Sei sulla pagina 1di 2

SALDATURA ELETTRICA PAROLE UTILI

AD ELETTRODO A FILO
BRASATURA: procedimento che prevede l’apporto di un metallo
di natura diversa da quello dei pezzi da unire; durante la
FERRAMENTA
L’elettrodo va Questo tipo di lavorazione fonde solo il materiale d’apporto. Viene definita dolce
spostato a zig-zag saldatura non da’ quando si lavora con temperature basse ed è richiesta una
per cucire i pezzi luogo alla formazione modesta resistenza meccanica (ad esempio nelle saldature a
da unire; una di scoria e non stagno), forte quando si usano leghe più tenaci e cannelli a gas.
tecnica altrettanto
valida è quella di
richiede le
interruzioni
ELETTRODO: nelle saldatrici ad uso hobbystico è fusibile, cioè COME SALDARE E
coincide col materiale d’apporto; può essere rivestito o nudo (il filo
compiere una serie necessarie a
di movimenti sostituire l’elettrodo
delle saldatrici a filo continuo).
BRASARE
circolari, simili alle consumato; GAS PROTETTIVI: si usano nella saldatura a filo continuo e si
distinguono in inerti e ossidanti: tra i primi viene quasi sempre
spire di una molla la velocità di
utilizzato l’argon a volte miscelato ad elio; tra gli ossidanti il più
appiattita. avanzamento del filo diffuso ed economico è l’anidride carbonica (CO2).
Alla fine del lavoro è in funzione alle
bisogna rimuovere proprie abilità. PUNTATURA: operazione necessaria a mantenere i pezzi nella
la scoria. giusta posizione durante la saldatura definitiva. Si esegue
applicando piccoli punti di saldatura intervallati e contrapposti fra
loro.

SALDATURA: in senso stretto si riferisce a quelle giunzioni che si


realizzano grazie alla fusione dei lembi dei pezzi da unire; può
essere autogena (senza materiale d’apporto) o eterogena (con
materiale d’apporto).

VETRO INATTINICO: nella maschera protettiva permette di


controllare la saldatura senza danni alla vista.

410/4

PRENDI LE SCHEDE “BRICOFARE”


tondo SULLA FERRAMENTA
1. COME SCEGLIERE I TASSELLI
2. COME UTILIZZARE I CHIODI
3. COME UTILIZZARE LE VITI E BULLONI

IL CALORE NECESSARIO A PROVOCARE LA FUSIONE DEL METALLO VIENE GENERATO


da un arco voltaico che scocca tra l’elettrodo fusibile ed il pezzo in lavorazione, collegato al cavo di massa. Le
4. COME SALDARE E BRASARE
5. COME SOSTITUIRE UNA SERRATURA
6. COME SOSTITUIRE GLI ACCESSORI PER TAPPARELLE
BRICOFARE
saldatrici più economiche e diffuse sono quelle statiche, costituite in pratica da un grosso trasformatore che
diminuisce la tensione ed aumenta l’intensità della corrente. Come materiale d’apporto si usano degli
elettrodi rivestiti. Nelle saldatrici a filo continuo, invece, l’elettrodo è costituito da un filo ramato che proviene
da una bobina sistemata all’interno della macchina e che avanza automaticamente uscendo dalla pinza a UN AIUTO TECNICO A CHI FA DA SÉ
pistola.
SALDATURA A STAGNO SALDATURA A GAS

E’ IL TIPO DI SALDATURA CHE PRESENTA MENO PROBLEMI SUL PIANO TECNICO ED SI ESEGUE FONDENDO IL MATERIALE D’APPORTO CON CANNELLI E TORCE A GAS LIQUIDO
ECONOMICO, perchè si impara abbastanza facilmente e richiede attrezzi di costo modesto. Dopo aver (butano o propano) o funzionanti con una miscela di gas ( di solito ossigeno ed acetilene); nel primo caso
riscaldato le parti da unire, si usa come materiale d’apporto una lega di stagno e piombo (in percentuali bisogna usare leghe a basso punto di fusione, che essendo a base d’argento, sono molto costose, mentre con
diverse a seconda del tipo d’impiego) che fonde ad una temperatura compresa tra i 195 ed i 325°C. Molto la fiamma ossiacetilenica si raggiungono temperature assai superiori, attorno ai 3000°C, ed è sufficiente un
usata nei collegamenti elettrici, offre una resistenza meccanica modesta ed è particolarmente indicata sul materiale d’apporto meno pregiato. La saldatura ossiacetilenica, un tempo riservata ai soli professionisti, è ora
rame ed ottone (un pò meno per il ferro). Si esegue di solito con un saldatore fornito di punta in rame, alla portata di tutti, grazie a piccoli posti di saldatura che comprendono bombole di dimensioni assai ridotte,
riscaldata da una resistenza elettrica o da una fiamma. ed hanno un costo assai ragionevole.

I PEZZI DA PER UNA LA PRESENZA LA


UNIRE VANNO PULIZIA PIU’ DI OSSIDO E TEMPERATURA
PREVENTIVA- RADICALE si usa SPORCO DELLA FIAMMA
MENTE PULITI un prodotto ostacola il E’ TANTO PIU’
per asportare disossidante, processo di ALTA quanto più ci
l’ossido liquido o in pasta, fusione, per cui le si avvicina all’ugello
superficiale e le che penetra nei superfici vanno erogatore: la parte
incrostazioni di pori del metallo e sempre pulite con gialla esterna
sporcizia: si usa lo rende pronto a una energica produce circa
carta vetrata di ricevere il passata di 2000° C, mentre
grana fine e materiale spazzola metallica. quella blu interna
paglietta d’apporto. supera i 3000° C.
metallica.
LA SALDATURA PER I PEZZI DA IL CANNELLO
SI ESEGUE RIMUOVERE UNIRE VANNO PUO’ ESSERE
MANTENENDO UNA SALDATURA SISTEMATI nella AZIONATO da
la superficie calda SI SCALDA lo posizione sinistra verso destra
e lo stagno liquido: stagno e lo si desiderata e (per pezzi di
quest’ultimo deve rimuove con devono restare ben spessore superiore
scorrere senza l’apposita pipetta fermi durante il ai 4mm) o viceversa
difficoltà e indurire che, essendo lavoro; è opportuno (per pezzi fino ai 4
formando un dotata di un smussare i bordi mm); la punta del
rivestimento lucido meccanismo a quando lo spessore dardo non deve
e brillante. depressione, aspira del pezzo supera i toccare il metallo.
il metallo fuso. 4mm.