Sei sulla pagina 1di 1

6 Lunedì 16 Settembre 2019 Corriere del Mezzogiorno

BA

Verso il futuro L’iniziativa


Un progetto
Un innovativo progetto per il recupero dei prodotti
alimentari rimasti invenduti. Si chiama S.I.G.LAM., l’iniziativa
che sarà presentata nel corso della Fiera del Levante
o perché vicini alla scadenza, recuperati dalla distribuzione
organizzata e da altre attività commerciali - come negozi,
ristoranti, catering e aziende agricole – attivando una
dall’ingegner Carmelo Tommasi, direttore della Cadan Srl. Il immediata ed efficace rete di interscambio fra donatori e
contro lo spreco workshop dal titolo «Obiettivo Zero spreco alimentare», si beneficiari. L’incontro fa parte del progetto InnoNets che
alimentare terrà il 19 settembre, dalle ore 10 alle 16, nel padiglione mira a promuovere il tema della riduzione dello spreco
150. Nata con l’obiettivo di avviare una rete virtuosa per alimentare e le connessioni tra gli attori locali impegnati
aiutare i meno abbienti, la piattaforma tecnologica quotidianamente in azioni di sostenibilità economica,
consente di distribuire direttamente alle famiglie disagiate ecologica e sociale per una migliore condivisione delle
alimenti buoni non più vendibili, per difetti nella confezione risorse. (a.a.c.)

Energia e clima, si può cambiare


vari presidi per lo smaltimen-
to dei rifiuti, attuando la rac-
colta differenziata. La direzio-
ne di Nuova Fiera del Levante,
inoltre, ha chiesto a tutti gli
Quest’anno la Fiera del Levante di Bari diventa ecologica e plastic free espositori l’utilizzo di mate-
riale compostabile. Nell’am-
Previsti incontri sulla gestione più responsabile del nostro pianeta bito delle iniziative del Dopo-
salone, laboratori, incontri e
iniziative per sensibilizzare
sul tema ecologico e ambien-

U
na Fiera del Levante tente che sta scuotendo le co- tale i più piccoli bambini si
La sfida ecologica, plastic free, scienze. Nuova Fiera del Le- terranno nella Libreria Svolta-
che rispetti il territo- vante, avendo colto a pieno le storie, nel quartiere Carrassi.
rio guardando al futu- istanze da loro rappresentate, Il futuro del pianeta implica
ro del pianeta. Per la prima ha deciso di rispondere pub- anche la promozione di una
volta i temi legati alla sosteni- blicamente a questa chiamata cultura digitale. Per questo
bilità ambientale, economica globale di corresponsabilità durante la Campionaria uno
e sociale saranno il fulcro del- ed ha costruito intorno alla spazio importante sarà dato ai
la 83esima edizione della Campionaria una serie di op- temi dell’innovazione attra-
Campionaria. #nonabbia- portunità utili a rafforzare verso «Make Star Bari». Si
Nel padiglione mounPianetaB è la campagna questo messaggio e dare il tratta di uno straordinario
138 i maker di sensibilizzazione lanciata suo contribuito alla realizza- spettacolo tecnologico, dove i
selezionati per l’occasione. Anche nel lo- zione del cambiamento. protagonisti saranno le star-
potranno go stesso di questa ultima edi- Il tema dell’edizione 2019 tup, le nuove aziende, le scuo-
presentare la zione, frutto della creatività di sarà quindi incentrato su le e gli esperti di settore. Nel
propria idea di Push Studio, c’è il segno dei cambiamento climatico e padiglione 138 i maker sele-
futuro con la contenuti su cui Nuova Fiera transizione energetica, inno- zionati potranno presentare
possibilità di un del Levante sta lavorando per vazione tecnologica e futuro la propria idea di futuro con la
talk la rassegna. Si tratta di un del lavoro, lotta alla povertà e possibilità di un talk divulga-
divulgativo. cuore da cui si propagano fa- alle disuguaglianze, salute e tivo. Una grande occasione di
Una occasione sci di luce che avvolgono e sicurezza alimentare, educa- incontro per la comunità di
di incontro per producono energia buona e zione e formazione continua, innovatori del Mezzogiorno,
la comunità di pulita. Un contesto dove tutti cooperazione internazionale, italiani e internazionali, non-
innovatori del gli ingranaggi sono pronti a infrastrutture e mobilità so- ché una via per promuovere
Mezzogiorno, generare cambiamenti e a fa- stenibile, dialogo interreligio- l’innovazione delle imprese
italiani e vorire sinergie economiche so, protezione dell’ambiente e del territorio. Make Star Bari
internazionali, circolari. sviluppo economico. Tutti i r i e n t r a t r a g l i e ve n t i d i
nonché una via Gli scioperi del clima degli giorni la kermesse si occupe- «Aspettando Maker Faire Ro-
per studenti stanno richiamando rà di tematiche di grande at- me» e si pone come accelera-
promuovere i decisori internazionali alle tualità che impongono una tore del processo di innova-
l’innovazione proprie responsabilità e a li- gestione più responsabile del zione del Sud. La Maker Faire
delle imprese vello mediatico c’è molta at- nostro Pianeta e darà voce a sarà una occasione di incon-
del territorio. tenzione sul messaggio po- personalità internazionali che tro per la comunità di innova-
attraverso le loro azioni pos- tori italiani e internazionali,
I temi ambientali sono aiutarci ad affrontare le con l’obiettivo di promuovere
I forum organizzati sfide di oggi e di domani. l’innovazione delle piccole e
discuteranno Per la prima volta la Fiera medie imprese.
sulle tematiche ambientali del Levante, attraverso la col- Angelo Alfonso Centrone
che riguardano non solo la Puglia laborazione dell’Amiu, avrà © RIPRODUZIONE RISERVATA

Startup e innovazione tecnologica


La formazione a HandMade
Nel padiglione 110 confronti con le imprese

S
tart up, innovazione prodotti che faranno del pro- seconda edizione segna un
tecnologica, novità per prio spazio abitativo e lavora- deciso passo avanti di questa
le piccole e medie im- tivo un ambiente unico in cui nuova esposizione: innanzi-
prese. La Campionaria riconoscersi. Allo stesso tem- tutto, rispetto alla localizza-
barese è ancora una volta il po i visitatori partecipano a zione della scorsa edizione è
luogo del confronto e del ri- momenti formativi e convi- stato migliorato il posiziona-
lancio del tessuto imprendi- viali per conoscere da vicino mento d’immagine. HandMa-
toriale pugliese e del Mezzo- l’arte del saper fare mentre gli de è organizzato su una su-
giorno. enti di formazione hanno la perficie complessiva di oltre
Uno degli spazi più interes- possibilità di contribuire for- mille metri quadrati, nel Padi-
santi è HandMade, al padi- temente alla diffusione della glione 110, e vede la presenza
glione 110, un’esperienza col- cultura del design fuori dalle di iniziative e progetti istitu-
lettiva di condivisione e di proprie mura. zionali, incontri, convegni e
scambio reciproco, di cono- L’edizione sperimentale mostre internazionali, labora-
scenza e di costruzione di re- dello scorso anno di HandMa- tori per il pubblico e per le
lazioni. Qui le imprese del de- de ha fornito indicazioni e scuole.
sign autoprodotto si incontra- conferme che hanno consen- Un grande spazio espositi-
no e si confrontano, inne- tito di tracciare con consape- vo riservato alle imprese, bot-
scando circoli virtuosi e volezza un progetto in grado teghe, designer che possono
collaborazioni tra i produttori di valorizzare e mettere in co- presentare e vendere le pro-
stessi. mune il saper fare, l’arte ap- prie creazioni.
Qui i consumatori e gli ap- plicata e l’innovazione di pro- A. C. C.
passionati trovano progetti e dotto e di processo. Questa © RIPRODUZIONE RISERVATA