Sei sulla pagina 1di 3

TECNOLOGIA

L’ENERGIA SOLARE
Per energia solare si intende l'energia, termica o elettrica, prodotta sfruttando
direttamente l'energia irraggiata dal Sole (fonte rinnovabile) verso la Terra.
L'energia solare può essere utilizzata per generare elettricità (fotovoltaico) o
per generare calore (solare termico). Sono tre le tecnologie principali per
trasformare in energia sfruttabile l'energia del sole

I punti favorevoli dell’energia solare


A favore dell’utilizzo di impianti che sfruttino l’energia solare ci sono diversi
punti, primo tra tutti quello che viene utilizzata un tipo di energia, come
quella del sole, praticamente infinita. Inoltre c’è da considerare che l’impatto
ambientale è molto ridotto in quanto il processo di trasformazione di questo
tipo di energia non produce sostanze nocive. Nonostante un investimento
iniziale per l’acquisto e l’installazione di un impianto fotovoltaico non ci sono
costi aggiuntivi e, oltre a ridurre le spese della bolletta elettrica si può
rivendere la quantità di energia accumulata in più rispetto a quella del
fabbisogno della propria casa o altro.

Criticità di questo sistema energetico


Nonostante tutti gli aspetti positivi, anche il sistema che sfrutta l’energia
solare ha qualche criticità e limite. Oltre ai costi di investimento ci sono altri
problemi tecnici. Per produrre energia elettrica dal sole bisogna disporre di
pannelli fotovoltaici molto ampi per produrre una quantità sufficiente di
energia. Inoltre anche gli stessi pannelli hanno un’efficienza minore rispetto
ad altre tipologie di impianti che utilizzano altre fonti energetiche, per cui
spesso l’impianto a pannelli solari non è il più conveniente. Infine c’è un
problema piuttosto serio sulla capacità delle batterie di accumulare energia.
Le giornate di sole, infatti, non sono sempre frequenti (soprattutto in alcuni
periodi dell’anno) e le batterie non riescono ad accumulare grandi quantità di
energia in più da poter utilizzare proprio nelle giornate nuvolose.

Per risolvere però questo problema sono stati creati vari tipi di impianto che
vengono installati in base alle proprie necessità.
Il Pannello Solare Termico
Esso sfrutta i raggi solari per scaldare un liquido con speciali caratteristiche,
contenuto nel suo interno, che cede calore, tramite un’inverter,
all'acqua contenuta in un serbatoio di accumulo.

Il Pannello solare a Concentrazione

Questa centrale elettrica è una piattaforma coperta da migliaia di specchi


parabolici disposti per file parallele. Per circa otto ore al giorno essi riflettono i
raggi del sole su un lungo tubo ricevitore, dove circola un liquido che assorbe
il calore. Nell'edificio della centrale il calore viene trasferito all'acqua che
diventa vapore in pressione e aziona il gruppo turbina-alternatore.

Pannello Fotovoltaico

Quando la luce colpisce una cella fotovoltaica (lastrina di vetro blu scuro) dai
due fili estremi esce una corrente continua. Collegando molte celle in serie si
può ottenere qualunque potenza. Il modulo fotovoltaico, cioè il pannello che
contiene le celle è l'unica pratica di montaggio. Gli impianti di questo tipo sono,
di solito, integrati nelle facciate e sui tetti degli edifici.

Impianto a collettori parabolici lineari


Esso è formato da specchi parabolici (detti anche specchi a trogolo) - che
ruotano su un solo asse - che riflettono e concentrano la luce diretta del sole
su un tubo ricevitore posto nel retro dello specchio parabolico
Dentro il tubo scorre un fluido (detto fluido termovettore perché adatto ad
immagazzinare e trasportare calore), che assorbe l'energia e la trasporta ad uno
scambiatore di calore, per la produzione di vapore, e/o ad un serbatoio di
accumulo, necessario se si vuole supplire ai momenti di scarsa o nulla
insolazione (come la sera).
Il fluido è solitamente costituito da liquidi non tossici, quindi che non
danneggiano l’ambiente anche in caso di perdite.
Il Collettore Parabolico Lineare è dunque costituito da due parti:

Un campo solare in cui file di specchi concentrano l’energia del sole sui tubi
ricevitori. Questi a loro volta, convertono l’energia in calore ad alte temperature
che può essere conservato per alcune ore.

Una centrale termo-elettrica che produce elettricità in modo convenzionale.


Questo impianto viene a volte preferito invece di quello solare perché permette
di avere energia pulita anche in assenza di fonte solare grazie al liquido
termovettore, che mantiene il calore anche di notte.