Sei sulla pagina 1di 1

O MARIA, QUANTO SEI BELLA

j
& b 44 î Î Ï Ï . Ïj Ï Ï Ï Ï Ï Ï Ï ú
Ï. Ï ú Ï. Ï Ï Ï. Ï. Ï
O Ma - ri - a quan- to sei bel - la sei la lu - ce e sei l'a - mo - re m'hai ra-

&b Ï ú Ï. Ï Ï Ï. j Ï. Ï Ï ú Ï Ï
Ï. Ï Ï ú Ï Ï. Ï ú.
pi - to que - sto cuo - re, not - teIe gior - no io pen - soIa te. M'hai ra - pi - to que- sto

& b Ï. Ï ú Ï. Ï Ï Ï . Ï Ï . ÏJ Ï . ÏJ ú. ÏÏ úú ÏÏ ÏÏ úú ÏÏ
ú Ï
cuo - re, not - teIe gior - no not - teIe gior - no pen - soIa te. Ev - vi - va Ma - ri - a, Ma -

ÏÏ
& b ÏÏ úú ÏÏ ÏÏ úú ÏÏ úú ÏÏ ÏÏ úú ÏÏ úú ÏÏ ÏÏ úú .
. Î
Ï
ri - a ev - vi - va. Ev - vi - va Ma - ri - a e chi la cre - ò.

Quando il sole già lucente


le colline e i monti indora
quando a sera si scolora,
ti saluta il mio pensier (bis)

Tutti adunque, deh, venite,


a pregar Maria di cor,
e, devoti, a lei v’offrite
d’esser figli amanti ognor.

Sì, Maria, vi dono il core:


egli è reo, ma se sarà
da voi dato al mio Signore,
rifiutarlo ei non saprà.

Altro ben da voi non bramo,


né altro mai vi chiederò.
Spero un dì, se così v’amo,
che in eterno v’amerò.

Avvocata di questo esilio


già vi eleggo per pietà.
Impetrate a un vostro figlio
la beata eternità.