Sei sulla pagina 1di 3

PREDAZIONI DA LUPO ACCERTATE NEL 2019 (DATI AL 15 LUGLIO 2019) E RELATIVE ISTANZE DI INDENNZZO

Nel primo semestre dell’anno (dati al 15 luglio 2019) su 94 sopralluoghi effettuati sono state complessivamente accertate 85 predazioni da Lupo (o Canide) più
1 danneggiamento su apiario causato da orso, mentre in 8 casi non è stata accertata la predazione o non è stato possibile determinare la causa della morte
dell’animale. Complessivamente sono stati predati (o morti a seguito della predazione)148 capi di bestiame, di cui 82 ovi-caprini, 43 bovini e 10 asini, e ulteriori
13 capi feriti e 26 dichiarati dispersi.

Nella tabella seguente sono riportati i dati suddivisi per provincia e per specie predata:

PREDAZIONI ACCERTATE
N. PREDAZIONI ACCERTATE CAPI MORTI CAPI FERITI CAPI DISPERSI

N. TOTALE CAPI DISPERSI


N. TOTALE CAPI MORTI

N. TOTALE CAPI FERITI


di cui, su OVI-CAPRINI

di cui, OVI-CAPRINI

di cui, OVI-CAPRINI

di cui, OVI-CAPRINI
di cui, su BOVINI

di cui, su ALTRO
di cui, su ASINI

di cui, BOVINI

di cui, BOVINI

di cui, BOVINI
di cui, ALTRO

di cui, ALTRO

di cui, ALTRO
di cui, ASINI

di cui, ASINI

di cui, ASINI
PREDAZIONI DA LUPO/CANIDE
2019 ACCERTATE IN VENETO
AL 15/07/2019

PROVINCIA DI BELLUNO 15 12 1 3 1 29 18 1 3 7 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

PROVINCIA DI TREVISO 3 2 0 1 0 4 3 0 1 0 0 0 0 0 0 3 3 0 0 0

PROVINCIA DI VERONA 43 10 27 3 3 64 25 31 3 5 2 0 0 0 2 3 3 0 0 0

PROVINCIA DI VICENZA 24 10 10 3 1 51 36 11 3 1 11 4 6 1 0 20 17 3 0 0

TOTALE 85 34 38 10 5 148 82 43 10 13 13 4 6 1 2 26 23 3 0 0
L’andamento delle predazioni nei primi sei mesi dell’anno è stato caratterizzato da una particolare concentrazione di attacchi tra l’inizio di maggio e la prima
decade di giugno nell’area della Lessinia orientale (25 attacchi in poco più di un mese), mentre nel restante territorio regionale non sono state registrate, ad
oggi, differenze significative rispetto allo stesso periodo anno scorso.

Nei seguenti grafici 1 e 2 sono riportati, rispettivamente, il numero di predazioni accertate per decade e l’andamento del numero totale di predazioni accertate
suddivise per provincia.

90

80

70

14 VERONA
60

12 BELLUNO VICENZA
50
TREVISO TREVISO
10
VICENZA 40
BELLUNO
8 VERONA
30
TOTALE EVENTI
6
20
4

2 10

0 0

Grafico 1 : numero di predazioni accertate per decade Grafico 2: andamento del numero di predazioni totali per decade
Sul fronte degli indennizzi del danni subiti, la Giunta regionale ha stanziato, con DGR 318 del 26 marzo, 200.000 Euro per far fronte alle istanze per i danni da
predazione da parte di grandi carnivori.

Sono ad oggi pervenute agli uffici regionali della Direzione Agroambiente Caccia e Pesca 71 istanze di indennizzo relative a predazioni del 2019, tutte già
istruite e, laddove ammissibili (6 istanze non sono risultate ammissibili in quanto non era stata accertata la predazione), avviate alle verifiche in ordine agli
adempimenti in materia di aiuti di Stato in regime de minimis e al successivo pagamento. Il valore dei danni 2019 quantificati sulla base delle istanze istruite
ad oggi ammonta ad € 61.461,63, di cui 43.591,37 già impegnati (€ 13.191,18 già in liquidazione). Sono stati inoltre liquidate, per un importo di € 9.717,27, n.
15 istanze per predazioni di fine 2018 pervenute però all’inizio del 2019.

Oltre a garantire in tempi sempre più veloci il congruo indennizzo a chi ha subito danni da predazione, lo sforzo dell’Amministrazione regionale è ancora più
concentrato sul tema della prevenzione dei danni.

Dai dati dei verbali di accertamento, risulta che in oltre l’80% dei casi di predazione il bestiame era privo di qualsiasi forma di protezione dagli attacchi, libero
al pascolo o tuttalpiù contenuto in recinzioni non adeguate a proteggere gli animali dagli attacchi. Indipendentemente dalle ulteriori misure gestionali che
potranno o meno essere autorizzate è evidente come la protezione degli animali al pascolo con adeguate misure di prevenzione sia imprescindibile in un
contesto ambientale di presenza stabile e pressoché uniforme di grandi carnivori selvatici, come è ormai l’area montana e pedemontana del Veneto.

In questo senso, le recenti iniziative della Giunta regionale in tema di prevenzione dei danni da predazione sono le seguenti:

 in relazione al bando AVEPA 2019 (DGR 562/2019 finanziato con fondi regionali) per finanziare al 100% interventi di prevenzione dei danni da grandi
carnivori, alla luce delle domande pervenute e istruite da AVEPA la Giunta regionale ha approvato in data odierna lo stanziamento integrativo di
ulteriori 62.000 Euro (in aggiunta ai 58.000 già previsti dalla DGR 562/2019), grazie ai quali potranno essere finanziate tutte le 62 domande pervenute (
lo stesso bando era stato già proposto nel 2018, con l’erogazione di complessivi 87.929,49 € per interventi di prevenzione).
 l’avvio del bando, con DGR n. 835 del 19 giugno (pubblicata sul BUR n. 73 del 5 luglio) per la presentazione delle domande alla Misura 4.4.3 del PSR,
Misura che, grazie ad una modifica del Programma fatta approvare dalla UE, mette a disposizione 500.000 € per il 2019 ( e ulteriori 500.000 per il 2020)
per finanziare, sempre al 100%, investimenti in misure di prevenzione degli attacchi da predatori (recinzioni mobili, semipermanenti e fisse, dissuasori
acustici). Il bando sarà aperto fino al 3 settembre.
 Come già gli anni scorsi, anche per il 2019 la Regione mette a disposizione degli allevatori 4 tecnici incaricati per dare consulenza e supporto per
l’individuazione, l’installazione e il collaudo delle più idonee misure di prevenzione da adottare, che lavoreranno sul territorio a partire dalle prossime
settimane
 Cinque incontri tecnici con gli allevatori, le loro associazioni e le Unioni Montane nelle aree di maggiore interesse delle province di Verona, Vicenza,
Belluno e Treviso, per presentare le opportunità di finanziamento e supporto messe in campo dalla Regione Veneto.