementando la depressione

x interferiscono coartando il T.R.I e incrementando il dettaglio


Non interferiscono .non coartano il T.R.I.e non incrementano il dettaglio

non interferiscono coartando il T.R.I. E non incrementano la depressione

04. Nei soggetti d'intelligenza superiore sono spiccati

I segni che esprimono le varie sfumature della fisica

I segni che esprimono le varie sfumature del problem solving

x I segni che esprimono le varie sfumature della creatività


I segni che esprimono le varie sfumature della logica

05. Che cos ' è il T.R.I. e cosa esprime nel Rorschach

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 54/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 051
01. Le FC nel Rorschach denotano

Una emotività che tende a soffocare l'altro

x un'emotività capace di realizzarsi senza traumi nei rapporti interpersonali.

Nessuna delle precedenti

Una emotività che presenta gravi traumi nei rapporti interpersonali

02. Lo Schock al grigio nel test del Rorschach

è tipico delle ossesioni e delle compulsività ed è agganciato a temi nevrotici

x è tipico dell'angoscia e dell'inibizione, spesso agganciate a temi conflittuali difesi e coperti

è tipico delle proteste ed è legato al carattere oppositivo nell'adolescenza

E' tipico di una paura per il buio ed è legato ai primi momenti di vita

03. Le CF nel Rorschach sono espressione

di una sufficiente labilità emotiva, che recepisce in modo sufficiente gli stimoli interni ed esterni

x di una maggiore labilità affettiva-emotiva, che tende a recepire in modo troppo intenso le suggestioni esterne

Nessuna delle precedenti

di una scarsa labilità affettiva che tende a non recepire gli stimoli del mondo esterno

04. angoscia e inibizione, spesso agganciate a temi conflittuali difesi e coperti sono tipici nel Rorschach per

Lo Schock alle sfumature

Lo Schock al colore

x Lo Schock al grigio

nessuna delle precedenti

05. Parlare delle FC nel Rorschach

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 55/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 052
01. Lo schock al colore appare nel Rorschach

in nessun soggetto iperemotivo

Nessuna delle precedenti

x in molti soggetti iperemotivi

solo in soggetti iperemotivi che hanno subito un grave trauma

02. Il reattivo del Rorschach non è applicabile

nei sisturbi da dipendenza

x nelle oligofrenie

nei disturbi di personalità

nella depressione

03. Le forme fobiche, con la loro paura ingiustificata sono espresse nel Rorschach dallo shock

IV e III

VI e VII

x alle tavole II e IX

VeX

04. Parlare dello schock al colore nel Rorschach

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 56/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 053
01. Durante la somministrazione del Rorschach la confabulazione è patologica

nessuna delle precedenti

nel bambino e nell'adulto solo in alcuni casi

sempre nel bambino

x sempre nell'adulto

02. Nel bambino piccolo la percentuale di figure umane nel Rorschach può essere sostituita da

figure botaniche, nuvole, naturali, simboliche

Nessuna delle precedenti

x figure umane antropomorfe o immagini delle favole o cartoni animati

figure geografiche, astratte, scientifiche

03. La frequenza nel Rorschach di Dbl nell'infanzia è

espressione di sospettosità e nevrosi

espressione di comportamento sociale e adattamento

espressione di accoglienza e interesse per i compagni

x espressione di aggressività e competitività infantile

04. Nel Rorschach la confabulazione è patologica

nel bambino e nell'adulto solo in alcuni casi

x sempre nell'adulto

sempre nel bambino

nessuna delle precedenti

05. La frequenza di Dbl nel Rorschach durante l'infanzia cosa può indicare ?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 57/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 054
01. Nel Rorscach un alto numero di risposte globali, movimento, uma ed originali segnalano

un'intelligenza di basso livello

x un'intelligenza di ottimo livello

un'intelligenza di scarso livello

un'intelligenza di medio livello

02. Nel Rorschach una personalità molto emotiva ed impulsiva ha un T.R.I.

solo in alcuni casi espanso, colore mediamente caldo, rari shock al colore

Nessuna delle precedenti

non espanso, colore freddo, assenza di schock al colore

x espanso, colore molto caldo e shock al colore

03. Nel Rorscach le risposte vestito possono indicare

x il bisogno inconscio di nascondere qualche aspetto non accettato della propria personalità con artifici variabili

il bisogno inconscio di apparire evidenziando gli aspetti che caratterizzano la propria personalità

il bisogno conscio di porsi al centro dell'attenzione e relazionarsi con l'altro

il bisogno conscio di nascondersi ed evitare situazioni imbarazzanti

04. Nel Rorschach una vita affettivo-emotiva estremamente interiorizzata ha un T.R.I

x espanso e marcatamente intratensivo

nessuna delle precedenti

espanso, colore molto caldo e shock al colore

non espanso, colore freddo, assenza di schock al colore

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 58/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 055
01. La bibliografia sul Reattivo del Rorschach è

quasi inesistente

scarsa

discreta

x immensa

02. De Pergola, E. (1952), d.autore italiano, è

x l'esposizione sintetica del Rorschach più vicina alla metodologia originale ed è reperibile nelle biblioteche.

l'esposizione più approfondita del Rorschach, molto utilizzata attualmente e reperibile nelle librerie

l'esposizione più estesa del Rorschach ma lontana dalla metodologia originale ed è reperibile via e-book

Nessuna delle precedenti

03. Bohm, E (1967), tr. It. Manuale di Psicodiagnostica di Rorschach è

un manuale di 300 pagine, sulla nascita del test

un manuale di 150 pagine con casistica e indicazioni per la somministrazione del tes

x un manuale esteso e completo, di 600 pagine con indicazioni approfondite sugli orientamenti applicativi

un manuale di 100 pagine con alcune indicazioni sulle metodologie di applicazione del test

04. Possiamo affermare che la bibliografia sul Reattivo del Rorschach è immensa

Falso, non c'è alcuna la bibliografia sul Reattivo del Rorschach

x Vero, la bibliografia sul Reattivo del Rorschach è immensa

Vera solo in parte

nessuna delle precedenti

05. Tra i manuali di psicodiagnostica del Rorschach possiamo citare...

06. Nel Rorschach un alto numero di risposte globali. Movimento, umane ed originali cosa indicano?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 59/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 056
01. Secondo Charmet

Il processo di crescita è sinonimo di assuefazione ai modelli familiari che ti proteggono in ogni situazione e ti aiutano ad essere sicuro nella vita.

x il processo di crescita è sinonimo di rischio non si cresce se non si accetta di separarsi dai genitori ricercando un'identità personale ed autonoma
il processo di crescita è sinonimo di fuga, si cresce solo se si mettono in atto meccanismi di difesa dalle figure parentali che sono troppo protettive ed invadenti.

il processo di crescita è sinonimo di libertà non si cresce se non si accetta di mettere in campo tutte le esperienza possibili allontanandosi il più possibile dai genitori.

02. L'affermaziome: " i ragazzi oggi sono figli di una famiglia che propone modelli affettivi e relazionali molto meno etici e normativi" è di

De Pergola

Rappaport

Bohn

x Charmet

03. Al padre un tempo,nell'educazione dei figli, era affidato il ruolo

formativo-educazionale

normativo-formativo

x etico-normativo
Nessuna delle precedenti

04. Oggi, secondo Charmet sono presenti due nuovi modelli paterni

il padre attento o il padre disattento

x il padre assente o il padre materno


il padre prottettivo o il padre iperprotettivo

il padre saggio o il padre infantile

05. Parlare dei modelli paterni secondo Charmet

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 60/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 057
01. Quale autore ha delineato l'evoluzione della "rappresentazione di sé ed ha messo l'accento sul fatto che il narcisismo primario sia progressivamente intaccato
dall'imperfezione dell'accudimento materno."

Adler

x Kohut
Freud

Dollard

02. Dipendere in senso allargato significa

avere necessità di stare sempre con qualcuno

x avere essenziale bisogno di non poter stare senza


avere bisogno essenziale di essere protetti ed avere sempre a disposizione ciò da cui si dipende

avere necessità di poter ottenere ciò da cui si dipende senza alcun problema

03. Quale autore considerò la tossicodipendenza ponendo l'accento sulle "componenti regressive che caratterizzano il tossicodipendente"

Jung

x Freud
Melanie Klein

Otto Rank

04. Freud considerò la tossicodipendenza ponendo l'accento sulle

"componenti agressive che caratterizzano il tossicodipendente"

"componenti depressive che caratterizzano il tossicodipendente"

"componenti emotive che caratterizzano il tossicodipendente"

x "componenti regressive che caratterizzano il tossicodipendente"

05. Parlare del concetto di "dipendenza" in senso allargato

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 61/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 058
01. Chi afferma che "il materiale passato , appartenente ai primi anni di vita ha una funzione nel processo terapeutico di gruppo, questo materiale assume però
una forma e una funzione notevolmente diversa da quella delle terapia analitica individuale tradizionale"

x Irvin D. Yalon
Khout

Bion

Lewin

02. Su quale tematica riflettevano i partecipanti alla psicoterapia di gruppo dell'Università delle tre età UNITRE

il rapporto con la medicina ieri e oggi

x Il rapporto con il cibo ieri e oggi

il rapporto con ls famiglia ieri e oggi

il rapporto con gli insegnanti ieri e oggi

03. Secondo quale autore "il primo compito dell' indivduo è rappresentato dall'autoesplorazione"

Klein

Gabbard

Fraud

x Rogers

04. A livello di psicoterapia di gruppo ad orientamento psicodinamico

x si può indagare il passato per collaborare allo sviluppo della comprensione di gruppo accrescendo la comprensione e l'accettazione reciproca tra i membri
non si deve mai indagare il passato perchè potrebbe creare reazioni negative nel gruppo

si può indagare solo il presente per collaborare alla comprensione e accettazione reciproca dei membri

solo chi è pronto. può raccontare il suo passato senza creare disagio ai componenti

05. Su quali tematiche riflettevano i partecipanti alla psicoterapia di gruppo dell'Università delle tre età-Unitre Milano

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 62/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 059
01. Nel sogno si lavora attraverso il metodo

delle parole stimolo e delle deduzioni

delle intuizioni e deduzioni libere

delle associazioni guidate e poi scritte

x delle associazioni libere attraverso le parole chiave


02. Adler mette in discussione rispetto al sogno

il simbolismo mobile

x il simbolismo fisso

il simbolismo assoluto

il simbolismo specifico

03. Nella psicoterapia di gruppo con gli anziani che manifestano disagio psicologico si utilizzano le tecniche

del soliloquio

del parlare

x della narrazione
dell'ascoltare

04. Il metodo delle associazioni libere attraverso le parole chiave viene utilizzato per

Intepretare la relazione genitori - figlio

x Interpretare il sogno
Interpretare la comunicazione in azienda

Interpretare la relazione madre - figlio

05. Parlare della tecnica della narrazione che si può utilizzare con gli anziani durante la psicoterapia di gruppo ( proporre un esempio di come imposterebbe
l'intervento )

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 63/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 060
01. L. . di cui si racconta il caso nella lettura, appare

a una forte paura

ad un disturbo da dipendenza

x in preda ad un delirio mistico /religioso


a una demenza senile

02. L. di cui si racconta il caso nella lettura

Quando si presenta al primo colloquio appare molto rilassata, è in uno stato depressivo intenso in seguito alla recente morte del coniuge.

x Quando si presenta al primo colloquio appare molto provata e tesa, è in uno stato depressivo intenso in seguito alla recente morte del coniuge.
Quando si presenta al primo colloquio appare molto provata e tesa, è in uno stato depressivo intenso in seguito alla recente morte del figlio

Quando si presenta al primo colloquio appare molto solare è in uno stato depressivo intenso in seguito alla recente morte del coniuge.

03. I pazienti durante la psicoterapia, come accade nel caso di L., possono esprimere i loro sentimenti di amore e dolore attraverso

x le poesie portate in terapia


il racconto al medico di famiglia

Nessuna delle precedenti

il non verbale espresso nel gruppo

04. Presentare in modo sintetico il caso di Laura (tratto dalla lettura inserita nelle lezioni)

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 64/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 061
01. La " negazione " da parte delle famiglie rispetto al problema della dipendenza è

x un fatto ricorrente ed emotivamente giustificabile


un fatto che ricorre raramente

un fatto che non ricorre mai

Nessuna delle precedenti

02. Il libro "Un buco nell'anima guarire dalla malattia droga" è di

x Vergani
Vengoni

Venini

Verga

03. Nella famiglia di fronte alla problematica della droga, si possono osservare alcuni tipi di comportamento che vengono descritti nel testo "un buco nell'anima -
guarire dalla malattia droga"

"il problema non esiste."; "E' tutta colpa sua"; "Passerà tutto"

"Non ci interessa è un problema suo"; "Gliel'avevamo detto"; "Qualcuno lo aiuterà"

"Il problema è gravissimo"; "Da soli non ce la possiamo fare"; "Speriamo che qualcuno ci aiuti"

x "Non ce ne siamo mai accorti"; "Credevamo che tutto fosse a posto"; "ci penso io"

04. Le famiglie del dipendente possono vivere un sentimento di

x vergogna sociale
inferiorità

disinteresse

superiorità

05. Parlare dei tipi di comportamento che la famiglia può assumere di fronte al problema droga

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 65/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 062
01. I colloqui con i genitori di ragazzi dipendenti in cura testimoniano che

le famiglie dei dipendenti hanno un comune denominatore: un bisogno del figlio deve essere annullato

x le famiglie dei dipendenti hanno un comune denominatore: un bisogno del figlio assume le caratteristiche di un turbamento di uno stato di quiete
le famiglie dei dipendenti hanno un comune denominatore: un bisogno del figlio deve essere sempre accolto

le famiglie dei dipendenti hanno un comune denominatore:il bisogno del figlio deve sempre essere negato.

02. Cosa si intende per "complicità del non vedere " della famiglia
x i genitori possono alimentare dentro di loro un'immagine che non c'è più, quella del figlio buono, bravo, affettuoso
I genitori negano anche i segnali più evidenti presenti nel figlio.

I genitori possono alimentare dentro di loro il desiderio che il figlio continui ad essere buono.

i genitori negano che il figlio possa avere problematiche relative alla dipendenza.

03. Come si definisce la situazione in cui i genitori possono alimentare dentro di loro un'immagine che non c'è più, quella del figlio buono, bravo, affettuoso

x complicità del non vedere della famiglia


complicità del non parlare della famiglia

complicità del non sentire della famiglia

nessuna delle precedenti

04. Si può affermare che anche la famiglia del tossicodipendente è malata?

solo il padre e la madre sono considerati malati nel sistema familiare

Nessuna delle precedenti

x In qualche maniera, si
No, il malato è solo il dipendente

05. In che misura si può affermare che la famiglia del dipendente è "malata"

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 66/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 063
01. I genitori di un dipendente devono

x accettare la fatica dell'anima di guardarsi dentro confrontandosi con altri genitori in riunioni settimanali
accettare la condizione di sofferenza che provoca il figlio e rimanere in silenzio

accettare i consigli dei parenti che vogliono consolarli per quanto successo

accettare la fatica di quanto accaduto e occuparsi di altro non pensando al dramma del figlio

02. nella presa in carico della famiglia del dipendente è importante

il contratto psicologico

la rassicurazione del terapeuta che il figlio guarirà

la rassicurazione che con alcune sedute sia assisterà a un riassetto psicologico del sistema famiglia

x il contratto terapeutico

03. Nei casi di dipendenza

non succede mai che una famiglia non ne possa più perché un tossicomane riesce a dilaniare tutte le esistenze che gli ruotano attorno

E' successo solo in alcuni rari casi che un tossicomane riesca a distruggere l'esistenza dei genitori e degli amici che gli ruotano intorno

le famiglie dei dipendenti hanno un comune denominatore: un bisogno del figlio deve essere annullato

x può succedere che una famiglia non ne possa più perché un tossicomane riesce a dilaniare tutte le esistenze che gli ruotano attorno

04. Il contratto terapeutico è importante

nessuna delle precedenti

x nella presa in carico della famiglia del dipendente


nella presa in carico del dipendente

durante la terapia con la famiglia

05. Parlare della presa in carico della famiglia del dipendente

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 67/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 064
01. Il testo scritto da Bowen si intitola

Dall'individuo alla famiglia

x Dalla famiglia all'individuo


Dalla famiglia al dipendente

Dall'individuo ai genitori

02. Alcuni dei principali modelli di funzionamento osservati da Murray Bowen sono stati formulati in concetti base che includono

x la teoria familiare della malattia emotiva o "disfunzione familiare"


La teoria famigliare della malattia depressiva o "disfunzione da depressione"

La teoria familiare della patologia iperattiva o "disfunzione famigliare da iperattività"

La teoria famigliare disadattiva o "disfunzione familiare da difficoltà di adattamento"

03. Il testo " Dalla famiglia all'individuo" è di

Schrflen

Whitehorn

Betz

x Murray Bowen

04. Bateson, Jackson e collaboratori hanno sviluppato

la teoria relazionale

x la teoria del doppio legame


la teoria bifasica

la teoria del doppio

05. Il funzionamento di ogni sistema dipende

dal funzionamento del sistema più forte dal quale dipendono i sistemi più deboli

x dal funzionamento dei sistemi più ampi di cui fa parte e dei suoi sottosistemi
dal funzionamento dei sistemi più circoscritti con cui interagisce

Nessuna delle precedenti

06. Parlare dei modelli di funzionamento della famiglia osservati da Murrey Bowen

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 68/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 065
01. Secondo Murray Bowen un obiettivo generale perseguito nella psicoterapia della famiglia è quello di

aiutare i componenti della famiglia a guarire

x aiutare i componenti della famiglia a diventare esperti del sistema


aiutare i componenti della famiglia a far si che chi è capro espiatorio nel sistema guarisca

aiutare i componenti della famiglia a non avere mai più una ricaduta

02. Bowen afferma che

x Il sistema affettivo è come un ponte che da un lato è in contatto con parti del sistema emotivo, dall'altro con quelle del sistema intellettivo
Il sistema affettivo è come una barca che da un lato è in contatto con parti del sistema emotivo, dall'altro con quelle del sistema intellettivo

Il sistema affettivo è come un castello che da un lato è in contatto con parti del sistema emotivo, dall'altro con quelle del sistema intellettivo

Il sistema affettivo è come un muro che da un lato è in contatto con parti del sistema emotivo, dall'altro con quelle del sistema intellettivo

03. Secondo Murray Bowen

Il terapista non può far parte del concetto di famiglia come sistema

Nessuna delle precedenti

x anche il terapista fa parte del concetto di famiglia come sistema


la famiglia sceglie se il terapista deve parte del concetto di famiglia come sistema

04. Chi afferma che " il sistema affettivo è come un ponte che da un lato è in contatto con parti del sistema emotivo, dall'altro con quelle del sistema intellettivo "

Haley

x Bowen
Bateson

Whitaker

05. Secondo Murray Bowen quale obiettivo generale si deve perseguire nella psicoterapia della famiglia ?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 69/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 066
01. "Il processo della famiglia ruota intorno a persone e a relazioni non ad interventi di tipo tecnico o ad astrazioni teoriche"

Tale affermazione è sostenuta da Boscolo e Cecchin

Tale affermazione è sostenuta da Parenti e Pagani

Tale affermazione è sostenuta da Bertolli e Ravera

x Tale affermazione è sostenuta da Whitaker e Bumberry

02. chi afferma:"Una delle questioni più difficili per il terapeuta è quella di identificare quale sia la responsabilità nei confronti della famiglia con cui lavora"

Bateson

Jackson
x Whitaker

Kernberg

03. Il testo "Danzando con la famiglia è di

Nessuna delle precedenti

x Whitaker e Bumberry
Bowen e Bumberry

Whitaker e Bateson

04. Whitaker e Bumberry scrivono un testo dal titolo

Camminando con la famiglia

x Danzando con la famiglia


Volando con la famiglia

Parlando con la famiglia

05. Di chi è e a cosa fa rimento il testo "Danzando con la famiglia"?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 70/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 067
01. Whitaker ritiene che

x il ruolo del terapeuta deve essere quello di genitore simbolico o meglio genitore adottivo temporaneo
il ruolo del terapeuta non può essere quello di genitore simbolico o meglio di genitore adottivo temporaneo

il ruolo del terapeuta deve essere quello di amico simbolico o meglio amico adottivo temporaneo

Nessuna delle precedenti

02. Secondo Whitaker uno dei doveri del terapeuta è quello di

essere una " prostituta psicologica" per arrecare conforto

x essere onesti e sinceri


essere attenti , la sincerità può creare problemi

essere il più distaccati possibili per non arrecare problemi al rapporto

03. Quale autori ritiene che il ruolo del terapeuta deve essere quello di genitore simbolico o meglio genitore adottivo temporaneo

Bowen

x Whitaker
Pagani

Freud

04. Whitaker parla di

struttura del terapeuta

struttura del ruolo di mediazione

x struttura del ruolo professionale


struttura del paziente

05. Qual è secondo Whitaker il ruolo del terapeuta

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 71/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 068
01. Secondo Whitaker per ottenere buoni risultati

il paziente deve prendere metainiziative

il paziente non deve mai prendere metainiziative

x Il terapeuta deve prendere metainiziative


il terapeuta non deve mai prendere metainiziative

02. Secondo Whitaker se il terapeuta non è in grado di entrare in empatia con il dolore del paziente

x non riuscirà a portare avanti una buona psicoterapia


riuscirà a portare avanti una buona psicoterapia

nessuna delle precedenti

potrà tranquillamente portare avanti una buona psicoterapia

03. Secondo Whitaker se

Nessuna delle precedenti

il terapeuta non è in grado di entrare in sintonia con il dolore del paziente creerà troppa distanza che danneggerà il terapeuta stesso

il terapeuta non è in grado di sviluppare empatia e simpatia con il paziente si bloccherà la terapia

x il terapeuta non è in grado di entrare in empatia con il dolore del paziente , non riuscirà a portare avanti una buona psicoterapia

04. secondo Whitaker il terapeuta

deve programmare tempo,spazio, attività

x deve programmare tempo, luogo e spazio


deve programmare confini, luogo, argomento

deve programmare tempo ,luogo, confini

05. Cosa intende Whitaker con i termine "metainiziative"?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 72/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 069
01. Secondo Adler un soggetto in continuo conflitto con l'ambiente e tendenze al predominio svilupperà in modo particolare tratti di personalità quali

disinteresse, vergogna, prudenza, funzionali a sostenere la lotta

precisione, prudenza, tensione,, tratti funzionali a sostenere la lotta

permalosità, aggressività,tirannia, tratti funzionali a sostenere la lotta

x ambizione, diffidenza, invidia e gelosia, tratti funzionali a sostenere la lotta

02. Secondo Adler

l'uomo se raggiunge la perfezione si scolla dalla realtà anche se la psiche è sempre in movimento e avverte la sua superiorità

x l' uomo aspira alla perfezione e la sua psiche è in costante movimento e avverte la propria pochezza nei confronti della realtà
l'uomo si adatta e rifugge l'aspirazione alla perfezione. La sua psiche è in movimento e avverte la difficoltà di accettare la realtà

l'uomo aspira alla perfezione e se la raggiunge compensa con la psiche il suo dominio sulla realtà circostante

03. Il modello adleriano è orientato

al finalismo di affermazione

al finalismo indefinito

? al finalismo causale
al finalismo esistenziale

04. l'orientamento teleologico della Psicologia Individuale è definito

al finalismo di affermazione

x finalismo causale
al finalismo esistenziale

al finalismo indefinito

05. Cosa significa che il modello adleriano è orientato al "finalismo causale"?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 73/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 070
01. Secondo Adler un'esasperazione dell'ideale di superiorità

porta ad uno sviluppo del sentimento sociale che migliora anche il senso comune

porta ad un' inefficacia generale che pone il soggetto di fronte ad un arresto della propria crescita personale

porta ad un rifiuto del senso comune che arresta la crescita psicologica del soggetto

x porta ad un'inefficacia del senso comune, che blocca il sentimento sociale

02. Vaslav Nijinsky era

un docente russo la cui carriera fu brillante ma si interruppe per un grave incidente

uno psichiatra russo che studiò la schizofrenia

un filosofo russo interessato alla fenomenologia

x un ballerino russo ,la cui carriera fu interrotta da una psicosi nel 1911

03. Un'interessante lettura del vissuto psicotico, risulta essere l'orientamento fenomenologico che

interpreta il sintomo in sé, in quanto chiarificatore del vissuto temporale dell'essere nel mondo del soggetto che vive un disagio

interpreta dinamicamente il sintomo che può evolvere o rientrare in relazione al vissuto del soggetto e al suo essere nel mondo

x che non interpreta il sintomo in sé


interpreta la relazione tra sintomo ed essere nel mondo, considerando anche l'altro da noi

04. Cosa è possibile notare, nella maggior parte dei soggetti affetti da psicosi

la presenza di passioni sportive

nessuna delle precedenti

x la presenza di ideali esasperati


la presenza di affetti forti

05. Parlare del caso di Vaslav Nijinsky

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 74/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 071
01. Come si definisce uno degli aspetti più importanti di ogni sforzo correttivo

nessuna delle precedenti

x Incoraggiamento

Ancoraggio

Coraggio

02. Osserviamo che quando il paziente in trattamento individualpsicologico giunge alla fase di impegno per il recupero

è divenuto consapevole che le sue finalità erano indirizzate a mete elevate di superiorità che con un comportamento coraggioso potevano essere raggiunte

x non è solo divenuto consapevole che le sue precedenti finalità erano inconsistenti e improduttive ma ha ricevuto un processo di incoraggiamento

non è ancora divenuto consapevole , in quanto scoraggiato, che il suo orientamento a finalità talmente elevate lo può portare a mete sovradimensionate

è divenuto consapevole , attraverso un vissuto di scoraggiamento, che i suoi interessi erano orientati al raggiungimento di obiettivi elevati di successo ma difficili da
concretizzare

03. L'incoraggiamento è

Nessuna delle precedenti

una modalità di dire ad una persona che è brava

un modo di aiutare una persona che è in difficoltà

x uno degli aspetti più importanti di ogni sforzo correttivo

04. Nella cura è anche indispensabile considerare

solo il linguaggio dei sintomi

x il linguaggio del silenzio e quello dei gesti

in modo particolare la sofferenza del passato

il linguaggio del corpo

05. Secondo il modello della psicologia individuale con tecnica dell' "incoraggiamento" s'intende ...

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 75/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 072
01. la luce delle candele è per Laura (la protagonista di uno degli articoli )

simbolo di una luce che la illumina spiritualmente

simbolo di una luce che genera mostri

simbolo di tensione che genera stress

x simbolo di energia, calore ed affettività

02. Da un punto di vista finalistico per Laura "Il pensare di essere pazza" è strumentale perchè

non essere pazza implicherebbe credere nell' amore

x non essere pazza implicherebbe scegliere

non essere pazza implicherebbe avere fiducia nelle persone

Nessuna delle precedenti

03. A chi pensa Laura, la protagonista di uno degli articoli, quando rivive le paure e le angosce che aveva sempre nutrito per il figli

Al marito

x Al nipote

Al figlio

Alla sorella

04. Chi afferma "Il senso di solitudine provoca l'ansia ; anzi è l'origine di ogni ansia"

x Fromm

Abbagnano

Goleman

Tolstoj

05. Laura , la protagonista di uno degli articoli, rivive , pensando al nipote

le paure e le angosce che aveva sempre nutrito per il figli

le paure per il futuro del bambino

le paure che possa accadere al nipote qualcosa di brutto nel presente

le sue paure dell'infanzia

06. Laura, la protagonista di uno degli articoli, cosa rivive pensando al nipoti. Cosa esprimono le sue poesie?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 76/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 073
01. Laura , la protagonista di uno degli articoli, riconosce in se stessa

i sintomi di una follia riconducibili al rapporto conflittuale con il marito

i sintomi di una follia riconducibili al rapporto conflittuale con il figlio

i sintomi di una follia riconducibili all'esordio di una grave psicosi

x i sintomi di una follia riconducibili alle proprie emozioni ingigantite

02. Possiamo affermare che nel setting terapeutico , con particolare riferimento al caso di Laura,

si mescolano come in un processo rimpianti legati ai ricordi del passato, qualche rara speranza per il futuro

si mescolano come in un processo le impressioni presenti e ci si proietta sul futuro senza prevedere una vera e propria progettualità

si mescolano come in un processo dolore , sofferenza , noia per il futuro della vita

x si mescolano come in un processo alchemico "senso" e "non senso" della vita, paura e desiderio della morte, progettualità e smarrimento.

03. Laura , la protagonista di uno degli articoli, nel suo dramma richiama

x il protagonista di un racconto d Tolstoj

il protagonista di un racconto di Pirandello

il protagonista di un racconto di Pavese

il protagonista di un racconto di Kafka

04. Evgenij Irtenev, richiamato da Laura, è il protagonista di quale racconto

Il diavolo" di Kafka

x Il diavolo" di Tolstoj

Il diavolo" di Pirandello

Il diavolo" di Pavese

05. In che senso Laura, la protagonista di uno degli articoli, nel suo dramma richiama il protagonista di un celebre racconto. Chi è l'autore del racconto e come si
chiama il protagonista?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 77/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 074
01. L'articolo :"Dalla pulsione aggressiva al sentimento sociale: sulle tracce del pensiero di Adler" è di

Borgna

x Pagani

Galimberti

Fromm

02. Il testo " Intelligenza emotiva" è di

x Goleman

Pavese

Khout

Kafka

03. Il testo "l' arcipelago delle emozioni " è di

Rattner

Adler

Ellemberger

x Borgna

04. Goleman scrive il testo

x Intelligenza emotiva

Intelligenza affettiva

Intelligenza analitica

Intelligenza cognitiva

05. Cosa intende esprimere Eugenio Borgna nel suo testo "L'arcipelago delle emozioni"

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 78/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 075
01. Parenti nel definire la finzione la descrive come

una modalità , in vario grado raggiungibile dal soggetto, elaborata per ottenere un gratificazione obiettiva

una modalità, in vario grado sufficientemente obiettiva per raggiungere le proprie finalità al servizio dell'individuo che intende perseguirle

x una modalità , in vario grado non obiettiva , di valutare se stessi e il mondo, elaborata al servizio di finalità prevalenti che l'individuo persegue
una modalità , in vario grado obiettiva di valutare se stessi al fine di perseguire una finalità di interesse personale

02. Cosa indica Parenti con questa definizione "una modalità , in vario grado non obiettiva , di valutare se stessi e il mondo, elaborata al servizio di finalità
prevalenti che l'individuo persegue"

Funzione

x Finzione
Bugia

Favola

03. Il sogno può essere visto , secondo la psicologia individuale, come

luogo di grande potere dove la creatività è ai massimi livelli per poter elaborare progetti di cambiamento

luogo destinato a favorire attraverso associazioni un veloce cambiamento nel soggetto

x luogo in cui il potere creativo della mente favorisce lo sviluppo di una progettualità mirata al cambiamento
luogo in cui l'inconscio svuota nella mente le progettualità sommerse del soggetto ma senza cambiamento

04. La "finzione"intesa come modo di dar forma alla realtà, richiama alla mente il termine

costruire

edificare

x plasmare
generare

05. Francesco Parenti descrive la "finzione" come ...

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 79/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 076
01. Quale autore scrive il testo "Cosa la vita dovrebbe significare per voi"

Klein

x Adler
Parenti

Freud

02. Quale autore vicino a Leibniz affronta il tema delle finzioni estetiche

Rattner

Ellemberger

x Gottlieb Baumgarten
Heiddegger

03. In quale testo Adler afferma che lo scopo dei sogni deve essere nelle emozioni che lascia dietro di sé

nessuno dei precedenti

x Cosa la vita dovrebbe significare per voi


Prassi e teoria della psicologia individuale

Il temperamento nervoso

04. Chi afferma . " E' la poetica del sogno che conferisce una rappresentazione formale alle passioni che danno significato alle nostre esperienze"

Abbagnano

Adler

Borges

x Mancia

05. Che cosa si intende con la frase : "E' la poetica del sogno che conferisce una rappresentazione formale alle passioni che danno significato alle nostre
esperienze"

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 80/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 077
01. Secondo la psicologia individuale , possiamo accedere alla nostra parte emozionale attraverso

attraverso i sentimenti che il sogno suscita dopo aver individuato una sola parola significativa del sogno stesso

Nessuna delle precedenti

x l'individuazione delle parole chiave del sogno


l' estraneazione e l'analisi delle emozioni durante lo svolgersi del sogno

02. Secondo Pagani ,Ira , tristezza, nausea, angoscia sono stati emotivi che

allontanano in parte

x separano
creano dissapori

mettono in fuga

03. Borgna evidenzia come le emozioni siano

risposte interattive sul piano relazionale che noi sperimentiamo nell ' arco di vita

risposte associative ad eventi diversificati che noi sperimentiamo quando siamo in uno stato d'animo preoccupato

x risposte affettive legate ad eventi che ci provengono dall'esterno e mette in luce la loro rapida eclissi e il loro bruciarsi nel momento in cui si sperimentano
risposte reattive a situazioni che ci sfuggono e che non riusciamo quindi a monitorare in modo razionale quando le sperimentiamo

04. Secondo Pagani quali sono gli stati emotivi che separano

Ira , gioia, nausea, angoscia

x Ira , tristezza, nausea, angoscia


Ira , tristezza, rabbia, angoscia

Impazienza , tristezza, nausea, angoscia

05. Parlare degli stati emotivi che separano secondo Pier Luigi Pagani

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 81/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 078
01. La finzione, secondo Adler, si manifesta nella vita psichica e si realizza concretamente attraverso

il pensiero deduttivo

x il pensiero antitetico
il pensiero intuitivo

il pensiero simbolico

02. Le emozioni nell'ottica individualpsicologica sono

forme psicologiche che derivano dall'inconscio

forme di comunicazione della psiche

forme di espressività del soggetto

x forme psichiche in movimento

03. Possiamo affermare che " la poesia del sogno" è

la poesia della saggezza

la poesia della creatività

la poesia dell'evasione

x la poesia delle emozioni

04. Le emozioni sono forme psichiche in movimento

nessuna delle precedenti

nell'ottica individualsocialogica

x nell'ottica individualpsicologica
nell'ottica individualistica

05. Cosa sono le emozioni nell'ottica individualpsicologica?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 82/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 080
01. Nel caso riportato nella lezione 80 del paziente con nevrosi ossessiva e tendenza alla depressione (in età evolutiva) possiamo osservare che la figura del padre

Nessuna delle precedenti

risulta molto presente nella vita del paziente suscitando desiderio di distacco

risulta in alcuni momenti presente e in altri distante creando senso di vuoto e solitudine

x risulta molto distante suscitando nel paziente ambivalenza fra una rabbia palese e una sorta d'invidia inconscia

02. Nel caso riportato alla lezione 80 , del paziente con nevrosi ossessiva e tendenza alla depressione , si manifesta

una coazione all' acquisto di gratta e vinci in quantità elevate con un'ambivalenza tra desiderio e ripugnanza . Prova dopo l'acquisto un forte senso di colpa

x una coazione che lo spinge all'acquisto di dolciumi e prodotti gastronomici in quantità elevatissime, con un'ambivalenza fra desiderio e ripugnanza. Consuma poi in
solitudine un pasto abbondante che gli provoca un forte senso di colpa.

una coazione che lo spinge all'acquisto compulsivo di abbigliamento ricercato in quantità elevate con un'ambivalenza tra ripugnanza e desiderio. Non indossa mai gli abiti
acquistati per un forte senso di colpa

una coazione all' acquisto di oggetti da collezione in grande quantità con un' ambivalenza tra ripugnanza e desiderio. Spesso distrugge gli oggetti acquistati e prova un forte
senso di colpa.

03. Nel caso riportato nella lezione 80 , del paziente con nevrosi ossessiva e tendenza alla depressione , quando è adolescente possiamo osservare

l 'esigenza di mettere in atto il modello paterno

l'esigenza di mettere in atto il modello materno

l'esigenza di capovolgere il modello della madre

x l'esigenza di capovolgere il modello del padre

04. Quale tipo di coazione si manifesta nel paziente con nevrosi ossessiva e tendenza alla depressione (lezione 80)

05. Come appare il rapporto con il padre nel caso del paziente con nevrosi ossessiva e tendenza alla depressione ( lezione 80)

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 83/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 081
01. Quando si presenta il T.A.T.

il paziente è invitato a ricordare solo ciò che gli ha creato trauma

il paziente è invitato a parlare solo di una tavola che sceglie fra dieci

il paziente è invitato ad osservare e descrivere i particolari delle tavole

x il paziente è invitato a inventare una storia

02. Le tavole 7GF, 6 GF

sono per i soggetti maschi

sono per tutti i soggetti

Nessuna delle precedenti

x sono per i soggetti femmine

03. Le Tavole 1 , 4 , 5 del T.A.T.

sono solo per i bambini

x sono per tutti i soggetti


sono solo per i maschi

sono solo per le femmine

04. Il Thematic Apperception test di Murray è

un metodo proiettivo di grande validità per comprendere le caratteristiche della personalità

un metodo di valutazione di grande validità dell'intellingenza emotiva

un metodo proiettivo di grande validità per la valutazione degli interessi professionali

x un metodo proiettivo di grande validità per l'approfondimento dei temi conflittuali censurati o attenuati a livello di coscienza

05. Sono per i soggetti femminili le tavole del T.A.T

9GF, 6 GF

x 7GF, 6 GF
7GF, 9 GF

8GF, 6 GF

06. Come si presenta il T.A.T. Al paziente

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 84/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 082
01. Nel T.A.T che cosa denota il livello e la qualità dell'esposizione

il grado di perfezionismo

il grado di disinibizione

x il grado di culturizzazione
il grado di energia positiva

02. Nel T.A.T. Il livello e la qualità dell'esposizione denotano

il grado di energia positiva

il grado di disinibizione

il grado di perfezionismo

x il grado di culturizzazione

03. Nel T.A.T. Un elemento importante da tenete in considerazione è

Nessuna delle precedenti

il soffermarsi sui dettagli

x la ripetizione dei temi


l' osservare la globalità delle figure

04. Nel T.A.T. Le "banalizzazioni senza proiettività"sono tipiche

della resistenza e della disattenzione

x dell'inibizione e dell'artificio autoprotettivo


della solitudine e della paura

della rabbia e dell'aggressività

05. Nel T.A.T. di che cosa sono tipiche "banalizzazioni senza produttività"?

06. In quanto metodo proiettivo il T.A.T. Permette di comprendere...

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 85/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 083
01. Nel primo caso presentato alla lezione 83 ( bambino di 8 anni ) , in seguito alla somministrazione del T.A.T. È possibile

interpretare ed analizzare le risposte al fine di individuare una cura

Nessuna delle precedenti

interpretare ed analizzare lo stile di vita del bambino

x interpretare ed analizzare l'origine delle fobie del bambino

02. Nel primo caso presentato alla lezione 83 ( bambino di 8 anni), la risposta alla tavola 8BM indica

Proiezione concreta delle fobie e particolarmente della agorafobia

Proiezione astratta delle fobie e particolarmente della patofobia

x Proiezione concreta delle fobie e particolarmente della patofobia


Introspezione concreta delle fobie e particolarmente della patofobia

03. Nel secondo caso presentato alla lezione 83 (bambina di 10 anni), le risposte alle tavole 1-5-GF indicano

inquadramento affettivo ma nel contempo critico e insoddisfatto della figura paterna , di cui non è posto in dubbio l'amore ma la capacità di comprendere

inquadramento complesso e contraddittorio della figura paterna di cui è posto in dubbio l'amore

inquadramento complesso e contraddittorio della figura materna di cui è posto in dubbio l'amore

x inquadramento affettivo ma nel contempo critico e insoddisfatto della figura materna , di cui non è posto in dubbio l'amore ma la capacità di comprendere

04. Nel primo caso presentato alla lezione 83 ( bambino di 8 anni), le risposte alle tavole 3BM, 5, 7 BM, 20 indicano

inquadramento oppositivo alla realtà e all'ambiente

x inquadramento pessimistico della realtà e dell'ambiente


inquadramento con tendenza a subire la realtà e l'ambiente

inquadramento disordinato della realtà e dell'ambiente

05. Parlare di uno dei casi presentati alla lezione 83 a cui è stato somministrato il T.A.T. (bambina di 10 anni e bambino di 8 anni)

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 86/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 084
01. Nel trattamento terapeutico cosa si deve recuperare nella paziente che presenta un caso di depressione , in cui l'autolesività è spesso utilizzata come strumento
d'accusa che soffoca i veri bisogni

la sicurezza

x La progettualità
la felicità

la vitalità

02. Nel caso presentato alla lezione 84 ( pz. di 25 anni con depressione), la paziente esige dallo psicoterapeuta

x l'immediata soluzione dei suoi problemi, nasce così un transfert distorto


l'immediata individuazione dei suoi problemi per potere affrontarli, il transfert è negativo

una comprensione , nella consapevolezza che difficilmente riuscirà a risolvere i suoi problemi. Il transfert è positivo

una collaborazione per poter comprendere i suoi problemi. Il transfert è positivo

03. Nel caso presentato alla lezione 84 ( pz. di 25 anni con depressione), la paziente inizia il percorso psicoterapeutico manifestando la convinzione

di essere stata amata troppo e viziata dalla famiglia di origine

x di non essere mai stata amata dalla famiglia di origine


di essere stata poco amata dalla madre e dalle sorelle

di essere stata poco amata dal padre

04. In un caso di depressione , in cui l'autolesività è spesso utilizzata come strumento d'accusa che soffoca i veri bisogni, il trattamento psicoterapeutico deve
recuperare nella paziente

la vitalità

la felicità

x la progettualità
la sicurezza

05. Presentare il caso relativo alla lezione 84 della paziente di 25 anni con depressione.

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 87/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 085
01. La paziente anoressica alla lezione 85 ha un orintamento polemico e disprezzante verso

la sorella

x il padre
il fratello

la madre

02. Nel caso descritto alla lezione 85 della paziente anoressica, la fase bulimica , può essere intesa, secondo la psicologia individuale, come

bulimia apparente

bulimia grave

bulimia lieve

x bulimia transitoria

03. Nel caso descritto alla lezione 85 della paziente anoressica, la madre viene descritta come

depressa e distante, si è sempre disinteressata di lei

Tranquilla , sicura ma molto esigente

x suadente e direttiva, pronta a risolvere tutti i suoi problemi


aggressiva e ostacolante , ha sempre evitato di aiutarla

04. Nel caso descritto alla lezione 85 della paziente anoressica, osserviamo da parte della paziente stessa un orientamento verso il padre

Nessuna delle precedenti

x polemico e disprezzante
accogliente e benevolo

freddo e distaccato

05. Nella lezione 85 viene presentata una paziente anoressica , come viene descritta la madre?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 88/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 086
01. Nel caso descritto alla lezione 86 della paziente che manifesta una forma delirante persecutoria la diagnosi è

depressione

x psicosi reattiva
disturbo ossessivo compulsivo

schizofrenia

02. Nel caso descritto alla lezione 86 della paziente che manifesta una forma delirante persecutoria in seguito alla chiusura di una relazione amorosa assistiamo

non abbiamo nessun recupero e la paziente continua a stare male

x ad un recupero e a distanza di tre anni non si è manifestata alcuna recidiva


a fasi alterne di recupero e ricadute ma la paziente non guarirà mai

ad un recupero di alcuni mesi ma si assiste poi ad una ricaduta

03. Cosa teme la paziente che manifesta una forma delirante persecutoria alla lezione 86

nessuna delle precedenti

essere in pericolo e non voler più uscire di casa

essere troppo potente e di poter fare del male alle persone

x essere spiata ed elabora idee di furto di pensiero

04. Nel caso descritto alla lezione 86 della paziente che manifesta una forma delirante persecutoria la paziente stessa teme di

Nessuna delle precedenti

x essere spiata ed elabora idee di furto di pensiero


essere in pericolo e non voler più uscire di casa

essere troppo potente e di poter fare del male alle persone

05. Presentare in modo sintetico il caso descritto nella lezione 86 della paziente che manifesta una forma delirante persecutoria

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 89/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 087
01. nei casi di tossicodipendenza si può affermare che

" Il silenzio del sintomo è un sollievo per il soggetto e per i famigliari è illusorio"

nessuna delle precedenti

" Il rumore del sintomo è illusorio per il soggetto e per i famigliari è un sollievo "

x " Il silenzio del sintomo è illusorio per il soggetto e per i famigliari è un sollievo "

02. "Non tollerare a sufficienza l'esistenza di problemi e negarne l'esistenza quando la soluzione non è a portata di mano" è una caratteristica

del tossicomane

Nessuna delle precedenti

dei famigliari del tossicomane

x del tossicomane e dei suoi famigliari

03. Un ragazzo tossicodipendente dopo un lungo periodo di cure in comunità , quando inizia la fase del rientro

è preferebile che viva con la madre che lo accudirà

deve vivere accudito e protetto dai genitori

deve vivere almeno con uno dei genitori ed essere controllato

x deve vivere autonomamente e mantenersi con il lavoro

04. In quali casi si può affermare che " Il silenzio del sintomo è illusorio per il soggetto e per i famigliari è un sollievo "

nei casi di sindrome di down

nei casi di difficoltà di apprendimento

nei casi di disabilità intellettiva

x nei casi di tossicodipendenza

05. Un ragazzo tossicodipendente , dopo la cura in comunità , quando inizia la fase del rientro come deve comportarsi ?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 90/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 088
01. Adler leggendo il diario di Vaslav Nijnsky confermò le sue idee

sul disturbo oppositivo provocatorio

sui disturbi dell'alimentazione

sulla depressione

x sulla schizofrenia

02. Per confermare le sue idee sulla schizofrenia, Adler lesse

nessuna delle precedenti

le cartoline di Vaslav Nijnsky

le lettere di Vaslav Nijnsky

x il diario di Vaslav Nijnsky

03. Scoprire il sistema o il piano di vita di un nevrotico è secondo Adler

una fase non rilevante nel processo terapeutico

uno dei tanti compiti di chi cura

x la fase più rilevante della terapia


un modo per aiutare il paziente

04. Lo schizofrenico si presenta inesorabilmente nella sua veste di

ricercatore costante di apertura al sociale

x strenuo difensore del'irrazionalità


Nessuna delle precedenti

difensore del suo status

05. Adler , leggendo il diario del ballerino Vaslav Nijnsky, confermò le sue su quale malattia ? Quali caratteristiche della malattia erano più evidenti in Vaslav e
come avvenne il recupero?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 91/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 089
01. Chi afferma che " la finzione è una figura retorica che viene conservata fintanto che si dimostra utile e viene subito scartata quando cessa di essere efficace"

Heiddegger

Popper

x Vaihinger
Borgna

02. Vaihinger afferma che

la finzione è una figura retorica che viene conservata fintanto solo per poco tempo"

la finzione è una figura metaforica che viene conservata fintanto che si dimostra utile e viene subito scartata quando cessa di essere efficace"

la finzione è una figura retorica che viene conservata fintanto che si dimostra utile e non viene MAI scarataquando cessa di essere efficace"

x la finzione è una figura retorica che viene conservata fintanto che si dimostra utile e viene subito scartata quando cessa di essere efficace"

03. Secondo Pagani, uno stato emotivo che avvicina è

la tristezza

nausea

x la compassione
l'ira

04. Il testo "L'amore e la volontà " è di

Jung

x Rollo May
Freud

Nessuna delle precedenti

05. In che senso secondo Pagani "la compassione" è uno stato emotivo che avvicina ?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 92/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 090
01. La tavola 16 del T.A.T. È

x bianca
nera

bianca e nera

bianca e grigia

02. Le Tavole del T.A.T. Sono

22

24

x 20
10

03. Le tavole del T.A.T. 12M, 15, 18GF,18BM sono considerate

fonti non rare di reazioni a tensioni e conflitti

fonti non rare di reazioni di dominio sugli altri

fonti non rare di tendenza all'introspezione

x fonti non rare di reazioni depressive o autodistruttive

04. La tavola 16 del T.A.T. è bianca

Falso, è bianca e colorata

x Verò, è bianca
Falso, è bianca e grigia

Non esiste la tavola 16

05. Parlare della tavola 16 del T.A.T.

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 93/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 091
01. La paziente anoressica presentata nella lezione 85 dichiara una spontanea disponibilità al trattamento analitico

Falso, è stato indotto dal padre

x Vero, dichiara spontaneità


Falso, la paziente non si è sottoposta al trattamento

Falso, è stato indotto dalla madre

02. La paziente anoressica presentata nella lezione 85

dichiara una non spontanea disponibilità al trattamento analitico che è stato indotto dal medico di famiglia

dichiara una non spontanea disponibilità al trattamento analitico che è stato indotto dalla madre

x dichiara una spontanea disponibilità al trattamento analitico


dichiara una non spontanea disponibilità al trattamento analitico che è stato indotto dal padre

03. La paziente anoressica presentata nella lezione 85

ha avuto nella prima infanzia problemi di obesità che l' hanno messa in difficoltà con le amiche che la prendevano in giro

x ha avuto nella pre-adolescenza competizioni con le amiche basate sul confronto estetico
ha avuto nella prima infanzia problemi di magrezza eccessiva che l' hanno messa in difficoltà con le amiche che la prendevano in giro

non ha mai avuto nella pre-adolescenza competizioni con le amiche basate sul confronto estetico

04. il recupero dell'aspetto progettuale nel paziente è compito

Nessuna delle precedenti

del consiglio dei famigliari

x del trattamento psicoterapeutico


del consiglio degli amici

05. Cosa si intende per recupero dell'aspetto progettuale in un paziente? Di chi è compito tale recupero ?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 94/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 092
01. Nella paziente L . (lezione 85) la frase di un collega che mostrava nei suoi confronti attenzioni amichevoli: "Fisicamente non sopporto le donne grasse , è più
forte di me" genera

x Le prime manifestazioni del delirio


Nessuna delle precedenti

la schizofrenia

la difficoltà sessuale

02. La paziente L. presentata nella lezione 86

non offre un'anamnesi psicopatologica personale negativa

offre un'anamnesi psicopatologica famigliare negativa

x offre un'anamnesi psicopatologica famigliare e personale negativa


offre un'anamnesi psicopatologica personale negativa

03. La paziente L. presentata nella lezione 86

x ha una risposta al trattamento rapida e sorprendente


dopo 4 anni di trattamento psicoterapeutico e famacologico guarisce

ha una risposta difficoltosa al trattamento e pare non avere miglioramenti

ha una risposta inizialmente positiva al trattamento ma poi si assiste ad una ricaduta

04. Cosa si intende con il termine "anamnesi psicopatologica" ?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 95/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 093
01. Il terapeuta deve orientare la persona

x verso il lato utile della vita


verso la guarigione

verso l'evitare la sofferenza

verso la felicità

02. Per comprendere l'incoraggiamento si deve partire dalla definizione di

insofferenza

x scoraggiamento
paura

sofferenza

03. Partendo dalla definizione id scoraggiamento si può comprendere

L'ancoraggio

x L'incoraggiamento
Il coraggio

La sofferenza

04. In psicologia clinica alla base di ogni tipo d'intervento ritroviamo la ricerca di

il cambiamento in senso assoluto

l' opposizione al cambiamento

x strategie capaci di favorire un cambiamento


Nessuna delle precedenti

05. Cosa significa che il terapeuta, secondo la psicologia individuale, deve orientare il paziente verso "Il lato utile della vita" ?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 96/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 094
01. Quale autore afferma che il disagio è frustrazione ad andamento cronico

Freud

Borgna

x Pagani
Klein

02. La frustrazione è

una situazione di origine endogena a insorgenza non acuta

una situazione di origine aggressiva a insorgenza acuta

x una situazione di origine esogena a insorgenza acuta


una situazione di origine oppositiva a insorgenza non acuta

03. Secondo Pagani il disagio è

frustrazione generata dalla superiorità

frustrazione gestibile

frustrazione acutizzata

x frustrazione ad andamento cronico

04. Il testo "Che cosa la vita dovrebbe significare per voi" è di

Dreikurs

Parenti

x Adler
Pagani

05. Come può essere definita la frustrazione?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 97/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 095
01. Secondo Pagani se "appare il disagio lo stile di vita rimane alterato"

Falso, la persona è in difficoltà

x Vero, lo stile di vita rimane alterato


Falso, la persona vive una crisi

Falso, la personalità ne soffre

02. L'incoraggiamento consiste nel

nel dare consigli per superare le difficoltù

nel dire all'individuo che non deve avere paura

x nel fare sentire l'individuo che vale la pena di tentare


nel fare sentire l'individuo che con l'aiuto di qualcuno supererà gli ostacoli

03. Secondo Pagani, se appare il disagio


x lo stile di vita rimane alterato
la personalità ne soffre

la persona è in difficoltà

la persona vive una crisi

04. Dreikurs e Cassel ritengono che

l lode ha lo stesso valore dell'incoraggiamento

x bisogna aiutare l'individuo ad accettare di non essere perfetto


lo scoraggiamento non è mai contagioso

bisogna considerare gli errori come insuccessi

05. Cosa si intende per scoraggiamento?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 98/99
Set Domande: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E
DELLE PSICOPATOLOGIE
PSICOLOGIA
Docente: Bosetto Daniela

Lezione 096
01. Nel caso di Massimo descritto da Pagani nella lezione 94 la madre viene presentata

come persona aperta, incoraggiante ma eccessivamente protettiva

come persona senza mentalità pratica,priva di ruolo

come persona pratica e concreta che pretende troppo dal figlio

x come la persona di maggiore influenza, possessiva e scoraggiante

02. Nella teoria individualpsicologica lo scoraggiamento

x è sinonimo mancanza di sufficiente coraggio


è sinonimo di impossibilità ad affrontare situazioni

è sinonimo di grave disagio

è sinonimo di complesso di inferiorità

03. Il sogno di Massimo riportato nella lezione 94 ( sto andando in città e guido l'auto di un amico. ..) mostra

uno smarrimento ma con un immediato recupero

uno scoraggiamento in quanto la vita è un percorso difficile

un' apertura verso nuovi progetti

una situazione di lieve disagio in fase di superamento

04. Nel caso di Massimo descritto da Pagani nella lezione 94 a che cosa riportano i ricordi ?

a situazioni di dolore e sofferenza per il rapporto con i fratelli

a situazioni di conflitto con i compagni di giochi

a situazioni umilianti in cui viene biasimato e giudicato maldestro

a situazioni di valorizzazione in cui viene giudicato sempre all'altezza delle situazioni

05. Un sinonimo di complesso di inferiorità secondo la teoria individualpsicologica è

Incoraggiamento

Sostegno

Supporto

Scoraggiamento

06. Presentare in modo sintetico il caso di Massimo illustrato nella lezione 94

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/12/2018 14:23:29 - 99/99
Powered by TCPDF (www.tcpdf.org)

Potrebbero piacerti anche