Sei sulla pagina 1di 9

Ciò che ogni fotografo dovrebbe sapere per

fotografare gli eventi con successo


Alberto Cabas Vidani • 0 Commenti
So che molta gente, appena sente il termine “fotografia di eventi”, pensa subito ad eleganti occasioni
mondane come premiazioni, eventi aziendali, matrimoni, feste da ballo. Ma in realtà – almeno per
quanto riguarda un fotografo – se c’è un ritrovo di persone che fanno qualcosa, anche solo parlare
liberamente, si tratta comunque di un evento.

Potrebbe essere una raccolta di fondi per una scuola elementare, una vendita di dolci organizzata da
una comunità locale, una riunione di famiglia, un incontro di fotografi. Non importa come sono
vestite le persone o se sono presenti dei personaggi famosi; potere lavorare con la macchina
fotografica su un gruppo di persone riunite insieme rappresenta una grande opportunità ed un
ottimo punto di osservazione, sia fotografico che umano.

Sia che tu stia scattando in una atmosfera formale, come un matrimonio, o in una occasione più
informale, come un compleanno, ci sono alcunisuggerimenti universali per fotografare con
successo qualsiasi evento.

Sii pronto a tutto


Perché tutto può succedere quando le persone si muovono liberamente. Un evento non ti da il lusso
di potere esercitare il controllo sui soggetti, come potresti fare in uno studio fotografico.

Sicuramente puoi riuscire a scattare alcune foto di gruppo in posa (specialmente ai matrimoni), ma di
solito devi seguire il flusso; quello che succede…succede. Il tuo lavoro è essere pronto a scattare.

Scatta molto
E con molto, intendo davvero molto. Con questo non voglio dire che devi fotografare a casaccio,
sperando di essere fortunato e realizzare ottime immagini.
Ma, poiché ad un evento succedono molte cose, ci sarà molto da fotografare. Data la natura
spontanea dell’ambiente, le esposizioni multiple saranno una grande risorsa; scattare una foto di
qualcuno che sbadiglia o che si sta per addormentare non è quello che ti serve. Puoi scattare
bellissime foto dei tuoi soggetti anche se non stanno posando.
Presta attenzione
Durante qualsiasi evento potrai assistere ad una sorprendente varietà di comportamenti
umani. Osserva da vicino le persone.
Cogli le sottigliezze, concentrati sui dettagli e ricava delle storie. Raccontando una storia
attraverso le immagini, puoi trasmettere il significato di un evento senza doverlo esprimere
esplicitamente.

È interessante osservare foto di persone di una determinata età, vestite in un certo modo e
capire a che tipo di evento stanno partecipando. Una riunione di famiglia fotografata nel
modo giusto, prestando attenzione al contesto e ai dettagli, è facilmente riconoscibile da
tutti.

Sii ben attrezzato


A meno che non si tratti di un evento diurno all’aperto, le condizioni di luminosità dei locali
potrebbero non essere buone sia in termini di quantità che di qualità della luce. Sale per
concerti, aule scolastiche, sale riunioni, sale banchetti – possono presentare delle sfide.
Quindi usa il tuo obiettivo più veloce e non avere paura di aumentare il livello di ISO. Il
fash non dovrebbe essere una priorità, in alcuni luoghi non è nemmeno permesso, ma
anche se non è proibito, può diventare una fastidiosa distrazione. Non lasciare che la
ricerca della perfezione rovini il tuo lavoro.

Sii efficiente
Muoviti e gira per l’evento senza essere invadente; sii cortese e non rovinare il
divertimento a nessuno. Non concentrarti sulle inquadrature di singole persone, non
cercare di ottenere un tipo di scatto particolare.
Scatta tutto ciò che ti circonda da diverse angolazioni. Mentre scatti, pensa e vedrai che
comincerai a prendere il ritmo giusto.

Divertiti
Questo si spiega da solo.
Fotografare alle manifestazioni
Un'analisi e diversi consigli per scattare durante le manifestazioni.

Fotografare durante una manifestazione pubblica può essere molto divertente ed appagante. In
questa guida vi daremo qualche suggerimento per valutare l'attrezzatura da portare ed alcuni
consigli per evitare problemi cercando di scattare le foto nel modo migliore possibile.
Uno dei principali svantaggi della fotografia ad eventi è dato dal fatto che la manifestazione è in
un luogo preciso ad un orario predeterminato. Questo significa che non potrete aspettare la luce
migliore, ma dovrete scattare cercando di ottenere il meglio possibile nella situazione in cui vi
troverete. Un altro problema è dato dal fatto che spesso è necessario un qualche tipo di Pass per
accedere alle zone dedicate ai fotografi. Se siete amatori potrebbe essere difficile ottenerlo.
Alcune manifestazioni durano tutto il giorno, altre si svolgono nell'arco di pochi minuti. Alle volte
potrete essere al centro dell'evento, altre a 300 metri di distanza. Tutta questa introduzione è
stata scritta per farvi capire che le cose da valutare sono molte, cerchiamo quindi di mettere in
ordine le idee per ridurre al minimo i problemi:

Cosa andate a fotografare?


Portarsi l'attrezzatura giusta è fondamentale, il primo passo da fare è cercare di capire di cosa
potreste aver bisogno. Potrebbe inoltre essere comodo un sopralluogo per valutare la miglior
posizione, un'altra possibilità è di fare due chiacchere con chi ha già avuto modo di vedere la
manifestazione, così da poter "rubare" qualche consiglio tattico.
Se la cerimonia che volete fotografare è una festa cittadina poco famosa, sarà probabilmente
facile riuscire a posizionarsi vicino al soggetto. In questo caso un buon grandangolo potrebbe
essere la soluzione giusta. Se andrete ad assistere ad una partita di calcio in uno stadio, le
grandi distanze renderanno obbligatorio uno teleobiettivo.

Questi sono solo due esempi, ma in linea di massima è sempre possibile definire a priori se sarà
necessario un grandangolo o un tele, anche se spesso potrebbero essere necessari entrambi.
Alcuni preferiscono le ottiche fisse, altri gli zoom. Qualitativamente un fisso è superiore, ma la
comodità di uno zoom è impagabile.
Per riassumere è quindi fondamentale portarsi l'ottica giusta, se avete bene in mente cosa vi
aspetta la scelta sarà dettata dalla logica, se non sapete bene cosa aspettarvi vi consiglio di
portarvi tutto il corredo, per poi scegliere in base all'ambiente che vi troverete davanti.
Non fate come un nostro amico che parte con 18 Kg di zaino per qualsiasi cosa (non riesce a
lasciare a casa un'ottica che forse potrebbe servirgli), ma nemmeno come me, che sono andato
a Barcellona e mi sono trovato senza Tele agli X-Games...

Quante persone ci saranno?


Abbiamo visto che la distanza dall'evento determina l'attrezzatura da portare, ma c'è un
secondo problema relativo alle manifestazioni: Il pubblico. Sicuramente alla "Sagra dei Bulloni di
Vattelapesca" ci saranno meno problemi a fare fotografie che alle finale dei mondiali di calcio.
Dovrete quindi munirvi di senso critico e farvi la domanda fondamentale: Posso accedere?
La maggior parte delle volte, in manifestazioni di alto livello, i posti migliori sono destinati ai
fotografi professionisti selezionati dall'organizzazione. Nessuno vi vieta di provare a richiedere
un pass mandando una mail all'organizzazione, ma non sempre avrete fortuna. Noi andiamo solo
alle manifestazioni in cui abbiamo la certezza di poter fotografare senza scocciature, voi fate
pure come meglio credete. In ogni caso ricordate tre cose fondamentali:
- Se il momento di massimo interesse è di breve durata, sarà meglio predisporsi nel posto giusto
per fotografare (generalmente in alto per stare sopra alle teste degli spettatori) con largo
anticipo, altrimenti al momento del bisogno tutti i posti saranno stati occupati da qualcuno più
furbo di voi.

- Alle volte è necessario spingere un po' per scattare una bella foto. Nei limiti dell'educazione
cercate di intrufolarvi tra il pubblico, per cercare di raggiungere il posto migliore per una bella
foto. L'educazione vuole che, una volta portata la foto a casa, torniate indietro lasciando spazio
anche alle persone dietro di voi.

- Se ci sono fotografi ufficiali non dovrete mai mettetervi davanti ai loro obiettivi, ben che vada
vi chiederanno gentilmente di spostarvi, mal che vada vi offenderanno dicendovi di levarvi dalle
scatole (vero Marco? Rally delle Dolomiti...).

Quando il pubblico è molto folto potete stare certi che sarà pieno di maleducati. Ci saranno
persone con la compatta o il cellulare che vi si metteranno in mezzo all'inquadratura per fare la
foto ricordo. Non mancherà sicuramente il classico rompiscatole che passerà davanti alla
fotocamera (vero Andrea? Giro d'italia...) quando state per scattare. Questi sono i problemi
classici... che dire? Ci vuole un po' pazienza...

Quali impostazioni dovrete usare?


Qui il discorso diventa molto complicato, le situazioni sono moltissime e ognuna andrebbe
valutata in modo diverso. Diciamo che ci sono delle cose da tenere sempre a mente:

- Se state fotografando eventi sportivi (veicoli in corsa, cavalli al galoppo, atleti in azione) il
maggior problema sarà il mosso, dovreste cercare di tenere tempi molto bassi a meno che non
vogliate cercare qualche effetto di mosso artistico. L'ideale è tra 1/1000 e 1/4000 in base alle
condizioni della luce. Per approfondire, leggete la nostra guida sui tempi in fotografia.
Nel caso di manifestazioni al chiuso il problema della poca luce sarà enorme, l'unica soluzione
sono ottiche estremamente luminose e alti valori di ISO.

- In qualsiasi caso, cercate di scattare in Raw, per poter correggere piccoli errori di esposizione,
contrasto eccessivo e bilanciamento del bianco. Se usate solo jpg o avete una compatta, fate
degli scatti di prova prima del momento importante.

- Nel caso di manifestazioni che si svolgono in pieno giorno, con luce solare diretta e "dura", il
maggior problema è dato dalle ombre troppo marcate. Un'ottima soluzione è utilizzare il Flash,
che permette di schiarire le ombre. Considerate ovviamente che dovrete evitare di disturbare il
soggetto ripreso, per non parlare del fatto che non dovrete mai disturbare la manifestazione
stessa (un esempio potrebbe essere il flash in un teatro al buio, che va ovviamente evitato).
Siccome la maggior parte dei flash obbligano a scattare con tempi minimi di 1/200 dovrete
usarlo solo se il vostro soggetto è relativamente lento, altrimenti otterrete foto mosse.
Ultimi consigli:
Gli ultimi suggerimenti sono i classici: la batteria deve essere carica, la memory card pulita e
dovrete aver impostato i settaggi corretti prima di essere nel centro della situazione.
La sperimentazione è una buona cosa, ma andrebbe iniziata solo nel momento in cui avrete già
scattato delle belle foto classiche.
Alle volte è necessario fare dei piccoli sacrifici, come alzarsi presto o fare dei tragitti anche
lunghi. Ovviamente non sempre è piacevole, ma spesso ci sono grandi soddisfazioni ad
aspettarvi.

Assicurarsi un posto esclusivo:


In ogni paese o città vengono proposte interessanti manifestazioni a cui partecipare, uno dei
modi migliori per accedere a posizioni di prima scelta è di infiltrarsi nell'organizzazione. Se la
sera viene organizzata la spina della birra, offrire il proprio volontariato per dare da bere aiuterà
a conoscere le persone giuste e garantirsi una buona posizione di scatto, se non quella di
fotografo ufficiale (ovviamente pagato in birre). Questo atteggiamento propositivo vi permetterà
inoltre di conoscere nuove persone e fare del bene a chi organizza gli eventi che fotografate.

Pubblicare le Foto:
Legalmente avete il diritto di fotografare quello che volete e nessuno può impedirvelo (tranne
soggetti legati alle forze dell'ordine, obiettivi militari o edifici in cui è stato posto un divieto
all'accesso). In ogni caso ricordate che ci sono delle regole molto rigide per quanto concerne
la pubblicazione delle fotografie.
Ora vi faccio un veloce riassunto, che però NON è completo e soprattutto non è vincolante
legalmente in quanto è soltanto un estratto incompleto, che tratta solo in minima parte la
legislazione vigente.

- Mai pubblicare foto di minorenni senza esplicito consenso scritto dei genitori.
- Mai pubblicare primi piani di persone che non partecipano alla manifestazione.
- Se siete in dubbio, censurate i volti per evitare problemi.
- Se qualcuno si mette in una posizione per cui appare nella foto come soggetto non
protagonista (ad esempio sullo sfondo), è un suo problema. Potete pubblicare.
- Mai pubblicare qualcosa che possa rovinare la reputazione del soggetto ritratto.
- Sconsigliabile pubblicare immagini scattate in luoghi dove non è consentito l'accesso (anche
per archeologia industriale).

Come fotografare senza flash


Quando è abbastanza buio ma il flash non serve ci sono principalmente due tecniche che potete
utilizzare: la modalità a priorità di diaframma o la modalità a priorità di tempi.
Modalità priorità di diaframma (AV)

Per le foto sportive all’interno talvolta uso il diaframma nel modo più aperto possibile, quindi
seleziono la macchina sulla modalità “priorità di apertura” (AV) e imposto il diaframma a 2.8. In
questo caso, ve lo ricordo, la macchina scatterà tutte le foto utilizzando il diaframma impostato a 2.8
e di conseguenza cambierà il tempo dell’otturatore a seconda della luce presente.
Dopo aver impostato il diaframma bisogna pensare a quali sono le azioni tipiche dello sport che si
deve fotografare. Ci sono sport più veloci (basket, pallamano ecc.) e altri più lenti (lotta, arrampicata
boulder ecc.).
A seconda dello sport bisogna utilizzare una velocità di otturatore differente. Per sport come basket e
pallamano dovreste usare tempi di almeno 1/500 di secondo se è possibile, mentre per la lotta o
l’arrampicata boulder bastano tempi di 1/200 di secondo, anche se comunque dovete essere pronti
ad aumentare il tempo dell’otturatore se prevedete ci sarà un azione che va fotografata.
Dato che è stata impostata la “priorità di apertura” l’otturatore non è possibile impostarlo
manualmente, quindi puntate l’obiettivo su uno dei giocatori e guardate il tempo dell’otturatore che
automaticamente la macchina imposta. Se state fotografando una partita di basket e il tempo che
appare è 1/125 premete il tasto “ISO” e aumentate l’ISO un po’, poi puntate di nuovo su un giocatore
e vedete quant’è il tempo che vi appare. Se ancora non è 1/500 di secondo (il tempo che come ho
detto prima potrebbe andar benissimo per una partita di basket) aumentate ancora l’ISO finché
vedete che l’otturatore si imposta su 1/500.
Generalmente la luce presente varia un po’ a seconda delle zone del campo, e a volte mi trovo a
dover cambiare impostazione ISO di continuo passando da 400 a 1600 ISO. Bisogna farci un po’ la
mano per riuscire a cambiare l’ISO velocemente, ma vedrete che dopo un po’ non è un problema.
Con questo metodo in pratica dovete “smanettare” con l’ISO per fare in modo che la macchina
imposti l’otturatore sul tempo corretto.
Ovviamente prestate sempre attenzione anche all’esposizione ed alla modalità di esposizione!
Modalità Manuale

Nelle palestre e in qualsiasi ambiente in cui la luce sia sempre la stessa preferisco fotografare
utilizzando la macchina in modalità manuale. Con questa modalità vi basta fare alcune proveprima
che inizi l’evento per vedere quali sono i valori migliori da impostare, e poi utilizzare quei valori per
tutta la durata della manifestazione.
Per impostare i valori in modalità manuale in genere imposto il diaframma sul valore più aperto
possibile (Ad esempio 2.8), imposto il tempo che ritengo sia più corretto (ad esempio 1/320) ed
osservo una foto di prova. Se è un po’ scura rallento la velocità dell’otturatore (portandolo ad
esempio da 1/320 a 1/250) evitando tempi troppo lenti per evitare il mosso, se invece è molto scura
aumento prima gli ISO e poi regolo ulteriormente la velocità dell’otturatore.
Se è troppo buio
Se siete disperati e siete in una situazione in cui dovete realizzare le foto senza flash ma è troppo
buio, il trucco è quello di sottoesporre e poi migliorare con Photoshop (ripeto: dovete essere
proprio disperati se lo fate)
Anche in palazzetti dello sport che sembrano ben illuminati a volte non si riescono a fare fotografie
perché impostando ISO 3200 e il diaframma ad apertura massima l’otturatore resta su tempi
come 1/125 di secondo.
In questi casi potete usare un flash per aiutarvi con l’illuminazione (ma spesso nemmeno un flash
potente basta) oppure potete sottoesporre.
Sottoesponendo un po’ la foto verrà scura e molto rumorosa (state scattando a 3200 ISO!), tuttavia
tramite un aggiustatina dei livelli con Photoshop e la riduzione del rumore con Neat Image o
Noise Ninja riuscirete a recuperare la foto anche se è stata fatta in condizioni disumane per noi
fotografi.
Con questo metodo potete fare foto quasi al buio ma la qualità dell’immagine sarà pessima.
Questo metodo è utilizzabile solo in posti davvero molto bui e le foto che ricaverete saranno
veramente di pessima qualità.
Spero di essere stato abbastanza chiaro in questo articolo che interessa davvero molte persone.
Sperimentate e cercate la tecnica che preferite e che vi consente di ottenere le migliori foto possibili.

Se vuoi imparare a fotografare dai un'occhiata ai Manuali di fotografia che consiglio.

TUTORIAL: COME FOTOGRAFARE EVENTI


SPORTIVI
Se il mondo dello sport vi affascina e il vostro obiettivo è quello di immortalare gli atleti in azione o
durante intere sessioni sportive, ecco quali sono i fondamentali da cui partire. Primo fra tutti, la scelta
della giusta macchina fotografica e attrezzatura. In secondo luogo, la conoscenza di tecniche precise
seguita da tanta pratica.

FOTOGRAFIE E SPORT
Scegliere la giusta macchina fotografica è indispensabile per scattare qualsiasi tipo di fotografia e
a maggior ragione lo è se vi apprestate a scattare fotografie durante le sessioni sportive, quando i
soggetti sono in continuo movimento.
Macchine fotografiche come DLSR Nikon o una Canon sono quelle che in genere offrono
prestazioni elevate in questo senso. Hannoottime capacità, un’alta sensibilità ISO e una buona
velocità di otturatore, oltre ad offrire la possibilità di installare ogni volta obiettivi diversi in
baso allo scatto.
Gli obiettivi sono indispensabili, quando ovviamente vi sarete impratichiti abbastanza da lanciarvi in
scatti di foto più professionali. Perscegliere l’obiettivo giusto dovrete ovviamente valutare il tipo di
zoom e la lunghezza focale; in genere si tratta di una spesa piuttosto costosa, ma se volete
ottenere fotografie di qualità non potrete farne a meno. Gli aspetti che dovrete valutare attentamente
durante l’acquisto dell’obiettivo sono:
Apertura massima
Un obiettivo f/5.6 a lungo termine permette di ottenere una velocità di scatto di 1/250, anche durante
condizioni di luce non proprio ottimali. Un teleobiettivo professionale f/2.8 garantisce invece ottime
prestazioni con qualsiasi condizione luminosa, ma in questo caso il prezzo cresce sensibilmente.
Riduzione delle vibrazioni
Ridurre al minimo le vibrazioni è indispensabile per la buona resa dell’immagine. Le fotocamere
professionali come la Canon o la Nikon dispongono già al loro interno di stabilizzatori di
immagine che si attivano durano lo scatto. In alternativa, potete avvalervi di untreppiede o di
un cavalletto per garantire maggior stabilità e appoggio.
Come utilizzare la macchina fotografica
Imparare a utilizzare la macchina fotografica nel modo corretto è fondamentale per la buona riuscita
delle fotografie. Per incrementare le vostre capacità tecniche e conoscenze è utile frequentare corsi
e seminari, oppure tenersi semplicemente informati frequentando blog e siti internet dedicati
all’argomento. In generale, è bene acquisire conoscenze approfondite in merito a:
 Bilanciamento del colore
 Esposizione
 Impostazione e utilizzo dell’ISO
Oltre alla conoscenze tecniche, indispensabili per la buona qualità del lavoro, prima di mettervi
all’opera, considerate di fare un po’ di pratica, soprattutto all’inizio, che vi servirà per acquisire
maggiore sicurezza.

Per iniziare, trovate un posto in cui esercitarvi. Potete presenziare alle partite di basket o di
pallavolo che si svolgono all’aperto o dentro i palazzetti, oppure immortale i giochi di squadra al
parco o all’aria aperta.
Quando siete pronti per catturare il momento che vi sembra migliore, dovrete regolare correttamente:

Esposizione
Non affidatevi all’impostazioni automatiche della fotocamera, ma stabilite voi stessi i parametri di cui
avete bisogno attraverso la modalità manuale.

Velocità dell’otturatore
È necessario regolarla se utilizzate la modalità manuale. La velocità dell’otturatore blocca il moto;
una velocità superiore a 1/200 al secondo ferma l’azione, ma dato che si tratta di soggetti in costante
movimento è meglio impostare una velocità di 1/1000 al secondo.
Impostazione ISO
L’ISO indica la sensibilità del sensore della luce. Impostarlo correttamente significa influenzare
inevitabilmente quanto è possibile regolare la velocità dell’otturatore mantenendo la stessa
esposizione. Con le moderne fotocamere, è possibile elevare l’ISO grazie a sensibilità sempre
maggiori, senza avere il timore di mantenere un livello basso per evitare foto sfocate.

Impostazione autofocus
Impostando l’autofocus la fotocamera sarà in grado di ritracciare il movimento nel modo esatto,
assicurando una maggior precisione dell’immagine.