Sei sulla pagina 1di 1

SIMILITUDINE Aveva la pelle come una gratuggia

Il mio amore è come una roccia


Sei come un giglio ( cioè candida , pura)

METAFORA Sei una roccia


Una foresta di ricordi ( intricati, fitti)
Sei una statua ( immobile, indecifrabile)
Una pioggia di stelle
Quella ragazza è una vipera
La mia stanza è un nido di ricordi

METONIMIA Sei una buona forchetta


Ha l’occhio per le misure
L’ho guadagnato con il sudore della fronte
Portate Manzoni ( il libro non l’autore !!)
Ho bevuto un bicchiere di vino ( in realtà bevi il vino, non
il bicchiere)
Ho mangiato un piatto di pasta/ un piatto caldo
Tutto il palazzo era in festa ( sono i condomini a festeggiare
non l’edificio)

SINEDDOCHE (il più per il meno e il meno per il Ho una potente quattroruote
più) Sei venuto con la tua dueruote?
Hai un bel figurino! ( un corpo asciutto e magro)

IPERBOLE Te l’ho detto cento volte/un milione di volte


La sua carnagione era più bianca e più fredda della
neve
L’ho visto cento volte/un milione di volte
Ti ho aspettato per un secolo

OSSIMORO L’Amaro miele delle tue parole


C’era una silenzio assordante

SINESTESIA Un caldo sorriso (tatto e vista)


Il suono morbido ( udito e tatto ) della tua voce
Profumi verdi ( olfatto e vista)
Ruvido sapore (tatto e gusto)